31MAG2013
intervista

Intervista ad Enrico Zanetti sulla disciplina tributaria delle società di comodo ed il regime presuntivo

INTERVISTA | di Federico Punzi RADIO - 21:09. Durata: 9 min 38 sec

Player
"Intervista ad Enrico Zanetti sulla disciplina tributaria delle società di comodo ed il regime presuntivo" realizzata da Federico Punzi con Enrico Zanetti (deputato, Scelta Civica con Monti per l'Italia).

L'intervista è stata registrata venerdì 31 maggio 2013 alle ore 21:09.

Nel corso dell'intervista sono stati discussi i seguenti temi: Agenzia Delle Entrate, Beni Immobili, Berlusconi, Bilancio, Deficit, Economia, Finanza, Fisco, Governo, Impresa, Imu, Italia, Lavoro, Letta, Mercato, Monti, Parlamento, Politica, Prodi, Produzione, Tasse.

La registrazione audio ha una durata di 9
minuti.

leggi tutto

riduci

21:09

Scheda a cura di

Enrica Izzo
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Siamo con l'onorevole ricorsa netti deputato del gruppo di scelta civica la Camera il vicepresidente della Commissione finanze onorevole Zanetti in settimana
Senta da in Commissione un'interrogazione a risposta immediata sulla disciplina tributaria della Città di Como dei DRG me presuntivo che in tale ambito è previsto
Pratica parliamo di famosi studi di settore
Ma è rimasto insoddisfatto dalla risposta del Governo al quale rivolto l'accusa piuttosto pesante cioè che si stanno in pratica taglie Giandoso imprese su basi in Bill immaginarie per imposte che non sarebbero dovute quale spiega i nostri ascoltatori la questione in termini meno tecnici possibili e perché è importante
Guardi indubbiamente questo è uno di quegli argomenti che in quanto molto tecnici è difficile riuscire a far comprendere all'opinione pubblica generale e a tutti coloro i quali non sono addentro alla materia e proprio per questo queste sono le classiche materie
Dove si possono mettere in piedi i meccanismi estremamente stanno così
Nello specifico avviene all'interno e non va tanto al Governo attuale perché la situazione si è creata con norme che sono state introdotte nel due mila sei all'epoca c'era il Governo Prodi nella caldissima estate
Del due mila e undici quando ostava vacillando l'intero impianto dei conti pubblici e c'era il Governo Berlusconi
è chiaro però che nell'istante in cui il Governo ha dimostrato di avere consapevolezza che nella risposta che mi è stata data del problema ora bisogna andare a risolverlo cerco di spiegarlo brevissimamente
Società di comodo sarebbero le società che anziché esercitare una reale attività imprenditoriale gestiscono in modo appunto o strumentali e agli interessi dei propri soci una serie di beni classicamente ad esempio i beni immobili
E si usano schermo societario magari anche per fruire i vantaggi fiscali
Per questo motivo esiste una disciplina apposita che essa ha reso comune che determinate società siano di comodo se non raggiungono un livello di cali almeno pari
A quello che si calcola applicando dei coefficienti di rendimento presuntivo al valore complessivo degli dei seduti non raggiunge quel livello vuol dire apertura talvolta il pacchetto attività di impresa con cui vedi lista i gestendo di comodo per i soci
E tutto chi sia per carità questa disciplina che consente di seminare in partenza una serie di situazioni il problema qual è
Pietrangelo mila esteri che poi quindi le undici si è andati ad aumentare in modo eccessivo questi coefficienti di rendimento presuntivo tale per cui la soglia che fa scattare la presunzione di non operatività
Era già all'epoca un po'troppo elevata e oggi che siamo in tempi di crisi elevatissima
Utilmente o ad esempio presuntivo del sei per cento sul valore di un immobile oggi è completamente fuori mercato e pieno di società
Che non sono assolutamente di comodo ma che purtroppo rientrano all'interno di questa disciplina che fa scattare tutta una serie di penalizzazioni e di maggiori imposte rilevanti quindi ci sono ancora le imprese delle imprese che in realtà
Semplicemente sono in crisi non fanno utili ma comunque producono qualcosa comunque sono di al
Diciamo
Hanno come scopo quello di produrre qualcosa che ricadono in questa questo incontro con l'esatta è proprio così perché perché in questo momento in cui efficienti sono troppo alti non basta
Come dire svolgere un'attività a valori di mercato per essere sicuramente esclusi dalla presunzione
Dopodiché è vero che è possibile ottenere la disapplicazione della presunzione presentando un'apposita istanza di interpello l'Agenzia delle entrate per spiegare guarda che anche se non supera questa soglia
Non è che sono ricordo non ce la faccio per questo questo e quest'altro motivo
Il punto è che queste tante ovviamente oltre a comportare degli oneri amministrativi comunque sempre presenti nell'istante in cui si va a richiedere dovendoci anche avvalere ovviamente di persone capaci di farlo
Altan volta no vengono accolte non per cattiva fede ma perché non sempre riescono a leggere bene le situazioni anche qui in realtà dovrebbero essere accolte e così una serie di soggetti che non sono di comodo rientrano comunque in quella di città gli organi dell'azione occhietto e così com'è stato fatto per gli studi di settore in periodo di crisi si vada ad attirare per abbassare comunque efficienza di riportarli su valori più consoni al mercato in modo tale che la presunzione rimane per quelle situazioni scandalose
Con ricavi bassissimi rispetto ingenti patrimoni che effettivamente possono dare l'idea successo
Ma materiali oggetto
Togliamola girone infernale questa relazione tra l'altro
Tra l'altro questo tema quello della disciplina delle società di Comuni Sant'di comodo se non sbaglio
Viene anche affrontato nella legge delega fiscale che tra breve riprenderà il suo percorso in Commissione finanze se già fatto un'idea del testo rimasta in sospeso la scorsa legislatura e dei miglioramenti che si potrebbero apportare che la Commissione potrebbe apportare
Guardi difetto che è rimasto in sospeso dalla passata legislatura un nuovo impeto in ciò che tratta ma tetto un po'deludente per la sua mancanza di organicità complessiva nel senso che
Viene definita legge bellica di riforma del sistema fiscale un provvedimento che invece mira ad apportare una serie di modifiche cultura IVA è rilevanti e ben congegnate per carità
Ma non inserite poi un vero e proprio quadro organico di riforma complessiva
è una sorta di
Manutenzioni straordinarie dell'esistente nata però delle
Il
Mentre una riforma intendo prende presupporre il passaggio al sistema nuovo e possibilmente più efficiente però è già un primo passo importante
Insieme a quello posso dire con soddisfazione che andremo a discutere anche il disegno di legge specificamente mirato sul contratto l'abuso del diritto cioè l'illusione
Che io ho presentato nelle passate settimane e che completerà per l'appunto indire legge-delega dando attuazione a un problema molto sentito oggi dalle impresa dei contribuenti ma anche tramite la finanziaria
Cioè riuscire a individuare bene cosa illusioni Corsano
Perché in questo momento c'è invece un'incertezza tale che non si sa più bene code lecito cosa non è lecito e questo è un freno al mercato e alle operazioni veramente rileva certo non svantaggio per tutti sia per la ministra
Non è che arretrare le imprese riguardo il capitolo che dovrebbe far parte anche se delle legge-delega fiscale delle agevolazioni fiscali delle spese fiscali se non sbaglio non impegna però il Governo utilizzare
Gli eventuali risparmi dalle minori spese fiscali per ridurre la tassazione
Allora per poter agire oggi sulla riduzione della pressione fiscale ricordo il nome che abbiamo de necessità chiaramente di andare a recuperare risorse con riduzioni dispensa
è vero però che abbiamo anche un po'di margine che impattato non abbiamo avuto
Perché l'uscita dell'Italia dalla procedura di infrazione per eccessivo deficit CIDA effettivamente in prospettiva tra fine due mila tredici due mila e quattordici
Una possibilità che non avevamo da tanti anni di fare anche un po'di politica Bilancio espansiva e quindi riportare Linda deficit fino a ridosso della soglia fatidica del tre per cento
Il che vorrebbe dire poter comunque gestire circa una decina di miliardi di riduzioni di imposta non necessariamente coperti da sospese
Riguardo a questo
Secondo me è importante dire due cose una spero che al di là di quelli che sono stati gli slogan elettorali del passato non concentreremo non appare è troppo rilevante di queste risorse sull'IMU degli esiti delle illazioni l'hanno fatto i suoi stessi né proporremo alcune al decreto che adesso
A si comincia il suo iter di conversione ma non si possono concentrare troppe risorse sul rilievo perché bisogna invece puntare con decisione sul lavoro e produzione altrimenti
Avremo presto italiani con case declassate ma anche con nessun'altra prospettiva che restarsene accada e questo pensa che gioca a sfavore di tutti non lo dobbiamo rimanere aggrappati agli slogan elettorali è un'altra cosa che ci tengo a sottolineare perché secondo me
è importante anche nell'ottica di una visione complessiva di come sono andate le cose
Ecco
Questo Paese è dal due mila sei che non ha potuto aprire delle politiche di bilancio e facilità se dal due mila e sei che prima il Governo Prodi ha dovuto aumentare di molto la tassazione poi dal due mila otto due mila undici Governo Berlusconi
Si è fatto vanto della rigore anche se ha portato avanti a colpi di tagli lineari poco qualitativi
Nel due mila edotti anche Monti ha dovuto completare quest'opera di politica del rigore dove sta la differenza che il rigore del Governo Prodi ha prodotto il Governo il rigore del Governo Berlusconi quello Berlusconi rigore Governo Monti
Il rigore al Governo Monti invece ha prodotto un decreto che ha restituito quaranta miliardi di risorse finanziarie alle imprese e oggi ci
Per circa dieci miliardi di spazio di mobilità finanziaria credo che queste cose verificano pratiche dicono molto speriamo che che che
Il nuovo Governo non supino
Vito e questa questa opportunità che ringraziamo l'onorevole Zanetti è buon lavoro
Grazie a lei a tutti deputato