05MAR2014
intervista

Intervista a Vittorio Bellavite, portavoce nazionale del Movimento Noi siamo Chiesa

INTERVISTA | di Emiliano Silvestri MILANO - 00:00. Durata: 20 min 33 sec

Player
Il trentennale degli accordi di Villa Madama, il nuovo Concordato Craxi - Casaroli; l’intervista del direttore del Corriere della Sera, Ferruccio De Bortoli, a Papa Francesco a un anno dalla sua elezione al Soglio di Pietro Le novità dell’intervista; i pericoli della idealizzazione (in ogni idealizzazione c’è una aggressione) della figura del Papa e il nuovo settimanale “Il mio Papa”.

Le risposte sulla famiglia e sulle unioni civili, sul fine-vita e sui valori non negoziabili.

Smentita la linea Ruini-Ratzinger-Bagnasco.

Non condivisibile la risposta relativa alla pedofilia.

Siamo
sempre stati e continuiamo ad essere contro questo Concordato, per una Chiesa più evangelica, più credibile e, soprattutto più povera.

Siamo stati felici quando Papa Francesco ha cominciato, per la prima volta negli ultimi anni, a parlare di Chiesa povera, Chiesa dei poveri.

leggi tutto

riduci

00:00

Scheda a cura di

Fabio Arena
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Radio radicale Milano cinque marzo siamo a colloquio con Vittorio Bellavite portavoce nazionale della movimento ecclesiale noi siamo Chiesa
Siamo con lui per parlare della trentennale della nuovo concordato di villa Madama concordato Craxi Casaroli
Ma oggi sulla corriera della Sera c'è un'intervista a Papa Francesco in occasione della suo primo hanno di pontificato cominciamo quindi da qui
Che dici di questa intervista buongiorno
Bene è una delle grande interviste di Pablo Francesco cui siamo ormai abituati interviste molto interessante e ci rappresenta sono il TAR ricca
Il nuovo profondamente interno dicendo della Chiesa in della società giungo
Per la società posso sottolineare alcuni aspetti nuovi rispetto alle altre interviste e sono questi e Papa dice esplicitamente
Non mitizzato è la mia figura
Dizionario Freud e trasparente se città fuori che dice
Dicevo fuori che in ogni idealizzazione c'è un'aggressione
Dice papà Francesco dici dipingere il Papa come una sorta di Superman una specie di starmi pare offensivo
Il patto non lo credo e piange dorme tranquillo per amici come tutti una persona male qui scusa viene spontaneo dirà l'intervista citare la novità di un settimanale che si chiama il mio papà
Difatti è uscito stamattina il primo numero
Dell'editore Mondadori pieno di fotografie di cose molto simpatiche nei confronti del Papa
Ecco io però condivido quello che ha detto il Papa non dobbiamo farne o un una maniera non dobbiamo idealizzare questo uomo
Avere grande attenzione alle cose che dice su problematiche ma
Evitare di trasferire anche nella chiesa
In quanto non si sia già
Questa personalizzazione di tutto che già avviene in politica e avviene nello sport viene
Nemmeno i media ecco nella Chiesa cerchiamo di usare tra virgolette Francesco per ridurre queste mitizzazione
Quindi noi per capirci siamo sconto uno buona parte della pratica della Chiesa di fare i santini farò Santi Pappi e via di questo passo
Novità dal punto di vista della Chiesa nei confronti della famiglia e dall'altra parte la questione dei momenti della fine della vita
Ecco su queste questioni in questa intervista il Papa dice tre cose dapprima le prime due sul unioni civili sul testamento biologico è molto prudente
Sul testamento biologico c'è o non sono competente di questioni di bioetica
E glissa
Cioè e dice la pappa è sempre stata laiche sempre stato acconto l'accanimento terapeutico
Però non entra nel merito per esempio della vicenda che c'è stata in Italia il caso indorare eccetera e sull'unioni civili
E non fare barricate non dà giudizi tassativi come quelli
Del vescovi italiani ed è molto
Di diciamo sotto tono
Invece una cose che dice grande interesse su queste questioni
E quella relativo ai valori non negoziabili perché il Papa dice io non parlo non mi si è mai piaciuta l'espressione valori non negoziabili o parlo solo dei valori
Cosa vuol dire secondo me che tagliando la seconda parte di questa
Di questo slogan diciamo
E si elimina quanto si riferiva alla trattativa politica
Cioè un conto è dire io credo nei valori credo nel valore della vita credo nel valore della famiglia credo nei valori
Del
Solidarietà eccetera e un conto direi questi non sono negoziabili cioè gli voglio imporre anche facendo come ha fatto la Conferenza episcopale
Delle campagne
Legge quaranta o conto
La legge sulle unioni civili
Quando diretto ha messo in crisi come hanno Prodi nel due mila sette due mila otto proprio su questa questione
Quindi
Il valore etico il valore morale predicazione della Chiesa e ma nello stesso
Però tagliando la seconda parte dell'espressione non diventa più oggetto di una
Pressione politica di una campagna di uno a poppa Miranda
Questo io interpreto nella sua espressione nettissima
Non mi piace rispetti il
Parlare di valori non negoziabili siccome di valori non negoziabili ha continuato a parlare Cardinal Ruini quei dopo il cardine la bara Bagnasco per anni è come pare che sia abbastanza esplicita
C'è poi la questione della pedofilia
Papà Francesco ricorda da un lato che gli abusi avvengono nella gran maggioranza dei casi in famiglia e negli ambiti vicini alla famiglia
E poi dice la Chiesa cattolica forse l'unica istituzione pubblica essersi mossa con trasparenze pure e la sola essere attaccato
Questa è la parte e l'unica parte brutte del interviste proprio brutte non non la condivido per niente il papà doveva risponde non da un uomo dall'apparato
Come dimostra di essere in questo caso specifico ma doveva dire chiedo perdono perché ho sbagliato cercheremo di cambiare
è stato grave che questo ci è successo modificheremo l'educazione e visto nella formazione dei dei preti eccetera ecco questa è una parte dell'intervista al se non condivido
Faccia e via dicendo in questa risposta all'atteggiamento di uomo d'apparato quindi questo fornisce
Il destro per introdurre la questione della degli accordi di villa Madama del mille novecentottantaquattro di quello che poi è stato chiamato in modo concordato
Noi siamo Chiesa e tutti i movimenti che si richiamano al Concilio Vaticano II sono sempre stati critici nei confronti di questi accordi e voi mantenete questa posizione se lo può ricordare
Sì lo manteniamo do sempre dal mille novecentottantaquattro quando i maggiori esponenti del progressismo cattolico
Velare a conciliare criticano gli accordi fra esse Casaroli perché
Perché nel Concilio Vaticano II nel Costituzione Gaudio me spesso esattamente capitolo astratto sei si disse esplicitamente si dice esplicitamente
La Chiesa rinuncerà per essere credibile per essere evangelica ai premi lesi che può vedere ottenuto nei secoli negli anni
Si sottintende nei Paesi cosiddetti cristiani cioè in Europa
Questo e non c'è non avviene con
Quindi il concordato Craxi cosa Lolli perché in esso vengono eliminate le cose più clamoroso e le
Per esempio l'affermazione che la religione cattolica e la Regione dello Stato CRAL contenuta e Patti lateranensi
E altre forme il giuramento dei vescovi davanti al Presidente della Repubblica queste cose vengono eliminate e quindi le cosiddette foglie secche già decaduto in pratica vengono eliminate e tutto il sistema viene modernizzato viene introdotto l'otto per mille e allora POPPI Ornella
Carenza di sensibilità evangelica di quell'accordo
Sta al stalle premessa per la denuncia e se non abbiamo fatto un concordato
Che il conto dice il Concilio prima di tutto ma anche lo stesso ispirazione sta ispirazione di fondo della Costituzione repubblicana noi quindi
Nel trentennale come anche nel nel ventennale abbiamo ripetuto quello che continuiamo a dire siamo conto questo concordato
Per una chiesa più evangelica più credibile soprattutto più povera siamo stati felici quando Papa Francesco
Cominciato
Per la prima volta negli ultimi anni a parlare di ricchezza poveretti su dei poveri
Sono passati appunto trent'anni il mondo è cambiato in particolare voi fate riferimento a tre situazioni che non sono più quelle di allora quali sono
Lette situazione sono queste la prima che è quella
Relativa al fatto che non esiste più parti sui cattolici
Su tutto pochi anni dopo per film belli questo patto e neanche partito comunista che era quello che reso possibile
L'articolo sette la costituzionalizzazione dei Patti lateranensi Aldo politico fondato sostanzialmente tra un accordo tra democristiani e comunisti per capirci e cambiato questo quadro politico
Seconda cosa abbiamo un Papa che parla di Chiesa povero dei poveri che prima non avevamo
Terza cosa abbiamo percorre praticamente se negli ultimi dieci quindici anni abbiamo una società e che è diventata per larga parte multiculturale multireligiosa
Quindi una situazione radicalmente cambiato rispetto al quale e noi chiediamo che i i patti
Del di villa Madama siano assolutamente insufficienti che quindi invece che di ripetere in modo
Così un po'enfatico
Che tutto va bene come è stato fatto mese di febbraio in particolare quando il diciotto
C'è stata presso la nasce dall'ambasciatore d'Italia presso la Santa Sede solito recepimento con la presenza
Distrutti Presidente Repubblica al Presidente del Consiglio cardinali eccetera ripete sia tutto andava bene
Il riferimento è al Segretario della CEI monsignor Nunzio garantivano e
Alla segretaria di Stato vaticano monsignor Pietro paroline che secondo voi non l'hanno fatto altro che
Mantenere e ripetere tradizionali posizioni della Chiesa cattolica
Sì in particolare l'hanno fatto in un incontro che è stato fatto il dodici febbraio Roma per ricordare il trentennale
Fondazione socialismo tra fondazione socialismo
Io partecipato
L'incontro è stato anche precettive sia interessante e
I due esponenti vaticani il segretario dei vescovi algale Antino sette è stato parolina che c'era la nostra simpatia perché sono in qualche modo espressione occorso
Ciò premesso però le cose che hanno detto sono stati sconto noi del tutto insoddisfacente per esempio quando Galan Tino sei favorevole da Osmeni
Rumeni chiedeva la povertà vera è che invece cosa del tutto diverso e
Da quelle che di fatto si afferma no nel corso dei Patti lateranensi e nel concordato per ottantaquattro e così paroline sostanzialmente ha messo il tempo letto tutto va bene non ha neanche
Espresso una posizione diciamo più problematico può comunque di ricerca
L'opposizione dicesse va bene la situazione è questa però accetto almeno certo alcune cose bisognerebbe discutere la Chiesa dovrebbe preoccuparsi di questo di quello ecco quindi da questo punto di vista queste persone
E stimabilissima è hanno ripetuto quella che è la
La linea tradizionale la stessa che non abbiamo ascoltato negli ultimi anni del da dalla gestione Ruini dal
Ed e dal dal Papa Ratzinger dal Cardinal Bertone
Voi ricordate tra l'altro che dal novanta a oggi
Le entrate della CEI sono quintuplicate arrivano oggi a un miliardo di euro l'anno e che con questi accordi di villa Madama
Si è resa possibile una riorganizzazione e razionalizzazione della CEI grossa centralizzazione
Si
Di concordato avuto questo
Effettuo di moltiplicare per cinque coesione delle risorse che mediante
La concorrenza col piccolo stipendio che lo Stato passava ai parroci che non avevano adesso sufficienti
Di moltiplicare queste risorse sono consistenti Ampère me solo costruzione di una struttura molto
Forte tra virgolette molto
Consistente per autorità a uffici pubblicazioni hanno aperto sa due mila che è una televisione dei vescovi hanno permesso questa struttura
Coro busta e centralizzata noi invece dal punto di vista e credo sia siamo
Per una struttura non robusta e non centralizzato cioè il ruolo dei vescovi
Ho dei laici ruolo dalla pelle delle periferie Dalla Chiesa e quindi
La otto per mille così come se non tutto andrà andato in controtendenza rispetto alle nostre aspettative e per di più
Non è gestito in modo sufficientemente trasparente perché la Conferenza episcopale
Continuo a sostenere certe volte con
Un eccesso di di di di riposo Popper che rende pubblico tutto quindi se si va sul sito
Dell'otto per mille si leggono si dei dati ma son dei dati aggregati
Aggregati cioè quando io dico che spendo trecento milioni e per le spese
Di carità per le iniziative centrale della diocesi e sostanzialmente non dico altro non sono dati trasparenti
Così quando io chiedo i vescovi di rendere noto localmente come spendono i soldi che ricevono da Roma per l'otto per mille
E questi in queste informazioni sono fra mozioni che non circolano Preside sono pubblicate sul Bollettino parrocchiale poco di più e per di più sono anche queste delegate
No e per di più tutto diverso diocesi OSCE non dico che c'è una gestione trasparente
E la cessa benissimo che una gestione trasparente che diceva molte simpatie anche in aree cattoliche anche in aree molto in area laica e quella della chiesa valdese qui ci sarà tutto
E questo permette la credibilità dell'otto per mille valdese e meno di quello cattolico
Dicevamo che voi avete identificato questi
Tre filoni di cambiamento rispetto all'ottantaquattro cioè il cambiamento del quadro politico non la sparizione dei partiti che avevano dato Luo Ugo alla Costituzione il fatto che la Società oggi è
Multiculturale che molti confessionale e ci sono molte per la Regione e poi
E nuovo Pontificato nuovo Pontificato su cui voi puntate molte speranze
In base a questo quadro quali sono le proposte che voi fate cosa ritenete che dovrebbe essere fatto in conseguenza di questi cambiamenti
Ma anzitutto nel nostro sommo poste abbastanza siamo moderate
Anzitutto sono quelle di aprire una discussione che non si è fatto e non si fa
E forse non lo si farà neanche a breve una discussione su tutto il sistema di finanziamento cattoliche di gestione dei beni
Che si discuta fondo e non
Nel chiuso delle socialisti o di queste sedi intra ecclesiali ma con la massima apertura e e la massima
Trasparenza si discuta si sappiano le cose la seconda cosa per non parlare di Chiesa e poi esce acqua solo bocca ogni struttura e crisi reale da una parrocchia in ordine religioso
Un struttura periferica
Rifletta su come può a perlomeno al vere una amministrazione più sobria delle proprie risorse
E come questa gestione
Possa avere più attenzione nei confronti soprattutto in questo periodo di grave crisi nei confronti dei soggetti bisognosi non che questo non avvenga nonché alla Chiesa non sia un soggetto
Che cerca di affrontare in tantissimi modi
Le sofferenze d'acqua gli extracomunitari alla già gli interventi della Caritas
Questo già avviene ma manca una riflessione complessiva e impegnativa su come si potrebbe andare nella direzione di un'amministrazione più sobria
E più consapevole della gravità dei problemi sociali in questo periodo
Questo significa anche
Questo noi chiediamo una gestione democratica e trasparente democratica e trasparente
Questo perché lo dice il Vangelo e poi se vogliamo usare anche delle espressioni
Legate a come si comunica anche perché rende credibile la proposta
Della chiesa anche nei confronti di chi e non è toccante di che non è credente perché certi rende credibile cioè il credente deve essere uno
Che mette in pratica quello che leggere il Vangelo e colloca qualche volta dice senza però fare
Realizzarono alla pace
Grazie ringraziamo Vittorio Bellavite che portavoce nazionale della movimento ecclesiale noi siamo Chiesa con lui abbiamo parlato della rinnovata posizione anti concordataria
Dei cattolici che fanno riferimento alla Concilio Vaticano II e anche dell'intervista apparsa oggi cinque marzo sulla prima pagina del Corriere della Sera
Intervista della direttore Ferruccio De Bortoli a Papa Francesco un saluto agli ascoltatori di radio radicale da Emiliano Silvestri