18 NOV 1999

Intervento di Maurizio Turco sul piano d'azione europea in materia di lotta contro la droga

STRALCIO | - Parlamento Europeo - 00:00 Durata: 2 min 37 sec
A cura di Andrea Maori
Player
Registrazione video di "Intervento di Maurizio Turco sul piano d'azione europea in materia di lotta contro la droga", registrato a Parlamento Europeo giovedì 18 novembre 1999 alle 00:00.

Sono intervenuti: Maurizio Turco (parlamentare europeo, Lista Bonino).

Sono stati discussi i seguenti argomenti: Commercio, Commissione Ue, Controlli, Corte Dei Conti, Criminalita', Droga, Olaf, Onu, Parlamento Europeo, Produzione, Proibizionismo, Traffico, Unione Europea, V.

La registrazione video ha una durata di 2 minuti.

Il contenuto è disponibile anche nella sola versione audio.
  • Maurizio Turco

    parlamentare europeo (Lista Bonino)

    - Signor Presidente, come ha ricordato la relatrice, la Commissione europea sostiene che, per il piano di azione e di lotta contro la droga del periodo 1995-1999, né gli strumenti normativi né i programmi sono stati oggetto di una valutazione sufficiente. E' quindi impossibile determinare in quale misura gli obiettivi fissati siano stati realizzati. Dato che stiamo parlando di lotta contro la droga, la comunicazione della Commissione non si trova all'ordine del giorno della Corte dei conti o magari dell'OLAF, ma appunto di questo Parlamento. Quindi, cari colleghi, al di fuori di qualsiasi logica, vi apprestate a riconfermare per i prossimi cinque anni le strategie del piano precedente. Sarete tutti d'accordo - destra come sinistra - perché quando si parla di droga vi limitate ad avere delle semplici divergenze di opinioni, e nessun gruppo ha il coraggio di proporre strategie alternative. La stragrande maggioranza di voi, infatti, quando si parla di droga, rinuncia ad essere persona di governo che, di fronte ad un problema, cerca di risolverlo e, se la soluzione non ottiene effetti positivi o è controproducente, come in questo caso, cambia politica. Voi non volete prendere in esame la possibilità di cambiare la politica proibizionista sulle droghe perché imponete come scelte politiche scelte e convinzioni morali che attengono alla coscienza di ogni individuo. Su questo tema, insomma, impedite un dibattito vero, scientifico, laico, scegliendo un'impostazione etica che si rivela frustrante, impotente e fallimentare: fallimento che cercate di giustificare con la mancanza di risorse finanziarie. Ma quanto costerebbe eliminare il traffico di droga, traffico che secondo le Nazioni Unite rappresenta l'8 per cento degli scambi mondiali? Vi rifiutate di fare una valutazione costi/efficacia perché dovreste ammettere che con la vostra politica avete dato in monopolio alla criminalità il controllo della produzione e del commercio di alcune sostanze.
    0:00 Durata: 2 min 37 sec