12MAR2014
stampa

Legge elettorale e rappresentanza di genere - Conferenza stampa di Titti De Salvo

CONFERENZA STAMPA | Roma - 13:00. Durata: 1 ora 9 min

Player
Le donne di quasi sessanta tra associazioni e movimenti hanno sottoscritto l'Accordo di azione comune per la democrazia paritaria, all'indomani dell'approvazione alla Camera della legge elettorale senza gli emendamenti che volevano introdurre vincoli di rappresentanza femminile nelle liste.

Norme per le quali si erano battute con forza, e ora, in vista del passaggio dell'Italicum al Senato, chiederanno di incontrare il Presidente Pietro Grasso e le senatrici di tutti gli schieramenti.

Registrazione video della conferenza stampa dal titolo "Legge elettorale e rappresentanza di genere -
Conferenza stampa di Titti De Salvo" che si è tenuta a Roma mercoledì 12 marzo 2014 alle 13:00.

Con Daniela Carlà (dirigente generale del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali), Monica Cirinnà (senatrice, Partito Democratico), Titti Di Salvo (deputata, Sinistra Ecologia Libertà), Annamaria Parente (senatrice, Partito Democratico), Roberta Agostini (deputata, Partito Democratico), Fabrizia Giuliani (deputata, Partito Democratico), Gea Schirò Planeta (deputato, Per l'Italia), Maria Ida Germontani (responsabile Nazionale Pari Opportunità, Scelta Civica con Monti per l'Italia), Anna Falcone (avvocato e giurista), Francesca Brezzi (professoressa), Maria Teresa Amici (sottosegretaria alle Riforme costituzionali e ai rapporti con il Parlamento, Partito Democratico).

Sono stati trattati i seguenti argomenti: Associazioni, Democrazia, Donna, Governo, Grasso, Legge Elettorale, Parlamento, Renzi, Riforme, Senato.

La registrazione video della conferenza stampa dura 1 ora e 9 minuti.

Oltre al formato video è disponibile anche la versione nel solo formato audio.

leggi tutto

riduci

13:00

Scheda a cura di

Delfina Steri
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Amiche carissime cominciamo abbiamo solo un'ora
Abbiamo solo onore a disposizione e cercheremo Francesca di lavorare rapidamente
Intanto
Paris scusami va bene se mi serve la piglio lo facciamo per tanti intanto grazie
Grazie alle amiche parlamentari che non solo per il lavoro svolto in questi giorni ma anche
In particolare a Roberta Chiti Di Salvo perché ci hanno aiutato anche a preparare la conferenza stampa di oggi
Adesso sentiremo da loro data altre amiche il punto faremo insieme il punto della situazione la conferenza stampa di oggi
Allora cercherò sarò rapidissima perché cerchiamo di parlare per costruire insieme il nostro percorso di lavoro quindi parleremo anche risultante invitiamo soprattutto le amiche parlamentari a farlo
Dicevo grazie per il lavoro che hanno fatto grazie Titti che già organizzarci aiutato organizzare la conferenza stampa di oggi a Roberta Morroi niente Cinzia romano che hanno fatto tutto il lavoro preparatorio hanno in tutta perché abbiamo ancora voglia
Di proseguire non siamo
Lui
Per fare il punto di una fase conclusiva permette rivolti lo faremo lo sapevamo che il percorso da complicato avevamo lanciato la Roland ordinari
Nella conferenza stampa dell'altra volta non siamo serene avevamo ragione a non esserlo non siamo serene ma non siamo neppure disperate
Perché sappiamo di essere all'interno di un percorso che siamo certe ci porterà a dei risultati
Intanto due risultati li abbiamo come si dice banalmente e portati a casa
Il primo aver confermato contribuito a rafforzare una trasversalità tra le donne dentro e fuori le istituzioni
è questo per noi fondamentale non siamo però condividere come dire per disputare succhi si deve attribuire la sconfitta non se ne attribuirà nessuna ma condivideremmo tutte anziane il risultato finale che non potrà non esserci
Perché siamo a metà del percorso forse neppure quindi il primo risultato lo Stato questo la trasversalità tra donne
Il secondo risultato importante è che per l'insieme di circostanze ma nelle circostanze cioè da metterci anche il nostro lavoro ormai
Che prosegue da anni abbiamo pubblico siamo riuscite a voglio dire arrendere anche visibile
Lascia in salita della questione democrazia paritaria dentro la vicenda democrazia vitalità delle istituzioni nel nostro Paese vedremo
Tutto ciò è molto vero è anche vero che purtroppo abbiamo dovuto fare i conti con volti negativi con un disimpegno di parte delle donne perché anche questo poi
La fine in una visione realistica dal tetto per cui non ci siamo portati a casa
Il risultato sperato di una declinazione al femminile
Della riforma elettorale nel nostro Paese è stato molto antipatico dover contestare senza riuscire a ottenere dei risultati la richiesta del voto segreto
Perché l'abbiamo detto qui non lo ripetiamo voglio solo accennare alla questione non siamo di fronte a una questione che riguarda solo le coscienze ma siamo di fronte
Ho un problema politico fondamentale nel nostro Paese lo vedremo proprio per questo cerchiamo di organizzare il seguito dei nostri lavori abbiamo delle scadenze
L'ha avvicinato e anche qui ne indico due anni e mi sto lanciando lo sguardo con Monica su una al su tutte e due interverrà
Non ci rivolgiamo al Senato ci rivolgeremo
Al Presidente del Senato ci rivolgeremo alle Cinetel senatrice ci rivolgeremo alle forze politiche perché pensiamo che dal Senato
Possano venire modifiche fondamentali in direzione dell'accoglimento dei nostri emendamenti al Senato se disco so anche ieri ma ce lo racconteranno loro così facciamo prima e saranno più credibili nel non racconto perché c'erano
Se discusso anche del
Elezioni europee e di declinazione al femminile anche lì lo sapete la partita complicata anche lì purtroppo non abbiamo ottenuto ancora
Un risultato anzi abbiamo dovuto beh un po'di realismo serve perché lo
Come dire l'ottimismo deve essere giustificato abbiamo registrato un ulteriore piccola sconfitta Monica Cirinnà Sitcom forse
Può e poi una mano le amiche parlamentari prego
Grazie Daniela grazie a voi per essere qui e io riporta una bruttissima notizia ve la porto insieme alla mia collega senatrice Anna Maria parente
Anche lei mia collega del PD non è vero che ieri abbiamo incardinato la modifica alla legge elettorale per le europee
La questione è stata sollevata e l'avete trovata nel resoconto è stata messa alla richiesta della capigruppo la capigruppo la calendarizzata per oggi pomeriggio alle quattro
Nella seduta che aprirà alle ore sedici ma con la contrarietà di alcuni gruppi primo tra tutti il Gruppo della lega a questo punto che cosa è accaduto che il Senato era convocato questa mattina alle ore nove
Per chiudere primo punto all'ordine dei lavori che sono le nuove misure e cautelari di modifica al Codice di procedura penale sull'incardinamento di questo provvedimento
La lega
Movimento cinque Stelle Forza Italia e su questo bisogna riflettere nuovo centrodestra non hanno risposto al numero legale
Per quattro volte di seguito quindi la seduta non si è mai aperta perché il Partito Democratico da solo insieme a scelta civica Annona il numero legale in Consiglio in Senato della Repubblica quindi io prevedo
Come dicevamo con Anna Maria venendo qui che ciò accadrà anche oggi pomeriggio e a domanda specifica che è stata posta la questione è la seguente
Ci sono forze politiche nel nostro Senato sicuramente Forza Italia ma mi viene da pensare sicuramente anche nuovo centrodestra che non vuole
L'introduzione
Della rappresentanza di genere all'interno della legge elettorale con il sistema della doppia o tripla preferenza se vede il meccanismo era un semplicissimo la legge fatta di un solo articolo la proposta che abbiamo all'ordine dei lavori dice che la
Nella
Legge per l'Europa
Si può votare nei seguenti modi primo modo mettere la croce sul simbolo e basta secondo modo una preferenza secca uomo-donna scelta dell'elettore se la preferenza viene raddoppiata scatta l'obbligo come dei Consigli comunali
Emettere uomo-donna nel caso in cui si voglia dire a nella terza
Che è ammessa nelle regioni e nelle grandi collegi delle Regioni per l'Europa la terza preferenza deve essere o di un altro uomo di un'altra donna quindi nel caso di tre preferenze saranno due donne è un uomo due uomini è una donna quello sto o non va bene
Ai partiti
Del centrodestra non va bene lo sono non va bene a Berlusconi
Non va bene alla lega che ne fa un'arma di ricatto in Senato con noi perché il salva lega non è passato nella versione della Camera e quindi dice prima si risolva la questione del salva lega sulla legge elettorale nazionale e poi si vedrà
Questo è il quadro
Io prevedo Anna Maria speriamo sbagliarci io prevedo che anche
Oggi pomeriggio se non ci sarà una nuova capigruppo se non ci sarà un nuovo accordo
Politico a livello diciamo di di guida dell'Aula noi faremo un altro pomeriggio di numero legale inesistente perché è scelta civica e Partito Democratico non hanno i numeri del Senato
Possiamo fare molte altre considerazioni l'accelerazione sull'Eataly cum ha sicuramente scontentato molti
E quindi l'accelerazione su altre modifiche non viene accettata nel momento in cui si sa che al Senato i numeri tra ballano la nostra e concludo
Determinazione nel dire tutta la partita del cinquanta e cinquanta ritorna in Aula al Senato ha infastidito moltissimo perché dove si era pensato
Di averci messo scegliere riaprire la questione del Senato sicuramente non non fa piacere
Ecco io credo che il panorama sia questo che si voglia in qualche modo accollare un termine che usano i nostri giovani figli
Accollare alla questione della
Rappresentanza di genere
Un mal di pancia molto più ampio una situazione di maggioranza traballante e comunque sulla questione appunto delle donne si va sempre più saldando questa
Tragica situazione del nostro Parlamento e forse anche di questo Paese e concludo nel dire che la strumentalizzazione che tanti giornali che tanti sondaggi televisivi
Hanno fatto della partita quote stata vergognose ci ha danneggiato perché non parliamo di quote su cinquanta e cinquanta non è una quota
E soprattutto
I sondaggi non hanno dato la realtà di quello che invece i cittadini ritengono ormai scontato ed è per quello che lo chiedono forse solo Pagnoncelli ieri sera perché ha visto Ballarò ha dato al sessantasette per cento la
Il gradimento degli italiani sul cinquanta e cinquanta io vi prego di pensarci tutte fortissimo quando saremo in Aula del Senato di pomeriggio lo saprete dai resoconti se secondo me non si fa una capigruppo e non si addiviene ad una piccola trattativa oggi il Senato andrà nuovamente deserto e nuovamente
Per i vari motivi opposti legato va visibilmente per il motivo della rappresentanza delle donne andremo nuovamente
Sotto diciamo a bagno grazie grazie grazie Monica grazie al verrà tutto quello che ha detto che condividiamo Cerati tipi salvo che non vedo
Titti prego
Come Titti è un po'anche padrone di casa lei lo posso chiedere di essere breve così riusciamo a intervenire aggiunge certamente
Una
No ma in realtà adesso tocca a loro quindi è giusto che si Pino diciamo
La palla toccato che al Senato le senatrici e senatori io volevo dire soltanto due cose la prima penso che ne dobbiamo ragionare subito su quelle sulle
Le scelte le azioni da mettere subito in campo per modifica al Senato la legge
Dobbiamo però e vedere anche quando farlo quindi accetto l'invito di Daniela alla brevità ma lo voglio solo dire come titolo riflettere su quello che è successo
Perché del voto segreto che si è manifestato alla Camera si sono mescolate tante cose
Che vanno diciamo su cui bisogna a ragionare c'è un'idea che la democrazia paritaria sia una minaccia
E non un vantaggio per il Paese c'è esattamente il contrario ma una minaccia
Una leggiamo sostenuta dal fatto che se nel futuro il Senato pensiamo di tali come effettivamente determinerà l'eliminazione del Senato
Democrazia paritaria e quello che comporta di fronte a una riduzione delle presenze in Parlamento ancora di più viene considerato una minaccia
E questo diciamo è successo e ha avuto
Questa preoccupazione il voto di tanti
Che il segreto dell'urna nascosto rendendo difficile anche la lettura
No perché si è mescolato di tutto ma questo sicuramente c'è stato così come io vorrei che noi riflettessimo
Sul fatto che l'argomento secondo il quale proposto da molti e anche da alcune
Secondo il quale e il merito
E il merito a determinare diciamo arrendere giusto l'accesso alla partecipazione politica ai vertici dell'impresa il merito è un tema che
Ritorna con una forza
Che francamente io credevo indebolita ritorna con forza dal proposta da un intero gruppo politico dal Movimento cinque Stelle sottogruppo sto da Forza Italia al netto del fatto che molte parlamentari a cui va riconosciuto hanno detto che non è andata Cordero sostenuto questa battaglia
Comune però insomma cosa là del merito
Naturalmente c'è un'ipocrisia di fondo perché se uno guarda l'Italia è evidente che non è possibile che le donne dove si contano ci sono perché non ci sono donne di talento naturalmente
Ma e io penso che dobbiamo ragionare sul fatto che c'è un ritorno indietro
Negli argomenti
Può essere che il Paese sia molto più avanti
Può essere che il Paese sia molto più avanti ma nelle aule parlamentari e ne abbiamo sentito questo argomento proposto largamente
E allora dobbiamo contemporaneamente ragionare su come al Senato cambiamo la legge e come egli affronti diamo un c'è un catalogo e di di
Di riflessioni che secondo me non vanno
Zoggia bisogna accorgersi che fa sì che è successo qualche cosa che l'argomento che è stato proposto
L'argomento sostenuto da molte ragazze
Da molte ragazze
Poi naturalmente io ho finito era facile rispondere perché è una legge che propone liste bloccate evidente che non ci sono nei titoli realizzabili per partecipare quella lista bloccata che l'arbitrio dei
Dei capi partito in ogni caso l'argomento lo toglieva assolutamente dal tavolo neanche come ipotesi però io insisto io penso che una riflessione su questo bisogna falda
Per capire come riprendere la discussione pubblica come riprendo la discussione pubblica perché tabaccaio finito nella vinciamo
Sicuramente se è questo il legame tra le donne del Parlamento le donne poi del Parlamento si rinsalda
Si struttura e diventa il perno di un'azione comune non solo su questo ma su tante altre cose
Grazie Tiziana Maria parente prego
Poi Roberta Agostino Fabrizia Giuliano ditta man mano a mano così
Tra l'ente quello noi dobbiamo riprendere tutta la tematica l'accesso alla partecipazione della democrazia
Perché non momenti in cui si crea nello scompiglio ne abbiamo fatte esattamente in questo punto è un conto nel momento in cui si propone un sistema elettorale che
Non prevede le preferenze e quindi non da
Totale in mano la scelta i cittadini e cittadine del proprio parlamentare
Chiedere il cinquanta e cinquanta scombinato questo tema scombinato il tema della
Diciamo comunque delle liste bloccate perché comunque si tratta delle liste bloccate quindi
Il cinquanta e cinquanta e chiesto dalle donne è un mettere in discussione esattamente questo cioè
Come si scelgono i parlamentari solistiche per partito se fai uno e uno scombinato comunque la scelta è segreta del partito questo il tema forte che abbiamo
Che abbiamo davanti e quindi come questo tema io son d'accordo con esiti come si rimesse si riprende nati scusi non è pubblica su questo perché sapete che sui giornali è uscito di tutto e di più le donne vogliono i posti fare perché no
Se ci sono due da mettere perché non uno ma la donna quindi questa è
è il tema forte e e dipende età e da queste grande tema del rapporto tra democrazia e e scelta dei cittadini e le cittadine perché per esempio il mento si dall'ICI malamente cinque stelle oggi in Senato mi dicevano che non vogliamo nulla perché le donne ebbero sono bravi non vogliamo tutele sono brave devono andare avanti questore l'ultima questione amo anche alla detta benissimo ISPA oggi ci siamo trovati in una condizione difficile e e peraltro all'ordine giorni stamattina non c'era il provvedimento sulla legge elettorale ce n'era un altro
Probabilmente c'è stato uno scambio tra lega nuovo centrodestra quindi noi alle quattro riprendiamo Laura però alle quattro c'è esattamente la discussione su questo
Adesso non sono in queste ore se c'è un accordo tra Pd nuovo centrodestra perché e soprattutto nove centrodestra che sono nostri alleati al Governo hanno chiesto il numero legale per la lega e non centrodestra e
E quindi oggi ci troveremo è e e ultima questione questa legge elettorale la legge sistema legge elettorale
Proposto incrocia altre questioni per esempio non centrodestra vuole affrontare il tema non solo della doppia preferenza di genere non sarebbero d'accordo
Ma lei la soglia di sbarramento quindi è probabile che si possa al avere un insomma un margine di mediazione
Sull'accesso rispetta la doppia preferenza sulle la soglia di sbarramento rispetta la doppia preferenza di Jenson
Io credo sottosegretaria Sesa Amici a
Va bene
Io che chiudo dicendo che è una ripresa di opinione pubblica la discussione pubblica l'opinione pubblica che si perché altrimenti
Non è non possiamo stare da sole al Parlamento a sostenere queste battaglie grazie
Amelia scusa l'interruzione ma volevo dire appunto che c'era la sottosegretaria stavo sognando ma mi dicono che ritornare Oberti Agostini prego che la prima firmataria degli emendamenti controversi disse
Le cose che sono state dette io penso che noi dobbiamo
Provare a costruire una mobilitazione una battaglia culturale su alcuni su alcuni temi perché
E le cose che abbiamo ascoltato durante il dibattito su su questa vicenda e sulla legge elettorale sono
Cose che sono a vanno in qualche modo contrastate nel dibattito pubblico nella nella discussione va fatto capire comunque
Molta più nettezza qual è il nostro il nostro punto di vista però devo dire che accanto a cose terribili ho anche sentito invece prese di posizione positive
I grandi giornali hanno anche dedicato al tema penso al Corriere della Sera che un certo punto ha dedicato un articolo di fondo a questo tema c'è anche stato un dibattito pubblico invece molto
è molto positivo e io penso che dobbiamo provare a coltivare questo dibattito pubblico che intorno a questo tema si è comunque aperto va bene grazie
Dentro inserendo
Possiamo
Servono
Rispetto
E questo anche in vista della
Discussione
Facciamo
E questo anche in vista della discussione che dobbiamo fare al Senato
Quindi c'è un elemento positivo secondo me che si è messo in moto
No io lo dico perché mi devo diciamo tirare su le spese
E c'è un altro elemento che io valuto molto positivamente penso che come me anche le colleghe con le quali abbiamo fatto questa battaglia la Camera che è questo protagonismo
Femminile che non è scontato e che in questi termini e in queste modalità dentro una battaglia politica cioè
Non dentro una cosa sulla quale potevamo essere tutti più d'accordo no ma dentro una battaglia politica che ci ha visto anche
In posizioni di contrasto con i leader dei nostri partiti comunque dialettica ridire nostri partiti e si è
Si è diciamo con costruita quindi io insomma penso che questo sia un fatto sia un fatto molto molto positivo
E penso che noi dobbiamo provare a approfondirlo anche qui rispetto alla cosa che alla battaglia che dobbiamo fare in Senato quindi due cose opinione pubblica iniziativa mobilitazione
Prese di posizione di parola
E cercare di allargare un po'questo questo fronte strada tra uomini e tra uomini e donne perché arrivi la pressione arrivi una pressione arrivi
Una posizione forte delle donne delle donne degli uomini italiani che sono interessati alla qualità della democrazia la qualità della legge elettorale
E che insomma faccia un po'propria modificare quel patto che si è costruito per portare a casa la legge elettorale perché il punto è questo
La legge per per arrivare a discutere la legge elettorale alla Camera c'è stato un patto tra alcuni leader delle forme di forze politiche di maggioranza e non e il Patto ha retto fino adesso tant'è che la legge è stata approvata in prima lettura alla Camera
E questo patto che ci deve prevedere o al ma a margine di questo patto anch'deve prevedere invece la
La norma le norme che chiediamo che chiediamo per il Senato quindi dobbiamo insistere dobbiamo portare provare a portare avanti
Fino diciamo all'obiettivo questa a questa nostra battaglia politica io penso che saremo capite dall'opinione pubblica siamo capite dall'opinione dall'opinione pubblica e e penso che ce la possiamo fare solo se però c'è una mobilitazione forte cioè solo se
Le donne sono in grado di compiere dei gesti di
Di rottura di evidenti noi siamo stati rimessi a posto con il voto segreto probabilmente se non ci fosse stato il voto segreto
E la legge sarebbe passa agli emendamenti sarebbero passati e quindi la legge sarebbe stata
Sarebbe stata modificata noi dobbiamo invece fare una battaglia mettendoci la faccia mettendoci le nostre parole mettendoci la nostra idea di di democrazia quindi
Proviamo ad andare avanti provando a ripensare a cosa non è andato perché diciamo è successo quello che è successo alla Camera perché anche questo secondo me Bampo dobbiamo un po'
Riflettere però insomma insistiamo
Grazie ai Roberta consentitemi solo una sottolineatura io avanzo col lavoro dell'accordo sia molto servito
Perché si capisce che la Rete trasversale delle donne non è al servizio di nessun patto né per quello per fare la legge elettorale né quello per disfare la legge elettorale piuttosto svolgiamo un servizio
Per qualificare qualunque patto ecco quindi l'accordo sicuramente servito per evitare strumentalizzazioni e quindi divisioni dalle da tra le donne quindi sconfitta
E non è per questo continueremo essere a disposizione in questa fase che speriamo conclusiva con un esito positivo Fabrizia Giuliana poi Marina scusa il cognome
Tre

Voglio dire che non è stato
Semplice mai stato decisivo per molte di noi
Abbandonare l'Aula quando è stato bocciato anche il terzo emendamento
Quello relativo al quaranta e sessanta quando cioè si è reso plastico questa saldatura tra forze diverse
Forti anche di questa della segretezza del voto che in
Inserisce un capitolo ancora più doloroso ancora più opaco dietro questa sconfitta
Quando c'è una sconfitta secondo me bisogna sempre che ad esse nelle ragioni mi riallaccio per questo alle cose che diceva Titti Di Salvo prima
Non per ragioni di retrospettiva o di fu istigazione però dobbiamo interrogarci su una frattura che prima di tutto generazionale perché se per molte giovani parlamentari affermare che
La democrazia paritaria va contro il merito vuol dire dare rappresentanza rappresentare le idee che loro sarebbero da parte di molte loro coetanei questo è un problema di tutte
è un problema che riguarda la cultura politica delle donne che forse non è riuscita ad aggiornarsi quanto doveva aggiornarsi
Che non è riuscito a costruire una sintonia non parlo di connessioni sentimentali parlo di sintonia con l'opinione pubblica in cui prevale il giudizio invece della comprensione e questo non va bene
è mancata ancora io credo dobbiamo lavorare di più io sono d'accordo con quello che dicevano Roberta tutte le amiche con le quali pancia a terra abbiamo diviso questa battaglia
Dobbiamo lavorare di più e meglio per costruire una trasversalità reale con forze politiche rispetto alle quali
Ancora conosciamo molto poco mi riferisco per esempio cinque stelle che saranno decisivi al Senato
Non siamo riusciti ad aprire abbiamo tenuto canali fino all'ultimo con alcuni di loro conserva ancora l'sms che ho ricevuto quando una delle colleghe con cui abbiamo condiviso per esempio la battaglia sui Sambuy sulla violenza eccetera mi ha detto non ce la facciamo
Ecco bisogna invece che questi sforzi si moltiplichino che queste reti che sono fatte come sappiamo di donne di relazioni di
A come si dice condivisione di momenti anche importi deve essere DOP deve essere estesa ogni Energia per questo
Non dobbiamo dobbiamo essere veramente più forti delle nostre appartenenze
E chiudo dicendo l'ultimo punto che io credo decisivo che è un punto squisitamente politico
Ho
La questione della democrazia paritaria diventa anche per il Partito Democratico
Il Vella vera priorità di cambiamento al Senato sganciata da tutte le altre critiche che attraversano più che legittimamente
L'accordo che regge l'italico oppure non ce la si può fare questo è chiarissimo o si lavora per mettere al centro quel punto sottolineandone la valenza politica spiegando le ragioni perché
Oppure non se la situazione si fa perché le donne due capannoni perché siamo usciti per due ragioni
Perché ci dà fastidio essere sottovalutate e questo è quanto accaduto rispetto da parte a dispetto a chi ha chiuso l'accordo sull'italico lasciando fuori questo
E pensando che questo sarebbe stato indolore per le donne non capendo che si arriva un varco terribile anche perché voleva che l'accordo reggesse
Due
Perché lo postumo perché ha intenzione di strumentalizzare perché questo non può funzionare questo non va bene
Perché le donne noi ce ne accorgiamo
Quindi o si lavora lavoriamo tutti per mettere al centro questo e questa è la condizione perché l'Italia non passi
Naturalmente non mi unisco a quello che hanno detto le colleghe circa il fatto che dobbiamo essere unite dentro ma uniti anche fuori cercando di moltiplicare le sedi le cose e soprattutto arricchendo il dibattito dell'opinione i propri perché abbiamo dato per scontato la comprensione delle nostre ragioni non ci sono ancora queste ragioni la differenza tra quote democrazia parità non ha nulla di scontato vi ringrazio scusate
Marina prego
Scusa
E grazie parlo da qui no brevemente non c'è ciclicamente presentare a Malpensa o buongiorno mi chiamo Gea Schirò numerica
Non valeva niente imbarazzo dal padrone di casa
E allora il meno utile aggiungere che le cose già dette che è del tutto condivisibili e condivise e da una sola
Va bene
Non
Il
Insomma condividiamo ovviamente del tutto
Quante queste cose ed è che sono state dette un particolare in più vorrei aggiungere ed è l'occasione per essa dalla dal Governo e dal suo interlocutore che non sta al Governo nel dire ignare questa legge soprattutto nel non mediare perché questo non è un decreto legge e una legge dirigenti in teoria parlamentare quindici e c'erano tutte le condizioni per riflettere recepire
Alcune delle cose se non tutte anche tutte benvengano altri miglioramenti e non è che non avrebbero alterato la struttura queste le questo è un fatto gravissimo do politicamente rispetto al nostro ruolo di parlamentari al senso di intrinseco del della legge detto questo io non sono solo pensò che il senso comune sia con noi non sono convinta che i giornali siano stati di grande aiuto sinceramente mi scuso con dei giornalisti
Perché all'ultimo l'ultimo giorno all'ultimo minuto si sono resi conto del problema dell'emendamento do insomma se n'è parlato ma non è non è mai un dibattito costante quindi questo lo segnalo perché secondo me questa è una cosa su su cui vigilare dove nel nella comunicazione dobbiamo anche tu un po'sottolinearlo da un po'di più solo questo grazie
Sia prenda penso alla senatrice Germontani voler venire ad prego e poi subito dopo c'è
Grazie io intervengo come responsabile pari opportunità nazionale pari opportunità di scelte civica quindi per dire che per quanto riguarda il percorso quello contrassegnato assolutamente
Io mi adopererò per che
Quello che è avvenuto alla Camera si ripari assolutamente
Perché non avevamo presentato io ho presentato anche noi emendamenti siamo assolutamente dell'idea che si debba riequilibrare i cinquanta e cinquanta il cinquanta per cento così anche per quanto riguarda il capolista
Io credo che si debba fare un grande movimento anche credo coinvolgendo le associazioni
Femminili che sono state importantissime nel percorso che abbiamo avuto quando è stato approvato la legge
Sulle quote delle norma di garanzia nei consigli di amministrazione delle società quotate la pressione degli associazioni è stata fondamentale c'è questa intenzione questa volontà
E e quindi credo che questo sarà molto importante io voglio rilevare che il percorso al Senato sarà fondamentale perché
Io non sono d'accordo sul fatto che si debba abrogare il Senato credo che si debbano rivedere
Ma per quello che mi riguarda per l'esperienza che ho fatto molto si è riuscito a risolvere si è potuto portare a termine proprio al Senato uno anche perché per una questione numerica perché al Senato c'è la verità dei senatori e così anche la vita nelle Commissioni per cui il lavoro può essere fatto può essere fatto meglio e può essere portato a termine noi al quella legge siamo riusciti ad avere addirittura la legislativa in Commissioni per cui andiamo a vita con l'auto la e abbiamo avete aiutato quel o far west che avviene poiché avvenuto in Aula qua e che può avvenire in Senato quindi io credo che le senatrici io mi prendo incarico questa responsabilità
Come scelta civica si dovranno dovranno assolutamente ad operare per ottenere questo interne nessun accordo
Anche ribasso
Non si può accettare nessun accordo al ribasso soprattutto dopo un'esperienza
Questa esperienza grazie
Senatrice Anna scozzese poi presenta
Mi perdonerete a ma io non sono bravissima ricordare i cognomi perché ci chiamiamo sempre per norma quindi prego allora vanno anch'io per l'occasione da Falcone visto che ci pagano per non
Infatti
Infatti non ci mancherebbe
Allora io sono uno dei giuristi
Che hanno firmato il primo appello dei giuristi e costituzionalisti che hanno firmato il primo appello
Che metteva in guardia contro i vizi ritiri questa legge elettorale già nella prima bozza che era uscita fra dicembre i primi
E i primi di gennaio
Ci tengo a partecipare a questo dibattito perché io credo che sia molto importante soprattutto all'esito
Del dibattito parlamentare
Che non ha diciamo così negato soltanto il cinquanta cinquanta quaranta sessanta ma negato qualunque delle misure presentate quindi c'è una violazione enorme della con cinquantuno della Costituzione che è stato modificato proprio per legittimante
Delle addirittura le azioni positive ne parla anche l'articolo ventisei della Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea le azioni positive a tutela dei diritti politici delle donne a tutela in particolare del diritto di elettorato passivo
Più che sia importante a questo punto perché
La posizione dell'Aula è una posizione ormai di chiusura l'apposizione evidente io dubito che al Senato cambi qualcosa lo dobbiamo farci molte illusioni su questo credo che sia importante fare tre operazioni
La prima io ho sentito alcuni colleghi costituzionalista mi permetto di io sono solo un apprendista costituzionalisti hanno sentito già alcuni colleghi stamattina che sicuramente usciranno con un nuovo documento
Nuovo documento perché è un solo la bozza di legge elettorale è peggiorata
Nel frattempo
Perché si è aggiunto quest'altro elemento di ulteriore incostituzionalità ribadisco un problema di costituzione Rita totale perché qui c'è una chiusura qualsiasi misura qualsiasi per questo che in c'è tattica la scelta politica è un qualcosa che sta al di fuori della disponibilità dei dei tecnici ma la chiusura su qualsiasi misura è un fatto inaccettabile giuridicamente e politicamente civilmente
Io credo che dobbiamo lavorare su una
Unione delle forze
Fra
Giuristi giurista costituzionalisti e operatori del diritto a vari livelli operativi tra operatori sociali e politica se riusciamo a fare questa operazione e però
Non con convegni non soltanto diciamo così con l'operazione di vertice con delle manifestazioni dobbiamo organizzare proprio delle manifestazioni io non trovo altre altre soluzioni davvero di impatto ed efficaci
Un altro aspetto
Soprattutto il discorso cinquanta e cinquanta che io condivido soprattutto se è calato nella proposta che si stava discutendo va spiegato
Va spiegato perché sembra che si stia combattendo per una
Rigidità laddove invece con collegi piccoli purtroppo cui quelli che punto
Si vogliono far passare cinquanta e cinquanta e l'unica misura che garantisce una reale
Parità
Ovviamente andrebbe bene anche quaranta quaranta sessanta
Quella è una scelta politica non la posso io non posso abbracciare io ho un'opinione come abbiamo già detta però ovviamente anche quaranta sessanta in tutta onestà tecnicamente devo dire che potrebbe essere conforme all'articolo cinquantuno l'articolo cinquantuno parla di pari opportunità
Nell'articolo diciassette settimo comma in materia di leggi elettorali che parla di partita esatte quindi quello ha un
Vincolo di interpretazione più più più stringente
Quindi io sicuramente intendo farmi in parte attiva non voglio dire promotrice che è una parola che non mi piace
La sicuramente parte attiva per riattivare l'attenzione dei giuristi e dei costituzionalisti che già hanno firmato il primo appello
Però io vi prego di allargare questa rete delle donne anche alla rete alla una rete più ampia di tutta quella parte di società civile che questo punto sia disposta a scendere in piazza
A me hanno già scritto ma amiche amici su Facebook per costituire un gruppo di donne che vuole venire a Roma a fare una manifestazione quindi diamo almeno questa soddisfazione
Grazie a
Grazie a lei che ha suscitato Vanzan soggiorna realizzato sempre bella allora Francesca Brezzi e trenta
No devi prendere però
Ecco lineare preceduto Anna Franco Re io sono molto d'accordo su quello che ha detto lei Guidi non ripeto dai primi interventi io ero vice molto delusa perché non ci illudiamo che al Senato la la situazione cambi e quand'anche cambiasse al Senato la Camera
Cambierebbe idea col un provvedimento che gli ritorna Camera che era ed è inutile che ci giriamo intorno a secondo me veramente la sconfitte sconfitta perisce i giornali non ce l'hanno capito
Però chi è che doveva farsi capire dai giornali c'è sicuramente non io o altri però le le parlamentari
Occorre quindi Bianchi tra
Lo dico in fretta e quindi voglio sembrare aggressiva avrà eravate voi chiedevate farvi capire perché a voi i giornali danno ascolto noi per riuscire ad avere un un minimo di spazio sui giornali o ho letto oggi tra le varie
Nostre lettere che ci scambiamo qualche d'uno che pagava sul Corriere della Sera una pagina per far sentire le nostre ragioni quindi
Io sulla quanto quello che è stato detto e è inutile che continuiamo a come dire a piangere tra di noi ci vogliono manifestazioni forti sono contenta che qui ci siano
Le amiche visite non ora quando ci vuole a manifestazioni forte su Alba appunto tentativi di allargare la ritengo questo Consiglio di unirci o di unirci o comunque di relazionarsi con i costituzionalisti è importante
Non illudiamoci che al Senato vada diversamente o che va che vada meglio o che comunque torni e e la Camera cambi stranamente idea
Se Francesca la sottosegretaria stesse amici credo caro prego
O no
O forse
Ho forzato ho forzato
Agli evita di Rieti aperti alcuni devi
Ha una emissioni ma io credo che alle senatrici
Tocchi non solo il signor giudice anche senatori toccando grande confidiamo che è un compito di responsabilità e se mi posso permettere un giudizio un po'complessivo di quello che è accaduto
Vorrei evidente non è vita Assimoco
Un errore di fare di questa questione di nuovo solo una questione che attiene ad un profilo di riequilibrio della rappresentanza e quindi avevo quindi di un elemento che qualifica la democrazia
Non sottolineando la gravità di quello che è successo alla Camera che io sono perché noi come dire non facciamo sconti da questo punto di vista
Perché credo che gli si sia prodotta una cesura su un dato permettere la mia storia che è una storia unire tutto politica la migrazione
Di riconoscere alle donne
Italiane la possibilità di essere un soggetto politico
E averlo voluto ridurre anche nella discussione in una sorta di stranissima trattativa una questione di quote fa fare un passo indietro drammatico
E quindi il primo dato che noi dobbiamo come dire assumere
E che le donne su un soggetto politico e che richiedono dentro un meccanismo di legge con ognuno di noi può mantenere i suoi giudizi sulla legge ma che stante la situazione attuale e di nuovo umani rigetto rare con liste bloccate
Anche se in collegi corti dove però vi invito a ragionare sulla determinazione delle soglie
L'idea di arrivare ad un emendamento che era alla fine questo del quaranta sessanta sulle capitaliste aveva un significato che andava al di là del simbolico perché era una distribuito un riequilibrio del potere
Io sono di noi questo elemento
Della natura politica hanno dobbiamo continuare come dire ad avere chiaro nella discussione non abbandonando nemmeno per un secondo l'elemento di straordinaria trasversalità che si era costruito
Perché se commettiamo queste ore e lo facciamo diventare o la battaglia di un solo gruppo o delle persone più sensibile neghiamo hanno le stesse il valore della democrazia della battaglia sulla democrazia che stiamo compiendo
Poi ci sono come dire pronunciamenti importanti
Quindi come dire del PD che ne sarà una questione
Prioritaria ma io non vorrei che noi come esci sull'assegno sugli allori
Le questioni prioritarie saranno tali se riusciremo ad imporle in un ragionamento pubblico trasversale
E se vorrei come direzione SIC conosciamo molti di voi io credo che il primo atto che bisogna compiere e quello di fare un incontro tra alle senatrici e lei parlamentari
Perché insieme si capiscono dove come dire c'è stato un momento interruzione
Capire come si conduce una battaglia dentro il Senato che certo rispetto alla Camera come dire un elemento in più non c'è il voto segreto voce il voto perché l'astensione al Senato e si intenda come voto contrario
E quindi però è evidente
Che se nel anche se esternamente questa questione come l'abbiamo tenuta per due-tre giorni sui media
Riusciamo a tenerla nell'Obiettivo nel raggiungimento dell'obiettivo come dire la questione non è
Completamente persa però poi avremo bisogno di un luogo un po'più saggia più sereno di riflessione
Perché un Paese che di fronte a questa questione si possa pensare che le le leggi elettorali si fanno e gli accordi sulle leggi elettorali
Escludendo le donne o pensando di farla diventare alcun problema di libertà di voto dei gruppi io credo che come dire che c'è e non un passo indietro dieci mila passi indietro nella questione che riguarda
La democrazia
E credo che dovremo fare un secondo seconda riflessione la dico perché
Stanno in questo ruolo come dire di osservatore della Camera e non potendo parlare perché sarda funzione come dire di governo
Essendoci anche il ministro poiché
Questo punto di vista è impressionante il ragionamento sull'affermazione che la parità passa attraverso l'affermazione forte di di
Ti sociali e non capire che i diritti sociali se non vanno in parallelo con i diritti politici correre il rischio di essere delle personalità dei puri
E noi questo azionano dobbiamo provare riunificare e questo è un po'il compito di faccio però l'invito che immediatamente dopo uno però questa stesso tipo di Assemblea la si faccia con le senatrici ci si assuma una linea
Quanti
Sono di meno rispetto alla capienza ovviamente sono i numeri a
Grazie si è più un po'più bassa
Per il gruppo nostro Perego del PD è più alta e il gruppo forse di Forza Italia che qui abbiamo trovato una significati la rappresentanza che vorrei che noi non esclude utilissimo anzi valorizzarsi ma al massimo perché chi aveva deciso come dire di assumere una battaglia non l'ha fatta solo sull'idea
Di una bandiera perché era un pezzo del gruppo dirigente anche di quel partito che battagliera come dire anche consumata sulla propria pelle che ha scelto in uno di questi momenti di vivere la trasmessi Rita come dato di qualità politica ci siano
Scusate la sola un po'come dire per dare anche un po'il sei non ci sono qui ci sono state in altri acconti leggi
Hanno preso
Notizie signori
La ne abbiam parlato ne ha parlato prima Monica
Rosanna lo sanno
Si è senza
Sia innanzitutto devo fare una precisazione gliele ho fatto un lavoro di integrazione degli atti parlamentari raccogliendo per quanto riguarda
I deputati che hanno chiesto il voto segreto aggiungendo ai dai cognomi i nomi gruppo di appartenenza per un errore che ora non sono in grado di capire
Se alto talmente a mio carico o dipende anche da quello che è scritto nel resoconto ho aggiunto tra i firmatari mai Marino marchi del PD però mi hanno detto che assolutamente non ha firmato
Glielo spiego no chiedo scusa qua appena tornata a casa
Controllerò perché c'è questo errore me ne scuso innanzitutto io
Infatti ho fatto un balzo quando ho letto che c'era anche un parlamentare del Pd comunque prima precisazione
Averla correggerò correggere
Seconda cosa
No sempre a proposito di questi resoconti in cui i parlamentari sono individuati con il solo cognome
Io credo che in copia qualche forma sto già pensando come associazione eventualmente o come accordo
Possiamo rivolgerci alla Presidente Boldrini che aziende la Commissione che sta studiando con la riforma del Regolamento
Potremmo chiedere che negli atti parlamentari alla Camera i deputati che siano individuati con noi e cognome non con il solo nome
Se
Vengo poi a invece alla questione del
Eataly comma giorni fanno organizzammo
Un convegno a una specie di seminario ribassata ristretto su migliorare l'Italie comizi si può e al e venne in mente però in realtà si può anche utilizzare fra il potere in poco in qualche modo modificare articoli in peggiorare di tali con un sifone si può
E questa è stata abbondantemente dimostrato alla Camera cioè il testo che è uscito
Rispetto al già pessimo testo che era stato presentato da esistono
Frutto dell'accordo Renzi Berlusconi è stato enormemente peggiorato perché hanno e che eliminato il divieto delle più ricandidatura
E guardate che questa cosa che vale non solo a scapito
De una composizione rappresentativa del Parlamento e della libertà di scelta degli elettori ed elettrici
Ma proprio potrebbe avere anche dei riflessi sull'incostituzionalità rispetto a questo
E così come ci sono altre cose il tentativo fallito
Di inserire le preferenze in un sistema che si è rivelato sempre più anche con l'ultima approvazione dell'algoritmo Sisto io non ho avuto il caso il modo di approfondire ma credo che
Sicuramente non abbia risolto i i problemi che c'erano col precedente algoritmo per cui nel passaggio dai vuoti alla attribuzione dei seggi
Viene meno quella apparente
Sistema maggioritario alcuni ancora parlano di un sistema maggioritario dell'italico ma così non è perché è vero che avremo sulla scheda dei nomi ma non sono assolutamente quelli
Che poi verranno nonché nominati perché si tratta purtroppo ancora di norme vi nomino tutti edizioni
Mi come rappresentanti perché per una serie di distorsioni collegate all'altro all'algoritmo alle giudicati da Touré a tante altre cose in realtà di quei nomi potrebbe benissimo non essere eletto nessuno
Ho un'ultima cosa volevo dire su questo svicolare rispetto alle richieste di democrazia paritaria del cinquanta e cinquanta o del quaranta e sessanta
Mettendo sul tavolo la questione della meritocrazia io non so se si possa essere in buona fede
In questo perché in realtà
Stiamo parlando non della questione ingenerare apre a presentarsi al della presenza delle donne in politica e cioè ma di un preciso testo
Vi riforma della legge elettorale per il Parlamento
In cui della meritocrazia e non c'è traccia né è possibile inserirla questa meritocrazia adesso serve proprio sconvolgere completamente tutti i meccanismi e c'è una norma
Di garanzia di genere ma è una norma di garanzia di genere a favore di maschi e questo se lo dimenticano tutti
Al comma tre adesso non mi ricordo l'articolo quale sia
Si dice che nel Cappena di inammissibilità nel complesso delle candidature candidature circoscrizionali di ciascuna lista
Nessuno dei due sessi può essere rappresentato in misura superiore al cinquanta per cento può sembrare una cosa a vantaggio dei toni
In realtà siccome non è
In ciascun collegio ma sul complesso delle candidature che ci sono poi i soli giochetti di chi decide
Che sono gli uomini di lasciare alle donne chiaramente i posti dove non si sa che non verranno eletti
Continua non possono essere di più di due candidati costitutivi del medesimo generi che cosa significa questo che
Visto che è sempre scelgono gli uomini sceglieranno dimettere ai primi due posti dei candidati di genere maschile e alle donne toccheranno il secondo eventualmente il terzo il quarto posto pure solo il terzo e poi subentrano altri due
Per cui
Delle norme ci stanno e sono pessime e vanno modificate non venite a parlare di merito grazie allo Sanna Marisa
La star bene
Va beh anch'io volevo ringraziare molto
Tutte le
Amiche sia dalla Camera descritte il Senato
Il tutto e anche tutte le amiche dell'accordo di direzione comune per il simile stata svolta
Vorrei dire soltanto una cosa
Credo che sia estremamente importante dire Confort grande chiarezza che non si tratta di quote questa cosa sulle quote che è stata che ha girato sull'alta fai sui media è servita a non far capire il senso della battaglia che noi non facciamo una battaglia sulle quote non vogliamo per le quote
Abbiamo sempre detto che la quota
è una cosa già prevista per legge per esempio nelle assunzioni della pubblica amministrazione ci sono quote per gli invalidi per gli orfani di guerra e così via certe piccoli gruppi minoritarie svantaggiati
Le donne sono la metà dei cittadini non sono un gruppo minoritario svantaggiato che ha bisogno di essere coperto da quota quello che noi facciamo è semplicemente una battaglia
Democrazia paritaria vuol dire che noi vogliamo una democrazia in cui donne ed uomini abbiano gli stessi diritti gli stessi doveri questa è la nostra battaglia questo è il senso dal colto per cui se a nome bisogna neri nei limiti del possibile denunziare
Questo uso improprio del termine quote che ha contribuito a non far capire il senso per la nostra battaglia
Grazie Marisa c'era l'ultimissimo intervento che era quello cioè c'erano troppi ultime
Allora c'era Irene poi c'è la domanda ma domanda presuppone qualcuno risponda
Quindi no lasciamo la domanda allora Irene bravissime brevissima bravissima
Freud ma io ho dato Elizabeth Levissima con la sola domanda senza risposta poi c'era anche Donatella siamo troppo avrà quindi
Dobbiamo rinunciare dovuta
Scusate io ero proprio adirata
Stamattina ascoltando i numeri ieri anche delle votazioni e qui quindi ho scritto perché quando sono adirata rischio di dilungarmi mi sembra che queste non siano regole dal legislatore ma regole da compiere
Da giocatori smanioso sì di vincere facile e tutti i trucchi sono consentiti dalle pluri candidature
Alla testa di lista per due consecutivi ci sono le cose che qui
Hanno bisogno di un aiutino per superare il confronto elettorale il confronto di intelligenza con le donne
E quindi si ingegna no con capolista ore pluri candidature
Da non spartire con nessuna
Hanno bisogno di continuare a mantenere la quota del settanta per cento oggi può mini e del trenta per cento di donne una quota minima minoritaria
Ma non sapevamo e noi sappiamo
Che superato numero critico che quello del trenta per cento le donne avrebbero ritrovato l'orgoglio del loro genere indipendenza della propria intelligenza il potere della sorella fissa
Per un genere umiliato che interventi lunghi anni è stato attaccato nel diritto di scegliere le pare rappresentanti
Umiliato attaccato nelle corsie degli ospedali e nel diritto di autodeterminarsi
Attaccato nella propria vita quando venivano eliminate fisicamente all'interno delle case e nessuno si accorgeva di femminicidio
Il visto e invisibile nel lavoro
Ostaggio di legislatori attenti alla salvaguardia di se stessi e del proprio potere e nascosti dietro il voto segreto dopo le grandi dichiarazioni di principio
Ma questo non è un buon viatico al neanche per un Governo che paritario nei fatti
Ma che a parole si è comportato come Ponzio Pilato lavandosi le mani in un momento decisivo perché si è
Ha il posto a se stesso del compito di decidere e di guidare questo Paese quindi così
Il rene Elisa fai da lì così
è però preme il bottone
Allora parlare acquisite da tenere
Elaborare strategie per come andare avanti le abbia sentite alcune giustissime però io credo che ci uno strumento protocollo politico è una battaglia politica fortissima e le donne parlamentari ce l'hanno come ultima ratio ma ce l'hanno del do conto che la democrazia paritaria e deve essere un prioritario col fra i principi del Partito Democratico bene se non lo faccio Pettenò e trasversalmente tutte le donne decideranno e diranno i propri segretari di partito che questa legge senza il principio della democrazia con ritardi loro non la voterà
Tutte solo centonovanta
Ho citato cioè queste ultime Lazio però bisogna minacciarla perché questa battaglia dura e le donne finalmente in un certo numero ce l'hanno questo potere ragazzi si salta saltare l'accordo Lenzi Berlusconi
Almeno possiamo dire che una volta lei donne saranno protagoniste di questo Paese e lo sfascio finalmente nostra responsabilità se sarà uno sfascio era grazie
Magari
Mandato

Allora io volevo dire una cosa importante credo
Credo che i contenuti tecnici delle leggi siano stati ampiamente discussi qui definiamo anche in qualche modo delle strategie che l'accordo può
Portare avanti e uno dei Plassas dell'accordo è stata e ringraziamo Daniela Carla anche di questo del lavoro fatto con Marisa di mettere d'accordo associazioni di varie declinazioni
Questo ci rende forti ci rende ascoltate è il momento di insistere su questo tipo di partita andando secondo me a coinvolgere a convocare a incontrare
Cinzia Bonfrisco portavoce di Forza Italia che ha fatto una dichiarazione proprio come parte a voce e di sostegno anche con grande coraggio perché è chiaro che Berlusconi è contrario
Quindi Cinzia Bonfrisco e una ed è una senatrice impegnata da
Da molto tempo così nel nuovo centrodestra andare a trovare qualcuno che in qualche modo sia coinvolgibili né e se l'accordo si farà parte attiva io
Credo che tutti noi siamo disponibili a dare sostegno
In questo senso continueremo un lavoro molto molto
Importante che è proprio quello di fare un network di donne che lavori su temi politici
Temo che questa non sarà l'occasione definitiva per raggiungere completamente i nostri scopi ma sono convinta che anche portarci a casa un
Qualcosa di ingiusto insomma assolutamente giusto si possa rendere più forti quindi rafforzare l'accordo
Dopodomani chiederci cosa fare sulle giovani e sulle altre donne perché siamo forse a volte un po'autoreferenziali e i palazzi della politica sono comunque pieni di donne
Poi normali che non hanno le sensibilità e le competenze le conoscenze che abbiamo noi e quindi forse c'è da fare qualcosa per allargare questo nostro
Diciamo circolo chiuso no famoso cerchio magico poi magico non è
Anche di più alle donne
Poca
Rapidissimamente ma in conclusione per cercare di vedere cosa possiamo fare Gatti alle
Quando si apre la battaglia al Senato indipendentemente dalle valutazioni ottimistiche pessimistiche su quello che si apre nuovi la battaglia dobbiamo fare impegnandoci in maniera molto forti su questo
E credo che siano due i fronti quella comunicazione la questione di
A questo punto lo dobbiamo prendere come un impegno per tutte quelle che hanno la possibilità di incidere sul livello comunicativo
Fare cadere la quella il termine quote questo deve diventare un un punto prioritario perché facendo cadere quello si spiega davvero che cosa significa
Questa è la questione della democrazia paritaria e quindi la questione del merito cioè si fa cadere l'altra quest'altro aspetto che è il punto nasce dalle quote il merito è collegato al termini quote
Poi io penso che bisogna su questo dovremmo un po'poi del vederci idee decidere
Che dobbiamo molto attenere molto forte la la trasversalità tutt'te le parlamentari quindi per questo direi lo dico io cioè posizioni all'estrema ratio non non non non funzionano in questa in questa in questa battaglia
La battaglia deve essere una battaglia realistica che deve tenere insieme quanto più possibile le forze e quindi non estremistica
E e punti detenere deputate e senatrici e capire gli errori che sono stati compiuti nella gestione
Parlamentare qui alla alla alla Camera
E io però aprirei in questo
A figure a personalità della opinione pubblica e della società civile sta uomini che donne
Farei una una iniziativa di questa natura deputate e senatrici
Ma donne e uomini della società civile opinionisti in modo da poter coprire una l'arco dell'informa che è fondamentale per poter esercitare una pressione dall'esterno perché dico un'altra cosa mobilitazioni di massa
Su questi temi non funzionano ma non perché sono le donne non funzionano per anche per gli uomini le regole non sono elemento di mobilitazione di massa dobbiamo mobilitare l'opinione pubblica però questo sì
è io credo
Dalla dal clima che c'è nella nella piccola sala che le analisi fatte le proposte avanzate sono state largamente condivisa
Ora sarà annoi trarne un po'le conseguenze cercare anche di stare su
Sull'agenda realistica non c'è una divisione tra di noi tra volontaristiche scio ottimistici e pessimisti disperati romantici decadenti eccetera
C'è come dire una valutazione articolata abbiamo fatto delle cause
Comunque abbiamo il dovere di pensare che nella fase successiva si possono aggiustare ora nessuno è al agli cerco ottimi modella volontaria di non vedere come fatto sanato ma tante ne abbiamo due Camere qui non discutiamo se meglio averne uno o due perché la discussione riguarda
Altri ambiti ora il percorso è questo e noi come dire i senatori ci presentiamo dicendo
Siamo sicuri che rimedi Rete all'errore ha la stupidaggine dei meritevoli come li chiama Cinzia della della cava ma era un Parlamento di meritevoli dicevo stamattina una camera di meritevoli che non avrebbe approvato neanche la modifica dell'articolo cinquantuno
Perché volete se pensiamo ad altre leggi recenti applichiamo gli argomenti e caro con l'arroccamento
Di difesa del potere la minaccia non ci sarà più il Senato ritiene tutti stretti ma tante
La vicenda Cuesta è ovvio che non apprezziamo
Può essere di posizione come dire singolari che fanno un po'rabbia un po'tenerezza per cui quando parli della riforma elettorale che spiegano che la parità e la parità salariale
E quando parli poi quando parli di parità salariale dicono che vale solo per rivalutare e per i lavoratori precari la discriminazione non per le fasce alte
Quando parli di riforma elettorale che dicono ma io nel mio partito le donne le Candido capito tutti i mestieri giusti ma insomma nel dobbiamo riportare
L'attenzione sulla riforma elettorale di questo stiamo discutendo poi apprezziamo tutti gli sforzi che i segretari dei partiti
Faranno ma questi sforzi ci piacciono non ci piacciono che noi crediamo nella regola perché le regole devono anche alle come dire rafforzare la presenza delle donne nei luoghi di potere perché le donne ci piacciono di più quando non sono gli uomini a sceglierli poi quelli a scegliere poi quello sarà il secondo
Passaggio perché anche tutti questi argomenti ma non vi preoccupate io nel mio partito alle donne apro ammetto che occupano perché io voglio le donne segretario di partito che si sforzano
Di aprire agli uomini ma quello è un altro discorso allora
Vedremo realisticamente quali iniziative anche pubbliche poter attenere
Il chiederemo un incontro al Presidente del Senato lavoreremo con i senatori chiediamo anche a Roberta agli altri amiche di organizzare questo incontro come quello un po'che avevamo fatto
Coi due rami diciamo e farlo insieme un grande caffè aperto alla cittadinanza lo so tra virgolette
Qui le parlamentari dei due rami del Parlamento un si incontrano e parlano
è ovvio che noi siamo nate proprio sul superamento del discorso della quota va da sé che non credo che ci sia stato un difetto
Di comunicazione da parte nostra quanto come dire
La fatica di un messaggio dirompente perché non è che modifica semplicemente la concertazione che hanno di noi dell'associazionismo femminile
Dei percorsi delle donne organizzate una modifica la concezione della democrazia quindi la grossa resiste senza non è capire cosa non intendiamo per quote ma capire cosa intendiamo per democrazia
E quella la il vero banco di prova Regione Marisa hanno ragione Francesca avete
Abbiamo ragione tutta
E nel capire nelle proporre come nodo significativo quello del superamento del messaggio delle quote ma per quello siamo nate per quello cioè siamo integrate in un discorso comune condiviso sulla democrazia paritaria consapevole
Della robustezza dell'obiettivo ma anche delle difficoltà che avremmo incontrato insomma l'ottimismo iniziale
Non è un ottimismo di di chi non vede la fatica ma abbiamo messo su queste darete proprio per fare questo lavoro in parte io lo ripeto io non non la vivo come voi in parte ci siamo riusciti a perché vedere i telegiornali si che parlavano di quote ma pure di democrazia paritaria noi qualche anno fa
Non sapremo neanche creduto è abbiamo perso per qualche voto è vero però Roberta dico perché altri insomma lei è qui
Hanno creato una dinamica hanno gestito anche un conflitto all'interno delle istituzioni che non sarebbe sembrato realistico un po'di tempo fa perché io mi ricordo la questione dei CdA dove è più facile che dirsi discutere poltrone dice volete la poltrona si la tua di quello stiamo discutendo Mock PUA
Il Voltone stiamo discutendo la percentuali ridicole il dieci il venti il trenta insomma come dire un punto puoi passi avanti ne abbiamo fatti
Non ci scandalizziamo quando ci dicono state discutendo per il potere d'ora in avanti la risposta sarà sì