05MAR2014
intervista

Giovani e droga: Stefano Santarossa è ospite di TelePordenone

INTERVISTA | TELEPORDENONE - 00:00. Durata: 2 min 36 sec

Player
"Giovani e droga: Stefano Santarossa è ospite di TelePordenone" con Stefano Santarossa (presidente dell'Associazione Radicali Friulani, Radicali Italiani).

L'intervista è stata registrata mercoledì 5 marzo 2014 alle ore 00:00.

Nel corso dell'intervista sono stati discussi i seguenti temi: Alcol, Antiproibizionisti, Arresto, Cannabis, Corte Costituzionale, Droga, Fini, Friuli, Giovanardi, Giovani, Giustizia, Immigrazione, Informazione, Legalizzazione, Malattia, Medicina, Narcotraffico, Proibizionismo, Radicali Italiani, Regioni, Udine, Venezia Giulia.

La registrazione video ha una durata di 2
minuti.

Questa intervista è disponibile anche nella sola versione audio.

leggi tutto

riduci

00:00

Scheda a cura di

Enrica Izzo
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Allora
Giovani è droga qualche lo fanno atto notizia di arresti in massa di persone diciassette poi ieri l'inchiesta è proseguita con altri arresti
Tutti extracomunitari che erano i pusher insomma il mercato a cielo aperto a Udine accesi e marijuana se non Santarossa cominciano a fare radicali italiani qui con noi
Sì per dire che
è dimostrato come oggi la droga sia assolutamente libera perché nei nel parco Power di Udine ma anche né in molti luoghi tutta la nostra Regione
I giovani sanno dove andare a cercarla
Allora di fronte a questo utilizzo anche sconsiderato e anche non controllato
Riprende secondo noi secondo i radicali va riproposto il tema della legalizzazione
Distinguiamo legalizzazione che vuol dire governare un fenomeno e far sapere anche a chi utilizza una sostanza cosa fa quali danni può provocare
Ho eventualmente in altri casi che può anche aiutare perché ricordiamo come la cannabis a degli effetti terapeutici che
Sono assolutamente utili per molte malattie quindi
Sapere cosa bianco dobbiamo cosa consumano chi oggi fa uso di droghe è importante per ridurre anche col suo perché gli antiproibizioniste lo vogliamo ribadire anche da qui
Non sono a favore dell'utilizzo delle sostanze stupefacenti ma vogliono ridurre il danno quindi di fatto è un altro modo di governare il fenomeno di evitare i la presenza degli spacciatori ed evitare che
Chi Silva contatto con uno spacciatore non ci si prenda anche delle sostanze che poi sono e tali perché
In tutti i casi radicalismo focoso dell'alcol in americano
Effettivamente le cose stanno così le prassi vediamo se questo Governo avrà il coraggio
Di cambiare rotta intanto ci ha pensato ce l'ha pensato la Corte Costituzionale che ha in parte bloccato gli effetti della Fini-Giovanardi
Adesso serve di più serve andare veloce nella direzione del governare il fenomeno senza il paraocchi senza false vorrei che avevano insomma messe in un calderone droghe leggere droga pesante sono cose diverse tendente a diciamo a informare no
Ma ma sono pienamente d'accordo Stefano Santarossa grazie volete l'altra del Partito Radicale italiano anzi
Comitato nazionale radicali italiani questo anche la dicitura e se