22MAG2013
intervista

Dall'obiezione al sabotaggio - come l'Italia sta scivolando verso l'inapplicabilità della legge sull'aborto: interviste a Patrizia Borsellino e Assunta Sarlo

INTERVISTA | di Emiliano Silvestri MILANO - 20:30. Durata: 20 min 14 sec

Player
In collaborazione con Usciamodalsilenzio Milano e Associazione Amici della Consulta Milanese per la Laicità delle Istituzioni.

"Dall'obiezione al sabotaggio - come l'Italia sta scivolando verso l'inapplicabilità della legge sull'aborto: interviste a Patrizia Borsellino e Assunta Sarlo" realizzata da Emiliano Silvestri con Patrizia Borsellino (ordinario di Filosofia del Diritto presso l'Università Milano Bicocca), Assunta Sarlo (giornalista e fondatrice del movimento Usciamo dal Silenzio).

L'intervista è stata registrata mercoledì 22 maggio 2013 alle ore 20:30.

Nel corso dell'intervista
sono stati discussi i seguenti temi: Aborto, Amministrazione, Associazioni, Bioetica, Cattolicesimo, Chiesa, Costituzione, Cristianesimo, Diritti Civili, Diritto, Donna, Embrione, Etica, Istituzioni, Italia, Laicita', Medici, Obiezione Di Coscienza, Ospedali, Politica, Radicali Italiani, Religione, Salute, Scienza, Usa, Valdesi, Vaticano.

La registrazione audio ha una durata di 20 minuti.

leggi tutto

riduci

20:30

Scheda a cura di

Fabio Arena
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Un saluto agli ascoltatori di radio radicale da Emiliano Silvestri oggi ventidue maggio a Milano dove presso il Tempio valdese si tiene una iniziativa che ha titolo dall'obiezione al sabotaggio come l'Italia
Sta scivolando verso l'inapplicabilità della legge sull'aborto la centonovantaquattro del settantotto
Ne parliamo con
Patrizia Borsellino docente ordinario di filosofia del diritto all'università Milano Bicocca allora come dal punto di vista giuridico questa situazione
Dal punto di vista giuridico abbiamo il riferimento di questa legge la legge centonovantaquattro del settantotto
Che ha rappresentato un prodotto sotto molti profili non solo meritevole ancorata attenzione ma che può essere
Assunto ad esempio di una modalità di intervento legislativo
Congruente con bis modello di uno Stato democratico laicamente orientato
Una legge che si è fatta carico di un urgente problema sociale quale quello degli aborti clandestini e che
Appuntato a raggiungere un obiettivo rilevante quello di ridurre l'incidenza dell'interruzione della gravidanza
La legge centonovantaquattro non è come si dice sinteticamente solo una legge sull'aborto
Ha una denominazione molto più inclusiva e norme sulla tutela sociale della maternità e l'interruzione della gravidanza e dunque il primo figlio ecco è il titolo si sia il titolo della la denominazione della legge e se noi andiamo a vedere i primi articoli è una legge
E che si fa carico e dei molteplici interessi coinvolti in questa materia perché indubbiamente l'ambito della procreazione rispetto anche ad altri ambiti di scelte
Rilevanti riguardo a alla malattia alla stessa fine della vita proprio questa peculiarità
Diarie Reggio in campo interessi meritevoli di attenzione ci sono due soggetti in campo e questo da qualunque punto di vista si
Prenda
Le mosse non può essere trascurato è una legge se ne è fatta carico cercando fin dove possibile di assicurare anche una tutela al concepito ma facendolo come facendo sì che i diciamo il
Si
Ci si avviasse sempre di più verso l'obiettivo della
Procreazione cosciente e responsabile e sto rapporti più grosso in più il suo cursus honorum dunque utilissima sentenza la sentenza numero ventisette del mille novecentosettantacinque che aveva dichiarato l'incostituzionalità
Dell'articolo cinquecento quarantasei del Codice penale
Nella parte in cui limitava all'esonero da responsabilità penale per la donna cadesse interrotto la gravidanza al solo caso delle pericolo e per la vita stessa della donna e quindi nei casi in cui entrava in gioco la a causa di giustificazione la scriminante dello stato di necessità previsto dal Codice Penale stesso l'articolo cinquantaquattro invece la Corte Costituzionale in quelle
Contesto abilità si era spinta molto avanti dicendo che non potevano essere messi sullo stesso piano
L'interesse non solo alla ditta ma anche alla salute della donna dice la Corte costituzionale che già persona con quella del concepito che persona non è un punto su cui molto ci sarebbe anche da dire ma che segnava un particolare avanzamento e quindi da lì
Prende l'avvio un'apertura un'apertura che sarà poi recepite che ha portato di fatto la legge centonovantaquattro
A collegare il diciamo diritto all'interruzione della gravidanza alla tutela della salute che questa è una peculiarità della via italiana all'interruzione della gravidanza
In altri Paesi ad esempio negli Stati Uniti per fare
Riferimento a un contesto culturale diverso
Il diritto all'interruzione della gravidanza viene collegato non tanto alla tutela della salute ma quanto alla tutela del diritto alla privacy siamo in un altro ordine di ragionamento nel nostro contesto tutela della salute
Sentenza fondamentale eletti aperto la strada alla poi innovazione normativa fondamentale della centonovantaquattro
Veniamo al titolo della serata
Di oggi dall'obiezione al sabotaggio quindi ci sono interessi contrastanti in gioco uno sembra prevalere sulla
Allora
Di qui a poco io
Presenterò una relazione dal titolo la legge centoventiquattro una legge con molte luci e poche ombre
Beh l'ombra cioè il punto negativo per lo meno problematico era presentato proprio dalla modalità con cui la centonovantaquattro
A riconosciuto la possibilità per gli operatori sanitari di ricorrere all'obiezione di coscienza
Quando appunto la messa in atto dell'interruzione di una gravidanza fosse
Insana vilmente confliggente con le loro convinzioni morali
Perché un punto problematico perché la legge centonovantaquattro all'articolo nove nel momento in cui riconosceva anche diciamo le ragioni della coscienza degli operatori sanitari
Dopo aver tributato una una grossa un grosso riconoscimento emesso il primo piano utile
L'avallo e la valorizzazione della volontà della donna oltre che la tutela della sua salute ecco dopo aver fatto questo si preoccupava anche di evitare il ricorso a obiezioni che potremmo chiamare di comodo a quelle opportunistiche
Da quell'estemporanee e mettendo tutta una serie di paletti ma a paletti se vogliamo un po'mobili e non sufficienti a evitare quello che poi si è di fatto
Verificato
Un ricorso ipertrofico all'obiezione di coscienza con il raggiungimento di percentuali di obiettori che diciamogli sono state
The aggiornate anche da recenti diciamo dal recente riconoscimenti raccolte di dati nella nell'ottobre del due mila dodici
Stime che vanno oltre il sessantanove per cento ma che raggiungono o superano incerte realtà regionali in certi contesti anche l'ottanta per cento ultra insomma abbiamo
Delle situazioni nelle quali
Si ridefinisce permetterei
Di fatto il pericolo il diritto delle donne a
Poter accedere entro i limiti pur ben definiti dalla legge
All'Aula prestazione che viene loro riconosciuta e il ma questo perché di fatto si è
Messo in
In atto un uso impropri o dell'obiezione di coscienza
Sono stati superati i i limiti non sono state rispettate le condizioni alle quali l'obiezione di coscienza deve necessariamente essere subordinata
Il la prima condizione è proprio quella di non
Frustrare il diciamo raggiungimento dell'obiettivo della legge stessa non svuotarla completamente i contenuti e non mettere in
Piccolo appunto il diritto ti altri soggetti che invece quello proprio che si è prospettato complessità prospettando ed ecco perché e il
Un punto un'ombra
Un punto evidentemente le previsioni le cautele e le garanzie previste dall'articolo nove della legge centonovantaquattro
Non vi erano e possiamo dire non sono sufficienti ed è il punto su cui la legge sarebbe bisognosa di unità revisione e Giunta
Radicale integrazione nella
Direzione di un
Restringimento Tikrit ieri alla hai ai quali deve essere subordinato l'esercizio dell'obiezione di coscienza stesse
C'è un documento del Comitato nazionale per la bioetica del luglio dell'anno scorso che tratta proprio di Vezza riconoscenza
E e sembra virgolette virgolette legittimare la legge centonovantaquattro
Peraltro parla anche di leggi pronte a cose ripresentata alla stampa cattolica più
Diciamo più estrema
Sì il documento è interessante
Perché insiste sulla necessità
Di riconoscere
A qualunque categoria professionale
E quindi anche i medici
Anche i ginecologi contrariamente a quanto taluni sostengono oggi il diritto all'obiezione
Questo perché l'obiezione è un nuovo strumento per la tutela della libertà di coscienza che è un
Diritto potremo dire costituzionalmente garantito
E io ritengo che questo sia uno punto di vista
A approvabile sottoscrivibile
Quest'anno
Prescritto in una legge non necessariamente non necessariamente
Ecco però l'idea che il Comitato nazionale per la bioetica si fa carico anche del problema delle
Distorsioni a cui conduce uso
Ipertrofico come dicevo prima dell'obiezione e
Suggerisce tenta di suggerire qualche misura
Ma la misura che suggerisce e quella ad esempio della previsione di
Prestazioni alternative il magari di andare anche nella direzione
Di assunzioni in
Da parte dell'ente leader delle pubbliche strutture
Di personale obiettore non obiettore commi riserva tecnico non prevedendo però nessuna grafico
Per
In onda il piede per gli obiettori pardon ponendo in un certo senso sulla stessa sullo stesso piano la posizione dell'obiettore perché il non obiettore
E mi questa una misura assolutamente insufficiente perché quand'anche lì strutture pubbliche
Il che dal punto di vista costituzionale presenta problemi ma assumesse Rocco prevedessero l'assunzione di un certo numero di non obiettori nulla vieterebbe a coloro che sono stati assunti come non obiettori di esercitare in trolley regole nei paletti successivamente dunque sarebbe una misura inefficaci
E
E e allora non è non è quella la strada da percorrere genere il suggerimento ma bisogna avere il coraggio senza orientarsi in direzioni
Indebitamente punitive ma bisogna avere il coraggio de di per far sì che
Le ragioni della coscienza
Abbiano un costo
Poco possano essere esercitati ma assumendo se ne
Un costo d'altra parte non dimentichiamoci il precedente in materia di obiezione di coscienza
Della servizio civile previsto in relazione al servizio militare ovviamente quando la il servizio militare
Il grande guru obbligatorio
Il servizio civile era previsto per gli obiettori di coscienza
Ma era prevista una durata superiore al servizio militare così senza andare nella direzione chi trattava ingloriosa certamente che era obbligatorio mentre invece ecco qui ci troviamo ecco dunque questo a maggior ragione porterebbe
Insomma si potrebbero ad esempio de prevedere delle prestazioni
Propongono a carico di coloro che e si dichiarano obiettori per un certo numero di ore relative a prestazioni non confliggenti con le loro convinzioni
E questo sarebbe già un un un
Un punto di partenza
Pirla stanare gli obiettori di comodo
Perché si dovrebbero molto limitati nell'esercizio dell'attività in condizione sostanzialmente di privilegio perché in questo poi si traduce molto spesso il l'esercizio della tua flessioni ginecologica nella posizione di obiettori
è solo un suggerimento altre strade potrebbero essere poi pensate
Ora qui siamo a Radio Radicale
La Corte costituzionale quella sentenza la mise in campo in un momento in cui
C'era la disobbedienza civile sia delle facce di Emma Bonino il Cisa migliaia di aborti clandestini fatti in favore delle donne che altrimenti sarebbero morte sotto i ferri delle mamma mia
E poi una raccolta di firme sempre radicale e un referendum che fu evitato con l'accordo trarla democrazie cristiane che provvide a far uscire alcuni deputati al momento del voto e il Partito comunista che fece una legge
Che era una legge che
Tendeva a limitare la richiesta di autodeterminazione della donna tre in questo appare essere
E se questo fosse
Una legge statalista una legge che crea un apporto di Stato e che
Se si fosse superata o forse non saremmo qui cioè se avessimo la possibilità avessimo avuto la possibilità
Di cliniche private
Allora questa la legge limita il l'interruzione della gravidanza nelle strutture pubbliche
Beh questo può essere un problema
Il fatto di poter la praticare
Egli nelle strutture private ovviamente con tutte le garanzie a nei limiti potrebbe rappresentare forse o un'altra risposta un'apertura in questo senso legge statalista probabilmente
Sia vivano in quella fase storica che non ricco non dimentichiamocelo è stato una fase storica gli anni Settanta
Molto molto problematica ricca di tensioni sul piano sociale e politico sappiamo
Manifestazioni più drammatica rappresentati dal terrorismo tutto però anche una fase
Di
Grande fermento riformatore sotto il profilo normativo
L'ultimo scorso degli anni settanta sono stati eccezionali
Non dimentichiamoci che del settantacinque la riforma del diritto di famiglia settantaquattro
Sul vivo ovviamente settantaquattro diverso ma l'elenco sarebbe lunghissimo ma settantotto e un anno d'Oro soprattutto per chi si occupa di problemi in senso lato attinenti alla salute
Abbiamo la legge centonovantaquattro ma abbiamo la legge centottanta
Ma sulla ovviamente sui la la la la la cosiddetta legge Basaglia Novica e e abbiamo l'otto tra tre istituzioni istitutiva del sistema
Sanitaria nazionale dunque eravamo in un momento propulsivo e dietro c'erano ovviamente tutti quei
Quei movimenti ecco però dico forse la soluzione adottata
Viva considerata maggiormente garantista più di di di garanzia in quella fase o uno è sta è stata un'apertura importante ovviamente alla luce dell'esperienza e dei trentacinque anni trascorsi
Ci si possono porre tante domande e andare alla ricerca di risposte che io vedrei però nella linea della integrazione del miglioramento
Non certo del ripensamento complessivo di quella che nella mia valutazione rimane complessivamente una legge da approvare nei suoi intenti e in alcuni suoi punti fermi grazie grazie più Borsellino
Con Patrizia Borsellino abbiamo fatto il quadro giuridico della situazione relativo alla legge centonovantaquattro con assunta Sarno di usciamo dal silenzio parliamo di cosa succede davvero negli ospedali italiani come la situazione
Stazione grave è il motivo di di questa gravità sta nell'elevato ricorso all'obiezione di coscienza come sappiamo ha disciplinato all'articolo nove della legge centonovantaquattro ma che in Italia conosce un vero boom
Naturalmente in parte dovuto a una come dire a delle scelte di coscienza
In parte però dovuto anche a delle scelte come dire di opportunità di carriera dentro l'organizzazione sette negli ospedali e di fatto i dati del Ministero che parlano dell'obiezione di coscienza
Che si situano intorno al settantacinque per cento sono dati ufficiali
Che nell'ambito dell'ottava non maggiorati due inchieste indipendenti sostanzialmente una della laica che la libera associazione ginecologi non obiettori
è una che è stata presentata al convegno diciamo da silenziosa la ricercatrice sarà Martelli hanno fotografato la situazione di azioni Lombardia in estrema sintesi la situazione in concreto nel concreto
Negli ospedali parla di un dato gli obiettivi di obiezione di coscienza ma maggiorare almeno del dieci per cento per cui siamo spesso in toilette edizione di coscienza che si situa tra l'ottanta il novanta per cento
C'è un altro dato questa è una meta interessante rilevato da sarà Martelli nella sua indagine su cinque province lombarde che l'età dei ginecologi
Non obiettore
è un'età elevata la maggior parte dei loro si situano netta oltre cinquant'anni
E di conseguenza sono vicini è una professione
Questo significa come abbiamo detto nel nostro manifesto di proposte per la concreta applicazione della centonovantaquattro
Che si trova in rete può essere lettore firmato succede in Cina
Punto org
Che il futuro di questa legge concretamente a rischio
Che quello che è un difficoltoso presente è un incerti stimo futuro per una legge che funziona che ha sconfitto l'aborto clandestino in Italia
E che funzione proprio dal punto di vista del tasso di abortività ovvero sempre meno donne
In Italia ricorrono all'interruzione di gravidanza perché nel percorso della centonovantaquattro
è previsto anche un ruolo sulla contraccezione consultori che evita il ricorso nuovamente l'aborto che annuncia la porto
è una legge da difendere e queste anche il senso dell'incontro di questa sera
Pensare che questa è una legge che
Va bene e funziona e fa bene alle donne alla dolosa
Tutte nell'anonimato terminazione
Anche perché
Quando non funziona e che ci rimette sono i soggetti più deboli pare che riemerga l'aborto clandestino tra le immigrate assoluta nel
Assolutamente riemerge l'aborto clandestino tra le immigrate molto spesso con pillole farmaci
Eccetera ieri a Napoli piglia laica parlava mi di raccontava di tre casi di donne la morte
Peggio esterna di farmaci per inesperienza indurre l'aborto
Ci sono gravissimi danni
Caro alla salute nell'organizzazione mondiale della sanità non un'associazione di donne
Testimonia che nel due mila nove otto nel mondo per aborto insicuro
Ovvero clandestino sono morte a quarantasette mila donne che otto milioni e mezzo hanno avuto conseguenze gravi sono stati
Per cui il proibire o rende difficoltoso all'aborto
Significa
Mettere a rischio la salute della donna
Come difenderlo queste leggi
Con un'alleanza virtuosa tra movimento i movimenti delle donne
Movimenti la società civile movimenti per i diritti
E con un'alleanza virtuosa con i pezzi della politica che hanno ancora con linguaggio dei diritti in questo Paese
Sono pochi ma ci sono
Grazie grazie assunto saranno diciamolo il silenzio
E con questa intervista sentite nel frattempo sono iniziati i lavori questa serata sito con i servizi che abbiamo realizzato a Mila hanno in occasione di questa manifestazione dal titolo dall'obiezione al sabotaggio
Come l'Italia sta scivolando verso l'inapplicabilità della legge sull'aborto
Manifestazione organizzata dalla Consulta per la la Consulta milanese per la laicità delle istituzioni e appunto da usciamo dal silenzio
Un saluto agli ascoltatori di radio radicale da Emiliano Silvestri da Milano