14MAR2014
rubriche

Furore. Storie e letture della crisi economica

RUBRICA | di Stefano Imbruglia RADIO - 18:27. Durata: 24 min 40 sec

Player
Una delle eccellenze dell'agroalimentare italiano è la produzione di vini, Cerchiamo di capire l'andamento delle esportazionie, quali sono i mercati di sbocco e quali le debolezze del settore parlandone con Denis Pantini, direttore dell'Area Agroalimentare di Nomisma.

Cosa pensano le partite IVA delle misure economiche approvate dal Governo Renzi? Lo abbiamo chiesto ad Anna Soru, presidente di ACTA l'associazione che rappresenta i professionisti del terziario avanzato.

Puntata di "Furore. Storie e letture della crisi economica" di venerdì 14 marzo 2014 condotta da Stefano Imbruglia con gli
interventi di Denis Pantini (direttore dell'Area Agroalimentare di Nomisma), Anna Soru (presidente dell'ACTA).

Tra gli argomenti discussi: Agricoltura, Alimentazione, Alimenti, Ambiente, Commercio, Crisi, Diritti Sociali, Donna, Economia, Esportazione, Euro, Fisco, Giovani, Governo, Industria, Italia, Lavoro, Mercato, Politica, Prezzi, Produzione, Reddito, Renzi, Tasse, Vino.

La registrazione audio di questa puntata ha una durata di 24 minuti.

leggi tutto

riduci

18:27

Scheda a cura di

Alessio Grazioli
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Buongiorno da serra Imbruglia bentrovati all'ascolto di Radio Radicale queste furore storie letture della crisi economica una delle rubriche di Radio Radicale dedicata i temi del economy oggi ci occuperemo di due temi partiremo parlando di vino insomma uno dei settori di punta della l'agroalimentare teniamo e cerchiamo di capire come stanno dando come se stiamo guadagnando
Posizioni nel mondo sono quali sono i nostri punti debolezza parlandone con Denis Mantini che il Direttore dell'Area agroalimentare di Nomisma
E project leader dei guai monitor mentre nella seconda intervista ci occuperemo delle misure economiche
Prese dal Governo Renzi sentiremo il parere di e Anna Soru che il era Presidente di acta che lavorare associazione che raccoglie professioni le partite IVA i professionisti del terziario avanzato e quindi sentire mo'questi che sono i nuovi lavoratori già ma nuovi lavori cosa pensano delle misure del più giovane Presidente della Consiglio taglia intanto iniziamo occuparci parlando di vino e diamo il buongiorno tra Denis Fantini buongiorno Bogliolo voi
Allora somma dottor Fantini lei che l'esperto dell'agroalimentare di Nomisma insomma come parliamo cioè con noi ci concentriamo solo sul settore del vino sono principalmente il settore del vino come sta andando questo nostro comparto Leo
Per è un comparto che va un po'due velocità negano che quest'anno abbiamo tutti così di due mila e tenta toccato ulteriore Ray come l'esportazione superando i cinque miliardi di euro di valore esportato
Mentre purtroppo a livello nazionale i consultano ancora calando
Tanto è vero che solo nel settore canale Egidio
C'è stato un ulteriore calo dei volumi venduti di circa il sei per cento
Quindi un po'quello che sta succedendo comma buona parte insomma visto che chi vende solo nel Paese diciamo le vendite Scanni sono stagnanti mentre chi esportato ma cresce sviluppa insomma non
Finiva per così dire perché nel pieno poi
Diciamo siamo proprio uno spaccato della tessuto produttivo alimentare nazionale
Perché un tessuto fatto di tantissime piccole e media impresa e si pensi che la più grande ma ha un fatturato di circa cinquecento milioni di euro
E tutte queste piccole imprese che larga parte Vento Nuovo sulla persona locale o quando va bene sulla grande distribuzione sono praticati stanno soffrendo di più
Al contrario le più grandi che ha hanno diciamo un mercato che credo soprattutto internazionale oggi sta andando bene
Quindi cerchiamo di capire anche che poi noi spesso sentiamo parlare del nostro vino dello per esporta però non capiamo quali sono già ma in mercati diciamo quelli più Ulrike pre margine amo gli Stati Uniti insomma non
Quindi sono tre portano più vino italiano cioè sei certa rispetto invece a New York principale mercato di riferimento
Su prodotti in valore
Ed è un mercato che da diversi anni sta dando grandi soddisfazioni
E quindi a quel diciamo così il mercato del futuro da considerare sempre per quanto riguarda i nostri produttori poi subito dopo c'è quello tedesco però quello tedesco da un po'da finale di questa parte la meno soddisfazioni perché è un mercato e guarda soprattutto anche al premio può dominato dalle grandi catene distributive
Dove i consumi latitano un po'di più
Quindi volevo dire che ci sono
Tanti altri mercati recepire vari enti
Questo no perché voi fondamentalmente spesso vediamo se sentiamo parlare anche le aziende di altri settori nove spesso si indirizzano nei Britt mix qualcosa ma non in Russia Cina sono ecco commesse a andando ce ne riusciamo a perché poi magari per un'azienda piccole delle dive media deve c'è comunque riuscire atti a esportare in Francia in Germania è un po'più agevole andare in Cina è un po'più complicata e con la come andiamo
Allora invii la premessa per farlo proprio quella che ha detto lei nel senso che non non tutti riescono a La Neve lì
E soprattutto i più piccoli anche proprio non riescono però cono mercati io al cui interno di questo acronimo che vi sono alcuni che vanno meglio altri che non ci sono mercati io
Più che emergenza invitiamo nuovi nel senso che essi Cassazione reca ma credo che noi come finirà e ho cercato che conosce a doppia cifra nessuno subito
Però è un mercato anche qui difficile dove occorre applicare il mercato direttamente e in questi frangenti sono sempre stati metri perché sono entrati negli anni Ottanta code elemento di oggi hanno più della metà del mercato
Il Brasile che ero un mercato che era partito
Forte crescita negli ultimi anni adesso ha subito
Un rallentamento crescita economica rapporti deprezzamento della valuta locale il reale nei confronti dell'euro
E ha visto bloccare diciamo così i tassi di crescita dell'importante binario di tre anni e anche l'Italia da questo punto di vista perciò quota
Poi l'India invece
Mercato
Ancora da esplorare perché le importazioni italiane sono veramente pace ma qui ci sono tantissime difficoltà nell'ingresso soprattutto barriere tariffarie si pensi che i dati ci pian piano attorno al centocinquanta per cento del valore dell'importazione
Perché è un mercato federale per cui non esiste un'uniformità di trattamento fiscale insomma molto complicato
E poi cosa ho dimenticato la Russia si valuterà e conosce quello che adesso salvo propriamente oppure a chi è in corso è quello che ha dato più soddisfazioni perché quintali così da tantissimo
Ocello siamo a quota riccamente russi sono più portati a a bere
Perché esatto e qui vanno politici mi ero più spumanti
I tant'è vero che siamo l'Inter
Di mercato
Io voterei volentieri con lo champagne ed o meno un po'tutto il resto del mondo ecco sento archetipi divino cioè nel senso perché qui Sassicaia che è un vino di grande pregio oppure magari va più il vino anche da un punto di vista quale
Quantitativa immaginiamo veramente quelli di costano meno però insomma come volume di esportazioni oppure derivi un po'più popolari come possedere un compianto io
Son Montepulciano non lì diciamo che la forza dell'Italia e la varietà dei prodotti che esporta
Tant'è vero che a parte questo eccellente che lei citava se io vado a vedere il prezzo medio del vino ascoltato italiano circa tre euro al alla al litro quindi andiamo a popolare insomma non è
Perché alla fine ripeto abbiamo tutta una situazione molto variegata
Che ci porta esportare fa in cui si le tipologie di prodotto
Adesso però ci sono dei casi di successo rimangono negli Stati Uniti
Uno dei nostri prodotti di punta e il piglio clinici e così come anche nel Regno Unito oppure lo stesso prosecco
è un prodotto che negli ultimi anni ha conosciuto una crescita esponenziale così come a chi lambrusco ad esempio apprestata sia in Brasile ma anche negli Stati Uniti quindi diciamo ci sono poi dei creditori
Lavoro veramente ricevano un po'di tempo più leggeri fondamentalmente da esportazione non non vanno quei vini forti meridionali e consola tipici del meridione
Sì anche qui facciamo un minimo di criticare perché la cedola Marone è un prodotto che va molto bene lavoro non certo quello che c'ero
Però anche qui ma ne stiamo salendo come fascia di prezzo credo che l'odierno zero per cento beh è chiaro che se dovessi fare una valutazione generalizzata
Direi che oggi come oggi i limiti vanno meglio sul mercato sono quelli più versatili più appunto prevedibili e quindi meno impegnativi ma questo
è anche una diretta conseguenza dei nuovi mercati che ci stanno e me affermando
Senta perché dove il consumatore è inesperto è chiaro che il primo approccio che ha con
Il vino e olio mele sicuramente perché un prodotto impegnativo quanto prodotto leggero e di facile beva equa c'è si riconoscono insomma porta
Alcuni tipo tipi di vino insomma i canti il Chianti piuttosto che
Adesso
Infine nessuno e non c'è il Barbera d'Asti o piuttosto che le c'era solo di Vittorio insomma lo straniero
A delle predilezioni insomma nel senso che magari hanno al ristorante per forse più famoso per Bessel Chianti o sbagliamo o sbaglio l'onore sicuramente negli Stati Uniti e improduttivi di Sculli
Che anche lì conta molto la riconoscibilità del brand
Dove li prende molto riconosciuto anche perché magari il territorio a cui fa riferimento e noto
Allora è più è anche più facile avere un suo riconoscibilità però d'accordo con chi comunque che il made in Italy così considerato a livello trasversale all'Api molto forte nel consumatore di tutto il mondo
Quindi diciamo che il mondo è fondamentalmente se io sono un produttori di vino di un vino magari meno noto quanto Negramaro che facciamo nomi a caso vado deciderà andare negli Stati Uniti possa avvantaggiare ma il fatto di essere magari con meno un made in Italy e quindi magari venti
Essere un po'scelto dal consumatore
Certo diciamo che qualora è la condicio sine qua non c'è il primo livello di appeal che posso potere rispetto a un competitor in italiano
E dall'ad hoc o ovviamente c'è un dagli agricoltori che intervengono e in questo caso la riconoscibilità dello stesso territorio
Un'indagine che ho fatto un qualche mese fa nei confronti dei un campione di operatori internazionali abbiamo chiesto quali erano le regioni
Indìco italiane più conosciute ovviamente da voi come risposta la strada al Piemonte il Veneto la Sicilia e poi via via a scendere fino a regioni come l'Umbria e Lazio che invece erano quali completamente sconosciute
Sì che probabilmente sono delle vere percentuali di vino anche le stesse in Italia sono breve siamo su quelle insomma finali chiaro quindi rispettava se terrà con lei e come abbiamo minuto mezzo c'è una diciamo oltre la devo fatto dimensionale ecco qual è uno dei grandi limiti delle
Grande tanti produttori italiani che abbiamo divino che non riescono ad andare all'estero cosa potrebbero fare di più oltre a dedicarsi allora le dal sole padre invece una
è sicuramente il primo due grandi criticità che
Accomuna tutte le nostre imprese nell'agroalimentare vino compresa
Poi a vostro avviso c'è anche una scarsa cultura imprenditoriale in molti casi per cui inoltre sul capitale umano non è adeguatamente formato ad affrontare i mercati esteri
Personalmente sono più concentrati sul prodotto sulla qualità del prodotto invece dato revocando l'attenzione sul marketing insomma queste cose così giovano allora dovete
Ma in molti casi cioè tenga presente che non ci sono export bene ed era all'interno dell'azienda ma certo andare a pensare alle aziende più piccole anche quelle medie mancano figure di questo genere
Lo è il titolare per un produttore che fa tutto darsena lavori cantina fino alla verità e come tale Herman trenta secondi io ricordo una volta parlando come produttori di vino diceva io faccio il vino però non riesco non trovo canali di sbocco
Cioè questo non perché al di là perché poi ci sono nelle grande catene di supermercato insomma uno c'entra se ancora non certo numero nove la produzione però i piccoli hanno le enoteche non sempre riescono un po'a ad assorbire tutta la produzione c'è questo
è veramente un grosso limite per il produttore
Soprattutto per le esportazioni o no
Assolutamente sì perché
Il problema che diceva lei cioè il fatto che l'enoteca non assorbono i volumi mi pareva che quando parliamo di enoteca se parliamo a livello nazionale
Oggi non è che se la passino molto bene per cui un cultore piccola che concentrato sulle mercato sotto casa o a livello nazionale particolarmente avendo dei problemi invece è chiaro che se ci fosse la possibilità di aggregarsi
Fare reti e e trovare diciamo così competenze professionali in grado di portare questi prodotti al di fuori del mercato laterale spesso cioè potrebbe cambiare però c'è l'ultimo aspetto mi preme sottolineare
E che forse questa crescita un po'allentando forte individualismo che ha sempre contraddistinto un po'i produttori da Vitaliani
E quindi anche la difficoltà di mettersi assieme e di fare sistema per poi arrivare sui mercati internazionali venerando ringraziamo degli statini grazie se è stato con noi
Non è stato un piacere
E cambiamo argomento e dopo aver parlato di vino con degli Spontini ci occupiamo di fine le misure economiche che ha preso recentemente il Governo Renzi e lo facciamo uno chiedendo il parere di coloro che rappresentano o i nuovi lavori di professionisti del terziario avanzato con parlandone appunto con Anna Sora Capanna Soru che il Presidente di acta buongiorno buongiorno e grazie
Allora insomma lei è il presidente via tanto ma
Però abbiamo letto delle cose insomma a tal proposito delle misure che ha
Preso il Governo il primo Governo Renzi insomma che praticamente voi non siete molto contenti
O sbagliamo purtroppo non siamo per niente contenti quali se ne vanno ci aspettavamo una maggiore attenzione da un Governo che diceva di rivolgersi al nuovo lavoro ai nuovi lavori
Allora lavoro diciannove del lavoro delle donne
Invece poi
Ah previsti finora nella prima fase è intervenuto soltanto
Con riferimento alla pratica neanche quindi la parola tradizionale classico ma ci avete ma se anche deluso il fatto che insomma se il Presidente Presidente della consiglio più giovane in assoluto poi quello che ha dimenticato insomma i nuovi lavori
Intanto è questa la nostra deduzione
E
Poi ci delude perché An sappiamo che c'è stato anche rispetto a questo la posizione del sindacato che era a chi chiedeva che le
Agevolazione riguardassero soltanto il lavoro dipendente ci hanno tacciato di evasori
Cosa che non è assolutamente veramente parliamo del nuovo lavoro autonomo e questa è la cosa che ci tengo a sottolineare questi sì perché noi vogliamo spiegare che differenza c'è fra l'arte non so una agli avvocati o no piuttosto onorare io non voglio accusare no no no no no ma semplicemente ricordare ad esempio bene visto che non si era iscritto all'Albo ieri con il personale primaria
Semplicemente mettere nelle
Perché e noi comprendiamo professioni si rivolgono all'imprenditore o alla pubblica amministrazione che quindi non hanno nessuna possibilità
Di essere pagati e che non emettono fattura come dico spesso ci capita di emettere fatture non essere pagati ma non ci capita il contrario
Quindi è per certi
Pertanto Area storcere è impossibile madre quindi il nome però voi ecco che cosa iter cosa avreste chiesto al governo modo Renzi
Innanzitutto proprio come come grande attenzione perché c'è una delibera dei crediti vantati
Bisogna considerare tutti i redditi bassi
A maggior ragione e direi quello di chi eccellente perché ultimamente attualmente una situazione
Una pressione fiscale e contributiva che analoga a quella di un dipendente perché la cosa che non tutti sanno ma noi perdiamo fra contributi e imposte
Apro una quota che analoga a quella di un dipendente ma non abbiamo nessun ma estrema di tutele e quindi se ci ammaliamo come ha ricordato a rischio la vicenda di vedere altre cose
Siamo praticamente senza assistenza aspettiamo disoccupati non abbiamo nessun sostegno se c'è un infortunio anche qua poi abbiamo nessuna intervento e quindi abbiamo una serie di ricchi
Non siamo tutelati è inoltriamo considerato degno di attenzione da parte del Governo ecco
Ma lei se ne fa fede sarà fatta un'idea insomma per quale motivo perché non è il primo Governo aventi insomma anche gli altri Governi sono in qualche modo non sono stati molto attenti e pure insomma voi oggi rappresentate
Cremona una fonte non poco importante per chi si laurea sulle poi insomma in qualche modo attive in sala prove attività e siete quelli che sono i nuovi lei new jobs pena
Ecco come se lo spiega non mettiamo spunto che lavora del futuro non è una delle Norfolk ambiti che sta ancora crescendo
Però la rappresentanza che è molto lobbistica
E soprattutto quella che si rivolge al lavoro del passato sono intenzionati
L'impegno e passione dovuto al fatto che il problema di rappresentanza si non verrebbe usato fatta un po'il cane che si morde la coda perché poi ti non guadagna tantissimo come
Chi fa la partita IVA di questo tipo sono guadagnati altissima come magari altri partite IVA che hanno delle lobby più importanti quindi diventa anche difficile fare azione di lobby
Sì poi c'è quel colore solo qualcosa dove diciamo c'è un po'alla è il fatto che siamo più nuove rispetto agli altri e quindi non c'è un radicamento
Poi è vero che tanti hanno anche dai crediti c'è anche una nostra responsabilità per noi è difficile aggregarci ma anche perché rispetto al lavoro diciamo dipendente tradizionale ci sono meno luoghi di aggregazione c'è non esiste la fabbrica dove
Ci si ritrova tutti insieme i fatti non per queste opere risultiamo
Lavorando insieme
Ha mai freelance domani abbiamo
O utile prima effetti muovendo aveva diciamo per l'ascoltatore escono andiamo in onda martedì stiamo registrando Assab venerdì quindi sabato passato prego grazie poiché non appena
Sono notevoli sabato attenta infatti abbiamo abbiamo onere mi incontrò a Torino club lei che
Abbiamo realizzato proprio con quello che è il più grosso
Però cortili Calia turba occulta
Perché terreno è anche un'occasione per riuscire a incontrare tanti flirt quindi c'è anche un problema di questo tipo di dispersione cioè ognuno riflette tendono a lavorare ognuno per conto suo magari a casa
Quindi e che occupa complicato creare anche reca chiare ci aiuti a capire con delle eseguirsi trovarsi davanti a un mese
Si trovasse Venzi insomma Ministro del lavoro politico qualcun altro sono al Governo cosa che chiederebbe
Per misure diciamo anche fattibile nel senso che
Da fare sono e cosa è nota partiamo da questa qualche da verticale noi abbiamo ripeto
Una una Tommaso tra contributi e finisco che analoga a quella di un dipendente le strade sono due o si va verso maggiori tutele
Oliva verso minore contribuzione facciamo capire faccia male di facciamo l'esempio del si ritrova anche nel vostro sito Chávez per spesso si dice che il metà del
Della retribuzione del lavoro del lavoratore dipendente la tassa insomma o meno della metà e consono lavoratore autonomo come il come le insomma e guadagna
Trenta mila euro l'anno quante ne vale la ditta selvaggio quanto gli rimangono in tasca diciamo anche anche per noi molto dipende dalla fascia dell'editrice vale come per i dipendenti perché la Cassazione
Se e c'è chi si sente diciamo che resta in genere sui trenta quaranta mila euro resterà un quarantacinque per cento in tasca diamo
Un po'un po'più è la verità epocale di reddito arrivarci sessantamila recita almeno la metà
Quindi delle conseguenze appunto lei dice paghiamo gli le stesse tasse paghiamo la festa un maniera analoga ai ai dipendenti
Abbiamo però appunto ripeto molto più a rischio anche il rischio prototipi stare sul mercato nel dovevo stare sempre sul mancato
Quello che noi chiediamo è o si va verso maggiori tutele
Ospiterà adesso una riduzione della pressione fiscale cioè non è possibile continuare andare avanti così codificano massacrando benché con la ma la pressione fiscale che poi immagino che lei intenda percorre sessione pressione fiscale anche insomma l'INPS
Tutte queste cose qua insomma non utilità ma anche IRPEF perché per evidente delle detrazioni per i redditi bassi per noi sono
Comunque più limitate perché le detrazioni da lavoro autonomo sull'utilità per l'occupazione da lavoro dipendente
Perché Sempre c'è alla base dell'idea che gli autonomi vadano quindi queste lettere sono state calcolate in maniera diversa
Quindi anche come impediamo di più non ridete scusate come IRPEF poi c'è ancora l'Iran perché molti di noi continuano a pagare perché non è chiaro chi debba pagarla e chi no c'è una legislazione che non è
Assolutamente trasparente
Quindi molte volte paghiamo dobbiamo chiedere in basso o viceversa non paghiamo ma quel rischio che le Agenzie delle entrate ci chieda di pagare
E poi c'è il discorso contributivo noi invertiamo tantissimo per la pensione puntiamo perché amo il ventisette per cento del nostro imponibile per la pensione
Che è più di quanto detto dei dipendenti perché per i dipendenti parla sempre di trentatré per cento ma è un trentatré per cento che è calcolato sul reddito lordo che non è il costo del lavoro
Che noi lo calcoliamo alcun riferimento al costo del lavoro il trentatré per cento i dipendenti equivale all'incirca il venticinque per cento reti
Venticinque ventisei per cento perché noi intercettiamo più dei dipendenti ed è previsto però quanto un aumento fino al trentatré per cento contenuti interviene allora quel tormento prevenzione dovuto percorrere
A partire dal due mila e dodici siamo riusciti a bloccarlo fin dal due mila dodici già nel due mila tredici
Vorremmo che venisse tolta questa questa spada di Damocle dalla nostra testa perché ogni anno ci ritroviamo a dover fare gli scioperi Marra evitare
Questo
Questo aumento dell'aliquota essendo arrivato al trentatré per cento veramente fare però follia
Senta un'ultima domanda insomma siamo un minuto circa di tempo insomma quindi non
Cioè voi avete tentato in questi anni perché siccome esiste ed è da un un po'di anni ormai insomma di avere degli incontri con dei politici che esponenti di Governo insomma
E che disposta avete atteggiamento avete trovato alcuna conferma
Ma noi abbiamo spento incontrato tanti politici e la il problema adesso è che non conoscono il nostro mondo
Crediamo nell'anno di allearsi perché questa vada quanto la perché queste sono verità un po'associati alle finte partite IVA
E qui e chi parla non di quello quindi l'unico problema che sembra occupare la mi chiedo se politici è quello di eliminare le finte partite IVA
Però ricchi interpreterà secondo tutte le stime come intorno al dieci per cento
Quindi non si può intervenire sulle proprietà intanto è importante intervenire per quell'opera bisogna farlo in maniera adeguata altrimenti si rischia di distruggere le vere partite IVA tenta di minare le finte
è proprio perché non ne hanno consapevolezza di quello che noi siamo quello che noi chiediamo ai Comuni pretendiamo la concertazione ma ascoltate c'è almeno quanti siete poi chiudiamo quanti siete
Gli scritti sono male su per giù o quelle idee
Che fanno parte della nostro tipo di lavoro i terzi ragazzata in Italia con il rivale apre
E guardi anche su questo ma anche uno è statisticamente altare anche perché molti rischiamo di perché intanto è modalità lavorative anche perché c'era la ricerca la gestione separata che è una città bellissima
Chi può scappa dichiarò che vittime e circola per l'interno un milione e mezzo milione settecento mila in Italia va bene allora la ringraziamo Allah sono Presidente di latta grazie serata Valley buongiorno
E ringraziamo ancora alla Presidente di acta ammasso loro vi ricordiamo che in precedenza avevamo parlato con devi Spontini che
Direttore dell'Area agro alimentare di Nomisma e progetti leader di wine monitor questa puntata di furore storie letture di della crisi economica ci con chiude qui ieri ricordiamo che chi volesse di ascoltare questa puntata o le precedenti andate in onda lo può fare andando sul sito www Radio Radicale punto it nello spazio
Pubbliche cercando furore la troverete questa puntata e tutte le altre andaste inonda per intanto vi saluto con questa rubrica vi do appuntamento prossimo martedì alle sei e quarantacinque e buon proseguimento per i programmi di Radio Radicale