27MAG2013
intervista

Carceri: la Corte europea dei diritti dell'uomo rigetta il ricorso dell'Italia. Intervista a Giuseppe Rossodivita

INTERVISTA | di Lorena D'Urso RADIO - 17:50. Durata: 13 min 26 sec

Player
"Carceri: la Corte europea dei diritti dell'uomo rigetta il ricorso dell'Italia. Intervista a Giuseppe Rossodivita" realizzata da Lorena D'Urso con Giuseppe Rossodivita (avvocato, responsabile Comitato Radicale per la Giustizia “Piero Calamandrei”).

L'intervista è stata registrata lunedì 27 maggio 2013 alle ore 17:50.

Nel corso dell'intervista sono stati trattati i seguenti temi: Amnistia, Carcere, Corte Europea Dei Diritti Dell'uomo, Diritti Umani, Diritto, Giustizia, Governo, Magistratura, Penale, Politica, Procedura, Radicali Italiani, Torreggiani.

La registrazione audio ha una durata
di 13 minuti.

leggi tutto

riduci

17:50

Scheda a cura di

Valentina Pietrosanti
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

La Corte europea dei diritti dell'uomo rigetta il ricorso dell'Italia e conferma che dovrà entro un anno trovare una soluzione alla sovraffollamento carcerario non perché risarcire i detenuti che ne sono stati i diritti la Corte europea la la CEDU a ha rigettato la richiesta della Governo italiano per il riesame davanti alla Gran Chambre o del ricorso Torregiani contro
Il sovraffollamento carcerario ne vogliamo parlare con la v Cato Giuseppe Rossodivita che abbiamo in linea una sera Giuseppe buono credo proprio dunque innanzitutto ricordiamo che tu assieme ad altri colleghi i penalisti siete gli autori di questi ricorsi come a vita Comitato radicale per la giustizia Piero Calamandrei rappresentati alcuni detenuti che hanno fatto ricorso a a Strasburgo insomma a questa questa dei gli oneri della corte europea era abbastanza prevedibile il ricorso era solo dilatorio lo ad diamo detto anche nelle ultime volte di cui ogni anno in cui abbiamo parlato di questo ricorso del Governo italiano che va ricordato era però il Governo Monti insomma ti lascio la parola per un commento
Ma in realtà non c'è troppo da commentare se non non prendere atto dello del fatto che la Grande Chambre o come
Avevamo appunto ampiamente previsto a
Dichiarato inammissibile il ricorso proposto dallo Stato italiano come dicevi tu sotto la dal precedente Governo Monti fino ad un ricorso sono un po'di cui francamente non so niente aveva la necessità
Affrontare sia di una situazione di fatto assolutamente chiara che era stata letta in modo altrettanto chiaro in termini giuridici
Dalla famosa sentenza pilota appunto che come ricordarli è una sentenza che ha visto protagonista il Comitato radicale per la giustizia Piero con la madre il perché
è una sentenza che venuta fuori proprio dalla
Da ricorsi proposti dai detenuti che erano rivolti al Comitato radicale
E soci chattare noi speriamo solamente che dura
Innanzi per i trecentosessantacinque giorni a seguire
Questa vicenda entri prepotentemente
Con quella prepotente urgenza
Di cui parlava il Presidente Napolitano oramai quasi due anni fa ma che nei fatti non è stata mai trattata
Dalla politica come prepotente urgenza beh adesso abbiamo anche
La Corte europea dei diritti dell'uomo che definitivamente
C.p.c. è che nelle nostre carceri c'è un problema strutturale
Di a tutela dei diritti umani
Cioè noi vogliamo uno Stato in cui appare quasi incredibile come dire no per
I cittadini liberi e che non se ne rendono conto noi siamo uno Stato che sottopone i propri detenuti
Perché sono detenuti in espiazione di pena
Per i quali la nostra stessa Costituzione prevede innanzitutto la funzione rieducativa della pena testa ma sono anche i detenuti in custodia cautelare quindi per i quali la nostra Costituzione prevede la presunzione di innocenza antiquari le statistiche del Ministero della giustizia ci dicono che circa nella metà dei carrelli verranno poi
Aggiudicatari come innocenti ecco tutte queste persone innocenti
Colpevoli che debbono pagare il debito nei confronti della società ma rispetto ai quali la nostra Costituzione quindi la nostra società
Vorrebbe anche
Implementare un percorso di risocializzazione di educazione tutti questi sono strutturalmente
Mi si lasci passare il termine torturati nelle nostre carceri perché le condizioni vivere in condizioni inumani e degradanti equivale a dire tortura
Ecco adesso ci sono trecentosessantacinque giorni per porre rimedio a questa situazione come
E ancora una volta Mirela minimi ad un dicevo a questo punto è chiaro che la di la sentenza diventa immediatamente esecutiva e definitiva diciamo non assolutamente recidiva
Lo Stato italiano mi si lasci ancora utilizzare un termine che io non amo affatto
Come un qualche ironia decadere Bugli attentato di guadagnare nostro tempo tutto sommato ha guadagnato
Cinque minuti sulle spalle e sulla vita delle persone me adesso ci facciano il piacere di estrema questo dossier tra le mani
E ci facciano il piacere di evitare ulteriori ca chiacchiere sul piano carceri
Perché questo Piano carceri un piano straordinario addirittura del Governo Berlusconi quindi parliamo di due governi fa
Importa del quale ci sarebbe dovuto risolvere
La dicendo a dei diritti umani dei delle persone ristrette in Italia
Pubblicamente come era ampiamente prevedibile anche questo non solo non è quella la soluzione a nostro avviso
Ma che risolta riusciva risolvendo sempre di più in un Mullah di fatto
Noi proponiamo l'amnistia certo più che mai né noi proponiamo di una corsa decisione adesso l'atto adesso c'è anche l'iniziativa importante
Importantissimo a nostro avviso dei referendum sulla giustizia giusta si che andremo a depositare insieme a Marco Pannella tanti altrimenti ogni martedì mattina in Corte di Cassazione
E io direi che è inutile
Che questo Governo in questo Parlamento continuino a appare delle leggi che non servono a nessuno per un semplicissimo fatto perché quando si fanno le leggi
Bisogna poi rimetterci come dire alla allo spontaneismo rispetto
Alla all'applicazione della legge atteso che la nostra giustizia non è più in grado di funzionare
Di fatto diciamo così si fanno leggi che appunto nei momenti critici
Non possono portare a a quei risultati cui la legge prende un esempio nel proprio la nostra Costituzione
L'ordinamento penitenziario i regolamenti di attuazione dell'ordinamento penitenziario sono tutte disposizioni che nella varia gerarchia tra di loro sono tutte disposizioni bellissime
Con le quali si dice appunto
Individuano anche i percorsi di educazione e di risocializzazione
Nelle nostre leggi e conflitto anche in dettaglio come dovrebbero essere trattati i detenuti sono carta straccia dello Stato non è in grado di farle rispettare
Non è in grado innanzitutto lo Stato spesso di rispettarle sì e allora portare il problema della giustizia ed il problema delle carceri
Il problema dell'efficienza dell'efficacia del sistema giustizia veramente
Il primo problema italiano
Anche lo dico perché tutti oggi parlano dei problemi economici è vero è verissimo ma ne possiamo fare tante belle leggi
Anche sul pagamento dei debiti da parte della pubblica amministrazione alle intese ma poi quando questi soldi non arrivano
L'imprenditore che cosa deve fare
Certo se ne sono eventualmente rivolgersi ai tribunali per fare cosa rispettare una triplice anzi vediamo che le leggi
Che vengono scritte sovente sono destinate ad essere carta straccia proprio perché
Lo dicevo nel momento in cui lo Stato non riesce a garantire il servizio giustizia
E l'altra grande violazione dei diritti umani comunque la carta in centinaia e centinaia di sentenze della Corte doveri se un uomo proprio
Il diritto alla Regione e voler alla ragionevole durata sei docenti sulla lentezza una giustizia ritardata è una giustizia legale
Allora
Faccia il piacere questo Governo di aprire questo dossier sulla giustizia sulle carceri risolvere
Con una provvedimenti idonei congrui rispetto alla straordinarietà
Di questo momento quindi corrisposte straordinarie per far rientrare nella legalità
Appunto innanzitutto lo Stato in una in cui viviamo
C'è una novità
Romanengo cioè Pizzi diciamo che entro la fine di maggio del due mila quattordici il nostro Paese dovrà necessariamente tornare nella legalità e interna e internazionale e diciamo pure che per riuscirci posso che nelle carceri italiane ci sono più di sessantasei mila detenuti per trentasette mila posti regolamentari perché otto mila sono infatti inutilizzabili perché i reparti chiusi bisognerà comunque liberare almeno trentamila reclusi
Sì diciamo ma le soluzioni ci sono per dire in alcuni casi ci sono anche
Nei quesiti nei nostri quesiti referendari è molto semplice
Basti pensare a quello sulla custodia cautelare in carcere lo dicevamo prima quasi la metà dei detenuti sono in custodia cautelare uno strumento assolutissimamente abusato
Noi abbiamo il Primo Presidente la Corte di Cassazione che nei convegni
Vanno tutti quanti dicendo che bisogna darci una regolata anche
I tribunali di sorveglianza rispetto all'applicazione delle misure alternative poi andiamo nelle aule di giustizia ogni giorno nei tribunali ogni giorno e vediamo che i giudici fanno esattamente il contrario di quello che poi viene detto nei convegni
Tanto i giudici
Che sono competenti per l'applicazione delle misure cautelari per lo più in città che non fanno altro che dar seguito alle continui ad essere brutture in questo senso
Indipendentemente dalle circolari basti pensare alla Procura di Milano no allora sì dalla dottor Bruti Liberati c'è una una una circolare
Per dire ai suoi sostituti limitato il ricorso alla custodia cautelare ovviamente quella circolare ha avuto la sua bella
Come dire quarto d'ora di notorietà con giornali e telegiornali e lì è finita perché poi si procede esattamente nello stesso modo anzi mandiamo avanti i tribunali di sorveglianza
Guarda voglio dire
Vengo ad un'udienza del tribunale di sorveglianza dove
Normale un affidamento in prova al servizio sociale che c'era tutto
E poi fortunatamente il tribunale voglio dire lo ha concesso ma in proprio come dire da da da da da rabbrividire rispetto per esempio l'atteggiamento del procuratore
Che era in udienza al tribunale di sorveglianza stancamente un giornale
Sopra la scrivania rigetto dell'istanza del detenuto senza neanche un minimo approfondimento
Purtroppo questo il modo stanco in cui va avanti la nostra simbolica è ora di cambiare
Per questo ci sono i referendum ma e ora dell'amnistia dell'indulto per questo c'è la proposta radicale le carceri non sono
Piede dirigente pericolosa che che uscire tornerebbe senz'altro delinquere
Le carceri sono piene del disagio sociale che c'è oggi economico e sociale che c'è oggi in Italia
Notizia di di stretta attualità un padre di famiglia che adesso deve scontare sei mesi in carcere Regina Coeli per aver rubato
Nell'arco di poco tempo delle fette di rosso al supermercato darle da mangiare ai propri figli ora ma c'è troppo che non può più