07MAR2014
rubriche

Trasmissione dell'Associazione Non c'è Pace Senza Giustizia

RUBRICA | Radio - 06:20. Durata: 29 min 35 sec

Player
Trasmissione a cura di Alessandro Manno.

Puntata di "Trasmissione dell'Associazione Non c'è Pace Senza Giustizia" di venerdì 7 marzo 2014 con gli interventi di Eugenia Mulè, Niccolò Figà Talamanca (segretario generale dell'Associazione Non c'è Pace senza Giustizia, Non c'è Pace Senza Giustizia), Alessandro Manno (membro dell'Associazione "Non c'è pace senza giustizia", Non c'è Pace Senza Giustizia), Alvilda Jablonko (coordinatrice del programma Female Genital Mutilation, Non c'è Pace Senza Giustizia), Georgia Lasio.

Tra gli argomenti discussi: Associazioni, Diritti Umani, Donna,
Esteri, Giustizia, Informazione, Mutilazioni Genitali, Onu, Partito Radicale Nonviolento, Violenza.

La registrazione audio di questa puntata ha una durata di 29 minuti.

leggi tutto

riduci

06:20

Scheda a cura di

Delfina Steri Iva Radicev
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Buongiorno caro ascoltatrice gara ascoltatori di Radio Radicale bentrovati a questo consueto appuntamento con l'organizzazione non c'è pace senza giustizia dallo studio di Bruxelles chi vi parla il vostro Alessandro Magno
Scopo di questo appuntamento settimanale come sempre fornire informazioni ed aggiornamenti sulle nostre iniziative o attività in corso e nonché commenti l'analisi rispetto alle nostre campagne politiche
Questo oggi inizieremo la puntata parlando del premio honoris dal già si speri diritti umani previo che è stato consegnato all'inizio della settimana due
Attivisti per i diritti umani e ne parleremo con il segretario generale di Non c'è pace senza giustizia Niccolò affidata la marca a seguire proseguiremo parlando di mutilazioni genitali femminili e in particolare parleremo
Della e Commissione sul loro stato delle donne Commissione che si apre alle alle Nazioni Unite e migliore h e a quale prenderà parte anche la nostra antitaglio blocco coordinatrice del programma di lotta alle mutilazioni genitali femminili con cui parleremo appunto
Tra poco iniziamo però come di consueto con le notizie della settimana selezionate dalla nostra redazione di Bruxelles elette quest'oggi per noi da Eugenia voulez Eugenio buongiorno e a te la parola
Grazie Alessandro buongiorno gli ascoltatori andiamo con le notizie di oggi incominciamo con la Gran Bretagna rifugiati siriani hanno ottenuto l'accesso immediato al sistema di assistenza legale
Il teste di residenza è stato posticipato di dodici mesi per coloro a cui è stata approvata la richiesta di asilo
Con ulteriori esenzioni per casi particolarmente vulnerabili infatti secondo quanto annunciato il Ministero della giustizia i rifugiati in fuga dal conflitto siriano saranno i doni per l'assistenza legale in base ad una serie di deroghe
Al teste di residenza recentemente introdotto
Al momento soltanto coloro che hanno vissuto in Gran Bretagna per oltre un anno solido ogni per il supporto legali specifiche categorie di procedura civile
Coloro i quali abbiano ottenuto l'asilo grazie alle nuove deroghe non avranno comunque bisogno di soddisfare il teste di residenza fino a dodici mesi dopo la loro richiesta d'asilo e quindi saranno in grado di richiedere l'assistenza legale immediatamente
Sono state introdotte
Anche oltre le esenzioni legali per alcuni casi di assistenza comunitaria relativa alla tutela all'adempimento
Dei bisogni dei minori tra alcuni particolari casi personali che rendono impossibile fornire le prove di residenza come per esempio età avanzata a disturbi mentali o persone prive di dimoranti
Per quanto riguarda i bambini sotto i dodici anni non necessitando di trovare la loro residenza continuativa per dodici mensilità ma dovranno comunque risultare legalmente residenti al momento della richiesta di assistenza legale e civile
Sono esenti dal teste di residenza anche i membri delle forze armate e le loro famiglie che risultano residenti all'estero altre eccezioni includono casi relativi alla libertà individuale in cui la persona risulta particolarmente vulnerabile
Quali per esempio le vittime di tratta
In caso di protezione di minori
La Svezia mobilità tagliato gli aiuti economici dell'Uganda a causa della legislazione antigay
Oggi la Svezia ha annunciato che avrebbe tagliato io Utic unificati all'Uganda seguendo la scia di altri Paesi che nei giorni scorsi hanno appunto dagli ATO i loro fondi in seguito alla recentissima introduzione di una legge omofoba
La Svezia tagliato sei milioni e mezzo di corone ossia circa settecentotrenta mila euro al Governo dell'Uganda dopo la legge anti omosessualità che è stata firmata la scorsa settimana dal Presidente ugandese io vari musei beni
Mercoledì sarda stentando portavoce del Ministro degli esteri ha confermato Italietta
Affermando che anzi il Governo conferma la sua forte condanna dei Confort nei confronti della legislazione o di Andersen che viola i diritti fondamentali degli omosessuali e bisessuali e transgender
Ha dichiarato il ministro dello sviluppo e cooperazione internazionale Sileri Castroman
L'aiuto se adesso e non è incondizionato ecco perché il Governo ha deciso di sospendere gli aiuti bilaterali aggiunto il Paese manderà comunque fondi alle organizzazioni non governative e alle altre organizzazioni non vicine al Governo
Vogliamo supportare le persone omosessuali bisessuali e transgender dell'Uganda attraverso altri canali nei quali inviare l'aiuto della Svezia ha continuato così il ministro
Nel due mila tredici gli aiuti svedese l'Uganda hanno raggiunto un totale di duecentoventicinque milioni di corone circa venticinque milioni di euro
è stato elaborato ieri un orientamento su come supportare la comunità LGBT ugandese al meglio in vista della legge Antimo sessualità etilisti mettono in guardia dicendo che taglia gli aiuti andrebbero in linea generale evitati
Norvegia Danimarca Olanda sono stati i primi trattarsi questa settimana tagliare gli aiuti all'Uganda
Lunedì è iniziato all'Aja presso la Corte di giustizia internazionale il processo tre l'antidoto alle accuse reciproche di genocidio tra Croazia e Serbia per la guerra del novantuno tra il novantuno al novantacinque il team legale della Croazia durante il secondo giorno delle udienze se ha argomentato come la Serbia fosse in controllo dell'esercito jugoslavo onta dei paramilitari sul campo che furono responsabili per le uccisioni di massa le detenzioni illegali varianti di tortura
L'avvocato Iaia straniero ha sottolineato che le stesse sentenze del Tribunale internazionale per l'ex Jugoslavia dimostra la responsabilità serva per crimini come sì durante la guerra un altro bando detti in croato all'avvocato Phoenix Suns ha continuato dicendo che il genocidio inizia sempre con la demonizzazione di un gruppo
Il popolo tra l'altro era infatti costretto indossare delle fasce bianche sulle braccia o sui pozzi a marcare le proprie case anzi in modo da poter essere riconoscibili dei serbi Suns per sostenere la sua dichiarazione ha mostrato la Corte una fotografia che nel civile morto
All'interno del cimitero del villaggio dislocasse con una fascia bianca attorno al polso
Martedì prossimo la Serbia avrà l'opportunità di avanzare le prossime di avanzare le proprie cose contro la Croazia alcuni studiosi sono preoccupati che le procedure penali possano portare a un deterioramento dei rapporti tra i due Paesi
Nonostante ciò il Primo Ministro sardo Ilica dai CCT
Ha lasciato una dichiarazione lunedì rassicurando per ciò che è successo nel passato appartiene al passato perché bisogna porvi una fine da Ciccio ha inoltre aggiunto come Belgrado prima dell'inizio delle sentenze
Adesso invitato entrambe le parti a deporre i procedimenti legali
Ma esso antagonista Zoran Milanovic ha insistito sul fatto che ci fosse un caso da approvare crimini sono stati commessi e bisogna comunque fare giustizia
E i vertici della polizia britannica e invitano a rafforzarne le leggi contro le mutilazioni genitali femminili si spera così di aumentare la possibilità di incriminare non solo coloro che la svolgono
Ma anche i genitori della permettono la situazione è formata da alti funzionari di polizia afferma che la legge deve essere cambiata
Infatti nonostante le specifiche leggi introdotte nel mille novecentotrentatré nel due mila due contro la spia SIAN
Non c'è stato un singolo caso portato in tribunale gli studios ricordano come sia molto difficile trovare donne e ragazze disposte a testimoniare contro coloro che li hanno mutilate gli alti funzionari di polizia hanno
è stato la proposta di rendere obbligatorio per i lavoratori del servizio nazionale sanitario di riferire i casi di mutilazione genitale alle autorità locali che potrebbero a loro volta condividere le informazioni con la polizia
Inoltre l'organizzazione dichiara che il Governo deve assolutamente chiudere la scappatoia per cui è più complicato processare i casi in cui la vittima non ero Presidente permanenti in Inghilterra
Secondo dati governativi ogni anno circa ventimila ragazzi nessuno rischia di essere mutilate ante
Gruppi medici sindacati organizzazioni per i diritti umani dichiarano che ci sono sessanta mila vittime di mutilazioni genitali in Gran Bretagna e che più di ventiquattro mila ragazze sono sotto i quindici anni e sono a rischio
La pratica confermano gli studiosi adesso viene avviene anche all'interno della stessa Gran Bretagna le bambine non vengono più portata all'estero necessariamente da essere sottoposto alla pratica tradizionale
Il Segretario all'educazione mai poligoni
Ha promesso di scrivere a ogni scuole in Inghilterra per ricordare i presìdi di medie e licei loro obblighi nei confronti delle studentesse
Il Ministro della Giustizia degno di urina ha detto che il Ministero si impegna ad affermare l'atroce pratica cercando di rafforzare l'odierna legge penale e cioè dando di valutare anche la possibilità di introdurre procedimenti civili in modo da proteggere il più possibile ragazzi a rischio con le notizie di oggi tutto arrivederci
Grazie al genio
Entriamo nel vivo della puntata odierna parlando del premio notice dato Justice per i diritti umani che ieri gli affezionati arazzi ascoltatori di Radio Radicale
E sapranno è stato consegnato all'inizio della settimana abbiamo con loro e i Niccolò affidata la banca segretario generale di Non c'è pace senza giustizia che ovviamente
Ha partecipato alla alla consegna ha in qualche modo
A diretto
Se vogliamo alla consegna di di questo premio agli attivisti che sono che sono stati i prescelti prima i bar dare proprio degli attivisti premiati chiederei a Niccolò al quale do il benvenuto come si come è andata questa giornata
Grazie Alessandro un saluto agli ascoltatori di Radio Radicale all'inizio di questa settimana
Ci ha visto impegnati nella cerimonia di consegna del premio che sono veramente un momento
Credo molto importante per per tutti noi norma innanzi anche verrà detto Coldiretti realtà io fatto da spalla il il vero il vero Presidente di tutta la
La cerimonie Stato vige un coniglio
Che presidente commissione straordinaria per la tutela dell'approvazione diritti umani del Senato
Insieme con il senatore Manconi avevamo con noi anche rappresentante di fatto per il sud ma Procuratore Capo
Della Corte e anche gli altri membri della giuria che hanno partecipato con noi alla
Alla cerimonia la Sala Zuccari
è stato il nostro luogo di
Di trovo che ma sarà bellissima del di Palazzo Giustiniani e ha fatto da contorno
Concludo molto brevemente o ad un evento ed è importante in cui medio termine
Io spero modi premio nazionale diritti umani che speriamo diventi anche una
Una ricorrenza annuale abbiamo avuto l'occasione di riconoscere il lavoro
Di tanti attivisti attivisti dei diritti umani
Del mondo e in Italia ecco dico in Italia perché
Una delle caratteristiche costruttive meno a differenza di tanti altri temi nazionali francese o americano se riesco dei diritti umani e che
Riconosce anche il lavoro cd che combatte le detrazioni in Italia
E quindi vive
Diciamo far vivere i diritti umani
La protezione e la difesa dei diritti umani non solo come cosa come argomento di politica estera ma anche
E credo questo sia una novità importante anche
Riconoscendo che la produzione di riti umani anche a casa
Debba essere una delle autorità e quando parliamo di diritti umani non parliamo di
Diceva Manconi di cose esotiche ma parliamo della realtà
Del rapporto tra cittadino è stato tra oltre ai cittadini egli che anche deve essere continuata combattere anche nelle nostre realtà nazionale
E hai detto bene della cerimonia nel nel suggestivo Palazzo Giustiniani che un un palazzo del Senato della Repubblica
Che approfitto per ringraziare per l'ospitalità e anche per per il patrocinio il presidente del Senato non è potuto
Assistere personalmente però
Sappiamo che ci ci teneva molto reale dato il suo sostegno a questa attività Pedicini giustamente invece del
E del delle attività e del del
Per l'attivismo per realizzi Ricci umani in Italia è proprio su questo ti volevo chiedere che è stato assegnato questo questo premio i diritti umani per la categoria Italia
Allora il la persona selezionata per la categoria
Per la sezione italiana del Premio Nobel Francesco Morelli
Che un detenuto in articolo ventuno che ha trascorso in carcere dodici anni ed è attualmente agli arresti domiciliari a me
Tant'è che paradossalmente sembra che avesse domiciliari
Non può avere un permesso e quindici non è potuto voglio personalmente se fosse stato in carcere sarebbe stato anche possibile avere un permesso ma che se invece non si possono avere permessi che è una lacuna
Abbastanza paradossale emerge detenuto
A ritirare il premio o la sua compagna che lavora Baccaro e Francesco Borrelli uno dei fondatori e collabora attivamente con la rivista ristretti orizzonti
Che donna un unicum luogo virtuale ma molto importante di
Attività
Che io dico politica in quanto attività di diritti umani per
Dare informazione per dare conoscenza sulle realtà dei carceri in Italia un sito
Web ristretti punto it che invito gli ascoltatori a visitare è nato per trasformare
E in un certo senso le statistiche sulle morti in carcere sulla situazione in carcere in storie di vita umana
Vera vissuta
E per per informarmi informarne il pubblico ma anche per interposta inutile per far sentire a chi partecipa all'iniziativa
Territoriali
On line che ricordo ancora ristretti punto it che esiste diciamo delle delle crisi si parla di persone e non semplicemente
I numeri conforme
L'opposto quello che il carcere spesso invece
Esso stesso promotore e l'altro o la sezione internazionale
Se posso
Il premio andato rottamarla semmai
Che il capo ad organizzazioni brulé insomma crea una tensione pachistana che lavora
Nel per farle nelle zone di frontiera che sono le zone più difficili tra
Dal punto di vista dei diritti umani sia perché addirittura la legge stessa pachistano ufficialmente non si applicano le zone di frontiera
Questo da da quando tali tempi coloniali britannici è rimasto così e sia perché
E blu penso chiamarla se non si occuperà di diritti tre donne e delle bambine e in particolare si battono che all'interno del netto che internazionale di Crowes noto Bryce contro i matrimoni precoci
Forzati in una delle zone del mondo dove questi
Sono praticamente dall'ordine all'ordine del giorno fanno parte un po'
Del del modo in cui la donna le bambine vengono
Vengono considerate dalla società in cui
In cui lui lavora e quindi dove il suo lavoro vuol dire positivamente
Rete minacce di ritorsioni
Contro uno che si batte per il diritto per i diritti genere devo perché si batte per l'educazione
Femminile perché perché si batte contro i matrimoni precoci rafforzati Camargue personalmente anche lui molto altro esempio di
Difficoltà alle quali
Spesso i diritti umani
I difensori tre marines sono sonogrammi incontro lui stesso suo passaporto in sovrannumero intanto quindi non ci ha raggiunto ma una rappresentanza del metrobus labbra riscontro a suo rappresentante
è venuto a Roma a ritirarlo
Be'argomenti senz'altro importanti hai detto giustamente il
Il il rischio insomma che i pericoli e quali sono sottoposti gli attivisti
E in generale in particolare quelli che cercano di eradicare situazioni come i matrimoni forzati ma come sappiamo molto anche per quanto riguarda le mutilazioni genitali femminili
E e sulle quali danni ci Pacenza giustizia lavora
E che fede
Forti difficoltà proprio nei confronti di quegli atti distinte
è un'altra da un lavoro molto
Molto complicato si ritrovano anche a fronteggiare il
Le le resistenze chiamiamole così del
Sì non
Non condivide questo loro o questo loro lavoro
Ti chiederei un'ultima cosa rispetto alla premio speciale
Stato assegnato durante la seduta ecco non non non a sproposito notavamo le difficoltà di
La giuria e noi tutti abbiamo deciso di assegnare un premio speciale alle donne siriane è un po'fuori marzo nel senso che non è attribuito un'ora un'altra limitazione o persona
Le donne siriane sono quelle che hanno dimostrato
Egli ha il coraggio
Scendendo in piazza contro il regime ormai tre anni fa le donne sono quelle che poi hanno sofferto di più affrontando la violenza della guerra e il premio statura assegnato un po'perché questa loro forse questo ruolo coraggio dimostrato venga premiata non dal nostro premio quanto in futuro dei risultati di riconoscimento dei loro diritti civili
Il politici il riconoscimento di diritti umani che poi sono proprio quindi
Perché bisogna aspettarsi tutti noi da un da un ordinamento democratico in uno stato di ma se ogni diritto
C'hanno ricevuto c'hanno raggiunto a Roma per il premio su era tassi che
Io la vicepresidente della coalizione nazionali siriana e è stata arrestata trascorso un paio di un carcere
Durante i rilievi le dimostrazioni che c'erano già nel due mila undici e e a capo del
Del cuore delle unità di assistenza coordinamento che un po'fatica
Del
Punto focale per degli aiuti
Umanitari che raggiungono dei luoghi diciamo non controllati dal dal regime quindi una figura importante anche istituzionale in un certo senso perché ha un ruolo importante all'interno
Dell'opposizione
Democratica ecco e e diciamo funziona rappresentare invece
Un'altra la realtà di donne e attiviste una Ramadan che è una
Attivista diritti umani è una ragione avvocato che lavora
Dentatura si Vienna Women Initiative for Peace nel muoversi
E che quindi
Rappresenta più la realtà
Assurto del Movimento femminile
Delle giovani donne siriane loro due fanno raggiunto al Senato e per ritirare il premio fisico è un po'come riconoscimento per il loro lavoro ma la morale raccolto
Ecco non per non soltanto loro e non tanto per il loro lavoro quanto in onore al coraggio di tutte le donne in Siria
Ebbene effetti sia le istituzioni quindi sia la società civile erano in qualche modo rappresentate nella sala e quindi mi unisco a questo incoraggiamento verso le donne siriane vecchie questo premio possa essere un
Un incoraggiamento per ciò che hanno fatto e che continua a fare anche un
Se vogliamo un modo anche per ringraziarle di quanto fatto far loro
Mai mancare la
E il coraggio di di continuare a farli Colotti e ringrazio per questo tempo che senz'altro
Torneremo presto a parlare e non vi prego di diritti umani ma anche la gratuità di viaggi pazienza
Grazie infatti Alessandro degli ascoltatori di Radio Radicale buongiorno grazie al pericolo
Passiamo al secondo argomento della puntata di oggi dando il benvenuto a Valvitalia blocco coordinatrice del programma di lotta alle mutilazioni genitali femminili al vita buongiorno non giorno
Allora l'idea sa in partenza per il miglior a New York chi si salvava molto spesso negli ultimi anni come l'aria scrutatori sapranno durante la campagna
Che
Puntava a bando universale delle mutilazioni genitali femminili tratta attraverso l'adozione di una risoluzione dall'Assemblea generale la risoluzione è stata adottata ormai i dati di un anno
Ci sono sempre buoni motivi per tornare all'ONU qual è questo in particolare che ti iscritti portarglielo sicuramente ci sono sempre buoni motivi anche se sempre un po'uno sforzo perché sono dei momenti
Ci sediamo chiaramente per il ritorno momenti di di e riunioni importanti quando
Nelle tematiche che ci interessano sono discusse
Da dai Paesi membri delle Nazioni Unite adesso a marzo appunto dopo l'otto marzo che il giorno internazionale
Della donna cominciare il la Commissione sul
Se lo status delle donne
Che si tiene ogni anno
Intorno a questa data per appunto discutere un po'la situazione delle donne nel mondo è una riunione che dura per due settimane
Ai quali vengono
Delle delegazioni da tutti gli Stati membri e anche tantissime ogni cicche vengono un po'intorno al palazzo di vetro dei racconti sollevare queste tematiche che altrimenti molto spesso vengono un po'messe se parte
Certo senz'altro lei il luogo dell'Assemblea generale che appunto
Normalmente si svolge prima prima di Natale che
Al compito di adottare anche tutte le cose che sono state preparata nel corso degli anni e senz'altro luogo dicevo dove dove portare
Le cause in un certo senso quindi per le organizzazioni non governative per fare
Che altroché assi nei confronti di di cause specifiche poi però
E certo che la Commissione sullo status delle donne a
Un ruolo proprio specifico sul sulle questioni di genere quindi è evidente che per che spingere ulteriormente la comunità internazionale lavorare su quegli elementi sia necessario
Andare sul su questa su su questo sottogruppo in qualche modo sempre della del delle Nazioni Unite
Che che si occupa di questo lavori che poi verranno
A a sua volta Ina adottati in qualche modo ridiscussi alla protrasse ma plenarie sì ma infatti ti ricordo che
L'esperienza in più all'anno non era l'anno scorso ma l'anno precedente prima della soluzione c'è stato un momento veramente chiave proprio alla sia stato io
Del due mila e dodici quando
Di il gruppo radunato per discutere di queste tematiche appropriò è rinviato la questione delle mutilazioni genitali femminili all'Assemblea generale in quanto una tematica
Sufficientemente importante da portare anche in quel in quelli dall'Assemblea generale Sessa quindi è sicuramente un momento nel quale gli Stati pensando più a queste tematiche possono essere spinti a dargli importanza maggiore di quella che mi sta per necessità succede a settembre ottobre quando stavo pensando a tutti i lavori che hanno che hanno davanti
Quindi da questo punto di vista importante c'è anche l'altro dato che per noi
è
è anche rilevante ed è il fatto che raduna tutto una grandissima quantità di
Di di di attivisti appunto per i diritti umani specificamente i feriti diritti delle donne e quindi l'opportunità un po'anche per allargare l'interesse per
A dire per cercare di
Fare avvicinare a anni anche nostre Tina tematiche anche degli altri indicatori certo e proprio per questi autori credo non c'è pace senza giustizia si prepara organizzare è un un evento passano stima
Esatto martedì come hanno fatto peraltro e tutti gli anni passati organizzeremo un evento
In collaborazione quest'anno con il comitato che trafficano su le pratiche tradizionali e anche con lunedì ca con il quale abbiamo in corso un progetto
Per per discutere di implementazione della risoluzione questo evento sarà avrà
Fra pessimo presieduto dalla Premier tant'
Del Burkina Faso che come i ascoltatori ricorderà ma forse
Ha seguito tutta la campagna che è stata veramente un punto
Di riferimento molto molto importante ce n'è un attivista
Lei stessa per questa tematica molto forte
Nonché delle persone più tecniche per discutere i vari vari elementi importanti quando si pensa a un efficace implementazione della risoluzione
Il senz'altro ci ricordiamo di Madame con valore che appunto la armonia del presidente del del Burkina Faso
Sarà e quindi due settimane a New York dopodiché si continua con le attività
S.p.A.
Sì continente negli hospice saranno attività FG hanno che poi continueremo al mio ritorno ci focalizziamo di più
Sulle attività in Africa e su questo spero di poter avere l'occasione di parlare ulteriormente con gli ascoltatori
Avrei senz'altro l'occasione forse ci collegheremo anche Conte da New York la prossima settimana quella successiva intanto ti sono un grande in bocca al lupo
Perché per per questa ammissione a New York per questo evento che in procinto di organizzare anzi sicuramente sta già organizzando perché tra pochi giorni
E attendiamo quindi il
Alcun ritorno per continuare a parlare di mutilazioni genitali femminili soprattutto
De dei passi che insieme ai nostri importanti partner che giorno dopo giorno mese dopo mese missione la Commissione stiamo stiamo facendo nella direzione di una
Totale abbandono di questa violazione dei diritti umani
Grazie standard grazie a te algida abbiamo terminato il tempo a disposizione anche per questa settimana quindi ringrazio nuovamente il Segretario generale di Non c'è pace senza giustizia necrotica Talamanca e arbitraria blocco entrambi in studio con noi
Ringrazio procediamo pure che ha letto le notizie della settimana e Georgia Lazio che ha curato la redazione è la parte tecnica
Ricordo ai nostri ascoltatori che sul sito internet possibile approfondire gli argomenti l'appuntato odierna e le attività di Non c'è pace senza Giustizia il sito lo ricordo è NTV più urgente un torvo oppure no peace dal Justice punto org
Sempre sul sito trovate anche le modalità per accedere principali social networks
Vi invito infine as sostenere le attività di Non c'è pace senza giustizia ricordandovi che ogni contributo può davvero fare la differenza e permetterci di portare avanti le nostre campagne a favore dei diritti umani
Vi ricordo che potete anche decidere di destinare il cinque per mille a non c'è pace senza giustizia non dico Stellato brulla ma farà davvero un grande impatto di lavoro con un buon proseguimento su Radio radicale che ringrazio per l'ascolto vi do appuntamento alla prossima settimana Ciak