04MAR2014
intervista

Intervista a Mario Marazziti sul messaggio alle Camere del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano sull'emergenza carcere

INTERVISTA | di Giovanna Reanda ROMA - 00:00. Durata: 3 min 59 sec

Player
"Intervista a Mario Marazziti sul messaggio alle Camere del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano sull'emergenza carcere" realizzata da Giovanna Reanda con Mario Marazziti (deputato, Per l'Italia).

L'intervista è stata registrata martedì 4 marzo 2014 alle 00:00.

Nel corso dell'intervista sono stati trattati i seguenti temi: Amnistia, Camera, Carcere, Diritti Umani, Giustizia, Indulto, Minori, Napolitano, Presidenza Della Repubblica, Riforme.

La registrazione audio ha una durata di 3 minuti.
00:00

Scheda a cura di

Valentina Pietrosanti
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Mario Marazziti allora siamo arrivati finalmente al giorno in cui messaggio del Presidente della Repubblica ha avuto la possibilità di essere dibattuto anch'essi
Sulla relazione della Commissione giustizia
E due rinvii oggetto in tv certamente si vota le risoluzioni lei passato anch'prestiti ora di carica punte tutti fronte
Passa cosa possiamo aggiungere a un tema che sicuramente con lei abbiamo affrontato più volte
Ma intanto il tema
Del tempo sulla opportuno
Oggi approveremo
Delle risoluzioni che impegnano a
Accelerare tutto il sistema
Dei dispositivi stiamo mettendo insieme per
Riformare radicalmente più beccacce il sistema delle vene del sistema
Dell'arrivo
L'ideazione abbiamo fatto dei passi in avanti
Li abbiamo fatti
Sul tema delle autostrade cautelare abbiamo fatto tesi
Passi avanti serie
Sul tema della
Delle misure atte alternative abbiamo fatto delle pene alternative abbiamo fatto dei passi seri
Anche sul tema
Importanti del
Liberazione anticipata straordinaria speciale
Contrastando l'argomento surreale DDT gira un indulto mascherato universalistico in realtà quando il carcere funziona e c'è un patto educativo che funziona è utilissimo che gente esca anche prima in maniera automatica ottavo in un carcere dove due persone su tre che scontano tutta la verità ormai oggi
Sono riuscite
Dentro questo mancano ancora dei pezzi manca il primo pezzo che dobbiamo togliere questa vergogna che i bambini crescono in carcere
Le mamme turbamenti posta in comunità
Dobbiamo seriamente trovare un sistema per finanziare le comunità sul territorio qui tutte le misure
Alternative si scontrano con delle difficoltà pratiche su una disomogeneità dei territori questa
A volte
Diventa una vergogna non prevista ma è un'altra economia
Abbiamo il problema delle migliaia di detenuti che sono in carcere per una legge che è stata dichiarata incostituzionale nella Fini-Giovanardi quindi credo siamo
Immagino a più di dieci mila persone che sono in questa condizione
Se la magistratura non metterà mano a questo
Con delle norme decisioni nel prossimo mese io credo che dobbiamo andare a una
Legge d'urgenza e in qualche misura quindi una forma di indulto almeno limitato per questo
Perché siamo di trenta mila
Una illegalità palese ma io credo che
E Cantù anche dell'amnistia ed indulto
Tutti dicono
L'amnistia e indulto da soli non risolvono tanti dicono questo
Da soli non hanno risolto dopo tre anni il vecchio indulto l'ultimo indulto ha visto le carceri aprirsi di nuovo ma proprio perché abbiamo messo molti dispositivi
Di cambiamento del sistema carcerario e dei meccanismi che portano al carcere io credo che questa volta l'amnistia e indulto non solo sarebbe utile e necessaria
Per togliere un'illegalità l'Italia per togliere le esenzioni che arriva il ventotto maggio
Per o allontanarle per togliere il fatto che le Procure sono piene di processi che non andrebbero celebrati e non vanno celebrati non vanno neanche presi in considerazione dell'INPS l'amnistia interviene su questo
Ma perché l'indulto poi metterebbe
Di ripartire da un sistema sano sarebbe uno svuotamento uno svuotamento che permetta capace di fare i primi passi nella nuova direzione magari nell'anno
In cui ci dobbiamo duecentocinquanta nemica
Dei diritti e le penne dicembre Beccari aziende male
Ringraziamo