28MAG2013

Il Comitato Promotore dei Referendum presieduto da Marco Pannella deposita in Cassazione i quesiti per la "giustizia giusta"

DICHIARAZIONI | Roma - 10:00. Durata: 11 min 40 sec

Player
A venticinque anni dalla morte e trenta dall'arresto di Enzo Tortora, una delegazione del "Comitato promotore dei referendum" presieduto da Marco Pannella con il coinvolgimento formale anche della “Lista Pannella”, depositerà presso la Corte di Cassazione i seguenti cinque quesiti referendari "per la giustizia giusta": Responsabilità civile dei magistrati, Separazione delle carriere, Custodia cautelare, Incarichi extragiudiziali Progressione delle carriere.

Registrazione video di "Il Comitato Promotore dei Referendum presieduto da Marco Pannella deposita in Cassazione i quesiti per la
"giustizia giusta"", registrato a Roma martedì 28 maggio 2013 alle 10:00.

L'evento è stato organizzato da Radicali Italiani.

Sono intervenuti: Marco Pannella (presidente del Senato del Partito Radicale Nonviolento, Transnazionale e Transpartito, Prt), Rita Bernardini (membro del Comitato Nazionale, Radicali Italiani), Alfonso Papa (magistrato).

Sono stati discussi i seguenti argomenti: Carcere, Cassazione, Custodia Cautelare, Diritti Civili, Diritti Umani, Ergastolo, Giustizia, Magistratura, Politica, Radicali Italiani, Referendum, Responsabilita' Civile, Riforme, Separazione Delle Carriere, Tortora.

La registrazione video ha una durata di 11 minuti.

Questo contenuto è disponibile anche nella sola versione audio.

leggi tutto

riduci

10:00

Organizzatori

Radicali Italiani

Scheda a cura di

Guido Mesiti
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Allora
Qui ancora
Qui ancora no
Per morire
Per fare un illustre del territorio un vero
Novanta
Governanti utilizzazione dei principi vitali del nostro tempo e quindi sui conti
Intorno ancora verso il sociale e di affrontare
Un bene aveva non sussunta
L'età media
Altri potrebbero dire siamo qui a Roma dei comandamenti se proprio dovessimo diventerà sempre più ragionevole ancora beatitudine
Quindi continuiamo a essere quello tale nel senso che credo
Che anche il luogo in cui ogni giorno
Fermo
Considera
Soluzioni c'è un Paese
Credo che
SD quando crea subito come avviene invece il finanziamento sotto interloquire tenute politico direi oggi
Perfetto sette tutti gli avversari politici la BMW colleghi originerebbe
Sono in concorrenza fra di loro e per i diritti fra oggi
Finte mi fermo e Bertelli affermando che non fa altro che all'interno dal trenta al quaranta
Voi pensate di ottenere il consenso politico di alcuni partiti immagino per l'appoggio di che siete del
Non c'è volendo fortemente problema eccetera Sepe professore per le aree
Emerge il problema
Notevole ed è un criterio aperti e dall'altro
Saremo tranquilli
I sondaggi dicono per esempio dolorosa dovremo tormento
Che l'Italia
Su due interventi cioè sul livello di realizzazione
Della per natura cioè il conto lembo ancora intervenire quelle clandestini difetto dovevano dare anche coralità all'interno degli altri
Il vero problema soprattutto il proprio dal territorio prudenti
Cinque bis del CSM aberrazione lo stesso per quel che riguarda
Il rispetto del diritto ritenevo tuttora basta dire questo lo vincerlo Lamberti popolazioni locali oggi sta cercando
Di candidarsi
Non vedo al Perrino né il Governo dovrebbe leggere prima
Credo no ma deve vedere dovrebbe ardito Gliozzi sarebbe avvenuto adeguamento osservazioni CNR ben per un territorio
Queste giustizia ingiusta anche con Silvio Berlusconi
Però
Consiglio in lì giustizia ingiusta anche il Consiglio ma io avevo condiviso il riepilogo si abbia fatto un mucchio di Grazia e deve fare sempre così tutto quanto avrebbe richiesto pensare anche
Giustizia
Leo perseguita batte verso gli azionisti e seguendo la giustizia è quella che abbiamo cercato di aiutare nel nostro Paese e del dirigente
Si doveva fare i conti con alcuno dei problemi di formazione interna anche l'interazione dirigente
Chiaro che ci troviamo dinanzi allo scontro l'infrazione aveva perso l'uno dall'altro significherebbe utilmente dallo Stato una netta otto adesso fondato grazie
Chi Silvio sì
No ma qui Losappio scempio dell'otto luglio c'erano riusciti ovvero la NATO al Tortora
Più di un andare al
Non sono riuscito di ricordarla Silvio Berlusconi perché
Il perché
Barbara interesse
Sia il convinto
Problema interrogata come dovrà essere simbolico e volevo Satollo pubblici dove hanno espresso la sua abitazione di via dell'anima
Nell'area tra sei
Da quel momento le scelte che lui aveva fatto la loro scelte ufficialmente del referendum radicali alludo al novantatré novantaquattro novantacinque novanta uccelli
Al quel ponte invece lavoratori filo rosso
E se questa politica
Da
Essendo medico non è il cui lavoro di grande questa fra la vergogna sulle proprie Filippo alla grande allora meglio sarebbe dire che io e da quel momento io faccio le chiedo se il figlio di operare dell'anno e mezzo e più di loro ancora
Ed allora entrato
Steward pertanto nel quale appunto non sono riuscito a tirarlo fuori Graziana prego
Dopo venticinque anni dalla morte di Enzo Tortora e trenta dal suo arresto e dal suo processo incredibile
Oggi siamo qui in un comitato promotore abbiamo appena depositato in Corte di Cassazione sei quesiti referendari due riguardano la responsabilità civile dei magistrati
Un altro riguarda alla separazione delle carriere uno riguarda lì fuori luogo cioè e i magistrati fuori ruolo che vengono assegnati
In vari posti fra i quali i ministeri e in particolare il Ministero della giustizia è un altro riguarda l'ergastolo l'abolizione dell'ergastolo perché vuol dire fine pena mai una pena che ormai non viene più applicata in nessun
Paese europeo e poi il referendum del sulla custodia cautelare
Anche questo significativo proprio ieri siamo stati condannati dalla Corte europea dei diritti dell'uomo per trattamenti inumani e degradanti
Nelle nostre carceri condannati nel senso che già c'avevano condannato l'otto gennaio e adesso
Non è stato respinto il potrei chiamarlo vergognoso ricorso contro quella sentenza della Corte fatto dal Governo Monti che ha semplicemente
Rapinato cinque mesi che si aggiungono così all'anno che la Corte Oro pena ci ha dato per rimuovere le cause strutturali che generano i trattamenti inumani e degradanti nelle nostre carceri
E pensiamo che nelle nostre galere
E ci sono almeno il quaranta per cento dei detenuti che sono inattesa di giudizio con tutti i rendiconti che vengono fatti di avviare e che ci dicono che la metà di loro è riconosciuta innocente
All'esito del processo quindi
Diciamo una riforma della giustizia ora ci auguriamo che questo Comitato promotore si allarghi sempre di più perché crediamo che l'Italia non possa più attendere una
Riforma della giustizia che per quanto ci riguarda e non siamo soli da questo punto di vista
Deve essere deve marciare Pavanello parallelamente anzi
Il provvedimento di cui sto per parlare deve essere fatto subito e quello dell'amnistia e dell'indulto per cominciare a vedere
Uno Stato quello italiano che finalmente rientri nella legalità costituzionale
Perché e i processi non abbiano una durata irragionevole e perché nelle nostre carceri non ci siano trattamenti inumani e degradanti
Ma queste proposte sono una risposta concreta
Alla tanto parlare che si sta facendo anche in questi giorni la necessità di riformare la giustizia e noi riteniamo che
Sia necessario cominciare a dare delle risposte alla volontà popolare
Materiale sembri responsabilità civile questa volontà è stata tradita dare un'intera classe politica per decine e decine d'anni sul tema delle riforme noi crediamo che il percorso referendario sia il vero mondo
Per avvicinare la gente a temi che fanno parte della carne viva
Della struttura di questo Paese lanciamo una grande
Campagna referendaria una campagna che vuole far sì che i cittadini italiani attraverso lo strumento del referendum impongano finalmente a tutta la classe politica di porre fine
A strategie di convenienza
Passare dalle parole I fatti e avviare in questo modo quel percorso di riforme che come si vede al di là degli slogan nessuno oggi nel Parlamento italiano alla volontà o alla capacità di avviare