29MAG2013
dibattiti

Human Smart Cities: the Vision

CONVEGNO | Roma - 09:58. Durata: 3 ore 10 min

Player
Nell'ambito del Forum PA 2013 (XXIV edizione) dal titolo: "Il Paese alla sfida della trasparenza" (28 - 30 maggio 2013).

Tema: "Smart City: mettere al centro il cittadino".

Promosso in collaborazione con l'ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani) e con il coordinamento scientifico di Periphèria.

Convegno "Human Smart Cities: the Vision", registrato a Roma mercoledì 29 maggio 2013 alle 09:58.

L'evento è stato organizzato da Forum PA.

Sono intervenuti: Claudio Forghieri (direttorte di Smart City Exhibition del Forum Pubblica Amministrazione), Andrea Bonaccorsi (professore), Arturo Muente
Kunigami (policy specialist World Bank Institute), Cristina Farioli (direttore Marketing, Communications & Citizenship di IBM Italia), Oscar Cicchetti (direttore delle Strategie Telecom Italia), Francesca Rizzo (ricercatore presso il Politecnico di Milano), Charles Leadbeater (consigliere di NESTA), Pelle Ehn (professore), Alessandro Balducci (professore), Jesse Marsh (partner dell'Atelier Studio Associato di Palermo), Caterina Sarfatti (referente per il Gabinetto del Sindaco del Comune di Milano del progetto Milano Smart City.), Michelangelo Marchesi (assessore all'Ambiente e alla Mobilità del Comune di Trento), Alessandro Delli Noci (assessore all'Innovazione Tecnologica del Comune di Lecce), Matteo Lepore (assessore alle Relazioni Internazionali del Comune di Bologna, Partito Democratico), Francesco Mazzone (responsabile Progetti di Infomobilità dell'ACI), Alberto Biancardi (commissario dell'Autorità per l'Energia Elettrica e il Gas), Alessandro Cattaneo (sindaco del Comune di Pavia e presidente dell'ANCI, Popolo della Libertà).

Sono stati discussi i seguenti argomenti: Amministrazione, Comuni, Economia, Infrastrutture, Internet, Italia, Qualita', Servizi Pubblici, Stato, Tecnologia, Ue, Utenti.

La registrazione video di questo convegno ha una durata di 3 ore e 8 minuti.

Questo contenuto è disponibile anche nella sola versione audio.

leggi tutto

riduci

09:58

Organizzatori

Forum PA

Scheda a cura di

Alessio Grazioli
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Perché
Sopra
Adesso
Non ho nessuna
Sulle la l'altro
Buongiorno benvenuti
Diamo inizio ai lavori di questa sessione dedicata alle frasi
Io sono Claudio fuori ieri sono il direttore scientifico ISMA sito esibisce notizie rimodellare inizio di questa sessione ma si percepisce la manifestazione di forviare BolognaFiere
Dedicato a questi temi vi anticipo già che la seconda edizione svastica esibisce a sarà dal sedici al diciotto ottobre
A Bologna
Questa giornata per noi è una sorta di anteprima
Disma siete esibisce al
Ma è anche
Una giornata di straordinaria collaborazione con un progetto lo pensiamo a periferia
Nuovi progetti finanziati dalla Commissione europea per testare soluzioni Smart in grado di essere
Coinvolgenti con i cittadini
Vorrei ringraziare anche il Politecnico di Milano
Che già dalla prima edizione risma sintesi vice Marco lavorato con noi per me questo è
Un lavoro comune di grandissimo valore speriamo di continuare ancora anche per i prossimi appuntamenti
Questa giornata quindi non è solo
L'anteprima siete esibisce ormai è anche
In tutti i costi della Final Conference di questo progetto europeo
I cui lavori iniziano oggi ma continueranno fino a domani sera sono quindi lieto di dare il benvenuto a tutti i relatori e parliamo di decine di Ispica da tutto il mondo ma anche rappresentanti di città italiane ed europee coinvolte nel progetto
I lavori di periferia sono aperti al pubblico e proseguiranno oggi pomeriggio in un'altra sarà Saladino con una sessione molto interessante sulla creazione delle soluzioni Smart sulla con creazione appunto che coinvolge dal basso i cittadini
Domani invece
Sempre Saladino partire dalle dodici parleremo di qual è l'impatto dei progetti sviluppati in questi anni di lavoro nelle varie sta europeo e poi ci sarà una incredibile carrellata di esperienze di città italiane
Ed europea fra cui immense sta in Barcellona Copenhagen Lisbona ma anche
Roma Torino Modena Palermo e Trento che racconteranno quello che stanno facendo nel cercare di portare avanti un'idea
Di città intelligente
Che però si è disegna partendo da quelle che sono le esigenze ter del delle persone e non semplicemente a partire da quelle che sono
Tecnologie o o trend del momento
I lavori si chiuderanno poi con un confronto domani sera fra tutte le principali reti europee che lavorano sul tema del massiccio
Programma dedicato restanti vigenti di Foro piano però non si ferma qui domani mattina c'è il primo incontro
Dell'Osservatorio ANCI SMA siti che vede una collaborazione anche con forum piante e si incontreranno diverse città italiane che sono le prime promotrici di questo progetto molto interessante che cerca di sviluppare
Una via italiana alla città intelligente
Disegnando un vademecum dei di quelli che sono i passaggi fondamentali per costruire insieme appunto un progetto vincente nel pomeriggio invece avremo una sessione dedicata al finanziamento dei progetti
Finanziamento che vede un ruolo fondamentale delle pazzie pubblico-private
E anche in questo caso ci racconteranno direttamente con le sta quello che stanno facendo in particolare Genova Firenze Bari Torino
Prima di iniziare lavorerà mattinata però vorrei prendermi qualche minuto ancora per
Anticipare qualche tema di quelli che andremo ad affrontare a Bologna ottobre
Questo perché
Come forse voi sapete da più di un anno stiamo lavorando forum Pierre BolognaFiere per cercare di
Creare un un forte movimento anche inclusivo su questo tema delle città intelligenti
Abbiamo deciso per l'edizione delle tredici grandi lavorare in contemporanea con il sale che il salone
Noto appuntamento fieristico dedicato all'edilizia
E questo è un tema molto interessante perché collaborando col Saia
Noi porteremo un ulteriore forte tema all'interno della del del del dibattito sul tetto del trenta di gente che tutto quello della rigenerazione del patrimonio rubano e naturalmente dell'ottimizzazione degli edifici dell'amministrazione pubblica un aspetto
C'è un fondamentale per quello che riguarda poi
I fondamentali economici della città
La formula
Ma siete esibisce Han
è una formula piuttosto innovativa che mette insieme diverse prospettive una quelle internazionale avremo come sempre tanti chi notte
Di esperti da tutto il mondo
L'altro elemento è quello di brevi convegni che cercano di gare una
Dimensione strategica della situazione poi però si lavora si lavora significa che tra
Laboratori e momenti di incontro domanda offerta i partecipanti che siano impresa e che siano città che siano esperte che siano i cittadini stessi si trovano a collaborare in diverse situazione
Che permettono poi di Hardy produrre degli output produrre dei risultati
Concreti
Parleremo di tanti teme naturalmente fortemente di quelle che sono le componenti tecnologiche che possono
Costruire costituirne sta intelligente ma anche per esempio di come una città intelligente può assai seria attrattiva
Di come ci sia una vera e propria sfida nel riuscire catalizzare talenti Investimenti
Turisti visitatori e quindi cambiare quelli che sono di i paradigmi vincenti di una città
Ma vediamo ora i lavori per la mattinata
Stamattina
Abbiamo qui sul palco con noi diverse prospettive avremo la città avremo la ricerca avremo il mondo finanziario
Avremmo abbiamo impresa come potete vedere dal programma però ma anche il Governo che era stato invitato purtroppo però su questi temi sullo Small si tira da lega non è ancora chiara non è ben definita e quindi
Non era chiaro chi avrei dovuto partecipare noi crediamo che sia essenziale
Che che il Governo che il Governo definisca chiaramente emetta
A metà fra i primi punti questo desta intelligenti e digitale e continuiamo a lavorare aspettiamo fiduciosi
Indi sereno quindi con questa prima sessione di inquadramento generale con una serie di esperienze il punto di vista dell'impresa poi continueremo con una sessione contra chi nota invece di grandissimo interesse
Emozionarsi Buiter uno dei guru internazionali quando si parla di processi innovativi che partono dal basso
Poi
Sarà con noi i talenti anche ci parlerà di designers finché in linea di come ci siano metri per risolvere i problemi sociali della Smart City
Infine ecco annali Sandro Balducci ero saremo di come
Siano fondamentali gli elementi di pianificazione della città intelligente
Purtroppo avremmo dovuto avere con noi anche ti in camper ma un improvviso problema personale gli ha impedito di partire agli Stati Uniti
E quindi non ci sarà
La mattinata si chiude con una tavola rotonda che invece
Vede protagonisti le città è alcuni alcune alcuni esperti
Che si confronteranno sul punto di vista appunto la vision rispetto lo sviluppo del sta intelligente chiuderà i lavori Alessandro Cattaneo Presidente dell'ANCI sindaco di Pavia
Pena a questo punto credo che possiamo iniziare
Nostro
Non so prima sessione prende la parola Andrea Bonaccorsi con cui parleremo
Inizieremo subito con
Alcune esperienze molto concreti e tangibili su quello che poi su come anche l'Università possa
Disegnare e e coinvolgere dal basso le persone del disegno d'asta intelligente
Buongiorno
Grazie del dell'invito entriamo subito in una esperienza
Quindi mi mi scuso se invece l'inquadramento del tema entro immediatamente nel nel tempo disponibile una
Racconto
Di un'esperienza che ha come
Protagonisti in realtà
Di di ricercatori che cerca di contribuire a creare strumenti
Di partecipazione creativa in un contesto urbano di di media dimensione Comella citati chissà
Il tema
Che vorrei sviluppare molto semplice è molto chiaro
Una città intelligente umana vive di processi di partecipazione va
Sul temi di complessità più elevata e
Difficoltà la partecipazione si nutre
Di di risultati e possibilmente di de creative
Muore se i risultati non ci sono se le idee diventano ripetitive ma alla creatività e difficile non si genera con processi spontanei
Isolati ma richiede un investimento in immetto di in strumenti
Novità da alcuni anni diciamo con attività innanzitutto di ricerca fondamentale diciamo di di teoria e poi con diverse applicazioni stiamo lavorando a questo scopo cioè di sviluppare metodiche supportino la progettazione cooperativa condivisa
Sia remota che in presenza a fronte di problemi di complessità anche elevata
Con un contesto iniziale che problemi di natura prevalentemente tecnica quindi in senso stretto di innovazione con un contenuto tecnologico mai spendibili a problemi di altra natura per esempio di natura sociale
O di altro tipo
Il il contesto di riferimento diamo subito i crediti a chi li Chillida riavere università CNR un certo numero di imprese hi-tech e molto molto vivace supporto continua del governo regionale
Qual è il modello di fondo è che in una città intelligente umana
Abbiamo bisogno di far lavorare insieme la Società alle imprese la pubblica amministrazione ma anche comunità di individui
Non necessariamente affiliati tutto ciò richiede però un luogo di incontro metodologie e strumenti senza i quali questo incontro non non e duraturo per fare che cosa
Problem solving a anche sviluppo di prodotti nuove veri bisogni se a valle di questo anche nel nell'innovazione degli usi delle tecnologie anche possibilmente stili di vita estivi di comunicazione
Come spesso accade questo si è materializzato in una piattaforma con una serie di funzionalità
Quindi soggetti i cittadini gli studenti ricercatori chili di volta in volta è coinvolto come vedremo in questa attività si incontrerà in questa sede dopodiché si incontra in sedi fisiche al al momento cosa trova in questa in questa sede trova
Un insieme di metodologie che sono basate sulla seguente forte idea
Che se ne dobbiamo creare soluzioni nuove se descriviamo gli oggetti come sono fatti
Oppure come sono percepiti dai consumatori noi siamo forse preparati aggravi di innovazione incrementale cioè utile naturalmente socialmente ma modesta
Per avere innovazione radicale anche in un contesto urbano occorre ragionare per funzioni cioè per astrazioni Sucri cosa
Giustifica la tecnologia il prodotto sul perché esistere su quale descrizione astratta se ne può dare
Dietro a questo c'è naturalmente l'attività di ricerca molto
Forte che ha portato ad esso ha una una base di dati che Cuba un paio di centinaia di migliaia di descrizioni
Astratte funzionali su cui si esercitano regole turistiche
Cioè a fronte di un problema se aiutami soggette ad applicare alcune queste sono le principali delle regole diciamo creative che sono state a lungo studiate nella diciamo nelle scienze cognitive
In vari ambiti del design e dell'ingegneria con però la premessa fondamentale che invece di usare
Tecniche creative in diciamolo sul sul green field su un terreno in cui tutti danno
Diciamo una rappresentazione non strutturato in generale il problema lo fanno dentro la struttura azione condivisa del problema che appunto la natura funzionale
Il processo può partire con uno strumento che consente di collegare tra loro i le il problema che abbiamo di fronte con matto e funzionali
Prosegue con una validazione delle idee in cui si confrontano le idee iniziali con un archivio di alcuni milioni di brevetti letto funzionalmente quindi esaminato non per chi volesse ma per
Strutture funzionali
A e soprattutto ha dietro lo strumento che è forse il punto più importante che consenta delle comunità di utilizzatori di creare in maniera condivisa ma remota
Delle idee
Risolvendo uno dei problemi fondamentali della partecipazione creativa quando c'è un oggetto da creare che è che alla fine tutti vorrebbero sapere qual è il loro contributo all'idea finale e naturalmente dobbiamo ammettere che i contributi sono differenziati
Quando abbiamo un'idea creativa tipicamente alcuni contribuiscono di più altri di meno altera affinano altri descrivono soltanto questo è un problema oggi irrisolto
In tutte le soluzioni creative anche cooperative distribuite non c'è nessuno strumento che consenta di fare quello che qui vedete cioè sostanzialmente di
Gestire sessioni di cooperazione diciamo in in ambienti distribuiti in particolare urbani
Restituendo poi a tutti i partecipanti una mappa del loro peso creativo
Cioè dell'effettivo contributo che le loro idee hanno dato durante l'interazione all'idea
Le persone poi sono matchate tra loro in comunità che hanno una descrizione delle loro competenze che rende la partecipazione è ancora più efficace perché mette insieme le competenze necessarie rispetta la natura del problema
Vi faccio velocemente alcuni esempi diciamo soltanto per dare un pochino di un profilo di numeri
Da prodotti industriali qua o o un paio di minuti giusto cito ma sono abbastanza nemiche
Da prodotti industriali in questo caso spazzole venticinque lei prodotte da sei persone in una settimana un caso interessante che leggete la
Svolto con Barilla nuove idee di innovazione nel nel food ventiquattro idee generata in forma remota
Un progetto di automazione facciale per gestire
I rapporti tra tra internet Hastings ed emozioni di nuovo tredici distrutto riguardante l'insieme di competenze che sono
Mobilitate nell'esercizio di questo tipo
Possibili sviluppi futuri ancora in in cantiere strumenti knowledge management esperimenti Guizzi strumenti di generazione automatica di suggerimenti creativi
E oggi da da qualche tempo queste idee che hanno come oggetto prevalentemente la progettazione quindi idee creative
Possono incardinarsi dentro strumenti invece di prototipo azione rapida e quindi legarsi al grande movimento che fa bla bla
Allora da questo punto di vista qui è un esempio che vi dice soltanto che cosa è accaduto un tema che
Applicazione di intelletto Hastings appunto in ambiente urbano centocinque invitati sessanta partecipanti
Ad una
Gestione on line offende la dignità di una settimana novanta e deliberate questo il risultato del del trekking delle idee
Cioè la fine dell'idea uno si sa che Antonietti ha prodotto il quarantadue per cento dell'idea agli altri a scalare
Lo stesso per l'idea due la tre la quattro quella finalmente implementata questo consente una comunità anche di avere alla fine una qualche indicazione
Del proprio contributo creativo
E questo ha consentito e questo è l'ultima slide la gestione di una iniziativa con una campagna virale che nel giro di diciamo sostanzialmente di un giorno ha mobilitato oltre un paio di migliaia di persone
A lavorare su questi temi con gli indicatori di rete che qui vedete di utilizzo e che poi hanno portato oltre che alle idee alla realizzazione del prototipo queste deve effettivamente implementata integrando insieme la comunità con nella prototipo assumerà Pica
Ci sono sviluppi in varie aree diciamo l'idea di fondo è che questo possa servire in comunità urbane che vogliamo risolvere problemi e quindi coinvolge le persone in in attività cooperative laddove sia possibile anche con incontri fisici laddove sia necessario in remoto costruiti innovativi che fanno appunto della città un ambiente intelligente che è umano grazie
Sì perché
è entrato direttamente nel cuore di una questione molto importante che appunto quelli con una tecnologia poveri
Possa entrare a sud da la metodologia la tecnologia possono entrare a supporto dei processi partecipativi che poi portano alla creazione
Della SMA siti e delle idee che la che la compongono
Vediamo un'altra prospettiva che invece quella di Word benché ne parliamo con Arturo momento i collegamenti
Che ci racconta di quale alla il punto di vista appunto la banca e di che tipo di
Attività svolge a supporto Peres Massetti soprattutto nei Paesi emergenti
Tra i più problematici perché sto grazie molto vorrei cominciare ringraziando l'organizzazione dell'evento periferia e il forum piena la mia presentazione riguarda
Fondamentalmente che cosa fa la volontà anche da Banca mondiale sulle Smart Cities e quali sono le nostro proposto vorrei cominciare con le sfide che stiamo affrontando che vediamo
Che sono cruciali è tutto riguarda le città lecita stanno crescente
Crescendo alcuno in modo vincolato alcune in modo ordinato ebbe è bello ma non tutte abbiamo un crescente preoccupazione per le aree urbane in effetti il novanta per cento della crescita urbana
Avrà luogo
Nei prossimi dieci anni quindi leasing più di sedici mila abitanti ogni giù ogni a né nel momento in cui ha però
Finito la mia presentazione
Ci saranno più di trentacinque persone Europa trecentocinquanta in Africa e ottocento in Asia
Il cinquanta per cento vi verrà in città piccole quindi vogliamo una soluzioni che affronti non soltanto il problema del Gancitano anche quelle delle cittadine
Le città incide da Dini aumenteranno di numero no abbiamo visto sono sempre richiedono però sempre più servizi più di servizi anche aumenterà nella richiesta di servizi aumenterà
Il numero di cioè dicono testualmente mente era
Ma i Governi non necessariamente saranno in grado di afferrare nuove tecnologie per migliorare la fornitura e l'erogazione dei vari servizi questo è quello qui vediamo una lacuna e qui vediamo il senso dell'urgenza quindi
Vediamo adesso concerto delle Smart Cities istante vigenti vediamo due diversi approcci verso queste città uno
Riguardano per esempio cita come sonda incorre oppure Singapore
Città che hanno un approccio top davano e investono moltissimo su il i CPT naturalmente anche investono moltissimo poi c'è un altro approccio un approccio
Per esempio come quello di periferia sfruttata può riferire il problema al
Progetti presente affrontati a nel sinché Barcellona
è una l'approccio bottom-up tocco che promuovono le tecnologie esistenti e sono molto più
Convenienti per le nostre città uno potrebbe pensare che questi due approcci sono enormi conflitto ma noi pensiamo che sia possibile invece
Consigliarli non vogliamo pensare che siano esclusivi reciprocamente ma sono complementari e possono applicarsi ad applicare i tempi vediamo il nostro quadro proposto parleremo di un'applicazione che applicheremo in tre città in Colombia Barranquilla caldi
Marissa lesse
Voglio fare presente altrimenti sarò troppo teorico
Abbiamo un approccio
Cinque stati il primo
Non sono necessariamente sequenziali prima e più trattazione allego una Roadmap un approccio bottom-up per la città
E permette ai funzionari recita di prevedere
E
Sviluppare gli investimenti nel inscritti in questo caso in Colombia
Abbiamo utilizzato una partnership con la agenzia dell'informazione sociali informazione lo stesso incorrere quello che hanno fatto
Ci sono altri tre città e hanno condiviso con loro le esperienza
E anche loro strumenti valutazioni così che le città possano avere una timida quali sono gli investimenti che dovranno affrontare a medio lungo termine
Simultaneamente aiuteremo l'identificazione di priorità delle città insieme ad altri attori
Nelle città più grande i Governi e laicità sociale cittadini al settore privato e l'Accademia quindi
Avremo una identica una settimana di identificazione di correzione come città
Abbiamo tenuto degli incontri abbia identificato dei problemi e abbiamo
Trovato perlomeno sei diverse tematiche sulle tre città e poi siamo passati alla stadio del soluzione dico creazioni
E questo comincia con è cartone
Allo stesso tempo con due cento Carter la maggior parte del loro erano studenti dell'est nello Stato locali
Cinque mila seicento ore di programmazione quarantacinque concetti che sono nati ENI nove finalisti
Sono
Si sono affrontati in due mesi vogliamo lasciare la pressione di dare
Risultati sull'Action
Che significa una con creazione e collaborazione fra diversi attori e questo è quello che sta accadendo al momento
Questi straforo vocali questa Barranquilla mani Sales queste sono le foto Oro che cosa accadrà questa una descrizione delle applicazioni che sono state proposte durante e cattolica
Ora che cosa accadrà
Faremo una valutazione per la creazione attivo un laboratorio vivente urbano così che le città possano avere un'opportunità di a vere questa dinamica
In corsa dovrebbe essere una dinamo matto un motore che Contini
A
Alimentare
Poi abbiamo delle collaborazioni con ENI e in altre sanate Alfa micro in ciascuna delle città sulla base del proprio contesto dinamico dovrà comprendere che così che possa essere compresi gli ecosistemi
Non naturalmente ha detto che un sistema vada bene per tutti poi crea
Noi pensiamo che questo modo creeremo la dinamica corrente e l'assestamento Itaten necessaria per mantenere questo progetto in corso la creazione del laboratorio di pente
E poiché il monaco sistema che mandare avanti per dare questo processo e poi vogliamo naturalmente fare una rete di città a esiste già
Che trovano dall'Europa ma anche vogliamo includere anche altri
Poi una collaborazione a un furgone quello già in questa piattaforma nel Comune è stata tradotta in varie lingue del
Europea naturalmente lo spagnolo sarà utilizzato per la nostro caso in Colombia
Questi
Laboratori europea è improprio
E poi periferia e tutte queste reti queste reti esistono già voglia vorremo utilizzarle li utilizzeremo noi crediamo che questo proposti sono sia
Possa sbagliata
Pedoni città
A prescindere dal dimensioni o dal livello di reddito poi abbiamo con al centro di PPP
Il concetto di parte civile persone pubblico-private e poi abbia vorremmo avere un sistema innovativo sostenibile
Vogliamo costruire una rete di conoscenze di Regioni esperti prefissi e noi crediamo non crediamo di essere in particolare si Berti ma vogliamo essere coloro
Che Ricci veramente
Colleghi no le esperienze e le città
E gli interessi meglio all'ufficio anche dei funzionari e dei sindaci per il paese il ottimizziamo Connell occorre a Singapore la città di per sé non è per creare questo
Fabio
Di
Informa sente con legge e poi faremo una est Po novembre
Carceri sicuri maestosi mi ha chiamato
Tra l'altro Dipartimento di
Informazione tipologia della patologia colleghi anche qui per qualunque domanda voi possiate
Porre vuole apporre
Grazie ad Arturo momenti alcuni gamme credo che abbia introdotto un tema di grandissimo interesse che è quello dei dell'inglese
Questa esperienza che si va diffondendo sempre di più nel mondo
Dove intere aree della città un'intera città diventano laboratori viventi
Che coinvolgono i cittadini dal basso dove le tecnologie diventano di tanti ed entrano non semplicemente calate dall'alto ma intorno perché c'è un processo di adozione di queste tecnologie che potenzia la capacità poi della città di diventare sempre più smog
Questo punto prende la parola Cristina Farioli che direttore marketing comuni che esce Nancy sinistri principianti IBM
Che ci parlerà di quello che è il punto di vista delle aziende anche di alcune esperienze molto interessanti che stanno facendo in Italia
Quanto ok
Su Berti un po'l'ordine parlo da quattro
Io vorrei
Porre al tavolo una riflessione e la riflessione sul titolo della giornata di oggi che io Mans Marsi stesa
E io mi sono chiesta perché ormai cinque anni che lavoro su questo tema e dico sempre che con il mio team abbiamo girato tutta l'Italia che abbiamo ascoltato circa centottanta città
E mi sono chiesta ma perché davanti a sommarsi chiesa dobbiamo mettere gli umani
La città di per sé stessa trova la sua ragione d'esistere nelle persone se no non parliamo più di città lecita nascono per sviluppare comunità di persone
E allora se abbiamo avuto necessità
Di porre l'attenzione al concetto Human probabilmente in questi anni
In tutto questo dibattere abbiamo perso la Regione principale primaria del perché
Lecita devono poter innovare devono poter trasformarsi
Il punto di partenza e l'uomo quando diciamo che una città deve essere stimata vuol dire che è una città
Che avvilita le persone ad essere ascoltate ad essere interconnesse fra di loro quindi a
Condividere conoscenza
Quindi a poter esprimere le proprie tesi
Pensai che addirittura intervenire su quelle che possono essere le esigenze dell'amministrazione della propria città del proprio territorio
Allora credo che qui sia un tema importante ci siamo un po'persi a parlare di hot spot WiFi
A parlare di banda larga a parlare di qualche elemento sensoristica oro
Perdendo la visione cioè l'insieme della città e perdendo il fine ultimo la vivibilità e le persone
E per dare voce a quello che di cui vi sto parlando
Io vi farei vedere un video di un caso che noi abbiamo seguito che pone al centro la persona e in particolar modo le persone anziane
Prego la regia
Palermo piccolini nei bambini diciamo sempre che loro erano bambini ricchi
Hanno le manine per bere l'acqua se non hanno un bicchiere ai piedi per camminare le orecchie gli occhi per vedere come
Che la richiesta della la persona che può fare tutto
Così è stato il nostro intento
Tutti hanno capito che non c'è più il mio muore
Si vedevano sempre lui assieme
Nel libro
La mia preoccupazione che mia madre è una persona sola che deve abituarsi a vivere da sola dopo cinquantacinque anni di convivenza potrebbe succederle qualcosa potrebbe sentirsi alle
Chi può chiamare
Bolzano se non vogliamo che
Una persona che vive un momento di ha facoltà venga escluso già oggi siamo al ventitré mezzo per cento della popolazione
E supera i sessantacinque anni di età
Per cui i prossimi vent'anni per cui sono veramente una sfida
L'obiettivo
Perire i nostri nonni possono vivere a casa propria il più lungo possibile
Questo ha una ricaduta sul fatto che non dobbiamo andare costruire strutture
I cui costi di gestione sono
Speso notevole per il nostro sistema
Gestire
Tutti i servizi sociali nella città di Bolzano significa impegnare circa settantasei milioni di euro
Quarantadue per cento di questa somma è necessaria terra organizzare tutte servizi per gli anziani
Domani pensando alla percentuale grossa di persone che stanno invecchiando potremo utilizzare questa tecnologia per garantire qualità della vita
Io penso che a questa domanda la risposta sia automaticamente si
Il lavoro che facciamo in IBM e quello di provare a capire che cosa succederà domani
Il DNA una lunghissima storia nelle tematiche sociali prima delle cose più interessanti che non sia come questo background oggi confluiscano il concetto di Smart City
Nelle abitazioni abbiamo installato un sistema che fosse il in meno invasivo possibile
Avendo la possibilità di verificare i dati che arrivano alla cucina tu sai quando le persone si svegliano sa quando persone mangiano se quando succedono tutta una serie di eventi durante l'arco della giornata che possono essere molto utili quando poi Varenna rizzare i dati enti permettono anche di verificare se sono stati fatti o meno alcune
Accorgimenti
Il sensore alla funzione di rilevare sul ci sono delle anomalie poi capire se una persona può presentare qualche sintomo
Di malattie eventualmente dare un allarme allo staff i servizi sociali e che quindi arriva e controllare
Questo è fondamentale perché ti permette di prevenire gli elementi e prevenire gli eventi significa evitare degli eventi catastrofici decreti pericolosi per le persone ma anche ottimizzare le risorse che ha a disposizione
Stimiamo un trenta per cento ad eliminare i costi all'atto dell'assistenza e della cura a fronte di un aumento delle domande che ci sarà evidentemente in relazione all'aumento delle persone anziane noi riusciremo a soddisfarla molto di più con lo stesso personale che abbiamo in questo momento
La sfida che stiamo giocando a Bolzano è una sfida che interessa non soltanto alla città di Bolzano mentre sanitaria e tutti quei Paesi che stanno cominciando ad affrontare le tematiche all'invecchiamento dalla popolazione
Cercare di passare un amico in casa riguardava la casa
E se indipendenti la cosa più bella del mondo
è importante
è stato inaudita
La ricchezza
Ecco questo è quello che abbiamo fatto a Bolzano questi non sono attori sono persone che hanno lavorato con noi
Un progetto così
Si realizza non in tre mesi ma si è realizzata all'incirca in un anno e mezzo
Perché vuol dire prima di tutto
Riuscire
Anche a creare cultura preparazione sulla tecnologia
Perché quando noi portiamo la tecnologia in una città che è un fattore abilitante importante e l'elemento che ti fa fare lo scatto in più
La tecnologia deve essere nota e conosciuta quindi è importante preparare le persone
Su questo Emekwue piace citare una frase di Michele Vianello che l'ex Sindaco di Venezia che
Cinque anni fa ha iniziato questo percorso di sviluppo di innovazione dove
Dice è un termine importante Simar Citizen è un'idea di città dove le persone usano consapevolmente le tecnologie
La cattedra tecnologia a un valore se sia amo consapevoli del valore stesso che può esprimere
Altrimenti è un bel Progetto di innovazione ma non ha alcun valore oggi il tema dell'inclusione e dell'accessibilità di una città è importantissimo
Siamo consapevoli che le nostre città le città italiane dal punto di vista demografico tra virgolette invecchia Ranno
E le persone anziani oggi sono parte attiva sono un valore delle città quindi integrarle è fondamentale però sappiamo dall'altro lato
Che è un costo un costo di assistenza sociale nell'ambito della città di Bolzano fatte cento le spese di assistenza sociale il quarantadue per cento era relativo agli anziani
Allora trovare modalità innovative che
Da un lato garantiscano il livello di qualità integrazione dell'individuo e dall'altro permettano alle amministrazioni di ottimizzare i costi credo che sia una coniugazione importante
Ancora due minuti prima di concludere questo è diciamo un filone essenziale e fondamentale che vede la componente umana nelle città
L'altra dimensione e quella di poter sviluppare una città
Ascoltando le persone e anche qui è è ancora in questo caso cito vita vissuta quindi non vi parlo di teoria
E potete trovarlo in internet la città che cito è una città straniera anche sta in Inghilterra si chiama Coventry trecento mila abitanti
Coventry due anni fa decide di diventare Marta
Però non decide di diventare smarca nel corso di un consiglio di amministrazione ma decide di dedicare tre giornate piene all'ascolto dei propri cittadini
Apprendo come dire una grande bloccata lasciatemi dire
Di interrogazione sulle persone facendo cinque domande cosa vorresti quali sono i servizi prioritari oggi per la tua città e l'ultima domanda e come vorresti che sia tra vent'anni la tua città
I cittadini hanno risposto sono stati coinvolti da questa risposta sono stati selezionati dei progetti
Questi progetti sono stati condivisi quei cittadini che ne hanno dato priorità
E da due anni questi progetti si stanno realizzando
Hanno aperto un sito totalmente dedicato allo sviluppo della città dove i cittadini possono seguire la messa in campo di questi progetti
E possono continuamente esprimere il loro parere mi piace coerente non è coerente eccetera eccetera
Questo è un concetto di città partecipata una in città
Dove il cittadino effettivamente dice
Ciò di cui ha bisogno suggerisce la propria visione i propri sogni di vivibilità e l'Amministrazione ascolta e insieme interagisce
Ecco come deve poter essere fondamentale a questo punto di partenza
La tecnologia poi ne consegue in questo caso la tecnologia è servita diciamo per
Ascoltare sviluppare le idee ma poi servirà anche per strutturare sviluppare un un progetto
Quindi direi che il tema Human è
Un tema fondamentale che non dobbiamo perdere che dobbiamo riuscire a portare avanti nella nostra dice visione di città
Portando fuori i progetti un tema che dico sempre da un anno a questa parte è che la città non è delle amministrazioni perché le amministrazioni scadono i cittadini no
Quindi il Progetto della città deve poter essere consegnata ai cittadini e alle imprese del territorio e quindi è essere loro in quanto parte attiva
Garanti della continuità del Progetto è uno dei problemi che noi abbiamo delle città italiane che facciamo progetti sporadici e poi li abbandoniamo
Bisogna fare un disegno bisogna essere continuativi ma bisogna operare per anni nella realizzazione del progetto stesso grazie
Grazie grazie Presina Farioli o intervento molto stimolante vorrei sottolineare un paio di cose molto interessanti che sono emersi è il primo è il tema della consapevolezza è questa e chiaramente un elemento fondamentale che a maggior ragione del nostro Paese dove sappiamo che c'è una certa arretrate sto nella capacità di
Così concepire quello che si può fare con la Rete ad esempio diamo ancora dei tassi di accesso internet più bassi del resto d'Europa abbiamo qualche difficoltà a capire come certe tecnologie possono essere dirompenti
Nel modo di organizzare e gestire processi consapevolezza che purtroppo dovrebbe entrare in modo molto più spinto anche all'interno dell'Amministrazione
Forse uno degli ostacoli principali che oggi incontra quella difficoltà
Di management e anche di qualche amministratore
Capire
Effettivamente
Come
Un certo tipo di tecnologia e paradigmi diverse possono cambiare il modo di gestire i servizi la città e anche di coinvolgere i cittadini
Per fortuna però sono anche delle esperienze molto positivo devo dire ad esempio e
Di questo parleremo una tavola rotonda che può scegliere
Su concludono se c'è la mattina
Vedo qui davanti ad esempio molte ore perché assessori Bologna
Che portatore di un'esperienza estremamente interessante di percorso partecipativo per l'agenda digitale che invece esattamente l'interpretazione di quello che stiamo facendo qui e cioè un percorso verso la consapevolezza della città ed i suoi amministratori
Ma
Chiudiamo questa prima sessione della mattinata
Con l'intervento gli Oscar Cicchetti che il direttore del fronte cimitero e come tale quindi ci porta la prospettiva di un'altra componente fondamentale cioè quella che
Ci porta la tecnologia per comunicarlo
Sì grazie grazie dell'invito non osi slide non ho firmato io soltanto un po'di
Di pensieri personali che voglio condividere
Che mi derivano dalla da lavorare in un'azienda che vive di comunicazioni e che si sono colorati anche sentendo interventi di questa mattinata parto da una cosa che diceva Cristina Farioli per tanti anni abbiamo parlato di hot spot WiFi e di larga banda
Esatto è proprio così condivido completamente questa distorsione
Di della discussione del dibattito dei progetti di legge delle iniziative che ci sono state fino a un paio di anni fa
Sia identificato lo sviluppo digitale con la disponibilità di infrastrutture per cui la gara
A era chi ci aveva
Stavo per dirlo in maniera non può poco elegante chi ci aveva più fibra insomma ecco
Credo che su questo mentre
Continuava a questo dibattito però c'era un controcanto che stava nascendo che cominciava non alla
In in convegni esposizioni e Careri eccetera cominciava a dire che il ritardo digitale dell'Italia poteva anche essere un po'nelle infrastrutture ma ce n'era anche un altro più importante più Co.Ge cogente che era quello dell'uso della diffusione dell'utilizzo eccetera
Ecco questo controcanto adesso ha preso ha preso piede per cui da un po'di tempo quando si parla di sviluppo digitale
Sì si parla anche di di infrastrutture ma si comincia a parlare di utilizzo di commercia di abilitazione e quant'altro
Sta cominciando in questo controcanto che è diventata la parte principale della musica sta diventando centrale il tema delle città intelligenti sono totalmente d'accordo questa iniziativa lo dimostra non è una moda non sono solo i convegni
è una necessità ce lo ricordava vuol banca perché c'è l'invecchiamento
Perché c'è la necessità di sostenibilità
è l'ossatura dello sviluppo di un piano di sviluppo digitale ed è ripeto riprendo la lo spunto del del nostro coordinatore ed è questa la via italiana al digitale non servono altre definizioni altri
Sillogismo Mita cercare la via italiana allo sviluppo digitale si chiama città intelligenti astute industrie osé
Questo perché non solo perché l'Italia è
C'hai la la la la maggior quantità di patrimoni dell'UNESCO che ci ripetiamo sempre
Ma perché l'Italia è otto mila campanili
è otto mila città che hanno un centro storico che hanno la piazza e in questi in queste città in questi campanili con questa piazza aziende consolidato negli anni un modo di vivere di fare business
Di imparare di socializzare
La tecnologia consapevole di nuovo rubo la parola no non a Cristina ma il Sindaco di Venezia la tecnologia consapevole in queste città non è per trasformarle e per mantenere lei
Cioè la tecnologia alle il digitale in queste città che hanno la loro vita serve per mantenere la possibilità di continuare a vivere nel nei secoli che vengono
Su questo dobbiamo partire secondo me veniva fuori nel racconto anche di di della collega di IBM
Oggettivamente c'è una riflessione da fare come mondo della domanda perché tra servizi connettività eccetera eccetera
Dobbiamo riconoscere che fino ad oggi non siamo stati capaci di incrociare il
Le richieste di andare a
Rispondere acciocché veramente poteva essere utile
Allora sicuramente ci sono una serie di spunti una serie di cose che dobbiamo imparare dagli dagli errori del passato
Allora i le provo a a declinare tutte parliamo dell'ascolto
Condivido perfettamente però ci vogliono gli ascoltatori se bastasse l'ascolto per una città digitale l'altra sera senz'ho sentito un'intervista di Totò Cuffaro
Che è il
Più grandi ascoltatore d'Italia
Cioè Louilt trascorreva le sue giornate dalla mattina all'alba le notti ascoltando
Difficile che in questo modo ponesse potesse nascere un progetto di Smart City quindi ci vuole l'ascolto ma ci vuole anche qualcuno che abbia una visione e che quindi con questa visione traduco fissione più ascolto può far nascere progettualità
Il secondo tema è modificare
Le
Cioè il secondo tema è
La la mancanza di risorse
Nei né i soggetti che devono prendere in mano il volante della città intelligente oggi il combinato disposto di patto di stabilità di tante cose
Porta a
Dover rinunciare a qualunque idea che abbia necessità di spesa aggiuntiva servono due cose su questo un abbastanza nota e cioè
Un
Un funding creativo che significa sia
Recupero di fondi disponibili ma anche possibilità anche disponibilità da parte delle aziende
Ad evitare la fattura all'inizio o alla fine della fornitura cioè il pay esito sebo qualcosa di questo genere ci sono due esempi che purtroppo non è facile estendere a tante altre cose il primo è quello dei pannelli solari
In cui l'azienda delle aziende della del del dell'offerta arrivavano dicendo non serve a nulla ecco la soluzione
è tutto pagato perché il risparmio vitale oppure quella dell'illuminazione pubblica in cui di nuovo delle aziende vanno dall'illuminazione pubblica mi serve solo come si chiama nel loro linguaggio il patrocinio perché
Il il cui progetto si paga da sé e difficile replicare con facilità né Kamis mi di questo genere su tutto il resto ma di sicuro è la via più importante
Quindi funding creativo dopodiché modalità diverse di acquisto da parte del dell'ente pubblico e qui il Prix commercia al il il pre competitivo è sicuramente il modo migliore
Per orientare il comportamento d'acquisto alla soluzione di un problema piuttosto che all'acquisto di un oggetto
Se non si riesce a fare questo passaggio e se si va per
Gare specificate europee con descrizioni di massa eccetera si realizzeranno poche cose intelligenti
E poi condivido pienamente il rischio dei dei convegni sulle Smart City e che uno deve parlare per primo altrimenti le cose sono state già dette tutte poi un altro tema molto importante per rendere il project il
Per creare intorno allo sviluppo dell'intelligenza di una città il consenso necessario perché serve la via principale è quella dell'inimitabile o credo che come ANCI debba ce si debba fare uno sforzo come portatori di come aziende dell'offerta come amministrazioni come indirizzo politico nel creare tanti li ventilata grazie
Grazie credo che ciò abbia io troppo offrono un quadro complessivo
Questo procedimento sullo Small siti che ora continuo comma tra chi motto estremamente interessanti questo punto noi scegliamo però bollo colpo ancor invito quelli
Francesca Izzo
Il fuori
Ciò sta il pittore per le me e Alessandro produce
Grazie
L'avventura riguardo
Buongiorno a tutti è un grande piacere per me
Darvi atto del veterano però
Alle nove della
Relatore della
Progetto periferia
Trovato che rivede anche star qui
Completo vorrei ringraziarlo
E avermi dato questa
Occasione
E anche a tutti parte del progetto periferia
Che
è un'esperienza molto interessante vorrei anche ringraziare tutti gli altri partner che sono qui oggi con noi nuove
è veramente un momento importante per noi perché
Noi stiamo chiedendo progetta
E
Vorremmo presentare dei
Risultati
Che abbiamo raggiunto in questi tre anni
La
Vorrei
Parlare italiano perché so che
La maggior parte delle persone che sono qui sono italiane
Perfetto di il mio compito oggi è quello di
Brevemente presentarvi i nostri trarre principali ospiti di questa sessione
E e di spiegarvi diciamo la ragione de del del perché queste tre persone sono state invitate qual è la logica dietro ognuno dei loro
O tool ca vorrei brevemente soltanto toccare alcune delle Chivu corso delle parole chiave del Progetto Periferie magari
Anche dire perché
Alla fine di questo progetto ne siamo arrivati a
Coniare quasi questa nuova definizione di una Smart siti quasi riprendendo un po'quello che
Prima la dottoressa Farioli diceva perché c'è bisogno di rimettere gli umani davanti a Smart City
Noi crediamo che non sia
A sicuramente diciamo Celli c'è tutta l'importanza di riportare l'attenzione sulle persone
Sui bisogni delle persone all'interno delle città e dei contesti in cui vivono ma c'è qualcosa di più c'è un pezzetto di più che periferia inteso portare all'idea di a Smart siti mettendo la parola Human avanti
Alla alla a questa l'occupazione ed è
Il fatto che noi vorremmo cercare di spingere un po'oltre l'approccio della open Innovation fatemi usare questa seconda locuzione così come adesso cioè l'idea
Che
Esista diciamo un approccio dal basso open per cui
La partecipazione l'ascolto alla raccolta di idee
Possa essere in qualche modo sufficiente
Per il cambiamento verso una dimensione più Smart del delle città ne vorremmo
Che
Che invece il uno dei messaggi di di periferia potesse essere quello per cui
E smartphone a una città in cui le persone non soltanto
Sono
In condizioni di poter esprimere loro bisogni e poter essere ascoltate sicuramente diciamo ore di lezione molto importante ma è Smart è una città in cui
Sì stabiliscono processi un po'più complessi di partecipazione che hanno a che fare con le soluzioni attive che esistono nelle città per risolvere i bisogni e le città in cui
Non soltanto i cittadini ma noi pensiamo anche alle istituzioni pensiamo anche agli attori privati e reti complesse di partnership come stamattina è già stato citato riescono a non soltanto
Codici segnare ma in qualche modo copro Dürrenmatt cioè
Riuscire a in
Mettere a disposizione delle città servizi permanenti in cui i cittadini sono parte del servizio stesso noi chiamiamo questi oggetti collaborative serve SIS
E pensiamo che esistano
O
Una serie di esempi Good News from the world una serie di esempi dal mondo in questo senso che ci stanno facendo vedere come
Partnership inedite e di collaborazioni possono portare a la soluzione dei problemi delle città ma come
Queste soluzioni possano diciamo anche essere
Sistema tipizzate in forme nuove di
Schede in campo come diciamo noi in forme nuove di
Relazioni e ti network tra queste soluzioni che
Possono portare a Punta cambiamenti sistemici della città quindi quello che periferica attentato diciamo di fare il messaggio che ha voluto lanciare è stato quello di
Diciamo riuscirà a trovare la giusta compensazione di uscirà raccogliere queste istanze i bisogni e di soluzioni dal basso all'interno
Di a invece strategie visioni che potessero dare diciamo un senso anche temporalmente più lungo ed era qualcosa che per esempio prima veniva detto sia
Dalla rappresentante etere Como che dei BN per cui la sezione progettando l'azione progettuale all'interno della città
è un'azione di più lungo termine e sistematica
E allora in questo senso i tre chi nota che abbiamo oggi cercano proprio di raccontare questa storia qui Charles la ditta che è uno dei massimi esperti di innovazione di creatività
Sarà qui a raccontarci una serie di esempi di Good News che dal mondo diciamo stanno arrivando e che sembrano indicarci questa nuova via alla partecipazione che non è una
Partecipazione ripeto
Più passiva c'è soltanto l'ascolto ma una presa in carico una presa di responsabilizzazione da parte degli attori che sono nelle città
Quindi avremo il d'intervento della professor per Lenna che è uno dei massimi esperti di Desailly partecipato arriva dalla università di Malmö e ci racconterà come
All'interno di questa diciamo grosso tanta ma intorno allo per Innovation l'idea di Visentin che sia stata un po'tre idealizzata
E cercherà invece di dirci come
I progetti designers possono diciamo aiutare interagire per esempio con i pianificatori ma non solo con le pubbliche amministrazioni con altri attori che possa essere presente a città per cercare di aiutare di facilitare
La realizzazione di queste partnership di cui parlavo prima e infine avremo il professore Alessandro Balducci che diciamo una esperto in pianificazione neanche il vice rettore del Politecnico di Milano
Che ci racconterà proprio di questa visione
Alla Scala della città
Ecco questo è un po'la sintesi dei tre chi inoltra quindi io inviterei
Primo disdoro Charles la vita era a a raccontarci la sua visione su questa nostra idea di
Semmai Human smaltiti grazie
Oggi pronunce grazie molte veramente proprio a periferie Astrea Francesca
Quasi tutti perché mi mi hanno invitato simili si sono ricordato ascoltando
Delle in istruzioni che questo non è soltanto uno il momento in cui in Europa e negli Stati Uniti la recessione
E la sanità la fanno da padroni ma anche un momento di che
André sconvolgimento voi sulle quindi i generi risulti sfide che recita stava affrontando al momento
Voglio sono probabilmente soltanto chi sta nel contesto di questo sconvolgimento a quel momento il sequestro esso non solo uno sconvolgimento economico che necessità istanti in Europa e le città in Europa stanno cercando modelli economicamente sostenibili ciò significa che quando torneremo alla crescita la questione così non quella che essi quello che sarà il migliore economico modello che sostenga la città non sarà ancora stabilito è un po'ci confrontiamo
Tempo di grande disgregazione tecnologica un c'è una continua ondata di applicazioni
E di tecnologia che distruggono le vecchie industrie allo stesso tempo creano nuove opportunità
E nuove collaborazioni in modi diversi Governi ovunque ad ogni livello dalle città fino alle Nazioni
In all'Europa profana stanno affrontando grandissime sfitte causati essa
Suppongo del loro distanza dalle città l'inefficiente o senza l'inefficacia
Perché li contraddistingue se fa sì che i Governi vengono visti come perseguire i propri interessi piuttosto che quelli delle della società le città ai Comuni ovunque stanno affrontando tormento
Fortissime sfitte
Sfido M quattro così come in America latina in India in Asia la ci sono sfide della crescita perché minacciano
Le infrastrutture e creano profonde disuguaglianza ma anche le città industriale in Europa gli Stati Uniti e in questo caso c'è la sfida del declino
E quindi stesso e questo importo investe naturalmente il furto quanto in tutto questo noi abbiamo quest'oggi profondità ovviamente culturali generati non solo dalla tecnologia occhio che è una cultura crescente ricettivi partecipazione permissivo laddove i più giovani
Si attendono in particolare di essere in grado di il suo parere
La possibilità di scegliere di collegarsi cadere una fitta anche in tutto ciò in cui sono coinvolti e quindi se prendiamo tutti questi ingredienti li mettiamo insieme possiamo vedere il motivo per cui la sfida per i prossimi vent'anni perlomeno non sarà quella di sviluppare nuovi prodotti o nuovi servizi Emma
Di sviluppare nuovi servizi e nuovi servizi con nuove culture nuove forme di comportamenti e questi sistemi devono essere sia
Più efficienti più intuito si isoli più indizi microlitro diciamo ingegneri guidarci attraverso questa sfida
Vorrei presentare due grandi cose e un diagramma attribuzione suggerirei in
Un modo molto semplice e brutale che questo diagramma
Ci Alisera comprendere quello che dobbiamo affrontare e quindi vi sono due cose maggiori di ciò che rende vivibili recepita
E io penso che è importante per noi sapere ciò che vivibile un cucciolo Como credo che il linguaggio delle città intelligente piuttosto freddo marxisti io spesso
Preferirei parlare di ospitali Luan mi spiego lì o avverte
E c'è anche una grossa questione di come i cambiamenti e tecnologiche ci stanno avvenendo c'è qualcosa in questa stanza che non ha un cellulare c'è qualcuno di voi che non possiede un cellulare neanche in uno di noi non possiede il cellulare quindi la grande
Questione per il futuro sono dunque
Nati per noi o noi per loro ruolo stiamo progettando le nostre vite per adeguarci e cellulare ho
Sono loro progettati perché non possiamo vivere bene la risposta propriamente prevede conclude tutte e due le cose
Quindi questi ingredienti vedono che noi siamo EE.LL grazie persone sistemiche legati ai sistemi misti abbiamo bisogno di sistemi energetici idrici
Per lo smaltimento dei rifiuti di trasporto finanziari per le comunicazioni per i sistemi legale che mi sento temi tecnici non è possibile vivere
Una vita vivibile in una grande città come fanno la maggior parte di noi senza sistemi non possiamo produrre fisse nulla se noi introduciamo una azioni minima di ciò che di quindici stiamo per vivere non siamo otto sufficiente siamo dipendenti vediamo da sistemi se naturalmente sempre di più questi sistemi
Giocano un ruolo importante e quindi non c'è questa
Teorici questo terribile nel momento in cui ci rendiamo
Conto di non essere più Pacolli messi perché
Le
Varrebbe allora segnale sono scese è un momento esistenziale
Se non sono collegato esistito possono e sono certo della mia esistenza senno posso mai scrivere un messaggino sul responso due o tre c'è questa
Idea terribile e di dipendenza questo
E come quasi se
Come se fosse una religione e commesse fossimo Benedetti dalle
Barrette
Sereno
Abbiamo tante barrette ci sentiamo veramente Benedetti se non ne abbiamo siamo terza e poi vediamo persone
Sì il piccolo posto su alle fermate che stanno o come richiamando perché insomma scene uno stato di transito ulteriore sciogliersi e hanno asfittici
Esatto questi oggetti magici il punto di tutto ciò che non non sono strumenti non sono prodotti sono punti di ingresso in un sistema
Questo è ciò che li rende così preziosi quindi la seconda cosa è scritto in cui abbiamo bisogno né nostra città poi nell'empatia e con un'empatia intento alla capacità
Lucchini solido di guardare all'interno degli altri nel loro se
Sorrisi nel loro vite
Nel capire quello cioè quelle che sono le Loré intenzioni mai la capacità di adeguarsi
Del carcere dovrete e ciò che rende una città vivibile è la costante empatia con gli altri
Per stop il più adeguarci alle loro idee per essere creativi in modo cooperativo così da poter andare d'accordo
Sia che ci troviamo sull'autobus sulla metropolitana Ostia siamo al ristorante o condividiamo un condominio
Qualunque cosa noi abbiamo bisogno di questa fascia di impartire queste due cose sono macchine di empatia perché bene o male ci talmente tono di
Andare il più nel profondo nelle dire degli altri quindi seppur pensate che
Queste due cose la tecnologia e la città sono essenziali per la combinazione di sistemi dagli chiaramente e poi pensate ok verso i maggiori immaginiamo Specolizzi socio poi esperienze che sono stati i temi alti
Molti punti fortemente quantità Silvia ripetitive
E poi invece sistemi Bassini molto unirci molto bassi poi le esperienze che sono con una bassa in pratica cosicché non Lucera né su l'empatia Scisci c'è soltanto un rapporto che non ha nessun connessione sul collegamento con le persone è una cosa con questa tenera gente invece tanta parte un'attenzione Tia
C'è un forte rapporto mi piace pure immaginate di avere una griglia come questa
Ci si voglia
So che è una specie di di circa flusso di consultazione perché è chiaro quando c'è una sede come questa dove vanno le cose potenziate ok queste dove non vorresti estere questo il posto dove non vorresti vivere questo il luogo dove non ci sono sistemi e non cento attività
Noi
Questo lo deciderà l'incubo queste Lagos avessimo valico sfiducia è queste Larossa
L'impressione che uno straniero a di Lagos quando arriva all'intesa perché non vi sia nessun sistema non c'è su una legge già non è possibile anche grazie alla polizia non vi è nessun rapporto e questa sembra astruso e qui non esserci nessuna fiducia ma questa è la stessa storie vecchie troneggia agli interessi ci sono troppi borsistico in città nel mondo invece industrializzato
In cui ci sono pochi sistemi che ancora funziona e cioè un impartire e una fiducia in calo ci sono troppe città abbandonato tecniche hanno questo aspetto che si sono luoghi dove ci sono pochi sistemi poca fiducia il
Fra gli stessi vivendo anche come questo potrebbe accadere fa circa che sia veramente invece recarsi laddove ci sono poi i sistemi
Ma un fortissimo rapporto spendevo visto molti tentativi di rispondere alle città facendo questo
Queste si tratta nostalgico vorrei menti delle città andato il positivo le persone sedute sulla veranda ovunque Stella nella enti negli organi lo spazio pubblico dico che se si parlasse un minuscolo luogo conviviale nel merito di un enorme città centro che hai citato così tanta Inter e se perché appunto
Soddisfa questo anelito di empatia la maggior parte a delle abitative Tokyo è vissuto quindi
Dove ci sono poche
Mantiene c'è un forte relazione se si va anche nelle favelas negli SNALS è molto strano che non ci sono
Autovetture no non c'è un'area industriale se voi sapete compisse siete dove state andando a questo posto
Avrà lingue parlate dà l'impressione di grande solidarietà
Di fondi rapporti sociali ma naturalmente niente sistemi poi dall'altra parte abbiamo città con sistemiche uno De gli attentatori è già parlato di sistemi vicenda come questa questa e sanitari che sostituisce una città di relazioni con la città di sistemi si sul un tipo oppure rapporto unti H tre G con l'intera ponga in atto conto che questo è già accaduto Sondalo encore
Dove l'idea
Della città è stata ridotta quasi ad una cactus sorta di voi input oneste esperienza internet dove ognuno ha semplicemente un indennizzo le migliori città sono fu istituito nel mille ricita sono ossia sistematiche e e noi patologiche e sono progettualità trascorsi che scioperano a livello fiscale conseguono ciò di cui allora bisogna ma creano anche grandi aree dove
Sono possibili rapporti umani e d'accordo il sistema
Barcellona ottime infrastrutture un ottimo rapporto trasferito asporto che funzione ha un rapporto umano ed è una città che funziona bene e tuttavia ha uno spirito di convivialità edili
Sussidi Società civica in molte essa che piccole che cosa molto importante coinvolti questa porre ponendole
è una città Coan così
Appena prodotto
Spiegarci un progetto di partecipazione motivo più importante che abbia mai incontrato sviluppato attraverso un lunghissimo processo di quella l'azione professionista ma lo spirito di questo progetto vinte successo che pretese il settore tutta una serie di nuovi sistemi energetici miseri cinque di trasporto con corridori di città pare che kasher renderti o biciclette macchine bisogna quindi un livello molto sistematico cominciando Sacchi insomma con intersezioni come questa con le persone perché avevano il diritto di dichiarare allora intersezioni in modo
Tutto da ordinario molto popolare per controllare il proprio ambiente locale quindi c'è una grande
Grande Next di questa creatività
Bottom up con una serie di strutture di sistemi che invece hanno permesso tutto di Fiorini al CIPE questa esporrà cifra una città in Brasile una nelle città più impressionante del mondo assumere subito sistema di alto fusto impressionante che fortemente quantificato il PIL sul ministro era l'atto con un numero di
Velocità di collegamento numero di passeggeri sismiche ha però anche sbalzi civici aperti facili da
Raggiungere conviviale e la soluzione ad alcuni problemi con quello del riciclaggio dipende da persone come queste non su grandi sistemi ma dipendente da sono una serie di
Microimprenditori definitivo riciclaggio
Che raccolgono appunto i rifiuti che luccicano questa
è una città progettata in modo sistematico a progetti di trasporto
Immobiliari erano state una serie di regolamenti ma anche capito
Che il futuro dipende sulla mobilità di sedici marzo del quindi adesso
Soluzione è questa queste prime partire una soluzione modella miglior prezzo un
Ministro Tura urbana molto utilizzato uno dei terreni più utilizzati in qualunque città del mondo
Quanto Lampar la scelta del pubblico privata
Di da Giuseppe stoppata decido quali tipi di tutte banche utilizzare esso sono rivolti
A architetti per progettare in queste alle banche Di Pietro e poi l'ha detto che erano bellissime fosse ma molto
Inflessibile costose quindi invece potete vedere hanno messo ci queste sedie pieghevoli non sono ben propri però il fango ma sono lotto funzionale e molto tranquilla molto modulari molto ordinarie le persone vengono e se ci sono due persone prendono due serie se ci sono otto ne prendono atto
Poi lascia una specie di ombra laddove sono stati perché las restano le secche in un certo senso questa seria è una tecnologia impossibile ma è anche una chiave per il tipo di
Funzioni criticità
Dovranno avvenire sono dovranno essere città modulari adattabili riciclabili ma
Questi senza un sistema che diventato parzialmente scambio allora disabilità esserci pure il messaggio di tutto il sogno di un principio non si può avere fiducia
Ne dobbiamo creare sinistro sistemi molto via molto confuse miracoli
E Codice barriere linee regole così che non puoi attraversare la strada per niente se non ci sono sicure perciò questo potrebbe essere vero nel mondo però gli anconetani vendo questa gente
Grazie perché nessun giornale il
La riconsiderazione sdegno gli spazi condivise in città ha detto per se si creano presso il TAR istruisce stanzia soluzioni le persone penseranno alle proprie soluzioni che siano più efficaci e più sicure
è e anche ad un costo minore nei fine a questa domanda
è una carta
Poi se in cui vicino e inserite la scritta coffee shop punto it
In Australia e questo è quello che aprirebbe e questo somiglia naturalmente tesi a un tipo di
Patologia sembra una specie di evidenza sesto ma in realtà è un sistema furto in un sistema armi vero sparisse
Le stesse se sto in un sistema per
Stare e l'actio riconsegna
Anzi ad un
Città
Quindi mondiali granitica stranieri vengono poi macinati ed esecutivo fra le otto ore undici di mattina tra e poi vengono sto eliminati attraverso probabilmente eliminare io suppongo che tutti i pesci nell'arco tra le otto alle ore dieci ricevono un sacco Osiris esporre in altri perché naturalmente viene eliminata ricerco ancora questo
Qualcuno e quindi sulle tutti
Questi sono in realtà bar e caffè individuali localizzati stop sono particolari non sono stata Zanon sono catene sono titoli colica afferma sempre che non Scarcelli aspettate di avere un caffè un cappuccino non c'è una grande varietà non si troverà marzo caffè improvvisamente
Radici
Molta standardizzazione però una grande quantità di diversità quindi se voi prendete in queste
Soluzione come modello museo
Ne dispone pensati Falcone potremmo usare la tipologia di montagna laddove si
Voi adesso in questo vostro pensavo questi torchio per tutte il ministro chiede atto di nascita Enna cominciato ad operare un un progetto in questo minuto per intero in questa via San Paolo in Brasile dove ha apportato dei bambini
A fissa fare questi graffiti o i poliziotti e in realtà questa non era occupata da trafficanti di droga
E in questo caso hanno sviluppato un nuovo approccio all'apprendimento basato sulla comunità così che le comunità si possano
Vedere l'accesso calo nella Comunità europea
Impulso instaurare un altro elemento che non sia semplicemente quello si voleva raggiungo Ciliberto che era sempre stato interessato al web ha creato questo
Uccisi
Che
Sciacalli per Carta affliggere il che significa
Paolo cultura libera in San Paolo
Che ritmo gestione delle fonti il
Se quinto maggiore sito web in Brasile a
Milioni di visite al giorno
In al mese è semplicemente un deposito di diversi luoghi in cui si può andare viene a vedere
Cultura Arsoli basso costo gratuita eccetera gli succede una tipo di pieno il vino un struttura sanitaria tutta una serie di cose il sito web deve essere cresce con maggiore velocità in Brasile recita semplicemente cercando di rendere la città accessibile a tutti i cittadini in particolare
A quelli nominati benestanti perché sia possibile condividere conoscenza informazione c'è anche una libreria questo è un secondo esempio
Questo è un il Cisco translate una
Se una Rete per nomi perché possano condividere idea informazioni storie iuris sulle esperienze di essere no alle hanno appena creato un servizio più alcuna serie distintivo locali dove i no mi possono cominciare il proprio ogni giornale buon della pubblicità è un modo corretto e Marcora Ruocco il non si sugli utili riguarda quella popolazione che spesso non è inclusa nelle discussione per avere un proprio scarse ed infine del tutto queste il punto è un
Voi quelli più sito
Guerre indurre pulmino che riguardano il bonus per i numeri in cui una sabato mattina si può trovare per esempio non in una maratona di cinque chilometri in città
Vibonese
A Nick est si può anche parlare proprio tanto ci sono centinaia ogni settimana centinaia di migliaia
Che
Prendono parte a questa attività articolo operativa noi
Loro utilizziamo utilizziamo risorse responsabilità inteso quindi insieme quali sono i principi di progettazione a cui dovremo pensare veloci quanto concerne alcune di queste soluzioni
L'asse importante probabilmente sistemi
E comportamento collettivo sono più importanti
E prodotti servizi ma questo tipo di ossimoro oggi brutto di sistema infatti un sono due accennata gratis tale da grandi e piccole scale
Di uso interna Piovan utilizzando un linguaggio cosa accomuna e molte accessibile ma ci vuole non è particolarmente specializzato
Autonomi spinga i risultati vengono negoziati dalle persone piuttosto che vengono imposti
Loro imposte
Basati sulla collaborazione ius ciò significa che gli utenti i cittadini devono ci siamo cioè essere contribuenti non soltanto beneficiari genovese extra distruttiva c'è un grande feedback complessi sistemi non soltanto e verso l'alto verso
La fornitura ma verso tutti e ciò permette alle persone di lavorare a diverse velocità così possono essere molto veloci
Nel caso risposte di bassa di autobus creativi e non possono essere anche molto lenti nelle conversazioni che
Permettono loro
Riparlare negli spazi creativi questo crea attualmente buoni risultati a basso costo e questa sera scusa è una sfida crescente felicità come
è possibile ottenere dati migliori in basso costo la chiave saranno flessibili saranno sociali e condivisibile
Saranno riutilizzo ci saranno utilizzati risorse più utilizzati ristretti e sarà nostra affacci liberalizzare tutto il resto naturalmente creeranno anche ottimi luoghi
Per lavorare il punto chiave sessi ci si reca in città come questa non è soltanto che sono dei posti da visitare per il ripristino
O per piacere
Ma sono anche ottimi posti in cui lavorare oppure hanno sia nel settore pubblico a livello privato quindi queste sacre che sono i principi condivisi di Progetto dovremmo per il sale sia nello sviluppo della città
Che nello sviluppo delle tecnologie che rendono le città più accessibili più creative più capaci nello stesso tanto più vivibili
Ok
TEN-T Uggias junior grande acefala Sergio rastrellato presentazione
Guarda ho pensato
è infatti Ismael svolge anzi che l'empatia ha un significato molto maggiore della simpatia l'empatia da un certo punto di vista segni efficace sin qui che per poter maggiori in una certa
Ma c'è bisogno di intenti e bisogna alberi una sinergia tra l'apporto dal basso verso l'alto prendo e ma stipendi all'innovazione proprio per andare verso l'intelligenza dipende dal contesto in cui siamo però gas sicuramente quello che io ho sicuramente imparato e adesso vorrei dare la parola a
E l'ente
Presente
Che
Fine ci forniva il primitivo prima di tutto vorrei ringraziarvi per avermi invitato
Sicure
La Procura che ne abbraccia un pochino diverso rispetto a quello dei causa
Tuttavia
Il mio brevissimo intervento la direzione più o meno la stessa
Io vorrei sentir parlare della densamente in King all'interno della città
E vorrei ringraziarvi per avermi invitato sa bene quindi figlio mi ricordo che circa vent'anni fa più o meno ma sono stato invitato non a Roma ma a Bologna e a Milano sono per parlare
La puzza di un libro inchiostro ittiche era stato appena tradotto in italiano
Oneste
Reti informatiche del lavoro ma
Si chiamava informatica lavoro umano
Quando in quel periodo tutti parlavano delle fabbriche intelligente invece adesso parliamo decisa intelligente e il messaggio di questo libro proprio come ha detto causa
è che
Purché il processo non è solo
Una par situazione attiva da parte dei lavoratori una propria abitazione collaborativa e la tecnologia basata sulle competenze e la democrazia il lavoro ma significa ah bene una connotazione di progettazione partecipativa se il messaggio e nello stesso no però
Ci sono stati tanti cambiamenti a livello della tecnologia a livello della scala dell'informatica faremo criticità
E non più di fabbriche parliamo appunto di pensiero
Legato al versamento
Sono
San Quintino che consente sarebbe inchiniamo in grandissima ed è a
Cui ci siamo tutti qui
Articolo
Chi è che l'ha inventato non è ancora ben chiaro però ci sono vari fattori che sono correlati al versante in King avvolto sta presenterò il primo i concetti sono venuti da Palo Alto vasta anche Ford
Quando il problema giusto il timbro
Con ordine direttore temporanea ha parlato dei cambiamenti attraverso ed esamina muore
Che cosa significa questo Gil già che cosa doveva fare il design
E del fango devono vedere il quadro in maniera più ampia e lavorare in maniera collaborativa
Con gli utenti con gli altri battitori usando
Dispositivi di porrò tipizzazione per poter lavorare
Con i clienti diciamo e come se il tracciato su tutto questo sulla base dell'empatia questo sembra fantastico
Sono quali l'occhio Stay with e allora
Anni Corsico perché quella fatidica indiscutibili non usarlo allora questo concetto
Più i ticket è in questa vetrina denota
Vorrei cercare di vedere
Se è possibile cadere nostra Campania quando era presente anche l'ex perché quindi
Potrei mo'parlare Dini esami giuste ingenti e
Ovvero il creare le cose attraversa Desailly nell'interno della città il furbo
Ordine dura pranzando al Foroni all'allora
Internet mettimi Gilmour continui
Per cui il Floris globale CIU prima di tutto vorrei tornare a
Urbanistiche ittiturismo e le polveri investiti o ma un mese alla città di marmo
Insomma
Quindi gli orsi circa vent'anni fa
Più o meno quando sanitarie per la l'ultima volta assistiamo ad
Se è stato lanciato uno slogan per la città di Valmontone di politica economica che facciamo però amica
Indicherebbe sessanta
Il signor
Allora se avete visto mano avete messo al mondo agrumi stato linguaggio ironico
Che è stato utilizzato il primo il brusco ultradestra perché erano state chiuse le fabbriche i cantieri navali c'era una fortissima disoccupazione con una forte segregazione cultura e giudice ricco negli ultimi vent'anni ci sono stati tanti cambiamenti era stato costruito un ponte con contenente sono state rilanciate all'università un'accetta che ha un ottimo livello di sosta
Se ne verità contante processi democratici
Culti puntando il pluralismo e abbiamo cittadini che faccia tosta
La Preside del mondo comunque pare tutto dovrebbe andare benissimo però come tanti Paesi a Malmö augurano s'
Abbiamo cercato di valutare la piena sostenibilità della città affidando questo progetto altra Commissione che ha detto sì è una città prospera molto colto orale con un sistema con impegno ecosistemi e molto avanzati
Con
Una buona e l'industria dell'informatica una grande creatività però bis c'è stata una maggiore polarizzazione all'interno dalla città
Per colmare questo divario
Bisogna far qualcosa perché ci sono delle parti richiederà citato reparti povere della città
Vai X perché ci è stata deferenza di speranza di vita di cinque anni poi c'è una grossa differenza la stessa cosa per l'istruzione
La speranza di vita cinque anni di più se uno ha un'istruzione superiore e c'è un grande problema all'interno di questa città
Dice anche se abbiamo una buona sostenibilità con grande partecipazione per colmare questo divario bisogna sicuramente per vedere nuove politiche sono
Io la spinta al fine di investimento annunciamo il giusto che queste sono alcune delle sfide che ci dà che dobbiamo affrontare
Guido molto quanto non abbiamo più una sfera pubblica unica sfera pubblica perché siamo passati a un Comune casta Repubblica tante sta repubblicane
Con diverse tematiche
Anzi l'andazzo che è stato importante per i cittadini principi
Espone capirle
è chiaro che è la democrazia
Non è più una questione di consenso o solo di consenso bisogna riconoscere che ci sono diversi interessi in gioco ma dobbiamo anche trovare il modo in cui questi interessi possa noi in qualche modo interagire quello che noi chiamiamo agonismo forse ci siamo concentrati troppo sulla rappresentanza quando parliamo oggi dalla partecipazione Città di forse dobbiamo parlare di articolazione cioè come
è in effetti articolare le proprie necessità componenti e per la governance
Un come passare l'animale cima della piramide a delle reti di base che sono più eterogenee
Sarà
Svolge il figlio allora questa è l'idea delisting ingaggia delle cose degli oggetti non riprendo il margine di una nelle lingue nordiche e Germania
Che
Vitivinicoli hanno in qualche polemica l'evidenza erano con me e nei luoghi pubblici luoghi di incontro oltre al Comune delle ancora in questi risolvevano i problemi
Su di suoli Gabrio impensabile stesso si trattava di luoghi di incontro principio tutte per far sì che le persone potessero incontrarsi
Perché
Potessero in qualche modo confrontarsi
Momenti di vita di queste comunità eterogenee puntiglio gemella solo un punto d'incontro ma
Un luogo dove
Non in qualche modo c'è un collettivizzazione di cose che sono pertinenti alla vita dell'uomo ma anche altre cose come le tecnologie eccetera questo per oggetto
L'unico a chiudere il mio collega Bruzzone azzurra che con sociologo entri
Mentre Francia anche
Ha cercato di fare si vedere che cosa che è sbagliato a livello del sociale superstrada c'è qualcosa che
Manca
E lui dice che se noi abbiamo sostituito il sociale ecco nel collettivo o come quello che dice ciascun sistema che cosa significa anche
Cioè con la presentazione degli esseri umani ma anche di
Altre cose
Cioè
Come se noi dessimo una voce alle tecnologie come l'abbiamo
Data Gaia
I soldi si tratta delle nuove sei nuovi collettivi
In
Quindi sull'istruzione in inglese ad esempio quindi oggetto e cosa
Erano la stessa cosa però sappiamo
Che inesperti tutto è iniziato
Gravi
Invece
Questi alcuni
Queste
Sul
Con marzo nella l'Assemblea delle persone che dovevano affrontare problematiche le cose politici al livello del Desailly in noi passiamo dagli oggetti alle cose lecco
Perché hanno una quotazione sia materiale che sociale quel puzzo interstizi ingiustamente in cui
Allora che cosa facciamo le cose noi sperimentiamo le cose
Creiamo dei prototipi qui più più giù ristretti Chiodo
Cerchiamo di mettere tutte queste cose insieme
Presente in città a distanza
Sono quel compito è dove possiamo andare nello spazio di spazi pubblici oppure in generale
In che direzione possiamo andare come gli spazi pubblici con lo spazio pubblico
Sappiamo presenti nonché
Questo spazio non solo pubblico ma è uno spazio del produttore perché cerca outsourcing lunghissima cui spinto i valichi magia che è stato invitato chi il ne beneficia sul sito
In molte circostanze
Quando più strutture c'è un concetto molto interessante da analizzare in maggiore profondità non ci sono state cambiate anche perché non possiamo dall'innovazione tecnologica
A capire che come nella città di Malmö in favore Roma Barcellona propaggine Centa abbiamo
Tanti riverse futuri che vengono create
L'abbiamo un'unica visione
Occhi più volte triplice delle innovazioni
Tecnologiche ma nelle innovazioni possano crescere maniera locale in maniera diversa a seconda dei posti e poi l'economia
Ma una delle possibilità che abbiamo invece di cercare di ridurre i costi marginali
Possiamo veramente utilizzare dell'esercito nazionale recita ovvero le persone colpo e poi
Persone o cosa che non vanno presi in considerazione della città nell'industria oppure l'innovazione possiamo utilizzare questa parola ce ne dovremmo
Smettere di essere ossessionati dalle cose nuove delle cose stimato e invece come ha detto Brunato dovremmo parlare di succede qualcosa anzi composto
Forse sì
Dunque
Cioè di qualcosa di lento come ce l'avete già in Italia
Ancor
Lucchetti e dovremmo passare da quello che guidato dal mercato a qualcosa che è invece basato sul
Cose che vengono condivise
E poi abbiamo anche gli attori che non sono più designers ma cittadini partecipativi in qualche modo tale che noi cominciamo a parlare di una cittadinanza partecipativa
Va infine andiamo la cosa non più puntuale non abbiamo un solo progetto abbiamo qualcosa che ad avere la domani BTP nel tempo con De Grazia storico spalle noi chiamiamo queste no no infrastrutturazione tutti
Non vi è un termine coniato dagli americani
Cioè non tanto i progetti ma creare delle reti tratto oggetti
Sarò
Il ad hoc
L'ultimo inciso se andiamo a vedere le sfide che abbiamo nella città di marmo Musti un augurio
A un lingua e nei nostri depennata
Contestano include e nei nostri compiti designers Angius
Possiamo ricondurre a avere
Potessero duecento abitano in cui non so se adesso questo sia vero per tutte le altre città serate se almeno su
Uno degli esempi delle aree in cui possiamo operare
Se non azione sociale pubblici lusso una parola troppo utilizzata
Ma
Chiede tanti
Che cosa significa segni lega anche i cittadini diverso in modo possono collaborare con la città
La gente non ha
Come è successo questo cornate servizi collaborativi
Poi abbiamo
Un'altra idea molto interessante che è quella dei cittadini come produttori come i meter come gli spazi per rimetterla qualcuno e le tecnologie svolgono cui devono sottostare importante perché sono abilitante Roma e poi se passiamo dall'idea
Anzi
Del pubblico decisionista che è dominato solo da politici urgentissimo
Ci dopo fuori
Fondi ed agli enti extra vivere guardiamo le nuove forme di spazi pubblici emergenti con un e
Roger nei dati attori
O punti antico come dovrebbero essere queste cose nuove forme di creazione delle cose
Con il Campus uscire quando parliamo di innovazione sociale
Cosa vogliamo dire
Quando parliamo di novazione degli spazi pubblici queste antico l'esempio
Qualcuno il sabato
Pustetto sostengo con autobus
Stessa su può essere utilizzato dai giovani per far sentire la propria musica agli urbani
Ci sono incomprimibili allora come usare tecnologie il tipo di Desailly n restrittivo porta all'esterno della città di marmo all'interno dell'azienda che opera che gestisce questi autobus per poter raggiungere questo
Obiettivo però questo è un modo per
Coinvolgere i giovani nella cambiare lo spazio cittadino insomma poi servizi collaborativi riuscì
Quel versante la collaborazione gruppo fantastico di donne immigrate pulsa Brogi uno delle periferie Paolo vere di Mario Monti sì o no ordinistico donne bosniache era Aniane Arganelli giusto Institut ma hanno delle capacità
Questo monte
Perché hanno apportato con loro soprattutto
Sanno lavorare
Volete
Il Byron spendere comunque
Insinna tanti settori nonostante il fatto che abbiano subìto enormi violenze per esempio vogliono creare un servizio
Ecco qui dentro ci sono presso
Ore
Pure più dice giustamente ci mamma
A soci apertura processare cucinare illecito che possa essere dato poi ai bambini
Ai profughi rimangono nella città sul
Cioè queste persone non devono essere viste come un peso ma possono essere viste come un
Una un qualcosa di veramente positivo
Qualcosa di veramente interessante in questo caso
Ciò sta a chi invece
Bruciava non se ne ha parlato poi conoscere questa persona
Che è stata fotografata cento sì questo è un tentativo
Dei vedere come
Ad un primo passo in più l'incipit uno spazio chiamato incubatore sociale
Del come
In stanzette trimestri Tel ma non
Quattrino pronti oltre
è volta versi una ostili incubatore sociale che è stato creato una gita di Malmö e come può colgo
Oggi era investitori con le aziende
Non però è certo gestionali sono state create diversi seminari
Infine per generi è anzi
Il fucile in questo professa è stato farlo grazie a questo incubatore
All'inizio era partito come un incubatore per trovare posti di lavoro
Ai disoccupati però siamo andati avanti con le idee
Questo il senso giusti perché ancora e siamo andati avanti con l'idea dei cittadini come produttori istituto al chilo c'è l'idea
Otto Ministri dello spazio per il Mediterraneo dei tutte le persone che producono sta devo intervenire producono le proprietà
In altri
Nel nostro caso per esempio io rispondo disbrigo Space essere uno degli spazi devi mettere cambiano Marmo Rizzo
Picco campioni di giusti cioè le persone usano questo spazio comune per produrre
Le loro cose ci possono essere propri problemi
Le stesse detto per
Spesso me Di Campli stimo un trend questo è un posto boh malfamato per quelle aziende non ci vogliono venire insomma l'obiettivo di questo spazio non è stato proprio raggiunto
è stato allora creato un laboratorio all'interno dell'università piuttosto
Però questa storia non sono stabilite in questo laboratorio non sono cose facili da fare
Il figlio l'idea quella di avere una produzione fuori unico Soculza attenta
Anche
Non è facile alcuni di coloro che hanno proposto la produzione avverto non voglio fare nomi
Ventura Nomis
Quelle sviste sostenuti uguali
Il triste interruppe
Sul SIS si sono chiusi e quando l'allora azienda comincia a parlare molto bene
Tracciare arbusti inverso produzione aperti da
Ma fino a che punto possiamo andare a questo punto fino a dove possiamo arrivare o inutili
Affinché al
Pazzini più quel settore Mourinho se poi ha bisogno ciascuno il nuovi spazi pubblici nuovi pubblici ci sono ultimo questa è un esempio
Silenzio si tratta di Onna circolano Dini cucito riti cucitrici Rimskij va in giro il pubblico è che sulle molto usando il collega delle
Persone con il cellulare
Hanno cellulari hanno dalle macchine da cucina non producono nulla di nuovo qualche cosa producono nuovi in un modo di
Per andare a vivere e nell'usare la tecnologia di tutto il più brutto pronto per verifica ma per cui il principe questo è un altro modo
Ora
Fa terra affrontare problema di tutti i giorni
Mia sto indicando addurre tristezza Mancuso in cui ci siamo abbiamo al telefono
Quando quarantanove
E questa è un'altra collega
Un giovane imprenditore atti ufficiali che ha voluto usare questa
Approccio per
Democratizzare lo streaming usando un cellulare
Per
Per riprendere come in una televisione come sapete spuri è stato molto usato durante la
La primavera araba
Nel bene o nel male è possibile aprile al modo quello che sta avvenendo
Però questo potrebbe anche essere utilizzato assolvere alle persone che pareri fanno le riprese
Sono
Sinistra molli
Che cosa possiamo dire si stipula molto poco un
Citazione da
Del mio amico
A questo supercar Bertelli gara neanche ha una grossa esperienza dell'università della ricerca Alemanno i
Poi il pizzo moltissimo perché ha riassunto la sua esperienza Bordon bene
Significare impegnare mobilitare collegare
è e stimolare viste Cotler
Facendo particolare attenzione alle risorse marginale con un collegamento dall'alto verso il basso delle strutture però con delle iniziative che vengono dal basso creare dei processi d'esame
Parte vivendo a convincerlo con incertezza navigando
All'interno delle leggi di design cercando visti spesi
Deve poter rara facilitare una formulazione del problema del livello collaborativo e spazi agonistici creando degli esperimenti su piccola scala
Per presso le varie domande dell'MSI improntare le capacità di agire avverte valere opportunità inaspettate alle Bellocchio generale ed esente che nella città
C'è un certo alle seguenti sfide
Dunque il CIACE dobbiamo pensare in termini di oggetti al Teatro Gemma che abbiamo qui c'era per fare in termini di cose con LSD card collettivo dobbiamo smettere di occuparci dei progetti specifici e ma dobbiamo pensare tra strutture accrescersi di più lunga durata negli ultimi e quando abbiamo parlato
Professioni Giulietti democrazia e di rappresentanza ma dovremmo concentrarci è solo sulla rappresentanza stessa ma dobbiamo essere più interessata
A a interessati all'articolazione dei nostri interessi e quando parliamo sotto il sole
Della
L'opposto del design giusto dovremmo
Prestiti non tanto può far nascere
I nati progettare terre che le cose vengono utilizzate marchio dovremmo rovina
Progettare all'interno del concetto di uso al PAI dobbiamo sono in passare non tanto alla progettazione politica ma per i politici emana una progettazione delle politiche grazie
Che in più per
La chiudo Anderle grazie Auditel vorrei sottolineare soltanto due cose del attua conversazioni sia di trasformazione del ruolo degli utenti
Cittadini e progettisti stanno diventando parte della soluzione queste idee di nuove
Cittadinanza sembra
Che prenda la forma di anche un progetto una città in cui il settore tipo di progetto a lungo termine che nella seconda cosa che vorrei sottolineare in queste cose
Stanno diventando nuove infrastrutture per la città come detto
E questo significa
Trovare spazio sufficiente per fare una
UILTuCS svolgere male ai cittadini in cui dove il ruolo nel città intelligenti in una direzione umane grazie ora vorrei lasciare pontino al professore
Chi va Senni Sandro Bartolucci
Che citava la sua prospettiva su questa idea di gli umanisti Vassilis cecità
Intelligenti umana in sostituto come sapete perché è un programma scritto chimica intimo Campeol
E non posso ringraziare tanto gli organizzatori perché in particolare grazie al Consiglio perché dopo aver insistito per molto tempo
Perché io venissi a fare un saluto all'inizio quando le ho detto che mi ero liberato mi ha detto bene allora sostituisce il Tenca Ampère Camporini
Quindi mi scuso
Mi prendo il rischio in pochi giorni ho provato a pensare che cosa appunto potevo dare come contributo a questa interessante conferenza
Io proverò a cambiare un po'scala rispetto agli interventi che ci sono stati affrontare questi
Cinque temi credete
Sulla slide
Sorvolerò abbastanza su questi dati che sono stati già comunicati questa mattina forse mi soffermo un attimo soltanto su questa che è una delle poche ricerche conosco attorno al fatto che la crescita della
Del del
Delle comunicazione a distanza va in parallelo con la crescita dei movimenti fisici della popolazione ed è questo che sta alla base del fatto che le città continuano a crescere anche se abbiamo la possibilità di muoverci
Attraverso appunto le l'informazione un altro aspetto che mi sembra interessante osservare che in questo processo di urbanizzazione del mondo le
Parti del mondo dando vanno in modo molto diverso sopra vedete
Il sud del mondo la popolazione rurale in chiaro la popolazione la popolazione urbana in chiaro la popolazione rurale con i triangolini scuri e sotto invece il da nord del mondo quindi
Mi sembra importante capire che le dimensioni del fenomeno dell'urbanizzazione sono dimensioni
Colossali
A metà del secolo avremo una popolazione urbana che è uguale a tutta la popolazione del pianeta del due mila e quattro
Ma in modo molto differenziato questa è una
Le percentuali della popolazione urbana nel mille novecentocinquanta secondo delle fonti del dell'ONU
Quindi vedete che del nord del mondo era al trentadue il quattordici per cento
Nel due mila
La
Popolazione urbana si sposta verso
Le parti diciamo del sud e dell'est del pianeta e nel due mila cinquanta la popolazione urbana delle nostre città in Europa e nel Nord America sarà una piccolissima percentuale della popolazione urbana del mondo
Questo secondo me è importante perché significa anche una grande responsabilità rispetto
Alle parti del mondo che hanno avuto la maggiore tradizione la più antica tradizione in termini di urbanizzazione
Debbono essere ingrato
Di come dire mostrare anche la capacità di vivere nelle città in un modo diverso
Ovviamente sono fenomeni molto diversi nelle diverse parti del mondo con quelli che portano all'urbanizzazione
Negli Stati Uniti un continuo processo di sprawl in Cina in India la ricerca di condizioni di emancipazione nel sud del mondo la fuga dalla povertà in Europa una situazione piuttosto
Mista e complessa
Se proviamo a guardare alla storia delle città e al perché le città sono state sempre in qualche modo capaci di
Di essere diciamo fornitrici del dell'innovazione c'è un libro che non è molto conosciuto Di Pietro che sono quasi mille pagine
Proprio intitolato nostri sensibile agli session quindi le città nella sua civilizzazione prova a capire quali sono state le ondate dell'innovazione e perché sono nate nelle città
Vi fa queste quattro fasi che non sono fasi storiche ma sono appunto processi l'innovazione la prima la chiama culturale intellettuale la seconda tecnologico produttiva Laterza culturale tecnologica e la quarta
L'innovazione urbana la chiamano cioè come se l'ultima fase dell'innovazione sia stata quella che è stata capace poi di assorbire le fasi precedenti di di costruire attorno alle fasi precedenti
Per la prima per la prima delle ondate di innovazione e unicità quelle città quindi capite grandi capitali
Che avevano un eccesso di ricchezza in una certa fase che attiravano gli artisti che erano
Capace appunto di diventare Magneti per i talenti molto molta dell'innovazione arrivava appunto dagli outsider ed erano appunto le grandi città capitali nella seconda fase sono citati secondo ordine
Quindi Menzio Storlato Detroit Palo Alto
Ancora con una capacità appunto di creare quello che in Italia di rendite dei distretti industriali no però applicati
Ha delle città in cui appunto c'era la possibilità di concentrare la capacità di innovazione tecnologica in queste che sono state le città della grande
Delle grandi rivoluzioni meccaniche e industriali
La terza interessante perché invece
Dice Peter o no è stato il matrimonio tra tra
L'arte e la industrializzazione ma fino a quegli anni fino a Los Angeles gli anni Venti Memphis
Tennessee negli anni Cinquanta uno poteva soltanto andare a vedere una performances teatrale o andare a sentire della musica da allora
Si è creata l'industria cinematografica l'industria e la musica e quindi
C'è stato ma che tipo di città sono queste non sono città ancora più lontane non sono ancora più esterne rispetto I driver dell'innovazione
E infine l'ultima fase ma quella che lei chiama Corbani Innovation che è un po'
Mette insieme questi questi diversi elementi la tecnologia l'organizzazione ma anche l'arte non è quindi la capacità di attraversare tutte queste
Queste diverse fasi io mi domando il libro del novantotto quindi a dire parecchi anni fa
Se pensiamo già quali sono no alle frontiere delle città che che producono innovazione
Vediamo che c'è stato come una sorta prima di come dire di allargamento della strada le città verso il fuori
Ed oggi sono grandi aree non sono più lecita capitali soltanto quindi quando anche noi parliamo di smart siti dobbiamo renderci conto del fatto
Che sono ancora lecita in quanto milioni dove appunto avvengono e possono avvenire molti
Molti elementi di contaminazione fare cross per più di riflessione decontaminazione e però sono diversi tipi di città
Quali città sono
Secondo me importante mettere in evidenza il fatto che le città sono profondamente cambiate
Che stiamo parlando di processi di urbanizzazione che sono stati variamente definiti come mega siti Regions urbanizzazione regionale piangere bene questa definizione abbastanza interessante
Ci torno ci tornerete guardando la slide a
Non più l'idea di metropoli no che è un centro ha una sua periferia ma un netto Orte di città che stecche vediamo in ogni parte del mondo noi vediamo
Ovviamente in modo abbastanza differenziato
Ma vediamo che si stanno creando grandi aggregazioni urbane che sono ben al di là e ben oltre della nostra concezione tradizionale di città e che sono oggi le vere città
In Europa non sono molte no ma anche si stanno affacciando fenomeni densificazione di agglomerazione di formazione
Di mega siti Regions in diverse parti del nostro continente che è stato come ho detto all'inizio
Il primo continente ad essere urbanizzato
Faccio vedere soltanto qualche immagine la mia città per capire all'amico scala come avvengono questi fenomeni questa Milano nel settantadue
Nel due mila e quattro
Nel due mila e sette capite che stiamo parlando di un di una città che non ha più niente a che vedere con la città stop tradizionale e dove la crescita queste sono la crescita del due mila e due mila e sette avviene soprattutto all'esterno dei significando appunto il tipo di relazioni
Quali sono state a mio giudizio
Dunque l'gli elementi che hanno contribuito a a questo processo di trasformazione
Il
Movimento innanzitutto alla popolazione si sposta molto più
Agilmente la vita delle famiglie è tenuta insieme dalla mobilità ma attraversa questa era una ricerca avevamo fatto sui profili di mobilità della popolazione dell'area nell'area milanese non c'è più no mobilità ricorrente ma c'è un allargamento dell'urbanizzazione legata a questo grandi processi di frammentazione
Dell'economia delle impresa e della della Società dell'Amministrazione
Che moltiplica i soggetti che prendono decisioni
Questa è la il modo in cui sì disarticolato un'impresa olandese sul territorio che prima aveva tutte queste funzioni al suo interno
E infine a compensare questa perdita di rilevanza della prossimità spaziale la creazione di nuovi tipi di network soprattutto di carattere digitale e di diversa natura
Questo è un fenomeno che appunto in qualche modo riconfigurare i tipi di relazione
Che abbiamo in questa presenta un'immagine va trovato su internet sui flussi di Facebook
E come vedete tra l'altro si assomiglia molto all'immagine della del dell'urbano
Il che ci fa capire che le relazioni di carattere digitale a distanza sono in qualche modo strettamente interconnessi con le relazioni di prossimità
Non stiamo assistendo alla perdita di significato della delle relazioni spaziali alla crescita di significato delle relazioni digitali ma i due fenomeni si stanno rimescola nido in un modo diverso ed interessante
Non riassumo qui prova andare alla conclusione per dire allora che che ruolo può vere la pianificazione spaziale urbanistica che si è sempre occupata appunto della
Del pianificare le città
La pianificazione delle città si trova di fronte diciamo a molti processi di cambiamento che ne mettono in crisi il suo statuto tradizionale non l'estensione
Della città attraverso i confini amministrativi quando tradizionalmente i piani sono stati fatti per città Province
Regioni
La perdita di primato assoluto delle relazioni spaziali come meccanismo di costruzione delle relazioni sociali le merci l'emergere di relazioni a distanza come nuove forme
Di relazioni interessanti e quindi la perdita di importanza del tracciare confini dello stabilire zonizzazioni come meccanismo di regolazione dei
Sviluppo della città ma anche
La frammentazione del paesaggio rubano quindi un numero crescente di attori che prendono decisioni abbiamo visto anche nelle presentazioni precedenti no che possono s'per inventare fare cose che cambiano la natura delle città sembra che agiscono anche indipendentemente ma che sono sempre più interdipendenti tra di loro
Allora
Ci sono altri fenomeni che che comportano un cambiamento rilevante è una crisi degli strumenti tradizionali la crisi che produce
Decrescita e crescente
Diseguaglianza come messo in evidenza da tutti gli studi che si occupano le trasformazioni alla città
La necessità di di altri far fronte al tema della della dell'invecchiamento della popolazione abbiamo sentito stamattina
Per la presentazione dei PM che era proprio concentrata su questi dati sono veramente impressionante cella
Mentre la popolazione per esempio in Lombardia cresce del due per cento negli ultimi quindici anni la popolazione sopra i sessantacinque anni cresce del centocinquanta per cento quindi vuol dire che si sta assistendo ad un al problema di di dimensioni
Grandissime delle quali ancora non ci rendiamo conto
La necessità di avere a che fare con il via con i temi del cambiamento climatico le sue implicazioni sul modello di sviluppo che chiedono effettivamente e si potrebbero citare molte altre cose allora
Un
Il Progetto del Polo e della pianificazione che è stato catturato per trent'anni che ha pensato appunto di riuscire a regolare lo sviluppo della della città e della
E quindi a a mo'di sì care la società attraverso la regolazione il management delle delle relazioni spaziali si trova in qualche modo disarmato ma nello stesso tempo proprio questa frammentazione questa grande
Processo di cambiamento che sta interessando il processo di urbanizzazione ci obbliga ci spinge a doveva avere delle visioni qualcuna l'ha detto no cioè la Smart City senza una visione e cioè la città che si occupa perché che riesce ad essere anche più efficiente ma che non sa dove andare non è una città intelligente e quindi abbiamo sempre più bisogno invece no di avere queste visioni di avere queste capacità
Non ci sono purtroppo più solide teorie della pianificazione quelle tradizionali che ho detto sono in crisi per i motivi che ho detto
Quindi quelli quello che sono anche possono essere i driver non sono più teorie ma sono piuttosto i problemi che la città deve affrontare e questi problemi devono diventare in i driver per un nuovo modo di pensare alla pianificazione
Un
Plan nel famoso navicella la pianificazione l'organizzazione della speranza che mi sembra appunto un buon modo per attraversare i confini di molte discipline e noi oggi abbiamo bisogno di scoprire nuovi strumenti che siano capaci di attaccare i nuovi problemi e quindi di restituire appunto
L'organizzazione e la speranza
Se questo è la prospettiva che dobbiamo assumere l'attività di pianificazione deve essere più esplorativa più ad attiva
Più partecipativa più capace di mettere in condizioni di affrontare problemi di più di tipo diverso connettendo una visione generale alle innovazioni specifiche
E questo è secondo me non soltanto l'apertura nei confronti della partecipazione
Ma ho provato a dire qui no la capacità di sviluppo di sviluppare un'Inter linguaggio un linguaggio che ci consenta di
Mettere in relazione Sperti e laici
Le persone di lavorare sull'ardore sul software della città che sono
Dimensioni diverse come abbiamo visto non c'è più solo l'hardware ma il software sta diventando sempre più importante
Le relazioni spaziali e le relazioni non spaziali
Cui dove entrano in campo le tecnologie nonna appunto la la soluzione tecnologica dei problemi ma la crescente capacità di usare i nuovi media per alla gare questo processo di scambio e di partecipazione alla costruzione di piani tutta la
Attività di pianificazione strategica e molto caratterizzata da questo no
Crescono esperienze di pianificazione strategica informali perché devono riuscire a dare un indirizzo a processi che sono articolati frammentati complessi
Nello stesso tempo le modalità tradizionali di comunicazione con il pubblico erano modalità molto limitate le nuove tecnologie permettono di costruire partecipazione al processo costruzione dell'informazione attorno al processo i cambiamenti della città e anche molta più larga condivisione di questo tipo di strumenti
E quindi questo lavorare attorno ai nuovi beni comuni che possono essere ricostruiti attraverso sia relazioni spaziali che relazionano spaziali
Chiudo con questa notissima frase Albert Einstein c'è un profumo un processo di cambiamento che è molto profondo abbiamo bisogno di i affrontare i nuovi problemi nel campo della pianificazione c'è
Una forte attenzione legata al fatto che gli strumenti tradizionali che pure non sono da abbandonare nel senso che lo spazio continua ad essere ciò che ci tiene insieme e anche le relazioni a distanza più sviluppate più
Esasperate pari precipitano sempre e nello
Se per costruire relazioni però abbiamo bisogno appunto di costruire strumenti prospettive nuove di ricostruire la speranza perché questa è una delle dimensioni fondamentali del vivere nelle Smart City grazie
Grazie al professor Balducci per radio motivi perché apportato lui in questa sarà oggi dalla nostra idea che
Non si può comunque diciamo
Prescindere dal viso di avere delle visioni e quanto più i processi si fanno complessi è il numero degli attori aumenta
E città diventano dei luoghi complessi tanto più c'è bisogno di visioni che dia una direzione ai processi
Frammentati piccoli dal basso alle soluzioni che vengono
Dalla
Allargamento appunto alla presenti se ne
Ad un numero sempre più ampio di attori però io vorrei anche ringraziarlo per avere
Avuto tanta pazienza con me grazie Concilio che è la mia collega il Politecnico di Milano con cui
Abbiamo ICI amo condiviso la lascio alla alla quell'avventura di organizzare questa conferenza perché
Perché è stato molto piazzetta paziente ad aver accettato questo
Invito all'ultimo momento e per essere stato con noi oggi con tutti gli impegni che
Che
A sicuramente grazie mille
E adesso credo che anzi sicuramente passiamo alla round table acché l'ultimo Benevento della della giornata
è coordinato da AGEA si marcia di ARPA micro però un tempo la siti Visions quindi io inviterei a passarci il testimone grazie
Noi
Abbiamo quasi l'ora chiedevamo prefissati
Che
No in un progetto periferia abbiamo avuto a differenza di molte dei progetti
Mai detti un particolare empatia per i politici sindaci e i secondo me hanno bisogno di alla nostra simpatia perché non è
Un periodo molto facile per fare in quanto rischierebbe al politico non occorre
Il denso di problemi che che che
Si hanno sono persino
Troppo
Ben noti
La mancanza di risorse per
è ben noto e allo stesso tempo qualcuno deve prendere in mano la città e qui danno a cercare il più possibile di
Di fare qualche cosa di vagamente Smart
Se ciò è possibile
E quindi il
Il il politico si trova da un lato a dover costruire una visione di mettere insieme questi dalle parole abbiamo sentito belli idee che intravedo dove si intravvede che ci sono
Nuove soluzioni un nuovo mondo alternativo forse possibile manto difficile da tradurre in azioni concrete che si possono fare da qui a domani
E quindi
Vorrei fare un un primo giro con rappresentanti di quattro Comuni italiani per chiedere
E in tante che cosa se se voi siete qua perché qualche cose state facendo che invita nette al Serenissimo alto o rientrare in una strategia Smile siti
Ma ma soprattutto e che
Da da quale visione dalla città nasce dal quale visione di come facciamo ad uscire da dal crisi in cui
Ci ci troviamo
E e queste visione quanto voi esplicita quanto l'avete posto per guidare questa azione o o quante che emerge in cui fino a che punto è una cosa che
L'azione in via aiuta a costruire questa dizione e e infine la cosa più importante di chi è questa visione e e vostro e dei tecnici e dei consulenti e dei cittadini
Sì o sono di visioni diverse possibile veri di visioni diverse o voi le visioni convergono
Una bella sfida la cerchiamo di fare il giro con più o meno cinque minuti a testa e poi volevo sentire la voce
Grazie buongiorno delle dagli altri relatori che non sono specifici elettrici cita ma lavorate con le città e non certo Moro quindi con una visione diciamo comparativo magari con qualche altro esperienza
Pendente Caterina San fattibile passo la parola per primo
Si può non buongiorno a tutti io vi porto i saluti innanzitutto dell'Assessore Tajani e del Sindaco Giano Pisapia io con per spiegare il motivo per cui sono qui collaboro con con il Sindaco e con l'assessore
Ha il alla al Progetto Milano smaltiti
Che appunto è coordinato da un da un assessore che ha le deleghe
All'innovazione all'università alla ricerca lavoro con una collaborazione del Sindaco per cui come dire anche all'interno della città una governance politica trasversale multilivello
E volevo partire da due cose velocemente poi spero di poter ritornare
Su queste cose
Innanzitutto partendo da gli spunti che sono emersi stamattina legati a una parola chiave che quella dell'ascolto della partecipazione del coinvolgimento dei dei cittadini ed è su tutti su questo punto
Centrale e che è nato il processo più che il progetto di Milano Smart City
Parole che vogliono dire
Dal nostro punto di vista cose molto diverse su questo è la sfida poi della costruzione di una città intelligenti inclusiva
Quindi una città Smart manchi fiumana perché cosa una cosa e l'ascolto la capacità appunto come si diceva prima di
Ascoltare i bisogni dei cittadini una cosa è il coinvolgimento nelle decisioni quindi nella nella codecisione e nella Coppa nella nella nella co-partecipazione pro già i processi una cosa è la progettazione partecipata il decidere di sviluppare servizi e attività da parte l'amministrazione insieme
A lei comuni tale communities del territorio sono cose che vanno insieme che sicuramente sono complementari ma che sono diverse e indirizzare questi processi
Credo sia una delle maggiori sfide della città intelligente in Italia
Perché appunto si diceva prima che
I non sono non ci sono più designers ci sono i cittadini ma io credo che una differenza tra un coinvolgimento delle community ESA è un coinvolgimento degli e Sperti
In alcune materie esiste ancora e per cui il bisogno che noi abbiamo identificato nel nel nella costruzione della della mi hanno Smart City è proprio quello di mettere il servizio al servizio
Delle dei processi di partecipazione la città intelligente per cui di mettere al servizio dati latte della tecnologia metterla servizio di questi processi per proprio perché la partecipazione non può essere un
Come dire un un proliferare di tavoli gruppi di lavoro riunioni incontri con i diversi stakeholders come vengono chiamati al territorio ma deve avere
Delle regole delle modalità
Dei delle tempistiche dei ritorni che appunto creino processi come viene veniva detto prima sistemi intelligenti e questo è sicuramente il primo bisogno che è emerso nella nostra progettualità che parte
E su questo sarò brevissima ma solo per darvi come dire il l'orizzonte parte da quello che abbiamo chiamato un public il ring quindi un un ascolto è un'audizione pubblica
Che abbiamo fatto a Milano un un paio di mesi fa un mese e mezzo fa circa
Perché la decisione è stata quella di
Coinvolgere in una in una città complessa come quella di Milano con una con uno dodici undici università un sistema di di piccole e medie imprese molto eterogeneo un un terzo settore particolarmente attivo e particolarmente folto abbiamo cito di coinvolgere i mondi della città di Milano per cui appunto le associazioni soci della società civile
Alle università le imprese
La finanza il mondo della finanza perché appunto come si diceva prima la capacità di poter finanziare questi progetti su Marte è sicuramente una delle criticità maggiori per una città in questo momento
E la dimensione territoriale i Comuni come dire della Città metropolitana e abbiamo ha chiamato a raccolta appunto questi mondi per dire una cosa molto semplice per comunicare quali erano lo stato dell'arte
Di Milano in questo momento quali erano le progettualità e le le azioni che stavamo facendo ma soprattutto di metterle a confronto
Con questi mondi per creare insieme una strategia che non fosse dell'Amministrazione esattamente quello che c'è una Farioli prima
Ma della città e su questo abbiamo cominciato perché per dire dal e dall'inclusione delle communities e della del della progettazione insieme delle commenti Ski dobbiamo costruire
Questa strategia questa visione
Dentro questo
Grazie sì mi mi sembra molto vicino a quello che per l'ENEL stava dicendo per articolazione del visioni di di di aveva alla partecipazione e il dalla costruzione di un
Visione condivise
Michelangelo Marchese lo comuni di Trento nel un contesto molto diverso da quello di Milano
Una città decisamente più piccola centoquindici mila abitanti forse per alcuni versi una città più facile da da gestire anche in questa
IVA una città che in
Che come dire è avvantaggiata anche dal fatto di aver potuto
Negli anni più recenti godere anche di buone risorse e quindi di investire adeguatamente sia in termini di infrastrutturazione che disservizi
Ugualmente
Si è iniziato a lavorare in logica Bismarck siti su vari versanti
Quello dell'Energia quello della mobilità
Sul sociale sulla cultura sul turismo e la consapevolezza che
Possono esserci
Molte
Opportunità che consentono di continuare a garantire qualità complessiva la città sia i servizi che che offre
Se si scelgono strategie idonea per i tempi che valorizzano le nuove tecnologie e che tutto sommato consentono di cooperare anche
Con risorse più esigue di quelle che avevamo a disposizione
Passato
E questa visione per rispondere la domanda che veniva posta è una fiction credo si stia costruendo esplicitando
Come è stata definita ex ante ma si realizza
Lungo la strada
Con i soggetti che condividono questa strada quindi in una logica partecipativa come veniva richiamato e questo fa sì che questa visione diventi anche una diciamo che non è soltanto del Sindaco degli amministratori Marche come dire
E
Costruite sentita innanzitutto anche dei vari soggetti che condividiamo questo tipo di percorso
Siano essi più strutturati penso all'università e centri di ricerca ma anche poi i cittadini le loro forme organizzate stazioni di categorie a eccetera eccetera
Metodo partecipativo per noi risultato abbastanza come dire
Logico come forma per
Sviluppare questo tipo di progettualità e perché c'è già un ricca esperienza di pianificazione
Quella strategica quella tra mobilità sociale culturale che hanno puntato su questo tipo di
Di percorsi
Che sono andati a cercare il coinvolgimento dei
Dei cittadini
In questo modo è possibile rendere più consapevole cittadino anche della situazione che l'Amministrazione vite quindi poter fare scelte che siano sostenibili e comprensibili per
Per il
Cittadino quindi andando a selezionare ciò che
Veramente più
Importante ciò che è prioritario per
La città intesa come le persone che
Ci abitano e chi la vivono in in vario modo
Dall'altro
Aiuta anche molto ad avvicinare istituzioni cittadini infine dialogare e insomma finti credo che in questo momento ce ne sia particolare bisogno pensiamo soltanto agli esiti dell'ultimo appuntamento elettorale che ci dimostrano che distanza siderale ci sia fra istituzioni e città
Grazie grazie molte
Alessandro lei non ce lo comunichi in legge l'unico cita meridionale qua c'è
Qualche impose dimensioni dinamiche
Sicuramente un ente di partecipazione
Sicuramente
è un'alta totalmente differente
Quello
In base alle domande che lei ha fatto all'inizio quello
Che mi fa piacere oggi condividere con voi e con la platea
E quello di un approccio
Metodologico che vedo che è condiviso anche dal Comune di Bologna del Comune di Milano cioè quello di
I dare la responsabilità un giovane
Di immaginare la città del futuro credo che è un approccio metodologico nuovo è una scommessa importante
E forse nessuno meglio di una giovane generazione di amministratori può immaginarla
Lei ha chiesto come
Si organizza chi immagina una città chi la pianificazione ne abbiamo costruito un gruppo di lavoro
Abbiamo costruito un gruppo di lavoro che è composto da un ufficio Smart City all'interno del Comune di Lecce
Che
Non badate fondamentale perché
Cerca di eliminare
Quella che io chiamo logica dell'orticello ma che in molte pubbliche amministrazioni abbiamo cioè quella di
Considerare gli assessorati a compartimenti stagni
La Smart City ha una visione di insieme e quindi è necessario costruire un ufficio
Che abbia questa visione
Dall'altra abbiamo cercato di
Creare un primo gruppo di lavoro con
Un partenariato
Che composto prettamente da centri di ricerca il territorio e da distretti tecnologici
Questa come prima fase perché in questa prima fase abbiamo cercato di analizzare quello che è stato fatto in questi anni
E in questi anni
Ritengo siano state fatte tante cose buone ma altrettante sbagliata
E vorrei partire dal da dichiarazione che ha fatto la responsabile di IBM Farioli no chi parlava di uso compatta uso consapevole delle tecnologie
Ritengo che
In questi anni è stato fatto non molto non un uso molto consapevole del coniuge ma che ha detto oggi e ci hanno invaso ci hanno cambiato la vita e forze
Non ce l'hanno migliorata perché a tecnologia deve migliorare la qualità della vita cittadino non accelerato deve creare uno sviluppo di un'economia della conoscenza forse non è stato propriamente fatto
Abbiamo avuto in questi anni quando prima si parlava di governo mente
Di un'invasione tecnologica e i progetti realizzati molto spesso soprattutto per le regioni meridionali che hanno avuto molti fondi per la tecnologia sono stati riposti nei cassetti una volta terminati ha rendicontato
Ritengo che terminata la fase della pianificazione sia necessario
E già ci siamo mossi da questo punto di vista avviare un partenariato pubblico-privato un partenariato pubblico-privato che
Porti le aziende
A
Gestire poi realmente i servizi e non soltanto a realizzare
Noi stiamo cercando di fare un passo in più quello di garantire la sostenibilità del tempo non solo chiedendo ad aziende di gestirlo ma creando
Un partenariato pubblico-privato aggiungendo da qui
Partecipava tra pubbliche people questo è l'approccio metodologico nuovo che stiamo cercando di sviluppare e chiedo crediamo attraverso le villa
Abbiamo sfruttato un progetto europeo finanziato al distretto dell'hi-tech gli ha messo a disposizione la nostra città
Un progetto sia Puglia service in cui
Non solo realizziamo un'autobotte
Che prettamente tecnologico di servizi ai cittadini ma formiamo delle professionalità che oggi sono carenti nei Comuni
Perché ha i Comuni si chiede di gestire la Smart sedi e prendetela come una critica costruttiva però dall'altra si tagliano le risorse
E i Comuni forse non hanno ancora la struttura organizzativa per poter gestire lo sviluppo reale di una smaltiti e quindi
Di trasferire gran parte lo sviluppo economico alle nostre città
Quello che è importante creare una pianificazione continua attraverso questo Levine Lazio che prevederà la partecipazione dei cittadini
I cittadini che dobbiamo metta a metterlo
Non sono stato non sono stati molto partecipi nonostante si sia parlato attraverso le aree vaste della partecipata della pianificazione partecipata un sono state molto partecipe al processo decisionale e forse
Nelle nostre analisi abbiamo
Pensato che
Il motivo per cui
Soprattutto alle regioni del Mezzogiorno in questi anni hanno restituito tantissimi soldi indietro
E dovuto al fatto che forse c'era una penuria di idee e ritengo che in questi anni
Questo vale per la mia città ma vale per il mio territorio ma credo vada a livello italiano non c'è stato sicuramente un problema di risorse
Innovative risorse per lo sviluppo della città ma c'è stato un problema di idee noi stiamo cercando di apportare quella Cerchiara e chiederemo ai cittadini di aiutarci a sviluppare nuovi progetti grazie
Grazie a lei ma il otto ricche rivela del
Per la propria azione dal responsabilizzazione soprattutto l'apprendimento nel
Matteo lei Presidente Comune di Bologna la la voi state facendo molte cose con una forte dimensione partecipata
Buongiorno innanzitutto grazie per l'invito
Vorrei
Provare a
Dare alcuni spunti rispetto alle cose che ho sentito insomma sia dai miei colleghi sia rispetto al dibattito di questa mattina venendo velocemente come stiamo facendo
Una frase siccome è importante che è stato detto dal professor Balducci che non so se ancora in sala ettari ricostruire la speranza lui l'ha recuperato da uno studio in onda
Rispetta le città credo che certamente alla politica oggi venga chiesto venne chiesto innanzitutto questa cosa se posso dire rispetto al titolo di oggi
Sono stati centotre parole Human
Smart Cities
Io credo che avremo raggiunto il nostro obiettivo non tanto con dovremmo aggiunto altre parole ma quando saremo arrivati soltanto
è una parola che siti nel senso che
O noi riusciamo a far sì che le cose di cui parliamo oggi nei nostri incontri nostri convegni siano realmente le politiche urbane del nostro Paese
E dico di più le politiche di sviluppo dell'Italia
O non avremmo raggiunto nostro obiettivo perché certamente noi dobbiamo mettere al centro le persone se la politica non mette al centro le persone non sta facendo il suo mestiere
E questo noi non possiamo non immaginarlo
Oggi ci troviamo di fronte ad una strana situazione per cui le persone che vivono nelle città si dice la maggior parte dei cittadini del mondo ormai vivono nelle città
In Italia i cittadini hanno sempre vissuto nelle città lasciatemi dire questa cosa un po'banale
L'ottanta per cento dei cittadini vive in Comuni piccoli e medi
Oggi si discute di città metropolitane ma l'Italia è un Paese che si fonda su una densità abitativa molto forte
L'Italia dei comuni non soltanto come dimensione storica ma anche come dimensione organizzativa del territorio dell'economia
Quindi quando si parla di pianificazione è chiaro che si va subito al nocciolo
Di come ci si si immagina la città del futuro la si immagina sostenibile e si pensa anche come cittadini la useranno io credo che sia arrivato il momento di partire dalle città anche nell'immaginare
Le infrastrutture e quale idea industriale vogliamo avere del nostro Paese
Spesso ci diciamo all'Italia ma anche un piano industriale e subito si parla dell'Ilva di Taranto si parla di grande impresa si parla di Finmeccanica di grandi
No impresa e che siano
Di proprietà pubblica o di probità di grandi famiglie non si parla mai dell'industria nei territori e di come l'Italia abbia bisogno davvero di un piano
Delle città di un piano della dimensione urbana che punti a capire come
Si possa agganciare
Un'idea di sviluppo che sia sostenibile ma che lo stesso tempo anche ricca le permette al nostro Paese per ritornare a crescere e soprattutto di redistribuire ricchezza
Le città non sono presenti in questo ragionamento lo sono le Regioni perché si parla di fondi strutturali
Parlando di cose concrete le città non sono da questo punto di vista non solo meno non lo sono state fino ad ora davvero degli interlocutori di questo dibattito nazionale
Se ne vogliamo che le città possono
Davvero essere intelligenti
E umane umanistiche come noi preferiamo dire dobbiamo mette all'interno di questo ragionamento e quindi noi stiamo lavorando su alcuni punti strategici fondamentali
E qui Bologna in particolare sta riflettendo su due aspetti fondamentale da un lato l'emergere del nuove povertà in un contesto urbano socialmente attento come collo emiliano-romagnolo bolognese
Moltissime nuove povertà soprattutto nella classe media tra i più giovani ma anche tra le
Le le famiglie le persone di una certa età una città umana e intelligente può non mettere a disposizione di queste persone nuove politiche tecnologie
Dall'altro indichi grande bisogno di condivisione e di Muti di nuovo mutualità che al mondo del lavoro per le nuove generazioni ma non solo
Io ho un'esperienza precedente alla politica
Che attiene al mondo cooperativo
La cosa che mi interessa di più di quella parole
Il suffisso iniziale ecco
Oggi si parla tanto dico cuore King si parla tanto di condivisione di sharing
Al di là delle delle etichette noi oggi ci troviamo di fronte al mercato del lavoro dove soprattutto le nuove generazioni capiscono
Di non avere
Semplicemente buone pratiche da un replicare rispetto al passato hanno dei diritti da conquistare hanno delle soluzioni da trovare
Il modo migliore che le nuove generazioni hanno in questo senso il più intelligente quello di condividere di trovare soluzioni insieme le città possono essere un asset
Una struttura che abilita queste persone per costruire dei percorsi imprenditoriale lavorativi per dare risposte propri bisogni io credo di sì
Noi stiamo partendo da questi bisogni e su questo stiamo lavorando cercando di costruire un per dei percorsi partecipazioni di collaborazione
Sia coi cittadini sia al Colle impresa se non riusciamo a gradire questi bisogni io credo abbiamo fatto una buona partenza
Grazie unanime una visione veramente strategica di ampio respiro forse forse sì ma significa solo pensare in futuro maniera come dire senza averne paura
Grazie di questa carrellata ora allora volevo chiedere a agli altri quattro ospiti è un commento Brehme a quello che abbiamo sentito perché voi rappresentate delle diciamo in prospettiva punti di vista
Nota specifica prima Francesco Mazzoni dall'ANCI la la mobilità
E sembra sempre essere al centro delle politiche smacco nessuno ne ha parlato le alla quale il rapporto tra questi due enti aspetti e la vite
Sì grazie
è proprio quello che mi aspettavo di
Di presentare visto anche agli argomenti di cui mi occupo in ANCI essendo responsabile progetti di infomobilità
Diciamo subito evidente sarei stato curioso di di capire dalla dei processi di consultazione che abbiamo ascoltato da parte di alcuni comuni dei cittadini in quanto ah ma sono certo tantissimo le questioni relative alla mobilità siano entrate
Nel nel nelle aspettative nelle richieste nelle esigenze dei cittadini
Ci va bene ottima molto centrale
è sicuramente la nostra visione di di Disma siti
Incute pesantemente Madame la la la visione della Smart mobility siamo certi come siamo che evidentemente la non può esistere una una città su Marte
In una in una città in cui ci siamo a mobilità non molto intelligente
Per la verità direi che la mobilità credo sia nello stesso tempo causa ed effetto della vivibilità delle città
E del modo con cui sono state dice progettate primaria utilizzate dopo nelle città
Perché molto spesso la mobilità perché oggettivamente non può essere Smart in situazioni in cui
La città è molto e molto invadente viene realizzata in una certa maniera l'uso del territorio piuttosto piuttosto
Diciamo non non razionale quindi anche difficile
Poter metterci tanto per fare porre una una soluzione efficiente questo problema in ogni caso sono si tratta di due questioni strettamente strettamente collegate
Nella viviamo dal punto di vista dell'informazione poiché siamo convinti dell'informazione possa aiutare
A superare un po'il gap delle nostre città hanno
In termini non soltanto di infrastrutture ma anche di servizi di trasporto
Da una ricerca che abbiamo condotto recentemente emerge
Una una un vero e proprio spread della mobilità come amo dire
Ad esempio in termini di chilometri di metropolitana delle nostre città che
Quasi con un tasso quasi un pari a un terzo della media delle
E dei chilometri metropolitane delle a delle altre città europee
Si può porre soluzione con una facendo una miglior utilizzo delle informazioni sulla mobilità e quello che ne stiamo facendo cercando di
Integrare informazioni provenienti da
Da tutte le fonti di di tenervi di trasporto Multiservizi trasporto quindi non solo di abilità
E poi consentendo ai cittadini di di partecipare al processo ecco si è parlato di condivisione e di partecipazione dei cittadini ai processi decisionali non cerchiamo di farli di coinvolgere anche impegni processi di informazione sull'uso
Di strade servizi di trasporto poi se mi consente a chiudere c'è una questione di di cultura
Che riguarda appunto i cittadini a chi chi si muove bisogna essere tutti consapevoli di essere e non solo come si dice
Produttori non solo consumatori mobilità ma anche produttori di mobilità non si parla di questa
Prefigura del del cittadino pro Suma qualcuno dice un po'produttore un po'consumatore e questo vale anche
Quando ci mettiamo su strada quando quindi dobbiamo essere tutti consapevoli che
Essendo che aiuta i cittadini a esserlo sempre di più
Che nel momento in cui decidiamo una certa Scelta nei nostri spostamenti siamo anche producendo stiamo producendo non necessariamente effetti positivi ma ma a volte anche esternalità legati anche alla scelta che noi facciamo quindi se utilizziamo mezzo più o meno pulito e sostenibile più o meno sicuro eccetera
Grazie grazie allacci per il l'impegno non siate queste cose
Sia in molto una questione di comportamenti individuale e anche di cultura
Di costruzione di cultura si posso saltare ancora varò direttamente Roberto bancari
Arrivo attenderò ultimo avvenne del Lazio
Perché l'energia è un altro tematiche diciamo trasversale settoriale che dipende che dipende pure molto da comportamenti di individuale la costruzione di una cultura qua
Grazie allora noi conosciuto a conclusione di questi riscosso sentivamo
Direi
In modo complementare a tutte le decisioni che devono essere prese da cittadini impresa amministrazione e quant'altro il motivo perché
Dove siamo responsabili delle deleghe del Governo del del settore dell'energia nel senso proprio fisico del del termine
E Ettore ma io lo di condurre gli ha un punto
Quando sono una Smart City quando c'è una smart Grid qualsiasi
Comportamento innovativo che caratterizza tutti questi fenomeni non non può prescindere dal fatto
Che noi in gergo tecnico che abbiamo esternalità che il comportamento di ciascuno quando decide di
Consumato di produrre energia
Influenza in modo molto sensibile il comportamento di tutti gli altri operatori
Siccome verosimilmente ci sarà comunque bisogno di avere reti di distribuzione locale di energia elettrica di gas e quant'altro
Il problema che noi ci poniamo e proprio quel senso il sistema deve mantenere un buon coordinamento altrimenti l'adozione
Di queste tecnologie qualsiasi esse siano
Rischiano di creare costi
Rischiano anche di mandare le reti imprecava costa
Le leggi devono essere mantenute sempre con un ciottolato di tensione dei flussi in entrata e in uscita devono essere sempre coordinati Paolo dell'energia elettrica soprattutto istantaneamente
Quindi noi cosa dobbiamo fare
Vero cerco di spiegare un po'più in pochi secondi
Fare in modo che
Ciascuno di voi come cittadino ciascuno di voi come impresa ciascun amministratore sia in condizione di scegliere
Il meglio quello che preferisce quale tecnologia da adottare ma allo stesso tempo il sistema continua a funzionare garantendo energia elettrica e gas a tutti quelli che in quel momento ne hanno bisogno
E noi per fare questo appunto facciamo regolazione e quindi cosa cerchiamo di fare cerchiamo
Di innanzitutto di
Varare progetti pilota di avere informazioni per cercare che di capire dove va il mondo dove i cittadini le imprese vogliono andare e come fare
Buona regolazione
Stiamo facendo punto
Stiamo gestendo molti progetti pilota auto elettrica smart Grid raccolte le informazioni cerchiamo di fare in modo che queste diventino Standard
Stando al contrattuali informazioni sulle buone pratiche da utilizzare anche incentivi per far sì che poi il sistema via via
Possa cambiare non è facile perché noi abbiamo
Ereditato un sistema ho finito
Che è stato progettato in tutti i Paesi al mondo in modo completamente diverso e quindi dobbiamo cercare di capire
In che modo introdurre nuove tecnologie senza generare troppi costi su tutti i cittadini perché qualsiasi sbaglio qualsiasi esternalità negativa poi alla fine si riconduce in una bolletta più cara che poi tutti noi siamo costretti a pagare
Grazie sì c'è internet monde che riceva
C'è un soggetto che
Fino al proprio lei chi è in un sistema
Facchetti sistemi così non si può
All'azienda Catania alla abbiamo sentito quattro esempi sono i più bravi
C'è un processo di apprendimento di contaminazioni tra cita che voi vedete o commi dice Matteo Lepore c'è una visione del ruolo sulla città che l'ANCI sta c'è vedendo emergere che che che
Berbero come dire può può essere un una una visione comune
Buongiorno ringrazio dell'invito come sindaco di Pavia ma soprattutto come Presidente dell'Associazione nazionale dei comuni italiani
In qualche modo porta appunto la prospettiva di insieme di otto mila comuni perché tanti sono in Italia realtà
Che lavorano sui territori e Checco attraverso il tema Smart zitti stanno vivendo una stagione di protagonismo importante prima abbiamo seguito alcuni esempi certamente sono tra i più significativi tra i più importanti
Sono anche città medio-grande che in qualche modo stanno fungendo da traino per tutte le altre sia per una capacità di organizzazione
Sia per una capacità anche in qualche modo di fare massa critica per poter avviare delle progettualità importanti
Però una tema che voglio molto sottolineare che
Finalmente c'è un approccio diverso rispetto a quello che abbiamo visto per tante per tante politiche in cui il centro dava indicazioni e poi si calava dall'alto verso il basso un'idea di sviluppo del Paese
Ora tutto ciò è un po'
Ribaltato nel senso che finalmente questo noi come ANCI come comuni italiani sosteniamo sia la strada da percorrere
Sono i territori che si organizzano che trovano loro punto di ottimo che focalizzano allora tema Smart City su un tema che ritengono significativo pregnante nella loro realtà
E lo portano avanti in maniera spesso positiva e virtuosa
Poi è ovvio che
Nel mondo dei Comuni del territorio e ci sono esperienze che sono più avanzata altri che sono in via di organizzazione
Altre che sono un po'più indietro però in qualche modo creare anche una competizione positiva tra territori
è una strada assolutamente positiva
Smart City quindi oggi i comuni la vivono come una grande occasione un'occasione per ciascuno puntuale di sviluppare un tema un altro ma anche la viviamo come una grande occasione di insieme
Uno per far vedere quanti Comuni italiani sono in grado di essere motore dello sviluppo del Paese questo ci teniamo molto
Perché
Da un po'di tempo che Italia e che il Governo ci rifila si facevano sentire un po'l'ultimo anello della catena e non il primo
Per organizzarci e portare in alto risorse ed energie positive e invece così Mazzi che avviene cito anche un altro progetto che è un po'analoghe parallela che vuole del Piano città
Perché se è stato un'occasione di riqualifica urbano in cui all'interno comunque abbiamo innestato anche elementi legati a Asmar siti in cui nel giro di un mese me Zone città italiane i Comuni hanno dimostrato di mettere in campo oltre quattrocentocinquanta progettualità di insieme con una visione strategica
E anche con progettualità immediatamente cantierabile non progetti in linea di intente generiche ma progettualità esecutive
E questo questo Progetto appunto piano città il tema Smart zitti appunto hanno un filo conduttore che quello che dà il territorio e come abbiamo avuto anche testimonianza
Nel negli esempi si può ripartire
Un elemento ovviamente non
Ci sono anche delle difficoltà oggettive io dico spesso che persisterà essere delle Smart City bisogna anzitutto essere degli smart meglio cioè dei sindaci Smart
Che cosa vuol dire poi
La mentalità cioè la mentalità come sempre il primo elemento
O di opportunità o di difficoltà secondo che uno riesce ad imporre un certo tipo di approccio nella modalità culturale proprio di lavoro e poi di affrontare e singole le singole vicende questioni proprio cioè noi immaginiamo
Quanto la tecnologia oggi sia entrata abbia terminato la vita di ciascuno quanto un tablet uno smartphone in fondo sia utilizzato oggi da tantissimi e quanto valore aggiunto abbia dato anche la possibilità di aumentar la propria qualità del tempo della vita la sfida
E esportarlo a livello di di di comunità intera ovviamente una strada non semplice
Ovviamente ribadisco ci torno perché ci credo il primo elemento è quello culturale come sempre
Però i comuni italiani attraverso delle esperienze pilota attraverso un'organizzazione complessiva che stiamo mettendo in campo stanno dimostrando di essere degli ottimi cantieri per poter mettere in piedi tutto questo di questo siamo particolarmente orgogliosi e ci stiamo anche mettendo in gioco e proseguiremo farlo
Grazie quando
Sole neppure il tema interessante dei nuovi strumenti che si possono
Usare per o parare per gestire queste
Trasformazione anche a prendere il principio che a mente che e così arriviamo fino manterrà il Toro con i cambi
Anche una scrive questione né investimenti FIOM canta Bossone spettanze resta anche un mini
Spesso chiederò in inglese sono certo che l'ente attenerci tranne vediamo che le città i Comuni stanno assolta affrontando sfide diverse rispetto ad altri sistemi in Europa come
Vedi cosa avete in comune
Tra le cose che tutte cercando di fare che cosa vedi sul quale nei terreni non migliore per uno scambio potenziale l'esperienza come si può costruire un senso globale
Una visione globale e di quale può essere una Smart City
Possiamo azzurri presente a questa domanda pensa veramente
Che
La situazione forse un pochino diversa percutanea la chiave qui e Kennan una che stiamo condividendo soluzioni ma metodologie per di trovare delle soluzioni queste metodologia
Il Comune sono applicabili
Dappertutto
Pur pur e questo è il nostro obiettivo è quello di cercare delle battaglie
Delle metodologie riproducibili
Non si tratta solo cifre è uno dei discorsi abbiamo parlato oggi di nuovi modi per poter progettare
Le cose
Per progettare nuovi sistemi
Parecchi ministri
Lo
I problemi potrebbero essere diverse però potremmo condividere le metodologie per risolverli
Un sugli vorrei anche sottolineare che
Abbiamo parlato della nuovo modo per
Affrontare i problemi della società civile
Ne stiamo cercando di pensare a nuove sistemi ritengo che
Come
Ci sono alcuni strumenti
Purché possono far partire tante nuove innovazioni senza pagare troppo presente i dati
Sul i dati tanti dati che possono essere messe a disposizione
Dei nostri cittadini per aiutare noi e loro
Andare avanti
Sono su superiore pur i dati sono una partita molto importante di questo processo le
Iniziative che tendono
A creare tutte queste grandi fonte dei dati personali molto utili figurare
L'undici non intendevo cominciare a pensare non tanto in termini di applicazioni killer ma di basi dati i killer
Più finanziamenti perché i tecnici senza che perché ad esempio prolasso
Alchimie ingenti fare otto ma è finita alle però semiseria che praticamente è un recente altresì i sindaci
Qua
E così abbiamo tempo per un ultimo giro delle città per commentare la la i commenti di qui alla mia sinistra ma anche per commentare le vostre strategie
Tra di voi mi sembra che il tema
Emergente quello del passaggio dalle idee di soluzione alle idee di pregio concesso e che la la costruzione del visione fa parte dei Pop eccesso quelli del processo sta insomma
A voi la ora
Non fu giro dello
Una una parola che mi veniva in mente ascoltando
I relatori anche specialmente perché si parlato gli ambiti ambiente e di mobilità e la prova dell'Europa che in realtà è emersa poco durante questa mattinata e vedendo le deleghe degli assessori qui presenti pensando anche
Chissà che combinano Smart City pratica comunitarie pensano anche l'esperienza di Milano dove la partecipazione all'iniziativa smaltiti stanco mi Nittis del due mila undici è stata
Non il fine del Progetto Smart siti ma il
Il motore quello che ha fatto cominciare tutto per cui quello di dire vogliamo esserci Europa con le altre città italiane in questa iniziativa eh quello che ha sprigionato poiché il processo somma siti
E il rapporto che cita italiane possono avere con l'Europa
E credo sia centrale nello sviluppo delle città intelligenti
In Italia dopo da una parte perché sicuramente è un'opportunità e siccome non solo finanziaria ma anche strategico politica da una parte perché presenta
Svariate criticità che se le città italiane si mettessero insieme su questo ne parlo sportivo tutto all'ANCI
Per affrontare alcune di queste che ci criticità assicurava sicuramente proporrebbe Romo dall'italiano diverso penso
Al picco Maciocco procurement al Public Private partnership aiutini che quell'iniziativa unità il mito di ma anche i temi che quell'iniziativa propongono che sono energia e ambiente
E su tutte e due emergono delle critiche criticità dalla da da dal punto di vista dei metodi sul bisogno di nuove regole e nuove norme nel senso che per una città italiana a differenza di altre città in Europa
Attivare quei processi questo momenti non è non è semplice non è scontato e dal punto di vista dei temi l'iniziativa SMA cities si è proposta come un'iniziativa trasversale che toccasse tutti gli ambiti del del governo della città
E poi in realtà si è focalizzata su cui abbiamo Pita e ambiente che sicuramente sono strategici nello sviluppo di una città intelligente ma non sono i soli
L'inclusione e la coesione sociale come veniva detto anche oggi dai grandi aziende come IBM sicuramente fanno parte di quello per cui questo
Rapporto con la Commissione con l'Unione europea diventa decisivo e la seconda cosa che mi veniva in mente sentendo parlare anche
Chiara Presidente Laura udente Hilla sull'all'idea di modelli simili per città diverse sicuramente ma dall'altra ci sono anche delle normi particolarità su alcune città e parlo di Milano può essere che è stato interessante per l'Italia
Nel due mila quindici come probabilmente molti voi saprete ospiteremo l'esposizione universale che
Nel nell'orizzonte breve è l'unico grande evento universale che l'Europa ospiterà
Nei prossimi anni e chi tipo di soluzioni e mito di palle SMA siti possono nasce dalla presente del genere è sicuramente una sfida determinante per Milano ma non solo anche per l'Italia
Il la costruzione nel sito come una piccola smaltiti
A piccola scala è una cosa su cui le grandi aziende stanno investendo in questo momento e ti tipo di trasferimento riprese Enrico replica abilità questo tipo di soluzioni potranno avere sulla città e che tipo di investimento
Le aziende decideranno di fare sulla città e non solo sul sito e quindi che tipo di rapporto pubblico-privato si potrà creare intorno a questo evento credo che sia
Interessante non solo per Milano ma anche per le città italiane
Se sono Marchese

Il il processo si diceva vede
Avere centralità
Rispetto al solo lavorare sulla soluzione ma credo che sia fondamentale partire con questo in questo approccio intanto perché il processo si è pensato bene perché rischia altrimenti di essere
Come dire inefficace improduttivo
A insetto una serie di ricadute
Positive che vanno comunque ad arricchire
La la città e la comunità che vive nella
Nella città abbiamo citato prima degli aspetti del
Del coinvolgimento quello della
Miglior lettura quella del diciamo dell'apporto anche creativo
Quello dell'avvicinamento cittadini istituzioni
Ma credo che rimettere al centro il processo vuol dire anche mettere in campo strategie
Per costruire progetti dove non si vada dritti a una
Soluzione che poi in questo caso parliamo di Smart City è uno a uno strumento una tecnologia
Con rischio poi di produrre qualcosa che così apparentemente
Potrebbe produrre una miglioramento la qualità avrà vita per i cittadini in realtà diventa una sorta di gabbia
E penso per anni io vengo dalla dall'ambito diciamo del sociale i servizi alla persona come formazione professionale e abbiamo parlato di umanizzazione dei servizi
Ossia
Di quella forte il rischio che spesso abbiamo registrato
Di piegare in realtà poi le persone
Alle esigenze la rigidità di un servizio perché deve funzionare in un certo modo oggi rischiamo di riproporre lo stesso modello
Con gli strumenti tecnologici
Ossia elaboriamo qualcosa che
Così teoricamente funziona benissimo ma che ancora una volta piega il
La persona il suo disonesto esigenza al allo strumento
Ecco questa consapevolezza credo debba essere uno dei
Acuire le bussole
Sulla base del quale poi lavoriamo quale che sia poi il contenuto l'obiettivo verso il quale ci siamo indirizza
Grazie mi sembrano
Credo Cuomo ritornare al tema della propria azione
Delle tecnologie dei servizi generale della politica potrei anche internet
L'Assessore dove non ci grazie ritengo che
Ogni comune
Abbia le sue caratteristiche
Non siamo una cittadina
Non molto grande sono gettoni ai cento mila abitanti e chi è nessun modello
Esportabile le stiamo facendo un lavoro
Che ci differenzia un poco dalle città un po'più grandi quando
Ogni Ancona e Milano perché perché abbiamo la responsabilità perché noi siamo finiste R. e quindi abbiamo la responsabilità di non portare alla desertificazione dei Paesi che sono intorno al nostro territorio
Che centralizzando sul comune capoluogo tutti i servizi e tutte lo sviluppo tecnologico delle città e tutto lo sviluppo Smart non possiamo dimenticare il territorio circostante
Non lo possiamo dimenticare perché la Provincia di Lecce molto vasta a novantanove comuni a nella sua globalità quasi un milione di abitanti
E ci sono anche dei micro Comuni che
Non possiamo abbandonate
Dall'altra abbiamo una struttura anche
Chi è collegata anche
Non benissimo con d'Europa a cui noi guardiamo con molta attenzione
Quindi l'idea nostra è quella proprio di fare squadra e fa squadra partendo da un'altra città capoluogo con cui stiamo iniziando a dialogare che il Comune di Brindisi che per noi un ambito strategico
Perché l'epoca del campanilismo deve terminare
Perché se si fa una logica di squadra forze ce la facciamo a competere in Europa ed è questa la battaglia che sto cercando di portare nell'Osservatorio ANCI
Che è uno strumento utilissimo che sta facendo un lavoro egregio che ci sta accompagnando in questo passaggio per arrivare a diventare avessero a dire tale una Smart c.d. e cercando di condividere una metodologia di lavoro con approcci che non sono esportata
Cercando di
E quello che io mi auguro faccia Anci e l'Osservatorio e quello di
Definire le politiche né i Ministeri enologo
Perché se l'Europa ci dice di andare verso il partenariato pubblico privato e noi stiamo cercando di costruire
Un'associazione strutturata che con che sia
Pubblico privata ma che coinvolga anche
La città di Brindisi i i Paesi circostanti un raggio di almeno quaranta cinquanta chilometri
Dall'altro non
Si può creare
Come si è creato in questi anni
Con i bandi che sono usciti dal Ministero del della ricerca una competizione nazionale perché non ce lo possiamo permettere perché l'Italia indietro rispetto al panorama europeo allora la ah strategia che ritengo debba avere l'osservatorio per quindi siamo pronti a fare squadra quello di lavorare insieme come territorio nello scambio anzitutto di buone prassi nel partecipare insieme accordato robe che se
Partecipiamo esse partecipiamo insieme ci potranno sodo vedere vincenti
Mazza infatti in queste ore motivo principale per cui siamo qua dipinti vedere quale sono insieme le condizioni costruire una rete tra le citati
Che diventa un organismo neanche che
Ci aiuta ricordarci che che la una questione centrale il rapporto tra cita il territorio anche fa bene a dirlo
Notevole assessore Lepore la lei l'ultimo tiro
Grazie
Allora parlando di processo
La prima cosa che
Mi mi viene in mente associando la Pubblica Amministrazione e innovazione è un'espressione che qualcuno
USA che l'espressione l'espressione dissidi che è King
Che si può anche tradurre acché rare la città introducendo la parola
è che in via
Questo cosa significa che guardando la pubblica amministrazione soprattutto nel nostro Paese
Ma anche nel nostro il nostro Comune le inerzie
E le consuetudini la pianificazione che poi non si cala nella realtà nella gestione reale è sicuramente uno dei problemi fondamentali quando noi cerchiamo di dare un approccio su Marte innovativo quindi rompere le consuetudini
Definire uno schema di gioco completamente diverso
Come si può applicare questa cosa a la gestione del
Di una dimensione urbana complessa noi abbiamo provato avviando un percorso di pianificazione
Che siamo ricaduti una consuetudine
Differente però rispetto a tentativi precedenti nel nostro territorio anzitutto ci siamo rivolti ad una missione dimensione subito metropolitane quindi non solo del nostro Comune nonostante ancora l'istituzione metropolitana non sia stata
Costruita l'abbiamo fatto in collaborazione con la Provincia ovviamente esistente ma
Con un grande ruolo delle ci sessanta municipalità che sono sul territorio bolognese quindi ci siamo riferiti a un una comunità di un milione di abitanti
Abbiamo però riflettuto innanzitutto sulla questione degli dei fattori degli elementi
Che abilitano un territorio e quindi capire quali devono essere le strategie per
Coltivare un territorio che possa avere degli asset delle risorse che rendono la nostra dimensione urbana
Appunto abilitante e quindi non
Di nuovo rientrare in una l'ipotesi di pianificazione che sì scrive il futuro dei prossimi quindici anni
Programmando cose che poi
In molti casi non si riusciranno a realizzare
E abbiamo cercato ci individuando quei fattori di costruire attorno ad essi una partecipazione del cittadino a loro collaborazione
Abbiamo cercato di farlo nella costruzione del del piano strategico e in alcuni altri percorsi individuando come Community sui temi dell'agenda digitale abbiamo fatto un percorso di sei mesi
Di costruzione di una cultura digitale nella nostra città condivisa e su questo definire una strategia
L'abbiamo fatto cercando di capire quali potevano essere le scommesse che il pubblico poteva fare con i suoi investimenti e quali invece potevano essere le scommesse
Del privato e abbiamo individuato su questo alcuni elementi fondamentali innanzitutto le gli elementi che tutte le città sta individuando c'è innanzitutto le reti sia dell'energia
Che della collettività ma anche le reti sociali indubbiamente le centralità urbane le le reti sociali che attraverso una città sono infrastrutture
Stiamo investendo
Con un operatore privato sulla riqualificazione delle della
In una rete di illuminazione pubblica stiamo portando avanti degli Investimenti con dei privati su Lab dalla rivincita la collettività delle scuole ma è indubbio che se noi a queste reti intelligenti non so proponiamo non poniamo una lettura di quelli che sono le reti sociali
Non solo dei bisogni ma anche dell'autorganizzazione delle del corpo sociale della città non riusciamo poi a unire quelle che sono le capacità nuove che una città polvere con quello che può dare l'autorganizzazione della comunità stessa
E poi
Il tema degli spazi e dei servizi e della finanza legato soprattutto a il tessuto economico di tutto il territorio metropolitano
Quali nuovi spazi pubblici e privati a servizio di nuove idee di impresa o di progettualità del territorio dell'innovazione sociale
Come metterle in campo e a renderli aperti non alla
Nuovi struzzo nuove strutture pubbliche di gestione pubblica
Che realizzino degli incubatori d'esempio ma come far sì che le politiche del
Pubblico possono a Bin tale gestioni private progetti privati progetti di innovazione sociale di auto di autorganizzazione del territorio e quindi spazi
Dall'altro lato servizi reti di partner pubblici e privati che offrono servizi condivisi e nuovi strumenti finanziari che non che cerchino di agevolare le partnership pubblico-privato ma anche dare
La capacità di un territorio di attrarre investimenti questi sono
In particolare i punti su cui ci stiamo concentrando ora e che stanno vedendo attorno a un tavolo la partecipazione sia dei cittadini che delle imprese private
Chiedeva ad esempio di una parte importante del mondo del credito delle assicurazioni del nostro territorio
Condividere degli obiettivi e fare massa critica rispetto alla disponibilità di risorse
Non più come un comune da trecentosettantacinque mila abitanti ma già con un territorio da un milione di abitanti
Insieme cercando di cogliere quelle che sono le reti e le relazioni internazionali che attraverso no
Un territorio come il nostro che ogni cinque anni cambia un quarto della propria popolazione ed è di per sé è un abbaglio in senso che fra
L'alta velocità e la crescita molto importante il nostro porto Bologna è
Abbastanza un porto di mare
Lo è per il tessuto universitario per le professioni che sono presenti quindi ne abbiamo un grande bisogno di
Ridefinire costantemente la nostra identità civica e quindi di
Agevolare una
è un processo di innovazione
Che sia flessibile che sia davvero capace di catturare valore aggiunto che le persone le imprese le cose che attraverso la nostra città
Ci lasciano
Per cui
Un ruolo del pubblico che sia abilitante e capace di far andare avanti l'innovazione senza senza porsi davvero come ostacolo questo un po'al percorso che stiamo portando avanti propriamente questo non significa
Che
Nella nostra
Nel nostro approccio fra virgolette smarrite
Tutte le altre politiche che servono per la gestione urbana dalla mobilità ad esempio all'Energia non siano
Integrate non siano connessi in una vi sono di questo tipo lo sono assolutamente
Che stiamo allo stesso modo cercando di fare delle scommesse con gli enti e con i soggetti che sono presenti nella nostra città
Grazie grazie molto la
Vorrei un richiamo al bene come la la la la la città non può
Più come dire comprare l'innovazione o
Metterlo impraticabile innovare la nell'amministrazione pubblica deve innovare se stesse se vuole essere in grado di poterlo gestire portare in porto e
Soprattutto questo nuovo ruolo della cosa pubblica o come abilitatore diciamo più che di gestore del risorse
Bene vorrei
Ringraziare ringraziare le assessore dove quattro cita che sono venute con noi quattro ospiti di
I vari gruppi mi sembra che se si deve fare una conclusione la la penso che la parola al fiume nel bene che l'abbiamo messo là
E lo lasciamo alla per un bel po'perché è un poco ci ci stiamo provando a ma non è che ci siamo ancora o non non siamo convinti di di esserci riuscite lasciare lunga grazie tanto a tutti voi ma virtuoso
Ora c'è la falsa