29MAG2013
intervista

Commissione Ue: la richiesta di chiusura della procedura di deficit eccessivo per l'Italia. Intervista a Paolo Guerrieri

INTERVISTA | di Claudio Landi ROMA - 00:00. Durata: 4 min 30 sec

Player
"Commissione Ue: la richiesta di chiusura della procedura di deficit eccessivo per l'Italia. Intervista a Paolo Guerrieri" realizzata da Claudio Landi con Paolo Guerrieri (senatore, Partito Democratico).

L'intervista è stata registrata mercoledì 29 maggio 2013 alle ore 00:00.

Nel corso dell'intervista sono stati trattati i seguenti temi: Commissione Ue, Crisi, Debito Pubblico, Economia, Finanza Pubblica, Germania, Governo, Riforme, Spesa Pubblica, Ue.

La registrazione audio ha una durata di 4 minuti.
00:00

Scheda a cura di

Valentina Pietrosanti
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Radio Radicale abbiamo qui cono il professor Paolo guerrieri senatore ma specialmente economista professor guerrieri e l'Europa sta per ufficializzare la Commissione europea la fine della procedura di infrazione nei confronti del nostro Paese per deficit eccessivo cambierà qualcosa in realtà per l'Italia
è una notizia importante è un passaggio importante però bisogna subito aggiungere che mi sembra che
Il Governo abbia fatto bene a precisarlo che non si tratta di risorse che ci verranno date si tratta di opportunità
Che si aprono di andare a negoziare per soprattutto il prossimo anno la possibilità di investire la possibilità di usare
Una serie di risorse per la crescita e fare in modo che vengano conteggiate non in maniera freddamente contabile ma come un investimento sul futuro quindi come dire sono delle chance che ci vengono
Concesse proprio perché abbiamo fatto i compiti a casa e ne abbiamo fatti bene però
Quello che va evitato sopra ogni cosa pensare che adesso abbiamo le risorse per finanziare questo questa speso questo tema non è che possiamo creare in allegramente nuovo disavanzo di bilancio assolutamente no anzi la per le opportunità sono proprio se noi dimostreremo
Che abbiamo delle proposte che significano
Investimenti che significano in qualche modo spese per la crescita sinceri presenteremo con con spese improduttive
Queste opportunità non si concretizza come fondi con tagli delle tasse mal messi perché se non vado errato l'Europa dice dovete tagliare le tasse sul lavoro
Tutto va commisurato sulle purché l'impatto che può avere su crescita occupazione queste sono il i parametri fondamentali quindi noi dobbiamo costruire delle proposte forti e soprattutto
Che abbiamo un loro cui visione di insieme che siano un piano che facciano in qualche modo vedere che c'è una strategia questo è la forza
Nella proposta e quindi le opportunità intanto si concretizzeranno in quanto questa proposta sarà appoggiata naturalmente a partire dalle forze la maggioranza che quindi non devono proprio adesso
Diciamo come dire discutere su un tesoretto che non c'è chi non ci sono e non ci sarà soprattutto professore recentemente i parlamentari del PD hanno incontrato c'era anche lei l'ha
Baci autore della Repubblica federale di germani ecco che impressiona ovviamente non le chiedo di dire quello che ha detto l'ambasciatore tedesco trote un diplomatico ma insomma che impressione ha avuto la Germania che atteggiamento nei confronti del
Ma è stato un incontro
Molto utile perché in qualche modo è stato ribadito e questo è stato riconosciuto tutti come
Questa fase che attraversiamo intanto riuscirà
A produrre poi una ritorno alla crescita in quanto l'Italia si impegneranno fortemente su riforme e quindi su
Piani come dicevamo prima
Per il rilancio di una crescita stabile e in qualche modo diversa dal passato però devo dire che è emerso anche un punto fondamentale
La Germania ha fatto ieri le le riforme necessarie all'inizio diciamo di questo secolo nel senso nel primo decennio
è chiaro ci riesce cancelliere sorridere e noi che abbiamo ricordato che quelle riforme furono fatte eravamo intorno al due mila e tre due mila e quattro sul
Spendendo il
Le famose regole del patto di stabilità e crescita in qualche modo facendo in modo che quelle regole Nostran volassero
E non soffocasse lo quelle riforme e quindi la Germania si prese i tempi necessari per poterlo fare ecco quello che gli è stato ricordato che quello che oggi si potrebbe fare e a usare la stessa flessibilità non non rispettare certe regole a fare in modo che queste regole siano compatibili con le riforme e su questo devo dire l'ambasciatore ha convenuto e ad ciò che
In qualche modo
C'è la possibilità di trovare ecco lungo questa strada che poi
Significa da un lato maggiori tempi però
Dall'altro maggiore rigore non c'è niente da fare quale serietà da parte di reddito degli dell'Italia queste patologie questo è il punto chiave che così vinceremo la diffidenza che c'è
Del cittadini tedeschi e quindi anche
Del Governo che il consenso di questi cittadini deve in qualche modo raccogliere io sono il professor Paolo perviene economista senatore del PD buon ascolto come sempre dare agli radicale