05MAR2014
intervista

Intervista a Danilo Leva sul dibattito alla Camera sul messaggio del Presidente della Repubblica in tema di giustizia e carcere

INTERVISTA | di Giovanna Reanda ROMA - 00:00. Durata: 8 min 37 sec

Player
"Intervista a Danilo Leva sul dibattito alla Camera sul messaggio del Presidente della Repubblica in tema di giustizia e carcere" realizzata da Giovanna Reanda con Danilo Leva (deputato, Partito Democratico).

L'intervista è stata registrata mercoledì 5 marzo 2014 alle ore 00:00.

Nel corso dell'intervista sono stati trattati i seguenti temi: Amnistia, Camera, Carcere, Corte Europea Dei Diritti Dell'uomo, Costituzione, Diritto, Droga, Fini, Giovanardi, Giustizia, Indulto, Legge, Napolitano, Parlamento, Partito Democratico, Politica, Presidenza Della Repubblica, Riforme, Societa', Stato.

La
registrazione audio ha una durata di 8 minuti.

leggi tutto

riduci

00:00

Scheda a cura di

Alessio Grazioli
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Condanni non erba del Partito Democratico già responsabile gestiti signori partito
Parliamo del dibattito che c'è stato
Alla Camera un dibattito
Già rinviato due volte la relazione che la Commissione giustizia sul messaggio del Presidente della Repubblica su giustizia carceri
Onorevole leva lei
Già
Da questi microfoni si era detto favorevole a un provvedimento di clemenza pone amnistia e indulto poi ha spiegato meglio la sua posizione
In Aula
Mi sembra diverso però dalla posizione del sud
Ritengo che questo debba essere un tema che
Vada oltre le rigide appartenenze partitiche ed è un tema che riguarda molto la coscienza
Di ciascuno di noi
Ieri ho provato a lanciare un appello che andasse in questa
In questa direzione sono convinto che
Il dibattito sui
Provvedimenti di
Straordinari di tendenza
Debba essere svolto con assoluta serenità che senza aderire
Ideologo
Ciotti invece troppo spesso
Capitani
Paese ma siamo
Assistendo ad un bar
Ad un imbarbarimento del
La discussione
Su questo tipo
Ciascuno molto spesso lo fa semplicemente presentare
Una bandierina non ti do questo però sia il Governo
Il modus operandi più utile
Risolvere la questione del sovraffollamento carcerario
Dopo quattro missili
Dal messaggio trasmesso alle Camere dal Presidente della Repubblica
Non registriamo perché sono convinto il Parlamento abbia lavorato in questi quattro mesi licenziando anche provvedimenti importanti
Basta pensare alla riforma della custodia cautelare basta pensare
In carcere alle norme sugli reperibile alle norme sulla messa lì dentro alla Khamiss ad altro
Sulla detenzione non
Un carceraria è ad altri interventi
Quali
Quello riguardante gli immigrati insomma
Una serie di interventi
Strutturali che possono incidere e che però rischiano di agire sull'opportunità
Qui siamo a due mesi dal ventotto maggio data indicata
Nella sentenza Torregiani
Per allineare i nostri istituti di pena gli standards
è sufficiente tutto quello che noi abbiamo fatto sino ad oggi io credo di no
Diamo ora dovremmo discutere
Di un provvedimento straordinario anche alla luce della sentenza della Corte Costituzionale con questa dichiarata l'illegittimità della Fini-Giovanardi grazie a quella sentenza e all'impatto
Dovuto alle norme più favorevoli al reo sul sistema integrato
Un provvedimento di clemenza oggi
Avrebbe
Un impatto minore proposto in termini
Beneficiari del provvedimento sulla platea dei beneficiari
E allora
Si discute senza glutine ideologiche
Se si discute con serenità dell'argomento
Senza considerare questo argomento una bestemmia io penso che
Si possa arrivare ad un esito di uno sbocco
Positivo
Vedo troppa ipocrisia
E questo non mi piace quando
Una classe dirigente abdica al proprio ruolo e la propria funzione
Nasce indica lasciarli indicare la direzione di marcia alle pulsioni
Della società
Va bene in funzione
I valori costituzionali i nostri valori costituzionali
Sono quelli che sottende l'emanazione di un provvedimento straordinario difende
Io nella logica chi chi sta orientando la discussione
Che non condivido
L'idea di uno Stato che
Sa perdonare che Sarpi temperare che essa
Rieducare
Nel corso degli ultimi tempi ha lasciato il posto
All'idea che se uno sbaglia non solo deve pagare ma che lo Stato possa riscuotere anche il tutto
Ecco questa non è giustizia inciviltà queste norme questo non è diritta barbarie
Il nostro ordinamento giuridico è fondato su altre premesse
E quello che
Vado a
Prossimi ad
Attestare
Con grande rammarico neanche l'assenza di cultura giuridica
Nel dibattito che stiamo facendo
E questo
Dobbiamo denunciarlo anche
Questo che lei sta dicendo
è rivolto anche
Adesso
Le parole che abbiamo ascoltato
Ad esempio dalla Marani Gaetano responsabile Giustizia della segreteria tre
Diceva
Terzo
Io
Sono d'accordo che un provvedimento di clemenza all'infuori di un contesto di riforme Nunzio
Ma noi siamo dentro un contesto di puro
Certo
Delle due l'una o diciamo che sino ad oggi abbiamo fatto qualcosa
Ed è quello che io sostengo che sostiene la morale questo scontro
Tutti gli uomini siamo
Che guardano oggettivamente i lavori
Lui abbiamo svolto quindi un Parlamento tra Camera e Senato
Oppure
Sette cinque e quindi noi qualcosa l'abbiamo fatto siamo esattamente in un contesto di riforma oggi con serenità e bisogna dire che
Voglio difformi una parte aggirando pro futuro un'altra parte ancora devono vedere l'approvazione in via definitiva perché sono dentro il meccanismo della navetta quindi sono state approvate sulle di uno dei due rami del del Parlamento e e noi rischiamo di arrivare fuori tempo massimo il ventotto maggio tra il ventotto maggio e tra due bis
E allora bisogna Zappulla fa qualcosa
Cioè le carceri in Italia sono una sorta di girone dantesco dove la civiltà ha perso la sua ragione d'essere
Una forza riformista come la nostra non può girare lo sguardo dall'altra parte non farsi carico
Della qualità e delle condizioni di vita materiale degli utenti degli ultimi
E questo che non
No non ammetto poi dopodiché
Non siamo in una caserma ognuno
Ha il suo pensiero e ci vuole il dispetto per le opinioni di di tutti
Però ripeto
Questi nel saggio di Napolitano era un'esortazione vera un appello vero anche alla coscienza di ciascuno di noi che deve andare oltre l'appartenenza partitica altalena
Il senatore
Ho appreso
Pazienza qui alla Camera simbolico ma ne trasse accennate presentata a firma Colozzi
Fare
Anzi può chiedere la calendarizzazione si può chiedere la discussione
Questo lo devono fare i parlamentari indipendentemente da quelli che sono le indicazioni del partito
Cioè bisogna andare oltre
Che lei
Io lo chiederò Tirolo o sostenuto ieri
Nel mio intervento lo sostengo da qualche settimana che sono uno di quelli che quando
Ci sta un messaggio del Presidente Napolitano disse
Che un provvedimento straordinario di clemenza dovrà essere il punto di arrivo non il punto di partenza
Siamo partiti con le riforme strutturali
Alla fine di questo percorso
Non può essere un tabù discutere di un provvedimento straordinario di
Di clemenza
A me ancora
Suggestione all'idea di uno Stato che essa
Suggestione perché fa parte di una cultura per le garanzie
Non voglio rinunciare
Ringraziamo Danilo Leva del Partito Democratico