18MAR2014
stampa

Eutanasia: familiari Monicelli, Lizzani, Magri, Welby chiedono indagine conoscitiva al Parlamento

CONFERENZA STAMPA | Roma - 11:33. Durata: 54 min 22 sec

Player
Conferenza stampa per chiedere al Parlamento l'avvio di una indagine conoscitiva su come si muore in Italia e per intraprendere l’esame dei progetti di legge sul fine-vita.

Il dirigente della Associazione Coscioni, Carlo Troilo, in occasione del decimo anniversario del suicidio di suo fratello Michele, malato terminale di leucemia (18 marzo 2004), inizia uno sciopero della fame, e fornisce dati sulla "morte all'italiana".

Registrazione video della conferenza stampa dal titolo "Eutanasia: familiari Monicelli, Lizzani, Magri, Welby chiedono indagine conoscitiva al Parlamento" che si è tenuta
a Roma martedì 18 marzo 2014 alle ore 11:33.

Con Marco Cappato (tesoriere, Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica), Umberto Veronesi (presidente di Science for Peace), Luciana Castellina (giornalista), Carlo Troilo (membro del Consiglio Generale, Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica), Chiara Rapaccini (illustratrice), Francesco Lizzani (scrittore), Mario Riccio (medico anestesista e rianimatore all'ospedale di Cremona), Mina Welby (copresidente dell'Associazione "Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica").

La conferenza stampa è stata organizzata da Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica.

Tra gli argomenti discussi: Associazioni, Autodeterminazione, Bioetica, Cattolicesimo, Coscioni, Diritti Civili, Eutanasia, Laicita', Legalizzazione, Liberta' Di Cura, Lizzani, Magri, Malattia, Medicina, Monicelli, Napolitano, Ospedali, Parlamento, Politica, Salute, Sanita', Suicidio, Testamento Biologico, Testimone Di Giustizia, Welby.

La registrazione video della conferenza stampa dura 54 minuti.

Oltre al formato video è disponibile anche la versione nel solo formato audio.

leggi tutto

riduci

11:33

Scheda a cura di

Delfina Steri
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Categoria
Più
Non certo
Busta con
Faccio
Le forbici
Paolo Mieli novantuno
Non volendo fare
Come
Giudice
Mario Bozzi
Cammina
Sì sì centosei
Se dobbiamo mettere a confronto
Revochiamo vengono
Concludere sosteniamo
Noi chiediamo di Mario Romano e ordine a questa situazione siano Michelis pregherei vigenti
Che aggiunge
Primo
Il trenta allora
Vediamo il richiamo
Chiamiamolo l'Italia abbia prodotto una radio pronta
Richiamo all'Italia
Dico rimanere avrà volutamente allora bene possono essere
Ordini anzi staccare
Mai dei suoni emendamenti da me che suoni
Va bene
Allora
Chiederei di concludere le intervenissero poter iniziare ci sarà tempo anche dopo naturalmente
Mina cosa fare discorsi
Guarda

Anche se
Non non certo quella il mento
Cicchetti
Ma c'è solo scritto Minerva il ventitré
Va bene se ci sono generalissima sarà davanti minore Paracchini
Cede generosamente esposto
Recuperiamo anche Carlo tra
Francesco forzati aspettiamo stricnina mina se qui certo cartello
Ma chi ha rubato gli appunti a Carla però il problema le li dovrebbe risolvere in Presidenza ecco lorde chiamiamo grazie allora
Va bene buongiorno a tutti e grazie per essere e qui a questa conferenza stampa della associazione Luca Coscioni buongiorno a tutti sono Marco Cappato tesoriere dell'associazione e coordinatore della campagna per l'eutanasia legale
Sono qui alla al tavolo chiara Pacini
Compagnia di Mario Monicelli
Francesco Lizzani figlio di Carlo Lizzani Carlo Trollo qui di fianco ma è la persona grazie alla quale e
Si tiene questa iniziativa per le ragioni lui stesso vite racconterà
Mina Welby e Mario Riccio
Qui affianco a me
Protagonisti della
Vicenda che bene conoscete
Io priva di qualsiasi altra parola di introduzione e chiederei di potere trasmettesse trasmette due importanti messaggi che abbiamo ricevuto
Non so se c'è un ordine previsto e allora possiamo iniziare da Umberto Veronesi
E dal suo videomessaggi
Movimento di questi ultimi anni nell'ambito
Della medicina ci portato ci portano ci porterà sempre più a sviluppare una medicina della responsabilità
Dell'individuo
E abbandonare la medicina cosiddetta paternalistica
In questo nuovo quadro della dei diritti del malato si è fatta strada per esempio i principio del rifiuto del recupero medico
Non può imporre una terapia il paziente deve decidere che citarlo meno è questo principio poi ha dato luogo
Allora un movimento che ha portato al
Regole ancora applicata in Italia ma ovunque nel mondo del testamento biologico cioè di decidere perché il paziente deve decidere
Del proprio le cure che congressi sottoposto nel caso Enron forse in grado
Di dichiararlo esplicitamente
Moggi dovevano andare proprio in Iran dove andare al di là di quello che sto
E deve farsi strada sempre di più in maniera sempre più consistente
Il principio dell'autodeterminazione cioè il principio per cui cittadino soprattutto ammalato nelle fasi più avanzate della malattia
Di decidere di programmare
Come
Distaccarsi da questa visita
Non l'abbiamo il diritto ovvio di programmare la vita e penso che sia
Inevitabile molto logico che deve evolvere in diritto di programmare il termine della nostra vita
In altre parole vorrei dire che vivere diritto non rilevando
Al nord e a non la possibilità dobbiamo avere la possibilità
Di decidere noi quanto sia giusto e quanto sia opportuno mantenersi in vita
Quando condizioni circostanti ci chiedono o ci impongono oggi
Smettere di lasciare
Avvisaste
Grazie questo messaggio di Umberto Veronesi dovrebbe essere pronto anche il messaggio di Beppino Englaro
Non erano scusate di Castellina ok darle una lettera va bene scusami di Luciana Castellina
Ma se ci sono due aspetti di questo problema uno di merito
Impedire proibitive pur un divieto a una cosa
Così umana e credo che passi ad ognuno avere avuto un'esperienza di un malato terminale
Che può essere un male fisico una terribile depressione che
E quasi più grave che è un cancro per capire
C'è una cosa è aggiunto il tutto ovviamente orale che uno voglia porre fine alla propria sofferenza della sofferenza di quelli che gli stanno intorno
Eppure questa cosa così comprensibile così umana che chiunque sia passata attraverso questa esperienza capisce non riesce a diventare il problema di cui si occupa la
Politica e con tante lamentazioni a proposito dell'antipolitica che del rifiuto della politica
Basterebbe riflettere a questo per capire che se la politica non riesce a occuparsi di questi problemi la distanza sarà sempre maggiore
Tra l'altro tutto questo suscita
Delle brutte considerazioni su cosa è diventato il Parlamento si è sempre più
Distante e discutere e di cose che sono sempre più incomprensibili ed estranee
A quello che muove si muove nella società
E allora
Ecco credo che sia giusto
Aldilà appunto della
La sostanza del problema
Questa questione sia
Proprio su una delle questioni indicative per fare una battaglia per cambiare il modo di fare politica io credo che
Ci sia oggi una crisi della democrazia con lei e l'abbiamo conosciuto molto seria
Qui in Italia in modo molto accentuato in parte anche nel resto del mondo alla distanza la cifra le istituzioni cittadine le la sempre maggiore in parte anche questa è la mia esperienza perché quando c'erano i grandi partiti di massa con tutti i loro difetti però
E erano in qualche modo che le cinghie di trasmissione
Fra il cittadino che il Parlamento e il Governo spariti quelli
è rimasto soltanto un grande vuoto per l'ora
A partire da questa questione si può fare una grande riflessione su come
Si deve cambiare perché è uno scandalo che siano da anni dei progetti di legge
Giacenti in Parlamento su questa questione che ci sia un progetto di iniziativa popolare e quindi chi è d'obbligo costituzionale dovrebbe
Essere esaminato dal Parlamento che invece non se ne faccia niente non sia neppure all'ordine del giorno
Grazie a Luciana Castellina per questo messaggio
E per avere ricordato il punto centrale per questa conferenza stampa
C'è una proposta di legge di iniziativa popolare quasi settanta mila firme raccolte autenticata certificate depositante in Parlamento a settembre
Da allora
Nessuna risposta nessun cenno di attenzione nessun dibattito nulla di nulla su un tema che dicono i sondaggi
La maggioranza nettamente la maggioranza degli italiani
Ritiene urgente e positivo la eutanasia legale contro l'eutanasia clandestina evidentemente
I boss della politica dei partiti non condividono questa urgenza e finora
Nessuna risposta a questa azione iniziativa popolare che stata depositata
Saluto inizio salutare alcune delle presenza in sala naturalmente segretaria dell'Associazione Luca Coscioni Filomena Gallo la Presidente
Onoraria della associazione Luca Coscioni Maria Antonietta Farina Coscioni
Rita Bernardini se ho visto ora segretaria di
Radicali italiani e altre presenze delle quali daremo conto subito voglio però dare la parola a
Il l'ideatore di questa
Giornata e di questa iniziativa che credo
Abbia non solo una testimonianza importante ma anche una notizia importante sul piano
Istituzionale e politico
Do la parola a Carlo
Forse questo più vicine
Grazie a Marco come si dice non sarò breve signor brevissimo non l'ho perso gli appunti quindi fatto parlare a braccio però siccome queste cose ormai
Collega è una conferenza stampa quindi notizie sono notizie allora tre notizie vi do la prima è qui e al tavolo cioè la notizia che
Sono riuscito a questo e la cosa di cui sono più felice insieme al a quella che Tito dopo sono riuscito dovete qui i familiari congiunti le persone care di
Monicelli Lizzani e Maldini fra l'altro io da giovane cineclub vista come qualche mio amico questa annosa ho avuto ospiti più volte sia nel Sannio sia Monicelli amici nette
Quindi ringrazio loro perché secondo me loro sono la spiegazione di questo flusso straordinario a parte diciamo il nostro modesto lavoro ma
Di giornalisti anche televisivi che questa per noi una novità
Loro daranno sicuramente Forza alla nostra azione futura
Ed insieme allora ringrazio dal professor Veronesi che anche questa volta
Non ci ha fatto mancare il suo il suo appoggio eh
Con particolare affetto Beppino Englaro il con Englaro sono prassi siamo sentiti molte volte in questi giorni che come sapete la sua posizione identica alla nostra sull'eutanasia però ha voluto comunque farci avere un messaggio molto bello che avrete
Nella cartellina di solidarietà umana innanzitutto ma poi anche politica civile
Dei par dei uno quanti sono mille novecento a tanti parlamentari a cui ho scritto a nome dell'associazione Coscioni
Un paio lì deputate mi dispiace persi appunti persi nomi una sono di di cinque stelle hanno comunicato di ricevere l'invito semplicemente
L'onorevole Galanda sia detto spiacente lui ha firmato anche nel nostro la nostra legge di non poterci essere l'unico che mi ha risposto davvero e
Luigi Zanda che come forse sapete Capogruppo del Pd al Senato
Zanda mia dispnea scritto lettera molto bella in cui
Con franchezza dice
Non parla di eutanasia perché non è il diciamo dalla sua posizione ancora definita su questo però si impegna formalmente e impegna il partito al Senato a fare una battaglia perché si faccia finalmente una legge
Non una pagliacciata come la legge Calabrò che avrebbe fatto dell'Italia l'unico Paese al mondo con il sondino di Stato una legge seria sul testamento biologico
Io sottolineo il fatto che il testamento biologico e poi Tanda sia come ci diciamo una scuola simul stabunt simul cadent cioè non possono essere separate
Perché se non c'è il testamento biologico se avete pazienza di leggere le mie quattro cartellina certo molto sull'Alzheimer sui sui sulle persone anziane che sono stanca di vivere
Per queste persone non ci sarà mai Ottana sia perché non essendo in grado di esprimersi
Quando si ammalano non avendolo Pot
Do dire prima saranno saranno fregati tanto per essere chiari
Poiché vengono allora la seconda notizia qui cominciamo con i numeri
In Italia si sono fatte nei primi anni due mila molte ricerche su come si muore negli ospedali la più qualificata anche perché non ha più estesa è stata quella dell'Istituto Mario Negri
Da cui risultava estrema sintesi poi c'è tutto celato tutti i giornali dell'epoca li ritrovate su internet
Che su trenta mila malati terminali che muoiono ogni anno nel nei reparti di terapia intensiva insomma di rianimazione degli ospedali
Venti mila il sessantadue per cento quindi circa ventimila muoiono con l'aiuto attivo del medico io ho parlato e parlo lo
Insisto a parlare di Ottana sia clandestina allo stato ripreso dal professor Garattini cono comunicato stampa
Io ho grande stima depresso gratifiche tra l'altro ha firmato ha firmato a suo tempo nel due mila otto una nostra petizione per
Il testamento biologico è un'indagine conoscitiva sull'eutanasia clandestina quindi Beton una leggero conflitto auto a queste posizioni ora lui mi ha accusato di lettura di
Di malafede un momento di nervosismo passato visto che ieri mi ha mandato una gentilissima e-mail
Dicendo che non può avvenire augurando buon lavoro
Ecco
Allora siccome io non sono amante delle verità assolute anzi sono uno su una con una Rimini leggo di continuo la lode del dubbio di Bertolt Brecht ho voluto avere una verifica l'ho chiesta Mario Riccio che meglio di due
Meglio Leccio anche qui telefonato il suo è un mese e mezzo che un lavoro su questa cosa però alla fine
Mia
Lascio a lui naturalmente l'intervento per in estrema sintesi mi ha detto che forse non si può parlare in questi casi idiota da sia ma sicuramente si parla si può praticando è finita RAS qui questo è il posto della trasparenza va bene quindi
Noi non vogliamo la clandestinità come non lo volevamo nell'aborto in nessun caso
Perché e nella clandestinità cioè e nel silenzio di quelle stanze di ospedale che si possono te avere quelle delineo Tanassi che di cui si riempiono la bocca i nostri amici teodem
La terza notizia quella che è proprio attinente a questo tavolo è quella che mi turba sempre di più e quella dei suicidi soldati dell'estate non sono dati i miei purtroppo
L'ultima tabella che avete nella cartellina del due mila otto
Ed ci dice che in Italia ogni anno mille malati si suicida no e più di mille circa milleduecento tentano il suicidio che ancora peggio se possibile
Anche in questo caso io ho voluto verificare e l'ho fatto con un amico che oggi è all'estero purtroppo si chiama le stando soli pacca ha collaborato già con la sull'azione Coscioni sulla disabilità
Perché noi non siamo soltanto quelli dello stanno siano siamo crediti fittizi
Qui c'è Filomena Gallo che continua a vincere le cause sulla legge quaranta che non ci occupiamo di tutti i diritti anche l'idea molto dei disabili franata ecco è
Quindi dicevo
E
Questo mio amico che è un grande esperto di questa materia un dirigente dell'Università Cattolica
Mi ha detto dopoché qui lunghi confronti che lui non durerebbe sulla scientificità statistica di questo mio dato che però
Il mio ragionamento è corretto e i miei risultati sono attendibili quindi io considero questo momento mi considero libero di dire e ridire
Che questi sono i dati è assente risalgono e i dieci anni dalla morte di mio fratello allora questi numeri sentite deve farlo veramente paura sono ventimila persone che si sono avvicendate o hanno tentato di suicidarsi
Quando io ho reso nota la morte di Michele con una lettera da Augias
Terminavo dicendo che non Michele mi vergogno di vivere in un Paese che sia costretto a questo ora io dico dobbiamo dire basta definitivamente a questa cosa vera e propria strage degli innocenti
Non ho ancora moltissimo da dire
Se non ecco vorrei fare un piccolo riferimento polemico molto polemico ai tagli agli per agli per quattordici adesso
Perdita
Cito solo due due battute diciamo il professor Luigi D'Agostino presidente dei giuristi cattolici ha scritto sul Corriere della Sera che chi vuole l'eutanasia come noi
In realtà vuole poter eliminare i vecchi indigenti i malati incurabili come i neonati con spina bifida alto che Mengele è questo il modo in cui ci fatta al PIT giuristi cattolici
Poi vi risparmio quello che è successo quando è arrivato al Senato
La hanno Tizio della morte di Eluana il bon buon
Come definire Quagliariello Quagliarello sa Quagliarello si ha urlato è stata ammazzata e
è come un branco di scimmie
I deputati del centrodestra la voce ad urlare assassino assassino alla volta di Beppino Englaro su dell'uomo
Perché devo era conosciuto l'uomo più buono il padre più tenero che io abbia mai conosciuto quindi io ho finito la mia esposizione Marco mi fa un segnale però vi dico subito per ragioni
Concordate col Quirinale
Non posso leggere adesso una lettera molto importante che mi è arrivata questa mattina dal Presidente Napoletano per ragioni di collegamenti orari con l'ufficio stampa quindi lo farò tra alla fine di questa presentazione grazie
Grazie Carlo
Aver citato
Delle valutazioni e delle notizie importanti e una quest'ultima beh vi assicuro che il messaggio che sarà letto da parte del Presidente della Repubblica rivolta Carlo non è un
Un messaggio semplicemente informale di saluto lo vedremo appunto alla fine chiederei a chiara tra Pacini di prendere la parola
Buongiorno a tutti sono
Abbastanza emozionata
Però sono anche contento contenta se si può dire di incontrare altre persone che hanno avuto
Il il grave problema di un suicida vicino parente o un amico
Mi ricordo che la prima cosa che ho pensato dopo i giorni Butti di Mario Monicelli
Come vorrei incontrare al più persone che hanno
Avuto la stessa esperienza perché
Il suicidio davvero un tabù e come tutti i tabù
Genera
Fu come bambini no il tabù generano paura ancora più grandi di quanto sia
La realtà
Orribile che è accaduta invece la condivisione di una di una tragedia aiuta per me è stato così conoscendo incredibilmente per la prima volta Francesco Lizzani
Perché Carlo Lizzani era un grandissimo amico di Mario
E poiché oggi riconosce conoscere Mina Welby la moglie di consoni di vedere Luciana anche conosco però in televisione di stare accanto a Carlo che ha avuto
Un malato meno noto
Dei nostri ma
Altrettanto anzi come lui lo descrive un modo così Calvino quando parla di suo fratello avrei voluto conoscerlo dunque come prima cosa perché penso che dobbiamo essere tutti un po'prendi
Non abbiamo paura delle tavole parole la nostra società italiana soprattutto quella
Meno laica io sono una non credente Mario era non credente
A il terrore del della del dire la prende la parola molte
Che occupandomi di bambini sono una laureata in pedagogia autrice di libri per bambini
La morte non è insegnata ai bambini non se ne parla perché poverini non mettiamogli questi problemi fin da piccoli e invece bisogna metterle lo non come problemi
Ma come morte parte della vita non parliamo del suicidio che
Mi piace molto quello che dice Umberto Veronesi eccolo nove di conoscere un mio amico quando Umberto dice morire un la vivere è un diritto ma non un dovere l'ha detto in due parole non è un dovere quando uno soprattutto anziano il caso di Mario e di un novantasei n
Un centenario l'unico credo al mondo ma ora lo dico io che si ammazza cento anni paga cento anni non sia la forza fisica di farlo dunque non è un dovere
E però come prima cosa dico grazie a tutti gli amici che sono qui con me perché io mi sento
Bella mal messa stamattina come l'altro giorno a Repubblica nella tavola rotonda ma molto più sollevata di quando ero sola con questo peso terribile che ci grava addosso
Grazie a chiara era Faccini intanto voglio anche salutare la presenza in sala oltre ai radicali Mirella Paracchini Marco Perduca
Ne
Saluteremo altri intanto
Non sono mica ma Carla welfare nell'acqua che Francesco Jodice
Che è stato l'ideatore del dello spettacolo c'è anche qui l'attore Emanuele Vezzoli
Di teatrale di rappresentazione proprio del caso Welby ci arriveremo tra poco saluto anche Giampietro Sestini di libera uscita la parola ora a Francesco Lizzani
Figlio di Carlo Lizzani che dopo lo voglio ricordare anche iscritto alla
Era iscritto alla Associazione Luca Coscioni come no
E anch'io sono qui per dare delle notizie comincerò con tre notizie la prima e che in Italia nei tribunali della Repubblica sono esposti i crocifissi è una notizia perché nessuno se ne stupisce
Forse una notizia anche il fatto che viviamo in un Paese che
A un
Regime concordatario di rilievo addirittura costituzionale
Mi sembra
Una cosa sorprendente ma
Anche lì questo poche ormai si stupiscono
Viviamo in un Paese dove nei moduli di iscrizione
All'ora di religione che un'ora fondamentale nella formazione culturale di un cittadino
Europeo
Però troviamo scritto ora di religione cattolica
Come se esistesse una religione cattolica
è una notizia io sapevo che esista una religione cristiana che esistono grandi confessioni non ho mai sentito parlare di religione calvinista
è una notizia
Ma nessuno si stupisce
Come mai nessuno si stupisce piccole minoranze
E perché
Mi lascio prendere da un piccolo vizio come dire professionale facendo anche il docente di storia perché evidentemente abbiamo un certo tipo di storia
E il diciamo il dato fondamentale di questa storia e che in Italia la classe dirigente laica
Sostanzialmente il ruolo storico della borghesia arrestato profondamente deficitario il Paese che ha inventato la borghesia che la classe sociale che ha inventato i diritti umani i cosiddetti diritti umani
Un altro paradosso a proposito di centrodestra di destra abbiamo avuto nella nostra storia
La Destra storica voglio dire che si chiamava
O è stata chiamata così dal punto di vista storiografico e
Una destra non so in cui
Gli esponenti erano notoriamente anche
Molto oggi l'IVA richiameremo anche cattolici integralisti un Bettino Ricasoli per esempio eppure in quel breve periodo la storia italiana non c'erano i crocifissi e tribunali
Non c'era un concordato non c'era ovviamente
L'ora di religione cattolica come oggi
E allora questo deficit storico ha evidentemente una una grande una grande una grande importanza il paradosso ulteriore che se dovessimo citare nella storia del Novecento italiano che sono i massimi politici
Che hanno fatto
Che hanno svolto il ruolo per per forza egemoniche evidentemente di classe dirigente laica dovremmo citare i nomi come
Non Sturzo
Come Alcide De Gasperi perfino Amintore Fanfani cioè cattolici che hanno speso la loro
Convinzione la loro legittima volontà di spendere nell'arena politica le loro idee
Non nascondendosi dietro lettone che della Curia anzi a volte
Frenando le hanno svolto un ruolo di classe dirigente laica straordinario non è poi nemmeno un caso che in un altro breve periodo dalla storia italiana
A tra gli anni Sessanta gli anni Settanta appunto noi ricordiamo le grandi conquiste dei diritti civili perché la democrazia destinare avuto questo questo ruolo di mantenere come dire
L'Italia in una atti a
Di garantire all'Italia il minimo sindacale per così dire
Delle
Di di queste questioni il meno Serafini dalla Democrazia Cristiana finito quel grande contenitore siamo purtroppo derivati nel mondo in cui nel Senato della Repubblica l'invito contro
Un padre pietoso
Siamo nel Paese in cui è stata negata la seppellito dura cristiana
Dire no nemmeno cattolica cristiana in questo caso e quindi il ruolo di Creonte l'ha fatto
Il le
Come dire in quel caso chi
Chi
Incarna
Per così dire il ruolo della religione ecco in questo Paese così
E sui generis che
Adesso non non è il caso qui di fare ovviamente una lezione di storia ma insomma credo di aver dato delle delle
Un punto però di attualità lo metterei pure perché adesso questo nuovo fenomeno di questa sorta di
Alfani si del papato è interamente curioso cioè è un'altra di quelle rivoluzioni dall'alto della storia italiana cioè anche questo misura il deficit incredibile di questa
Di questo vuoto
è
Che non potevano riempire i poveri Gobetti Rosselli di Parri i la Malfa cioè quelli che o sono stati assassinati dovevano al tre per cento no
Chi l'avrebbe dovuto riempire
Un'altra grande chiesa
La Chiesa comunista che però diciamoci anche regalato l'articolo sette del concordato
E poi
E qui manca la
Mancano come dire pre politico il discorso mancano le categorie culturali non c'è la distinzione la decide la cultura generale distinzione cristianesimo cattolicesimo
E purtroppo non è che una
Perché se si intervistano uomo della strada chiaro
Probabilmente non
Cioè l'italiano catechizzato medio quello
Christine cattolico al battesimo al al matrimonio al funerale diciamo l'uno lo ha capito non lo sa il problema è che non lo sanno perfino
I nostri
Come dire di portavoce del spesso non voglio fare nomi ma insomma
Del
Del così detto mondo laico ecco quando mancano i fondamentali cioè quando manca il codice genetico poi il lavoro di risalita della china
è durissimo e ed è il motivo per cui io sono qui per fra
Motivi non personali per motivi politici ovviamente so che evidentemente come è stato detto la nostra presenza a un ruolo forse anche di traino
Che ma
Insomma
Forse per concludere con una
Battuta di
Di Snoopy che
Va
Iscritta negli annali se una cosa vale la pena di essere fatta vale la pena di essere fatta bene grazie
Grazie a Francesco Lizzani
Mario Ricci
Buongiorno grazie grazie cavallo di invitato
Il mio ruolo oggi è tecnico mie parole saranno tecniche o anche un po'fredde fosse
Non parole caldo emotive come Corte abbiamo sentito che sentiremo ancora
Caro meditato prometto devi stare in dieci minuti al notaio contattato dodici minuti
I qual è il mio compito come anestesista animatore parlare
Di quello che avviene nelle terapie intensive italiane non riuscendo vivamente poterlo fare in dodici minuti nella cartellina stampa per chi sarà in sé perché interessato ho preparato invece un documento anche molto ampio spero non noioso
Quindi sarei anche a disposizione se chi vota approfondire questo aspetto i numeri beh premetto che io sono uno dei depositari della legge sullo Tasia siamo andati insieme in Cassazione
Ma ripeto non è questo il mio ruolo di oggi non è quello di ricordare la mia posizione su questo argomento
Che succede in terapia intensiva
Il lavoro la già stato appunto calano è un lavoro del due mila e sette è un lavoro datato ero di co proprio tecnicamente datato però purtroppo questo lavoro è stato più dito posto e questo io penso che sia grave manchevolezza perché
Dati nuovi sarebbe Fazio sicuramente interessanti
E il lavoro del Mario Negri
I pazienti in terapia intensiva che muoiono
Sono trenta mila all'anno su centocinquanta mila pazienti ricoverati Damiani tratte intensiva totalità molto bassa terapia intensiva italiane molto più basso le terapie intensive in tanti Paesi
Stati Uniti o no d'Europa
Di questi trenta mila paziente pazienti sessantadue per cento laddove toccata lo muoiono in seguito alla decisione clinica di non iniziale interrompere o ridurre un trattamento sanitario
Ovviamente e questo il punto che ha fatto tanto da avviare probabilmente anche inizialmente professor Garattini e non solo anche illustri rianimatore italiani questa non è eutanasia
Però è la situazione estremamente critica la situazione un po'grigia un po'imbarazzante vi spiego perché il novanta per cento dei pazienti che entra in terapia intensiva
Quando Vieri quanta più intensiva non è più capace di intendere e volere e già non più capace intendere e volere
Quindi sono persone che non possono esprimono la loro volontà
Di questi
Novanta
Per cento di pazienti che non sono capace intendere e volere non competente come si dice in termine anglosassone
E una minoranza ridottissima quelli che hanno Espresso in maniera chiara per iscritto e hanno nominato un decisore sostitutivo cioè la persona che può prendere pienamente in mano le volontà del paziente
Di questi trenta mila pazienti che muoiono e di questo percentuali pazienti che muore in seguito e cioè di interrompendo iniziare o ridurre una terapia in in rianimazione
C'è una larga fetta di pazienti che sono destinati irrimediabilmente rapidamente a morte
Sono pazienti dove eventuali terapie non avrebbero comunque alcun effetto in questo caso molto facile che abbastanza diciamo lieve per i medici e per i i parenti decidere ovviamente di accelerare il l'iter che riporta la morte
Piccola digressione sui parenti ne parliamo sempre di parenti ma non sono sempre i parenti un un insieme unico e concorde su decisione da prendere sullo pazienti sullo congiunto
Esiste invece una percentuale importante di pazienti le cui terapie intensive le cui ma nove animatori e le cui
Trattamenti sanitari in terapia intensiva potrebbero stabilizzare che il paziente e non Guarriello ovviamente ma codici Zanello
L'esempio più classico è l'esempio che riporta al caso Englaro
Beppino Englaro chiese subito è per sua figlia sono sicuro che Beppino mi permetterà di usare questo esempio perché penso di portarlo correttamente
Beppino Englaro richiese subito alla figlia Allai dai animatori di dello detti lecco all'ospedale di lecco
Di
Non praticare ulteriore terapia
Perché riteneva di essere
Suo decisore sostitutivo
Ecco e lì invece in acque dei problemi perché cosa dissero i sanitari l'ospedale di lecco dicevo lei non è titolato a rappresentare la volontà di sua figlia quindi prima dovrà essere tutt'ora in poi quando il tutore
Può tornare da noi ne possiamo parlare diciassette anni ci ha messo Beppino Englaro di cui undici per essere nominato tutore è soltanto sei
è soltanto sei se così possiamo dire per poter vedere riconosciuto la volontà di sua figlia che l'UE ha testimoniato ed è questa la zona grigia ed è questa la zona imbarazzante e vado anche a chiudere
E perché in verità i parenti non sono tout-court non sono di fatto in automatico i decisori sostitutivi di un lodo congiunto che ha perso le capacità di intendere e volere ovviamente
E i medici sono tenuti a quello che si chiama posizione di garanzia nel senso che non necessariamente possono
Interrompere le terapie specialmente sui pazienti ripeto il cui destino non è immediatamente quello di arrivare a morte e mi rifaccio ovviamente al caso Englaro
Due considerazioni tecniche in questo spazio sarebbe non dico utile ma necessario che cosa
Una legge vera e ne abbiamo ed è stato già citato anche autorevolmente
Sulla fine vita cioè una legge che permetta le direttive anticipate dove i pazienti potrebbero pianificare la loro volontà
Non certo ovviamente quello che è stato il famigerato decreto Calabrò che di fatto al di là di quelle sono le considerazioni che sono state fatte
In pratica obbligava comunque il medico ad andare contro la volontà del paziente perché obbligava comunque a non è esimersi da alcuna manovra
Che potesse permetterà sopravvivenza del paziente e quindi di fatto
Non era certo l'elemento che poteva senso tirassero di lire e purtroppo su questo discorso
è un discorso sempre più in aumento le patologie croniche degenerative né a palate all'inizio Carlo sono sempre non mento quindi pazienti e comunque hanno una prospettiva purtroppo di
Vedere nel tempo ridotta e poi scomparire allo capacità di intendere il volo volere
Purtroppo ripeto la la la la la la chi sarebbe insomma
Smobilizzo di coobbligato dire quasi a approfondire questi aspetti cioè la classe medica
E anche le società diciamo scientifiche su questo aspetto preferiscono mantenere come capita è stato già detto poco fa nel nostro Paese
Mantenere diciamo un certo riserbo e cercare di affrontare commento perché penso che in buona fede e temono che affrontano possa portare addirittura un peggioramento della situazione grazie
Grazie
A Mario Riccio
Fra poco
Lettura credo che il messaggio del Presidente della Repubblica intanto mila guai
Sì grazie buongiorno a tutti grazie Carlo pedate organizzato questa conferenza stampa che molto importante
E io cerco né elementi di
Abbassare la mia emotività e voglio dire delle cose che mi premo da veramente profondamente già da quando Piergiorgio era ancora vivo
Era Luigi alla fine di novembre del due mila e sei ha voluto
E ha chiesto
Una indagine conoscitiva sull'eutanasia clandestino in Italia cioè come muoiono le persone negli ospedali e nelle case
è stato il primo firmatario abbiamo raccolto in due mesi moltissime firme mi sembra che erano quasi trenta mila
Ma il Parlamento non bolliva fare questa indagine
Comunque
Noi
Come il anche Piergiorgio voleva già in vita abbiamo presentato la proposta di legge di iniziativa popolare per l'eutanasia e
Legale che venga legalizzato qualsiasi tipo di morte uno scelga
Anche la
Il rifiuto dei trattamenti sanitari
Dove il medico come dottor Riccio è stato anche
Poi
Incolpato di suicidio thriller dell'omicidio del consenziente
Quindi anche questo dovrebbe essere contemplato in questa legge perché l'articolo cinquecentosettantanove in colpirebbe qualsiasi medico
Loro
Facesse desistenza terapeutica
Per un malato che chiede di essere sedato e lasciato morire perché ha una malattia come da slava olio distrofia muscolare e non vuole più continuare potrebbe essere
Appunto giudicato come un comicità del consenziente
Questo dovrebbe togliere la legge e poi naturalmente testamento biologico importantissimo dove le persone possono già scegliere
Per il momento che non sono più capaci di intendere e di volere e di poter scegliere per sé stessi come sedi curati
Per togliere questi incombenza alla propria famiglia
Perché un medico anche se adesso non abbiamo ancora una legge ma io credo che e sfiderei ogni medico che non sarebbe contento di sapere come il
Cittadine vuole essere curato
Io poiché e naturalmente c'è il la possibilità
Dove il medico e questa è una zona grigia molto vasta in Italia
Dove sono medici che alla fine dopo cure palliative lunghe
E protratte alla fine aumentano il dosaggio della morfina e aiutano il malato al morire
Anticipatamente perché le sofferenze sono terribili e questo dovrebbe essere scritta però in cartella e nella comunicazione alla fine della mostarda della vita di questa persona
Che e
Sì auto denuncino i medici e che in questa maniera potrebbero veramente aiutare il Parlamento a legiferare chiaramente a togliere la zona grigia almeno io lo vedo così non so un medico lo direbbe diversamente
Io ricordo e qui anche tutti quei malati
Che si sono rivolti a me malati di Isla che hanno chiesto il proprio medico disse darli e staccare
Il perdere ispiratore come l'aveva avuto Piergiorgio io ho chiesto vogliamo fare una battaglia pubblica come l'abbiamo fatto con Piergiorgio
I miei familiari non sono pronti per questo io non voglio infierire su di loro
Tanti di questi malati sono ancora vivi e ancora protraggono la sofferenza e non so fino a quando avranno la
Possibilità qualcuno è stato il più fortunato il perché ha avuto
Un collasso renale
E naturalmente lì il medico ha deciso insieme al paziente di non fare lavaggio dei reni
Cioè la dialisi è il malato ha potuto poi essere accompagnato con cure palliative a una dolce morte però per i parenti è stato veramente una cosa molto di più lunga e difficile
Io ricordo e qui anche Giovanni ruoli che per non aveva avuto la stessa
Terapia palliativa come lo ha somministrato dottor Riccio che in quaranta minuti Piergiorgio e si è addormentato e non si è svegliato più
Giovanni ruoli ha dovuto
A decidere per non essere più alimentato e in questa maniera e molto nella mente di fame di sete dopo dieci giorni queste cose non si devono ripetere è un medico deve veramente prendere in considerazione che
Morire di fame di sete o non avere l'aria che Lomu mantiene in vita credo che non sia una
Cosa molto molto differente
E sia la cosa giusta agli aiutare malato a decidere fitti after minare la sofferenza
Grazie
Grazie a Mina Welby
Quando Piero Welby rese pubblico
Il suo messaggio al Presidente della Repubblica Napolitano
Lo fece attraverso una conferenza stampa che organizzammo
Alla Camera dei deputati
Non c'era nessuno a quella conferenza stampa c'erano
Entro un paio di giornalisti uscì mezza agenzia
E
Io
Ricordo che ero sconvolto da questo perché va bene o formazione non parla del tema iniziative c'è il però era qualcosa che
Trovavo
Anche giornalisticamente un messaggio
Dirompente di una persona in quelle condizioni che lanciava una lettera e dei contenuti
Di quella profondità di quella bellezza anche a volte che di quella importanza
Se noi se Piergiorgio Welby è diventato diciamo è stato tolto dalla clandestinità radicale è diventato personali e fatto e lotta nota a
Decine di milioni di persone ma anche poi si NM Al Jazeera eccetera beh questo accade per merito anche
Oltre che dei suoi compagni
Di una risposta che ricevette se la risposta fu quella
Del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano proprio per questo e con questo ricordo che ridò la parola a Carlo tra
Grazie Marco
Io mi prendo solo un minuto prima perché avendo Persoglio puntello dimenticato un paio di cose non solo velocissimo allora intanto visto che siamo su Radio radicale io mi rivolgo a tutti i familiari che ci saranno sicuramente molti ascoltando sono sono tanti come mi serve sentito
Di due persone che hanno avuto un suicidio in casa perché si facciano vivi con noi
Ci contatti non ci mandino una storia del la loro vicenda insomma ci diano una mano accrescere su questa tematica
Che poi mi piacerebbe anche rivolgere un invito ai I tuoi colleghi Mario Riccio perché se invece di brontolare che trovi lo dice le bugie ce ne facciamo un seminario pubblico di olio non l'ho già detto sono disponibili
Ecco l'avevo dimenticato una cosa importantissima per i giornalisti dice io ho dato quei dati
Sull'eutanasia clandestina e sui suicidi cioè secondo me c'è in corso una manovra ora lo faccio come
Come diceva Andreotti a pensar male si fa peccato non si sbaglia quasi mai
Ora non è possibile dal due mila sette quando quello e quell'indagine c'era una al G all'anno minimo non siano mai più stata un'indagine
Su come si vuole negli ospedali come mai
Secondo questo Paese clamoroso di lettura perché su quello io l'ho avuto poca parta sulle sull'ecco che ebbe quel rapporto del Negri ma invece avuto molta parte su perché io ho scoperto fugando
Dai dati dell'Istat quei dati terribili sui suicidi e gli ho fatto molto casino veramente motto tutti i giornali che sono riusciti a raggiungere
Il risultato qual è stato risultato è stato che è quella tabella del due mila otto perché dal due mila nove guarda caso so l'Istat ha deciso di cambiare a
La fonte delle informazioni che prima erano una fonte giudiziaria cioè
I carabinieri e poliziotti che vanno sul luogo e riferisco
A fonte sanitaria non meglio identificata
E soprattutto hanno tolto la voce dei moventi dei suicidi
Quindi noi abbiamo
Una cosa del tutto inutile possiamo sapere quante donne quanti uomini in quanti del nord e quanti del sud quanti vecchie quanti
Bambini ma non possiamo sapere il movente non possiamo capire per quale motivo quelle persone si sono suicidati e quindi non possiamo neanche volendo aiutarli aiutare a rimuovere o diminuire le causa di questo orribile fenomeno
Vengo al messaggio del Presidente mio fratello Nicola che qui
Qui e qui in sala l'autore di un libro o molto bello che si chiama storia della Brigata Maiella brigata mela erano formazione partigiana di mio padre
Un'importantissima l'unica decorato di Medaglia d'Oro in Italia è per questo motivo per motivi diciamo resistenziale abbiamo avuto due volte l'opportunità di incontrare il Presidente Napolitano forse
Il il mio nome Diaco suonato per questo meno credo perché Napolitano aveva aveva già come Marco ricordato preso posizione all'epoca di Web adesso ha voluto ribadirla con questa lettera breve ma molto significativa che vi leggo caro Troilo
Magari emesso gli occhiali fare finta rivederci caro trovi lo la ringrazio per avermi dato notizia dell'iniziativa programmata per il diciotto marzo nell'anniversario della teste data del suicidio di suo fratello Michele
E sento profondamente la drammaticità del travaglio che hanno vissuto altri partecipanti alla conferenza stampa per le disperate vicende dei loro cari
Drammatici nella loro Obiettivo eloquenza sono d'altronde i dati resi noti da diversi istituti che seguono il fenomeno della condizione estrema di migliaia di malati terminali in Italia
Ritengo anch'io che il Parlamento non dovrebbe ignorare il problema delle scelte di fine vita ed eludere virgolette quello che scrisse Welby un sereno e approfondito confronto di idee su questa materia
Richiamerò su tale esigenza anche attraverso la diffusione di questa mia lettera l'attenzione del Parlamento convive con vitalità Giorgio Napolitano
Razze a Carlo trovato e nel dare la parola ai giornalisti presenti e per le domande do anche
Un appuntamento
Che riguarda direttamente questo ci sono venticinque proposte di legge d'iniziativa popolare su cui sono state sulle quali sono state raccolte
Firma di almeno cinquanta mila cittadini italiani
In attesa di essere discusse dal Parlamento o meglio le firme stanno marciando nei corridoi o del Senato o delle Camere
Domani mattina dalle nove e trenta terremo un convegno di approfondimento su questo punto che non riguarda solo
Il merito dell'eutanasia legale ma
Dell'iniziativa popolare dell'articolo della Costituzione che prevede
Che il popolo esercita l'iniziativa delle leggi di tutta evidenza la Costituzione non intendeva che il popolo comprendere
Dei macigni di carta con le firme e depositarli in uno scantinato ma può esercitare l'iniziativa delle leggi saremmo domani con i relatori parlamentari che stanno discutendo della modifica
Del regolamento della Camera dei deputati e con
Accademici e scienziati del diritto a discutere assieme in via Della Mercede cinquantacinque alla Camera dei deputati
Su un Parlamento che finalmente rispetti di iniziativa popolare il popolo e che rispetti anche se stesso rispetto alle proprie
Relativamente alle proprie prerogative voglio ripetere la frase del Presidente della Repubblica ritengo anch'io
Che il Parlamento non dovrebbe ignorare il problema delle scelte di fine vita eludere un sereno e approfondito confronto di idee su questa materia richiamerò su tale esigenza
Anche attraverso la diffusione di questa mia lettera l'attenzione
Del parlamento quindi questa lettera Carlo la sua iniziativa sono il tramite di un richiamo formale ed ufficiale del Presidente della Repubblica al Parlamento affinché
Non eludere il temi
Il tema del fine vita
Ci sono domande
Voglio
Aggiungere chiudendo che Carlo a
Per annunciato all'inizio una sua iniziativa non violenta di DC VD digiuno ovviamente non è un'iniziativa a oltranza con l'illusione che adesso nel col passare dei giorni il Parlamento farà eh
Un'azione molto seria di dialogo che si trova oggi rafforzata da questa risposta credo che insieme a Carlo troveremmo
Di queste ore le forme
Per
Accompagnare esso è sostenere questa iniziativa non violenta per noi è un inizio
Abbiamo accompagnato in Svizzera come sapete concrete rischiando quindi di
Violare la legge una persona che non aveva nessun ad accompagnarla per ottenere l'eutanasia anche questo è illegale
Per la nostra legge accompagnare una persona abbiamo e continuiamo a chiedere
Che le singole persone che hanno vissuto che vivono drammi o tragedie come quelle che sono raccontate raccontate oggi qui al tavolo
Non
Né consumino la memoria come fatto privato ma la rendano
Materia risorsa per l'iniziativa pubblica politica come Lizzani a appena ricordato non è non sono questi fatti privati il motto dell'Associazione Luca Coscioni eh
Dal corpo dei malati al cuore della politica
Grazie a Carlo grazie a voi innanzitutto credo che oggi abbiamo fatto un passo avanti importante grazie a tutti