05MAR2014
intervista

Intervista ad Andrea Marcucci sui programmi di edilizia scolastica del Governo Renzi e sulla riforma della legge elettorale

INTERVISTA | di Claudio Landi ROMA - 00:00. Durata: 3 min 7 sec

Player
"Intervista ad Andrea Marcucci sui programmi di edilizia scolastica del Governo Renzi e sulla riforma della legge elettorale" realizzata da Claudio Landi con Andrea Marcucci (senatore, Partito Democratico).

L'intervista è stata registrata mercoledì 5 marzo 2014 alle ore 00:00.

Nel corso dell'intervista sono stati trattati i seguenti temi: Appalti, Calderoli, Camera, Centro, Comuni, Democrazia, Destra, Edilizia, Governo, Istruzione, Legge Elettorale, Politica, Provincia, Renzi, Riforme, Scuola, Senato, Sicurezza, Sinistra, Spesa Pubblica.

La registrazione audio ha una durata di 3
minuti.

leggi tutto

riduci

00:00

Scheda a cura di

Alessio Grazioli
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Pratica l'abbiamo qui con Andrea Marcucci delle PD considero molto vicino al neo Presidente del Consiglio Matteo Renzi entrata Marcucci è presente qui in senato dalla Commissione culture quindi anzitutto parliamo di una foto questione che sarà peraltro ricordato lo stesso Presidente del Consiglio l'edilizia scolastica ma ci sono davvero le risorse per l'edilizia scolastica e poi in che tempi può essere implementato un programma di edilizia scolastica perché i tempi prenda non c'era il Presidente del Consiglio sono frutto
Trovo corti e difficili ma insomma intanto credo sia molto importante che il Presidente del Consiglio abbia affrontato questo tema e preso degli impegni molto precisi
Nella sua dichiarazione programmatica
A perché è una vergogna per il Paese che gran parte delle nostre scuole dei nostri plessi scolastici non sia la norma cioè il cuore della formazione che deve educare i futuri cittadini sono luoghi che non sono sicuri e non sono a norma quindi Pilar sanare questa vicenda ci vuole
Decisamente un piano straordinario al quale bisogna dare priorità quindi
Grande apprezzamento per questo mi sembra che arrivino le proposte concrete perché si parla
è stato annunciato oggi uno stanziamento è rilevante si parla di circa duemila
Di di euro straordinario sulla messa a norma delle scuole ecco ma con quali procedure poi verranno affidati gli appalti perché si tratta sempre di appalti gare tra poi
Alla intanto moltissime amministrazioni locali sia comunali che provinciali annuncia i progetti Baronti hanno spesso anche le disponibilità e sono stati bloccati dalla da da ovviamente dai conti i pubblici dalle norme dal patto di stabilità e c'era quindi
Credo che in molti siano pronti per procedere immediatamente e gli altri procederà ovviamente credo che la distribuzione dei fondi passerà tramite le amministrazioni locali
Senatore Marcucci però non può sfuggire a un'altra questione la legge elettorale insomma di questo accordo per cui se si andasse a votare subito dopo l'approvazione dell'Italia con me alla Camera si vota con l'Italie come alla Senato lo si vota col proporzionale non sembra un vero e proprio proprio
Alla intanto io sono tra quelli convinti che non si possa fare come è stato fatto in passato la riforma elettorale senza coinvolgere le opposizioni un errore che è stato commesso all'epoca dell'approvazione del porcellum
Che è stato gravissimo un vulnus della democrazia perché quando si parla delle regole della competizione bisogna essere tutti partecipi nel definirle almeno quelli che sono di e a parlare quindi da qui dobbiamo necessariamente passare è chiaro che il pacchetto di riforme volute dal Presidente Renzo è un pacchetto complessivo
Che prevede la legge elettorale ma prevede anche la riforma della bicameralismo e la trasformazione del Senato quindi questo segnale che va in questa direzione
Diciamo tocca entrambe le situazioni da una parte il coinvolgimento delle opposizioni dall'altra la conferma che si tratta di un pacchetto unico riforma elettorale riforme istituzionali e quindi andremo a votare con la riforma della Camera perché nel frattempo
Compiremo e definiremo la riforma del Senato che non sarà più elettivo
Penalizza Mediaset Andrea Marcucci del PD e come sempre un saluto da Radio Radicale