10MAR2014
intervista

Intervista ad Angelo Calandini sulle decisioni del Tribunale di Roma in materia di fecondazione assistita

INTERVISTA | di Cristiana Pugliese Roma - 00:00. Durata: 9 min 28 sec

Player
Intervista realizzata a margine della conferenza stampa tenuta nella sede del Partito Radicale.

Erano presenti le coppie interessate dalle ultime decisioni giudiziarie, gli avvocati Filomena Gallo, Segretario dell'Associazione Luca Coscioni e Angelo Calandrini.

"Intervista ad Angelo Calandini sulle decisioni del Tribunale di Roma in materia di fecondazione assistita" realizzata da Cristiana Pugliese con Angelo Calandrini (avvocato).

L'intervista è stata registrata lunedì 10 marzo 2014 alle ore 00:00.

Nel corso dell'intervista sono stati trattati i seguenti temi: Bioetica, Corte Costituzionale,
Corte Europea Dei Diritti Dell'uomo, Diritti Civili, Embrione, Fecondazione Assistita, Genetica, Giustizia, Italia, Legge, Magistratura, Maternita', Ricerca, Riformismo, Roma, Scienza.

La registrazione audio ha una durata di 9 minuti.

leggi tutto

riduci

00:00

Scheda a cura di

Valentina Pietrosanti
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Chiama margine della conferenza stampa che si è tenuta Trezza il la sede della partita radicale e via di Torre Argentina con che non è una Galletto Anna anche l'anno l'avvocato Angelo Carandini intatta avvocato a me veniva in mente quando lei parlava
Lei sarà stato studente aver fatto la soccorso di giurisprudenza
Cosa pensava allora avrebbe mai pensato a fissare i settori occupato milioni resterà votanti
Signor perché penso che chi faccia la professione legale sia magistrato avvocato deve aspirare a occuparsi dei diritti civili e questa secondo me il per me personalmente la più grande soddisfazione
Evitare le persone per superare questi limiti
Scritti norme atte malissimo che ci auguriamo di non dover leggere più né dover
Come dire arrovellarci per cercare di
Farle interpretare secondo la nostra Costituzione credo sia la speranza più grande la speranza del suo riposta nelle mani della Corte costituzionale che dovrà avrà il compito
Al suo istituzionale di verificare la conformità di questa legge alla i nostri principi costituzionali altrimenti abbiamo dei giudici a Strasburgo che continueranno a fare il loro dovere
E che però aggraveranno la posizione dell'Italia perché dopo il caso costa Pavan
Potrebbero decidere di tenere sotto osservazione per un ulteriore motivo
Il il caso Italia non soltanto quindi del carcere da quello che si accennava quindi anche poi la situazione di una violazione che diventa più strutturale
Più organica anche sulla legge quaranta sono tantissimi i livelli materie che sono poi oggetto di attenzione da parte del Comitato dei Ministri dalle espropriazioni per pubblica utilità
All'irragionevole durata dei giudizi civili penali alla situazione carceraria per cui insomma
Ne abbiamo fiducia nei magistrati soprattutto nostri costituzionali però
Dovessero decidere che tutto è conforme alla Costituzione si tenterà di nuovo
Un nuovo ricorso alla Corte Roberto
Della storia politica della legge quaranta Rosara la più colpita e la consapevolezza di scrivere un testo normativo
Come si dovrebbe scrivere cioè a me mi insegnate università che quando si scrive una norma quando si scrive il testo di una legge non si pensa all'appartenenza religiosa
Come dire la la legge perfette quella che non pensa che visto che non pensa Dio
Partenza gli uomini pensa di problemi sociali che tenta di risolvere perché questo è il ruolo e il fine della della legge la composizione di conflitti sociali della
La risoluzione di problemi reali
Questa legge non è stata fatta per risolvere problemi
Sociale anzi ne ha creati
E quindi questo
Non solo rende incostituzionale la norma
Ma va a occupare uno spazio nel nei rapporti giuridici
E nei rapporti tra in questo caso tra istituzioni sanitarie i cittadini che diventa un problema un problema da risolvere definitivamente
Concisa relazione una con queste coppie abbiamo sentito prima
Le due storie drammatiche è difficile non farsi coinvolgere diciamo emotivamente perché sono coppie che prima di arrivare a noi hanno vissuto veramente del dell'esperienza e molto tragiche
E quindi noi abbiamo il compito di rimanere abbastanza distaccati dal punto di vista il motivo e di trovare una soluzione però diciamo lo schema ce l'abbiamo nel senso che è talmente ormai collaudato perché fortunatamente la domanda che faceva prima un altro giornalista e perché poi il Tribunale di Roma non ha deciso come tutti gli altri giudici
E purtroppo appartiene all'ambito di discrezionalità di ogni giudice
Questi giudici però secondo me hanno voluto in qualche modo porre il problema un livello di attenzione più alto
E pretendere una
Una risposta dal giudice delle leggi dalla Corte costituzionale definitiva che
Ritenga
Riparo anche da questo nord nomadismo interpretativo cioè quei da questa possibilità che i giudici su questioni più o meno simili analoghe possono decidere in maniera diametralmente opposto
Quindi continuare in qualche modo giocare ancora sulla pelle del
Delle coppie di persone
Credo cioè la persona comune disorientata perché questa legge torna
Alla Corte costituzionale
Le questioni che sono state poste alla Corte costituzionale sono diverso nel tempo
Nel due mila nove viene posto il problema della
Del contemporaneo impianto di tutti gli embrioni prodotti
Si ammise diciamo la possibilità di sottoporre le coppie creano questa tipologia di problemi la diagnosi genetica pre-impianto ma
Quasi si obbliga erano alle coppie a diciamo impiantare tutte gli embrioni prodotti
Oggi all'otto aprile andrà la fecondazione eterologa
è vero
Per diciamo destinare gli embrioni non più utilizzabili per
Fini fecondazione alla ricerca scientifica il filo rosso fino comune denominatore di tutte queste questioni eh
Previa far riappropriare le coppie del proprio consenso sono cose che li riguardano direttamente e quindi anche in quel caso la coppia di venire anche la libertà se crede appunto nella ricerca scientifica di quell'associazione Coscioni
Ormai da anni si fa portatore
Valorizzazione di questo principio secondo me ineludibile e deve avere la possibilità di decidere in libertà di devolvere di
Di consentire alla ricerca di poter
Sperimentare con i limiti e abbiamo visto che abbiamo ribadito anche sul sugli embrioni e ovviamente far finire una volta per tutte questi questi viaggi della speranza all'estero con il diritto di eterologa che dietro appunto di
Di non poter ricorrere ha un diametro esterno alla coppia quindi su questo attendiamo la risposta della Corte costituzionale siamo fiduciosi insomma ma ci avete
Spiegato un'altra cosa durante la conferenza stampa che i principi della Corte europea non possono essere direttamente applicati in Italia
Allora sì quello è un come dire una questione molto tecnica perché le norme della Convenzione europea dei diritti dell'uomo che sono state diciamo inserite nel Trattato dell'Unione europea
Sono comuni a tutti gli Stati membri ma non
Non sono ancora stati considerate
Per un fatto di adesione di tutti gli Stati al Trattato di Lisbona non sono stati inclusi ancora nel Trattato nero per
Il trattato l'Unione europea enormi trattano europea si pongono su un piano paritario le nostre
Norme ordinarie sì che il giudice quando si trova a dover decidere tra l'applicazione di una norma europea
Norma il trattato né europea norma nazionale
Deve dare prevalenza la norma europea questo non può ancora Riina non può ancora avvenire nel nostro ordinamento giuridico speriamo che da qui ai prossimi mesi se non anni si giunga
Come dire al lo stesso Obiettivo anche perché insomma cioè quello che ne diciamo ecco mi si può
Pare hanno ritenere direttamente applicabili le norme della Convenzione
Se la nostra Costituzione contempla quegli stessi diritti queste garanzie
Quindi è un fatto che
Anche questo assolutamente ineludibile però tecnicamente ancora non si è giunti a questo possibilità cioè fare in modo che il giudice possa disapplicare la nostra norma interna che si ponga in banca entrambe con la norma convenzionale
E quindi ha tra penso anche una giurisprudenza interna nostra italiana si è detto che tutte le volte in cui si profila un contrasto tra le norme della Convenzione enorme interno è nostra
Il giudice deve verificare innanzitutto se possibile il superamento di questi limiti per via interpretativa
Si ritiene che questo limite non è superabile deve rimettere la questione alla Corte costituzionale di ricreare un incidente di costituzionalità sarà la Corte costituzionale che dovrà valutare se l'interpretazione delle norme convenzionali
E la norma italiani interna che potenzialmente in conflitto possano trovare una sorta di convivenza e che
Porta consente di superare questo limite in un'interpretazione in cui la fa da padrone la Corna nostra Carta costituzionale
Questo è una questione problema che si pone anche per gli anni passati è un problema che si pone anche perché non esiste una Corte costituzionale europea non esiste a livello di convenzione europea una un giudice di legittimità costituzionale
Quindi lo fa
Basso menziona con la Corte Tropea che giudico giudicare in secondo grado nella Grande Chambre come avvenuto per il caso posta Pavan sei e in quel caso stabilisce un principio che
Gli stati gli diciamo linea teorica sono tenuti
Ad osservare se non vogliamo incorrere nelle sanzioni violazioni strutturali sanzioni
Quindi questo diciamo mi rendo conto che non è semplice da spiegare perché molto tecnico tecnico crea dei problemi anche noi
E però insomma questa è l'iter talmente che si pone crea ovviamente
Rende più complesso il quadro ma insomma non si siti scontiamo di poterne uscire distacco
Allora io la ringrazio e chiederei a ricevere l'intervista che faccio grazie