28MAG2013
dibattiti

Sistema unificato di identità digitale

CONVEGNO | Roma - 15:10. Durata: 2 ore 28 min

Player
Nell'ambito del Forum PA 2013 (XXIV edizione) dal titolo: "Il Paese alla sfida della trasparenza" (28 - 30 maggio 2013).

Tema: "PA digitale: do more with less".

Convegno "Sistema unificato di identità digitale", registrato a Roma martedì 28 maggio 2013 alle 15:10.

L'evento è stato organizzato da Forum PA.

Sono intervenuti: Paolo Donzelli (direttore generale Ufficio Studi e progetti per l'innovazione digitale del CDM), Cristiano Cannarsa (amministratore delegato e Presidente della Sogei SpA), Vincenzo Fortunato (responsabile Progetti Speciali e Business Development Istituto poligrafico Zecca
dello Stato S.p.A.), Antonella Galdi (responsabile dell'Area Ambiente, Sviluppo, Innovazione dell'ANCI), Graziano Garrisi (membro del Consiglio Direttivo ANORC e vice coordinatore ABIRT), Lucia Pasetti (vice presidente del CISIS), Enzo Chilelli (direttore generale Federsanità dell'ANCI).

Sono stati discussi i seguenti argomenti: Amministrazione, Banda Larga, Comuni, Decreti, Digitale, Europa, Identita', Impresa, Informatica, Infrastrutture, Internet, Istruzione, Italia, Lavoro, Pubblico Impiego, Regioni, Ricerca, Servizi Pubblici, Sogei, Stato, Sviluppo, Tecnologia, Telematica, Territorio, Universita', Welfare.

La registrazione video di questo convegno ha una durata di 2 ore e 28 minuti.

Questo contenuto è disponibile anche nella sola versione audio.

leggi tutto

riduci

15:10

Organizzatori

Forum PA

Scheda a cura di

Enrica Izzo
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

E che anche l'ultima slide però penso che ci siamo temperatura un po'alte questa stanza chiedo se è possibile magari o aprire finestre o accende un po'di aria condizionata di vi ringrazio
La grazie ancora chi se scrittore partecipanti grazie ai relatori il tema è un tema di lei complicato un tema dell'identità digitale il tema dell'identità digitale modello federato d'identità
Io vorrei veramente limitarmi a poche parole poi gli passaparola relatori questo sia un pochino l'ordine come ci organizziamo
Sperando anche di lasciare un po'di tempo la fine per un po'di domande forse potrebbe essere l'occasione perché vuole di chiedere qualcosa e provare ad approfondire qualche tema o qualche aspetto del problema è un problema di ciò che è abbastanza complicato però siamo in una fase interessante se è una fase in cui
Stiamo cercando di
Passare alla la realizzazione all'attuazione per questo ringrazio il dottor Cannarsa di SOGEI che sarà il primo dei nostri relatori che ci racconterà
Diciamo quello che SOGEI sta facendo perché come dicevo il tema è un tema
Che vede impegnata la pubblica istruzione tutti i livelli a pubbliche vessazione centrale e poi le società che operano in trenta interno del contesto pubblico
Ringrazio il dottor Fortunato della Poligrafico che ci racconterà forse in dettaglio penso immagino in dettaglio le caratteristiche per la nuova carta d'identità
Ringrazio la dottoressa Galdi di ANCI
Responsabile dell'aria ambiente sviluppo innovazione che porterà un a testimonianza fondamentale anche la testimonianza dei Comuni
L'entità digitale si parlerà anche di anagrafe quindi immaginiamo possiamo solo immaginare la complessità del problema e qual è il ruolo dei Comuni abbiamo coi
Provato in questo convegno invitare anche il punto di vista di quelli che saranno gli utilizzatori di questi sistemi
Quindi ringrazio la dottoressa Pasetti vicepresidente del Cisi secca rappresentati da Regioni
E dottor chi Lelli direttore generale di Federsanità che ci parlerà del problema dipinti tangibile digitale di aspetti dice sentita dal punto di vista del mondo sanitario
Ringrazio anche il dottor Garrisi diano orche il quale ci darà
La sua visione diciamo del del tema ma soprattutto ci aiuterà a capire la complessità
Di che cosa vuol dire
Identità digitale in un contesto organizzativo in un contesto giuridico
Ora il tema il tema identità digitale come si posiziona all'interno del
Decreto crescita due punto zero
è un tema chiare no chi ha visto il decreto del centosettantanove del due mila dodici che poiché credo che in parte insieme decreti spending review e semplifica Italia
O la legge di stabilità dato azione all'agenda digitale nel contesto italiano quindi genericità dove nel contesto italiano che ha letto quelle credito si è accorto che è una macchina corposa una macchina complessa però se anche accorto che il tema identità digitale
Presidente l'articolo primo
E proprio all'inizio del decreto ecco diciamo che se ne proviamo a prendere il decreto crea spacchettare nelle sue varie componenti
Possiamo provare a immaginare in questo modo andiamo dalla componente di rete a banda larga ultralarga alla componente i servizi di e-government che la parte la seconda parte diciamo partendo dal
Dall'atto di
Dall'altro di sinistra e se vogliamo sull'asse delle X e cioè l'innovazione reale e percepita sa che cosa intendiamo come
Innovazione come cittadini come utenti né che vediamo questi servizi da fuori quante innovativo ma sicuramente la Rete come dire di per sé innovativa per alla rete porta connettività né vogliamo cognitiva sempre sempre maggiore sempre più disponibile sempre più affidabile però tutto sommato nota che c'è la connettività puntiamo al servizio voce la parte di coca da parte di innovazione latte la macchina
La pubblica amministrazione ecco qua più che innovazione non potremo parlare di digitalizzazione dei processi ecco identità digitale sta all'interno di questo contesto l'elemento chiave che ci consente digitalizzati processato interroga l'Amministrazione
Il decreto coi sposta
Va più avanti si parla di Smart Cities dove in questo caso ci c'è caricaturale innovazione che viene dal territorio si parla di progetti strategici di ricerca innovazione in questo caso Ventura si va a colmare
Diciamo l'esigenza di qualcosa che non c'è cinque si pone un problema e si cerca di trovare una soluzione equilibrata innovativo fino a quando arriva addirittura a semplificare l'ecosistema delle imprese innovative
La vera innovazione poi nasce dall'impresa dal settore privato ecco solo questo molto rapidamente per dire di che cosa si sta occupando oggi puramente stiamo ci stiamo occupando di una fettina che sta all'interno di una seconda scatola il Governo impennata
Però è un un elemento chiave elemento abilitante chiave che ci consente diciamo di intervenire all'interno di questo settore
Un altro tema forse che vale la pena ricordare e su questo settore sui dopo che dovendo attualmente spendiamo di più la pubblica amministrazione spende molto in questa
Spendere meno nelle altre aree
Anche se guardiamo
Le cifre in gioco nei vari decreti che ho citato prima ci rendiamo conto di quasi tutti i finanziamenti sono nell'ambito della digitalizzazione
Pochi finanziamenti sono nell'ambito delle start-up innovative
Grazie all'uso delle ICT e naturalmente possiamo liberare risorse dalla parte centrale incominciare a fare meglio cose che magari settore privato
Già sta facendo liberare risorse per trovare a spingere queste risorse dove verso gli altri settori verso la ricerca presso innovazione da essa start-up innovative questo dire veramente in qualche modo dare una spinta
All'innovazione ecco detto questo solo appunto ciò per creare un contesto
Quali sono
Gli elementi o diciamo le impasto di tanti anni dell'in blocco se vogliamo vedere un po'modello leggo che gliele centosettantanove ci mette a disposizione per identità digitale ho provato a raccoglierle
Rapidamente in questa slide ma sicuramente mila diciamo il
La parte del leone la gioca il Documento unificato un documento di citare unificato si può chiamare nuova carta entità che travalica non vogliamo chiamarla nuova carta intellettuali che abbiamo cambiato nome documento dice sacrificato porta fortuna
è un unico è un documento che svolge tre funzioni
Carta identità
Tessera sanitaria e carta nazionale dei servizi
Quindi vediamo che è un aspetto di identità fisica siamo certi dichiari portatore di quello strumento
Svolge le funzioni di tessera sanitaria cosa abbastanza innovativa trenta tessere sanitarie è un'altra tessera che noi tutti abbiamo nel nostro portafoglio e poiché oggi le funzioni catastali servizi appunto per l'accesso sicuro on line e servizi a pubblica
Deve essere compatibile poi vedremo come chiederemo come con le Catanzaro e servizi che sono già in circolazione ricordiamoci che anche se si parla di tema identità digitale come se fosse un tema nuovo attualmente circolano nelle regioni italiane
Oltre trenta milioni di carta nazionale dei servizi non solo tutte sono abilitate
Però diciamo tutti hanno la potenzialità di essere abilitate che qui di consentirci un accesso sicura servizi tra pubblica amministrazione
La carta cercherà di introdurre tecnologia innovativa qui non solo non ci fa contatto come l'accendesse attuale ma anche una città non a contatto quindi possibilità di apertura verso nuovi servizi
A un processo diciamo che rispetto la vecchia carta un processo centralizzato di produzione e qui viene prodotta al centro e sarà resa disponibile
Al cittadino anche a casa cittadino quindi servizio un pochino più vicino all'utente finale
E poi soprattutto può diventare una piattaforma per nuovi servizi cioè dovrebbe raccogliere tutti i servizi che già le Regioni i Comuni il territorio stanno erogando modalità diversa consentire di mantenere questi servizi
Consentire di costruire nuovi servizi come l'esempio
Servizi del trasporto pubblico locale un'altra operazione del DL centosettantanove quella di incominciare a intervenire anche sul trasporto pubblico locale introducendo linee guida per standardizzare uniformare i sistemi di bigliettazione elettronica ecco questo può essere uno strumento
Magari non piace perché non ha luogo della società di trasporto però tecnologicamente potrebbe diciamo risposi solver anche questo problema allora questo è il Documento unificato un primo elemento quindi riconosciamo cittadino fisicamente gli associamo un certificato di autenticazione
Poniamo l'anagrafe nazionale dei cittadini questo un altro elemento che cambia
Di molto il panorama attuale in cui le pubbliche amministrazioni comuni le imprese stanno lavorando cosa vuol fare l'anagrafe nazionale ma sicuramente va a integrare le anagrafiche sono attualmente gestite a livello centrale quindi Lina licenza anagrafi
E l'anagrafe degli italiani residenti all'estero
Ora però mentre Lina è un indice enti è un estratto diciamo delle anagrafi che sono tenute dei Comuni
La nuova rete nazionale o ndr
Praticamente va ad assorbire gradualmente dovrà subire gradualmente
Le anagrafi tendere singoli comuni e quindi diventa il sistema di riferimento per l'intero c'è un sistema Paese pubblica distrazione cittadini e impresa qui dati anagrafici saranno contenuti in questo unico contenitore
Questo contenitore dovrà essere allineato con continuità con le altre banche dati istituzionali pensiamo alle banche dati del mondo del lavoro del welfare della fiscalità dell'istruzione studenti tra scuola studenti diversità
Con le banche dati delle delle Regioni con le altre banche dati dei Comuni in qualche modo è previsto addirittura non tanto un allenamento ma addirittura in qualche caso che i dati anagrafici possano essere reperiti solamente la questo contenitore centrale quindi
Grosso ordinamento veramente un grosso bisogno di infrastruttura un grosso bisogni connettività
Dichiaro
E come dire un disegno
Attende
Si potranno avere dei servizi
Cioè l'idea è quella di
Mettere questo contenitore al centro per poter erogare servizi ad esempio il cambio di residenza in tempo reale già previsto da sempre Fiditalia dello scorso anno sarà molto più facile attuarla in questo modo quindi cambia residenza si passa dai sei mesi
Attualmente Segrate quarantotto ore probabilmente può diventare quasi in tempo reale
Le comunicazioni telematiche ad elementi di nascita e morte quindi questo
Questo contenitore sarà alimentato in modo diciamo automatico in caso di venti di nascita e morte di un cittadino pesava l'effetto che poveri sul tema della desertificazione atto metanizzazione non possono più chiedere dati già in possesso di alta amministrazione ecco questi dati saranno resi disponibili a tutti
Qui abbiamo detto Documento unificato anagrafe nazionale dei cittadini
Qua abbiamo il
L'altro elemento che viene introdotto dal decreto che il domicilio digitale
Domicilio citare di per sé
Non è una grande invenzione diciamo tecnologica fosse ben invenzione normativa
Attualmente sappiamo che noi tutti possiamo chiedere una casa riposte tonica certificata governativa
Gratuita quindi chiedendo al sito diciamo del Governo si può Poretti parlata avete posto ad altri sportelli io posso dotare di questa casa riposte tonaca certificata con la quale io posso dialogare con tutte le pubbliche amministrazioni
Quindi posso presentare istanza fare domande che mi apre un canale di comunicazione verso la pubblica amministrazione
La pubblica istruzione però non è tenuta ascrivermi su quella casella non c'è questo obbligo ecco domicilio digitale introduce questo obbligo che cosa dice dice che se io cittadino
Dichiaro quella casella mio domicilio digitale tutte le pubbliche le stazioni non potranno più scrivermi nessun altro modo se non in modalità telematica al mio domicilio digitale senza costi di spedizione di organico ecco questo è diciamo l'elemento innovativo del decreto
Il domicilio digitale verrà associato al cittadino per il tramite dell'MPA re sarà associato intranet PR al documento digitale unificato ecco quindi che abbiamo
Da pressing da una parte identità digitale dall'altra si comincia a completare il kit del cittadino distale quale lavora tranquillamente nel mondo analogico pronome di cura entra in digitale avrà questi strumenti
Questi strumenti già esistono per quanto riguarda il mondo dell'impresa di professionisti
Come sappiamo negli anni scorsi sono stati introdotti versato in toto l'obbligo per le imprese di dotarsi della casella pecca anche l'obbligo per i professionisti dotazione casella PEC è stato introdotto recentemente l'obbligo per le imprese individuali
Con le centosettantanove è stato creato Lini back fondamentalmente è stato creato un unico indirizzare il pubblico di tutte queste caselle
Raccogliendo praticamente i dati che erano presenti presso registro dell'impresa è piuttosto che tenuti degli ordini dei collegi professionali in modo che perché la pubblica prestazione sia più fa ma anche per tutti noi sia più facile reperire un indirizzo senza bisogno di recarsi presso i vari ordine anche modalità telematica quindi un unico contenitore in tutti questi indirizzi
E torniamo cinque che dal luglio di quest'anno le comunicazioni tra pubblica amministrazione e
Imprese potranno venire solamente modalità telematica ecco questo oggetto già funzionante penso che sia stato uno dei primi oggetti creati a seguito del decreto
E quindi è un primo esempio di come diciamo si vada a centralizzare un servizio a disposizione di tutte le pubbliche amministrazioni ecco io qua veramente
Mi fermo spero di aver detto troppo spero di aver aperto diciamo degli spunti di discussione per cui per chi ci seguirà e lascio la parola al dottor Cannarsa che c'era contrario il ruolo di SOGEI in questo quadro
Complicato
Grazie al dottor Donzelli per l'introduzione
Anche perché con dottor Donzelli abbiamo dall'inizio anche con
Dottor Fortunato lavorato proprio a stretto gomito sul su questa iniziativa della
Diciamo centralizzazione dell'anagrafe nazionale per la popolazione residente
Che poi è diciamo il presupposto fondamentale per la l'emissione del Documento unificato
Che è diciamo già un se se lo analizziamo sotto il profilo della dell'informatica e già un servizio
Che parte da una banca dati dalla disponibilità di banca dati diciamo di di dati a livello centralizzato in forma soprattutto
Di qualità rilevata
Il quindi il progetto è nato sostanzialmente nel due mila undici con
Il un decreto legge che poi è stato modificato solo trasformate convertito in legge poi modificato dal
Dal centosettantanove che poi è stato convertito quindi un percorso normativo abbastanza articolato come spesso accade
In Italia però devo dire che un percorso che alla fine è stato un già
Ha ad oggi possiamo dire un fatto di successo nel senso che l'Amministrazione si è resa conto
Che il l'anagrafe nazionale per la popolazione residente il Documento unificato che potrebbero sembrare a molti diciamo un una cosa così anche se vogliamo inutile
In realtà sono il primo passo fondamentale della digitalizzazione della pubblica amministrazione e del l'introduzione del concetto di identità digitale
Quindi sono i due fattori digitalizzazione della pubblica mi
Zone e identità digitale che governano qualsiasi progetto e qualsiasi processo di
Informatizzazione semplificazione né in ambito Pubblica amministrazione
Quindi è evidente che il primo passaggio era la formazione di una banca dati
Centrale
Che si contrappone alle attuale diciamo otto mila e cento banche dati che sono le banche dati che sono oggi presso i singoli Comuni
Il la disponibilità ad una banca dati centrale ovviamente rappresenta il primo passaggio per rendere poi questa banca dati fruibile a più soggetti e quindi rendere questi dati disponibili per l'offerta di servizi che a questi si possono
Correlare
Il il passato la banca dati all'Anagrafe nazionale quindi è il primo passaggio che è stato appunto disciplinato da questo enorme che è stato in realtà
è un progetto in in più fasi che passa attraverso il il nostro subentro come Sogei
Alla gestione nella gestione del
Del Centro nazionale di servizi demografici presso il Ministero dell'Interno insieme ovviamente al Ministero dell'interno
Che governa l'Ina Saia cioè l'indice nazionale del delle anagrafi e il l'anagrafe della popolazione residente all'estero l'AIA
Da questo primo passaggio che è stato appunto consentito dalla normativa di cui parlavamo prima quindi è un'azione di legge che ha dato a soggette sta
Questa attività
è una inizia un'attività che di fatto noi stiamo portando avanti da circa metà marzo due mila tredici quindi abbiamo preso in carico la gestione del CED e della flusso di dati di aggiornamento di tutte le anagrafi tutti i Comuni
Ovviamente da questo primo passaggio presa in carico di questa attività passeremo alla costruzione della banca dati centralizzata quindi dell'anagrafe nazionale questa anagrafe nazionale ovviamente sarà come l'anagrafe che noi già gestiamo che quella tributaria
Un veramente il
La sintesi di tutte le i gli studi fatti in questi anni devo dire da surgery con con grande
Fatica ma anche con un ottimi risultati visto appunto l'attuale livello di informatizzazione della della parte fiscale della pubblica amministrazione
Che ha proprio qui indotto diciamo il legislatore a vedere insorgere il soggetto attuatore di questa di questa norma
Quindi noi da per innanzitutto sono orgoglioso di essere stati incaricati di questa attività e la stiamo portando avanti con l'obiettivo di rendere questa anagrafe nazionale disponibile
Come prevede la legge dalla primo gennaio due mila quattordici quindi intanto c'è il processo di gestione delle anagrafi nazionali
Velina Saia delle anagrafi nazionali e poi c'è la costruzione la progettazione di questa infrastruttura nel frattempo parte il Progetto
Di cui poi anche con
Con Vincenzo
Si si parlerà più tardi della realizzazione del documento unificata il Documento unificato trae esponente spunto dal fatto che
Esiste un documento Easton oggi fondamentalmente due documenti la carta d'identità il documento fiscale codice fiscale che oggi incorporata nella tessera sanitaria
E quest'ultimo tessera sanitaria documento fiscale viene messo da SOGEI quindi
Chiunque di voi lo ha ricevuto a casa lo diceva con una lettera agenzia delle entrate che ovviamente il soggetto titolare dei dati fiscali
E della dell'attività e di Governo diciamo di questa attività soggette il soggetto poiché
Diciamo il partner tecnologico dell'amministrazione che poi realizza e gestisce
Tutte le banche dati e tutto il sistema informativo della fiscalità quindi il documento fiscale è stato un po'l'elemento di aggregazione in realtà del documento
Dell'anagrafe
Della popolazione
Il il tema quindi
Si traduce immediatamente in una creazione di una banca dati simile a quella dell'anagrafe tributaria dove ovviamente il tipo dei dati raccolti e confluiranno sono quelli di del cittadino
Anagrafici non fiscali visto e quelli fiscali sono tutti già contenuti nella nell'anagrafe tributaria
Il queste due anagrafi quindi in realtà saranno di fatto due banche dati che dialogherà hanno tra di loro e rappresenteranno quel sempre di più
Quella quel patrimonio di informazioni che e soprattutto io
Mi riferisco sempre al patrimonio di informazioni che però si traduce per i cittadini poi in una risorsa nel senso che
Il cittadino di di questi dati deve poter poi avere dei benefici dal fatto che questi dati siano ben organizzate disponibili
E questi servizi sono quelli che noi diciamo possiamo fruire quotidianamente dall'attività che riguarda non solo nella la gestione della
Dei della nostra fiscalità
Personale piuttosto che non
A livello professionale e la gestione della catasto piuttosto che la la l'aggiornamento appunto dei documenti catastale quando si tratta di
Di modificarli attraverso dei delle operazioni di appunto edilizia sul sugli immobili
Quindi sono dei servizi di cui i cittadini poi fruiscono il primo passaggio come dicevo prima è quello della creazione di quindi di Documento unificato unirà il documento fiscale la carta d'identità e la tessera sanitaria o CNS a seconda delle Regioni
E sarà
Adesso sostanzialmente siamo alle alle fasi di attuazione finale perché commentavamo prima con con Vincenzo sono in dirittura d'arrivo
I tre DPCM che consentiranno la lo sblocco dei anche dei fondi
Questi tre DPCM sono ormai hanno ricevuto il l'approvazione da parte della Conferenza Stato Regioni e Stato città la settimana scorsa quindi io
Diciamo così un po'
Provando a fare delle stime ritengo che per fine giugno si possa aveva e la
La definitiva il definitivo diciamo avvio della anche dell'attività di
Procurement e quindi di messa in gara di tutti gli apparecchi che noi dovremmo installare presso i Comuni per la consegna poi la produzione della consegna del
Delle tessere del Documento unificato in realtà la produzione centralizzata come si diceva prima e quindi ne parlerà poi il collega non voglio ovviamente
Invadere il campo la Pasquin sia l'acquisizione dei dati sia la produzione e centralizzata il modello e cambia completamente rispetto ad oggi dove ognuno ogni comune ha il suo serve con
Il la fotografia e l'impronta digitale per quei Comuni che si sono già dotate diciamo di questi oggi sono circa centosessanta comunicativa rilasciano Documento unificato però su base locale
E sulla base delle anagrafi diciamo oggi disponibile
Il passaggio quindi è un progetto di innovazione tecnologica di centralizzazione di banche dati e di soprattutto integrazione nell'ottica poi di erogare i servizi in maniera molto più massiccia
Il il Documento unificato verrà quindi fondamentalmente una triangolazione il Comune avrà delle apparecchiature e che noi appunto andremo a installare saranno sostanzialmente dei
Dei diritti in client quindi dei terminali intelligenti e degli accordi allocheranno con il nostro sistema centrale mosso data center
Di SOGEI
I dati verranno inviati quindi ovviamente in forme di
Crittografata saranno sia i dati relativi all'immagine alla foto la foto Grazia l'impronta digitale e poi i dati digitali invece sarà anche i dati anagrafici saranno reperiti sulla sull'anagrafe
Nazionale
Il questi dati
Sia quelli diciamo biometrici che non saranno trattati da Sogema verranno inviati direttamente della stampa al Poligrafico al Poligrafico dello Stato
Quindi c'è un ente una grande cura in tutto questo passaggio e tutto è stato veramente analizzato e discusso con il Garante della privacy
Questi dati
Verranno per quanto riguarda i dati biometrici inviati direttamente a loro che poi li distrugge l'anno per quanto riguarda i dati invece anagrafici verranno valutati per quanto per per confrontarli con quelli dell'anagrafe tributaria
E verrà definita quindi una stringa di dati di ogni cittadino che raggruppa era i dati fiscali i dati anagrafici
Da questa stringa dei dati
Questa assemblea che verrà inviata al Poligrafico dello Stato costituiranno poi l'altro elemento informativo che
Andrà a essere poi
Installato sull'ICI sui di sui due microchip perché
Rappresentano la parte poi intelligente del
Del documento che la
Plastificata realtà serie
Policarbonato non sono poco poco conta il
Quindi questo diciamo alla fine il processo è un processo molto automatizzato nel senso che dalla da questo terminale intelligente vengono inviati dati direttamente la nostra
A nostro sito centrale che li elabora li invia al Poligrafico quelli stante produce il documento avente con i i requisiti di qualità e di sicurezza che le due strutture soggette Poligrafico già hanno per i loro motivi
Istituzionali Poligrafico perché produce documenti ad altissimo livello diciamo di utente riservatezza e SOGEI perché altre le banche dati strategiche che sono già diverse
Trattate con altissimi requisiti di sicurezza e di garanzia anche il dalla dal punto di vista della privacy
Quindi questo è il modello rappresenta nella come dicevo prima un passaggio fondamentale per poi tutto lettera azionare tutto il
Il possibile
Mondo dei servizi della del al cittadino ma è inimmaginabile poter pensare all'identità digitale anche Documento unificato rappresenterà una porta d'accesso del cittadino e quindi immaginate anche
La oggi se ne parlava tra l'altro alla riunione di introduzione con ministro Dalia il
Il presidente della Cassa depositi e prestiti
Bassanini
I gli altri diciamo rappresentanti di Confindustria del Governo
Che hanno
Hanno evidenziato come proprio il
Il diciamo i servizi siano la base fondamentale della informatizzazione cioè il cittadino che deve percepire deve avere delle semplificazioni in una in una
Diciamo della vita quotidiana dove appunto ogni cittadino si deve invece confrontare con
Una numero elevatissimo di siti sui quali può accedere ma attraverso dei luoghi in ovviamente individuali separati quindi già immaginare un portale del cittadino dove
Il cittadino possa avere una un singolo accesso certificato autenticato rappresenta un
Dove magari dentro a tutta la sua parte previdenziale la parte fiscale da parte dei servizi pubblici locali
La gestione e quindi anche del
Dei delle attività ordinarie come l'iscrizione alla alla scuola dei figli piuttosto che
La verifica del pagamento della della tassa sui rifiuti
Tutti questi servizi possono essere disponibili ma la cosa fondamentale è il è l'autenticazione del cittadino attraverso soprattutto un portale che sia un portale unico e non una serie di
Silos separati come oggi avviene per no al da parte del previdenziale la parte fiscale la parte invece dei servizi locali
Il
Da un punto di vista normativo come dicevo prima siamo in dirittura di arrivo legare partiranno appena verranno emessi questi DPCM
E ragionevolmente il le prime carta d'identità saranno così possiamo ipotizzare quelle secondo questo nuovo processo saranno disponibili da qui a praticamente nove mesi un anno
è un s'se ne parlava quindici anni oggi qualcuno di in faceva riferimento nuova
Prime primi discorsi sul Documento unificato che risalgono veramente a alla fine degli anni Novanta
Quindi io penso sia importante oggi innanzitutto sfruttare queste realtà esistenti come SOGEI e Poligrafico per la tecnologia che di cui dispongono
E per le alte competenze delle persone che lavorano in queste strutture che sono messe quindi a servizio della
Della Pubblica amministrazione con questa iniziativa
Per poi diciamo far diciamo da questa da questa prima da questa prima operazione di sfondamento se vogliamo del muro che c'è
Tra la la pubblica amministrazione
Il
Il digitale
Un un proliferare di iniziative che vedano sia nella centralizzazione una delle azioni principali quindi oggi il passato dell'anagrafe da un'anagrafe distribuita un'anagrafe centralizzata
è un primo segnale del fatto che la centralizzazione
E la fruibilità in modalità Claudio dei servizi è comunque ormai il futuro della dell'informatica nella
In qualsiasi diciamo realtà
Dove appunto si debbano servire
Milioni di utenza e quindi come accade in qualsiasi Paese
O in qualsiasi struttura complessa oggi
Nuove non solo i Paesi non solo le Nazioni utilizzano il cloud Omar utilizzano il corpulento lo utilizza i grandi le grandi società le grandi multinazionali che magari hanno seri
Distribuiti in cinquanta Paesi e centinaia di migliaia di dipendenti che sono
Sparsi per per il mondo quindi raccordare tutte queste realtà come accade in una in una nazione
è fondamentale per rendere diciamo anche più efficiente l'altro sotto il profilo economico il
La gestione la spesa pubblica in questo caso particolare perché
Vi faccio presente che nella l'operazione di centralizzazione è un'operazione
Fondamentale per a avere dei benefici in termini poi di costi gestionali di queste di queste diciamo infrastrutture
Perché il il oggi il costo dell'informatica distribuita non è più sostenibile da un lato i comuni hanno come sapete
Dei vincoli di bilancio e hanno dei bilanci sempre più diciamo
Compressi dall'ARPA anche dalla fiscalità locale
Dall'altro il
Il fatto di avere un
Un proliferare di strutture decentrate fa sì che
Anche a livello di software a livello di applicazioni che poi vengono realizzate spesso si hanno delle dei fenomeni di incompatibilità oggi veniva fatto l'esempio in nella relazione introduttiva
Dove si diceva che magari l'ospedale del Trentino che fa le radiografie digitali voi per il
Paziente che deve andare in Lombardia trasferirsi all'estero e queste radiografie digitali non sono poi
Fruibili perché magari il colpo il
Il sistema applicativo delle due realtà
Tra non è compatibile quindi una il fatto di poter disporre invece di sistemi centrali che uniformano e vendono il diciamo veramente interoperabile sia nella l'infrastruttura centrale sia il software applicativi
è il
Il passaggio fondamentale per per realizzare l'agenda digitale
Quindi io dire che per quanto riguarda il Documento unificato della la ndr avrei concluso corrente sono se ci sono poi dei domande o altre richieste che vengono fuori dal tavolo sono a disposizione
Grazie
Se volete le domande magari le facciamo alla fine forse c'è qualche domanda urgente si può anche fare adesso sul problema alle c'era però la ringrazio dottor Cannarsa nel settore degli altri soggetti
Io c'è però la
Dottor Fortunato il Poligrafico magari chiedendogli un po'come non so come sarà immagino questo anzi come sarà
Questo nuovo documento ma anche se magari si può spiegare in che modo questo documento potrà essere piattaforma per nuovi servizi cioè cosa stiamo dando
Cosa riceveremo noi come cittadini oltre diciamo un tesserino che già fa le cose che più o meno ci aspettiamo che i nostri tessere facciamo cosa ci permetterà di fare in futuro grazie grazie
Si
Vedevo che prima quando l'ingegnere Cannarsa accennava diciamo all'antichità di questo progetto molti annuivano perché effettivamente diciamo credo che sia uno dei progetti più
Discussi più analizzati e più anche bocciati diciamo del del degli ultimi quindici anni e quindi
Premetto che io sono da tre anni il Poligrafico diciamo quando sono arrivato allora con la responsabilità di disincagliare tra gli altri diciamo questo progetto da da dove si era incagliato adesso come faccio anche un cenno su
Sul sistema attuale di emissione delle carte identità sperimentali
Era già iniziato diciamo un processo normativo che a ha consentito di arrivare fino a qui che diciamo adesso finalmente nel mondo
A un complesso di norme diciamo più organico e soprattutto diciamo di affrontare alcune tematiche come
Accennavo l'altro giorno all'igiene Donzelli problema non è fare
Tanti nuovi progetti ogni anno adesso io credo siamo arrivati in una fase nella quale bisogna sistematizzare fare emergere mettere insieme quello che piace
Per quello che riguarda Poligrafico dello Stato non è molto nota diciamo la nostra attività ma è anche un po'ti dico questo perché noi siamo
Concentrati sullo sviluppo di attività legate alla sicurezza
Nazionale diciamo quindi tra le altre cose sviluppiamo realizziamo produciamo documenti di identità di sicurezza tra l'altro tornerò
Rapidamente dopo su su queste due parole identità e sicurezza perché sono strettamente legate fra di loro ovviamente e fra queste per esempio due di questi progetti sono già
Ampiamente operativi nel senso che mettiamo documenti già da
L'apparecchio che sono il passaporto elettronico e il permesso di soggiorno elettronico
Qui volevo fare un brevissimo inciso perché il documento digitali unificato che è in fase di lancio diciamo adesso è un documento ad alta tecnologia quindi diciamo è vero che arriviamo tardi rispetto a tanti Paesi europei che hanno già realizzato molto
Però è anche vero che questo ci ha consentito di scegliere diciamo il meglio fra le tecnologie
Costruttive diciamo così del supporto innanzitutto cioè quindi policarbonato e soprattutto elettroniche quindi
La cosa fondamentale che perché si fanno questo tipo di documenti nel mondo è perché c'è
Una un fenomeno diciamo in una
Un aumento di contraffazione di questi documenti
E diciamo il corrispettivo nella nel mondo digitale quello della dei furti di identità o della creazione entità fittizie
Questo documento Documento unificato è nasce diciamo esattamente con l'intento di non essere falsificata ville
Seppure diciamo vediamo che il mondo che la contraffazione che una vera e propria industria diciamo criminale si sta
Sta compiendo diciamo grandi investimenti a livello internazionale per falsificare documenti come questi
E ma anche per assicurare diciamo l'accesso sicuro a servizi dove il tema del riconoscimento certo del delle parti è un fatto fondamentale perché magari ha un
Delle basi anche di carattere giuridico oltre che legate proprio alla sicurezza delle transazioni
Quindi diciamo il complesso delle norme statutarie chiamato non ci torno sopra solo per dire che
Stanno marciando diciamo di pari passo per cui
Per quello che ci riguarda confermiamo ampiamente quello che accennava prima Cristiano Cannarsa diciamo sui tempi nel senso che per noi il momento in cui partiremo con le attività di procurement che sono quelle impegnative ovviamente perché
Questo è un progetto diciamo che prevede l'emissione di settantasei documenti settantasei milioni di documenti in dieci anni perché c'è tutta la ovviamente la cittadinanza residente ci sono gli italiani all'estero
Ci sono diciamo ovviamente c'è tutta un'altra fascia di popolazione che riceverà il documento perché c'è da dire questo è un documento
Che viene assegnato così come viene fatto oggi con la tessera sanitaria già dal momento dalla nascita ovviamente le caratteristiche anche fisiche di sicurezza del documento cambiano
A seconda diciamo che sia un documento legato ai minori dove non c'è il tema del delle impronte digitali o della dell'immagine per esempio del neonato perché non non si può
A diciamo un documento invece rilasciato per esempio i maggiorenni
Che è un documento che riporta una compatibilità all'indietro o al presente con l'attuale sistema tessera sanitaria carta nazionale dei servizi quindi Bucci elettronico ha contatti che assicura la compatibilità con i sistemi attuali
E soprattutto un microchip conta tre squilli parliamo di radiofrequenza che servirà diciamo sviluppare tutto nuovo sette di servizi
Neanche tanto futuribili perché
Diciamo io adesso dimostrerò molto rapidamente che cosa si potrà fare con questo documento digitale unificato quello che ho voluto fare non potendo mostrare ancora e lei ha un
Del documento perché ancora oggetto ovviamente di
Siamo alle fasi finali dell'approvazione
O di raccontare diciamo
Come viene prodotto perché questo ovviamente poi soggetto alla una serie di misure legate alla la riservatezza della della produzione produzioni che noi
Gestiamo e dare una un'idea
Di che cosa potrebbe scatenare sul serio la diffusione massiva di un documento di questo dico che fra poco diciamo in alcuni anni troveremo nelle tasche di tutti i nostri concittadini
Io qui ho fatto una semplice
Analisi o di esperienze che sono già esistenti a livello europeo dove i documenti di questo tipo sono già diffusi o di esperienze che si stanno portando avanti anche grazie al lavoro
Delle istituite le istituzioni diciamo legate al al mondo dell'innovazione tecnologia digitale
O di esperienza diciamo che potrebbero essere progettate diciamo ma con poco sforzo allora qui per esempio fare un esempio era
Era quello dei trasporti perché ovviamente diciamo già oggi
Presente il passaporto elettronico viene utilizzato
Per una lettura del dato biometrico e quindi per un confronto anche fra l'altro anche l'esempio dell'immagine che riportata all'interno del microchip con la persona che è diciamo dichiara essere il proprietario di questo documento
Questa te queste tecnologie diciamo si evolvono molto rapidamente perché qui ho riportato tre esempi di utilizzo di dati biometrici
Due dei quali
O ho già visto diciamo ventuno è abbastanza già comune perché tratta della della
Mapping diciamo del del matching anzi della dell'impronta digitale
Un altro diciamo che già da alcuni anni in Europa
Sta prendendo piede quello per esempio della del matching della dell'immagine del volto cioè esistono già per chi viaggiato abbastanza di recente per di aeroporti pesanti francesi o tedeschi eccetera
Dei gate dove appoggiando il passaporto elettronico in questo caso e diciamo passando su un un percorso
Il mezzo delle telecamere eccetera viene effettuato quante in tempo reale che sono un po'spoke i secondi l'immagine diciamo viene riscontrata l'immagine presente all'interno del microchip
Questo fra l'altro presenti in alcuni aeroporti a livello europeo sta consentendo saggia consentendo di diversificare
E di abbreviare molto diciamo i tempi di attesa perché questo è un
Un sistema ovviamente anche per evitare diciamo il a l'accumularsi di coda questi varchi perché questi sono sistemi che non sbagliano mai
E quindi diciamo in pochi secondi si viene riconosciuti questo del
Del il trasporto è
Un tema interessante e qui ritorno al tema della della sicurezza ovviamente
Perché l'altra tendenza è quella di utilizzare le tecnologie radio frequenza anche per l'identificazione del del bagaglio
Questo con dei vantaggi ovviamente non solo per il sistema della sicurezza in generale ma anche del cittadino che esempi qui c'è un esempio di di applicazione sua informa che la banca claim mi consente di ritrovare sapere diciamo dove in tempo reale mio bagaglio quindi
Dovrebbe avere eliminato a meno che la quanta spiaggia ha anche tentato questo sistema il problema del
Dei bagagli che si perdono fino ad arrivare al sette c'è piena e quindi a utilizzare il documento elettronico che contiene dati biometrici
Primari e secondari diciamo per il riconoscimento automatico dalla persona che fettucce chiede
Quindi sono esempi legati anche questi alla sicurezza
Cambiamo completamente settore c'è il il mondo dell'istruzione che sappiamo già da diversi anni e
Ha iniziato una serie di progetti che tendono a digitalizzare per esempio i gli oggetti dell'apprendimento piuttosto che l'utilizzo di nuove tecnologie come non so che nome ma sono le leve le lavagne multimediali nelle nelle aule
C'è un tema ovviamente per anche qui di rapporti tra le parti dove le parti in questo caso sono intese per esempio le famiglie e le scuole che devono scambiarsi devono scambiare tra loro una serie di dati
Anche semplici pesanti i dati contenuti all'interno delle pagelle
Piuttosto che far verificare da remoto sempre tramite l'autenticazione quindi l'accesso tramite
Documento d'identità elettronico
L'andamento diciamo del della frequenza per esempio dello studente presso la scuola la stessa cosa diciamo è applicabile anche in ambito universitario in maniera ancora più evoluta perché qui
C'è un tema anche legato per esempio al pagamento delle tasse universitarie ovviamente
Ogni volta che si esprime diciamo un concetto di identità e quindi di autenticazione attraverso certificato digitale
O di riconoscimento certo dell'altra parte eccetera si possono immaginare transazioni di tipo economico questo
In Italia diciamo e sicuramente
Un po'più complicato perché sappiamo che il sistema bancario da questo punto di vista fatto altre scelte però non è
Un caso che non è stato realizzato in Europa perché per esempio la Germania ha adottato la carta d'identità elettronica con il sistema bancario per fare un sistema unico di autenticazione anche all'interno dei sistemi di un banking delle banche tedesche quindi
Se uno si autentica diciamo sulla propria sessione iniziale con la carta d'identità elettronica quel può effettuare un bonifico passando diciamo da un sito un altro senza bisogna
Di aver bisogno di diciamo di usare token NAU Pasquato che nessun altro tipo
Un altro esempio è quello della della giustizia dove anche qui c'è un tema di di autenticazione dell'accesso a degli atti che devono essere come è noto diciamo coperti anche da riservatezza o comunque devono essere scambiati solo tra le parti
Qui è molto interessante diciamo il fatto che il Documento unificato potrebbe entrare
Incorsa diciamo nella nei temi del processo telematico diciamo quindi sia quello civile che già ampiamente
Sviluppato piuttosto che quello penale dove ci sono utili ulteriori criteri che sono legati
Alla riconoscimento delle parti dove spesso fra l'altro sappiamo che alcune udienze si tengono in sedi diverse
E dove quindi il riconoscimento reciproco per esempio un fatto assolutamente importante qui qui c'è una lista di di servizi che sono attivabili tramite l'utilizzo del documento elettronico
Sulla salute c'è già molto nel senso che ovviamente
Già il sistema tessera sanitaria oggi è uno dei più avanzati in Italia da questo punto di vista e quindi è stato il il primo nucleo veramente di innovazione tecnologica in questo settore Mack
Qui si accennava prima diciamo lo scambio presento i dati sanitari che sono ovviamente estremamente sensibili quindi devono essere non solo criptati e scambiati fra parti che si sono riconosciute
Fra di loro ma devono essere protetti adeguatamente anche su questo diciamo una un documento elettronico come il il D uno potrebbe giocare la sua parte
Nel Finance non non ci entro perché ho accennato già prima questi sono altri esempi quella del del lavoro inteso come per esempio accesso sicuro
Al mio profilo lavorativo anche da remoto quindi diciamo oggi si usano
Sistemi diversi di reti private virtuali con dei talk né quindi anche qui c'è una complicazione diciamo operativa utilizzo di un sistema di questo tipo e anche il Documento unificato potrebbe semplificare
La vita diciamo del dei dipendenti o insomma dei collaboratori di un di un'organizzazione aziendale anche perché può fornire tutta un'altra serie di servizi di accesso per esempio a dati memorizzati presso l'azienda stessa
Qui c'è un tema molto importante che quello per esempio della tutela dei minori
Legato abbiamo fatto una un esempio che è legato alla gioco d'azzardo questo è un
Tema
Di di grandissima attualità qui fra l'altro sono riportati alcuni dati che sono
Notevoli per quello che riguarda la quantità di giovani fra i quindici e venticinque anni che gioca e questo mi riferisco diciamo sì al gioco fly non inteso diciamo come sale sale giochi eccetera sia come gioco on line
Qui per fortuna c'è una struttura come SOGEI al centro diciamo di una di una rete di questo tipo che quindi assicura la massima sicurezza però sappiamo anche
Quanto rive notificazione del del giocatore non sia
Un tema
Diciamo facilissimo da da realizzare
E quindi il magari introdurre un sistema di identificazione ancora più forte rispetto a quelli che ci sono adesso tramite il alla nuova carta d'identità elettronica che fra l'altro riporta anche la tessera sanitaria potrebbe essere un un'altra cosa positiva
Per chiudere
E poi diciamo
Vi posso dare qualche altra informazione sul Documento unificato più di tipo tecnico diciamo riportato questo caso che ormai non è neanche più un caso sconosciuto perché viene richiamato in tutti i convegni dagli impianti almeno gli ultimi cinque anni
E anche il commissario Press nella nella Commissione nove anni ha fatto diciamo una un un esempio per quello che sta succedendo in Europa
La l'obiezione viene fatta sul fatto che l'Estonia è completamente digitalizzata sta nel fatto che a un numero di abitanti relativamente basso che sono un milione e mezzo di persone
Ma qui il problema non è quanti utilizzano queste tecnologie perché un milione e mezzo un sessanta milioni vuol dire sicuramente un tema organizzativo e quindi anche un impegno come nel caso di SOGEI al nostro molto rilevante
è un fatto di organizzazione da parte della pubblica amministrazione praticamente gli estoni
Fanno tutto in maniera digitale
Non sono diventati talmente
Abituati diciamo utilizzare questo tipo di tecnologie che l'Estonia ormai
Fa dei corsi a livello internazionale per gli altri Paesi hanno fondato una un'accademia digitale sia mai accademico
Dove diciamo gli altri Paesi possono andare a vedere che tipo di
Esperienza hanno fatto in Estonia la cosa importante che questo sistema è stato realizzato a partire da una soluzione
Iniziale di fondo e cioè che tutti i cittadini estati dovesse essere dotati di carta d'identità elettronica
Cosa che è stata
Fatta al novanta per cento quindi praticamente questo è diventato uno strumento per l'accesso a tutti i servizi che vedete qui
Elencati
Chiudo dicendo che sicuramente questi prossimi dodici mesi che ci vedono da qui alla l'immissione del primo Documento unificato saranno complessi per per noi Sogei
Perché siccome come accennavo prima in genere Cannarsa il processo è centralizzato che avremo un sistema molto complesso sul territorio perché riguarda tutti gli otto mila cento comuni italiani
Che verranno appunto dotate di queste postazioni intelligenti a seconda ovviamente della della popolazione che insiste in quel Comune
Con un sistema di rete molto robusto perché dovrà trasferire una una una quantità di dati notevole tutti i giorni perché dove il livello di produzione anno raggiungerà gli otto milioni di documenti dodici mesi otto nei documenti
è
Una sfida a livello internazionale perché
Sì si voglia un pochino perché abbiamo ritardato sino ad oggi si vuole si voglia anche perché vogliamo comprimere il
Lo sviluppo il Progetto nel più breve tempo possibile questo il numero di documenti verranno prodotti ogni anno
E non ha molti pari diciamo in termini di percentuale di popolazione raggiunto ogni anno a livello europeo
La produzione di questo tipo
Quindi ma questo
Impone alle nostre due società ovviamente di essere impegnate sul territorio nazionale sui sistemi centrali del ministero all'interno
Presso
Le regioni con le quali abbiamo un'interlocuzione molto fattiva devo dire questo veramente un progetto di sistema perché ha coinvolto non solo le amministrazioni centrali
Ma anche soprattutto il il sistema regionale nel suo complesso e che il sistema regionale oggi quello che gestisce la carta regionale dei servizi diciamo quindi nelle regioni dove è già stata emessa
Abbiamo dovuto cercare e trovare l'abbiamo fatto un punto di compromesso
Per quello che riguarda per esempio il tema delle specifiche e qui chiudo dicendo che per quello che riguarda l'interfaccia contatti essi in particolare
Noi e quindi Italia diciamo a questo punto sta facendo un lavoro
Molto impegnativo ma estremamente sfidante secondo me molto innovativo cioè stiamo sostanzialmente in questo momento riscrivendo scrivendo le specifiche per l'interfaccia contatti messa
E quindi
Questa interfaccia dovrà essere nelle condizioni di fornire autenticazione
Firma digitale eccetera quindi diciamo e altri servizi quindi un
Un altro se vogliamo cambio a
Epocale perché
Diciamo è un po'in rifacimento del della CNS di tanti anni fa lo stiamo facendo su un'interfaccia conta presa adottando delle specifiche internazionali
Ma datando nel caso italiano che è un caso veramente molto particolare da questo punto di vista quindi la carta che uscirà sarà una carta compatibile diciamo verso il il passato il presente predisposta per il futuro
E e questo ci fa capire un altro tema cioè che
In realtà il Paese non ha abbandonato il tema dell'innovazione tecnologica le carte noi produrremo sono carte dove sicuramente le singole componenti sono in larga parte prodotte anche da multinazionali perché microchip
Sappiamo essere una una un prodotto diciamo che viene prodotto in di alcune
Grandi realtà soprattutto europee per quello che ci riguarda
Però leggevo ieri diciamo il fatto che sempre lato del commissario che deve essere a ha affermato il fatto che questo del microchip elettronico è un da un'industria
Vera e propria nella quale diciamo saranno riversati circa cento miliardi di investimenti nei prossimi dieci anni
Quindi questa componente che noi mettiamo sul di Duke è una componente ad altissima tecnologia molto flessibile molto capacità attiva per cui diciamo entreranno diciamo qui all'interno molti servizi molto veloce perché c'è un tema ovviamente di prestazione
Il tutto assemblato sullo stesso supporto dove c'è anche un microchip contatti che è un'altra delle sfide perché ovviamente la curabili dati questo supporto diciamo dovrà essere garantita
Volevo solo aggiungere perché poi nella
Nel così nell'entusiasmo due presentazione ci siamo dimenticati di dire del documento elettronico sarà gratuito
Quindi la legge ha previsto che la legge originaria quella del due mila undici del documento sarà obbligatorio gratuito quindi il cittadino non avrà diciamo oneri dall'acquisizione documentale che perché è obbligatoria una
L'unico onere che avrà saranno i diritti di segreteria che sono quelli che già oggi paga quando va a fare la carta d'identità i cinque euro e venticinque centesimi
Che sono però diritti di segreteria che rimangono poi al Comune non sono diciamo quindi incassate allo Stato mentre tutto il resto del sistema di
E di cui abbiamo parlato di infrastruttura di produzione di trasmissione dei dati verrà realizzato praticamente con
Con fondi pubblici
E adeguato forse il caso anche di ringraziare davvero del il il Ministero dell'interno il Ministero della funzione pubblica che hanno dato un grosso impulso a questo progetto quindi hanno io mi mi tolgo
Qualunque merito
Da da così operaio della dell'informatica ma il merito decisamente è stato quello di del Ministero dell'interno che e della funzione pubblica che hanno veramente
Alla fine dato un impulso insieme al Ministero dell'economia ovviamente crea poi gestito il processo anche normativo di raccordo
Per arrivare alla all'obiettivo insomma stiamo realizzando
Grazie Ciano domando urgente mi hanno fatto
Domando avente giusto allora anche in questo caso sono state previste diverse opzioni nel senso che c'è un'opzione Standard per cui il cittadino dopo essersi prenotato perché
Va gestito il flusso ovviamente va al Comune lascia diciamo i propri dati quindi anche quelli biometrici compie la richiesta
Dopodiché il documento in questo caso Standard viene rinviato presso il Comune
Il tutto diciamo la legge che in oggetto appunto di approvazione in questi giorni la fissa entro dieci giorni quindi il concittadino entro dieci giorni a presso il Comune il suo documento unificato
C'è una modalità e questo è tutto gratuito c'è invece una modalità di recapito presso o il domicilio o qualunque altro indirizzo cittadino decideva di segnalare presso il Comune quando fa la richiesta
Questo è a suo carico diciamo così però ha dei costi abbastanza relativi perché sono legati sostanzialmente al anch'alla spedizione di una raccomandata quindi in pratica con pochi euro si può ricevere il proprio documento a casa
Sono state diciamo previste anche dell'iscrizione di urgenza per cui il termine a questo punto minimo che siamo in grado di raggiungere dal momento che la richiesta è di tre giorni qui in tre giorni se uno vuole pagando anche pochi euro lo riceve a casa
Va bene
Ci sono solo sei sono state previste delle postazioni anche qui mobili diciamo usando anche la la normativa diciamo che che già consente di fare questo
Più piccole sì
Sì se tutti tutti i Comuni d'Italia sono stati previsti
No se posso nostro domande urgente no lo sa ed è una cosa che
La centralità della piattaforma sull'approccio plaudo come vogliamo chiamarlo
Consente di aprire con questo tipo di servizi dove sono abituato il settore privato un po'meno nel pubblico cioè io posso chiedere
La carta insita in un qualunque comune enti possa chiedere che mi si sia recapitata presso il mio indirizzo quindi se sono fuori per motivi di lavoro per tutti
Di di di di viaggio di vacanza posso chiedere un Comune si è parlato avvertita di la carta d'identità e chiedere che mia sia consegnata dall'altra parte quindi teniamo conto che
Cambia completamente modello rispetto la struttura attuale
C'è una domanda
Vogliamo farlo adesso la farò dopo io per me è uguale però come
Quella farlo adesso va be
Perfetto
Ma la sera a tutti era una domanda sul contatti lessa ed è questa siccome anche gli istituti bancari carte di credito si sta muovendo su questo campo nell'era né con
Mi affido Michele son volevo sapere se le tecnologie
Utilizzati saranno simili le stesse cose anche in questo caso si sta muovendo
Su protocolli differenti
Allora questo del settore bancario un settore diciamo un tema un po'po'delicato ma semplicemente perché a dei suoi Standard diciamo che sono già ampiamente INVALSI no diciamo quindi parliamo per esempio di Standard da
Mastercard visa eccetera questi che vengono utilizzate verranno implementati anche su carte complessa diciamo così che noi quello che stiamo predisponendo come piattaforma senza contatti è comunque una piattaforma che sarà in grado
Di dialogare o di accogliere presente delle atlete
Anche posti su Anzio qui questo vuol dire che se mai per esempio si dovessero raggiungere in questo adesso non è in maggioranza potrebbe essere sempre possibile un accordo con
Il mondo bancario queste carte perché già così in altri Paesi europei
Potrebbero essere utilizzati per fornire cioè per dare l'autenticazione all'utilizzo poi
Di transazioni bancario anche presso per esempio l'Atm SPD si tratta veramente di effettuare il riconoscimento
Per esempio biometrico del di chi sta effettuando un prelievo quindi la risposta è sicuramente sì oggi non ci si sta lavorando semplicemente perché e questo diciamo delle carte bancarie un settore già molto maturo però nulla lo esclude nel futuro
Se non sbaglio c'è una domanda
No
Buonasera senta la è stato elencato un elenco di servizi fondamentalmente ti senti tipo associarla aggiungo
Per la cronaca perché il settore di cui mi occupo
Che registro questi strumenti vengono molto utilizzati anche nella mondo delle imprese
Insomma già da tempo ce ne sono già tanti che avvengano in tempi Rizzati c'è solo un problema
I servizi che attualmente ci sono anche in base alla normativa la normativa vigente sfruttano
Contestualmente sia
Le funzionalità di identificazione tonica sia le funzionalità di firma digitale
Io so che il Documento Unico contempla soltanto gli elementi per l'identificazione
E so che c'è un articolo della norma che definisce il documento unico che vieta l'emissione di altre carte di identità altre lettere CNS
Se sia in possesso per la carta d'identità Elettronica chiamiamola così
Questo potrebbe portare diciamo una serie di
Inconvenienti quanto meno nell'utilizzo di una serie di servizi che non sono trascurabili
E peraltro non capisco il motivo della non possibile coesistenza di una carta nazione di servizi da considerare come
Carta operativa con il documento identificazione
Allora in realtà
Devo correggere diciamo una di queste affermazioni nel senso che il Documento unificato nell'interfaccia contatti contiene la CNS
Per cui la CNS già a bordo del documento edificato interfaccia conta tre sì invece contiene almeno le funzionalità di identificazione autenticazione e firma
Adesso fra l'altro nei giorni scorsi è stato approvato un regolamento tecnico sulla scena sulla firma elettronica avanzata noi siamo già predisposti quindi all'utilizzo sia della firma
Digitale che non sarà obbligatorio evidentemente ma dopo il documento dedicato e compatibile con la firma digitale
Che con la firma elettronica avanzata quindi il il motivo del divieto diciamo di assegnare allo stesso cittadino un altro documento di identità
è per evitare il proliferare diciamo i documenti ventitré elettronici il motivo per cui si chiama Documento unificato e anche perché vuole ridurre il numero di documenti che sono assegnati al singolo cittadino
Quindi da un punto di vista tecnologico quello che stavo far diciamo stava affermando prima sulle specifiche quello che stiamo facendo è
Sull'interfaccia contatti passare alla crittografia due mila e quarantotto perché questo è un tema anche questo diciamo di
Ultima attualità
E sull'interfaccia conta tre scrivere le specifiche perché non ci sono ovviamente partendo però da standard europei
Di più non voglio dire diciamo perché vedete il gruppo di lavoro ci sta lavorando in in queste ore però quando sarà diffuso questo documento sarà in condizioni di essere utilizzato sia sui sistemi attuali che di sviluppare diciamo nuove interfacce
Per le funzionalità che ho detto ovviamente
Scusate rispetto al progetto originario CE
Volevo sapere che fine hanno fatto appunto la firma digitale e la monetica che era a bordo della CIA
Perché per alcuni comparti sono essenziali queste cose nel senso che occupandomi di sanità presento un consenso informato richiede una firma digitale la tematizzazione di un documento richiede una firma digitale
Il la potenzialità di pagare con tracciabilità tipo F ventiquattro commento documento digitale richiede la monetica a bordo
Poi volevo sapere un'altra cosa il discorso del PIN in busta cieca che viaggiava insieme di aggiunto ma congiunto in qualche modo alla CE che fine fanno alla consegna l'attivazione della scia finale che fine farà la consegna
Grazie sono tutte domande che sono state affrontate ovviamente nel progetto sono state anche risolte per quello riguarda la firma ho già detto diciamo quindi la firma digitale a richiesta del cittadino potrà essere utilizzabile anche se a pochi giorni dall'approvazione del regolamento sulla SEA onestamente
Non
Credo diciamo che da da questo punto di vista tutto il sistema sia per cambiare quindi comunque questo documento è compatibile diciamo ho detto verso il passato e verso il futuro
L'autenticazione e l'utilizzo di sistemi di firma attraverso il documento di citare unificato è garantito
Per quello che riguarda il
Il tema del Pina diciamo
Fa parte del delle dei dettagli del del del Progetto evidentemente comunque
Il cittadino avrà a disposizione una un portalettere tramite il quale
Potrà a vere diciamo la il completamento del piene del PUC della cartelli arriveranno per metà comunque con la lettera di accompagnamento del documento edificare a casa Documento unificato a casa
Dopodiché attraverso questo portale diciamo che è un primo nucleo ovviamente di servizio che si dà al cittadino cittadino per esempio potrà seguire
Lo stato della produzione diciamo della del proprio documento di tale unificato quindi tracciare per esempio fino
Alla alla consegna casa diciamo o presso il comune lo stesso documento unificato quindi il PIN verrà ricondotto coi tramite l'accesso
A questo sistema centrale web
Per quello che riguarda l'attivazione
è bene ripetere quello che abbiamo detto prima cioè rispetto al progetto attuale la sulla carta identità elettronica sperimentare dove la personalizzazione viene fatta presso i centosessanta Comuni cioè ogni Comune ha la sua stampante
E prende un supporto vergine e ci stampa sopra diciamo i dati del cittadino il Documento unificato esce già personalizzato e quindi anche attivo da questo punto di vista perché in ogni caso non è utilizzabile da nessun altro è chiaro che
Abbiamo assicurato abbiamo messo in piedi misure di sicurezza tali che assicurano la tracciabilità del singolo supporto fino alla consegna a mano
E che quindi diciamo uno un eventuale smarrimento diciamo porterebbe come necessaria conseguenza quella dell'annullamento né la disattivazione di questa carta quindi crediamo di aver immaginato tutto quello che può succedere chiaramente ci saranno delle eccezioni saranno gestite
Buona sera
Volevo chiedere se sarà presente la banda lettura ottica
No abbiamo abolito tutte le bande diciamo crescono da questa documentabili abbia ovviamente sia quella ottica che che che che quella magnetica diciamo così no la banda ottica non lo fa più parte di questo di questo supporto
è un'esperienza che è stata fatta non
Nel passato e tuttora diciamo l'ICI e sperimentali che vengono emesse sappiamo che quel supporto a tutta una serie di problematiche che sono legate alla durata della Carta diciamo ci siamo passati molto rapidamente questa è la carta e dura dieci anni
Per il per il cittadino italiano quindi
Gli elementi diciamo di sicurezza che sono a bordo della del supporto devono essere completamente integrati il processo di produzione di una carta di questo tipo un processo lungo
è vero che in poche ore diciamo viene viene prodotto ma siccome diciamo viene sostanzialmente trattato a strati perché si comincia praticamente al policarbonato grezzo
Del quale poi si producono delle lamine quei mano mano che vengono assemblati questi strati documento il gli eventi sicurezza vengono inseriti all'interno
Tutti gli elementi che come la banda ottica erano sopra impressi in pratica cioè attaccati in maniera un po'posticcia poi su sul supporto sono stati comunque Linate quindi
Il il supporto e un supporto assolutamente più solido rispetto al passato
Sì buonasera libero Marconi mi permetto una domanda un pochino più volte che mi ha visto che sono state fatte delle domande abbastanza tecniche
Credo che siamo al quarto Giron di un tentativo di missione di uno strumento identità castrazione servizi firma digitale e quant'altro
Avete esaminato la problematica relativa alle componenti che poi dovrà utilizzare per meglio dire dotarsi il cittadino per effettivamente utilizzare questo fattispecie direttore liberi e quant'altro
Perché e le diverse esperienze è stato già visto peraltro cito Progetto CNS dovrà tecnologia contatto verso ancora nel due mila cinque Fujan prodotta della componente di identificazione furono anche
Esperite tutte quante le varie tecnologie adatte a verificare anche la tracciabilità distanza quindi al Proxy medio-alto
Grazie
All'interazione avviene con dei lettori diciamo quindi l'utilizzo viene garantito che l'interfaccia contatti con il Rettore ha contatti che sono già ampiamente disponibile o diffusi nelle regioni che hanno già diffuso la carta regionale con questa tecnologia
E quello che riguarda i lettori contatti lesse o Edward Interface perché poi ci sono anche lettori diciamo che leggono le due interfacce
è chiaro che siamo in una fase dove in Italia questo tipo di letture ancora non essendo diffuso ABI con prezzi diciamo costi unitari che sono elevati quello che immaginiamo ovviamente che anche
Dialogando ovviamente con con i produttori
Lettori con interfaccia contatta l'Est nei prossimi anni diciamo diventino molto più economici
La cosa da a sottolineare che questo progetto nasce con una tecnologia doppia contatti conta tre se all'inizio esattamente per evitare problematiche concittadini che non abbiano già una dotazione o che se ne debbano mutare diciamo quindi non
Infliggere dei costi così eccessivi da questo punto di vista
è immaginabile però non abbiamo stabilito quando se non abbiamo comunque invece fissato un periodo minimo per tenere l'interfaccia contatti un domani la carta diventi completamente contatti Vespa non parliamo né di domani né di dopodomani
Parliamo di alcuni anni
Per andare nella direzione poi Presa diciamo da altri Paesi come la Germania per esempio che la carta solamente contro Peres ma non è questo diciamo il tema del del domani in ogni caso quindici tre ore dovrà essere sempre semplificati nelle loro attività di utilizzo di questo sistema
Come
L'élite
Le liti certe ma no ma questo è un tema vero
Le librerie
Cioè
Assolutamente
Cioè ceno questo è vero
Le librerie saranno tutte li state diciamo su
Spazi web che saranno accessibili
O comunque in ogni caso diciamo che si arriverà a a una standardizzazione anche del dell'interfacciamento della carta con il lettore
Questo io credo che in alcune regioni è già un tema nel senso che già oggi le librerie dello devono essere aggiornate mantenute e diciamo questo deve essere fatto per tutti quelli che forniscono lettori mila contatti per esempio è un tema ma credo che si possa tranquillamente gestire comunque
Dobbiamo gestirlo sicuramente sì
Scusate se siete d'accordo non ci sono altre domande urgentissima io passerei continuare con gli interventi eventualmente dagli veramente anche nuove domande
Quindi lascio la parola Antonella Galdi risultante dell'ANCI perché somma sono molto curioso di vedere il punto di vista del comunichi
Alla fine stanno al centro di questo processo sono titolare dei dati
Devo riconoscere noi cittadini insomma dopo un ruolo particolarmente importante grazie
Grazie Paolo otterrà la parola e grazie a voi per la presenza qui a questo convegno
Indubbiamente i Comuni rappresentano un soggette importante parlando di identità digitale parlando di anagrafe immediatamente il pensiero va al Comune il soggetto che in qualche modo seppur ora
In qualità di soggetto delegato quali poiché la funzioni o comunque è una funzione delegata del Sindaco
L'esercizio quindi delle funzioni di ufficiale di anagrafe ma rientra tra quelle che sono fai propriamente riconosciute come le funzioni in qualche modo che identificano il Comune nel rapporto con il cittadino
Banale a dirsi ma chiunque il primo approccio che ha rispetto a tutti i percorsi della propria
Vita si interfacciati dal primo momento con in cui gli uffici dell'anagrafe che sono quelli che registrano tutte le tappe della vita
Di ogni singola persona e quindi rappresenta in qualche modo l'ufficio
Pubblico a livello locale che è più a contatto con i cittadini perché eroga questa prima
Attività appunto Santi di iscrizione presento all'anagrafe appena una una persona viene al mondo
E poi ovviamente lo si rimaneva ripercorre i percorsi della vita ovvio che nell'arco di questi anni il rapporto
Con all'interno dell'ufficio anagrafe col Comune è diventato un rapporto evoluto che ha sia il rapporto quindi con il cittadino utente
Poi ovviamente l'utilizzo di questa di questi strumenti perché possano essere integrati all'interno dell'amministrazione terra poter consentire
La il rilascio di servizi evoluti sia in termini diciamo di e-government interni di efficientamento della macchina pubblica sia in servizi evoluti in favore dei cittadini
Quindi parlare di comuni e di identità digitale realmente un mentre necessario di confronto questo convegno in qualche modo evidenziato
Esigenza seppure dagli interventi che in qualche modo
Sono stati
Sviluppati fino ad oggi l'approccio che è stato utilizzato è stato sempre quello
Anche parlando l'ultimo intervento mi rimane quindi rinnego al all'intervento del dottor Fortunato che dice che lui sono tre anni che si occupa
Che esso che si sta occupando di questo progetto
Io o con altre persone presenti in sala e sono molti anni che ci occupiamo stretti questo progetto e quindi effettivamente lei è più fortunato il punto si è di nome che nel fatto di doversi quindi occupare oggi di un progetto che in qualche modo non risente del peso del passato parare del peso del passato perché
Realtà ai Comuni
Hanno
Ormai punto negli anni Novanta costo questa era una sfida perché
Oggi sembra tutto molto più semplicemente
La legge sono andate avanti c'è una grande disponibilità anche a livello locale una conoscenza cosa che
Cari
Vent'anni fa non non era propriamente così
Però i Comuni si sono confrontati con lo strumento carte di identità
Digitale con entusiasmo quindi non solo nella fase di rilascio del documento di stampa con problemi enormi nella stampa del documento le foto si bruciavano la raccolta dei dati era una cosa complicatissima
E poi anche non solo nel rilascio del documento ma un lavoro che stava dietro legato ai servizi e
Nei servizi che lei lo strato giustamente ha dato un un taglio propriamente dei servizi che possono essere erogati nel rapporto con le amministrazioni centrali a livello centrale ma esistono tutta una serie di servizi importantissimi
Per e i cittadini è che sono quelli che invece vengono rilasciati a livello locale che poggiano proprio su l'interoperabilità
All'interno della pubblica amministrazione locale di propri delle proprie banche dati e che consentono quindi di poter rilasciare i servizi ancor più interessanti seppure significativi quelli da lei presentati credo che a livello locale ci sia un patrimonio da teneri in considerazione pertanto ci piacerebbe dopo il confronto che è stato fatto con le Regioni poter a avere un confronto diretto per raccontare quello che i comuni hanno fatto nel passato in alcuni casi stanno che facendo
è chiaro che la spinta
C'è stata una periodo iniziale rispetto all'attenzione a questi temi a livello locale
Nell'arco degli anni è andata via via un po'diminuendo anche perché i Comuni sono stati in qualche modo un po'abbandonati
Con una diciamo non chiara governance a livello centrale
E Comuni che avevano appunto iniziato questo percorso sono ritornare indietro a punta a ripresentare il documento cartaceo perché veramente non avevano più i supporti che non venivano inviati non c'era chiarezza su
Qual era poi il processo dove si sarebbe
Arrivati e in alcuni casi si era portato addirittura la chiusura definitiva di questo progetto e quindi con piacere credo che
Registriamo invece
Un nuovo a una nuova voglia di investire ovviamente il contributo che possiamo dare anche quello patire accogliere gli aspetti positivi anche le criticità
Che nel corso di questi anni si sono registrati
Onde appunto fare in modo che questo sistema che questo nuovo documento abbienti insomma di tutte le potenzialità per superare gli ostacoli che forse negli anni passati sono già state oggetto di confronto a livello locale in qualche modo quindi
A trovare delle soluzioni più
Adeguate visto che siamo ancora nella fase di definizione degli impianti e quindi
Percorso non è ancora completato ma io non volevo occuparmi tanto del documento
Unificato perché
In qualche modo segue quello che è un passaggio a mio avviso in questo momento determinante che è quello del passaggio dal sistema INA Saia
Ai tre
A lei né PR e a mio avviso questo è il vero nodo un passaggio in qualche modo epocale
Per l'amministrazione locale io vorrei
Raccontarvi un po'
Una sotto forma di aneddoto quello che è avvenuto I tavoli dell'Agenda digitale voi sapete che questa
Articolo due
La norma è stato frutto anche di una negoziazione che per diversi mesi ha visto
I Comuni le Regioni le amministrazioni centrali tutte quelle che erano chiamate poi a definire contenuti
Del decreto in crescita a due punto zero in un confronto all'interno di diversi tavoli tematici e il tavolo appunto che si occupava tra l'altro c.d. volgarmente in particolare anche di anagrafe si era in qualche modo
Avviato sulla una strada che portava a dire bene abbiamo in assai diamo sistema nato anche questo
Attivo così come fino ad oggi dal Duemila che aveva necessità di essere aggiornato
Di avere nuove funzionalità perché ovviamente se ne sentiva l'esigenza erano state apportate alcune modifiche come ha detto Paolo
Rispetto al cambio di residenza in tempo reale però ovviamente c'erano altre funzionalità che erano importanti introdurre anche proprio per garantire una maggior interoperabilità del sistema stesso
è
Chiaramente voi oggi più Ministero dell'interno non è presente però
I tavoli sono sempre abbastanza complesse con il Ministero dell'interno perché ovviamente la preoccupazione forte rispetto alla sicurezza
Rappresenta per il Ministero dell'interno uno dei temi molto importanti da tenere in considerazione quindi grande attenzione alle volte si faceva qualche cambiamento normativo per poter verrà essere sicuri comunque
Rispetto a questi dati che sono dati rilevanti e dall'altra parte infatti era proprio
Diciamo l'indicazione che il legislatore in particolare il Garante aveva dato il momento per stata costituita appunto nella nel due mila è il Regolamento dell'Ina quello proprio di dire no questi dati sono dati che non possono risiedere all'interno di
Una grande database ma devono rimanere a livello locale e lì quindi l'indice questo era un puntatore che poteva in qualche modo darci
L'indicazione di informazione che poteva quindi Assirelli recuperato dal centro ma i dati dovevano rimanere a livello locale e questo per un'indicazione forte data dal Garante nette
Tempi sono cambiati gli strumenti che oggi abbiamo a disposizione offrono
Altre potenzialità e io ci siamo trovati un certo punto abbiamo lavorato stava dicendo ma messe potenziamo Rina fare per lavoriamo in Padania
Non ce la siamo trovati in una norma completamente diverso all'improvviso ad un tavolo o no quest'cancellata telaio se non ci sono più perché di fatto la norma prevede il subentro
Anagrafe locali dell'n PR questa vedete immaginare il soprassalto dei rappresentanti di comuni al tavolo
Ma come adesso qui finisce tutto come di non le anagrafe che in qualche modo identificata come una delle funzioni fondamentali
Per i Comuni non abbiamo più l'anagrafe no ovviamente
Come tutte le cose
Quando uno è abituato ad un ragionamento deve in qualche modo invece sforzarsi capire di che cosa quali sono le potenzialità e quindi a
Tavolo ci siamo seduti la volta successiva cercando invece di cogliere quelli che potevano essere gli aspetti positivi di questo cambiamento e che ovviamente
Mi positivi ovviamente ce ne sono molti
Anche perché io questo il sistema aveva in sé come ho detto in fase iniziale dei necessita di essere aggiornato potenziato proprio per garantire una maggiore interoperabilità e quindi uno scambio di informazioni tra
It le diverse amministrazioni centrali regionali anche in convenzione con altri soggetti terzi perché il dato ovviamente un dato importante per la gestione tutta una serie di servizi
E dall'altra parte anche a livello locale poter RAI in qualche modo
Garantire ai Comuni tipo terra gestire questo sistemi anagrafici con maggior serenità sicurezza e e poter in qualche modo comunque continuare a garantire
Il servizio con i tempi e le modalità perlomeno quelle attualmente disponibili è chiaro che il passaggio da un'anagrafe locale ad un
Lavoro che deve essere fatta a livello locale anzi di raccolta dei dati per poi essere trasmessi a livello centrale senza più poter avere perché la norma è molto chiara e dire che non esiste più un'anagrafe a livello locale non da subito
Perché articolo la norma seppur
Definendo solo di principi comunque ci dice che ci sarà un processo graduale di dismissione però mi arriveremo ovviamente alla dismissione dell'anagrafe
Ebbene la dismissione dell'anagrafe contestualmente ci deve portare ad avere una grande connettività a livello locale per poter garantire questo collegamento a livello di
Comune con quella che sarà il
Il servizio a livello centrale conto sarà erogato attraverso un sistema tra l'altro
Un lavoro importante lavori importanti in termini di architettura che cambia radicalmente
Un lavoro importante che ha dei tempi dei tanti anche probabilmente dei costi consistenti e qui ovviamente la prima
Perplessità o più forte
Al di là del fatto del la norma garantisce che la titolarità del dato rimane a livello
Locale nel senso che il Comune rimane titolare dei dati il Comune può continuare ad erogare Gest lire utilizzare quei dati per erogare i servizi a livello locale quindi su questo la norma ci dà serenità altre spettro che però
Non è
Propriamente sviluppato quello sui costi
Un sistema di questo genere potrebbe
A bere dei costi aggiuntivi per le amministrazioni comunali perché perché ovviamente il dato non è solamente il caricare di dei dati
Ma poi l'utilizzo che a livello locale tunnel fai i comuni italiani sono tanti
Non vi nego che degli otto mila e cento Comuni ce ne sono alcuni che non utilizzavano neanche Lina che quindi non erano allineate ma erano piccoli era una minoranza
C'è un bel nucleo ma stanza consistente che utilizzare il sistema lo continua ad utilizzare
Comunque i dati utilizza integrando le altre basi dati che a livello locale
Per le attività di controllo e quindi per le attività legate ai più diciamo la parte back office per attività legate ai servizi che si danno ai cittadini niente rispetto ai gli eventuali benefici fiscali e quindi integrazioni quali servizi Wi-Fi
Con il rapporto con la municipio la polizia municipale che ovviamente con dei propri
Strumenti nel momento in cui si trova appunto ad operare ha indebitamente il collegamento per sapere chi ha di fronte
Ciò ci sono tutta una serie di attività e dietro queste attività degli applicativi degli investimenti fatti che vanno in qualche modo salvaguardati che sono
Tanti ovviamente sviluppati sapendo che sistema anagrafico venti ogni Comune arriva un proprio proprio gestore
Soffriamo bus poggiava a livello regionale e locale comunque aveva
Un proprio rapporto con un soggetto terzo o in Aus
Che gestiva organizzava questi servizi che li rendeva interoperabile interno dell'Amministrazione recentemente oggi poi cambia qualche cosa nel cambiare qualche cosa la nostra preoccupazione è quella che non ci siano poi
Costi
Che in qualche modo dopo le amministrazioni comunali dovranno si vogliono continuare potere erogare
Qui tipi quella tipologia di servizi dover poi farsi carico anche perché dall'altra parte invece c'era dall'Anansie addirittura noi eliminiamo
La possibilità per il Comune di inserire sospese per ICT legate alla gestione dei servizi anagrafici atti perché se del resto che facciamo tutti dal centro
Non c'è ragione perché ci possano essere costi in questo senso tenute a livello locale così a nostro avviso probabilmente non è e quindi bene
Lavorare e questo sarà il lavoro che ci vedrà insieme alle amministrazioni centrali al tavolo
Del Ministero dell'interno nella definizione di quelli che sono i
Dei crediti i regolamenti che
Dopo urlanti previsti nella norma primaria andranno a definire nel dettaglio i passaggi successivi per l'implementazione dell'Anp R.
Accanto quindi a un piano di dismissione graduale all'attenzione ai costi c'è anche un'attenzione spetta la formazione del personale a livello locale perché
Noi parliamo di operatori
Distribuiti neppure un numero consistente aria fino ad oggi erano abituati a lavorare in un certo modo necessario pensare anche delle misure di accompagnamento rispetto a una modalità diversa
Sì come non sarà necessario
Terra la raccolta dei dati la ridistribuzione del documento unico anche questo veramente sono attività onerose
La norma non prevede nessun tipo di copertura
Se non
Per la definizione di quello che sarà l'infrastruttura centrale
Quindi è bene nel momento in cui andremo
Fare in tutti i passaggi successivi a definire di al meglio come questa che salutiamo comuni innovazione questa innovazione possa essere di fatto un qualche cosa che semplifica la vita
A livello locale semplifica e migliorare la qualità dei servizi per i cittadini
Garantisce forse una maggiore potenzialità anche nel rapporto con soggetti terzi pensiamo al settore privato che in qualche modo può essere un su un interlocutore importante
Fermo restando insomma discorso legato alle Sica spezzare l'identità ma ci sono tutta una serie di servizi che possono essere devono a mio avviso essere
Analizzati con grande attenzione che
Questa nuovo infrastruttura può consentirci di erogare
Credo che da parte
Dell'Anci cioè c'è stata e
Ci sarà stante la disponibilità ad un confronto aperto
Tenendo conto però delle specificità
Io credo ed è un passaggio che è stato fatto legato alla
L'utilità della centralizzazione perché garanzia per l'interoperabilità io su questo non mi trovo tantissimo un sistema può essere interoperabile anche se non centralizzato
Su questo io credo che dobbiamo tenerne conto cioè garantire sì l'interoperabilità dei sistemi in questo caso solenne Pierre è stata fatta una forte scelta di centralizzazione che può avere una sua validità ma
Non darei per scontato che per essere funzionale efficace interoperabile un sistema debba avere esclusivamente un'impostazione centrale anzi io credo che a livello locale si possono dare servizi di qualità garantendo l'interoperabilità insisterà ma distribuito grazie
Grazie può non so se magari in un passaggio successivo magari si può trattare il tema della progettazione
L'attenzione che la progettualità potrà dare a questi temi sollevati da
Quantomeno
In tema di diciamo ridurre l'impatto per la parte interfacce soft sui Comuni di curare gli aspetti di formazione magari vediamo in chiusura sostituisce
Dire due parole anche su questi aspetti allora
Non ci sono domande urgenti quindi proseguire e
C'è una domanda urgentissima sistemiamo
Ha ampiamente
Ma io
Nanni io su queste ovviamente non stava parlando integralisti servizi che mancano già di fatto è
Gestite a livello locale Pagliarani servizi evoluti di donne che alcuni Comuni avevano sviluppato
è evidente che c'è una preoccupazione anche per tutto
Quel che riguarda punta tutta la parte legata al state civile e Abn sicché si appuntano intranet su questa
No no assolutamente no su questo siamo perfettamente d'accordo governi non l'aveva citate perché nell'anno ha sede presso l'Italia che è legata
Iraniana scusate va chiarito che il l'Anp R. è istituita presso il Ministero dell'interno
Cioè l'anagrafe nazionale la popolazione residente eh di proprietà del Ministero dell'interno il titolare è il Ministero dell'interno quindi per quanto riguarda i servizi demografici
Elettorali come oggi
Continua a essere il Ministero dell'interno che gestisce poi mi pare che il mondo stia evolvendo verso
Un un sistema per cui al di là della titolarità la gestione centrale come è accaduto
Trent'anni fa con l'energia elettrica primaverile oggi o si produceva dove si consumava oggi energia si produce in grandi centrali da mille cinquecento megawatt
I democratici di altissime comuni sono una ditta che produce soffre per comune
Già nel due mila tre mi sono sentito dire che
Entrava quindi sarebbe stata fatta nel giro di poco tempo
L'anagrafe unificata per ricordare che c'era si ricorda questo
Io posi la stessa domanda quindi da domani
Noi prepariamo ci prepariamo a
Disinvestire a un tempo di passaggio che cosa
Quali sono i metodi con i quali si passerà dall'attuale gestione a quella che lei
Auspica tenga presente che noi già per l'Ina Saia
Abbiamo spese
Lacrime di sangue per aggiornare la banca dati cerchia a spese del Comune
Ricominciamo questo passaggio per poi avere un termine preciso sapere quando dovremmo concludere il servizio dobbiamo pensare nel frattempo di portare avanti ad un ambedue le gestioni questa la domanda
Cioè
Secondo me non è il servizio valutate voi vediamo che c'è
Oppure lo diamo tutti e due par questo comporta un onere innanzitutto diciamo il servizio o lo diamo noi dobbiamo valutate voi è una scelta spetta mi pare al legislatore opinione ma è una scelta di Cannarsa Donzelli io
Fortunato
Il legislatore ha dato degli orientamenti che sono quelli
Che sono assolutamente coerenti con l'agenda digitale Agenda digitale sta affrontando il tema della centralizzazione con un tema
Di innovazione
A fronte di una di un tema invece della distribuzione evidentemente è un tema che è vero che le mantiene diciamo il un ambito di gestione locale quindi
Più diciamo come si può dire
Di immediata e diretta decisione perché ha deciso nel locale quindi lei dice dallo sviluppo del software viene deciso a livello locale viene fatto a livello locale
Qui stiamo parlando però di una banca dati dell'anagrafe nazionale quindi non vuol dire che poi non ci siano da fare sente applicazioni software
Per le quali peraltro tutte le società di software possono operare in libera concorrenza quindi su questo fronte sgombrare diciamo il campo a ogni tipo di
Attaccamento anche
Non non giustificato diciamo a un dominio nel senso che cambia il dominio ma lo sviluppo di software una cosa che nei Comuni si continuerà a fare
Io
Auguro diciamo da da da cittadino che comunque ci siano dei fenomeni di efficienza che vadano che tengano verso delle delle dinamiche dovrà anche lo sviluppo di software grazie il e soprattutto la fruibilità di questo software perché
Oggi magari lei più esperto di me vivendolo sul sul campo
Però magari due Comuni che sono dieci con dieci che ove l'istanza sviluppano due software sostanzialmente simili o magari identici come funzionalità e processi Trollo fanno ciascuno
Indipendentemente a livello diciamo di spesa consolidata se andiamo a vedere questo fenomeno non è un fenomeno virtuosa ma questo da cittadino ovviamente
Quindi io penso che l'agenda digitale è un po'anche su questi fenomeni che debba intervenire poiché utente giustamente lei dice ma non è che come dobbiamo riorganizzare
L'agenda digitale farà evolvere farà evolvere cioè il tema non è tanto quello
Il tema è che sui servizi nel momento in cui si aprirà il mercato dei servizi come sono stati prima descritti su quei servizi si apriranno orizzonti che a quel punto daranno posti di lavoro e sviluppo economico perché questo diventerà un'industria tutti gli affetti questo è il penso una cosa che interessa tutti
Allora grazie proseguiamo con
Pensiamo che interventi abbiamo il tuttora Garrisi che è membro del consiglio direttivo diano orca
Allora buonasera a tutti brevemente poter spendere solo due parole
Sull'associazione che oggi qui rappresento
Ovvero
Allorché
L'Associazione nazionale per l'operato dei responsabili della conservazione digitale
Sostanzialmente sia occupa e si fa portavoce degli interessi degli operatori di coloro i quali operano nel campo della digitalizzazione documentale e che
Diciamo quotidianamente
Si preoccupano di gestire in maniera corretta i processi di conservazione
Strettamente legata a voi a questa questa associazione hanno offerto
C'è un'altra associazione che io anche qui rappresento oggi vengo qui duplice veste che abilmente abilmente nasce sotto l'albero diano alcol quello perché a differenza diano alcune si fa portavoce invece degli interessi dei responsabili del trattamento dei dati personali
Sappiamo benissimo che
Responsabile la conservazione
Responsabile del trattamento dei sensi di una recente modifica che ha subito il Codice dell'amministrazione digitale devono cooperare in maniera molto stretta fra loro al fine di portare avanti gestire in maniera corretta proprio questi processi
Detto questo il mio intervento
Far altro che riporta alcune riflessioni su alcuni temi che già all'interno dell'associazione se ne sta discutendo
Saranno delle riflessioni anche un po'
Prego saliente ed nel senso
Avranno comunque delle dei riflessi che in qualche modo con la privacy
Dove la gestione di questo sistema unificato in sia digitale andrà in qualche modo di impattare
Guardate che comunque gli strumenti che già oggi il nostro Codice l'amministrazione digitale prevede al suo interno
Sono già
Presenti alcuni strumenti autenticazione digitale informatica
Sia nell'attuale prima versione del Codice del CAD CAM massa superata sia dalle successive leggi che sono entrate in vigore
Già nell'articolo uno si prevedeva che l'identità digitare fosse un mezzo che dovesse consentire l'accesso ai servizi della pubblica amministrazione attraverso utenti che azioni e autorizzazione
Ma se essa identificazione informatica di un soggetto avveniva del resto anche attraverso la validazione di insieme di dati che inserite all'interno di un
Processo dovrà essere gestito in maniera corretta
In qualche modo questi dati dovessero venire attribuiti in maniera
Esclusiva è
Chiaramente univoca a quel soggetto che si dichiarava essere
Quindi rapportandosi con terminale
Ora
La diffusione di questi servizi elezione delle piazze
Sono basati su transazioni che vengono effettuate vede quindi dare al cittadino la possibilità di soffrire in maniera sempre maggiore di servizi on line
E chiaramente per fare questo bisogna assicurarsi in maniera certa l'identità di quel soggetto che si interfaccia con due e questo diventa un requisito imprescindibile
I relatori che mi hanno preceduto hanno diciamo già descritto in maniera
Abbastanza dettagliata quelli che sono i nuovi strumenti che in qualche modo entra a far parte di questo
Sistema unificato di identità digitale
Io passo in rassegna
Questi strumenti sollevando magari alcune problematicità
In riferimento al documento digitale unificato che andrà a sostituire con abbiamo visto la carta identità elettroniche la tessera sanitaria
Egli accorpa
Bisogna rileva dire rilevare come effettivamente
Già in passato l'utilizzo di strumenti come la carta di iniziare tonica con la carta cioè di servizi mi affeziono abbiano poi preso piede all'interno del nostro
Del nostro Stato diciamo intero d'Italia perché
Perché forse erano strumenti sono stati poco diffusi c'è stata poca alfabetizzazione nei confronti dei cittadini
E questo ha comportato una conseguenza che l'utilizzazione di questi strumenti in gran parte rimasta inattuata
Veramente voi al al documento digitale unificato cedoline altra cosa
Proprio di recente
Il Garante della privacy ha dato il suo parere positivo con un provvedimento del trentuno gennaio del due mila e tredici
Con il quale ha di fatto espresso un parere
Favorevole all'utilizzo di questo strumento quindi all'unificazione di carta d'identità elettroniche tessera sanitaria tuttavia esprimendo delle riserve
Per le riserve dovute
Forse non tanto al fatto che dissi ancora una
Carenza in termini di misure organizzative di sicurezza
Quanto dovuto al fatto che ad oggi ancora mancano le regole tecniche quindi decreti attuativi che in qualche modo dovranno individuare le regole tecniche di produzione e distribuzione gestione supporto all'utilizzo del nuovo documento
Digitali unificato
E quindi questa riserva chiaramente non vuol dire una bocciatura da parte del Garante assolutamente ma sicuramente
Nel momento in cui avremo questi decreti attuativi il garante in qualche modo mi immagino che
Dovrà esprimere dire anche la sua dal punto di vista della riservatezza
Un'altra un altro aspetto molto importante riguarda il secondo di questi strumenti ovvero l'anagrafe nazionale della popolazione residente
Ora una delle modifiche più importanti che subito al CAD è proprio la nuova formulazione dell'articolo sessantadue sostanzialmente cosa ci dice questo articolo
Questo articolo
Istituisce la
L'anagrafe nazionale la popolazione residente è
Dico lo ricordo a tutti un articolo che essendo andato in Gazzetta Ufficiale ad oggi è norma di legge
A nonostante manchino anche qui i decreti di attuazione
Tuttavia dobbiamo considerare che questo come
Il citato documento digitale
Citato prima si vanno ad aggiungere un patrimonio normativo preesistente che in parte ha già affrontato queste tematiche
E se poi vogliamo essere un po'pignoli un attimino PdCI le nuove norme dovrebbero sempre evitare di creare confusione per non rischiare sulla quota delle regole nuove a vecchi provvedimenti o leggi già varate
Però spesso purtroppo l'Italia le cose non vanno in questo modo
Un ardore piuttosto che correggerlo
Si preferisce ripartire da zero ore introdurre nuovi strumenti
Faccio un esempio è stato sono state citate nuove regole tecniche sulla firma elettronica avanzata di recente emanazione
Po'curioso il fatto che all'interno di queste regole tecniche si parli ancora di carta d'identità elettronica e carta nazionale dei servizi non venga citato per esempio il
Documento digitale
Unificato quindi
Questo giusto una curiosità
Ancora evidentemente l'anagrafe nazionale
Vivo della contenenti un aneddoto mi faccio quindi
Portavoce di
Perché autorizzato raccontarvi una storiella
Una persona di mia conoscenza un po'di tempo fa pre un'amica che
Aveva l'abitudine di andare a delle feste ditta cosiddette Witt
Selezionando appositamente le feste laiche voleva andare in cerca di un marito chiaramente prima di individuare la
La preda predestinata prescelta ha bisogno di conosce una seria foto seria se le informazioni su queste persone
Allora
Questa persona di mia conoscenza sfruttando
Il una possibilità anche aveva lavorando all'interno della pubblica amministrazione e quindi avere accesso ad una determinata banca dati contenente una serie di informazioni
A seconda delle feste del persone che partecipavano dava delle dritte nodale che in quest'
Questa ragazza potesse indirizzare meglio le proprie
Diciamo scegliere meglio la propria la propria preda
Quel perché vi dico questo poi magari poi dopo alla fine ne terremo una morale
Su questo aneddoto simpatico
Il problema è che
Oggi qui la situazione
Diciamo l'argomento di cui stiamo discutendo genera dei profili di
Abbastanza problematici
Perché ha
All'inizio di questa grossa banca dati ovvero questa anagrafe nazionale la popolazione residente
Dovranno confluire tutta una serie di dati abbiamo visto come poi questa banca dati creandosi diciamo ponendo si convertono sportello voi per il cittadino quindi saranno asili informazioni sulla fiscali retributive previdenziali
Diciamo crea delle dei problemi di gestione i problemi in siti proprio nella natura di una grossa banca dati di notevoli dimensioni
Il problema è questo che nel mondo digitale
Se è un dato viene
Carpito in maniera fraudolenta magari
Viene realizzato un accesso abusivo non autorizzato nel mondo digitale generalmente non c'è una via di ritorno questo che vuol dire che
Se i dati ce l'hanno fregati
Ce li hanno pagati non ci possiamo fare più nulla
E questi dati possono essere
Dati personali comuni ma anche dati personali sensibili biometrici abbiamo visto
Dati che possono in qualche modo andare a rilevare quelle che sono quella che la personalità di un individuo
Immaginiamoci questa grossa banca dati come
Grosso calderone in cui
Io ci metto il mio dato anagrafico ma poi ricordiamoci che c'è il terzo punto
Degli strumenti a cui ovvero quello del domicilio informati quella legge mi dice che questo indico ed il domicilio informatico deve essere inserito all'interno dell'anagrafe nazionale e deve essere Seveso disponibile a tutte le pubbliche amministrazioni e gestori di pubblici servizi
Poi magari all'interno di questo calderone io ci metto anche il curriculum vitae perché magari per le esigenze del Ministero
Del lavoro può essere utile più tutta un'altra serie di dati
A questo punto emerge diciamo un
L'importanza di un emendamento che è stata fatto è stato apportato al nuovo articolo sessantadue popolo prima che fosse pubblicata in Gazzetta Ufficiale
Ovvero subito dopo la costituzione di questa anagrafe nazionale la popolazione residente
La parte finale del primo comma ci dice che tale base dei dati è sottoposta a uno dice di sicurezza con cadenza annuale in conformità delle regole tecniche di quell'articolo cinquantuno quindi diciamo
Ma il problema e questo che
Questa banca dati c'è esista
Serve quindi è è necessaria e di questo ce ne dobbiamo fare una ragione
Dopodiché però il problema è
Come faccio a sapere se guarda utilizzate in maniera sicura e come si coniugano poiché
Come si sposano soprattutto le esigenze di sicurezza con quelle di privacy riservatezza
Le regole di Odette sono la risposta abbiamo detto che ci devono essere perché sono uno dei principi cardine in materia di sicurezza e Dalton dello stesso articolo cinquantuno Tilocca proprio della sicurezza dei dati delle pubbliche amministrazioni
Richiamando quelli che sono i principi
No i principi
Secondo i quali le
I dati e le pubbliche amministrazioni devono garantirlo garantiscono l'esattezza la disponibilità l'accessibilità e l'integrità e la riservatezza dei dati sono questi dei requisiti di sicurezza generici che lo diventano molto attuali in relazione a questo articolo sessantadue
Del caldo
Addirittura le pubbliche amministrazioni hanno l'obbligo di aggiornare tempestivamente i dati nei propri archivi non appena vengano a conoscenza dell'esattezza degli stessi qui c'è anche un
Obbligo di intervento tempestivo per non andare a violare delle regole anche abbastanza già consolidate in materia di
Di privacy
I documenti informatici voi devono essere custodire controllati con modalità tali da ridurre al minimo i rischi di istruzione per l'accesso non autorizzato qui si richiama quindi un concetto di idoneità delle misure di sicurezza
Quindi
Quando parliamo di misure di sicurezza però di quell'articolo cinquantuno del CAD
Non parliamo solo delle regole e di sicurezza in ambito privacy ma
Ci si aspetta anche che ci si ispiri a delle norme tecniche Standard internazionali per la gestione del dato come le norme ISO ventisette mila ventisette mila euro
Che seppur non obbligatorie potrebbero comunque aiutare le pubbliche amministrazioni o chi dovrà gestire voi questa banca dati nel l'offerta di maggiori garanzie in termini di riservatezza di disponibilità ed integrità dei dati
Però
Prova a fare anche un po'
Il futurologo della situazione
Non vedo un futuro roseo neanche in questo senso perché
Perché immagino che
Anche da questo punto di vista avremo degli assestamenti zero conformi alla ISO ventisette mila euro che però saranno assolutamente inutili
Per quale motivo perché saranno magari degli assessment più di facciata in base al quale poi il
Garante privacy dovrà riferire al Parlamento
Di tutta questa serie di Orizio sono stati fatti
Torno tenendo presente però sulla forma che la sostanza
D'altronde immaginiamoci che
Se centinaia di milioni di record s'
Possa essere conservati all'interno di una chiavetta
Immaginiamoci che un domani chiunque di noi potrebbe avere nella tasca della giacca un un'anagrafe nazionale la popolazione residente se non vengono vispo
Se delle misure di sicurezza che in qualche modo controllino l'utilizzo che ne aveva fatto di questa grossa banca dati soprattutto dei soggetti che
Per il volo che ricoprono potranno avere un accesso potenziale a
Svariate informazione
Quindi la gestione della sicurezza nell'ambito
Dell'anagrafe nazionale la popolazione residente dovrebbe essere affrontata sotto due aspetti Mimun organizzativo e l'altra più strettamente legato
Alla sicurezza
In questo senso quello perché abbia parlato anche di assessment e di o di annuali che dovranno essere fatti riferitimi dell'autorità garante
Magari almeno quello che io auspico
Magari
Fanno riferimento anche a a come si sta evolvendo la privacy anche a livello europeo
D'altronde do sapete fosse un po'tutti a breve dovrà essere dovrebbe essere diciamo approvato il nuovo Regolamento davvero che andrà sostituire al Codice privacy
E da questo punto di vista ovvero quello del gas dell'assestamento qui dell'applicazione di misure di sicurezza si sta andando verso un concetto più riferito alla responsabilità verificabile ovvero la cosiddetta accountability
In questo modo tutti gli operatori che
A vario titolo concorreranno nella creazione manutenzione
L'utilizzo di questa banca dati saranno effettivamente diciamo controllati e in qualche modo responsabilizzati nell'utilizzo
Consapevole
Per fare questo però ci si augura che con le regole tecniche di prossima emanazione Khelifi evitando il funzionamento è sicuramente anche le misure di sicurezza
Dopo il vaglio che l'Autorità garante si riesca a trovare un
Equo bilanciamento di interessi fa chiaramente la protezione
Dei dati personali dei cittadini e la libera circolazione condivisione delle informazioni fra gli enti pubblici proprio per evitare che
Magari si possano ripresentare
Situazioni come quelle che vi ho descritto nell'aneddoto in precedenza
Perché quindi diciamo
Se in qualche modo
Fonte di responsabilizzazione
Quindi
A mio avviso bisognerà affinché questi assessment non sia assolutamente inutili bisogna
Privilegiare un concetto fondamentale ovvero la sostanza alla forma siete passati da un approccio formalmente regolare ad un approccio effettivamente conforme in termini di misura di sicurezza adottate
Quindi superare questa dicotomia dalla sostanza alla forma tenendo presente i problemi di extraterritorialità che questa grossa banca dati dovrà andare ad affrontare
E definendo una protezione dei dati personali ex ante qui non ex post quando magari
Il problema se già verificato
Detto questo l'ultimo punto che vuole affrontare con voi è quello relativo al domicilio digitale
Anche questa è un'alta norma formalmente importante perché dovrebbe facilitare diciamo la comunicazione falle Pubblica Amministrazione i cittadini
In tal senso quindi ogni cittadino dovrà potrà indicare un proprio domicilio informatico
Alla alla alla sua alla pubblica amministrazione e quindi anche un indirizzo di posta elettronica certificata essendo i Rizzo sarà inserito ma abbiamo detto nell'anagrafe nazionale della popolazione residente
Ora al di là dell'impatto emotivo che questo non la può suscitare permangono però numerosi dubbi anche
Circa la reale applicazione di questa procedura
Dico andiamoci infatti che il tentativo simile era stato fatto un po'di tempo fa quando era stata introdotta la oramai famosa cette PAC che molti di voi si ricorderanno
E che sarebbe appunto dovuta servire a facilitare i rapporti fra
Cittadini e pubblica amministrazione che però poi di fatto non ha mai portato ad un utilizzo massivo da parte della cittadinanza anzitutto il contrario è stato totalmente snobbato dai cittadini
Probabilmente quindi questa questa costante legiferazione chi caratterizzare questa delicata materia quindi del dell'intensità digitale
Forse mi viene in mente che non non è ancora sufficiente per raggiungere un risultato della digitalizzazione delle procedure amministrative
Dal momento che
Tutto questo lo si riscontra poi andando proprio con mano andando a vedere interno anche delle più piccole Pubblica amministrazione dei più piccoli Comuni quella che la realtà
Sussistono delle difficoltà quotidiane appunto nella comunicazione fra cittadini ed enti pubblici
E chiaramente le procedure Direzione informatica di domiciliazione attraverso la black non potranno non avere delle che dici delle criticità
Che bisogna saper prevenire se vogliamo effettivamente far partire questi nuovi strumenti in maniera efficace
Allora forse per superate queste difficoltà
Bisognerebbe fare a mio avviso un passo indietro e magari di appropriarsi di alcuni concetti che già esistono nel CAD fin dalla sa prima formulazione
Pensiamo l'articolo otto del Codice dell'amministrazione digitale relativa all'alfabetizzazione informatica dei cittadini
Questo magari può essere anche un'opera di proselitismo che
Attraverso attraverso la nostra associazione ma già lo facciamo quotidianamente portiamo avanti
Ma anche l'articolo sette per esempio nel quale si prevede che le pubbliche amministrazioni debbano di organizza di organizzare i servizi resi alla cittadinanza utilizzando strumenti di valutazione del grado di soddisfazione degli utenti
Fra questi due articoli sono entrambi diciamo aspetti molto importanti per vendere secondo me il Paese davvero digitale
Gli effetti di queste novità
In attesa appunto delle idee attuative delle regole tecniche di potremmo scoprire solamente col tempo
Lagorio che vi posso fare è che vi posso fare è sostanzialmente quello speriamo che sia la volta buona io vi ringrazio dell'attenzione vi saluto
Grazie
Rendo conto che è la sta diventando un cogliere uno una
Una sessione un palo abbastanza lungo
Però abbiamo lasciato alla fine due interventi che io reputo i i tre più interessanti perché fino abbiamo parlato degli strumenti introdotti la normativa abbiamo parlato ci hanno raccontato come si sta affrontando la realizzazione
I Comuni sono la via di mezzo se mi permetti tra di utilizzatori fornitori di dati responsabile dei dati e gli utilizzatori finali adesso
Parlerei soprattutto di chi poi dovrà utilizzare questi strumenti quindi delle Regioni e poi anche il commercio risenta quindi lascio la parola subito Lucia
Pasetti vicepresidente del CISIS
Rispettiamo la la tecnologia tanto voglio dire insomma vicepresidente del cinese perché non lo conosce il tavolo tecnico
Delle Regioni che si occupano di sistemi informativi di statistica di sistemi geografici a supporto della Conferenza delle Regioni e quindi è la sede
In cui vengono fatti istruttoria è da un punto di vista tecnico su quelli che sono poi i disegni di legge
I regolamenti e l'attività che viene condotta oggi insieme all'agenzia e insieme e ministeri quindi
Molti di voi hanno ai tavoli i rappresentanti delle Regioni che si occupano bienni queste attività in modo che i territori siano rappresentate insieme con ANCI
In modo da non far cadere dall'alto quelle che sono soluzioni che sia per l'esperienza maturata sia per le esigenze che vive il territorio devono essere sempre manifestate fatte presenti
E intanto voglio dire che questo tema dell'identità digitale e mi ha stupito e il fatto che è stata cambiata anche nodali e la sede perché
C'è stato un numero molto cospicua di persone che e si sono iscritte on line a questo a questo tema quindi vuol dire che è un tema
Che interessa molto interessa le amministrazioni interessa al mercato interessa il singolo cittadino interessa la singola impresa qui
I
è una interamente è un tema di carattere trasversale
Dove c'è stata una forte sofferenza proprio dei tempi lunghi in cui
Le amministrazioni locali le regioni comuni hanno da tempo lavorato proprio nella logica di una riforma dell'anagrafe
E questo devo dire è un'azione che interessa da un punto di vista anche dell'economia del Paese perché
Parlare di anagrafe dei cittadini delle imprese vuol dire poter fare servizi vuole dire poter sviluppare nei confronti delle imprese delle azioni che portino uno sviluppo economico importante rilevante per i territori
Tanto le Regioni da diversi anni a come dicevo hanno lavorato su questo tema dell'identità perché è un tema fondamentale essenziale per poter fruire quelli che sono i servizi che la pubblica amministrazione
Manda grazie
La pubblica amministrazione elargisce i propri e i propri cittadini
E quindi su questo direi parliamo di tempi lontani ancora cui nel due mila sei era stato fatto all'interno di un
Progetto Icaro progetto famoso di cooperazione di interoperabilità
Proprio su un modello di sistema di identità digitale federata in collaborazione con l'allora CNIPA poi diventa DigitPA ancora Agenzia
Quindi questo ha un suo una significato nel senso che fa parte di quello che e si diceva no tema dell'identità vive sul passato sul presente sul futuro e quindi è importante questa queste tre fasi proprio perché
Parlare del passato vuol dire anche fruire di quelle che sono state esperienze
Positive significative sulle esigenze del territorio un altro dato di fatto è che oggi sui territori circolano le carte e quindi c'è un sistema di identità digitale federato che permette
E ai cittadini a circa ventisette milioni di cittadini tramite la tessera sanitaria CMS di usufruire dei servizi e quindi questa è un'altra realtà che sicuramente è tenuta presente
Ancora nel senso che bisogna anche capire da un punto di vista istituzionale quindi delle posizioni istituzionali che le Regioni hanno assunto
Sull'agenda digitale voi sapete che la Regione le Regioni tramite la Conferenza approvato un documento che il contributo delle Regioni
Per l'agenda digitale in cui uno degli elementi strategici importanti è proprio il tema dell'identità digitale in una logica
Di circolarità anagrafica presso un tema molto importante la circolarità nel senso che è la fruizione di quei dati di base trasversali che sono i mattoni sui quali si costruiscono poi gli edifici della pubblica amministrazione
E anche in una logica che dei servizi Chen a oggi stamattina abbiamo sentito l'importanza
Che in tempi debiti in tempi brevi vengono realizzate delle quelle quelle azioni che possono contribuire a una migliore qualità della vita a una Smart comuni ti amo Smart territorio
Che in modo intelligente usufruisca di quelle che sono le tematiche dell'innovazione
Quelle che sono per l'impresa e tematiche di sviluppo
E su questo direi che come dato di fatto chi possiede CNS può utilizzare anche questo strumento per accedere anche a servizi
E di sicurezza ad esempio quelli dell'INPS già è una realtà già è un dato di fatto dove
Bisogna andare avanti cioè bisogna proseguire bisogna anche mantenere quello che nelle diverse fasi di sviluppo veri delle diverse azioni identità digitale possono essere utilizzabili
E quindi c'è già un potenziale utilizzo molto elevato quasi il cinquanta per cento dei cittadini può accedere
Con sicurezza ai servizi e questo fondato che deve incentivare la produzione di servizi perché e sui servizi poiché si giocano anche questi strumenti che devono servire effettivamente a qualcosa devono servire a migliorare devono servire a dare il progresso innovazione
Su una una visione che noi possiamo comunque oggi vedere è anche a una contestualizzazione su quelle che sono i nuovi strumenti smartphone Israele e con l'Electa abile testo certamente
Cioè noi oggi viviamo in un mondo che
Molta avanti rispetta quelle che sono anche soluzioni tecnologiche che né i tempi sono state assunte dove c'era una rigidezza c'era un discorso di centralizzazione
E quindi c'è
Poca attenzione invece a quella che oggi e nelle nelle vedrete saranno gli strumenti sempre più utilizzati dei cittadini delle imprese perché nella mobilità potranno usufruire
Di quelli che sono i servizi quindi un'attenzione a quello che il nuovo contesto
Quelle che sono soprattutto delle esperienze che in modo semplice e veloce possono essere utilizzate possono essere anche utilizzate con quelle passate quegli strumenti che controllano i cellulari quei cellulari si fanno delle operazioni
Inc ma anche di compravendita di queste sono realtà cioè non è che
C'è bisogno di inventare altre soluzioni ci sono delle soluzioni che comunque vanno valorizzate vanno mantenute perché sono già utilizzate da chi oggi a
Dimestichezza con me con le apparecchiature che portano innovazione
E quindi anche i servizi che la pubblica amministrazione elargisce deve avere dei modelli simili nel senso che si deve sempre più a costare a quelle che sono delle soluzioni che il mercato ci offre
E che riguardano anche per i cittadini informazioni che la pubblica amministrazione
Oggi detiene quindi parliamo dei fascicoli sanitari chi poi mi
Succederà parlerà proprio anche di queste tematiche che oggi cittadino può avere può avere con facilità ai ein fascicoli scolastici questo stati citati a quelli amministrativi
è anche queste sono azioni che vanno nella direzione dell'Agenda digitale per l'identificazione digitale
Quindi su questo direi che le Regioni hanno condiviso questo investimento su questa nuova completamento del quadro delle identità digitale quindi sicuramente il Documento unificato è un supporto fisico per identificare cittadino
La né PR è lì un repository dell'identità digitale dei cittadini il dominio ciglio digitale che è contenuto nella n fiere rafforza questo concetto di repository
L'indice delle caselle pecche dell'impresa dei liberi professionisti Lini per Lini pecche rappresenterà i poveri esito ridere identità digitale o meglio dei domicilio digitali dell'impresa
Quindi su questo le Regioni effettivamente stanno lavorando e coprono su tutti i tavoli attuativi come è stato previsto dall'ATI nonostante che
Che ci sia una delle criticità di cui poi vi voglio parlare perché bisogna essere anche
Molto concreti su quelle che sono i problemi che ex ante e meglio affrontare rispetto ex-post
E quindi occorre che ci siano delle scelte che siano coerenti con un disegno di SPC policentrico su un sistema federato e che non sia gerarchico
Quindi vi espongo alcune criticità per condividere con voi quelle che possono essere le soluzioni e quelle che possono essere i tavoli preposti gli approfondimenti necessari
L'introduzione della nuova Nantes graffe può diventare molto critica in termini di tempi e di impatto se si dà un'interpretazione alla norma come una stringente eliminazione delle anagrafi comunali mi sembra che
Anche l'ANCI è stato molto preciso su quelle che sono state alla storia quella che è stata l'attualità quello che anche nel futuro però nel bene medio e breve periodo se non altro ci si pone e ci si domanda il da farsi
Le criticità potrebbero diminuire se l'anagrafe diventasse un sistema centralizzato di anagrafiche può operare in sussidiarietà per le realtà comunali che lo desiderano soprattutto
Abbiamo sentito installano alla voce del piccolo comune e che cosa deve fare
E anche per le altre che acquistano informazioni in cooperazione applicativa in modalità sincrona degli applicativa gli applicativi comunali
Anche il critico per la complessità che lo caratterizza è il soddisfacimento di tutti i bisogni formativi che gli enti che devono accedere alla N PR a cominciare dai comuni come è stato detto
Devono garantire la piena interoperabilità e integrazione con tutti i sistemi informativi sia dei Comuni che delle Regioni negli ambiti per la Regione della sanità della statistica del lavoro dei tributi
Della formazione della semplificazione e questo è un tema che deve essere tenuto presente proprio per la fattibilità e la sostanzialità che devono avere poi i servizi per la pubblica amministrazione
Parliamo di Documento unificato e anche qui in sintesi come è stato già descritto di quelle che sono le funzionalità io volevo evidenziare alcuni riciti criticità il CIPE a radiofrequenza potrebbe essere poco performante
E quindi potrebbe essere inutilizzabile per alcuni servizi calcolando che soprattutto per il tema della privacy si dovranno adottare misure di sicurezza più elevate rispetto al principio a contatto
C'è un altro problema al tema della durata della Carta no della presso le scienza
Quindi dieci anni di qualunque supporto tecnologico è digitale è un po'azzardato anche qui mi sono state fatte le verifiche è contro l'annuale di dieci anni sono congrui
Che stese ci sono poi su tutta la parte di persone scienza degli strumenti anche questo
è un'azione che che va va studiata va studiata anche nei confronti dell'Europa la validità dello strumento che si nei dieci anni possa dare garanzia del riconoscimento dei Paesi dell'Europa anche questo è un altro tema che da affrontare
Poi anche altri molti servizi da pubblica amministrazioni in particolare quelli delle sanità
Sono anche fruiti da soggetti che non hanno diritto alla carta di identità e quindi al Documento unificato anche questo è un tema che dovrà essere affrontato dovranno essere trovate
Delle soluzioni
Ancora alcune criticità sul domicilio digitale
Certamente io individuo delle criticità se non verrà designato disse disegnato in modo semplice e gestibile per i cittadini fruibile
Per la pubblica amministrazione questo disegno del domicilio digitale va posta molta attenzione su come si identificano le funzioni e le attività
Il cortei le problematiche e che ne possono derivare
I servizi anche dovranno essere molto performanti proprio per la garanzia di potere utilizzare i servizi che vengono fatti in ciglio digitale
E quindi si dovranno assicurare
Degli delle gli egli Islanda in livelli di servizio molto elevati per evitare ritardi ad esempio nelle vie
Di comunicazione in quanto c'è un obbligo di utilizzo di tale modalità quindi c'è una preoccupazione
Che ci sia la sicurezza perché io al domicilio digitale che poi venga non ci si o no interferenze non ci siano tempi morti non ci siano
Problematiche che possono causare magari anche delle sanzioni
Anche critico all'identificazione del destinatario per l'invio di comunicazione contenenti dati sensibili riservati anche questo un elemento da tener presente
In breve alcune conclusioni il come Regioni anche per il lavoro che è stato svolto con molta attenzione con comuni anche con molta responsabilità rispetto anche a livello centrale
Io non penso che e sia giusto riconoscere che
Le Regioni credono degli sviluppi disegnati però c'era un una richiesta che l'intero sistema
Che ruota intorno alla DG alla identità digitale venga realizzato con la massima attenzione e cura prevenendo quelli che sono i problemi che mi sembra appunto molto corretto poterle esporre nelle giuste sedi affrontarli e risolverli
E le regioni mettono a fattore comune tutte le conoscenze che hanno acquisito in questi anni abbiamo visto da quanti anni si parla di identità digitale quindi esperienze in atto ce ne sono
Ci sono regioni che sono diciamo già molto avanzate rispetta anche l'utilizzo di strumenti di identità
Che permettano l'identificazione e quindi la fruizione dei servizi anche su questo Regione mettere a disposizione le loro fra le proprie competenze le proprie esperienze
Tuttavia io penso che sia un discorso generale per la pubblica amministrazione
Che ci sia una visione conflitti complessiva e che si sfrutti da subito tutto il potenziale non
Non perdiamo tempo
Nell'ottenere ai massimi risultati per un progetto complessivo lavoriamo già impegniamoci su quello che già si può fare si può realizzare
Perché l'innovazione ha bisogno di strumenti ha bisogno di identificare modelli organizzativi ha bisogno nel transitorio comunque di essere operativa per poter garantire anche quello che stamattina e si diceva è la l'aumento del PIL su tutto il territorio del sistema Paese e quindi su questo
Fronte ogni amministrazione in cui le Regioni danno la propria disponibilità e anche come CISIS voi vedete
I riferimenti e sicuramente ne siamo a disposizione per approfondire oltre i tavoli a cui partecipiamo anche ai diversi soggetti un confronto un sano confronto per
Capire come migliorare latitante situazione vi ringrazio
Mi rimane una curiosità ne è andato via
Mi ha preceduto su come
L'acqua fredda è stata catturato o meno e quindi si era assunto sicurezza
Dell'identità digitale l'abbiamo non l'abbiamo ci rimane questo dubbio
Lorenzo Tirelli direttore generale di Federsanità
B parlare per ultimi è un rischio e un'opportunità il rischio semplice non vi faccio vedere le slide perché ovviamente affronta presentavo tutto quindi ve le faccio vedere soltanto una opportunità a vere
Raccolto tutte le informazioni quindi riuscire in qualche modo a fare un minimo di sintesi anche mi seguire Ro ovviamente sulla nostro campo che è quello
Sanitario
Lo slogan ma di quest'anno di forviare una via che farmene fa meglio
Questo commedia giusto cioè mi pare riprendo
I tre interventi dei erogatori principale di vino degli utenti e marzo porto portare gravi per dire che
è
E indubbiamente una delle cose che si possono fare io contato semplicemente offerto portafoglio mentre vedevo la relazione del dottor Fortunato che mi ha un po'appassionato
E ho contato sei tesserine io nel portafoglio che diventeranno una tesserina sola
Che diventeranno una tesserina sola già questo credo che si
Già insomma un evento assolutamente importante in questa pubblica amministrazione ma anche in questo privato che tende a dati una tesserina per ogni servizio eversiva
Credo che possa essere assolutamente evidente io sono un abbonato ai non nostro il tema dei trasporti sono un abbonato al car sharing una carta d'identità una tessera sanitaria o adesso non me le ricordo tutte
O ai belgi dove ovviamente di timbratura
E la carta d'identità stessa quindi sono sono almeno sei possa M. conto se conto qualcun'altra che mi hanno dato e per la casa ovviamente riuscirono a metterne qualcun altro
Quindi questo sicuramente fa assolutamente bene alla al Paese perché Federsanità e qui Federsanità è una costola di ANCI e alla sua Tura tecnica che supporta Anci nel settore della sanità voi dite che centra lanci in sanità B ricorderete tutti che le vecchie uso la erano gestite dei Comuni
Poi il welfare si fonda su tre gambe il lavoro le politiche sociali e la sanità la sanità a sua volta si divide in due sanità territoriale l'integrazione socio sanitaria e sanità ospedaliera
Ecco nella integrazione socio sanitaria nelle politiche sociali lanci c'entra perché fa i servizi insieme al alle aziende sanitarie per offrirli contestualmente propria del provare a pensare se con questo documento riuscissimo finalmente a tracciare i servizi che vengono erogati in questa situazione cioè prima ho sentito un immagino
Un fornitore di sorta per le pubbliche amministrazioni che si preoccupava del come gestire le anagrafi ecco io invece sono molto più preoccupato del fatto che non si riescono a gestire i servizi innovativi
Perché
In questo momento non c'è il dottor Cannarsa ma non ci siamo già incontrati io gli ho detto che per quello che riguarda la mia visione ovviamente su alcune cose l'anagrafe nazionale porterà un risparmio
Per ogni singola azienda perlomeno una legge che abbiamo fatto noi di oltre duecento mila euro per l'allineamento dell'anagrafe
Son duecentoquarantuno soltanto quelle pubbliche più ce ne sono centosettanta private prova ad immaginare di che cosa di che dimensioni del stiamo parlando della dottoressa perfetti riguardare l'ha già fatto la sua regione ma sa benissimo che gli altri l'ho fatto
Quindi probabilmente immaginare quanti soldi possiamo utilizzare per l'innovazione
L'altra provocazione che faccio ovviamente volevo farlo anche al dottor Cannarsa in questo momento la faccio al dottor Fortunato che poi magari gliela riportate anche al buon Paolo che partecipa a tutti quanti tavoli
Ma perché non mettiamo anche la dea ma all'interno della Codice unico San venti milioni risparmiamo insomma noccioline
Cioè magari non lo facciamo oggi facciamolo si sappia un anno oggi non perché come accettiamo altri altre quindici anni da chiedere a a Bruxelles ad alcuni dati e gliele chiederemo a Bruxelles a Bruxelles e vuole solo semplicemente il tagliandino cioè se noi troviamo lo spazio è tuo sotto
Allora facciamo allora bravo
E allora balbuziente c'è l'accetta ce l'abbiamo mosso abbiamo parlato anche voi su questo quindi credo che il prossimo passo no insieme perché non ce la facciamo però prossimo passo probabilmente è lo stesso
Domicilio digitale
AIOM cioè abbiamo quattro tipi di di tecnica in questo momento la Ferri supera tutte e quattro perché se non diamo certezze ho idea che
Nelle aziende sanitarie hanno provato la dottoressa Pasetti lo sa bene
Quanti investimenti non sa di sosta di fatti che sono investimenti che sono lì bloccati quindi o come
Pubblica Amministrazione quindi stato e a differenza della giovane collega parlato poco prima
Credo che nonostante tutto dobbiamo fidarci perché le anagrafi già esistono oggi quindi la signorina che offrivano informazioni all'altra signorina cerca di marito stava compiendo semplicemente un reato punibile da due a sei anni di reclusione fra l'altro non ridotto di un terzo della pena quindi
Se ci sono passati gli amici al Comune di Roma che hanno dato informazione un'elezione non tantissimo tempo fa
E si sono portati a casa insomma una condanna piuttosto pesante anche un avvocato famoso Romano insomma sul passato dal
Da queste forche caudine quindi si chiamano reati come tali vanno i reati sappiamo che possono essere privati però insomma immagino che non il nostro Stato si garantisca
La maggior
Sicurezza ora parliamo invece di che cosa si può fare invece per integrare meglio di perché secondo me
SOGEI il Ministero dell'Interno debbono parlare con ANCI
E parlo solo del mio settore perché la dottoressa Galdi ha già parlato di tutti gli altri settori
Fragilità
Ogni anno partono centinaia di migliaia se non milioni di comunicazioni cartacee
Per gli enti locali verso degli utenti per l'emergenza caldo e freddo per le persone fragili
Ragazzi che conosciamo tutti gli anni luce a farla manca Davide fragilità che sia in qualche modo governata è stata fatta una norma di legge qualche anno fa che lo delega all'INPS reazioni sindaci che fanno
Queste cose sul territorio quindi sarebbe utile quanto meno che lanci o il
Chiamiamo bocchettone perché siamo tutti fra tecnici ANCI potesse essere quello che offre i servizi al Sindaco e gli dica guarda quest'anno sono stati questi quelli messi
In linea l'anno prossimo darci darci le differenze non tutti gli anni manda una comunicazione manda qualcuno a casa a bussare a se vede queste grazie queste cose sono sono soldi soldi veri perché
Le persone fragili ovviamente che cosa che cosa fanno nel momento in cui hanno fragilità maggiore entrano il pronto soccorso dell'ospedale si fanno i dieci giorni ottocentoquaranta euro al giorno
E tutti e questo
Portare altre cose
Compartecipazione ISE è un tema caldissimo se ne parla oramai da sette otto anni la dottoressa presente ha partecipato a diversi tavoli Conferenza Regioni siamo stati insieme siamo andati al Ministero prima o poi e inevitabile
Ce l'hanno detto tutti ce l'ha detto il buon Primo Ministro l'ex Primo ministro Monti
Se ne continua a parlare sarà inevitabile
Ecco la compartecipazione anche questo una cosa che possono fare esclusivamente i comuni con l'aiuto ovviamente della anagrafe perché Lisiero verifichiamo sul territorio
Però questa è un'altra cosa che su su un bocchettone non credo che nessuno stia più rivendicando cella l'innovazione proprio questa banca dati nazionale serve proprio offrire più servizi
Quindi questa è l'altra cosa assistenza domiciliare integrata per quello che dicevamo prima le delle tre gambe due il lanci in qualche modo le condivide sul quel farà che sono politiche sociali e assistenza territoriale
E benissimo cella il invecchiamento non sufficienza sono altri temi che secondo me insieme alle regioni possono essere gli enti locali a dare un supporto semplicemente per alimentare queste banche dati non per
Appropriarsene perché nessuno ha intenzione appropriarsene però se noi mandiamo l'assistente sociale della
E l'assistente sociale del Comune a fare un servizio a due pazienti è evidente che qualcuno rimane senza
Quindi queste sono le cose le cose molto molto semplici e così vale per la la presa in carico di tutte queste persone tre persone fragili che dovranno andare
Al domicilio a a fare le cure domiciliari perché stiamo riducendo gli ospedali che avevamo sette il sette per mille di posti letto per abitante li abbiamo ridotti al tre per mille quindi e ineludibile che dovremmo fare assistenza domiciliare molto più spinta
Ecco sulla presa in carico abbiamo due ordini di problemi uno è il il problema della privacy perché se dobbiamo autorizzare ogni singolo
Utente missing si ogni singolo a assistente che va dall'utente a fare certe cose e a chiedergli ogni volta famoso consenso informato su
Facciamo come la lega ARPA che
La metà la metà bastano quindi bisognerebbe anche interagire su questa cosa prevedendo
Una norma visto che si sta studiando anche in Europa che sia un po'più semplice cioè io sono il cittadino se ti autorizzo utilizzate dopo Ytzhak una volta e poi nel caso
Nel caso
E l'amico se c'è qualcosa che non va ma non ogni volta che do al consenso informato perché ha detto creiamo tonnellate di carta assolutamente ingestibili
E inutili
L'altro caso è
Il controllo Attilio attraverso questo identità digitale di chi da offrire il servizio e di chi riceve vent'mentre informazioni perché non vanno a fare Teleconsul atto dall'altra parte c'è un medico in questo momento devo sapere chi c'è dall'altra parte per tirarmi
Se ho un'edificazione probabilmente
O dall'altra parte professioniste tutto viene tracciato e con queste sono soltanto dei piccoli esempi voi vista l'ora magari facciamo minimo di dibattito e poi viene chiudiamo la
La sessione però su questi temi credo che ci possono essere tantissimi altri da sviluppare
E da ipotizzare di possono essere però un bocchettoni di accesso erogatori di di servizi perché la mia esperienza e sono sei sei anni che sono i Federsanità e quella che in Italia abbiamo
Centinaia forse migliaia di best practice che rimangono assolutamente isolato e che non vengono ridistribuite nel territorio vivacità massacri di rimane dottor Cannarsa ammesso proprio l'aceto dentro la verità quando ha detto a Trento fanno questa cosa e poi si teneva in ospedale mila non leggi
Cioè è assolutamente vero ma il problema che luogo lo faccio a Trento e nuovo vengo a Rovigo piuttosto che posso solamente vicinissimo pure lo faccio a Borgo Trento non lo leggo nell'altro o nell'altro sperare veronese
Cioè questi sono i problemi attuali
Della sanità su questo ho detto credo che Agenda digitale anche grazie all'album Paolo ha inserito dentro la parte di sanità qualche hanno paura ai
Oramai
Credendo un po'in questa in questa relazione dovrebbe
In qualche modo governare
Grazie a tutti
Grazie
Non so forse mi sono un attimo di Stato però forse non è fatto riferimento al donazione organi
Però qua però Paolo mi provoca
Però Paolo mi provoca su questa norma nazionale donazione organi un bellissimo progetto dopo tantissimi anni pensate una norma del novantanove
Anche grazie all'aiuto di molte persone che sono cui in questa in questa sala siamo riuscite a far diventare una sperimentazione attiva
Pensate che il i due Comuni sperimentatori in poco più di nove mesi hanno raccolto tante dichiarazioni di volontà quante erano state raccolte nei dieci anni precedenti semplicemente utilizzando uno strumento che la carta d'identità
E l'abbiamo fatto sia sulla cartacea perché per me ancora la cartacea sia su quelle trono io perché il Comune di Perugia è un Comune sperimentatore di carta d'identità elettronica
Su questo qualche
Piccolo passaggio ancora ancora manca mancano dei pezzetti normativi mancano queste cose per fortuna con la carte anche Veltroni che tutto questo sarà assolutamente su assolutamente superato e credo che questo sarà un gesto di di civiltà importante che qui consegna scelta molto importante questo Paese da do sappiate che
Ogni ora di ritardo si rischia di perdere un paziente per perché non possiamo fare di più il trapianto
Questo sistema in cui consente di esprime la propria volontà in vita sicuramente accedere a questi processi perché in questo momento essendoci pochissima platea di di persone soltanto un milione di persone a
Su sessanta milioni ha dato il proprio assenso
Se succede qualcosa disgraziatamente ovviamente
Il medico che deve convincere i familiari a fare questa cosa non la bocca un lavoro complicatissimo già approvata immaginarvi di fronte al dolore di una famiglia andarvi anche a chiedere una cosa di questo genere se noi riuscissimo a farlo in vita credo che
Civilmente daremmo un aiuto anche a chi ha bisogno di questi di questa cosa di questi trapianti che ringrazio della dell'assistenza
Cassette ora ad ancora domande qualche domanda che è stata conservata per la fine
No allora io direi che se siete d'accordo non so se i colleghi hanno altri interventi precisazioni no o ringrazio tutti ringrazio chi è intervenuto ringrazio soprattutto chi ha avuto la pazienza di ascoltarci per
Più di tre ore penso sia stato spero sia stato utile per tutti per non è stata certamente per me almeno un appello occasione di incontro e di chiarimenti su vari temi e anche di spunti per miglioramenti in qualcosa che abbiamo detto che è già partito
Che però sicuramente possiamo migliorare in questa fase finale di attuazione grazie ancora e buon pomeriggio