13MAR2014
dibattiti

Il valore dell'Europa. Crescita, occupazione e diritti: l'Unione europea alla prova - Conferenza Internazionale (1ª giornata)

CONVEGNO | Roma - 16:09. Durata: 3 ore 34 min

Player
La Conferenza Internazionale è stata promossa dalla Camera dei deputati di concerto con il Parlamento ellenico e si svolge durante il Semestre di Presidenza del Consiglio dell’UE detenuto dalla Grecia.

L'iniziativa è scaturita dalla comune volontà della Presidente della Camera, Laura Boldrini, e del Presidente del Parlamento greco, Evangelos Meimarakis, rappresentanti dei due stati che si passeranno il testimone alla guida del Consiglio dell'UE a luglio, di contrastare il crescente clima di anti-europeismo e di promuovere un maggiore coinvolgimento dei Parlamenti nazionali e del
Parlamento europeo nel processo di integrazione europea, oggi troppo segnato dagli accordi intergovernativi (in programma dal 13 al 14 marzo 2014).

leggi tutto

riduci

16:09

Organizzatori

Camera dei Deputati

Scheda a cura di

Delfina Steri
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Buon pomeriggio a tutti grazie di
Avere accettato il nostro invito di essere qui
Signor Presidente della Repubblica
Signor Presidente del Senato
Signor Presidente del Consiglio
Signori presidenti di Paesi europei
Onorevoli deputati e senatori autorità
Signore e signori è un onore potervi accogliere qui alla Camera dei deputati
Sono rappresentate qui oggi delegazioni parlamentari proveniente
Dagli Stati membri dell'Unione europea dai Paesi candidati all'adesione
Dal Parlamento europeo e dall'Assemblea parlamentare del Consiglio europeo
Delegazioni giunte a Roma per confrontarsi insieme a otto relatori di alto profilo
Su alcuni tra i temi che si pongono in maniera più pressante sulla strada dell'integrazione europea il rilancio economico
La crescita
La creazione di posti di lavoro e la garanzia dell'effettività dei diritti fondamentali nei Paesi dell'Unione europea
Parleremo parleremo tra di noi
Ma
Avendo in mente gli interlocutori
Cioè le persone che sono fuori di qui noi parleremo tra noi ma tenendo presente che stiamo parlando
A chi è fuori di questa sale di questo palazzo
Penso in particolare agli studenti gli studenti che incontro spesso ragazzi per i quali le prossime elezioni europee saranno quelle del primo voto
In modo molto diretto questi ragazzi mi chiedono Presidente io non vedo un lavoro nel mio futuro perché mai dovrei andare a votare
A me cosa mi offre l'Europa perché io dovrei votare
Ecco
Sono dubbi sono paura e sono scetticismo i che tutti noi conosciamo vorrei vorrei che queste domande assegnassero la nostra discussione che cosa possiamo rispondere noi tutti a questi ragazzi
Le generazioni di chi oggi rappresenta questo incontro sono cresciute siamo cresciute
Siamo tutti cresciuti dando per scontato il valore positivo dell'Europa bene non è non è più così questo dobbiamo saperlo tutti non è più così
Nel momento in cui la crisi colpisce pesantemente la vita quotidiana delle famiglie
Dobbiamo saper dimostrare che l'Europa conviene
Che l'Europa conviene che senza l'Unione ciascuno dei nostri paesi e ciascuno di noi cittadini sarebbero più debole
Sarebbe più debole ciascuno di noi
Vedete se non sappiamo fare questo
Nessuna retorica europeista ci salverà nessuna
Ci riuniamo qui io vado adagio perché ci sono tante lingue da tradurre dunque è giusto dare tempo agli interpreti
Ci riuniamo qui in un momento in cui il venti di guerra soffiano nuovamente alle porte dell'Europa lo dicevamo prima con il Presidente Napolitano
Come rappresentanti dei Parlamenti europei dobbiamo fare tutto il possibile anche attivandoci nei confronti dei rispettivi governi per scongiurare il pericolo
Di un conflitto in un Paese amico
L'integrità territoriale dell'Ucraina deve essere rispettata
E il suo cammino di avvicinamento all'Europa non deve essere interrotto
Il nostro incontro di oggi alla presenza di parlamentari provenienti dai diversi Stati dell'Unione dei Paesi candidati è la dimostrazione concreta del successo del processo di integrazione europea
Che ha saputo riunire i Paesi che per decenni si sono trovati su fronti contrapposti
Quello che accade in Ucraina ci ricorda inoltre che
Mentre nel nostro continente si diffondono sentimenti come chiamarli di disillusione di disaffezione nei confronti dell'Europa
C'è chi invece i nostri confini vede l'Unione europea per quello che
Cioè uno straordinario Progetto che da decenni assicura pace
Libertà prosperità a centinaia di milioni di persone
Le immagini di migliaia di giovani in piazza chi arriva che abbiamo visto in queste settimane rappresentano anche una cura efficace contro il nostro disincanto
Ci rammentano la grandezza di questo progetto capace di mobilitare intere popolazioni
Ci ricordano che per i valori dell'Europa espressione che noi talvolta pronunciamo con stanchezza c'è gente disposta battersi fino
A rischiare la propria vita
è un progetto cui guardano con speranza anche i popoli della sponda sud del Mediterraneo una speranza che dobbiamo saper rispondere
Sostenendo le iniziative per giungere alla pace laddove le violenze incessanti minacciano ancora tante troppe vittime e appoggiando le transazioni democratiche in atto
La volontà di dare vita
A questa iniziativa nasce nel corso della mia recente visita ufficiale in Grecia
In quell'occasione circa quattro mesi fa il presidente me Maracchi se io rappresentanti delle Assemblee legislative dei due Paesi che di lì a poco
Avrebbero ricoperto in successione la Presidenza del Consiglio dell'Unione europea decidemmo di organizzare un evento
Interparlamentare atipico
Che fungesse in qualche modo da ponte tra le nostre presidenze
La nostra decisione scaturì dalla comune volontà che
è propria di tutte le forze democratiche europee a prescindere dall'appartenenza politica di contrastare
Le spinte estremiste le spinte populiste le spinte
Anti europeisti
Che si fanno diffondendo in Europa
Il nostro sia chiaro non è un europeismo di bandiera ma si fonda su premesse e prospettive concrete
L'Italia Paese fondatore della Comunità europea e la Grecia
Culla della civiltà e della storia dell'Europa sono tra i Paesi che hanno sofferto in modo particolare gli effetti della crisi economica e finanziaria mondiale
Una crisi che rischia di lasciare le ferite più profonde proprio nel nostro continente dove lei incertezze e ritardi di questi anni non possono certo essere ignorati
E saranno qui oggetto del nostro dibattito ma ma la prospettiva europea è imprescindibile
Al di fuori dell'Europa non vi è il futuro per Stati nazione come i nostri dalle dimensioni medio piccole questa è la convinto e la
Proprio la la profonda come
Convinzione che alla base di questo nostro incontro
Vogliamo dunque dare risalto in queste due giornate di discussioni tale
Da un lato
Agli importanti traguardi che l'Europa ha raggiunto negli ultimi decenni e all'impatto positivo
Che l'Europa ha già sulla vita quotidiana dei suoi cinquecento milioni di cittadini dall'altro dall'altro vogliamo guardare verso le nuove sfide e nuovi traguardi che abbiamo davanti
Quasi un mese fa si celebrava proprio qui alla Camera e deputati il trentesimo anniversario del così detto Progetto Spinelli
Il progetto di Trattato che istituisce l'Unione europea che Altiero Spinelli
Asiero Spinelli coraggiosa antifascista e fatte padre fondatore dell'Europa presentò
E riuscì a far approvare a larghissima maggioranza dal Parlamento europeo
Gran parte degli obiettivi posti da quel testo ritenuto allora da molti visionario ancora trovato concreta applicazione nell'attuale assetto istituzionale dell'Unione
Trent'anni fa
Quando molti di noi erano giovani o giovanissimi occorreva mostrare il passaporto per poter
Attraversare i confini nazionali
Non esisteva una moneta comune europea utilizzata da ben diciotto Stati le normative dei singoli Paesi erano spesso molto diverse tra loro
Oggi come dimostrano le storie raccontate in prima persona in un breve firma filmato che vedremo tra qualche minuto i cittadini europei possono vivere
Possono lavorare e studiare in tutti i Paesi dell'Unione europea godendo delle stesse condizioni e degli stessi diritti dei cittadini come gli Stati
E beneficiano della cooperazione giudiziaria che ha snellito procedure contenziosi un tempo lunghissimo estenuanti
Grazie ai contributi europei i centri storici di molti piccoli borghi sono stati riqualificati creando occupazione est e prospettive per il futuro ex-ante grazie ai contributi europei
Vengono tutelati paesaggio viene tutelato l'ambiente e le coltivazioni tipiche
Il progetto Spinelli ghanese sviluppato nei primi anni Ottanta quando l'Europa era ancora alle prese con gli affetti della crisi del mille novecentosettantatré
Oggi
Di nuovo l'Europa è chiamata a trovare a tornare al significato originario della parola greca Crisis ovvero Scelta ovvero decisione
Perché la situazione attuale con i grafici livelli di disoccupazione in particolare giovanile raggiunti in alcuni Stati membri dell'Unione richiede appunto di fare delle scelte
Richiede una nuova visione europea che ci sappia traghettare fuori dalle acque tempestose in cui ci troviamo e che ponga le basi per una crescita solida
Per una crescita duratura e per una crescita sostenibile
Una visione
Che parta da alcune domande cui rispondere senza preconcetti e senza pregiudizi
Le risposte date sinora possono considerarsi sufficienti
O dobbiamo false fare uno sforzo ulteriore per assicurare all'Europa un futuro che la veda di nuovo potrà agonista a livello internazionale
L'Europa può fare molto ma molto devono poter fare le istituzioni locali le istituzioni regionali
E anche quelle nazionali dei vari Paesi a partire dalle Assemblee elettive
Serve un progetto concreto fatto di misure che siano in grado di contrastare le spinte antieuropeiste laddove trovano terreno fertile per attecchire
è il terreno dove si diffonde la percezione che l'Europa sappia agire solo allo scopo di garantire il risanamento delle finanze pubbliche e la stabilità dei sistemi finanziari e creditizi
E con molto meno vigore per il rilancio della crescita e dell'occupazione o per condannare
Le violazioni dei diritti
Come ha sottolineato con grande chiarezza il Presidente della Repubblica italiana Giorgio Napolitano nel suo intervento al Parlamento europeo del quattro febbraio scorso non può più reggere una politica di austerità ad ogni costo
In altre parole un rigore incapace di valutare le sue conseguenze sociali e mette a rischio la tenuta stessa delle nostre democrazie perché legittima agli occhi dei cittadini
L'impatto delle misure volte a conseguire
Il risanamento di bilancio è stato infatti spesso devastante
Se in alcuni Paesi la sanità pubblica non è garantita
Se crescono i casi di mortalità infantile
E si ripresentano malattia scomparse da decenni se più di ventisei milioni di cittadine europee tra cui quasi un quarto dei nostri giovani non hanno un lavoro
Se oltre centoventi milioni di persone sono a rischio di povertà tutto questo vuol dire che nonostante i segnali di ripresa non è stato fatto abbastanza
Ed è necessario un cambiamento
Se allora oggi e soprattutto domani parleremo di diritti fondamentali lo faremo perché molti di questi diritti sono oggi minacciati in Europa
Un'Europa orientata da decenni verso un modello industriale insostenibile in termini ambientali e dove per questo motivo non sempre garantito il diritto alla salute
Una Europa dove la libertà di informazione non sempre viene adeguatamente tutelata un'Europa che non ha esitato a respingere persone in fuga dalle persecuzioni e dalle violenze
Se è vero che tutti gli stati membri devono garantire condizioni di accoglienza adeguate richiedenti asilo e rifugiati alcuni Paesi hanno l'onere aggiuntivo di dover salvare vite umane propri confini
O in mare aperto come accade nel Mediterraneo
Un'Europa in cui le conseguenze
Della crisi ha nominato il diritto ad una vita dignitosa per milioni di persone
Ed in cui si è aggravato il ricorso da parte delle aziende in difficoltà all'erosione dei diritti dei lavoratori o al trasferimento degli impianti industriali in Paesi con manodopera a basso costo
Un ricorso alla delocalizzazione che non compromette solo i diritti di lavatrice lavoratori ma anche i modelli di economia sociale di mercato
Che sono tipici del nostro continente e che dobbiamo salvaguardare
Per salvare
Dare un futuro al modello sociale europeo che oggi serve una svolta intendiamoci deve essere chiaro io penso che non dobbiamo abbandonare l'attenta gestione
E il risanamento dei conti pubblici perché si tratta dei soldi dei nostri concittadini il cui uso merita sobrietà e prudenza
Ma
Al necessario rigore è ora che si accompagnino misure in grado di favorire una crescita che sia sostenibile e duratura
Servono investimenti produttivi capaci di creare nuova occupazione e quindi di rilanciare i consumi
Serve un più consistente sostegno alla ricerca all'innovazione per restituire all'interno economia europea un ruolo di traino nella competizione globale
Dobbiamo farlo
Perché vogliamo migliorare le condizioni materiali delle persone ma anche perché vogliamo difendere i diritti e i valori di libertà che sono alla base della Costituzione europea
Non possiamo dimenticare infatti che la crescita della povertà
E delle idee disuguaglianze in molti Paesi membri è stata alla base dell'aumento dell'attenzione sociale e del conseguente ricorso sempre più massiccio all'incitamento all'odio on è of line
E dalle a violenze nei confronti delle donne delle minoranze etniche dei migranti e dei rifugiati delle persone LGBT
Un ricorso alla retorica xenofoba e omofoba che troppo spesso Contarp già anche la renna della politica nazionale ed europea
L'Unione europea si trova oggi di fronte a un paradosso
Il rispetto delle regole dello stato di diritto e dei diritti fondamentali fa parte degli obiettivi che gli Stati candidati all'adesione devono rispettare
Così come i diritti umani costituiscono Rahman parte integrante nell'azione esterna dell'Unione
Tuttavia
Cosa può fare concretamente l'Unione nel caso di violazioni tali diritti in uno Stato membro
O come direbbero i colleghi britannici come si può agire nei confronti vidi non aspira ad entrare mai già rende club nel circolo ristretto dei Paesi membri
E se il monitoraggio dei diritti fondamentali negli Stati membri avviene già anche grazie all'operato dell'Agenzia in materia come si possono prevedere meccanismi efficaci
Per garantire
Posto quell'azione quell'azione prevista invece nell'ambito del risanamento delle finanze pubbliche
è di soli due giorni fa la presentazione di una nuova importante proposta della Commissione europea salvaguardare lo stato di diritto nell'Unione europea
Una proposta che risponde proprio a questi quesiti e che prevede un meccanismo rafforzato
Di monitoraggio delle cosiddette disfunzioni sistemi che dello stato di diritto prima dell'attivazione dell'articolo sette del Trattato sull'Unione europea da molti criticato
E si criticato sino ad oggi per la sua sostanziale inefficacia
Nei prossimi mesi è prevista inoltre l'adesione dell'Unione Europea alla Convenzione europea dei diritti dell'uomo
I cui effetti in termini giuridici saranno molteplici e che rafforzerà
I distretti legame tra l'Unione il Consiglio euro l'Europa
Consiglio d'Europa che tra poco più di un mese festeggerà sessantacinque anni di attività incessante in favore dei diritti umani nel nostro continente che voglio ringraziare per l'importante lavoro che ha svolto
E che continua a svolgere
Al di là dei diversi approcci e delle diverse proposte oggi essenziale agire
Nella della credibilità dell'Europa sulla scena internazionale e soprattutto nei confronti dei propri cittadini
A cui si deve poter dire l'Europa non si occupa solo di bilanci l'Europa a tutela i vostri diritti
Si deve anche dire infine che l'Europa si avvicina i propri cittadini aumentando il carattere democratico delle proprie istituzioni permettendo ad esempio
Ai cittadini di scegliere votando alle elezioni europee anche il candidato alla carica di Presidente della Commissione europea
Per fare questo dobbiamo essere in grado come sottolineava l'inizio del mio intervento di proporre una visione
Che consideri tutti i Paesi membri come paritari e che permetta all'Europa intera di ripartire appianando i dissapori e quelle recriminazioni tra Stati membri che troppo spesso la flicorno
Un progetto che soprattutto
Ridia speranza un progetto che ridia speranza e milioni di persone che oggi sono senza lavoro e ai nostri giovani
Un progetto che metta al centro l'anima sociale dell'Europa
Mai come adesso il Progetto di integrazione è stato a rischio noi siamo qui perché vogliamo salvarlo anzi vogliamo rilanciarlo
Ma sappiamo bene che l'Europa avrà un futuro unitaria democratico solo se sarà in grado di dare risposte convincenti a chi più di altri paga il costo della crisi
Come ebbe a dire nel mille novecentoquarantanove
Un grande leader dell'Europa democratica Winston Churchill parlando dell'Europa unita i pericoli che ci minacciano sono immensi ma immensa e anche la nostra forza vi ringrazio
Bene allora inviterei il Presidente membrana chissà prendere la parola
Non so cosa del genere provvederà
Che è approvato con il Kosovo rilevo
Che riaprono elettricità alle che esuli adesso
Quasi tutti ma che le parole bisogna riuscire a
Che Schiccheri sin dalle ferie
Ma capite Felle
Presso la sua casa euro nessuna sicché se le scritture private sullo smog autostima di cose amate sull'ennesima stia species
Faenza l'arma Hassine caro che marcare stesso tessutali che esso Alkeos che protesta
Vorrei ringraziare me con ringraziare la cara amica Polverini per questa importante iniziativa che ci dà modo di confrontare punti di vista e posizioni
Su una
Questione che oggi occupa ogni
Europeo pensante
Quando
Come lei ha già detto mesi fa durante la sua vita ufficiale ad Atene onorevole Boldrini ha lanciato l'idea di organizzare assieme questa conferenza
Sulle sulla situazione che si è venuta configurando in Europa oggi ma anche su ciò che il futuro
Ci riservo da subito chi mi ha colpito l'ho fatto nella convinzione che i nostri Paesi che si avvicenderanno
Alla presidenza dell'UE saranno
Più forti dei loro voci avranno maggiore risonanza soprattutto in un periodo nel quale andiamo verso le elezioni europee
Quelle che leggeranno il nuovo Parlamento europeo e io ritengo che l'obiettivo della nostra riunione
Non sia quello di
Gareggiare
Quindi
Posizioni era etiche sovversive irrealistiche che e che anzi possono ulteriormente allontanare i cittadini europei
L'obiettivo di questa conferenza deve essere di porre le basi
Di una riflessione seria e concreta sul futuro dell'Europa
Della nostra generazione ma anche
Delle nuove
Generazioni quelle che verranno una base sulla quale si possa eventualmente sviluppare una serie di idee di politiche che abbiano al centro l'uomo il cittadino
La dignità umana
Tutto ciò che noi
Che tutti coloro che noi dobbiamo servire come ha già detto la Presidente già
Abbiamo avviato un ampio dialogo in vista delle elezioni europee e
Ci lasciamo dietro una veniamo da una crisi che troppa dovuto affrontare
Nella quale molti processi istituzionali e molte istituzioni sono state stati messi in dubbio
In molti Paesi d'Europa specie in quei Paesi
In cui sono stati attuati programmi di politica di risanamento finanziario
E devo dire che tutte le forze politiche che credono nell'Europa a prescindere dai loro punti e dai nostri differenti punti di partenza ideologici possono
Discutere e convenire sul modo in cui si può creare questa Europa del futuro che vogliamo e che sarà al servizio dell'uomo
E dei nostri principi in queste elezioni europei dunque allinea di discriminante entra tutte quelle forze che vogliono l'Europa
Che ritengono che la soluzione sia più più Europa un'Europa migliore e le altre
Forse estreme populiste
Che ritengono che l'Europa non abbia futuro tecnico quale la linea di discrimine e non
Gli abituali Iddio lo GE tradizionali perché noi nel Parlamento europeo con la
Concertazione democratica con i regolamenti
Possiamo metterci d'accordo e trovare un quadro di intesa sul modo di andare avanti perché tutti crediamo in un'Europa migliore in più democrazia dovremo quindi
Affrontare ecco perché traccio questa linea di discrimine in questo dialogo che si è già avverto sulle elezioni europee
Ecco perché dovremo tracciare questa linea rispetto
Agli atteggiamenti estremi di chi non si sente che non è europeo vorrei anche sottolineare che in queste elezioni europee la partecipazione dei cittadini sarà estremamente importante sottolineo questo
Perché
In molti Paesi tra cui la Grecia
C'è l'abitudine che alle
Euro
I cittadini esprimano un voto di protesta nei confronti della politica dei loro Governi e non invece un voto di creazione per il futuro
Di creazione di un'Europa migliore che tutti si possa costruire assieme
Si crea così un'atmosfera interna nazionale in ciascuno Stato membro in cui si discute se la politica nazionale sia quella corretta o meno
E
Il voto finisce per non riguardare più le posizioni delle forze politiche sul futuro dell'Europa ecco perché tutti noi siamo obbligati
In base allo scetticismo o ai problemi che ci si presentano
Ma credendo che il futuro stia in più in Europa siamo obbligati ad avviare un dialogo diretto con i cittadini convincerli a partecipare al voto
Isolando i comportamenti estremi attraverso un voto non di protesta Mantica fiducia in un'Europa migliore
Ecco perché
Dobbiamo rispondere in modo convincente agli interrogativi che ci pongono soprattutto le nuove generazione come cominciato il nostro partenariato come cominciata la famiglia europea
Come ci siamo evoluti con il passare del tempo a che punto siamo oggi quale sarà il domani siamo davvero
Ormai siamo davvero orgogliosi dell'edificio all'interno del quale oggi conviviamo
Sessanta anni fa
Gli iniziatore di questa impresa ispirati costruirono
Una casa della democrazia europea dalle solide fondamenta si trattava dei valori umane i principi comuni a tutta Europa con al centro la società civile la sua dignità che la sua coesione con l'andar del tempo
Questa casa sia ingrandisce innalzata com'era inevitabile ma anche giusto ha fatto questo
Ma strada facendo ci siamo disinteressati delle fondamenta
E oggi constatiamo che l'intero edificio non è più sicuro non è e instabile non è più come lo volevamo
Tutti noi ci siamo lasciati fuorviare da una prosperità dimostratasi illusoria e abbiamo creato grandi aspettative nelle nuove generazioni abbiamo visto soltanto l'albero
Della
Dell'impressionante crescita degli indicatori economici ignorando però la foresta che stava dietro
Oppure credendo che questo bosco
Automaticamente si sarebbe messo in movimento per seguire l'albero e invece la la foresta
Afferma e non è una foresta immateriale una foresta di uomini di famiglie
Dice disoccupati
Con dei bisogni che siano europei o migranti e incide sul loro tenore di vita
Ma riguarda anche il nostro impegno di dar loro
Sicurezza di migliorare le loro condizioni di vita loro ci avevano creduto loro avevano creduto in noi per anni che oggi
Ci stiamo deludendo perché non abbiamo mantenuto le nostre promesse
E non è un caso che il graduale svilirsi della politica da noi seguita finora abbia allontanato i cittadini europei
Ogni cittadino sente l'Europa come qualcosa di remoto come un male
Necessario
Mi sembra abbastanza remoto anche il Parlamento europeo la crisi finanziaria ha imposto l'adozione di politiche di Bilancio restrittive
Per
Porre rimedio ai difetti strutturali dell'architettura dell'unione economica e monetaria
Per salvaguardare la stabilità finanziaria e creare le premesse di un ritorno graduale a delle finanze pubbliche sostenibili
Ma la portata dell'intensità della crisi così come i livelli di recessione disoccupazione che ne sono seguiti hanno scosso la fiducia di una
Gran parte della cittadinanza della troika il Consiglio oggi riconoscono gli errori commessi nei programmi di applicazione che noi
Avevamo accolto
Tutto ciò ha scosso la fiducia dei cittadini nella capacità delle istituzioni di
Delineare e attuare politiche economiche SI e sagge
Nel contempo l'imposizione di queste politiche di rigore di severa disciplina finanziaria
Senza che non sono state spiegati per i cittadini ha avuto un forte contraccolpo sulla coesione sociale specie in Paesi come i nostri che hanno vissuto sulla propria pelle l'applicazione dei programmi delle conseguenze della crisi
Non bastano le costatazione concorrenza reagire rapidamente in vista proprio delle elezioni e
Di questi due Misiti confronto che abbiamo davanti questo è il momento della svoltasi a questo punto
Che sì si pone la posta in gioco per l'Europa
è una posta in gioco che riguarda la competitività lo sviluppo l'occupazione della stabilità e il benessere di tutti principi che tutti noi condividiamo e che vogliamo sostenere
Per raggiungere questo obiettivo l'Unione europea vede anzitutto
Riaffermare la sua missione e ritrovare la sua credibilità nella mente e nella coscienza dei cittadini europei
L'Europa
L'Unione europea oggi è chiamata
A salvaguardare la propria stabilita economica e finanziaria attraverso l'approfondimento dell'unione economica e monetaria promuovere politiche di impulso alla crescita per debellare la disoccupazione tra l'altro potenziando le sinergie tra migrazione e sviluppo
E
A ripristinare la liquidità e la capacità di contrarre prestiti dell'economia reale in particolare della piccola e media impresa
Il principio di fondo che deve guidare le nostre azioni d'ora in poi il rafforzamento della partecipazione della società e dei cittadini all'elaborazione dell'epoca delle politiche degli indirizzi dazione dell'UE
In questioni che riguardano la quotidianità del cittadino l'insicurezza e la società la ripresa economica la crescita dell'occupazione
Ciò non significa
Che si
Accantoneranno
Le politiche di superamento delle carenze strutturali dell'architettura dell'euro zona
E in particolare l'approfondimento del lupo emblema
Occorre dare particolare importanza al rafforzamento della legittimità democratiche della responsabilità dell'UE davanti ai cittadini questo deve essere l'asse portante della costruzione graduale della democrazia europea
Dove il cittadino avrà un ruolo e la partecipazione maggiori al processo decisionale
Il pensiero dominante dev'essere il rilancio dell'UE comunione forte della sua coesione e solidarietà ma anche la sua capacità di risposta alle esigenza i problemi di vita quotidiana dei cittadini
Proprio a questo punto penso che si debba
Porre la questione di autocritica
Di noi Parlamenti nazionali dei Paesi membri dell'Unione perché Nori come Parlamenti nazionali diamo alle nostre responsabilità dobbiamo ammettere
Che come rappresentanti diretti dei cittadini molte volte abbiamo perso tempo molto allungo anche noi siamo andati avanti spensierata mente in un'atmosfera di
Opulenza che alla fine si è dimostrata fittizia ci siamo affidati oggi chiusi e i nostri Governi
Che in certi casi avevano un carattere prettamente tecnocratico e alla burocrazia di Bruxelles
Non
Trascuro il ruolo dell'esecuzione degli esecutivi delle burocrazie ma non possiamo trascurare il ruolo capitale che avremmo dovuto svolgere come primi ricettori dell'inquietudine dei cittadini
La loro inquietudine è il frutto del peggioramento delle loro tenore di vita a causa delle violente misure ostenta che sono state imposte e questo deve cambiare subito
Il prima possibile e mi fa piacere rivedere oggi qui presenti in molti presidenti dei Parlamenti nazionali
Che
Durante
Rinnovo incontri
Hanno discusso proprio di questi
Temi e stiamo cercando con loro di riorientare il ruolo dei Parlamenti nazionali che dovranno
Aprire cento un ruolo diverso da quello del Parlamento europeo ma deve e dovrà essere il ruolo di
Cresce impropriamente complementare quindi dobbiamo collaborare con le Commissioni con i colleghi del Parlamento europeo e anche noi dunque
Dovremo svolgere un ruolo determinante sull'elaborazione delle politiche specie in quei settori che hanno un'incidenza diretta sui cittadini ed esperienza personale credetemi
Io ritengo che
Sai la vinti nazionale avesse avessero discusso di più contribuito maggiormente all'elaborazione dei programmi
Che dovevamo seguire molti degli errori che ormai sono stati riconosciuti molto probabilmente sarebbero stati evitati i risultati sarebbero stati migliori e minori
Come persone in comunicazione con i cittadini avremmo saputo dare risposte più convincenti
Non possiamo lasciare l'esecutivo senza minimizzare il suo lavoro non possiamo lasciare l'Esecutivo andare avanti con la burocrazia i tecnocrati limitando i Parlamenti nazionali
Ha un ruolo di
Semplice ratifica
Dobbiamo partecipare
Nel modo migliore a questo dialogo offrendo la collaborazione necessaria riconosciamo che molte decisioni vanno prese intenti presi
Il i dibattiti in sede parlamentare spesso sono lunghi
Ma il potere esecutivo può intese
Prendere
Queste decisioni in base alle circostanze questo lo riconosciamo ma
Allo stesso tempo i Parlamenti nazionali devono poter partecipare a questo processo
E da vere
La migliore sinergia e collaborazione possibile con il Parlamento europeo anche oggi nell'occhio del ciclone della crisi che stiamo attraversando
Per me e una felice coincidenza che al timone della Presidenza del Consiglio di Tropea
Si trovino una dopo l'altra la Grecia e l'Italia
Due paesi che hanno duramente sperimentato alle conseguenze della crisi crisi per la quale
Non siamo responsabili forse abbiamo pagato perché l'abbiamo eravamo più deboli perché non avremo non avevamo corretto certe patologie
Ma incerto che non è responsabilità nostra questo lo riconoscono tutti il due mila quattordici è un anno di importanti cambiamenti e di avvio di politiche nuove e dell'Unione
Ecco perché è importante questo nostro confronto odierno in primo luogo segnati l'inizio del nuovo periodo
Macro economico settennale con l'attuazione del nuovo quadro finanziario pluriennale
Due mila quattordici due mila venti a maggio come ho detto si svolgeranno le elezioni europee
Mentre ottobre saranno nominati i nuovi membri della Commissione europea e a novembre avremo l'insediamento del nuovo Presidente del Parlamento europeo oltre che della Commissione europea quindi
Per il due mila sei due mila quattordici
E anche
L'anno
Del della valutazione intermedia della Strategia due mila venti e sarà
Caratterizzata anche dalla prosecuzione degli esposti sforzi di approfondimento dell'unione economica e monetaria le nostre due presidenze successive si svolgono quindi in un periodo di importanti cambiamenti
E esordi e il nostro compito
E il dovere adoperarci e collaborare affinché questo momento storico questo momento di transizione
Si sviluppi con la massima regolarità ed efficacia possibile ponendo ASI sono utili per i prossimi anni
è importante anche il fatto che entrambi i nostri Paesi situati nell'Europa meridionale siano le principali porte d'accesso dei flussi migratori nell'Unione europea
Siamo Paesi che sperimentano talvolta ad amare conseguenza di questo afflusso massiccio di migranti nei nostri paesi e spesso siamo stati entrambi oggetto di critiche
Anche in giuste da parte dei partner e organismi internazionali della risposta
Ha una immigrazione illegale di massa e questo in un momento in cui i nostri paesi sono entrambi vittime di un quadro istituzionale sbilanciato istituito in altri tempi in circostanze da in più felici
Le situazioni precarie nel vicinato dell'Europa combinate al mantenersi le cause generatrici dei flussi migratori verso l'UE aumentano la pressione che siete esercita sugli Stati membri
Il modello poi di crisi economica come questa
Questo è un periodo in cui tutte le forze delle energie dovrebbero essere indirizzate alle riforme della salvaguardia della stabilità e il rilancio della crescita di spesa di questa pressione ricade principalmente sono stati membri situati alle frontiere esterne dell'UE Paesi già colpiti dalla recessione dalla disoccupazione
Sono certo che le nostre due presidenze dichiarano il loro impegno
Apporre in evidenza gli aspetti positivi di una gestione globale europea del fenomeno migratorio al servizio dello sviluppo
E sono certo che si adotteranno intensamente anche sul piano umanitario come giusto e ci adopereremo per
Mette in luce tutte le dimensioni delle politiche migratorie e della mobilità agendo anche per circoscrivere l'impatto delle migrazioni illegale sull'economia la coesione sociale stabilità politica del resto l'Istituto sviluppo
Dello spazio di libertà sicurezza e giustizia sempre costituito uno degli obiettivi fondamentali dell'UE
L'Europa di oggi esposta molteplici sfide il rafforzamento di una politica comune europea settori della giustizia dell'affari interni politica che si fonda sulla vera
Solidarietà la con responsabilità e la cooperazione tra gli Stati membri questo rafforzamento è più necessario perché è una
Cari amici signore e signori
Vorrei nuovamente ringraziare le autorità del Paese amico che ci ospita
Congratularmi con la Presidente Boldrini Presidente della Camera dei deputati
Per
La veridicità organizzazione di questa Conferenza che ritengo
Che questa tribuna di dialogo
Contribuirà in questi due mesi
Ad alimentare le riflessioni di tutte le forze che credono all'Europa andiamo avanti assieme il nostro problema ormai non è più se siamo più o meno liberali più o meno socialisti piuttosto se
Riusciamo a unire le forze di coloro che credono nell'Europa
Nei confronti del populismo e degli estremismi che minacciano minacciano il futuro delle
Generazioni a venire non è mai troppo tardi
E anche se tardi quando devi rendere conto alle generazioni a venire deve stare in piedi e dare battaglia
Penso che daremo questa battaglia e la vinceremo il futuro ci appartiene vi ringrazio
Grazie Presidente ne narra chissà per aver
Con forza rimesso al centro il ruolo dei Parlamenti ed è lei al Presidente del Consiglio dei ministri una carenza di intervenire prego
Signor Presidente della Repubblica
Signora presidente Boldrini signor Presidente mi magari signor Presidente Grasso autorizzato tutte con grande gioia che uniscono il saluto del Governo italiano a questa iniziativa quando la Presidente Boldrini
Quando incontrato per la prima volta nelle vesti di Presidente incaricato la Presidente Polverini appena ricevuto l'incarico dal Presidente della Repubblica di trovare a formare il nuovo Governo
E la superbia sottolineato l'importanza di questo appuntamento io lì per lì avevo in testa più i Ministri da scegliere che non il convegno ma in realtà c'è un collegamento tra
La nascita di un Governo nell'orizzonte di un Governo e questo vostro momento di approfondimento che richiama le ragioni costitutive dell'Europa nei giorni scorsi
Alcuni istituti italiani hanno mostrato un sondaggio
E il due mila e nove il cinquantaquattro per cento degli italiani
Aveva molta o abbastanza fiducia nell'Europa
A distanza di cinque anni la percentuale è crollata al ventotto per cento
Cos'è accaduto
Qualcosa è accaduto e qualcosa forse non è accaduto è accaduto che c'è stata la crisi appresi
Ente vuol dire inizia opportunamente ricordato come questa parola venga proprio dal greco abbiamo votare mini senza delle versioni di Trino osservare giudicare e valutare discendere no
La crisi quindi come ha fatto non negativo di per sé ma come occasione per approfondire per
Vivere con maggiore profondità
è questa crisi però non è soltanto una crisi dell'Europa
Anche una crisi della rappresentanza è una crisi delle istituzioni politiche dei partiti anche dei Parlamenti come è stato segnalato nei primi interventi di questo oggi la crisi dunque come elemento
Caratterizzante il crollo di consenso che le istituzioni europee hanno avuto per esempio presso i cittadini italiani naturalmente la crisi economica come fattore
Fondamentale ma dall'altro c'è anche stato non soltanto c'è stata la crisi
Ma è mancato qualcosa accanto a quello che ci stanno dobbiamo sottolineare come sia mancato
Il fatto di consentire da parte di tutti noi dissi ai cittadini di sentirsi parte di un destino comune
L'Europa è stata ed è la più grande scommessa politica del dopoguerra in tutto il mondo non soltanto del nostro continente
La creazione di istituzioni europee laddove per anni decenni e secoli si era combattuto
è la più straordinaria responsabilità di una generazione che ha avuto il coraggio di una visione lungimirante noi abbiamo smarrito il senso di questo
Progetto eppure anche l'Italia sa perfettamente che quando un Governo riesce a indicare
L'orizzonte europeo come opportunità lo dico qui in presenza del Presidente Romano Prodi i cittadini sono nelle condizioni di seguire di fidarsi di affidarsi
Facendo sacrifici per ottenere il risultato noi abbiamo smarrito questo
Noi abbiamo smarrito forse questo filo che l'elemento fondamentale della politica allora a nome del Governo italiano voglio dire che ringraziandovi per la l'opportunità del confronto il Governo italiano rispetto a tutti gli impegni
Che ha con l'Europa ma in più grande impegno che ha con l'Europa non è soltanto un impegno economico è l'impegno di mantenere forti quella tradizione quella radice
Che risale al sogno degli Stati Uniti d'Europa di Spinelli ma che ha visto intere generazioni combattere per dei valori condivisi a fondamento di un disegno comune il primo impegno che noi vogliamo rispettare che l'Europa sia l'Europa dei cittadini
L'Europa dei popoli d'Europa delle speranze non soltanto l'Europa dei vincoli
Perché questo accada
è del tutto
Naturale che ciascuno di noi faccia uno sforzo lo faccia governi lo faccia nei Parlamenti uscire da un'idea bisestile della politica europea per cui una volta ogni quattro anni o forse più correttamente una volta ogni cinque anni
Affidiamo con il nostro voto
Un mandato e poi gli altri tre anni e undici mesi se ne occupano i tecnici
Noi abbiamo bisogno di dire che la politica è quella straordinaria forma di servizio per la quale l'Europa diventa il luogo quotidiano del nostro agire e usciamo dal derby ce lo chiede l'Europa o non ce lo chiede l'Europa
Amici rappresentanti degli altri Parlamenti l'Italia vuole tenere i conti in ordine non perché lo chiedono i vostri capi di stato di governo
L'Italia vuole tenere i conti in ordine perché lo chiede la nostra dignità verso i nostri figli
Ma contemporaneamente sappiamo che tenere in ordine i conti non basta se non c'è un valore più grande del valore economico che il valore civile
Morale politico e mi permetto di dire con un'espressione laica spirituale che ha unito i popoli opera in questo percorso ecco perché
Nel semestre che avremo l'onore di guidare il nostro obiettivo non sarà tornare a discutere di riforme che dovrà fare il nostro Paese al proprio interno vogliamo arrivare a quell'appuntamento
Dopo un pacchetto molto forte di riforme che il nostro Parlamento affronterà nel corso delle prossime settimane di cui
Già da adesso e ringrazio la presidente Boldrini al Presidente Grasso oltre che le deputate e deputati le senatrici e senatori
Noi vogliamo arrivare sembrassero però raccontando che cosa noi chiediamo all'Europa vogliamo un'Europa che sia capofila della cittadinanza digitale
Vogliamo un'Europa che sia capace di affrontare la politica estera non solo in queste ore nella drammatica vicenda Ucraina
Ma che sia capace di affrontare il tema del Mediterraneo e la Grecia e l'Italia lo sanno bene come il luogo naturale non confine dell'Europa ma cuore del nostro continente
Vogliamo un'Europa che sia nelle condizioni di affrontare fin dal prossimo Consiglio
I temi di una relazione diversa tra clima Energia e competitività industriale ecco l'Europa che noi immaginiamo e per questo
Ringraziando di di nuovo vorrei prendere un impegno che è quello che mi ha fatto venire in mente il Presidente ne Maracchi su quando ha sottolineato come il futuro ci appartenga
Un grande europeo che non ha svolto il suo servizio nelle istituzioni europee a chi l'ha svolto nelle istituzioni internazionali come
Il Segretario Generale delle Nazioni unite da a maschio hold
Quando nel suo diario tracce di cammino che è un diario molto bello quando parla del rapporto tra passato e futuro cioè di un rapporto in cui Grecia Italia sono
Coprotagonisti per motivi non soltanto culturali utilizza un'espressione che credo sia molto bella dice al passato grazie
Al futuro sì
Io credo che questo sia anche lo spirito con il quale tutti i partner europei ma soprattutto Italia Grecia hanno oggi il dovere di relazionarsi fronte alle istituzioni europee
Al passato del nostro passato fatto di
Valori fatto di
Granitici punti di riferimento grazie
Grazie perché l'elemento che ci caratterizza mal futuro si noi non abbiamo paura di dire che scriveremo ancora una pagina significativa della nostra storia se saremo capaci di dire
Che in futuro che ci riguarda il che ci appartiene è un futuro che vogliamo costruire nel non subire grazie e buon lavoro
Grazie Presidente mattina Renzi adesso passerei la parola al Presidente del Senato della Repubblica Piero Grasso
Signor Presidente della Repubblica
Autorità colleghi
Questa
Conferenza internazionale sul valore dell'Europa pone
Questioni cruciali per il futuro dei nostri Paesi
Oggi
Più che mai la costruzione europea e a un punto di svolta direi quasi è sotto assedio
Deve fronteggiare questioni epocali
La crisi economica e finanziaria più volte ricordata le migrazioni la criminalità organizzata l'instabilità geologi o politica alle nostre porte causato
Da conflitti povertà terrorismo
Ed è minacciata da nazionalismi populismi e da sentimenti di disaffezione sfiducia nei confronti
Di un progetto a volte purtroppo percepito
Come lontano dagli ideali iniziali incapaci incapace di garantire
Un futuro un benessere ai cittadini
La crisi economica-finanziaria degli ultimi cinque anni che come è già stato ricordato non è nata in Europa ha comunque evidenziato
Alcuni dei nodi irrisolti nell'edificio istituzionale dell'Unione
Lei istituzioni
Europee si sono mosse
Con una certa esitazione e linee
L'ineludibile necessità
Di preservare la moneta unica e il mercato interno ha determinato misure
Di emergenza la cui accettazione da parte dei cittadini europei è risultata quanto meno controversa
La campagna per le elezioni europee del venticinque maggio prossimo si apre così in un clima di disorientamento
Che rischia
Di far dimenticare ai nostri cittadini europee io enormi progressi realizzati in un progetto appassionante che proprio qui a Roma
Ha mosso i suoi primi passi
Grazie all'Unione europea non dimentichiamolo
Il continente ha vissuto un periodo di pace e di stabilità prima inimmaginabili
E io sono fermamente convinto che per superare le difficoltà noi abbiamo bisogno di più Europa di più Unione
Economica ma anche e soprattutto politica
Non del contrario
L'unione europea non deve arretrare
Ma deve svilupparsi affermarsi sempre più come presidio di quei principi di libertà eguaglianza giustizia solidarietà così
Faticosamente emersi dalla barbarie delle guerre
Del dei totalitarismi delle persecuzioni
Sul tema cui è dedicata alla prima parte di questa Conferenza la prima sessione dei lavori
Crescita e occupazione
Il Parlamento italiano ha approvato con le maggioranze molto ampie
Alla vigilia dei Consigli europei risoluzioni che richiamano la necessità di un vero salto di qualità nel governo economico dell'Unione
Le misure di contenimento della spesa pubblica
Se non adeguatamente bilanciate da misure capaci di stimolare la crescita rischiano
Di creare un profondo divario
Tra agli Stati membri eh di alimentare sentimenti
Di lontananza direi quasi di ostilità da parte di cittadini nei confronti
Del Progetto del sogno europeo
Noi siamo convinti che occorra mantenere un percorso di integrazione unitario ed armonico per tutti gli Stati membri
Il semestre
Di presidenza italiana dell'Unione si terrà
è già stato ricordato durante la delicata fase di transizione delle istituzioni
Europee e auspichiamo
Che in continuità con il semestre di presidenza greca
Esso segni l'avvio di una legislatura europea di vero costante progresso
Per rispondere anche agli interrogativi posti dalla Presidente Boldrini occorrerà
Porre al centro del nostro impegno certamente l'occupazione giovanile
Ma anche la politica industriale la politica energetica lo sviluppo sostenibile tutte questioni cui sarà dedicato anche l'Expo di Milano del due mila quindici
La capacità dell'Unione di governare e non subire passivamente le trasformazioni degli equilibri mondiali richiederà anche un rilancio della presenza del peso dell'Unione nel mondo
A cominciare dal grande
Terraneo
Di cui al punto Italia e Grecia sono parte infondo ambientale dai confini orientali del nostro territorio
Proprio per promuoverli stabilita democrazia diritti e sviluppo
E per assicurare
Risposte
Solidale solidali e collettive I fenomeni fra cui quello migratorio
Fenomeni che investono i Paesi membri come l'Italia esposti proprio per la loro posizione geografica
Si dovranno inoltre
Rafforzare a mio avviso le strategie gli strumenti dell'Unione nel confrontarsi con fenomeni criminali che corrodono che inquinano le nostre democrazia e le nostre società
Con
Un rinnovato impegno
Contro la corruzione la criminalità organizzata l'economia criminale
Anche
Attraverso misure di aggressione ai patrimoni illeciti e attraverso la difesa degli interessi finanziari dell'Unione europea tramite la Procura europea
Non mi sfugge
Il nesso strettissimo che lega
La prima sessione di questa Conferenza con
La seconda quella di domani quella dedicata all'effettività dei diritti fondamentali dell'Unione europea
In un momento di forte smarrimenti
L'insofferenza sociale per milioni di cittadini europei è tanto più urgente e fondamentale ricordare sono le parole pronunciate
Non più tardi di un mese fa dal Presidente Giorgio Napolitano ha stravolto a Strasburgo è urgente ricordare che l'Unione non è solo un'aria di mercato comune di cooperazione economica
Ma una comunità di valori e con essa una comunità di diritto complessa e articolata nel segno della libertà e della democrazia
In questo nucleo di valori condivisi
Declinato da loro lato dalla nostra Carta dei diritti
Fondamentali
Che pulsa l'anima dell'Europa
Un nucleo ben presente nel coscienza dei nostri cittadini che grazie alla spinta della normativa europea si vedono riconoscere i diritti e nuove tutele
Ma anche
Capaci
Di esercitare un potere una potente attrazione del nostro spazio di libertà sicurezza e giustizia
Ne proprio nei confronti dei Paesi che stanno i confini dell'Unione
Il processo di integrazione ancorché inizialmente spinto da logiche obiettivi tipo economico ha il suo baricentro più zero
Più autentico nella dignità della persona nella democrazia dello stato di diritto
La realizzazione del mercato unico deve essere quindi un mezzo
Non il fine ultimo dell'Unione mentre
Il concetto di cittadinanza europea e legato indissolubilmente I diritti
Per concludere io credo
Che il meraviglioso sogno dell'Europa avrà appieno compimento quando sapremo dare attuazione completa al nostro Comune dovere
E mi piace usare
Le parole della norma che considero più bella della nostra Costituzione
Dare attuazione al nostro Comune dovere di rimuovere
Gli ostacoli di ordine economico e sociale che limitando di fatto la libertà e l'uguaglianza dei cittadini
Impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica economica e sociale
Di ognuno dei nostri Paesi
E dell'Unione nel suo complesso
Questa è
La nostra responsabilità questo
Sarà il nostro impegno grazie
Grazie Presidente grazie si concluderà con questa diciamo parentesi inaugurale io ringrazio il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano per averci onorato con la sua presenza
L'Asia Campagnaro il Capo dello Stato fra pochissimi minuti ricominceremo con il primo anello grazie
Continuiamo i nostri lavori presto si apre adesso la prima sessione
E il pannello sarà moderato dal vicepresidente del Parlamento e lei Nico Ioannis Braga Sacchi es
Prima di entrare nel merito
Delle tasse temi però vorrei vorrei un attimo di attenzione perché qui vorremmo mostrare un
Un video vedo molto bene di otto minuti in cui diamo la parola ai cittadini sono cinque persone che vivo dita diverse che vivono appunto in Paesi diversi e che hanno
E che hanno potuto come dire sperimentare sulla loro correzione i vantaggi dell'Europa
Il video dura otto minuti e poi iniziamo con il panel grazie
Tentando di fare inimmaginabile che lo studente potesse iniziare un percorso in un Paese continuarlo in un'altra magari concluderlo in un un terzo
Grazie all'Unione europea
Comune di San Marco degli appunti ha vissuto un piccolo Rinascimento economica e culturale
Cento nella
Fondamentali mi sembra che voglio però abbiamo bisogno del permesso di soggiorno
Poi sono stati fondamentali
Gli oggetti della serra Wertmuller nel più il muro interna il paio
La parola d'ordine in questi anni questa semplificare in procedimenti giudiziari alcuni elementi internazionalizzato
Favorire l'accesso alla giustizia
Tutto la mia nel mio primo contatto con all'Europa l'attestazione della progetto Leonardo da un progetto di mobilità per l'Unione europea
Gli ha permesso di passare cinque settimane cammino nel sud dalla Francia
Preciso così di andare a Padova Ferrara nel corso di laurea triennale nastri internazionali ed europei il terzo anno decido io trasformarlo in Erasmus a Strasburgo considerata una delle capitali europee
Il passaggio logico è stato quello
Per continuare il mio percorso negli studi europei quello di venire
Qui a Bruxelles
Studiare
Diciamo
Di
Di persona sul posto scusate sono le istituzioni comunitarie quali dinamiche politiche
Sottostanno all'istruzione punta
Io sono
Ricoveri
Che convinto che
L'Erasmus sia
Lo strumento che fino ad oggi ha fatto l'Europa più gira
La mobilità degli studenti e sicuramente il maggior successo e io personalmente ne sono
La dimostrazione meno usufruito fino
Quanto possibile
Noi
L'Europa
Ora come ora la dimensione minima
Lo sa il mondo era sta benissimo Massimo
San Marco dei Capote un paese in provincia di Benevento nella regione Campania di tre mila seicento abitanti
Abbiamo attinto fondi dalla programmazione due mila due mila sei per un importo di sette mezzo di euro
E la programmazione due mila sette due mila tredici per undici milioni
A
Gli interventi hanno riguardato prevalentemente il settore
Agricolo il recupero del centro storico e a attività a sostegno delle imprese ed iniziative culturali
La possibilità di sfruttare il fondo europeo ha determinato un cambio di mentalità sia nella pubblica mi
Simone che nel degli imprenditori e dei giovani imprenditori che hanno ha avuto la possibilità di accedere a questi finanziamenti
Europa asse Marco significa sviluppo significa progresso significa
Tra la speranza per per il futuro
Fondi no o
Lì e individuava nominata sotto
Di
Il cantante no Michelina studierò togliesse cittadino
Inevitabilmente venisse
Un quindi sono trasferiti Tosato serenità dieci n al mondo del lavoro
In campo medico e
Di Sangalli mandasse un argomento
Basita dieci
Possibile lavora slittati eccetera condizionamento è acquisita venire un'assistenza sanitaria sei si è discutibili puntualmente stesso giorno
Avvocato all'Italia
Leggenda in ogni
All'assistenza medica ma nemmeno in questa logica unioni anch'essi stessi debbano utilizzare i sistemi
Ed ogni evenienza immagini italiane quando ad aprile
Lei è anche un mese
Niente vacanza
Bella domanda scuola italiana
Con costo praticamente zero
Facoltà avemmo giudizi
Di
L'iscrizione per l'assicurazione
Elenca
è insieme agli altri club degli italiani pare leggendo italiani farà sì che gli italiani
Disponibile
Straordinarie
La intendiamoci
Oltre alla buona volontà e gli obiettivi chiari volevamo costruire qualcosa semplicemente gli altri esperti fondamentale l'apporto di diffondere offre per due motivi uno finanziario che l'altro di Speroni dati i limiti entro cui realizzare il progetto e quindi per noi è stato
Il punto di svolta nel momento in cui è siamo cresciuti come impresa e anche come chiarezza
Fondi fondamentali piogge vedete da serra da
Termico il muro InterRail paio quelle vecchie strutture guardate sono diventati al nuovo carcere di reddito e attività multifunzionalità
Surrettizia
Quindi sostenibilità innovazione tradizioni
Reddito da terreni svantaggiati noi abbiamo puntato molto su questi concetti
Per riuscire ad impiantare una cooperativa agricola poli funzionali chi agisce non solo sulla coltivazioni ma su tutti i valori di cui abbiamo parlato preoccupante
E io non
Oggi verso
Come posso individuare insufficiente competente della
Controversia
Come può un imprenditore impegnando
Recuperare riterremmo nei confronti di un incremento il tedesco
Com'è possibile assumere
Nuova all'estero
Qualcuno il testimone risiede in un Paese diverso
Rispetto probabilmente intende il procedimento
Come è possibile offrire le il gratuito patrocinio
In un Paese diverso rispetto a quello
Di residenza
Pubblico
Ha dato una risposta
Tutto bestie domande
Come
L'ringrazio della videoconferenza relative Conferenza deve assumere le proprie alle ovvero
La possibilità l'ICI sessioni
Tiziano siano riconosciute siano eseguite
Induttivo altri Paesi d'Europa senza apparire intermedie
La mezzi nuovamente il presidente concordare elenchi Justice
Incontrarli della giustizia elettronica disponibile on line in tutte le lingue dell'Unione europea
Attraverso il quale di
Cittadini imprenditori gli operatori che in tutto
Ossa Contini e che li risposte facili
Sen ICI media è allego due domande
Quindi
Voce uno ovvia ovvero di rinvio indefesso lascia una flessione siamo arrivate alla prima
Sessione
Io
Farò qualche breve commento in greco quindi l'invito a utilizzare traduzione e poi darò la parola a nostri illustri
Oratore
Poi ci saranno
Le domande
Quindi il dibattito
E per il dibattito vi prego di consegnare alla segreteria i moduli di richiesta di intervento durante il dibattito
Attimi
Onorevoli presidenti
Delle due Camere del Parlamento italiano
Onorevole Presidente del parlamento greco
Onorevoli
Invitati
Per me un onore
Il compito che mi è stato affidato di moderare questa sessione a cui partecipano personalità della politica e della scienza
Permettetemi di definire questa riunione davvero cruciale per il momento in cui
Avviene il tema cruciale perché come dice il titolo stesso
Della riunione e sostenibile
Lo sviluppo che essi
Che poggia su posti di lavoro stabile se siamo d'accordo su questo dobbiamo o riconoscere che siamo ben lontani da questo obiettivo
Non solo ne siamo lontani ma
Ma l'austerità ormai
Per durante e
Intensa ci allontana ulteriormente da questo obiettivo e questo permettetemi di dirlo lo abbiamo imparato lo abbiamo sperimentato
Lo abbiamo visto in Grecia con
Ripercussioni sociali davvero dure da davvero forti
Occorre dunque creare spazio
Per
La discussione di nuovi approcci politici
Al di là dell'austerità
E dei dogmi liberali neo liberati del passato occorre discutere di riforme di nuovo tipo
Le quali ridistribuire hanno i pesi gli oneri
Rizzi ritorni porranno in vigore IPT libereranno forse oggi inerti delle nostre società
Spingeranno avanti la democrazia la solidarietà la cooperazione come contenuto di un nuovo modello di sviluppo il quale
Ritengo
Sia necessaria tutti noi in Europa
Però
Come ho detto anche il momento nel quale
Si svolge questo non solo al confronto è cruciale perché tra poche settimane come è già stato detto
Di cittadini europea dei saranno chiamati a votare
Non solo per partiti per persone ma anche per delle idee per dei valori per delle prospettive
E questo processo
Si combina con le fitte
Delle persone
Di coloro che fanno parte delle nostre società e di una Società europea tutta perché il futuro dell'Europa dipende dalla nostra capacità di rispondere in modo convincente al problema della
Disoccupazione dell'accumularsi del debito
Del
Ridursi se non del crollo dello stato sociale in alcuni Paesi
E quindi
Importante
Quello che ha detto all'inizio la Presidente Polverini perché i cittadini
Europei e soprattutto i giovani dovrebbero
Andare a votare
Io penso
Che la partecipazione dei cittadini europei soprattutto dei giovani a questo processo elettorale debba essere attiva perché
Anche se ci sono molte cose che bisogna fare nei singoli Paesi i problemi più
Cruciali esigono risposte comuni
A livello europeo ma anche direi mondiale il problema della crescita
Il problema della disoccupazione il problema
Della evasione fiscale che dei paradisi fiscali il problema dei cambiamento climatico e delle del tema della
Protezione di
Ambiente questo e molto altro può essere affrontati in modo più equo ed efficace in un orizzonte europeo ad una condizione che esista un'Europa della collaborazione non è un'Europa che punisce
Ok minaccia alcuni suoi membri in base a queste fatte queste considerazioni consentitemi di dare la parola al Primo latore l'ex Presidente della Commissione europea
Presidente Prodi prego
Signor
Presidente alla Camera Presidente del Senato Presidente del Parlamento greco
Ringrazio
Di essere stato
Invitato a questo importante
Riunione
In cui dobbiamo affrontare
In modo diretto in modo
Scienza
Falsi pudori del problema
Della
Alla città
Solida e sostenibile basata sulla buona occupazione quindi un obiettivo non certo minore
Ma protettivo anzi l'obiettivo più importante che noi abbiamo
Per
Uscire veramente dalla crisi
Una crisi che ammesso assolutamente a dura prova a fare il mercato del lavoro
Noi abbiamo
Avevamo un anno fa ultime statistiche
Oltre ventisei milioni di disoccupati e l'Europa lo conosciamo a una cifra superiore
Noi viviamo un tasso di disoccupazione che oltre il dodici per cento è soprattutto un tasso di disoccupazione
Fra quattro il cinque per cento superiore a quello che era precedente venti alla crisi cioè con un tasso di occupazione che negli ultimi anni è stato costantemente crescente
Soprattutto questo è il problema fondamentale che dobbiamo dibattere noi siamo
Contro una sulla crisi siamo arrivati ad un continuo aumento della disoccupazione di lungo periodo cioè dicono che viene definita la disoccupazione che dura oltre un anno
Che radici cooperazione più grave non è la disoccupazione nel passaggio da un lavoro all'altro ma è una disoccupazione stabile
Noi abbiamo
Quasi sei milioni che i disoccupati di lungo periodo
In più
Di quelle che vi erano nel due mila e rotti di euro
E attenzione che
Questa disoccupazione crescente ha colpito certamente i Paesi del Mediterraneo e quindi la Grecia e l'Italia ma non si è limitata al Mediterraneo anzi i Paesi che hanno registrazione più elevata disoccupazione di lungo periodo sono le storie l'Irlanda la Lituania e la Spagna cioè
Un problema Tito tutta l'Europa o di quasi tutta l'Europa e non solo un problema dell'Italia
Ora quando aumenta la disoccupazione di lungo periodo segue un fenomeno immediatamente collegata a questa cioè
Coloro che si presenterò al mercato del lavoro sono scoraggiati e quindi molti di loro già esistono prima di presentarsi al varcato stesso del lavoro
Questo ha come conseguenza un altro problema drammatico per la crescita europea cioè la diminuzione del tasso di attività
Del
Europa avevamo posto obiettivi molto alti nelle sia dalla strategia di Lisbona che nella strategia del
Cosiddetta venti venti venti in cui ci ponevamo il tasso disoccupazione al quattro per cento e il tasso di attività superiore al settanta per cento ci stiamo
Tremendamente allontanando da questi due due obiettivi e qui
Importante perché durante il semestre della presidenza italiana si comincerà a il processo di revisione
Essendo passati cinque anni da quando abbiamo stabilito questi obiettivi comincerà il processo di revisione degli obiettivi stessi quindi dobbiamo prepararci insieme
Per vedere
Che cosa quali obiettivi più concreti più chiari con quali strumenti possiamo raggiungerli nel futuro perché sia chiaro
Cioè dove abbiamo posto questi obiettivi ed è il primo punto che voglio sottolineare chi siamo posti questi obiettivi e non abbiamo costruito delle armi
Per poterli raggiungere gli strumenti per poterlo dire che abbiamo messo che gli obiettivi e poi
Si è lasciato che le cose andassero avanti da soli è quindi
Il primo problema è
Strumentale tali strumenti adatti agli obiettivi
Seconda riflessione
Le persone chi è stato più colpito in questa crisi
Non è vero che si che acquisissi sia distribuiti in modo equo sono state colpite più le persone a bassa scolarità
In tutte le statistiche la percentuale dei giovani disoccupati con istruzione primaria o secondaria a tre volte più probabilità di disoccupazione rispetto a quelle che hanno
Un livello
Di
Istituzione delle rate
Quindi tutti i discorsi che vengono fatti sulla eccessive istruzioni sul costo di questo sono
Basi sbagliati
Almeno dalle statistiche se noi abbiamo
E
Quindi quale la strategia in favore
Di
Una buona occupazione
Questi
Bisogna
Fare un'osservazione preliminare su cui forse parecchi di voi non saranno d'accordo ma che dai dati che ho in mano ed alla riflessione che faccio
Quello che più mi preoccupa noi stiamo vivendo una straordinaria
E positiva rivoluzione informatica non onore grande rivoluzione tecnologica ma
Che è diverso secondo me rispetto ad altre evoluzioni
Mentre ricorso dall'automobile di elettricità Ferrovie il telefono
Avevano uno distress niente
Un espulsione di Vallà dopo una prima fase l arrivassero perdono rapidamente questa rivoluzione tecnologica sembra essere una rivoluzione che espelle mano d'opera senza fine
Cioè questo processo di espulsione continua già dopo quindici anni che siamo impiegati questa rivoluzione
E lo fa in modo assolutamente diverso dagli altri
Non si chiudono grandi complessi o strutture concentrate ma è una rivoluzione che tocca tutta la società scompaiono le segretarie il contabili
Coloro che gli studi legali
Trovi precedenti coloro che lei delle in prese fanno contabilità e poi comincia degli impiegati delle banche e quando io chiedo I siano
Delle banche quanti saranno i loro dipendenti fra dieci anni quelle questi rispondono meno della metà di oggi
Cioè un processo l'altra settimana ce lo ha sul Financial Times addirittura con una
Probabile scomparsa di
Di quella che è stata la professione più più scettici più più più diffusi in questi anni Ciocan degli analisti ed enti
E dei costruttori di modelli finanziari perché amateur computerizzazione riesce
A provvederei anche a questi casi
Discorso conclusivo di questa analisi è che siamo di fronte a un con ulteriore aumento della produttività di sistema con la semplice con conseguenza
Che quando aumenta la produttività o noi aumentiamo e il tasso di sviluppo o livello più al Senato oppure aumenta la disoccupazione
Non c'è
Qui naturalmente è chiaro che
Si aprirebbe
Il discorso utopico nel mondo che avendo ormai la capacità produttiva dicono molti esperti in eccesso rispetto a qualsiasi domanda si dovrebbe trovare una
Una misura di lavorare tre quattro ore al giorno invece di otto con un accordo fra tutti i Paesi siamo però nell'Utopia e questo
Purtroppo
O forzatamente al discorso che non possiamo
Neanche toccare però era per
Sottolineare
La difficoltà che noi abbiamo
Da questa meravigliosa rivoluzione tecnologica
E Franchetto che ci stanno crescendo anche alcune
Parecchie professioni ma
Specializzazioni software
E pensando procedendo sull'Italia e sulla
Sulla Grecia
Che crescono ore alcuni occupazione di livello alto oppure le occupazioni
Sì chi Po talmente standardizzate talmente poco al pettine che sono oggetto di desiderio dai lavoratori stranieri e non dei lavoratori dei nostri Paesi
E
Qui oppure
E qui è un'altra riflessione
Sono in crescita delle occupazioni tipo specializzata di terziario che sono nei censimenti le occupazioni nemmeno in cui sia l'Italia che la Grecia sono meno specializzata
Quindi
E il problema è che in questa crisi lavoro si saltano o i Paesi che crescono in fretta evidentemente quando c'è tassi di sviluppo tipo la Cina
Non si pongono problemi di riduzione dell'occupazione oppure Paesi
Che riescono a sfondare nella fascia alta della mercato del lavoro
Ma qui c'è anche una
Altra osservazione
Che questo ha conseguenze sulla distribuzione del reddito sia la finanza e deve essere economia sia questa distruzione di lavoro concentrate la classe media ovviamente ha come conseguenza statistica
Una maggiore divisione
Fra redditi elevati redditi più bassi
è di fronte a questo nuovo mondo quale è stata la strategia europea catasto degli europea è stata
Molto semplice ridurre i deficit di bilancio obbligare a ripristinare la competitività per meglio di una svalutazione interna cioè riducendo i salari questa è stata tra
Per grandi linee la strategia europea di venire incontro alla crisi
E quindi
è stata
Se possiamo definire non vorrei essere un professore pedante ma in fondo fatto questo mestiere tanti anni è
In fondo si è usato una strategia tre keynesiana
Il problema e che che è inesistente e quindi non è storia tra keynesiana apporto a conseguenze ben diverse da quelle dagli obiettivi che ci si proponeva
Teniamoci statici pronto europea perché gli Stati Uniti
Non solo la Cina ma anche gli Stati Uniti hanno iniettato della crisi una quantità di denaro
Rapida e immediata gli ottocento miliardi di dollari negli Stati Uniti settecentottantadue
Miliardi di dollari della Cina hanno immediatamente corretto la crisi che pure Vacca negli Stati Uniti non dimentichiamolo che pure degli Stati Uniti hanno inventato la malattia e hanno trovato la cura
In Europa abbiamo osservato e subito tutte e due passaggi
E quindi è chiaro che
Voglio essere chiaro che nessuno pretende di violare le leggi che noi stessi ci siamo dati
Cioè la severità di Bilancio è una roba seria e e la riduzione del rapporto debito PIL è un obbligo
Per l'Italia per eleggere come per tutti i Paesi l'obbligo possibile io devo dire
Non portuale sono autobiografico ma osservo arrivato al Governo con centoventuno di rapporto debito PIL sondato via con centoquattro quindi
Seduti da quella riduzioni Italia sarebbe in condizioni di assoluto equilibrio oggi
Anche se è chiaro che la crisi ha reso più difficile commossi
Ma quindi
Voglio dire impossibile avere sviluppo
Se noi agiamo esclusivamente attraverso la diminuzione della spesa dei salari
Perché decliniamo sempre più la domanda di beni di consumo la domanda di investimento e
Decliniamo anche il commercio in tre europeo che in questo momento sarebbe molto importante già sviluppare molto importante da sviluppare non basta infatti le esportazioni est europee
Cioè quando sento dire attenzione esisteva italiani inefficiente pratico ma guardate bene che un Paese come l'Italia che vede importare tutto materie prime
Energia eccetera che ha una bilancia come il sale attiva vuol dire che il sistema non è un sistema inefficiente tutto non è un sistema
Un concorrenziale
Non sarebbe specializzate le tecnologie elevati di cui parlavo prima ma nelle tecnologie intermedie abbiamo un ruolo indubbiamente importante
Perché con queste manteniamo un equilibrio economico ripetere in un Paese di sessanta milioni di abitanti che non risorse proprie
Ma
Quindi
La problema leggi non ricercare avere corretti parametri tanti non ricercare
Un aumento di capitale di occupazione con la sola combinazioni di austerità di valutazione perché questo non si raggiunge
Nell'ultimo anno è comuni opinione che la cosa interessante perfino al Fondo monetario internazionale e quando dico la parola l'avverbio perfino
Voglio dire che se ci sono risorse arrivati severissimo Fondo monetario internazionale che dovrebbero arrivare anche in Paesi europei che dettero la politica economica in questo momento
Quindi
Ed è chiaro che il problema e quindi a vivere se vogliamo occupazione una valutazione qualitativa dell'austerità
Cioè obiettivi di non da renderli non sfondare ma usare delle misure qualitative che
Permettevano e aiutino uno sviluppo
E
Molto semplice e chiaro che si può avere una restare nel tre per cento con zero investimenti stacca il tre per cento con il cinque per cento di investimenti
Sono due cammini per lo sviluppo di un futuro totalmente diversi non possiamo avere una politica che tratti i due casi nel modo identico perché tutte e due fanno meno tre per cento
Perché questa non è una politica una politica di sviluppo
Eppure in tutti i meccanismi si potrebbe aver disciplina e quindi la valutazione qualitativa dell'austerità è assolutamente prima indiano
E in questo indubbiamente ce è ritornato importanti anche il ruolo dello Stato e di autorità pubbliche in questo caso anche d'autorità europee su questo credo che parlerà la professoressa maturato
Che ha scritto appunto su bellissimo libro dentro il Friuli asprezze
In cui sostiene
Attesi
Per cui se l'avesse scritto dieci anni fa questo libro sarebbe stata bruciata come reca insomma no
è se Dio vuole la crisi ha fatto anche a ragionare un poco su questi temi ecco e noi dobbiamo fermarci su questo perché mi vedete
Non
La politica ha la parola politica industriale che è una parola
Comunque politico-economica attiva non solo industriale che è una parola sporche fino a poco tempo fa una parola da riprendere in mano entità
A su cui riflettere politica attiva significa
Per l'Italia ad esempio la necessità di aumento delle piccole dell'impresa e favorisce le fusioni significa fare delle regole per cui l'eredità dell'impresa di famiglia possa
Non possa
Impedire che come ogni generazione le imprese vadano in crisi ci sono mille strumenti nel cui non è stasera non è stasera ecco mi voglio soffermare mi soffermo su alcuni punti fondamentali
C'è
Ad esempio il reperimento delle risorse finanziarie per questo sviluppo
In un Paese ogni ogni paese alle sue regole ma in un Paese come l'Italia in cui
L'ottantacinque per cento delle risorse finanziarie
Per l'impresa è fornito dal sistema bancario il problema di far riprendere vita e vigore al sistema bancario diventa un problema di rito di morte
E invece nella politica europea abbiamo ritardato faticato ogni conquista attardato mesi no
E intatta l'imprevisto morte
E quando le imprese morta dopo e morta questi sono le realtà di cui noi dobbiamo quindi
Una politica fiscale un mercato del lavoro più informato con sushi disoccupazione i programmi di ritrae in inglese che aiutano elevazione della manodopera apprendistato programmi di riqualificazione
E tutto questo che nei nostri paesi e lasciato il più delle volte
Alla buona volontà o anche alla fantasia
Di coloro che gestiscono queste strutture di reinserimento e qui ci vuole una politica diversa però parliamo tutti come europei
Ci con la politica nazionale diverso ma con la politica europea diverso cioè io credo che
Alla ripresa del mercato del lavoro che tenda per letta se volete anche per il sessanta per cento la politica nazionale ma se non c'è una politica europea una occupazione noi non riusciamo assolutamente a creare
E
La politica europea e
Come dicevo prima
Noi dobbiamo
Tener presente cosa hanno fatto
Stati Uniti Cina la necessità di rivitalizzare il sistema io debba essere
Posto tenuto questo varie volte voglio sottolineare cricche io ma antenne non ha mai chiesto
Alla Germania con gli Stati del nord
L'elemosina o aiuti
No perché non abbiamo fatto il nostro dovere abbiamo alla solidarietà europea l'Italia ha pagato con oltre cinquanta miliardi la Germania con oltre settanta quindi tenuto conto delle equilibrio pesi ognuno ha fatto il suo mestiere
Quello che noi chiediamo
Per la solidarietà europea e per l'interesse comune sia Tedesco che italiano che Greco è una politica
Di divisi utili sviluppo della domanda che è difficile capire come un Paese c'è
Ha una bilancia commerciale attiva in un modo strepitoso attivo degli ultimi dodici mesi
Della deridere smania Gigi duecentosettanta duecentosessantasette miliardi di euro fino a dicembre duecentosessanta sette miliardi di euro fa sì che sia un attivo commerciale più elevato di quello cinesi
Quindi noi che abbiamo che acquisiamo la Cina di
E squilibrate
Gli equilibri dei mercati mondiali perché questi equilibri
Li mettete a rischio sia con eccessivo deficit
Che con eccessivo che con l'eccessivo professor Yunus no lo squilibrio di squilibrio da un lato e dall'altro noi ci troviamo di fronte a una situazione già da un atto mette enorme difficoltà agli altri Paesi
E dall'altro lato
Fa abbassare il livello dell'Euro cosa i tassi di cambio renderlo difficilissimo l'equilibrio commerciali di altri Paesi eppure nonostante questo l'Italia è in equilibrio ripeto non
Si chiede nulla
Se
Il tener conto più la politica nella crisi che deve essere diversa da una politica di quando si è in piena occupazione
Questore il discorso che noi dobbiamo fare per costruire la piena occupazione
Certo un
Il
Con questo è chiaro che
Poi i singoli Paesi devono rispondere come detto prima
Riqualificare un bel problema casa e lavoro cioè il livello della spesa in ricerca e sviluppo dell'Italia enti eccetera non è quello da Paesi
Che che un Paese civile deve avere
Però attenzione che
Politica nazionale e politica continentale politica europea del dono fra di loro equilibrarsi
Quindi
Ma questore il gestione della crisi poi c'è
Con questo finisco mie riflessioni
C'è un mercato del lavoro di più lungo periodo per avere come chiede il titolo dell'azione un buon lavoro
Mercato del lavoro di lungo periodo vuol dire avere mano d'opera specializzate
Vuol dire a vedere un tipo di codificazione adatto allo sviluppo del futuro
Allora un'unghia il mio Paese io credo che la cosa più importante sia
Dare una assoluta nuovi importanza all'istruzione tecnica
Abbiamo scelto marginalizzata addirittura si è stati momenti anche pochi anni fa in cui
Veniva ritenuta una cosa per i ragazzi e meno dotati di no
Qui è chiaro che lo sviluppo italiano non aveva mica fatto noi che siamo stati qui in quest'Aula negli economisti dei giuristi l'hanno fatto gli ingegneri periti hanno fatto coloro che
Hanno hanno costruito questa prima fase di sviluppo moderno del Paese
Per entrare nella seconda fase di fronte a cui noi siamo proprie ambizioni di moltiplicare e approfondire l'istruzione l'istruzione tecnica di questo Paese con tutto il le misure possibili
Non solo rendendola socialmente appetibile e quindi delle campagne che il Governo deve fare delle Regioni ma io dico anche
Aiutando finanziariamente i ragazzi che
Sono disposti a fare questi studi più complicati e difficili perché solo loro che innescano lo sviluppo in cui si inserisce il resto del Paese
Ecco naturalmente è chiaro che io faccio questi discorsi
Se noi vogliamo finalmente avere uno sviluppo futuro perché la grande forza della Germania non li cresce riforma discrezione ha giovato c'è una grande forza e la Germania e lo statuto dell'istruzione tecnica
Che è il collegamento che a livello di ricerca fanno il Max Planck ma per la ricerca teorica abbiamo anche noi e il Fraunhofer Institut
Che serre a dare alle imprese quelli prese piccole mediche che da sole non posso organizzare la propria ricerca quell'input di ricerche di cui hanno bisogno per superare i singoli problemi che le imprese
Questo è secondo me è
La la
La
Politica che noi dobbiamo avere
Per il buon lavoro ripeto non è una sfida facile perché
Dal punto di vista quantitativo
Tutto effetto contro
Di noi nel senso che questo sviluppo tecnologico si è fortemente concentrato negli Stati Uniti
Evidente lo sviluppo manifatturiero se esportato verso i mercati asiatici noi
Pur se non abbiamo una reazione siamo schiacciati in questo grande semplici storico ma l'Europa è nata proprio per questo
è nata perché
La grande capacità innovativa che noi avviamo
Grande potenzialità che abbiamo e ricordiamoci che siamo ancora il numero quasi il numero uno a parità di Stati Uniti
Nel prodotto le prodotto nazionale lordo sabbie numero uno ancora nella produzione industriale stabili numero uno nell'esportazione
E quindi va bene tutte le strutture tutti i milanesi per poter reagire a questa situazione di stasi quello che ci manca una volontà politica comune grazie
Ma una svolta
Quindi
La parola edifici al Segretario generale dell'OCSE dottor Letterman
Ringrazio Presidente
Signora presidente
Signor
Prego signori Presidenti del Parlamento italiano in greco
In
Parlerò in inglese non volendo parlare la vostra bella lingua ne parla parlo poco ma non abbastanza per esibire almeno
Due parole sull'OCSE
Noi abbiamo l'organizzazione cinquantadue anni dividendo cinquantatré abbiamo
Membri che vanno dal Cile la Corea del Sud Canada all'Australia e quindi la ITC OCSE non è Europa ma
Riunisce ed economie più sviluppate del mondo
Abbiamo sede a Parigi
E con il nostro Stato cerchiamo di dare orientamenti all'economia mondiale non sempre ci riusciamo
Presidente volte fatto riferimento al Fondo monetario internazionale a volte facciamo degli errori anche noi comunque lo ringrazio per avermi invitato a rappresentare in questa sede la posizione ufficiale dell'OCSE
Sulla crisi attuale sul futuro che vogliamo costruire
Durante le ultime
Cinque sei anni l'autorità europea tutti i livelli hanno adottato
Misure coraggiose vero rettificare gli squilibri corretti squilibri fiscali finanziario ed esterne che complessivamente avevamo portato alla crisi
Adottando decisioni rivolte a rafforzare le istituzioni finanziaria cioè di bilancio
E
Possiamo dire che in realtà dopo un po'di tempo questi questo impegno questi sforzi
Hanno prodotto risultati lentamente l'attività economica
L'euro zona si sta riprendendo migliorano i mercati finanziari si sono anche in una delle tensioni sui mercati del debito sovrano e porti debito ville si sanno
Stabilizzando grazie anche al consolidamento delle finanze pubbliche si sono ridotti gli squilibri delle partite correnti soprattutto nel
Ah disavanzo quindi questo punto tutto questo è vero ma
Notevoli parlamentari presidenti signore e signori malgrado questi segni positivi la crescita
Se guardiamo a livello globale ma soprattutto nell'eurozona decrescita ancora molto debole come abbiamo sottolineato questa settimana la nostra valutazione
E intermedia delle prospettive economiche nella zona è ancora in ritardo rispetto ad altre economie avanzate nella
Crescita nella zona rimane disomogenea
Secondo il nostro ultimo aggiornamento mentre questa dovrebbe accelerare fortemente in Germania
Nella prima metà del CUP del due mila quattordici in altri Paesi anche in Francia rimarrà l'un per cento e in Italia al di sotto dell'uno
Per cento
E la Francia l'Italia USA Germania sulle principali motori dell'economia europea
Tutto ciò nella stessa area monetaria
Le idee cicatrice lasciate dalla crisi nella società sono cicatrici profonde profonde irrisolte elevata disoccupazione soprattutto dei giovani
Rappresenta un costo umano della crisi pesantissimo ma pesa anche sul ripresa economica in quasi tutti i Paesi europei
In diversi Paesi membri dell'Eurozona il tasso di disoccupazione giovanile tra il venticinque
Per cento ma forse arriva quasi a metà della popolazione giovanile
Quindi consista questa
Continua questa debolezza del mercato del lavoro e quindi appetiti se occuparsi di lungo periodo
Continuano ad aumentare un disoccupato su due nella zona sono disoccupati dal dodici mesi o più del terzo trimestre del due mila e tredici quindi più del cinquanta per cento dei nostri disoccupati sono disoccupati
Da oltre un anno è uno scandalo è un dramma umano
Ed è anche un problema economico grossissimo
Questo gruppo è cresciuto del del del novantuno per cento dal due mila sette il gruppo dei disoccupati di lungo periodo e i più colpiti sono di lavoratori in lino istruiti
Signore e signori questi questa crescita questo momento della disco persone dunque periodo ci preoccupa in parte non particolarmente perché c'è il rischio un rischio elevatissimo che questi lavoratori diventino disoccupati strutturali
Soprattutto per i giovani che non sono né i e l'occupazione e me in informazione escano definitivamente della forza lavoro
La disoccupazione e si sta riducendo negli Stati Uniti in altre economie mature però in questa parte del mondo è andato zone è rimasta elevata
Quanto meno in parte importante dell'eurozona
Si tratta di una dinamica che minaccia
Ovviamente che che
Rappresenta una sfida per la politica economica Marra proprio minaccia la crescita potenziale dell'economia europea nel lungo periodo per elementi lunghi periodi di disoccupazione
Mi portano a una perdita di competenze come ha detto sente Prodi le competenze sono fondamentale e là sotto cooperazione i lavori di basso livello portano perdite di produttività e
A
Maggiori sperequazione di sperequazione disuguaglianza stanno crescendo
E questa dimensione sia sociale che finanziaria quindi
La risposta potrebbe essere la crescita lo sviluppo ma lo sviluppo da solo non garantisce e
La creazione di occupazione
Servono
Più posti di lavoro maschile devono essere posti lavoro un migliore come base per una crescita sostenibile per il benessere della società la domanda
Sembra rimarrà bassa e la crescita rimarrà debole se nono mentre il numero degli occupati non aumenta la qualità dei posti di lavoro
E quindi anche i salari stipendi retribuzioni
Senza fiducia nelle proprie prospettive lavorative e di reddito di consumatore continueranno a essere reticenti sì tanti spendere
E
Anche societaria aziende per investire per poi investire debbono poter contare su una crescita della domanda per i loro prodotti e per i loro servizi
Signore e signori
Il quadro numerose norme ottimistico però ometta sta aumentando la crescita nella nelle principali economica avanzate questo diciamo cosa abbiamo superato
Diciamo la il momento peggiore della crisi quali sono le principali raccomandazione dell'OCSE per superare la crisi sostenere l'occupazione promuovere una crescita robusta inclusiva e sostenibile
Prego principale aree di azione il motore della macchina
Ovviamente le persone che sono
Alla dentro la macchina a volte non si occupano del motore ma
Del motore la politica macroeconomica e lì che il margine di manovra è molto limitato
L'euro zona l'area dell'Euro ma un po'
Fare affidamento sulla politica macroeconomica per poter sostenere la ripresa economica l'Italia deve perseverare e gli altri Paesi dell'area dell'euro di perseverare nel consolidamento
Della finanze pubbliche visto l'elevato livello del debito pubblico
Sono stati realizzati progressi e molti vorticare in altri Paesi del delle persone quindi il ritmo del consolidamento quest'anno potrà essere forse più lento rispetto all'anno scorso il ritmo delle
Cosa elemento quindi riducendo il
Il freno per la crescita che deriva dalla da consolidamento vano finanziario di bilancio
Qui abbiamo una visione un po'diversa rispetto a quella della della Commissione europee nord europea
Non abbiamo una visione più globale e quindi visto il per visti i progressi già realizzati il consolidamento o di bilancio potrebbe essere un pochino rallentato
Ed è possibile direi essenziale e migliorare la qualità del risanamento finanziario utilizzando strumenti canoni impatto meno cattivo sulla crescita e sull'equità
Credo che per la prossima Commissione europea sia più importante concentrarsi sulla qualità delle politiche di risanamento e non soltanto sull'aspetto quantitativo quindi vedere appunto
Che c'è ancora questa debolezza dell'economia essenziale mantenere
O addirittura aumentare lo stimolo monetario nell'eurozona dobbiamo evitare e di creare ovviamente nuove bolle ma
Dato il basso livello del tasso di inflazione se conosce ancora un certo margine per impartire stimoli monetari nell'area dell'euro quindi primo settore politica macro economica
Un margine di manovra limitato ma una possibilità di
Adattamento di adeguamento per quanto riguarda il ritmo del risanamento finanziario di bilancio
Secondo settore riforma del settore finanziario fondamentale fondamentale per
Far ripartire iscritto di investimenti
Gli stati bisogna
Risanare la situazione patrimoniale delle banche bisogna stabilire bisogna creare un una ampia Unione bancaria in Europa è fondamentale per dare una base solida al sistema creditizio europeo per sostenere la ripresa e
E la crescita
Sostenibilità è stato già affermato che a fronte di quanto avviene in altre economie sviluppate
Tutelare rispetto agli altri Paesi industrializzati da una zona è stata lenta molto lenta nella
Risolvere i punti deboli del settore bancario in realtà il crollo
Originato dall'altra parte dell'oceano però più la reazione lì è stata forse più adeguata ai ritmi diversi e questo secondo me spiega
Il differenziale nel ritmo di sviluppo sui due lati della tua antico quindi Unione bancaria
Ampia ed è urgente appunto procedere su questa strada
Anche
Sta migliorando forse la
Capitalizzazione diciamo dei coefficienti patrimoniali bancarie però
La revisione della vita degli artiglieri stress test i testi di sinistra il teste che verranno condotti nel due mila quattordici devono condurre una valutazione obiettiva coerente e trasparente
Degli stati patrimoniali delle banche situazione che deve essere deve costituire una base obiettiva coerente e trasparente
Per le decisione in materia della ricapitalizzazione delle banche o addirittura
In alcuni casi la risoluzione di alcune banche quindi è importante procedere con una ritmo serrato verso un'unione bancaria che comporti anche sistemi di vigilanza
Comuni non credo una meccanismo di risoluzione comune meccanismi di protezione finanziario
Per quanto riguarda il settore finanziare i prossimi quattro sei mesi sono fondamentali per quanto riguarda
Lo sviluppo sostenibile nel settore così importante prerequisito per la crescita economica futura quindi politica macroeconomica settore
Finanziario il terzo punto sono le riforme strutturali come strutturale che sono fondamentali per una ripresa equilibrata e sostenuta nel lungo periodo
L'euro zona ha bisogno di rafforzare la produttività la competitività e
Risolvere gli squilibri interni che hanno portato alla crisi
Dall'inizio dell'ampia della moneta comune
Fino diciamo alla picco della crisi molti Paesi soprattutto nelle parti meridionali dell'eurozona
Il costo unitario del lavoro è aumentato notevolmente portando a dei
Differenziali nella competitività misurata su i prezzi rispetto ai paesi del nord del mondo esterno e per un dato di fatto è un dato di fatto possiamo parlare quanto volete dei motivi
Però è un dato di fatto che i i costi unitari del lavoro sono aumentati fortemente dall'inizio dell'euro
Nelle forme in Grecia per dare un esempio hanno ridotto fortemente questo differenziale del costo del la unitario di lavoro rispetto a Germania e altri Paesi del nord Europa
E siamo anche molto lieti che questo tema oggi sia veramente
In primo piano nell'agenda italiana ma c'è ancora molto da fare in Italia su questo fronte sono già stati
Compiuti dei passi sopra
Coraggiosi dalla parte dei Paesi che sono stati colpiti più duramente della crisi negli ultimi cinque anni molti Paesi hanno realizzato programmi di riforma ambiziosi nei mercati del lavoro dei prodotti noi vogliamo rendere un pieno o per un viluppo riconoscimento a questo lavoro
Nel nostro rapporto gru info grosso
Anarchia che era lì che ha condotto un'analisi delle riforme strutturali
Si dice quindi lo stimolo verso le riforme è stato più forte nei paesi meridionali come la Grecia il Portogallo la Spagna rispetto cioè i paesi del nord dell'Europa
Quindi cominciamo a vedere dei dei primi segni di ripresa del fondamentale in questa fase che i Paesi continua a portare avanti la loro agenda di riforma di riforma
Affrontando appunto come ha detto anche il Presidente Prodi
Il problema degli squilibri interni e la ripristinando la competitività complessiva del sistema se è una sfida
Collettiva le nostre simulazioni dimostrano che i Paesi che se i Paesi dell'eurozona
Attuassero le migliori pratiche e migliori pratiche tratte da diversi Paesi membri dell'area dell'euro e una serie di
Riforme strutturali ad esempio il settore della regolazione potremmo arrivare a degli ombra degli incrementi nella
Produzione aggregata del sei per cento nei prossimi dieci anni semplicemente attuando nei diversi Paesi le migliori pratiche che vengono
Che sono diciamo rilevabili
I in altri Paesi quindi abbiamo già in un anno zero virgola sei per cento in più ovviamente
Incrementi maggiori potrebbero derivare dalla riforma dell'indennità alle riforme del mercato dei prodotti ma
Ulteriori riforma del mercato del lavoro avrebbe un effetto molto forte in Paesi come la Grecia l'Italia e la Spagna dove bisogna evitare che la disoccupazione diventi strutturale
Quindi
Riforme che rendano più inclusivo il mercato del lavoro
Nel contesto l'invecchiamento demografico bisogna aumentare la partecipazione dei gruppi sottorappresentati creando lavori di qualità
è fondamentale quindi abbiamo rafforzare l'assistenza per il collocamento per i disoccupati nonché gli incentivi ad accettare il lavoro
Politiche di attivazione politiche di formazione apprendistato riforme dei sistemi fiscali dei sistemi previdenziali tutto questo è fondamentale
Cioè un aspetto preoccupante
Su cui vorrei richiamare la poca attenzione cioè
è veramente degli effetti di lungo periodo della crisi sui nostri giovani
E questo ha dimostrato come ho detto dal momento del numero di giovani che non hanno lavoro ma non sono neanche
Inseriti in un sistema di istruzione o formazione sono ai margini ai margini
Della società il quattordici per cento della media dell'Unione europea dei giovani tra i quindici e venti potrà tra quindici e ventiquattro hanno ventiquattro anni
Quasi quattordici per cento dei giovani
Sono disoccupati ma non vanno neanche a scuola
In Grecia vignette arrivano al ventisette per cento l'anno scorso in Italia il ventuno per cento la Spagna il venti per cento e quindi
è fondamentale avere anche come settore dei salari minimi e della contrattazione collettiva per migliorare la competitività pensando molta attenzione hanno un minacciare la coesione sociale
Quindi sono
Grandi benefici risentirà
Trarre da riforme dei mercati dei prodotti che rendano questi mercati più competitivi ci sono ancora barriere alla concorrenza in Paesi
In molti Paesi del sud che sono superiori alla media dell'OCSE soprattutto nel servizio dei settori del settore dei servizi in strutture di servizio nel novantadue
Abbiamo deciso di avere un mercato interno l'abbiamo visto che ancora oggi in molti settori non c'è una vera
Libera circolazione dei settori diciamo dei
Fornitori dei servizi quindi
Aumentare la competitività nel settore commerciale della vendita al dettaglio dei servizi professionali il settantacinque per cento nelle professioni sono stati aperti alla competizione la concorrenza
Entro il due mila tredici ma molto dipenderà
Da come verrà attuata questa liberalizzazione
E ci sono anche c'è molto margine di manovra per l'apertura dei servizi protetti al concorrenza interna ed esterna soprattutto dei anche
Nei Paesi del nord dell'Europa anche in Germania che ha
Tra le valli più elevate alla concorrenza nel settore dei servizi
Le riforme strutturali possono anche aiutare a promuovere una riequilibrio all'interno dell'euro zona abbiamo avuto uno
Ottimo riequilibrio delle delle partite correnti in Grecia Portogallo e Spagna passate da un disavanzo del dieci per cento
Prima della crisi e dei piccoli e dei piccoli avanzi entro la fine del due mila tredici
Questa oscillazione non dipende dalla contrazione della domanda interna ma dal miglioramento da concorrenzialità esterna dei di questi Paesi
Quindi rendiamo omaggio a questi paesi questi miglioramenti
Sono necessarie altre riforme per garantire quindi che continue sopra dice riequilibrio anche sia migliore anche se migliorasse la congiuntura
Nei paesi diciamo occidentali sono stati realizzati i minori progressi
Perché se migliorassero le condizioni Peri degli investimenti in questi Paesi si rafforzerebbe lo domanda interna e quindi questo riequilibrio porterebbe a una maggiore equilibrio nel della crescita nella zona
Quindi forse abbiamo superato la parte peggiore della crisi
Come dicevo
Per
Cogliere le opportunità di crescita economica duraturo e sostenibile raffrontabile livelli di altre economie sviluppate c'è ancora molto da fare
Ed è su questo che dobbiamo
Concentrare il nostro dibattito nostri fusione la giornata di oggi di domani grazie
Abano grazie
Ha facoltà adesso professoressa Mazzucato prego
Io alla scelta di parlare o italiano o inglese ha deciso inglese per l'ultima volta che sono state nasca una sala con cento economisti italiane ho cominciato
In italiano e con l'ho detto
Quando questa variabile supera questa sogliola mi sono sbagliata e quindi
E quindi dall'inglese per evitare questo tipo di
Di
Erroneo
Sull'economista industriale vorrei concentrarmi sulle grandi sfide Europa cioè
Pendolari
Non vogliamo o no crescita qualsiasi vogliamo una crescita che si sia smarcato innovativa
Inclusiva sostenibile
Per questo il terreno parole richiamo dappertutto all'interno del revisione dell'OCSE della Commissione europea Marter intelligente inclusiva e sostenibile il problema oggi non è la crisi economica ma
La crisi dei il pensiero ma per la crisi delle idee
Proprio rispetto al ruolo del settore pubblico e senza una riflessione strategica coraggiosa che rende il settore pubblico innovativo è impossibile
Affrontare queste terrestri ride rimarranno delle chiacchiere vuote quindi
Voglio spiegare un po'il mio pessimismo su questa crisi della diciamo del pensiero c'è una
Citazione ripensi bellissima le persone pratiche che
Si credono esenti
Da influenze intellettuali in genere sono schiavi di qualche economista affisso
Che però hanno influenza che sente voci Marietti distilla la propria follia da qualche
Fonte del passato
Bene carenza dice che
Il problema appunto dei dei Governi che hanno paura di essere appunto
Troppo grandi ma non ricordo la formula è stata quella preoccupazione entro
Minima rispetto alla
Avanzata dell'ed economiche nella
Politica questa invasione delle idee dobbiamo anzi liberarci da questa invasione delle idee economiche nell'economia che lo dica perché il il pensiero economico è molto limitato al pensiero economico molto limitato soprattutto per quanto riguarda il ruolo del settore pubblico
Adesso non voglio adesso parlare di un termine troppo a strati perché vorrei abbastanza più concreta quindi parliamo di questa
Crescita intelligente smacco rosse il tipo di crescita che non sia alimentata dal debito dei consumatori ma alimentata dall'innovazione che sente vigente sia stimolata
Il problema perché poi se guardiamo le teorie economiche gli economisti piano dire a questo proposito pochissimo perché opere
E questo è quasi pongo al taglio giornalistico si parla del dello Stato lo Stato che interferisce o intervenisse un interventista oppure nel limite ed economiche parliamo
Del pubblico del settore pubblico
Come
Un soggetto che deve risolvere if i fallimenti del mercato quindi c'è un bene pubblico come le pubblico credo
Che di cui tv difficile trarre profitti ad esempio la ricerca fondamentale
Io
Sembrò americana ma sono italiana ma a mio padre faceva ricerca fondamentale quindi che è andato in America non dormo
Stop molto piccola e su questo non discuterne non si discute la ricerca fondamentale è un bene pubblico quindi lo Stato deve farla
E poi su questo non discute nessuna Panici quale diamo quei pochi Paese
E quelle poche Regioni che quelle poche regioni del mondo che effettivamente sono riusciti a realizzare
Una crescita e intelligente alimentata dall'innovazione Silicon Valley e cioè tutti si di comprarle ma il Governo di chi ha fatto se li invitato a finanziare la ricerca fondamentale Celli metastasi limitato a fondo a finanziare le infrastrutture di base lì la formazione no
Avuto
Ha realizzato un angolo grande missione le grandi missione andare sulla Luna risolvere il mutamento climatico
Ricorda in un semplice tutti ma in Cina queste immissione di chi non soltanto una visione complessiva amplissima ma ritengo anche investimenti in tutta la filiera dell'innovazione ricerca fondamentale ricerca applicata
Il finanziamento iniziale delle nuove aziende
E
Sì preoccupa sempre che il Governo vada a scegliere i le aziende che poi vinceranno quelli
Il
La gente preoccupata che
E il Governo non dovrebbe essere così coinvolto nella selezione delle aziende ma questo non è vero a Pola puto cinquecento mila da
Un finanziamento diciamo
Agevolato compatto in chiaro hanno avuto finanziamenti iniziali
Da questi programmi di investimenti pubblici per quanto riguarda l'innovazione oggi Tex la
E l'errore del giorno e lo master
Avuto prestiti garanzie di cinquecento milioni la si libera un'altra più quindi
Si renderà ha fatto fallimento era una grossa azienda del solare negli Stati Uniti cioè l'innovazione rischiosa rischi che io finissima
Precaria quindi una voltare perdi è una volta vinci ma deve essere in grado di realizzare interventi strategici
E quindi
Sta parlando quindi della dicono dello Stato nel caso minimo cioè limitarsi a dire che lo Stato deve risolvere i fallimenti problemi riduce la prospettiva dell'azione dello Stato che sono
E invece rispetto a quanto avviene in Brasile Cina Germania
Beh c'è quindi una crescita una strategia di crescita intelligente alimentata rende guidata dall'innovazione
Comma politica che sottende l'innovazione quindi il risanamento di bilancio con da importante essere estremamente rigorose
Se ne parla tantissimo ci ma non è questo non è questo il punto ogni anno il Governo statunitense ha speso trentadue miliardi di dollari per un settore unico
Quindi le biotecnologie e settore farmaceutico attraverso gli istituti nazionali della sanità quindi quando parlo di settore pubblico non parlo dello Stato il Grande Fratello e il Ministero dell'innovazione parlo piuttosto di un'impostazione diffusa in Rete
Istituzioni pubbliche decentrate strategiche finanziate definanziate
Con una chiara missione che e questo è stato il segreto del successo di Silicon Valley dove
Ogni tecnologia a monte dell'iPhone ogni istituto singola tecnologia Carrizo Sammartin non idiota questo telefono la finanza dal Governo l'internet
GPS touch screen
L'attivazione vocali Sirica ma non serve a niente tanto per dirla
Tutto è finanziata dal Governo oggetto passerebbe lo seggiovia di turno che poi deve avere questa
Questa grandissima prospettiva o il suo genio personale Emma se in gioco tutto il settore dei capitali di rischio
In realtà ANMIL
Usufruito di un'ondata di finanziamenti pubblici oggi in Europa si diciamo l'abbiamo capita aderiscono abbiamo la finanza per i rischi elevati abbiamo il modello
Divisi le con Ali norma abbiamo il DNA imprenditoriale
I a oggi in Italia si dice che la colpa è del liceo classico che il
Invece il verso il liceo classico sia veramente il punto di forza dell'Italia vorrei che mi figli potessero andare in Italia e frequentare il liceo classico ma se noi finanziamo troppo poco
Questo appunto due la filiera dell'innovazione i nostri bravi migliori
Imprenditori che in imparano l'impresa scuola perché oggi gli imprenditori imprenditoria si impara a scuola ma nel dei dei solisti Giotto non ho mai fatto un solo corso di impresa
I nostri imprenditori se manca tutto il finanziamento a monte tra qualche anno ma avranno nessun ondata che li diciamo porterà verso i loro risultati di impresa e
Tralasciare far finta che questa sera questi fatti storici non esistano perché possiamo discutere tanto che se il Governo
Americano attraverso il Ministero la difesa nomi se finanziato internet comunque interne sarebbe nata io non credo che questo sarebbe successa
In realtà questa rete decentrata di amministrazioni pubbliche sono state veramente la locomotiva della crescita
Far finta che questo non sia successa ha portato ai grossi danni
A demotivato e in molti Paesi le istituzioni del settore pubblico e i pubblici impiegati perché se si ripete sempre per il settore pubblico
Non è più settori dove si agisce veramente che non è cattivo non è dinamico non è innovativo e al massimo al massimo può limitarsi a finanziare o sostenere villa a me la meravigliosa imprenditori e dinamismo il settore privato ma d'ora chi vuole andare a lavorare nel settore pubblico allora sembra veramente più eccitante andare dalla Goldman Sachs Google
E il Ministero dell'energia negli Stati Uniti
Che oggi sta cercando di fare per l'Energia quello che mi sono difesa ha fatto per internet
Recentemente era stato guidato da un da un fisico che avvinto un il premio Nobel
Che sta facendo per in pelle energie rinnovabili quello che è stato fatto per internet e c'è un livello di dinamismo un quel Dipartimento fantastico io ho fatto un buon lavoro un discorso li recentemente sembra restare
Dentro Google assieme però andato un po'come controcorrente se ho tempo di venire a dire le stesse cose per la BBC
Cioè questo atteggiamento questa politica contro corrente il Regno Unito nonna esternalizzato non ha privatizzato ha investito con investimenti risorse interne in atto le ire
Realizzando a livello interno una piattaforma di broadcasting fenomenale rimanendo quindi una una organizzazione dinamica che attrae i talenti
Ma di queste cose non le dice nessuno se continuiamo a parlare acquisita dello Stato dire che è una amministratore interventista interessi che interferisce a quel punto le migliori talenti non andranno lavora nel settore pubblico
Un'altra questione che ignorando il fatto facendo finta che lo Stato
Non cioè non sia sotto un soltanto un un Centro di spesa ma in realtà è ancora investitore lo Stato realizzare investimenti investimenti che comportano un rischio teloni
Internet sono nove concorda anche se concordo andato così male per una conferma testo Larino questo inserendola cioè una volta riesci e nove volte fallisce ma dove vengono i soldi per finanziare queste perdite a meno che
E mi scuso nel giro adesso a quest'altra parte c'è questo nesso tra rischio e premi a rendimento ma questo
Per renderci conto di questo abbiamo
Riconoscere che il Governo l'investitore mentre invece non
Cosa facciamo socializziamo il rischio e privatizziamo il il profitto e le ricompense questa un grossissimo problema non soltanto il grosso problema delle competenze che Romano Prodi Gius la mente ha sottolineato ma anche lo dico l'osso problema e l'estrazione del valore perché abbiamo una storia sbagliata della creazione di valore abbiamo ignorato lo Stato
Come finanziatore nei settori
Più innovativi ad Amalfi ignorato i benefici per il contribuente perché più di tasse le le tasse non funzionano più
In quel modo con ancora Eisenhower il
Il l'aliquota ma ma massima era quasi il
Novanta per cento era repubblicano
Oggi sembrerebbero un comunista
Ma perché si sia ridotta anche l'imposta sulle plusvalenze finanziare gli anni Settanta non è stato uno sciocca esogeno è stato
L'Associazione nazionale dei capitali di rischio che ha cominciato a fare lobby sul Governo statunitense dicendo non siamo gli imprenditori non siamo
Gli innovatori e noi vogliamo ridurre le plusvalenze le hanno ridotte del cinquanta per cento larghi impostato plusvalenze era
Nel settantasei del quaranta per cento qualche anno dopo era il venti per cento tutte queste chiacchiere sull'innovazione la nuova economia l'economia della conoscenza
è andata di pari passo con questa
Presentazione errata sbagliata della creazione di valore con cui si questi tipi di
Appunto di crediti fiscali
Riduzione dell'imposta sulle della tassa sulle società e poi oppure crediti alla per la ricerca e lo sviluppo e non c'è nessuna prova che la riduzione delle imposte
Porti poi a maggiori investimenti in ricerca e sviluppo perché in realtà
Quello che stimola gli investimenti privati in nuovi settori innovativi come le energie rinnovabili non sono non è la leva fiscale non è il costo ma piuttosto al
La valutazione da parte dell'impresa delle opportunità future di mercato quindi o si finanza direttamente i settori difficili dove il settore privato non investe perché
Sappiamo anche che la finanza tutto muta finanza diventata diciamo a breve termine il capitale
Di rischio vuole profitti vuole utili in tre anni soprattutto col attraverso la l'offerta iniziale di acquisto ma di un'azione richiede quindici vent'anni e quindi un'economia sempre più finanziarie ha visto che il
La finanza precisa privata non fa più non svolge più il ruolo che
Svolgeva il settore pubblico dovuto aumentare il proprio ruolo e quindi ad esempio investimenti nel settore del mutamento climatico e delle rinnovabile queste in banche di investimento pubblico come quella brasiliana la la
La Banca di sviluppo
Cinese la Banca di sviluppo tedesca che spendono otto volte il PIL più di tutto il finanziamento privato
Capitale privato vere Investimenti nel settore finanziario
Anno sono stati dodici virgola cinque miliardi
E di dollari in questi cinque banche di Investimenti compresa quella ma europea sono state ottanta miliardi quindi
L'investimento pubblico molto superiore all'investimento privato
Quindi questo ruolo importante del settore pubblico
Nelle missioni strategiche deve essere ricconi nuociuto e se non viene riconosciuto e non non
Non avremo più i fondi per la prossima ondata di innovazione poi c'è un'altra
Un altro aspetto si parla tanto di partenariato pubblico-privato ma noi ne parliamo come nel binario di una riduzione dei rischi una visione molto
Passiva non è che il settore pubblico tolga i listini assetto arrivato in realtà il settore pubblico
Assume si assume il rischio dell'apparente una grossa differenza
Rispetto a come dovrebbero essere dovrebbero essere strutturati questi partenariati e rispetto anche la condivisione poi degli utili a valle un'altra questione che se
Ci limitiamo a pensare che lo Stato debba si debba su tanto riparare gli i fallimenti del mercato è difficile dare un valore attribuire un valore al rendimento risultati occupi alcune di queste istituzioni pubbliche che sia la Banca di sviluppo cinese o che sia
L'agenzia del Ministero Difesa
Vengono criticate perché spiazzando dal mercato i settori gli operatori privati anche la BBC nel Regno Unito e viene accusata di spiazzare i
Gli operatori privati mai Iacono si non hanno diciamo l'apparato intellettuale per parlare di questi aspetti per da spetto della qualità dei programmi ad esempio gli economisti danno
Valore a un programma della BBC secondo un modello economico non valutano la qualità che è vista come un elemento soggettivo ad esempio il controllate tecnologie venerdì
Si investe nella quadrante in alto a destra delle
Abbiamo intenzione di capitali nelle
Del nel nelle l'asse verticale e poi
Qui ed è in quel quadrante che lì delle banche di sviluppo pubbliche operano dove ma gli investimenti privati ma non possiamo poi parlare neanche i rendimenti il ritorno sugli investimenti in alcuni casi di Tolosa investimento
Saranno più bassi proprio perché opera non dei settori più difficili
In Italia c'è un grosso problema per quanto la mancanza per quanto riguarda la mancanza di questo tipo di agenzie
E la Cassa depositi e prestiti in realtà si trova oggi di fronte ad una sfida di portare avanti questa agenda di crescita intelligente piuttosto che finanziare dei settori tradizionali che hanno appunto un porre in titoli una rendita di posizione
Ma non bisogna
Parlare di queste agenzie come un gruppo di burocrazia obsoleti bisogna ristrutturare questa istituzione non abolirle rafforzarle adeguarle a
A ai compiti che hanno svolto appunto la la Banca di sviluppo cinese altri soggetti di investimento pubblici ripeto non abbiamo un modo un metodo per attribuire un valore alla loro
All'attività ed amici anche questa a accusa di spiazzamento degli operatori privati e con la BBC oggi nel Regno Unito è sotto attacco
Non dissoluta ma c'è o un a rischio e poi è un processo irreversibile nota distrutta la BBC non può tornare indietro
In Brasile ad esempio l'euro banca pubblica è stata accusa di spiazzamento dei soggetti privati e quindi c'è un grosso rischio
Che questa istituzione datato ruolo ridotto proprio per una mancanza di invito le consentano di misurarne l'efficienza risultati
Sono cose importantissime perché nostre abbiamo questi soggetti pubblici che entrano in questi spazi e questi soggetti pubblici debbono agire in maniera coraggiosa
Interagendo col settore privato in maniera coraggiosa
A oggi ad esempio il problema fondamentale che non abbiamo più nel settore privato i laboratori beh lavori parchi serva chissà che avevamo nella nelle nell'informatica
Noi dobbiamo di ridurre diciamo il grado di finanziarizzazione del settore privato perché molte industrie molti settori farmaceutica energetica informatica le aziende
Ingresso non più nella riacquisto di azioni piuttosto che la ricerca e di e sviluppo quindi dobbiamo anche
Qui se vogliamo finanziarie la l'innovazione dobbiamo
Ridurre il grado di finanziarizzazione del settore privato e quindi il settore pubblico non deve soltanto limitarsi assumersi rischi del settore privato nel finanziarli piuma chiedere di cambiare la FIAT
è un problema in Italia non investe i nuovi motori
La Cina investe miliardi di dollari nei nuovi motori noi non pensiamo ai problemi d'Italia e in cui stia in questi termini pensiamo alla corruzione ma non pensiamo alla mancanza di impegno del settore privato la mancanza di una politica industriale qui fermo
Ma
De Florio si chiede ha facoltà adesso
Carlo Petrini volete introdurre
Di questa
Sessione
Voglio ringraziare per l'opportunità
Libertà di parlare
Davanti a questa Assise
Su un problema che è quello della buona occupazione
Buona occupazione per crescita solida e sostenibile
Pongo un proposito
Peccato che l'occupazione e in questo momento
Non è né buona neanche tenne anche in grado di sostenere la crescita
Ora
Io
Vuol fare una piccola considerazione sulla prima
Che è stata già affrontata da Romano Prodi
La crisi del mercato del lavoro non è solo determinata
Ma la crisi economica
Ma
E anche il frutto di nuove tecnologie
Che stanno
Mettendo fuori dal mercato migliaia e migliaia di posti di lavoro questo è un elemento di riflessione indipendente dalla crisi indipendente dalla crisi
In base a questa considerazione
Vorrei
Sottolineare a voi il fenomeno che secondo me nei
Lei prossimi anni sarà evidente e concreto il fenomeno è questo
Assisteremo
A occupazioni ambite
Che è diventato sempre meno appetibili
Combinò l'impossibilità di impiego
Io vivo in una piccola cittadina in Piemonte
Ci sono dieci istituti bancari
Negli oltre tre anni hanno perso il quaranta per cento della forza lavoro e si parla che nei prossimi anni ne perverranno un altro venti per cento
Del giornale in cui collaboro
Negli ultimi anni tre anni ha licenziato qualcosa come seicento persone
Quando ero giovane l'ambizione
Forte era di andare a lavorare in banca di essere giornalista di avere una occupazione intellettuale bene
Questa opportunità diminuirà in maniera esponenziale
E fate bene attenzione invece all'altra situazione
Occupazioni apparentemente antiche occhi solerte
Poco appetibili
Diventeranno moderne e questo sì sostenibili
E molti giovani già oggi sono più avanti della politica perché queste occupazione ne stanno già portando avanti con ambizione e coraggio
E allora vengo al
Comparto che mi compete
Non prima di essermi può presentato a questo pubblico che non è tutto tenuto a sapere che cos'è Slow Food
Slow Food Terra madre una rete
Di
Comunità agricole già scatoli di piccola entità
Di nomadi di pastori che in centosettanta Paesi del mondo portano avanti una politica
Collegata alla cultura alimentare e alla difesa del patrimonio alimentare mondiale
Da questo per osservatorio
Io vi posso dire che
Questa realtà ha generato degli ultimi dieci anni una piccola università di scienze gastronomiche
Che occupa che ha
Qualcosa come sessanta per cento di studenti non italiani provenienti da settanta Paesi
Allora io vi posso dire da questo osservatorio
Che l'ambito
Che io o in considerazione che è quello della politica agricola e della politica alimentare
Negli anni futuri sarà un ambito da guardare questo sì
Come il pensiero nuovo son d'accordo con Marianna ci vuole il pensiero nuovo quale a volte il pensiero nuovo si chiude in ambiti antichi guarda caso succede anche questo nella vita
Allora non visto a parlare della situazione agricola europea
Perché perché siamo in sofferenza
Perché le nostre comunità agricole solo in una situazione critica
Molti paesi della nostra comunità
Hanno la percentuale occupazionale in campo agricolo sotto il tre per cento
Non è sostenibile noi non mangeremo computer lo manterremo
Informazione l'omaggio dovremmo mangiare prodotti della terra sotto il tre per cento Italia
Tre per cento di occupazione in campo agricolo quel tre per cento al sessanta per cento a più di sessant'anni a più di sessant'anni
La redditività e passa delle nostre aziende le nostre aziende stanno chiudendo
Il dominio della grande distribuzione ammesso
Cappio al collo ai piccoli contadini che non hanno più potere di fare presto non contano più niente
Bene io non vi voglio parlare di questo perché se siete politici accorti lo sapete io vi voglio parlare di futuro vi voglio parlare di speranza vi voglio parlare di opportunità
Perché
Questo succede della vita quando si tocca il fondo bisogna si può risalire si può risalire
Allora
Io voglio dire questo
Noi abbiamo l'opportunità nel campo agricolo e alimentare nella nostra Europa di trovare migliaia migliaia di posti di lavoro che rigenera in o anche il pensiero
Il pensiero di questa nostra un momento storico
Attraverso che cosa non aiuti cambiamento di pensiero primo elemento dobbiamo ridare valore al cibo
Il cibo non ha più valore il cibo è diventato Commodity emerge
Egli non si vede dietro al cibo chi lavora chi soffre chi tiene il paesaggio se non diamo valore attivo noi viviamo una situazione assurda che se mi permettete io ve la sintetizzo in questo modo
Produrre produrre sempre di più chiedere sempre di più alla Madre terra perché produca di più
Per poi avere il più alto tasso di star qua alimentare che mai nella storia dell'umanità
Sia realizzato in questo momento mai
Però bisogna Padova Livio
Non solo siccome come diceva Prodi questo comparto da una l'attrattività per i nostri giovani noi facciamo arrivare
I neri da Africa le trattiamo come schiavi per produrre in maniera intensiva pomodori
Va bene che vengono
Finanziati beni ma non finanziati dall'Unione europea e guai improbo d'ora pomodori in eccedenza andavano in Africa e facevano dumping per i contadini africani
Però ci mettevamo la coscienza a posto perché con la cooperazione da mamma anche qualche soldo
Follia ostilità avvalora cibo o non si riesce secondo un problema
Realizzare
Valore al lavoro agricolo collegato ai territori
E la nostra Europa se li ai territori seria la storia sa una storia millenaria una civiltà agricola in ogni angolo d'Europa ricchissima
Noi dobbiamo partire di lì dare valore a cibo e andare sui territori e allora ecco dove
Troveremo nuova occupazione primo punto
Ritorno alla terra
I giovani devono avere l'opportunità di tornare alla terra ma non per fare una vita grama dei vecchi
Per essere creativi
Per rispondere alla sovranità alimentare per difendere i paesaggi
Questo mio paese staff planando per ogni pioggia che viene giù perché sul territorio non ci sono più i contadini che puliscono i fossi che puliscono
I i posti
E oramai quei vostri ritiri paga quei costieri non certamente sì paghiamo i contadini nove centesimi al chilo le carote
Ridare valore al cibo e ridare valore all'agricoltura territoriale
E quando dico questo sono di estrema modernità perché non parli della Silicon Valley quali c'è stata la crisi della Silicon Valley cosa pensi che hanno fatto tutti questi signori hanno aperto aziende agricole
Il gli Stati Uniti erano arrivati all'uno per cento di occupazione agricola adesso stanno risalendo e stanno risalendo i mercati i mercati territoriali è uno che è un fenomeno che non riguarda siamo poco
Secondo elemento
Ridare valore all'artigianato alimentare artigianato
Panettieri saloon mai produttori di birre B l'artigianato che
Perché
Perché nell'artigianato c'è l'economia locale ecco nuovo paradigma che mi interessa
L'economia locale cotta o non conta
L'economia di scambio dove c'è la democrazia parte sia partecipativa accolta o non conta io dico che conta
E aveva l'economia locale forte proprio per l'anche i nostri Paesi io non posso più sopportare
Lì it bordi d'Italia Edgardo dico Italia dico anche buona parte a quasi tutta Europa pieni di banche e distrarsi
Lei ne nostre vie non ci sono più gli artigiani alimentari non ci sono più ci sono più stracci e banche banche e stracci è no
Esiste una artigianato alimentare e dell'artigianato alimentare che tutto il mondo vuole e che ci invidia e che e che cerca di copiare
Terzo elemento nuove forme di distribuzione
Ognuno di questi elementi sto parlando vedo dietro a queste cose ritornano a terra artigianato alimentare nuove forme di distribuzione per essere molto esplicito vedo migliaia di posti di lavoro
Vedo migliaia di posti di lavoro perché dobbiamo abolire tutti dentro la grande distribuzione e non studiare forme nuove di distribuzione alimentare
Magari con
Forme organizzative che portano i
Il il i prodotti dei contadini a casa conto contro comma quarto cosa di nuovo ma perché non si può più morire dentro il pensiero unico della grande distribuzione dobbiamo ridare valore al cibo
Ecco
Cosa deve fare la politica
Io mi limito a tre piccole considerazioni ma prima
Realizzare valore al lavoro manuale
Il lavoro manuale
Si parla di apprendistato Totti parlano di apprendistato la nostra piccola università quest'anno aperto corsi perde panettieri Salo mai microbi avrai affinatore di formaggio
Penso troppi giovani che hanno voglia di lavorare
E poi però paro paro il
Presiedevo la Pirelli all'impresa vorrebbero un po'di credito non chiedono compiendo ausilio non chiedono contributi che non un po'di credito per iniziare a lavorare
Il secondo elemento una grande grandissima operazione di educazione alimentare incolta Europa
Perché perché non c'è più educazione alimentare
Vive e comanda la pubblicità alimentare e Nolli informazione alimentare e non l'educazione alimentare dietro l'educazione alimentare nelle nostre scuole se la salute del futuro dei nostri figli
Se il nostro paesaggio c'è la nostra economia se non c'è educazione alimentare di che cosa parliamo
Ultima cosa
Per piacere questo costa proprio niente ma meno burocrazia
Oggi un contadino ha più lavora di più Colle scartoffie burocratiche che deve mettere in pista che
Rispetto alla Terra minor burocrazia per piacere
Se oltre le cose che costano niente
Tre cose che costano niente minor burocrazia
Ho un ragionamento forte dell'apprendistato e
Una educazione alimentare di usura concludo
L'incontro con l'idea di un grande profeta laico italiano
Con una frase che lui aveva detto per la mia Italia
Ma io mi sento di condividerla per la via Europa nella mia Europa
Questo il profeta laico si chiamava Pier Paolo Pasolini nel mille novecentosessantotto disse il giorno in cui
Questo Paese l'Italia non avrà più contadini e artigiani
Non avrà più storia
Il giorno in cui la nostra Europa non lavorati e contadini e gli artigiani non avrà più storia
Prego vi prego di credere che queste all'economia della nostra gente che queste alla salute della nostra gente che queste la cultura della nostra Europa
E mi dispiace che la politica dorma su queste cose anche la nuova patto ci voleva un po'più di coraggio o un po'più di coraggio però
Io
Pratico lo Slow Food vado piano spero in tempi migliori
La nefasto a volte anche o ringrazio anzitutto tutti gli oratori
Per le loro comunicazioni stimolanti passare sopra la discussione
Per agevolare la discussione permettere a tutti coloro che si sono iscritti e di
Prendere la parola propongo tre minuti per ciascuno di tempo di parola
La lista è già abbastanza lunga comincio
Dal
Presidente del Parlamento maltese onorevole Farruggia
Sorvolare qualche ora vorrei innanzitutto congratularmi né
Con l'agli oratori che hanno affrontato temi tale importanza
Cioè il valore dell'Europa
Ciò che i livelli europei sentendo lecite risentendo dall'Unione europea
Per superare la crisi dunque abbiamo parlato una crisi che l'alta è ancora con noi
Una crisi europea che richiede soluzioni euro per un problema percepito come
Europeo
Lavorando insieme come facciamo a voce dove i singoli i Paesi da soli e non riescono
A incidere
Se in maniera concreta dal due mila nove abbiamo parlato parlato moltissimo di crisi economico-finanziaria
Pretesi economica e finanziaria che ha colpito l'Europa l'Unione europea in particolare l'euro zona
La parte più colpita dalla crisi
Hanno dovuto introdurre meccanismi di controllo di bilancio e meccanismi di supporto finanziario nell'eurozona volte
A
Impedire un ripetersi della crisi
L'efficacia di questi meccanismi potreste dimostrata soltanto nel tempo per il momento
Non siamo così convinti anche se alcune analisi sostengono che la crisi è finita
Ovviamente sulla base dei dati incoraggianti provenienti dalla Grecia in parte dall'Italia dal Portogallo
Che
Quest'anno sembrano essere tornati ai a un percorso di crescita non dobbiamo dimenticare che lo l'austerità
Ha portato a un prezzo elevatissimo per i nostri concittadini un prezzo in termini di
Disoccupazione l'abbiamo già visto dati
Però estremamente preoccupanti cioè i dati
La disoccupazione di
Superiore al venticinque per cento è un dato allarmante in alcuni Stati membri come l'ho detto già alcuni
Relatori la disoccupazione giovanile ha superato il cinquanta per cento
Quindi al di là del dato statistico non voglio adesso
Parlare solo di di numeri dobbiamo
Affrontare in maniera seria
Il problema della disoccupazione giovanile i nostri giovani meritano di avere una una prospettiva
Per il futuro non possiamo convincere i nostri giovani del valore dell'Europa se
Arriviamo a fondo con
Fallimento
Quindi
I leader politici
Debbono
Come diceva anche l'ultimo oratore debbono far fronte a queste sfide l'Europa deve ha il dovere
Affrontare questo fallimento noi dobbiamo
Alle generazioni future due parole sul mio paese
Il mio Paese Malta la situazione ecco non è d'accordo così drammatica la disoccupazione del sei per cento quella giovanile il quindici per cento siamo un Paese piccolo senza territorio senza risorse minerarie però abbiamo investito molto nel istruzione nella scuola
Abbiamo utilizzato collettivamente le nostre risorse umane e concludo
Non voglio citare dei il leader europee ma un Presidente importante che merita
Di essere citato il Presidente dell'Uruguay il Presidente più povero del del mondo Peppe modifica grazie
Ha facoltà Presidente leggo croato
Presente
Grazie Presidente grazie signore signore
Signore e signori
Ringrazio
Per questa occasione che mi è stata data
Indi
Ascoltare con attenzione
Tutte le
Relazione sull'appunto superamento della crisi come poi il far ripartire l'Acri una crescita economica
Che potrebbe migliorare la situazione dei nostri
Cittadini
Ci sono segni di ripresa sino incoraggianti e alcuni Paesi membri questo l'abbiamo è stato detto sono quindi qualche segno o di ripresa in alcuni Stati membri
Però
Non c'è una crescita economica tale da gita creare occupazione
Le conseguenze vedetevi della crisi sono
Particolarmente avvertite nei Paesi del sud del Unione europea tra cui purtroppo anche la Croazia
Malgrado tutti gli sforzi intrapresi
Per il miglioramento dell'investimento in economia la riforma nel sistema sociale sulla ristrutturazione del
Debito delle aziende indebitate
Attraverso appunto procedimenti fallimentari concorsuali diciamo pilotati nonostante tutti questi sforzi dicevo
Ancora ci sono una serie dei problemi a livello macroeconomico
Grazie
Capo Custonaci traumi a Rocco Forte quindi Governo croato sta cercando di trovare il giusto
Equilibrio nel mille
Sforzi che stanno cercando di ricondurre appunto ad un equilibrio la situazione economica del
Paese e Croazia come in altri Paesi membri del sud Europa
C'è una preoccupazione particolare l'elevato tasso di disoccupazione giovanile
La Croazia
Io ha un andamento demografico demografico negativo e la disoccupazione giovanile nulla giovanile realtà
In realtà ha compiuto comporta abutere un'ulteriore riduzione dei tassi di natalità e anche l'immigrazione e cioè il fatto che molti giovani non riescono a trovarsi a magari si fanno una famiglia altrove
In altri Paesi quindi c'è una correlazione tra
E le esigenze del mercato o del lavoro e il livello di competenze richieste c'è quindi un po'disallineamento
Tra un mandato offerta e quindi è importantissimo scambiare
Migliori pratiche per quanto riguarda appunto le politiche del lavoro negli Stati membri dell'Unione europea
Concentrandosi anche sull'importanza di realizzare una migliore e incompatibilità come dicevo tra la domanda di lavoro e le competenze dei giovani il
Profilo di competenza
Vorrei quindi sottolineare quanto è importante attuare
Pienamente la strategia d'Europa due mila e venti con un
Avanzamento più rapido per la realizzazione di meccanismi come la garanzia giovanile per il giovane
Nel periodo dopo ferrea adesione la Croazia a attraversato ha compiuto un percorso molto impegnativo di profonde riforme sociali i croati criteri curati credono ancora nell'Unione
Europea come comunità di valori democratici
E di diritti umani garantiti
Però
E cittadini croati si attendono che la d'appartenenza all'Unione porti anche dei benefici
Economici
Ho Crosio
Il nostro presente da poter venire per impegni già assunti ringrazio la presidente del Parlamento italiano e del perone però cranico per avere organizzato questa importante conferenza la questione in della prima sezione del mondo attuale e importante
Anzi cruciale come ho già detto diversi relatori la promozione della crescita della competitività
Ma anche la lotta
Alla disoccupazione con tutte le altre conseguenze della crisi rientra le priorità dell'Unione europea
La comunicazione della Commissione europea
Sul rafforzamento delle versante sociale dell'Unione economica e monetaria introducendo gli indicatori sociali passo che noi salutiamo perché va nella direzione giusta
Salutiamo anche i risultati del rapporto della Commissione affari sociali
Ed economici del Parlamento europeo sull'occupazione
E
Gli aspetti sociali del ruolo e del fondamento della troika nei Paesi dell'eurozona che rientrano in programmi
Di sostegno finanziario l'esperienza di Cipro
A seguito dell'attuazione di questi programmi amara
Le misure di austerità finanziare imposte dall'autorità attraverso ridurre i termini del memorandum principi ma non vi è possibilità di sviluppo di prospettive lungo proprio quando invece dovremmo creare i presupposti che ci porterebbero a uscire dalla crisi economica
Le decisioni dell'Europa
Del Marzio di marzo per
Il risarcimento dei depositanti Cirio che hanno portato al crollo dell'economia cipriota e a un circolo vizioso di recessione
Portando al crollo del suo sistema bancario finanziario la chiusura di tantissime imprese piccola e media facendo crescere all'esclusione sociale la povertà e aggravando drammaticamente
I
I tassi di disoccupazione che sono arrivati al venti per cento ancora più tragica la disoccupazione giovanile che ha superato il quaranta per cento mente è cresciuta drammaticamente anche la disoccupazione di lunga durata
Per uscire dalla crisi e per avere una ripresa economica occorre trancia ma strategia riversa una strada opposta alle scelte di rigore della troika una strada che porti allo sviluppo
Al ripristino dei valori fondamentali della solidarietà e dell'uguaglianza tra i partner europei le risorse
Stanziate nell'ambito del quadro finanziario pluriennale dei fondi strutturali devono essere ripartite in modo mirato alla ripresa dei Paesi che sono stati maggiormente colpiti vere
Mitigare le conseguenze economiche che creare posti di lavoro di qualità
Con le
Scelte a basso costa a basso costo non si
Pongono che cerotti temporanei e provvisoria di statistica Grazia
Grazie onorevole a Pontina
Presidente del Parlamento
Letta bene signore e signori cari Presidenti colleghi
Ringrazio
La Camera dei deputati italiana del Parlamento greco che hanno organizzata
A tempo
Opportuno questa Conferenza
Non mi soffermerò su quanto sia stata grave la crisi economica nel nostro Paese ma nel due mila otto e nel due mila nove abbiamo perso un quinto del nostro
Il prodotto interno lordo e
Abbiamo conosciuto un'altissima disoccupazione ma in uno spirito di riciclo violazione determinazione siamo riusciti a superare questi tempi difficile
Il
Il direttrice del Fondo monetario Christine Lagarde allocato alla nostra determinazione degli associati
E cito la lì la Lettonia ha deciso di andare avanti invece di
Distribuire le misure su molti anni la
Il Paese affatto quello che doveva fare subito la Lettonia
Aveva un obiettivo finale molto chiaro l'adeguamento all'Unione europea
Sapevamo dove stavamo andando e la Lettonia te rimaste carreggiata
Per
Compensare la durezza riprese misure di governo armi deciso di tutelare
Distratti più vulnerabile attraverso una rete di sicurezza sociale nonostante i tagli al bilancio la Lettonia a sostenuto in programma di assistenza ai disoccupati
Ma questi sono solo alcuni elementi dei provvedimenti assunti non i politici abbiamo ricevuto mandato dei nostri cittadini Coppelia assumere decisioni difficili
Era nostra responsabilità politica spiegare quanto fosse grave la situazione alle cittadine e poi agire
I primi danni sono stati apportati agli stipendi dei pubblici dipendenti dei politici per mostrare la nostra serietà
Questo ha permesso di far applicare misure di attentati in altri settori
Con ciò
Siamo riusciti ad evitare la fatica di austerità e tornare più rapidamente la crescita questo ci ha permesso di
Fare politiche di di sviluppo per la crescita sostenibile introducendo
Riforme molto attese in diversi settori tra cui l'istruzione la sanità
Siamo stati anche in grado di e evitare la fatica politica
Importante fa prendere le decisioni giuste ingiuste ma anche spiegare ai cittadini per far capire che gli oneri sono equamente ripartiti
Primo Ministro
Lettone di più lunga durata detto che
Dunque in situazioni difficili da la gente trova la forza per i sacrifici la vergogna poi diventata
Diciottesimo vendute da ora dell'area è ora abbiamo deciso di aderire all'eurozona certo sì alla Lettonia fosse stata membro dell'eurozona
Avremmo affrontato meglio la crisi finanziaria
C'è una
Concorrenza globale che difficili manifestare chiede un'Europa
Competitiva contatti piccole valute possa regge per rimanere competitivi specie nel caso dei piccoli paesi dobbiamo integrare le nostre economia
Come membri dell'euro zona siamo molto meno vulnerabili alle pressioni economiche esterne
L'Europa molto anche se molti passi importanti l'azione del ministero compiere l'Unione bancaria il mercato unico digitale del mercato unico per i servizi
E l'accordo di libero scambio con gli Stati Uniti
La ringrazio
Si può fermare qua mi dispiace molto ma capisco che
Studi tv l'Iraq accorgete restrittivo l'esperienza dei vostri Parlamenti
Va bene conclusione
Si parla di crisi economica ma rispetto
A quanto hanno subito i nostri genitori i nostri nonni abbiamo veramente il diritto di lamentarci
In
Però non c'è la guerra la gente non è deportata in Siberia e questo per me già abbastanza chiudere portfolio
Grazie professor la parola alla Presidente del Congresso dello SDI deputato s'
Onorevole che su spostata Moreno
Grazie
Presidente onorevoli colleghi
I temi affrontiamo ci sono attualissimi
In tutti i nostri Paesi
Ai nostri cittadini suscitano altissima preoccupazione occorre chiederci
Che cos'è successo che cosa abbiamo fatto male e quindi intervenire per rimediare sarebbe però uno sbaglio se la crisi
Portasse via con sé
Per amore della competitività tutte le conquiste dell'Europa conquiste
Contenute con grande fatica e che sono davvero
La nostra conquista la crisi economica ha evidenziato le
Debolezze del sistema istituzionale e del mercato del lavoro in molti Paesi tra cui la Spagna quindi occorre
Puntare le nostre politiche verso due obiettivi fondamentali favorire le misure di flessibilità interna e migliorare l'occupabilità dei lavoratori
In Spagna la riforma
Del mercato e la cura dotata nel febbraio due mila dodici è andata in questo senso egli indici che ci forniscono
Istituzioni come nell'OCSE di cui è qui presente il vice Segretario generale mostrano che la riforma ha introdotto dinamismo nel mercato del lavoro
Voglio far notare che le decisioni che vengono prese a livello di istituzioni europea in questa crisi
Hanno mostrato lentezza non tanto al momento di adottare le decisioni in quanto al momento di eseguirle di attuarle
Per concludere consentitemi di parlare dei problemi legati alla disoccupazione e al mercato del lavoro io un settore di cui dobbiamo preoccuparci in particolare mi riferisco ai giovani la nostra gioventù e il futuro
E l'Europa
Non si può permettere una generazione perduta
Ecco perché il Governo spagnolo nel suo
Al due mila tredici a adottato
Una strategia di impresa finanziata con trecento milioni di euro
Di cui
Un trentadue per cento e cofinanziato dall'Unione europea
La crisi ha colpito duro le nostre economie e
è stata sentita dei nostri cittadini dei giovani in particolare
Ai Parlamenti nazionali spetta
Ad operare gli strumenti a nostra disposizione adottare norme legislative tutti dare un impulso politico
Oltre a
Comperare Alitalia internazionale mi rivolgo qui alla Presidente della Camera
E mi rivolgo anche
Al Presidente
Del parlamento greco
Attraverso incontri comunque come questi e questo in modo
Per fare progressi grazie la ringrazio
Invito adesso
Parlare il Presidente della Camera dei deputati lussemburghese onorevole Di Bartolomeo grazie
Anzitutto desidero ringraziare i nostri relatore per i loro interventi molto motivante Ferraro questo
Ma
Vi ringrazio di aver trattato questi argomenti
In secondo luogo
Vorrei esporre
Le mie riflessioni e offrire la mia solidarietà alla popolazione dell'Ucraina e vorrei citare l'Europa impegnarsi in modo risibile
Per il ripristino di una situazione di stabilità che rispetti i diritti fondamentali dei popoli
Senza
In non è che intenda giocare con le parole ma constato che il valore dell'Europa
Risiede appunto nei soli valori
Alla vigilia però
Delle elezioni europee temo purtroppo che i grandi principi europei finiscano relegati in secondo piano dal tutto economia tutto finanza io non sono convinto
Che i nostri cittadini
Veda nord Europa come noi vorremmo che la venissero
L'Europa
A reagito con ammirevole rapidità
Alla crisi ma io non riesco a non pensare che d'Europa abbia dimenticato quello che quella che è la sua carta migliore l'equilibrio tra le economico e il sociale
Davanti ai colleghi che pure presiedono dei Parlamenti d'Europa io vorrei
L'insistere sul
Ripristino del di nomi o economico e sociale d'Europa o rimarrà sociale o non esisterà più
I nostri concittadini
Aspettano dall'Europa che sia sinonimo di giustizia sociale di equità e appunto di
Crescita durevole sostengono che sia anche un motore di crescita ribelli degli ultimi posti di lavoro rinnovi di distruzione di posti di lavoro
E il signor Pedrini ha ragione a dire che bisogna cercare di posti lavoro laddove ci sono dei depositi dei giacimenti di posti di lavoro e insisto sul fatto che nel sociale ci sono enormi
Giacimenti di posti di lavoro che non sono sfruttati sanità
Inquadramento dei nostri bambini istruzione dei nostri bambini dei nostri figli potrei citare
Altri esempi
Proprio adesso che vediamo questa recrudescenza del di xenofobia razzismo violenza e
Violazione dei diritti
Democratici e umana proprio adesso l'Europa ha bisogno di prospettive
Che possano
Convincere
Il tasso altissimo utili a favore dei movimenti di estrema destra deriva appunto Shankar c-bis andando a vedere
In certi Paesi dove ormai siamo vicini al trenta per cento
Quindi un progetto per l'Europa non può essere costruito sul campo di macerie del sociale smettiamo di fusti gare nei nostri sistemi sociali che si fondano su i nostri sui valori
Non possiamo considerarli solo come un problema per i nostri bilanci diventa
Dimenticando il loro plusvalore i termini
Di creazione di posti lavoro di sostenibilità sociale e come fattori stabilizzante
E voglio dire che i Paesi europei che hanno sistemi sociali stabilire se la cavano meglio se e senza la sono cavata meglio
Nella crisi rispetto a quelli che invece stanno distruggendo i propri sistemi sociali
Per finire
Oltre ai nostri studi
Sull'impatto dei sistemi sociali sui nostri bilanci
Facciamo anche studi di impatto dell'Haute dell'austerità nei confronti dei nostri sistemi sociali quindi studi di impatto sì ma non solo in un senso
Perché cioè una reazione uguale e contraria certa abbiamo bisogno di finanze pubbliche sane ma anche di sistemi sociali sani e l'austerità non è innocente rispetto
All'evoluzione dei nostri sistemi sociali mi scusi Presidente
Sì spendo ancora un'altra parola
Sul fatto che non
Bisogna dimenticare che i servizi sociali sono importanti anche per la coesione delle nostre società quindi l'Europa
Come lei ha detto ha bisogno di un nuovo slancio e noi guardiamo con grande interesse
A giovani politici che
Si fanno carico di questo compito o quanto difficile
Perché parlare va bene agire meglio in altri termini osiamo essere un po'meno ragionieri e riscopriamo le nostre qualità di pionieri
Con i valori come la nostra arma migliore grazie
Chiedo a supporto
Nessun comma
Presidente Errani ma
La ringrazio cari colleghi onorevoli presidenti anch'io vorrei
Dal canto mio ringraziare i relatori per loro interventi così
Interessante professano socratico veramente Mazzucato condivido quanto lei ha detto sul ruolo delle novazione un sogno poter dire che l'Europa sarà un'Europa basata sull'innovazione
Ma oggi
Il problema della disoccupazione e in Europa le prospettive
Di lavoro per i giovani è un problema crescente e non è stato ancora trovata una buona soluzione e non riusciamo a trovare questa soluzione se non saremo pronti a valutare la situazione
Ripensare tutta la società
Non troveremo come dicevo una soluzione affinché
Non avremmo compreso sino in fondo che abbiamo vissuto
Al di sopra dei nostri mezzi
Dobbiamo abbandonare alcune abitudini che ci sono vuol dire che sono diventate
Quasi controllate negli ultimi
I decenni
Alcuni Paesi europei hanno molti preso il perno vissuto diciamo sulle spalle delle generazioni future
Oggi
Non lasciamo
Ai nostri figli e una retaggio un lascito positivo rilasciamo un debito un debito o direttamente o attraverso
L'onere territorio dello Stato
Senti considerare la crescita del consumo l'unico motore della della crescita economica
Ovviamente il consumo porta alla crescita delle delle banche e quindi
Questo loro capiamo però
Anche l'indebitamento nei confronti delle banche con sfuggire di mano questo vale per il singolo vale per le per i Paesi per gli Stati la crisi dovrebbe averci insegnato qualche cosa
Alcuni Paesi hanno dovuto imparare di più altri forse di meno
Ma
Manca ancora perlomeno non lo ravvedo una chiaro convincimento che tutti siamo stati bravi discenti bravi allievi lo Stato dovrebbe essere di esempio
Ai cittadini e quindi affrontare e il debito pubblico il bilancio dello Stato nei
Limiti raccontò di ragionevolezza approvati per Anco con accordi all'interno dell'Unione europea
Quindi
Cercando di non finanziare programmi con soldi presi a prestito che poi
Che innescano un processo immesso sostenibile nuovi Europan dobbiamo ri imparare a vivere alla stregua dei nostri mezzi in maniera ragionevole
Questo non è difficile sedesse dovesse daremo più importanza alla saggezza e a lei all'istruzione e questo è il vero potenziale della chiave per la sopravvivenza dell'Europa la ringrazio
L'onorevole Cascio Regno Unito la ringrazio Presidente
Innanzitutto
Il Presidente Prodi ha detto che
La le strategie di Lisbona del giugno due mila venti sono state sono fallite e del
Vero e alcune persone euroscettici io sono un euroscettico lo sono per venticinque anni
Molti di noi hanno ripetuto tante e tante volte per quanto riguarda la costruzione europea e questa costruzione ha bisogno di essere
Riformata Devil Cameron l'ha detto ma è fondamentale è fondamentale tenere presente
Che adesso parlano le persone
La gente sta parlando cittadini parlano anche in termini molto dure e purtroppo a una parte dei movimenti di estrema destra stanno crescendo e questo è veramente molto pericoloso per il futuro dell'Europa
Mi sembra strano dritto quesito sul sono stato a capo della ribellione contro il Trattato di Maastricht importante pare
Fa
Imporrà sembrare strano parlare sempre di
Più Europa non serve come mettere le
Nella testa sotto la sabbia detto il primo ministro Renzi che soltanto il ventotto per cento italiani sono filo Petra europei un
Rovesciamento della situazione rispetto a qualche anno fa qui dobbiamo essere
Più realistici ed ha bisogno delle piccole imprese che mi ha molto colpito quanto ha detto la professoressa Mazzucato sull'innovazione sulle competenze sul rischio sono queste le cose più importanti la disoccupazione
Il di della delusione Dedej giovane a volte
Quasi il sessanta per cento dei giovani si trovano fuori dal mercato del lavoro ne ho bisogno di direi di un esce Anna
E non si può avere l'ardire di undici anni se non
Padri esamineremo i trattati e le basi quindi
Nel giuridiche delle delle norme europee io sono da tre anni presidente della Commissione Affari europei della Camera dei Comuni abbiamo presentato una proposta per modificare la base giuridica delle proposte europee
Reintroducendo l'idea di un Veneto nazionale quando si tratta di proposte
Assurda vorrei parlare molto più a lungo ma non lo farò tra di noi quindi ci sono persone che credono che l'Europa dovrebbe essere un simbolo di democrazia
Di cittadini elettorati di piccole e medie imprese che ne sono quindi la spina dorsale
E dovrebbe rappresentare una nuova Europa crede in grado di funzionare noi crediamo in queste cose veniamo accusati di essere euroscettici e quindi di essere di estrema destra questa è una sciocchezza noi siamo
Euro realistiche gli elettori stanno sempre più dimostrando lo votando contro andandosene diciamo con i piedi
La ringrazio
Una facoltà
L'onorevole Cuoa della Francia
Per quel sito la ringrazio
Vorrei riallacciarmi a due-tre cose dette questo pomeriggio
La prima che non ci si può porre la questione della piena occupazione della prosperità
Come ha detto il dottor le Terme la crescita non è detto che riporterà
Il lavoro se non ci si pone la questione di ridare il senso all'Unione europea
Pensiamo a qualche settimana dalle elezioni europee siamo in un momento
In cui sappiamo che i nostri concittadini stanno dubitando tantissimo dell'euro OPA e non è dando informazioni molto tecniche che riusciremo a convincerli sotto questo profilo a me sembra che in tal senso all'Europa
Indichi una nuova fase dell'Unione europea è stato ricordato che ci sta una prima fase antica comunità economica del carbone e dell'acciaio poi l'Europa della parte del grande mercato interno ci sono pezzi di vista altri aspetti adesso occorre costruire l'Europa della solidarietà l'Europa sociale ed ecologica
E mi permetto di fornire due esempi perché uno dei colleghi ha giustamente ricordato la solidarietà con l'Ucraina oggi noi stiamo tutti scoprendo che parecchi
Stati si sentono aggrediti dalla questione Ucraina per non hanno autonomia energetica perché in molti casi dipendiamo tanto dal gas russo altri Paesi d'altri altre fonti energetiche quindi
Avere una politica europea dell'energia e del clima diventa ormai una necessità la crisi attuale costa dimostrando purtroppo meglio farlo in una situazione positiva e questa ancor più importante perché si sa l'efficienza energetica e le energie rinnovabili sono innovazione sono posti lavoro tanti posti di lavoro per i giovani sia per gli intellettuali che per
Oggi fa lavori manuali non dimentico voci che il rinnovamento energetico offre impieghi posti lavoro tecnici e di alta qualità la seconda cosa che vorrei dire che
Ma anche
Non so se questa catastrofe ma in Francia nelle cose che comincia a prendere piede maggiormente
Nel dibattito sulle elezioni europee la direttiva che un tempo quand'ero al Parlamento europeo si chiamava la direttiva Bolkenstein quella cioè sui lavora Torino distaccati che fa sì che oggi ci siano o in trasferta che ti fa sì che in Francia in Germania in anche in Italia o altrove fa sì che ci siano dei lavoratori che non sono pagati alle stesse condizioni
E con le stesse energie sociali dello colleghi direi che si sta costruendo l'Europa sociale
E anche questo si può fare
Offrendo punti di riferimento comuni si sa che oggi la Germania ad esempio sta cominciando a lavorare su un salario minimo del bene
Penso che ogni
Paese cooperative questo è un punto di riferimento c'è un salario minimo certe Romania
O in Francia e Gran Bretagna non si può essere allo stesso livello ma avrebbe senso dovunque se ci fosse questa comune volontà di dire che c'è un'Europa che esiste tenere il CdA del clima ma esiste anche un'Europa sociale con punti di riferimento comuni dello stesso tipo
Un c'è un'Europa che esiste contro la disoccupazione con norme uguali dal più dovunque controlli occupazione forse un giorno arriveremo a un reddito minimo europeo prima che diventi universale grazie
Cambia l'ASP ultimo intervento
Dell'onorevole disciplinano in Italia
Grazie
Una soluzione per superare la crisi potrebbe essere quella di impedire la finanza di provocare a tavolino le crisi per destabilizzare politica venti Paesi e marginalizzare l'economia provocando catastrofi sociali
C'è una specifica decide la crisi applicata dalla troika con l'obiettivo di spingere gli Stati membri verso riforme strutturali dall'altissimo costo sociale
Si sostituisce il Governo con la governance per spot creare i Paesi da loro sovranità per garantirsi il controllo dei settori strategici e l'economia
Ad oggi andarci dell'Europa non ci sono i popoli ma c'è la finanza ce la Banca centrale europea con a capo un uomo della Goldman Sachs Mario Draghi
Il cuore del potere al sistema finanziario degli Stati Uniti costituito da banche di investimento e la società finanziarie da società di assicurazione e la società di rating
La pace banca è il punto di incontro tra la finanza americane quell'europea ed è il pericolo delle speculazioni delle rapine finanziarie verso il sistema bancario europeo
Il sistema delle crisi indotte si avvale anche delle banche d'affari italiane oltre che i francesi e tedesche come Banca Intesa UniCredit Monte dei Paschi di Siena istituito da Mario Draghi negli anni Novanta
All'interno dei singoli Paesi poi ci sono i garanti di questo sistema sono i politici basta ricostruire le loro carriere professionali dalla politica UPEA a quella italiana
Toni Blair a Romano Prodi
Sono solo alcuni nuovi Mario Monti Enrico letta alcuni sono anche accaniti partecipanti del club Vinterberg e della Commissione Trilaterale
Bianchi Draghi Prodi tutti i consulenti della Goldman Sachs ricordiamo a Prodi che non identica d'Italia quando promise che entrando nell'euro avremmo lavorato un giorno in meno e guadagnato come se avessimo lavorato un giorno in più
Per uscire per superare questa crisi indotta allora bastava ad esempio procedere al sequestro dei titoli spazzatura di di cui tutte le banche sono piene
E mettere sotto inchiesta le società private di rating che operano nel territorio italiano quel sequestro cautelare dei loro beni
E inoltre riteniamo che non sia più opportuno parlare solo di Unione bancaria ma dovremmo parlare invece della separazione tra banche commerciali banche di investimento
Quindi vorremmo però ringraziare il Prodi gradi Monti per questo tipo di Europa che ci hanno lasciato e che sta riducendo i Paesi come l'Italia la Spagna ha una colonia estera
Siamo sicuri Terenzi saprà continuare egregiamente il vostro lavoro e tradurre normativa di Stato i diktat della Europa delle banche
Ma fortunatamente le elezioni europee sono vicine e sarà l'occasione per costruire una un'OPA dei popoli basata sull'economia sociale sui principi respiratori dei padri fondatori dell'Europa grazie
Il marcio forti spesso nel quotidiano
Grazie questo contributo
Originale
Abbiamo tempo forse per le repliche dei nostri relatori che potranno commentare il dibattito che si è svolto sinora Presidente però vi prego
Il miglior commento a questo punto il buon appetito credo
Per esempio solo tu sei persone trasmesso ci sarebbe molto da dire però dura
Avanzata però
Un paio di cose non possiamo attenderci dall'Europa che faccia le cose per le quali non hanno in competenza né mezzi
L'Europa spenda duecentosessanta euro all'anno al
Personale
Nella stessa sede sottraiamo le spese della della banca rimarranno un centinaio di euro
Questo è il costo dell'Europa e con centoquaranta euro
All'anno non possiamo affrontare a viso occupazione
Realizzare investimenti in ricerca e sviluppo eccetera eccetera e in secondo luogo
Oltre a fare le cose che dobbiamo fare Presidente Prodi ha giustamente sottolineato che ci troviamo in una fase di reingegnerizzazione dell'economia
Questa è la necessità
Dalla seconda guerra mondiale in poi
Direi che abbiamo avuto contestualmente la massificazione stelle invenzione la crescita del potere d'acquisto e questo ha prodotto crescita economica all'inizio degli anni Settanta questo ciclo
è stato sostituito dalla leva del debito leso da un elevato debito il debito pubblico il debito privato
è l'unica soluzione
Anche se al pubblico private pubblico pubblicato del debito delle famiglie se questo nella sua per questo il problema da risolvere risolve il debito pubblico quello privato l'economia sociale di mercato
E il cd coesione sociale retaggio dei nostri valori europee
Stiamo facendo
Le cose per bene rispetto ad altri da altre parti del del del mondo
Ma
Dobbiamo riuscire
A
Tre a garantire l'economia sociale di mercato anche in futuro non si può costruire un paradiso economico surplus rovine economiche viceversa
Comunque per liberare i talenti per mantenere le persone abbiamo bisogno della coesione sociale
E
Secondo noi le cose vanno meglio danno voi rispetto agli Stati Uniti fatti blocchi economici
Per quanto va ad esempio le cui
Dire sanitarie che ha parlato di politica sanitaria negli Stati Uniti la spesa pubblica per la sanità
Negli Stati Uniti è più bassa passaggio aggiungiamo la spesa privata gli americani spendono tutti più
In sanità per una servizio dei nidi minore qualità e questo anche un dividendo della della cooperazione
Europea partitura informazione quanto riguarda la crisi il russo Ucraina ieri il Consiglio dell'OCSE a rinviato
Il negoziato di adesione con la Russia abbiamo adesso ventiquattro
Paesi membri cinque Paesi come abbiamo
O negoziati di adesione Costa Rica Lettonia Colombia Lituania e Russia e abbiamo deciso ieri di rinviare i colloqui con la Russia
E di rispondere a una domanda del Governo ucraino positivamente
Nel senso di rafforzare la cooperazione con la con l'Ucraina anche se non è un Paese membro
In maniera flessibile quanto deciso quindi di accettare di accogliere una richiesta Ucraina di approfondire
E rafforzare la cooperazione tra OCSE Ucraina per garantire quindi una stabilizzazione dell'economia perché ovviamente vota la pace la stabilità importante anche il rilancio dell'economia grazie
Saremo professiamo cercato foglio fanno professoressa Mazzucato
Un chiarimento
Quando parlavo forse ci poteva esserci poteva essere stato un malinteso un per quanto guarda
Magari che si trattasse del determinismo tecnologico che innovazione buona di per sé ma non è quello che volevo dire per questo ho parlato di crescita
L'intelligente inclusiva e sostenibile però
Con tutti questi grandi cambiamenti di cui abbiamo bisogno prendiamo ad esempio l'elettricità per l'elettricità e sono voluti quarant'anni per un pieno diciamo una piena diffusione
Nell'economia ne parlavamo con Romano Prodi ma non è non c'è riuscita da sola la produzione in serie ed è stata un'innovazione ma
Il Governo ha deciso
Indirizzo riorientare tutta l'economia
In quell'assenso ad esempio la creazione di scrivere dei suburbio delle delle periferie non è avvenuta
All'improvviso è stato risultato di una politica del Governo quindi è la grande scelta dell'oggi entra rendere
Le decisioni e quindi servono appunto il settore pubblico attivo coraggioso che è andato per le missioni e innovativo
Ad esempio consentire come risulta
In piena di fusione tra rivoluzione informatica in tutta l'economia ancora no tutta l'economia non è ancora
Successo se ne paragoniamo le la l'informatica all'elettricità abbiamo aggiunto soltanto la metà del potenziale e verde non è la una rivoluzione tecnologica e alle una direzione potenziale
Nell'acqua qui potrebbe vedere anche la piena di fusione della
Del dell'informatica io sono meno settica di Petrini rispetto alla tecnologia ma lì serve un'attiva politica pubblica una delle questioni anche questo
Parlare di perdite di competenze di disoccupazione si tratta di decisioni se noi non mettiamo sotto pressione le le aziende ci limitiamo a parlare del mercato ma le ci sono aziende diversissime Eriksson cito ci riscontro l'arcivescovo spende cento
Torrenti per cento
Di quanto spende nel cercare sviluppo e il riacquisto di azioni quindi non non in non investe Vienna ricerca e sviluppo ad Eriksson non
Investe invece di acquisti di azione delle proprie azioni e quindi questo questo le politiche pubbliche noi scegliere i vincitori ma fare scelte strategiche sul tipo di crescita che vogliamo
In cui sta per riunirsi
Io ero molto
Signor Pedrini la persona più indicata per collegare la nostra discussione o una cena per rispondere a questa
Ultima considerazione de della dottoressa Mazzuccato non so dove ho dato l'impressione di dev'essere contro le nuove tecnologie
Non sono io sono assolutamente a favore delle nuove tecnologie non solo ma penso che il sistema agricolo mondiale dovrà utilizzare pienamente le nuove tecnologie
E sarà una delle forze di liberazione anche di molti contadini nel mondo
Se ho dato l'impressione di essere qui a fare del
Del passatista del bel tempo vantato voglio subito correggermi non è quello anzi ritengo che la modernità e cambiare certi paradigmi interi nell'economia attuale sono molto
Poco sostenibili quindi
Questa la risposta immediata e guai a te se voi ancora diverse
Io sono contro le moderne tecnologie anzi
Fortunatamente milioni di contadini sono molto più avanti di quello che si pensa
Ultima cosa noi adesso ci alziamo e andiamo a fare quello che nella nostra Europa facciamo tre volte al giorno
Malgrado la crisi malgrado tutto e andiamo giù ammazzare i prodotti dei nostri contadini capelli questo sia solo chiaro due riflessioni premo
Questo atto è un atto importante politico spirituale e morale che ci deve vedere attenti
Non andiamo a riempirsi di carburante andiamo a riempirci di cultura e di politica di socialità
Secondo un'attenzione a quella parte del mondo che ancora tanta
Che non
Fa questa pratica tre volte al giorno e la vergogna planetaria di vivere in un mondo dove noi
Guardiamo la nostra per la crisi ma
In molte parti del mondo c'è gente che muore di fame è una vergogna planetaria che dobbiamo sempre avere davanti
Quando parliamo della crisi quando parliamo dei nostri problemi non possiamo mai mai mai dimenticare che il tavolo non è solo qual è l'Europa ma anche di quella parte del modo
Do
Che muore per fame e per malnutrizione
No
Coletto sventolio sprechi adesso
Adesso voglio ringraziare tutti gli oratori gli interpreti che ringraziamo il Presidente è giunto il momento di andare al ristorante che basta scendere una rampa di scale e ci vediamo giù