08MAR2014
rubriche

Cinema & cinema: "Fratelli minori" di Carmen Giardina

RUBRICA | di Gianfranco Cercone RADIO - 00:00. Durata: 4 min 51 sec

Player
Puntata di "Cinema & cinema: "Fratelli minori" di Carmen Giardina" di sabato 8 marzo 2014 condotta da Gianfranco Cercone .

Tra gli argomenti discussi: Brigate Rosse, Cinema, Criminalita', Cultura, Film, Impastato, Mafia, Moro, Ordine Pubblico, Politica, Rapimenti, Servizio Militare, Societa', Storia, Terrorismo.

La registrazione audio di questa puntata ha una durata di 4 minuti.
00:00

Scheda a cura di

Guido Mesiti
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Un saluto agli ascoltatori di Radio Radicale
Di cortometraggi in Italia non hanno largo corso sono confinati per lo più
Nel circuito dei festival che sono numerosi ma
Riservati a un pubblico di addetti ai lavori o di appassionati
Questo limite però non è nel fatale diciamo nei artistico per esempio in Francia i cortometraggi sono regolarmente acquistati e trasmessi da alcuni canali televisivi dunque per loro c'è un mercato
E d'altronde non c'è nessuna ragione per cui un cortometraggio
Debba essere di per sé meno bello meno importante di un lungometraggio così come un racconto mole meno bello di un romanzo per il solo fatto di essere più breve la bellezza ovviamente non è una questione di quantità
Comunque i cortometraggi in Italia anche se sono ridotti come vuole un luogo comune a una palestra per quei registi che poi si cimenteranno nel lungometraggio comunque sono prodotti in gran numero e
Non può certo renderne conto
Questa breve rubrica settimanale
Ma a titolo emblematico vorrei parlarvi di un corto che è un po'un piccolo fenomeno valido ottenuto numerosi premi in vari festival dove è stato presentato si intitola fratelli minori e lo ha diretto Carmen Giardina
La storia del firma si svolge nel mille novecentosettantotto all'epoca del sequestro di Aldo Moro
Per l'occasione come ci informa un cartello di apertura furono utilizzati anche dei soldati di leva per costituire dei posti di blocco lungo le strade intorno a Roma
In precisamente qui ci troviamo a Ciampino i tre protagonisti sono proprio treni i soldati che si ritrovano a sorvegliare una strada deserta in aperta campagna
Sembra la situazione da deserto dei Tartari cioè tre soldati armati di tutto punto
Pronti non in questo caso punta a una battaglia che non scoppierà mai ma ha un compito che non possono svolgere perché
Su quella strada non passa neanche una macchina
Ecco ma dal modo in cui ammazzare il tempo diciamo durante l'attesa
Allo spettatore dato distinguere il carattere dei tre soldati uno è frivolo e sensuale un altro si è formato una coscienza politica un altro e più ignorante è sprovveduto
E loro discorsi cadono su una questione all'epoca molto dibattuta cioè lo Stato per ottenere la liberazione di Moro farebbe bene a trattare con le Brigate Rosse
Il più politicamente impegnato dei treni soldati chi è siciliano
Ha ascoltato alla radio i discorsi di un certo Peppino Impastato favori voleva alla trattativa anche perché
Secondo cui il Governo italiano avrebbe interesse acché Moro venga ucciso
A un certo punto sulla strada compare finalmente una macchina un signore a bordo forse un alto funzionario ma rifiuta di qualificarsi
Informa i tre soldati che è stato ritrovato il cadavere di Moro e che Peppino Impastato è stato ucciso e intima minacciosamente proprio alla pattuglia di sgomberare il posto di blocco
Ora beninteso il film della Giardina non fare della dietrologia cioè non pretende di individuare
Una connessione chiara tra i due omicidi che sono effettivamente avvenuti a breve distanza l'uno dall'altro
Il punto di vista con cui guarda la storia la storia con la S maiuscola e quello dell'uomo comune i tre soldati di leva per l'appunto
Che di certe trame di certi oscuri interessi può avere soltanto un presentimento un'avaria intuizione giusta o sbagliata che sia che si sente come una pedina in un gioco che non comprende
Comunque il soldato siciliano avverte in quelli notizie sul
Fornite da funzionario in quella minaccia un oltraggio al proprio senso di giustizia tanto che spara contro la macchina del funzionario mentre si allontana
E infine si chiude su un'immagine misteriosa ed espressiva della quali tre soldati schierati in assetto da guerra
I fucili puntati aria si trovano di fronte alla strada invasa dalle pecore è un'immagine forse il Grisolia che ci dà l'idea di una ribellione impotente ma che quasi commuove
Va detto che il corto si avvale di un ottimo cast di giovani attori ed è la colonna sonora suggestiva di piglio e Aldo De Scalzi
I corti dicevo non hanno distribuzione in Italia la chi volesse vedere questo corto insieme a tanti altri corti e a lungometraggi italiani indipendenti può farlo appagamento sul sito www punto Roma film Markette punto com
Può essere un'alternativa alla distribuzione ufficiale
Dunque fratelli minori di Carmen Giardina un saluto da Gianfranco Cercone