29MAG2013
intervista

Intervista a Doris Lo Moro sul dibattito in Parlamento concernente l'iter procedurale delle riforme costituzionali

INTERVISTA | di Giovanna Reanda ROMA - 00:00. Durata: 17 min 9 sec

Player
Doris Lo Moro parla della riforma della legge elettorale, di quella sul finanziamento pubblico dei partiti e di quella dell'assetto parlamentare.

"Intervista a Doris Lo Moro sul dibattito in Parlamento concernente l'iter procedurale delle riforme costituzionali" realizzata da Giovanna Reanda con Doris Lo Moro (senatore, Partito Democratico).

L'intervista è stata registrata mercoledì 29 maggio 2013 alle 00:00.

Nel corso dell'intervista sono stati discussi i seguenti temi: Camera, Cassazione, Concorrenza, Corte Costituzionale, Costituzione, Democrazia, Economia, Elezioni, Finanziamento
Pubblico, Governo, Istituzioni, Legge, Legge Elettorale, Letta, Mattarella, Napolitano, Parlamento, Partiti, Partito Democratico, Politica, Popolo Della Liberta', Premio Di Maggioranza, Presidenza Della Repubblica, Quagliariello, Referendum, Riforme, Senato, Spese Elettorali, Stato.

La registrazione audio ha una durata di 17 minuti.

leggi tutto

riduci

00:00

Scheda a cura di

Enrica Izzo
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Con nell'Ancien attrice del Partito Democratico Doris Lo Moro capogruppo in Commissione affari costituzionali parliamo di impianto di riforme
Partendo proprio dal fatto che domani dovrebbe arrivare il Senato questa mozione presentata dal Governo e che però ha visto oggi una serie di riunioni per una difficoltà a raggiungere
Un accordo un accordo tra le componenti di questo Governo
Allora intanto se lei dello stesso avviso partirei proprio da come inteso la stretto delle riforme
Sia dal punto di vista istituzionale che da un punto di vista costituzionale
Una precisazione e domani si voterà una mozione firmata dai capigruppo
Sì alla Camera che al Senato contestualmente nella stessa giornata la mozione sarà illustrata domani mattina al Senato e possa era giusta per il pomeriggio alla Camera però il previsto il voto in entrambe le Camere in giornata
Perché si è partiti da questa mozione perché come è già noto e è stato ampiamente diciamo reso pubblico
E nel dibattito sulla fiducia letta
Posto due priorità essenzialmente
Una di tipo economico e l'azione di tipo
Invece
E che ha a che fare con le riforme
Oggi diamo una risposta alla prima risposta su questo secondo tema che tra l'altro ha una valenza politica ma anche economica perché è uno Stato e dell'est e delle strutture bene
Il kitsch enti ovviamente hanno bene hanno una loro ricaduta anche sulla competitività del Paese e quindi indirettamente più o meno indirettamente ma hanno anche una ricaduta anche di tipo economico
Quello che si sta facendo in questo momento è un momento di partenza siamo a meno di mezza dalla voto di fiducia
E partire e dalla disegna disegnare innanzitutto Niger procedurale
Quindi in questo momento la mozione si occupa di questo iter e prevede l'approvazione in tempi più rapidi la presentazione prima era poi l'approvazione tipica di una legge costituzionale
Che e sancisca l'avvio delle riforme e che
E approvi una procedura straordinaria per l'approvazione di questa riforme non non direi io per la verità in deroga all'articolo centotrentotto perché i principi dell'articolo centotrentotto della Costituzione
Vengono preservati vengono rispettati ma impartito in parte la procedura e differenziata ma procedura specifica tra l'altro articolo centotrentotto della Costituzione disciplina lei distinti singoli casi diretti modifiche costituzionali e di revisione costituzionale quindi che dovremmo essere nel nostro Guglielmi il nostro impegno
Davanti a un pacchetto di riforme che mi viene da un po'dalla forma di governo
Al numero dei parlamentari a tutto quello che è collegato questi istituti e quindi
Diciamo il pacchetto di riforme difficile poi ricondurla comunità rom sarà necessariamente unica legge costituzionale alla fine
Ma ci saranno probabilmente più leggi costituzionali e anche leggi ordinarie legate
A questa riforma
Un esempio di leggi ordinarie elettorale che non potrà che discende dalla forma di governo perché sarà accetta
E allora in questo momento
Noi stiamo disegnando interno che e
Che non significa che c'è l'accordo su tutto perché accordo su tutto significherebbe un accordo sul merito e quindi una scienza della forma di governo la scelta della legge elettorale
Scelta delle di tutte le cose che sono oggi in discussione del numero dei parlamentari ovviamente su questo bisognerà lavorare quindi siamo d'accordo sull'affrontare questi problemi si affrontano in termini di urgenza di rapidità d'altra parte questo era in mani dato che c'è stato con schiettezza Kevin su cui abbiamo votato racchiude c'è ma che ci è stato consegnato da Napolitano al momento della elezione del Presidente della Repubblica io penso che questo sia un momento articoli mente qualificante ma non è risolutivo in sette
Perché poi Illy i nodi verranno al pettine quando affronteremo in merito un problema su cui in queste settimane in quest'ultima settimana soprattutto si è discusso e che sicuramente è un punto critico
Dell'accordo e della discussione all'intera dalla maggioranza quello vi è una
Il relativo alla legge le letture all'attuale
I e notti infatti Pier previsto che era previsto simile dall'inizio di questo percorso esige bis se per stare
Con una norma di salvaguardia sulla legge elettorale cioè la legge elettorale a regime dovrà essere approvata
Dipenderà molto da quelli che saranno le le novità che introdurremo porno sul piano dell'organizzazione dello dello staff del Governo la forma di governo ma certamente le forze politiche della maggioranza par insomma tutti utilizzati hanno in comune un obiettivo quello di non portare al voto con l'attuale legge elettorale magari per argomenti diversi io posso parlare pentiti che sicuramente a questo obiettivo perché non potremmo
Non riteniamo possibile tornare al voto pongo una legge elettorale che ha dato risultati e così discutibili
E che ha interrotto questo rapporto tra la politiche i cittadini in maniera che altrimenti sembrerebbe addirittura irreversibile difficile da affrontare
Ci sono altri argomenti magari di altri enti che sono più presente anche il nove maggio magari altri forze politiche ritengono più importante o di tipo decisive del loro punto di vista e cioè il fatto che c'è un'ordinanza della Corte di Cassazione che ha rimesso
La questione davanti alla Corte costituzionale che dovrà questa volta non incidentalmente come è successo nel passato ma direttamente affrontare i nodi della costituzionalità delle norme
In vigore
E quindi delle pieno in particolare della norma che prevede il premio di maggioranza ma anche di altre norme che sono su questa parte si riduce gli iscritti sono state poste all'attenzione della Corte costituzionale della Corte di Cassazione
Prima che ovviamente l'obiettivo di tutti oltre che intervenire con una norma interna di salvaguardia e l'altro obiettivo comune e quello di intervenire prima della pronuncia della Corte quelli costruiti costituzionale ecco detto quelli che sono i punti in comune su altro
C'è l'accordo perché la
D'accordo ci deve essere anche nel merito possa fare
Intervenire
Sulla Torcello così ho detto cosiddetto porcellum specie sulla legge elettorale vigente con interventi minimi PD tocchino soltanto il primo di maggio trans ed ho
Invece stabiliscono una percentuale alta per una soglia
Magari alta quaranta per cento quarantuno per cento dirsi voglia per fare scattare il premio di maggioranza o si può intervenire in maniera più pesanti e
Questi giorni dibattito è stato animato perché c'era
C'è stato un ci sono state forze della che sostengono l'attuale Governo che
Sicuramente al ho fatto
Hanno ipotizzato interventini inutilmente il PD
E su posizioni diverse
Supposizioni che per esempio sono molti progetti di legge
Anche da noi firmati anche in questa legislatura ci sono progetti ed in questa direzione
E invece anche insieme agli atti il tutto transitorie fino all'emanazione
La futura legge elettorale coerente con il sistema della riforma prevede il ritorno al Mattarellum poco comunque interventi
Sulla legge appare molto più incisivi
Su questo discorsi reale del tutto aperto e non è e non c'è un accordo e all'interno della maggioranza perché la discussione schizzi ancora avviata devo dire
Che queste ore discorsi settantotto caldo anche perché
Alla Camera e non al Senato è stata depositata una mozione che pone direttamente il problema il merito
Della contenuto della norma di salvaguardia quindi
A mezzo può alla prova va in legge in lì le forze di maggioranza perché li ha portati a discutere non come era previsto sulla mozione che insegna l'iter il di procedure della riforma sul ma sulla pelle
Sul contenuto al è una
Normativa riusciti ancora invece
Non c'è l'accordo di maggioranza ovviamente nelle prossime ore si dovrà trovare
Un rimedio a questa situazione
Che non era prevista
Ma
Perché lo dice al Senato così istruzione non si è proposta perché c'è circhi e sicuramente anche al Senato arricchite Repetti pensa
E
Tiziana ed urgente intervenire sulla legge elettorale di stesso sottoscritto una proposta di legge in questa direzione però
In questo momento la nostra attenzione è stata e assorbita del tutto dall'argomento procedurale che non è un argomento
Formale è un argomento sostanziale perché il segno che vorremmo dare al pensi ammesso domani riusciremo ad approvare
Voglio stare attenti
Questa mozione
E che Illy non si fa sul serio che questa maggioranza
Vale la pena di continuarla ad applaudirlo di appoggiarla di continuare a parla perché riesce a fare qualcosa che fino adesso non è stato possibile stare e depresso solo questa è solo un'urgenza e l'importanza dell'argomento ci consentono di parlare
La procedura straordinario speciale che dir si voglia
Perché buchi di antico su questo non c'è più l'unanimità nel dibattito politico né all'interno del dimmi anche all'interno
Complessivamente ci sono molti
Senza
E che si dice potremmo andare in gol centotrentotto ed inseguire
E ridurne l'iter
Previsto dalla Costituzione a quel suo e devo dire che di obiettiva lei
Che non è
Che lo spirito del centotrentotto e osservato è prevista la lettura allo più lettura prevista la maggioranza così qualificata come triste alti del del centotrentotto è prevista anche la votazione separata Camera e Senato
Ma risponderei però e avrei facile e spazio per fare una risposta che
Non è tanto semplice non è tanto facile la situazione che qualcosa di straordinari dobbiamo mettere e dobbiamo essere capaci di produrre la perché noi pensiamo reduci da un mese abbiamo buttato un Governo che non era l'intenzione di nessuno Atene perché un Governo con una strana maggioranza alle due forze intensi compact devono
Si contendevano la maggioranza sono oggi invece alleate il PD una strana maggioranza è perché siamo appena usciti come PD da una sconfitta sonora
E l'elezione del Presidente della Repubblica da cui siamo usciti soltanto
Votando le Giorgio Napolitano quindi diretti tutte il semplice
E che bisognerebbe che bisognerebbe vi è la strada
Ordinaria significa dimenticare troppo in fretta quanto è stato difficile la strada villini il percorso anche ordinarie Teramo davanti anche per la sola elezione del Capo dello Stato
C'è la questione del referendum vero perché il centotrentotto prevede
Tipo dire saranno invece si parla di un referendum diverso
Centotrentotto prevede il referendum soltanto quando la maggioranza per giungere a maggioranza dei due terzi nella mozione in vice prevediamo devoluzione che dalle direttive per l'area Perrella predisposizione della legge densità di legge costituzionale lo prevediamo prevediamo la possibilità
Si era parlato anche di obbligatorietà ma allo stato la produce sulla facoltà la ho colto e la possibilità di un nuovo referendum che del di chiedere anche da parte della stessa maggioranza un referendum confermativo anche
Seggi senza il voto del
Cella seri quorum del due terzi
Chiaramente era Giunto perché è questo perché nelle intenzioni
Della maggiore dell'attuale maggioranza locali scatterebbe di riforme talmente strutturali incidono eletti dimezzano che incidono notevolmente sul numero dei parlamentari si fanno più portano a scelte di governo che potrebbero essere completamenti diversi c'è riforme possibili importanti che è giusto anche che cittadini italiani intervengono dicono la propria votando a referendum
Per questo al salotto istituzionale che dovrebbe diciamo avere inizio interni riconduce dalla e giustamente
Proprio di per con le mozioni di domani
Si parla anche
I partiti in quanto il ruolo dei partiti lei ricorderà e anzi non si è scontrato ricorderanno consumo lei
Era in affari costituzionali la precedente legislatura
Alla Camera insomma di applicazione dell'articolo quarantanove della Costituzione ne avete parlato tanto a lungo in maniera approfondita democrazia interna ai partiti e poi c'è il
Il grosso capitolo del finanziamento no ai partiti questa è una discussione che è in corso e sul finanziamento
E i partiti vincoli che ci sarà molto presto
Una proposta
Per discutere anche questa Parlamento ma non non no allo stato della
Dell'accordo raggiunto non c'è questo argomento diversamente dettato dalla mozione
E non perché non ci sia l'accordo sulla necessità di dare attuazione all'articolo quarantanove ma perché semplicemente è un argomento leggermente legato
Finanziamento I partitiche a quest'opera di cui abbiamo c'era stata la legge che cui sarà diciamo al rimborso elettorale no diciamocela questo sarà approvato questo
Questa formula
Poi sono comunque si trattava sempre di una
Guardi ne abbiamo parlato poco in Commissione oggi anche con il Ministro Quagliariello non in relazione alla mozione ma la discussione più generale
E quello che posso dire e che si vuole togliere questa ipocrisia
Del finanziamento pubblico dei partiti perché più punti vendita in Siria può aggirato l'ostacolo di una
Ed è risultato del referendum dicendo non c'è più destra e non c'è più le finanziamento pubblico c'è rimborsi elettorali si vuole togliere queste quote di fondo e dovrebbe su è previsto No TAV spunti per un rimborso pezze e quindi ma spese realmente rendicontate attivi cioè i poligoni e quindi un rimborso spese in senso tecnico in senso stretto apre contigua del finanziamento dei partiti si interviene indirettamente non c'è non ci sarà non ci dovrebbe essere un finanziamento pubblico dei partiti anzi direi che non ci sarà un potenziamento pubblico dei partiti ma ci saranno dei meccanismi finalizzati a dirlo a agevolare
E lei le ha il percorso di finanziamento da parte dei privati quindi
La maggiore detrazione tutti meccanismi premiali che dovrebbero portare i partiti politici ad avere agghiaccia essa può di privati
Potrebbero essere anche
Quelli oggi si parla dell'otto per mille medi della devoluzione i diritti dei fondi delle nostre età se pare ovviamente parziale in una direzione un'altra una di queste direzioni una percentuale minima potrebbe essere quella dei partiti politici
Una questione diciamo tornando un attimo alla vicenda della legge elettorale perché allora Ministro Quagliariello addetto certo noi
Non CP che Remo la legge
Tora interna direi appunto
Non sarà poi la questione specifica in questo momento di quale legge elettorale scindere che ci porteranno un trovare un accordo ma secondo lei il problema
Ecco e tecnico oppure politico
Ammise potere lo dice una cosa precise il Ministro delle riforme e siccome la nuova legge elettorale della parliamo della legge elettorale quella regime
Il sarà una conseguenza anche delle scelte età tutte dice il Governo nonno questo problema del Parlamento quello che la norma transitoria un problema di tutti i politici e con questo dato anche la risposta perché per
Finisse Quagliariello ma anche per me e attenzione tecniche politica quindi devono essere
Dei pozzi di maggioranza a trovare una soluzione a questo problema che impellente e devo dire che da questo punto di vista punitive la nell'ordinanza
Dimmi se davanti alla Corte molto recente è stata depositata il diciassette maggio quindi è recentissima ma come spesso troppo spesso è successo in Italia
E devo dire e lo dico con dispiacere spesse la magistratura e in questo caso l'azione la corte e la Corte di Cassazione con un'ordinanza di rimessione davanti alla Corte costituzionale ma
Pulire purtroppo spesso è la magistratura che agevola in partiti politici né
Nel senso che rende necessario il raggiungimento di un accordo personalmente penso che l'urgenza non sia provvedere prima della Corte che è assolutamente una necessità è un'opportunità mai provvedere in tempo utile perché questo meccanismo delle riforme che sono molto delicato lo vediamo anche dal fatto che solo per ridisegnare l'iter si va a una mozione in qualsiasi momento Rizzo bensì un atto di indirizzo voglio dire che già questa sta creando qualche problema
Egli è la mia preoccupazione della provocazione nostra dovrebbe essere così ovvio cede se questo meccanismo delle riforme si inceppa visto che tra l'altro stesso letta ha detto che diciotto indizi e dato un termine di diciotto mesi
Edificare la serietà e il delle percorso di riforme cosa succede se il meccanismo si inceppa e si deve tornare precisi momenti al voto non si può votare con l'attuale legge elettorale quindi l'urgenza e questi