21 OTT 2008

Intervento di Marco Cappato su democrazia, diritti umani e nuovo accordo di partenariato e cooperazione UE/Vietnam

STRALCIO | - Parlamento Europeo - 00:00 Durata: 3 min 41 sec
A cura di Andrea Maori
Player
Registrazione video di "Intervento di Marco Cappato su democrazia, diritti umani e nuovo accordo di partenariato e cooperazione UE/Vietnam", registrato a Parlamento Europeo martedì 21 ottobre 2008 alle 00:00.

Sono intervenuti: Marco Cappato (parlamentare europeo, Alleanza dei Democratici e dei Liberali per l'Europa).

Sono stati discussi i seguenti argomenti: Commissione Ue, Consiglio Europeo, Cooperazione, Democrazia, Diritti Umani, Kok Ksor, Montagnards, Onu, Parlamento Europeo, Partito Radicale Nonviolento, Unione Europea, Vi, Vietnam.

La registrazione video ha una durata di 3 minuti.

Questo
contenuto è disponibile anche nella sola versione audio.

leggi tutto

riduci

  • Marco Cappato

    parlamentare europeo (Alleanza dei Democratici e dei Liberali per l'Europa)

    Signor presidente, onorevoli colleghi, Commissaria, Consiglio, c'è un negoziato in corso sul nuovo accordo di cooperazione con il Vietnam e credo che sia importante per questo Parlamento avere delle informazioni sull'oggetto di questo negoziato, in particolare sul piano del rispetto dei diritti umani e della democrazia. Non pretendiamo che attraverso gli accordi di cooperazione noi possiamo, con uno schioccare delle dita, ottenere miracolosamente il rispetto della democrazia, dei diritti umani, nel Vietnam o altrove. Quello che però la nostra legalità europea ci impone è di non accettare violazioni gravi e sistematiche dei diritti umani e della democrazia. Sappiamo che non disponiamo di grandi strumenti per imporre questo rispetto; sappiamo però che l'occasione di una rinegoziazione di accordi di cooperazione può essere l'occasione buona per ottenere almeno delle conquiste sulle violazioni più gravi e più sistematiche. Questo Parlamento, con una risoluzione che sarà votata domani, io spero possa suggerire alla Commissione e al Consiglio alcuni punti particolarmente gravi, che anche l'audizione della sottocommissione diritti umani del Parlamento, con personalità come Koksor , Vo Van Ai, compagni tra l'altro del Partito radicale non violento, ha messo in luce. Primo, la situazione dei Montagnard , della minoranza Montagnard , cristiani nelle colline centrali del Vietnam: continuano ad essere arrestati a centinaia e continua a non esserci un libero accesso alle colline centrali del Vietnam da parte degli osservatori internazionali e in particolare per le Nazioni Unite. Ora che il Vietnam è nel Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, questo non deve più accadere: le centinaia di prigionieri politici a questo punto devono essere liberati. C'è un problema enorme di libertà religiosa su cui il Vietnam deve dare una risposta prima che si firmi un nuovo accordo, in particolare il non riconoscimento della Chiesa buddista unificata. Si continua a tenere agli arresti Thich Quang Do, il leader di quella Chiesa e si continuano a tenere confiscate le terre dei cattolici. È ora che il Vietnam cancelli quelle leggi che criminalizzano il dissenso e le attività religiose. La domanda, quindi, Commissaria, Presidenza del Consiglio, è precisa: possiamo ottenere che questi problemi, almeno queste gravi violazioni dei diritti umani, siano risolte prima che si concluda un nuovo accordo di cooperazione?
    0:00 Durata: 3 min 41 sec