28MAG2013
dibattiti

Convegno Inaugurale "Quale PA per quale Paese?"

CONVEGNO | Roma - 10:04. Durata: 2 ore 23 min

Player
Nell'ambito del Forum PA 2013 (XXIV edizione) dal titolo: "Il Paese alla sfida della trasparenza" (28 - 30 maggio 2013).

Convegno "Convegno Inaugurale "Quale PA per quale Paese?"", registrato a Roma martedì 28 maggio 2013 alle 10:04.

L'evento è stato organizzato da Forum PA.

Sono intervenuti: Carlo Mochi Sismondi (presidente del Forum della Pubblica Amministrazione), Carlo Flamment (presidente del Formez PA), Simone Battiferri (direttore di Business Telecom Italia), Francesco Di Giuseppe (country leader di Oracle Italia), Roberto Zardinoni (vice presidente di IBM Italia), Franco Bassanini
(presidente della Cassa Depositi e Prestiti e della Fondazione ASTRID), Massimo Sarmi (amministratore delegato di Poste Italiane Spa), Stefano Parisi (presidente della Confindustria Digitale), Graziano Delrio (ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie), Gianpiero D'Alia (ministro della Pubblica Amministrazione e Semplificazione).

Sono stati discussi i seguenti argomenti: Ambiente, Amministrazione, Banche, Bilancio, Burocrazia, Civile, Comunicazione, Corporativismo, Corte Dei Conti, Costi, Costituzione, Credito, Debito Pubblico, Democrazia, Demografia, Digitale, Dipendenti, Dirigenti, Disoccupazione, Donna, Ecologia, Economia, Enti Locali, Europa, Famiglia, Federalismo, Fisco, Formazione, Francia, Funzione Pubblica, Germania, Giovani, Giustizia, Governo, Gran Bretagna, Impresa, Informatica, Informazione, Infrastrutture, Internet, Investimenti, Istituzioni, Italia, Lavoro, Letta, Mercato, Ministeri, Occupazione, Ocse, Ospedali, Parlamento, Penale, Pil, Politica, Produzione, Pubblico Impiego, Regioni, Riforme, Salute, Sanita', Scuola, Servizi Pubblici, Societa', Spagna, Spesa Pubblica, Statistica, Stato, Sviluppo, Tecnologia, Turismo, Ue.

La registrazione video di questo convegno ha una durata di 2 ore e 23 minuti.

Il contenuto è disponibile anche nella sola versione audio.

leggi tutto

riduci

10:04

Organizzatori

Forum PA

Scheda a cura di

Enrica Izzo
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Allora
Grazie intanto
Di due cose uno di essere così numerosi attenti certamente non per me ma per questo appuntamento di fonti a è la seconda cosa di averlo vi ringraziamo della pazienza come sempre quando il ministro arriva fonti a
Fa un giro come sempre ci sono tante mani da stringere tante cose da sentire abbiamo tardato un quarto d'ora rispetto al quarto d'ora accademico scusato ci di questo non si dovrebbe fare ma un po'
Nella
Nella il rischio di quando si
Sia come manifestazione espositiva
Una cinque minuti io vi racconto
Un attimo il Forum anche il mio punto di vista sul forum io sono calmo che si su mondi sono il Presidente del Forum
Questo che si apre e il ventiquattresimo fonti a
è
E il ventiquattresimo fa un che proponiamo gli innovatori italiani che veramente non solo gli innovatori anche quelli che non lo sono e notorio adesso che speriamo che lo diventi no
Una piccola nota personale di questi ventiquattro fa un ventitré li ho fatti con un amico che è stato accanto a me che adesso non c'è più
è una cosa però mi fa piacere ricordare Giancarlo già condite è stato il mio compagno per tanti anni e che non c'è non è purtroppo insieme con noi il ventiquattresimo
In vent'
Questi
Ventiquattro anni è passato non sono una buona parte della mia vita ma anche diverso tanti ministri una dozzina un paio di Repubblica una quindicina di Nico Verni un certo numero che anche il piacere di riforme epocali
E quindi vi chiederete voi e mi chiedo anch'io tante volte nel mio lavoro che di cui questa solamente la punta dell'iceberg perché tanta tenacia perché continuiamo a fare fronte già
E se possiamo come essere utili a questo disegno riformatore il Paese che sembra certe volte un po'acciaccato forse per tanti anni passati
Sembra forse io l'ho dato normalmente i processi di riforma li dato dal decreto legislativo ventinove poi ognuno c'ha i suoi punti di riferimento il mio punto di riferimento del decreto legislativo ventinove
E mi chiedo se possiamo come essere utili dato che volevo rimanere in quattro minuti medi sono scritti e mi sono scritto un breve elenco dei miei perché del perché io faccio fa un piano
Fonti ha due mila tredici soprattutto perché sono un ottimista e credo che persino la piazza pizzica e bocconi stiam stia migliorando ma che se gli diamo una mano in meglio
Fonti ha due mila tredici perché credo che una buona piazze a garanzia di diritti e assicurazione per i più deboli perché essere povero debito debole disabile diverso anziano
è una delle condizioni la vita in cui io stesso mi possa imbattere anche domani ma se la comunità mi aiuta ce la posso fare
Fonti ha due mila tredici perché credo che si sta bene solo se tutti stanno almeno così così e che questo non posso chiederlo solo al mercato
Fonti ha due mila tredici perché credo che la valutazione il merito il rischio la crescita professionale non sono cose contro i lavoratori ma a loro favore
E che dobbiamo sentirci nel lavoro tutti i precari ma nello stesso tempo tutti garantiti non da un'appartenenza politica ma ad una professionalità da una competenza dal risultato
Perché credo io che non lo sono mai stato che essere un lavoratore pubblico sia qualcosa di cui andare fieri
Fonti ha due mila tredici perché voglio che trasparenza non sia sbirciare nella busta paga del vicino o solo avere gli stipendi dei dirigenti on line ma sapere se e dove i miei soldi sono andati e produrre valore per la società in cui vivo
In modo che io possa giudicare e decidere perché solo questa è democrazia solo se io posso giudicare essere informato
Fonti al due mila tredici perché credo che sia tempo più di manuali che di norme
Più di assistenza che di sanzioni
Più di esempi che di leggi
E credo che l'Italia si è piena di buoni esempi che nessuna copia e di altrettanti errori che li facciamo mille volte perché non sono conosciuti
Fonti ha due mila tredici perché vorrei che l'innovazione fossero un ecosistema in cui vivere e lavorare e che potesse fare immaginare giovani di avere un futuro nel paese dove sono nati
Ma proprio per cui esso ha vent'anni dalla nascita all'informatica pubblica di quell'ai passanti a del decreto legislativo trentanove questa volta di qualche mese dopo nel due mila del novantatré
Ecco dopo tanti anni non voglio più vedere la razionalizzazione dell'inutile
E neanche l'informatizzazione dell'esistente o cambiamo passo o non ci serve l'informatica
Fonti a due mila tredici perché tutte le statistiche dell'economia e delle
Ed tutte che cinque mettono sempre agli ultimi posti in Europa ci dicono che non siamo stati bravi
Ma io credo che se riusciamo ad avere per un periodo ragionevole di tempo diciamo almeno cinque anni datemeli una governance definita un piano di priorità e una focalizzazione nell'uso delle poche risorse che ci sono
Se c'è mettersi abbiamo governance focalizzazione per unità allora ce la possiamo fare
Fonti ha due mila tredici perché credo che l'innovazione sia fondata sul rispetto prima di tutto intellettuale delle diversità
Perché
Perché senza mutazioni non c'è evoluzione e senza contaminazione se solo la paralisi
Io credo che questo film film si svolga soprattutto nelle nostre comunità locali che devono pensarsi intelligenti o Smart come si dice non perché hanno comprato due semafori sincronizzati o di ascensori un metro di pista ciclabile
Ma perché hanno una visione integrata ed organica di uno sviluppo in cui le tecnologie abilitano partecipazione benessere e questo sta inibire
Servizi disegnato intorno alle persone
Ho quasi finito fonti a due mila tredici perché è bello sentirsi uniti nelle comunità virtuali ma anche bello stringere le mani incontrare la gente guardando negli occhi e una volta tanto in cui ci si incontra tutti insieme è un momento di cuciti apre il cuore
Fonti ha due mila tredici perché la politica da sola non ce la può fare il suo orizzonte troppo corto noi parliamo di evoluzioni e l'ho parlato di elezioni
Ma perché neanche l'Amministrazione da sola ce la può fare dal palazzo si vede poco e male forse non è per caso che si tagliano le spese di formazione di missione
Ma neanche le aziende tecnologiche da sole ce la possono fare sono state lasciate sole con loro crediti pubblici i loro debiti privati
Senza un progetto senza priorità chiave su cui investire così in Italia e rischiamo di rimettere in mancano solo le filiali commerciali a vendere scatole fatte per altri
Ma neanche le organizzazioni della società civile da sole ce la possono fare
Rischiano di chiudersi in orticelli corporativi and esperienze marginali di perdere di vista il sistema nel suo complesso ma se nessuno da solo se la può fare insieme invece ce la possiamo ce lo dobbiamo fare
Questo è il mio buio questa è la mia speranza in fondo anche il mio perché buon fonti due mila tredici a tutti
Do ora la parola Carlo fra ma anche presiede il Formez e che da sempre un alleato il patto di fa compia
E che accompagna le il ministro azioni nel percorso l'innovazione
Grazie grazie anch'io sarò
Velocissimo io raggiungo un altro motivo a quelli che tu hai detto che
Come ha detto no
è una sfida che si può vincere solo tutti insieme questa per uscire dalla crisi quella vere
Per riuscire a rilanciare il Paese e per
E per vincere questa sfida il confronto fra la pubblica amministrazione e il settore privato deve essere
Più stretto più continuo meno
Scaricarsi le colpe a vicenda come è successo spesso in passato e il formale della pubblica amministrazione in questo è un esempio concreto è un esempio perché alla struttura
Arrivata che gestisce questo che costruisce questi momenti di confronto pubblici di formazione
E in cui la pubblica amministrazione non è più
Autarchia solo autoreferenziale ma si confronta si racconta fra di loro fra le tante pubbliche amministrazioni perché sono tante purtroppo non è un pachiderma la tre milioni e trecento mila dipendenti
è ma è un insieme di realtà completamente diverse
Il Sole ventiquattro Ore di ieri ha pubblicato una ricerca del Forum Appia da cui emerge che nel confronto internazionale con altri Paesi non abbiamo più dipendenti pubblici degli altri
Non siamo noi non costano di più degli altri Paesi mediamente hanno un costo medio che grazie e tanti sacrifici che tanti dipendenti pubblici hanno fatto in questi ultimi anni
Sì Harry allineato e anzi oggi è inferiore agli altri
Come qualità noi verifichiamo assistendo circa sei mila amministrazioni pubblica a delle dei picchi di eccellenza veramente che
Anche in campo internazionale perché accompagniamo all'internazionalizzazione come Formez di moltissime amministrazioni quasi tutti Twinning
Delle amministrazioni italiane all'estero legare come negli altri Paesi nell'ambito dell'Unione europea sono
Spesso vinte per modelli italiani che sono riconosciuti i modelli di qualità
E allora non abbiamo sicuramente una qualità inferiore mediamente gli altri e allora perché
Se
Tutto questo è così
E la pubblica amministrazione il vincolo e il peso che blocca lo sviluppo perché
Nel position paper dell'Unione europea una delle criticità principali per lo sviluppo
Nel nostro Mezzogiorno nelle aree meno sviluppate è quello della debole capacità amministrativa e l'inefficienza dell'amministrazione pubblica
E quindi dobbiamo sapendo che abbiamo materiale umano di qualità che non sono più persone di quante devono essere perché la riduzione che è avvenuta in questi in questi anni prestata
Più che sufficiente e anzi il blocco del TAR nove ancora in corso costerà all'amministrazione pubblica ad avere vuoti di organico e quindi ha necessità di riassumere dove
Quindi che si inceppa questo meccanismo e non si traduce in qualità di rapporti in qualità di servizi alle imprese e ai cittadini
E
Io
A me abbiamo individuato dalla da questo osservatorio nostro alcune peculiarità anomalie italiane una i tempi
Manca una cultura dei tempi della risposta dei tempi e questo è il fatto che
Time is my niente il tempo è denaro sempre più né in una società del web e nella società in cui le informazioni
Arrivano allo stesso momento nella paesino sperduto della Calabria come al centro della City di Londra
In questo non è più consentito consentito questo è un vero svantaggio quindi una cultura del rispetto dei tempi degli obblighi le amministrazioni competenti
Già sarebbe importantissima ecco perché è uno degli atti poi con il resto dell'Europa
Poi abbiamo avuto una lettura forse sbagliata del federalismo e in alcuni settori questa lettura sbagliata perché poi il federalismo ha portato anche molte cose positiva ma ci ha fatto fare dei passi indietro incredibili e una per tutti il turismo
Se abbiamo perso un punto e mezzo di PIL un milione di posti di lavoro negli ultimi dieci anni nei confronti di Francia e Spagna
Forse perché abbiamo dato in parte la responsabilità esclusiva alle Regioni di doversi andare a fare
Promozione in modo autonomo per cui tu hai l'esempio ricorrente dei sassi di Matera
Sugli autobus di Hong Kong o di Shanghai ma che chiaramente non hanno consentito
Direi in genere invece in un momento in cui si cerca di fare sinergia e il settore del turismo e nel nostro petrolio è qualcosa in cui siamo comunque con tutti gli sbagli infatti ancora il quarto Paese del mondo quarto
Abbiamo come beni culturali il primo come prima capacità di attrazione del mondo abbiamo un made in Italy fortissimo abbiamo
Piccole imprese che pure nella crisi economica sono le maggiori esportatrici d'Europa il maggior numero di imprese
Esportatrici in Europa ce l'abbiamo in Italia
E quindi da questo punto di vista abbiamo dei brand che se riusciamo a vendere con una lettura diversa
E in modo più sinergico più sistematico aiutano sicuramente la ripresa
Non c'è è stata c'è stata nella pubblica amministrazione una non c'è coesione abbiamo quindi
Esempi di eccellenza abbiamo in questo Paese nonne nei Paesi più avanzati in questo Paese la capacità di fare
Di mettere insieme a ottanta Amministrazioni fare un unico concorso pubblico di totale trasparenza
Selezionare quaranta mila dei migliori giovani d'Italia sceglierne migliori trecento e metterli a lavorare entro sei mesi è successo che abbiamo fatto abbiamo fatto col ministro Barca per la ricostruzione dell'Abruzzo
E poi nello stesso Paese abbiamo concorsi di una sola amministrazione è un solo Comune magari di cinque persone che durano cinque anni
E
I corsi si bloccano e allora ecco che
Non sono solo le regole c'è anche e soprattutto la testa le gambe degli uomini che fanno camminare in modo diverso la decisione
La deresponsabilizzazione o responsabilizzazione abbiamo un piano dell'edilizia scolastica importantissima che si ferma e magari spesso perché
I fondi strutturali europei non finanziano l'assicurazione
Della persona che deve firmare il contratto d'appalto e quindi del preside che si trova questa responsabilità in capo che non era il suo mestiere
E quindi cose come questa manca l'ultimo miglio spesso delle riforme tante riforme importanti poi non calate nelle migliaia di amministrazioni perché e manca questo
Servizio di assistenza continua le riforme che sono state tante e quindi mettendoci nei panni avere migliaia di amministrazioni pubbliche perché le regole sono le stesse idee un po'
Grande Comune metropolitano per un piccolo comune
Una al
E della della Calabria o per una che si trova al centro del della Regione con Pilla maggiore d'Europa
Sono situazioni completamente diverse richiedono pesche e di assistenza richiedono supporto richiedono l'ultimo miglio
Non è
Indifferente se una riforma importante
Di supporto ai giovani di lancio dell'imprenditoria giovanile e che è stata autorizzata dal passato Governo ci mette cinque anni ottavi mimesi a diventare operativa in tutto il territorio nazionale
è completamente diverso perché dopo cinque anni quella riforma obsoleta non è più in grado di attuare
Queste sono le principali difficoltà che è una lettura diversa del federalismo una maggiore capacità di raccordo di valorizzazione delle best practice
Di implementazione di quelli che sono i punti di forza invece della nostra amministrazione pubblica che sono tanti
E perché sono possibili queste cose ho fatto l'esempio di L'Aquila dove erano ottanta amministrazioni sito spogliata del diritto
Di ognuna scegliersi con un concorso proprio i suoi due tra i dipendenti ma un'amministrazione oggi dopo che quel concorso era già espletato e bastava
Andarsi a prendere da quella lista il primo degli idonei scelti su tutti i dati Emilio i giovani ha preferito invece rimettersi a fare un concorso per conto suo e magari di guerra speriamo di no
Siamo qui purtroppo nella città che tre anni fa ha visto presentare trecento mila domande incartarci o al concorso e non sappiamo quando questo vedrà la fine
E questo
è possibile se possibile la
Se sulla linea mica siamo riusciti a mettere insieme mille duecento amministrazioni a fare un servizio unico di front-office di risposta
Il supporto ai cittadini su
Tutti i problemi quindi su un tema estremamente complicato dal problema e da una
Di una ASL in cambio di residenza che metteva insieme cinque Amministrazioni e così via
è possibile e però abbiamo altri casi in cui tutto questo non funziona ecco perché
Io credo che momenti come questo siano comunque importanti lo scambio delle best practice una nuova strategia nazionale che mi sembra sia oggi
Ho sentito sia il ministro nostro ministro ringrazio per come è entrato subito nei primi giorni subito dopo la nomina su temi
Importantissimi vale il sostegno per la pubblica amministrazione può dare all'impresa e la vera sfida oggi aiutare le imprese facilita il compito in modo
Sempre aiutarle a creare lavoro amministrazione siamo in una fase di
Economia di guerra abbiamo per due anni pensare a questo a ricostruire rilanciare
Il tessuto imprenditoriale vettori terreno fertile che possa svilupparsi
E quindi questa sensibilità richiedono uno sforzo forte e una sinergia vera vera amministrazione al federalismo intelligente non federalismo nel separazioni vista auto autonomista
E completamente staccato in cui ogni piccola amministrazione del resto affrontare tutte le sfide da sola chiaramente ai la macchia di leopardo
Ecco questo è un altro motivo forse per cui forma deve continuare a vivere forse perché
Quella passione del servitore pubblico cominciava chiamava si chiama il servitore servitore degli altri civil serva
E il Public osservante è un servitore del pubblico è gli acquisti quindi l'orgoglio del lavoro che fa e anche abbia da parte quindi delle cittadine delle imprese
Il sostegno all'appoggio l'amicizia che si deve a uno che era il tuo servitore
A questo servono anche questi momenti e io spero che anche questo forum ma questo è il tredicesimo o quattordicesimo che facciamo insieme a noi continueremo a
Supportarlo perché è una collaborazione pubblico-privata di successo e abbiamo qui importanti aziende vere che nel Paese sviluppano un ruolo essenziale che credo che
Capiscano che la la sfida si vince insieme non scaricando sull'amministrazione le colpe come a volte magari anche è successo in modo un po'troppo netto
Grazie e buon lavoro a tutti
Del caso
Grazie Carlo
Due
Due sessioni di lavoro la prima sessione di lavoro andiamo a cercare di capire qual è l'impegno per una pia digitale lo abbia detto altre volte che la PAT G tale ENEL l'unico fattore che per poi permette alla Pubblica Amministrazione di essere insieme efficiente ed efficace
Quindi
Perché non ci bastano gli output ci servono anche gli altri campi
E con il secondo settore che parla invece di quale Pubblica amministrazione per la ripresa lo sviluppo e quali politiche per per in realtà per cittadini e le imprese in realtà sono ovviamente molto legate le due cose
Il primo vede qui né più e Francesconi Giuseppe che accanto i leader di Oracle Italia Simone batti Ferri che il direttore top client
Di Telecom Italia
Roberto zerbino lì che va al Presidente di Abm Italia io voi volevo fare due giri veloci domande chiedendo il quinto punto questo ad oggi richiesta abbastanza sintetici
La prima è abbastanza semplice
Come ho detto all'inizio del proposta di vent'anni dal decreto legislativo trentanove che istituì l'AIFA e che diede il via ad un certo modo a un Governo centrale dell'informatica pubblica non è che prima non ci fosse informatica pubblica c'era anche prima
Però non aveva un Governo centrali centrale in qualche modo
E
Vi ricordate provveditorato non a parte ogni ogni Ministero manda un po'per conto suo nasce
Sulla spinta anche di di Mani pulite nasce un un avuto vita che doveva garantire un'unificazione dallo lato passati vent'anni mi sembra che abbiamo portato a casa l'informatizzazione ha pubblicamente atto molto meno di quanto speravamo vent'anni fa
Quando io io c'ero nel con con lei a suo tempo che era Presidente
Dell'AIFA appena creato nel trentanove storico col decreto giudico trentanove Maurizio Sacconi facemmo un grande convegno il si sperava moltissimo dopo vent'anni questo moltissimo è diventato
Uno non tanto quanto speravamo non voglio dire poco ma non tanto quanto speravamo
Allora
Come vedete questo questa situazione cercando sempre di essere ottimisti omesso ottimismo la parola e iniziale ma io credo veramente che se noi non riusciamo e in questo fondo per favore vietato piangere
Accompagneremo fuori con una con una forza
De dell'ordine i primi che vediamo che Angelo e contro i muri cioè non si può piante dobbiamo rimboccarci le maniche e lavorare
Allora io direi un primo va abbiamo decenni sapeva fin d'ora rimane ma non
Non ne vogliamo più spendere aperto per lamentarci vogliamo spenderle per
Da chi nella moderna che me l'emozione non Pedemontano per lamentarmi
Simone Bati fare andiamo in stretto ordine alfabetico Simone patti Ferri prima quindi lo so come vedi l'informatizzazione la pubblica amministrazione
Qual è secondo tele che può farci portare a casa più di quello che abbiamo portato a casa cinque minuti e poi un secondo giro prendo
Al volo il suggerimento quindi non analizzo il il passato e cosa sia sul perché questi venti anni poi abbiano prodotto un risultato diverso dalle attese
Partire però facciamo una foto dell'esistente credo sia importante
Non mi soffermo sul fatto che evidentemente un funzionamento corretto ed efficace non solo efficiente del della pubblica amministrazione siano dei fattori di successo per la produzione quindi in un momento di crisi economica evidentemente un aspetto che diventa ancora più importante
Quello che però si nota se si fa una foto dell'esistente e le norme frammentazione di della dell'informatizzazione della nell'aria
Quindi il problema non è
Sarebbe ingiusto dire che
La pubblica amministrazione non è informatizzata in realtà non è vero e magari formalizzata in maniera molto eterogenea ci sono casi di grande successo del caso invece
Di minor successo assenza totale dell'informatizzazione come in grandi settori della scuola
Però l'informatica è presente come nella pubblica amministrazione quello che non è presente però e l'interoperabilità di queste soluzioni
E questo io credo sia il vero problema quindi la frammentazione della dell'implementazione di questi piani di sviluppo informatico unità alla mancanza di coordinamento apportato un una situazione estremamente frammentata che non solo genera enormi costi rispetto a quello che dovrebbe ma credo ancora peggio non permette l'erogazione di servizi con come si dovrebbe faccio un esempio perché non risultare criptico
Un esempio facile nel dei nostri quasi otto mila comuni ne abbiamo censito più di duecento tipologie di software diversi
Ora evidentemente io non riesco a capire che cosa ci sia di tanto fantasioso da poter applicare l'anagrafica comunale perché iniziamo parlando l'applicazione Standard no o quasi
E il risultato però di aver tante applicazioni diverse
Porta appunto a dover fare e le cose come si facevano un secolo fa quindi quando si cambia abbastanza ridicolo no perché si cambia da una di residenza da una citato un'altra non poi sono un altro
Tutti le due parti sono informatizzate ma lo scambio avviene stampando un foglio di carta che viene dato a una persona fisica che lo porta all'altro comune e che lo ricarica questo questo processo porta via volte sei mesi ve lo dico per esperienza personale
Che nel due mila tredici fa sorridere anche perché
Le due parti sono già informatizzate solamente informatizzate con sistemi diversi
Vogliamo parla della sanità tenta ancora ancora peggio perché talvolta anche all'interno della stessa area
Gli ospedali non sono tra loro collegati e Aime anche qui la tecnologia è andata più avanti le precoce agli apparecchi elettromedicali per cui di fatto oggi le radiografie sanno tutte digitali
Solo che non li stampiamo le mettiamo po'dentro una cartella di carta no nell'ospedale sembra richiede o o cambio ospedale nella stessa regione non in tutte ma insomma è la maggior parte
Deve rifare tutti gli analisti tutte le analisi perché non esistono scambio informatico esiste solo quello fisico
Ecco quindi
Io credo che
Si potrebbero fare tantissime cose con grande successo investimenti limitati o comunque tempi di rientro dell'investimento rapidissimi solamente razionalizzando un po'questi aspetti quindi
Per ridurre
Sicuramente il la frammentazione che avviene sia a livello infrastrutturale sia a livello applicativo quindi
Abbiamo letto sui giornali più volte del numero dei cosiddetti data center o centri calcolo che abbiamo né in Italia più di
Tre mila quattro mila quindi e mo'anche difficile censirli perché qualsiasi istanza può diventare un un luogo per mettere una un applicativo di erogare un servizio evidentemente in maniera artigianale
C'è poi e quindi ridurre sicuramente in un momento in cui tutto il mondo si orienta verso cloud computing grandi provider mondiali concentrati in pochi punti l'erogazione dei servizi per tutto il mondo delle opere o per un Paese
Noi ce l'abbiamo migliaia ha quindi con costi molto alti e servizio in generale basso quindi guastato un condizionatore caso successo a Roma qualche tempo fa blocca
Una
Un'importantissima istituzione pubblica
Il secondo aspetto è che il consolidamento applicativo quindi non servono tante applicazione
Non si sta in questo mento non so dirvi se più
Rapido e più efficiente cambiarle e centralizzarli o semplicemente farle parlare fra loro è un elemento di valutazione che probabilmente non è univoco
Va studiato caso per caso quello che è certo è che non è possibile pensare di continuare con una basi di dati quindi archivi distribuiti sul territorio in maniera molte vero genere che non si parlano fra loro
Comportando quindi una unicamente norme di costi ma ancora peggio un servizio molto scadente
Quindi non credo che la formazione che viene spesso da tirata in ballo sia un problema perché vi ripeto le pubblicazioni nella maggior parte sono già informatizzata e quindi gli operatori già usano un software che purtroppo uno son software uno diverso dall'altro
Credo che sia quindi importante
Lanciare un progetto di consolidamento
Prima sul Libano infrastrutturale che sequenziale l'approccio e poi a livello applicativo che però ad una regia nazionale anche qui ho sentito dire forse il federalismo no è stato interpellato in maniera non può del tutto corretta
Credo anch'io ci sono alcuni temi dove la gestione questo è sicuramente locale ma la strategia e la e la regia deve essere centrale altrimenti è impossibile evitare la frammentazione
Grazie grazie
Il concetto di Giuseppe
Canto dire abbiamo detto di ora con l'Italia quindi non grande multinazionale che lavora in tantissimi Paesi al mondo
Voi non la vedete ma qui c'è un cronometro che loro invece vedono il
Il
Volevo chiederti anche attenti questo senso vedendo l'informatica italiana quali sono se concordi con i punti che va e viene messo in luce Simoni batti fare e quali sono dal pozzo punto di vista l'esperienza che potrebbero essere più utili
Anche perché su questo non ci vergogniamo di di copiare se copiamo le cose buone anzi forse va meglio se riusciamo a copiare cose buone
Prego
Grazie allora
Rappresento oggi la Oracle Corporation che è una delle grandi generatrici di innovazione tecnologica a livello mondiale fatturiamo quasi cinquanta miliardi di dollari siamo più di centoventi mila persone operiamo in tutto il mondo
Io nell'ambito dell'organizzazione aziendale o due ruoli un italiano e un Emea fatti davvero vuole me è molto interessante perché mi permette di confrontare quello che accade in altri Paesi con la situazione italiana e da qui nasce la mia
Una considerazione se vogliamo levo specificare meglio la frase con l'approccio ottimista Carlo Modestino mondi proponeva all'inizio io credo che l'organismo sia fondamentale ma quello che occorre fare caratterizzare l'ottimismo della citazione
Sarà più evidente molti voi col concetto di l'ottimismo della volontà ovverosia la volontà di realizzare quello che ottimisticamente ci proponiamo se c'è una differenza sostanziale tra quello che accade il nostro Paese
Di cui io sono orgoglioso su quello che vede in altri contesti nazionali
Il concetto della volontà di realizzare in tempi brevi
Cosa che qui da noi molto spesso viene meno si esaurisce al voler realizzare un progetto in tempi
Imprevisti imprevedibili
E lì è tutta la differenza
Tornando adesso sulle considerazioni che stavo facendo che ha fatto patti ferrei
La ricerca dell'efficienza è il primo passo in una qualunque organizzazione aziendale la ricerca dell'efficienza è un continua l'attività che si svolge quotidianamente ma deve essere effettuato in tempi rapidi
Si parlava di consolidamento delle infrastrutture consolidamento delle infrastrutture qualcosa che si può e si deve fare
Pochi giorni fa ho partecipato al convegno dove il nostro ci fanno Cioffi ce l'ha raccontato come
Nel giro di due anni abbiamo consolidato novanta data center
Il novanta paesi diversi del mondo per passare da una pletora di sistemi formativi diversi unione del quale si portava le operation in una Campria ad un unico sistema informativo che supporta tutte le country sì tutto il mondo
La dimensione ovviamente non è quella poi che amministrazione ma c'è una complessità in più quella lingua delle culture
E anche dei fusi orari che secondo me vendono parecchio complesso c'è all'ANCI che abbiamo superato
Quello che è avvenuto è avvenuto e qui si può dire per via della disciplina sicuramente in un'azienda ce lo dici prima che la pubblica amministrazione c'è la disciplina
Forse primo più determinante fattore
E perché c'è stata la capacità e la volontà di convincere tutti i dipendenti dell'azienda che quella era la strada giusta da percorrere e che quindi bisognava che tutti si impegnassero a supportare questo processo di trasformazione
L'efficienza la giornata Barbati fare e quindi non ci torno però l'altro perché il cronometro implacabile l'altro aspetto è che fondamentale per me invece la ricetta dell'efficacia
Quello che sono i possibili vantaggi ottenibili interne dei risparmi spending review nell'arco dell'efficienza deve essere speso sul fronte dell'efficacia dell'efficacia per rendere
Più cogente e più efficaci ed efficace e più rapida
Più
Più
Diciamo così incisiva
La gestione e l'operatività della pubblica amministrazione
Aggiungo un paio di idee uno per esempio un approccio che molti altri Paesi europei ha avuto crea statunitense avuto molto successo
E la stazione di strumenti a supporto del controllo e della gestione e la polizia amministrazione l'idea di lavorare per Baggio di monitorare i risultati
Di verificare in che tempi le varie idee vari iniziative che si vogliono portare avanti vengono effettivamente realizzate ne abbiamo investito pesantemente realizzando una sui prodotti adatti a questo scopo
Vediamo come gli Stati Uniti l'Inghilterra altri Paesi in Francia questo tipo di
Riscontri si hanno riscontro il mercato a questo tipo di proposte sia molto valido sui in Italia secondo me abbiamo ancora parecchio da percorrere molta strada da percorrere
Ho qui una serie di nomi di iniziative ma per evitare di far propaganda qualche amministrazione specifica rimando poi coloro che fossero interessati a visitare lo stende
Ora col dove potranno fare informazione lato esprimete invece quello dell'avvicinamento dei cittadini all'Amministrazione
E qui mi fermo su un aspetto ci sono state tante iniziative di cui ora quale è stata proprio fondamentale partner conta senza dell'INPS INAIL eccetera ci per citarne uno
Quello che però sta accadendo in altri Paesi europei e che dall'approccio tradizionale
Oggi lo chiamiamo tradizionale che l'approccio multicanale
Non so se ha di potersi avvalere su di un approccio tradizionale che di un approccio basato sulla digitalizzazione alcuni Paesi l'Olanda la di la Danimarca stanno contando a passare a un approccio esclusivamente digitale
Cioè a fare un salto di qualità che a interrompere il mio approccio il modo l'approccio tradizionale interagire con i cittadini
Molto spesso mi sembra di sentire delle dubbi delle perplessità in merito quello che secondo me è le stesse aziende del nostro contesto abbiamo avuto allungo dubbi su questo contesto su come operare in questo ambito
Quello che sta emergendo molto forte nel settore delle arti del business
E come la nuova generazione i ragazzi della di Facebook e Twitter hanno stanno rapidamente cambiando man mano che entrano nella fascia d'età in cui diventano tutti effetti adulti il modo di interagire perché loro dall'infanzia sono stati abituati ad interagire con il resto
Con con tutti loro interlocutore in un modo completamente diverso da quello con cui siamo nati
E quindi questo fattore accelera moltissimo nei prossimi anni la velocità la necessità di questo cambiamento e questa è una sfida mettiamoci un titolo social networking sopra giusto per dargli un'etichetta ma è molto di più di questo
Che è assolutamente importante prepararsi a vincere grazie grazie
Miliardi Giuseppe
Roberto giardino
La la IBM ha seguito tutti i passaggi quando tu quando parlavo del del trentanove sabato in centro quando prima di fonti ACER Aprimatic a dov'è che la prima grande manifestazione che cercare spiegano punti
Alla pubblica amministrazione potenzialità dell'informatica
Anche attengono ai dal tuo punto di vista di grande azienda multinazionale ma anche di grande azienda italiana
Fortemente dei processi come come vedi è come perché non siamo ancora arrivati a questo switch-off che tutti noi avevamo in mente almeno vent'anni fa
Grazie intanto accolgo la tua sfida di essere un po'ottimisti e magari di guardare verso il futuro
I problemi del Paese sono sicuramente notino a partire dall'emergenza occupazionale
Io vorrei però focalizzare un attimino abbiamo sentito parlare di efficienza di efficacia di efficientamento vorrei concentrarmi anche sul tema dell'innovazione tecnologica ci sono tre sfide probabilmente che abbiamo in questo momento alla sfida della competitività
Delle risorse della burocrazia della trasparenza sulla competitività
Siamo al ventunesimo posto sui ventisette
Della Comunità economica quindi siamo in una posizione sicuramente non non non positiva
E c'è chiaramente molti problemi da risolvere ma cioè una diretta correlazione fra investimenti in innovazione tecnologica
E produttività
E attrattività di investimenti quindi questo è un tema su cui
Lavorare noi investiamo i miti information technology in Italia l'uno punto otto per cento del PIL
Contro il cinque punto quattro della
UK il trentotto due della Germania tre punto uno della Francia se ne col massimo da qui al due mila e quindi ci soltanto metà di questo gap equivarrebbe quasi a quattro punti di PIL
Un quarto di punto di crescita del PIL su base annua
Dicevo abbiamo una sfida di risorse è chiaro che
Il re lancio della nostra economia passa attraverso sentieri molto stretti no dei vincoli di bilancio che possono condizionare le politiche di
Rilancio dello sviluppo di programmi di sostegno allo sviluppo economico
E qui è occorre fondamentale liberare risorse avviare un grande progetto di semplificazione ne parlava anche patti fare e di semplificazione e di razionalizzazione
E qui il punto chiave non può che essere l'agenda digitale come IBM pensiamo e da un po'di tempo riteniamo che spending review e Agenda digitale possono essere un circolo virtuoso per
Liberare risorse che possono essere investite
A attività più alto valore aggiunto
La sfida della burocrazia della trasparenza non è soltanto dare una risposta e cittadini all'impresa e ma c'è una diretta correlazione anche qui fra liberare risorse processi pubblici più trasparenti più efficaci liberato risorse recuperano e generano crescita
Quindi
Io penso che l'innovazione tecnologica sia la parola chiave per rilanciare Combi percorso di crescita del Paese
Che c'è anche da sottolineare come ad aggiungere come gli investimenti in siti di fatto creano un volano formidabile all'occupazione
Le stime dicono che se si realizzasse l'ordine degli elementi dell'Agenda digitale in Europa si andrebbero a creare uno punto due milioni di posti di lavoro
Quando parliamo di BTZ no di società dell'informazione di
Tutti questa grande quantità di dati alcune stime dicono che da qui al due mila e quindici a livello mondiale si creeranno quattro punto quattro milioni di nuovi posti di lavoro ma la cosa interessante non è soltanto i posti di lavoro nel mondo delitti
Che per ognuno di questi posti di lavoro se n'è già no tre
Fuori da liti quindi un po'l'anno di professionalità che ovviamente in cui l'occupazione giovanile può beneficiarne
Quindi
Ovviamente il ruolo dell'innovazione gioca un ruolo fondamentale l'investimento in innovazione
Ma ecco qui dobbiamo anche capitalizzare su tutto quello che è stato fatto internet innovazione dai Governi che si sono preceduti che hanno portato alla definizione di un'agenda digitale alla costituzione delle Gen sia per l'Italia digitale sentivo parlare di tempo
è importante capitalizzare su quanto fatto magari utilizzarlo modificarlo ma non
Senza evitare di ripartire da zero e partendo sulle punte di eccellenza che ci sono e qui il ruolo dell'ITI pubblico può giocare sicuramente richiede una visione diversa
Una visione che lui information technology non sia più vista come costo ma come veramente una risorsa strategica che possa abilitare e creare crescita
E quindi liti pubblica come ovviamente che deve essere efficientato a razionalizzata come diceva di nuovo Simone
Valorizzata qualificata ma che possa costituire da un volano a supporto delle strategie di crescita e di ripresa del Paese
E chiudo sottolineando tra i punti su cui secondo secondo i pm bisognerebbe partire da subito il primo è un grande progetto di trasformazione sistemica della pubblica amministrazione in cui li siti di fatto da un lato è in grado di razionalizzare liberando risorse che possano essere investite ad attività a più alto valore aggiunto
Penso in particolare alla creazione magari di poli di erogazione di servizi specializzati ad alta velocità ad alta efficienza data center che noi definiamo magnetici capaci di
Evitare la frammentazione di attrarre investimenti no ovviamente
Ottimizzando e portando le migliori competenze conoscenza del mercato penso a un investimento
In
Sfruttare la tecnologia per una ricaduta del sociale di tutte le questioni di tecnologia trave sulla realizzazione di piattaforme di servizio in cui il sistema pubblico e privato lavorino assieme in tutto l'ecosistema
Della filiera pubblica e da ultimo chiudo
Parlando di dati di conoscenza penso che i dati della pubblica amministrazione rappresentino una un patrimonio fondamentale ma non è soltanto rendere accessibili i dati ma trasformarli in valore in conoscenza
E qui di fatto parliamo di un una nuova era un nuovo sviluppo o un'informatica cognitiva penso a vuoto sono forse qualcuno di voi ne ha sentito parlare un capo computer capace di interagire
Uomo-macchina capendo il linguaggio umano
Pensando di capace di leggere
Interpretare in pochi secondi milioni di pagine ma la cosa interessante di formulare ipotesi quindi supportare
Il l'impiegato nelle risposte al cittadino si affianca dal medico nella diagnosi cliniche nelle Procure più efficace il tumore quindi per realizzare veramente un sistema virtuoso che di fatto per consenta di abilitare la crescita
Grazie
Grazie
Roberto giardino
Calato ho qui davanti a me
Agostino la cosa perché direttore grazie di essere venuto che il dirle il direttore dell'Agenzia per i dati gitano riponiamo un sacco di speranza ente mio non è su questo palco Markt il trenta mattino al grande evento sull'Appia digitale acquisiate ovviamente tutti invitati noi facciamo il tifo per l'agenzia per te perché abbiamo bisogno veramente di ripartire
Riprendo il giro con
Con Simone batti fare
Questa volta in tre minuti ciascuno vi chiederei di
Rispondere a questa domanda sostanzialmente come fa la pubblica amministrazione a comprare innovazione perché secondo me ci Casalino qui davanti
Greco cui abbiamo parlato altre volte chiazze Domenico anche te di essere qui e il tante volte ne ho parlato di questo come fa a comprare innovazione perché non abbiamo l'impressione che davanti sono grandi progetti quando si trasferiscono all'ufficio gare
Questi grandi progetti diventano piccole cose diventano burocrazia diventano timbri io non so ogni tanto partecipano qualche Garagnani contino meravigliare della quantità di firme cartacea che devo mettere su ogni gara degli timbri e come
Allora forse c'è uno scollamento tra una pubblica amministrazione il Smart intelligente veloce che penserà oggetti è un pezzo di pubblica amministrazione che fa le gare che invece pensa di essere nella pubblica mi stazione cinquant'anni fa
Come facciamo a comprare non come fa la piazza entrare innovazione dal potere Polo tireremo capiate ma adesso lo stiamo lo chiamo l'azienda dal vostro punto di vista cosa come ottavo mese perché le
Le amministrazioni riuscisse a comprarli non pezzi di ferro linee di codice ma innovazione
Perché indubbiamente diciamo meccanismi tradizionali non è che non sia ma so particolarmente
Diciamo così amichevoli no quindi diventa complesso ma proprio per tutte e due le parti diventa complesso gestire questo tipo di acquisti io credo che
Sarebbe più corretto vedere come impostare delle relazioni di partnership
Partenariato pubblico privato perché anche tornando alla al concetto che si diceva prima copriamo le cose che hanno funzionato o no senza inventati sa cosa
Credo che progetti di trasformazione quindi uscendo poi dal singolo
Dalla singola iniziativa a progetti di trasformazione del Paese importanti devono far leva su questo tipo di partenariato no non c'è altra strada
C'è un a quindi un un tema sicuramente legato al tempo c'è un tema di mettere a frutto con i migliori risorse già presenti nel Paese sarebbe
Secondo me impensabile oggi per la pubblica amministrazione mettersi a ricostruire tutto da zero no certi ricostruiamo i data center rigo siamo le replico siamo il software ci metteremo dieci anni per
Per arrivare in un in un punto e probabilmente arriveremo tardi
Quindi
Rispondo anche in un di meno di tre minuti il pubblico e privato devono
Mettere insieme le loro energie trovare delle forme nuove di cooperazione ovviamente che seguono delle regole
Che comunque ci vogliono ma anche escano dal meccanismo tradizione della gara specialmente segare a cui siamo stati purtroppo abituati nell'ultimo periodo in cui l'elemento meramente economico
Era poi l'elemento dirimente evidentemente si vogliono fare delle di lavori di qualità ed avere un partenariato comprare al ribasso come se si comprasse
La ghiaia per il cemento armato o no non è non è la Procida
Grazie e io sono
Maggio aggiungo solo che io vorrei che la pubblica amministrazione
Dirigenti soprattutto apicali della pubblica amministrazione adesso anche più il senso che
Si prendessero più responsabilità scegliere responsabilità
Per il due discese a un'azienda piuttosto che un'altra devi avere il coraggio di scegliere perché quella è la cosa migliore che fai del tuo paese sedere sceglie un po'oggetto compra un progetto può comprare un progetto se il se no le spacchiamo sempre facciamo diventare per un eccesso di garanzia
Alla fine siamo il meno garantiti perché non riusciamo neanche a De allevare da allegare quelli che hanno delle abitazioni tessile figuriamoci se possiamo scusate Mario su tre cose mi
Gli appassionati
Fare alcune considerazioni aggiuntive a quelle che ha fatto l'amico Patti Ferri con cui spesso condividiamo il convegno e quindi ormai
Costruiamo una coppia
Come speaker la prima considerazione esco un attimo dal seminato ma perché credo importante creare un framework un contesto per poi produrre innovazione un po'di amministrazione e cito un progetto di una grande azienda francese pubblica
La quale se aveva coinvolto per un grande
Progetto di trasformazione aziendale la prima iniziativa non faccio il nome poi qualcuno all'ATO e posso anche condividerlo
Transalpine non
Qualche
La cosa fondamentale il primo step di questo progetto e di è stato il mettere in piedi un periodo di sei mesi di promozione interna della necessità e opportunità di questo progetto nei confronti dei dipendenti dell'organizzazione
Cioè i primi sei mesi della progetto prima ancora di procedere alla scelta dei quali erano i tutsi strumenti patente intermedio verrebbero successivamente implementata questo
Questa grande trasformazione il primo passo è stato quello di coinvolgere e convincere l'intera popolazione aziendale
Perché è fondamentale perché le tecnologie
Di oggi del mito di oggi non sono tecnologie che si possono calare top down scusate l'inglese ISMU non sono tecnologie che si possono tipo te con cui si può ottenere successo il laboratorio
Occorre far sì che da parte del potenziale futuro utilizzatori ci sia il profondo convincimento che quelle tecnologie gli daranno dei benefici e che quindi le useranno
Non è un problema italiano questo perché c'erano alcune frasi che adesso non cito per brevità del responsabile del governo del Regno Unito so cupa delle governatorato il quale lamentava che il livello di adozione
Non è quello che loro auspicavano speravano perché da parte di tante Amministrazioni c'è un forte
In cui sbagliando e del loro che mere nuovo peculiare ricerca della differenziazione rispetto a quello che proponeva il Governo e quindi questo creavano in passi quindi io credo che evidente come le tematiche se noi stessi ma questo
Che lamentava questo signore inglese era semplicemente il risultato della non convincente non convincimento degli utilizzatori finali dell'opportunità necessita di muoversi in una certa direzione e credo che questo sia un passo che molto spesso viene trascurato
Per quello che può riguarda le modalità di introduzione della tecnologia di nuova tecnologia
è già stato detto del riuso della diffusione delle best practice facile a proporre logica ma di nuovo che deve passare attraverso il convincimento diffuso che quelle Vespa sono la strada giusta in cui muoversi altrimenti vengono rigettate
Il timore
Tra le aziende l'università che non è stata citata
La pubblica amministrazione
E i partner italiani è un fatto fondamentale che viene realizzato in tutti i Paesi le stesse siamo stati partecipi di alcune di queste iniziative negli anni passati
è un modello che va diffuso in particolare io vedo delle aree quella Smart City se verrà digitazione dei processi amministrativi un fronte che ancora non è stato sufficientemente esplorato che è quello della mobilità
Però se ci tale più bella del mondo sono travolta dal traffico e ci sono degli enormi spazi
Di recupero di vivibilità che sono conseguibili attraverso l'information technology
Mettere in cantiere dei progetti di questo tipo in questi ambiti e anche un sistema per rilanciare anticipi italiano dalla collaborazione telefoni per le tecnologie
Tra i partner italiani ci sono realtà estremamente qualificate detto alcune qui in sala rappresentate
E il mondo della pubblica amministrazione può venire anche un contributo a quello che la ripresa di un settore trainante dell'economia nazionale che deve essere un settore trainante l'economia nazionale
Grazie
Grazie
Le dichiarazioni del signor Pinna Pier Francesco Di Giuseppe
Roberto giardino neanche a te la stessa domanda con
Più volte questa domanda è nata
Da anche da tante chiacchierate fatta negli uffici di IBM
Quindi più volte ci siamo con con i tuoi collaboratori
Interrogati sul perché in altri Paesi del mondo era possibile fare grandi progetti ambiziosi e da noi grandi progetti quelli col con la G maiuscola non si esca una fare non è questione di soldi non mi risponde non ci sono i soldi per non ci credo
Intanto rispondendo alla domanda ma come si compra innovazione bisogna voler fare innovazione una piccola provocazione no però
Io penso che per raggiungere gli obiettivi di cui abbiamo parlato no che sono obiettivi ovviamente ambiziosi sono obiettivi sfidanti eccelle aging
Di fatto i meccanismi anche che regolano
Da i rapporti fra la domanda l'offerta mostra un pochettino l'accorgono per l'ambizione di queste di queste cose bisogna trovare anche
Modalità di nuove da Piffari parlava di partnership pubblico-privato io penso che bisogna evidente evidentemente anche per avviare grandi progetti trasformazione di cui parliamo anche copiare magari da esperimenti fatti all'estero che mi viene in mente ad esempio lo stimolo per quanto riguarda via Re concetti il dialogo competitivo
Che di fatto consentano effettivamente di avviare fra pubblica amministrazione aziende private un rapporto diverso da quello tradizionale fortemente concentrato su obiettivi comuni condivisi
Parlate di tempi quindi rispetto di tempi progettuali in cui effettivamente le aziende che portano innovazione che portano valore porti sono sedersi a fianco della pubblica amministrazione per definire progetti congiunti ecco io penso che avere anche
No un po'il coraggio e la voglia di provare strumenti innovativi come appunto quello del l'adozione del dialogo competitivo possono rappresentare un po'la svolta oltre ovviamente a strumenti di finanza innovativa no che consentano magari di limitare i rischi
Tutto questo ovviamente deve avvenire in uno scenario normativo che però permetta di definire chiaramente qual è il l'ambito del pubblico l'ambito del privato
Perché non dimentichiamoci che poi devono comunque essere definiti i perimetri di azione e anche i ritorni devono esserci se non certi almeno quanto mai pianificato di anche per l'azienda
Grazie io ringrazio voi del della del vostro contributo e quindi
Calato alle cose che avete detto io mi sono segnato in maniera disordinata ma finanza innovativa dialogo competitivo Smart Cities sanità detto Monica fare squadra coinvolgimento riduzione dalla Center tempi interoperabilità Baudis cresce l'occupazione sono tutti temi che se volete andare avete la pazienza di guardare il il programma di fonti a hanno ognuno di questi un appuntamento dedicato
Cioè parli sotto il sarebbe troppo lungo viziare tedioso dite direi all'alla morte nel contabili tutti matti ognuno di questi di questi temi ha un suo appuntamento dedicato
Perché avete toccato proprio questo è quello che ci serviva questa prima strutturali del ghiaccio da parte delle imprese che con noi sono nella lotta all'innovazione del toccato effettivamente quelli che sono i punti focali
Vi chiederei del ministro l'aria rimane come e gli altri chiederei imprenditori di fare un cambio di tavolo giudichiamo sul tavolo invece il secondo panel che è composto da Franco Bassanini Massimo fa alzarmi
Stefano Parisi e che presenterò mano mano anche di tutti di conoscere tutti quanti Graziano Delrio che ci sta raggiungendo
Mentre forse non ce la fa non siamo ancora sicuri ma forse non ce la fa Flavio Zanonato perché c'è il problema dell'Ilva che in questo momento io sono un gran presuntuoso ma non riesco a convincerlo che più importante il Forum Pia dell'Ilva per cui temo che noi
Che perché se deve mettere in ordine giustamente fa il ministro e far mettere ordine F otto miliardi mi fanno non mi fanno notare dal pubblico quindi giustamente
è un po'più
Diciamo per cui è prioritario
Siamo qui Franco dove
Franco Bassanini vicino al ministro
Ecco ci allora io chiederei tram
Questo Graziano quando
Il
Chiederei anche a voi di
Nel vostro io adesso per presentare queste qua in cui questi quattro personaggi del secondo ci raggiunge Graziano
è del tutto inutile ma quindi
Ricordo solo che Franco Bassanini il Presidente di astenuto il Presidente di Cassa depositi e prestiti ex
Nel ministro della Funzione pubblica degli affari regionali
Autore di una delle più importanti azione di riforma degli anni Novanta nonché attraverso Astrid secondo me costruttore di uno dei più intelligenti poli di pensiero sul sull'innovazione nelle amministrazioni soprattutto il punto di vista del
Del normativo giuridico ma non solo che a questo Paese quel di cui io sono
Se del lettore tutti i giorni e Massimo Sarmi e l'amministratore delegato di Poste italiane anche Presidente del Comitato tecnico i siti di Confindustria
Stefano Parisi ha una lunga carriera nel pubblico nel privato attualmente Presidente di Confindustria digitale oltre a un sacco di altre cose
Sorprendente nella sua azienda privata nella e con l'esperienza pubblica importante da direttore generale del Comune di Milano direttori generali Confindustria a direttore generale del per Capo del Dipartimento degli affari economici eccetera
Graziano Delrio lo presento quando arriva perché non sta bene presenta le persone quando e come non ci sono
E chiederei a Franco Bassanini di cominciare lei il nostro giro tenendo sì più o meno un quarto d'ora
Per
Così non c'è bisogno di l'articolo del di alzarsi la palla Franco perché ti assunta mica è vissuto tanto
Io amplierei il discorso che hanno cominciato prima per la informatica un po'a tutta la riforma della pubblica amministrazione negli anni bellissimi che sono stati gli anni novantasei novantotto che secondo me sono stati gli anni molto
Belli da tutti non tanto politicamente non è un giudizio politico il mio ma di grande entusiasmo di cambiamento probabilmente pensavamo che dopo numero importante di anni passati avremmo
Fu saremmo stati solo pubblicazione forse un po'più avanti di come siamo
Son passati tanti Governi colori diversi non è assolutamente un giudizio politico però è un giudizio cioè è un giudizio politico non è un giudizio di parte ma certamente un giudizio politico in questo senso
Un come dei vite il CUP lo stato attuale quali sono secondo tele che potremmo rimetterci marcia
Sì quello che
Ogni
Caratterizza questo momento dico una cosa scontata e banale
E che siamo in un momento drammatico per il Paese
E o un riesce
Il tentativo di questo Governo
Di
Creare le condizioni per far ripartire la crescita senza aumentare la spesa pubblica
E senza aumentare anzi possibilmente gradualmente diminuendo la pressione fiscale oppure
Temo che e l'Italia sia condannata ad un declino irreversibile e ahimè molto rapidi
Quindi questo è il il il quadro credo che sia in
Inc indiscutibile
Allora in questo quadro c'è un ruolo importante del del
Della pubblica amministrazione nel suo insieme il Ministro il Ministro D'Alia a ha un compito ha un compito chiave nell'ambito di questa sfida che questo Governo sta cercando
Di affrontare mobilitando le risorse migliore del Paese e vero
Quello che diceva sull'ammantano inizio con la nostra pubblica amministrazione non non è né più numerosa né più costosa di quella media dell'OCSE
Ma all'inizio degli anni Novanta non era così all'inizio degli anni Novanta eravamo ai primi posti
Nei tra i Paesi OCSE
Per numero dei dipendenti pubblici e per costo delle pubbliche amministrazioni
Vent'anni di riforme e l'altra e mi dà la linea di fondo di queste riforme
Indipendentemente dai cambiamenti di maggioranze di governo è sempre stata con accelerazioni e frenate ma è sempre stata la stessa
Vent'anni di riforme ci hanno portato ad una situazione nel quale come costi delle pubbliche amministrazioni siamo nella media forse persino un filo al di sotto della media dell'OCSE
Questi per i costi per i bilanci pubblici poiché abbiamo i costi burocratici e da regolazione imposte alle imprese alle famiglie
Ma qui siamo cui siamo
Al di sopra della media
Non sono aumentati rispetto all'inizio degli anni Novanta ma non sono neanche diminuito almeno non sono diminuiti
Quanto sarebbe stato necessario
Per rimettere CDA e quindi questo è è un costo anche questo il costo che il sistema fa pagare alle imprese alle famiglie in termini di complicazioni burocratiche e di costi regolatorio
Basti soltanto il tema che il Governo sta cominciando ad affrontare
Delle complicazioni regolatorie procedurali una
Io vorrei
Rispetto alle regole
E ahimè ai requisiti europei dove sono stabiliti cioè il cosiddetto Golden Pletnev cercare di eliminare la superfetazione
E magari nel con le migliori buone intenzioni tuteliamo ancora meglio la salute l'ambiente di quanto fanno le norme il Regolamento e le direttive europee però tutto questo ha poi un costo
In termini di crescita in termini di persino in termini di coesione sociale perché il termine in costo di crescita poi si paga in termini di occupazione o medio di disoccupazione
Ma poi c'è il problema della produttività dell'Amministrazione della qualità dei servizi la nostra Amministrazione non costa più di quella di altri Paesi rende servizi
A livello di quello dei Paesi più avanzati che dovrebbero essere i nostri competitori
Anche qui
Giudizi sommari sono sbagliati e ci sono ci sono situazioni di eccellenza nelle nostre pubblica amministrazione e ci sono nostri darmi ci sono
A che sono a livello dei migliori del mondo però la qualità
Media complessiva la produttività dell'Amministrazione
E a livello di quello dei Paesi più avanzati
La qualità e la quantità
Chi mi conosce
Forse si riterrà perché faccio per l'ennesima volta questo esempio ma in termini di quantità noi abbiamo tredici posti ogni cento bambini in età prescolare
Nelle asili negli asili nido e nelle scuole materne
La media europea e sopra i trentatré
I paesi del nord Europa sono tra sessanta e settanta
Quanto paga il Paese in termini di
Occupazione femminile e in termini di tasso demografico per la carenza di un servizio fondamentale come come sono
Di asili nido le scuole materne quanto paghiamo poi in termini di
Educa dissi DD gli effetti sul sistema complessivo di education e quindi di qualità delle risorse umane del nostro del nostro Paese qui c'è un problema di quantità
La nostra istruzione non costa di più ma per esempio in questo campo fornisce molte meno servizi e di quelle del
Della media della media europea
è allora qui
Dobbiamo
Affrontare questo problema complicato e difficile
Che il tema fondamentale che
Ed il mio amico Dalia a di fronte la che il Paese ha di fronte prepari ministra funzione pubblica alcuni strumenti ma
Alcuni strumenti alcuni strumenti limitati allora una prima linea e quella che
è un filo di continuità nelle riforme degli addetti di tutti gli ultimi vent'anni
Introdurre
Sistemi di misurazione della qualità di misurazione delle performances delle strutture e di performances delle singoli
Di performances individuali e stabilire meccanismi di incentivazione
Premiali e sanzionatorie che
Come dire incentivino al miglioramento della produttività e della e della e della qualità
Si sono fatte molte cose perché è una linea di di di contiguità
è inutile dire che i risultati non sono per il momento eccellenti
C'è una c'è una cioè come dire una una ragione anche che parzialmente può
Giustificare questo ed è che le condizioni della finanza pubblica di questi in questi ultimi anni sicuramente hanno fatto mancare
La necessaria alimentazione di un sistema premiale
Però questo non può essere
Una giustificazione una giustificazione sufficiente
Un altro punto è quello che è stato sottolineato nella precedente tavola rotonda
La nostra Amministrazione ha comprato molti
Device e molti strumenti informatici ma
La digitalizzazione dell'amministrazione è un fatto di
Reingegnerizzazione dell'organizzazione dei processi
E dei servizi
E questa non è
Stata fatta o almeno come è stato ben detto e non torno su questo non è stata coordinata
E organizzata in modo in modo efficaci
Poi però ci sono una serie di altri punti nessuno io vorrei attirare la vostra attenzione
Perché al di là del della disponibilità individuale io penso che in questo momento
Il Paese debba chiedere molto di più
Di quello che fanno
Agli dirigenti i lavoratori pubblici ai lavoratori lavoratrici pubbliche
Ma per far per far questo
Bisogna innanzitutto riuscire a far capire
Che questa è una grande esigenze la grande necessità del Paese per la ragione che accennavo all'inizio se non riusciamo a far ripartire la crescita
Noi siamo finiti come Paese
Per far questo un ruolo importante dalle pubbliche amministrazioni
Dobbiamo dare I dirigenti e dipendenti pubblici la consapevolezza che in questo momento possono svolgere un ruolo fondamentale
Per la ripresa per la ripresa del Paese riuscire quindi a farli è a renderli consapevoli di questa missione e a motivarli
Io ricordo la grande riforma dell'amministrazione federale americana che fecero del Clinton e Al Gore
La National performances review e poi
Indipendente in government una parte
Fondamentale cruciale io ne parlai a lungo con con Aldo ora in quegli anni perché cercavamo di copiare qualche cosa
E una parte fondamentale fu la motivazione
Fu nelle amministrazioni riuscire a farvi capire che che loro stavano svolgendo un'azione fondamentale per il Paese
Non so se vi ricordate in pochi in quattro cinque anni l'Amministrazione federale americana passo da un deficit a due cifre
A un
A Bilancio in attivo
Ha un bilancio in attivo senza ridurre anzi in molti casi migliorando la qualità dei servizi
E c'erano cose che a noi possono sembri era persino ingenue il fatto di
Stabilire un sistema premiale dove i premi non era hanno
Materiali
Ma erano morali erano potersi mettere all'occhiello il distintivo di essere uno dei campioni dell'innovazione nell'amministrazione è uno dei campioni
Della in venti interventi renting ovviamente
Allora io penso che Governo Parlamento il Ministro D'Alia
Debbano dire ai
Dirigenti e dipendenti pubblici noi faremo fino in fondo la nostra parte
Per riuscire a farvi lavorare meglio questa parte vuol dire
Coordinare
L'agenda digitale e renderla efficace attraverso
A la risoluzione del problema dell'interoperabilità tra i vari sistemi è un problema italiano ma non solo italiano io ricordo della commissione Attali
Io posi questo problema e si scopre che non erano interoperabili neppure
I sistemi i sistemi informatici delle
Differenti forze armate del per del
Francesi cioè non si parlavano tra aviazione Marina e quindi voglio dire
Tutto il mondo in qualche misura però va affrontato questo problema allora alla politica i responsabili politici e di altissimi dirigenti devono affrontare
I problemi strutturali della pubblica amministrazione appunto l'agenda digitale e il e l'impero primi interoperabilità dei dei sistemi
La revisione della regolazione
Affrontare con decisione il problema della semplificazione amministrativa burocratica
è stato ricordato qui a partire dai dai vertici insomma è dieci anni che tra le maggiori forze politiche nessuno escluso
C'è l'accordo sul fatto che il Titolo quinto soprattutto l'articolo centodiciassette non funziona perché c'è un numero eccessivo di competitivi di di di di competenze e le idee concorrenti
C'è l'accordo perché non si fa
Io io più che c'è una ragione per questo perché si pensa sempre di doverlo introdurre in una grande riforma globale su cui ancora non si è raggiunto l'accordo esso vedremo se il ministro Quagliariello riusciva dove altri hanno fallito però intanto le cose su cui siamo d'accordo facciamo le subito
Perché la
La semplificazione delle competenze sapere che in materia di grandi infrastrutture di energia e di comunicazione la competenza è dello Stato del Parlamento e del Governo
è che in altre cose invece la competenza delle Regioni questa è assolutamente essenziale così come i livelli
Ai livelli inferiori a questo il fatto di
Semplificare le competenze quindi identificare le responsabilità e cose essenziale per mettere le pubbliche amministrazioni in condizione di lavorare meglio
Poi la la semplificazione della regolazione da sembra semplificazione burocratica è stato fatto un grande lavoro in questi anni ma manca ancora qualcosa
Sono stati introdotti moltissimi casi di silenzio assenso però vedete
E poi a questo bisogna spiegare ai ai dipendenti pubblici il silenzio assenso siccome non riesce mai ad escludere il potere di autotutela dell'Amministrazione
Che a tutela di fondamentali interessi generali come quello alla salute all'ambiente eccetera
Può intervenire anche dopo il silenzio assenso il silenzio assenso non elimina la necessità
Di procedure di autorizzazione dove sono necessarie rapide semplici
Rapide semplici un'impresa a un'impresa è meglio dire no questa cosa non lo puoi fare
Che non farla tendere
Due tre quattro anni prima di avere un'autorizzazione
Se non lo può fare e meglio di rapidamente che non lo possa fare dobbiamo chiedere
Alle nostre amministrazioni di capire
Che in questo momento l'amministrazione sono ovviamente sono al servizio di tutti i cittadini ma sono soprattutto al servizio della crescita del Paese della ripresa della crescita
E quindi
Prendere per mano le imprese che vogliono investire
E aiutarle ad avere delle risposte rapide questo è un compito fondamentale
Le imprese hanno ragione non possono presentarsi in banca crei a chiedere un prestito per investire con il silenzio assenso hanno bisogno dell'autorizzazione quando quando quando ci sono dei dei problemi complessi bisogna dargliela rapidamente
Oppure ne Gambillara rapidamente
E poi e poi io penso che
Bisogna
Affrontare e questo tema della vedete giustamente veniva detto responsabilizziamo i dirigenti responsabili da me dirigenti diamole dei Budget entro questo bacio devono poter decidere
Devono potersi assumere le loro responsabilità badate c'è un problema che prima o poi il Governo il Parlamento dovranno affrontare che il problema del sistema dei controlli e delle responsabilità
Diciamolo chiaramente colla massimo di buona fede di buona volontà la Corte dei conti
Il sistema delle giustizia amministrativa e la giustizia penale
Non facilitano
L'assunzione di responsabilità sono fatti in modo tale
Che spesso spingono i dirigenti a non decidere perché se decidono rischiano comunque
Di non di essere necessariamente sanzionati ma di andare davanti al giudice o Obodo o penale o contabile e di restarci per anni prima che venga riconosciuto al fatto che non hanno Cocco commesso
Nessun reato nessuna irregolarità
Un Paese per funzionare ha bisogno ha bisogno che anche i suoi organi di controllo che devono far rispettare rigorosamente la legge
Però
Siano consapevoli che sostenere la crescita far ripartire la crescita è un'esigenza fondamentale del Paese
Se no saremo tutti morti e saranno morti anche e le magistrature italiane che vivono in un Paese che ha bisogno che ha bisogno di crescere ecco questo io penso che sia il messaggio che dobbiamo dare
In questo messaggio
La mi come ministro da Lia ha un ruolo fondamentale è il ruolo di uno che può promuovere
Una serie di decisioni
E poi però questo è un punto che
Di costo ho detto sempre ai miei e i miei successori sapere che il lavoro del ministro della funzione pubblica è un lavoro paziente e di lunga lena
Quando si son fatte le leggi si è appena all'inizio del lavoro bisogna poi
Seguire e monitorare la loro da loro implementazione
Io sono amico di Renato Brunetta credo che lui abbia fatto delle cose importanti e tra l'altro io ho sempre detto e scritto che erano in piena continuità con
Gli indirizzi e i principi della riforma a cui ho avuto un po'modo di
Di mettere mano
Quello su cui da luglio subito dissentito e quando di dichiarò ormai da riforma è fatta perché erano state fatte le leggi
Ahimè
No
Nove decimi del lavoro e il lavoro successivo
Che richiede un'attenzione costante non solo dei vertici amministrativi ma anche del vertice politico in questo momento ben rappresentato da Giampiero D'Alia grazie
Grazie grazie Franco
è nato a Brunetta oltre è stato il ministro in cui ho lavorato per tanti anni è stato oggi non è potuto venire era stato invitato ma aveva un impegno commissione parlamentare non è riuscito a venire
Speriamo che in questi giorni comunque non faccia mancare la sua presenza concordo con quello che molte cose di quelle diceva Franco
Massimo Sarmi anche a Tempio meno l'assillo stessa domanda come facciamo a portare a casa più risultati di quanti abbiamo portato in che modo possiamo far ripartire il Paese partendo dal settore pubblico
Anche lì dato un'occhiata una sbirciata cronometro quando vi capita
Allora anzi anzitutto grazie poi
Sentito quello che è stato detto FEOGA fino ad ora non si può che con accordare economie
Ognuna delle considerazioni che sono state fatte poi però
Cominciando ad essere un po'più diretti vedendo veramente guardando avanti per dirla nel gergo universitario se dovessimo fare
Un esame di analisi delle reti
Sicuramente prenderemo trenta
Se dovessimo fare l'esame di sintesi delle reti penso che saremmo respinti decisamente questo perché
è abbiamo sentito la capacità di concettualizzare di andare a fondo di mettere in evidenza anche
Gli errori che si sono commessi eccetera eccellente
Come quando si tratta di andare
A mettere insieme il nuovo a realizzare
è questo avviene un po'meno
E tutto ciò avendo a mente ed è stato detto che la variabile tempo
La variabile essenziale e fondamentale
Quando vedo Franco Bassanini mi viene in mente di quindi segno orsono quando
Lui promuoveva la carta di identità elettronica io mi trovavo con poi incarichi vari
Nel cercare di
Completare questo percorso di mettere a frutto a realizzazione l'iniziativa oggi quindici anni dopo ancora questa carta d'identità Elettronica nelle tasche io non ce l'ho
Ecco quindi questo ci deve far pensare uno che è evidente che poi tutti quelli che sono i meccanismi che avvengono dopo la concettualizzazione del problema
Evidentemente richiedono una
Grande è formidabile attenzione
Sempre nel passato si ragionava prima in termini di infrastrutture disponibilità delle infrastrutture Investimenti
Poi
Due motivazioni rendono oggi a mio avviso l'approccio abbastanza diverso uno ovvio le risorse non sono mai sufficienti
A sostenere tutta alla necessità
Di investimenti e sviluppo due e i tempi di realizzazione sono fondamentali per
Andare a mettere in campo delle iniziative
Cosa voglio dire con questo che quando ricordo si costruire infrastrutture in fibra ottica
Nel Paese
C'erano dei soggetti che avevano anzitutto la forza di sostenere e gli investimenti ma anche una ritorno degli stessi che sarebbe avvenuto non da tutte le parti in maniera congruente con l'impegno assunto
Oggi io credo che
L'approccio debba essere assolutamente il contrario arriviamo vicini al tema noi siamo chiamati tutti perché io lo dico o con la responsabilità di azienda ma vista
Lauda l'uditorio in termini generali ad erogare servizi ad erogare servizi utili una volta deciso quali sono i servizi utili evidente che da essi derivano le necessità di infrastrutture
Fare alla rovescia secondo me sarebbe veramente sbagliato
Quindi anche quando nelle stico attuale oggi che concettualmente andiamo a rappresentare le esigenze del mondo dei dati
Con la realizzazione di data center prima dobbiamo avere la consapevolezza che se dovessimo cominciare da oggi a deciderne uno prima di due tre anni
Non ce l'abbiamo in campo secondo ma io credo che sia più importante decidere quali flusso di dati qualificate che discende da
Quali flusso di servizi debba essere andata essere individuato e quindi come e questo nuovo impianto vada a collocarsi e un'infrastruttura di information communication technology
Che ambisca arrendere come è stato detto
Quei dati disponibili a tutti a tutti quelli che hanno interesse a costruire sui essi su di essi dei servizi
Del valore naturalmente avendo venne individuato le responsabilità di chi termine il primo detentore metri muoverà ante
Quindi in buona sintesi che cosa vuol dire a mio avviso nella concretezza se io dovessi
Esprimere un suggerimento verso la pubblica amministrazione in generale io prima redigere i un Piano dei servizi e poi fare un piano delle infrastrutture non farei alla rovescia
Allora ma tutto ciò scendendo traducendo in pratica questo concetto
Come può avvenire anzitutto abbiamo nel Paese eccellenti infrastrutture esistenti
Certo poi
Già guardiamo in avanti in prospettiva e siamo consapevoli che ci siano necessità di ammodernamento che ci siano necessita di evoluzione per tanto tempo
Ci siamo confrontati con
Lo slogan e le necessità di banda si è parlato di cento mega versa ciascuno
Ecco io posso dire che pure affascinato dalle tecnologie con molti meno megabit di banda si possono erogare i migliori servizi di government in tutto il Paese
E questa una prima considerazione il che non vuol dire trascurare la seconda ma intanto cominciamo ad erogare i servizi e poi da lì discende la puntuale necessita di ampliamento
E così ritorna quel circolo virtuoso in cui le infrastrutture realizzate poi prendono
Un'altra facilità o facilitazione che ci può essere in questo senso
Ne deriva dalle nuove tecnologie non è proprio la nuova tecnologia ma una parola fascinosi sì ma il cloud è stato citato il cloud
Sul cloud
Vorrei fare prima delle considerazioni di tipo generale spero condivise uno io uno dei valori importanti nel Paese risiede
Nella natura dei dati che per questo Paese sono caratteristici sono essenziali
A parte quelli che naturalmente
Sono riservati che non possono essere che detenuti e custoditi dalla Autorità che ne ha le competenze anzitutto la nostra identità che
Il primo abilitatore
Poi naturalmente tutte altre aggregazioni che ci vedono più sotto un profilo commerciale diedi cliente piuttosto che non di cittadina bene tanto per cominciare ritengo che questi dati
Che sono la ricchezza di un Paese vadano custoditi gelosamente nel Paese e non vadano in giro per il mondo nei data center che fascinosa mente immaginiamo in questo mondo di cloud
Voglio negare il cloud no però voglio porre anche dei punti di attenzione la ricchezza del Paese sono i propri dati i propri monumenti il proprio patrimonio storico non può stare in una database da qualche altra parte del mondo
Poi ci sono un paio di concetti con quali dobbiamo assumere familiarità c'è proprio perché siamo nel mondo del cloud al mondo dei servizi di e-government alla nostra identità fisica
Si deve aggiungere l'identità Elettronica
E l'identità elettronica vuol dire che in questa
Connubio fra fisici fisicità e di identità elettronica dobbiamo avere la possibilità a nostra scelta a mio avviso
Ad accedere che a fruire dei servizi
Non ci dimentichiamo il cosiddetto digital device del culturale che a mio avviso in questo momento non dico è molto più forte messa ma se l'Abate
Con quello tecnologico faccio un esempio anche se vedo il cronometro che scorre implacabilmente
E recentemente ci siamo trovati esempi in cui ci troviamo tutti non io anche se e come li ho i capelli bianchi ma
Il CUD
Per i pensionati non è stato trasferito per ragioni dica di economicità abbia poste ma è stata data facoltà agli interessati
A collegarsi con il sito dell'ente
Che deve erogare il CUD e stampa al seno bene
Circa due milioni di persone quindi ve lo dico e ancora non è finito il periodo sono venuto alle Poste a farsi stampare il CUD quindi
Prendiamo anche grande attenzione i transitori
Il suo appello qui vengo a un tema di Confindustria Sportello Unico per le attività produttive se volessimo esprimere in un esempio al paradosso al limite ma in Svizzera non è informatizzato
Perché quando si va ad aprire un'impresa in Svizzera sita alla nella sede dell'Autorità preposta viene
Descrive dedicata una persona a seguire l'impresa in tutti i percorsi che servono poi per ottenere
Le necessarie autorizzazioni per
Svolge re iniziare a svolgere la propria attività
Ecco se noi pensassimo alla rovescia
Di introdurre il sua per in Italia attendendo che e l'ultima organizzazione dei vigili o l'ultima assumersi sia informatizzata io credo che ci vorrebbe ancora molto tempo
Quindi dobbiamo essere equipaggiati a gestire un transitorio un transitorio in cui le modalità attuali quindi tra virgolette le modalità fisiche e le modalità elettroniche
Devono sapere interagire
Fra di loro
Ma
Dette queste considerazioni di tipo generale che hanno lo scopo di non faccia innamorare delle tecnologie ma guardarle con uno spirito
Fatemi dire di strumento piuttosto che in un non di finalità
Avendo sempre a riferimento che il servizio la guida ampi dico due parole proprio nella in questo caso nell'incarico di Confindustria sul tema dei servizi digitali evoluti
E
Tanto vero questo che Confindustria
Si sta preoccupando non solo dell'impresa ma anche si propone di esprimere delle opinioni quindi fidare
E dei suggerimenti in pratica sulle aree che sono state già enunciate nel corso dei precedenti
Interventi che sono state già rappresentate dal presidente di Confindustria
In sede pubblica nella recente Assemblea
Proprio per andare ad individuare con concretezza alcuni punti di intervento uno
Rendendosi disponibile ad interagire fra mondo dell'impresa mondo della pubblica amministrazione e dei cittadini in generale l'altro andando a caratterizzare alcuni passaggi del tipo
Tanto per cominciare uno dei punti di riferimento che se si deve accedere ai servizi la pubblica amministrazione
Si deve poter usufruire di un unico punto d'accesso
Quindi come si dice
Di un portale unico non pensiamo non possiamo pensare in prospettiva di essere cittadini che se dobbiamo chiedere un certificato di residenza dobbiamo andare da una parte se dobbiamo andare a pagare che ne so un ticket per la sanità dobbiamo andare da un'altra parte
Nel mondo del web ce lo insegnano il punto di riferimento un accesso unico
Così poi andando a declinare questo concetto perché il passaggio dopo
E quello di avere come si dice in gergo
Un login unico anche qua non possiamo pensare di
Lasciate alle persone il fatto di dovere orientarsi n volte riqualificarsi Rieti accreditarsi
Mettersi in una logica che come sappiamo e anche un po'
In generale nel rischio
Che il mondo dell'UE ben sta dimostrando a tutti noi
Che è connaturato con qualche tipologia dire operazioni importante in altre parole non possiamo pensare all'e-government senza vere a mente che c'è dietro un concetto di cyber security non possiamo pensare
Di gestire in casa dei servizi
Se anche come azienda non siamo in condizioni di mettere questi dati insicurezza in termini di business continuity e disaster recovery ma anche in termini di attacchi informatici
Se non erro negli Stati Uniti
Quando un'azienda gestisce
Dei dati che sono di interesse generali in pratica e obbligata ammetterli in certi cloud che hanno delle caratteristiche
E di sicurezza pali è proprio a salvaguardare l'interesse del Paese proprio per evitare che la perdita una distorsione di quei dati
Generi del problematiche
E di rilievo
Poi
Altre due considerazioni
Sempre
In termini di Confindustria è ovvio che
Quei concetti di standardizzazione dei servizi e sono stati richiamati sono fondamentali non si può pensare che
Le Province magari non ci saranno più ma un Ufficio provinciale del lavoro e non dialoghi con un altro ufficio provinciale del lavoro e non sto parlando di cose lontane dalla realtà ma molto pratiche quindi una interoperabilità di servizi che debbono avere delle caratteristiche territoriali ampie per non dire delle caratteristiche nazionali
E poi un invito all'integrazione laddove fosse necessario fra piattaforme di servizio dell'Amministrazione centrale
Dall'Amministrazione locale questo laddove ci siano delle funzionalità di processo
Che richiedano elementi di conoscenza l'uno dall'altro
è normale in un'azienda avere una gestione centrale
Dare distribuire delle risorse sul territorio ma è altrettanto vero
Che come vengono trattate gestite questi flussi di risorse e poi una importante informazione di ritorno perché deve arrivare
A chi le ha erogate
Ecco questo sono abbondantemente al di fuori del tempo ci tenevo a dire sotto i due profili vi ringrazio per la pazienza grazie grazie al massimo tre anni
Grazie anche a me
Per la chiarezza con cui ha esposto questi due aspetti che sono comunque fortemente correlati Stefano Parisi e mi permetto Stefano da lunga amicizia di essere molto diretto Conte
Ma può valere da condotto valere dal tuo posto di Confindustria digitale e la
Che dobbiamo fare per essere ancora più ottimisti un assetto gli ottimisti del dovere ma come lei di questa cosa perché io mi ricordo che tu stavi al suo compia con la prima carta d'identità Elettronica c'è la massima verso la carta d'identità elettronica
La prima volta sfide con Albertini dopodiché missing è tutta un'altra serie di cose nel sono scomparse nel frattempo dal tuo punto di vista
Ci aiuti a capire che cosa qual è il passo necessario perché questa roba non
Non arriviamo sempre sull'orlo del delle cose e poi vediamo svanire davanti
Guarda io penso che io sono ancora ottimista nel senso che la differenza che c'è tra il
Quello che ricordi tu che nel mille novecentonovantasette o a
Ma ancora di più i ricordi di ieri
Di Franco Bassanini dal ministro dalla funzione pubblica è che oggi la diffusione di internet e il nuovo intervento e l'interoperabilità il fatto che in questa sala ci siano
Credo almeno un numero di smartphone pari alle persone che ci sono se non di più e che questo sia così diffuso e che tutti quanti siamo abituati ad avere o molti di noi sono abituato a Saragat crescente maggioranza di persone sono abituati ad avere un rapporto
Con internet con le basi commerciali con l'e-commerce eccetera che ha
Da cui capiscono l'efficienza la capacità
Di di seguire le esigenze dei singoli clienti eccetera anti è una pressione io credo anche proprio di tipo culturale che c'è nel nostro Paese che quindici vent'anni fa non c'era
E in più oltre a questo quello che diceva Franco Bassanini cioè c'è una situazione drammatica cioè oggi noi abbiamo davanti a noi un'opportunità straordinaria se la la la conoscenza tecnologica e l'avanzamento tecnologico fosse stato in mano
Al Governo a Franco Bassanini quando era Ministro la funzione pubblica oggi non saremmo in queste condizioni oggi abbiamo una leva tecnologica in più che quindici venti anni fa non avevamo in queste condizioni in questa diffusione
Che ci dà una grande prospettiva positiva i dati sono tantissimi oggi sono pubblicati sul Sole ventiquattro c'è un articolo
Del sole che riprende dei dati del Politecnico di Milano l'osservatore Agenda digitale noi abbiamo detti un anno fa ci sono e ormai tutti convergono tutti gli analisti convergano che i risparmi in soli risparmi
Puri della pubblica amministrazione per un uso diffuso delle tecnologie sono raggiungibili nel mentre barra cinque anni intorno ai quaranta cinquanta miliardi
Di euro
Cioè è la manovra cioè se noi dobbiamo andare a ragionare su come possiamo effettivamente cambiare questo Paese dare sviluppo alla dalla nostra Pubblica amministrazione non farla più essere palla al piede Manzi
Farà diventare il motore per il cambiamento e per l'innovazione oggi ci sono tutte le condizioni ministro
Io lei è fortunato
Non lo sa ma
Perché si è testé
Vedo che mi resta una faccia perplesso nel sonno nel senso no scherzo nel senso che
Che da adesso in poi le può non fare più leggi perché sostanzialmente le leggi non servono solo se non il quadro costituzionale le cose che ha detto Franco Bassanini su Corte conti costruite del Corte dei conti e il sistema dei controlli
Però ci sono le leggi Governo precedente le ha fatte e ne Circi sono le strutture e necessario soltanto implementare ed è una cosa molto più complicata che non fare approvare leggi dal Parlamento scusami Franco se ti cito continuamente ma come tu stesso hai detto
Perché quella soltanto l'inizio ma all'inizio dell'inizio perché poi la maggior parte delle leggi in questo Paese non vengono realizzate
E invece oggi serve molto manico perché tutto quello di cui parliamo adesso è un problema
Soprattutto ed esclusivamente di manico cioè di voglia di fare le cose come si farebbero una qualsiasi azienda
Oggi i problemi che sono stati posti batti Ferri ha parlato di
Di interoperabilità che un problema fondamentale sono dei problemi che devono est devono superare le resistenze che ci sono all'interno le amministrazioni quando il una Regione
Che si fa bella di aver fatto una meraviglioso fascicolo sanitario elettronico magari a Treviso e poi prendi quella il fascicolo sanitario elettronico il paziente che si è ammalato a Treviso e va avvenuta in Lombardia
Quel fascicolo sanitario elettronico inutile perché non si legge allora ex basta cioè non si può più fare la gara chi è la regione più brava che fa l'applicazione più ballava bisogna fare un come abbiamo fatto
Sempre con grande cautela una Rete unica per le amministrazioni pubbliche oggi infrastruttura oggi dobbiamo fare una una infrastruttura di servizi di base per tutte l'amministrazione pubblica in cui la messaggio che sono obbligati a prendere il punto
Non si può continuare a fare l'autonomia data a danno del del dei cittadini e dell'economia della produttiva del nostro Paese
Quindi oggi è un problema di volontà politica cioè se avete volontà politica oggi sono tutti gli strumenti che ripeto Franco Bassanini non aveva vent'anni fa
Per fare per cambiare la pubblica amministrazione italiana
Cambiare la pubblica amministrazione italiana vuol dire lo sportello unico fatti che fece Franco Bassanini era una fatica enorme perché era impossibile mettere insieme la semplificazione questa cosa qua la semplificazione non è
Uno dei dei magistrati o dei giuristi che si mette una stanza e cancellano le norme inutili no la semplificazione processo e procedura e quindi è fare ti sostituire dei LEP dei processi lentissimi fatti dalle persone dalle carte
Con una dei processi velocissimi fatti come siamo abituati ministro
Che se andiamo lì non è nostra cauto e vi ammazzo quella cauto ci dice tutto di noi quanto abbiamo speso cosa abbiamo comprato quanto ci manca nel nell'uomo detto eccetera per quale motivo anche non lecito se non poi
Se Franco anche nelle migliori amministrazioni quelle che hanno fatto di più
Non siamo in grado di avere il nostro profilo quello che siamo come cittadini perché
Perché c'è una gelosia perché ogni amministrazione fa la sua perché non siamo riusciti neanche a fare la brilla nell'anagrafe unica perché non dobbiamo fare un'anagrafe unica non in coordinamento dell'anagrafe un'anagrafe
In modo tale che noi oggi abbiamo fatto di recente una legge che le armi comuni si devono parlare per e-mail
E quindi l'informazione che hanno lo diceva
Non mi ricordo di nella dalla precedente per
La devono mandare non più per carta per i media mano non devono neanche devono accedere alla stessa banca dati devono poter modificare con tutti i sistemi di sicurezza
La medesima banca dati
Guardate questo è un fatto importante perché questa cosa è un fatto che si può fare sul molto d'accordo con Franco bisogna motivare le persone tutti quelli la pubblica amministrazione oggi è chiamata svolge un ruolo straordinario fantastico per questo Paese perché attraverso questo
Si possono risolvere molti problemi
Considerate parliamo di economia non parliamo solo di amministrazione pubblica
Il che oggi il la l'ICT pesa sul PIL italiano il due per cento del PIL italiano il nostro settore negli altri Paesi europei siamo tra il quattro il sette per cento qui non è soltanto un problema di arretratezza della pubblica amministrazione operaia ripresa del Paese
Abbiamo la più bassa feto neutrali più bassa penetrazione di internet le famiglie abbiamo da più bassa penetrazione di internet nelle aziende il sessanta per cento delle aziende solo a un collegamento internet vuol dire che il quaranta per cento non ce la
Cioè se ha un'arretratezza importantissima nei vari sondaggi che sono state fatte adesso avete un bravissimo
Perché ex capo dell'Istat che queste cose sa tutto chiedete a lui quando si chiede per quale motivo non hai un collegamento internet c.d. dà risposta di fondo su due uno è un tema perché non lo so usare e il secondo perché è inutile
è inutile perché se uno non ha non prese da adesivi dando da mandare a scuola può mandare dei figli a scuola anche senza aver mai meglio cosa che è impensabile in qualunque altro Paese europeo
E l'utilità quindi sono tante ma allora cosa può succedere faccio tanto non ho tempo perché scorre
Il tema qual è e che la pubblica amministrazione può essere un grande
Un grande volano cioè può essere un grande momento che può innescare un circolo virtuoso all'interno del Paese
Con il POR che può portare quindi alla necessità la dalla necessità
Di avere il collegamento internet ha la possibilità quindi avere un mercato sempre più basso di gente che usa il web per fare ministro lei che è un politico
Pensi che se la famiglia italiana media oggi usasse pienamente tutte le opportunità che oggi sono offerte dal web
E quindi viaggi comprare i libri per fare la spesa e-commerce eccetera eccetera avrebbe un risparmio medio annuale oggi il due mila euro
Non c'è manovra oggi che può alleggerire la pressione fiscale sulle imprese di pari entità
Se volete veramente ridare fiato all'economia se volete veramente togliere fuori le famiglie dalla povertà dobbiamo portare le famiglie a usare il più due
Guardi che è una cosa è chiara c'è una cosa che in tutti i Paesi l'agenda digitale è una roba europea
Tutti i Paesi europei stanno facendo questo
E allora si possono fare per le imprese pensi che oggi il solo se le imprese che investono poco in esiti raddoppia astro gli investimenti esiti qui non stiamo parlando di una cosa stiamo conti allo stare sempre in fondo la lista
Noi aumenteremo del PIL PIL del quattro cinque per cento cioè stiamo parlando di se parliamo di crescita oltre i fatti di finanza pubblica dei sistema dei pagamenti eccetera
Oltre alla possibilità se vogliamo fare una cosa che non costa all'sulla finanza pubblica anzi adesso l'ultimo punto sulla finanza pubblica
Ma che può dare invece un è uno sviluppo straordinario senza incidere sulla finanza poligoni stando dentro i parametri non serve questa è l'agenda digitale io fossi
Il Presidente del Consiglio non si dice Riese mi piacerebbe che anche
Se il ministero e il Presidente del Consiglio facesse una cosa cantante al fiscal compatta
Mettesse l'agenda digitale come identico impegno verso l'Europa con lo stesso identica forza
Forza
Di volontà politica di realizzarla
Fra l'altro è un impegno europeo ce ne dobbiamo delle scadenze e due mila quindici al due mila venti che dobbiamo rispettare molto conti temi che riguardano questo protocollo c'è un problema per il cofinanziamento plico accanto a me
Franco Bazzani che è molto più esperto di me quindi dico quello che penso ma nello stesso tempo mi chiedo pure siccome la pensa oggi abbiamo un nuovo Ragioniere generale dello Stato
Noi
La spesa che dobbiamo fare nella pubblica amministrazione per cambiarla in una qualsiasi altra azienda sarebbe un investimento
L'investimento non si stesse non si stesa nello stesso anno free economico-finanziario mi assiste ESA con gli ammortamenti nel tempo
L'investimento quando viene fatto in una qualsiasi impresa si unite si chiama il capo dell'avviso signori che dice va bene ti faccio questo investimento ma tu quali miglioramenti mi garantisci nei prossimi tre cinque anni perché esso realizzi i Budget che ci siamo dati
Il dirigente si impegna che dice allora se tu mi fai fare questi investimenti utili Aranti visto che questi risparmi o questo aumento di ricavi te lo porto nei prossimi quattro-cinque anni
Ma perché non possiamo fare la stessa cosa anche nella pubblica amministrazione
Ma per quale motivo non possiamo fare un fondo
E questo è evidente che bisogna passare dalla logica della contabilità finanziaria pubblica a una logica parlo della logica non voglio leggi perché se facciamo le leggi stiamo fra tre anni siamo ancora qua
Una logica di Finardi vidi di gestione economica delle risorse per dire io faccio adesso questo investimento prendo il capo dell'Amministrazione che verrà Emilio faccio impegnare
A realizzare determinate efficienze e determinate economie attraverso quell'investimento
Lo impegno a darmi un terzo delle risorse che risparmierà per rifinanziare questo fondo per ritornare quindi siamo in una logica di finanza pubblica ma se è una logica di ammortamenti
Ma io ti dico che i risparmi sia che tu riesce a farli sia se non riesce a farli perché tutti si è impegnato se un manager deve rischiare su quello che hai fatto
Tu mi dovrei ridare i soldi che io turbato nel giro dei prossimi tre anni e questi o quattro anni o cinque anni questi corrisponderanno a un terzo dei risparmiatori addizionali
Allora questa cosa qua è l'unico modo oggi per fare una per cambiare la pubblica amministrazione cioè passare da una logica di spesa corrente a una logica di investimenti
Abbiamo finalmente un coordinamento che può essere fatto da
Dara cosa che può essere fatto su tutta l'Amministrazione ha bisogno di un Enforcement forte e non di
Di Corte dei conti che li mettono i bastoni fra le ruote
Però tutto questo è fattibile e non è un un discorso
Di da relegare con una nicchia va beh ogni tanto facciamo un convegno sulla sulla sulla sull'agenda digitale è latte questione che oggi può cambiare i connotati alla pubblica amministrazione e al nostro Paese grazie
Grazie
Grazie a Stefano
Il tema l'agenda digitale come sapete il tema centrale del del pompiamo io però dare la parola Graziano Delrio intanto Graziano Delrio o Nisto del degli affari regionali
Delle autonomie sottolineo e delle autonomie perché non è un punto importante in questo senso
Perché le autonomie vogliono dire il lì il tessuto sociale del delle nostre comunità locali poi come ci dirà meglio l'utero
E ed è per è stato fino pochissimi giorni fa Presidente dell'ANCI e il sindaco di Reggio Emilia quindi uno che ha vissuto darle fortemente il contatto con il territorio
E Graziano il il punto chiave mi sembra qui sia dire riprendere il tema quindi non
Di non palleggiare c.d. federalismo e l'antifederalismo il centralismo il federalismo sia più centralisti diamo più federalisti come se fossimo un pendolo impazzito di cui in come che certe volte ci fa un po'perdere l'orientamento
Ma a che punto siamo tuo è un compito anche tu estremamente ambizioso e importante perché da quel due mila uno dalla riforma del Titolo quinto siamo ancora in attesa di un di un riordinamento serio o delle funzioni del e devo oli e ce la fa questo Governo e il tuo col perché senza una riforma istituzionale seria non hanno senso nella riforma tecnologie la riforma organizzativa
Mai no e aggiustato bene
Grazie buongiorno a tutti grazie Carlo dell'invito
Sono felice di partecipare a questa tavola rotonda molto la domandare una domanda da mille punti ce la facciamo certamente è stato sottolineato adesso che uno dei problemi di questo Paese
è la manutenzione delle cose che faccio è tenere in mano le cose che ha già deciso questo è un problema enorme in Italia tutti i Governi si succedono pensando riforme epocali pochi si concentra nel come dire fare andare avanti le cose già decise renderle operative a renderle efficaci renderle efficienti cioè
La capacità che ha avuto il il dottor Sarmi di rendere efficiente il sistema delle Poste italiane su una grandissima azienda di valore internazionale
è il segno che
Bisogna mettersi lì a volte e provare giorno dopo giorno a cambiare le situazioni è chiaro che però la manutenzione da sola non basta in questo Paese
Perché ci sia un efficacia della nostra azione bisogna anche che ci sia una visione
Una visione di dove vuoi andare quindi questo Paese deve capire dove vuole andare si è parlato di Piano dei servizi si è parlato di
Digitalizzazione eccetera eccetera ma
Ci deve essere dentro una visione e complessiva della società cioè per esempio
La
Decisione dal centro di tutti i modelli organizzativi la decisione dal centro della riduzione della flessibilità delle pubbliche amministrazioni
La decisione del centro del numero di dirigenti del numero dei dipendenti del numero di eccetera eccetera è un processo efficace con un processo inefficace
Nel rispondere al
Agli obiettivi strategici del Paese
E noi io contesto molto il fatto che mentre sono fortemente convinto che uno Stato centrale è indispensabile
Forte robusto è indispensabile concentrato su poche cose e
Giustamente necessaria per avviare grandi riforme nel Paese nello stesso tempo sono anche convinto che l'autonomia sia un valore
Enorme l'autorganizzazione periferica sia un valore enorme quindi bisogna che questo ragionamento ce lo facciamo fino in fondo
Guardate alle elezioni recenti non ha partecipato moltissima gente no ora
C'è un una serie di analisi su questo tema della democrazia nelle nelle nostre comunità ma certamente il tema della partecipazione non è riducibile gli strumenti tecnologici
Questo io lo vorrei dire con molta chiarezza il tema della partecipazione democratica cioè del fatto che la gente si senta cittadina
E non cliente del insieme al
Alla struttura pubblica si senta cittadina cioè senta parte il fatto di farli sentire parte è una sfida importantissima e questo avviene secondo le lezioni della democrazia
Dalla rivoluzione americana in poi avviene solo se il livello di governo è molto vicino ai cittadini quindi quando noi parliamo di riforme istituzionali
Dovremmo considerare che la riforma istituzionale è una questione di democrazia non è su una questione di efficienza
Non è solo una questione di efficienza una questione di democrazia cioè noi dobbiamo fare in modo che nel nostro applicazione delle riforme con Giampiero sicuramente gli ospiti sono sicuro che ci riusciremo che cambiare il Paese applicare il federalismo non significa
A rendere orgogliosi dipendenti pubblici di essere dipendenti pubblici
Bisogna avere l'orgoglio di servire il proprio la propria comunità io non posso pensare non posso pensare che il uno dei miei dipendenti anagrafe si senta
Come dire un erogatore di servizio
Non riesco a pensarla solo così certo deve essere efficiente deve essere efficace
Ma ha di fronte un cittadino che qualcosa di più di un cliente ha di fronte una persona che
Nella istituzione pubblica anche più leggera anche più
Come dire più ridotta nei costi
Però ha di fronte un punto di riferimento una certezza
E anche in un senso di identità e quindi il tema dell'autonomia di spostare diciamo così la responsabilità sempre più i livelli più bassi di governo non è un problema semplicemente di costi noi abbiamo agito moltissimo in questi anni
Sulla base di un modello che diceva tagliamo tagliamo tagliamo perché poi le visioni sono necessari faccio un esempio
I tagli più importanti sono stati fatti alla scuola in questi anni non uno degli elementi più importanti li ha subiti da scuola ora
Se io ho la visione che l'investimento ineducazione lascia stare alla tecnologia di cui hanno già parlato abbondantemente gli altri
Relatori ma se io con la visione che l'investimento ineducazione l'ha detto Obama nel suo discorso una nazione ogni dollaro investito mi fa risparmiare sette dollari in spesa
è evidente che quella visione strategica mi deve portare ad allocare le risorse non il Ministero dell'economia
E la politica che porta l'allocazione delle risorse la riorganizzazione dello Stato della dei Comuni delle Province delle Regioni lì non facciamo
Non vogliamo abolire le Province perché abbiamo idea chi dipinte province siano fannulloni io non ho questa idea
Non ce l'ho
Io ho l'idea che aboliamo le Province per semplificare il quadro istituzionale per rendere più responsabili i Sindaci delle politiche di area vasta per semplificare i livelli di governo tra Regioni correzioni che legiferano che non gestiscono e Comuni che gestiscono funzioni amministrative
Ma non perché penso che le Province abbiano come dire fatto chissà quali sprechi o quale quindi
Io voglio dire che c'è bisogno in per poter attuare queste queste riforme di una visione guardate un esempio economicamente perfetto
è fatto nel in uno degli ultimi libri i due economisti americani che dice che s'intitola perché nazioni falliscono
E c'è un esempio molto importante di il dei dominatori spagnoli de vide Toledo che era il Governatore diciamo della zona del del
L'America latina
Del Perù e Colombia eccetera dove introducono alcuni meccanismi di sfruttamento della popolazione con la Mita con le con mia invece con delle tasse locali di sfruttamento intensivo della popolazione
Quindi istituzioni che invece che essere aperti partecipative capaci di includere diventano istituzioni nemiche istituzioni spie sfruttano
E se voi andate a vedere le differenze di sviluppo economico tra quelle Regioni che erano dentro al circo al al perimetro della vita e le regioni che ne erano fuori scoprirete che di leggi del Perù
A dieci chilometri di distanza hanno uno sviluppo economico totalmente differente
Cioè la crescita non è scollegata da come le istituzioni si vivono e si concepiscono e sia atteggiano
Al servizio dei cittadini quindi l'investimento sulla scuola l'investimento sull'istruzione l'investimento sulla sanità non è irrilevante sul web far non è irrilevante per la crescita del Paese per questo noi abbiamo il dovere
Di dire alle nostre
Organizzazioni alle nostre
Alle nostre amministrazioni che c'è bisogno di avere una visione chiara del dal rapporto col cittadino che c'è bisogno di organizzare
Le riforme non sulla base di un un gruppo di burocratiche si trova e dice adesso facciamo una riforma perché è giusto che facciamo una riforma per dimostrare che ci sentiamo di politici
No
Un gruppo di persone che si mette lì e dice questi servizi organizzati così funzionano o non funzionano e per farli funzionare meglio di quali strumenti abbiamo bisogno
Io non penso per esempio che l'applicazione dei costi standard in sanità perché io prova delega l'attuazione del federalismo sia la soluzione di tutti i mali
L'altro sono stato in un ospedale romano
E
E mi sono vergognato di essere italiano
Perché ho trovato le scale sporchissima
Cartacce dappertutto
C'era lì c'è un contratto di pulizia sì o no sì c'è un contratto di pulizia probabilmente anche un bel contratto di polizia della Consip
Ma non è che le riforme sostituiscono alla responsabilità individuale al fatto che ognuno si senta di fare il suo dovere
Facciamo
Facciamo molta attenzione perché la visione in il di come dire il modo con cui proponiamo le riforme è veramente decisivo perché e attraverso la responsabilità delle persone anche che non riusciamo a promuovere in un qualche modo con del protagonismo
Riusciamo a fare muovere il Paese che ha bisogno di muoversi
C'è una resistenza molto forte per esempio all'applicazione del federalismo demaniale nove abbiamo ancora caserme nei centri storici che possono diventare un'occasione di sviluppo abbiamo
Una residenza molto forte alla
Al federalismo amministrativo al federalismo istituzionale quindi al federalismo fiscale figuriamoci quindi
è evidente che ci sono delle resistenze intenzionali alle all'applicazione delle riforme e non va sottovalutato questo ma questo si risolve con un'alleanza forte con i dipendenti pubblici con un'alleanza forte CONI nel tessuto economico
E quindi con un approccio in cui veramente non cerchiamo di far diventare uno Stato più leggero e più amico
E vorrei dire un'altra questione per per dire che in questo metodo sta anche forse una delle possibili soluzioni ora faccio un altro esempio questo chiede che la mia regione è una Regione abbastanza virtuosa complessivamente come modello di pubblica amministrazione eccetera
Io ho avuto delle discussioni negli ultimi mesi sul tema urbanistico perché ne abbiamo un mucchio di leggi urbanistiche e di vincoli urbanistici
Io ho fatto questo ragionamento un mio collega politico detto nostro tutte queste leggi così puntuale sono riuscite a impedire lo sprawl urbano il consumo del territorio
Le questioni eccetera perché io quando vado nel mio Comune chiedo di tirarmi fuori una pratica di un
Di un cittadino o un faldone alto così per
Per spostare tre muri interni un un aumento di volume piccolissima in Germania la stessa pratica e alta così allora c'è anche un'altra questione che dobbiamo chiedere a noi stessi che dobbiamo chiedere a noi stessi e cioè
Facciamo in modo che questo Stato diventi uno Stato che verifica più che che
Che fa leggi a monte che poi nessuno va a verificare andiamo
Dentro un'ottica differente
Perché ne facciamo un mucchio di leggi e poi dopo ci manca completamente l'ottica anglosassone della verifica dei risultati
Perché io sono d'accordo appunto puntone
Hanno fatto questa grandissima riforma questa gravissima riforma impone che le pubbliche amministrazioni si pongono degli obiettivi degli obiettivi
Perché e degli obiettivi misurabili misurabili io ai miei dipendenti chiedevo di raggiungere degli obiettivi inizio anno e a fine anno valutavano gli obiettivi
Perché questo è il problema allora invece che continuare a produrre leggi a monte basate sul tema tu non sei un delinquente da controllare quei tanto non lo controlliamo tanto noi controlliamo
E pressioni metano trovare
Facciamo in modo di risolvere la burocrazia di ridurre il plico dell'autorizzazioni
Delle autorizzazioni ma che poi se uno ha detto che trasportato un muro lo vai a verificare se è vero che ha spostato sul muro se invece si è fatto anche la casetta a fianco e gliela fai demolire magari se ha fatto la casetta a fianco quindi
è una è un approccio completamente differente credo che che meriterebbe diciamo così
Una serie di ministri tra cui anche io
Invece che avere l'ambizione di fare la riforma col proprio nome
Avessero l'ambizione di fare una pubblica amministrazione che a visione e manutenzione dentro il suo DNA
Cioè cercano di fare funzionare bene e di aiutare le persone che lavorano bene a lavorare meglio e cercano di
Fare in modo che quelli che lavorano male
Migliorino rapidamente altrimenti se ne vanno perché non si può stare a servire la Pubblica Amministrazione
Senza
Senza il senso del rispetto e l'orgoglio ecco l'orgoglio io insisto sono sicuro che Giampiero darà a tutti i dipendenti della pubblica amministrazione l'orgoglio di servire i propri cittadini
Perché sappiamo che questo è il vero benessere quando i servizi sociali i servizi sanitari i servizi di trasporto funzionano
C'è una identificazione dei cittadini verso
Le istituzioni come diceva Einaudi quando le autonomie funzionano
Il problema della fiducia dello Stato nello Stato
E ha risolto quando le autonomie funzionano quando il Comune in funzione e la pubblica mi sono in funzione non abbiamo più un problema di disaffezione verso la Repubblica che siamo orgogliosi di servire grazie
Grazie
Graziano
Grazie davvero
Anche per
Averci riportato su dei temi di passione civile che di cui non dobbiamo mai perdere il filo e che alzato Giampiero danzato avalla
Esattamente sul sul tua conclusione quindi io non metto altra parola
E do Giampiero D'Alia che il ministro per le pubbliche amministrazioni e la semplificazione di questo Governo la parola per chiudere questo convegno inaugurale di fronte a due mila tredici
Si è
Grazie a tutti in particolar modo ovviamente al Presidente dei forum piani per l'uomo che si smonti anche per il lavoro che fa nonostante la sua giovane data un ventennio
è un ringraziamento veramente sentito di cuore a tutti gli autorevoli relatori di questa mattinata
Consentitemi di salutare il Presidente del Formez
Che come dire è diventato negli anni nel rapporto non solo col nostro dipartimento ma con tutte le pubbliche amministrazioni oltre che con forme più della pubblica amministrazione con una sorta di
Coppia di fatto diciamo ormai siamo legati da
Un destino quasi comune
Ringraziamento particolare mi consentirete senza offesa per gli altri relatori a Franco Bassanini per essere stato qui con noi oggi
E io condivido quello che lui ha detto
Io penso pie quando si fanno le riforme bisogna avere
Tutti contro
Perché una riforma tocca interessi consolidati il più delle volte ovviamente interessi più che legittime ma
Quando si fanno le riforme si cambia
Non tutti gli attori di questo processo
Sono come dire
Disponibili ad assecondare il cambiamento quando invece le riforme
Bisogna attuarle bisogna avere tutti insieme e tutti alleati noi siamo in questa fase noi siamo nella fase in cui i miei predecessori hanno costruito un sistema
Della Pubblica amministrazione che va nella direzione della modernità da ogni punto di vista che ha
Punte di eccellenza e di grande professionalità in tantissimi settori io
Lo voglio dire io la mia
Più bella scoperta è stato quello di conoscere la struttura del Dipartimento della funzione pubblica che una struttura di grande livello professionale di grande qualità e questo agevola parecchio il compito di chi a una responsabilità di governo
Che peraltro esercita da qualche settimana
E quindi io credo che questa sia la cosa più importante noi abbiamo in ogni settore delle pubbliche amministrazioni una serie di riforme importanti abbiamo la necessità di fare un'opera di manutenzione ordinaria
E qui son d'accordo con Graziano noi non abbiamo
Meno appariamo e più lavoriamo e meglio è
Anche perché in questi anni consentitemi una brevissima considerazione
Una divagazione politica alla logica della contrapposizione è una logica che ha semplificato così tanto il messaggio politico e quindi anche il messaggio della responsabilità di governo
Da trascurare contenute nel merito delle singole questioni oggi noi dobbiamo tornare all'esame noioso
Ma di merito delle singole questioni e dobbiamo renderle comprensibili ai cittadini io credo che questo è il lavoro che noi
Siamo chiamati a fare io
Quando
Franco prima diceva
Il Titolo quinto ma ci abbiamo provato diciamo in questi dieci anni in tutti i modi in tutte le salse ci siamo trovati a fare una trattativa sindacale con le regioni del sistema delle autonomie
Perché
Oggi purtroppo il concetto di interesse nazionale è un concetto che sfugge alla sensibilità comune
Ma è quello che ci lega in questa sfida per uscire fuori dalla crisi
E e l'interesse nazionale
O meglio ancora l'interesse generale
E diciamo va costruito nella quotidianità delle azioni e dei comportamenti ma anche attraverso una riscrittura di un sistema di governo del nostro Paese che ha mostrato una serie di limiti perché ha fatto crescere la spesa pubblica in questi anni
E a
Parità diciamo dispensa o proporzionalmente alla crescita della spesa non c'è stata una crescita della qualità
E dell'efficienza della pubblica amministrazione di quella che
Bassanini definiva la produttività il senso e allora questo il tema che abbiamo davanti
E io penso che forse
Se non siamo riusciti a modificare
Il centodiciassette della Costituzione forse potremmo immaginare così come è stato fatto con l'introduzione
Del principio del pareggio di bilancio in Costituzione di rendere diciamo così precettivo i principi dell'articolo novantasette
Basterebbe pensare ad un comma all'articolo novantasette che dice che quei principi si devono applicare su tutto il territorio nazionale lo si fa in maniera concordata col sistema delle autonomie ma se
Non c'è questa possibilità comunque
Lo Stato che alla sfida dell'Agenda digitale
Che alla sfida della competizione in Europa che ha la necessità di decidere su alcune questioni che sono strategiche per il futuro del Paese in tempi estremamente rapidi alla necessità di farlo perché lì si misura l'interesse nazionale
Allora io credo che forse l'unica riforma di sistema per quanto ci riguarda cui essere queste cioè
Fare
Capire che i principi di buon andamento ed imparzialità che sono stati male interpretati anche da una politica che ha pensato di utilizzare il sistema dello spoil system non come uno strumento per rendere più efficiente
La mano pubblica ma come uno strumento per lottizzare meglio la propria parte politica
E questo dobbiamo anche dirlo
Perché io penso che i dirigenti se sono bravi devono restare i ministri devono passare ma non possiamo invertire i ruoli come è stato in questi anni
Che ci sono stati ministeri che hanno fatto i dirigenti e i dirigenti che hanno fatto i ministeri o
Nelle regioni gli assessori che fanno i dirigenti dirigenti che fanno gli assessori perché questo non funziona perché questo è un aspetto che ha fatto degenerare il sistema
E che oggi non ci fa capire quale sia l'elemento comune che ci tiene tutti insieme
Allora io penso che questa sia
Una strada che noi dobbiamo portare avanti
Io mi ero preparato come sempre il mio solerte Gabinetto che aveva preparato un ottimo intervento che io ovviamente non farò e che vi risparmio voglio però fare proprio per prendere spunto dal dibattito che è stato
Interessantissimo alcune considerazioni che credo siano
Assolutamente utili
Noi abbiamo
Vissuto in questi anni
Una stagione di tagli lineari
Oggi il costo
Del settore pubblico e il costo diciamo così delle retribuzioni medie nel settore pubblico
è un costo che sceso ed è sceso parecchio anche il numero dei nostri dipendenti pubblici si è ridotto e si è contratto dal due mila sette oggi in maniera consistente ed è destinato anche a ridursi ancora di più
Ma a tutto questo e corrisposta un miglioramento dei nostri conti pubblici
è che il debito pubblico è sceso perché
C'è stato questo taglio nella pubblica amministrazione il taglio andava fatto per carità non sto discutendo di questo però
Noi dobbiamo proprio per tornare alle considerazioni che sono state fatte prima dobbiamo pensare che non basta
Fare le manovre economiche che poi intervengono e diventano anche riforme dell'Amministrazione pubblica perché di questo si tratta noi non possiamo pensare che solo attraverso queste politiche riusciamo a efficientare il sistema
Oggi
Dovrebbe partire il periodo della spending review non ci siamo trovati a dover fronteggiare alcune emergenze la prima era la scadenza dei contratti a termine la pubblica amministrazione che
Sono
Un problema per le pubbliche amministrazioni perché noi abbiamo duecentocinquanta mila ma persone che hanno un contratto chiamiamolo così eufemisticamente parlando flessibile
Centotrenta mila stanno nella sistema dell'istruzione e della formazione pubblica e il resto sta diviso tra lo Stato il sistema delle Regioni e le autonomie locali
Ora perché abbiamo questa situazione questa situazione non l'abbiamo perché
Non è che si è fatto le amministrazioni hanno fatto ricorso alla flessibilità del rapporto perché quella prestazione che era richiesta era ex se flessibile
Hanno fatto ricorso a questo perché era una scorciatoia rispetto ai vincoli di bilancio
E rispetto al blocco del turnover ma possiamo in tutta coscienza e onestà dire che queste persone non svolgono almeno nella gran parte una funzione indispensabile per l'Amministrazione in cui stanno
Io penso che sarebbe poco corretto dire il contrario il punto è come noi affrontiamo questa questione perché altrimenti ogni anno saremo governati dall'emergenza noi abbiamo allontanato l'orizzonte temporale al trentuno dicembre di quest'anno
Dei della proroga di questi rapporti ma in questo arco di tempo noi dobbiamo stimolare un processo di riorganizzazione del settore pubblico a partire dalle amministrazioni centrali
è scaduto come voi sapete al ventotto febbraio il termine per i ministeri di dotarsi con procedure semplificate di della riorganizzazione delle proprio dei propri settori sulla base
Della dei tagli di organico e della revisione del fabbisogno di ogni settore
E quindi
Oggi noi abbiamo questo tempo perché ciascun ministero
Deve
Non può deve entro fine anno riorganizzare i propri servizi questo comporterà anche delle scelte difficili che riguardano il taglio
La
Il movimento diciamo così in uscita uso sempre termini ovviamente
Abbastanza simpatici ancorché sgradevole di parecchi dirigenti pubblici che saranno di prima fascia di saranno in esubero
Avremo il problema di
Ricollocare il personale con le procedure di mobilità
Avremo il problema di far valutare alle singole amministrazioni la utilità e la utilizzi abilità di questo personale con contratto a termine
All'interno del circuito ordinario delle attività amministrativa tutto questo non comporta una responsabilità forte di TIA a di chi è preposto a quel determinato settore strategico dell'Amministrazione
Io penso proprio di sì questo riguarda le amministrazioni dello Stato ma riguarda maggior ragione le amministrazioni regionali del sistema degli enti locali noi dalla prossima settimana
Avremo due tavoli di confronto uno con le organizzazioni sindacali su queste questioni oltre che ovviamente
Sull'aspetto
Dell'armonizzazione del rapporto di lavoro pubblico e privato che non sono la stessa cosa perché il datore di lavoro pubblico perseguono interesse che è diverso da quello al datore privato questo dobbiamo averlo sempre presente
Il datore pubblico tutela l'interesse generale
Il datore di lavoro privato persegue il profitto quelli che sono gli utili di impresa e così via questa differenza se non l'abbiamo presente comunque non ci mette nella condizione di capire
Quale sia il valore aggiunto della pubblica amministrazione come strumento per la crescita di un sistema economico e sociale del nostro Paese allora io penso che questa sia la strada che noi dobbiamo portare avanti e dobbiamo responsabilizzare il sindacato
Perché la fase della rivendicazione finita io in questi giorni mi sto prendendo come è giusto che sia infatti quando il dottor Parisi prima diceva lei è fortunato non lo sa io ogni giorno ormai con una certa frequenza
Ho sotto il Ministero varie sigle sindacali più o meno grandi o piccole che insomma si dilettano in Koring prima è che non ripeto per Regione ovviamente di cortesia nei confronti ovviamente
Della mia persona ma non della mia personale la funzione che diciamo così precariamente
Disimpegno ovviamente abbiamo il dottor Matteo che ha detto alle relazioni
Con il pubblico da questo punto di vista stiamo a posto però oggi il tempo della rivendicazione finita noi abbiamo un blocco dei rinnovi contrattuali che dobbiamo prorogare anche nel due mila quattordici perché oggettivamente non ci sono le risorse
Chi pensa che il pubblico dipendente debba stare allo stesso stipendio dopo cinque anni
Però è così perché ci sono altre priorità dobbiamo farlo capire e i nostri pubblici dipendenti
E alle organizzazioni sindacali
Il le risorse che in questi anni sono state risparmiate nel settore del pubblico impiego sono state utilizzate per salvare la gente che ha perso il posto di lavoro errore e più giusto in una condizione di crisi
Tutelare chi il lavoro c'è la pochi lavoro lo ha perso e deve essere rimesso in un circuito virtuoso di
Attività imprenditoriale allora quando ci si trova di fronte a queste scelte le scelte bisogna farle
E quindi
Questo è uno degli aspetti che noi abbiamo davanti
Abbiamo
Anche la esigenza
Di intervenire
Su alcune questioni che sono
Meno noioso e di quelle che
Ho detto finora ad esempio
Sul tema della delle semplificazioni anche qui quando io ho letto la dizione del mio ministero Ministero della pubblica amministrazione e la semplificazione ho detto va beh queste una speranza e una petizione di principio e come dire una
Definizione dinamica delle attività e delle competenze del ministero oggi la definizione corretta del mio ministero potrebbe essere quella di ministro
Delle pubbliche amministrazioni ad alta complessità inutile perché di questo si tratta noi oggi abbiamo la esigenza
Di semplificare abbiamo aperti ci sono dei tavoli già aperti con Confindustria con
Le associazioni di categoria con Rete imprese Italia CUP io vorrei anche estendere le alle associazioni dei consumatori serve sempre sono un buon deterrente per la pubblica amministrazione
Noi dobbiamo riproporre quel pacchetto di semplificazione che era stato presentato dal precedente Governo e che non è stato approvato dal Parlamento per la chiusura anticipata della legislatura su cui stiamo
Lavorando ampliandolo ovviamente anche nei contenuti ma tutto questo e solo un tampone
Non è la soluzione
Del problema e un intervento che si fa
Per eliminare una serie di incongruenze una serie di ostacoli nelle attività che le pubbliche amministrazioni fanno e soprattutto di quelle attività sensibili che sono cioè a supporto e servizio delle imprese per consentire alle imprese di
Risparmiare energie e risorse da poter investire invece nella crescita ma non è che noi siamo convinti che tutto questo visto
Peraltro bene
Tutto questo ci metterà nella condizione di alleviare le sofferenze di chi ogni giorno
A deve muoversi parlo del settore privato nelle varie regioni italiane Graziano perché questo il problema con cento avvocato e dieci operai
Perché non è possibile che anche la legislazione penale amministrativo ormai sia stratificata per regioni a seconda
Di come viene interpretata la normativa edilizia ed urbanistica in una regione o in un comune anziché in un altro
E questo ci mette nella condizione oggettiva di inaffidabilità per chi vuole investire in Italia per questo la legge di semplificazione
In senso più ampio dovrebbe entrare in Costituzione in Costituzione e legge di semplificazione significa innovazione tecnologica cioè significa sostanzialmente porre al centro le questioni che il dottor Parisi diceva prima è che io condivido
Ma per fare questo io ricordo né a cui ho fatto l'amministratore locale quindi era iscritto al sindacato di Graziano qua la Presidente dell'ANCI diciamo
Un po'di anni fa che
Io mi son trovato di fronte a tre sistemi informatici diversi nel mio comune uno che gestiva tutto il sistema informativo territoriale che era l'urbanistica
Poi il vecchio sistema dell'anagrafe che era stato informatizzato
Che stampava il certificato in tempo reale per tener presente all'epoca
E poi il sistema della Ragioneria centrale il quale ragione generale siccome era
Uno che aveva il suo orticello come tutti lo dico col dovuto rispetto senza offesa per nessuno ogni dirigente pubblico cioè il suo settore
Ed è come come se fosse il proprietario di quel settore c'è un rapporto affettivo diciamo per cui ad esempio nei tavoli che stiamo facendo sulla semplificazione se noi poniamo la questione di
Di semplificare le procedure che riguardano il DURC si dice sì però
Al settori x del ministero del welfare pensano che questa cosa possa essere e sì d'accordo però diciamo se poi ci dobbiamo mettere insieme mettiamoci insieme vediamo di trovare soluzioni che
Cerchino di tagliare l'erba del giardino di tutti perché solo così riusciamo ad uscire da questa situazione e io penso che queste siano questioni centrale
E siano questioni centrali ha fatto bene il Presidente del Consiglio ad esempio a centralizzare
Le questioni relative alle competenze sulla gente digitale alla Presidenza del Consiglio perché io penso e non abbiamo non soffriamo di alcuna
Gelosia o di altro noi
Siamo un supporto all'attività della Presidenza del Consiglio ci avvaliamo della struttura della Presidenza del Consiglio perché questo dà maggior forza queste politiche
Le rende unitaria e le rende
Coordinate a seconda di dove vanno poi intervenire nei singoli settori dell'Amministrazione
E questo il lavoro che noi dobbiamo fare
Lo stesso discorso riguarda la scuola
Superiore della pubblica ma amministrazione la scuola nazionale
Noi pensiamo che oggi la riforma della scuola della della unificazione meccanismi di reclutamento e di formazione sia uno strumento fondamentale
Perché se noi dobbiamo fare quest'opera di spending review nei vari settori perché non possiamo più andare a tagliare stesa dove non c'è né più
O dove veramente non garantiamo più i livelli essenziali dobbiamo andare a dobbiamo intervenire su tutta quella parte della spesa corrente che non è a regime che non sta in termini di efficienza allora per farlo
Non è che il ministro falla fa un atto e chiude lì la partita
Noi dobbiamo avere la complicità di tutto il personale dall'usciere al dirigente perché solo così possiamo capire se serve ancora un centralino in un ministero o meno o se
Le macchine per fare le fotocopie hanno ancora un senso o i soldi che noi spendiamo per il tono e avranno ancora un senso e così via
Dobbiamo però formare su questo i dirigenti come dobbiamo formarli anche per quanto riguarda le competenze tecnologiche sull'agenda digitale perché la ricerca che ha fatto in forma ho concluso
Scusami se sullo stato clou tre minuti e concludo la ricerca che ha fatto il Forum
Sulla pubblica amministrazione italiana quando segnala questo K generazionale che è frutto del blocco del turnover di tutte le cose che sappiamo e che non ripeto
Segnalo
Segnala una oggettiva
Inefficienza è un limite della pubblica amministrazione
Chi ha meno di trentacinque anni oggi nelle pubbliche amministrazioni è solo il dieci per cento
Ed è una fascia molto ristretta di persone che
è nata o comunque a una maggiore dimestichezza con internet con il nuovo sistema e con i nuovi sistemi di di comunicazione
Quindi quando tu hai solo una minoranza che ha una come dire alfabetizzazione da questo punto di vista è chiaro che è molto più difficile riuscire al di là della volontà politica che ci deve essere a far passare questo messaggio e a tradurlo inattive in comportamenti concreti
Quindi noi dobbiamo
Investire molto nella formazione che dobbiamo aumentare e con l'unico settore in cui io chiederò
Al Ministro e ti chiedo di darci ma
Saccomanni di essere Clemente e quello della formazione noi dobbiamo spendere di più nella formazione della
Queste andare perché ci sono tante realtà
Ci sono tante realtà importanti abbiamo il tema della lotta alla corruzione
Sono altre competenze che
Ci sia che siamo chiamati a gestire nella fase di attuazione amministrativa che sono legate al tema della trasparenza
Che sono legate al tema della trasparenza e io credo che su questo questa sarà una delle prossime sfide perché qui noi abbiamo
Il decreto legislativo trentatré
Abbiamo la legge anticorruzione abbiamo la fase di attuazione di turisti due importanti provvedimenti abbiamo alcune misure che il Dipartimento ha messo già in campo ma che sono
Poca cosa rispetto alla mole
Di problemi che abbiamo davanti che dobbiamo affrontare e risolvere che in questo contesto io credo che abbiamo anche un dovere
Credo che lo dicesse prima mutismo nel suo intervento
Introduttivo o il Presidente del Formez anche nei confronti di quei settanta mila ragazzi
Che hanno vinto un concorso pubblico in questo Paese che non riescono ad entrare nella pubblica amministrazione nonostante siano gli unici che hanno fatto un concorso pubblico perché io credo che questa sia una questione anche di moralità
Noi
Firmeremo nei prossimi giorni il decreto di proroga di validità per una
Di tutte le graduatorie
Che sono state riguardano concorsi nella pubblica amministrazione faremo una circolare con cui pubblicheremo
Chiederemo a tutte le amministrazioni di pubblicare sui propri siti istituzionali l'elenco dei vincitori e le graduatorie c'è come voi sapete meglio di me
Una norma che consente
Di far ricorso ancorché il turnover sia limitato ma c'è
A graduatorie anche di concorsi banditi da altre amministrazioni se ovviamente c'è quella professionalità
E io credo che questo debba essere un criterio che deve essere usato nel futuro non vanno banditi nuovi concorsi che finiscono dopo
Che si espletano dopo tre anni quando Bucci ai della gente che è già stata selezionata per fare quel lavoro mi sembra una cosa allucinante noi completeremo tutti a motivare
In maniera trasparente
L'eventuale
Non ricorso alle graduatorie già approvata come sa insegna il professor Bassanini l'obbligo della motivazione impicca i funzionari responsabile alle proprie responsabilità noi dobbiamo costruire un sistema in cui e gradevole per il pubblico dipendente per il funzionario assumersi una responsabilità nell'interesse generale io vi ringrazio vi auguro veramente buon lavoro
Grazie grazie ministro
Solo per annunciarvi che in questa stessa sala tra poco comincerà un convegno importante sulla
L'attuazione del CAD e la digitalizzazione del del flusso documentale
Stanno in tutte le sale del Forum piazzano svolgendo si appuntamenti congressuali oggi pomeriggio qui dentro parleremo la programmazione due mila quattordici due mila venti con il
Del il Ministro dei giri a il Commissario europeo Anna
Arrivederci a tutti e alla prossima