05MAR2014
rubriche

"A reti unificate" - Trasmissione condotta da Alessandro Cecchi Paone: puntata dedicata alla "malagiustizia", con Marco Pannella

RUBRICA | Canale 21 - 21:00. Durata: 1 ora 30 min

Player
Malagiustizia, emergenza carceri, i processi infiniti, le contraddizioni della professione forense.

Nel corso della trasmissione, collegamenti in diretta dal carcere di Poggioreale.

Puntata di ""A reti unificate" - Trasmissione condotta da Alessandro Cecchi Paone: puntata dedicata alla "malagiustizia", con Marco Pannella" di mercoledì 5 marzo 2014 che in questa puntata ha ospitato Alessandro Cecchi Paone (giornalista), Marco Pannella (presidente del Senato del Partito Radicale Nonviolento, Transnazionale e Transpartito), Francesco Caia (presidente dell'Ordine degli Avvocati di Napoli),
Domenico Ciruzzi (presidente della Camera Penale di Napoli), Eduardo Savarese (magistrato), Leandro Del Gaudio (giornalista de "Il Mattino"), Raffaella Regoli (giornalista e scrittrice), Lorenzo Crea (giornalista), Lucio Cricrì (presidente dell'Associazione giovani avvocati di Napoli), Antonio D'Addio (giornalista).

Tra gli argomenti discussi: Amnistia, Avvocatura, Carcere, Diritti Umani, Emergenza, Giustizia, Indulto, Magistratura, Napoli, Napolitano, Penale, Poggioreale, Prescrizione, Presidenza Della Repubblica, Procedura, Radicali Italiani.

La registrazione video di questa puntata ha una durata di 1 ora e 27 minuti.

La rubrica e' disponibile anche in versione audio.

leggi tutto

riduci

21:00

Scheda a cura di

Valentina Pietrosanti
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Ben ritrovati indiretta reti unificate la tenuta del sud che ogni mercoledì a quest'ora
Vi racconta la realtà issata assurdo con gli occhi
Della gente del sud con la sensibilità
Delle persone del sud oggi ci occupiamo di ingiustizia sì perché ormai dobbiamo dirlo la giustizia in Italia non funziona né dal punto di vista di chi l'amministra gli avvocati magistrati le forze dell'ordine
Le guardi emittenze arie né dal punto di vista di chi sotto come dire i rigori della giustizia dovrebbe smettere
Di compiere atti e neanche dal punto di vista nostro di tutti i cittadini che vorremmo nelle cause civili massima rapidità e certezza e per quanto riguarda la giustizia penale certezza della pena e quindi garanzie dal punto di vista della sicurezza
Collettiva ieri il Parlamento ha perso una grandissima occasione finalmente dopo un inverecondo irrispettoso ritardo a disco
Posso del messaggio che il Presidente della Repubblica aveva mandato tempo fa dicendo volete risolvere il problema della giustizia in particolare quello delle carceri
Hanno detto che il problema è grave ma non hanno detto come si potrà risolvere e questa cosa
Come dire sta molto a cuore particolarmente a Marco Pannella radicali italiani Marco Pannella collegato con noi a Roma buonasera marchio
Tra poco ci dirai perché arricchirli RAI perché è stata un'occasione persa eccoli qua
E poi per un occhio più napoletano abbiamo importantissimi ed espertissimi ospiti Francesco Caia che ringrazio Presidente dell'ordine degli avvocati di Napoli Domenico Zinzi presidente degli avvocati penalisti se dico Camera penale
Nessuno capisce
Un giovane magistrato sulle barricate della giustizia civile Eduardo Savarese che si occupa di fallimenti a Nola Leandro delle Gaudio che voi tutti conoscete perché lo leggete sul Mattino
Il più esperto di lui
è una bravissima collega televisiva una collega autrice di Canale cinque che in realtà è qui come scrittrice Raffaella regoli trattenuta
Ha fatto quello che noi adoperiamo uno spunto cioè ha ottenuto di seguire il percorso di riabilitazione pormi direi se la parola ingiustamente a Di Pietro Maso vi ricordate
Ragazzo può diventato uomo
Colpevoli di una cosa trovo se che tutti i record Errani particolari ma in caso di cronaca di cui parlano tutti che avrebbe fatto quello che è previsto in Costituzione cioè si sarebbe ri educato in carcere anziché soltanto punito siamo indiretta con il nostro bravissimo inviato speciale Lorenzo crea davanti a Poggioreale
Che è un po'il simbolo delle sofferenze della la società civile napoletana sia da chi voglio dire viene colpito da chi poi finisce a Poggioreale ma anche di quelli che ci finiscono perché uno dei carceri più sovraffollati
E con difficoltà di funzionamento Lorenzo che ci racconti oggi
Rettore
Guardavo la sera direttore buonasera ai suoi ospiti in studio e si Poggioreale è l'emblema e dici giusto
Di quella che è la condizione carceraria italiana due mila e seicento Ausoni detenuti circa attualmente dentro rinchiusi dentro Poggioreale a fronte di una disponibilità
Di un'agibilità di mille cinquecento evitato questo dato la dice molto lunga
Stasera sono con Pietro io Oja ecco la signora Rosaria Navarra che sono i coordinatori o quali porta voci del Comitato degli ex detenuti napoletani
E proprio a Poggioreale Tucci tali giustamente il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano presente a Repubblica è stato quindi sita a pochi mesi fa
Concedendo la grazia un loro da un detenuto di Poggioreale Vincenzo Di Sarno affetto da tumore a al cervello è bene
Vincenzo Di Sarno per motivi che poi magari spiegheremo qui in avanti e ancora detenuto qui a Poggioreale nonostante la grazie Presidente
Del Gaudio come è possibile e accade perché comunque la legge insomma di impone rispetta innanzitutto delle regole questa persona di cui parlava il collega è una persona affetta da una gravissima malattia quindi non dovrebbe esitante l'onore di Natale diceva di fare assolutamente però le pratiche questo è uno dei problemi di questa di quel quindi inquadrarlo in è un problema tecnico è un problema dovuto dovuto ai ritardi ai ritardi di una somala lentezza di un procedimento dai presenteremo negativo lo rispetta nessuno né nei tempi che ha deciso come dire di
Far uscire un detenuto non esce perché non si sono ancora firmare delle carte suppongo ma ma sapete che non servono filano neanche parlamentari perché ieri si doveva decidere qualcosa in base a un suo messaggio Marco Pannella avete giustamente protestato fuori del parlamento ieri dicendo che sostanzialmente hanno solo chiacchierato e anche fra quattro gatti all'inizio
Noi chiediamo agli atti per favore
Dice che perché poteva essere una grande occasione non lo è stata
Ma perché in Italia
Rispettare gli obblighi di legge da parte del regime
Attuale
Da attuare da sessant'anni
In effetti qualcosa di inconsueto non è un caso
Che il Presidente nel suo messaggio
A due riprese ha detto sì certo e quindi si pongono problemi
Moro e morali giuridici civili eccetera ma lui ha scritto a due riprese no qui ci troviamo dinanzi all'obbligo
L'obbligo tassativo diciamo perché tutti sanno che se sei in flagranza di reato cioè l'obbligo di interromperlo come l'obbligo da parte
Pubblica di farsi interrotto e nella commissione del reato invece noi come Stato siamo da oltre ventiquattro anni
Dalla giurisdizione europea la CEDU che però e anche organo costituzionale l'interno del nostro
Paese
Si condannano e costante e coerente per la non ragionevole
Durata dei processi che a come appendice poi
Tutto quello che accade
Nella realtà penitenziaria che negli anni del fascismo pur con la vergogna fascista allora vi erano i reati di opinione
Se venivano perseguiti
Il carcere
Di Poggioreale carceri italiane nel periodo fascista non erano in genere in flagranza di reato sutura Costituzione evidentemente italiana
Sul diritto positivo di allora e adesso invece lo siamo da più di vent'anni
E vorrei solo dire una ricorda il PUA guardate quello che sta accadendo del nostro Paese e che credo tutti riconoscono
Per le lotte in primo luogo del Partito Radicale lavo a decretata una moratoria delle pene di morte rafforzando quindi una nostra indicazione costituzionale
Ebbene quello che oggi possiamo affermare
E viene affermato correntemente
Che se noi mettiamo oggi
Da una parte
I sui citati o assassinati
Per
Tortura di Stato
Badate la tortura di Stato non è che ci sono i torturatori in carcere
I torturati sono
Le
Polverini polizia la Polizia penitenziaria tutto all'Amministrazione i direttori delle carceri sono luoghi
Diritto all'ultima ora e tutti quelli che sono lì le famiglie dei carcerati c'è una vergogna abbiamo io dico da trent'anni
Dal trenta
Ma è possibile
Che nel pm misteri della cronaca neutra Insiel predilige questo regime abbiamo mai sentito una moglie un marito un figlio
Di un poliziotto suicidato sì
Valli malgrado dire l'abbia richiesto con quel poco di voce che mi resta
Ma nella mia ma le remore parleremo fra un anno e poi o meno secondo solo Antonveneta ne parliamo fra un attimo perché noi invece ci abbiamo pensato avvocato subito il problema giustamente posto da Pannella dei radicali di cui l'amnistia e indulto per risolve il sovraffollamento è l'unico problema cioè le carceri italiane hanno un problema solo disse troppo piccole di essere troppo piene
Ma si parte da me sembra dell'indulto poi c'è un problema di riforma organica
Però l'avvocatura italiana abbiamo su una forte
Depenalizzazione misure alternative al carcere il tutto ha fatto l'accordo bisogna svuotare assolutamente si assuma il problema
Di rispetto agli obblighi di legge e di violazione dei diritti umani fondamentali avvocato però con lo svuota carceri dell'ultimo ministro cancellieri qualcuno è uscito
Pochissimi qualcuno non pericoloso proprio pure a fare questo ragionamento Vardè mi faccia di anche in relazione alla ministri all'indulto un provvedimento assolutamente necessario uno Stato non può
Infliggere pene
Illegittime perché nel momento in cui benché il modo in cui vengono scontate le pene nel nostro Paese
Sono delle quindi in civili è un modo assolutamente in ci spieghi perché le dico questo
L'Europa assistant diritto che i luoghi dite distinzioni italiane
Sono illegali perché come dice Pannella come dice esattamente Marco Pannella come dicono i radicali come degli schemi perché lui novità nel giallo fortuna avuto mai a che fare con un carcere se come succede nel momento che non deve succedere
Perché il carcere assenso nei Paesi democratici soltanto se svolge una funzione rieducativa
Venti persone in una cella di pochi metri quadrati
Non restano diventare più cattivo inclusi per ventidue ore con pochissime ore Daria uno o due e quindi costretti a stare su una branda immobili
E significa torturare queste persone Adesso è chiarissimo io volevo farvi vedere un sondaggio quest'anno abbiamo ogni puntata un sondaggio fatto apposta
Per noi da Datamedia ricerche quindi per voi su un livello di fiducia degli italiani tutti e non solo i meridionali quelli che guardano a reti unificate dall'azione Sicilia
La fiducia che gli italiani hanno maturato nei confronti della giustizia vediamo la prima è terrificante sessantaquattro il sei per cento
La è stato fatto ieri questo sondaggio non ha più fiducia nella giustizia italiana è terrificante perché è il segno di un terribile fallimento
E ci sono un tredici per cento che incerto quindi abbiamo oltre il settanta per cento di italiani che saranno nonché le cose non funzionano non solo per quanto riguarda le carceri poi appunto andremo sulla durata dei processi sulla certezza della pena
Vediamo la seconda domanda che abbiamo fatto quali sono i problemi più gravi
Quali sono le cose a stiamo assistendo scusate ed andiamo a Poggioreale che c'è un'uscita indiretta dal carcere no Lorenzo
Se
Ma il bello della è fare il bello della diretta direttore perché in questo momento sono a scelte sono usciti alcuni detenuti c'è
Ecco vedete io è indiretta un abbraccio tra Pietro io voglia e questo detenuto che è appena uscito dalla dal carcere Poggioreale
Il tuo nome Pasquale Schiavoni ecco Pasquale e Schiavone direttore appena in questo momento è uscito dalla dal carcere però in questo momento non so se qualche domanda normalità che studia degli se ha voglia di dirci perché era dentro copie perché è uscito il sono un po'la sua storia
Ti chiede il direttore Cecchi Paone se ce l'ha continuato a fare perché il detenuto entra in una piccola truffa sono salite del tre mesi in carcere
Noto che si è sentito Silupa detenzione di tre mesi direttore
Te servita la sarai attento in futuro una volta eh sarà anche l'ultima speriamo sicuramente va bene allora siamo contenti finiamo spiega il PAT e che ti accolto all'uscita di Poggioreale
Ci sono parenti amici il mio amico Vittorio reato
Sì al mio amico bisogna
Sì sì proprio raccolto Pietro che è nostro ospite stasera Sato un momento di diretta molto bella significativa ci sono tutti i familiari qua
Il Governo puoi vedere però c'è anche un altro detenuto diretto se dobbiamo fare allora d'urto che appena uscito sentiamo la sua storia
Conosciamo autonoma devono porre buona sera cariche verrà contrazione di valori bollati
Quanto quanto tempo se è stato dei quasi tre mesi anche lui quasi tre mesi contraffazione di valori bollati direttore le chiede come si sta dentro qual è la situazione diciamo qual è
Chi sta meglio furia e di e meno male questo
Si sta meglio fuori che dentro diciamo la facciamo e non solo perché non c'è lavoro
Va beh non è una buona ragione per commettere reati dai forza
Perché non c'è la loro in una maniera o nell'altro
Di Balai malattia nel più breve di cibo dizione
Ma anche per questo che stiamo facendo non è una cosa per noi Giovannino
Noi cerchiamo di farlo anche se non è in questo mestiere però ricordiamo infatti sa tutto ma il reato no va bene tutto ma il reato no
Chiedi conferma poi nel prossimo le cose o collegamento se ti dicono o quanti sono in cella come vivono e io sto o facendo vedere intanto l'altro sondaggio che ci dicono perché la maggior parte degli italiani non si fidano più della giustizia lentezza dei procedimenti
La cosa sentita come più grave ovviamente si riferisce in particolare le cause civili motivo per cui i grandi investitori non vengono in Italia perché non hanno certezza di poter con regolare i problemi di lavoro i problemi di mercato
Poi c'è l'incertezza della pena questo invece dal punto di vista di chi vorrebbe vedere puniti in maniera esemplare non
I piccoli truffatori mai grandi assassini o i grandi truffatori di Stato magari o i grandi evasori
Comunque coloro che danneggiano la collettività e poi abbiamo entrambi sullo stesso livello di gravità il venti per cento
Quindi è un disastro un disastro confermato dall'opinione degli italiani soltanto ieri io trovo tra le cose più gravi
La carcerazione preventiva quelle una cosa indegna di un Paese civile troppo volte invece ancora frequentissima ma ovviamente il cui su questo nessuno può dire di no finire in galera con un se lo merita sentite servizio Giuseppe corsie
Aniello Perrino è una guardia giurata di trentadue anni ha una moglie con un lavoro part-time e una figlia di appena quattro anni quando una sera di febbraio del due mila sette si trova a vivere una notte da incubo
Ignaro che sarà solo l'inizio di un lungo inferno
Sorvoli ventidue circa nella sede dell'Agenzia di vigilanza privata Portici
Dov'Agnelli o lavora da anni una banda di rapinatori far fuzione
Puntando la pistola alla tempia di un vigilante che in quegli istanti sta entrando in sede
Armi in pugno i banditi picchiano Aniello il collega imbavaglia hanno di bloccare il Punzi con fascette utilizzate per legare cavi elettrici svuotare Cavour e scappano con un bottino di settanta mila euro fumo prestati dai dati i rapinatori si presero
Quindi quei soldi che noi ci avevamo nella cassaforte trascorrono vizi la rapina si avvia essere solo un brutto ricordo ma l'undici novembre del due mila sette Aniello perfino Iveco stato via in manette dal posto di lavoro e accompagnato al carcere di Poggioreale
Facevo servizio di scorta quando all'improvviso mi trovai le volanti della polizia che mi circondavano
Si presero allarma dicendo che io verrò in stato di arresto perché
O avevo effettuato una rapina periodo volevo morire
Perché una cosa assurda che io non sapevo non sapevo nemmeno di che cosa loro stavano parlando tutto è collegato a quello che era successo febbraio no
La giovane guardia giurata non sa non capisce perché si trova in galera chi indaga ha invece le idee ben chiare e ritiene Aniello il basista di rapinatori entrati in azione quella notte di febbraio del due mila sette
Ha puntato il dito contro è proprio il collega che era colui quella sera
Ma il cerchio attorno al vigilante si chiude grazie a una serie di elementi che sembrano schiaccianti in quei mesi Aniello aveva cambia ATO la vecchia moto con una nuova di zecca aveva un nuovo telefonino e delle costose scarpe di marca e anche una nuova auto
Pochi giorni dopo il colpo inoltre sul conto corrente a lui intestato viene bonificata la somma di venti mila euro non bastasse due giorni prima della rapina era stato fermato dai carabinieri per un controllo in compagnia di un elettrici sta riconosciuto dal collega della guardia giurata come uno dei rapinatori
Elettricista che nella ricostruzione inquirente avrebbe fornito le fascette utilizzate per legare i due vigilantes e che finisce anche lui in manette
Gli inquirenti non hanno dubbi
Come come fanno a dire queste cose contro di me
Che sono l'arazzo un ragazzo con perbene ho fatto sempre mio dovere
Sette mesi Aniello li trascorrerà rinchiuso in una cella altri otto agli arresti domiciliari un anno e tre mesi di un inferno la cui fine sarebbe potuta passare soltanto per un'ammissione di colpevolezza
Lì in carcere
Vedevo cose che magari entravano ragazzi al si alto accusavano del delitto che avevano commesso e uscivano dal carcere
Quindi qualche volta ho pensato pure detto massimi o di mi dichiaro colpevole esco pure io ho detto io ho pensato e pensavo di fare in quell'inferno non ce la facevo più a stare
Spesso chi è innocente sta in carcere si sente e vede gli altri uscire dalle dal carcere con un riconoscimento di responsabilità da parte del Tribunale a un momento di ripensamento
E quindi fa un momento di riflessione dice forse meglio riconoscere la responsabilità ed uscire subito piuttosto che lottare per dimostra la mia innocenza io devo dire però che merito è stato un ragazzo molto
Forte molto deciso e a scelto di fare il carcere ma riuscire pulito
Una cosa dentro di me più forte che non so da dove mi veniva diceva no io sono innocente devo combattere o combattere fino alla fine
Aniello vuole andare fino in fondo vuole che sia riconosciuta la sua innocenza
Il suo legale da vita una battaglia per la verità
E il Castello di prove ed elementi che dimostrerebbero l'assoluta colpevolezza del vigilante
Comincia a sgretolarsi si scopre che la moto vi era stata sostituita Aspesi della casa produttrice perché quella precedente rientrava in una serie di fretta da
L'automobile era del Papa non sua ma talvolta la utilizzava anche Aniello
I vinti mila euro erano un prestito regolarmente ottenuto da un istituto di credito per ottemperare a delle spese impreviste
Scarpe il telefonino un regalo della sorella
E il presunto complice di mestiere faceva il pasticcere e non l'elettricista
E la sera della rapina era regolarmente al lavoro in un laboratorio di Gragnano
I due inoltre non sono mai stati fermati assieme
Ma a distanza di pochi minuti dalla stessa pattuglia e non si sono mai conosciuti
Dopo una tormentata odissea giudiziaria emerge un'unica certezza a livello con quella rapina non c'entrava nulla
Piena sotto attenzione con sentenza definitiva passata in giudicato in primo grado
Lui è stato totalmente scagionato tanto che il procura generale non ha ritenuto di proporre appello perché non c'era possibilità nessuna di attaccare quella sentenza
Perché è una sentenza perfetta di assoluzione tuo è ottenuto sulla carta un risarcimento che non c'è stato ancora dato
Una cifra possiamo dire anche sui Soria si io da circa due anni è uscita la sentenza di risarcimento per ingiusta detenzione che che diciamo che è stata una cifra irrisoria ma giusto per
Diciamo una cifra che riesce ad assolvere solo tutti debiti fatti in quel periodo qualsiasi cifra non potrà mai
Assolvere questa questa cicatrice che che mi è rimasta dentro perché uno se la porterà
Per sempre
Per sempre se la vostra
Storia di rendere conto se diceva sono colpevole pure senza esserlo usciva e invece dovuto sta detto tredici mesi tra una cosa un'altra è un errore giudiziario è una sfortuna sono cose che capitano che che cos'è sta storia qua
Guardi nel momento in cui si racconta un caso
La percezione del del cittadino
E che è un caso eccezionale invece esattamente il contrario
Se lei tiene conto che
Più del cinquanta per cento delle persone che vengono incarcerati poi vengono assorbite più del cinquanta per l'esercizio quanta per cento io credo che
Dopo essersi fatto è la galera dopo esigibili casi di carcerazione preventiva sono tantissimi quindi non è un'eccezione quella che ha a cui abbiamo assistito
Purtroppo questo alibi evidenzia che il nostro sistema assolutamente non funziona è confermato devo dire che sulla carcerazione preventiva sono tanti discorsi
Cioè il discorso della pena della sofferenza c'è il discorso della pena mediatica che si aggiunge nel momento in Italia poi si viene arrestati è però dobbiamo dirlo con grande franchezza c'è anche un problema culturale
Di dalla magistratura perché a questa visione carcere o Centrica ad una visione ancora da Stato autorità c'è uno va in galera ma io parlavo io il mio augurio che anche
La cultura della magistratura possa cambiare adeguando sia i Paesi europei io non dico
Chissà che cosa dicono i Paesi europei c'è un tasso di carcerazione preventiva che è limitata solo
Alle
I casi estremi I casi assolutamente necessaria mentre invece nel nostro Paese e diffusa questa cultura carcere o centri
L'UE per fortuna Savarese non è un
Una magistrato penale però è uno che conosce da vicino le lentezze che ugualmente colpiscono la gente anzi da gente onesta e colpita dalle lentezze di quella civile perché
Per avere ragione su una piccola o grande cosa di lavoro di di di di di case di di rapporti economici
L'ha visto nord a Nola come la situazione
No sinceramente bene hanno la situazione come nel resto d'Italia quindi rientra nelle eccellenti pure a Nola ma sì
Io credo che il problema oggi della lentezza sia non tanto del primo grado quanto nel secondo grado di giudizio cioè forse nel primo grado almeno parlo del civile
Ci sono tempi abbastanza ragionevoli ragionevoli rispetto a al lungaggini eccessive il problema è proprio di in Corte d'Appello che si arriviamo molti procedimenti e chi non è a dei solo perché si arrivi non in Corte d'appello ma perché evidentemente c'è una quantità di giudizi che pendono in appello
Forse incapacità diciamo di di poca cosa perché se lo si vuole troppo pochi pochi mezzi
Ma questo è un discorso
Discorso come diceva la l'avvocato per la carcerazione preventiva è complesso io penso che c'è una scarsezza di mezzi e questo è vero
Per fare diciamo capire la la cosa praticamente chi ci ascolta io facendo il giudice fallimentare gestisco cinquecento fallimenti da solo
Adesso a questo momento cinquecento seicento procedure fa solo pari alcune sono state aperte nell'ottantacinque e pendono ancora e altri moltissimi devo dire circa duecento purtroppo
Gli ultimi due anni per segno della crisi insieme alla crisi
Ma sono solo ad affrontare nel senso che una cosa del genere così complicata con tanti portatori di interessi diversi lavoratori sindacati l'impresa ferito e amministratori creditori le banche eccetera ecco io dovrei a dire
Come in un settore parallelo non della giustizia ci sarebbe uno staff un ufficio ma come ce la lo studio di un ottimo avvocati così immaginiamo
Allora questa sua altra dovrebbe essere costituito dalle cancellerie
Naturalmente io ho la fortuna di lavorare con ottimi cancelli ma davvero ancor più dei magistrati vedo che c'è un impoverimento delle risorse non c'è una sostituzione al cielo siamo aiutano tutto non siamo
Aiutati con questi mille fallimenti con due giudici da
Uno quattro cancellieri
Computer
No c'è un puntasse all'informatizzazione testualmente afferma una presenza in attesa media lei ci ha detto che mi alcuni che risalgono a ottantacinque giusto ha detto sì perché c'è poi questo problema del di queste procedure che si sono aperte molti anni fa che sono
Si sono incancrenite il problema è questo che però oltre la carenza di mezzi io credo che ci sia anche un problema di cultura della magistratura ma diciamo del mondo giuridico italiano che è rimasto
Molto Barocco cioè se lei legge una sentenza della Corte di Cassazione francese
è considerato questo considerato quest'altro sa dove salta in due pagine si stabilisce sì sì cassa o non si cassa e quindi noi continuiamo a a dipingere
Lunghi affreschi nelle sentenze civili e penali
Che diciamo non interessano al cittadino spesso dimenticando che la sentenza è il stizza nel nome del popolo e quindi il cittadino che la dovrà leggere non solo io quando leggo sui giornali che non faccio il vostro mestiere
Motivazione della sentenza attesa permesso ma come mai poi dice cinquecento pagine di motivazione e ci credo
E più vi è scrivere un romanzo questo a volte diciamo e invece per il processo penale capita per le intercettazioni per complicazioni di Perugia motivazioni cinque cercherò anche una sentenza civile di settanta ottanta pagine potrebbe essere vinti non va bene più
E poi c'è credo un problema di accesso alla giustizia cioè né oggi siamo di fronte a una società complicata
Con interessi confliggenti di ogni tipo
Bisogno per essere più snelli ed efficaci sanerebbe anche trovare delle possibilità di mediazione tra i confini pone non la mediazione che è stata fatta poi ne parliamo dopo ne parliamo aspetta
Raffaella regole tra un attimo ci racconta una storia ghiacciati io vi ricordo che a vent'anni a vent'anni
Pietro Maso uccise con due amici i genitori per
Quattro soldi
Si è fatto ventidue anni di carcere
La seguito la seguito all'uscita per capire se si era riduca ATO come vuole la Costituzione come l'avvocato ha detto che tutti ci augureremmo ma che ormai praticamente impossibile il mostro Pietro Maso forse non è più un mostro
Ce lo dice Raffaele regoli fra un secondo dopo la pubblicità torniamo subito restate con voi
Allora la i giustizia
Del sistema italiano nel suo complesso
Tra poco la storia di Pietro Maso che forse un grande criminale ammazzato i genitori e
Ed è stato ventidue anni in carcere per questo che forse a sfruttato il carcere per come dire rieducare assi Marco Pannella
La richiesta di indulto e di amnistia e perché c'è troppa gente in galera che non ci dovrebbe stare oppure perché appunto in carcere sovraffollato non c'è nessuna possibilità di recuperare di riduca Arsic
No chiariamoci delle
Un problema di fatti secondo anche il Presidente della Repubblica chiaramente in questo grande rivoluzionario
No diciamo fa politica da molto tempo
Lunedì nel suo messaggio ignorato di fatto dal Parlamento trattato in un mondo OCCAR forma istituzionalmente
L'anno discussa diciamo assai rende ancora dopo tre mesi nel quale lui aveva indicato gli immobili dire ha detto in cui io vi richiamo agli obblighi che sono quelli di uscire dalla flagranza criminale dello Stato
Ma da vent'anni quindi siamo
A livello dello Stato e mezzo in lista dello Stato fascista ed era stato staliniano e viviamo senza saperlo io per esempio vi ringrazio di questa
Occasione questa sera ma
Torno a dire come ascolti consentiti agli italiani perché si tratta di queste opere come vengo sistemato quando mi fanno parlare
Sono il centonovantesimo nell'ordine cioè zero virgola zero nove
Che cosa vuol dire la causa di tutto questo
E che noi siamo anche come cittadini in carcere da cinquant'anni
Perché i diritti civili e democratici
Sono tanti anche alle persone tra virgolette onesto è importante e via dicendo non hanno la possibilità di esprimersi di informarsi
Costantemente quindi il primo reato che bisogna interrompere e questa condizione vistato
Non esagero guardate
Dello stato nazista dello Stato fascista dello Stato staliniano eccome tutti noi ascoltatori istanze e lei qui
In realtà siamo trattati
In modo tale che poi i geometri e popolare
Ma anche gente vanno lire bando lo zero sei ecco il figlio fa ad altre battaglie ma io vorrei dire che è importante dare il colpo il Paese è addormentato
Costantemente è abituato
Padre il Papa io sceglierei e oggi di essere il cittadino dell'altro Stato che stare sul nostro territorio
Quello vaticano detta da un radicale pazzesca cioè analizzare sia allo stato quell'altro quello dell'entrata bombe
Questo vada quello di San Pietro e degli altri che stavano dalle catacombe perché colpevoli solo di non essere graditi al potere
Ed è di conseguenza questo punto quello che vorrei dirvi una informazione e fra le tante e è stato cancellato che
Indegno il nostro moderatore invitante distrazione allora ha detto il problema delle carcerazioni preventive
Voglio darvi un'informazione secondo il Ministero della giustizia quella di questo Stato
Telco eletto
Che lamenta dei carcerati inc in mentre sono in giudizio
La metà Serra
Considerata innocente nel momento in cui sarà lamenta
Sì vincoli uniscono nel nostro popolo onorando riuscirei delinquenti fuori vita un altro dato a lo sa bene sicuramente il nostro
La rappresentante del Gargano e D'Alì anche qualche magistrato bisogna pure diversa dentro il quanto e per le iscrizioni
Ci sono in Italia in questi
Diciamo negli ultimi due anni
Due il centro settantamila prescrizioni
In dieci anni un milione il prescrizioni
Ho avuto ragione lo scontro nel e quando io sono stato eletto
Perché dichiarato ai compagni comunisti al compagno picchetti fuori con la Presidenza di Nilde Iotti voi state scegliendo badate nel settantasette
Voi state scegliendo i compagni comunisti
L'immonda l'infame amnistia delle prescrizioni
Fatti contro in quell'ora della giustizia Pannella stavamo proprio dicendo con i presidenti delle Camere penali Maldonado data la possibilità con l'amnistia le parti lese le parte civile
Devono comunque andare del momento con la prescrizione ordinaria cinese quell'imputato Marcotulli Marco Severino stavamo dicendo uno McConaughey ipotizzabili proprio con l'avvocato delle Camere penali quindi e chiaro che in questa situazione fa la rieducazione è possibile eliminarla spetta al secondo largo governava glielo dico con amore eh lo so
Con amore della verità io per amore riordino prego di
Starmene un attimo a modo di andare avanti Marco un secondo
Raffaella regoli
Ritiene di via ter documentato un caso a questo punto rarissimo è quasi impossibile di carcere rieducativo dopo ventidue anni questo assassino agghiacciante per non ammazzare i genitori con un po'di soldi come avvenuto lì dentro
Allora l'incontro con Pietro è avvenuto chiaramente io essendo cronista lo in seguito perché dovevo diciamo fare il mio mi sostiene quindi volevo assolutamente intervistarlo conoscerlo nel due mila otto Pietro esce per la prima volta in semilibertà
E quindi io mi ha posto sotto casa lo inseguo luglio arriva lascio la macchina parcheggia lo tempeste o di domande e lui non risponde a nessuna di queste domande
Dopodiché finito di inseguire lui inseguo anche la compagna che arriva completamente bardata ricoperta perché ovviamente era inseguita da tutti i giornalisti che volevano sapere come si faceva stare con un ministro
Egli ha vicino per intervistare urla e lei mi guarda con degli occhi che chiedevano pietà ecco in quel momento io ho provato una sorta di pietas per questa donna e lei mi ha detto se abbassi la telecamera io ti parlo
E lì mi si è aperto un mondo che diciamo non non riguarda più solo cioè era si è chiuso il confine del giornalista
Entrato quello dell'essere umano noi spesso siamo sempre chiusi all'interno di ruoli di recinti e non ci rendiamo conto che
Queste persone ovviamente Pietro un caso limite quindi capisco che da parte dell'opinione pubblica susciti più indignazione più fastidio ricordare per quanti sono io ho ammazzato Giurin umani dissi gli ha questo delitto che coinvolge altri tre ragazzi si consuma all'interno di una società come disse appunto allora anche Andreoli
Dove ormai c'era una santa di una frattura insanabile fra i genitori e figli cioè loro non allusivo avvenuto ammazzarli quel e ma noi a un sì se i suoi genitori quindi tutti furono riconosciuti capaci degli stipendi e lo voglio dire ma i suoi amici l'hanno aiutato quindi è stato aiutato da altri tre ragazzi
Senza considerare che dopo quel delitto Pietro ha continuato a ricevere riceve ancora adesso migliaia di lettere di ragazzi
Fortunatamente non tutti dicono che vedono in lui un idolo
Però di ragazzi in cui c'è una frattura che si cominciano a delineare in quegli anni fra la i genitori dei figli una frattura non capita non sanata che ovviamente a li raggiunto un gesto estremo
E uccidono per un debito di venticinque milioni delle vecchie lire
Ma il sogno che loro avevano un sogno infantile realizzabile era quello di andare a fare la bella vita Miami e quindi con una o con un movente assolutamente ridicolo e ingiustificato ma come io dico non c'è un movente che giustifica un Airoldi recepito questo caso il Patriot giacente
Tucci critiche Luigi si sia allora io ho detto tutto ma Pietro ha fatto un percorso e fortunatamente e lo hanno aiutato o altre persone esterne al carcere
Ma nel libro che non raccontiamo e lui racconta anche di quello che ha vissuto soprattutto era il carcere degli anni Novanta quindi non era il carcere di adesso quindi non si sa odiava
Non non si leggeva non c'erano palestre c'era un'ora da coloniale o il mare ero io pezzettini sostiene di non essere il più il male no lui non lo è sicuramente ma non lo è perché ha iniziato un percorso rieducativo
Avviato da persone esterne al carcere nel suo caso un padre spirituale che lo ha seguito per ventidue anni e lo ha riportato dentro l'alveo diciamo della della dell'Arneo
Del più che altro del del pentimento e il pentimento che poi gli altri a suo favore giusto
Solo religioso credo che gli ha dato lo stimolo per riuscire a a raggiungere un obiettivo ma nel bene invece che nel male è un percorso un po'inverso a farci assumo
Ma nel momento in cui è uscito essendo il mostro nonostante abbia scontato ventidue anni di carcere ovviamente ha trovato una società molto ostile
Egli ha due così bene se poi si sale mosso delibera io dico sempre che lui ha pagato insonne entra comunque che sono usciti per tre mesi di piccole truffe nullo che ammazza i genitori insomma no
Per carità però Luigi e invito la pagato ha dimostrato di essere profondamente cambiato batterlo sfido chiunque dopo ventidue anni di inferno a o esci vivo
E o esci morto lui è uscito vivo
Anche rigenerato Tucci sta dicendo possiamo ascoltare un attimo abbiamo un momento di queste conversazioni che poi Raffaella regole ha trasformato nel libro il male ero io quindi Pietro Maso indiretta a reti unificate
Di carattere
Richiede degli anni io ho imparato ad ascoltare a rispettare ma soprattutto ad amare dire
E questo amore mi ha insegnato
L'altra figura importante nel mio cammino rituale e non della mia guida spirituale pubblico
Che ancora oggi ancorotti appunto dico o seguono unicamente durante la mia intenzione ma ancora oggi a distanza di quasi un anno la mia libertà sto seguendo forse più di ieri
Due versioni ad assolvere l'amore di Dio da quello io ho imparato l'amore per chi ama
Quello che io non ho avuto chiaramente i primi di ottobre
Ho imparato a chiedere perdono e pedonale ma soprattutto
Ecco questo aspetto che né di nuovo anche a me
Ho imparato a perdonami in chiave di una luce che può essere quella misericordia quell'amore di Dio ecco io mi sento di dire questo
Poiché appunto ventuno Alibert credo che
E l'argomento di ricatto io stesso faccio fatica
E io stesso non mi sento nei panni di cui si può dare suggerimenti
Se però ecco vorrei chiedere e prendere
Permettetemi dall'accusa i ritardi chiedere perdono a tutti tutti quelli che nel conto di tutti quelli che hanno saputo del mio alleato e che indirettamente ho disturbato
E a tutti chiedo una preghiera è una preghiera per me rimedio eventuali
Che io possa continuare in un cammino appunto di penitenza riconversione
Finora primi Vinicio
Vi faccio rivedere
Il retro di copertina Pietro Maso come oggi dopo aver fatto questo percorso che evidentemente è stato garantito per una volta almeno soprattutto in un caso così grave
Dal nostro sistema carcerario secondo me molti a casa si chiedono perché uno che ammazza due genitori non ha avuto l'ergastolo
Solo ventidue anni
No mi ha punti trenta anni per me mi perdoni è stato condannato a trent'anni in modo che conta è la libertà è no perché è stato commesso in età molto giovane per cui
Quindi ha avuto questa diciamo tra virgolette ad fino a ante dopodiché con gli sconti della libertà anticipata praticamente gli si sono ridotti è come se vi fossero stati scontati sei anni e quindi sono dei meccanismi che sono scattati
Sembra di da Dio noi nel nostro Paese abbiamo le pene più alte d'Europa
Questo va ricordato così come l'ergastolo e uno scandalo perché è una contraddizione in termini
La Libreria Duca niente nessun
Se la penna ha un fine rieducativo
Fine pena mai significa contraddire la funzionalità riveste una particolare vorrei spiegare anche nelle oasi non abbiamo abolito sì ma io non sono stato a riscrivere libera su questa persona perché noi a
Ci stiamo ponendo un problema che diciamo nella fase finale cioè quello del carcere ma c'è una società Candy fatto queste persone anche quando hanno pagato noi ieri accetta
Quindi il fine pena Anagni esiste in Italia esiste anche la pena di morte perché quello che io dico è che anche per le persone che hanno pagato la pena di morte civile è più grave della pena di morte
Quella che ha subìto Maso una volta uscito dal carcere nonostante abbia pagato il suo debito è dimostrato di essere cambiato
Lo ha dimostrato nei fatti lo ha dimostrato non partecipando tolte televisivi non prendendo l'eredità non prendendo soldi
Lavorando nell'energia ad operare le polizie beh credo che e ma che fa non è l'unico
E nessuno gli ha offerto un lavoro che in un comune ammesso l'anno ma lavora Consob padre spirituale perché perché la società non è pronta ad accogliere queste persone
E quindi dico non è vero che in Italia non esiste la pena di morte esiste la pena di Marte civile e di questo è il responsabile la società
La società pensa che il carcere sia un posto di confino è rimasto polemiche a metà tra la vendetta e l'asse tra segregazione
Garantire la sicurezza Del Gaudio
Ieri i politici di tutto questo ma non può parlare
Non so quanti di voi abbiano visto sentito che anche i giornali hanno fatto due devi Quadrini pagine interne
Perché cos'è una vendetta della politica contro la magistratura che che che che si è occupata molto di politici ultimamente continua a farlo
Sono è una forma di ignoranza non capiscono la centralità della giustizia
In un Paese civile che è successo secondo io credo innanzitutto che il tema della giustizia sia il problema degli ultimi vent'anni c'è un accordo con lui non lo prevedono ritenendo che non sono in grado al momento non c'è non solo non c'è una cultura che tende ad affrontare questo tema come
Un'emergenza tutte le cose che non abbiamo visto e sentito fino a qui fino a questo momento sono tutte purtroppo cose vere
Però evidentemente sono sentite soltanto da un da una parte della società e non ho avvertito dal corpo politico
Parliamoci chiaro il processo lungo da un punto di vista penale è un processo che fa comodo anche ad una parte di una politica che evidentemente ha difficoltà ad affrontare questo tema e conviene mantenere le cose in alcuni da un non certo punto di vista
In questo modo perché un processo lungo un processo di alla fine non non colpisce non scalfisce uno e abbiamo scusa dicendo che conviene politici perché sapete ISPES
Se vanno a finire sotto proceda alla luce di quello che ho visto in questi anni si nel senso che loro una grande riforma della giustizia l'ipotesi che possa capitare a loro
Una grande riforma dalla giustizia non la fanno a mandarla pronunciano sostengono la di c'è qualche dibattito né tanto però da un punto di vista politico e legislativo
Una maggioranza di due terzi della Camera che si riunisce per riformare la giustizia come dovrebbe essere fatto alla luce dell'esigenza di tempestività
E di efficacia della prima io questo io al momento non lo vedo e non c'è mai questo tema che rappresenta il primo punto che l'agenda politica
Che risulta essere appunto dibattuto fino in fondo evidentemente c'è un problema evidentemente rapporto tra potere politico e potere giudiziario
Arresta per qualcuno conveniente che resti e conveniente per qualcuno che resta in questo per molti non lo è per i cittadini che chiedono giustizia civile per i cittadini che finiscono in carcerazione preventiva e poi vengono al cinquanta per cento ce l'ha detto sia Pannella
Che l'avvocato riconosciuti completamente innocenti ma colpisce per esempio Pannella prima ci suggeriva questo tema
Le guardie carcerarie
Nessuno sa che esistono che fanno che problemi hanno che idee hanno spesso sono perseguitati anche da brutte voci
Allora il nostro massimo Romano è andato in un carcere qua della nostra città a vedere come lavorano chi sono cosa fanno come si formano le guardie carcerarie i secondini una volta
Le chiamano indubbiamente guardie carcerarie
Carcerieri
O peggio ancora secondi
Sono gli agenti di Polizia penitenziaria
L'altra faccia dell'emergenza carceri personale ridotto all'osso
Con una sproporzione rispetta detenuti che in alcuni casi come a Poggioreale e di uno a centocinquanta
Loro
Gli agenti
Si ritrovano spesso travolti dalla cronaca
Nell'occhio del ciclone indicati da parte dell'opinione pubblica come sadici Abruzzo
Siamo veramente pochissime perché contiamo trentotto mila unità
E devono garantire sicurezza a sessantadue mila detenuti vogliamo misure alternative alla detenzione questa istituzione così come è oggi è superata
Non abbiamo bisogno di carceri contenitore o carcere discarica sociale abbiamo bisogno di carceri istruttore che egli abbia dietro queste persone che hanno sbagliato il carcere di Secondigliano mille trecento detenuti al suo interno
è una struttura che sperimenta prima di altre le direttive dell'Europa che ha paragonato alla tortura i metodi detentivi italiani qui a Secondigliano i detenuti possano studiare dalle elementari alle superiori
Lavorare all'interno del carcere
Imparare un mestiere
Modifiche che sembrano piacere anche agli agenti
Che se poi per spezzare una monotonia altrimenti difficilmente sopportabile fatta di appelli controlli perquisizioni piantonamenti
C'è stato un profondo cambiamento in questi ultimi anni
Però con esperienza alle spalle di atti e strutture penitenziarie posso dire che Secondigliano è un'isola felice
Però ci sono sempre quelle situazioni che si inizia amplificano per una serie di fattori dovuta al fatto che lo ritenuto l'uomo a molto spesso non ho abbandonato non ha una situazione familiare alle spalle abbiamo una carenza di personale
Molto spesso capita che il personale quindi l'impiegato in altre attività succede che un collega deve gestire due due cortili passeggero
Dissi e non si tratta solo di osservare i detenuti nell'ambito del cortile ma al tempo stesso vive effettuare anche quelle
Quelle normali o forme di garanzia di controllo sullo si singolo detenuto prima dell'immissione per evitare in sostanza che possono
Occultare oggettino consentitemi
Esteso quanto indurre sette
Jazzisti alcun problema
Arrugginisce vengono controllati tutti i parchi che entrano dall'esterno e ovviamente indumenti le cose che mette in uscite detenuti
Due settimane fa
Nel controllare il mangiare avevo notato la braciola
Era stata chiuso in un modo particolare
Per cui ne seziona Piva per
Era stato rinvenuto sostanza stupefacente
E allora come vede questa audizione aperta
Stiamo applicando il nuovo regime a regime di semi apertura
Dove abbiamo sensibilizzato i detenuti
Ad un maggiore senso di responsabilità
Di partecipazione fondi si oppone e intervenire anche in in situazioni di mutuo soccorso con questo questo tipo di gestione devo dire a mio avviso
Che o c'è una emigrata la qualità lavorativa
L'uomo
Però in generale quando sta libero riesce a manifestare la sua vera la natura suo per aver personalità
E quindi noi da questo in questi momenti cerchiamo di catturare quelli a quello che in quegli elementi che possono essere utili proprio per
La riabilitazione e la risocializzazione del della della persona
Grazie alle guardie penitenziarie vi Secondigliano la direzione del carcere ci hanno permesso di entrare visto che avete risicate fa vedere cose che di solito gli altri non fanno vedere Lorenzo crea indiretta davanti nostri inviato al carcere di Poggioreale l'altro grande carcere
Napolitano quale il commento degli ex detenuti dell'associazione detenuti a questo servizio
Allora dottor Cecchi Paone
Qua biondo
Io do ragione allora
Io
Su fatte che chi esce dal carcere non deve commettere più reale
Però purtroppo Napoli
Torino è una città particolare
Non esistere più le politiche sociali in questa lista più nulla
Dunque dico io chi esce dal carcere
Specialmente in questo carcere
C'è il super affollato
Lui Minale
è fuori legge
Io faccio la domanda e politici cosa devo fare i giovani a Napoli
Ne parliamo tutte le settimane io non posso darle una risposta però volevo sapere Lorenzo se poi chiedere cosa pensano dell'esperimento per esempio di Secondigliano di tenere le celle aperte per alcune ore al giorno
Noto Secondigliano
è un carcere a norma
Qui purtroppo non è un carcere a norma di
Nelle celle
Sono super affollate e non la vostra a tenere aperte
Questo è un carcere da abbattere
Perché si andrebbe piccole diate e si esce una coltura
Di grandi reati
è chiarissimo la ringrazio ecco perché c'è un Thales chiarissimo chiarissimo Marco Pannella per tutto vesto
Noi stiamo per essere gravemente sanzionate arie non europea se non sbaglio il ventotto maggio me lo confermi
Sì ma
Il problema non è quello del ventotto maggio
Se no diventa un alibi il problema che noi siamo già da otto mesi sotto ultimatum e non è cambiato una più elevata le cose che sono cambiate voglia dare un esempio
Proprio perché
Bisogna fare qualcosa ogni cittadino impedito dal fare qualcosa devo dire io penso
Che Maso mentale
Sin quasi sicuramente ci saremmo visti perché
Nei suoi vent'anni sicuramente una volta o due opere
Se allo Stato nel suo in carcere con loro contenuti noi l'abbiamo appoggiata però mattina nel corso della non violenza
Inoltre i compagni radicali della grande Napoli al grande Napoli quella di novantadue comuni che dovevamo fare per evitare gli andiamo a mezza divenisse necessariamente
Un monopolio delle zavorre un monopolio in quel servizio lì
Come l'abbiamo visto no ma noi non siamo più parlamentari non possiamo più entrare perché abbiamo fatto le liste amnistia eccetera
E nessuno ha potuto votarle perché nessuno ha potuto sapere che c'erano Rita Bernardini non può più andare nelle carceri non è più parlamentare io per pochi finanziamo
Ma perché voglio dire i nostri comparti
Vanno lì tutte le mattine all'ingresso di Poggioreale dalle cinque di mattina sei
Con i familiari che fanno una silente vengono magari non dal nostro Sud magari devono arrivare dal nord
Non hanno i soldi per farlo arrivano dove tutti i giorni in queste ore la non violenza cioè dare il colpo a qualcosa dare
Devo dire produrre qualcosa
Che si rafforza per quello che vorremmo accadesse
E invece vediamo torno a dire come cittadini italiani tutti in un carcere perché non possiamo conoscere le verità perché le cose che noi importiamo non potete sentendo il il patto il Quintavalle eccezioni ma perché perché non avete il diritto l'Italia non ha il diritto di scegliere
Noi leggiamo solo la criminalità introiterebbe milioni ma c'è qualcuno che mi ha spiegato che negli ultimi dieci anni in reati violenti del nostro Paese vedo che sono crollate
Invece si creerebbe dal fare questa continua
Bombardamento sull'ambiente sull'opinione pubblica una kamikaze cioè alla mia esperienza e cioè l'indulto e via dicendo e resi
Il mio era un fatto semplicissimo
Io credo di aver ereditato le carceri
Una tale Capodanno e li ho passati così
Devo rilievi ringraziare degli dei direttori dei carceri che non sono uniche fatti al mondo
Per esempio a Padova altrove
Nelle quali l'hanno Zeman per il passaggio da un anno all'altro dell'Europa le loro famiglie casa questi direttori delle carceri
Dal comma del Corno adesso non ci possiamo più andare nessuno di voi ci ha potuto votare
Poi oggi abbiamo mattina a sera Gobbo Sempre Renzi Renzi Renzi bensì l'unica cosa che ha fatto ai dodici il referendum
Che cosa
Proprio però quel porco quel maiale d'accordo di Berlusconi che non è di classe non è di sinistra gran
è ormai più di tutti e dodici invitando tutti gli italiani dicendo questi referendum
Io alcuni non li voterò
Ma in questo momento ritengo giusto che gli italiani in tutti i sensi passatemi il termine perentorio grazie a un altro a una pronuncia devo fermare un secondo mi devo fermare un secondo ordine
Mi devo fermare sono un secondo perché io mi chiedo di fronte a tutto questo
Perché tonnellate di giovani italiani soprattutto al sud continua iscriversi a giurisprudenza
Io lo chiederò tra poco a lei lo chiederò tra poco i giovani avvocati che sono qui raccolti in un'associazione perché sono tantissimi si trovi questo Stato perché vogliono fare i magistrati cioè in questo sfacelo
Come è possibile che tutti continua a voler fare professioni legate alla giustizia tra un attimo a reti unificate
In questa puntata le reti dedicate ai fini del sud come sapete sempre indiretta a questa del mercoledì su Canale otto nove su Canale ventuno su tre Vomero n streaming su Canale otto punto it it e su Canale ventuno punto i tipi
Abbiamo visto come la maggior parte d'Italia non abbia più alcuna fiducia nella giustizia perché lenta perché non tarda certezza della pena
Perché le carceri sono luoghi considerati ormai di tortura da da da da da taluni europea per esempio anche delle Nazioni Unite
E ci siamo chiesti mi sono chiesto certo punto perché in questo stato di sfascio generale che coinvolge il lavoro dei magistrati che non hanno i mezzi che non hanno gli uomini
Tutti continuano moltissimi giovani continua a iscriversi alle Facoltà di giurisprudenza per fare prevalentemente l'avvocato e qualche volta il magistrato solo a Napoli ci sono più avvocati che in tutto la Francia eppure di fronte a questo
Nessuno cambia idea e tutti insistono nell'andare incontro a a questo disastro sentite un attimo il nostro servizio
Dalla città dei principi del foro alla città degli avvocati disoccupati
Il lento declino di Napoli come eccellenza della giurisprudenza italiana passa anche per un mercato del lavoro che non riesce più ad assorbire i nuovi avvocati
Solo nel capoluogo campano si contano oltre undici mila iscritti all'ordine cui si aggiungono circa sette mila praticanti tra avvilita chi al nonno un numero di togati che supera quello dell'intera Francia
E il futuro non sembra più Frosio se è vero che la sola Federico secondo conta più di tredici mila iscritti a giurisprudenza con oltre mille cento laureati nell'ultimo anno accademico
Ma come sono accolti dal mercato del lavoro i nuovi avvocati
La trafila classica prevede un praticantato in uno studio legale ovviamente senza alcuna retribuzione come ci racconta una giovane avvocatessa che preferisce non mostrarsi invocato
Mi sono laureata in giurisprudenza all'età di ventiquattro anni con il massimo dei voti
E come di consueto cominciato la pratica presso lo studio di un avvocato non prevedendo il Consiglio dell'ordine una lista di negli studi professionali a cui accedere sono arrivata attraverso una conoscenza
Per poter cominciare la mia pratica forense
Mi limitavo inizialmente a fare le fotocopie e gli adempimenti ci rimetteremo le le esperienze spesso anche le marche da bollo ma assolutamente rinvenivo retribuita
Ho partecipato lo scorso mese dicembre all'esame di dell'abilitazione di avvocato e mi sono dovuta confrontare con delle condizioni pessime a partire dalle
Dalle file mattutine per non parlare poi degli elaborati che potevano essere svolti in qualsiasi modo con l'utilizzo di cellulari di libri aperti
Avvocato addirittura che suggerivano le risposte insomma mancanza di serietà completa dall'inizio alla fine della dell'esame
Una comunità in subbuglio quella forense come dimostrano i frequenti scioperi degli ultimi mesi
Con l'aumento delle marche da bollo la riduzione del gratuito patrocinio la chiusura dei tribunali e altri provvedimenti denunciano gli avvocati lo Stato punta scoraggiare i cittadini e inizia dell'iter processuale
A tutto ciò si aggiunge un rapporto non più idilliaco con la magistratura che nei mesi scorsi aperto più di un fascicolo a carico dei legali arrivando a impiantare CDC all'interno degli studi
Capisco perché si continui a iscrivere a giurisprudenza così numerosi l'avvocato Kikri rappresenta l'Associazione Giovani avvocati
Lei quando si è lavorato sono giovane ma non così tanto del nelle Presidente all'associazione lei perché l'ha fatto la vocazione il sacro fuoco lo studio di famiglia ben sapeva che altro fare no
Sicuramente o uno sui famiglia quindi questo evidentemente ha condizionato un posto sin dall'infanzia le mie scelte valeva chiaro che c'erano più avvocati a Napoli che tutta la Francia
Beh questo all'epoca non è non è non era non era la situazione dell'epoca adesso è cambiato qualcosa ma il trend per la verità e anche e anche sia anche invertito cioè
In realtà negli ultimi anni si assiste a una riduzione degli scritti giurisprudenza anche una riduzione degli scritti a nella ma non è gran ed è una praticante innanzitutto non si faccia riprendere in volto secondo me già questo è un segno di fallimento un avvocato che si fa riprendere
Di nascosto come fosse un criminale
Questo il mondo da una bella immagine assolutamente nulla da né di lei nel per la vita della dell'avvocato presso il quale
Svolge laccate permetterebbe quel numero nove ecografi Fatah se non in maniera
Davvero marginale la situazione dei praticanti avvocati a Napoli non
è una situazione che la collega vive non ho motivo di dubitarne ma rappresenta un dato che assolutamente marginale sul piano quantitativo e naturalmente
Un dato patologico rispetto al quale evidentemente proprio perché vi siete associati come giovani avvocati cosa chiedete che cosa rivendicate associazione
Dei giovani o non è all'Assessore alla cena la sera non è valida per carità esiste esiste da quarant'anni e quindi quelli che prima erano i giovani avvocati adesso adesso non lo sono più tanto
E noi naturalmente facciamo la la battaglia dei giovani di rivendicazione di giovani sono sempre quelli di per numero uno cuore
Beh le prime rivendicazioni nostre sono nei confronti del legislatore perché l'esattore come in altri settori nella giustizia ancora di più
Non aiuta non aiuta i giovani in nessun modo la riduzione legislativa del
Diritto al compenso né il gratuito patrocinio che
Una sacca importante di
Anche possibilità di guadagno per i giovani
Una soltanto delle ultime che vi ha colpito sì negli ultimi avvocato Gaia grazie avvocato dei CRI avvocato voi li aiutate se i giovani a a non venire penalizzati ulteriormente oltre che dal contesto
Ma assolutamente trovarmi spetterebbe siamo affrontando oggi io penso che lei prima parlava del
Percorso delle facoltà al giusto che esista
Ebbene io penso che da lì bisogna ripartire perché voi anche
Quell'immaginano colpito di questa giovane praticante poi
Si faccia vedere intorno al lordo delle materie d'acquisto e farla non è dato fa porca miseria e la morale una voce libertà quindi parte dopo parliamo ma insomma se l'avvocatessa si temette rischierà bene ha perso da prendere un'altra cosa poi
Può regole hanno come si diceva prima se ci fossero più avvocati le scelte legislative perché anche l'attuale percorso di accesso la professione dare facoltà giurisprudenza una scelta legislatori non avvocati perché lo abbiamo dato il nostro contributo
In altri termini una
Una programmazione e il numero facoltà giurisprudenza con una scelta
Formativi indirizzava la professione con l'accordo di accesso la professione che quello attuale scaturito da manager deve recente riforma l'ordinamento di febbraio scorso qual è quella cui lavora pensato
C'è un giovane che pensa di fare l'avvocato deve indirizzarsi a questa professione
Chiaramente con le garanzie per quanto riguarda del compenso una formazione adeguata purtroppo anche l'accesso professione di avvocato anche la formazione universitaria sono scelte decise al legislatore inadeguato così come gli altri
Termina giustizia un tema assolutamente grave
Perché non vocato poco qualificato sicuramente rieleggere un vulnus
Questo non c'è legge le faccio una lista non era il il problema di avvocati chiede che sfornati Daniele ogni volta Napoli ogni anno stravince non è un po'non era tanto il problema del del fare di farsi eleggere ma un problema come
Dicevano con le altre immagini interlocuzione diversa con la politica c'è rispetta i termini stiamo trattando oggi
Il tema delle carceri la carcerazione preventiva
La giustizia e lei mi darà giustizia lenta sono troppo temi che chi si occupa
Chi fa la professione o che si occupa di cronache giudiziarie conosce da tanti troppi anni il che vuol dire che tutte le scelte negli ultimi anni comprese quelle hanno riguardano sta pressione socialiste affluente sbagliate
E seguono risposto ante tutte tutte tutti complimenti manco a farlo apposta c'è una volta ci si mette lì legge tutte basta dire un dato statistico diciamo prima nella nella pausa ogni anno abbiamo assunto circa duri forma l'anno che hanno riguardato il processo civile progresso penale
I tempi sono allungati quando poi a sentire le guardie penitenziarie se non si parte ha dato delle risorse
Se non c'è un organico amministrativi cioè se non si pensi alla giustizia sia un dato di priorità quella penale anche quella civile spesse trascurata io penso che di queste vicende parleremo per i prossimi vent'anni il che è un dato che
Debba appartenere non solo l'avvocatura
A me giusto di detti lavori ma adesso un fatto al centro il dibattito culturale
Di chi pensa che la giustizia sono preda del Paese chi pensa invece sia un dato accessorio rimane ancora spettatore inerte a cui nuove per me è un disastro
L'altra cosa che mi chiedo è
Quando uno decide di fare il magistrato lei come magistrato affermato ma è ancora giovane perché lo fa qual è la motivazione il sacro fuoco o una qualche
Esempi in famiglia una voglia di esercitare un ruolo civico
No il sacro fuoco io non ce lo per niente mi fanno molto poco le persone animate da eroico furore sacri socio tutti i colleghi animati furti sacri
Penso che sia una
Professione straordinariamente bella nel senso che
Sì la si vive come un servizio
è la giustizia come la scuola la sanità dovrebbero essere diciamo le tre cose fondamentali tre servizi un Paese civile paese civile cioè
Quindi questa è stata la sui poi andrà a me non piace prendere le parti quindi io mi sentivo diciamo dividend yield proprio chiamato a dire chi ha torto e che abbia salvato il sornione cioè voleva fare salone magari
No esitiamo Ecopass quello e quali malamente di Circeo o difficoltà e mi piace ascoltare tutte le le parti questa è una cosa che mi piace moltissimo sia nel processo penale che il processo civile
Credo che sia una professione molto bella ecco credo che sia importante che la magistratura
Decida di autoriformarsi seriamente perché è vero che il legislatore può fare delle cose però che l'avvocatura ne può fare delle aule cioè dagli organi di autogoverno la magistratura quindi potrebbe farlo è tutto molto lento anche nell'organo di autogoverno ma
Quello che dice l'avvocato Caia poi aggiungo una cosa
Di tutti i dibattiti politici veleggiando sui giornali sulla riforma della giustizia non c'è mai nessuna riferimento ad alcune norme di buon senso allora io vi faccio semplicemente due senti perché poi stanno dal di fuori
Per fare il trasferimento di un magistrato da una sede ad un'altra
Ci vogliono tempi biblici io non so se allungando che ISPA incendio Salomone allo monetarie tratte negli altri Paesi del mondo questo accade faccio un esempio noi siamo stati circa sedici missini
Senza il nostro Presidente di Sezione perché lucro mandavano perché c'era in corso la procedura di trasferimento di scelta del nuovo di designazione DIA
Altro problema e qui non vorrei essere sgradevole quindici vado con sulle
Ne abbiamo avuto una modifica culturale importante per qui oggi c'è un altissimo numero di magistrati donne
Benissimo che hanno un diritto fondamentale di quello di essere madri benissimo
Ma un'altra cosa strana che succede in questo Paese che quando esercitando il proprio diritto il magistrato donna va in maternità si firma cioè non viene sostituita ci vogliono un po'
Procedure anche qui lei vorrei fare il filosofare insomma può capitare anche questo ci sarebbe la figura del magistrato distrettuale ma sono pochi
Perché è chiaro che essendo modificata adesso la composizione rispetto venti trenta quaranta anni fa ne avremo bisogno di molti più magistrati distrettuali
Allora spiegare a un cittadino che proprio giudici hanno di maternità e quindi per un anno un anno e mezzo questa causa più o meno si firma
è una cosa tremenda di questo lei ha mai sentito parlare non patiti ma son cose di organizzazione Sanna di prudente amministrazione a cogliere la cui organizzazione Dolores organizzazione e quindi son più queste le cose che massimi sistemi del qui ogni sei mesi stiamo a fare una modifica del Codice di procedura di Bush abbia pubblici non ne possiamo più
Di studiare modifiche normative che non servono perché frustrante allora Fella regoli è autrice di importantissimi programmi e di reti nazionali perché le reti nazionali non si occupano se non del singolo caso di cronaca nera
Di questi problemi perché non c'è una cultura quando noi quando Pietro mi diceva il carcere è una fabbrica del male allora l'unica perciò si va dall'interno dice quelle la terra dei morti infatti
Descriveva e la terra dei morti ma noi ci stiamo Biticci stiamo da vivi dentro no
E dava la percezione all'interno di quello che potete creare questo inferno perché nessuno di noi immagino a cosa sia veramente il vivere ore ore ore anni lì dentro rinchiusi
In quel sistema con tutte poi le migliorie che sono state apportate ma se non sei privato solo della libertà se privato della dignità
Ora la la Società percepisce il carcere come qualcosa fuori da sé cioè pensando che queste persone una volta finito il carcere non rientreranno nella società
La cosa importantissima che ha fatto il nuovo Papa Francesco cosa è stato il primo atto andare a lavare i piedi in un carcere
Ora io farei un'altra cosa Pannella dice una cosa molto importante e noi non possiamo entrare più nel carcere giusto
Allora io farei delle visite guidate non alle mostre che delle scuole oggi portano i bambini a vedere la mostra di Kandinsky bellissimo ma il concetto di bellezza
Però io li porterei anche a visitare carcere minorile ogni tanto un
Perché lì si crea una cultura di quello che e di quello che non dovrebbe essere e nel momento in cui tu interessi il cittadino
A capire che la cultura la difesa di queste persone e la difesa di se stessi perché queste persone rientrano nella società non è che restano confinati a vita
E quindi è una responsabilità di tutti io non vado nella pietas cristiana perché c'è poi chi crede chi non crede io vado nella pineta se civile
E capire è importante che il cittadino capisca che
Quelle persone che fanno parte di noi non sono altro da noi io dicevo ma bar basta andare in un qualsiasi anche in una metropolitana e vedere come la gente ha spoglia il giornale le prime quattro pagine legge la notizia del TAR
C'era la sorpassano abilmente ma quella dello sport
Quindi è chiaro che non c'è una cultura della rieducazione
è il segno non creiamo questa culturale quindi la responsabilità nostra ed ecco perché la tua trasmissione
Non sono importanti ma anche coraggiosa speriamo utile se non ho un killer
Perché in base creare una cultura che non c'è e secondo me andrebbe fatta a scuola è inserita in un attimo a Poggioreale dovesse Lorenzo crea che ne pensano delle visite guidate per i ragazzi delle scuole in carcere
Sarebbe perfettamente una bellissima cosa perché
Così i ragazzi sì renderebbero gode come vivere i detenuti italiano
Io l'ho mai ci vogliono le politiche sociale sta
L'articolo ventisette fallito nelle carceri italiane
Siamo d'accordo con le dovute alla ben istiga ci vogliono politica lavorative a tremende saranno inutile la doppia l'amnistia vanno fatte con la politica sociale e lavorativa
Bene mi sembra chiarissimo su questo punto Antonio D'Addio cortesemente
Se si alza e tra un secondo loro aggiungo perché ha appena presentato un filmato che ci racconta proprio quello che non si vede finché non si organizzano queste gite queste agire questi giri educativi
Per esempio Antonio ti raggiungo subito
Cosa succede alle carcerate le detenute che hanno dei bambini piccoli buona sera c'ha una sede i propri domani nel carcere femminile di Pozzuoli presentiamo questo costoro prima
E quindi c'è il
Mentre tu parli vediamo in anteprima assoluta qui a reti unificate la TV del sud qualche immagine io ci tenevo quella raccontare questa storia perché con le madri
Fanno la stanno in galera anche i bambini piccoli sì e questo è al carcere di Pozzuoli consentirà c'è proprio lo spazio in cui fino ai tre anni possono stare con le mamme quindi vivono tutta questa
Loro esigenza ma in modo particolare c'è questa associazione orfani della vita dire della cantautrice varie qui c'è anche un responsabile che anche attore del corto riguarderà
E abbiamo anche regista vuole qui hanno voluto proprio raccontare questa situazione non soltanto del carcere Sindaco ma dice come stanno le stiamo vedendo le immagini come stanno i bambini in carcere
Ferita fanno fanno sono carcerati anche loro alla fine
Purtroppo sì loro vivono questa condizione vivono questa situazione insieme alle mamme tra l'altro come sono
Per quanto il calcio di Pozzuoli e molto all'avanguardia perché c'è una direttrice la dottoressa salti che tiene a Farra una disabilità dei corsi di pizzaioli di produrre caffè però comunque è una realtà
Rieducativa abbastanza importante abbastanza anche difficoltosa perché loro essendo delle detenute donne
Sono anche mamme e quindi hanno la responsabilità di crescere questi bambini cercando di far vivere poco questa realtà
Molto dura che del carcere anche perché tra di loro non sempre c'è un un accordo le mamme di questi bambini che stiamo vedendo che cosa hanno fatto perché sono in carcere con i loro figli piccoli
Loro sono
Otto hanno ucciso o hanno fatto contrabbando sono o per reati di prostituzione
Ci deve far raccontare allora onorevole troppo
E quindi insomma loro vivono questa situazione però sono anche ben predisposte al di abilitazione alla rieducazione
Lamentano un po'quello che diceva anche la dottoressa regoli nel senso che molte sono uscite poi ritornate
Perché rimesse nel loro habitat nel loro nella quartieri nessuno dà una mano nessuno li aiuta nel inserimenti e quindi sono costrette di nuova delinquere tornano grazie Marco qua
Nella visto che ieri e questa è la battuta finale che ti chiedo stiamo chiudendo il Parlamento non ha fatto nulla di risposta all'appello del Presidente e a tutto l'azione che tu fai danni
Così radicali italiani che succede adesso cosa farete
Ma guarda stando a quello che può e il Parlamento ha fatto schifo
Ma devo dire hanno fatto schifo non è il popolo italiano
Perché nessuno adesso votiamo vediamo i bambini e le altre cose da belle anime e va bene neanche questo
Ma se voi pensate che errori
Siamo stati in tutti i nostri parlamentari non li ha letti abbiamo avuto lo zero per cento deve del come dicevo dunque abbiamo il popolo italiano quando io giro non solo per Napoli
Gli abbracci il completamente l'affetto eccetera e dopodiché non possono più andare se non con permesso del
Ministero eccetera Rita Bernardini lì Maurizio Turco tutti quanti gli altri non possiamo più andare nelle carceri perché
Figuratevi gli altri hanno avuto il venti per cento e noi abbiamo avuto lo zero virgola sessanta per cento
Perché il popolo la pensa così ma veniva fatta fuori da questo grande Renzi che colture hanno distingue accolto il diritto contro il referendum
Che
Appunto è quello grande adesso per con il suo partito che dovrebbe essere di sinistra laddove l'eccezione importanti di persone oneste
Che combatterono battaglie anche per gli ultimi anche per gli ultimi e non solo perizie indagini o per Tonino Di Pietro tanto per dire le cose quindi in quello che vorrei dire questo Alessandro un'informazione per il suo e non lo saprebbe nessuno tranne gli ascoltatori del martedì del del giovedì
Direi di un radicale
Con radio carcere nord per il ventotto maggio
Rita Bernardini Irene il prestanome del detenuto ignoto hanno già programmato per molti ci sono circa mille cinquecento persone
Che hanno aderito nel senso che la non violenza non è solo o non mangiare o non vere
Eccetera e anche per esempio lo ripeto come i nostri compagni del cambiano la loro vita a Napoli da grande Napoli
Perché si alzano il quattro alle cinque di mattina per fare la coda assieme allora c'è questo non vi rendete conto che esso il torto richiedono sacrifici
Sul Tronto ignorano
Ma angioletto butta lì fanno ignorare ma non ecco noi siamo stati esclude il perché Marco scusa devo chiedere garbatamente ha proclamato il ventotto
Abbiamo programmato è un'azione non violenta è un Satyagraha
Per farsi gli chiedi qui al ventotto non andiamo allo schifo è al disastro di quell'ultimo e di quello
Primato ti ringrazio che salutiamo con una clausola ma allora
Solo in conclusione
Roberto
Grazie avrebbe profondo ad esempio negli ultimi
Grazie per quello che fa attento
Non ne parleremo se non avesse cominciato tanto tempo fa una lunga battaglia Del Gaudio approva saluta battaglia dopo lo chiedo anche a te la figuraccia di ieri non succederà più nulla non se ne parla più
Se non se li avete letti al Presidente della Repubblica e a Marco Pannella chi basta ai bisogni no bisogna insistere lavoro giornalistico deve andare avanti deve tenere alto il dibattito tu sai l'immagine di via Po gira io ci tenevo a dirlo lì la mattina alle cinque del mattino ci sono centinaia di persone in fila quelle persone già sono detenute in un certo senso sono presso i parenti o gli amici dei detenuti
Che simili incolonnato in fila in quel momento già vige una nuova regola non della della pubblica piazza o dalla pubblica stanno o di chi accetta di vivere con le condizioni di di tortura di cui chi ha fatto riferimento
Chiaro che l'obbligo da parte di più anche nuove di tenere altissimo
Riaffrontare l'attenzione per fare modo che la politica non non si non non si volti dall'altra va cose però continua a fare appena fatto
Lorenzo un'ultima va tuta cioè con la signora che ci raccontasse va anche lei la mattina alle cinque che cosa fa cosa porta che cosa si aspetta quanto tempo si passa
Buonasera buonasera grazie inadatto vane
Volevo dire
Che è uno schifo proprio fuori dal carcere di gomme
Siamo delle bestie in pratica noi la mattina alle cinque penetrare alle quattro di pomeriggio ENAC è giusto non è giusto a proprio per quando entra cosa cosa fa malato con
Quand'è tra l'altra sera all'interno si vagliano altre ore all'interno
No il canestro niente ora dal tra l'altro chiamarla mandati no no la loro fanno quello che pagano la loro ma non è giusto ma chi era dentro lei generati sia dentro lei signora
A
Dieci anni al seggio andiamo Fiji quant'è la mia
Trenta sei cosa ha fatto se vuole dirlo
No
Non voglio dirlo allora di e quanto tempo deve stare dentro
E già ci sono altri anni e deve ancora scontare una pena dentro di noi oggi non hanno quindi un altro anno di coniuga ogni quanto va a trovarlo aerei
Vivai Grandinetti agli altri già esitato a picchiato è tanti pagato lei sanato
Per questo sarà un atto che le conseguenze del sovraffollamento ogni quanto lo da trovare idea la cravatta di quanto la trova la ragazza
Settimana
Quindi ancora come l'ha trovato l'ultima volta
Ultimata la trama dal pieno di debitore
Aveva un indolore alla vecchia ha detto scusa ma non deve hanno del medicinale bengalesi Valzan Mammana quand'è uguale medicinale quando andavano medicinali
Grazie signora auguri avvocato che potere ha un un avvocato per
Cercare di difendere da eventuali soprusi da eventuali manchevolezze sanitarie da eccessi di disfunzione
Guardi c'è bisogno di sorveglianza no c'è giudice di sorveglianza c'è la possibilità di di presentare esposti denunce come lei sa però secondo me e anche necessario sensibilizzare magari attraverso trasmissioni come questa
E non solo l'opinione pubblica per quello che si diceva prima deve modificare la cultura deve essere modificata la cultura del cittadino
Che in parte devo dire anche fuorviante dai media questo è il circuito perché in un giustizialismo sensazionalista dico è indotto anche dei media e soprattutto io penso che in sul tema della giustizia
Vi sia una
Tentativo strumentale da parte della politica
Mi riporto anche quello che diceva prima Virga odio è diventata una scorciatoia del consenso
E questo è intollerabile perché tutti sanno che per diminuire i reati e per ab abolire
Come idea
Gran parte delle carcerazioni di questa visione carcere o scientifica occorre una riforma complessiva che le politiche sociali che si diceva prima
E c'è una redistribuzione delle ricchezze economiche e culturali e quindi potenziare la scuola
Potenziare tutta una rete di servizi di politiche pensi che delle carceri fino a venti trenta anni fa
Previsti intorno al pianeta carceri tutti si sognava la possibilità di inserire operatori culturali appunto il teatro la musica il cinema
Oggi questo discorso è stato completamente accantonati per mancanza di fondi per mancanza di agibilità per cosa perché si pensa che sia un dessert la cultura
E quindi nel momento in cui sono difficoltà economiche si crede che si deve essere tagliato l'inutile invece per una democrazia la la crescita Cooder un Paese civile un Paese civile eh
Fondamentale
Io volevo grazie per questo applauso
Sui titoli di coda vi faccio vedere il modo in cui l'immaginario collettivo ha in testa il carcere guardate come hanno ricostruito attingendo al cinema rese televisive al teatro Vincenzo Coppola già da Di Gregorio
Glielo dico io
Via
Mini Edoardo Bennato cantava unicità è un'isola e nessuno lo sa e invece lo sanno bene i ragazzi dell'istituto penale minorile
è un'isola perché li separa dalle famiglie dagli amici è un'isola però dove in molti hanno trovato anche un approdo è un'opportunità per il futuro
I riflettori sul rischio mezzi diversi da
Si sono accesi per la prima volta nel mille novecentottantuno
Quando Eduardo De Filippo nominato senatore a vita parlo di quei ragazzi immaginando per loro un percorso possibile di riscatto e speranza farla per i ragazzi di Napoli
Mario appare la mia che
Ognuno può fare la sua
Non vi fidate e questo è il vostro
Quando uscirete
Perché voglio uscirne certamente
Io sono sicuro che voi non volete usare
Luglio
Punto è quello di trovare un consumo quello che voi mi
Anche piccola posto di lavoro
Non potete trovare
Noi contemporanei ma ci sarà certamente
Sarà certamente in Puglia
Ma chi glielo fa fare di lavorare sul senso nell'ordine della davvero
Ma come funziona
In molti negli anni hanno raccolto l'appello di Eduardo
Ma a colpire al cuore scardinare l'indifferenza di chi era dall'altra parte del mare è stato Nanni lo
Regista tirare a sensibilità che gli scugnizzi dimisi piazzare i loro sentimenti
E alla loro voglia di riscatto ha dedicato alle musiche di Claudio mattone
Un fitto
Scugnizzi appunto
Napoletana arrivare alla
Indesiderata
Il dramma della vita in carcere è stato protagonista di tal
Le piccole chi non ricorda Castiglion costi McQueen Dustin Hoffman
O fuga da Alcatraz con Clint Eastwood tornando al cinema di casa nostra
La violenza delle scene ambientate a Poggioreale
Del camorrista di Tornatore
O i personaggi più popolari e Bardeschi interpretati da Mario Merola dei film che facevano il verso la sceneggiata
Ma quando il cinema varcato i cancelli degli istituti di pena minorile
Ha messo a nudo una realtà più loro
Inconcepibile inaccettabile
Quella dei ragazzi in gabbia
Come i Carusi del Malaspina o degli scugnizzi di incidere
Un carcere ma
Devo venissero
ENAV ed anche penali
Stili né la
Silenzi e assistenza
Allora non è la gita scolastica proposta da Raffaella regoli ma quello che possiamo fare noi Raffaella regoli vi ricordo il bellissimo libro sulla storia terribile e poi in qualche modo
Come posso dire superata da Pietro Maso io ero il busto il mostro ero io e poi
Ci ha detto ci ha fatto vedere ci ha documentato come qualche volta il carcere può rieducare come vuole la Costituzione anche i mostri grazie a tutti grazie Marco Pannella Graz Lorenzo Crespi ospiti in diretta da Poggioreale ci vediamo fra una settimana per capire se e quando il Vesuvio si risveglia e in quel caso cosa potrebbe succedere
Buona notte a Rimini e