11MAR2014
dibattiti

Le tensioni del Medio Oriente e i possibili sbocchi della crisi siriana

CONVEGNO | Roma - 17:26. Durata: 2 ore 16 min

Player
Convegno "Le tensioni del Medio Oriente e i possibili sbocchi della crisi siriana", registrato a Roma martedì 11 marzo 2014 alle ore 17:26.

L'evento è stato organizzato da Associazione di Amicizia Italo - Araba e Centro Studi "Roma Tremila".

Sono intervenuti: Maria Luce Lucrezio (giornalista Rai), Alessandro Forlani (avvocato), Pierluigi Chiaretti (presidente dell'Associazione Amicizia Italo - Araba), Angelo Sferrazza (giornalista), Mostafa Kamal Helmy (ambasciatore dell'Egitto in Italia), Pino Scaccia (giornalista e scrittore), Andrew Spannaus (giornalista e blogger).

Tra gli argomenti
discussi: Afghanistan, Africa, Aiuti Umanitari, Arabi, Arabia Saudita, Assad, Balcani, Clandestinita', Copti, Cristianesimo, Dall'oglio, Decessi, Democrazia, Diritti Civili, Diritti Umani, Discriminazione, Donna, Economia, Egitto, Emergenza, Esteri, Finanziamenti, Fratelli Musulmani, Geopolitica, Gheddafi, Giordania, Giornalismo, Giovani, Guerra, Immigrazione, Infanzia, Integralismo, Iraq, Islam, Istituzioni, Libano, Libia, Medici, Medio Oriente, Nasser, Obama, Ospedali, Politica, Poverta', Rapimenti, Religione, Rifugiati, Russia, Sadat, Siria, Socialismo, Solidarieta', Stragi, Talebani, Terrorismo Internazionale, Totalitarismo, Tunisia, Usa.

La registrazione audio di questo convegno ha una durata di 2 ore e 16 minuti.

leggi tutto

riduci

17:26

Scheda a cura di

Fabio Arena
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Però
Voglio presentare i relatori l'onorevole Alessandro Forlani che era componente della Commissione esteri della Camera dei Deputati che ci parlerà del conflitto si diano delle origini come nasce
Questo conflitto il il dottor Pierluigi Chiaretti che il direttore dell'associazione di amicizia Italo araba
Parleremo con lui di Giordania di Libero dei campi profughi dove si trovano milioni di siriani
Da ormai tre anni col dottor Angelo Sferrazza che il Segretario generale dell'associazione italo araba Bianchi un giornalista e parleremo delle fallimento delle primavere arabe perché è questo
Sarebbe stato visto i risultati di quelle rivoluzioni
Con Pino Scaccia che lo storico inviato di guerra del TG uno è anche scrittore ha pubblicato diversi libri proprio sulle primavere arabe col dottore indio spanna o se che un giornalista Blocher americano è anche un analista economico
E il quale affronterà gli argomenti diciamo della delle dell'economia soprattutto il punto di vista di Obama
Un queste guerre e gli altri i relatori dovrebbero raggiungerci più tardiva vi informeremo perché sapete la giornata un po'
Convulsa per quanto riguarda la politica interna e anche sull'Ucraina ci sono dei problemi e quindi aspettiamo
Di avere notizie sull'arrivo degli altri relatori che sono al ministro Mogherini l'onorevole Cicchitto
Io chiedo ecco diciamo diciamo tre anni di guerra con una carestia popolazione stecche che muore di fame già che soprattutto il il problema ieri sono stati diffusi dati
Chi sono le vittime soprattutto i bambini quattro milioni e mezzo di bambini sfollati interni
Che subiscono soprattutto muoiono perché hanno fame muoiono perché non hanno cibo non hanno medicine non hanno problemi psicologici
Ci sono ospedali distrutti sei ospedali inservibili
Mancano i medici per esempio ecco ad Aleppo una città che secondo me messe dovrebbe avere due mila cinquecento medici ne sono rimasti soltanto trentasei per assistere più di due milioni di persone
Ci sono c'è mezzo milione e mezzo milione di feriti e centoquaranta mila morti quelli che si contano finora
Continuavamo vi amo dire anche gli operatori umanitari ieri anche i giornalisti l'ultimo una fotoreporter canadese che è stato ucciso sotto le bombe che vengono lanciati dall'aviazione di Assad
Parlerei con l'onorevole Forlani dico di come è nata questa guerra al seguito delle varie primavere arabe dopo l'Egitto la Tunisia la Libia perché si è arrivati a questa esclusione della Siria
Ma
Ti ringrazio
Ai
Focalizzato veramente il punto
è una guerra dimenticata
è una guerra un po'rimossa anche dalla memoria collettiva non lo Stato si è ancora in corso che si protragga da oltre due anni e non si intravedono al momento soluzioni possibili
Proprio per quanto e complicato per quanto e
Estremamente frastagliata contraddittorio al suo interno per quanto e gravida di tante implicazioni diverse e per certi aspetti contrastanti no si arriva all'esplosione da
Una condizione direi molto se molto facile da da semplificare da schematizzare eh inizialmente inizialmente
Almeno in apparenza il tipico scontro
Tra un'opposizione democratica cioè cioè tra una popolazione stanca di una dittatura brutale che si protrae da decenni a partito unico intollerante
Brutale violenta nelle
Nelle modalità di applicare questi suoi principi di intolleranza
Solo sospetta poliziesca
Che in qualche modo ha isolato anche il Paese un Paese un Paese bellissimo sul piano culturale sul piano architettonico molto legato anche alle nostre radici cristiani alle stesse radici europee
Per decenni sottoposta al giogo di questa dittatura del partito batte poi segnatamente
Di una particolare frazione del partito Baath del partito diciamo così
Né nazionalsocialista nazionalsocialista nel senso ispirata al nazionalismo Panaro BO
Ma alla fine nella quale a un certo momento prevale una dinastia prevale una frazione a frazione alla with alla guida e una minoranza della minoranza sciita
In Siria e all'interno di questa
Confessione prevale questa dinastia degli Assad
Che rafforza questo potere totalitario in capo al partito batte
E quindi
L'inizio non ci sono state alla repressione in passato brutalità sito situazione ambigua anche nelle relazioni internazionali nel modo di rapportarsi alle più ampie problematiche arabe la versione con Israele
Nella versione con gli americani con l'Occidente
E nel quadro delle primavere arabe che si sviluppano nel due mila undici anche in Siria una popolazione desiderosa di democrazia desiderosa di libertà
Desidero desiderosa di pluralismo di tolleranza di una riapertura degli orizzonti del Paese verso il mondo inizia un ciclo di dimostrazioni per contestare
Il regime dittatoriale
Il regime reagisce brutalmente reagisce con la repressione
Una parte dei militari degli ufficiali dell'esercito da polizia si dissocia dallo Stato totalitario e mette in piedi un vero e proprio esercito le il se l'esercito di liberazione della Siria
Che ha poi come punto di riferimento politico la coalizione nazionale siriana
Che
Il il gruppo politico dell'opposizione De degli oppositori in esilio con sede a Istanbul e lei SL diventa il braccio armato dell'opposizione da questo momento non è più soltanto una una serie di dimostrazione di manifestazioni di anti proteste non violente diventa un conflitto armato tra il Governo siriano
E
L'esercito di liberazione della sia un conflitto uno con azioni di guerriglia azioni di sabotaggio purtroppo naturalmente reazioni
Di tipo repressivo ma
E
Ancora a questo punto nella primavera estate del due mila undici siamo di fronte a un quadro abbastanza semplificato almeno agli occhi dell'ICI dell'Occidente e il tipico nostro schema occidentale
Una popolazione che lotta per la libertà
Contro una lunga e insopportabile tirannide
Con il passare del tempo
Questo conflitto è diventato qualcosa di diverso qualcosa che sfugge oggi alla stessa comprensione dell'opinione pubblica occidentale
E degli io osservatori abituati a
Ragionare secondo certi schemi che sono quelli un po'nostri delle
Democrazie liberali
Oggi si assiste a qualcosa di diverso a un groviglio
E di presenze di apporti di fazioni di scontri che poi si disloca da una parte all'altra del territorio con fortune alterne con avvicendamenti
E di vittorie e di sconfitte con una pluralità di attori
Sul campo che non vanno tutti lo stesso segno e nella stessa direzione che non perseguono tutti lo stesso interesse o lo stesso obiettivo che non sono neanche accomunati
Da uno stesso disegno politico e agiscono molte volte anche sulla spinta di ingerenze di attori stranieri che poco hanno a che vedere
Con la condizione interna
Della Siria
Infatti a partire dal due mila dodici a fianco del inizialmente dell'esercito di liberazione della Siria compare un altro gruppo il gruppo di Alnus ora
Composto in larga misura da sunniti iracheni
Sunniti iracheni che perseguono il ripristino della Sharia perseguono i classici temi del fondamentalismo islamico della restaurazione di un sistema teocratico
Acqua a questi si affianca un altro
Ma una un altro che è un poco dopo un'altra organizzazione lo Stato islamico delle delle tante che addirittura persegue la restaurazione dell'antico califfato islamico quindi non è più una lotta
Tra un'opposizione democratica e un
Tiranno
E un tiranno brutale si affiancano dei gruppi che non si sa quanto siano disponibili a
Ripristinare una regime democratico nell'accezione cui non siamo abituati
Tanto è vero che ben presto i rapporti tra l'esercito per la liberazione la Siria cioè diciamo l'espressione militare di quella che potremmo ritenere un'opposizione democratica
E i gruppi di Alnus Naga e Stato islamico delle Lante più altre fazioni islamiche
è entrano in conflitto e cominciano a scontrarsi tra di loro ed essi stessi combattono colgo contro Governo siriano ma combattono anche tra di loro con una serie
Di appoggi esterni perché in tutto questo contesto e in questo scenario
Che poi è costellato di brutalità è costellato di violenza è un conflitto senza regole in cui come avete letto
In questi mesi accade un po'di tutto sequestri stupri torture bombardamenti
Massacri di civili perché poi c'è anche un un'altra fazione quella degli Shabbir Iaia che sono espressione del sono sostenitori del Governo ma agiscono
In
Ma agiscono apparentemente in autonomia di dal Governo sconfessati dal Governo ma nell'interesse del governo se siciliano anche queste sono milizie spietate che si rendono promotori di di massacri di eccidi sono composti in parte anche da
Giovani legati alla criminalità comune
E
Tutte queste parti in campo tutte queste parti che si combattono contro Governo e si combattono tra di loro sono
A oggetto di spinte e stimoli che vengono dall'esterno
Del Paese a partire dal due mila dodici
La comunità occidentale per questo parlavo prima di schemi che forse dovremmo cominciare
A risiedere certi schemi in cui ci si è abituati non la dottrina Bush l'esportazione della democrazia l'esportazione della pace
Sono temi che già hanno mostrato la corda in altri conflitti quello afgano quello iracheno quello
Della Libia
In cui si è pensato che un intervento militare della comunità occidentale contro la alle contro dittatori in carica da molti anni e che molti per molti anni non state
Tollerati anche benevolmente in parte dall'Occidente fosse necessario per aiutare le popolazioni a raggiungere livelli di vita
Rispettosi dei diritti umani livelli di vita più il più più più dignitosi in cui fosse garantita la democrazia la libertà la crescita di questi Paesi che abbiamo visto che
In tutti questi casi che l'intervento manu militari per rimuovere questi dittatori non producono auto automaticamente e democrazia
Non producono stabilita
Non producono organizzazioni statuali dotati di autorevolezza
Abbiamo ora l'Afghanistan con un Governo
Sempre debole ancora insidiato da Italia dai talebani nonostante dieci anni di presenza militare della comunità internazionale dieci anni l'Iraq e di cui non si parla più
Non se ne parla più
Non è che perché non se ne parla più Iraq e pacificato dirà che e ancora
In in balia di massacri di attentati di terrorismo di sopraffazioni della minoranza della maggioranza sulle i della minoranza sunnita
Nei confronti
Della
Della maggioranza della maggioranza sciita e poco con le
Poi inevitabili reazioni
E anche la Libia ne parlerà poi probabilmente Pino un
Un terreno
Di scontri di sopraffazioni di attentati di aggressioni da parte della parte più fondamentali sta
Del del dell'islamismo sunnite
E tutto questo è il frutto
E il teatro che si viene a realizzare dopo questi interventi militari che dovevano riportare democrazia pace stabilita libertà
Rispetto dei diritti umani anche con la Siria c'è stato un po'lo stesso approccio anche se poi non si è verificato
Almeno fino ad ora un intervento militare però è stato minacciato soprattutto
Quando emerso nell'agosto scorso
Si è parlato di utilizzazione delle armi chimiche in un quartieri di Damasco c'è stato un momento in cui gli americani sembrano pronti ad intervenire poi Obama è stato fermato dal Congresso e
Del suo Paese e Cameron dal Parlamento inglese più dall'intervento di Russia vicina
Ma
Sia sfiorato in quel momento l'intervento sempre nella logica che comunque chi contesta questi dittatori chi combatte questi dittatori sia necessariamente dalla parte del giusto sia dalla parte
Dei buoni mentre a partire dal due mila dodici già noi abbiamo uno scenario come dicevo prima che molto complicato molto ambiguo e vede presenze non affidabili sul piano democratico anche tra
I ribelli che contestano
Il regime di Assad quindi abbiamo avuto gli Stati Uniti
La Gran Bretagna la Francia
La Turchia in modo particolare
A favore
Dei ribelli in generale
L'Arabia Saudita
Il Qatar altri paesi del Golfo Persico a sostegno
Di alcune
Delle com'
Lenti della guerriglia in particolare il gruppo Alnus tra
Alnus tra i gruppi
Sunniti
E
La comunità internazionale entrano soltanto un sostegno di tipo morale con un supporto di tipo politico entra con
Finanziamenti con approvvigionamenti con forniture di armi
Con l'addestramento dei militari non soltanto per quel che riguarda la parte che combattere contro Assad ma anche per quanto riguarda lo stesso Governo la stessa lo stesso regime
Sostenuto dall'Iran
Da anni viene danneggiata una macroregione che vada dall'Iran alla all'Iraq gol governato principalmente dagli sciiti che sono in maggioranza oggi
Fino a Hezbollah sciiti libanesi che sono presenti nel Governo di coalizione libanese
Con un ruolo preponderante e quindi l'Iran è interessato su chioggiotto litigio politico a mantenere questa alleanza con Assad
C'è la Russia che in funzione anti americani anti occidentale e anche per interessi economici interessi
Legati anche al commercio marittima eccetera protegge il Governo siriano insomma dagli attori che all'esterno agiscono in
Compressioni contrapposte
In questo conflitto
E questo secondo me
Attesta in qualche modo la persistenza di un errore di approccio a queste crisi anche da parte dell'Occidente
Da una parte appunto l'idea
Che attuando minacciando intervento armato
Si possa
Per favorire l'abbattimento di dittatori per instaurare una democrazia in un concetto che da noi acquisito ma in questi Paesi non è del tutto acquisito che comunque
è molto più ore laborioso mettere in piedi e passa probabilmente per logiche e per meccanismi diversi
E d'altra parte
L'idea
E qui in qualche modo l'abbiamo condivisa tutti nel corso delle primavere islamiche del due mila undici
Tutti quanti abbiamo visto
Nei giovani che me manifestava la piazza Tahrir in Egitto nella rivoluzione dei gelsomini in Tunisia nelle prime insurrezioni della Cirenaica per quanto riguardava la Repubblica libica
All'epoca soggetta a Gheddafi e anche nelle
Opposizioni che insorge Ivano a Damasco
Noi abbiamo visto
Il preludio
Di una nuova stagione appunto la primavera di una nuova stagione dei diritti della democrazia della tolleranza
La condizione per l'abbattimento rapido delle dittature e nello stesso tempo per il superamento dell'islamismo
Fondamentalista e altrettanto intollerante quanto lo sono i dittatori effettivamente se voi ricordate in piazza Tahrir i giovani
Che manifestavano non parlavano di Islam non parlavano di Sharia non parlavano di
Di riscatto
Di un islamismo di tipo teocratico era una protesta laica nel momento in cui poi la rivoluzione
Si è effettivamente svolta e si si è arrivati all'elezione Assemblea costituente elettoralmente sono prevalsi però
I fondamentali fondamentalisti sunniti
I fratelli musulmani altrettanto è avvenuto un po'meno drammaticamente con maggiore moderazione
In Tunisia
E anche la Libia è un po'in preda alle spinte contrastanti dire spinte tribali ma spinte anche
E di carattere religioso quindi tutti c'eravamo illusi del
Di uno sviluppo di processi secondo i modelli delle rivoluzioni occidentali
Quelle che hanno vissuto i nostri antenati i nostri padri i nostri nonni quelle che hanno portato all'abbattimento di regimi autocratici o di dittature che c'erano anche in Europa e nonostante tanti
Fallimenti di questo tipo di approccio
Di questo dare fiducia ai movimenti di liberazione soltanto perché
Abbattono delle dittature nonostante le tante delusioni noi continuiamo anche con la Siria che il conflitto ancora in essere ancora in atto che non è risolto
Noi continuiamo
Con questo approccio con questo approccio che porta comunque a ritenere necessario il supporto anche militare
Alla forza che contrasta il regime in essere e questo non porta niente come non ha portato a niente fino ad ora la stessa Conferenza Ginevra due che sia
Che si è svolta
Un mese fa ha portato a degli affetti la l'evacuazione di Omnis una tregua ha degli effetti temporanei contingenti non ha portato a una soluzione del problema e la guerra continua con
Ormai cinquecentoventicinque mila vittime di cui metà civili quattro milioni di sfollati dentro al dalla Siria due milioni e cinque
Nei paesi
E cinquecento mila nei paesi limitrofi sicuramente una carneficina
Una condizione in cui è difficile intervenire proprio per una molteplicità delle parti in campo e quindi per l'impossibilità e di una mediazione quando gli attori sono due un mediatore azione unito a lega araba si possono mettere in mezzo in qualche modo trovare una conciliazione ma quando
Gli oppositori sono tanti e perseguono obiettivi di segno diverso e si odiano tra loro la mediazione anche internazionale
Diventa pressoché impossibile questo e lo scenario che noi abbiamo al momento che può
Prevedere altri tipi di approccio e
Altri tipi di intervento Obama aveva per esempio profilato la possibilità di una soluzione di tipo yemenita anch'lo Yemen avuto la sua prima era nel due mila undici anche lì un Presidente ormai anziano un Presidente del
Da circa trentacinque anni sale è stato deposto stato indotto a ritirarsi e
Un gruppo dirigente a luglio e Gato ma di cui non era più parte in qualche modo
Ha guidato la transizione questa era una proposta che era stata avanzata da Obama
Naturalmente contrastata tutti quelli che sono acerrimi nemici avversari di Assad Assad
Alle responsabilità a responsabilità che possano
Possono essere equamente condivise nelle atrocità con i generali
E i comandanti che loro che lo circondano in parte ereditati dal padre anzi a volte forse sono questi vi sono ancora più responsabili di luglio la situazione quindi accettare che non lui mai suo generali guidino
La transizione crea sicuramente qualche problema
Si potrebbe immaginare anche una federazione sono molte etnie diverse religioni diverse popolazioni all'interno una federazione anche lì ci fu lo stesso problema con l'Iraq anche qui il problema è che le diverse etnie non sono poi localizzate
Nelle stesse regioni o almeno nelle stesse aree
E man mano che si attende una soluzione che si attende una capacità di intervento della comunità internazionale si continua a morire si continua a soffrire si continuano a consumare
Delle brutalità
Abbiamo ancora anche il nostro padre Dalloglio padre gesuita sequestrato queste Stra e state alcuni dicono dal Nusserat comunque da alcuni ribelli che non si hanno notizie della sua sorte anche qui Marilù
La stampa sembra un povero accantonato noi ieri
A proposito della liberazione di alcune suore in seguito a una trattativa
Con il Governo di Assad sono sì che si è continuato a parlare sul correda la sera per fortuna dedicato di nuovo una pagina
A padre Dalloglio abbiamo avuto il rapimento del giornalista Quirico
Che ha raccontato
Una il giornalista della stampa che
Una volta liberato dopo molti mesi dopo essere stato scambiato
Tra tra varie bande stessero tra tra trasferito da una banda un'altra sempre contro di sé queste in condizioni disumane raccontato che fior di galantuomini fossero questi suoi sei sequestratori questo sequestratori erano i ribelli erano
Parte e di quei ribelli che anche l'Occidente appoggiato in questi anni
Quindi io non sono contrario
Naturalmente a un negoziato anzi credo che solo la mediazione internazionale possa risolvere questo conflitto non credo che siriani ce la farebbero mai dal da da soli per come si sono radicali Zatti gli odi le rivalità
Il conflitto per la complessità che ha raggiunto sicuramente sono necessarie le più autorevoli istituzioni internazionali e gli attori principali
Della comunità internazionale ma nell'approccio diplomatico che ancora ci sarà in cui ancora
Io mi auguro giocherà un ruolo anche l'Unione europea lo dico per favore per favore dopo anni e anni dopo tante guerre dopo tanto esperienza
Scordiamoci di dividere le parti tra buoni e cattivi tra coloro che sono nel giusto coloro
Che non sono sul nella giusta posizione le condizioni sono molto più complesse anche un cambio di regime in certe condizioni può essere pericolosa ancora più pericoloso per l'Occidente e per Israele
Che proprio
Vicino utilizziamo un'altra appoggio Luongo approccio un approccio direi bypartisan
Che porti
è una mediazione ma tenendo conto della reale dinamica di questo conflitto in corso grazie
Voglio dire Alessandro che insomma in questi giorni adesso l'Occidente è concentrato più sulla questione o in Crimea Ucraina e quindi Sam povera Siria perché cade sempre in più in basso quindi
L'interesse va continua a scemare nei confronti della sia da parte dell'Occidente parlavamo dei dei profughi ci sono quattro oltre quattro milioni di sfollati all'interno della Siria
Almeno due milioni e mezzo nei paesi limitrofi con campi profughi arrangiati
Che stanno per esplodere la situazione è drammatica soprattutto nel campo di Giordano di Zattarin che si trova al confine proprio con la Siria drammatica anche nei campi profughi palestinesi in Libano
Perché questi palestinesi che era un'insidia
Profughi due volte allo sono si sono trovati a scappare quelli che sono rimasti lì
Stanno vivendo la tragedia della campo di Yarmuk come avete letto sui giornali è un sobborgo di Damasco dove ci si trovano diciotto mila palestinesi
Stanno morendo di fame non sono sotto assedio da da luglio scorso duecento persone sono già morte come ha denunciato Amnesty International
Quelli che continuano a vivere perché mangiano delle piante che non sono commestibili perché uccidono cani e gatti mangiano questi questi animali che sono rimasti in circolazione
Sono diciotto mila gli altri cinquantuno mila palestinesi sono finiti in Libano eppure lì c'è una situazione veramente pericolosa perché i campi profughi libanesi
Palestinesi in Libano soprattutto a Beirut sono già pieni ed erano già in una situazione
Di Visaggio e quindi si sono aggiunti cinquantuno mila palestinesi provenienti dalla Siria
Sappiamo anche che il Libano soprattutto a Tripoli si combatte
Ogni tanto tra diverse fazioni quelle
Però Assad i ribelli e quelli che sono a favore dei ribelli quindi c'è una guerra al confine proprio tra le fazioni che sostengono il Presidente
Chi le combatte infine gli infiltrati di al Qaeda vanno ricordati perché si parla di dipinto da un solo di infiltrati criminali che arrivano dei paesi limitrofi
Molti arrivano dall'Iraq
Addirittura insidia sono andati a combattere pachistani afgani c'è tutto ci sono cellule di Al Qaeda
Ma soprattutto riguarda anche diciamo tutto il mondo del nord del Mediterraneo ma questo è un argomento che torneremo poi con Pino Scaccia
Ora io sono stata nel campo profughi di Zattarin recentemente mi ha colpito sono cento mila in cento mila profughi mi ha colpito la la violenza che c'è all'interno di questo campo che è stata denunciata dall'UNHCR che gestisce
Questo campo profughi
Le donne lì hanno paura di stare di vivere in un campo profughi messa in campo umanitario quindi non veramente un paradosso
Ci sono Scardi Scarcelli manca il cibo mancano le medicine manca ci sono problemi di igiene
E in mano chi è che gestisce dovrebbe gestire l'ONU in questo campo in realtà ci sono questi si chiamano Smile versa
Sono dei trafficanti che entrano ed escono dal confine arrivano dalla figlia arrivano nel campo perché non c'è assolutamente sicurezza non ci sono guardie armate non c'è polizia
Tra di loro si ammazzano anche all'interno del campo
Una parte del campo e al buio e completamente oscurato perché come ci ha detto una funzionario dell'ONU
Loro pagano trenta mila euro al mese per fornire elettricità tutto il campo che cosa fanno lì ci sono questi criminali che hanno tolto sono andati sui tralicci hanno preso questi cavi li hanno portati da un'altra parte dell'altra zona del campo perché se avete cento mila persone è una città e proprio una città enorme
E all'interno di questo campo profughi sono nate ci sono le strade ci sono i nomi delle strade ci sono i negozi ci sono ristoranti addirittura una discoteca
I trafficanti hanno aperto questi negozi usano l'elettricità che invece dovrebbe essere data ai vari alloggi
Che viene fornita ai civili ai profughi Dalloni invece si sono aggrappati a questi pali del questi tralicci hanno lasciato metà del campo al buio
Loro stessi hanno voluto parlare con i giornalisti gli operatori dell'UNHCR dicendo dateci una mano diffondere queste notizie perché
E la situazione veramente drammatica io vorrei parlare con le dà la parola al dottor Pierluigi Chiaretti che il direttore dell'associazione di amicizia interrogare va
E conosce perfettamente questi argomenti sull'emergenza umanitaria proprio in Giordania il Libano che cosa ci può aggiungere dottor Pieretti
Ma ecco io probabilmente riconosco meno bene di lei dottoressa Marilù Lucrezio però diciamo che
La cosa che mi sembrava importante fare in questa sede nello speech o che fossero presenti
I relatori più politici cioè l'onorevole Cicchitto e la ministro Mogherini
Ma e quali comunque faremo pervenire questo input anche nei giorni successivi al convegno
Era richiamare proprio l'attenzione su questa emergenza che è un'emergenza che riguarda
Come dire de categorie da una parte i profughi in prima persona ma in seconda battuta anche i Paesi che li stanno ospitando
E in primis la Giordania in Libano
Ora questa cosa in effetti fu richiamata la mia attenzione in maniera molto molto forte durante dei lavori che vennero organizza di qui a Roma il venticinque ventisei novembre era
Rientro l'Assemblea delle delegazioni parlamentari presso la NATO organizzarono dalla delegazione italiana presieduta all'epoca dalla Polinisso notevole Federica Mogherini
E in quell'occasione
Veneto invitate oltre tutte le delegazioni dei Paesi rappresentati presso la NATO anche numerose delegazioni di Paesi arabi mediterranei
E quando prese la parola ai rappresentanti giordano ci copia tutti perché richiama proprio l'attenzione su questa emergenza che il suo Paese sta vivendo perché
Dalla dell'inizio della guerra civile siriana ad oggi
Due milioni e mezzo di profughi come è stato ricordato sono scappati e sono usciti dei confini siriani e si sono riversati questi due milioni e mezzo di profughi se non di più principalmente in Giordania in Libano
Ora sia la Jordan è che il Libano sono piccoli paesi con popolazioni
Molto più ridotte rispetto a quello italiano e sicuramente con economie che non sono in grado di supportare dei pesi così gravosi evitate coordinato in tante della delegazione giordana richiama proprio
L'attenzione su questa emergenza che la Giordania stabilendo ma come la Giordania la sta vivendo anche in Libano
Però ecco qui noi abbiamo
Una situazione quindi che
Riguarda due aspetti molto gravi cioè da una parte
I profughi sicuramente stanno vivendo delle condizioni
Inumani tutto quello che è stato detto dalla dottoressa Lucrezio è giustissimo
E a questo si deve aggiungere che si sta perdendo praticamente e finisco l'astice quindi della formazione del futuro praticamente una generazione ecco tutti i bambini che sono quelli che sanno Pagani effetti il prezzo più
Più salato il prezzo più doloroso di tutta questa vicenda
Oltre a tutte
Le le ristrettezze i disagi in cui si trovano a vivere quasi sempre non hanno più la possibilità di una vita normale quindi una frequenza scolastica come quella che è un'insidia
Dall'altra voi abbiamo dei Paesi che sanno per
Esplodere tra virgolette perché indubbiamente non li si può lasciare con un peso così enorme da gestire si era Giordania che il Libano allo ecco questi Paesi sono stati
Aiutati
Anche generosamente
Devesi del Golfo Arabico del dei Paesi più ricchi che avendo un po'più di possibile economiche gli hanno supportati però giustamente
Veniva richiamata in quest'incontro del venticinque ventisei novembre
Che anche l'Europa dovrebbe attivarsi maggiormente dovrebbe fare sicuramente qualche cosa di più
Per aiutare
Questi queste situazioni queste realtà ora l'Europa può certamente
Svolge un ruolo a vari livelli
In primis ecco come richiamato all'onorevole Forlani può cercare di giocare un ruolo da
Protagonista più attivo in queste trattative di pace così difficili e che vedono purtroppo tanti interlocutori protagonisti in campo quindi ecco diciamo non sarà certamente facile
Trovare come dire una composizione soddisfacente per tutti però l'Europa può certamente cercare
Di svolge un ruolo più importante ma
Soprattutto ecco quello che dobbiamo e possiamo fare
E magari una maggiore contribuzione economica questa emergenza e anche un intervento per quello che riguarda appunto il diritto d'asilo di questi profughi laddove cercare appunto di venire
Di venire in Europa spesso va magari per proseguire per altre destinazioni
Chiaramente non è una soluzione che possa risolvere il problema nel suo complesse ecco diciamo che
Di di questi due milioni e mezzo soltanto una piccola percentuale avrà la fortuna e la possibilità
Di raggiungere parenti magari presenti in Paesi stranieri come possono essere l'Australia distratti uniti o altri o magari alcuni Paesi europei
Però certo laddove questo avviene forse ne dobbiamo fare qualche cosa di più di quello che è stato fatto in passato
L'Italia in questo si sta appunto attivando per di vedere legislazioni che non erano esattamente di di di grande accoglienza operativi e ancora in parte operanti figli fino a poco tempo fa
Un'altra cosa che sicuramente
è molto importante e capire che aiutare questa situazione di emergenza umanitaria
è nell'interesse non di così vago senso di
Idealismo umanitario e di e di buonismo ma
è un'emergenza che ci abbiamo quelle porte di casa e che quindi ci chiama tutti quanti ad intervenire
Anche
Se vogliamo dirla tutta in un nostro egoistico interesse perché
Certamente
Tollerare una situazione così devastante così così triste
è anche un fattore di grande di stabilizzazione e di grande pericolo per per la Sissa Europa per cui
Ecco sicuramente quello che va fatto cercare di
Richiamare in tutte le sedi europee e quindi ecco nostro spiccio e di dare come dire uno stimolo un input alla politica italiana affinché si attivi nelle varie sedi competenti europee per richiamare l'attenzione su queste emergenze grazie
Volevo aggiungere a proposito del campo di profughi di Zattarin Giordania che mi ha colpito corre il racconto del funzionario dell'ONU dice loro tutto quello che mettono per destinato ai profughi
Viene rubato tutto quello che può essere un patto per essere venduto poi all'esterno ci sono i trafficanti che entrano addirittura i bagni quelli lì quelli trasportabili come si chiama villani i bagni chimici
Loro mettono i bagni chimici collaborazione per i profughi entrano i trafficanti e li portano via
Il addirittura dei dove di contenitori dell'acqua sparisce tutto i medicinali il cibo
C'è tutto un commercio lì proprio al confine tra la Siria e la Giordania quindi questa è un dramma nella tragedia che stava già vivendo questi civili siriani
Prima di
Dare la parola al dottor Sferrazza sulla crisi delle primavere arabe volevo ricordare io avevo seguito proprio
La rivoluzione dei gelsomini indetto ogni sia e quindi conoscendo bene quel Paese quando era sotto penali ed era un uno stato di polizia dove
Era difficile muoversi in un certo modo anche per noi giornalisti andare lì non potevamo fare quello che volevamo metterci a fare le riprese per strada era impossibile
Venivano ci fermavano continuamente ci chiedevano al mille permessi era tutto molto sotto controllo dal regime di Ben Alì
Però devo dire che lui il l'ex Presidente ci teneva tantissimo perché
La Tunisia restasse uno Stato laico non bardato sul fondamento che
Che non avesse proprio deriva fondamentalista islamica
Cosa che invece stava avvenendo perché nelle varie mosche le donne venivano attirati venivano insomma un po'
Veniva fatto un briefing
Dai Mullah e uscivano quelle che frequentavano queste mostra che
Uscivano emettevano il velo nero l'hijab
Allora Ben Ali ha cominciato a condurre una battaglia contro il velo nero perché diceva siamo un Paese laico
Siamo un Paese del Mediterraneo vogliamo essere come l'Europa il vicine all'Occidente e
Tutt'al più se volete coprire il capo dovete mettere un foulard un fazzoletto colorato perché il colore ci può stare ed è un il fazzoletto colorato
E simbolo trading oggetto tradizionale della Tunisia solo questa era concesso per cui siccome donne continuavano mettermelo nero
Al corpo imposto una legge dicendo che la polizia era autorizzata a strapparlo dalle donne mentre vediate strada camminavano testata e le donne venivano accerchiati dalla polizia e strappavano il velo nero io mi ero proprio occupare di questo caso
Che cosa è successa ragazzi della casa da chi poi hanno portato avanti questa rivoluzione era perché volevano proprio
Continuare
Era contro penali naturalmente l'mi è scappato abbiamo visto quello il corso storico però
Si sono battuti e sono morti entrare a partire dal ragazzo che ha preso fuoco che di dissidi Busseni Bouzid
Si sono battuti perché volevano la democrazia volevano essere un popolo
Come noi come l'Occidente un popolo libero volevano la libertà che cosa è successo sono rimasti delusi traditi da questa tragedia questa rivoluzione perché ora se andate a vedere
In profondità in Tunisia sono mentale le donne con il non solo col velo mano al volto coperto cosa che non c'era prima sotto per anni
Sono aumentati e i barbuti e ci sono molti uomini fondamentalisti islamisti c'è una deriva islamista
Parlando con i ragazzi che farà avevano fatto porta davanti la rivoluzione lo hanno detto no e siamo stati traditi
Siamo morti sono morti nostri compagni per niente perché non stiamo facendo dei passi indietro invece che
Dei passi avanti verso la democrazia e non ho fatto detto fatemi un esempio
Dice noi non possiamo per esempio suonare per strada Alducci piace suonare la chitarra stavamo FAS cantando l'altro giorno nella piazza proprio sua ben Ubu Giba che è una delle strade principali
Di Tunisi sono venuti gli islamisti e li hanno aggrediti li hanno picchiati e sono stati costretti ad andar via perché non è permesso cantare suonare per strada secondo loro
Poi sono andata l'università dove islamisti stanno studiando e loro mi hanno avvicinato abbiano detto noi vogliamo la Sharia nella Costituzione perché questo è il nostro punto di vista e noi dobbiamo stiamo trattando
Invece il partito di governo è nata che si dichiara il moderato islamico moderato dice no non Hunter non facciamo nessuna trattativa con islamisti perché siamo contrari a questa deriva fondamentalista islamica ora
E soprattutto anche su negozi che vendono l'alcol io sono rimasta impressionata hanno dato alle fiamme questi negozi sono andati lì e li hanno hanno messo fuoco perché puro invito separati islamisti vendere il vino
Così sono arrivate un giorno c'erano delle siti delle guardie di sicurezza Security enormi giganti che hanno messo lì proprio
Davanti per la sicurezza di questi luoghi dove si vende semplicemente il vino quindi insomma c'è bisogna stare attenti
Ecco partner
Mi fare parlare il dottor Angelo Sferrazza proprio perché sono fallite queste primavere arabe che cosa è successo si è spezzato il sogno di questi ragazzi
Ma volevo iniziali in un altro modo per otto tubi mi spingi via e chi è chiedo io le chiedo scusa per
Non ordinò di dire perché la mia anagrafe avanzata la canizie evidente mi permette di iniziare con un un ricordo personale
Mille novecentosettantasette parlato della
La Tunisia
Del per corruzione dei gelsomini e di questa
Attenzione particolare di questo Paese al rapporto con l'Islam
E un un un problema è una una un atteggiamento questo uno comportamento è una cultura della Tunisia
Tradizionale molto molto che va lontana lontana nel tempo
E che è stato sempre un paese che
Si era distinto rispetto agli altri Paesi islamici confinanti cercherà ma una tradizione un po'diversa insomma ARPA ci pensiamo solamente
Al neon alla nascita del neo del turno il partito di i Bourguiba che era nato era nato
Io non ho Turconi il destruttura
Perché che capostipite de dei dei partiti di tipo
Filo socialista sommato indico come poteva essere così dati o socialismo cinquanta sessanta anni fa
Ed è appunto sui temi islamici la rottura c'è stata proprio sul sito
Però la l'episodio che voglio raccontare vi chiedo scusa se io comincio proprio raccontando le faccia per buttare abbastanza così bisogna non Rico importante mamma illuminante
Mille novecentosettantasei venti anni delle indipendenza della
Della Tunisia come sapete prevede il traditore centocinquantasei quindi settantasei venti anni
Il mio disturbato fa una grande manifestazione un enorme ma difensore in vita centinaia di partiti occidentali di uomini politici
E per l'Italia sono è stato invitato il il Partito Socialista la Democrazia Cristiana i due partiti che vi erano considerati i dati dei tunisini un po'più vicini alle loro alla loro linea alla loro linea politica
Niente io andai lì rappresentando la la democrazia cristiana
Quindi a molti enti RAI centenari delegati ci fu l'incontro con convochi bar
Borghi bar con molta
Simpatia con molta allegare i conclude andò a stringere la mano a tutti delegati che erano arrivati invitati dalla carne o gestore
E ognuno ha detto dove veniva esiti qua e di che partito rappresentava
Quando arrivato molto vengo regole Alitalia sedici e mi scusi lei che partito rappresenta la Democrazia Cristiana a fermo fermo fermo momento temo momento per momento volle adesso non vada via
Con gli altri perché io voglio voglio parlare con lei perché lei mi deve spiegare raccontare tutto su De Gasperi
Dopodiché io pensavo che va beh rotatoria stavo andando via tutti invece due sono avuti appendici scusi il presidente alla spetta
E sono andato il suo grande palazzo lì dove aveva aveva questo dello studio
Mi fece sedere mi disse senta lei mi deve spiegare raccontare tutto come la Democrazia Cristiana che è un partito di ispirazione religiosa nella ricostruzione cristiana e a cui uscita però
Preservare a difendere una sua laicità rispetto al Vaticano che poi a casa vostra
Beh io risi si guardi Presidente cioè è così ma insomma anche lì ci sono problemi sì no ma io non metto in discussione livelli le influenze che ci possono essere ma
è la la gestione dello Stato ecco la gestione dello Stato
Dopodiché affido questo norme tavolo avevamo quelle pile del piede riempire i documenti mise una mano sulla di recepire di di cartelline con documenti mi disse
Di Bidorini che cosa c'è qui sotto tutte cose che Arbus firmale cosa c'è ma dico Presidente non non posso dominato non l'avevano idea e glielo dico io a queste sono tutte
Costruzione di moschee
Sì allora lei mi dica
Se in un Paese che già pieno di mosche si devono costruire altre moschee io qua anticipare un po'di scuole gli ospedali eccetera eccetera
E dopodiché premiali SAR prima di salutare ministri guardi vi si ricordi una cosa
Che
Il futuro sarà molto complicato con l'Islam
Perché vedi quando non ci saremo più noi che abbiamo fatto credo non siamo stati imprigionati nei Paesi occidentali che siamo io sono stato in Francia
Il altre misi lo stesso che in Inghilterra le stati cose di residenze ma abbiamo approfittato di questa nostra presenza
Delle carceri io perlomeno nelle carceri francesi per studiare e abbiamo capito come funzionava il sistema della della democrazia
Come funzionava il rapporto fra religione e
è stato
Cioè io temo che quando non ci saremo noi quando non sarà più la nostra la nostra generazione
Ritornerà di nuovo non data islamica
Perché saranno andranno leader che non hanno studiato in Occidente e quindi
Ci sarà una una diversi film cambiamento di di di linea
Fu abbastanza facile profeta insomma e capisco quando duri per dissidi e banali che aveva questo suo comportamento e era blu anche voi proveniva dal dal devo del Torre somalo ieri era il figlioccio di di di
Di di Bourguiba ed è stato anche quello che insomma dico non
Non ha fatto il brutto ma insomma quasi insomma di confronti
Ritorniamo alla alla all'al tema che mi è stato affidato anche se queste virgolette sulla il suo fallimento di oggi c'è questo questo
Fallimento andrebbe un po'messo sul film virgolette perché
In politica come
Tutti sanno non
Chi non è che esisteva un fallimento insomma poi si mette in movimento qualche cosa qualche cosa qualche cosa qualche cosa resta
Certamente
Probabilmente come già trasferito dalla libera da D'Alessandro D'Alessandro Forlani bisognava cambiare un po'il nostro modo occidentale
Di giudicare le situazioni di di di
Non immaginare che tutto si muova secondo gli schemi
Nostri Coci dentari
Anche se
Bisognerebbe dire che se per
Bourguiba
La Francia e anche l'Italia erano stati un modello
Credo che per questi paesi per i Paesi arabi e per le lucciole arabe non so quanto nuovi Paesi europei possiamo ancora essere un un modello
Però
Nel nostro modo di pensare il nostro modo di giudicare e questo noi abbiamo pensato che
Le le primavere arabe fossero veramente un cambiamento totale
Che
Fosse arrivato il momento quasi come come una una un sessantotto del Medioriente e che quindi ci mettessimo invento tutta una serie di possibilità
Di democratizzazione all'interno dei dei
Dei dei Paesi interessati non solo da dalle primavere ma anche anche
Di altri Paesi
E questo questo questo non è accaduto innanzitutto perché probabilmente da parte occidentale
Dobbiamo riconoscere una limitata capacità e una limitata conoscenza veramente delle situazioni di questi Paesi dalla storia di questi Paesi e soprattutto anche e dell'Islam
E l'Islam mai ma come tali sono tutti uguali i generi degli delle vie arriviamo che cosava polemizzare il velo le cose certo eccetera ma
Analizzare invece con molta attenzione
La politicizzazione dell'Islam policy Slam politico ma che è molto importante
Per cui
E o ogni paese a la sua peculiarità ogni paese alla sua storia la sua tradizione e
L'Islam ma
A in ogni paese un suo modo a parte poi il quadro generale del dell'Islam perché
Alla sunniti sciiti
Gli alla Witty che furono messi come tu sai bene Alessandro dopo la la la
Quando nacque insomma la la la la Siria lettera dei brogli
Di seguito agli accordi si Crespi Codella fine alla guerra mondiale eccetera eccetera insomma quando Churchill disse in una notte riferendoci ad un'altra situazione in una notte
Di di tanti sigari tanto Vischi abbiamo disegnato il cui qualità
Cioè questo era il modo
Perché tutto quello che che che oggi succede
Non dico per responsabilità ma certamente è stato creato da da un certo tipo di politica che tutti lo riconosciamo vorrei e che la storia e cioè ci hai insegnato insomma dove anche l'Italia in qualche modo
Compartecipa ma insomma illimitatamente insomma avevano lordo non facciamo tutto il percorso storico c'ero ci staremmo fino
A domani mattina
Ma
Il il il PAI il problema il problema del dell'Islam politico è un problema che deve essere affrontato con molto molto con molta molta attenzione
E perché noi ci troviamo di fronte ad una autenticità a situazioni politiche che sono il più delle volte innestate
Da da situazioni religiose perché poi la differenza è infra noi occidentali e
Forse
Non non so se sono partite e esatto forse qualche esperto di Islam potrà dire che sbaglio
Però
Il problema del del del
Dell'islamico e il problema del cristiano ed è diverso noi non ragioniamo con come cristiani uno ma anche lo dico anche se non lo siamo anche come laici perché in fondo la cultura
Nostra è una cultura comune sommario addirittura
Filone marxisti se vogliamo nel modo di immaginari i rapporti
Ma
Nel nel nelle nelle l'Islam ma e
Il la la Bill oblare come ci possiamo dire agli i comportamenti pubblici sono diversi
Dal comportamento privato cioè l'Islam che con la tutela tutela la libertà dell'uomo la libertà interno dall'alla solidarietà la carità
Quando si trasferì e
Noi abbiamo trasferito questo nostro modo di vedere i rapporti con le altre realtà scritto anche in politica e in politica non non non non funzione probabilmente nel Islam quindi
Queste primavere arabe so sono nate in un momento importantissimo
Però già con con un
Handicappato di tutti come dicono i nello sport d'inglese insomma e che che rappresentato datata questa da questa tradizione politica politica dell'Islam
Certa rilevare che
Come come tu hai ricordato il povero Mohamed Bouazizi il
Brillare il vede il
L'ambulante che si è dato fuoco e ha innestato come
Come del il sasso verde del Balilla insomma dell'insurrezione coi anche qui stiamo attenti eh è un escamotage mediatico questo di ricordare perché già le manifestazioni sono già stati prima
C'erano state prima quindi c'era già una situazione sociale e politica economica tale che
Che di queste queste queste primavere arabe avessero
Avessero una un certo tipo
Un certo tipo di caratterizzazione anche se ogni primavera e lo sappiamo benissimo è diversa dall'altra
Cioè la primavera dei gelsomini la rivoluzione dei gelsomini è una cosa l'Egitto è un altro e sull'Egitto bisognerebbe dedicarci puntata perché
L'Egitto è l'elemento fondamentale di tutto questa che questa di questa di di di questo quadro che che noi stiamo affrontando inquilini oggi
I e per cui
Per cui
Seppur tardissimo noi ragionato un po'più
Su sulle caratterizzazioni dei vari Paesi quindi delle caratterizzazioni derivare primarie non ha non manifesteremo adesso ecco pacchetto fra virgolette non manifestare beh insomma la delusione
Il processo politico si è si è innestato
E
Giustamente come ha ricordato Alessandro
La Siria la Siria ci sono state mani le manifestazioni
Che subito dopo le le manifestazioni i miei genitori
E e però la soluzione è stata quella piccolo col conosciamo
L'Egitto l'esito
Che un Paese sotto certi aspetti di di altissima colpe cultura con grandi università con
Con grandi tradizioni e e però l'Egitto e
Paga
Anche qui lui la strada che anch'esso
Paga la storia
Paga la la la la il problema dei dei fratelli mussulmani e che sono stati picchiati medie e paga in un certo qual modo una deriva che già nasce con il fallimento di Nasser
E non dimentichiamoci che
La la rinascita politica dell'Islam in Egitto
E ne nasce proprio dopo la sconfitta della della guerra con Israele e quindi la
La la la linfa lì mentre in quel caso del socialismo un asse viario
Perché immediatamente Sadat che cosa fa libera i fratelli musulmani e
Forte anche della macchina che aveva sulla fronte che era presentandoci come uomo pio e lo era
Era da uno a un un non musulmano veramente molto molto molto dichiarato e l'uomo che pregava e quindi
Battendo continuamente sul sul terreno aveva questa macchina che già
Di cava una che cosa fece recuperò l'Islam
Recupero all'Islam e ne fece la la sua la sua forza
E libero i ancor più di quello che ha fatto mai era molto
Molto così rappezzata Nasser i fratelli musulmani che rimise in movimento dalla politica egiziana la presenza dei dei fratelli dei Fratelli musulmani i quali però non si fida erano molto
Di di Sadat perché non si fidano di Sadat lo si fidavano di Sadat
Perché quando era Ministro
Ministro di di Nasser fece fucilare inquadra quantità enorme di di di fratelli musulmani quindi insomma aveva insomma anche lui chi gli scheletri gli scheletri nella dell'armadio è oggi
Oggi l'Egitto quasi non dico fotocopia insomma in certo qual modo e
Un Paese che recupera purtroppo senza volerlo la la la la la
La storia precedente ciò un percorso ecco quello che che noi dobbiamo credo
Tener conto quando ragioniamo sulle
Sulle primavere arabe è siete seguire questi percorsi storici di ciascun Paese
Di di di di di di
Perché dj Paesi sono diversi per esempio una cosa
Ma
Che può sembrare banale ma forse banale l'ora e fino a un certo punto perché
Sì sì ci riporta al rapporto fra politica Islam ma
è che
I paesi più stabili oggi paradossalmente dell'area quest'area che va
Patti imbocca tu a Damasco non non non dimentichiamo
Che qui abbiamo una mezza luna
Vastissima perché
Pensiamo ma poi
Le cose si allungano sia lungo si allargano
E i paesi che ancora che che resistono in parte e sono la le monarchie
Cioè monarchia i Paesi monarchici del
Del mondo arabo sono quelle che
Da anche qui perché perché c'è un rapporto
Fra
Il re
E e il sistema politico una struttura
Intorno al re che alla maggior flessibilità che non ha
Problema di di di rapportarsi continuamente con altre forze di di di opposizione
E
Ecco perché ritorno
A a sottolineare ancora e la la la la difficoltà a considerare
Chiuse chiuso chiusi come si può dire
Gli aspetti positivi di queste primavere ma nello stesso tempo di non illudersi che il processo di un certo tipo di democratizzazione
Sia così semplice e e così facile allora
A conclusione quali sono gli occhi quello cosa dobbiamo fare ecco che cosa deve fare l'Occidente cioè l'Occidente
Deve sta apprenderete e
Le cose con molta con molta attenzione e cercare di
A venire
Un un comportamento
No non non i come si può dire di per di presenza purtroppo Laterza la terza fase del del della primavere arabe la prima era
Era l'ondata delle rivendicazioni la seconda era la la i conflitti locali conflitti interni la terza fase che cose l'ingresso delle forze esterne
Che che ha
Completamente cambiato il volto delle delle private lo ha sfregiato
E qui tu hai detto giustamente c'è il problema della del
Della Crimea c'è il problema della Russia eccetera eccetera con la Russia è per esempio in tutto questo grande gioco il convitato di pietra
Cioè della Russia lo si parla mai
E paradossalmente la Russia oggi fa le cose che fa
Grosso modo lo dico così col col taglio da boscaiolo
Perché la Russia è stata adesso sdoganata proprio sulla Siria la Siria è servita la Russia
La Russia ha preso in mano dopo le minacce la linea rossa di di Obama e le incapacità della scienza dell'Europa reca chi la Russia è quella che è riuscita a mediare
E ad apparire al mondo come quella che ha salvato del mondo da una possibile guerra da un possibile attacco da un possibile attacco e quindi la Russia non non è sempre il convitato di pietra nel
Nel Medioriente la Russia conta conta molto
Quindi dobbiamo tener conto di questo di di di questa par di questa presenza e
Noi negli noi pensiamo ancora che tutto sia semplice che gli Stati Uniti gli Stati Uniti sono strabici
Ma solo che da un occhio ci vedono poco l'occhio che guarda verso il Mediterraneo invece hanno una pista da da Aquila dalla parte asiatica
E poi anche qui
Il problema del Medioriente il problema delle crisi orientali si collega lentamente col problema col problema asiatico
La Cina latina calcina taci la Cina sia opposta a qualsiasi soluzione più come sappiamo in in Siria
Però ha delegato la la Russia come lo ha delegata in tutte le altre situazioni dove la Siria faceva vuol stare fuori ma non vuole non vuole entrare troppo nel nelle delle decisioni quindi
E e anche la Cina comincia a essere
Quello che è quella il Paese che importa più greggio da dal dall'Iran
è vero che ancora importa solo e non si è preoccupata della sicurezza
Lì ci sono gli americani che fanno i gendarmi dello Stretto di ormoni sono igiene ammazzarmi di tutto indietro c'è un indiano fino al mare della Cina i traffici sono tranquilli e altro quindi anche lì
Tener conto non abbiamo parlato dell'Iran
Non è uscito fuori discorsiva ma l'Iran è un altro di questi Paesi ce l'abbiamo e concludo queste due grandi colonne importanti in questo in questa zona ci abbiamo lecito da una parte e l'Iran dall'altro
Non dimentichiamo l'allora
E è strano e qui finisco che gli Stati Uniti abbiano cosa ha fatto patti
Fatto sforzi Intini inimmaginabili per trovare
Quando ha qualche possibilità di colloquio col blocco di Teheran perché
Perché come sempre la bilancia è sempre stata l'Egitto da una parte e l'Iran dall'altra allora l'Egitto di Nasser era
Con con col con i russi cori sovietici con i comunisti collocare cominci
C'era la propaganda non osserva un comunista non era era un uomo che
Che voleva in un certo qual modo operare per sdoganare questo Paese la dalla presenza degli stranieri dall'altra c'era tiranna la Persia dello Scià
Filo americana
Poi a un certo punto la bilancia data d'altra parte allora
L'Iran è diventato l'animale feroce anti americano l'Egitto Mubarak il fedelissimo
Degli americani hanno buttato tonnellate di dollari per armare l'esercito come l'aeroporto buttati primari di rubli i russi per amare l'esercito sovietico che fu sconfitto
Voglio mucche turchi chi è andato io sono andato subito quando se c'è stato consentito fino al fila sue cioè
E
Dal Cairo assumesse era un cimitero pazzesco
Di mezzi militari tutti forniti pulite Russia poi dopo Sadat come si sa
A a cacciatori i comunisti dal Governo ha rotto con la Russia e quindi di nuovo
Di nuovo l'Egitto quindi
è è questo grande questo questo grande gioco usando mai questa parola abusata dal titolo famosissimo di questo libro grande gioco
Siamo siamo nel grande gioco e quindi quello che noi possiamo fare eh
Un comportamento corretto nei confronti
De di dei questi pali dei Paesi del Medio Oriente
Un'azione culturale molto serio all'interno dei nostri dei nostri Paesi dei nostri dei nostri Paesi
I mezzi di comunicazione cioè noi siamo un Paese che ha cancellato e Pino lo sai i nostri corrispondenti all'estero e che e chi è che
Così ogni tanto ci ricorda chi è che siamo nel Mediterraneo che chiede che non fa mai una politica forte dura insomma lì la Libia va bene fino a che la Libia
Amica nostra poi la ma non va più bene allora passiamo ma insomma siamo lasciamo perdere quindi queste sono le cose le cose importanti
Il seme delle delle primavere arabe testato però
Buttato se invece
Purtroppo il seme è finito in una zona di pietre e terra come
C'è e cantante zone di quel Paese e allora
Sono su etici esporli crescono fra queste rocce crescono i cespugli per l'importante sarebbe di esso dare
Queste queste terre fare dei grandissimi campi verdi per
Che sono poi il verde dell'Islam nome anche il nostro verde della
Della speranza
Grazie
A proposito di Egitto e noi abbiamo ospite l'ambasciatore egiziano amore nel mi
Potrebbe venire qui a voleva ecco intervenire aggiungere qualcosa fare un
Un intervento non lo facciamo venire qui al tavolo
Ecco l'ambasciatore n
Signor cantine
Testi Mizio il segreto accesa a che io extra in trans
Io pignolo quotisti Appennina uno in Egitto
La quale salvifiche scendano che favorendo laddove abbiamo fallisce occhiale davanti come linea odore Casina due
Ho presentato e dei Azzaro fra la rovina se Marmo almeno al moto fossimo Italy avevamo dati Monte fatene
Fasiello esatta infatti alcuna Salim e così via
E mi hanno ENEL ma io o suo padre Mario Matrix sia al manterrà quanta ricca o hanno imparato Vanette favoletta sia e sia al
E mafia
Quasi Marcolini possibile accumuli e mi ha convinto locomotiva con il Corriere alchemica fitta dire fitta FIM alla o da alletti innamoro piena
Confidi filetti compri esonera attorno
Al arrabbiano arabi
Quelle che infine osservazione UE un piano Compay da attacco addendum usate ti convenienze Minieri leghi in nessun Rino Anna Lindh al sostenimento una voce onorai Rubini indenne ma fino a San Rocco
Sul canale uno
Certo ad andarsi a voi Guanda Sudan confermata simile
Quando Aldo Monfeli ha manifestato lo Stoccarda quando avevo avuto unfit to messa lei seppur scandito Rodia alletti io che incanta fermo a me preme spalma sarà l'arabi a un alla al al voto a favore arabi al sarà identità
Quindi copre Tiziano quando è uscito dal trenta giugno
Io degenze hanno voluto mettere fine all'fratello massimali
Detrattori
Ma adesso tempo ha corretto se stessa o se sta correggendo
La questione egiziana è un esempio
Quindi
Hanno messo fine alla all'Islam estremista
è sta dirigendo verso la democrazia vera
Prendendo
In considerazione l'aspetto dei copti di diritti umani della donna l'autostrada Genziana
Sono ventidue articoli a favore della del della donna che non esiste nessun altro costruzione e in precedenza in Egitto dal tempo del Refah Rocca
Un cenno breve qualcuno ha detto che è stata era amministratore nel governo dei mass
Questo non è vero
Prescindere qualcun altro ha detto che è stata
A condannato pure ha ucciso osserveremo sul mare questo non è vero sa dati erano a monte che credente
Religioso ha voluto
Far diventare difendiamo sommare parte della società
Alla fatela liberati era per la libertà dei rischi da veri dei giornali di inserisse la società
Ma loro lo hanno ucciso
E e questo è stato ecco l'inizio di correnti estremisti
Per quanto l'Occidente
Scelga quello che vuole fare deve controllare quello che ha fatto in passato lezioni valutazione delle delle forse in Egitto adesso c'è la gioventù araba la gioventù egiziana
Che farà il suo futuro
Che è stabilizzata
Il suo Paese
Mi scuso per avete allungato grazie
Anzi no andasse
Consegniamo parlare delle primavere Area B
Passando abbiamo parlato poco della Libia
La Libia
Adesso un il Paese più pericoloso di tutta l'Africa
Più dell'Ali abbiamo potuto leggere dalle statistiche dagli attentati che continuano a esserci dal dei campi di addestramento di Al Qaeda che si trovano
Nel deserto al confine con l'Algeria
Libia l'ha vissuta la rivoluzione che c'è stata la guerra civile in Libia il l'inviato storico del TG uno Pino Scaccia
Ecco vorrei adesso Pino che ci raccontassi come vissuto quei momenti lì di concitazione proprio e di a Bengasi quando è esplosa sei arrivato mi subito immediatamente lì
Ci ricordiamo tutti tre racconti a caldo ma
Che facesse anche un riferimento a quella che era la Libia
Prima della rivoluzione prima della guerra civile con Gheddafi perché tu hai conosciuto benissimo Gheddafi egli spesso a Tripoli lei intervistato più volte raccontaci anche qualche aneddoto e che cosa com'è cambiata la Libia da Gheddafi in poi
Marvasi la situazione articolato e complesso che è un mio vecchio direttore non Nuccio Fava
Certamente
Non non voglio fare una legge ma raccontare testimonianze e ricordo che tu stavi in Tunisia quando io stavo Libia durante la rivolta quindi
Eravamo piuttosto piscine intanto volevo proprio da testimone conformare quello che ha detto l'ambasciatore poco FUA o tornando punto dalla Libia mi sono formato al caro visto con i miei occhi la sera
Cipro veri musulmani diciamo per capirci che prosciolti rassegno sulla testa dei copti
Cioè c'è una battaglia ogni sera per cui comunque esso comunque vero lo lo dico da testimone libera ma Giuseppe rilevante cose sempre da cronista ricordo che in Tunisia un procediamo moltissimo molti io mi
Che
Già nel due mila perché stavo lì per perseguire la vicenda Craxi quindi è morto nel due mila sono più o meno in quegli anni
C'era un'isola imitazione selvaggia grazie i sordi sauditi
Quindi tra Tunisi diceva fuori doni sì c'era c'erano già erano già nate molte moschee c'era questa Lelli leader all'islamizzazione parte da molto lontano
Ma veniamo soprattutto alla Libia perché sulla Siria vorrei dire soltanto ricordare una cosa Forlani ha ricordato padre Dalloglio che rapido da sei mesi
Padre voglio va ricordato che è stato il più grosso uno avversario di del regime per cui abbastanza paludosa e significa che la situazione
Punto primo ma c'è una battuta e davvero articolata e complessa
Info nelle Domenico Quirico secondo me ha riassunto benissimo
La situazione ha detto io sono stato cinque mesi su Marte e ho scoperto che marziani sono cattivi
Sì tutta la verità sta da una parte certamente
Sono d'accordo costanza che si tratta di primavere al plurale ognuna con la sua storia assolutamente d'accordo perché
Qui noi
Magari al volo la gara abbiamo un po'attraversa tutte queste situazioni la Cecenia Ibiene assolutamente a sé stante rispetta la Tunisia all'Egitto che avere una un Paese molto importante
La Siria cioè ogni situazione era solamente di pesca
Per esempio
Poi magari di parlo di di Gheddafi per esempio bisogna anche ricordare che che tutto sommato la cosiddetta guerra civile euro la rivolta è cominciata da un horror normalissimo protestano tutto è nato il famoso diciassette febbraio
Era la protesta diciassette febbraio e cos'era legata
Alla Malpensa cioè l'anno precedente
Davanti al consolato italiano che che era fatta per protestare contro la fame e le sue le famose magliette blasfeme di Calderoli un italiano
Per cui ci furono morti in quell'occasione da parte del regime di parte di Gheddafi e i proprio l'anno successivo appunto nel due mila undici il diciassette febbraio si celebrava questo questo ricordo questo sacrificio
Da lì
Ed ecco l'intervento esterno che è arrivato non è come terza fase come sale domani derivato immediatamente troppo presto è è diventata di fatto una rivoluzione
Allora facciamo faccio un passo indietro ricorda Gheddafi ponderare io
Io ho scoperto sicuramente un Paese laico
E questo questo è un denominatore comune ma in tutti questi paesi che abbiamo su tre anche la Tunisia era un paese la gara il paradiso dei turisti Enza
Bisogna distinguere tra
Tra come dire e quella che noi Forlani giustamente parla di schema indoor veloce da certi schemi un dittatore resta un dittatore sicuramente la libertà di espressione e mortificata
Non ci può permettere come dire di fare opposizione questo significa perbene all'ISEE per Gheddafi per chiunque insomma per assaggi
Però questo non significa che ci sia disperazione e che sia comunque uguale a tutti i Paesi
Io stando a Tripoli Tondato almeno cinque volte ho parlato con i con i giovani e tuttora non c'era sicuramente benessere ma il tenore dell'idea era piuttosto dignitoso
Gheddafi intelligentemente del consigliere quando andava proprio ai più giovani molti benefici come le case
Per gli studenti legarsi per le giovani coppie eccetera insomma non c'era sicuramente visto e quindi non è nata dalla disperazione ripeto è nata di fatto da una protesta
Quando io
Io rinfacciato a Gheddafi
Simpaticamente fra lo stupore dei colleghi locali dei colleghi libici cioè con
Come di permetti che in fondo non c'era non ce la democrazia in Libia perché non c'erano votazioni
Gheddafi grande buco vecchio politico come rispose emanerà stupenda dice demo io sono solo il fratello leader non era più il colonnello come tutti giurano continua chiamare lui si definiva il fratello dite
Non c'è bisogno
Quindi votare perché il popolo è già sovrano comanda il popolo difatti in quei suoi meccanismi strani lui faceva le proposte ai vari diciamo da noi sono i Comuni no i vari Consigli
Di di circoscrizione eccetera lui diceva per esempio io vi do vi do
Per le opere pubbliche e vi do un fondo
Dice poi decidete decidete voi naturalmente tutti questi comitati che diventano poi Daloui lo rifiutavano tornava la palla tribune diciamo avete visto non lo vogliono loro e loro cioè sono sempre gli altri quindi
Era un personaggio in qualche maniera straordinario
Che l'Occidente aveva aveva ospitato singolare in maniera ci sono foto de dell'abbraccio con tutti i grandi in grandi della terra tutti tutti
E spesso non non voglio Barbato debole di Mazar se ci ricordano so come abbracci gli hanno abbracciato tutti ci sono le foto sono documenti
Per cui
Insomma qual è il problema il problema che di fatto
Era
è venuta fuori quella che era una rivalità storica tra Cirenaica e Tripolitania insomma è banale ma è questa queste la verità che fonda i suoi modi soprattutto sull'interesse
Perché i tempi nidi Bossi petroliferi bocci petrolio stanno in Cirenaica
Che conosco bene purtroppo opere pareva rischiato molto rara se la non farlo a Brega però ovviamente l'Amministrazione era di Tripoli imporlo alla storia e tutte le rivolgo ma il successo tra Croazia e Serbia
Cioè quindi abbastanza banale questo questo dissidio è storico insomma
E il problema vero che che siamo intervenuti troppo presto a dirlo da molto prima chi ha tradito Gheddafi è stato ieri
Forse chi l'ha seguito qui a Roma durante le sue passeggiate ce lo ricorda era
Un tizio con i capelli biondi Biondi vinti si chiamava purtroppo la memoria Nouri Noli me Snardi
Che era il capo del del cerimoniale che per uno così abbagliato acuta personalità come Gheddafi voler molto più del capo alla sicurezza
Era quello per che gli diceva cosa fare
Lui con la scusa di
Di di di un intervento chirurgico è scappato a Parigi e a Parigi ha cominciato a raccontare e tutto mettersi contro Gheddafi probabilmente per le sue origini Cirenaica
I quindi ha convinta un quale Vincent così insomma ad intervenire con Alessandro vorrei abbiamo parlato più volte è stata abbastanza raro addirittura storico
Un
Un intervento giudici fu una risoluzione del Consiglio di sicurezza dell'ONU in mezzora praticamente era di non era mai successo ci vogliono sei mesi In mezz'ora era stato deciso ma non la non fa in zone
Cioè
Soltanto ovviamente sapevano di cose di non di non permettere di sopra del paese di realtà ancora non è stata firmata che già
I caccia francesi boh Mordano Tripoli
è pazzesco quindi
Tutto tutto nasce da questo la il paradosso e lo dico lo dico subito e che forse
Così almeno sia con il giorno molte leggende torna Gheddafi Gheddafi in realtà era mezzo francese
Perché si racconta che che che è stato il figlio di un amore Brehme
Cioè veloce tra
Tra uno un ufficiale corso si chiamava Alberto e preziosi e la madre una bellissima donna che dà delle tribù de dei Sinoussi che è la stessa di Gheddafi
Per cui insomma sarebbe paradossale che poi alla fine proprio per le sue origini francesi è stato colpito anche poi il finale
Quando si raccontano cioè Statuto c'è tutta una letteratura su un ragazzo
Sono Cha Baba coccola pistola Dorothy perché avrebbe ucciso Gheddafi invece sembra
Di che sia stato un francese come servizi dei francesi i francesi hanno comunque individuate bombardato la cameretta con cui stava scappando insomma c'è dietro e naturalmente non solo i francesi ma
Anche anche tutto l'Occidente anche anche soprattutto soprattutto gli americani
Il la dimostrazione che poi non è appunto così tutto a schemi che proprio loro propria Bengasi poi è stato ucciso l'ambasciatore americano insomma quello che è un aiuto all'aiutato lancia in qualche maniera questa rivoluzione allora
Veniamo al dunque io
Tolosa il Savoy servizi speciali potevo non andare benissimo lì ma conoscendo la Libia
In i primi giorni l'ho seguita ho seguito la così detta rivolta dalla redazione arrivavano continuano arrivare dei film a Dini su Youtube eccetera
Che a fronte di notizie di mille morti non c'erano Spataro noti fenomeni strani sul marciapiede il lampione cioè non c'era uno sparo o erano tutti morti l'infarto oppure da Fazio alla questa curiosità da cronista mi ha portato a Bengasi
Che non conoscevo
E ho scoperto
Dopo pochissimo tempo praticamente subito che in realtà era tutta una manipolazione
Del de alta Anile Milo del Qatar
Il
Che
Gheddafi chiamava il ciccione forse anche una vendetta personale
In e chiaro l'emiro del Qatar grazie a ormai alla la vecchiaia dei governanti sauditi grazie a I fermenti che ci sono in Iran insomma il vezzo di
Non solo di comprare il mondo come con come sappiamo compresi noi
Ma anche di diventare
Il livida delle grandezze da mezzo
E il grave errore secondo me e non lo so che il certamente sollecitando guerre sante per carità però e di a proposito dell'America e di in qualche maniera favorire di aiutarlo
Cioè il problema è questo cioè qui c'è uno scontro
Diciamo di civiltà non voglio dire religioso perché no ripeto non voglio arrivare alle crociate
Che noi siamo addirittura onda addirittura facilitando
La la è ovvio che
Che nel cantare attraversa Al Jazeera ha manipolato ha manipolato le informazioni
Parlando delle fosse comuni
Mostrando le le immagini del del la ristrutturazione del cimitero di Tripoli insomma comunque dando notizie che spingesse ero
Cioè che il tutti che dessero segno di una grande ripreso di Gheddafi per giustificare l'intervento
Questo il problema è adesso io chiedo sempre quelli che sono poi i nostri referenti nostri amici al mio driver di chi benché di Bengasi richiama Kim
è uno trovate parla benissimo Damiano e commercio con l'Italia commercio in casa ne indico l'Italia quindi l'ho rivisto anche di recente qui a Roma ma ebbe una trovata ovviamente la domande
Era scontata dirà Kim come si instauri come si vive oggi ma peggio di prima
Gheddafi lo disse dopo di me ci sarà il caos
Effettivamente quello quello che sta succedendo relatori non voglio dilungarmi ma proprio il abbiamo scoperto hanno scoperta la
La gente ha scoperto che che lei
I due operai italiani se vi ricordate rapidi
Quell'esodo seria venirci un atto a Bruxelles tabù che tra l'altro non è che
Che ricorda anche qualcosa la forte ricorda qualcosa riguarda l'Italia insomma
Si chiama il Paese Verna vicina toboga poco premetto a Brooke che al confine con l'Egitto
Ed è la base ufficiale in qualche maniera di Al Qaeda
Non c'è da da
E sicuro cioè accertato da
Da Terna partono i kamikaze da De Anna fanno fanno gli appelli eccetera e c'è Al Qaeda come c'è Al Qaeda in in Siria eccetera il problema vero è questo
Quindi il fatto di giustamente importante trattare Corneli
Islamici moderati ma bisogna stare bene attenti
Ben attenti a distinguere fra i fondamentalisti che quelli pericolosi non c'è dubbio lotti
Ormai la Libia è un Paese forse perché il più piccolo ma insomma è quello che sta più in crisi ci sono il Paese in mano alle bande ai ai cosiddetti tubolare
Alle bande alle bande bande che gestiscono assolutamente il Paese le
Allora una di queste bande arabi dove due operai italiani
Uccidono i politici non permettono l'attività parlamentare non resa e stanno sicuramente proprio come Paese molto belli sì sicuramente un se mi è stato lasciato alla fine qual è il senso il seme che non c'è più un dittatore sicuramente
Guardate a governare per quarant'anni
Era sicuramente un regime da abbattere ma qual è il prezzo che si prende qual è io parlo ovviamente soprattutto del destino dei libici col cosa stanno pagando adesso
In realtà essere spostato l'asse ma
Questa è stato stato telematica Laureto dovrà delle della deriva islamica queste la deriva islamica
Quando dice che si si tenta di mi
Di mettere la Sharia come legge dello Stato e e pericolosissima improbabile se tu non va in chiesa o se una donna come dicevi Marilù uno mette il velo non è più un fatto religioso
è un fatto euro è un reato insomma un fatto penale quindi quando diventa legge dello Stato insomma è pericolosissima
La deriva con questa richiesta diceria in molte delle di queste repubbliche che tutto sommato non aveva idea
Si vede subito io
Per l'esauriente rimanere a Tripoli Mario se si sgola dovrebbe valere per la domicilia e peraltro anche per terra a me vi garantisco in genere si vede meramente quando cioè rapporto fra uomini e donne quando dubbi i ragazzi i ragazzi
Che escono insieme che fanno vita in comune significa
è un Paese di fatto la Igor insomma non
E questo direi che sicuramente Tripoli lo era come comunità volevo chiederti ad essere noi abbiamo il problema Italians soprattutto era il Paese che era più contratti
Con la Libia nel nono tantissimi costruiamo le strade
C'era il petrolio c'erano gli impianti
C'era non era eravamo i primi partner commerciali bisogna rinviare il problema è questo non c'era il contratto dei toreri raccontato Gheddafi era firmato proprio qui a Roma cioè ricordi
A Roma posso fare una reparto parli di aneddoti insomma io Gheddafi lo accompagnata romano si era
A Piazza del Popolo andata maggiore fettuccine
Se lo era
Antico così ripeto amate
Il problema vero è questo perché in realtà noi stavamo benissimo ripeto lo dico in maniera oggettiva non
Con spirito di parte del politico eccetera Berlusconi ha firmato un grandissimo accordo
Commerciale e proprio per cui andava bene non era proprio certo il momento di fare la guerra che David infatti Santato dovuto
Sì c'erano altri problemi insomma ma il per esempio i i francesi che abbiamo ci dovrebbe anche gli americani tutto sommato a uno un buon rapporto economico con la Libia chi manchi chi non l'aveva retroscena
E non casualmente
I francesi puntando puntano a innocenza la Tunisia perché in quel momento i trend francese non è ha perso tutti i contatti
E commerciali il rapporto diciamo di privilegio con la Tunisia e allora un paese era sagomato tra ancora francofono quindi Raisi gli scocciava molto e quindi l'hanno mirato subito sulla Libia
Claudio rinomato poi dopo diceva che il problema come i francesi avevano anche altri problemi perché
Non dimentichiamo la la geopolitica
In gioco il Ciad l'uranio cioè
Curti
E tanti altri non hanno disco Manna donazione degrado lei francesi sogni agli alzati una mattina diciamo Gheddafi ci antipatico e becero contenzioso con degli atti con
Con con Gheddafi abbastanza
Se no dicono amava idoneo alla legalità Filippo potremmo impiegare una settimana rappresaglie sta benissimo ma
Cioè una lunga storia si parte da quarant'anni nobile da Pisa poi per quaranta anni di vendita
Cioè avuto gli ha dei prima la cura di una riga ma io quando ha cominciato invitare i turisti occidentali precedente era proprio questa apertura nove il grande paradosso che c'erano i capitali americani lui punta molto sul turismo
Lagosta libica europee selvagge molto bella e ci sono insediamenti anche romani non ho Lexil mani alzate famosissima
E volevo a rilanciare il turismo ecco perché avere e per la prima volta dopo molti anni aveva anche invitato giornalisti invece no colleghi inglesi
Avvicinare così per rilanciare questo io quindi vorrei era proprio un momento in cui ormai era aperto all'Occidente voleva collaborare con l'Occidente quando quando insomma
Qualcuno e qualcosa si è messo di mezzo insomma
Poi non era un bravo ragazzo
Paolo non era un bravo ragazzo di malefatte né a molte sulla coscienza eccetera però succede noi c'è un giornalista di una capisce l'aria per esempio a Tunisi
Che il pregevolissimo ricordo che ero seguito
Costantemente a due macchine della polizia avevo uno dei servizi in macchina io nel mio la la la io lo chiamavo il mio diavolo custode
In macchina non potevo andare a Cartagine che era seguito da tre macchine cioè
Però quando io comincerà a protestare mi dicevano member la dura sicurezza perché per carità Guacito contro esseri all'acquisto degli altri togliere per la tua Cicolella mia sicurezze realtà era
Togliermi la libertà insomma quel questo il problema era lettone generano gentilissimo ricordo quando facevamo le riprese alla
Alla casa di di Craxi
Sulla spiaggia abbiamo aggirato tutto sulla spiaggia due poliziotti molto gentili cioè una dote i passaporti ci hanno offerto il tetto la foto volta ma è lo schema servirà la SEL cioè un bel sei ore ce l'hanno ridato la notte conoscevano proprio riprese
Di notte per cui è una maniera insomma un po'diversa del di
Ripeto al co l'ho detto apposta all'inizio la cessione articolata e complessa nel
Ha ragione ha solamente Forlani diceste anch'io su
Bisogna togliersi questi schemi questi schemi mentali
Un dittatore non è il peggiore ci sono i tre dove abbiamo visto insieme agli orrori dei cosiddetti ribelli e pochi sono questi i ribelli gli orrori strappare ivi
Il cuore da da petto nemico eccetera che sono superiori addirittura quei di Assad non è che difendo Assad ma sono addirittura superiore te ripeto se padre Dall'Oglio è stato sequestrato presumibilmente da
Dall'altra parte dai ribelli esercito di liberazione Giacomo vogliamo chiamarlo c'è qualcosa che non funziona insomma cioè tutti contro dovuti spero questo da un augurio assolutamente personale che che in qualche maniera ritrovi si trovi un punto d'incontro è chiaro che
Non è sul piano militare che che
Che si può intervenire in genere purtroppo spesso sono nobilitate da dai motivi come dire nobili però però sì sì non esistono guerre sporche o Guarneri
Guerre pulite non esistono buoni e cattivi in quei posti
Sono tutti sono tutti sport che non sono pulite in realtà sono tutte guerre per l'interruzione come appunto
La Cirenaica per strapparsi
Da dal potere di Tripoli insomma per un fatto economia Marchesi per un fatto economico tirata avanti
Prima noi abbiamo sempre parlato di al Qaeda negli anni passati legata alla
A Paesi come l'Afghanistan il Pakistan ora la cosa una delle conseguenze delle primavere arabe che Al Qaeda è proprio vicino a casa nostra
Non è più tanto il Pakistan l'Afghanistan ai come abbiamo visto per esempio in Libia ci sono i campi di addestramento di Al Qaeda quindi sono proprio
Davanti a noi alla come dobbiamo tutelarci dalmati delle mi pare professorino giuridica
Ma è lieta o brutte ottobre o che essa a a un passo dal confine con l'Egitto
Cioè la base di Al Qaeda in Libia insomma quindi
Quell'ente rimandavano tutti ad addestrarsi in Pakistan e infatti abbiamo oggi quando ripercorre la vita di un d'kamikaze erano andati tutti dei campi d'addestramento in Pakistan
Erano passati dall'iper per
O in Mali però adesso sono si trovano soprattutto in Libia in Algeria quindi questa è una una grave conseguenza di queste primavere arabe che
La cioè
Noi non abbiamo mai avuto altra età così o meno alle porte doveva quelle va bene ma vicolo Al Qaeda ce l'ha spostata già da tempo lo legga sospettato e si è spostata infatti la guerra dei mali è stata fatta poi perché sono intervenuti francesi perché
Argomento continuano ad arrivare Celoria vicenda Prisco Marina territori da De Donno laddove secca come ho già detto tre anni sì sì mi pare che che è chiaro che chi è chiaro che
Cioè silenziose aperture Moriero
Cioè non è una la cioè lo momento anche lo spostamento no come ricorrenti i ragioniamo in termini di di di di di dopodiché addirittura cioè il
Il il fatto che si siano spostati qua non è
Perché la primavera araba ha creato una situazione tale per cui allora cari da prendiamola perché dice dismessi beve si mangia
Il problema e che al Cai che era stato sconfitto ritiro denari a Genova che stanco dimentichiamo nazionali hanno fatto in avvertiamo si chiama
Sì me ti chiamo Obama che è stato ucciso allora è chiaro che da lì c'è stato uno uno spostamento
Ma già le basi di Al Qaeda e c'erano già procede all'esame ad una sola regionali a scusa insomma è Osama si chiama Fasano no no scusate no no loro di operare tanto richiede
Però c'è il problema il problema è quello insomma è chiaro che queste tal trovano altri altri luoghi insomma certo disposto da una parte ritrovano al debolezza
Babba debolezza
Non è stata data solamente dal
Da destinare ad averli aveva baracche aperto la stagione politica diversa questi approfittato insomma dico qui il discorso si è allargato molto perché però quello che io penso
E Cecè un peccato originale
E che è quello proprio dopo l'undici settembre quando quando gli Stati Uniti che sono sarà bici come dicevi giustamente
Sanno tutti anche i bambini che Al Qaeda e finanziato era finanzia adesso non si capisce più niente da sauditi ospitato dal Pakistan gli Stati Uniti
Sì all'erano con con Arabia Saudita e paghi se fanno la guerra in Iraq
Diciamo partendo da una bugia in Afghanistan cioè c'è qualcosa che non funziona questa questo che che io avverto come pericolo la storia di appoggiare adesso il Qatar che adesso questo alterni
Si può essere quasi simpatico perché ci compra a Valentino va combattuta Londra mezza pareggio quasi tutta Parigi ha comprato il Castello dei genitori di Carla
C'è insomma questo questo grande benefattore non sa come spendere i soldi evidentemente
E ma questo e questo è vuole diventare leader del del grande isola ma insomma e che addirittura noi certamente bene bisogna parlarne come si dà a me piace sempre il dialogo
Però addirittura dargli una mano facilitare in questa questa impresa questa con cui se mi sembra un po'paradossale insomma questo discorso di fondo
Poi i discorsi sono infine Ubu purtroppo
Risultato è che alla fine uno tutto celiachia prima in vacanza con tuttologi meglio dice adesso siete andiamo i livelli Schio è che alla fine netting viene rapita perché siamo andati abbiamo visto che ci sono le varie fazioni le cattive anche combattono tra di loro
E quindi riferimenti c'è l'ordine del giorno come ammazzano tutti i giorni professionisti politici e militari tutti i giorni noi abbiamo l'elenco proprio dei morti si ammazzano tra di loro quindi il problema è
Questa è la prima vera che è fallita ecco questo insomma
La linea male Libia non è stata la primavera le cioè al allora se chiamiamo primavera tutti i cambiamenti che ci sono stati va beh allora accordo ma
Tu stesse dei carrozzoni italiano queste è stato inserito asseriva va verba mamma male ma lei la Libia è stata sempre un dicono gli altri dal dodici conosciamo dati noi abbiamo bisogno voi la Libia Cirenaica
Biotopo ritardo cioè
Ciò però non non non dare la colpa alle alla P averlo
La Libia non ha avuto la primavera non è una primavera la materia è stato risurrezione interna un gioco di potere e interessa un'avventura Falqui diventando in base ad una soluzione interna no no no dovranno bomba la dei francesi e magari di aumentare a quelle tutta la filiera tutta la prima che la scienza è sempre prima dalla classe olio la storia ci ha sempre dei momenti da cui sono scusa se ti interrompo ma io l'ho visto con i miei occhi
Scendere che è un mio amico perché stava l'ambasciata a Mosca ho riconosciuto scendere da dal primo aiuto umanitario da dalla nave che portava aiuti a Bengasi
Ed era uno dei servizi ideale che poi diventato il console eccetera venne ancora ancora Gheddafi c'era
Chissà dove sta anzi a Tripoli continua a fare comizi perdono e alla fine e tutto nato io mi son dimenticato una cosa scusa ma una una riga
Riesce a Bari quasi è andato lì di fatti è Polegato a questo discorso ho scoperto o sono stato per un mese apre nel deserto appresso questi Sabbath B
Che come tutti come tutte le ulcere giovanili mettono molta allegria molto entusiasmo questi ragazzi erano incredibili rincorrevano sul super deserto ottocento chilometri al giorno
Poco fa o una foto a casa stupenda e c'era un calarmi otto in quattro solo passavano in quattro cioè riesce a Bab dell'agire col cavolo che facevano
Facevano la cioè riconosciamo a regime insomma e comunque nonostante l'intervento incidentale pesante non so quanto quante migliaia di di incursioni degli Ario centrali
Di ed aver salvato cori dopo sei mesi per cui non è dopo eh durante o addirittura prima se consideriamo che il Ili
Come dire il tradimento insomma degli uomini più fatele di quelli erano gli ovvio fedeli che dati quindi è stato veramente
è stato decisivo l'intervento del la primavera araba riguardava certamente questa come dire questo grande entusiasmo glielo nel far fuori ruolo un dittatore che stava lì da quarant'anni
Ma soprattutto allo scontro dovrà di interesse tra Cirenaica e Tripolitania non è che se non c'erano le forze occidentali detrarre siamo ancora al potere per cui non è dopo
E prima
O quantomeno durante insomma non economico al fine di IPTV ieri
Alla fine certe o con la verifica
Libia e Iran e la nostra azione
Di di di sofferenza data data ormai sofferenza cosa io dire tempo ciò lettere come noi giovani non annoio normali no no ma guarda in uno scenario Speranzon amano hanno dico i giovani la sofferenza
Di di di di potere interno dei DD
Di di lotte interne cioè
Ma questo riguarda tutte le Paesi tribali bello SoFarma ebreo sicure ma
Lei è lì che nasceva Lara
Poi nascono le cose non è che nascono qualora il Consiglio i giovani si mettono e non credo al quel giorno debba insomma era il mio intervento scusate
Una io sono stato io sono stato molte volte ma molte volte sia con Gheddafi che senza Gheddafi
Sia prima che durante la rivolta non lo so credo di portare testimonianze quindi non sto il mio del il mio mestiere una di fare l'analista o di fare il cronista il testimone e racconto quello che ho visto quello che ho sentito
Sì a Bengasi che a Tripoli
Grazie Pino per questo intervento
Veramente straziante
Scusa sulle sulla tua pelle insomma ci ricordiamo che ciò che sta lì sotto le bombe propria razzolano offro ce lo ricordiamo benissimo
Allora io volevo parlare adesso
Chi e Stati Uniti perché il nostro prossimo relatore Andrew spanna U.L.S.S. che un giornalista un analista
Americano anche un blogger ecco il ruolo degli Stati Uniti nelle primavere arabe all'INPS intervento perché poi l'America è intervenuta anche
In Libia la diplomazia
Possiamo fare un accenno come si sta muovendo l'America anche sull'Ucraina per esempio
Sì grazie
Gli Stati Uniti sicuramente
Dobbiamo guardare la situazione un po'da
Dal punto di vista generale cioè quali sono non qual è la situazione esattamente se parte dalla Libia se parte dalla Siria ma qual è la politica generale degli Stati Uniti in questo periodo
E quindi per fare questo dobbiamo guardare siccome la situazione strategica globale questo ci porta subito a
La situazione tra gli Stati Uniti la Russia
Perché appunto anche la politica in Siria cambia abbiamo visto negli ultimi mesi insomma c'è stata una spinta per fare una certa cosa che può e non è stata fatta a
E ci sono diverse fazioni all'interno dell'amministrazione americana cioè la fazioni più interventista che quasi riuscita a ottenere questo attacco c'è una fazione agli altri poi farlo faccio i nomi dopo
Anche se ci saranno più o meno a che
Che invece
Cerca di bloccare l'intervento militare
Io credo che la
Sia interessante guardare l'accordo su
Da con la Russia sulle armi chimiche perché secondo me ha rappresentato un momento di
Di molto importante di opportunità
Per poter andare in un'altra direzione apre un Medioriente la politica americana per il Medioriente perché togliendo dal tavolo la minaccia della nuova
Dell'intervento militare allora si poteva da quel momento purtroppo oggi dobbiamo cominciare a dire si poteva uppercut causa di quel che sta succedendo in Ucraina si poteva cominciare andare in una diversa direzione cioè andare
Via da la
Cioè dalla politica di scontro e di intervento armato a quello della diplomazia fatta insieme hai altri grandi Paesi
Ritorniamo un attimo all'inizio ci cerca di questo accordo a settembre due mila tredici no risposta il presunto attacco chimico da parte di cori di di Assad Obama aveva tracciato la sua linea rossa aveva detto
Qui se succede questo per farsi vedere forte qualche mese fa in primavera di quell'anno detto qui se succede questo io noi interveniamo a quel punto quando sembrava confermato almeno
Fino all'interno amministrazione questo attacco Obama annunciato prof poteva fare l'attacco ha trovato subito delle opposizioni sia da parte del tutto congressi alle molte altre parti
Ma c'è un articolo molto interessante di Simone Roche conosce un giornalista molto noto che
Giannini sessanta scrisse dei degli articoli su
Le inchieste su su Vietnam sul massacro di My Lai quello che scrisse molto sulla quei torture sotto ogni sessione George sta più voci
Mi scrive che secondo lui la dalle sue indagini stava avvenendo all'interno amministrazione Obama la stessa cosa che era venuto con l'Amministrazione Bush cioè la manipolazione dell'Intelligence per cercare di garantire un intervento militare
E fa l'ipotesi
Che
A un certo punto
Obama forse ha capito che
Costavano manipolando stava si stava spingendo in questa direzione no è grazie a questo e anche all'intervento di Martin densi Capo di stato maggiore
Alle opposizioni lo congresso eccetera a quel punto accettato subito la
La proposta di Putin
Di fare un accordo per evitare l'intervento militare
Allora la situazione è sicuramente questo accordo non ha risolto la situazione in Siria non è importante perché ha risolto la situazione sicuramente la situazione disastrosa come abbiamo anche sentito no però a
Poteva rappresentare magari se ci torniamo a ma una certa modalità può rappresentare un cambiamento rispetto a aiuti mi anni
Perché io cosa intendo un cambiamento con l'Amministrazione di di Boscia divini George Bush figlio Giorgio avvio Bush dopo l'undici settembre due mila uno come detto
Pino Scaccia insomma comincia la la politica
Dei neoconservatori ne ho copia no di ridisegnare in Medioriente
Esportare la democrazia farlo con interventi militari fare quello che veniva chiamato un con impreca una rottura secca con alla politica del metri ma di gran parte di queste di dei dittatori antidemocratici in questa zona
Con l'arrivo di Obama questo doveva cambiare
Però se guardiamo
C'è tra i repubblicani c'erano i neo comma tra i democratici
Ci sono interventisti dovrà ictu proteste al diritto di proteggere questa è la dottrina Vito Minerva Air evangelico del mondo dicendo che ne abbiamo diritto di intervenire militarmente per
Evitare
Le vere crisi umanitarie nell'Amministrazione attuale le due più grosse proponenti di questa di questa teoria questa da questo approccio sono Samantha paura che ambasciatrice all'ONU e Susan Rice Consigliere per la sicurezza nazionale
Questa qui queste qui poi prima c'era poco c'erano altri pro questi sono attualmente delle cariche
Insieme a una comunità di Intelligence che
Intende proseguire la guerra al terrore con metodi fino al limite a legalità spesso oltre anche il limite della legalità la Costituzione americana
Diventa lecito dire che l'Amministrazione Obama
Non è stata molto diverse l'Amministrazione Bush Stato più una questione di Grado che non di qualità perché proseguita in questa direzione c'è stato l'intervento in Libia
Da parte della lato interventista ha vinto in quella situazione provocando l'intervento in Libia
Quindi il nome come è stato detto che sono nel nome di contrastare nemico ci siamo messi in mischiati con gruppi che sono legati all'Out Aido altri bruttissimi
No es dando soldi a queste prime questi gruppi mandando poi questi gruppi sono arrivati in Siria fare la guerra
Ci troviamo con questo
Questa situazione disastrosa di
Di dover decidere chi sono i più o in meno estremisti da
Da sostenere a non sostenere
L'eccezione a questa politica l'Amministrazione USA c'è laddove
Non si è
Visto questa questa spinta è quello dell'Iran
Dico accordo con l'Iran leader Obama aveva promesso già in campagna elettorale due mila sette mila otto che avrebbe
Ha cercato l'accordo era detto famosa mente che lui ha risposto parlare con chiunque anche con i nemici
Nel due mila nove cioè ci fu un tentativo di andare avanti ma fu bloccato da da molti fattori da fattori interni all'interno l'Amministrazione
Da alcuni Paesi europei Francia Gran Bretagna non dimentichiamo anche loro
Dal suo seno interno all'Iran stesso che era c'erano scontro all'interno di Iran poi c'era la repressione dopo le elezioni in movimento per tre no quindi non non successe quindi si andò avanti con la la politica sul nulla le minacce più o meno
Però partire dal due mila tredici circa e sforzi sono ripresi per questa questo accordo ci fu uno tutti questi questi negoziati segreti i nomadi
Poi dopo sono stati coinvolti il resto del P cinque cioè i cinque membri mini permanente o sì del Consiglio di sicurezza più la Germania e si arriva a questo accordo recentemente
Non è stata facile e non sarà sicuramente facile andare avanti su questa strada perché c'è una forte opposizione a partire da dentro gli Stati Uniti d'America cioè la la e i PAC questa l'associazione del
Che pretende di rappresentare le interessi di Israele
Ma rappresenta interessi più dalla parte più più interventista i falchi in Israele Dini la la posizione di Netanyahu non necessariamente di gran parte della popolazione hanno fatto di tutto per
Sì di cercare di
Minare questo accordo anche la Francia all'ultimo momento aveva fatto dagli uffici delle richieste che potevano far saltare l'accordo la prima è un primo accordo
Israele Netanyahu e contro decisamente anche se in queste settimane interessante che ci sono alcune cominciano a essere
Della discussione di una comunità di intelligenze e di militare in Israele di apertura di apertura verso
All'accordo con l'Iran invece di
Fare da allo scontro pubblico come aveva fatto
Natale infine adesso e poi c'è l'Arabia Saudita
Premesso che i tra
Già molto arrabbiata perché non si vede se fatto allora l'intervento militare insignificante
Co ha paura che un accordo con l'Iran potrebbe cambiare i rapporti tra l'Occidente e Medioriente cioè che il loro ruolo
Di preferito Paese preferito in quella zona alleato ma
Dell'Occidente verrebbe meno
Alleato che tra l'altro finanziata decenni i gruppi più radicali e gruppi terroristici e questo si sa
Viene detto pubblicamente anche i pericoli tra detto pubblicamente non è una non è una grande novità è un'ottima madre un grande paradosso che nostro più grande alleato e quello che
Fa
Anche queste
Promuove i gruppi che diventano poi
Il i terroristi contro di noi contro voi stessi
Prendo avanti torniamo due mila il tredici settembre davanti all'ONU subito dopo l'annuncio di questo accordo a Obama fece il suo discorso all'Assemblea generale regole citare qualche parola Daloui perché mia nomina compito
Ha detto mentre cerchiamo un accordo ricordiamoci che non si tratta di un'impresa a somma zero non siamo più in una guerra fredda non c'è nessun grande gioco da vincere
Cioè grande gioco
Quello che storicamente si riferisce alla le operazioni militare l'operazione interagisce del
Per la Gran Bretagna per destabilizzare la Russia cercare controllo dal si è centrale dell'Asia
Quindi qui abbiamo
Obama che parla apertamente do grande gioco allora volendo smentire che ci sia chiaramente si rende conto invece che c'è una grossa spinta in questa direzione io spero di sì perché dentro la sua Amministrazione
Cioè una parte che spinge proprio in questa direzione cioè che vede la Siria vede l'Iran vedi tutto con la zona come parte di un grande gioco Giupponi ittico di cercare di
Accerchiare la Russia togliere spazi di
Influenza alla Russia
Che avviene in tutto questo arco della crisi e uno parla qualcuno ha parlato della
Della Mezzaluna rendere Bernardo questo
Parlo di di arco della crisi che battute dal Nordafrica fino quasi centrale la zona dove ci sono che e strategica per un controllo dove
Sì sì si attua un po'questo scontro geopolitico
E la Russia ha reagito a questo Marius reagito a questi questi scontri questi interventi soprattutto la Libia la Russia dopo il successo in Libia la Russia dette in Siria non ci potrà essere
Così si è astenuto solo se si
Se amo quando l'ho visto qua fino ha fatto Gheddafi hanno reagito molto
Ho visto molto hanno ed è per questo ci sono poi poche improntati molto di più sulla Siria dicendo che non qui non si potrà
Monza non ci può essere una soluzione libica per la Sicilia
La domanda è
Davvero non c'è più grande gioco chiaramente io dico no non è vero che non c'è un grande gioco oggi mi gioco c'è ancora
è una cosa sono le parole Obama può dire questo ma altro sono i fatti di quello che avviene certamente positivo cercare la collaborazione con la Russia su
La
Ma
Sulla sulle armi chimiche in Siria cerca di fare l'accordo con l'Iran sono cose scommetto importanti però se
In altri campi più in generale si continua a
Ad operare in un'ottica di togliere spazi di
Influenza
Dalla Russia e la Russia vuole agisce allo stesso modo più grande gioco rimane e continua anzi
Si acquisisce
è così arriviamo all'Ucraina
Perché questo è esattamente il contesto cioè esattamente l'esempio di per la politica più generale perché sono
Centralina può riportarci a una situazione di scontro est-ovest di
Di del passato però che può essere molto pericoloso oggi
L'abbiamo Locci in Occidente dai Governi occidentali gruppi privati
Varie fondazioni associazioni hanno speso miliardi fremente decine di miliardi di dollari uno spazio di utili vent'anni per promuovere
I gruppi non sono l'Ucraina ma nei vari altri Paesi per promuovere i gruppi che
Manifesto per la democrazia
La democrazia solo che comincia a farsi strada adesso in Europa può anche in Italia è stato detto anche da un rappresentante del Governo che la situazione articolata e complessa
Cioè
In Ucraina quello che era una piazza di persone
Pro Europa
Ma pacifici pacifiche e diventato invece una potestà violenta illegale ci sono i gruppi
Neonazisti tuo partito di Sgobo da
Che adesso hanno tra i Ministri nuovo Governo al Procuratore generale c'è stata una forte di una componente violento di questa manifestazione e
La l'accordo negoziato insieme ai Ministri europee è stato disatteso grazie a una
A un intervento sentimento violenta
E così cosa fa la Russia la luce reagisce Russia reagisce a questo
E fasi alterne con aiuti e pressioni mentre tra la parte occidente
Si dice no però questi sono tutti bravi fra democrazia ci sono i buoni cattivi di cui abbiamo
Detto ma un codice è stato detto ma non ci sono i buoni e cattivi
Questo va messo può in un contesto dove espansione Donato perché credo che guida tutto questo processo è
Dalla fine l'Unione Sovietica l'idea che
Oltre espandere un europea si espande la NATO per arrivare i confini con la Russia
Sesa ascoltate Segretario generale la NATO tendesse quello che fa
Dichiarazioni un po'più aggressive
E dicendo che bisogna per esempio commentare la la cooperazione in Ucraina con la NATO fare entrare l'Ucraina nella NATO è stato detto in passato in questi giorni no
Fino ai confini con la Russia del ricordiamoci queste la Russia e che Miani novanta a
Cosa ha fatto dopodiché la fine l'Unione Sovietica
Attuato la politica economica del Fondo monetario internazionale dei professori di Harvard e di Londra
Cioè la terapia shock chiedendo all'Occidente aiuto per riorganizzare l'economia non abbiamo dato a loro le riforme strutturali come si direbbe in Italia riforme strutturali che hanno
Massacrato l'economia la popolazione di quel Paese
Commi anzi
La risposta di questo punti
Quando arriva punti anche se
Spesso in modo cercando la popolazione Putin ha deciso che questo non succederà più
Se insieme a questo si mette
Quindi ad una parte il saccheggio sterno interno e la Russia oltre a quello l'espansione Donato fine confini e la Russia abbiamo tutto il mix per un conflitto globale
Che
Avrà molte ripercussioni su la situazione in Medioriente
Ci sono alcuni adesso ci sta formando un po'un partito di realisti anche tra quelli che in passato
A hanno partecipato molto questo grande gioco persone come richiesto in genere lo specchio Brzezinski
Che oggi dicono però adesso andiamo piano perché la cosa che dobbiamo dire pubblicamente che l'Ucraina non potrà entra nella NATO meno si rendono conto del pericolo di andare avanti con una politica troppo a
Troppo spinta anche su altre cose diciamo verdi non mi fido molto di i tipi come Kissinger e Brzezinski perché
Poi
Non non ammettono le cose che hanno fatto non ammettono spesso contesto più generale
Ma
Per avviarmi un po'alla conclusione la colo che a monte di tutto questo è la politica economica
Cioè
A mio avviso l'Occidente si sta indebolendo con la politica della della del concentrazione sulla finanza
Sua ma finanza speculativa equa politica d'austerità stiamo distruggendo la nostra base per l'economia fisica nell'economia reale
E
Facendo questo si crea una debolezza una perdita di influenza reale
Qualcuno pensa di compensare con un'aggressività in espansione militare
Se
Noi andiamo
Mettiamo caso verso l'Occidente SIMET aiutare l'Ucraina facciamo tutti i pacchetti di aiuti se quegli aiuti
Sono come sono gestiti da Fondo monetario internazionale abbiamo un grosso problema secondo me se gli aiuti per l'Ucraina sono come gli aiuti che abbiamo dato alla Grecia
Possiamo Ascot aspettarci solo l'aumento dello scontro internazionale e altri sconvolgimenti in futuro per io mi auguro per concludo io mi auguro che si possa
Riprendere il cammino
Ma nel dialogo che iniziato con la Siria senza illusioni viale su quello che si possa andare avanti con l'accordo sull'Iran
Ma
Se non affrontiamo questo contesto più generale se non siamo onesti su quello che si è fatto negli ultimi anni gli ultimi decenni sarà molto difficile
A sarà molto difficile andare avanti in termini di cooperazione in questa avrà delle conseguenze secondo me molto gravi per la Siria dell'Iran ripetuto Medioriente
Grazie per pertanto
Che analisi
Io scusate volevo tornare un attimo su una domanda Pino Scaccia perché un
è un punto molto importante che non abbiamo affrontato sull'informazione
E durante la primavera dei vari paesi c'era una tv che dominava proprio che era ventiquattro su ventiquattro e raccontava quello che stava succedendo Al Jazeera la tv del Qatar
Abbiamo parlato Pino ci ha ricordato il il ruolo che ha avuto il il Qatar neanche nel conflitto in Libia
In
Insomma si sa che lo dicono è stato detto da più fonti che il Qatar ha sovvenzionato i i ribelli Cornel soldi e armi
E anche questa tv ora volevo un'analisi quanto ha influito ecco quanti io sono tornata sono state Libia dopo Pino
E ricordo il è stato ucciso addirittura l'operatore di Almería Al Jazeera gli hanno sparato proprio ed hanno preso di mira perché era di Al Jazeera non era un operatore normale veniva da quella tv
Volevo fare un'analisi con Pino Scaccia sull'informazione quanto ha pesato per esempio Al Jazeera nel nei confronti di questa di queste rivoluzioni
Ma sicuramente la persona molto già l'ho detto perché
In realtà dato l'idea di una repressione così
Sanguinosa insomma deve del regime di Tripoli che
Giustificava un intervento occidentale insomma è stata essa decisiva io
Non solo il Qatar
Ha fatto opera di manipolazione mediatica ma addirittura intervenuto con
Con l'esercito io pre son tutte cose ripeto che ho visto di personale aveva trecento trecento uomini
L'esercito c'è uno un Paese come il Qatar che grande quanto l'Abruzzo aveva mandato trecento trecento soldati in Libia e altrettanti io so che lei ha mandato in Siria per cui c'è però un intervento diretto pesante
I famosi Cha Babe mi ragazzini di Bengasi erano anche questo documentata insomma erano istruiti da quelli che noi chiamiamo gli afgani cioè erano avanzo
Evidenti sono loro gli sulle queste ragazzine io mi ricordo in una caserma allevatori precede una delle la contraerea arriva era arrivata chissà da dove e questi altopiani
Di esseri ovviamente con
Cioè una parte tra con impegni non riprenderli questi afgani ma c'erano
C'erano mercenari di tutti i debiti sia da parte sicuramente di Gheddafi del Ciad ma sia anche a Bengasi insomma io sarà l'ospedale di di Bengasi di pieno di cadaveri
Erano sicuramente insomma molti molti mercenari insomma ma questo in questo voglio dire fa parte diedi una guerra la per tornare all'informazione
Sei e o a proposito di Obama fatto nella con quando ancora non Gheddafi che però non era stato ucciso
Fece una battuta
Diciamo in qualche maniera inquietante dobbiamo finire il lavoro
Se parla di una conclusione lavoro significa che il lavoro era cominciato prima insomma
Per cui
Ma è secco il discorso è un punto come appunto diceva il mio direttore articolato e complesso dovremmo parlare di unirsi limitazione dell'Africa per esempio in toto a tutta l'Africa
Perché i quelli che chiama i nuovi Talebani dalle valida righe sanno
è stato già detto dei mali in Somalia cioè l'isolamento
Detto per me anche togliere cioè l'islamizzazione
Totale dell'Africa già c'è qualcosa che sta io questo sono d'accordo sta cambiando
San cambiando e spessa i nostri schermi
Ripeto dei buoni cattivi insomma no non esistono più diciamo che che ognuno è chiaro che c'è un discorso di interessi
Io non
Non voglio ma lui l'ha citata andare alla Russia lancia io ho vissuto due anni dissoluta abitavo a Mosca due anni russe dal novantuno al novantatré cioè dal primo colpo al secondo
Io so l'ho visto pure lì la trasformazione insomma il primo immediato post comunismo che
Che che insomma PAI pare che Eltsin avrebbe venduto il Paese agli americani
Abbia Gorky che la via principale che attraversa Mosca ogni mese nascevano già sventura
Russo americane dei magazzini gomma i famosi Masini popolare ogni mese diventavano deve degli estende delle grandi griffe America insomma
C'è sempre qualcosa dietro la somma di quello che appare
Probabilmente Putin stare cooperando dopo che ha perso perso per perso tutte le Repubbliche
Da presidente Russo probabilmente fa bene sta cercando di recuperare un po'di Repubblica questi pezzi di repubblicano
E qualcuna è fedele per cui non c'è bisogno Timor Kazakistan che non è in Italia conosciamo bene però
Grande affare
Mai successo in Giorgio Saso scendono Gresta cercando più o meno di recupero almeno la parte più Lorusso insomma quella che
Ma lì le è molto complicato per tornare finire sulla Libia ricordiamo che quella famosa risoluzione dell'ONU sul bombardamento diciamo della Libia
è nata in realtà è stata
Fagocitare data un'astensione in Russia e Cina
E appunto sulla Siria
Hai ragione Putin è intervenuta e non non forniamo con la Libia perché perché la Siria un Paese molto più sia geograficamente strage vive molto più pericoloso diciamo così una della Libia ma in realtà è stata no e mi è parso vero insomma non ci dentali
Come dire di non avere contro il voto di Russia e Cina
Ci sono delle domande dal noi abbiamo tempo ancora fino alle otto e un quarto d'ora circa serramenti io ricordo che l'otto luglio ciò io avevo professione esprimono proprio luci ok se avete delle domande da fare dalla frazione assolve multe
Cioè a me pare che qui si sia vizi siano
Approfonditi ho accennate due tecniche
Due strategie però
Le soluzioni
Eppure ci sarebbero no le tecniche fondamentalmente sono prima di tutto quello che è stata approfondita di più
è stata quella che insomma finanziari appoggiare gruppi estremisti ICI per destabilizzare disarticolare questo vari livelli è stato detto
Io sono un economista non
Esperto di geopolitica ma insomma
La seconda tecnica cui ha fatto un accenno Andrew ma che collegabile vedremo
E e quello che caratterizza all'economia o meglio la finanza mondiale
Cioè oggi il l'obiettivo fondamentale la massimizzazione nella emissione di titoli tossici ultra tossici derivati su derivati questo è leggo la la finanza la finanza mondiale
Siamo passati per diverse fasi del capitalismo trentacinque anni da Bretton Woods al settantanove di massimizzazione
Degli obiettivi di profitto che
Bene o male consentivano anche di massimizzare occupazione produzione le condizioni del mercato
Poi dopo il G sette di Tokyo cominciata la fase di rincorsa delle ricerche alti tassi di interesse consentì in con conseguenze un secondo tipo di capitalismo processato terzo tipo nei dieci anni ed è dopo la crisi
Di quel sistema del del novantadue che e durata nove altri nove anni poi tutta la fino alla finanziarizzazione spinta eccetera poi questa attuale
Che è l'amassi imitazione emissioni dito in qualunque tipo nessuna importanza la redditività quello che conta e il numero perché sugli algoritmi che governano il sistema mondiale che si basano i guadagni non sulla redditività dei titoli
Poi due strategie
è chiaro che se è vera quella cosa che ho detto prima è ovvio che l'obiettivo per una serie di Paesi è quello di di de stabilizzarli altrimenti cioè non attraverso le tecniche che hanno visto da P avete parlato primarie arabe tutte le sta appresso
Ma per esempio Paesi mediterranei latini eccetera perché
Le politiche di austerity e le spending review non servono per sanare i conti pubblici servono per peggiorare mi perché l'obiettivo è quello di far star male questi Paesi che se un Paese che sta bene
Che si c'ha un debito ma va bene l'occupazione ma va bene i fondamentali vanno bene non si stanno scommesse non si emettono titoli su titoli quindi serve e funzionale alla finanza mondiale
Che in paese stiano male quindi si possono fare scommesse titoli su titoli eccetera
Allora
Soluzioni
Soluzioni fondamentalmente sono due poco gli Stati Uniti d'America quelle con quelle parti dice niente ragionevole diciamo così adesso perché
Collaborano con i Brix soprattutto con Russia e Cina e si trovano delle soluzioni pensate che
Il il valore dei titoli
Finanziari nel pianeta i cinquanta volte il PIL mondiale
Quindi ci stracciamo le vesti se un singolo Paese già un debito pubblico che una volta virgola qualcosa il suo appeal e nessuno dice niente che a livello mondiale cinquanta volte questo rapporto
Quindi voglio dire o si riesce a sterilizzare questo questa situazione di di quasi quattro quadri leoni tre quadri Jonia
E
Ed insomma cifre dazi ormai la RAI lavoriamo sui trilioni si inquadri leoni non e che etc oppure è chiaro che non si sa quale soluzione ci sarà una soluzione ovviamente può essere una guerra perché per tanti motivi che adesso non so che l'Iraq
La seconda soluzione invece è un confronto di tipo di di a vari livelli fra i Brix e soprattutto la Russia la Cina eccetera e gli Stati Uniti questo ecco mi porta
Ha così andare un bus chilometro dal mio campo però vedo possibile un ragionamento a livello di di di geopolitica fra Sciti cattolici ortodossi etc da una parte contro sunniti fratelli mussulmani accetta parte del mondo protestante eccetera l'altra cosa mi rendo conto che è una cosa può antipatica che sto dicendo però bisogna anche ragionare Alessandro
In questi termini perché sennò rischiamo poi di fare solo dei seminari
Se non ho altre domande qualcuno che vuole approfondire un argomento
Trovo domando interventi
Si è insomma se volete dire la vostra
Fine dell'anno
Tra prima di chiudere
Volevo
Far farvi presente del come diviso sull'invito erano previsti anche gli interventi Primo Ministro degli esteri onorevole Mogherini e del Presidente la Commissione esteri della Camera onorevole Cicchitto
Avevano confermato la loro partecipazione solo che poi la rinuncia ornata
Evidentemente perché ha degli impegni politici molto pressanti era veramente era veramente infelice perché la Mogherini e dovute prestare precettato alla Farnesina
Perché in diretto contatto con coi partner europee con gli altri ministri degli esteri vivevamo impegni per il monitoraggio di quello che sta avvenendo in
In Ucraina sapete che il Parlamento per la Crimea dichiarato l'indipendenza dell'Ucraina quindi c'è una situazione di emergenza
Per
Dovendola seguire dal suo ufficio non ha potuto allontanarsi dal Ministero
E si era comandata come insomma di di scusarsi con organizzatori ma in particolare con voi che siete intervenuti così quando scusare l'onorevole Cicchitto che sapete
Per le votazioni a oltranza sulla sulla legge elettorale e sui vari emendamenti eccetera o voti elettronici ripetuti ha dovuto non a
Anche se il Parlamento è vicino quando ci sono votazioni intensive
Non si può arrivare nemmeno transatlantico teatrale transatlantico dall'Aula quindi
Figuriamoci a Palazzo Marini ecco volevo precisare questo ma neanche se era stata data
In precedenza la disponibilità perché non era un progetto edilizio
Queste emergenze
Grazie brochure libere io volevo ringraziare penso spero insomma che siamo stati un po'
Chiari ma ecco la prossima volta magari
Si parlerà di più sulle soluzioni perché non è facile come argomento nettamente vasto esteso volevo ringraziare i relatori prosciolto molto è stato al procuratore
Esatto
Che approvato asili a dare un
Una spiegazione
Sì esatto
Abbiamo comunque dato una visione con
Tutti voi io vi ringrazio tantissimo e spero insomma di poter tornare a parlare presto con
Senza dichiari molto precisi grazie
Vi saluto la sua