16MAR2014
rubriche

Osservatorio Giustizia

RUBRICA | di Lorena D'Urso RADIO - 16:30. Durata: 29 min 56 sec

Player
La scadenza del termine imposto dalla CEDU al Governo italiano per trovare una soluzione concreta al sovraffollamento carcerario e lo scetticismo espresso dal Comitato dei Ministri del Consiglio d'Europa.

Il ripristino, solo in riferimento alla disciplina amministrativa, delle tabelle sulle sostanze stupefacenti, dopo la bocciatura da parte della Corte Costituzionale della legge Fini-Giovanardi.

L'approvazione, da parte del Senato, del testo in materia di candidabilità, eleggibilità e ricollocamento dei Magistrati che intendono fare politica.

Puntata di "Osservatorio Giustizia" di domenica 16
marzo 2014 condotta da Lorena D'Urso con gli interventi di Valerio Spigarelli (presidente dell'Unione delle Camere Penali Italiane).

Tra gli argomenti discussi: Amnistia, Anm, Avvocatura, Bernardini, Camera, Cancellieri, Cannabis, Canzio, Carcere, Cassazione, Consiglio D'europa, Convenzione Ue, Corte Costituzionale, Corte Europea Dei Diritti Dell'uomo, Costa, Costituzione, Custodia Cautelare, Decreti, Detenzione Domiciliare, Digiuno, Diritti Umani, Droga, Economia, Edilizia, Emergenza, Enti Locali, Europa, Fiandaca, Fini, Giovanardi, Giustizia, Governo, Gran Bretagna, Gratteri, Il Sole 24 Ore, Incandidabilita', Indulto, Ineleggibilita', Italia, Legge, Lorenzin, Magistratura, Malattia, Medicina, Messaggio, Napolitano, Nonviolenza, Orlando, Parlamento, Pignatone, Politica, Radicali Italiani, Riforme, Salute, Sanita', Senato, Separazione Delle Carriere, Societa', Ucpi, Ue.

La registrazione audio di questa puntata ha una durata di 29 minuti.

leggi tutto

riduci

16:30

Scheda a cura di

Enrica Izzo
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Mancano poco più di due mesi al fatidico ventisette maggio e il Comitato dei Ministri del consiglio d'Europa che deve vigilare sull'osservanza delle sentenze della Corte da parte dei gli stati ma non sembra convinto che ce la faremo a ripristinare la legalità nelle nostre carceri ad arginare quei tre mila ricorsi bloccati un anno o il fatto che travolgerà almeno la nostra economia
Buon pomeriggio a tutti benvenuti all'ascolto di osservatorio giustizia l'acconsenta rubrica con il Presidente dei penalisti italiani avvocato Valerio Spigarelli e buon pomeriggio avvocato allora questo è una passaggio del d'momento dell'Osservatorio carcere delle Camere penali italiano un documento importante e significativo che si conclude con l'augurio che il Governo non metta
Sul tavolo i numeri ipotetici di un'edilizia penitenziaria che è il progetto doveva servire non a risolvere il problema del sovraffollamento ma a sostituire nuovi invivibili o la costruzione i padiglioni destinati a
Togliere più esigui spazi di attività comuni e la scommessa si legge ancora nel documento ora si gioca sui disegni di legge sulla messa alla prova e sulla riforma della custodia cautelare
Dunque c'è questo
Documento sia presa di posizione da parte appunto dell'Osservatorio carcere delle Camere penali anche in vista immagino del all'incontro che si sarebbe dovuto tenere questa settimana è stato poi rinviato per problemi i tecnici con il ministro il neo ministro della giustizia Andrea Orlando così
Io così noi
Sottoporremo ad Orlando una serie di punti tra i quali ovviamente questo della la situazione del carcere e delle riforme strutturali e non
Che possono incidere su questa questione con una
Prevede lo sa che è una premessa che facciamo spesso e cioè non pensiamo di andare in Europa a maggio a dirvi che abbiamo grattato qualche numero qua qualche numero la poi
Proseguire lo sport italico del rinvio
Perché questo è quello che conta profilando questo è quello che rappresenteremo ad Orlando come una scelta sciagurata
Perché e ovvio che quel che è avvenuto fino a questo momento decreto svuota carceri così definito soprattutto dei suoi oppositori perché è un altro lato svuotato un bel nulla
Sono provvedimenti che non hanno inciso realmente sulla situazione
E
è altrettanto ovvio che non si può rispondere
Alla maniera di quelli che in questi ultimi tempi hanno risposto
Ritirando fuori il discorso dell'edilizia carceraria che pure è un problema
O magari la riapertura di carceri laghi R che invece è un problema non dovrebbe essere perché non dovrebbe far essere fatto assolutamente
Quindi non è un problema di contabilità meramente dispacci è un problema di
Tema carcere o centri con la parola è brutta ma è da una bella spiegazione o no
Ed è per questo che diremo ad Orlando da un lato facciamo marciare
I provvedimenti come quello del
Della messa alla prova facciamo marciare il provvedimento che è in dirittura finale più o meno
Sulla custodia cautelare perché questi sono provvedimenti strutturali allo stesso tempo gli diremo
Ripetiamo
Ridiscutiamo affrontate con coraggio l'argomento dell'indulto perché questo non lo fate
E anche con i provvedimenti strutturali licenziati non risolviamo la situazione
E soprattutto manca pochissimo tempo furto alla scadrà anche ha fatto poco per tentare di avere degli effetti strutturali degli effetti significativi da questo tipo di provvedimenti altro
Lei ricorderà che noi abbiamo affrontato per esempio il discorso della legge
Sulla custodia cautelare
Che interessante analizzare come si è il CUP l'iter che hanno seguito declino avevamo le proposte di legge che noi abbiamo sempre giudicato troppo temi che quando un buon inizio un passo iniziale
Un percorso lungo
Ci ha sempre un piccolo passo che inizia e ma che poi non è stato assistito nella prima parte anche la ma forte determinazione dello scorso Governo e tant'è vero che poi in Commissione giustizia
E cosa è avvenuto che viene
Recepito sottoforma di emendamenti proprio
Lavoro che era stato fatto attuano presentato al Governo da una delle commissioni ministeriali al lavoro la Commissione campus

E ora che cosa era avvenuto il tutti profilava e che era preoccupante
E era avvenuto che nel passaggio poi dopo questo diciamo Terna imponente virtuoso dalla Camera al Senato al Senato erano stati depositati una pioggia di emendamenti invece
E annullava però questo questo ampliamento strutturale che era stato compiuto alla Camera
Dobbiamo legiferare se non altro perché poi
Nelle scorse settimane molto spesso eravamo tornati non dico in solitudine ma qualche su questo argomento cioè sul fatto che quegli emendamenti e non dovevano
Essere che approvati che la maggior parte quasi tutti quegli emendamenti non sono stati approvati e approvate questo
E positivo anche se
Obiettivamente di nuovo c'è stata una certo a un certo svuotamento di alcuni passaggi
E di quella di quella proposta poi approvata alla Camera ne dico uno solo per tutti egli introduce vado anche una limitazione al ricorribili da per Cassazione delle sentenze
Cioè in cui la soluzione
Era portata emessa in primo grado e confermare anche secondo grado una doppia conforme assolutoria
Che doveva servire diciamo a introdurre un principio di limitazione alla ricorribili da per Cassazione da parte del Pubblico Ministero ecco quello per esempio al comparto tanto per dirne una sono scomparse le altre cose che per riusciti a introdurre però morto altro è rimasto e questo potrebbe essere un primo passo
E tra l'altro io dirò al ministro che questa è una strada virtuosa perché quel lavoro che poi era finito torno a dire nei lavori parlamentari non per iniziativa del Governo che pure l'aveva tra virgolette commissionato
Ma per iniziativa autonoma di altri soggetti questo del della Commissione garante cioè anche un lavoro
Virtuoso per un motivo diverso perché per la prima volta attorno a un certo problema eravamo riusciti a registrare una certa consolante sacrale dirette
Anime del mondo giudiziario magistrati avvocati professorini lindo
Che insomma è un un bel modo di per votarla cioè se riusciamo
A registrare queste diverse anime attorno a progetti condivisi è e la politica voi anche quando è timida come appunto è avvenuto in questo caso poi finisce poi magari per recepire loro stessi sesto
Insomma quella della a riformare la Bussero dell'Area una riforma potremmo dire condivisa ha perché ha messo d'accordo appunto maggioranza e opposizione non solo nella prospettiva di alleggerire la popolazione carceraria ma soprattutto nella convinzione che vi sia una ricorso eccessivo
Alla custodia attenzione aree la la riforma vera dovrebbe essere quella che avevamo proposto ancor più coraggioso alcuna limitazione drastica alla custodia cautelare in carcere una scelta proprio in nel nel panorama custodiale elettiva per gli arresti domiciliari questo purtroppo non è dato basso Vietti molto ristretta l'Area di
Incidente della custodia cautelare in carcere ma bisognava entra ancora più coraggiose ma noi sappiamo peraltro con mi pare di capire
La contrarietà dell'Associazione nazionale magistrati proprio perché si riduce il margine di valutazione del giudice che non potrà basarsi solo sulla gravità del reato ma dovrà tener conto delle modalità delle circostanze in cui il
Delitto benevolo devo dire che lì proprio quelle uno dei punti che hanno peggiorato poi nel nel passaggio però lei nel merito ma ne contraria perché appello avvenga amico rimangono Quarara ritornata
Conosciamo compra rivela la pausa estiva ecco però ma a fronte di tutto Gueye sto invece
I dati della Suprema ancor per della Cassazione sostanza sembrerebbero smentire un uso troppo disinvolto delle manette se coeso secondo Donatella Saso che l'ha scritto nei giorni scorsi sul Sole ventiquattro ore perché nel due mila
Tredici secondo appunto questo questo articolo solo il due virgola tre per cento dei provvedimenti cautelari è stato annullato o senza rinvio con la conseguente scarcerazione degli imputati mentre il
Trentasette per cento cui andrebbe aggiunto il quaranta per cento dei ricorsi
Dichiarati inammissibili è stato confermato è il quindici virgola sette per cento è stato annullato con rinvio quindi senza scarcerazione
Ed è una bella Stasio si chiede delle due l'una ora Cassazione troppo cauta nel censurare il ricorso alla Bussero tutelare oppure
Le motivazioni dei giudici sulla quadro indiziario che fa scattare le manette sono rigorose
Allora intanto la matematica un'opinione
Perché declino elimini da lei non fanno cento per cento quindi qui c'è qualche cosa che non poi incominciamo a leggerli questi numeri perché i numeri vanno interpretati come tutto
Allora due per cento di annullamento senza rinvio e numero significativo
A differenza di quello che si potrebbe pensare perché l'annullamento senza rinvio di un provvedimento di custodia cautelare e un evento rarissimo generalmente anche quando la Cassazione non condivide censura al nulla ma con rinvio
E quindi andiamo nell'altro numero che viene indicata quindi se si somma questo due per cento all'altro che se non vado errato è il
L'ha appena ricordato lei virgola tre per cento il esatto insomma già comincia ad essere più significativo poi eccetto qui gioca il patto a che le norme e sono norme che permettono un'ampia discrezionalità e quindi vanno cambiate le norme
Vic
Che tutto sommato ci lamentiamo sempre del patto che il diciamo la del privato sociale
Viene assai non è un bisticcio di parole differita dai giochi in consonanza con i pubblici ministeri e questo ci riporta invece è un discorso di carattere più ampio la giurisprudenza della Cassazione
Sarebbe più rigorosa probabilmente la provenienza dei giudici
Anche dei giudici della Cassazione
Fosse omogenea dalla magistratura giudicante e non dalla magistratura requirente perché
Con la
Commistione delle carriere tutto questo poi si risolve in questi numeri cioè questi numeri conferma no non tanto che
Diciamo parlano interni dalla Corte di captazione ma che la giurisprudenza della gara Corte di Cassazione
Ha un occhio alla Di Pietro sociale che ci fosse la separazione delle carriere probabilmente non ci sarebbe
Senta intanto si registra anche erano una una notizia una notizia secondo la quale è la Roia alla carta Orlando Nardis sì solo di non trasferire in Italia un cittadino somalo per scontare appunto una pena detentiva perché ritiene che non sia possibile estradare persone
Verso paesi che violano l'articolo tre bella a convenzione questo
A ha fatto dire alla segretaria di radicali italiani Rita Bernardini che è un altro mediazione in ambito europeo che però sembrano scalfire
La colpevole inconcludenza del Governo del Parlamento sull'illegalità della nostra giustizia e delle nostre carceri però insomma ecco dopo il il Comitato dei mi ministri del consiglio Europa ne abbiamo parlato già la scorsa settimana no che punto ha espresso insomma della delle preoccupazioni per il modo in cui l'Italia
Sta affrontando il sovraffollamento carcerario in vista della scadenza del ventisette maggio imposta dalla Corte europea dei diritti dell'uomo adesso appunto c'è anche uno Stato membro dell'Unione europea che comincia insomma denunciare la situazione
Delle delle carceri italiane
Va bene erano tutti i campanelli d'allarme che convergono verso la stessa necessità ma anche anche
Ne ha la necessità
Di non fare solo la contabilità dei numeri o dei metri ma di fare la contabilità dei diritti e dunque intervenire con e dei provvedimenti che non possono essere accantonati dalla politica custodi debbo di nuovo
A
A Burlando come dicevo prima ovverosia i provvedimenti di clemenza pure autorevolissima mente sono stati richiesti dal Presidente della Repubblica sostanzialmente
Erano stati
Ritenuti utili dal precedente ministro di Giustizia erano stati i clienti
E in maniera coraggiosa dal primo Presidente della Corte di Cassazione nella sua prolusione saturazione dell'anno giudiziario
Quindi e così facciamo anche la somma dell'autorevolezza unita
E per me va in Terna direi italiana che straniera che ci dice fate qualcosa ma fatelo subito
Intanto va be'lo lo ricordiamo ormai da due settimane prosegue appunto il Satyagraha radicale questa iniziativa non violenta che peraltro adesso vede coinvolte quasi mille persone che appunto hanno
Dici uso di Discardi nei giorni che ci separano dal ventotto maggio con iniziative appunto quotidiane non violente è l'intenzione è quella appunto di sostenere poi le ragioni le proposte le speranze del messaggio che il Presidente della Repubblica
Giorgio Napolitano
A ha rivolto lotto ottobre scorso e quindi insomma Catania ma vedeva come al solito noi
Proviamo a queste iniziative noi domani ne discuteremo anche di questo al Consiglio delle Camere penali
Per vedere in che maniera far sentire anche la voce dei penalisti come già successo in passato su iniziative ovviamente di questo tipo che sono iniziative
Si esportano alla ribalta della cronaca politica questo problema
Intanto parliamo anche di altro perché si registrano grandi manovre
Dopo la sentenza della Corte costituzionale sulla legge Fini-Giovanardi che ha di fatto ripristinato la distinzione tra
Droghe pesanti e leggere venerdì scorso il Consiglio dei ministri a appunto ripristinato le tabelle sulle sostanze stupefacenti
Dopo la bocciatura da parte della Consulta a un mese fa della Fini-Giovanardi e sono state in pratica ripristinate le tabelle cancellate dalla la sentenza della Corte costituzionale sulla legge Fini-Giovanardi che aveva creato un vuoto normativo
Ora annunciando la notizia il ministro Lorenzina specificato che sulla parte penale ci sarà un'ulteriore riflessione il decreto legge interviene
Sugli aspetti amministrativi e non penali ha detto
Sempre il Ministro
Lorenzin e le tabelle sono state rimodulate tenendo conto della sentenza della Consulta perché erano venuti meno tutti gli aggiornamenti dalla due mila sei ad oggi
E con il decreto resta intatta la la distinzione tra droghe leggere e droghe pesanti che la Fini-Giovanardi come noto aveva eliminato
E la sentenza della Consulta a di fatto appunto ripristinato una delle tabelle e specifica per la cannabis
I suoi di derivati e il Ministro ha ricordato che
Cinquecento nuove droghe erano uscite da queste tabelle ora come come leggere insomma questa questa decisione traguardi da un lato c'è un una questione di carattere
Amministrativo appunto c'è la legge sugli stupefacenti delle tabelle
Riguardano anche
Sostanze che hanno una doppia valenza no valenza terapeutica io un nuovo tanto per dobbiamo leggere il provvedimento ancora non è pubblicato ma ecco qui in realtà quello che non sarebbe stato male fare di colore parleremo con con Orlando intervenire Rabin mentre invece sul complesso della normativa amministrativa e penale si proprio per dare il segno di una politica sulle droghe
Il la recentemente dalla Corte costituzionale
A anche eliminato diciamo la equiparazione tra droghe leggere e droghe pesanti che era uno dei temi da Fini-Giovanardi ma no perché la Corte che entra nel merito della giustezza o meno di questa equiparazione ma perché ha semplicemente detto la dobbiamo cancellare la finzione
Ora ricoverata incostituzionale bene per la procedura la procedura altra dall'abitazione esatto nell'introdurre quella normativa e quindi rimane il vuoto
Prima di tutto politico ossia una richiesta o di una non scelta cioè quello che chi vuole comprendere e
E in occasione di questa reciprocità perché c'è una necessità c'è la necessità
Di intervenire organicamente su questa legge qual è la scelta politica di questo Governo
è una scelta politica innovativa o se si vuole novanta vuole intendere innovativa anche con la eliminazione di una scelta che invece era quella fatta dalla Fini-Giovanardi
E che ha prodotto tutta una serie di conseguenze negative o si vuole tornare invece come una nuova legge a quel passato recente della Fini-Giovanardi equiparando soltanto di tipo diverso
Perché il problema è che era stata sollevata questione di costituzionalità anche riguardo a quelle in riparazione prova approntata perché cancellando la legge le fondamenta di Radio Kappa eccetera
Peraltro ce n'erano diverse se non ricordo male di questioni sollevate proprio sul sul sul merito insomma della certo ma valgono i primari quello che qui completava era la razionalità
E la conformità di questa scelta con riguardo ai beni che sono in gioco rispetto alla legge sulla droga che hai tutto il bene della salute
E proprio perché la mancata distinzione tra tipi di sostanze e poi poteva comportare una irragionevole tutta di fondo della scelta formativa
Qui araba ha dato atto della circostanza che su questo punto e deciso e quindi però quella decisione questa decisione vorrebbe
è una decisione politica che viene prima ad Ancona infatti fra l'altro come dire motivo dal Governo perché in questo caso portoghese
Si potrebbe anche intervenire con una decretazione d'urgenza il problema si pone come quindi insomma nei sostiene dalla Nissan sita di un intervento legislativo urgente appunti è urgente
O loro di opinioni sostengo soprattutto la necessità di una scelta
Da di tipo legislativo di tipo politico di politica giudiziaria su questo terreno i problemi che apposto anche lì per penalizzazione che non è solo un iper per realizzazione penale
Ma una penalizzazione anche amministrativa sono problemi sotto gli occhi di tutti e dovrebbero ecografo
E poi fra l'altro c'è il trattamento penale del reato di diede entità che di nuovo a quello approvato grazie all'angolo e arcieri io punto tipo celebriamo Piera preferirebbe incostituzionale anche quello perché
A o attualmente come abbiamo già ricordato in quest'opera di missione i reati previsti dal primo comma della legge la legge
Vedono la distinzione tra blog abitante droghe leggere
Il reato per il voto impedito a dicembre dal decreto che ANCI agli eredi del quinto comma della legge sulla gli eventi eterno compete questa distinzione dal privi di droghe che
Prende il complesso della legge tra primo e quinto comma chiaramente irragionevole chiaramente incostituzionale tra l'altro i panini giornali parlavano di uno scontro
O all'interno del Governo tra il ministro Lorenzina il ministro Orlando che appunto è preoccupato Perrella situazione carceri e quindi per le ricadute che poi
La la normativa sulle droghe comportava ma di fatto può insomma questo scontro pare sia stato smentito dagli stessi ministri interessati ma lavorerò però
Torno a dire che ad Orlando andremo a me di questo noi abbiamo le idee chiare dal punto di vista di
Degli effetti di questo tipo di penalizzazione del
Del
Se
è certo senta in settimana Hilla al Senato ha approvato il testo che pianta diciamo nuovi paletti in materia di
Candidabilità eleggibilità e ricon lamette ricollocamento dei magistrati che intendono o fare politica ora secondo è la dice il Ministro della Giustizia Enrico Costa si è raggiunta una sintesi che ha determinato
Un ampio consenso di fatto con le norme si esclude per esempio che un magistrato possa candidarsi alle elezioni o assumere
L'incarico di assessore in territori dove a
Prestato servizio nei cinque anni
Precedenti il disegno di legge non è definitivo stavo appunto approvato dal Senato ora passa
Alla alla Camera dove peraltro i deputati non hanno preparato i tappeti rossi perché per esempio la Presidente la cui serio si fa nella camera Donatella Ferranti ha detto che
Le priorità della giustizia sono ben altre allora noi diciamo o l'ufficio complicazioni cose facili
Parlo della politica italiana su certi argomenti perché qui la scelta facile una sola
Che non riguarda solamente le le divertente i diversi schieramenti sulle a questo punto se
Io ho fatto il magistrato in un certo schieramento giudico teche criptato esponente di un altro schieramento allora viene meno la l'immagine interpreta e quindi ho io mantengo Toumi ricorsi e nella scelta che fa
Ma riguarda tutti i cittadini
Ecco perché poi e perché no eccetto interno in pile pareri per imposizione
E quindi c'era una semplicissima quella che io sono semplice Occhetto no semplicissima ed efficace proposta che pure era stata avanzata
Nel momento in cui PRG. nel momento in cui terribili
Si snatura il margine di imparzialità la tua immagine di terzietà perché in maniera sacrosante esercitando i tuoi diritti costituzionali il
Ieri da una parte perde qualcosa che non potrei che voi avete e quindi nel momento in cui lei persa
è necessario che ti conserviamo la possibilità poi di proseguire
Che il la tua carriera nell'ambito dello Stato ma non facendo più il magistrato giudicante o il magistrato requirente collocandoli da qualche altra parte nell'ambito dell'Amministrazione
Senta allora proviamo a zero
Salirà da fare gesti noi poi
L'articolo del patto e perché è un passo in avanti certamente pagassero dedicato che come metodo rimaniamo d'emblée cogliere sospeso Mendo riusciamo a farlo il tutto insomma si poteva essere una una regola più Paolino tra
E darebbe progressi alla Camera la debba essere l'aspetto ancora ma a proposito appunto di di magistrati in politica ma anche nell'amministrazione ci sono due casi quello di
Raffaele Cantone lo abbiamo
Ha preso proprio questa settimana che il presidente del Consiglio Matteo Renzi ha nominato un nuovo responsabile dell'anticorruzione e questo è un caso ma poi c'è il caso
Di Nicola Gratteri dato come possibile ministro della giustizia il mio magistrato Mantini 'ndrangheta adesso ad Gratteri è stato affidato il compito di trasformare in disegno di legge le conclusioni che le Commissioni antimafia e anti
Riciclaggio di cui aveva fatto o parte durante il Governo letta insomma da Palazzo Chigi spunta un un incarico anche per Nicola Gratteri
Peraltro si potrebbe anche creare un problema diplomatico perché sembrerebbe che invece il ministro Andrea Orlando il Ministro della Giustizia
Volesse utilizzare le conclusioni della Commissione Kamps della Commissione Fiandaca e lavorare su su quei testi appunto
Predisposti dal quegli appositi gruppi di lavoro istituito la Commissione si avvalga che non balcanica lenzuolo nostro cancellieri di questi argomenti no B
Cercato un bellissimo convegno la scorsa settimana a Bologna lì in cui si discuteva dei rapporti tra la scienza giuridica e politica
L'amara conclusione dopo molti analisi dicastero ed anche la politica tendenzialmente e nulla guarda proprio allacciamento giuridicamente applica
Perché quando la ragion politica ci impone allora vi parlo Geppi come quei
Magistratuali io che non ha valore utilissimo
E lo si mette a scrivere le leggi
E quando magari alla predetta opera che era accorpata una Commissione dove c'erano OSCE ampliati della legge che avevano fatto la medesima cosa
Cerco in in dal punto di vista del consenso politico si spende molto meglio magistrato antimafia come immagine rispetto a qualche professore universitario che magari è un po'più pernicioso
è un po'meno schierato su certe soluzioni
Ebbene queste sono le proprie conclusioni quel bel convegno di Bologna baricentro giuridica quando la politica impone la sua ragion politica della richiesta del consenso magari utilizzando anche magistrati
Credo sarebbe molto più utile continuassero invece i loro lavori negli uffici di
Deputati
Perde tempo insomma processuale
Siamo in chiusura abbiamo un minuto il Procuratore Capo di Roma Giuseppe Pignatone è tornato a parlare della circolare Daloui emanata nei giorni scorsi con la quale
Ci chiede di indicare priorità nei procedimenti aperti alla procura nella capitale Pignatone ha detto non accetto ipocrisie rivendico che a legislazione vigente di fondi fronte a risorse inesistenti era nostra responsabilità fare una sfida intelligente trattando le cause in ordine di importanza sono inaccettabili le carenze di personale questa quindi era insomma in sostanza l'unica Guus senza che si poteva fare
E inaccettabile pensare che decidano i capi delle procure della Repubblica anche i capi degli uffici giudiziari vicepresidente tribunali
In ordine al principio lì e obbligatorietà dell'azione penale perché non stiamo parlando di questo sesta finisce per colpa di questo per colpa di quest'altro ma poi si riduce il principio di obbligatorietà dell'azione penale che tutti invocano però come immodificabile tranne quelli come me che dicono che non incide poi in realtà l'obbligatorietà dell'azione penale
Ma che dovremmo modificare porta la Costituzione sicuramente la prassi perché attualmente e queste decisioni lo dimostrano ancora di più l'obbligatorietà dell'azione penale è nelle mani della discrezionalità delle procure della Repubblica
Ci torniamo sito diamo senz'altro nelle prossime puntate intanto termina qui anche per questa settimana osservatorio giustizia grazie alla Presidente dei penalisti italiani avvocato Valerio Spigarelli grazie a risentirci Carbone