07MAR2014
intervista

Intervista a Francesco Boccia sui conti pubblici, su Matteo Renzi e sulla riforma della legge elettorale

INTERVISTA | di Giovanna Reanda ROMA - 00:00. Durata: 22 min 11 sec

Player
"Intervista a Francesco Boccia sui conti pubblici, su Matteo Renzi e sulla riforma della legge elettorale" realizzata da Giovanna Reanda con Francesco Boccia (deputato, Partito Democratico).

L'intervista è stata registrata venerdì 7 marzo 2014 alle ore 00:00.

Nel corso dell'intervista sono stati discussi i seguenti temi: Amministrazione, Amnistia, Berlusconi, Bilancio, Carcere, Centro, Commissione Ue, Comuni, Costo Lavoro, Debito Pubblico, Destra, Finanza Pubblica, Fisco, Giustizia, Governo, Impresa, Istituzioni, Legge Elettorale, Letta, Ministeri, Occupazione, Pari Opportunita', Parlamento,
Partecipazioni Statali, Partito Democratico, Polemiche, Politica, Rehn, Renzi, Riforme, Saccomanni, Sinistra, Spesa Pubblica, Stato, Titoli Di Stato, Ue, Verdini.

La registrazione audio ha una durata di 22 minuti.

leggi tutto

riduci

00:00

Scheda a cura di

Alessio Grazioli Iva Radicev
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Quelli Presidente della Commissione Bilancio della Camera Francesco Boccia del Partito Democratico parliamo di conti pubblici e parliamo di quanto l'Europa ha detto l'Iran marcia praticamente nesso tra i Paesi
Tra i Paesi che hanno squilibri ivi e il premier Ranzi adoperiamo un condizionale sembrerebbe aver ha detto bene insomma quindi
Il Governo precedente ci ha raccontato qualcosa che poi effettivamente non era
Saccomanni visto se ha difeso ha detto non è assolutamente non è assolutamente così insomma una polemica sterile oppure c'è qualcosa di vero
Mettiamo in ordine
Concetti e fatti
Tuttora
Segretario Partito Democratico Renzi
Non conferma di aver fatto questa valutazione
Ma non le smentisce nemmeno quindi
Che passano le ore più
Dal mio punto di vista diventa imbarazzante
Segretario PD oggi presenta il Consiglio non smentisca frasi che vi sono state addebitate
Rispetto ai conti pubblici conti pubblici solo sull'ordine
Ma
Dall'eredità di stabilità finanziaria che lascia il Governo letta
Sotto gli occhi di tutti il fatto che
Lo spread sia
Finalmente sotto controllo
Che cinque invitiamo mensilmente lo ricordo che ci ascoltano
Che ci piaccia o non siamo un Paese che deve trovare trecentocinquanta miliardi ogni anno mediamente una trentina di miliardi al mese qualche mese ci va bene solventi qualche altro esubero diventano quaranta
E se viviamo una condizione di stabilità significa che risparmiamo anche in un mese
Interessi sul costo del cosiddetto debito oneroso
E questo patrimonio patrimonio immenso importante figlio anche dei sacrifici gli italiani hanno fatto negli ultimi diciotto mesi e che ha visto prima il Governo molto producano detta fare alcune cose che
Non sono state valorizzato dal mercato la propaganda politica perché non erano
Trendy quando si chiedono sacrifici non è mai non fa tendenza lo sacrifici sui Twitter non fanno modo
Cosa che si preferiscono
Nascondere perché
Non sono in linea con il modello di politica
Che è emerso in questi anni e comunque io penso che abbia senso chiarire questi aspetti io
Ho apprezzato Renzi quando ha detto noi non ci facciamo dire cosa dobbiamo fare
Nello stesso tempo vorrei che non utilizzasse diciamo un modello culturale berlusconiano
Quando dice
Non abbiamo trovato le cose in ordine perché non è così che mi ha ricordato molto
E il centrodestra subito dopo i due Governi Prodi
I conti sono in ordine e la valutazione che Renza
Alla vigilia di una competizione politica perché anche rende campagna elettorale
Terreni come è noto nome nel Partito Socialista Europeo è un'avversaria nostro
Ha detto delle cose che a mio avviso si riferiscono più al futuro che
Ha passato al presente
Va bene la risposta e Renzi ora dobbiamo declinare quella risposta in cose che noi dobbiamo fare abbiamo il dovere di fare senza che ciò di tra loro
è stato un problema che diceva di di crescita comunque è inevitabilmente lì che l'Italia
Ha dei grossi problemi no
E allora
Secondo lei è possibile agganciare
Al treno della impresa europea anche l'Italia
Certo è un problema di crescita dobbiamo però dirci con chiarezza e franchezza
Quali sono le misure che intendiamo adottare per far sì che questa crescita
Non sia
Solo promessa o propagandata ma si è reale
E siccome io sono convinto sono fermamente convinto
Che ne non solo non dobbiamo fare altri debiti ma abbiamo il dovere di diminuire quelli che ci hanno lasciato in eredità questo dovere che abbiamo nei confronti dei nostri figli e quindi
Ho salutato con particolare
Felicità le parole Renzi sulle responsabilità che noi abbiamo nei confronti dei
Delle generazioni
Che verranno
Per non potendo fare altri debiti e non dovendo fare altri debiti l'unica strada serie che abbiamo è di
Tagliare da un lato
Cosa che sta facendo Cottarelli con la spending review però ricordo a chi ci ascolta che nella legge di stabilità trovata a dicembre che fa riferimento al due mila quattordici quindici e sedici
Sono già previsti ventitré miliardi
Di tali già quindi scontati nel bilancio dello Stato
Ventitré miliardi dei trentadue che Cottarelli si è impegnato a fare
è però ancora non conosciamo e quindi evidente che quando avrà tagliato ventitré miliardi sono già Bilancio
Gli altri nove io vorrei che lei facesse tutti e due mila quattordici ma non sono abituato a
Dire sciocchezze a sparare numeri quindi mi auguro che di questi una parte vengano nel più breve tempo possibile
Possono essere utilizzati per
Lo sviluppo atta a Cesano saldamente in esame oltre i tagli
L'altro tema
è
La redistribuzione quindi la necessità di togliere alcuni per dare ad altri quindi siccome siamo tutti d'accordo che la priorità delle priorità l'abbassamento delle imposte sul lavoro quindi della riduzione del cosiddetto cuneo fiscale
E questo che dobbiamo porci è a chi togliamo perché qui la bacchetta magica non c'è
Siccome il Paese
Cresce poco è la nostra priorità la crescita e siamo tutti d'accordo per abbassare le imposte sul lavoro a chi togliamo questa è la grande sfida
Che a questo Governo come aveva quello precedente che nei primi dieci mesi aveva fatto una serie di cose che ci hanno consentito di arrivare fin qui
Dal pagamento dei debiti la pubblica amministrazione quarantasette miliardi di cui venti già pagati nel due mila tredici e ventisette disponibili mentre io ne parliamo ci sono ventisette miliardi cash in casa
Quindi
Io sono d'accordissimo esige
Troviamo i soldi del Paese abbia come Amministrazione proprio che trovare i soldi ci sono ventisette miliardi ora pagabili
Chiediamo i comuni visto che ora mi pare ci sia anche una cultura diciamo da amministratori locali
Chi di voi comuni come mai non certificano certificano con ritardo i pagamenti a pubblicizzazione o alle ASL
Ricordiamo infatti c'è una grande può poi
Sindacali comunque fondamentale laddove abbiamo fatto una legge
Alcuni mesi fa che ha sbloccata il debito Pubblica amministrazione
Che aveva un duplice obiettivo da un lato
Immettere i soldi nel sistema che sono stati messi ma non perché lo dica io il presidente dell'ANCE Buzzetti lo ha detto in Parlamento quattro mesi fa dicendo finalmente si vedono
Ovviamente quei soldi per uscire velocemente devono uscire non sulla base di una promessa ma sulla base della certificazione le certificazioni fanno i Comuni che fanno le altre
Che avvengono dolcemente del Governo faccia visto che insomma ora mi pare ci siano anche voi gruppo di ministri che viene dall'esperienza le amministrazioni locali facciano norme visto che conosco bene i meccanismi che consentono l'accelerazione del certificazione già questo sarebbe sufficiente
A pagare i ventisette miliardi cash disponibili quella legge ci doveva consentire anche di capire a quanto ammontano i debiti effettivi perché anche qui si parla di cifre sparate sui giornali
C'erano delle valutazioni fatte da Bankitalia
Che portavano alcuni ad ipotizzare un ammontare complessivo tra
Debiti certificati debiti fuori bilancio di forse settanta ottanta miliardi ma non sono in bilancio questi debiti
E alla fine contro i debiti iscritti in bilancio
Quella legge ha imposto un monitoraggio che ora dovrebbe essere stato concluso quindi una delle contro su che cosa gli diedero la Commissione Bilancio al Governo e di aggiornare il Parlamento su sul monitoraggio che è stato fatto
In via venti Settembre perché questo potrebbe consentire a tutti noi di capire quanto segue serve davvero al momento però mentre ribadisco io ne parliamo son ventisette miliardi non utilizzati non sarebbe il caso di
Accelerare le certificazioni per utilizzare al meglio i soldi che ci sono poi
Se se ne trovano altri meglio bene siamo tutti contenti ma iniziamo utilizzare quelli che abbiamo
Io penso che
Sul piano
Di politica economica
Serve fare cosa semplice concrete
Squinzi ha lanciato una sfida
Io penso che valga non solo raccolta ma vada
Raddoppiati
Aboliamo tutti i bandi pubblici che prevedono la discrezionalità della pubblica amministrazione per l'assegnazione di vincenti
Trasformiamo tutto in credito di imposta su occupazione ricerca e investimenti e innovazione e tutti gli altri abboniamo di e giriamo dia riduzione del cuneo fiscale per far questo ci vuole coraggio
Coraggio vero perché è evidente che toglie da alcuni gruppi ad alcune aziende quasi tutte grandi e dai al lavoro
è evidente se il Governo Renzi dovesse far questo cambierà la storia della rapporto tra
La politica le organizzazioni datoriali forse anche le organizzazioni datoriali diventeranno più credibili
Siamo tutti pronti
La vicenda delle nomine
Il Governo letta appunto sapeva di che avrebbe dovuto e fare da sole dovrà fare governare anzi c'è stato un piccolo giallo questa mattina una Caravaggio ammonì Fazzi il
Tesoriere del partito democratico ma
Questo è un argomento di cui si parla poco macché ha un peso
Sotto gli occhi di tutti che le principali aziende di Stato hanno i vertici in scadenza
Nelle prossime settimane
Dentro quelle aziende c'è una parte della politica industriale del Paese una parte consistente io mi auguro
La maggioranza che sostiene il Governo lo stesso Governo
Abbiano un occhio gli interessi collettivi e non agli interessi di piccoli gruppi organizzati questo sarà un passaggio delicato e fondamentale su un tasso di credibilità di questo gruppo dirigente che ha scelto questa strada punti
Le quote rosa secondo lei è entrato in questa quest'argomento ricordo male euro
Proprio una parlamentare letti amano onorevole Mosca
Al ha fatto
Approvare e c'è una legge che ha consentito portato avanti da sia Mosca
Riguardo le
Facessimo tanti altri suoi colleghi è stato la battaglia intelligente perché ha consentito finalmente almeno le società quotate di aprirsi
Costrette a ad aprirsi ai talenti femminili io non sono entrati nei consigli di amministrazione
Anche perché lì era imbarazzante il novantanove per cento dei componenti del CdA delle quotate pubblica ora
Insomma che non ci siano donne
Misura così marcata tanto da pensare ad un per cento mi sembra una roba abbastanza inverosimile però
Quella legge è servita da grimaldello e ora le stesse
Grandi aziende quotate ringrazio a nome dei
Sostenitori promotori di quella legge abbiamo votato in Parlamento quasi tutti
Ma la stessa cosa vale per la la legge elettorale
I Consigli regionali che l'hanno applicata penso alla campagna l'ho visto aumentare in maniera
Vertiginoso il numero da una presenza che mi è io
Sono sempre stato culturalmente contro le quote in generale però devo ammettere EDF questa considerazione facce figlia del tempo e viviamo
Che quando serve come grimaldello ha una sua utilità e la mia motivazione del voto a favore questa qui nel senso che
è evidente che nei Consigli comunali da quando abbiamo nella scorsa legislatura abbiamo approvato tra legge ricordava adesso il Consiglio di Amministrazione società quotate e approvato la legge
Sulla doppia preferenza in comune no facoltativa uomo-donna B i Consigli comunali sono andati al voto
Nella scorsa primavera
E ci sono semplici finalmente i donne perché danno anche un contributo secondo me diverso di qualità anche migliore
Rispetto a
Pepe consentono comunque un'apertura un ricambio perché su son persone quasi sempre che non c'erano nelle istituzioni quindi guardo l'istituzione anche con occhi nuovi
Indipendentemente dal sesso però essendo
Il genere femminile quello escluso entra in massa modifica anche i costumi di assetti l'organizzazione di amministrazione è successo in alcune regioni
Perché succede proprio si completa dopo e ma come mai allora nell'accordo secondo lei
Anzi Berlusconi a parte
Una considerazione sul fatto che la legge elettorale dovrebbe essere di stretta competenza parlamentare in
Ce n'è comunque dobbiamo far riferimento anche quando ne parliamo da un accordo extra parlamentare e di Governo tra l'altro perché anzi comunque Presidente del Consiglio la vicenda della parità di genere non non è entrata nell'accordo
Va bene sposa biscottate dovrebbe chiederlo alloro io come è noto non sono stati sostenitore
Dell'accordo Verdini Renzi perché sarebbe più corretto definirlo così poi trasformatosi in accordo pensi Berlusconi non perché abbia
Qualche pregiudizio perché penso che la vita politica bisogna essere trasparenti del resto l'assessore si è fatto da trasparenza almeno quella dei declamata
La ragione della sua esistenza politiche
Di questi diciamo anni di rottamazione
E trasparenza significa giocare allo scoperto se tu hai una maggioranza che sostiene il Governo e che è disposto a fare una legge elettorale interesse del Paese parti a quella maggioranza
Si è deciso di partire da una
Cosiddetta maggioranza più ampia
Che però in qualche modo è stata condizionanti nel senso che ma anche a voi cronisti non
Sfugge il peso
Delle proposte di Verdini sui temi sensibili per la comunità politica soprattutto il Partito Democratico penso alle primarie
O alle preferenze alla parità di genere
Aggiungerei anche il conflitto di interessi
Tutti i temi che non possono essere stracciati solo perché è un patto politico perché se gli stracci il risultato che ottieni
E che stravolto profilo culturale del tuo partito e se mi si dice che lo si fa
Per l'interesse del Paese qualche dubbio me lo deve consentire perché sarebbe così
Se avessimo la riforma costituzionale sul tavolo già approvata siccome non solo non ce l'abbiamo ma rischiamo di lasciare il Paese con la legge elettorale
Di un tipo alla Camera secondo me se non ci sono le cose che ci siamo detti ora c'è preferenze a parità di genere prezzo primari parità di genere
E cause più chiare di ineleggibilità è un pasticcio peggio dal porcellum io le annuncio che non la voterò prendi spero ancora che di qui a lunedì ci sia la possibilità di discutere
Di queste modifiche
Ma il dramma vero che ci ritroveremo nel caso in cui ci dovesse essere una crisi di Governo qua dodici mesi corre il voto diverso
Tra Camera e Senato due leggi elettorali competenti nel secondo e di questo economici e non mi si può chiedere fiducia in bianco in un contesto che noi diamo poi fiducia nei confronti di chi
Il Segretario nazionale cerca sì che però non ha il controllo della situazioni cioè a sua volta pur di avere fiducia Berdini
Ci siamo già ad una catena di fiducia anche se mi permette
Perché io dal segretario del partito avete dato fiducia va votato primo votato per modernizzare la sinistra
Dopo quarantacinque giorni mi ritrovo un altro Governo
Poi un altro Presidente del Consiglio con la stessa maggioranza
Avevo molto apprezzato Renzi durante la campagna per le primarie perché
Sottolineava l'importanza di prendere voti di centrodestra anziché ministri centro-destra mi pare
Di poter dire dopo cinquanta giorni scarsi
Che oggi il centrodestra li prendiamo ancora abbiamo preso ministri centro-destra
E che siamo nelle mani di ghetti nel senso che il patto che piaccia o non so che sgradevole sentirsi dire questa cosa ma
L'onorevole Senatore Verdi persona diciamo per Forza Italia autorevole il
Grande stratega di questa legge elettorale
Io ho qualche dubbio Sasso e nomine
Non ho problemi nel fare un patto un accordo ma se sono sicuro che lo faccio lo firmo il giorno dopo e esigibile se metto
La vicenda politica di un Paese
La storia del PD e il destino politico della nomina politica tutta nelle mani
Di questo accordo converrà con me un po'rischioso
E le assicuro che io voglio la legge elettorale quanto più vivo potrà leggere tra le consento di scegliere gli elettori
Gli eletti scusi
Agli elettori la frattura e di Santa c'è anche un altro un altro versante rientra comunque nel discorso della legalità e dello stato di diritto che
Che la sentenza Torregiani il ventotto di maggio
Ieri consigliere inizi il Consiglio d'Europa c'ha bacchettato di nuovo detto che le misure sono insufficienti
E c'è stato proprio due giorni fa a tre giorni fa il dibattito in Aula sulla relazione in Commissione giustizia sulla messaggio del Presidente della Repubblica le aspettative erano altre però certo non è risultato
Un po'deludente
Lei non sa come sfonda una porta aperta io
Sono per un provvedimento
Che
In qualche modo consenta il nostro Paese di uscire da questa
Vergognosa condizione non l'ho mai nascosto non è una battaglia ideologica anche perché con
Condiviso tutte le battaglie radicali insomma da
Tra i tanti Ferragosto in carcere
Fatti i passaggi
A alla necessità di portare il Paese fuori da questa frase barbari
Non ho mai nascosto
Nel sostegno ad un progetto
Complessivo di amnistia che deve essere corredato da
La necessità di voltare pagina una volta per tutte nella
Rapporto questo tema
Non sono come è noto il mio partito maggioranza e quindi
Sono una voce come tante altre continuerò
A sostenere questa battaglia che radicali portano avanti
Vedremo
Se cambia il clima
Intorno intorno al prezzo ma considerazione finale Saccomanni in un'intervista oggi dice da parte se l'avessi saputo forse non avere accettato l'incarico quindi è un po'chi mi ha fatto fare e dall'altra
Scherzando chiude l'intervista dicendo basta forse le cose stavano andando talmente tanto bene letta faceva
Le cose fatte in maniera giusta al punto che probabilmente può andarci a sarebbe stato difficile scherzava non troppo
Come si dice in questi casi scherzava dicendo la verità
Ringraziamo Francesco Boccetti espiantati sul bilancio della Camera