23 APR 2008

Intervento di Marco Cappato sulla situazione in Birmania

STRALCIO | - Parlamento Europeo - 00:00 Durata: 2 min 26 sec
A cura di Andrea Maori
Player
Registrazione video di "Intervento di Marco Cappato sulla situazione in Birmania", registrato a Parlamento Europeo mercoledì 23 aprile 2008 alle 00:00.

Sono intervenuti: Marco Cappato (parlamentare europeo, Alleanza dei Democratici e dei Liberali per l'Europa).

Sono stati discussi i seguenti argomenti: Birmania, Commissione Ue, Diritti Umani, Droga, Onu, Parlamento Europeo, Referendum, Traffico, Unione Europea, Vi.

La registrazione video ha una durata di 2 minuti.

Questo contenuto è disponibile anche nella sola versione audio.
  • Marco Cappato

    parlamentare europeo (Alleanza dei Democratici e dei Liberali per l'Europa)

    Signor Presidente, onorevoli colleghi, Signor Commissario Barrot, lei ha parlato di un approccio equilibrato. Devo dire, temo che questo approccio sia eccessivamente timido, perché innanzitutto ci sono delle informazioni che questo Parlamento avrebbe bisogno di sapere e cioè esistono degli strumenti dell’Unione europea per la promozione della democrazia e dei diritti umani. Sono dei nuovi strumenti e adesso non c’è nemmeno l’obbligo di avere il permesso dei paesi di dittature per poter spendere questi soldi. Allora o parliamo da spettatori di quello che succede, ma se parliamo, invece, da persone che si pongono il problema di che cosa si può fare, sarebbe importante per noi sapere – oggi – come stiamo spendendo questi soldi, chi riusciamo ad aiutare, come riusciamo a fare entrare informazione e fare uscire informazione dal paese. Per esempio, sarebbe importante riflettere su come vengono spesi i soldi sulla cosiddetta lotta contro la droga, che in Birmania vanno direttamente nelle casse del regime birmano per poter meglio reprimere il loro popolo attraverso l’Ufficio delle Nazioni Unite. Come Unione europea dovremmo porci anche questo problema. Il referendum, il referendum non è che non ha sufficientemente coinvolto le diverse parti come lei ha detto, il referendum è una copertura per meglio continuare a perpetrare il massacro dei diritti umani e civili in Birmania. Al rappresentante del Consiglio, signor Lenar?i?, volevo dire che essendoci stato un coinvolgimento determinante dei monaci nella lotta non violenta e avendo i monaci pagato di persona con la loro vita per questa lotta, credo che sia stato simbolicamente l’annuncio che avete fatto di non invitare il Dalai Lama a Bruxelles per il dialogo politico necessario con i paesi dell’Unione, avrà ed ha già un effetto negativo per la lotta non violenta del popolo birmano, in particolare dei monaci.
    0:00 Durata: 2 min 26 sec