11MAR2014
stampa

Presentazione dei risultati delle indagini svolte nella Terra dei Fuochi

CONFERENZA STAMPA | Roma - 16:00. Durata: 44 min 11 sec

Player
La mappatura dei terreni nelle aree interessate è stata disposta in seguito all’approvazione del Decreto Legge n.

136 del 2013 per fronteggiare l’emergenza ambientale di questa zona della Campania.

Registrazione audio della conferenza stampa dal titolo "Presentazione dei risultati delle indagini svolte nella Terra dei Fuochi" che si è tenuta a Roma martedì 11 marzo 2014 alle 16:00.

Con Maurizio Martina (ministro delle Politiche agricole e forestali, Partito Democratico), Beatrice Lorenzin (ministro della salute, Nuovo Centrodestra), Gian Luca Galletti (ministro dell'Ambiente), Stefano
Caldoro (Presidente della Regione Campania, Popolo della Libertà), Paolo Russo (giornalista de "La Stampa"), Giovanni Mainolfi (commissario straordinario dell'Agenzia per le erogazioni in agricoltura (AGEA)), Fabio Napoli (giornalista della agenzia stampa Public Policy), Daniela De Crescenzo (giornalista de "Il Mattino"), Antonio Pergolizzi (coordinatore osservatorio ambiente e legalità di Legambiente), Beatrice Lorenzin (ministro della salute).

La conferenza stampa è stata organizzata da Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Sono stati trattati i seguenti argomenti: Agricoltura, Ambiente, Camorra, Campania, Criminalita', Governo, Inquinamento, Mafia, Malattia, Ministeri, Regioni, Territorio.

La registrazione audio della conferenza stampa dura 44 minuti.

leggi tutto

riduci

16:00

Scheda a cura di

Valentina Pietrosanti
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Buonasera risate
Utile pongo
Politica
Abbiamo
Nell'enorme delle alle mie spalle presentiamo i risultati delle indagini tecniche però produrrà dei terreni destinate all'agricoltura della Regione Campania
E uno uno studio che ha fatto il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali insieme al Ministero dell'ambiente e a quello della
Della salute sono i primi risultati
Andiamo subito a presentare ha con l'aiuto delle slide che vedrete
Cedo subito la parola al ministro dell'agricoltura Martina
Va bene grazie scusate davvero del ritardo intanto un doveroso ringraziamento a tutte le tutti gli enti soggetti
Che hanno collaborato al lavoro portato avanti è sviluppato fin qui questa una tappa intermedia però molto importante perché ci consente di
Diciamo dare indicazioni precise rispetto al prosieguo
Di questa attività tenace di controllo valutazione e verifica della situazione ovviamente ringrazio anche l'Autorità in sala vedo il Corpo forestale dello Stato che molto ci aiutato
Tutte le istituzioni presenti
Sostanzialmente
Per ricapitolare voi sapete che la cosiddetta legge sulla terra dei fuochi interviene a tutela dell'ambiente della salute e della qualità delle coltivazioni
Sono previste delle azioni di monitoraggio classificazione dei suoli di accertamento dello stato di inquinamento dei terreni c'è un tema molto serio di riforma dei reati ambientali
Di accelerazione semplificazione degli interventi necessari e di stanziamento conseguente di risorse per le bonifiche indispensabili per questi territori
Che cosa abbiamo fatto
Il lavoro d'équipe direi di tutti i soggetti e gli enti che hanno spalla a spalla lavorato fin qui c'ha consentito attraverso quest'indagine di
Interrare diciamo nel merito individuando i siti interessati da sversamenti smaltimenti abusivi sul territorio del cinquantasette comuni prioritari
Si è definito un modello scientifico di riferimento
Per la classificazione di questi terreni Fini delle diverse tipologie di utilizzo individuazione dell'insieme delle informazioni necessarie all'applicazione del modello stesso sia predisposta una relazione con i risultati
Delle indagini svolte dalle metodologie delle tecniche utilizzate
Vedete poi nella slide successiva i territori prioritari denti ficcanti nella direttiva cinquantasette comuni
E la loro ripartizione diciamo territoriale in particolare sulle
Appunto due province di Napoli e Caserta
Vedete
Ecco da questa slide il gruppo di lavoro come ha lavorato lei gli enti che sono
Stati interessati da questo grande lavoro di squadra
Sottolineo appunto col fatto che è stata effettuata una raccolta una selezione dei dati in possesso di tutti gli enti si è fatto un lavoro d'équipe unico nel suo genere per l'esperienza che è stata
Fatta fin qui anche con una celerità data ovviamente dall'importanza
Della della situazione i dati sono stati in una prima fase armonizzati resi omogenei per essere organizzati su una piattaforma di condivisione questo un punto di metodo che sottolineo perché
Troppo spesso noi il problema a monte l'avevamo nell'incrocio dei dati e nell'armonizzazione degli strumenti e qui si è fatto veramente un lavoro egregio
Ovviamente sono stati interessati a questo lavoro anche altri enti qui vedete nuovo il complesso diciamo dei soggetti che
è stato che sono stati coinvolti le conclusioni risultati principali di questo lavoro
è stata realizzata una mappatura completa
Dei mille settantasei chilometri quadrati del cinquantasette comuni prioritario sono stati individuati in particolare cinquantuno siti per i quali risulta necessario prioritariamente
Proporre misure di salvaguardia per garantire la sicurezza delle produzioni
E aree agroalimentari per un totale di sessantaquattro ettari di suolo agricolo quindi circoscriviamo in maniera precisa
Il tema
è stato messo a punto un metodo di lavoro un gruppo di lavoro che potrà replicare questa metodologia di indagine su qualsiasi altra area nonché procedere ad ulteriori approfondimenti nell'aria prioritaria
è stata realizzata per la prima volta come dicevo prima una banca dati centrale ed è stato definito un modello scientifico condiviso da tutti gli enti qui vedete alcuni
Dati diciamo di dettaglio
Sulle aree in particolare appunto come dicevo prima su un totale di mille settantasei chilometri quadrati di terreni mappati le aree ritenute sospette rappresentano il due per cento del totale
Ventuno virgola cinque chilometri quadrati di cui nove virgola due destinati all'agricoltura qui c'è un'analisi di dettaglio che credo possa interessarvi dicevo prima due per cento di aree sospette
C'entra Ando innanzitutto il primo tema
Il novantotto per cento diciamo dei terreni
Allo stato diciamo dei risultati attuali delle informazioni complessivamente disponibili possiamo dire che come dire non esistono elementi per definire un rischio un rischio diciamo di prima fascia
è stato poi
Si è lavorato alla definizione di un indice di rischio sulla base del modello scientifico che richiamavo prima
Con le informazioni raccolte integrate
Si è classificato diciamo secondo un indice di rischio qui vedete
Sostanzialmente le quattro categorie fondamentali dall'a alla d ovviamente diciamo dalla condizione migliore alla condizione peggiore
Anche cui ulteriori elementi di dettaglio che possono credo esservi utili per capire la complessità anche delle valutazioni che sono state messe in campo
Direi di andare anche alla slide successiva
Che vi consente per chi lo vorrà di avere anche il dettaglio del numero dei siti e delle superfici agricole interessate
Per farla breve con l'atto che andiamo a firmare insieme oggi profili amo le ulteriori azioni dopo questa prima fase
In particolare ovviamente sono tutte azione che rispondono al grande tema diciamo della salvaguardia della garanzia
Noi entro novanta giorni
Con il decreto interministeriale che firmiamo
Attiveremo
Ulteriori indagini dirette in particolare su questi terreni per indicare precisamente i terreni non food e quindi quelli interdetti da produzioni alimentari
Quelli destinati sono culture diverse dalla produzione agroalimentare in considerazione delle loro capacità Fitto depurativo né e quelli destinati solo a determinate produzioni agroalimentari che verranno definite
Le indagini dovranno essere svolti come indicato nella relazione partendo dai terreni qualificati nella classe di rischio cinque
Fino a salire alla classe di rischio due
Nelle more dell'esecuzione delle indagini dirette a vietata l'immissione in vendita dei prodotti ortofrutticoli per i terreni classificati a rischio nella fascia tre quattro e cinque
L'immissione sul mercato delle singole culture è consentita ad almeno una di queste due condizioni condizione a
Che le culture siano state già oggetto di controlli ufficiali con esito favorevole negli ultimi dodici mesi
Condizione B che siano state effettuate indagini su richiesta e con spese a carico dell'operatore dall'autorità competente con esito ovviamente
Analitico favorevole
Questi impianto questo lavoro credo ci consente di sviluppare adesso l'ulteriore fase diciamo di
Analisi ricerca valutazione sempre all'insegna dell'Obiettivo fondamentale dalla salvaguardia
Io sono grato veramente a tutti per il lavoro fatto fin qui
Devo anche dire che
Eredito una parte importante del lavoro che è stato implementato e sviluppato da chi mi ha preceduto e per cui su questo veramente ringrazio anche chi ci ha messo con Beatrice Lorenzin
Il il lavoro anche nei mesi precedenti mi pare che siamo un passaggio importante perché ci consente appunto di praticare anche alcune scelte fatto tutela del cittadino dei territori interessati
Bene grazie il quindi le slide ma ancora di più lo la spiegazione del ministro Martino hanno preso anche idea della dell'importanza del decreto interministeriale a proposito del profilo dell'azione per quello che verrà adesso sentiamo
Il ministro Lorenzin e poi il ministro Galletti
Io vi ringrazio molto e anzi ringrazio il ministro Martina per la per la sintesi perché il lavoro veramente un lavoro part dal poderoso che me né o
Approfitto della situazione se non avete rana di questo trionfo
Per fare anche un un ringraziamento particolare al ministro Orlando all'onorevole De Girolamo con i quali abbiamo cominciato questo
Questo lavoro non facile adesso sembra che sia tutto scontato ma vi vorrei ricordare che fino
A soltanto tre mesi fa sulla terra dei fuochi c'era un
Come dire una specie di sipario chiuso che noi abbiamo aperto
Con una serie di provvedimenti importanti dandoci come obiettivo quello di non parlare di problemi ma di risolverli
E aprendo anche una nuova stagione molto delicata che è quella di riconsiderare un nuovo ruolo che hanno ambiente e salute
Proprio anche nella nelle dinamiche culturali delle dinamiche di percezione della sicurezza per i nostri cittadini a questo proposito ricordo che il lavoro fin qui istruito e Urago e lavoro estremamente importante
Noi abbiamo avviato anzi già avviato già approvato bella in screening uno screening di massa
Sulla su questi territori con l'obiettivo di dare certezze alla alla popolazione di dare sicurezza alla popolazione
Lo abbiamo fatto con la collaborazione preziosissima della Regione Campania degli studi superi sanità abbiamo stanziato cinquanta milioni di euro
E quindi quindi stiamo diciamo affrontando a tutto tondo il problema della salute dei cittadini di quelle zone quindi sia dal punto di vista proprio del del delle persone oggi stiamo lavorando invece sui prodotti alimentari
Questa scelta una scelta
Che che sottesa mentre si continua i processi di analisi su tutto il territorio
Che è che seguiranno poi anche in quest'ulteriore fase
A raggiungere due obiettivi o no a dare come dicevamo certezza agli abitanti della Campania e gli abitanti di questi territorio sulla loro condizioni di salute e sulle ignari alimenti che mangiano
Ma nello stesso momento anche di non scoraggiare qui faccio Palmi e mi prendo la parte sulla sicurezza e 'ndrangheta diventare
Non scoraggiare il l'uso dei prodotti campani che è la commercializzazione di prodotti italiani che è una gamma di prodotti di altissima qualità
E di altissimo valore per l'Italia e per l'Italia nel mondo quindi abbiamo un sistema di sicurezza che finalmente stiamo facendo lavorare così in sinergia senza divisioni nostri Ministeri non si istituti stanno lavorando insieme per mettendo in atto quella cassata
Una una grande lavoro sia dal punto di vista informatico qui ci sono poi i tecnici sia dal punto di vista parco degli strumenti per intercettare l'AGEA referenzialità dei territori sia dal punto di vista dell'analisi
Dei prodotti credo che poi le altre considerazioni sono tutte di carattere molto poco tecnico da cui potremmo se qualcuno ha domande rispondere oltre
Che avvalerci del diciamo di che dei compartimenti in di Dipartimenti in sala grazie
Io un ringraziamento
Ai Ministeri che insieme al mio sono stati cointeressati
A questa a questo lavoro difficile io l'ho vissuto solo nell'ultima parte sono andato a rileggere la storia di questo progetto e ne ho capito la complessità
Tecnica fino in fondo e quindi penso che oggi sia quello che presentiamo un buon lavoro un buon lavoro per due cose sia dal punto di vista
Dell'ambiente della sanità e dell'agricoltura e anche dal punto di vista politico la prima perché noi stiamo lavorando per ridare alla Campania una zona che oggi non è usufruibile
Questa è una tappa importante perché la classificazione dei terreni che vi abbiamo presentato oggi ci permette a noi
A noi soprattutto dell'ambiente di andare a fare un lavoro con delle priorità e questo da maggior celerità a tutti i lavori chiedo perché dobbiamo fare per il ripristino
Di quelle di quelle zone
Questo vuole dire che noi restituiamo alle cure proviamo ad istituire in tempi brevi
All'economia di un importante Regione italiana una parte produttiva importante che è quella dell'agricoltura e soprattutto in questa mole di terreni che se viene a mancare
Far sì che la Campania perda una parte importante della propria redditività
è altrettanto importante dal punto di vista politico perché con questo ribadiamo l'attenzione di questo Governo alla Regione Campania e al problema della terra degli dei fuochi
Questo questa conferenza stampa fatta da tre Ministri che guardate potrebbero vera in questo proprio
Vito anche interessi confliggenti
In poco tempo abbiamo trovato una identità molto forte su questo provvedimento che non è ripeto un provvedimento dal punto di vista tecnico facile
L'abbiamo trovata perché la missione di questo Governo è
Indubbi il recupero della terra dei fuochi
Oso dire in tempi brevi
Compatibilmente con la situazione che si è venuta a creare senza creare illusioni di né di nessun genere però un'attenzione particolare a questo problema credo che questo sia veramente un dato importante anche a beneficio del dei cittadini che abitano in quella zona
Graziani
Come avete sentito dalle tre relazioni al di là del del della forte volontà politica di questo Governo c'è stato anche un grandissimo lavoro tecnico i colleghi che voglio capire bene i complessi meccanismi erano anche due tecnici disponibili
Alle vostre domande nei tempi che ci sono stati
Dati ma prima vogliamo sentire anche il Presidente della
Regione Campania colore Caldoro
Intanto grazie questo è un buon esempio di collaborazione istituzionale
Quello che prima non dialogava
Vari ministeri vari mappature vari dati perché non si incrociavano anche i dati territoriali oggi abbiamo la forza di poter dire c'è un buon esempio che nasce da una crisi ma che può essere una così detta buona pratica
Le cose sono state dette tutte oggi qui discutiamo di uno dei decreti del decreto legge che riguarda in particolare i soli ma abbiamo discusso di sanità di ambiente è una cosa
Positiva che si alzi e sempre tutti insieme quindi si condividono le misure vale questo anche per la Regione quindi collego apre diceva
Ministro della salute a Beatrice Lorenzin anch'io ringrazio chiaramente non solo chi è qui e chi lavora ma anche chi c'è stato prima ha lavorato in particolare Andrea Orlando Nunzia e di col Presidente Consiglio netta che
Dato un grande impulso a questa azione e
Devo aggiungere pochissimo io penso che con questa azione di credibilità dello Stato noi passiamo dalla emotività
Alla razionalità il dato di una sicuramente di una in tema di emergenza vero reale che non va sottovalutato
Chiaro non può essere
Affrontato con emotività sia sul fronte della garanzia del prodotto della tutela dell'ambiente
E non ultimo anzi va tutelata la salute è stato il fattore di maggiore emotività e ce lo spieghiamo bene
Le mamme i cittadini che hanno questa preoccupazione quindi questo significa affrontare seriamente la la situazione crede nella nella nell'aria e la quale io ci tengo Ripa rivedere questa
Questa cinque questa è l'aria terra dei fuochi che meno del dieci per cento dalla Regione Campania meno dieci per cento si sta parlando di un'aria del meno dieci per cento del due per cento il che significa lo zero virgola zero uno del territorio
Della regione che come noto è una Regione che ha bellezze straordinarie arie parco Lippi estesi d'Italia agli verbi bellissime incontaminate un mare straordinario prodotti magnifici quindi
Questo è lo devo fare non perché per per quelle Regioni di parte ma perché e così è un pezzo del nostro Paese così come nostro pesa tanti problemi a tante cose straordinarie raffrontando i problemi l'ultima questione che ci tengo a dire
Oltre venticinque milioni che sapete sono stati messi pelosa screening
Per la parte salute per la terra dei fuochi
Ci sono le misure dei singoli ministeri mettono in campo con le loro strumenti con i loro risorse per tutto questo lavoro voglio aggiungere evito come sta notizie non abbiamo varato qualche giorno fa come Giunta regionale
Un fondo di circa cinquanta quindi un bel fondo di cinquanta milioni di euro rivolte al sistema dell'impresa agroindustria
Di questo settore segmento perché cosa nel regime di minimis quindi chiaramente lo facciamo in un ambito di autorizzazione e la Commissione europea
Per tutta la parte che riguarda quello che si faceva riferimento prima controlli analisi indagini aggiuntive perché Sissi ascoltato se un'azienda per vendere il proprio prodotto
E devi dimostrare che sanno deve fare analisi aggiuntive ed avere costi aggiuntivi quell'aria di perché di punto di dimostrare più di altre aziende in Italia mi permetto di dire in Europa perché la campagna d'Italia quando va sui mercati
Internazionali non è la Campania e l'Italia e quindi questo lo finanziamo così come finanziamo la cavità la parte comunicazione marketing perché c'è un problema anche di ripresentare in termini aggiuntivi la forza dei nostri prodotti quindi questo è uno dei sei ore volare anche per rassicurare devo dire un impegno che lo questo col Governo
Che era chiaramente quello che il sistema territoriale doveva
Fare la sua parte
Grazie
Ringrazio anche il Presidente Caldoro ringrazio tutti per la brevità dei loro interventi che ci ha lasciato poco più di quindici minuti per eventualmente per le vostre per le vostre domande io vi preannuncio che in sala ci sono il generale Giovanni ma inoltre che il commissario della AGEA vuol dire Agenzia
Per l'erogazione in agricoltura perché non lo sapesse corretta fino a dieci minuti fa che è direttore del gruppo di di lavoro che ha coordinato
E ha prodotto questi primi risultati abbiamo anche
Mariano Laghezza che l'ingegnere che a cura cura il sistema informatico sia nel sistema informatico nazionale
Per l'agricoltura ci sono anche quindi le loro capacità tecnica venuto in mente
Usarle rispondere alle vostre domande le vostre curiosità vi prego si sono domande prima il nome la testata
Paolo Russo della stampa
A prima un chiarimento sì ho capito bene vedendo di sfuggita quelle tabelle e sono stati individuati cinquantuno terreni ad alto rischio ad alto rischio per i quali il decreto che state per varare
Nelle more degli accertamenti che poi verranno fatti sul suolo a terra no perché queste sono altamente immagini riprese
Per via aerea sono sempre capito bene
Sono nelle more appunto di questi accertamenti sono è bloccata la produzione la vendita dei prodotti agroalimentari questi cinquantuno terreni
Poi in un'altra slide che avete passato molto velocemente se ho non ho visto bene il totale ma circa mille seicento movimenti
Se ho capito bene sospetti cioè di si rilegge nuovamente di sversamenti interramenti di fuochi c'è un decreto legge approvato lo scorso mese ma che in vigore da tre mesi che predica persino l'uso dell'esercito
Per presidiare qui terreni è possibile che in tre mesi ancora questo scempio Contini anche se come dite voi solo sul due per cento del territorio ma
Libacin segnali anche piccole percentuali di territorio fanno grandi danni
Il il risultato mi pare che il generale ma i nostri sei ministri ve lo permettono è la persona più indicata rispondere perché credo ci sia
Un difetto nella premessa alla alla domanda
Sì c'è in effetti una un equivoco di fondo il lavoro che noi abbiamo fatto come è stato ampiamente sottolineato dai ministri
Si basa sulla raccolta di dati e questo era la nostra missione ma di cui al decreto legge centotrentasei
Si basa sulla raccolta dei dati in possesso dell'amministrazione pubblica che di qui la sinergia pubblica una volta tanto tutti assieme già accinsi che già raccolti tant'è che nella relazione che lei non ha visto giustamente
Diciamo che gli ultimi aggiornamenti di cui noi disponiamo si riferiscono a novembre due mila tredici dopodiché quello che è da venire lo andremo a vedere
Quando lei dice è solo un problema di foto non non è esatto
Perché per esempio proprio con riferimento ai sette siti della massimo livello di rischio c'è una convergenza di informazione di almeno due enti uno è AGEA
Con le ortofoto cui lei faceva riferimento ad un altro è l'Arpac Campania che ha già fatto degli accertamenti e quindi ha già dei risultati suffragati da analisi che dimostrano come
Quei territori siano problematici ma c'è un'altra premessa che bisogna fare che non è del tutto chiara
In Italia non esiste una legislazione oggi che stabilisce quanti sono i li quali sono i limiti quantitativi di inquinante
Punta che solo tollerati nel terreno per cui l'unica legislazione che è presente quella con riferimento alle aree a verde pubblico che è stata l'unica base a cui noi ci siamo riferiti
Tenga presente che a legislazione vigente entro maggio saranno emanati e altri due decreti con i quali andranno stabiliti quantitativi di inquinante ammissibili nel territorio e nell'acqua
Quindi si tratta evidentemente di un lavoro molto più complesso di quello che viene presentato oggi e questo è il primo tassello il tassello fondamentale tant'è che quando Piero parliamo
Dei mille seicento siti che sono stati censiti parliamo di un dato che si riferisce a una piccola parte del territorio a quella dei cinquantasette comuni
Tutto il resto è ancora da fare comunque quei mille seicento sedi non sono assolutamente solamente frutto della foto interpretazione ma sono frutto del concorso sinergico di informazioni che abbiamo raccolto
Dalle Procure della Repubblica di Napoli a Santa Maria Capua Vetere c'era una slide prima che lo mostrava eloquente mente dal corpo forestale dai NAS e quant'altro ecco questa è la vera novità di questo lavoro per la prima volta tutti i dati sono confluiti in un'unica banca dati
Non l'abbiamo citata mi permetto di farlo adesso
è stata costituita una banca dati presso l'Istituto zooprofilattico di Teramo nella quale tutti i siti sono stati georeferenziati è questa una parte di questa banca dati sarà accessibile al pubblico
Stiamo ancora determinando le modalità e i livelli di accessibilità ma questo sarà a breve disponibile insomma
Ci sono altre domande sì nome che è stata la forza
Grazie io sono Fabio Napoli dell'agenzia stampa public policy dunque o
Un dubbio se ho capito bene questi sono dati vecchi
I più aggiornati
Del novembre due mila e tredici
Che sono soltanto
Troppe denti ICI a le mappature che sono state stabilite nel decreto
Terra dei fuochi quindi se
Mi potete
Dare
Questa
Conferma e poi
Se c'è già qualche dato
Su o i sul
Nuovo reca sul nuovo sul sul nuovo tre sul nuovo tre
Per tutte ATO di combustioni illecita degli dei Ricchiuti
E su quante persone hanno già
Chiesto di poter effettuare loro screening grazie
No sono circa
Quattordici domande
Ha perso
Comincia cominciamo almeno al cinema sempre nella parte tecnica allora sgombrare incombere nella parte tecnica della domanda
I dati quando lei dice sono vecchi al novembre due mila tredici evidentemente la risposta non può che essere affermativa
Una risposta diversa avrebbe significato che noi analizzavamo
Tutte le singole particelle dei due mila duecentocinquanta chilometri insomma quindi questo era e per noi un punto di partenza perché è stato messo in sinergia con tutti quei fattori che di cui le dicevo prima
Il per quando lei parla di mappatura la mappatura è stata la base su cui noi abbiamo inserito queste referenze dei elementi di positività rispetto a quel territorio
Ho detto nella prima parte della quando risposto alla prima domanda del suo collega della stampante che il lei era di base su cui noi abbiamo lavorato è stato il lei era un che di cui AGEA grazie al sia Anna dispone
Che altro non è che la georeferenziazione di tutto il territorio nazionale ma qui stiamo parlando della terra dei fuochi quindi georeferenziazione della terra dei fuochi
E su questa base abbiamo appuntato le bandierine mi consenta così
Di tutte le positività che sono state rilevate
E queste positività mano a mano che sono state evidenziate sono state segnalate con una bandierina
Da questa bandierina è venuto fuori che cinquanta del cinquantuno bandierina sono quelle a più alto rischio sette sono del massimo rischio solo quelle rosse assoluta promettiamo quelle
Sfumate di un pochino e poi mettiamo quelle rosa al numero tre insomma questo è l'aspetto tecnico
Devo rispondere ancora un'altra domanda faceva riferimento al problema della combustione dal punto di vista tecnico vi posso dire che anche gli incendi sono stati classificati in questa attività
E abbiamo preso per convenzione il i grandi incendi cioè incendi che hanno avuto una durata di almeno cinque ore
E quindi quell'incendio solo stati georeferenziati esatte e quindi li trovate compresi nell'elenco dei mille seicentoventidue siti che sono interessate questo mi spiano spiegato i tecnici deriva dal fatto che dopo cinque ore di combustione si verificano
L'emissione lo si sprigionano certe sostanze inquinanti insomma
Questa per quanto realtà la parte tecnica peraltro ricordando che il primo decreto del ventitré dicembre se ricordo bene giusto modello ventitré dicembre
Tra diretti al ventitré dicembre di fatto così comincia un mese di fatta un mese prima cioè è una cosa quasi record almeno che io ricordi
Altre
Domande
Certamente
Altre quattordici domande sono state predisposto il nome non è stata aperta quella De Crescenzo del mattino predisposti controlli particolari su cinquantuno siti da domani i prodotti non saranno più utilizzabili
Ecco quindi ci vorrà una c'è una idea di come controllarlo e poi
Coincidono il siti specialmente sette diciamo Rossi con le aree delle discariche con le aree delle ecoballe o i due fenomeni al momento sembrano scollegati
Allora io partirei dall'ultima per per partire sempre dama inoltri sui sette siti se coincidono
Con le discariche le ecoballe
No
I siti dove sono stoccati le ecoballe saranno e credo siano classificati in categoria
Un attimo mentre il tecnico me lo cerca glielo dico ma sicuramente no nella copertina del della relazione conclusiva che ne sono ancora visto neppure i signori ministri quindi me ne scuso ma non abbiamo avuto il tempo tecnico
Invece vedete sono riportate quattro fotografie queste fotografie rappresentano lo stesso territorio fotografato negli anni dal due mila uno al due mila undici
E vedete nelle in alto a sinistra perché alla fortuna di vederlo nel due mila uno c'era un bel campo di patate
Io eviterei esservi salire nell'accostamento forse possiamo portare
Nella
Nella fotografia in alto a sinistra
Nella fotografia in alto a sinistra originariamente c'era un campo ad un certo punto poiché le ortofoto vengono scattate ogni tre anni quindi il territorio nazionale continuamente fotografato nell'ambito del progetto refresh che consente ad AGEA di fare i controlli che siamo tenuti a fare per l'erogazione nostri contributi compare uno scavo quello scavo l'anno dopo due anni scompare e poi ci ritorna la coltivazione
Qui è
Esatto
Scusate
E con il generale se
Una cortesia per per i colleghi fotografi soprattutto se può alzarsi visto che già non hanno almeno mettiamo a far a favore di telecamere di macchina fotografica

Rispetto
Salerno
Come l'acqua
A quando i ministri che a livello generazionale non erano neanche nati quindi diciamo che dal momento in cui
No c'è una risposta però se mi consentite
Strane
Posso dare una risposta
E guardi che in questo lavoro sono stati investiti non ancora sappiamo il quanto nonostante l'Avvocatura mi abbia dato l'ok
Due trecento mila euro all'incirca perché si è dovuta fare un'attività che si chiama foto interpretazione
Cioè le foto ci sono
Ma venivano fatte per capire se spettava il contributo in agricoltura o meno adesso ne abbiamo dovuto e foto interpretare quindi abbiamo dovuto riprendere quei reperti
E analizzarli con dei tecnici con certe tecniche che oggi la tecnologia ci offre abbiamo scoperto tutto questo
Quindi
Probabilmente nel due mila sette non era neppure possibile dare queste risposte anche se addirittura lì siamo alla due mila uno mi pare la prima fotografia
Comunque
Risposta più politica anche perché giustamente questo le domande che tutti si fanno però come dire ma io posso rispondere solo per il mio tempo non per quello fa del passato allora se continuiamo a pensare alle cose c'abbiamo possiamo scrivere libri giornali articoli inchieste
Su quello che non è stato fatto nel passato proviamo a scrivere quarto qualche articolo su quello che si sta facendo oggi
Perché mai ci siamo presi un impegno
Molto chiaro molto anche netto nel nei tempi la tempistica che ci siamo dati con un lavoro che è immenso come avrete capito cioè il lavoro a questo tipo di lavoro ha delle ripercussioni delle apre ogni volta delle e diciamo delle Ivan atte grandissime quindi io ringrazio ancora tutti quelli che stanno collaborando vorrei dare qualche risposta flash c'è il divieto di missione del mercato e questi prodotti è da è da subito è immediato e l'unico modo per poter rimettere sul mercato l'aver effettuato i controlli Foggia controllati
Ricco non diciamo le autorità competenti quindi sotto la vigilanza dell'Istituto su quali sanità oppure si levano quei se li devono commissionare ci vedevano mostrare le persone con le stellette che vedete qui nella nella
Infilare cioè le autorità non sono qui casualmente questo un lavoro di squadra un lavoro che ha coinvolto il Ministero degli Interni che
Che coinvolge le forze dell'ordine che coinvolge i corpi specializzati che coinvolge l'ente amministrativo com'beh tante quindi la Regione e quindi c'è un lavoro di tutte la diciamo le lei componenti dello Stato degli enti locali per far in modo che queste norme siano realizzate nei fatti e che siano attuate nei fatti ci sono controlli non solo
A monte ma ci sono anche a valle e durante il percorso e siccome è una cosa nuova per tutti
Totalmente nuova totalmente innovativa fortissima è evidente che mano a mano ci sarà anche un work in progress cioè mano a mano verificheremo anche problemi che possono non essere stati
Abbastanza sviscerati o non previsti cercheremo in modo tempestivo con questo morto do di lavoro che un metodo pratico
Pragmatico dove ci si vede c'è bisogno ci si incontra e si risolve il problema non stiamo a Bandar ce le carte bollate con i nostri capi Gabinetto che fanno gli sherpa vogliamo atti ci alziamo il telefono c'è un problema ci si riunisce il gruppo di lavoro e si cerca di risolverlo questo è il tipo di modello che ci siamo dati tra di noi
E che credo stia anche producendo i primi i primi risultati una domanda la rispondo perché non ho risposto prima e ovviamente che la direttiva del ventitré di
Di dicembre parlo della parte salute
Con e la Regione stiamo mettendo in campo con l'Istituto anche i propri il diciamo le misure perché
Anche fare uno screening vuol dire individuare scientificamente i target individuare quali sono le analisi a da fare su quali cluster di popolazione divisa per età
Quindi sono a siamo facendo un lavoro e credo che appena saremo pronti anche anche con il coinvolgimento dei medici di medicina generale dei pediatri di libera scelta degli ospedali del territorio lo presenteremo nel modo più articolato possibile producono dobbiamo perché proprio la più moderno
Altre opere policy Legambiente volevo capire meglio la ministro Lorenzin
Se son precisa analisi epidemiologiche ulteriore rispetto a quelle che ha già fatto l'istituzione sanità anche perché insomma Visco non è solo quello che dico dal cibo
Poi visto che parliamo di una storia che dura almeno venticinque anni sono previsti ulteriori controlli c'è presidio del territorio perché li Rodi purtroppo ci dicono continua De Sisti interrompere può pesino del territorio se
Si prevedono stanziamenti per le bonifiche o diciamo potuto delle aree più compromesse e se questo riguarda anche altre aree del territorio se possibile quanto meno il mangiare quali altri da al altre aree del territorio tipo
La Spezia insomma del Sacco qui vicino Toma quale potrebbe se interessati anche dalle bonifiche e poi soprattutto al ministro all'Ambiente volevo così rassicurazione che il suo ministero si impegni o ha fatto il Ministero già il suo complice del sole
Orlando sulla come dire la sulla riforma del diritto ambientale del Codice penale e ciò perché è già passata la proposta anzi la riforma
Alla alla Camera adesso deve passava strato spero insomma che questo lavoro di squadra possa essere portato avanti anche al Senato affinché insomma non Cirilli troverà
D'ritroviamo tra vent'anni a raccontare di un altro scempio ambientale con campagne perché
Chi ha inquinato deve pagare lo deve pagare in maniera seria chiedo ai ministri il massimo della brevità alle risposte che dobbiamo liberare quell'approdo di firmare fatto facciamo passo con
Poi
E allora l'indagine la risposta viene da sola cioè l'indagine parlo per la mia parte quella sanitaria l'indagine è di per sé epidemiologica
Nel senso che noi avevamo quando io sono arrivata come Ministero abbiamo una serie di relazioni già effettuate dall'Istituto superi sanità
E quello
Mi sarei potuta diciamo fermare lì nel momento in cui ne predisponiamo invece uno screening di massa su una popolazione è una grande indagine che tiene conto
Appunto di target particolari dalla rilevazione di alcuni elementi nel sangue dalla Palazzo i nascituri e che ho che fanno anche sistoli per questo abbiamo delegato poi e una Commissione di lavoro dentro la Regione insieme agli sui super in sanità perché lo è una diciamo è una una lista che non puoi fare in un'ora in un decreto legge ma che prevede invece
Una uno studio molto accurato quindi questa sarà anche la volontà di andare a fondo e anche di io lo dico però di cercare di dare delle certezze a una popolazione che oggi vive anche
Delle condizioni oggettivamente di grandissima pensione e e che quindi devono essere in qualche modo sincerato e in modo oggettivo però in modo oggettivo ricordiamoci che qui quando si tratta di dati scientifici dobbiamo essere sempre oggettivi e attenersi al massimo rigore perché altrimenti non facciamo il bene né della scienza né delle persone coinvolte
Ministro Galletti sulla sugli uffici tanti chiude lui per dire questo ci tengo molto giovedì saremmo con il Corpo forestale dello Stato
Che grazie anche alla collaborazione con Legambiente proprio sul territorio per un'iniziativa molto importante la presenza e ringrazio l'ingegner Patrone che qui con noi la presenza del Corpo forestale dello Stato
In particolare in quelle terre
Per quanto mi riguarda ovviamente la massima collaborazione con le altre forze dell'ordine
E diciamo il presupposto fondamentale per fare il mestiere che giustamente lei ci ha posto cioè presidiare controllare mantenere alta l'attenzione io credo da questo punto di vista che
Come dire ne siamo consapevoli che
Insieme dobbiamo fare un'operazione rigorosissima rigorosissima per come dire riattivare tutti i presìdi
Di legalità e di consentire
In particolare in quel territorio di portare
La riflessione rispetto a questo nodo dove deve essere portato cioè garantire la salute dei cittadini
Garantire la possibilità per le impresa agroalimentare di quel territorio di poter continuare a lavorare in totale serenità
Sulla base del fatto che lì ciò un pezzo importante anche di agricoltura italiana e non solo campana e ovviamente garantire la tutela dell'ambiente e del territorio su questi tre
Fondamentali obiettivi ci stiamo movendo tutti questo ripeto una tappa intermedia intermedia
Noi volevamo assolutamente rappresentare una perché dà il senso anche di uno sforzo condiviso non semplice perché come veniva detto prima nessuno oggi in Italia ha sperimentato un'operazione così come dire
Particolare profonda e impegnativa come quella che stiamo cercando di fare noi su quel pezzo di territorio tutto è perfettibile però si dia atto
Alle istituzioni non ai singoli alle istituzioni che dal ventitré di dicembre ad oggi si sono fatti passi importanti in avanti
Poi siamo qui nella logica proprio di raccogliere anche gli input sollecitazioni positiva
Solo per
Dire una cosa prima per rispondere a qualche domanda che è stata posta allora io vorrei sottolineare l'importanza di questo lavoro
Nel fatto che noi oggi abbiamo un ordine di priorità nel quale intervenire detto questo ci rimane una parte di lavoro ancora molto importante che è quella dei analizzare approfonditamente questi terreni
Perché è difficile
Lo ricordava prima il dottore mentre per l'acqua ad esempio esistono dei criteri oggettivi per stabilire se un'acqua buona o nacque cattiva per il terreno questi criteri oggettivi non non esistono attenzione
Non esistono in Italia noi nell'ultimo Consiglio
Europeo che abbiamo avuto il tredici marzo in Europa del Ministro dell'ambiente abbiamo riproposto
Il tema della difesa del suolo difesa del suolo vuole dire stabilire anche dei criteri oggettivi per definire se un suole buono un solo cattivo quindi
La discussione non è indietro l'Italia è indietro in tutta Europa perché chiaramente ci sono anche interessi da parte di alcuni Paesi immagino da difendere quindi
OP conteremo questo tipo di problema le analisi che dobbiamo fare sono analisi molto complesse che richiedono anche dei tempi piuttosto lunghi perché perché si usano dei reagenti chimici
I reagenti chimici hanno i loro tempi noi su quelli purtroppo ancora non riusciamo a intera intervenire debbono manifestare i loro risultati in un tempo dettero indeterminato per poter essere analizzati quindi
Questo ci permette immediatamente di poter intervenire almeno su quella parte che riteniamo con i dati che avevamo a disposizione
Più a rischio poi analizzeremo tutti e sarà un lavoro
Che faremo nel minor tempo possibile con la maggiore attenzione
Per quanto riguarda le bonifiche è chiaro che questo è un punto prioritario del ministero non solo per quanto riguarda la terra dei fuochi ma per quanto riguarda
Tutto il territorio affondasse male in particolare per quanto riguarda la Terra dei fuochi noi abbiamo
Due filoni di finanziamento su cui stiamo operando uno insieme alla Regione Campania
Sui fondi di coesione contestualmente anche sui fondi europei
Rispondo positivamente anche sui reati ambientali la determinazione che ha avuto il ministro Orlando nel portare avanti quel disegno di legge è la mia stessa determinazione
A questo punto è passato alla Camera i tempi sono in mano al Senato ma sarà nostro impegno
Nel nostre possibilità perché
Giustamente il potere legislativo diverso dal nostro è separato dal nostro a far sì che quel decreto che quel disegno di legge possa arrivare in tempi brevi alla sua definizione perché lo riteniamo molto importante
Bene possiamo procedere