27MAG2013
intervista

Intervista ad Ermete Realacci sul caso dell'ILVA di Taranto

INTERVISTA | di Alessio Falconio ROMA - 00:00. Durata: 3 min 24 sec

Player
"Intervista ad Ermete Realacci sul caso dell'ILVA di Taranto" realizzata da Alessio Falconio con Ermete Realacci (deputato, Partito Democratico).

L'intervista è stata registrata lunedì 27 maggio 2013 alle ore 00:00.

Nel corso dell'intervista sono stati trattati i seguenti temi: Ambiente, Ilva, Industria, Inquinamento, Lavoro, Occupazione, Produzione, Taranto.

La registrazione audio ha una durata di 3 minuti.
00:00

Scheda a cura di

Alessio Grazioli Iva Radicev
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Ermete Realacci il segretario del PD Epifani dice stabilimento Ilva non si può fermare le cifre
Citate sul rischio posto di lavoro a farlo effettivamente impressione perché andiamo a ventiquattro e quaranta mila lavoratori indotto compreso
E però ci deve essere sicuramente anche un problema di di inquinamento e di mancato risanamento come se ne esce
Non si può fermare non sono autografi e cifre dell'occupazione indiretta
E dell'indotto ma è un pezzo del delle produzioni italiane l'Italia è forte in tanta parte
Della meccatronica delle delle aziende che hanno come dire un retroterra anche gli acciai che vengono prodotti dal sistema piacere italiane di cui l'Ilva notoriamente la più importante
Come se ne esce se ne esce a mio avviso a questo punto probabilmente attraverso il commissariamento
Nel senso che
Non solo questi ultimi azione della magistratura ma anche i ritardi che c'erano nell'applicare nell'applicazione delle prescrizioni Dellai ha
Quando è venuto qui alla Camera
Ministro Orlando ha assicurato che
Rapidamente renderà noto
Il lavoro che sta facendo l'Ispra per verificare se le
Indicazione condurre l'AIA avvengono rispettato dell'azienda ma è evidente che
Questo rispetto in molti casi non c'è penso ad esempio
Alla movimentazione del carbone penzola
Tante altre partite che sono aperti e mi sembra che oggi come oggi
L'unica possibilità immagino che sia quella di avere a verificata oggi dal Governo sia quella di un'azione di commissariamento dell'azienda non mi pare che ci sia lo spazio per la nazionalizzazione francamente
Per due ordini di problemi uno per nazionalizzare bisogna anche
Disporre diciamo ai rilievi di risorse sappiamo qual è la situazione attuale due
Mi serve un'azione rispetta un impianto chi questa rilevanza che difficilmente l'Europa farebbe passare così tranquillamente
Penso invece che è dato valore nazionale dell'impianto di noi tutti gli estremi per procedere a una gestione commissariale vorrei giunge anche una cosa
Sul fronte se vogliamo più politico l'andamento del referendum a Taranto
Con una partecipazione bassissima ricordo versata non solo mi pare circa il venti per cento in città ma soprattutto nel quartiere nel rione più esposto il quartiere Tamburi
è stato del dieci per cento io penso non vada interpretata ovviamente come
Una disinteresse per la vicenda o una
Volontà di difendere l'operato dell'Ilva
Ma come un richiamo forte alla politica l'istituzione di garantire una soluzione in cui il risanamento ambientale quindi la diminuzione anche dei rischi sanitari per la popolazione vadano di pari passo
Con la prosecuzione dell'attività dell'impianto un'altra strada mi sembra un film dell'orrore
Grazie per me dire lasci Presidente la Commissione ambiente di Montecitorio deputato del Partito Democratico