12 NOV 2001

Intervento di Marco Cappato su Europol e la costituzione di squadre investigative comuni

STRALCIO | - Parlamento Europeo - 00:00 Durata: 4 min
A cura di Andrea Maori
Player
Registrazione video di "Intervento di Marco Cappato su Europol e la costituzione di squadre investigative comuni", registrato a Parlamento Europeo lunedì 12 novembre 2001 alle 00:00.

Sono intervenuti: Marco Cappato (parlamentare europeo, Lista Bonino).

Tra gli argomenti discussi: Arresto, Consiglio Europeo, Controlli, Diritti Civili, Emergenza, Europol, Magistratura, Parlamento Europeo, Penale, Polizia, Stato, Terrorismo, Unione Europea, V, Vigilanza.

La registrazione video ha una durata di 4 minuti.

Il contenuto è disponibile anche nella sola versione audio.
  • Marco Cappato

    parlamentare europeo (Lista Bonino)

    Signor Presidente, difatti mi rivolgevo a lei per chiederle se effettivamente siamo stati onorati dell'arrivo del Consiglio. Giusto per notare e per far notare che abbiamo tenuto questo dibattito in assenza del Consiglio, che ci ha raggiunto solo ora, giusto per capire, per renderci conto in che considerazione vengono prese le decisioni, i dibattiti di questo Parlamento - la traduzione in 11 lingue, gli emendamenti tradotti in 11 lingue, gli interventi tradotti in 11 lingue - che non servono assolutamente a nulla! Stiamo parlando del mandato di coordinamento delle polizie europee esteso ai più gravi crimini, quindi di fatto sappiamo che coordinare delle informazioni di per sé è un potere operativo e che la distinzione tra poteri di coordinamento e poteri operativi è una distinzione molto, molto sottile, vaga e difficile; stiamo entrando pertanto nel pieno del merito delle politiche di polizia e di cooperazione di polizia degli Stati membri: le implicazioni sono enormi per i nostri paesi, per i nostri codici di procedura penale, giacché sappiamo quanto variamente le polizie, in ciascuno dei quindici Stati membri, sono o non sono sottoposte a dei legami con il potere giudiziario, a dei legami con il potere esecutivo. Bene, tutto questo avviene invece in assenza totale - ripeto, totale - di un intervento nel processo legislativo, nel processo in cui le leggi si formano, in assenza totale di assemblee democraticamente elette. Sappiamo che il Commissario è d'accordo - sappiamo, sappiamo - però sappiamo che, nel nome dell'urgenza, dell'emergenza e dell'efficienza della lotta contro il crimine, stiamo spazzando via di un solo colpo qualsiasi equilibrio tra i poteri. Il funzionario del Consiglio arriva qui tranquillamente a dibattito ormai ampiamente in via di conclusione. Le cose che stiamo dicendo e decidendo, le cose che stiamo votando non servono a nulla, tant'è che la stessa Presidenza ha ritenuto di convocare questo ed altri dibattiti contemporaneamente alla riunione della commissione competente, la commissione per le libertà pubbliche, nella quale si sta votando adesso, in questo momento. Per questo, i due deputati non iscritti e gli altri tre o quattro colleghi che sono in Aula stanno perdendo il voto sul terrorismo, sul mandato di cattura europeo per questa scelta, io dico coerente con la scelta del Consiglio di non essere presente, coerente con il metodo legislativo dell'Unione europea.
    0:00 Durata: 4 min