10MAR2014
dibattiti

Il fuoco dimenticato, le autoimmolazioni in Tibet

CONVEGNO | Torino - 10:08. Durata: 1 ora 55 min

Player
Convegno "Il fuoco dimenticato, le autoimmolazioni in Tibet", registrato a Torino lunedì 10 marzo 2014 alle ore 10:08.

L'evento è stato organizzato da Associazione per il Tibet e i Diritti Umani del Consiglio Regionale del Piemonte.

Sono intervenuti: Giampiero Leo (consigliere della Regione Piemonte, Nuovo Centrodestra), Silvio Magliano (vice presidente vicario del Consiglio Comunale di Torino, Nuovo Centrodestra), Bruno Mellano (già parlamentare radicale), Antonello Angeleri (consigliere della Regione Piemonte, Lega Nord), Carla Gianotti (professoressa), Carla Gianotti (tibetologa, saggista
e docente di Buddismo tibetano Scuola superiore Filosofia orientale Rimini), Giampiero Leo (presidente dell'Associazione per il Tibet e i diritti umani), Gianna Pentenero (consigliere regionale, vicepresidente dell'Associazione per il Tibet e i diritti umani).

Sono stati discussi i seguenti argomenti: Autodeterminazione, Buddismo, Cina, Cultura, Dalai Lama, Diritti Umani, Economia, Esteri, Genocidio, Minoranze, Nonviolenza, Piemonte, Politica, Regioni, Religione, Solidarieta', Storia, Suicidio, Tibet, Violenza.

La registrazione audio di questo convegno ha una durata di 1 ora e 55 minuti.

leggi tutto

riduci

10:08

Scheda a cura di

Alessio Grazioli
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Buongiorno allora innanzitutto perché un'occasione molto bella spiego
Rapidamente portando anche i saluti del Presidente del Consiglio regionale Valerio Cattaneo
Chi siamo quelli che abbiamo promosso questa iniziativa così si dava un'idea del come del perché siamo l'Associazione per i diritti umani per il Tibet e i diritti umani
Ci occupiamo di diritti umani dunque solo per il Tibet no per tutto il mondo
Però abbiamo scelto il Tibet come emblema
Perché un popolo che da oltre mezzo secolo subisce uno un'occupazione vergognosa terrificante brutale da parte non dei cinesi ma del partito comunista cinese del Governo cinese
E che cerca di distruggere una cultura è un popolo e non ha e agito con la violenza
Ma anzi cercando tutte le soluzioni non violente possibili vita nell'anno infatti parla di terza via un'autonomia
Per questo abbiamo oggi abbiamo un'esperta una grandissima esperta che era già presente a Torino
Quando è venuto il Dalai lama
Perché nel due mila e sette Torino ha dato la cittadinanza onoraria al Dalai lama su iniziativa del Consiglio regionale del Piemonte dell'associazione
Che anche
Ho convocato un Consiglio regionale straordinario solo per fare ascoltare
A tutto il Dalai Lama più tante altre iniziative di solidarietà a sostegno asili per bambini tibetani Ning via altre cose o in
Corso o che stiamo studiando
Ma non voglio portare via troppo tempo su questo quindi stamattina
Abbiamo ripreso un'iniziativa perché come spiega la professoressa Giannotti
Il popolo tibetano è così disperato
Ma nel contempo essendo non violento non ricorre ad atti di terrorismo ma la disperazione portarle ottimo le azioni ai sacrifici di giovani donne giovani uomini giovani religiosi
E quindi abbiamo pensato che mentre molti tacciono anche perché le pressioni della Cina sono fortissime
Talmente forti che mentre a Torino anche grazie i colleghi che presenterò la citare due son faccia onore
L'esempio minano il Sindaco Pisapia avuto timore della Cina
Che non credo possa sbarcare sui Navigli insomma dunque timore della Cina e non una e ha messo da parte il Dalai Lama nulla ricevuto non hanno dato ragione sul metodo in forma ufficiale nonna dato la cittadinanza onoraria questo per dire
Quanti paesi o quante realtà subiscono il timore del ricatto
Economico
Invece noi vogliamo tenere alta la bandiera della dignità umana e della libertà
E quando molti ci dicono ma perché dei politici degli amministratori fanno questo
Perché dove farlo ogni essere umano e che senso ha
Far parte della politica della polis se non c'è alla base a monte un amore per l'essere umano dovunque ci sia e per le sue sofferenze
Stamattina propria testimonianza di questo ho già citato
Dottor Walter Nuzzo che il portavoce della sola perché CAI c'è un altro nostro amico grande amico che
Del del Giardino dei Giusti un'altra bellissima iniziativa e così tante altre cose
Io termino subito e darò la parola
Al
Dottor Silvio Magliano Silvio Magliano il vice Presidente del Consiglio comunale vicepresidente vicario del Consiglio Comunale di Torino
Da quando lucro occupa questo ruolo
Il Consiglio comunale ha preso un sacco di iniziative a favore dell'Armenia delle minoranze cristiano religiose nel mondo fino a far venire qualche giorno fa c'erano Bruno e io
Due altissimi esponenti tibetani in esilio
A parlare o un a una
Su
Corso di studio di giovani Corso di studio molto profondo quindi ne siamo molto grati al dottor Magliano alcuni Torino il vicepresidente
Silvio Magliano perché sono batteriche così deboli nel senso che interessano così poco alla gente hanno così tanti contrasti
Che ogni unione fa la forza
Quindi siamo felici che realtà così importanti si affianchino così nel tempo tanti entrati in questo istante la consigliera Rosanna costa consigliera regionale
E sempre presente alle riunioni dell'associazione e a tutte le iniziative concludo presentando anche se già noto Bruno Mellano e la persona che quand'era consigliere regionale con me con un altro collega
Ha fatto nascere le prime iniziative
In questo senso se vedete giù la bandiera esposta nell'altro del Tibet è stato merito suo ad un'iniziativa che ci ha proposto hanno cercato di farla togliere in molti quella bandiera
Non diciamo quali consiglieri perché sennò sarebbe poco carino ma l'ambasciatore cinese non vuole passare davanti per esempio
Passi da garantisce pazienza se non vuole passare davanti alla bandiera tibetana
Per cui
Sento dico scherzando ma sono questioni di dignità volete visto tante volte a scuola la vicenda della degli ebrei come sono stati discriminati
Sì allora anche in Italia si allora il popolo italiano avesse avuto più coraggio questa vergogna non ci sarebbe stata noi oggi non vogliamo essere complice di vergogna analoghe
La mi collega Bruno Mellano che rappresenta il partito
Va beh
Laddove
Dove è scritto così radical partissimo internazionale Bruno internazione
Noi
Tutti gli anni infatti abbiamo anche fatto grazie una manifestazione davanti all'ambasciata cinese non è proprio la cosa più piacevole
Da farsi ripeto con Bruno per questa iniziativa ha preso anche tutta l'Italia tanti Comuni Province e Regioni qui c'è un amico dell'Associazione per il Tibet insomma più adatto uno spot scorcio per dire
Che siamo pochi purtroppo ma determinati
In questo senso la presenza delle classi quinte dell'istituto posso Monti e un segnale bellissimo
Il fatto che dei giovani abbiano sensibilità giustamente per le loro vicende la scuola il diritto allo studio che noi stanno molto a cuore
Ma che abbiano un cuore così grande per pensare
Ai loro coetanei che non ho neanche diritto di studiarlo loro lingua loro patria e tante altre cose è una cosa bellissima quindi ripeto torno a prima
Il collega Silvio Magliano fa lo stesso lavoro
In Consiglio comunale
Abbiamo fatto tantissime iniziative insieme
Gli siamo molto grati come siamo grati a tutti voi e gli do subito la parola
Grazie per la pazienza ma volevo che aveste un'idea che non le facciamo proforma una conferenza ogni tanto ma è una battaglia quotidiana di libertà e dignità umana grazie infinite
Grazie grazie Giampiero Moggio Roma tutti voi un buon giorno a chi ha deciso questa mattina Nardi non far passare un anniversario invano
Per cui il mio ringraziamento a voi che oggi ponete l'attenzione di noi tutti su questo tema un tema che
Ho imparato a conoscere ho imparato approfondire grazie all'impegno di Giampiero da grazie intendiamo
Di Bruno ma soprattutto che ho capito questo non è uno degli aspetti interessanti che per dei ragazzi che sono in Quinta cioè che devono decidere che cosa fare della loro vita al prossimo anno
Ecco questo mi pare che sia un aspetto che è ancora più profondo è umano rispetto a ciò che oggi noi
Incontreremo perché quando si parla del Tibet e non è mai un racconto è un incontro
Un incontro con degli uomini e delle donne che hanno deciso che per la loro terra per la loro coscienza per la loro auto coscienza per la libertà che loro hanno di non arrendersi di non arrendersi al fatto che qualcuno arrivava da loro nella loro terra
Vi raccontavo un po'di Bugie poi invadeva
Quegli toglieva i diritti quei faceva sì che i giovani i neonati in quella terra non potessero conoscere la storia dei propri padri della propria terra della propria storia
Perché dico che è importante che siate voi oggi qui è importante perché
Sarete gli uomini e le donne del futuro rete le persone che dovranno prendersi la responsabilità nel bene o nel male di essere protagonisti della loro vita e di quella di questo Paese
Il fatto che
Si raccontino ancora storie che sembrano lontane qualcuno di voi quando pensa al Tibet in mente l'immagine da lei lama quindi
Questi monaci vestiti di questi colori un po'strani e sembrano nell'immaginario collettivo di chi non conosce che cosa sta accadendo lì che cosa è accaduto
Qualche cosa di
Di strano di particolare ecco ma se quelle immagini per un secondo rientrassero nel cuore e Nizza sa comprendere e capire
Perché dei bambini di quattro anni scheda fa percorrono le montagne per poter fuggire del Tibet e andare in India e cercare di capire la loro storia
Forse ancora di più inizierà esse a volermi bene nella misura in cui
Dite mano io oggi che cosa abbiamo
Cioè i Paesi in cui viviamo la storia in cui viviamo che cosa ci sta dando
Grazie all'Europa oltre settanta anni di pace primo dato secondo voi state scegliendo di studiare mi auguro che sceglierete di studiare ancora
E se la vostra dimensione di vita di studio di approfondimento centrerà con il mondo perché il vostro cuore fatto preoccuparsi di tutto sembra strano ma è così
La curiosità di capire come funziona al mondo che cosa c'è cosa sta accadendo i vostri coetanei ad altri in altre parti del Paese essere interessati al tutto ecco questo è l'unica ricetta per un invecchiare mai
E sapere ancora di più che cosa vuol dire per dei ragazzi è costretta del Tibet
E che oggi devono vivere in altri luoghi per poter sapere chi erano ecco mi pare che questo sia il più grande oppure ottimi possa fare ci vivere con coscienza questa mattinata e capire quanti sacrifici quante battaglie non violente fanno
Agli amici del Tibet per affermare un solo principio la libertà e l'appartenenza
Ecco mi auguro che io trentatré anni voi siete un po'più giovani che la libertà e l'appartenenza siano due cose che da questa mattina potrebbe chiamare con un altro nome o in modo più acceso
Per questo è l'unico modo per cui
Il potere che non è solo quello cinese ma il potere
Non può far nulla contro ragazzi liberi e che vogliono bene a qualcosa a qualcuno
Io mi scuso non potrò stare tutta la giornata ma devo tornare
In Consiglio comunale subito perché ho presentato una dozzina di interpellanze facendo cercando di fare adeguatamente mio mestiere il mestiere per cui questo è l'augurio che vi faccio ringrazio la professoressa ingrasso Giampiero tutti coloro che sono qui
Perché raccontare una cosa che sembra lontana
Non è poi così lontana perché potrebbe capitare ad un momento all'altro solo perché qualcuno afferma un principio che è diverso da quello che il potere vuole buona giornata
Grazie molte
Il giorno di Consiglio comunale quindi ringraziamo vicepresidente che ha potuto riuscito ad allontanarsi
Io pregherei la collega Rosanna costa che per me un angelo custode di venire qui al mio fianco prego Rosanna ti prego
E do subito la parola al
Brillantissimo collega Bruno Mellano uno dei promotori dei proprio degli artefici di queste battaglie
Come vedete ci hanno unito al di là di qualsiasi teoriche biologia politica proprio su una passione umana
Graziano video io però lascio adesso la parola ad un breve video che veramente otto minuti di una
Sintesi eccessiva rispetto a una storia millenaria però efficace per introdurci in un argomento introdurci ad una ad una questione e poi diremo qualche cosa
A
Pensi inizia
Il profugo
Lontano da quarantotto anni dalla sua parte
Un universo chiuso voluto stabile
Dove quasi mai a fare
Tetto del
Il cuore pacifico e compassionevole
Così vicino al
Il Governo tibetano decise di far fuggire il Dalai lama che fu così portato al confine con l'India
Nehru il capo del Governo indiano dell'epoca accettò di ospitare sua Santità in un monastero vicino delle
Dove restò per quasi due anni
Il monastero zitto se ciò lì
Avvolto da un lato se la mistica di pacifica e un nuovo senza tempo
Dove il passare delle ore scandito dalle preghiere quotidiane del
Questo monastero è stato rifondato a Dharamsala precisamente a Macrì organi
Cuore della diaspora sede del Governo tibetano in esilio
Dopo che l'esercito militare cinese aveva invaso il Tibet
Distruggendo più di sei mila monasteri
Più di ottanta Monaci ridevano e studiavano tra le mura del monastero
Ma solo cinque o sei dieci riuscirono a fuggire
I monaci rimasti vennero imprigionati mandati nei campi di lavoro
E costretti a vivere in durissime condizioni
Tanto che alla fine morirono quasi tutti
I cinesi depose al Governo tibetano in intonse da ogni potere
Insediare un il loro Governo
E misero a sventolare la loro bandiera sul portale dichiarando che il Tibet era ora annesso alla Cina
Avvolti nelle loro mantelle rosse con la testa rasata allo sguardo intenso coinvolto rassicurante
I monaci portano avanti la loro fede con dedizione tenace
Mettendo in pratica gli insegnamenti del loro capo spirituale
In esilio il Governo tibetano è stato riorganizzato secondo moderni principi democratici
Si occupa di tutte le questioni riguardanti gli errori
Compresa la rinascita la preservazione lo sviluppo della cultura e dell'educazione
E qui dalla lotta non violenta per la riconquista della libertà europea
Il popolo di sua Santità il Dalai Lama
Sia il dieci
Quelli rimasti utile
Considerano il Governo invisibile con sede a Dharamsala l'unico Governo legittimo
Insegnando che applicando le tradizioni quotidiana
La cultura l'identità vengono tramandate e mantenute per non soccombere alla merce cinese questo è un elemento fondamentale
Malgrado la fierezza e la lotta pacifica dei tibetani
Questo gruppo etnico rischia l'estinzione
Mentre
Resta immobile a guardare l'Ostellino
Il massacro
Porta si calcola che più di due milioni di persone cioè più della metà della popolazione tibetana del mille novecentocinquantanove siano negli anni fuggiti dal Cile per cercare
E alla sua residenza di Dharamsala il Dalai Lama si è adoperato instancabilmente per riorganizzare la comunità in esilio e preservare il retaggio culturale del suo
Qua
In ogni
Verbalizzi ebbene
Sia o meno
Molinari gradirebbe va bene
Odierno
Laudani
Né niente
Di vigilare
Debiti
Tizio Vizzini niente
Durante
Intese dei nuovi
Bene vedrei
Decidete identiche macigno ammonendovi noi avanzamenti eventualmente invece convenzione
Ventesimo
Vendibile dell'inizio
Rimanendo gli armamenti magna magna
Anima vigna ma distinti cretinismo allarmanti
Lo
No no no
Durante una conferenza al giornalista chiese a Tenzin Gyatso dove nascerà il prossimo Dalai lama se interna cinese o in esilio
Egli rispose che rinascerà dove più sarà di aiuto al suo popolo
E alla domanda perché il Dalai Lama nasce sempre come uomo rispose impianti recante il coltello come il poi può essere che rinascono in un corpo femminile
Ma se dovesse rinascere donna spero di essere attivamente
Così ci saranno tanti seguaci
Il Tibet è stato cancellato dalle cartine geografiche ma il Tibet come Governo e il popolo continua a vivere
E mentre il Governo tibetano ritenesse la propria tradizione in terra straniera in Tibet il vento gelido continua a soffiare nelle montagne innevate sui deserti e sulle steppe vicinissime al centro e i tibetani sognano il loro ritorno
Prego Matteo
Ci è sembrato giusto fare questo intervento anche per
Dare un altro stimolo non soltanto di parole ma anche divisione dei e di una
Sintesi
Storica di quello che è successo oggi lo ricordava prima Leo Magliano celebriamo il i cinquantacinque anni dalla fuga del Dalai lama e di tutto il gruppo dirigente tibetano da
Una Tibet occupato da Lhasa occupate dei cinesi
Dal dal quarantanove al cinquantanove una progressiva e sempre più invadente sempre presto stringente occupazione militare
Che a un certo punto diventata insopportabile e intollerabile e quindi
C'è stata la possibilità di ricostruire grazie all'ospitalità dell'India una nuova postazione dove i tibetani si sono dati strutture democratiche
Hanno costruito un parlamento tibetano in esilio un Governo tibetano in esilio e hanno fatto una cosa
Unica nel Novecento così pieno di lutti di tragedie di guerre e di lotte
Hanno incardinato una lotta non violenta rispetto all'occupazione militare come ovviamente un leader come il Dalai Lama premio Nobel per la pace che attentato
Quotidianamente di costruire o una strada una strada diversa da quella solita da quella che che ci si poteva attendere da un popolo occupato
Ha investito tutti gli aiuti possibili che sono arrivati ai tibetani in esilio nella
Istruzione nella a mantenere viva la cultura la religione del buddismo tibetano la storia le tracce di una di una cultura millenaria
E io chiudo il mio breve intervento perché credo che avremo tanto da sentire l'obiettivo di oggi era
Di
Ricordare di celebrare questo cinquantacinquesimo anniversario tragico ma con una prospettiva di attualità e l'attualità e che la disperazione attuale
Dopo anche le manifestazioni e le iniziative legate alle Olimpiadi di Pechino hanno portato molti monaci molti giovani tibetani a scelte di vera disperazione di vera
Tragedia umana personale che poi vedremo di cui
Grazie all'intervento della prosa sta già notti parleremo io voglio sottolineare solo due aspetti perché credo che sia importantissimo che il Consiglio regionale del Piemonte come capofila italiano
A portato avanti in questi lunghi anni questa iniziativa a favore del Tibet almeno dal due mila due ed abbia fatto nascere la prima associazione dei Comuni delle Province delle Regioni per il Tibet ma da sempre il Consiglio regionale del Piemonte è stato vicino alla causa del Tibet
Per due motivi essenziali il primo perché i tibetani Dalai Lama questo Daniela nasce il tra la lotta non violenta e quindi ha caricato noi di una responsabilità grave grande
Loro rispondono che la non violenza nell'attesa nella speranza che noi capiamo e facciamo i nostri passi politici economici commerciali di pressione diplomatica rispetto alla Cina
Ma c'è un passaggio in più che un'attualità di questi mesi ancora di questi anni
Il Dalai Lama questo darei lama in una prospettiva davvero ampia storica importante continua richiamarci su una necessità di un nuovo federalismo anche rispetto a alla Cina
La Cina
Che per noi è un una cosa unica ha invece al suo interno cinquantacinque minoranze etniche religiose
Popoli veri e propri che secondo la Costituzione cinese avrebbero diritto ad un'autonomia ad essere riconosciuti come
è alta componenti autonome della Repubblica popolare di Cina
Il Dalai lama chiede ormai da anni e in questo ultimo periodo in modo particolare che la Cina e come potrei vicina risponda al mandato costituzionale della Cina
Riconoscendo una genuina autonomia ai tibetani e quindi
Anche alle altre cinquantacinque minoranze etniche come gli umori come tutte le popolazioni che sono state messe a forza sotto il cappello della Repubblica popolare vicina
Quindi non violenza federalismo e la speranza
Te
Le istituzioni occidentali democratiche
Internazionali sappiano far valere quei principi che scriviamo sempre sulle nostre dichiarazioni dichiarazioni dell'uomo le dichiarazioni universali ma che poi rimangono
In un cassetto spesso e volentieri
E allora la storia del Tibet e la vicenda attuale del Tibet e la tragedia attuale dei tibetani
Dentro il Tibet occupato ci interrogano continuano interrogarci gli anniversari servono a questo per non dimenticare né per non passare avanti per non essere distratti da altre dinamiche che ci sono sempre nella vita ma che ci chiedono di tornare sui punti fissi a cui non possiamo rinunciare
Mi fermo qua ridò la parola aggiuntiva volevo prima dell'intervento della posso essa abbia manco un piccolo contributo audio video
Grazie infinite al collega Bruno Mellano del Partito Radicale internazionale
Fra l'altro ci tengo a inserire un piccolo messaggio voi vedrete sui giornali perché così
Della politica solo la parte negativa gli scontri le liti le leggi elettorali invece come dappertutto c'è il bene e nel male che ci sono persone che cercano di
Trovare
Il bene comune di difendere chi soffre di più che abbia bisogno al di là dei partiti delle ideologie del proprio ruolo
Questo senso ci tengo a ringraziare oltre la chiarissima Rosanna che e la vice capogruppo delle nel cd
Bruno Mellano perché a livello nazionale cosa abbiamo fatto un incontro nazionale chi ha sostenuto
In particolare del CIPE del Piemonte mia quasi dato una
Non passa un passamano di battaglia per i diritti umani è stato addirittura Marco Pannella e queste grazie all'amicizia con Bruno al lavoro comune
Ancora un passaggio sulla Cina
Perché
Parlato di federalismo e di libertà e anche libertà religiosa pensate per esempio per la Cina cosa vuol dire la cultura buddista
Se avesse possibilità di sviluppo essendo una cultura assolutamente pacifica che valorizza l'essere umano cambierebbe la visione
Non è un caso che la Cina oltre a reprimere direttivi i diritti civili schiacci ogni filosofia o religione umanistica perché vogliono dei ficcare solo il potere politico
E quindi una violenza assoluta in questo senso il nostro lavoro per la libertà come dicevano i miei colleghi che proprio a trecentosessanta gradi
Professoressa Giannotti che abbia avuto già l'onore di avere a Torino quando venne il delle lame e ti Bettolo gas saggista docente di buddismo tibetano presso la Scuola superiore di filosofia orientali e Rimini
Subito dopo il prossimo video che sono pronto molto belli prenderà la parola a lei per la sua importantissima relazione poi secondo i tempi e la vostra disponibilità
Sarà e saremo disponibili a rispondere a domande e curiosità ma anche ad accogliere proposte delle scuole
Vi dirò alla fine di tutto anche le iniziative che abbiamo già in cantiere per il futuro grazie ancora
è arrivato il vice Presidente dell'Associazione Antonello Angeleri se desidera dopo il video dall'intervento lui che e il proprio il vicepresidente dell'ASI
Sono una serie di di foto esso non non non sono chiarissime rispettata sono foto di Imola azioni
Sono tragiche
Sono vere però penso poi la Giannotti ci parlerà di questo abbiamo scelto in modo veramente un po'duro è forte però quando si parla di Imola se devo dire di persone che si dando fuochi si danno fuoco
Abbiamo fatto purtroppo una selezione brevissima di immagini che si trovano su internet su YouTube su molti se
Ne già
Questa è una serie di foto di persone che si sono alto immolato e con
La data del decesso
La serie di foto finisce qua breve questa cartina riproduceva dove si erano auto immolato e fare no nel due mila e nove due mila dodici
Adesso volevamo invece farli vedere un'altra
Scusate
Questo è utile sono immagini choc sfuggite alla censura che dimostriamo solo per qualche secondo
Grazie di schierarsi
Ma anche determinazione dietro sacrificio estremo di Padrin cioè sto questa monaca tibetana di trentacinque anni
Come lei altre undici persone si sono date fuoco in sei mesi sognavano un Tibet libero dalla repressione cinese
Gesti estremi perché le manifestazioni pacifiche come questa l'ultimo G venti dose
No
Finiscono solo per essere un punto
Novantenni taluni incoraggiamo le proteste nella migliore delle ipotesi di monaci vengono arrestati e imprigionati integrare passino
Nella parte interna salata caro D'Anna dimostrati buddisti sono il cuore della cultura di impresa
Sul così Pechino pensa che eliminando i nostri monasteri cancellerà anche la nostra identità
Evitati dalla cricca del Dalai lama che punta alla secessione
Ida gesto così l'agenzia ufficiale insinua
Ma nessuno cita le dichiarazioni dello stesso Dalai Lama in esilio in India condanna questi gesti
C'è un coraggio molto forte dice ma sono inefficaci e il coraggio da solo non sostituisce la saggezza
Ah con immagini shock
Bene
Abbiamo finito con le immagini
Chiedo a
A Carrara
Di prendere la parola o no prima
Vice Presidente Ciampi
Antonello Angeleri e il vice Presidente uno dei due vicepresidenti a dimostrazione di quanto sia unitario questo comuni comunità questo comitato questo lavoro Antonello Angeleri vicepresidente dell'associazione
Buongiorno a tutti non preoccupatevi parlerò trenta secondi perché diciotto quando prende il microfono un politico c'è sempre un po'il terrore il timore
Poi penso che
Il video che abbiamo visto quello di prima ci facciano capire come
E importante che la politica un fondo si occupi dei valori che
Principali no valore della libertà valore della democrazia della fratellanza del della solidarietà quella quella vera quella che si tocca con mano e che in qualche modo deve
Ispirare un po'tutte le nostre azioni noi che che siamo in un Paese
Civile non ci rendiamo conto e democratico non ci rendiamo conto
Di queste cose io penso che il fatto che
Veniate qua ad ascoltare a vedere e a capire che
Anche la politica italiana si occupa giustamente di questi valori
Ecco
Ecco questo aspetto sia
Quello che vitello e poi far riflettere su come è impostato uno Stato su come è impostato un Paese il succo come in qualche modo è importante che i valori veri siano sempre il fondamento di qualsiasi forma di governo
E allora io penso che le cui non voglio ripetere le cose che ha detto il presidente Leo
Mi sembra che
Sia utile che riflette anche su queste immagini e su quanto i relatori in qualche modo vorranno dirvi perché quest'Toni anche un'esperienza che vi servirà in futuro per riflettere per cercare di mettere in pratica queste cose sempre facile
Dirlo sempre facile in qualche modo trasmetterlo molto più difficile e lo vediamo confortanti focolai che ci sono nel mondo metterle in pratica auguri di buon lavoro
Oggi di buona riflessione
A lei il pezzo forte
Appostamento sì
Mi sentite
Allora buongiorno a tutti buongiorno a tutte
Eccoci qua dare il nostro contributo di presenza a dare la nostra testimonianza di esistenza della questione tibetana
A dare la nostra testimonianza di esistenza del popolo tibetano in questo giorno
Il dieci marzo
In cui ricorre l'anniversario dell'insurrezione
Ti dettagliati Lanza dove lasciarono la vita ottantasette mila persone e dove settanta mila furono arrestate i
Torturate
Diciassette marzo il Dalai lama
Lascerà il Tibet travestito e raggiungerà
L'India dopo un viaggio molto difficile il trentuno di marzo
Desidero fare una brevissima premessa io mi occupo di buddismo indoor tibetano dal più di trent'anni ormai
E desidero qui esprimere la mia profonda gratitudine
Verso alcune tibetani uomini e donne che ho incontrato nel corso degli anni Monnet Cimone anche maestri e maestre di da arma
Con il loro insegnamento e con la loro pratica spirituale
Mi hanno insegnato veramente molto in termini di valori di etica e di dignità umana
Mi fa molto piacere che qui ci siano tanti giovani e tante giovane
Ragazzi e ragazze
E vedendoli sono andata I tempi in cui anch'io ero al diceva
E spero che questa giornata di rimanga mi rimanga come ricorda nella memoria
E mi sono ricordata che la lezione di storia che più mi è rimasta impressa quand'ero io studentessa
è stato un incontro con un partigiano e la mia insegnante di storia
Aveva invita matto quindi queste cose questi incontri poi ci sono qualche cosa che rimangono rimangono nella memoria come il SISMI commessi mi preziosi chissà
Allora veniamo al titolo del mio intervento il fuoco dimenticato le auto in mora azioni in Tibet che poi è stato dato anche appunto a alla a questo convegno questo incontro di oggi
Allora sino ad oggi le altre non le azioni nel fuoco di tibetani uomini e donne Monnet Azzi e Monnet e laici e laiche
Iniziate nel mille novecentonovantotto ha dei di in India e continuate sia nella tibetana Ottone Ammassari Gianni cioè nella Regione autonome tibetane
Sia nelle regioni tibetane del Camel ed è l'ambito oggi completamente scomparse perché sono state
Assorbite nelle province cinesi dei cinghiali tante su se ciò anche Yunnan quindi non esistono più e in Nepal sono state in numero di cento e trentadue
L'ultima l'ultima persona che si è altre malata loc Sandor bugie un ex monaco del monastero di Chiriatti della vicina alla città di in Aula
Ma nel spero LUISS altre malato nel fuoco nella città di Nauar nel Tibet orientale e quello che non esiste più sulle cartine geografica
Era il tredici febbraio scorso aveva ventotto anni
Il penultimo palmo Sandu per sia oltre malato nel fuoco il sette febbraio sposato padre di due figli e non ancora trentenni trentenne scusate e
E queste sono le prime due auto in mora azioni di quest'anno
Che seguano due auto in mora azioni nel fuoco nel dicembre scorso anche qui un monaco che Lupa e un padre di due figli
Quindi ci sono Monnet Azzi ex Monnet sì Monna anche ex Monnet anche padri e madri di famiglia
Quando si emanano anche madri di famiglia questo dà la misura della disperazione
Se vogliamo andare con i numeri le percentuali sono un quinto di donne un quattro quinti di uomini
E appunto con una prevalenza di laici nel senso di ex monnezza o che comunque avevano gravitato intorno
Al Monastero di di Chieti e soprattutto Monna ci poiché laiche e Monnet anche questi sono un po'
I numeri le altre ma le azioni del popolo tibetano sono uno dei maggiori fenomeni e venti di auto emanazione del mondo
Contemporaneo fanno parte di una storia dolorosa che da circa mezzo secolo e è diventata parte del repertorio globale di protesta in contesti soprattutto buddisti
E e anche induisti implica cui accenneremo soltanto Clemente andremo un po'troppo fuori
Allora guardiamo prima di tutto alle auto emanazioni in un contesto buddista
Nel mille novecentosessantatré assai don nel Vietnam del sud il Monaco
Monaco anziano un maestro
Chiama tutti quando per si diede fuoco per protestare contro il regime dittatoriale
Del presidente e i nodi in Vienna e contro la feroce persecuzione che questo stesso presidente sostenuto dalla minoranza cattolica sosteneva contro
La maggioranza della popolazione bruttissima
Il mondo in quel momento si scosse la fotografia di questo monaco maestro
Seduto immobile nella posizione dell'otto nella posizione del Parma sana
Consumato dalle fiamme ha fatto il giro del mondo ed è rimasta nella nostra memoria collettiva io ero bambina
Ma insomma questa immagine
Molto è rimasta molto forte
Il suo gesto faceva appello al mondo il mondo allora rispose rispose in tempi abbastanza Brady in pochi mesi il Governo del Presidente di N viene abbattuto
Ora ci sono delle significative differenze tra quanto è accaduto nel sud Vietnam
E il popolo tibetano in Vietnam la maggioranza di quanti si auto in Mollaro non nel fuoco erano soprattutto Monetti in misura minore monache
Erano dei diritti danni alla pratica meditativa i religiosi esse devono tutti immobili consumati fino alla morte
Ed erano queste il CONI e visibili di realizzazione ascetica attraverso il corpo attraverso il controllo del corpo
C'era pure anche un differente sostegno degli Stati Uniti alla causa vietnamita
Servizi segreti degli Stati Uniti avevano collaborato fattivamente alla caduta del Governo DM mentre dal mille novecentocinquantanove il sostegno degli Stati Uniti alla causa tibetana
E Stato insomma piuttosto piuttosto debole diciamo politicamente il no può e
Questa solidarietà che però non va alte intaccare qualche cosa
Della della politica un sostegno che poi non c'è stato tanta subito perché il Dalai lama è riuscito entra negli Stati Uniti nel settantanove
Dopo aver richiesto il visto per dieci anni dopo che non vi era
Stato concesso perché appunto il mix anni Kissinger si stavano ancora avvicinando alla Cina e non potevano inimicarsi un colosso economico di questo tipo
Però questo paragone tra il Vietnam e il il Tibet Redzep perché sia il Vietnam il Tibet sono di tradizione buddista
E di tradizione buddista ma fai Anna cioè il grande veicolo una delle scuole
Butti
Mi spiego più diffuse e perché anche qui sia in Vietnam che in Tibet il buddismo veicola delle istanze di tipo nazionalistico
Il sacrificio di questo monaco anziano Antishow anni dunque degli altri sui vizi di che D Alia poco seguire o no
Valzer a introdurre l'alto Imola azione nel fuoco nel repertorio globale delle proteste nel mondo ma soprattutto nel mondo di tradizione buddista
Non solo però è stato dato alla televisione da poco non so se l'avete visto era fatto molto bene questo questo film in due puntate sull'auto emulazione di Jan Palach
E Jan Palach sapete che nel mille novecento e sessantanove essi auto il molo il simbolo della resistenza
Antisovietica della Cecoslovacchia e secondo i suoi Cescon o quello che lui ha lasciato quello che ha scritto
Si è ispirato appunto alla alto emanazione nel fuoco del Monaco maestro vietnamita Ticu Anna dunque
Ora anche in India avvengono in dell'India sapete il Paese
Che ha ospitato il numero maggiore di esiliati di profughi tibetani nella regione al nord Bellinvia nell'IMEP cioè per ed esce e nel sud al cartoon attacca
Anche in India si contano tante auto Imola azioni nel fuoco
Per motivi sotto economici le cifre che insomma sono venuti cui sono venuta a conoscenza da poco sono
Beh veramente tra anziché nel due mila e i dodici ci sono stati diecimila casi di auto in mano l'azione in India di cui l'ottanta per cento donne inferiori AIA
I trent'anni sotto i trent'anni
Anche in Cina anche in Cina anche la Cina e
Per quanto così abbastanza
E lo dico colpevolmente silenziosa su queste autori ma le azioni
La Cina è un Paese di forte tradizione buddista
I numeri della Cina sono molto alti ma anche i numeri dei buddisti in cucina centottantacinque milioni di buddisti non sono non sono pochi anche in in anche la Cina
Ha conosciuto le sue auto Imola azioni nelle fuoco
Particolarmente celebrato nella nella storia del buddismo cinese e l'auto in mora azione del Monaco fai uno del trecento i novanta sei dopo Cristo che viene
Appunto visto come una sorta di EROEI non solo all'interno del buddismo cinese ma proprio anche all'interno della Cina di di tutta la tradizione culturale cinese
Ecco e all'interno della tradizione culturale cinese questo lo sottolineo perché interessante per capire poi come la Cina guarda alle altre mole azioni dei tibetani
Le alto in mora azioni in Cina vengono considerate esplicitamente
Dei sacrifici sì cioè degli atti di generosità di offerta del corpo a protezione della dottrina degli insegnamenti del punta
Che sono in grave periodo pericolo scusate di estinzione quindi queste alterano le azioni in Cina non sono state viste negli anni come dei sui siti e
Ma come dei veri e propri sacrifici supportati anche da una tradizione di testi in questo senso
Quindi queste altre mole azioni non sono state considerate
Degli atti aberranti etero dossi oppure degli atti devianti ma sono stati considerati come una pratica ascetica estrema
Quindi gesti largamente rispettati
Veniamo adesso al gesto
Di altre ma l'azione dei tibetani mi sentite lì in fondo se tutto a posto
Allora il testo di altre moderazione è un gesto estremo un atto di morte senza
Compromesse
Non c'è l'aspetto della contrattazione di un risultato con la controparte come ad esempio accade nello sciopero della fame
Che cosa succede lo sciopero della fame ragazzi e ragazze qui lo sapranno abbiamo avuto tanti esempi c'è la contrattazione di un qualche cosa e
Qui no deve qui non c'è nessuna contrattazione
Si tratta di un gesto compiuto per una causa collettiva e non personale dovesse oggetto si investe di responsabilità sociale etica religiosa e politica
L'altra no l'azione è un atto pubblico che si consuma l'avete visto da questi tragiche immagini in un luogo aperto e visibile
Accompagnato talvolta da una registrazione scritta oppure da una cassetta che viene lasciata da coloro che si a otto Immorlano rivolto ad un'autorità pubblica
Pare a questa tragedia delle auto in mano le azioni provoca la nostra umanità
E ci obbliga a guardare che cosa stacca aderendo oggi ci obbliga cioè a diventare
Testimoni
Ci obbliga ad assumere il ruolo proprio perché adesso l'abbiamo visto e non possiamo più dire di non sapere ci obbliga ad assumere il ruolo di interlocutori
E dunque a porci domande a riflettere a cercare di capire
Tentare di capire
Le ragioni di una scelta umana così disumana
Qual è il messaggio
Il messaggio come ci ha detto donna di ieri che è venuta a Torino lo scorso dicembre il messaggio e che c'è tanta sofferenza perché non c'è più alcuna libertà
Allora che cosa chiedono queste persone essi auto Immorlano
Le persone che si alto Immorlano nel fuoco quindi che contano un atto che al di là di ogni umanità
Chiedono il ritorno del Dalai lama come figura religiosa voi sapete che
Vita lei lama dal due mila e undici non detiene più una carica politica
La carica di Primo Ministro e tenuta attualmente dallo Xhahysa anche un Primo Ministro demo attrezzi demmo praticamente eletto dal Parlamento tibetano di quarantasei membri
Che è stato in visita ufficiale in Piemonte in un'altra sala qua di via Alfieri
Una persona veramente di grande levatura di grande fiducia e
Oltre che di grande levatura intellettuale era un professore ad Harvard che ha lasciato alla il suo incarico
E di grande
Di grande fiducia
Quindi che cosa chiedono ritorna del Dalai Lama e le libertà fondamentali quello che è in gioco oggi
Non è più l'autonomia del popolo tibetano voi sapete che il Dalai Lama dal mille novecentottantotto non chiede più l'indipendenza
Ha chiesto l'autonomia quello che è in gioco non è più neanche l'autonomia e la sopravvivenza etnica e demografica di un popolo del popolo tibetano
Allora addentriamo c'è un po'di più nella questione cerchiamo di capire se queste a otto immolarsi ogni sono dei suicidi oppure sono dei sacrifici degli atti di martirio se sono violente
Se sono giustificabili secondo l'etica buddista e se sono giustificabili da ere dei religiosi dal fatto che comunque tanti sono Monnet sì e monache
E soprattutto la domanda è perché dal punto di vista storico e politico accadono ora e non ad esempio prima
Poi c'è ancora una domanda che cruciale e che che ci provoca in quanto esseri umani
E cioè le auto in mora azioni sono gesti utili servano la causa del popolo tibetano
Allora prima di
Cercare di rispondere a queste a queste domande che ovviamente sono domande
Difficili insomma non è mai cette in piano
Occorre sottolineare prima di tutto che l'auto emanazione nel fuoco dei tibetani non ha mai conosciuto una tradizione in questo senso nel Paese delle nervi
Occorre sottolineare come la distruzione viene agita unicamente da quanti essi auto in modo hanno verso se spesi cioè l'azione non intende ferire nessun altro
Quindi non portano con sè la morte di nessun'altra persona che non intendono distruggere niente
Allora questa domanda si tratta di un suicidio o di un sacrificio
Allora il buddismo come molti altri crediti religiosi e nel mondo condanna incondizionatamente lato del suicidio
In particolare
Secondo la tradizione buddista tibetana la vita umana è considerata
La preziosa rinascita umana millilitri import c'è la preziosa rinascita umana è la prima delle riflessioni nei quattro preliminari comuni
Che tutti uomini e donne laicità e che Monetti e Moni anche
Compiono quotidianamente quindi questo a sottolineare il fatto che l'esistenza umana e prezzi OSA e preziosissima
Perché all'interno della tradizione buddista tibetana
All'interno del Samp Zarate le sei forme di esistenza l'esistenza umana e l'unica che consenta la pratica del d'arma
E quindi la possibilità della liberazione dal ciclo dette rinasce il tempo del ciclo di nascita e morte
Ma soprattutto ancor più preziosa e riguardata
L'esistenza di Monnet sì il timone
Se poi incontrate un mondo con una monaca vi dice vi dirà ho avuto un buon care Manna in questa ditta e quindi la concezione di essere riusciti
A diventare Monaco o moneta
è quella di avvenire accumulato meriti inesistenza precedenti quindi è riguardata come una condizione particolarmente fortunata fra tutte le possibili dell'esistenza
Terrena il karma nel sapete che cos'è
In Carmen Carmen vuol dire atto azione
Carnahan
Questa diciamo
Questa legge che appartiene al mondo induista e boutique sta che sembra molto semplice un atto positivo produce un atto positivo un atto negativo produce un atto negativo
Gli atti si intendono atti di corpo di parola e mente quindi anche i nostri pensieri buoni
Ho negativi producono care manca quindi producono un frutto
Allora se l'esistenza umana in generale
è considerata particolarmente preziosa essendo l'esistenza di Monet c'è monnezza e monache lo è ancora di più allora come mai ci sono questi questi atti di autori ma l'azione allora ho detto in altri termini
Le altre ma le azioni sono dei suicidi
Oppure sono invece
Dei sacrifici
Allora
Queste auto emanazioni non sono state compiute
Da un da equilibri che avessero diciamo un particolare squilibrio emozionale non sono state compiute da individui
In cui si sia verificata una particolare patologia mentale non si tratta neanche di un caso di follia collettiva
E qui dico una cosa un po'
Forte diciamo che
Forse sarebbe più comodo per la nostra coscienza considerarli dei
Suicidi perché se li consideriamo suicidi possiamo pensare che c'è stata un atto di disperazione con matrice nichilista
E queste insomma ci può un po'riparare la corsi
Pensa a parte il suicidio è un gesto folle anomalo ma in definitiva insomma lo consideriamo
Un po'malato
Però
Questo gesto delle altre ma azioni non sembra proprio che si possa considerare
Come un un suicidio
Tra le espressioni tibetane che sono più usate nei blog e nei siti internet per indicare il testo di auto emanazione
Noi troviamo espressioni ve lo dico solo in italiano
Bruciare se stessi bruciare il proprio corpo cremare il proprio corpo ma accanto a queste espressioni troviamo altre espressioni e cioè offerta
Offerte di luce illuminare il proprio corpo come una lampada di offerta
Fare un'offerta di fuoco
Con il proprio corpo
Allora all'interno del contesto culturale buddista tibetano il testo di alto primo l'azione è un vero e proprio sacrificio
A protezione dei preziosi insegnamenti debutta che sono in pericolo di estinzione nel Paese degli elementi
Soprattutto
Seguono l'etica ma Hayani candele boh disattivarlo di Satta una parola che significa essere sa fra e Boldi illuminazione
è una parola San scritta fissata essere di illuminazione Ciancio senta in tibetano e il beau disattesa e l'esempio
Diciamo è questo e questo ideale ideale di persone che si sacrifica fino alla fine fino a che tutti non abbiano raggiunto la liberazione no
Ci sono tanti testi
Che ci parlano del sacrificio del corpo de il dodici Satta abbiamo i chiamata H che sono tradotti in italiano per i tipi della UTET curati mi piace ricordarlo da Mariangela chiudo danza
Abbiamo visto da arma sa dare una conta ricca sud tra il suo tra dell'otto della buona legge abbiamo detto Sundance
Il suo tra del saggio del folle insomma quindi c'è tutta una letteratura a supporto di questa
Sicura del Bo di Santa della ed essa crisi ciò bello ipotizzata
Quindi allora
Questo questo gesto questo gesto tremendo rimanda al sacrificio del martire delle tradizioni ebraica i cristiana che son quelle insomma conosco un po'meglio
I tibetani che si auto Immorlano sono chiamati da i tibetani stessi award eroi niente
Ma viene spesso e volentieri usato anche il termine martire enti Beckham in in in inglese scusate Marter nella tradizione nella traduzione del termine award dai tibetano all'inglese
La rassicurata certamente di una traduzione un po'azzardata imprecisa per il termine paura ma rende bene il clima in cui questi testi vengono vissuti vengono esperiti
Dai tibetani sia dentro e fuori il Tibet
Si consideri poi che tra quanti si sono a otto in mollati
Cioè quelli che si sono i malati non tutti hanno lasciato una testimonianza scritta oppure orale una registrazione
Ma tra quanti l'anno lasciata a tutti hanno sottolineato la motivazione altruistica del loro gesto
In una registrazione lasciata dall'ammasso Obama pro poco prima di andare alla morte nel gennaio del due mila e dodici questi dissente cito
Io sto dando il mio corpo come offerta di luce per cacciare l'oscurità
Per liberare tutti gli esseri dalla sofferenza tutti gli esseri e ricordiamo questo i tibetani non sono anti cinesi questa importante ricordarcelo
è importante anche sottolineare come il tra lei Lanna abbia più volte
Ricordato le comunicherà di si
Buddiste la figura di quali Jin
La figura del body Satta bella Potì stata perché femminile qua in linea in Cina segni resi o avvallo che cresce
In Tibet la voce poetica e di Aru Pierre me un poeta un po'i tetti Bettani non si esprime in questo mondo
Mi Intino con profonda devozione I boh disattesa della terra delle nevi
Le lampade che dissipa non l'oscurità del Tibet con loro che come il vittorioso buttati offre il corpo eletti dire e così via in una vita passata e si riferisce ad una storia della tradizione buddista
Rinascono qui come boh dissacrante dissetare la sofferenza altrui
Quindi questo è la bozze diciamo
Tibetana ma anche all'interno di un contesto buddista differente da quello tibetano in questo caso vietnamita
L'altro emanazione dei tibetani e visto come un atto assolutamente etico e non come un suicidio
Così TIR quando il patriarca della Chiesa buddista del Vietnam attualmente agli arresti domiciliari
A Città Ho ci Min Saigon così scrivendo una lettera da lei lame cito
L'auto e ma l'azione davvero nato tragico ed estremo che dovrebbe essere evitato a ogni costo
Ma ci sono momenti in cui questo gesto ultimo quello di offrire il proprio corpo come una torcia di compassione per dissipare l'oscurità e l'ignoranza
E la sola possibile risorsa
Le parole del patriarca buddista vietnamita
Sembrano provenire da una tradizione venne radicata nella riflessione buddista vittima Mita
Se già cinquant'anni fa nel mille novecento e sessantatré il grande maestro ottiche Nathan uno dei maestri buddisti più venerati più conosciuti oggi al mondo
Allora R sessantatré così scrisse in una lettera aperta a Martin Luther King
Esprimere la propria determinazione città esprimere la propria determinazione con il darsi fuoco non significa commettere un atto di distruzione
Ma bensì compiere un atto di costruzione vale a dire soffrire e morire per il bene del proprio
Popolo
Allora se da un punto
Di vista del buddismo e del buddismo tibetano agli atti di Yahoo temo l'azione sono profondamente tizi e questo desidero sottolinearlo
Rimane tuttavia il fatto che questi testi sono molto difficili da approvare e oppure da condannare
Infatti il Dalai Lama sua Santità interveniamo a questo proposito rimane particolarmente silenzioso
Non può approvare questi testi perché altrimenti questo significherebbe diciamo un aumento
Delle auto immolarsi ogni
Non può neanche condannarle dal momento che ha una disapprovazione esplicita in questo senso causerebbe gravi sofferenza né i parenti di quanti si sono a otto
In malati
Parentesi e i parenti di quanti si sono alto in malati subiscono grave repressioni
Sia i parenti i parenti stretti sia
I monasteri di provenienza sono sottoposti a severe misure restrittive
Che i parenti non possano i parenti delle persone che si auto Imola non non possono neppure raccogliere le ceneri nell'ottantacinque per cento dei casi le persone muoiono Monica non subito
Alcuni sopravvivono franchi CPT sofferenze ma comunque i parenti non possono raccogliere le e spoglie dei loro cari
E vediamo adesso a lì ragioni della protesta tibetana perché
Ce la fate ancora i ragazzi
I tempi quali sono

Comanducci dieci minuti
Però non erano cinquanta mi avete fregato alcuno allora un quarto d'ora contrattiamo alla tibetana un quarto d'ora grazie
Sul
Ma non devono andare via le dodici meno dieci ragazzi SIS però no questo
Porre due domande al netto accorda sarà sintetica
Se la metto tutta
Allora
Perché queste perché queste
Perché queste proteste in Tibet non protestano solo i tibetani tibetani sono alla minoranza etnica più
Più fortunata possiamo dire così perché hanno una figura come da lei l'anno ad esempio io qui curi nello Xing Chianca non hanno nessuno di così rappresentativo
Io qui in cui viene ricordiamo qua sono nove milioni controlli immigrazione di dieci milioni
Un territorio ricchissimo di petrolio
Ora
Perché
Perché i tibetani si auto Imola non perché non hanno più
Nessuna libertà perché ci sono motivi di disuguaglianza socio economica perché c'è una vera e propria insicurezza
Di identità perché non hanno alcuna libertà dal punto di vista religioso non è possibile detenere cette nere portare con sé è una fotografia del telegramma
Non è possibile recitare una preghiera in suo onore non è possibile per cenare il mulinello
Di preghiera
Perché tanti Monna ci e Monnet anche perché di scuola dell'UPA
Diciamo acrimonia ce le monete sono particolarmente individuabili soprattutto di scuola che l'UPA hanno portano un abito e questi quindi sono
Ripeto facilmente individuabili per una educazione patriottica alla cinese
Soprattutto ITI detta ivi Monet celle Monet che sono i principali detentori della cultura tibetana ittico diciamo che la cultura tibetana non è ancora cresciuta in modo laico
è una cultura religiosa insomma dovrà maturare
In in questo senso e comunque Imone c'era e non è che sono i principali detentori della cultura
Della cultura tibetana e sentono tutta la responsabilità pesare su mille sui loro sulle loro
Spalle non solo secondo una prospettiva tante città del del buddismo panciera Jana mancare di rispetto di devozione al Dalai Lama debbano appunto
Devono
Sostenere alcune diciamo affermazioni
Dei migranti nei confronti del Dalai lama e allora questa imposizione cinese di denunciare il Dalai Lama e uno dei più terribili atti negativi che un
Monno con una monaca qualcuno che insomma preso i voti
Possa compiere quindi lauto emanazione è senz'altro un gesto
Di come dire di sofferenza minore rispetto
Al alla richieste cinese di rompere questi loro volti
Ecco perché nelle regioni orientali faccio allora unitario ventaglio vistoso
Nelle regioni orientali voi vedete che avvengono soprattutto nella città di Nauar vicino al Monastero o appartenente al Monastero
Di CRT perché nelle regioni orientali
Perché la politica colonialista cinese si è fatta particolarmente aggressiva e e repressiva
In anche nelle zone orientali che avevano goduto almeno fino verso la fine degli anni ottanta di una relativa libertà
In questo momento c'è un massiccio intervento statale cinese in queste zone
Per questo programma che si intitola il grande sviluppo per l'Ovest XIV butta cava infatti
Un programma economico che aveva come scopo dichiarato quello di accelerare lo sviluppo delle Regioni povere costiere della Cina
Al di là delle effettive
Intenzioni cinesi e cioè creare un nuovo equilibrio economico tra zone più povere della Cina e zone più ricche quello che
E accaduto è stato un massiccio intervento dello Stato nello attuazione di un programma fortemente aggressivo dico
Soluzione della nazione e dello Stato la tragedia tibetana c'è allora consumata nella forzata sedentarizzazione di pastori no Manti
E nella forzata riduzione della dimensione detta Ascoli
Nella zona dei cinghiali quello che una volta era una parte dell'ambito sessantaquattro mila famiglie pari a duecentosettanta mila persone sono state costrette ad esse del Rillo carte
A partire dal due mila e nove cosa vuol dire ritoccate che hanno preso questi pastori nomadi e li hanno portati in zone
Periferiche di di città
Secondo la ricerca compiuta definisce esista una stretta Corral correlazione tra la diffusione geografica della protesta e tibetana
Protesta tibetana che non sono solo otto in modo azioni e però questo diciamo è quello più tutti spicco e il programma una di queste e il programma di ricollocazione di pastori nomadi quindi c'è stato questa Ray locazione
Perché in questa Rillo per azione
Perché occorreva spostare queste duecentosettanta mila persone ma sono molte di più comunque diciamo duecentosettanta mila
Persone da quest'area che viene chiamata la sorgente dei tre fiumi quali sono questi tre fiumi sono il fiume azzurro il fiume Giallo e il nel Congo
Cos'è questa sorgente dette fiumi è il pollo orografico più importante di tutta la Cina e di tutta
La sia
Voi sapete che l'ottantacinque per cento dell'acqua dell'Asia ardita del Tibet e il quarantasette per cento delle risorse idriche del mondo arriva periti
Quindi questi dati ci possano
Aiutare un po'Anna riflettere su questo
Su questo progetto di Rillo creazione no
Quindi questa destrutturazione sociale geografica economica
Dove cito viene sradicato Atlantic con moto di vita tradizionale che procura nelle famiglie dei nomadi un forte degrado visibile
Nella perdita di coesione sociale che conduce ante alcolismo e crimine così Elena De Rossi Filippetti anti Bettolo ca di che docente ditte Bertolo oggi a Roma
Allora diventa comprensibile in questo
In questa situazione come i religiosi in generale il portavoce delle istanze tibetane perché ha detto che è una cultura ancora
Particolarmente religiosa e i religiosi di scuole di Lupa i che Lupo sono una delle quattro scuole tradizionali del
Bruttissimo tibetano abbiano sentito tutta la loro
Responsabilità
Nel nell'adottare delle misure così fuori dall'ordinario come le auto in modo azioni vengono a testimoniare c'è
Perciò Cina cosa dice la Cina di fronte alle auto immolato Simoni
La Cina riconosce che sono in qualche modo cioè riconosce un rapporto causa effetto tra quattro alla sua politica e quanto sta avvenendo riconosce a una responsabilità politica in questo senso
Mi avvio alle conclusioni e qualche minuto e ci sono
Diciamo che la maggioranza dei cinesi non è mai no non è particolarmente interessata al Tibet e ci sono alcuni attivisti del Sempione attivista cristiano sont senso Anna
Che ha sottolineato come questi atti di auto Imola azione sono analoghi a quei coraggiosi atti di auto Imola azione compiuti da
Però i cinesi come appunto quello del Monaco fa aiuta il trecentonovantasei che abbiamo
Ricordato prima però la reazione diciamo di molti intellettuali cinesi dissidenti non è stata si in cui quella di sostenere il valore
Del gesto tibetano fa eccezione in questo senso
Un dissidente molto conosciuto che che pubblica libri insomma e
Equilibri sono tradotti in inglese Wang Lixi on
Non intellettuale cinese dissidente
Che ha sempre sottolineato il coraggio dei tibetani e il potere di ispirazione che questi
Gesti hanno per i tibetani quindi ha sempre sottolineato il valore e la dignità e così sua moglie
La moglie tibetana di
Di quadri sia una
No
Serigne avevo può esserci perché ci sono anche i matrimoni tra i cinesi e i tibetani questo che sia di buon auspicio
Ecco allora concludo
Concludo dicendo che
Sicuramente
A no non bisogna dimenticare che anche in Cina ci sono atti di altre moderazione in piazza Tienanmen nel gennaio del due mila e uno ci furono cinque persone che essi
Auto il malato
Allora concludo
Dicendo due cose
La prima e che i testi di auto Imola azione non sono in contraddizione in conflitto con l'insegnamento del Buddha con il codice ittico buddista sono atti di profondo valore
E ittico i religiosi
Motivati dal desiderio di custodire la religione tibetana la cultura tibetana le tradizioni tibetane e la lingua tibetana cioè
Del desiderio di custodire il diritto all'esistenza dei tibetani in Tibet
Spero che questo diciamo mio intervento possa essere un piccolo assieme gettato
Per avviare una adeguata riflessione su questo tema anche tra i buddisti italiani tra tutti quanti hanno a cuore la causa
Tibetana perché purtroppo manca ancora una riflessione adeguata
E e termino con una domanda una domanda un po'provocatoria
Le auto Imola azioni serva non la causa tibetana e le sue sofferenze ho detto in altro modo
Ci assumiamo la responsabilità invitare visibilità alla causa tibetana anche senza le auto in mora azioni oppure invece
Le altre ma l'azione rappresentano un gesto tragicamente necessario per la testimonianza dell'esistenza e della fede
Degli uomini e delle donne del Tibet grazie
Cronico
Io parlo per me ma sono
Ammirato dell'attenzione che tante giovani giovani hanno prestato
La professoressa è stata bravissima io che come i miei colleghi
Andiamo in seguiamo questa materia
Li possiamo dire che l'abbiamo trovata di un'approfondita straordinaria
Una spiegazione culturale intelligente profonda dove non c'era nulla né di propagandistico né di approssimativo
è arrivata la vicepresidente dell'associazione Gianna Pentenero io adesso do due avvisi per dimostrare che il lavoro continua
Dopodiché se ci sono delle domande sono le benvenute domande alla relatrice o anche altre cose e poi Gianna Pentenero vicepresidente dell'associazione
Concluderà lì la la giornata ma non il nostro impegno
Ve l'ho già detto prima che era presente fra le varie associazioni Pasquale Totaro che il promotore di un'iniziativa molto bella ne abbiamo parlato non lo rifacciamo oggi solo per questioni di tempo il Giardino dei Giusti
Luciano Michelotti sì rappresentante dell'associazione Italia Tibet
è arrivata un'altra nostra grande amica che ha seguito tante vicende umane comprese la tragica vicenda del sommergibile sovietico loro famiglie la ringraziamo molto
Devo già citato Walter Nuzzo portavoce cioè uno dei massimi dirigenti della sorga Kacaj
E poi ci sono tante professori che ringraziamo per essersi fatti carico di questa iniziative
Di questa presenza io vorrei dirvi
Per dare contezza del lavoro dell'associazione un oltre non cito le iniziative già realizzate dico quali saranno le prossime già approvate
Non e la presentazione del libro l'ultimo lenzuolo bianco testimonianza del figlio di un mujaheddin afgano
La storia di come
Si è reso conto di
Di come fosse terribile la sua vita di massacratore represso ore di donne quando si è reso conto della denunciato è dovuto scappare in Occidente perché volevano
Non c'è idea come avete visto quanto purtroppo valga poco la vitali proprio per collocare tutte queste cose in quel grande filone storico e colto la professoressa Giannotti citava
Un'altra grande iniziativa che dovrebbe svolgersi il quindici maggio a Pinerolo
Sarà processo alla storia
Per far comprendere come la storia vede queste vicende come si pone
Sì è la iniziativa citata prima che questa
Molto l'approvazione dell'intera assemblea dell'associazione coordinato da Gianna Pentenero Antonello Angeleri
Il sottoscritto oggi ringraziamo l'avvocatessa venisse fornirò
Che qui presente che a seguito
I lavori e che la coordinatrice di questa iniziativa che ho appena citato del processo allo sport
Abbiamo anche approvato si svolgeranno nei prossimi mesi questo programma va fino a fine due mila quattordici
Un convegno di riflessione
La professoressa Giannotte ci ha fatto una domanda l'importantissima qui Gianna sicuramente vorrà per il suo contributo e saprà dare il suo contributo le risposte intitolato le rivolte arabi e i diritti umani in difesa delle per tali popoli cioè la primavera araba
In molti casi diventato inverno in altri insomma del quindi una riflessione profonda organizzata dal Centro Italo arabo darà di calma qui da un grande centro arabo
Ma attento i diritti umani valori della libertà una riflessione per capire cosa è successo
Cosa abbiamo sbagliato come occidentali probabilmente molto ma anche senza prenderci senza intorno e tutte le colpe anche
Come dire fare le scelte giuste difendere anche in quei Paesi
Chi si batte per la libertà innanzitutto le donne
In Tunisia da quello che so io
Quelle che hanno salvato la svolta democratica sono state le donne opponendosi prima alla dittatura precedente poi l'integralismo islamico a quello fondamentalista viene
Poi abbiamo approvato il progetto della costituzione di un portale internet della memoria dimodoché tante lezioni come queste tante testimonianze vengano messe in rete
Sì un alimentate anche dei vari comitati
E quando dei giovani o meno giovani vogliano documentarsi sulla storia sui giacimenti culturali pensate la tragedia armena qua se hanno la possibilità
Di farlo infine abbiamo approvato la una tavola rotonda conciliazione dei conflitti iniziative di dialogo e solidarietà in Terra Santa quindi una possibilità di speranza
Che il dialogo qualche volta grazie grazie a Dio o la saggezza degli uomini quando c'è possa farcela
Come dicevo però noi riteniamo che questo lavoro sui diritti umani sia molto importante e nonostante ci sia
Campagna elettorale altro noi vogliamo occuparci è una cosa apparentemente estranea alle vicende locali da questo punto di vista vorrei ringraziare Radio Radicale
Che ancora una volta trasmette in tutt'Italia indiretta queste iniziative sono
Poche le realtà che hanno questa sensibilità e per questo ce ne così poca la professoressa Giannotti ha fatto un paragone
Forte e anche triste su una situazione che ho vissuto
Io ricordo come ci si perché sono vecchio come ci si possa e quella vicenda del monaco tibetano in gettando tessuti ci sembrava incredibile come negli Stati Uniti le scuole i politici
Oggi
Diteci inediti Bettani oppressi da cinquant'anni
Non coinvolti in una guerra civile dove difficile sempre comprendere che il buono e il cattivo ma oppressi da un Governo Maldari
Quello del partito comunista cinese e noi siamo sostanzialmente insensibili e la grande domanda che ha fatto la professoressa anzi vi devo dire una cosa triste ma devo dirle
Io mando una informazione agli amici messaggiando a Bruno pedigree devo dire
Non le persone che sono qui ovviamente se non saprebbero qui ogni volta che i Comuni con iniziative per i diritti umani
Mi rimanendo a trenta quaranta e mail quale mando in un'associazione Piceno preoccupate di queste stupidaggini noi cosa ce ne frega dica che abbiamo letto preoccuparvi di queste stupidaggini
Poi in modi anche peggiori
Se della gente si prende la briga di provare fastidio
Quando spendendo praticamente niente la professoressa e quindi Rato unitamente tutto questo è fatto gratuitamente cioè della gente adulti imprenditori professionisti di ogni idea
Ritengono che questo sia sprecato sia una stupidaggine
Come ci hanno detto perché ricette il Dalai Lama perché Anderson succede annuale veramente agghiacciante
L'abitazione ha detto bene la professoressa allora anni fa era molto diverso questo la dice lunga sul decadimento morale della nostra società
Concludo dicendo che ci vedremo presto mi sono consultato con Gianni Antonello
Per esaminare e vedere come realizzare
Delle iniziative sulle quali c'è già un consenso di massima c'è già un consenso di massima potremmo riunirci per vedere come
Concretizzarle sono queste
Una una rilevazione della citata piazza Tienanmen
In Cina non sanno neanche che ci sia stata e come se non il Risorgimento quaranta così infatti il venticinque aprile fossero state cancellati dall'anno scorso Oria
Poi
C'è stato suggerito anche di fare un ricordo importante delle madre si declassa De Maio
Quindi un'iniziativa a favore della clinica dell'amicizia di Kabul
Che un gruppo
Di di nostri amici medici volontari molto bravi ha realizzato per i bambini afgani
Quindi aiutare e bambini e bambine afgani poter rischiare la vita perché uccidono chi li aiutano i chili Lettieri le infermiere che è vaccinata mano
E ancora reso ancora più urgente dal rischio dell'atomica iraniana e dall'atomica che ha già
Quel pazzo criminale del Presidente della Corea del Nord che ha dato lo zio in pasto ai cani solo perché non era d'accordo con lui proposta della Solvay Kacaj una mostra internazionale importantissima un mondo libero dall'atomica
Queste sono le cose che se nella prossima riunione
Su cui c'è un consenso di massima ma che vogliamo vedere come realizzare quindi per darvi l'idea
Che ci teniamo che lavoriamo anche se non è una cosa molto popolare nel
Cittadinanza
Questo e il punto io chiedo se ci sono domande seno passo la parola a Gianna Pentenero chiunque abbia delle domande da fare
Qualche ragazza qualche ragazzo ci sono curiosità
Comunque potete invitare la professoressa la neve prego professore
Prego meno voce forte e potente
è un bravissimo professa quello che mi chiedo spesso che rivolgo a voi politici torinesi validi blitz torinese ancora una sponda sulla quale si può sparare fortunatamente
Come mai
A livello nazionale in cui pure ci sono delle figure di grande spicco intellettuale
E non solo intellettuale ma anche politico perché no di persone
Che ragioniamo che capiscono che hanno a cuore
Di questa questione dalla quali personalmente ma penso
Tutti noi che siamo qui ma penso anche molti in una città di Torino che pure come lei dice sono
Più più tenui meno propensi a partecipare di persona quello che non capisce come mai non ci sia
Un un attaccamento a questi problemi e un cercare in qualche modo che risolvo io capisco che la Cina sia diventato una potenza economica mondiale che fa paura
Però è davanti a queste prevaricazioni
E a queste
Ne ha
Basta vedere queste false di queste persone
Così così pulite così così di altri tempi così così così che che non si riconoscono più in una società moderna sono veramente di un altro posto
Allora mi chiedo ma come mai a livello nazionale
Non c'è nessuno che
Si prende la briga
Di di di venire incontro a questi problemi non dico a cercare di risolverli
Ma semplicemente a cercare di far sì che un popolo assuma la sua dignità e vada avanti per la sua strada questo sta chiedendo il popolo il popolo tibetano
Io a caso ogni tanto quella bandiera tibetana io ho acquistato in uno degli altri vostri incontri
Ogni tanto la la espongo alcuni chiedono accusare mia moglie mi dici sono pazzo
Perché per carità chissà cosa succede io lo faccia ecco questo è un piccolo gesto
Sacchetti non da un voglio che ci sia la bandiera tibetana aperto a Torino per carità però mi chiedo soltanto chiedo soltanto
Non potete voi ma lo farete sarà senz'altro sensibilizzare
Queste persone importanti acciocché facciano qualcosa per un popolo che si sta distinguendo erede sarebbe e sarebbe veramente un disastro perché un popolo che ha una cultura plurimillenarie
Nel tutto qui
San Filippo per questo bellissimo intervento io chiederò a Bruno e Gianna ripeto di concludere dopo se ci sono domande dopo altre domande immediatamente
Dico solo questo che
Ci dà coraggio io adesso proprio per
Per Garbo non cito chi e come ma quand'ero Assessore alla cultura e grazie a Bruno e partito la campagna quindi era nel Governo regionale ricevetti pressioni enormi
Da leader di Governi nazionali non cito quali da grandi imprenditori
Italiani piemontesi
E tanta altra gente dicendo non ci compete l'anima con queste storie lo dobbiamo fare affari con la Cina quindi non ci bastate questo e
Per questo abbiamo e anni tibetani
Un bisogno disperato di gente del vostro cuore della vostra mentalità
A Roma più certo preso iniziative non ne parlo adesso però è difficile per queste ragioni ripeto emblematico che Pisapia a Milano non abbia avuto il coraggio Pisapia uno che sarà presentato come
Quindi questo dimostra quali pressioni c'è un giovanotto prego
Vogliamo ancora signorina però rischia di emiliano volevo brevemente domandare a siccome abbiamo visto prima posizione del Dalai lama chiedeva alla
L'indipendenza all'azienda all'autonomia prima prima indipendenza o allora utopismo
In Aniene necessità
Allora ho sentito bene
Attento passa l'autonomia
Quindi presento la mia e poi in seguito
Tra virgolette si limita a richiedere la sopravvivenza no no Louise forse mi sono espressa male contino a richiedere l'autonomia assolutamente
Non ho questo io dico che quello che è in gioco questo è quello che dico io
Quello che è in gioco qui non è più soltanto la sopravvivenza della dell'autonomia tibetana e in gioco proprio la sopravvivenza etnica che demografica
Il problema e complicato dal fatto passati tirarlo
Ecco il problema e che complicato dal fatto che adesso il il Tibet quello che viene riconosciuto tibetano autonomo asserito Antar anello lo vedrete scritto a tale
Corrisponde a un terzo del Tibet effettivo c'è tutto il Tibet e ciò grazie conti queste regioni orientali del camion dell'ambito
E non esiste più sulla cartina geografica
Era questa Terni pareva che fosse valeva ancora chiedergli agosto con un po'
Non pensa che in qualche modo
Questo cambio di rotta opposto limitarsi a richiedere più solamente l'autonomia abbia indotto
Strada politicamente la Cina
A sentirsi ancora più autorizzata soverchiare questo popolo che poi
Come lei ha sapientemente detto stato brutalmente
Otturato ecco brevemente volevo solo
Nel suo pegno le mere
Sì insomma le la domanda quello che lei mi chiede e se questo è stato fare un pazzo indietro
E e quindi in qualche modo darla vinta così come ed è io credo che il Dalai Lama insomma era classe politica tibetana
Abbiano pensato a lungo a fondo a questo gesto
Questo è il testo è stato sicuramente motivato da una politica inconcludente nelle richiedere l'indipendenza totale
D'altra parte degli Stati Uniti e qui il Governo Clinton è stato sempre molto esplicito in questo senso e poi tutti gli altri Governi statunitense
Hanno sempre sostenuto che essi non avrebbero mai potuto sostenere
La causa tibetana fino a quando il Governo tibetano avesse chiesto l'indipendenza
Le cose non sono andate molto meglio anche dal mille novecentottantotto in poi dall'ottantotto al Dalai lama ha chiesto l'autonomia ma insomma da il sostegno statunitense non è stato diciamo molto forte in questo senso c'è quella che si chiama un po'
In così nei miei libri la sindrome del falso amico no nel senso che sì se questa amicizia adesso cos'è il ventuno febbraio Obama ha ricevuto per la terza volta Italia i lama come figura
Religiosa quindi ci sono tanti i testi
Anche significativi da parte dell'Amministrazione statunitense però
Questo non ha cambiato la politica cinese non si è aperto un tavolo di trattative Deng Xiaoping e agli inizi degli anni Ottanta aveva detto che al di là
Della cioè che fatta eccezione per l'indipendenza del Tibet e tutto il resto si starebbe potuto discutere
Però questo non è avvenuto il Dalai Lama presentato questo programma in cinque punti il primo punto e il Tibet come Zona del militarizzata come zona denuclearizzata come zona
Di pazze quindi si rende anche conto io credo di poter dire il Dalai lama e ci sono state
Insomma che sinergicamente
E quindi
Diciamo l'autonomia mi sembra una
Una scelta quanto mai razionale quanto mai con i piedi
Per terra insomma rispetto alle effettive possibilità cosa che però non è avvenuta dal mille novecentosettantuno
Il Tibet è diventato deposito delle scorie nucleari cinesi ospita un quarto della potenza missilistica cinese vengono compiuti
A intervalli di tempo teste nucleari che inquinano le falde acquifere e di cui sono avvertiti i cinesi in cinesi i nomi i tibetani
Non vogliamo applicare vi prego
Ringrazio
Cosa
Può
Amico
Io
Il
Martedì prossimo
No
Grazie
Qualche cosa
Più
A Malta chiamare grazie non ci sono chiudiamo qui alla con le domande la professoressa
Che è ricchissima di con sofferenza ancora una considerazione poi le conclusioni e le risposte anche alle domande più politiche
Perché carissimo professor la ringraziamo come ho raccontato prima all'inizio del convegno noi ci siamo mobilitati in ogni modo anche contro la nostra opinione pubblica
Quindi la professoressa sicuramente non pensioni importante e la collega vice presidente Giovanna Pentenero
L'opera
Ma è molto brava e molto brocche proprio brave dei tre
Risponderà anche alle domande politiche che avete posto prego
Allora
Benevento
La ringrazio molto mi questa domanda anche si misura con la nostra impotenza e e quindi
Allora la mia risposta e quei sta parlare sempre e comunque di Tibet di lingua tibetana di tradizioni Tibe tane di religione tibetane usare la parola Tibet
Non viene più usata che mi spiace e dico una cosa un po'forte
Il nostro museo in museo di arte orientale Ismanova
Non è una sezione che si chiama il Tibet si chiamarti ma lei Anna
E non è un caso
Non è un caso purtroppo Donato causato dal direttore io confido okay dopo anni questo vergogno di alcune didascalie dirette negavano la storia del Tibet
Signor Gerola suonare come ora abbiamo già affrontato luogo attenti
Un'altra cosa
Io ho un figlio quando faceva terza media naturalmente sente parlare di Tibet in casa
E quando faceva terza media valeva portare si porta la la la piccola ricerca insomma no dice l'apporto sul Tibet ed insegnante dice no
Non si può portare sul Tibet perché il Tibet non c'è il Tibet e la Cina e quindi ci metterebbe nei pasticci no
Quindi queste per dire previo figlia Alice mai prima detto così la prossima detto così insomma è fa etico date datare brutto lasciamo stare lasciamo stare per questa volta
Però questa indicativa no del fatto che non si possa più neanche poi voglio dire no non sono tutti così insegnanti Geo
Credo che il mestiere di insegnante sul più bello del mondo no io sono stato un insegnante per ventidue anni alle scuole superiori
E quindi sana o veramente grande grande grande stima per il mestiere
Insegnante ci sono tanti insegnanti che invitano per parlare del Tibet però questo è indicativo del fatto che
Sia in qualche modo paura no anche timore di mettersi nei pasticci
A dire che il Tibet e cioè che esiste che ha una cultura che è distinta da quella cinese il Larossa il capodanno tibetano non coincide con il Capodanno cinese ad esempio no
Ci sono due popoli due culture che hanno sicuramente delle affinità come possiamo avere affinità francese con gli spagnoli però siamo
La nazione distinta quindi io credo che la prima cosa e quella di informarsi e di continuare a a parlare
Il Tibet
Grazie
E buongiorno a tutti e non è che si possano fare delle conclusioni dopo giornate come questa ma
Mi piace sottolineare un aspetto riprendendo un po'lo stimolo che il professore prima ci ha dato
E riprendendo anche le parole che la professoressa Giannotti ha usato nel chiudere la sua bellissima relazione quando ci ha detto ci ha posto una domanda ci assumiamo la responsabilità di dare voce la causa tibetana
E allora qui si apre tutto lo scenario di quello che ci ricordava prima il professore perché la politica non si assume una responsabilità diversa perché di fronte a questioni che sembrano da un punto di vista
Prettamente umano quasi con le immagini che voi avete visto prima credo vi abbiano stimolato pensiero
Molto semplice perché noi ci accaniamo questo contro queste persone che sono persone che semplicemente hanno un loro credo una loro religione
Una loro cultura una loro storia e quindi il primo input che nasce dal nostro cuore perché immaginare che una cultura una storia una religione debba essere rispettata il dialogo
De vi insegnano nelle aule delle nostre scuole mi segno fin dal primo giorno che è la cosa più importante la cosa più fondamentale
Il che ci si scontra con una quotidianità che non è questo perché giocano
Gli interessi di potere giocano interessi economici e soprattutto in un momento come questo in cui il nostro Paese altri Paesi
Del mondo vivono una condizioni di crisi di difficoltà che non è solo una crisi economica ma è anche una crisi di tipo valoriale una crisi sociale una crisi della politica
è evidente che questi messaggi fanno ancora più fatica a quello che mi raccontava il presidente Leo prima che di fronte a un messaggio in cui si dice oggi c'è un convegno
Su un tema molto particolare Morgan Rizzato da
Da chi si occupa di diritti umani i diritti umanitari è evidente che la la risposta prima economici sono conto di province abbiamo non non raggiungiamo lo stipendio a fine mese abbiamo problemi di lavoro fabbriche che chiudono quotidianamente
Famiglie che faticano anche a mandare i propri figli a scuola credo che questi siano messaggi che in qualche modo
Insomma conoscete benissimo è evidente che la politica allora approfitta di questa situazione e quelli che sono i passi in avanti che si sono che sono stati fatti che sono stati messi
In atto sono passi che corro il rischio di divi essere passi indietro e non sono passi in avanti e quindi il il portare avanti il messaggio della causa diretta tibetana diventa ancora più difficile perché è molto facile di ebbe parole insomma prevale l'aspetto economico prevale il fatto che con il la Cina noi dobbiamo dialogare perché abbiamo interessi di carattere economico
E non si tengono in considerazione tutto un'altra serie di aspetti che invece
Sono fondamentali per immaginare che
I diritti delle persone i diritti dei popoli debbano essere l'aspetto principale al quale noi dobbiamo tendere al quale noi dobbiamo salvaguardare e quindi la risposta
Che non è una risposta come dire assoluta è una risposta ovviamente relativa
Quello che io come rappresentante della politica piemontese del rappresentante di un'istituzione importante quale la Regione ho un dovere che è quello del cercare disseminare
Cultura del cercare di raccontare del cercare di spiegare quello che capita nelle tante parti del mondo dove la libertà dove il respiro un aspetto delle altre culture dove il non rispetto della religione non esiste e
Quindi il nostro come dire non voglio dire abbiamo una funzione limitante no abbiamo una funzione importante e quindi il mio dovere è quello insieme
Agli amici del
Del del Consiglio regionale che hanno seguito il Comitato per il Tibet e per i diritti umanitari e quello del continuare questa nostra azione
Facendo la ovviamente con minore magari con meno meno risorse rispetto a qualche tempo fa perché non abbiamo più la possibilità anche economica di usare gli strumenti di comunicazione che maggiormente ci permetterebbero di fare arrivare la nostra voce ma il nostro preciso obiettivo continuare
A organizzare momenti come questi far sapere a far conoscere perché altrimenti passa il messaggio che diceva prima che dicevo prima ovvero che esistono altre priorità
Esistono altre situazioni dei contesti che devono essere tenuti in considerazione prima degli aspetti
Umanitari degli aspetti di diritti che sono quelli di carattere economico commerciale e finanziario
E soltanto attraverso operazioni come queste attraverso la cultura e far comprendere a questi ragazzi che essi ci può essere un altro modo con il quale vivere
Con il quale fare economia di un Paese come il nostro all'interno del contesto europeo all'interno del contesto mondiale allora in questo modo possiamo immaginare che il problema del Tibet
Sia intanto tenuto vivo si è pertanto tenuto vivo
E si possa si possono innescare quei qui piccoli semi quelle piccole situazioni che in qualche modo possano mettere di fronte ai potenti alle persone che hanno maggiori strumenti per decidere per affrontare i problemi del nostro del nostro del nostro paese
E di tanti Paesi che sono sitting situazioni difficoltà tengano in considerazione che c'è un'alternativa che c'è una possibilità diversa ma questo lo si fa solo se si fa cultura i sensi Facco stizziti fa
Per come dire si passa la conoscenza e credo che questa mattina noi abbiamo fatto un piccolo passaggi ma importantissimo fondamentale
Per cercare di arrivare ad un obiettivo che
L'obiettivo che ci sta a cuore l'obiettivo più nobile che noi abbiamo grazie
Grazie alla collega vice presidente Giovanna Pentenero solo un ultimo ringraziamento ognuno di voi veramente un applauso al dottor Paolini che il nostro funzionario che segue tutti questi raccordi
Voi qui
Oggi
Mi però su un appello avete una consapevolezza in più
Ma anche una responsabilità in più come dicevo morale Ennio dai grandi poteri nascono grandi responsabilità
Quindi noi siamo a vostra disposizione sappiate due cose uno che la Regione Piemonte e comunque
La più impegnata in Italia su questo tema
Due che i cittadini sono determinanti alla fine il popolo conta
è vero che ci sono tutte queste le pressioni anche queste testimonianze importanti insieme che abbiamo ascoltato
Voglio dirvi che non è che una volta fosse così facile e quando uno crede va avanti lo stesso io per esempio subito e i tempi dell'università
Aggressioni fisiche
E poi mi hanno sparato anche le Brigate Rosse perché sostenevo il Dalai Lama le Brigate Rosse erano filo cinesi
Ma
Per esempio uno dei colleghi che guido un'aggressione all'università oggi un sostenitore non faccio il nome per un parlamentare sostenitore della causa tibetana allora ci bruciare i banchetti quindi la speranza
E e l'ultima a morire e voi potete farla vivere il più possibile grazie professoressa grazie a tutti i dati