07MAR2014
rubriche

Critica e militanti

RUBRICA | RADIO - 07:30. Durata: 5 min 14 sec

Player
"Un economista eclettico.

Distribuzione, tecnologie e sviluppo nel pensiero di Nino Andreatta" a cura di Alberto Quadrio Curzio e Claudia Rotondi, con introduzione di Enrico Letta (Il Mulino - AREL).

Puntata di "Critica e militanti" di venerdì 7 marzo 2014 con gli interventi di Matteo Marchesini (critico letterario e scrittore).

Tra gli argomenti discussi: Andreatta, Cattolicesimo, Cultura, Dc, Economia, Liberalismo, Libro, Politica, Storia.

La registrazione audio di questa puntata ha una durata di 5 minuti.
07:30

Scheda a cura di

Guido Mesiti
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Buongiorno da Radio Radicale qui Matteo Marchesini per la rubrica critica militanti
Oggi vorrei suggerire un libro che
Purtroppo non sono in grado di recensire per veramente per mancanza di di competenze ma che mi mi sembra comunque interessante
Proporre più agli specialisti cioè non specialisti come
Se non altro come suggestione
Titola un economista eclettico distribuzione tecnologie sviluppo nel pensiero di Nino Andreatta è un testo pubblicato da pochi mesi
Dal Mulino e dall'Arel di scritti del grande politico ed economista Beniamino Andreatta curati da Alberto Quadrio Curzio e da Claudia Rotondi con una
Introduzione appassionata i quell'allievo di chinino Andreatta che fu Enrico letta
Ci sono molte cose in questi in questi scritti in questi appunti di Andreatta soprattutto dell'Andreatta giovane appunti appunto che
Io non non non sono in grado di di giudicare perché non ho alcuna competenza economica
è comunque molto interessante vedere alla prova un pensiero che evidentemente si confronta come dicono nella introduzione Curzio
Quadro Curzio e Claudio Rotondi con
Un'importazione kennediano poche in Indiana ma appunto in maniera in maniera eclettica interessante vedere come questo
Intellettuale brillante precoce si è confrontato appena trenta e ne in India con i problemi dello sviluppo è interessante misurare i suoi precoci rapporti con
Colleghi come matti appello con me
O come Franco Modigliani
Ma una delle ragioni per cui mi è venuto in mente di proporre agli ascoltatori di radio radicale questo libro sta nella diciamo nell'attualità politica perché mi pare che
Psichiatri sottolineato un non troppo il fatto che nelle settimane scorse
Il neo premier Renzi
Allevato come come sottolineano i giornali un po'da da boy scout democristiano
Abbia battuto un Cristiano Democratico di stampo molto diverso cresciuto appunto nella nella cultura di Beniamino Andreatta un altro allievo di Andrea pertanto come si fa a Romano Prodi ma per lui il discorso è
Probabilmente diverso le le le inclinazioni di Prodi la la la cultura si direbbe il carattere di Prodi lo allontanano molto dal maestro
E forse questo rende
Paradossalmente Prodi Renzi speculari ma insieme ma insieme compatibili come Prodi spende le sue carte di ex democristiano con uno stile che vuole sempre comunicare una sorta di schiva e costante elevatezza etica
Coldiretti dalla dalla parte opposta alla spregiudicatezza di chi guarda al suo retroterra democristiano con l'indifferenza con cui potremmo dire i ragazzini guardano al fatto che il campo di calcio in cui giocano appartiene appartiene un oratorio
Ecco però entrambi questi atteggiamenti democristiani opposti
Hanno qualcosa in comune sembrano lasciare
Diciamo così il risolto il rapporto tra politica e morale da una parte il moralismo Dossetti hanno alla Prodi rischia sempre di velare un po'ambigua ambiente il peso delle ambizioni
E dall'altra parte il centrismo pigliatutto di Renzi le mostre invece nude queste ambizioni e difficilmente conciliabili con ideali che non siano puramente tattici
E per questo davanti alle agli accadimenti delle settimane scorse mi veniva da pensare che tra questi due filoni democristiani
Porta Andreatta invece aveva scavato una terza fretta
Ma più solida via via liberale sia con i suoi contributi da cattolico liberale progressista FIAT con la sua azione di politico rigoroso
Ecco forse questo questo testo un economista eclettico pubblicato dal Mulino dall'Arel potrebbe essere un'occasione per ripensare a una ha una tradizione che non è
Né quella della più Pulga ATA Democrazia Cristiana di sinistra né quella della Democrazia Cristiana più
Più spregiudicata e che forse a ha davvero perso ulteriormente un una partita con la caduta del Governo letta allievo di Beniamino Andreatta quindi il Consiglio di oggi è
Un economista eclettico distribuzione tecnologia sviluppo nel pensiero di Nino Andreatta a cura di Alberto Quadrio Curzio Claudia Rotondi con introduzione di Enrico Letta edizioni il Mulino gare a risentirci venerdì prossimo