07 MAG 2008

Intervento di Marco Cappato sulla politica dell’Unione europea, i diritti umani nel mondo e le missioni di osservazione elettorale dell’UE: obiettivi, prassi e sfide future

STRALCIO | - Parlamento Europeo - 00:00 Durata: 3 min 23 sec
A cura di Andrea Maori
Player
Registrazione video di "Intervento di Marco Cappato sulla politica dell’Unione europea, i diritti umani nel mondo e le missioni di osservazione elettorale dell’UE: obiettivi, prassi e sfide future", registrato a Parlamento Europeo mercoledì 7 maggio 2008 alle 00:00.

Sono intervenuti: Marco Cappato (parlamentare europeo, Alleanza dei Democratici e dei Liberali per l'Europa).

Sono stati discussi i seguenti argomenti: Commissione Ue, Consiglio Europeo, Democrazia, Diritti Umani, Elezioni, Nonviolenza, Parlamento Europeo, Unione Europea, Vi.

La registrazione video ha una durata di 3 minuti.

Il
contenuto è disponibile anche nella sola versione audio.

leggi tutto

riduci

  • Marco Cappato

    parlamentare europeo (Alleanza dei Democratici e dei Liberali per l'Europa)

    Signor Presidente, onorevoli colleghi, le politiche promozionali dei diritti umani passano innanzitutto per i poteri effettivi di politica internazionale della quale questa Unione europea si dota. Purtroppo troppo spesso, come anche la relazione che abbiamo approvato all’unanimità in commissione, troppo spesso la politica europea è in realtà politica degli Stati nazionali ed è difficile avere una politica europea sui diritti umani quando gli Stati nazionali fanno così tanto pesare i propri interessi nazionali. Però è anche vero che quando c’è la volontà politica, e a volte la si conquista anche grazie a questo Parlamento europeo, che pure non ha poteri di politica internazionale, si riescono a fare dei passi avanti importanti. Vediamo sulla pena di morte: tre risoluzioni di questo Parlamento europeo hanno alla fine un po’ trascinato e un po’ convinto una posizione europea importante per la moratoria sulle esecuzioni capitali conquistata a dicembre alle Nazioni Unite a New York. Vediamo come questo Parlamento ha proposto una politica europea sulla questione Tibet con la risoluzione che abbiamo approvato nella scorsa sessione. Esistono anche degli strumenti di diritti umani, ma troppo spesso l’Unione europea non rispetta la propria stessa legalità. Noi abbiamo clausole sul rispetto dei diritti umani in tutti i nostri accordi di cooperazione, eppure non abbiamo dei meccanismi efficaci di monitoraggio e di sospensione temporanea, perché quelle clausole davvero consentono di affermare il rispetto della democrazia nei paesi terzi. Noi molto spesso, come Europa, in questi anni abbiamo criticato gli Stati Uniti d’America perché la via di promozione della democrazia attraverso lo strumento militare si è rivelata inefficace. E questo è vero! Però è anche vero che noi dobbiamo dotarci di strumenti alternativi; non basta dire che le armi non funzionano, perché altrimenti cediamo nella tentazione pacifista, neutralista, ma diciamo semplicemente che rischia di essere oggettivamente utile per i dittatori. Allora l’arma che noi abbiamo individuato e che in questa relazione si dice esplicitamente – mi spiace davvero che in realtà ci sia un emendamento del gruppo socialista che vuole cancellare questa parte – è l’arma della non violenza, la non violenza ghandiana come strumento politico, non come richiamo folcloristico, non violenza fondata sul diritto, fare vivere il diritto, per la vita del diritto, per il diritto alla vita, fondata sulla conoscenza. La non violenza è anche una tecnologia e allora noi in questa relazione proponiamo che il 2010 sia nominato Anno europeo della non violenza, che l’Unione europea promuova con la Commissione e il Consiglio gli strumenti della non violenza aiutando i dissidenti, una politica attiva, aiutando le opposizioni democratiche. Questo è fondamentale per non rimanere semplicemente a una difesa formale dei documenti dei testi per i diritti umani, ma per fare vivere davvero i diritti umani nella realtà delle dittature e delle non democrazie.
    0:00 Durata: 3 min 23 sec