29MAG2013
dibattiti

PA e sviluppo del Capitale umano (in memoria di Ubaldo Poti)

CONVEGNO | Roma - 09:55. Durata: 2 ore 10 min

Player
Nell'ambito del Forum PA 2013 (XXIV edizione) dal titolo: "Il Paese alla sfida della trasparenza" (28 - 30 maggio 2013).

Tema: "Quale PA per quale Paese?".

Nel corso dei lavori verrà presentato il 6° rapporto sulla " PA.

vista da chi la dirige", promosso dal Dipartimento della Funzione Pubblica e realizzato da Promo PA.

Convegno "PA e sviluppo del Capitale umano (in memoria di Ubaldo Poti)", registrato a Roma mercoledì 29 maggio 2013 alle ore 09:55.

L'evento è stato organizzato da Forum PA.

Sono intervenuti: Antonio Naddeo (capo Dipartimento della Funzione Pubblica), Gaetano Scognamiglio
(presidente della Fondazione Promo P.A.), Alberto Stancanelli (capo Dipartimento Risorse Umane e Strumentali della Presidenza del Consiglio dei Ministri), Marco Agostini (direttore generale del Comune di Venezia e vice presidente di Andigel), Maria Barilà (direttore dell'Ufficio per l'Organizzazione del Dipartimento della Funzione Pubblica), Liborio Iudicello (segretario e direttore generale di Roma Capitale), Eugenio Gallozzi (direttore dell'Ufficio per le Relazioni Sindacali del Dipartimento della Funzione Pubblica).

Sono stati discussi i seguenti argomenti: Amministrazione, Economia, Enti Locali, Funzione Pubblica, Governo, Poti, Pubblico Impiego, Riforme, Stato, Sviluppo.

La registrazione video di questo convegno ha una durata di 2 ore e 10 minuti.

Il contenuto è disponibile anche nella sola versione audio.

leggi tutto

riduci

09:55

Organizzatori

Forum PA

Scheda a cura di

Alessio Grazioli
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Ecco ecco
Allora buongiorno a tutti
E grazie di essere intervenuti
Il questo convegno come ormai
Consuetudine
Questo convegno e viene dedicato alla memoria di Ubaldo porti
Molti qui dentro lo conoscono alcuni probabilmente non
Non lo conoscono ma Ubaldo Potì è stato il primo Capo dipartimento della
Della funzione pubblica
Che è stato un Capo dipartimento con il quale il sottoscritto ma anche
Alberto Stancanelli Scognamiglio e gli altri che seguiranno hanno hanno lavorato insieme
E Ubaldo podi che è scomparso nel due mila e uno
Era diciamo un dirigente della pubblica amministrazione che coniugava
Proprio in quei tempi la capacità professionali derivante dalla sua attività al Ministero del lavoro con
Il Pubblico impiego
Fu scelto da da dal ministro dall'allora Ministro Bassanini
A ruolo di direttore generale diciamo al ruolo di direttore generale della della funzione pubblica
E poi divenne nel successivamente capo dipartimento il primo capo dipartimento la funzione pubblica noi ogni anno dedichiamo il convegno
Sulla Pubblica amministrazione sul pubblico impiego proprio in memoria di più Baldo porti e qui è presente
La moglie di di Ubaldo e devo dire che oltre che un campo è stato un nostro caro amico con cui abbiamo lavorato
In maniera molto amichevole diciamo così
Dopo gli interventi diciamo checché seguiranno in qualche modo possono testimoniare
La capacità di di Ubaldo porti
Il primo intervento del del del convegno la farà il
Dottor Scognamiglio
Presidente della Fondazione promo Pia che ogni anno su Commissione della
Del Dipartimento della Funzione pubblica fa un'indagine sulla
Pubblica amministrazione vista da chi la dirige c'è una indagine statistica
Qualitativa fatta è rivolta ai dirigenti pubblici per
Diciamo tastare il polso per quanto riguarda
Come vede la dirigenza la pubblica amministrazione do subito la parola perché faremo degli interventi molto rapidi e in modo da
Da da finire come previsto per per le undici e mezza grazie
Grazie
Grazie Antonio
Mi unisco al
Al Comune ricordo di
Di di Ubaldo
Che
Oltre che essere stato
Parlo personalmente del mio maestro
è stato anche un amico
Di lui ricordo e voglio ricordare a tutti la capacità di unire
In un mondo così insomma difficile formale come il nostro
Il grande tratto umano grandissimo tratto umano insieme alla grande professionalità le cose non andavano ma disgiunte
E veniamo a noi
Come anticipato il dottor Matteo
Siamo al VII rapporto sulla pubblica amministrazione dista da chi la dirige
Vi è stato distribuito
Il report il rapporto due mila dodici
Pubblicato dal Formez
Insieme I rapporti precedenti si tratta di una
Basse di dati
Che può essere un'occasione di studio di approfondimento perché noi ormai abbiamo le serialità per
Cinque sei anni e questo di ci consente anche di vedere evoluzione del
Del sentiment delle della dirigenza pubblica
Questo è un rapporto
Che
Ha una
Caratteristica di una
Male una larga base di risposta hanno disposto al questionario circa
Circa mille e ottocento dirigenti pubblici
Quindi diciamo che
A una
Significatività
Interessante
Deve essere
Però ho letto tenuto conto che
Siamo di fronte a un questionario
Altro somministrato e questa tecnica
E diciamo assimilabili da un punto di vista della tecnica statistica alla cosiddette indagine postale
Con la conseguente a otto selezione del dei delle vede rispondenti che sia importante perché per inquadrare il rapporto all'interno
Del del di un sistema
Statistico
Noi abbiamo di visto le risposte di cui
Nelle presente una parte per chi poi volesse studiarsi il rapporto
Due mila dodici abbiamo distribuito presenta tutte le domande l'abbiamo distribuito speriamo di diviso
In alcune
Delle
Riforme recenti più significative
Dobbiamo dire che siamo di fronte
Che sarà necessaria premessa
Ha una
A operatori della pubblica amministrazione
Che cominciano a soffrire
Ne sappiamo che negli ultimi
Mi sembra sette otto anni Antonio la la Coco del Pubblica amministrazione si è assottigliato
Notevolmente sono scomparse circa trecento mila a detti non sono pochi circa il dieci per cento se non mi sbaglio
Sappiamo anche che
Tutte le riforme che sono proposte in questi anni
In questi ultimi anni particolare fosse in questi ultimi mesi
Hanno due elementi di riferimento
Su cui
Nasce una malcontento che ora in qualche modo dettagli elmo uno ve l'ho detto ora il numero degli addetti è diminuito di molto
L'alto è che queste riforme concludono tutte con la frase inquietante che quei sentimenti devono essere posti in essere senza aumentare solamente di risorse a carico del bilancio degli enti
Quindi con a risorse immutate
E
Su alcuni di questi sentimenti ed è difficile pensare che si possono portare avanti a risorse immutate vediamo
Il primo la prima domanda è
Sulla legge rivoluzioni costituisce un mezzo efficace Vernì effettivamente fenomeni di corruzione nella Pubblica Amministrazione gli operatori che ci rispondono
Le risorse diciamo positive le individuati subito sono quelle in verde risposte negative sono in rosso su questa slide
Come vedete
Non hanno particolare particolare fiducia sulla idoneità della della della legge a produrre
Risultati accettabili
E
A garantire come vedete nella slide successiva un
Adeguato livello di trasparenza e legalità anche se
Anche se
Le le le domande sono state non a caso state due la prima costituisce un mezzo efficace per prevenire fenomeni di corruzione
Sulla prima domanda ci sono risposte c'è meno c'è meno fiducia
Sulla seconda invece c'è maggiore attenzione dice probabilmente invece possono garantire un livello di trasparenza e legalità qui siamo già nell'attuazione della legge anticorruzione cioè siamo nel decreto legislativo trenta aprile
Aggraverà il lavoro della pubblica amministrazione sì locale a Comuni e delle risposte in rosso sono quelle che evidenziano
Il
La la la la la nel timore che ecco venga pesanti di lavoro noi a sottolineare il fatto
Che teso dimore particolarmente evidente della pubblica amministrazione locale
E questo
è abbastanza abbastanza chiaro quello che ma anche nelle successive risposte perché la pubblica amministrazione locale a di fonte e esso fonte ministro fonte operativo visto alle fonti imprese cittadini che vogliono risposte
E quindi fasce ieri se le risorse sono le stesse se non bisogna spendere di più sul personale è diminuito bisogna spostare delle risorse umane da alcuni adempimenti che sono servizi ai cittadini altri che sono e dispetto diverse no
Incide influire a queste queste norme influiranno positivamente
Sulle potenzialità di sviluppo manageriale dei dirigenti pubblici cioè tutto quello che abbiamo chiesto e dirigenti degli ultimi anni cioè diventare dei manager piuttosto che dei semplici burocrati
è trova in queste intesa legislazione
Una una sponda positiva
E anche qui la risposta risposte positive come vedete sono quelle in verde in questa slide sono poche prevalgono diffusa convinzione che le nuove norme esotico vizio di trasparenza non favoriranno una crescita manageriale perché
Perché
Quasi tutti qui vediamo invece l'altra norma quello che fa da l'altra domanda quella che fa da pendant
Quasi tutti pensano che ci sarà un ritorno atteggiamento burocratico per cautelarsi sotto il profilo delle responsabilità che si abbastanza normale
Cioè queste richiesti anni abbiamo
Assistito alle riforme che hanno avuto l'oscillazione del pendolo
Per qualche anno si è detto ma è mai più attenzione alle procedure matti ci sono i risultati ora il pendolo se sposa dall'altra parte
Prima di tutto attenzione alle procedure
Questo significa l'hanno accolto i dirigenti qui sono operatori c'è gente che stava sul sul
Alla alla scrivania e a contatto col pubblico e che si dicono
E vedete anche qui è significativo il fatto la differenza tra pubblica amministrazione centrale e Pubblica amministrazione locale la pubblica amministrazione locale e molto più esposto perché sento sul facendo sul fonte
A gli articoli dei giornali interpellanze la minoranza i cittadini che codesto non su tutto e quindi che si dicono a b bisogna però cautelarsi perché responsabilità come interno si ritorna a un atteggiamento burocrazie
Veniamo all'altro diciamo l'altre grandi riforme che hanno caratterizzato questi anni istituzioni mesi se vogliamo spending review finanza pubblica
E qui c'è un dato che io considero abbastanza sorprendente perché
Alla domanda se un anno è entrata in vigore la legge sulla spending review ha contribuito in vivaio immagini risparmiati individuazioni sprechi inefficienze
La risposta la la la maggioranza degli intervistati e qui addirittura la pubblica amministrazione centrale su cui alla pubblica amministrazione locale del sessantuno per cento dice no non ha contribuito in modo significativo
Tipo probabilmente
Mi vengono in mente delle
Delle
Delle delle degli effetti collaterali non voluti ci sono e la spending review che sono sicuramente l'ordinamento dei tempi
E questo posso può comportare voi una una crescita dispensa di fronte a un a un risparmio tabellare che può
Ecco magari evidenziarsi
Su incerto sul certo filone probabilmente e c'è un un carico di lavoro maggiore c'è una una
Un profilo di
Fra virgolette inefficienza è chiaro che se le procedure sono più pesanti e sono aggravate l'efficienza diminuisce
Mentre invece sulla
Sulla
Potenzialità delle pubbliche amministrazioni dare immediatamente attenzionato sblocca debiti la risposta è corale e diciamo assolutamente positive
Tutti i dirigenti dichiaro di essere in grado di rispondere immediatamente a questa a questa sollecitazioni che mi ha questa a questo decreto legge
Stiamo dei controlli
Dobbiamo dire che
Il blocco dei contratti
Contestualizziamo le risposte in una né situazioni dove c'è il blocco dei contratti e il sostanziale blocco delle possibilità di incentivare di dare risorse incentivata ecco questo è lo scenario in cui avvengono queste risposte
Allora noi domandiamo che se l'attuale sistema di valutazione
Della performance sta producendo una cultura della valutazione che avrà effetti positivi sulla sulla performance delle amministrazioni pubbliche badate badate la professione e vedete l'indice di accordo con me come tale la volesse
Il verde
Le risorse positive nel due mila dieci c'era il ventotto e otto risposte positive c'era in una grande corpo di indifferenti il cinquanta per cento il venti per cento esprime critiche rosso ma il ventotto per cento era positivo
Nel due mila undici questo ventotto su scala scendi dieci punti va al diciotto nel due mila dodici o quattordici e cinque il due mila tredici siamo al nove otto
Cioè il più basso indice di gradimento e registrato negli ultimi anni ma questo perché dobbiamo inserire in questo contesto
Dove
Come abbiamo detto lo scenario e negativo quindi uno scenario si negativo il i giudizi dei dirigenti lo siano altrettanto
Una domanda solo per gli enti locali
Se affossamento dei controlli interni avrà come principale difetto quello di migliorare l'economicità l'efficienza della gestione
E che vedete è una grande differenza perché la pubblica amministrazione centrale che dà un giudizio sulla pubblica amministrazione locale dice sì pensiamo insomma il ventotto il sei per cento pensa che migliorerà la pubblica amministrazione locale invece dice no veramente qui
Non migliora nulla anzi cinque ad altre virgola sette per cento dei rispondenti
Ritiene che questo
Questa che la sezione della della della
La la Sezione di controllo per la Corte della della dalla Corte dei conti del Lazio ha chiamato
Giuridici già azione dei controlli interni nella sua
Deliberati recente è considerata una un freno all'economicità ed efficienza della gestione
Veniamo
Al
Domanda che è sempre quella speculare
Sempre enti locali sono sentenze locale
Allora come principale fette vogliamo Italia interventi e che la risposte corale nella pubblica amministrazione locale al Pubblico Ministero Caggegi
Ovviamente aumenta i rendimenti medi invece l'organismo centrale Ticino crediamo che
Rimarcando uguale ecco
Io ritengo qui che ci sia
Una
Emana riflessione banale scusatemi se la faccia
Probabilmente
Bisogna e arrivare a un momento in cui
I legislatori deciderà dipende atto che è una cosa la pubblica amministrazione centrale è una cosa la pubblica amministrazione locale e prende atto che bisogna fare delle leggi una diciamo un riferimento per alcune alcune le leggi base sistemi di governance per l'amministrazione centrale e una parte delle amministrazioni locali
Veniamo alla
Al allora un giudizio sul sistema di incentivazione sei sfondata sulla valutazione del raggiungimento degli obiettivi assegnati
E qui vediamo una cosa strana perché da una parte vediamo l'andamento storico
Anche qui stessa domanda che abbiamo iniziato a fare nel due mila sette
E indegna sette cresciuto a questa percezione
Dal due mila sette cresciuta la percezione che incentivazione economica potesse essere fondata sull'effettiva valutazione del raggiungimento di obiettivi assegnati il periodo di riforme pensava cresceva Vesta questa fiducia
Poi nel due mila undici si è
Abbassata
E precisamente che sembrerebbe un dato in controtendenza stranamente nel due mila tredici prossimamente rispetto ad altre risposte
Che esce questa questa
Questa questa fiducia
E
Devo dire che andando a vedere il le risposte fra Amministrazione centrale amministrazione locale e più diciamo significativa nell'amministrazione locale
Quindi
C'è
Qualcosa che ha indotto beh i dirigenti specialmente le amministrazioni locali
A riavere una una fiducia nella possibilità che ci sia un legame fra incentivazione risultati
Tralascio il giudizio sui organismi interni di valutazione nei lavori
A dire la verità un giudizio queste stabile
Un giudizio
Negativo deve talmente esoso sono in rosso
E molto molto stabile lei vede anche in tutte le altre in tutte le altre evidenze
Si mantiene uguale questo giudizio
Vedo che Micello fa un sorriso insomma dice non c'era bisogno di
Mobilità del personale che si è molto interessante invece perché
è una
Una un dato positivo
C'è una
Una fiducia
Nella mobilità come strumento di razionalizzazioni aumento devo dirti della produttività del lavoro pubblico
Ovviamente la fiducia che esce dall'Amministrazione centrale rispettare Amministrazioni locali dubitavo significare cambiare sede geografica mentre l'amministrazione centrale mobilitato significare spostarsi da un quartiere all'altro di Roma
Però anche nell'amministrazione locale è significativo che c'è vedete lasciamo stare indifferenti ma fa positivi e negativi si Parigi o no e questo è un dato un dato importante qualcosa sta cambiando
Prima professionalità etica nel lavoro pubblico l'incentivo introdurre innovazioni ancora basso
Anzi
A dire la verità diminuisce qui abbiamo le serie storiche dal due mila dieci al due mila tredici cioè c'è una percezione
Positiva sull'incentivo introdurre innovazioni che sta calando come vedete
Questo però un dato positivo
Cioè tutto sommato non Santi problemi impicci delle Lelli giudizi negativi c'è la sensazione che la cultura della legalità nel settore pubblicazione entrambe negli ultimi dieci anni quindi ci si lamenta perché gli elementi sono però
Abbiamo visto diminuito il personale non c'è una lira per finanziare i DS che si riforme e quindi giustamente mi si dica badate però se io devo fare insieme nell'altro c'è un po'inficiato però c'è un giudizio positivo sul
Sulla sentimenti e positivo sulla crescita della legalità la pubblica amministrazione
L'etica del civil servant alla base delle scelte dei dirigenti di amministrazioni che appartengo
Anche qui
Il la il rapporto fra positivi e negativi è diciamo non è non è molto sbilanciato
Che esce a dispetto cresce rispetto all'anno scorso il mio dodici c'è un picco va
Riguarda guardavo abbiamo negli anni queste le sue risposte
C'è qualcosa sta cambiando veramente perché se guardiamo abbiamo iniziato nel due mila sette a fare questa domanda due mila sette ci rispondeva di sì in sedici per cento per cento
Quindi il dirigente diceva bene il il mio corpo sociale di appartenenza cioè dirigenti pubblici l'Amministrazione che appartengono hanno alla base
Testa questo sentimento diverse civil servant del due mila sette sono il sedici due mila tredici e ventisei quindi la linea di la linea di di di di diciamo di progresso che voglio dire questa cosa che traccia l'andamento si risolveva blu e varie
Crescenti ingresso è un altro elemento positivo su cui dobbiamo
Quindi cosa direi io come
Io direi che diciamo le linee di dei vini di fuga su cui
Su cui puntare
Dei dirigenti le vedono e sono positive perché sentono che la legalità migliorerà si sentono questa questo sentirsi signor servente migliore
Prosa degli strumenti cioè dice però faremo le fastidiose diluisce personaggi solo soldi come faccio
Ecco sono e nera nell'operatività che c'è la critica
Maggiore
Questi qua sono domande fatte
All'interno della singola amministrazione diceva quando negli obiettivi di gestione sono affidati sono negoziati
E qui ancora come vedete
Sono scarsamente negoziati la ma la gara strane maggioranza dice no non sono i lo sia l'andamento dal due mila sette al due mila tredici
è sostanzialmente negativo cioè che gli artisti obiettivi vengono dati senza essere cacciati e questo è il vulnus centrale che sta alla base di ogni sistema di controllo di valutazione se invece io non vedo negoziate diamo tempo
Facciamo tutta una serie di cose ce le raccontiamo diciamo promozione a nulla
In particolare della pubblica amministrazione locale però ne parliamo perché
Con i bilanci se si dà la possibilità all'Amministrazione di approvare il bilancio in partenza non è imputabile brandelli BTicino sino a fine esercizio di viene avvisato
Mi sono state attribuite in tempo utile per realizzarli anche qui
Siamo
Anche chi ha domande dal due mila sette non è che ci siano tante
Diciamo a maggioranza sempre critica
La mobilità sono disposto associamo un'altra regione ecco vedete che anche che la domanda che faccio nel due mila sette due mila sette c'era il venticinque per cento
Oggi siamo al trentatré quindi sta cambiando qualcosa nell'audio mese c'è c'è una
Una maggiore disponibilità al
Al cambiamento
E infine
In azienda privata
Questa è costante la risposta dal due mila sette al due mila tredici
La formazione formazione grande
E grande problema sentirà necessità degli vanificare personale mi ha segnato guarda
Siamo siamo in su cifre altissime di che significa che risorse nella formazione sono insufficienti
Non so se questo sistema di
Cercare di spostare il tutto nel settore del settore pubblico funzionerà certamente
Sono le risorse sono considerate insufficienti
Questa è una è una la domanda è questa la faccia al due mila sette
E qui le linee la linea rossa è quella del che bisogna seguire nel grafico l'osso qui c'è
Un
Sempre maggior senso da parte dei rispondenti di considerarsi un servitore dello Stato civil servant
Questa attesa cosa positiva quindi secondo me bisogna lavorare su questi elementi di positività che ci sono cercando ruoli da strumenti perché se noi diamo dei grandi obiettivi e poi diciamo no però sul fonte stai con le scarpe di di cartone
Bene allora voi capite c'è l'ideale è difficile commosso in diventi reale però cioè una
Diciamo sensazione di incapacità
Nulla la ricerca che ci sono i collaboratori hanno portato a a termine la ricerca
Richiede circa sei mesi per essere per essere un plus
Talché stiamo ora compromettere in piedi il il la ricerca due mila quattordici ringrazio euro con l'Avvocatura
Allora ringrazio del dottor Scognamiglio e
Faccio un brevissimo commento prima di dare la parola al Consigliere Stancanelli
Trattandosi di
Una rilevazione fatta sui dirigenti l'alta dirigenza dirigenza degli enti locali e anche
Sembra quasi che
Diciamo abbiamo davanti una dirigenza passiva perché quello che mi ha impressionato di più
è il più basso indice di gradimento e sui sistemi di valutazione
Ma se non sono i dirigenti quelli che attivano
E prendano diciamo efficaci sistemi diversi di di di valutazione all'interno dell'amministrazione mi viene il dubbio diciamo a chi ci dobbiamo
Rivolgerle che non possiamo sempre dare la responsabilità a qualcun altro perciò voglio dire insieme sono propri dirigenti che a mio avviso non hanno l'indice
Diciamo il il grado di
Gradimento più alto era al due mila dieci più o meno a cavallo della
Dell'emanazione della riforma Brunetta dove si attribuivano ai dirigenti forti responsabilità e un ruolo ben preciso no all'interno del sistema di valutazione poi questa cosa è andata a scemare secondo me
Proprio noi abbiamo mancato no questo ruolo di
Gestori di di di di di di dirigenti capaci di prendere decisioni all'interno delle amministrazioni e di supportare un sistema di valutazione efficace già questo diciamo
è un qualche cosa che va analizzato e penso che gli interventi che ci saranno dopo che saranno un misto tra amministrazioni centrali ed enti locali possono in qualche modo rispondere a questo
Ieri
Il ministro nell'intervento di apertura non ha parlato di nuova riforma della pubblica amministrazione e per fortuna cioè
Non non non c'è tra gli obiettivi del ministro una riformate cercare di rendere più efficiente la pubblica amministrazione
E
Né intervento del professor Bassanini è stato non basta scrivere una legge metterla pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale per avere poi un'amministrazione diciamo più efficiente
E allora queste due cose fanno capire che dobbiamo lavorare su quello con quello che c'è lavorare all'interno delle organizzazioni delle amministrazioni lavorare sulle risorse umane è vero quello della formazione importante
Però l'altro giorno commentavamo i dati della Scuola superiore di pubblica amministrazione sulla rilevazione che hanno fatto dalla formazione vero che sono diminuite le risorse per la formazione ma sono aumentate
Le la formazione rivolta I dipendenti delle amministrazioni statali delle amministrazioni locali perciò vuol dire che forse
Le amministrazioni con le riscrizione della spending review utilizzano meglio le risorse e quando ci sono meno soldi si cerca di utilizzare al meglio
I pochi che ci sono e perciò c'è una maggiore formazione rivolta I dipendenti alcuni amministrazioni soprattutto nel mese di erogare hanno fatto una formazione Internal sul posto e perciò
Questo qui è si è sviluppato
Anche bisogna
Valutare valutare questa opportunità perciò non ci devono essere nuove riforme ma bisogna lavorare su quelle che ci sono e farle funzionare perché adesso
Della famosa riforma Brunetta sia
Mica poco la valutazione di incentivazione all'interno delle amministrazioni secondo me non c'è niente e ci deve essere in qualche modo una volontà delle amministrazioni dei dirigenti di attivare un vero e proprio sistema di valutazione e di incentivazione
Mi collego alla alla
Alla figura di Ubaldo porti che è stato sì primo Capo dipartimento della funzione pubblica è stato il primo dirigente generale oggetto di spoil system
Perché proprio un baldo non fu confermato no dal ministro successivo e lo collego al fatto che ieri
Il il nostro ministro ministro Dalia
Il primo commento che ha fatto è stato quello che ha trovato alla al Dipartimento della funzione pubblica una struttura non per farmene un merito ma soprattutto di chi e tutti i direttori generali che ci lavorano ha trovato una struttura competente che funziona e che lui ha la soddisfazione di dirigere perciò non ha la necessità di cambiare no le persone alla necessità di avvalersi di una struttura
Di sua diretta collaborazione come la legge prevede però diciamo la struttura interna del dipartimento per lui soddisfacente
E questo è stato fatto non attraverso un sistema di valutazione diciamo che in qualche modo il direttore generale può dimostrare all'autorità politica ma è stato fatto diciamo in maniera diretta un po'ha letto un po'attraverso quello che cerco sul sul sito ormai curricula del
Dei direttori delle del del Capo Dipartimento di tutta la struttura in questo modo a leso l'idea diciamo di una certa competenza ma è necessario
Sistema di valutazione laddove non c'è la buona volontà di una persona ad a vere no diciamo soddisfazione
Dalla da una struttura interna nei tempi nel tempo questa cosa non è
Nella rilevazione si sono sviluppate soprattutto le strutture parallele alle strutture interne delle amministrazioni cioè le dirette collaborazione sono sempre più cresciute e in qualche modo hanno soppiantato quello che è la competenza interno dell'Amministrazione
Questo è e nei dati è successo anche la Presidenza del Consiglio
Negli ultimi tempi anche per un'esigenza di spende di più questo
Questa tendenza sta invertendo la Marcello e ha bisogno di rizzare le persone che hanno una capacità professionale sono state scelte attraverso un concorso pubblico per esempio per far lavorare le amministrazioni
Sulla pubblica amministrazione c'è tanta demagogia leggevo ieri per giustificare l'esecutivo il voto delle elezioni comunali che una delle colpe che ci sono dei dipendenti pubblici che hanno votato in un certo modo chi parla in questo modo forse dimentica che dipendenti pubblici not sono
I pensionati
Non sono solo non sono solo gli impiegati dello Stato Naddeo Stancanelli che stanno nelle amministrazioni centrali che pure una loro funzione comunque ce l'hanno ma dipendenti pubblici vuol dire chi o che si occupa della sanità chi lavora nel mondo della sanità che salva le vite
All'interno del prevede dei pronti soccorso il Comparto Sicurezza Difesa chi è
è
Il di i soldati che muoiono vengono feriti in Afghanistan oppure tanto questo queste il pubblico impiego questa è la pubblica amministrazione perciò non è solo un bersaglio da prendere no ogni qual volta ceda incolpare qualcuno del del del problema del nostro Paese forse sarà un problema del nostro Paese
Tra l'altro devo dire mi devo levare un sassolino non faccio nomi non faccio questioni politiche però visto qualche emendamento parte
Diciamo de di nuovi deputati che sono in Parlamento e non c'è un problema di sapere o meno il diritto perché questo politici può anche essere secondo me ci sono problemi di grammatica cioè di italiano negli emendamenti e forse
Dato che sulla trasparenza
E il cavallo di battaglia di molti oltre che
Della pubblica amministrazione forse
Vale la pena di pubblicarli qualche emendamento così uno si rende conto di chi
Lavora in Parlamento non ha solo problemi dimestichezza col diritto ma anche con l'italiano perché questo
è importante
Ora
Difendo un po'la categoria perché essendo dirigente dello dello Stato adesso vale la pena dopo aver
In qualche modo anche da da parte mia di altri colleghi combattuto per l'inefficienza che ci sono dubbi ammise azione forse siamo arrivati a un punto che questa categoria comincia
Inizia il tempo di di doverla difendere ed è giusto quello che diceva la ricerca e quello che diceva Scognamiglio che c'è una differenza tra le amministrazioni centrali e le amministrazioni locali cioè la differenza perché è diverso il modo di lavorare all'interno di questa Amministrazione
Ne abbiamo già dibattuto altre volte però non c'è una differenza di efficienza tra amministrazioni locali e amministrazioni centrali perché ci possono essere amministrazioni centrali efficienti amministrazioni
Centrali inefficienti e ci sono amministrazioni locali efficienti e amministrazioni locali inefficienti perciò bisogna
Mettersi d'accordo siamo un'unica categoria che lavora in situazioni diverse tant'è vero che il ministro ha detto che più che il ministro per la pubblica amministrazione si sente di essere il ministro
Per le pubbliche amministrazioni no poiché ogni amministrazione alla sua autonomia gestionale al suo indirizzo da prendere e le sue responsabilità che deve avere all'interno della gestione
Do la parola
Al Consigliere Stancanelli dieci
Diciamo dal suo punto di vista
Grazie al tonno grazie a tutti
Ubaldo colti è stato un grande protagonista della stagione delle riforme amministrative la fine degli anni Novanta
Un prima
Lo diceva anche nel nella presentazione sui dire il sul
Sui dirigenti sull'Appia pista dei dirigenti Scognamiglio
Ecco la caratteristica di Ubaldo poiché quella di aver avuto una grande propensione al cambiamento e all'innovazione e le pubbliche amministrazioni c'è quindi ha rappresentato
O dire quel dirigente che aveva un grande senso istituzionale un grande senso dello Stato ma era al tempo stesso diciamo non dirigente autoreferenziale di un dirigente conservatore un dirigente pronto
A recepire anzi a essere di stimolo nell'interscambio tra
Burocrazia
E politica alle innovazioni e come dire un attore
Protagonista di quella grande stagione delle riforme della fine degli anni Novanta si può essere d'accordo non d'accordo sui contenuti di quelle riforme perché sono state riforme come sapete
Ad ampio raggio quindi sia ci si può essere si può criticare ma sicuramente si deve
A mettere come dire la la partecipazione lo stimolo forte della di Ubaldo pochi
Come Capo dipartimento prima come direttore del lupo e poi come Capo dipartimento in da a partecipare non opporsi anzi a dare un contributo
Fondamentale all'avvio di una riforma profonda della Pubblica amministrazione di cui oggi ne discutiamo e continuiamo
Ai a cercare di applicare implementare in molti casi quelle riforme avviate alla fine degli anni Novanta
Fu un grande
Una grande stagione delle riforme con altri protagonisti la caratteristica di Ubaldo era quella di essere un dirigente dello Stato ma io non posso non ricordare
Anche anche perché in maggio è un mese come dire particolarmente triste da questi punti da questo punto di vista e per i ricordi la partecipazione a questi di forme di Massimo D'Antona barbaramente trucidato dalle Brigate Rosse il venti maggio del novantanove
E e anche la scomparsa a
Il primo giugno del due mila e sei guardate in questo periodo della dell'avvocato freni che fu il Capo di Gabinetto e quindi come dire
Proprio quel raccordo quella funzione di raccordo che aveva l'avvocato freni tra il Ministro come si dice il Capo di Gabinetto e Ubaldo che era il capo
Capo del Dipartimento della della della funzione pubblica quindi cogliere fu il la Massi ecco
La caratteristica forte ripetibile per me che ho fatto altre esperienze che fu un grandissimo gioco di squadra tra politica e amministrazione insomma tra tutto il Dipartimento
Come dire sulla pronti a da ad avviare quel grande processo era da porre in essere per grande processo di riforma che ripeto insomma
Ci può essere d'accordo d'accordo su alcuni contenuti Mazzola sicuramente fu una grande scossa per la pubblica amministrazione
Ecco qual è quello proprio il limite che dopo quegli anni dal due mila e uno in poi c'è stata tra il limite è stato proprio questo cioè di che non si è riusciti a governare in via amministrativa l'impatto delle riforme appunto posti in essere su base normativa
Purtroppo c'è stato sempre da parte dei ministri che ci sono seguiti una sorta di gioco dell'oca nostre sempre cercati di di di dare qualcosa di ritornare di rimettere in discussione
Di
ADD di presentare provvedimenti legislativi per modificare dare o diciamo una propria impronta quella che era stata
L'impostazione delle riforme precedenti alla fine si è sempre ripartiti daccapo sotto molti aspetti insomma sotto motivi e questioni che riguardano la pubblica amministrazione e mi fa piacere quello non ho sentito l'intervento del ministro ma quello che ha riferito
Antonio ecco mi piacerebbe un Ministro della funzione pubblica che non stia in Parlamento cioè che non come dire che stia nelle amministrazioni che sia un arbitro tra le amministrazioni il cittadino
Cioè che quindi cerchi di implementare sul territorio tra virgolette nelle amministrazioni quelle che sono le riforme quelle che sono oggi le esigenze dirà di avere un'Amministrazione veramente efficace
Ed efficiente c'è quindi non stare in Parlamento e di produrre norme norme riforma dell'amministrazione che rimettono
In discussione quello che scrive che che sia quello che appunto è mancato è stata la all'implementazione amministrative al sistema dei controlli una volta che io avevo la norma come responsabile al sul sistema dei controlli
Dopo quindi non c'è stato un meccanismo di implementazione messi è ritornato con norme come dire questo secondo me è un grande limite
Della riforma Brunetta cioè tentando sempre di normare tutto forse questo un vizio italiano poi dirò anche perché forse c'è questo vizio c'è sempre quello di mettere una norma e di disciplinare ogni aspetto e mai demandare
A al all'attività organizzativa quella famosa Potì di di di di diritto privato del datore di lavoro insomma quindi come dire a dare ad avere strumenti di flessibilità all'interno dell'Amministrazione
Ecco a questo perché la difficoltà dove è stata in questi anni e che l'Amministrazione ha sempre un approccio un approccio chiuso conflittuale verso l'esterno verso i cittadini guarda sempre con diffidenza e cittadini questo è come dire
Un limite quindi tende questo guardare le diffidenze il cittadino che pezzi pensa sempre che vogliamo dire fregare qualcosa nell'amministrazione suoi comportamenti crea poi un conflitto un corto circuito tra i cittadini e la Pubblica Amministrazione e questo anche come dire
Come sapete ha creato qualche problema di immagine della pubblica amministrazione e cittadini ecco il gradimento delle pubbliche amministrazioni cittadine molto basso peraltro
L'altro elemento che noi che il CUP parlo da da da dipendente pubblico non siamo stati a diversità
A porre in essere una diversità ma diversi l'azione tra noi e la politica cioè quindi il dirigente pubblico accumulato al politico c'è il dirigente pubblico è parte della casta di chi amministra
L'amministrazione pubblica di chi amministra la cosa pubblica cioè invece di essere come dire un soggetto imparziale o a parti sanno al di fuori del al di là
Delle parti politiche che ci sono determinato momento storico che il Governo da quel punto di vista quaderni all'Amministrazione l'Amministrazione è stata vista parte e non diciamo non accetto Lovato
Qui gli spazi nei confronti dei cittadini di garanzia di quell'imparzialità e questo è come dire è stato un limite io credo che le troppe regole le troppe regole le amministrazioni che disciplinano appunto i procedimenti e tutte le altre cose
Hanno spinto a a regole sempre più farraginose e che come dire questo è un elemento per esempio
Della corruzione questo un po'una mia critica che faccio alla centonovanta cioè
Quando sento parlare Liggio di corruzione ma poi mi pare che quella legge qualcuno l'ha fatto abbia circa duecento adempimenti dell'Amministrazione insomma quindi come dire Stercoli
Sto sempre adempimenti di regole formali di carte io immagino che questo responsabile la corruzione ogni giorno scrivono e Gatta del col per coprirsi
Hai fatto questo non è fatto quello
Che state facendo avete fatto questo aspetto avete applicato questa norma avete fatto il Piano e quindi come dire è un'Amministrazione che porrà fine resta autoreferenziale pronte a difendersi quindi le troppe regole
E garantiscono il business paradossalmente le troppe regole garantiscono il responsabilità dell'Amministrazione perché poi le amministrazioni si chiude in se stessa
E e si difende io sento ancora ma bisogna la corsa ma il problema cursore che bisogna avere meno più controlli Succi civil meno regole meno procedure perché più procedure ai e più è possibile che la correzione si annidi c'è più l'Amministrazione
Come dire utilizza strumenti di diritto pubblico e meno di diritto privato o comunque regole di di rapporto paritario tra le amministrazioni creano meccanismi che possono del dirigente che forse spinto
Non danno lo spirito di di di servizio verso lo Stato e più per interessi personali come anche per la politica possono comportare diciamo patologie del sistema amministrativo patologie di ordine di ordine penale
E questo che cosa significa e come vedete è e la politica che molte volte lascia alla dirigenza senza supporta ma senza coprirlo come dire l'implementazione delle riforme c'è anche qui tutta riforme l'anti corruzione è scaricata come cosa sulla dirigenza io insomma e questo è stato
Come dire in tutti gli altri casi credo come ho detto altre volte che in questo sistema di riforme si sia un po'placata diciamo la coscienza della politica e che ha scaricato
Ma sulla sulla dirigenza e sull'amministrazione l'applicazione
Poi di queste norme ma al tempo stesso lasciando solo il dirigente e l'amministrazione e l'implementazione di queste norme penso tu a tutta la centocinquanta tutto il sistema della performance organizzativa e individuale
E questo questo sistema poi porta anche la dirigenza ma anche i funzionari dei comuni coglie a un meccanismo a una pro ciò che non è l'Amministrazione abbiamo sempre avuto quello che un approccio omissivo rispetto più un approccio commissivo cioè nel senso al meglio non fare che fare perché se faccio rischio di più
Se come dire non faccio sempre rispetto al comportamento omissivo perché il sistema delle regole talmente vasto talmente complesso che poi dire noi siamo appunto il Paese che dalla regola poi interpreta poi far
Circolare che spiega
La regola dopodiché arriva il parere dell'Avvocatura dello Stato del Consiglio di Stato fermo restando che poi un certo punto arriva la Corte dei conti
In sede di controllo di gestione che dà un parere salvo restando che poi arriva la Procura della Corte dei conti che ti dà un altro pareri in fase giurisdizionale magari condannando
Il dirigente non applicando il principio che magari la stessa Corte nella fase di controllo di gestione quindi un controllo collaborativo
Ha dato quindi in questo caos vuol dire che il povero la povera Amministrazione perché poi guardate parliamo di dirigenza ma nei Comuni realtà molti comuni non ci sono i dirigenti sono funzionari quindi come dire questo investe anche tutti i dipendenti che hanno e che devono avere un livello di responsabilità nel nelle amministrazioni
Quello che è mancato secondo me nel complesse questa cosa questo sistema di osmosi di interscambio tra pubblico tra politica e dirigenza
Cioè la strategia dell'azione amministrativa da una parte la politica che dagli obiettivi dalle strategie supporta poi la diligenza all'obiettivo
A raggiungimento degli obiettivi ma come dire sta stando stanno insieme su due piani diversi poi effettivamente la la politica deve controllare
Quello che fa l'Amministrazione ma tutto sommato se raggiunge o meno quell'obiettivo che io mi sono dato come strategia molte volte questo obiettivo strategico non c'è perché la politica non ha la capacità di come dire di definire quelli che sono gli assetti strategici perché la politica generalmente guarda sempre all'anno successivo non guarda mai
In un contesto molto più ampio di
Di Progetto cosa diversa un po'nel sistema degli enti locali perché fortunatamente la legge di riforma dei sindaci ha dato più stabilità le amministrazioni locali dove lì un meccanismo di progettazione di quelli che sono gli obiettivi
è più forte rispetto alle amministrazioni alle amministrazioni dello Stato
Quello che poi è mancato oltre l'aspetto della della della
Della strategia e la condivisione degli attori come dicevo dell'obiettivo di un'amministrazione efficiente cioè tutti politica dirigenti e funzionari
Dire non hanno mai fatto un ragionamento somma i posti incoraggiamento di un gioco di squadra per avere un'amministrazione efficiente ognuno ha cercato sempre da una parte la politica dirigenti e funzionari di difendere
Uno spazio o di difendersi da qualcosa che era che era esterno da processi di valutazione
Quindi credo che importante sarebbe individuare questo è per questo quando parlo di implementazione e non più norme ma dire cercare di capire qual è la mission delle amministrazioni cioè che cosa devono fare le amministrazioni e come lo devono fare con che risorse
E come dire dando sempre più spazio in questo caso nel
Nella mission a uno strumento
Di concertazione cioè privilegiando come dire aspetti
Consensuali cioè di rapporti tra privati e amministrazioni sul piani diciamo tra virgolette di parità laddove l'Amministrazione ha deciso di
Quindi è una volta definito qual è la regola di un determinato
Autorizzazione o provvedimento amministrativo l'amministrazione deve essere collaborativa con il cittadino e l'impresa e non porsi sempre una visione come dire
Di controllo quindi più su questa fase una volta date le regole sarebbe meglio avere come dire
Una sorta di manuali uso di che le amministrazioni accompagni nei cittadini e le imprese nello svolgimento di determinate attività che hanno bisogno in qualche modo di una collaborazione tra virgolette amministrativa
Della della pubblica amministrazione quindi a caccia cercare di avere più strumenti consensuali rispetto a quelli
Autoritativi insomma propri dell'amministrazione rimandando poi come diceva controlli
Successivi quello che c'è quindi la necessità secondo me in tutto questo contesto ma poi e a cascata la l'introduzione di meccanismi di medi di pianificazione di programmazione e poi successivamente di controllo nei confronti dei cittadini
E delle imprese
Vado rapidamente lo dicevo quello che che è mancato alla programmazione l'altro aspetto che è mancato e che comunque magari molte volte c'è ma la percezione enuncio non c'è da parte dei cittadini
E il ruolo di garanzia della politica della dirigenza dell'Amministrazione nei confronti della della della politica cioè quello che è mancato la forte indipendenza dalla dirigenza rispetto alla politica qui sono mancati
Come dire e gli strumenti e questo l'elemento che noi dovremmo porci forse sì
La contrattualizzazione del rapporto dei dirigenti pubblici abbia come dire inciso su questi meccanismi di indipendenza io credo che questo dovrebbe essere un elemento di di valutazione sicuramente da porre da porre sul tavolo
è mancata e forse secondo me questo può essere Paul può ridare tra virgolette quella dignità persa alle amministrazioni una una partecipazione nell'ambito delle amministrazioni pubbliche di quelli che sono i cittadini cioè forse
Quorum dal capire in determinati momenti quali sono le esigenze non amministra di di di dei cittadini di quei checché si servono di quella che utilizzano quell'Amministrazione sarebbe importante
C'è anche questo ai fini di di tutti gli elementi di valutazione della performance organizzativa ma anche individuale
Del del del del responsabile ecco io questa è una cosa le dico di magari quando si fa un un piano aziendale dell'azienda ospedaliera forse come dire cercai di capire quali sono le esigenze
Di sul territorio che deve svolgere quella determinata a azienda sanitaria forse sarebbe interessante Cerchiaia di ottenere un contributo
Dicevo prima le riforme Brunetta ecco attuando mi pare che le riforme Brunetta sono state più di un quadro meno di grande processo innovativo e come dicevo prima morire libri partecipazione
Ha un grande una grande riforma dell'amministrazione più più dirette è un aspetto sanzionatorio mi pare che l'iter nel nelle norme c'era solo l'obiettivo di arrivare una sanzione secondo il punto la sanzione come dire poi porta quell'aspetto di una di un'Amministrazione che si difende che difende di che diventa
Autoreferenziale non voglio qui dire
Alcuni aspetti secondo me con lo dicevo prima si risolve con la deregolazione con la semplificazione organizzativa meno disciplina un determinato aspetto e lascio le norme
La disciplina di materie fondamentali importanti appunto come diritti della persona i di la sicurezza e tutto il resto
Magari alcuni aspetti appunto di di di sanità
Le altri dovrebbero essere comunque il più possibile de dei regolati ecco io non parlo di semplificazione dei casi più dichiarazione poi non non non sempre io non semplifica scusate TAR parlo di deregolazione cioè non disciplina don disciplinari in via normative autorizzativa quel determinato procedimento amministrativo
Che oggi ancora così insomma se io devo mettere un tavolino fuori al centro storico in
A Trastevere a Roma credo che la procedura per l'autorizzazione a mettere un tavolino sia una cosa pazzesca cioè farraginosi Sima cioè dalla
Dal dal dalle dimensioni del tavolino rispetto alla
Alla al marciapiede dalla da quanti tavolini posso mettere dal sopralluogo che il vigile deve fare era al TAR contesto da coglie
è una procedura dal parere che la il Municipio deve dare quindi deve essere poste in Commissione per acquisire un parere vincolante della
Della Commissione e del del Municipio quindi una procedura come dire
Molto complessa se io avessi regole definite prima metto al tavolino il pattume controlli sia rispettato le regole forse sarebbe
Sarebbe più semplice l'altro aspetto e credo che noi dovremmo scommettere sulla dirigenza
Questo come dire i ha bisogno di un aspetto culturale di incidere fortemente su quelle che sono le capacità oggi limitate della leadership della dirigenza una leadership
A diciamo auto autorevole al tempo stesso anche soci emotiva cioè quella della il coinvolgimento dei propri dipendenti del raggiungimento dell'obiettivo dell'obiettivo comune ecco questo forse come dire una volta si diceva che l'obiettivo non poteva essere comune perché essendo frazionato
Il procedimento amministrativo un dipendente non sa partecipato a per un pezzettino al procedimento amministrativo e non sapeva mai l'esito del procedimento finale quindi non aveva la soddisfazione del provvedimento finale oggi forse non è così perché da cui punti aspetti
Di organizzativamente si è sempre cercato di ricondurre l'unico ufficio la responsabilità del di quel determinato provvedimento quindi penso che questo dovrebbe essere un aspetto puntare di più sulla responsabilità della dirigenza garantendogli più
Autonomia ma come dire al tempo stesso costringere il sistema di reclutamento a con non limitarsi ha un aspetto meramente nozioni stico
Questo credo che valga per tutti cioè ricordo sempre la battuta di Francesco
Cossiga il Presidente Repubblica e diceva non è un po'cioè possiamo limitarci per i nostri magistrati a capire se conoscono bene il diritto romano ci vuole come dire
Una visione molto più ampia di quelle che sono le capacità di
Di direzione o di o del merger
è questo questo qua dovrebbe secondo me comportare un altro aspetto c'è quella di una valutazione della dirigenza l'idoneità della funzione dirigenziale
Cioè non
Solida performances individuali organizzativa se io ho raggiunto l'obiettivo peraltro sono sempre auto obiettivi dati dallo stesso dirigente ma qui come dire non voglio entrare
In alcuni aspetti ci siamo già detti cioè non c'è mai non c'è mai un obiettivo che viene dato alla politica il dirigente che si dà l'obiettivo poi si valuta e generalmente lo novantanove per cento della dotazione dirigenti è sempre diciamo al massimo
Della retribuzione raggiungimento dell'obiettivo della retribuzione dall'impiccio risultato quindi c'è questa necessità di introdurre strumenti di valutazione di lingua di individuazione un altro aspetto
E vado a concludere mi secondo me Antonio e questo è stato un altro limite secondo me dalla riforma Brunetta è il ruolo ma forse dato dal forse più che Brunetta più del Ministro dell'economia e Roma tra contrattazione decentrata cioè bloccate tutte quei processi innovativi
Perché e vedo che il ministro che cosa dice io oggi sono il Ministro delle pubbliche amministrazioni e non della Pubblica amministrazione
Beh ma allora vuol dire che le pubbliche amministrazioni non solo son sono tutti uguali quindi ho bisogno di regole diverse ho bisogno di regole diverse che potrebbero come dire essere introdotte nella snella della contrattazione
Decentrata oggi la contrattazione decentrata non nessuna nessuno spazio per adeguare quelle tipicità proprie dell'amministrazione alle esigenze funzionali organizzative la contrattazione integrativa non essendoci stata risorse è bloccata è ferma e quindi anche questo strumento secondo me importante per introdurre elementi di novità nelle pubbliche amministrazioni è manca sul tavolo degli attori
Ecco
Questo che cosa è successo in questi anni è successo che noi abbiamo secondo me introdotto delle norme
Delle de sempre abbiamo continuato a mettere delle norme sul norme quindi c'è una grandissima caccia caccia al tesoro a cui la funzione pubblica ogni giorno
Spiega agli alti cerca di spiegare agli altri qual è la norma vigente perché è difficile è andato a trovare in qualche comma di un
Di un di un articolo di magari cinquecento seicento commi di una determinata finanziaria adesso non si chiama più finanziaria ma comunque di legge di stabilità
Qual è la normativa la normativa vigente chiaramente questo quando i processi questi questi processi non si governano esiste nelle amministrazioni solo solo il caos
E questo è secondo me un po'quello che oggi noi abbiamo almeno cercare di ricondurre come dire a a regole gran principi certi dell'Amministrazione sarebbe sarebbe sicuramente utile vorrei chiudere
Con una citazione ho scritto recentemente saggio faccio una mia piccola pullman
La piccola pubblicità una rivista che etica piana è un sito che trovate etica prima dei dirigenti pubblici che vogliono comunque dire qualcosa
Proprio sulla sulla dirigenza pubblica dirigenza pubblica il titolo era abbastanza significativa dirigenza pubblica alla ricerca identità di identità
Tra riforme e controriforme di questi anni bene citavo per chiudere il rapporto tra dirigenza
E politicanti in questo saggio cito una lettera che Benito Mussolini scrisse all'allora Ministro del Tesoro
Che Alberto De Stefani
No ottimo Ministro del tesoro la legge di contabilità De Stefani rimasta credo ottant'anni vigente fino credo che il car pooling alcuni cambi
Alcune modifiche furono fatte da da Ciampi nel nel nel nel novantanove
In cui si lamentava della di questa indipendenza tra virgolette del Ragioniere generale dello Stato
Allora De Bellis e cioè in cui fa a questo ragioniere
Espressamente questa lettera che scriveva verso il negli anni Venti novantotto che è che in un bellissimo libro curato da Sabino Cassese che è la storia dell'amministrazione pubblica e questo viene raccontato da De Stefani in una riforma
La riforma Rocco e scriveva Mussolini a a De Stefani in cui appunto diceva
è opportuno che io le domandi se questo signor De Bellis che era una generale dello Stato
E lo Stato è il capo del Governo responsabile assoluto oppure un semplice funzionario che deve seguire
Sta di fatto che con il suo intervento di ordine deliberativo e di minima continuamente il prestigio del Governo e la gente comincia a dire
Che al di sopra di lei Ministro del tesoro e al di sopra di me Capo del Governo
Al di sopra di tutti c'è questo direttore misterioso fanatico irraggiungibile che risponde al nome del signor De Bellis e il signor De Bellis deve rassegnarsi ad essere un semplice funzionario esecutivo
Ragioniere soltanto ragioniere oppure deve andarsene
A De Stefani che era inutile è stato no ottimo Ministro risponde
Ha al Capo del Governo con tre righe per quanto riguarda risponde Stefania Mussolini per quanto riguarda Ragioniere dello Stato commendatore De Bellis
Non c'è alcun motivo perché io possa condividere il suo giudizio
Non so quali provvedimenti e quale atto amministrativo abbia finora impedito a lei e a me
Non è fascista e non è antifascista ma per quanto mi riguarda per risulta a tutt'oggi un fedele servitore dello Stato ecco io credo
Sono convinto che questa sarebbe diciamo stata la stessa risposta
Che il ministro insomma che ha che abbiamo
Che abbia avuto insomma che abbia il senso istituzionale avrebbe espresso dell'Ubaldo tolti
Grazie Roberto
Grazie per
La citazione mi ricorda una polemica che c'è stato col Ministro Brunetta col Ragioniere generale dello Stato
Nel due mila dieci persiano insomma
Più o meno i toni erano erano gli stessi e e ti ringrazio anche per la citazione del professor D'Antona e dell'avvocato freni che con cui abbiamo
Abbiamo lavorato e devo dire
Che lavorare con loro avvalso più di mille ore di formazione più o meno questo è il rapporto perché poi lavorare con delle persone che hanno le capacità dunque avevano primo Baldo porti poi
Il professor D'Antona elaborato freni sono veramente diciamo
Difficile da trovare
Do subito la parola al dottor Marco Agostini Direttore generale del Comune di Venezia e vice Presidente De ANDIGEL
E chiedendogli un po'la la visione del del di un direttore generale invece di un Ente locale dovremmo il
Dottori più dicendo per quanto riguarda il Comune di Roma perciò cerchiamo di
E tra l'altro Alberto Stancanelli oltre che capo
Diciamo della struttura adesso del personale della Presidenza del Consiglio mi si è avuto delle esperienze in
In vari enti locali su cui anche il Comune di Roma perciò vediamo
Di fare questo collegamento tra un'amministrazione centrale alcune riflessioni che sono state fatte con un un Ente locale così importante come il Comune di Venezia grazie
Grazie Consigliere
Il
Domani mattina
L'associazione nazionale direttori generali terrà un convegno
Proprio nell'ambito di forum pia
Che ha
Un titolo in questo momento molto formale ma che
Avremmo voluto intitolare
Per cortesia lasciateci lavorare
Poi
Non sembrava educato
E abbiamo dato un titolo più formale
Devo dire che l'impressione in questo momento
Dei direttori generali degli enti locali
è
Di essere subissati
Da norme
Assolutamente incomprensibili assolutamente inutili
Che
Fanno tornare indietro gli sforzi di
Almeno un decennio di innovazione nella pubblica amministrazione locale
Abbiamo già avuto modo di confrontarsi anche recentemente al Dipartimento
Della funzione pubblica febbraio in quella
Interessi tutti stima occasione
Che fu quale dirigenza
E
Mi pare che
Da quell'occasione è stata percepita da tutti
Che esistono almeno due
Amministrazioni del nostro Paese l'amministrazione centrale l'amministrazione locale
E che forse è bene
Che anche in termini di regole
Ci siano delle regole
Differenti
Non per sfuggire
A dare controlli discipline
Che cosa di questo genere
Ma perché sull'amministrazione locale
C'è
Il primo controllo fortissimo
Che è il controllo diretto dei cittadini quotidianamente
Se un dipendente pubblico locale anche di una grande città
Si comporta
Tra virgolette male
è sicuro al
Non dico al cento per cento ma al novantanove per cento che arriva una bella una lettera uno una fotografia
Che segnala
Un comportamento difforme da quello che appare la regola
Evidentemente un controllo sociale così forte non può esserci sull'amministrazione centrale
Che è evidente
Le storie
Delle amministrazioni locali sono storie diverso
A me ha fatto molta impressione nell'illustrazione di Gaetano Scognamiglio la parte bassa
Delle sue slide
Quando
Dando ivi le risultanze
Delle opinioni dei dirigenti d'amministrazione locale evidenziava la georeferenziazione delle stesse risposte
E se siete stati attenti
Avrete sicuramente notato che c'erano risposte radicalmente diverso nelle diverse aree geografiche del nostro
Paese
E questo non è un caso
Ma perché le esperienze
Dei diversi enti locali sono radicalmente diverse nelle diverse
Realtà geografica
Per questo
Io penso
Che sia giunto il momento
Ad esempio sulla spending review
Di farla finita come i tagli lineari
Ma cominciare a impostare la logica dei costi standard
Che forse
Una logica diversa
Un esempio
Che cito semplice
Il Comune di Venezia nel mille novecento e novantacinque quindi
Non
Nel secolo scorso sicuramente ma non va
Molti anni fa aveva centosettanta dirigenti
Oggi il Comune di Venezia Anna settanta
Di cui sessantaquattro di ruolo e sei a contratto
Perché io devo ridurre e tagliare la dirigenza al pari di quelle amministrazioni che sono esattamente come
Vent'anni fa
Eppure le attuali regole mi porto no contenimento di costi che mi obbligano a tali del cinque del dieci del quindici per cento cose che non hanno nessun senso
Un altro esempio
La spending review impone all'Amministrazione di tagliare del cinquanta per cento gli automezzi
Bene io avevo quarantaquattro autovettura mio è un ente con tre mila e cento dipendenti
Bene tagliare quarantaquattro otto su quaranta
Quattro autovetture il venti il cinquanta per cento significa portarle a ventidue
Significa bloccare il funzionamento de
Molti servizi noi avevamo un ottimo servizio
Di distribuzione sul territorio
Dei libri
In maniera di non fare duplicazione di costi comprare tante copie
In un territorio leggermente articolato come quello del Comune di Venezia
Che il secondo dopo Roma come dimensione con acqua conterrà
Con tempi di spostamento che va
Attorno alle tue ora e mezza da una parte all'altra
Del territorio comunale
Bene io quel servizio ho dovuto sospenderlo perché non ho più il mezzo che mi distribuisce i libri da una biblioteca centrale da un deposito centrale meglio a tante biblioteche periferiche
Questo
Che senso ha
Nessuno
Ma veramente nessuno
Allora su questo
E ne avevamo discusso alla funzione pubblica febbraio
La nostra impressione è che forse
Giunto il momento di applicare un principio costituzionale
Che in questo Paese vige dal due mila uno e che non ha trovato applicazione che è quello del
Federalismo e della sussidiarietà
Nel senso
E guardate che
Anche nel l'amministrazione locale sicuramente ci sono degli sprechi sicuramente ci sono del inefficienza
Però come diceva sì consigliere Stancanelli prima
Nelle amministrazioni locali
Le inefficienze cittadino le nostre immediatamente
E
Vadano Sindaco vada all'Assessore vada al direttore generale
E le contesta immediatamente
Dopodiché
Il voto elettorale ogni cinque anni
è un voto reale quanti sono le amministrazioni che cambiano
A fronte di scelte
Che non hanno soddisfatto i cittadini
Cioè la scelte ieri sera
Arrivando
Parlava
Avevamo in taxi e tassista ci spiegava i risultati
Elettorali di Roma
Dicendo
Una cosa che è una grande verità
Nel voto politico nazionale
C'è una componente ideologica molto forte
Nel voto amministrativo locale quello che conta è un po'la soddisfazione delle propri bisogni e dei propri interessi e questo è un dato reale
Io credo
Che
Il meccanismo dei controlli
Come si sta montando di giorno in giorno
è vero che il pendolo si alterna
Però siamo in una fase assolutamente folle
La Corte dei conti dell'Emilia-Romagna aperto l'inchiesta sulle spese di rappresentanza del Sindaco di Imola
Comune di trentacinque mila abitanti bene questo signore
In cinque anni che ha fatto il Sindaco è andato al rinnovo l'altro giorno è stato rieletto ha speso mille e cinquecento euro di spese di rappresentanza
La Procura della Corte dei conti dell'Emilia-Romagna aperto un fascicolo e ha chiesto giustificazioni proprio concreto azioni pezze motivazioni su mille e cinquecento euro
Quanto è costato quel procedimento
E anche se ci fossero irregolarità
Diciamo che il venti per cento di quelle spese fossero irregolari ma non lo credo che su mille e cinquecento euro cinque anni vuol dire trecento euro l'anno francamente fa da ridere
Bene il venti per cento di quella spesa cosa sono trecento euro bene in quel procedimento quanto è costato
Su questo forse dobbiamo metterci anche d'accordo sulla regolare del gioco
Sulle scelte
Sul società in house
Dal due mila dieci ad oggi da regole sono cambiate almeno sedici volte
Scusate che programmazioni e che scelte si possono fare se le regole cambiano una volta ogni tre mesi
Questo
Questi sono i problemi in cui l'Amministrazione locale oggi si trova e fa difficoltà ad operare
Un ultimo elemento su cui vorrei parlare e quello dalla valutazione
Anche qui
I dati che illustrava Scognamiglio sono dati molto significativi
Io distinguerei
Due cose
La valutazione del personale del comparto dalla valutazione della diligenza
Che sono due cose sostanzialmente diverso
A mio avviso la valutazione del personale del comparto eh fallita
Perché
Perché sulla valutazione del personale del comparto l'incidenza
Delle organizzazioni sindacali
E soprattutto
La percezione
Che
Il salario di risultato
Sia
Salario
Più che incentivo
Stiamo parlando di gente che guadagna di base novecentocinquanta mille mille cento mille e duecento euro al massimo al mese
Stipendi onestamente da soglia di povertà nove
Da carichi settori è chiaro che qui cento euro qui centocinquanta euro di incentivo sono significativi che andate in a incidere significa ridurre pesantemente la capacità diretto
Allora
Forse
Ebbene distinguere l'incentivo economico del comparto dalla valutazione
Dando sistemi di valutazione che quanto meno diano riconoscimenti di tipo morale
Che consentano
Di dire alle persone guarda
Non stai facendo bene il tuo lavoro derivi violare su alcune
Oltre
Più che incidere sulla capacità economica
Diversa è la situazione della dirigenza
La mia esperienza
Ma è un'esperienza comune a molti altri enti locali è
Che
Legge Brunetta o non legge Brunetta la valutazione si fatta dieci anni
La si fa su obiettivi concreti perché i nostri si invece i nostri assessori gli obiettivi di danno hanno un programma di mandato all'inizio del mandato su cui noi lavoriamo gli obiettivi strategici
Andiamo ogni anno sul Pecchia andiamo ogni anno su strumenti di programmazione reali
è chiaro che se il bilancio si fa a ottobre è difficile fare una valutazione ma anche qui l'ingegno italico
Qualcosa ci ha supportato
Nel senso che in molti enti locali vi ho compreso
Scelto di fare un piano della performance
Da approvare all'inizio dell'anno con degli obiettivi in qualche modo sganciati anche dalle risorse economiche da aggiustare quando si approva il bilancio ma sostanzialmente di dare all'inizio dell'anno gli obiettivi
E su questo valutare la dirigenza
Due temi però sono
Ancora importanti e concludo il primo l'incentivo da verso un incentivo leale
Il contratto prevederebbe
Possibilità di dare fino al quaranta per cento del salario di posizione dello stipendio imposizione sarebbe bene farlo
E
In molte esperienze locali questo si fa
Noi paghiamo prendi del quaranta per cento dello stipendio del risultato
Ma lo paghiamo al quindici per cento al venti per cento al trenta per cento al massimo della dirigenza
E sei sono dirigenti che non prendo nulla ci sono dirigenti che io prendo il cinque per cento ci sono dirigenti che ne prendono il dieci il quindici il venti il trenta e quaranta
In questo le nostre fasce sono tutte coperte
Ma da dieci anni a questa parte che la devi per la dirigenza e
Assolutamente normale che ci siano anni in cui gli obiettivi si raggiungono e anni in cui gli obiettivi non si raggiungono appieno per cui
Il risultato è inferiore
Quello che è assolutamente inaccettabile
è che passi da parte della politica innanzitutto
O meglio di certa politica
E
Da parte dell'opinione pubblica
Che lo stipendio di risultato erano accetta data ai dirigenti questo assolutamente inaccettabile
Che noi siamo costretti
A erogare lo stipendio di risultato nel mese di agosto
Perché l'opinione pubblica un po'più distratta i giornali hanno altro cui pensare
Mi pare una sola cosa assolutamente irresponsabile
Abbiamo fatto una scelta diversa
Per
Richiamare con forza
Questa logica di produttività
Nel nostro sito oltre alle scritture obbligatorio tra virgolette di trasparenza merito
Abbiamo creato
Un
Grande organigramma accessibile in tutte le maniere in cui
Il cittadino
Può capire
L'intera macchina organizzativa dell'Amministrazione con nomi cognomi medi telefoni fax
E per dirigenti posizioni organizzative anche curriculum così come previsto vari dalla legge gli stipendi e abbiamo aggiunto uno un altro particolare anche le tasse pagate
Per dare
Ai cittadini l'esatta cognizione che cosa la dirigenza pubblica grazie
Ringrazio il dottor Agostini tra l'altro adesso con gli obblighi del degrado trasparenza bisogna pubblicare il sette e trenta perciò diciamo unite tutto sia risolto niente
E adesso do la parola dottoressa Barilla Direttore dell'Ufficio Organizzazione reclutamento e condizioni di lavoro e contenzioso delle pubbliche amministrazioni che ci dà appunto uno spaccato della
Del della pubblica amministrazione vista dal dipartimento in relazione sia a
Diciamo gli assetti organizzativi delle pubbliche amministrazioni centrali e sia di quelle delle amministrazioni locali tra l'altro è il direttore che si occupa è in costante raccordo con le Amministrazione proprio sugli aspetti diciamo organizzativi
La parola
Grazie sarà contenta di partecipare per la prima volta questo
Convegno dedicato a Ubaldo porti che anche se non ho conosciuto non ho avuto il piacere di conoscere personalmente perché sono arrivata in Dipartimento
Un po'più tardi e tuttavia ho avuto modo di sentire i suoi racconti molto spesso dalla Consigliere Matteo nonché da altri colleghi i che hanno lavorato e quindi di poter apprezzare la grande professionalità
Attraverso appunto i ricordi di i grandi stigma
Che venivano o spesso
La riportati in tante occasioni di lavoro dai vari colleghi
Vorrei dire Antonio che mi verrebbe da suggerire una sorta di integrazione al titolo del convegno che hai sviluppo del capitale umano
Senza oneri maggiori per la finanza pubblica
In effetti ci ritroviamo a discutere di questi temi che
Sono senz'altro di grande rilevanza perché
Valorizzare il capitale umano sic una leva che senz'altro può favorire una maggiore efficienza una maggiore produttività delle amministrazioni pubbliche
Tuttavia quelli che sono ordinariamente gli strumenti
Che
Dovrebbero essere utilizzati per questo sviluppo del capitale umano
Sono di difficile utilizzazioni in questo momento si può sviluppare il capitale umano attraverso interventi di formazione attraverso sistemi di preme di premialità progressivi cartiera incentivazione
Tutti strumenti che in qualche modo come sappiamo con inc gli interventi che si sono succeduti negli ultimi anni ma importa in particolare con la manovra estiva del due mila dieci sono fortemente sacrificati
La formazione è stata ridotta abbiamo
Come sappiamo il congelamento delle retribuzioni e soprattutto di quelli che sono i fondi destinati alla contrattazione integrativa e in qualche modo anche il blocco delle progressioni di carriera anche se su questo aspetto sarà interessante
Attendere per novembre il pronunciamento della Corte costituzionale atteso che
Molti di questi commi dell'articolo nove del decreto legge settantotto che sono intervenuti appunto per blocchi bloccare le retribuzioni ma anche lo Karim in ambiti miei contrattuali sosta sono stati rimessi appunto alla Corte costituzionale in quanto non sono diciamo
Sono
Suscettibili in qualche modo di violare articoli della Costituzione importanti soprattutto appunto quelli che riguardano
Il diritto ad una la retribuzione che sia corrispondente anche alla prestazione lavorativa e hanno negare
Conseguentemente gli incrementi retributivi che scaturiscono anche dal posto della vita
Quindi perché gli strumenti ordinari che possono essere approntati per lo sviluppo del capitale umano sulla difficile utilizzazione
Ad esempio
Proprio per rappresentare quanto è difficile la realtà è collegandomi anche a quello che ha detto pocanzi indietreggiare della comune di Venezia
Addirittura tra diciamo le varie richieste che provengono dal personale si chiede possibilmente che ancora anche quelle poche risorse che sono di sia per la produttività
Non vengano erogate a fine anno ma che ci sia una sorta di anticipazione mensile
Anche Renzi ha proprio di una sorta di integrazione di quella che la retribuzione del dipendente questo può sembrare una forma diciamo di elusione di aggiramento di quelle che sono le disposizioni della riforma Brunetta
Ma in qualche modo bisogna capire che effettivamente ci sono alcuni dipendenti pubblici che considerano rilevante anche quella minimo di integrazione che può
Scaturire da un'anticipazione della trattamento legato alla produttività e che normalmente in relazione alla riforma Brunetta
Dovrebbe avvenire a consuntivo dopo che l'organismo indipendente di valutazione abbia approvato
La relazione finale sulla sulla parte ma su questo per rappresentare quanto possa essere difficile la situazione allora è sicuramente vero che lo sviluppo del capitale umano in qualche modo
Si deve muovere secondo logiche che più di tipo culturale motivazionale quindi non intervenire con
Strumenti di di natura sui tributi va di natura economica dato che al momento
Non non ci sono ma sviluppare il senso di appartenenza di responsabilità questa cultura di integrità decide dell'integrità che la ritroviamo
Scolpita in i decreti legislativi
E più recenti quelli sulla a trasparenza oppure nella legge quindi anticorruzione quindi sviluppare questa etica del civil servant come e giustamente veniva anche rappresentato
Dal dottor Scognamiglio nella sua relazione
Detto questo diciamo sul fronte delle risorse umane
Un altro strumento che potrebbe in qualche modo favorire una maggiore efficienza dell'amministrazione sicuramente sono gli interventi che si possono realizzare sul dal piano organizzativo con strumenti appunto di razionalizzazione delle strutture
Questo momento o se nevralgico in quanto abbiamo avuto a seguito della decreto-legge Crosetto spendi spending review un ulteriori importante taglio sulle
Strutture inerte organizzative dei ministeri degli enti pubblici non economici diciamo di quelle amministrazioni che fanno capo all'al Governo centrale oltre che spunta il significativo perché di fatto
Siamo arrivati a tagliare le strutture di prima fascia del venti per cento è altrettanto sulle strutture di seconda fascia poi c'è anche il taglio alle dotazioni organiche del personale non dirigenziale
Ma quello per certi aspetti si riflette di meno sull'organizzazione diciamo che il fatto di dover ridurre del venti per cento strutture di prima fascia e strutture di seconda fascia
Dalla possibilità di amministrazioni di operare degli interventi di riorganizzazione finalizzati ad esempio ad eliminare le duplicazioni ad eliminare le sovrapposizioni e a razionalizzare
Anche i processi che si svolgono all'interno dell'Amministrazione in una logica che poi deve anche muovere muoversi diciamo di pari passo o con quella che l'impostazione del bilancio e quindi e individuare dei centri di costo che siano coerenti anche
Con le singole missioni
E con i centri di spesa così come sono individuati i nel Bilancio
Aspettiamo quindi di avere il risultato appunto di questi interventi di riorganizzazione da parte delle amministrazioni considerando che non pochi problemi si porranno perché a fronte di quelle
Che sono le soluzioni diciamo di efficienza a degli amministrati Signa abbiamo Point
Quelle che sono legate ai rapporti di lavoro che l'Amministrazione a a con il proprio personale è uno degli elementi abbastanza critici
Che si pone in questa fase di riorganizzazione e quello legato a I dirigenti che hanno un incarico dirigenziale
Nel senso che come gli interventi di riorganizzazione si possano riflettere
Sul o quello che il contratto o di un dirigente e che tuttora in essere che potrebbe essere inciso dalla dall'intervento di riorganizzazione operato sulla struttura organizzativa e interessante ad esempio
Richiamare una recente sentenza della al Tribunale di Roma
Che poi riguarda
Una disposizione contenuta nel decreto legge spending review sulla la presenza del Consiglio che prevedeva nell'intervento di spending review della Presidenza del Consiglio
Si prevedeva appunto che
All'esito di questa di organizzazioni dovessero cessare tutti gli incarichi del personale di tutti dirigenziale in posizione di comando oppure con incarico è stato no il Tribunale di Roma
Chiaramente appunto la Presidenza ha dato attuazione a questa disposizione il Tribunale di Roma ritiene che intervento di spending review
Non non giustifichi il fatto di far decadere un rapporto di lavoro che ha creato un affidamento in capo al dirigente quindi
Anche qui diventa difficile conciliare delle misure
Di alleggerimento di quello che l'apparato amministrativo di una pubblica amministrazione rispetto attori a quelli che sono i diritti e che possono scaturire da ha un contratto individuale e poi sta questioni e rappresenta in qualche modo una in precedenti di cui tenere assolutamente conto in quanto come voi sapete diciamo negli interventi di riorganizzazione e il avremo come sento
La necessità diciamo di ricondurre gli incarichi dirigenziali ai numeri Firema ridotti della dotazione organica con la conseguenza di dover capire che cosa fare dispetto a gli incarichi che sono in questo mento corrispondente all'attuale assetto organizzativo
Poi l'altro problema diciamo che
Si pone a parte quindi il discorso della alla dirigenza è il quello che riguarda la gestione delle eccedenze perché
I tagli che si sono susseguiti negli ultimi anni
In qualche modo sono stati dei tagli indolori poiché hanno interessato essenzialmente i posti vacanti della dotazione organica il ripetersi diciamo di interventi di questo tipo
Con una logica che effettivamente è la logica lineare che quindi
Finisce sostanze per premiare chi aveva delle dotazioni organiche molto gonfie mentre chi aveva strutturato la propria dotazione organica sulla base di una fabbisogno effettivo
è stato sicuramente penalizzato da da tutti questi interventi comunque appunto il ripetersi di queste riduzioni ha determinato con nel decreto legge spending review che anziché
Effettuare dei tagli sui posti vacanti della a dotazione organica questi tagli siano intervenuti assolutamente su posti coperti
Ecco il prodursi quindi di
Situazioni di soprannumerario età o di eccedenza funzionale che sulla base appunto del lavoro svolto dalla Dipartimento su questo fronte si aggirano intorno alle settemila unità per quanto riguarda appunto
Le amministrazioni che sono state fino al momento destinatarie della taglio e parliamo di circa ottanta a ministri azioni
Che in questo momento hanno dato
Costa alla a spending review
Sicuramente è stata interessante la soluzione che ha ha prospettato il legislatore con i delle spending review sulle modalità di assorbimento di queste eccedenze
Perché immaginare che di utilizzare gli strumenti previsti dall'articolo trentatré del centosessantacinque forse sarebbe stato assolutamente
Illusorio
Anche un po'da suicidio diciamo in questo momento e abbiamo grosse difficoltà a collocare il personale in mobilità nelle amministrazioni
Intese nel senso più anche possibile proprio perché sul piano delle amministrazioni centrali abbiamo avuto queste riduzioni delle dotazioni organiche e quindi non hanno disponibilità di posti sul piano invece delle amministrazioni locali è sempre più frequente e diffusa
La necessità di garantire gli equilibri di bilancio di garantire i vincoli che ci sono sulla spesa del personale degli impegni del patto di stabilità e conseguentemente perché la spesa del personale rappresenta una spesa fissa
Anche questa Amministrazione non hanno la capacità di e poter radice peraltro personale quindi lo strumento della mobilità per quanto diciamo
Possa rappresentare senz'altro un come dire una forma di razionalizzazione e di ottimizzazione nella distribuzione delle risorse in questo nel momento rimane un posso Forcato proprio dalla difficoltà che hanno le amministrazioni a ricevere
Ecco quindi che il legislatore in questo in questa ottica a previsto uno strumento di assorbimento graduale delle eccedenze
Da qui al due mila quattordici in parte organizzato diciamo nessuna a logiche di fuoriuscita naturale
Della personale quindi secondo il regime di pensionamenti ordinari e in parte invece strutturato
Secondo un sistema che prende a riferimento e il a regime previdenziale il regime pensionistico anteriore alla riforma Fornero lo sposta fino al due mila quattordici e conseguentemente appunto
Consente di
E e anzi diciamo impone agli amministrazioni che abbiano una situazione eccedentaria di utilizzare anche lo strumento del prepensionamento per assorbire queste eccedenze
Questo fatto diciamo in qualche modo atto risulta confortante proprio perché anche dalle previsioni effettivamente le settemila eccedenze potrebbero essere perché assorbite con con questo strumento
E un analogo intervento diciamo
Sempre è legato ad un razionalizzazione della di dotazioni organiche è previsto dal delle novantacinque anche per quanto riguarda agli enti locali
è in corso a un tavolo tecnico con la Conferenza Stato città dove si sta lavorando su un ipotesi di DPCM che individui dei criteri di virtuosità
Di criteri diciamo di virtuosità
Su un piano nazionale definendo uno rapporto tra dotazioni organiche degli enti locali che popolazione della territorio quindi sostanzialmente effettuare un
Rilevazione su
Su su un piano nazionale
Indicare all'interno c'è un
Quindi e individuando questi e criteri di virtuosità ci sarà la possibilità anche per gli enti locali
Laddove superino indici individuate attraverso questo DPCM di poter ricorre agli strumenti e di penso la mente di prepensionamento per poter abbassare la spesa del personale ed avvicinarsi appunto e parametri e così individuati
Poi
Diciamo che questo sistema di fuoriuscite prepensionamenti potrebbe
Un auspicio sarebbe quello di incrementare ulteriormente almeno per un po'di anni
Per consentire ad esempio anche di realizzare il settore pubblico quello che e viene ha rappresentato anche per RAI il settore privato la così detta staffetta Genit generazionale noi abbiamo una popolazione dei dipendenti pubblici che rispetto alla media europea molto più anziana quindi immaginare di poter ringiovanire le pubbliche amministrazioni servono auspicio certo la state per generazionale nella pubblica amministrazione deve rispettare i vincoli che sono legate al turnover e deve rispettare anche ovviamente le procedure concorsuali Ai fini del reclutamento tutte che immaginano appunto di intensità care questo strumento di fuoriuscita e
E conseguentemente quantomeno appunto anche nel due mila sedici dove e quando avremo il turnover al cento per cento e questo ricambio generazionale potrebbe essere anche questo un sistematevi intervenire
In una logica di e sviluppo o del capitale umano
Da questo punto di vista quindi Dipartimento si proietta già per un riavvio delle assunzioni al più presto abbiamo diciamo
Appena firmato poi la decreto che consenta appunto di prorogare l'utilizzo dei fondi destinati alle assunzioni ed anche le graduatorie dei vincitori di concorso quindi
Diciamo che lo strumento della staffetta già anziani effetti si può a realizzare ricorrendo ad un utilizzo sempre più consistente delle graduatorie dire di vincitori degli donne possibilmente anche creando un sistema condiviso di queste grado graduatorie
E mi tratteremo come annunciata anche ieri la ministro o con un monitoraggio ordine presso tutte le pubbliche amministrazioni per favorire appunto una maggiore pubblicità di queste graduatorie e un meccanismo di maggiore condivisione
Probabilmente diciamo un altro strumento anche da utilizzare è quello di e implementare quelle che sono le disposizioni
Introdotte con la legge di stabilità per quanto riguarda i precari sono previste delle forme di reclutamento speciale
Che hanno appunto lo scopo di smaltire in qualche modo questa
Questo fenomeno di mi cercare di far fronte a questo fenomeno della precarietà che si è creato negli ultimi anni e sono interventi che
Si muovono anche di pari passo verso dei delle modalità applicative diciamo che sono quelle che scaturiscono o dalla riforma Fornero di armonizzazione del mercato del lavoro privato con il mercato del lavoro pubblico
Anche con degli interventi inseriti contratto collettivo nazionale un contratto collettivo quattro che possa anche disciplinare
In maniera più strutturata l'utilizzo della a tempo determinato nella settore pubblico e immaginare quindi una sorta di percorso graduale di superamento del precariato nonché anche un percorso di Ruta mento che e parte ad esempio atterra attraverso una valorizzazione dell'apprendistato e che consenta così di non creare dice uno a monte forme di precari di precariato ma di creare delle tipologie di lavoro flessibile che rispondano appunto di più
All'esigenza appunto temporanea o eccezionale e della pubblica amministrazione ma che nascono con una a vocazione verso poi una alla conversione a tempo indeterminato sono soluzioni che
Cerchino in qualche modo di vaccinare quelle che sono le disfunzioni che si sono creati in questi anni purtroppo di una cultura
Abbiamo un convegno che sempre dopo allora mi hanno chiesto dobbiamo cercare di chiudere
Mi dispiace perché non no no
Diciamo
Adottato la stessa misurato negli interventi precedenti ma ad esse
Chiedo a
Alla Torreglia dicendo
Direttore chinare Segretario generale in Italia il Comune di Roma di dare anche lui la testimonianza da parte del nella gestione di un grosso comune come quello
Quella di Roma grazie
Grazie Antonio ma più che una testimonianza a me credo credo che meriti
Mi resta solo fare un saluto
E non so che cosa mi rimane da dire ma non lo dico polemicamente lo dico perché è così giustamente
Però prima di fare qualche considerazione che vorrei partire da un ricordo vivissimo credo anche io di Ubaldo quote non lo conoscevo come voi ovviamente io non giovane Segretario comunale
Non sono perciò vecchio comunque
No va beh la pensione alla Forner omicidi consente di andare anche se la dottoressa Barellai state Clemente che ci spiega la sorella staffette vorrei capire come si fa la staffetta con gente che guadagna
Mille quattrocento euro al o malmesso mille trecento euro rinunciando a metà per fare allora lava il part-time questo sono follia pure qua assolutamente follia comunque voglio dire
Sono opinioni personali ma detto questo di Ubaldo quote un ricordo
Legato proprio i meccanismi di funzionamento tutto sommato del rapporto tra amministrazione centrale amministrazione locale
Era
Stato introdotto credo da qualche anno ma non da molto tempo
Questo discorso della mobilità tra le pubbliche amministrazioni all'ufficio allora stava avviando questo tipo di introduzione di sul soggetti che da una realtà all'altra potevano passare
Ora non voglio dilungarmi su questo io ricordo che ho e di un'attenzione massima di un rispetto anche dell'autonomia dell'ente locale nel senso che
Si cercava di
Rispondere a quei principi della legge ovviamente ma nel contempo di valutare che non tutte le soluzioni erano possibile perché si dovrà tener conto di funzioni e attività
E quindi di che cosa significava introdurre persone all'interno di un sistema locale quindi un ricordo bellissimo
Cosa mi rimane da dire due questioni le voglio dire velocissimamente
Una che mi collega a il filo di questo convegno seminario insomma non so come chiamarlo e che attenzione quando noi parliamo di strutture pubbliche principalmente di
Di di di di dirigenza ma anche di dipendente del comparto ma
Mi concentrerò un po'più sulla missione la dirigenza noi parliamo di funzioni che sono tenute ma non per un richiamo formale della Costituzione ma che sono tenute ad approvare
Un l'interesse pubblico quindi una funzione che è caratterizzata da un fortissimo valore pubblico questo è un'affermazione fu banale mi consentite di dire così
Ma credo che dopo impresa diventa una affermazione di grande significato l'altra questione di principio quelle svilupperò brevissimamente
Io sono un figlio diciamo così dalla
Posso creduto molto ciò combattuto pure Alberto Stancanelli ma anche
Antonio o viceversa insomma si ricorderanno pure della riforma del novantasette della cosiddetta Bassanini due perché la Bassanini uno era l'altra
La distinzione tra politica amministrazione
La competenza dei dirigenti e l'autonomia dirigenziale responsabilità e quant'altro non ultimo ma lo dico solo non per una questione
Che riguarda da vicino la mia professione riguardate riguarda da vicino la mia professione la riforma dei segretari generali introduzione la direzione generale eccetera eccetera
Ora
Quella riforma era figlia anche di una evoluzione che nel tempo si era manifestata e cioè l'agendo quarantadue che sulla dirigenza non ha detto delle cose importanti poi la legge sull'elezione diretta dei sindaci che anche lì
Direttamente ma molto indirettamente la forma a fare all'affrontato questo problema della distinzione dei ruoli tra politica amministrazione quindi
Aveva introdotto questo grande discorso problema sul quale io credo che si debba ancora riflettere che quella della
Preposizione gli incarichi agli incarichi di natura fiduciaria tra politica amministrazione
Poi la riforma della della della del lavoro pubblico quindi la porre la privatizzazione del rapporto di pubblico impiego ante notizia notizia riforma quest'altra molto molto importante ripeto non mi dilungo
E poi via via la contabilità locale parlo ovviamente mi riferisco
All'all'ente locale per arrivare alla riforma del novantasette
Io credo che dopo tanti anni di riforme
Probabilmente la riforma Brunetta
Ha cercato di mettere a sistema
Tutto queste regole che già c'erano
Secondo me accentuando in un modo persino esagerato quasi adempienti ad dai denti mento da parte dei dirigenti
Accentuando alcuni passaggi per cui sembrava quasi ma io la vivo dal di dentro come tutti voi credo la maggior parte di voi almeno accentuando passaggi
Normale che poco avevano a che fare a mio avviso con reali esigenza cui doveva dovevano darsi delle risposte
Cosa voglio dire assistiamo a un
Abbiamo assistito e assistiamo lo diceva il consigliere Stanganelli lo diceva pure il Consigliere Naddeo lo dicevano tutti insomma non abbiamo più bisogno di riforme abbiamo bisogno di organizzare
Qualcuno da manager lo chiama una piano industriale della pubblica amministrazione o delle pubbliche amministrazioni e cioè di ogni pubblica amministrazione abbiamo bisogno di mettere a sistema un po'le regole
Certo le regole e le attività certo è vero la riforma la riforma all'introduzione delle regole sull'anti corruzione sui controlli successivi
Io credo che qui bisogna fare un po'di chiarezza tra di noi prima di tutto cioè se noi le viviamo nella loro farraginosità
Perché sono farraginose se noi le viviamo come fatti di adempimento e non come un fatto invece che può creare
Che può dare impulso forse se lette bene o applicate meglio o può creare un sistema amministrativo voglio dire che si regge
Su un principio il valore pubblico non è possibile non coniugare le regole con l'efficienza non è possibile perché già solo applicare le regole significa fare efficienza
Certo se dopo le regole si apre con in modo stupido cioè che è quello di
Signor noi signornò il signor no allora diventa un fatto voglio dire negativo
E allora anche questo se noi le applichiamo pensando a un fatto organizzativo voglio dire
L'anti corruzione prevede l'approvazione del piano dello anticorruzione no mattiamo andrà anticorruzione non può essere il piano nel quale
è previsto l'adempimento del dirigente che responsabile o del Segretario che è responsabile l'anti corruzione di o domani mattina ti mando una lettera dopo domattina trovando un'altra lettera io vi racconto una cosa di ieri pomeriggio
Dopo la fatica elettorale ero in ufficio era la mia segretaria mi di se c'è un dirigente c'è il dirigente che ha bisogno urgentissimo ammenda di parlare con lei
Siccome questo dirigente devo dire onestamente quando cerca di parlare con me lo evita di farlo ma quando lo fa lo fa perché c'è qualche problema io mi sono appartato rispondergli al telefono dicono fatelo venire
Fatelo venire arriva il suo dirigente aveva uno dei primi casi di applicazione di queste norme sull'anticorruzione che se l'ASP la sentenza non definitiva di condanna in primo grado
Ora credetemi non è un problema detto così no perché prevede
La non
Non la la la la la revoca non si possono dare incarico manoscritta bene la legge cosa dice
Ora voi capite che ieri pomeriggio io era un pochettino frastornato nottate e compagnia briscola devono un problema ma è un problema
è un problema serio cioè mettere a sistema quelle norme e difficile e difficile il dirigente lo faceva perché nella logica dell'adempimento mi scaricava il problema sulla scrivania è quello che viene con le mele io le ho io le e-mail perché
Con una mail l'uno scarica l'altro al problema di sì ma
Non voglio dirlo di nome questo paletto
Il terzo dirigente guardi la ringrazio ora faccia una cosa ritorna nel suo ufficio ritorni a casa a domani mattina oppure si studi bel problema dopodiché ne parliamo con calma e vediamo come riso perché dico questo
Perché quei fatti possono diventare
Un uno uno una un veicolo uno strumento per introdurre alcune regole organizzative non adempiendo adempio inventarne di di di di di lettere che girano eccetera per cui
La rotazione degli incarichi nell'Under corruzione è ma non è una cosa una cosa banale
L'abrogazione dell'incarico all'anticorruzione presuppone che cosa
Presuppone che tu oltre ad aver aver individuato le aree a rischio le attività connesse eccetera eccetera hai di fronte che cosa onde del sistema organizzativo che tu lo conosci prima di tutto bene chiaro
è parola che gli incarichi Ripoli notare così a capriccio a piacere
Affermi le regole ma dopo devi fare in modo e questo vale per la dirigenza ma vale anche per il comparto che quando tu organizza e valutazione dell'incarico ad organizzare sulla e di sotto ci deve essere
Un'attività di formazione anche collegata perché se si prescinda da questo dopo erogare gli incarichi e quando voi
Probabilmente qualche problema lo risolve dal punto di vista la corruzione ma ne crei dieci mila superiore
Più grandi che riguardano l'organizzazione del dell'Endesa è la il conseguimento dei risultati i controlli successivi quelle di cosiddetto irregolarità c'è la preoccupazione che possono diventare obiettivamente
Che possono diventare obiettivamente un freno all'attività e quindi un recupero del formalismo un recupero il formalismo
Ma questo come si può ovviare la regge e sbagliate perché la legge cosa fatti impone che il controllo la Corte dei Conti interviene il Collegio dei revisori tenderei le loro sedere episodi interviene pure tanti altri
Io la legge non la faccio devo cercare di applicarla la voglio applicare la devo applicare in modo più intelligente organico possibile all'interesse
Ma non dell'Amministrazione all'interesse dei cittadini perché dopo l'amministrazione eroga servizi a favore dei cittadini allora il punto è che i controlli successivi se diventa un controllo formale e allora un vero
Ma se invece la i controlli successivi serve la per avere un cruscotto di carattere generale
Su quello che avviene nell'Ente e come poter cercare di indirizzare coniugare l'efficienza con la regolarità io non lo vedo come un fatto negativo doveva anzi come un fatto
Non dico positivo ma un fatto normale in una pubblica amministrazione che reclama dappertutto un'esigenza una forte esigenza di legalità lo diceva pure l'indagine cioè guardate che la legalità
Non è un
Non è un fattore
Ma lo sono appuntato perché dopo magari non mi richiama i tempi non è un fattore
Di non è un obiettivo di della performances la legalità
è un prerequisito per un progetto per un dovere di un Paese civile di un'Amministrazione seria è un prerequisito cioè non si può sfuggire a questo
Cosa voglio dire e veramente concludo due notazioni concludo veramente io credo che dopotutto queste riforme dopo tutte queste congerie di norme che diventa difficile veramente districarsi
Non è per
Laddove parla uno che
Un po'di carriera l'ha fatto ormai dicevamo prima mi informavo a proposito delle staffette
Perché
Alla fine all'anno ma dopo deve andare in pensione con il massimo della pensione invece la forme così come fa giustamente
Mi vuole evitare questo amaro calice vicino a lungo un po'di anni no benissimo
Quindi un po'di esperienza partendo io ho guardato il primo incarico che ho avuto è stato in un comune del Piemonte del mille settecento venti anni me quindi la situazione di nuove è un altro ovviamente di una complessità
Che fa paura di per sé oggettivamente dove ci mettiamo pure il nostro nel senso che noi
Aumentiamo pure la complessità probabilmente e quindi lì la situazione diventa un pochettino
Difficile
Io però credo che
Dopotutto questa serie di riforme eccetera bisogna fare
Il punto della situazione noi ora Roman dopo la riforma
Ancora incompiuto per la verità della creazioni quando est di questo Ente speciale Roma Capitale attendiamo la legge regionale che trasferisca le funzioni amministrative su Roma
Noi siamo ora nella fase del Sindaco che uscirà dal
Su dalla dalla dal ballottaggio fra quindici giorni tredici ormai
è un problema che dovrà affrontare lo dico perché riguarda ovviamente l'organizzazione del sistema il problema delicatissimo
Della della dei municipi e dall'organizzazione che ne consegue amministrativa sul territorio comunale cioè che cosa significa
Il centro cosa fa io dico per semplificare il centro e cosa fanno dopo i municipi la legge dà un'indicazione chiara che quell'ovviamente di un forte rafforzamento di funzione a carico dei municipi sui municipi che quelle funzioni cosiddetta amministrativo di prossimità
Io credo che quella sarà una grande occasione per rivedere un po'il sistema a valorizzare il personale
Muoversi nella logica diciamo così di una Amministrazione che finalmente
Grazie all'introduzione di queste norme nella difficoltà di tutto questo sistema ordinamentale normativo possa introdurre possa introdurre
Un sistema che
Nei fatti può essere che non può funzionare
Io credo che la prima questione però da questo punto di vista riguarda sicuramente la responsabilità politica che quella che se non si fissano le politiche pubbliche dal da questo punto di vista e quindi gli obiettivi
Dopo diventa difficile per qualsiasi tipo di dirigenza ragionare in merito era il discorso che si faceva pure sulla valutazione dei pareri perché abito no
E quindi io credo che da questo punto di vista bisogna ancora se questo principio e poi se mi permettete io credo che oggi c'è bisogno di un Ente locale con una dirigenza che risponde
A queste esigenze delle comunità dei territori ma che tutto sommato io vorrei declinare in quattro-cinque battute perché quell'obiettivo a cui si deve tendere io credo che c'è bisogno di una dirigenza ancor più di una dirigenza apicale
Che abbia prima di tutto la conoscenza di queste politiche pubbliche dei programmi degli obiettivi da realizzare secondo le regole dell'ordinamento quindi il problema della funzione pubblica lastre una forte consapevolezza
E sensibilità a mio avviso lo svolgimento di questa delicata funzione con l'attribuzione delle correlate responsabilità perché se no non si sfugge
L'altra questione ancora è la capacità di essere protagoniste di un
Di una di una di non a supporto di un sistema di governance territoriale c'è sempre più
L'attività degli enti locali e più o meno complessi più o meno articolati
Presuppone un sistema di governo avrete e se noi non abbiamo la dirigenza che sappia collegarsi e questo sistema di governo avrete probabilmente io credo che
Che che che non coglieremo l'Obiettivo fino in fondo
E qui voglio dire permettete uno di dirlo e lo ribadisco io credo che dappertutto questo velocissimo scusa Antonio velocissimo ragionamento che ho fatto emerge
Un un fatto importante
Il profilo che io vorrei ho cercato sinteticamente di descrivere tende a coniugare superando dicotomia
Un sistema di
Ancoraggio a un governo dell'Amministrazione dal punto di vista tecnico sempre più unitario sempre più unitari voglio dire
No nelle figure magari singolo monetario che si riconoscono un disegno
Ma che
Sappia coniugare lei risposte le esigenze le attività li azione da svolgere con la regolarità intesa come grande fattore
Di efficienza l'altra questione sulla valutazione eccetera sulla formazione ha fatto un accenno
Dunque
Non c'è nessun tipo di valutazione che può funzionare se non vengono non sono individuati gli obiettivi e diceva pure Scognamiglio non vengono condivise benissimo verità assolute
Diventa difficile farlo
Diventa difficile farlo perché molte volte voi pur le politiche non ci sono sentite i Comuni devono approvare il Bilancio entro il trenta giugno del due mila
Tredici
Molti Comuni forse si sono già affrettati a farlo prima di questa possibilità di scadenza
Credo che le grandi città abbiamo serie difficoltà a farlo per tutta una serie di questioni che ballano sul tappeto
La spending review con i trasferimenti che ha tagliato enormemente vi faccio solo un esempio il consolidato per Roma capitale del due mila tredici sono duecentocinquanta milioni di euro in meno rispetto agli anni precedenti duecentocinquanta milioni di euro
Poi c'è tutto questo discorso sull'animo che ancora bene
E qui e lì da definire
E tutta una serie di altri ragionamenti ora che non voglio riprendere ma insomma allora ma che tipo di politiche pubbliche di obiettivi
Eppure su cui dopo sviluppare tutto il ragionamento che si fa con i dirigenti eccetera si può fare io credo che sia veramente
Non solo difficile ma difficoltoso però siccome io credo e questo messaggio finale che
Voglio dare a me stesso ma mi permetto di dare
Quest'Aula io credo che
La speranza di essere l'ultima a morire io sono convinto che in una fase come questa
Più noi come dirigente della pubblica amministrazione ci impegniamo locale in questo caso e anche qui ha ragione il collega di Venezia le regole non possono essere uguali per i Comuni le Province e Regioni ma anche le regole di ingaggio probabilmente no
Insomma più voi ci sforziamo di essere
Protagonisti positivi
A costruire e strumenti a costruire con i fatti concreti fatti importanti nelle amministrazione
E più forse riusciamo a dare un contributo che in un momento di crisi voglio dire può diventare un fattore decisivo per cercare tutti assieme di uscire scusate se sono stato veloce ma
Mi è stato concesso solo così
Velocissimo dà la parola al consigliere Gallo Azzi direttore delle relazioni sindacali per l'ultimo intervento e mi dispiace scusami Eugenio d'essere breve brevissimo grazie
Buongiorno come succede sempre all'ultima in particolare all'ultimo che non ha tempo devo cercare di essere già di rispetto a una serie di cose cercare di focalizzare quelle più importanti
Relazioni sindacali significa tante cose significa
Verificare un momento o quale quello attuale rispetta una situazione
Generale
Che ha seguito in particolare la Brunetta ha determinato una serie di problemi
La prima fase della Brunetta l'abbiamo vista con la conflittualità veramente
Alta
Perché una serie di attività sindacali veniva sicuramente compresse
Ridotte riportate in di riportate a determinate impostazioni che una volta erano state in qualche modo superate
E
A tre anni ormai di blocco contrattuale noi sostanzialmente abbiamo la contrattazione che vive
Sensi a mente di una contrattazione integrativa quella che
Sostanzialmente diceva prima anche Alberto Stancanelli cioè le pubbliche amministrazioni in base locale sono quelle che dovrebbero trovare modalità per
Utilizzare al meglio i propri dipendenti attribuire
Risorse ai dipendenti più meritevoli
Quello che è cioè come dire le risorse sono quelle che sappiamo la difficoltà di operare modifiche visto che il livello nazionale bloccato al livello chiaramente
Integrativo eh
Diffida è particolarmente difficile perché se il livello nazionale non ci consente modalità operative il secondo livello ebbe non può che fare quello che il nazionali già detto
Quello che una volta veniva fatto eh come dire più volte è stato sottolineato che non si può fare contratto di secondo livello può fare solo ed esclusivamente quello che il contratto
Nazionale gli demanda per cui è evidente che il disegno
Si sono ridotti le le organizzazioni sindacali in questa fase nonostante il mio braccio che potrebbe testimoniare i contratti non sono così
Come dire una fase così integrativa non sono così conflittuali
Però
Diciamo che se siamo in una fase di stallo perché perché obiettivamente
Anche gli ultimi interventi che sono stati fatti pura minimali rispetto all'accordo all'intesa
Che in qualche modo invece disegna un quadro molto più ampio rispetto agli interventi sulla Brunetta in qualche modo hanno trovato
Neanche la volontà sindacale di arrivare all'accordo che rimosso rimodulata se sulla base di quello che
Sono state le introduzioni previste
Dalla normativa intervenuta rimodulata se neanche lo spazio rispetta l'informazione adesso come adesso tutte le relazioni sindacali insomma esclusivamente indi divise tra informazioni e contrattazione le partite sono demandate acquisti
Perché perché obiettivamente da parte sindacale probabilmente c'è stata una valutazione particolarmente negativa dello spazio minimo
Che è stato concesso e la conseguenza portato a scegliere almeno momentaneamente Baldelli la strada di non fare d'Ulla in attesa di qualcosa di diverso
Quello che abbiamo davanti e lo sappiamo ormai è un blocco contrattuale di altri due anni
DPR che lo sta disciplinando ormai è in fase
Particolarmente avanzata abbiamo già passato il Consiglio di Stato siamo
A parere delle Commissioni parlamentari dopodiché sarà emanato in via definitiva dal Consiglio dei Ministri per cui
è questione ormai di
Poco tempo e sono alti due anni di blocco per
Capire bene il problema dobbiamo dirci con franchezza che è un costo un rinnovo contrattuale per il pubblico impiego ammonta a il sette otto miliardi
Grosso modo quello che significa l'IMU più il rimborso del minimo ecco purtroppo questi sono i numeri su cui noi ci confrontiamo che
Non ci danno grosse speranze rispetta determinate operazioni
Pur e questo va sottolineato però
Considerando che che ormai ha dato ufficiale considerando che ormai le retribuzioni del pubblico impiego sono sotto quelle del settore privato
Mentre nella fase diciamo così di
Brunetti Anna era in una fase in cui il pubblico impiego avevo un Bini modi incrementi retributivo superiore meglio retributiva superiore adesso siamo assolutamente appalti al due mila undici
E sempre più in discesa
Anche perché consideriamo che della massa salariale influisce anche il continuo taglio sugli organici per cui la massa col contributiva generale diminuisce e la la massa di spesa per il due e del personale diminuisce e diminuisce anche la retribuzione
Questo è il quadro in cui ci muoviamo cioè non non non ci sono dubbi
La spessa vacanza contrattuale solo attribuzione la vacanza contrattuale se ha parlato di ottocento milioni questi sono i numeri su cui
Noi
Purtroppo dobbiamo ragionare
Questo
Giusto per dare il quadro rispetto alla situazione relazioni sindacali due considerazioni
Di oggi è invece il generale rispetto a tutto quello che è stato detto su cui mi trovo particolarmente d'accordo
E in particolare l'idea di non fare più norme forse è una momento non necessario ma indispensabile non ne possiamo più non ne possiamo più noi come dipartimento e Antonio lo sa bene
A cercare di interpretare di collegare di mettere insieme tutte le norme che vengo continuamente fatte
Le amministrazioni non ne possono più di cercare di capire come muoversi rispetto a tutti questi adempimenti
Le difficoltà operative diventano sempre maggiori l'idea di fermarsi riflettere e cercare di affrontare quello che abbiamo con le modalità
Migliori è l'unico modo
Io ritengo per poter andare avanti ad andare avanti rispetto alle necessità vede delle amministrazioni alle necessità vere dei cittadini sono d'accordissimo sul fatto che quello che succede l'amministrazione centrale non è esattamente quello che succede
Dell'amministrazione locale
L'amministrazione centrale però non dimentichiamoci che è il supporto all'Amministrazione periferica e che se in qualche modo l'Amministrazione centrale
In via diretta forse meno controllata dai cittadini è quella che poi alla fine determina la alle modalità operative dei guai di quelle
Periferiche quelle periferiche che però è evidente che c'è un controllo immediato diretto ma proprio perché hanno un controllo immediato diretto è indispensabile che non possano che operare secondo quelle che sono le regole previste sono d'accordissimo su quello che diceva il collega precedentemente del Comune di Venezia rispetto a come dire la può
Probabile inutilità di un controllo da parte di conti da parte della Corte dei conti rispetto a quanti da divi così irrisorie le spese della mi riferisco alle spesi dell'azienda go
Però qualche dubbio mi viene come funzionario pubblico perché il problema è che se anche dieci direzione molto decide esso rimasto un po'
Vecchio dei capelli bianchi la dicono lunga ha anche dieci euro vengono spesi in maniera non corretta nulli non corretta rispetto alle regole
Sono un problema anche se sono dieci euro sono un problema per l'amministrazione generale perché Pedersen per recuperare dieci euro
Spendo non so quanto evidentemente dal punto di vista economico è una follia però dal punto di vista sostanziale forse meno folle
Perché significa che se esiste una regola io la rispetto e la rispetto fino in fondo
Fino a che c'è quella regola non posso che adempiere rispetti in maniera intelligente però perché e qui ritorno ma
Come dire in anticipo vorrei che non fosse considerata una critica in particolare al sei andato io dicendo comunque
Al collega del Comune di Roma non vorrei che fosse considerata una critica perché essa come dire è invece una valutazione rispetto alla necessità dell'Amministrazione e dei dipendenti pubblici di considerare le situazioni prima Alberto stanca lì faceva riferimento alla macchinosità di una richiesta per un tavolino all'esterno io sono invece mi sono trovato domenica scorsa andando a votare qui a Rho ma in una condizione particolare cioè arrivato lì oppure mi hanno detto che il mio certificato elettorale non era valido perché non c'era posto per un timbro per un timbro e allora
è evidente che quelli ICI agli operatori alla al seggio aveva avuto a disposizione non potevo non attenersi a quelle disposizioni ma
Considerando che
Alle schede elettorali sono state da consegnati a tutti gli elettori nello stesso anno probabilmente
Valutando di numeri di votazioni che sono state fatte nel periodo qui a Roma chiaramente perché e poi l'ortofrutta e il Sindaco di Roma
Da dire nel periodo dalla consegna ad oggi probabilmente se si fosse considerato che molti cittadini probabile sono dati tutte le volte a votare questa nel momento di Massimo o massimo impatto allora la conseguenza qual è che i cittadini sono stati messi a condizione di avere difficoltà ulteriori a votare in questa situazione generale
I poveri dipendenti del Comune di Roma si sono trovati affrontarla Massa sufficientemente nervosa di persone che si è presentata nelle circoscrizioni a chiedere il certificato elettorale nuovo per poter andare a votare
Questo che cosa ha comportato rispetta le circoscrizioni che se non erano state preventivamente come dire programma abbia un impatto di questo genere o dei quantità di Vic di personale ridotto che si è trovata a lavorare in una maniera indegna perché questo è successo cogente imbestialita allora tutto questo per dire che
Va bene gli adempimenti va bene le regole rispettiamo assolutamente ma ragioniamo anche sui problemi delle persone perché sono i problemi delle persone che poi allontanato le persone stesse dalla ministra
Leone e rendono l'Amministrazione soprattutto noi dipendenti dell'amministrazione considerati come dei soggetti che non fanno il loro lavoro e che non servono probabilmente a fare quando
Quei poveracci che domenica scorsa stavo dietro agli sportelli potete immaginare che mole di di lavora arrivano e alla fine io ho votato grazie a quelle persone
L'ultima cosa un saluto Ubaldo io sono
Ormai ventun anni ventidue anni che sto a dibatterne entra funzione pubblica per noi Ubaldo è rimasto un bando
Grazie
Grazie a tutti chiudiamo chiudiamo il convegno mi chiedo scusa quelli nel convegno successivo non posso fare nessun commento saluto la moglie e la moglie di Ubaldo ciao Ubaldo e finché ci sarà forum finché ci saranno gli amici
Io bado ci sarà sempre un convegno nella sua per la sua memoria grazie
Fra