30MAG2013
dibattiti

Presentazione del libro: "Storia della magistratura italiana" di Antonella Meniconi

DIBATTITO | Roma - 17:00. Durata: 1 ora 18 min

Player
Presentazione del libro di Antonella Meniconi (ed.

Il Mulino).

Registrazione audio del dibattito dal titolo "Presentazione del libro: "Storia della magistratura italiana" di Antonella Meniconi", registrato a Roma giovedì 30 maggio 2013 alle ore 17:00.

Dibattito organizzato da Società editrice Il Mulino.

Sono intervenuti: Sabino Cassese (professore Emerito alla Normale di Pisa), Ernesto Lupo (primo presidente della Corte Suprema di Cassazione), Guido Melis (deputato, rappresentante del gruppo Magistratura onoraria del forum giustizia, Partito Democratico), Antonella Meniconi (docente di Storia
delle istituzioni politiche all'Università di Roma "La Sapienza").

Tra gli argomenti discussi: Csm, Giustizia, Istituzioni, Libro, Magistratura, Politica, Storia.

La registrazione audio di questo dibatto ha una durata di 1 ora e 18 minuti.

leggi tutto

riduci

17:00

Scheda a cura di

Valentina Pietrosanti
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Allora mio esempi non semplicemente
Un piccolo saluto un lieto benvenuto
Debbo dire che sono partitamente soddisfatto e anche un po'orgoglioso che questo libro venga presentato qua per vari motivi a partire dall'autrice che una
Delle più assidue frequentate dici rivesta biblioteca posso testimoniare che se non altro il lavoro sulle fonti stato eccellente
E tra l'altro frequentare Savio nega anche quando era semi pro invita dentro Palazzo Madama quindi
Merita una particolare apprezzamento
Per l'argomento del libro e per l'eccellenza dei presentatori perché in questo caso
Data la presenza
Del professor Cassese e anche il professor Manzella mi corre il ricordo
Di
Un giorno all'inizio degli anni Ottanta forza nascono doveva pubblico ispezione quando pressoché assente qui Melotti il Progetto delle Camere deputati di trasferire la biblioteca
Da
Montecitorio a via Dezza via del Seminario e io ero bibliotecario allora dei beni culturali la cosa mi
Struzzi con molto e questo mi servì come carica anche per fare il concorso qui
Il professor Manzella trainante per entrambi poi
Sempre coinvolti in questi anni di studi e documentazione biblioteche presso Manzella un bel giorno quando Gabriele Gaggia era trasferita e qui scrisse sulla Repubblica
Uno dei tanti suoi articoli dicendo ma perché due biblioteche parlamentari e questo servizio
Per andare andare io dalla allora ero non direttore ma
Consigliere anziano che la stessa cosa
Ancora dal presidente Morando
Della Commissione bilancio si occupava delle questioni e di sì ma vogliamo aprire questa porta
E aprendo la porta fra le due biblioteche tra Camera e Senato vedrà che le cose andranno avanti da sole e questo è successo dal due mila sette a oggi siamo
Un'unica biblioteca dal punto di vista
Funzionale
Con una differenza
Al loro l'attualità a noi il retrospettivo e infatti la storia d'amministrazione viene bene qui
E noi diciamo siamo come slogan la storia siamo noi l'urgenza
Ecco questo per augurare buon lavoro
Non so vi è stato affidato il compito di coordinare ma io non core dico nulla perché naturalmente siamo quale fra amici e faremo
Presentiamo la storia dalla magistratura italiana di Antonella Meniconi il Mulino Bologna due mila e dodici trecentosessantacinque pagine ora sentirete
Dai relatori quali sono le caratteristiche di questo volume e io do la parola volentieri al professore Sabino Cassese
Dunque
Storia dalla magistratura italiana trecentosessantacinque pagine ventisei euro il costo
Un gran bel libero un gran bel libro vale
Quello che costa
E
E dei idea
La prima storia completa della magistratura italiana e quindi
Non solo è un bel libro ma è anche il primo libero perché come d'altra parte è scritto l'autrice nelle prime pagine
Nonostante vi siano state numerose ricerche nessuna coperto tutto l'arco della storia dalla magistratura italiana
è una storia della conquista dell'indipendenza da parte della magistratura italiana
Una storia che è scandita della riassumo molto rapidamente
Fondamentalmente dalla
Conquista della rappresentatività nel senso però degli studiosi di scienza dell'amministrazione americana nel senso che cioè che
La magistratura nel corso di questi centocinquanta anni viene
Conquistando lentamente
Un rappresentatività della società italiana cioè all'inizio è una magistratura che rappresenta il ceto altoborghese
Ed è una magistratura tutta maschile
Alla fine di questo percorso e questo la Meniconi ce lo fa vedere passo passo
è diventato una magistratura a cui accedono tutti i ceti
Ed è anche una magistratura che rappresenta la diversità di genere
Non libero o si ricava anche un secondo aspetto di questa storia dalla magistratura e cioè il modo in cui si alternano le due grandi tensioni
Della magistratura nell'ambito della società e del corpo politico
La prima attenzione e quella
Conservatori e innovatori che si interseca con quella gerarchia parificazione dei giudici
E questa attenzione si va attenuando nel corso della storia mentre l'altra attenzione che è quella esterna
Politica e giustizia si va accentuato do nel corso della storia e questo è ancora un altro capitolo importante che illustrato molto bene
Come filo rosso all'interno del
Libero della Meniconi
Leggo la Meniconi che però è
Come dire ordinato intorno ai tre grandi capitoli i periodi liberale mille ottocentosessantuno ventidue fascisti o fascismo ventidue e quarantacinque e poi il periodo repubblicano
In questi tempi
Periodi dice l'autrice di questo libro
E le caratteristiche di fondo della magistratura sono state le seguenti primo nel periodo liberale
La magistratura è stata sostanzialmente divisa in due corpi alta magistratura bassa magistratura sono sostanzialmente due corpi separati e diversi secondo
La parte alta della magistratura dice la Meniconi è sostanzialmente parte
Della classe dirigente del Paese
E quindi anche nella magistratura si verifica il fenomeno delle che tanti hanno studiato per la burocrazia per gli amministratori pubblici il fenomeno del osmosi
C'è una forte gerarchia come conseguenza di una distinzione ad alta e bassa cara magistratura cioè
Un forte condizionamento
Che
Dice Meniconi stranamente viene detto
Più che un altro dalla gestione delle carriere e dell'assegnazione alle sei e di
Dalle testimonianze che sono raccolte dalla medico ne viene fuori
Come una delle caratteristiche fondamentali
Il potere di conformazione del vertice sulla periferia costituito dal fatto che il vertice può stabilire se uno va in una sede disagiata o una cede invece meno disagiata
Se il dato è la sede dove i figli possono andare a scuola all'università o alla sede dove i figli e non possono andare all'università
Queste le caratteristiche della prima fase
Nella seconda fase come emerge nella
Nel quadro presentato dall'autrice di questo libro
Vengono in luce
Primo
Che in fondo il fascismo ha intuito poco ha cercato poco digerire sì nella
Nella magistratura cercato poco di pesare nella magistratura
Aveva forzato però la struttura delle carriere e il concetto di gerarchia
Ha utilizzato epurazioni e trasferimenti per conquistare una sorta di conformazione della magistratura agli orientamenti prevalenti
è sostanzialmente c'è una forte continuità che continua
Nella
Fase successiva quella repubblicana
Dove le discontinuità sono sostanzialmente costituita dalla
Pulizia delle norme più invasiva dell'indipendenza
Dal CSM
E poi da quelle due leggi che vengono chiamate Breganze ebrei pensione sessantasei settantatré se non ricordo male che danno una conformazione su cui ritornerò tra un momento
Al
Assetto interno della magistratura
Che cos'è questo libro
Questo libro innanzitutto è un
Analisi della politica governativa nei confronti dei giudici e dell'ordine giudiziario e quindi analizzati i rapporti tra
La giustizia la politica e il Governo
In secondo voi luogo questo libro è una accurata analisi storica degli ordinamenti della magistratura italiana
Quindi Tel
L'assetto delle circoscrizioni l'inamovibilità alle sei di le carriere
I vari ordinamenti quello cortese del sessantacinque che lo Zanardelli del novanta quell'Orlando degli inizi del secolo quello Viriglio del primo fascismo
Quello grandi per non parlare di quelli ahimè minori del
Periodo repubblicano
Ma la cosa interessante è il modo in cui mi vanto della Meniconi riesce a
Come dire costruire su questa trama generale poi
Tanti approfondimenti che sono prevalentemente come dire biografici
E analizzano profili di magistrati episodi fatti che attengono
Alla alle condizioni di lavoro dei magistrati
Dai grandi nomi Ludovico Mortara Mariano D'Amelio ad altri nomi meno noti per esempio piloti che
Fa
Come dire fa dalle gambe tra la magistratura italiana e poi la magistratura
Europea ecco insomma l'impressione che ai lettori questo libro che la Meniconi Assores
Si è soffermata a lungo su quell'indicazione metodologica che dire da Flaubert nelle di occasioni Santi parentale quando dice bisogna che l'autore di un romanzo faccia in modo che
è gli sfondi non dico un rinnovo i primi piani ecco
Cioè riesce a collocare come dire nello stesso tempo la luce sia sul grande sfondo ma quello che abbiamo narrato così sinteticamente
Sia su questi primi piani perché vengono in primi piano primo piano tanti di questi personaggi che hanno
Arricchito la storia
Della magistratura italiana
E
Questo anche con delle ineguaglianza di trattamento del nel libro per cui in alcune fasi con questa analisi si amplia
Specialmente fascismo al post fascismo in altre analisi e più contenuta lì di petto questa analisi in cui si alternano lo sfondo l'ordinamento giudiziario dei rapporti tra politica e giustizia
E invece i primi piani i personaggi grandi magistrati
Che hanno dominato la storia dell'ordine giudiziario
Bambini con il fare una scelta metodologica all'inizio e la spiega
E io non la condivido del tutto che e quella da un lato
Di considerare
Solo la magistratura
Ma la magistratura che cos'è solo la magistratura civile penale
Ho ci sono altre magistrature quella che uno studioso recente inglese ha chiamato la biforcazione di alcuni Paesi insomma
Andate in Francia
Anche allora non sistema dualistico e chiedete è più importante da quell'accordo Cassazione con sentenza
E vi diranno che o si è detta non la Corte di Cassazione
Perché se sei acconsentita
Se il padrone del diritto francesi se se la Corte di Cassazione
No
C'è un ruolo completamente diverso questa biforcazione da un lato
Tra l'altro all'altra scelta metodologica che è stata quella che io capisco
Che di
Non considerare gli indirizzi giurisprudenziali
Quella di considerare per così dire la storia della magistratura come la storia dei magistrati e dell'ordine nel quale sono calati
Ma è che i magistrati nell'ordine qui sono calati esistono per dare un prodotto che si chiama sentenze e le sentenze si ordinano inno orientamenti giurisprudenziali
Giurisprudenza consolidata giurisprudenza costante che cosa vogliono dire
E qualche volta sono più importanti di un indirizzo governativo di un discorso di un Presidente del Consiglio dei Ministri di un discorso del Presidente della Repubblica lasciano tracce durano decenni sei commi qualche volta
Ecco
Nello stesso tempo in questo libro c'è un tradimento di questo programma perché poi quando uno va a vedere le cose che sono accadute dopo il fascismo dopo la rottura del fascismo vede che
C'è una pagina qui a dire di che dedicata alla famosa storia che qualcuno che ci ha qui più
Anni ricordava armata saga polo credenziali stanco
Se attiene alla condotta al prodotto dell'attività giurisprudenziale dell'attività dei
Dei giudici e quindi
In un qualche modo felicemente l'autrice
Tradisce il suo stesso programma dopo quell'ordine concentrarsi su
Chi
Sono stati i magistrati italiani
Come sono stati ordinati in
Quali sono stati i loro rapporti con la politica
Ed entra
Ma l'esempio di dell'Armata saga poi non è l'unico esempio perché c'è
Ci sono poi altre belle pagine sull'espansione dei diritti di libertà e del lavoro dopo il mille novecentottantuno
è chiaro che
Per uno che abbia affrontato centocinquant'anni note e un campo largamente inesplorato
Era molto difficile ricostruire tutti gli orientamenti giurisprudenziali dei vari giudici perché poi c'è come dire cento pluralismo giurisdizionale
E
Ed è chiaro che diciamo una ricerca di questo tipo richiederebbe tante ricerche di base per poter ricostruire le fondamenta di un edificio
Che ancora tutto da ricostruire però è anche vero che
Questo tradimento tradimento felice il perché ci consente poi di avere una conferma delle ipotesi storiografiche
Che stanno dietro alla ricostruzione dell'ordine giudiziario nella sua storia egli nella sua evoluzione legislativa
Da un lato e dall'altro delle politiche del Governo rispetto ai magistrati
All'ultima domanda vorrei cercare di rispondere che questa
Quando in magistratura ci consegna la storia così come raccontata da Antonella Meniconi
Provo a dare una risposta come elementi che traggo ed al libero dalle
Da da dalla come dire dall'analisi della
Della
Della situazione attuale della magistratura primo
Ci consegnano probabilmente è una conferma di una tesi che è esposta in un altro libro
L'equivalenza di questo libro qui te la vedi colpi e questo libro qui è un libro di uno storico francese Crinela e il secondo topo di un'opera intitolato le tate giustissimo
Sottotitolo si riferisce all'epoca contemporanea la tesi di questo libro è che noi stiamo assistendo grande trasformazione
E
Il passaggio da letta gratuita allettate giustissimo
Un ritorno all'antico un certo senso perché lo Stato di diritto sia affermato quando si è fermata la legge
E si è sostituito
A alla
Anzi
Ha diritto formato dai giudici noi
Io ricordo sempre ai miei colleghi che quando si parla dei TAR modellazione del CIPE bisogna ricordarsi che erano
Come dotato di uno
Corti di Parlamento
Quelli erano giudici non erano Parlamenti la parola Parlamento solo la seconda parte della loro denominazione
Ecco quindi questa è la prima riflessione nelle ultime pagine del libro delle Meniconi si apre su questo sfondo della magistratura attore fondamentale della storia dello Stato italiano le vicende odierne dello Stato italiano io
Su richiesta di un Centro di ricerca americana con Stefano Rodotà trent'anni baracca oramai anni fa abbiamo fatto una ricerca
Sul
Sui visti sistemi giuridici nella storia di una serie di Paesi purtroppo la ricerca
Ha dato luogo soltanto una ponderosi si banalizzi di tipo statistico
E
Indaghiamo su richiesta di due eminenti colleghi americani Lorenz prima nei giornali rimandando universitari Stamford faceva un'analisi di
Quante volte
Sui giornali italiani apparivano e in quale pagina notizie attinenti
Alla magistratura cioè
E
La successione in quegli anni quaranta cinquanta anni fa è una cosa impressionante si passava già allora da zero a ottanta
Noi adesso saremmo passati da zero a ottocento capito quindi questo
Primo elemento veramente importante su cui
Continuare la riflessione avviata da Antonella Meniconi
Seconda cosa che nasce da questo libro è un interrogativo banale ma
Che bisogna a cui bisogna dargli bisogna fare una riflessione su cui bisogna fare una riflessione
Antonella Meniconi ci spiega perché fornisce dei dati statistici molto interessanti per le varie epoche storiche che il sostanzialmente
I magistrati italiani erano intorno a cinque mila poco meno di cinque mila all'inizio della storia dalla magistratura italiana
Oggi sono raddoppiati o quasi raddoppiati
Alla popolazione italiana si è triplicata
Qui siamo passati da venti milioni a sessanta milioni
E
Rispetto alla triplicazione del del della popolazione c'è stata poi una trasformazione
Della nostra cultura diffusa cui siamo passati
Dal modello di tipo giapponese al modello di tipo americano cioè dal modello nel quale
I conflitti si risolvono non le corporazioni nelle famiglie nelle strutture
Al modello nel quale
Se qualcuno cade sulla casa di qualcun altro surplus scivolando sulla scala gli fa causa va bene perché quello succede in America va bene qualunque cosa succeda si si rivolge al giudice
B e dico fuori una magistratura reggere questo peso con queste dimensioni questo secondo me è un altro punto che emerge da questo libro terzo punto che emerge da questo libro
Qui si vede chiaramente non la storia che la Meniconi fa del rapporto tra
Ministero della giustizia C.S.M. il Consiglio Superiore della Magistratura si vede chiaramente che
L'esercizio ricito due pagine centoundici e duecento e otto per farvi capire poi i punti dove ci sono i riferimenti precisi che l'esercizio di funzioni amministrative da parte di magistrati
E quindi chiamiamola così l'occupazione del Ministero della giustizia da parte
Di giudici ti persone dalla carriera è servita storicamente a uno ma la cosa fondamentale alla carenza di un organo di reale di tutela dell'indipendenza della magistratura
La domanda che nasce dal nella testa delle torri di questo libro è
E perché ci è rimasto
Quando il Consiglio superiore della magistratura si è pienamente sviluppato quando l'indipendenza è stata costituita niente anomalie
Non è un'anomalia della separazione dei poteri non è un'anomalia che finisce per
Danneggiare la magistratura che così rimane coinvolto in tutte le decisioni amministrative in tutte le decisioni il ministro dico politica
Quindi e questa è un'altra considerazione che
Solo se si prende così dure Crivelli storiche se si torna indietro nella storia si riesce a capire l'anomalia di un sistema nel quale
L'indipendenza
Limite all'indipendenza perché è così
Accettando un ruolo diverso da quello del proprio del giudice dipendenti che si è dipendente veramente non fa parte di altri poteri quello esecutivo
E questo mi porta a un'ulteriore riflessione che cioè
Non stiamo assistendo a un ritorno all'indietro vi ho detto all'inizio che questa è una storia della conquista dell'indipendenza in realtà nel mio appunto lo scritto
Dopo una parentesi aperta retta che l'entità dell'indipendenza
Non si è mossi spendo ad una nuova perdita di indipendenza non senso di una relitto analitici iniziazione endocranica della magistratura che proprio perché
Come dire acquista questa visibilità finisce per
Riconquistare posti in Parlamento né i Governi
Con una presenza quasi necessaria
E quindi finisce per essere coinvolta con l'esercizio di altri poteri
E quindi a perdere indipendenza questa volta per colpa propria non per colpa oggi un potere politico che vuole intervenire vuole interferire ma per una
Colpa propria
Che anche se naturalmente questo riguarda più la
Quella che i francesi chiamano la magistratura la magistratura debbo dunque non quella assise Nordio blu perché l'accusa che sta in piedi non seduta perché giudice che
Che seduto dava la sentenza ecco io credo che
Questa
Questa questa
Come dire riflessione storica che ci porta anche sulle sui giorni d'oggi come ci conduce Antonella Meniconi in questo libro
Ci dovrebbe far riflettere su questi temi e contemporaneamente sugli altri due capitoli importanti che sono ancora aperti ed è la prima la
Come dire la perdita della visione della giustizia che
Qualunque dato dalla lentezza dei processi alla quantità delle questioni alla quantità delle questioni che sono portate
Davanti a alla corte di Strasburgo sono del sette stimoli anzi e del fatto che
Come dire
C'è una macchina che non cammina
E il fatto che questa macchina non cammini cioè che perda la missione propria
Un fatto che ci deve preoccupare che specialmente in un momento nel quale
E sapete se è una macchina un camminasse ci si rivolge ad altre macchine hanno perché bisogna pure andare da qualche parte e perché ci son tante persone si rivolgono
A Strasburgo perché tante tanti figli giudizi finiscono a Lussemburgo
Questo è un fatto che comincia a diventare
Preoccupanti
Questa è una cosa che dovrebbe come dire far parte di un
Del capitolo il futuro di un libro sulla magistratura e che naturalmente
Non può a questo punto
Semplicemente circoscrivere dal CSM considerato stranamente organismo esponenziale
Ahimè organo di autogoverno e così via
La soddisfazione di tutto come dire le sue aspirazioni che provengono dalla storia perché la storia poi prende altri andamenti prende altre altri percorsi
E purtroppo il percorso che ha preso è un percorso che ci riporta ad una ripuliti citazione a una perdita di indipendenza dovuta proprio a questa a queste anomalie
Nell'essere troppo asserragliati da un lato
E dall'altro troppo presenti e nell'opinione pubblica e nella
Svolgimento delle funzioni amministrative politica ecco quindi io ho l'impressione che questo libro sia importante non solo perché
Un'analisi storiografica molto interessante di una vicenda che nessuno aveva studiato fino adesso
Ma anche perché dalla sua lettura si traggono interrogativi che dovrebbero come dire essere presenti a tutti per le il futuro
Grazie al professor Cassese che non solo ci ha detto magari esemplare cosa c'è nel libro ma come sempre fa lo ha fatto parlare libro in qualche modo quindi
Credo abbia fatto un complimento all'autrice perché la buona storiografia è quella che non soltanto
Racconta gli eventi ma in qualche modo rimette
Attraverso una lente di ingrandimento le mette in condizione di suggerire riflessioni approfondimenti e nuove domande come hai fatto per
In effetti questo libro che parla molto alla contemporaneità anche sostanze o qualità però ora il presidente Lupo e insieme uno studioso è anche un protagonista di questa storia
Sebbene la STU e questa storia risalga poi un po'prima
Per la sua brillante carriera allo chiederemmo un giudizio come dire dall'interno ci interessa molto quello che deciderà
Grazie
Per l'invito
Che mi ha messo tutto
Data la possibilità di leggere
Questo volume che già era interessante quanto lo seppi dalla professoressa di questa sua impegno a stare a tracciare la storia completano sui italiana avvertì subito che implica un po'
Con i sistemi estremo esistono parecchie ricerche su periodi anche ampi ma una storia completa come diceva anche il professor Cassese poco fa della magistratura effettivamente non esisteva
Debbo dire che
Questo compiacimento per la scelta dell'obiettivo sia
Riempito a carico dell'interesse che la lettura del libro ha suscitato in me
Sembra che
Indubbiamente nel titolo credo che
Debba il titolo debba essere integrato per darne una rappresentazione precisa del contenuto
Perché da un lato
Concerne solo a me sta
Ordinaria utilizzava Magis ordinaria nel dice nella nelle prime pagine
L'autrice restano dei magistrati e dalla magistratura come corpo quindi sull'ordinaria che appunto il corpo ma
è un titolo ASP però che anche limitato rispetto al contenuto proprio della date percepito da quello che ha detto così in modo occulto
Il professor Cassese in realtà tratta attraverso la storia dalla magistratura ma David altri tempi per cui è un libro che è molto utile per una serie di altre storica approvato qui ad elencare e che
Ridoli o la lettura che ne ha fatto il polso Cassese mi ha confermato che effettivamente
Lo sto e sagge rammento quando annotavo qui
Che eletti vi sono indicazioni molto utili sulla storia dell'ordinamento giudiziario
Dice l'autrice che
Last l'organo giudiziario non voleva e non a voler non ha voluto fare una storia ma è stato ricostruito sullo spunto queste l'espressione che ho letto però in realtà è una ricostruzione che non è
Così solo tracciata in modo generico aerei diciamo sono indicate le varie tappe di ordine giudiziario
Con una indicazione poi quanto mai precisa sempre varie leggi i vari atti nota e sempre data dal da libro serio insomma c'è tutto con un'indicazione molto precisa e comprendo sono rimasto molto colpito
Delle indicazioni molto puntuali sulle circoscrizioni giudiziarie tema di tomaia attualità
E si scopre che dall'Unità d'Italia questo tema delle cinque sedi giudiziarie e stato se il tentativo
Che
E diciamo con obiettivi molto più ambiziosi di quello che poi
Non si è riusciti a fare quello che si è fatto è stato sempre ma molto molto meno di quello che ci si riprometteva di fare
è un po'ce la portiamo così un po'come palla al piede questa impossibilità di incidere in modo efficace sul
Ecco secondo cui effettivamente è una storia che risale già all'Unità d'Italia con questa difficoltà di incidere
Su questa assetto dello di amicizia
Io ho trovato anche indicazioni puntuali sulla storia dalla Corte di Cassazione
Si pensi a un anno ad esempio tutti i plessi menzionano citandoli si menzionano dicendo qualcosa a tutti i Presidenti della Cassazione che era come sappiamo Cassazione romana
Dal mille ottocento settantasei che fu istituita la quinta cortei di Cassazione con una legge del mille ottocentosettantacinque
Erano due Sezioni temporanea diceva questa legge ovviamente il temporaneo poi era smentito già era contenuto quindi si attribuivano a queste due Sezioni temporanee
Della Quinta Corte di Cassazione e la i conflitti di attribuzione e quindi chiaramente tutto era fuorché temporale
E poi Cassazioni unitaria italiana
Da quanto prima a livello penale dal mille ottocentottantotto e poi anche nel campo civile dal mille novecentoventitré se ha avuto la Cassazione unica
Ebbene tutti i Presidenti dal mille ottocentosettantasei al mille novecento settanta sono tutti indicati valutati
In questo volume per testo o nelle note ho trovato proprio avevo davanti in tutti i miei predecessori e ho visto che non ce n'era uno che era sfuggito all'analisi
Della della dell'autrice
Una storia del ministero e dei ministri della giustizia in quanto si è parlato da questo Cassese della rapporti politica giustizia ovviamente e viene fuori misto
è la carriera dei magistrati è la prima è stata nel periodo liberale fascista in mano a due istituzioni Ministero Cassazione
E quindi e anche un'indicazione dei ministri dalla giustizia ovviamente fatta sapientemente cioè con rinvio poi gli acconti di documentazione di ampliamento del del della
Dei vari Ministri c'è una storia dall'Associazione nazionale magistrati
A partire dall'associazione generale
Fra i magistrati italiani fondata nel mille novecentonove sciolta dal fascismo
E nel ventisei e e poi ripresa Coppito repubblicano Picco ci si ritrova si può leggere nel libro anche la storia di questo associazionismo dei magistrati
C'è un'analisi piuttosto accurata dei lavori della Costituente sulla
Magistratura
Su quella parte dalla Costituzione su quella Titolo relativo alla magistratura
E siccome le osservazioni che però non è facile fare ad esempio si nota un qualcosa che io vedo poche volte annotato e che se non
Invece è un elemento piuttosto importante per capire alcune parti della Costituzione italiana sulla magistratura
E nel libro della Meniconi è segnalato adeguatamente il fatto che
E che spero a mio avviso parecchie cose
Il fatto quando le dalla mi sa dire il fatto che
Il Presidente del comitato dei settantacinque utilmente con una figura fondamentale nei lavori della Costituente in generale e in particolare alla magistratura
Era contemporaneamente in quel periodo quarantasei quarantasette
Fino alla fine dalla promulgazione della Costituzione era contemporaneamente membro autorevole dell'Assemblea costituente e altresì il Presidente in carica del Consiglio di Stato un fuori ruolo
Presidente in carica
Il tempo a spiegare parecchio di quella scelta a mio avviso ma il mio giudizio non opportuna di aver costituzionalizzato
La doppia Magistratura perché quando prende un vincolo poi per il futuro perché poi le esigenze cambiano le posizioni soggettive si divaricano
Sices diversificano scusate rispetto all'assetto iniziale quella soprattutto a quello illegale la discriminazione alle figure di turisti mentre sta legittimo che sono qualcosa di tipicamente italiano che ormai a livello europeo è incomprensibile ecco tutto questo
Che sia stato costituzionalizzato a mio avviso è un fatto negativo e si spiega proprio per questi elementi di carattere personale ed accidentali così come la stessa Meniconi no
Ta opportunamente che c'è una ben sei magistrati ordinari che si aggiungevano appunto annuncio uniche anche al Consigliere di Stato Aldo Bozzi che affiancava
Ruini nella elaborazione dei lavori anzidetti scrissi esponeva di più era parlava più che non lo stesso ulivi
In tema di elaborazione poi dalla col della della della Carta costituzionale c'erano ben sei ma si parla di cui si ricordo soltanto Scalfaro che era quello più noto giovane magistrato ma c'erano ben altri cinque
Magistrati ordinari e tutto questo sono annotazioni che si trova nel libro voi capite in un libro che e così attento che appunto va affrontata darci queste indicazioni che
Normalmente non si ritrovano
E vi è infine una sala del CSM
Le prime quattro consigliature fino al mille novecentottantuno sono analizzate in modo estremamente dettagliato con un esame di quello che hanno fatto con valutazioni di queste quattro consigliature
è certa poiché e lo impone un po'il limite del libro un libro di storia non di attualità
Però preciso subito poi
La compensazione lo Stato che credo che ci sia stata una scelta dall'autrice di non approfondire poi
Illustri a noi più vicini
Perché effettivamente fino agli anni Ottanta il
Il libro e analitico poi
Un po'veloce in questi anni a noi più vicini però la padronanza di problemi
Della giustizia problemi attuali come annotato il professor Cassese che del riprendano il tema la FIBE sono proprio la padronanza viene fuori da parte dell'autrice in queste pagine finali
Che sono dedicate proprio alla alla giustizia oggi in cui Si.S.E. enunciano in maniera estremamente puntuale e se a mio avviso condivisibile i problemi di fondo dalla giustizia lo ha detto già il professor Cassese Lerner riprendano il podio alla fine il
Infine
Mi sembra che
Last but not least vi è una
Informazione bibliografica
E di normazione di legislazione che è molto utile per qualunque ricerca si voglia fare in futuro io credo che sia anche uno strumento di consultazione utilissimo
Per chi vuole affrontare e approfondire alcuni di questi temi
Dei
Se è come stare a Mantova in senso ristretto in senso molto ampio la provvista istituzionale e credo che troverà comprometterne qui indicazioni estremamente puntuali precise che possono essere la base
Per un'ulteriore ricerca certo non c'è questo va benissimo non c'è la
Giurisprudenza ecco è una storia delle istituzioni puntuali sua come corpo nei rapporti con le altre istituzioni questo è sostanzialmente il libro però io credo che
Come ha detto anche il professor Cassese pensare a fare un lavoro sulla giurisprudenza
Debba essere Esseneto fatto su singoli settori non si possono pensare di fare un discorso che tocca l'intera giurisprudenza e quindi credo che
La scelta della professoressa Meniconi sia stata molto utile perché a LEA permesso di arrivare a questo risultato che per lui e un risultato estremamente interessante che riempie un vuoto
Qual è
Dopo aver sottolineato la struttura organica molto organica del testo è diviso in tre parti le tre per i tre privo di di cui parlava il professor Cassese ciascuna dettate divisa in tre capitoli quindi anche dal punto di vista così della struttura esteriore ha una sua organicità apprezzabile
E qual è l'esito pure io mi sono chiesto quello che chiede si chiedeva il professor Cassese ma qual è l'esito della storia dalla magistratura oggi cosa ci dice
Cosa ci porta a pensare chi esamina questa storia nei centocinquanta anni
Diciamo di vita della magistratura indubbiamente è verissimo è sorto oggi abbiamo un nuovo modello di giudice
Qui mutuo l'espressione proprio della Meniconi sicuramente capace sommossa Tannaule di combattere le tre emergenze negli anni recenti il terrorismo la mafia la corruzione
Soprattutto colpisce
Per voler delineare questo nuovo modello la distinzione sul superamento della distinzione che ha caratterizzato sia all'epoca liberare sia l'epoca fascista sia
Il diciamo il perito iniziale repubblicano fino all'inizio del funzionamento del Consiglio sulla messa a dura
Delle superamento della distinzione tra alta magistratura integrata nella classe politica e tassa magistratura come status enormemente differenti io ricordo che nel sud ragazzini su quelle un alto magistrato
Si diceva ecco io mi sa dire o perché altri perché sottolineare questo altro magistrato oggi lo capisco perfettamente
Perché vi era una differenza abissale travolta e passa magistratura ed è uno status proprio completamente differenti e in questo status vi era l'integrazione ne do dell'alta magistratura nella classe politica e non senatori facevano parte parecchi ministri dalla giustizia sano cioè un'integrazione piena tra magistratura
E classe politica
Questo è un po'oggi il risultato di questa storia dicendo cinquant'anni
Però a questo punto e qui vengo alla qualità perché non sono stati quindi lungi da me fare valutazioni approfondimenti sul piano storico solo uno operatore pratico operato in concreto fino a qualche giorno fa
Nella misura ordinaria consiglio superiore quindi
è chiaro che la parte che più minime in due più sono portato esprimere delle opinioni e sulla parte dell'attualità
Ecco ma io resto sorpreso nel constatare che nonostante questa Lupi instaurazione di un nuovo modello di magistrato
Permangano due caratteristiche che mi sembrano da sottolineare
è una lettura di questi del di queste due caratteristiche avevo qui scritto coincide proprio con un
Quello che sentivo dal professor Cassese ma parlo parto dalla prima
Si sottolinea nel modello burocratico della magistratura questa bassa magistratura che cercava di far carriera il carrierismo
Dei magistrati carrierismo che accomunava la passa che ovviamente cercare di migliorare le sedi
Migliori e alterata magistratura che si trattava di conseguire punto grosse lotte per le promozioni
Io dico noi oggi abbiamo un nuovo modello di magistrato abbiamo mai stato indipendente nessuno status
Però
Il carrierismo non è scomparso
Quando io penso e
Guido Calvi Nicotra mi pare mi potrà dare un
Fa essere testimone la lotta a tutti e che via e quelli posti direttivi
Al Consiglio superiore lotta davvero accoltello
E me lo dico ma allora questo carrierismo non è scomparso
Perché la cosa strana e voi sapete che cosa venduti non è che dal posto direttivo consegue un guadagno maggiore
Che il trattamento economico è sganciato dalla dalla carriera cosa somme ottimale dovrebbe nome apportare più dovrebbe ecco farsi operare il carrierismo purtroppo questo
Sociologicamente qui non faccio valutazioni faccio un'osservazione non è scomparso perché quando andiamo come Consiglio superiore a conferire un posto direttivo si scatena la bagarre
E quindi lotte enormi e quindi credo che purtroppo nonostante il nuovo Governo di giudice questo però volendo si porti ancora in sé questo carrierismo che viene deprecato viene sottolineato dimostrato
E deprecato giustamente del volume per la Meniconi
Esse conta caratteristica che vivono qui segnato il cimitero il cui sono in sintonia con del professor Cassese c'è questa
Diciamo aspirazione di parecchi magistrati
E in particolare
Dei pubblici ministeri
Verso l'attività politica
Cioè questa integrazione questo rapporto politica giustizia
Che è una caratteristica dall'alta magistratura ecco oggi temo che non sia scomparsa sono mie valutazioni per amor del cielo quindi prendetele con tutta l'opinabilità
Che è che ovviamente questo tipo di considerazioni posso citare è una mia personale impressione che punto sono riflessioni che ha fatto
Leggendo questo volume ecco questo rapporto politica magistratura nel senso di
Aspirazione del magistrato a farla diventare un uomo politico
Ecco questo non è scomparsa sia allargato anzi a questo punto oggi forse e chiude la nostra Magistratura enorme se vogliamo fare un pantano col
Nelle funzioni precedenti e quelli attuali
E ecco non so che poi comporta questo protagonismo mediatico di magistrati in violazione del dovere di riserbo che ancora scritto nelle leggi di ordinamento giudiziario
Ed ecco il perché perché il protagonismo Porta a Porta all'asta le famose quindi poi a diventare personaggio politico a fare politica
Quindi questa integrazione politica magistratura che invece e qualcosa di opposte ovviamente all'indipendenza e l'indipendenza per nulla si può perdere dall'interno significa distacco dalla politica
E al trapianto è fin troppo evidente che il magistrato segue essere imparziale ed abbiamo il PM che ha lo stesso status del giudice quindi anche per il piano
Il discorso in Italia almeno ha una sua validità
Per non può essere parte non può coincidere con una parte così come
Dato costituzionale a cui attribuisco ancora più importanza la prima disposizione dalla Costituzione richiama di magistratura
E che la giustizia e amministrata il nome del popolo italiano Guido Calvi mi ha sentito più volte fare questo richiamo io ci credo molto che è un dato testuale della Costituzione la prima norma della intera in Costituzione il centouno quella donna
La giustizia emessa dei nove commi dall'otto a saper dire il nome da qui mi sono chiesto dall'articolo significa il nome del popolo italiano
Significa che è anche per l'esterno
Si emana una sentenza in nome dell'intero popolo quindi non può coincidere questa espressione questo presentarsi del giudice sia o del pubblico ministero in nome di una parte del popolo italiano parlano significa tutto quindi da qui deriva
Anche un una rilevanza giuridica della imparzialità del magistrato della necessità che si
Rimango sentenze che anche apparentemente provengono dal popolo italiano Comes ai esteriorità
Quindi nuovo modello la magistratura secondo l'ordinamento indubbiamente vero
Bloccasse seria il partito proprio dice ma questa storia conquista dell'indipendenza però ecco il problema rilevante oggi e che questa indipendenza
Non la si perda e la si mantenga con comportamenti che siano coerenti con quello che è l'indipendenza implica
Avevo detto e con questo il punto che ma avevo apprezzato la capacità della autrice di
Parole già i nostri problemi anche se il volume appunto scorre veloce su questi nostri
Diciamo inizio del secolo attuale anche
Ultimi uno due lustri del secolo precedente
Vi leggo soltanto i difetti attuali della giustizia che sono indicati alla fine del volume a pagina trecentocinquantuno dice la Meniconi restano sul tappeto
Che proprio delle delle ripeto perché secondo me proprio mette davanti in modo estremamente consapevole
E centrato e quelli che cui leggo oggi occorre affrontare in dubbiamente eleganti questioni della denegata giustizia
Se pensiamo alla tutela dei consumatori e nel penale la tutela delle vittime dei reati credo che davvero ci sia un problema di denegata giustizia
La biblica durata del processo civile e penale e di oggi
Leggo sui giornali che l'Europa tali prescrizioni che ci impone e che la giustizia civile cerchi di
Diventare
Dalla durata meno biblica la barocca complessità delle procedure effettivamente è verissimo è una
Sono procedure che hanno parecchi aspetti di barocchismo
La compressione in alcuni casi di diritti della difesa
Un molta cautela piuttosto formalistica di questi diritti per cui
Vengono per certi aspetti super protetti ma su un piano alcune volte formalistica altre volte invece non vengono adeguatamente protetti il peso assillante
Dell'arretrato
Che è il punto forse oggi che un Governo dovrebbe affrontare prioritariamente
Ecco io direi che è proprio questa chiusura
Di questo volume sulla storia ci FARC toccare con mano quello che diceva
Del professor Melis commentando l'intervento del professor Cassese è un volume che fa storia ma che ci richiama in modo estremamente concreto all'attualità
Grazie
Grazie Presidente questa lettura così attuale e al tempo stesso così approfondita naturalmente adesso a me
Per me il compito e sia più facile più difficile molto quasi tutte le cose più importanti sono state dette in questi due splendidi interventi quindi Mickey mi però a
Lavorare come dire ai margini
E a indicare alcuni temi il primo tema che voglio indicare ed addetti ai lavori me lo consentirete questo è un libro fatto eminentemente negli archivi
E questo la differenzia dalle altre storie della magistratura disponibili in libreria perché le altre storie della magistratura pur
In alcuni casi anche altrettanto ambiziose per
Avere abbracciato periodi lunghi e non hanno questa caratteristica
Antonella Meniconi affatto per alcuni anni è un mestiere che gli archivisti e i dirigenti dell'Archivio Centrale dello Stato presenti in sala
Conoscono bene è un mestiere faticoso perché è un mestiere da esploratore ci si cala nelle
Carte anche più antiche o anche delle più recenti c'è anche un problema di archivi
Contemporanee disse disponibilità di archivi contemporanei video sia una cosa si riteneva che non esistesse un fascicolo personale Gaetano Azzariti
Antonella Meniconi accordi a scrivere segno un minuto il piccolo merito di avere scoperto questo questa questo fascicolo in un luogo dove in definitiva non doveva essere perché avrebbe dovuto essere
Insieme agli altri presso l'Archivio centrale dello Stato ma il disordine delle Carta dell'amministrazione italiana frutto a sua volta di una storia
Perché nulla accade per caso anche la conservazione delle carte attiene in qualche modo
Hai pregi e difetti di un apparato amministrativo il disordine
Dell'amministrazione italiana nella sua storia ha fatto sì che questo fascicolo quella trova ha proceduto per indizi finché non l'ha trovato con testardaggine anche non soltanto con perizia
Archivistica mi né mi corre l'obbligo di fare un nome qua che non è stato ancora fatto se fosse vivo sarebbe seduto tra di noi forse avrebbe perfino scritto il libro prima di Antonella parlo Di Pietro Saraceno che è stato iniziatore
Di questi studi di storia della magistratura contemporanea in Italia
Applicando un metodo che in parte Antonella seguito quello del che lo chiamava il metodo prosa programmatico che mirava appunto a valorizzare l'esperienza che risaltava dalla biografia dei magistrati
Proprio sfruttando questi fascicoli personali Pietro ha censito per primo aprendo le carte per la prima volta una per una
Togliendo la polvere dalle che dare data i frontespizi il primo versamento Antonella potuto grazie
Al lavoro che hanno fatto gli archivisti italiani in questi anni sfruttare il versamento secondo il versamento Taranto quindi ha potuto lavorare su una un campione di di di di fascicoli che è triplicato rispetto a quello di Saraceno
E questo spiega anche perché come insieme tre Pietro sia dovuto fermare quello affermato purtroppo la morte ma si è dovuto fermare
A risultati molto meno significativi qua si è potuta davvero ricostruire una storia molto più approfondita è molto più più cospicua
Poi lei si è trovata anche di un'esperienza che è stata qui citata marginalmente anche da Sabino Cassese che sono gli studi fatti nell'ambito dei lavori sulla magistratura del Consiglio di Stato perché
Antonella fatto parte di quello staff o che
Ha prodotto in due Tolomeo un credo abbastanza importante dizionario storico dei Consiglieri di Stato italiani quelli appunto o si è potuto sperimentare tutta una serie di metodologie di tecniche anche di
Lettura dei dati
Che in parte mi sembra sono Norris unite in questo volume che quindi è il volume di una storica matura che ha alle spalle come dire
Lasciatemelo dire una
Esperienza insomma perché nulla si improvvisa in questo come tutti gli altri campi io parlerò solo di quattro cose è ne parlerò molto brevemente la primarie
La legislazione sulla magistratura la seconda è
La chiamerò la sociologia dei magistrati ma vedrete che ci metterò in mezzo ci mettono dentro più cose la terza e la cultura dei magistrati la quarta il rapporto tra i magistrati e la politica la legislazione
Sabino Cassese ha citato le leggi cardine ci sono alcuni grandi architravi che sono ammirato centosessantacinque mila ottocentonovanta riforma Zanardelli mila novecentosette Orlando
Il mille novecentoventitré o Viriglio il quarantuno grandi attori mettiamoci pure questo sessantasei settantatré che tu citavi si somma che però il rispetto agli altri fa la figura del nano rispetto a
Hai monumenti questi monumenti badate arrivano tutti in ritardo
Una caratteristica che colpisce in questa relazione e che è una legislazione che arriva a cose fatte
Cioè l'ordinamento vanno alberi arriva quando ormai molti di quei problemi che già Nardelli affronta si sono consolidati e si sono sostanzialmente già imposti
Orlando arriva un parecchio in ritardo rispetto ai problemi della sua il popolo figlio che scritte che fa le sulla sua legge nel ventitré in realtà non è un legislatore fascista è un legislatore posto liberale
Come spesso accade al fascismo primo fascismo
Grandi
Legiferano il quarantuno posto che si tratti di una legislazione fascista poi Antonella Meniconi fa vedere anche
Le contraddizioni le luci ed ombre dell'ordinamento grandi che non a caso poi può essere depurato di alcuni aspetti riproposto anche in epoca costituzionale comunque grandi arriva tardi quarantuno il fascismo è finito sostanzialmente
Cioè questa grande opera che avrebbe dovuto darci la magistratura fascista arriva quando il ventennale fascismo e concludo forse grandi non sapeva immaginava
Un'altra un secolo tutto fascista come si chiamava dire allora però certamente arriva tardi per questo elemento come si potrebbe dire di a simmetria
Cronologica è un elemento molto significativo un altro elemento che io trovo in questa legislazione e c'è un forte continuità tra una legge una legge l'altro
Cioè c'è una ripresa
Che naturalmente in ognuno di questi testi di allora invertita oppure viene in parte corretta viene in parte emendata ma c'è eccome un'ossatura che scende direttamente
Dal testo e sessantacinque arriva molto lontano cioè c'è una lunga durata
Molto molto il molto significativa e molto interessante che forse in altri Paesi non c'è altrettanto come in Italia questa forte
Questa forte e comunque istinto di conservazione del legislatore se ultimo annotazione su questo primo tema della registrazione c'è poi una sterminata micro legislazione
Perché a fronte di questi monumenti cioè una in ogni epoca una sequenza di atti normativi magari minori che non slash non ci sta realmente sono leggi
Si governa molto la magistratura per circolari si governa molto la magistratura per decreti ma c'è una sterminata produzione che riguarda che cosa riguarda prevalentemente non
Le modalità diciamo così
Fondamentali DNA dell'ordinamento riguarda la carriera riguarda le retribuzioni riguarda questioni diciamo così Prati
Naturalmente le questioni pratiche non sarò io a dire che le questioni l'articolo sono importanti perché è importante io giudice venga pagato in un modo oppure venga pagato in un altro
Ne va anche della sua indipendenza naturalmente non mi sfugge ma c'è una legislazione diciamo così
Che se è sempre molto cospicua rispetto alla rarità degli interventi di carattere generale delle grandi riforme ecco le grandi riforme sono poche
La micro legislazione sulla sugli aspetti quotidiani della della del della della magistratura e soprattutto sul personale qui c'è un nesso
C'è una un ritorno di quello che diciamo sempre per la pubblica amministrazione in genere la legislazione sulla pubblica amministrazione se si va a fare un calcolo molto molto rozzo Hammer mettere sulla bilancia i chili legislazione ci accorgiamo facilmente che una legislazione prevalentemente sul personale
Cioè non abbiamo fatto
Tante e tante pagine di leggi ma i Parlamenti sono occupati prevalentemente dal personale sono rarissime gli interventi generali sull'ordinamento e questo spiega molto anche della crisi dei nostri apparati
Amministrativi anche in questo caso degli apparati giudiziari secondo tema la sociologia dei magistrati
Un dato colpisce nel libro di Antonella la forbice che all'inizio è molto est è molto ampia tra
L'alta magistratura e la Bassa magistratura in termini di stipendi poi si riduce cioè avviene anche qui quello che avviene anche nel pubblico impiego in genere la piramide delle origini dove pochi venivano pagati molto
In testa
E molti venivano pagati poco Ai piedi a un certo punto diciamo già alla fine Ottocento somiglia un parallelepipedo che si sta ingrassare nudo perché la zona intermedia sta assumendo sempre più preminenza sulla zona
Sui piani più elevati e quindi un'alta magistratura che è pagato do che non ha un
Un un forte una forte un forte spread come si usa dire oggi
Con la media magistratura e naturalmente un'altra magistratura compagine
Perché intanto non fa parte necessariamente delle élites del Paese
Abbastanza precocemente ne diventa una zona marginale e poi non ha naturalmente quella
Possibilità
Anche relazionale che avrebbe ed è mossa da quello che diceva il presidente Lupo tutta questa spinta almeno fino a che non si arriva poi alla
Agli automatismi alla
Identità delle retribuzioni questa spinta nasce proprio da lì
Una parola sui capi nettisti che sono molto presenti del libro quanto è la Meniconi segue molto questa fascia di magistrati che lavorano presso il Ministero il Ministero viene ben presto colonizzato
Dalla magistratura e lei dimostra abbastanza bene come
In varie epoche anche durante il fascismo quando c'era un potere politico forte
Terminato almeno a parole chi fa normalmente il governo della magistratura cioè chi governa le carriere chi governa
I trasferimenti chi governa la vita reale
Del magistrato sono prevalentemente colleghi che siedono
Penso il ministro
Neppure troppo il fondo non può neppure Rocco a la capacità di guidare e di selezionare la magistratura italiana secondo una chiave più volte proclamata che quella della sua fascisti esazione
Perché chi fa queste cose si chiama saltelli
Parlo sorpresi chiamerà in altro modo ma sono personaggi che siedono
Un po'fuori dai riflettori siedono però negli uffici che contano dei gabinetti ministeriali quindi è un corpo che si autogoverno per quanto riguarda questi aspetti di carriera e questi aspetti
Internet terzo punto la cultura
Anch'io ho consegnato il tema
Molto importante naturalmente della giurisprudenza devo dire che questo tema della giurisprudenza è un tema
Che affanna gli storici delle istituzioni perché fu anche un tema posto ai tempi della del degli studi sul Consiglio di Stato
Allora grazie alla esperti ISEE al il suggerimento all'incoraggiamento di Giuseppe Barbagallo che siete qui e che è stato un coautore di quel dizionario anche se non vuole che si dica
Allora lo risolveremmo in qualche modo attraverso
Una non so se poi riuscimmo a risolverlo insomma attraverso una lettura perlomeno delle sentenze dei vari Consiglieri biografa ATI
Presenti nelle riviste
Giuridiche
Era già una selezione arbitraria perché loro mi insegnano che le riviste giuridiche operano una selezione che non ha detto che sia quella poi più significativa perché corrisponde a dei criteri che possono anche non essere obiettivi
E poi in ogni caso avremo noi saputo leggere oltretutto eravamo tutti storici e poco giuristi avremmo saputo leggere quelle sentenze in una chiave
Beh se davvero ragione dell'intra verità è che questa questione si connette a un problema di organizzazione della ricerca perché poiché si tratta di grandi quantità di materiali perché è chiaro che se si può fare quello che tu giustamente dice
Cioè individuare per esempio
Un indirizzo giurisprudenziale che modifica da modifica la storia della legislazione per far questo occorre naturalmente mettere in campo mezzi
E anche esperti assai superiori di quelli che impone può essere la buona volontà e la testardaggine di una singola ricercatrice e questo effettivamente è una lacuna che permane ed è una lacuna metodologica
Io penso che sia tanto più grave perché molti indirizzi normativi in Italia sono
Preparati predisposti dal lavoro della magistratura
Perché quando abbiamo studiato la storia dall'Amministrazione ma anche se si studiano alcune grandi legislazioni di settore degli inizi del novecento per dire no
Tutta la la la nuova legislazione che si connette con la prima industrializzazione italiana la legislazione che si connette per esempio alla produzione dell'energia che è un campo di enorme interesse già in quegli anni
La il controllo delle acque salto delle acque la produzione dell'energia il carbone bianco l'esproprio nell'ambito della
Del delle delle fonti energetiche di allora ebbe lì la giurisprudenza
è come il pioniere che va avanti nell'veste insomma non è con l'unità i territori poi dopo arriva il legislatore molto dopo
Diciamo francamente
Se noi guardiamo
A quei settori a quella è il diritto al lavoro per esempio è uno di questi settori no detto e l'amore tutto preparato da una giurisprudenza che poi in qualche modo viene raccolta
Ieri sistemati risata ma dopo legislatori arriva sempre per secondo
Quindi è particolare sarebbe particolarmente interessante capisco andrà la domanda ma i giudici italiani nel produrre giurisprudenza sono stati innovatori o conservatori
Hanno
Soltanto come dire
Rimesso a punto
Schemi mentali o figure giuridiche o istituti che appartenevano alla tradizione giuridica italiana o sono stati capaci di leggere la novità tenti appariva sulla scena
Di quegli anni
Di trasformazione e dare a questa novità una sua sistemazione
Questo è un tema
E potrebbe essere oggetto noto nell'anche di futuri studi approfondimenti anche in altra forma l'ha detto che siano sempre scrivere libri così densi e importanti ma certamente
Questo è un grande tema su al quale bisognerebbe rispondere perché attraverso la risposta a questa domanda
Noi possiamo stabilire se la magistratura in Italia ha avuto un ruolo innovatore ho avuto un ruolo conservatore tutto il tema del rapporto magistratura fascismo è molto delicato sotto questo profilo
Perché quel giudice
è in qualche modo esercitò nei confronti delle
Proclamate velleità rivoluzionari del fascismo un'azione di freno era
Un giudice che guardava all'indietro verso metà liberale e che difendeva i valori delle tali Perale o non era un giudice che non capiva in alcuni casi casi in alcuni settori in alcuni momenti
Non capiva la novità
Era insita in certi interventi economici penso per esempio a quella che
Tu Sabino ha chiamato la programmazione economica del fascismo cioè la nascita dello Stato imprenditore la
Lo sviluppo lì rispetto a tutto quello
Non abbiamo avuto una magistratura un po'un po'cieca un po'
Un po'con la testa rivolta indietro
Questo è un tema diciamo così che meriterebbe studio graficamente di essere approfondito ultimo tema è il rapporto con la politica qui c'è come una fisarmonica perché non c'entra molto con le leggi e
Non c'entra molto con la proclamazione dell'indipendenza che riappare nei grandi testi normativi la verità è che la prassi che poi determina in alcuni momenti che la fisarmonica si estende quindi politica
E giurisdizione si separano
E sono lontani e in altri momenti si avvicinano
C'è un passo di una di un saggio di Enrico Gustapane che io vi voglio leggere perché è sintomatico siamo nel mille ottocentonovantatré crollo della banca romana
I mandati di cattura e gli ordini di perquisizione di sequestro riguardanti i dirigenti della banca accusati di avere stampato banconote oltre il limite stabilito dalla legge vengono emanati in una riunione notturna in cui ci sono Giolitti
Cioè
Il tre
Presidenti Procuratore regionale del re presso la Corte d'appello di Roma senatore Bartoli cioè il procuratore del re presso il Tribunale di Roma Barone dico e ci sono alcuni funzionari dello Stato che assistono Giolitti tutto questo avviene dello studio di Giolitti
A Palazzo Braschi dove le massime autorità della magistratura sia pure inquirente vero Gustapane mi fa notare perché ne abbiamo parlato in questi giorni
Mi fa notare che si tratta però di un periodo in cui il pm dipendevano dal dal Governo lo sappiamo
Però
Però però però insomma far riflettere questo no
Fa riflettere cioè in tempi di osmosi ci si poteva riunire senza nessuno scandalo dello studio del Presidente torba girati oggi una riunione di questo genere
Patto per lo studio campata dello studio il Presidente del Consiglio e dunque
Una fisarmonica che netta liberale conosce una certa modulazione
Ma il fascismo nel fascismo questa fisarmonica che il regime vorrebbe restringere in realtà resta ragione Sabino resta abbastanza abbastanza ancora come dire pesa
E nel posto fascismo ci sono tutta una serie di casi e di momenti in cui di volta in volta a seconda
Della la verità è che quello che conta in questi casi è l'equilibrio politico generale
Conta l'equilibrio politico generale perché la magistratura che non ci immaginiamo presidente Lupo sempre
Nella veste del sacerdote ditemi come si dice innocente quindi fuori da qualunque influsso faccia magistratura è una cosa laica che sente le voci del mondo
Positivamente spesso perché raccoglie queste voci del mondo e sa dare risposta attraverso la giurisprudenza
Ai bisogni e che venga provengono dalla società talvolta anche negativamente perché sento insieme le voci del mondo mescolate
Le voci del potere e le voci del potere la magistratura italiana le ha sentite tante volte da questo libro emerge insomma in maniera vistosa un altro un altro caso mi ha colpito con il vescovo di Prato
è quello del del vescovo di Prato che aveva additato come concubini due poveretti cari convivevano senza il matrimonio e che fu un grande scandalo degli anni Cinquanta
Che poi si rifugia riflettendo in tutta una serie di altri
E venti successivi oppure il caso Montesi che che Antonella anche città in quel in quel capitolo certo ci sono tanti di questi casi in cui
La la magistratura questo quindi diciamo anche dal punto di vista la politica naturalmente poi
Cioè lei l'epoca più contemporanea
Campanella devo dire su questo mi ha consultato e io ho mi darai atto che ho molto insistito io avrei voluto che
Prima è se ancora dieci pagine sulla loro sull'oggi
Perché lei oggi è molto interessante
Lei se la cava dicendo una cosa che io condivido pienamente cioè
Che la magistratura in tre grandi emergenze nazionali lo dice negli ultimi pace esso il terrorismo
La lotta alla mafia lacca grande criminalità organizzata e la la la lotta alla corruzione in queste tre grandi emergenze nazionali la magistratura esercita un ruolo
Che di supplenza
Perché c'è una latitanza totale degli altri poteri in particolare della politica
Meno del terrorismo ma clamorosamente addirittura con casi di connivenza nel caso delle della mafia
E anche nel caso della corruzione perché addirittura la politica sta dall'altra parte del banco l'incapacità della politica in questi tre casi di
Come dire di legiferare cioè di dare una risposta in termini in termini prettamente secondo i propri principi all'emergenza pronuncia poi
Un ruolo di
Supplenza un ruolo di supplenza che inevitabilmente è anomalo perché inevitabilmente finisce per essere anche patologico
Quindi e qui c'è un un punto fondamentale che attiene al gioco dei portieri come dicevamo molto meglio di me Sabino Cassese
Che è il fondamento però è questo il tema oggi insomma è troppo significativo che il libro si chiuda su questo è si chiuda su questo squarcio
Forse diciamo un aggiornamento del libro un secondo volume dovrebbe dedicato ai nostri anni dovrebbe partire da qua il problema è di
Che ciascuno torni a fare il suo mestiere questo il problema vero in Italia credo e se non si otterrà questo
Temo che
Le previsioni i due elementi critici che si sono manifestati anche di recente tenderanno a diventare
A diventare patologici
Grazie
Però adesso
Precisa e come del resto abbiamo piacere che sia tutti credo io do la parola conto nella Meniconi perché dica quello che vuole naturalmente può e anche non rispondere alle cose che sono state dette anzi forse non
Non è che non è non è necessario pitture rispondano al punto per punto ma ci interessa molto per impressione hai avuto dittatura ricerca e quali sono i
Punti salienti che vorresti sottolineati
Grazie diciamo che in un'occasione come questa l'autore dovrebbe tacere ascoltare
Imparare perché veramente c'è stato molto da imparare permessa sera e intanto urge chiaramente ringraziamenti e tutto quello che avete letto il libro e per l'apprezzamento che avete Espresso
Poi devo fare alcuni investimenti che mi sento veramente di fare prima di cominciare un po'entrare nella nel merito di alcune osservazioni
Intanto lo ringraziare il soprintendente vecchio centrale dello Stato che è qui presente Agostino Attanasio la dottoressa fa è che la responsabile dei fondi del Ministro della giustizia perché mi hanno aiutato in tutta la ricerca anche oltre diciamo
Il loro dovere istituzionale così come vorrei ringraziare il direttore la biblioteca Sandro Bulgarelli e quindi
Sono legata anche di amicizia
E e tutto il personale biblioteca che qui ci ospita per l'aiuto che veramente è stato fondamentale in alcuni momenti critici del libro elusa qua lì
E e poi non possono rivolgere un ringraziamento alla casa editrice il Mulino che mi ha pubblicato e al dottor Berti che qui Presidente proprio per
Anche
Tutto la l'incoraggiamento per la pubblicazione del libro e chiaramente a tutti voi che siete stati così gentili da partecipare a questi questa presentazione
E
Solamente due osservazioni o tre forze su quello che è stato detto che veramente molto impegnativo insomma rispondere partendo dal fatto che questo libro di storia e quindi
Volutamente non trincee fare io ha cercato di sottrarsi allora cosa che implicita che c'era molto forte del problema del rapporto politica magistratura dei nostri giorni
Cioè io penso che questo possa aver preparato anche un discorso più avanti su questo argomento su cui tornerò alla fine quindi è stata una scelta
Ovviamente consapevole anche perché io penso che gli storici debbono comunque in una certa distanza qualità gli eventi che si verificano fatti influenzare dei propri
Credo
Politici in qualche modo
E uno punto su cui volevo anche sottolineare all'attenzione di biografie dei singoli magistrati che sottolineava Guido Melis che è un po'
Una indirizzò anche di una nuova storiografia secondo me istituzionale e giuridica no l'idea che sono importanti le istituzioni ma sono importanti gli uomini
Che dentro di questa si muovono e viene in mente una poesia di Pasolini a proposito reputo avesse avuto più coraggio Miss mettere
Come epigrafe ma non l'ho avuto era leggo adesso dico solamente appunto che nella poesia tra su Manara organizzare lui definiva in modo molto ironico ovviamente le istituzioni commoventi
Perché gli uomini si riconoscono in esse
E perché la vita lumi verità non si distingue da esse quindi se come l'intreccio qualità punto istituzioni uomini è una cosa col cercato di mettere in rilievo poi non so se ci sono riuscita anche nel loro svolgimento drammatico qualche alcune di queste vicende
Specie nei momenti
Critici della nostra storia hanno avuto
Il secondo punto uno dei l'ATC di Rossi è stato detto anche dal professor Cassese
è il tema della continuità degli uomini cioè il problema che molte vicende personali e molte si tutti diciamo vicende ordinamentali
Travalicano il periodo in cui sono pensate in cui sono emesse e le vite degli uomini appunto attraversano in cui alcuni casi si è il periodo di liberale portando con sé i valori
Che vengo dal suo stato di diritto tradizionale ottocentesco sia diciamo e quindi sono invece
Riportano nella mondo del regime e sia poi alcuni di questi attraversa un antifascismo arrivano nella Repubblica
Quindi veramente ne abbiamo nella sala la magistratura pensa anche incassare ovviamente delle altre amministrazioni
Una la continuità che è una continuità che trascende il dato giuridico il dato solamente istituzionale ma un dato anche l'ideologia di pensiero che si rompe solo negli anni Settanta secondo me
Ho la
Pieno rivendicazione dell'applicazione della Costituzione che è il vero
Diciamo Marvelli ordinari la svolta decisiva secondo me in tutto
Nel campo anche giurisprudenziale e la criticare accolgo e ne faccio tesoro era molto difficile
Entrare nel merito della giurisprudenza il PAI civile penale quali argomenti scegliere sono stati fatti degli studi in questo negli anni Settanta appunto c'è uno studio di governatori molto bello
Che prendo ad esempio l'atteggiamento era giurisprudenza nel fascismo e più liberale sui reati politici alla si poteva scegliere una dizione così però appunto di una sintesi
Questo era molto complessa insomma da fare però è chiaramente un'osservazione che condivido
E vengo un po'appunto all'argomento Compostatori preso da tutti dal presidente Lupo e da danno Guido dal professor Cassese
E il tema della conflitto tra politica e magistratura un tema che viene da lontano addirittura viene dal mille ottocentoquarantotto non era finito neanche
L'applicazione approvazione lo Statuto Albertino è già pegni Sardegna non ancora Italia si discuteva di questo tema di quanto
I magistrati potessero essere presenti in Parlamento essi dovessero essere vagliati uno per uno per aderire o meno al nuovo Stato italiano la nuova Costituzione italiana quindi un tema che viene
Molto da lontano e anche qui secondo me il conflitto
Politica magistratura è un conflitto che viene invece da più vicino questo diciamo politicizzazione di ritorno come si diceva in fondo era
Viene anche questa forza dagli anni Settanta dall'idea che
In assenza di altre svolte più significative i magistrati hanno svolto un ruolo molto importante nella società italiana
E l'hanno svolto proprio in piantina chiari l'adeguamento all'ordinamento perché non ci dimentichiamo che appunto e negli anni settanta che c'è un adeguamento tutta la legislazione penale di tutte le diverse materie ambiente di lavoro
Un lavoro oscuro ma compiuto in prima persona dei magistrati da alcuni magistrati ovviamente non
Si debba entrare nel merito e vedere quali
Da questo secondo me da questo lungo dall'ONU in questa lunga vita nasce questa a supplenza che sfocia poi un conflitto molto drammatico secondo mettere le istituzioni italiane
E però appunto su cui mi riservo di visti esprimermi in un'altra nata fede ringrazio ancora tutti
Ringraziamo il più ringraziamo il quinquennio ringraziamo ancora Antonella Meniconi questo bel libro e speriamo di vederci presto leggetelo legittimamente
Con grande vantaggio