07MAR2014
rubriche

LavorareInfo: la competitività delle imprese italiane

RUBRICA | di Valeria Manieri RADIO - 14:03. Durata: 28 min 9 sec

Player
In studio Valeria Manieri (Radio Radicale).

In collegamento Roberto Monducci, Capo Dipartimento Statistiche Economiche e conti nazionali ISTAT.

Il rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi: la struttura, le performance e la dinamica del sistema produttivo italiano.

Il rapporto tra imprese e occupazione; i settori che hanno avuto un andamento positivo e quelli che hanno avuto grandi difficoltà nel periodo recessivo; il ruolo dell'export e i problemi della domanda interna; il ruolo delle startup www.radioradicale.it - www.lavorareinfo.it.
14:03

Scheda a cura di

Fabio Arena
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Radio Radicale chi vi parla Valeria Manieri siamo giunti a un nuovo appuntamento con la rubrica di Radio Radicale lavorare info rubrica che si occupa di mercato del lavoro economia competitività e in Italia
E in Europa quest'oggi vogliamo parlare di in prese di competitività in par sì colare presentando e commentando il rapporto sulla competitività delle imprese dei settori produttivi dell'Istat che è uscito
Circa una decina di giorni fa a alla sua seconda edizione vogliamo commentarlo con Roberto Monducci Capo dipartimento Istat statistiche economiche conti nazionali ben trovato
Curioso
Allora nel rapporto diciamo si analizza la struttura la performances la dinamica del sistema produttivo italiano in particolare nel territorio è recessivo due mila undici due mila e tredici si analizza la caduta della domanda interna come hanno area di tra le nostre in prese anche il rallentamento della domanda estera come se la stanno cavando un po'le imprese italiane negli ultimi tempi
Se diciamo che
La crisi negli ultimi due anni che ha colpito l'Italia in modo particolarmente violento abito in un contratto che
Vede l'Italia è una situazione recessivo concordi debolissima crescita fin dal due mila otto insomma Mungo scenario cinque anni difficilissimi
Quindi questo rapporto ha voluto
Comunque proprio
Una valutazione di fondo del derivante dalla
L'andamento dell'economia italiano ha parlato dell'impresa e quindi il focus tutto sull'impresa
Intermedi capacità competitiva rispetto alla lettera intermedi perdita
Gli output il tutto diciamo introitando due due elementi di confronto come il confronto internazionale sempre con i Paesi europei
E l'altro una valutazione delle dinamiche interne ai settori cioè noi siamo abituati a vedere o sentire
Dati che fanno riferimento accetto il manifatturiero comunque dati aggregati
In realtà dietro questi dati aggregati ci sono le imprese che anche lo stesso dato aggregato perché una crescita del due per cento e qualche determinata da
Da una distribuzione delle dinamiche delle imprese molto diverso che potrebbe essere che tutto il sistema viaggia su quel tasso di crescita al due per cento di tutte le imprese che ce ne sono allineate sul sentiero oppure
Ci possono essere effetti come diciamo lo dico opposizione c'è bocche impresa e che crescono determinano quale risultato aggregato ma ce la fanno moltissime sono in diminuzione e quindi il valore aggiunto e due di questo rapporto è proprio da un lato nel confronto internazionale e dall'altro nell'analisi
Nelle singole imprevedibili autori e delle singole imprese quanto a Inge incide diciamo la dimensione di impresa che è un punto dolente nel nostro Paese proprio
I lavori da qua diciamo la crisi devo dire è stata e qua diciamo una sua brutalità nel senso che effettivamente
Grotte differenziazioni dal punto di impedimenti al non ce ne sono almeno
Per quanto riguarda le dimensioni che abbiamo osservato nuovi nuovi siamo riusciti diciamo a ma pare un po'le dinamiche delle imprese manifatturiere ed dalla due mila dieci del due mila tredici
Con riferimento però all'imprenditore con una dimensione almeno di venti addetti che sono tantissime
Sono circa ottanta mila in senso sono circa quaranta mila imprese manifatturiere
E
Sappiamo però che nell'industria ci sono molte altre dimissionato invariati piccole però su quel target diciamo di menzionare qui da venti addetti su
Sostanzialmente l'aspetto di energia non ha inciso Campisi importanza indifferenziata ha inciso molto invece l'aspetto mercato
Nel senso che elemento cruciale proprio di questo di questa crisi almeno dal due mila undici perché prima c'era stato un andamento un po'diverso comunque negli ultimi due anni due anni e mezzo
Quello che è successo in Italia non ha precedenti notato che ci sarà una divaricazione tra andamento del del fatturato diretto all'estero che sarà comunque in crescita
E crollo del fatturato interno solamente impressionante sistemi trentenne tre anni sono pianificar sono curati trenta punti differente adibili crescita
Quindi totalmente mentre impiego
Che destinano una grossa parte del fatturato comunque possono addirittura completamente legame che all'interno
Abbiamo virtuoso farsi illusioni cioè durissimi
Questo è l'elemento caratteristico
In questo l'Italia e accomunata solo alla Spagna cioè in Europa una divaricazione così forte tra esportazioni del fatturato interno ce l'abbiamo solo in Italia in Spagna che guarda caso quali sono le economie
Che hanno avuto diciamo a Grecia sono problemi di di finanza pubblica di debito pubblico e quindi come una manovra comma nove è fortemente restrittive
Fiscali sul fronte interno quindi questo non sono proprio le due economie chiaramente è simile a un punto di vista
Del dell'andamento degli dei mercati il criterio con uno sguardo appunto al ciclo industriale nel contesto europeo invece mi sembra di
Sembra post contato ma che invece la Germania
Aumento delle performances particolarmente interessanti
Il rinvio ad o soltanto un ATO proprio di lungo periodo come dire per capire qual è stata quanto fenomenale fra la performance ragionare
Se analizziamo l'andamento la dinamica produzione industriale
Dal due mila sette due mila tredici quindi se partiamo dal punto precedente la prima critici cioè nel due mila sette tutta l'economia Roberto erano in espansione completa la nostra parte dal due mila otto Sacrato
Quello che sappiamo comunque che facciamo riferimento al due mila sette
Vediamo che italica in Italia il i due terzi dei settori industriali
Quindi parliamo circa di sessantasette sessantotto settori su cento
Industriali allo subito cali di produzione industriali
Superiore al dieci per certa se solitamente abbiamo
Che
I numero la percentuale di tutti i settori che ha avuto una crescita in Italia è stato intorno al dieci per cento cioè soltanto un settore industriale su dieci
Ha sperimentato una crescita dal due mila sette due mila tredici in Italia in Germania
I settori in crescita sono sostanzialmente quadri o il trenta per per cento del totale abbiamo sostanzialmente tre volte tanto in termini di incidenza
I settori la distribuzione dei settori per il tasso di crescita e simili in Italia e Spagna è un po'più vicina a quella della
Germania in Francia ma Germana chiaramente spicca come un mondo assolutamente
Più al per corruzione senta quali sono i settori che nel nostro Paese in particolare si sono distinti magari in questo modo
Diciamo negativamente e positivamente se servite diciamo analizzato
Un po'più nel dettaglio le cose che hanno funzionato di più ecco per dirla
Se diciamo che
Seppure la crisi è stata solamente
Il generale laddove si tratterà quindi che per intensità e approfondita Roma non hanno una non ha riscontro nel tempo quindi lo scenario a compiere complessivamente recessivo comunque
Anche a livello settoriale si vedono delle differenze
Ci sono dei casi abbastanza interessanti ma vediamo gli ultimi tre anni
Fatica vediamo che c'è stato
Imponeva un punto di vista della crescita del fatturato industriali delle vendite
L'area c'è stata una performances molto buona
Di tre settori
Sostanzialmente settori molto tradizionale mette vitali l'altro settori che fino a qualche anno fa venivano o definitivo sottolimiti Crivo comunque
Settori sui quali è difficile immaginare che si potesse contare invece smentisce questa in cui versa il rapporto
Licitazione tutte le più performante dal punto di vista della diffusione
Per la crescita e quindi non soltanto di intensità della crescita del settore ma anche quante diffusa quindi quante imprese poiché coinvolge
Una crescita del fatturato al primo posto abbiamo nel settore delle pelli
Che somma
è quanto di più meditati tradizionale ti posso immaginare essendo un settore se sostanzialmente nonostante
Insomma alla crisi profonda che c'è stata aumentato del ventuno e otto per cento il fatturato per oltre la metà delle imprese quindi l'abbiamo continuare un indicatore che vede quanto aumentato il fatturato
Ed almeno la metà delle imprese del settore nemmeno nel settore delle tende abbiamo che la metà delle imprese ha avuto un aumento di fatturato superiore al ventuno per cento quindi una volta enorme se confrontata con
Con i tassi di crescita che ci sono normalmente al secondo posto abbiamo le bevande aspetto porto il settore alimentare badanti abbiamo tre settori
Appalto Company dall'un modello come dire high tech innovazione ricerca
Ecco e noi diciamo soprattutto gli ultimi due sono settori che in qualche modo speriamo che sia un volano anche perché tutto il prossimo Expo due mila e quindi si è puntato su
L'agroalimentare in qualche misura la loro eventuale idoli diciamo
Quello diciamo la privazione del tema in qualche modo dell'expo stato è stato azzeccato rispetto a prima di
E se li prende anche si distribuisca proposto devo dire la quarta volta abbiamo per fortuna
A questo punto il settore dei macchinari
Invece è un settore del made in Italy diciamo meno legato forza la tradizione
Italiana ma molto più dinamico negozietto ma negli anni Duemila quindi per parliamo di
Macchine ter
Diciamo per fare produzione quindi tutta parla parte edilizia robotica tutta la parte di macchinari per la lavorazione
Biglietti bene su questo dilagare in una posizione dominante a livello mondiale e nonostante il calo degli investimenti e che sono diciamo ben investimento soprattutto in Italia ma anche un po'all'estero questo un settore che attenuto al quarto posto come tasso di crescita
Do la prima volta abbiamo settori ombre quelli più dei costi quali sono ecco così il mio ruolo nei volendo utili
Hanno una situazione assolutamente
Grammatica direi l'ultima volta abbiamo immobili immobili hanno una variazione mediana diciamo Bertacche coinvolge almeno la metà delle imprese
Inoltre meno quattordici il sei per cento della metà dell'interpretazione dei mobili è crollata fattuale crollato per oltre il quindici per cento fatta bene
Quindi direttamente a mente drammatica molto vicino a quello del mobile abbiamo tutti l'abbigliamento questo è un problema perché obiettivamente o comunque ha una dimensione molto rilevante nell'economia italiana al
Al terzultimo posto abbiamo tuttora del legno
E poi a scalare troviamo una politica per introdurre elettrici e
Le altre cose di
Quindi sull'altra metà abbigliamento
Mobile indegno sono i fanalini di coda della crescita o della decrescita insomma negli ancora industriali vita ai primi tre anni
Che secondo lei alla luce di questi i dati anche sui settori che vanno meglio che vanno peggio c'è una
Una certa comunicazione tra domanda e offerta per quanto riguarda invece il mercato del lavoro cioè visto che l'Istat aiuto si occupa no di monitorare anche i dati per esempio sull'occupazione
Chiaramente quando si impara la di imprese quando si parla per esempio di crisi del mercato del lavoro di
Giobatta attualmente a livello governativo e quant'altro non si può non orientare in qualche modo queste
Questi questi auspici anche con l'andamento del dell'economia e delle imprese italiane
Ora diciamo la situazione queste queste dinamiche Preci settori che impediscono il quadro cioè affitto l'occupazione industriale le unità di lavoro insomma borsettine diminuire
Del nove per cento nel due mila dodici dell'uno e quattro per cento
Sedici virgola uno complessivamente negli ultimi tre anni dal
Faceva riferimento il due mila undici insomma una cioè siete il tre per cento
Rispetto alla gravità della crisi e devo dire che non si tratta di dati drammatici nel senso che
Ma dobbiamo pensare che il periodo comunque l'abbiamo visto per i dati consumare intuito dai dati che ho commentato
E un periodo in cui sostanzialmente la manifattura italiana comunque mediamente ha perso
Quasi qualche effetto positivo oltre il sette per cento di valore aggiunto interni reali i commi i volumi produttivi sono calati interna al sette per cento negli ultimi negli ultimi due anni
E ed occupazione invece cala molto meno quindi sostanzialmente
Lo non certamente incompleto aggiustamento occupazionale alle conti
I primi frutti in una cassa integrazione e comunque c'è un dato abbastanza significativo che emerge dalla dal rapporto dal rapporto sulla mobilità
Che deriva dalle dichiarazioni delle intese l'abbiamo non ma abbiamo presentato soltanto dati quantitativi quindi andamento per fatturato della della
Di principio
Costosissima ma abbiamo anche intervistato le imprese per chiedere loro valutazione
Nessuno loro corretta e di crescita sulla loro strategie per resistere alla crisi
E su quello che stavano mettendo in campo nella prospettiva di anche di una ripresa perché insomma gli ultimi dati effettivamente seppure
Dati non particolarmente eclatanti insomma ma segnalare accettata in Italia quarto trimestre del due mila tredici
Una qualche forma di tipo economico il c'è Giuseppa mancato insomma ecco diciamo la cosa più importante che emerge
Che mentre dicono di aver tendenzialmente tutelato
Ossia il capitale fisico del capitale umano almeno per quanto riguarda le componenti più qualificate
E i componenti su cui puntare poi nel momento in cui si dovesse consiglieri laterali Brescia quindi diciamo una manifestazione non di ripiegamento una manifestazione tenete a mente di resistenza alla recessione
Ma norme di rinuncia alla crescita non di
Ripiegamento poco dimensionale di ridimensionamento strutturale del potenziale produttivo questo un elemento molto importante
E se ci dice che le impiegate leggermente hanno mantenuto diciamo la loro connotazione il loro livello
Diciamo di attività soltanto letto bianche non ce la domanda quindi ed altro
Non c'è per un aggiustamento strutturale dell'offerta manifatturiera sembra gran parte manifatturiera sia una situazione quasi di applicare
Affinché
Prolungata ma che sia pronta accogliere
Rifiutano gratuito occupazionale per quanto riguarda invece se ci sono novità rispetto al la nuova creazione d'impresa e cosiddette start-up avete qualche segnalazione da
Fare in questo senso
Noi noi abbiamo dati sono abbastanza sulla demografia delle imprese e i dati sono non sono aggiornatissimi
Cioè quello che richiederebbe che si vede dai dati amministrativi che girano ritenuto ed è interessante anche per vedere come si stanno orientando soprattutto forse le nuove generazioni
Già crearsi valore
Da questo punto devo insomma segnalare questa iniziativa eccettuata del ministero sviluppo economico o per eccesso c'è un'altra una legge su questo
Sulle start-up
Seria molto interessarsi minori partecipiamo come
Monitoraggio non l'Istituto ha un ruolo anche di valutazione di misurazione del richiesti titoli delle politiche
Insomma c'è stata una beneficio di economico
Per le imprese di piccole dimensioni e giovani sostanzialmente effettivamente sul
Tutti si potevano definire come start-up innovative
E nonostante la negazione qua parliamo di numeri passarci interessato antiche magari non
Non rappresento esistevano
Nella ripresa occupazionale però mantengono come dire di tale una parte del sistema è più legato appunto ai giovani e alle alle nuove tecnologie questo insomma devo dire che
Ritenuta emerge ora c'è un futuro per l'hi-tech delle novelle nelle non è stato non ha molto esteso non è molto escludendo segreterie molto piccole come prima azione però Tommassini critica dal punto di vista poi dell'opportunità
Di lavoro che offrono ai giovani conoscitiva importanti
Anche perché diciamo che sembra che non ci sia insomma lei ha detto che in qualche misura le imprese hanno cercato di salvaguardare durante questa crisi però
La loro migliore occupazione nel senso il loro migliori lavoratori e però diciamo sui giornali ma insomma in generale la sensazione che sia e che invece la fuga di cervelli e di talenti italiani stia stia continuando in qualche modo ci siano degli elementi di rassegnazione che
Quasi il titolo di studio in qualche modo il nostro Paese non conti più molto anziché a volte essere meno qualificati ti aiuta più facilmente a trovare magari non l'optimum a livello di di posto di lavoro ma insomma almeno a sopravvivere

Direi che
Davvero ma davvero anche appunto
Cioè la capacità di assorbimento di lavoro qualificato da parte di esso italiana anche nei momenti di espansione dalla bassa e questo è un problema strutturale che abbiamo
Devo dire che forte
Diciamo non volevo volevo completare la domanda non è che forse anche la creazione magari non è un fenomeno così esteso delle start-up risponde anche a una impossibilità da parte delle nuove generazioni di inserirsi non manca mercato del lavoro che riconosca loro
Dei meriti e in qualche modo li contra cambi dice magari qualcuno appunto pensa che sia meglio mettersi in proprio in qualche misura rischiare in proprio piuttosto
Che fare una vita non soddisfacente probabilmente se non certo il Patto per l'interno poi delle normative favoriscono questo aspetto queste servirà mi sembra ad ricordo
Pensa del debba essere uno dei canali della ripresa cioè chiaramente la difesa passiva delle diverse componenti stesso abbiamo capito tutti soltanto
Il fattore
Aumentano
Non ce la fa a rappresentare un volano però l'impiego venatorio di fattori accusato di aver cercata
Può essere rilevate da tutti
Vedremo
Su anche il primo round di valutazione
Degli esiti leadership politica che faremo com'è andata in quanto certi e quanto ha movimentato insomma ne faccio un'ultima domanda a ha parlato prima appunto del
Del fatto che è una fase molto molto complessa sia stata quella del due mila undici e due mila tredici a livello di periodo recessivo per le nostre imprese lo accennava lei poco fa
Eppure qualcosa si muove in positivo insomma sembriamo essere a
Pena averlo messa per il naso fuori da la recessione economica in termini di PIL possiamo dire che insomma per le imprese ci sarà modo di rifiatare e anche quanto ha inciso ultimamente se ne è parlato tanto anche per i cosiddetti decreti Bankitalia e via discorrendo
Anche la crisi del credito all'impresa
Sì diciamo che i segnali che vengono dalla congiuntura sono deboli una positive diciamo per da un punto di vista ciclico
I segnali sono tutti
Favorevoli a un'interpretazione per cui c'è stato un punto di svolta insomma
Non è ancora consolidata perché per
Parlava impiego dell'avvenuto a Vibo poi ci vogliono più dati diciamo non può andare peggio di come sia andata fino per le svolgiamo che già ci sono miglioramento però è chiaro che
Se guardiamo noi stiamo andando molto la diffusione della crescita più che l'intensità del come ripeto
Il rapporto Cocilovo prima che abbiamo prodotto a ci ha detto molte cose su quello che c'è dentro i settori dentro il mondo reale delle intese perché
Magari una crescita la produzione industriale può derivare appunto da poche impresa iper per performanti che sono comunque hanno tirato su
La produzione oppure da una diffusione credeva dalla discussione sta aumentando quindi la diffusione dedicarmi ai pesci d'asta aumentando il problema è che ancora c'è un pezzo del sistema impantanato
E una domanda interna Corsini passate che questo è il problema è la domanda interna continua comunque a nessuna decisione
Quindi ma ripeto è trainata esclusivamente all'export questo è un elemento
Ora
Ci aspettiamo che l'export Cuculicchio infetti tirando dentro occupazione che a sua volta più addentro domanda Garzotto attivamente e produzione
Probabilmente l'aspettiamo solo questo esito
Chilometri all'export che passeranno ancora anni prima di vedere i tassi di crescita decente e città e quindi probabilmente ci deve essere qualche tipo di intervento rapido molto rapido
Sulla sulla domanda interna che Pinto che
Tutto sommato sul letto per l'Italia ha mantenuto conferita alle quote di mercato delle imprese italiane sull'estero
Sono rimasti stabili stabilire una situazione di Cannavò concorrente perché abbiamo dei competitor come
Insomma i Paesi emergenti e la Germania quindi il fatto che il nostro intento all'estero hanno mantenuto la quota di mercato e positivo e quindi dice che la competitività CEE è però comunque il settanta per cento il settantacinque per cento del fatturato lo fai
Sul mercato interno e poi c'è tutto il settore dei servizi che non esporta baci e quindi è legato assolutamente all'andamento alla domanda interna
Quindi
Su questo incide anche un problema di fiducia
Da parte dei consumatori pertanto non abbiamo visto dati più recenti che davano un cerchio detentore di potere di acquisto
Dovuto essenzialmente al cavo indicazioni protetta facendo affondando una mano adesso nel senso che
Calo forte che c'è stato un aumento dei paletti ISPA favorendo un po'di recupero di protervia tutti nonostante questi solleciti idee tendono a non utilizzare questo aumento di potere d'acquisto per aumentare i consumi ma omento i risparmi
Erano arrivati a livelli bassissimi
Quindi noi abbiamo sostanzialmente una situazione intermedia anche i pochi recuperi di potere d'acquisto delle famiglie ci sono stati
Non hanno stimolato i consumi non sono stati rimessi appunto in Cina colori rimessi in circolazione questo un elemento importante certe
E
Forse anche di frutto del una certa sfiducia no ripartita l'unico ricostituzione ho militato risparmiò che sia comma
Minimale diciamo molto bassi
Quindi anche però venire per conservare la la preoccupazione
Anche il fatto di dire rimettiamo agli altri le chiamo soldi nelle tasche degli italiani ed economia riparte sembrerebbe che non è esattamente così il punto quel per cui opera qui tra un attimo ai consumi quindi partecipò qualche qualcos'altro perché in mano ad una domanda interna meno legata
Alle scelte individuali ma legata a fattori come Investimenti come e quando si parla di politica industriale nel nostro Paese
E non c'è una politica industriale che ha famoso manterrà anche se si ripete da
La crisi ha dimostrato che le imprese hanno trovato diciamo opportune Rocco alcuna via la via di sopravvivere soldi deve dire
Ma questo è evidente
Non necessariamente un male il fatto che sono il fatto che nonché un blog uno Stato non abbia diciamo un intervento marcato
Sulle strategie industriali non necessariamente un maggior qualcuno dice Antonveneta meno
Migliori in piedi nelle scelte essi ricoveri a Radio Radicale se quelle promesse e disegnare il contrario
Però insomma ecco diciamo magari un po'più di attenzione ai fattori di Conte tra il costo dell'energia al credito appunto insomma almeno a ivi diciamo ridurre gli ostacoli ecco
In questo caso contravvenzionale avrebbe potuto fare o di più insomma
E davvero grazie a Roberto Monducci Capo dipartimento statistiche economiche conti nazionali all'Istat per essere stato con noi abbiamo un parlato diffusamente insomma della situazione delle imprese italiane non sono anche dell'andamento un po'del mercato del lavoro lo dico essa il premio di che cosa possiamo aspettarci nei prossimi mesi e di quello che è stato sicuramente un un brutto periodo era e c'è si va un po'per tutti ma soprattutto per le imprese italiane abbiamo commentato il rapporto sulla competitività delle imprese dei settori produttivi dell'Istat che credo poco
Tira di ascoltatori volendo possono recuperare sul sito Istat
Si tratta scaricabile immediatamente
Grazie ancora grazie era di ascoltatori buon proseguimento con i programmi di Radio Radicale