17MAR2014
rubriche

Notiziario Antiproibizionista

RUBRICA | di Roberto Spagnoli RADIO - 13:00. Durata: 56 min 21 sec

Player
Dopo la sentenza della Corte costituzionale che ha dichiarato illegittima la legge Fini-Giovanardi, il Consiglio dei ministri ha presentato un decreto legge per aggiornare le tabelle delle sostanze.

Il timore che le norme abrogate dalla Consulta siano reintrodotte surrettiziamente dal Governo.

Le opinioni di Rita Bernardini, segretaria di Radicali Italiani, Luigi Manconi, senatore del Pd, Franco Corleone, coordinatore dei garanti territoriali dei diritti dei detenuti.

Il Dipartimento antidroga pubblica dati incompleti e carenti sulla situazione italiana: l'analisi della professoressa Carla Rossi.
13:00

Scheda a cura di

Valentina Pietrosanti
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Non è di diciassette marzo del due mila quattordici un saluto da Roberto Spagnoli bentrovati all'ascolto del notiziario antiproibizionista di Radio Radicale
Oggi parleremo del decretolegge presentato dal Governo l'venerdì scorso dal Ministro della salute Lorenzin decreto legge è intervenuto dopo la sentenza della Corte Costituzionale che ha abrogato la legge Fini-Giovanardi decreto legge che in qualche modo ripristina le tabelle contenute in quella legge le tabelle delle sostanze
Che erano state abrogate insieme alla alla alla legge
Ne abbiamo parlato diffusamente sabato mantiene una radio radicale in una trasmissione con conduzione poi e torneremo appunto anche su alcune cose che abbiamo raccolto commenta erano raccolto sabato mattina
Mara faremo anche un po'un punto della situazione è un punto della situazione anche sui dati che riguardano la politica delle droghe nel nostro Paese
Dati diffusi in questi anni anche pochi giorni fa dal Dipartimento per le politiche antidroga dati che però ha un'attenta analisi risultano molto spesso incompleti carenti qualche volta anche
Nonna non omogenea insomma di questo ne faremo proprio una un'analisi approfondita qui con
La professoressa Carla Rossi nella seconda parte di questa puntata del notiziario antiproibizionista
Dunque venerdì scorso il Ministro della salute Beatrice Lorenzin
Ha presentato il decreto il decreto legge con cui il Consiglio dei ministri ha deciso di intervenire sulla sulla normativa in materia di droghe era normativa italiana
Dopo la sentenza dello scorso dodici febbraio con cui come come ricorderete la Corte costituzionale ha dichiarato illegittima la legge Fini-Giovanardi
In base alle voci che si erano diffuse così alla vigilia c'era forte il timore che il Governo
Volesse ripristinare in toto la la legge con la motivazione che abbiamo sentito ripetere in queste settimane
Una motivazione assai discutibile che la Corte ha abrogato la legge a causa delle modalità con cui fu approvato il decreto legge del due mila e cinque
Le modalità con cui poi fu approvato quel decreto legge in Parlamento e non per il contenuto della normativa
La motivazione discutibile ma comunque poi in realtà così non è stato insomma venerdì il ministra presentato acque
Il decreto il Governo ha ripristinato le tabelle delle sostanze vietate che erano decaduti in seguito alla sentenza dalla Consulta
La decisione infatti la l'uccisione dei giudici ha fatto rivivere la regia ruolino Vassalli e con essa dunque le tabelle che erano stati non erano state più aggiornate dal due mila e sei da quando è entrata
In vigore la Fini-Giovanardi insomma si tratterebbe di un semplice atto amministrativo determinato dall'urgenza di reintrodurre
Nelle tabelle come ha detto il ministro le circa cinquecento nuove droghe sostanze sintetiche uscite dall'alveo della codificazione
Che avvenuta nell'aggiornamento delle tabelle dal due mila sei ad oggi
E poi le questioni penali in tema di droga ha spiegato ancora il ministro saranno affrontate più avanti dal Parlamento ma sentiamo appunto questa parte della conferenza stampa tenuta venerdì dopo il Consiglio dei Ministri dal
Ministro Beatrice Lorenzi
Buongiorno a tutti
Oggi abbiamo approvato un decreto legge del Ministero della salute che riguarda
Due Asperti due questioni diverse ma importanti la prima ci tengo particolarmente e a dirlo anche perché ho visto alcune preoccupazioni e cioè quella che riguarda la prima parte di questo decreto che riguarda
Il la materia di stupefacenti per favorire l'utilizzo di medicinali mette ad altri per lo Stato è una norma che ci fa ora ci tengo particolarmente a dirlo che interviene sugli aspetti amministrativi e quindi non sugli aspetti penali
Conseguenti alla sentenza della Corte costituzionale che ha creato delle diciamo dal punto di vista proprio amministrativo con l'acca
Con la caducazione di tutte le tabelle ha creato un vuoto normativo che ha prodotto un'emergenza in questa ultima dispense ti Magliana motivo per il quale siamo dovuti intervenire
Con un atto di di urgenza per poter ripristinare alcune tabelle infatti noi avevamo che con la caducazione delle tabelle precedenti circa cinquecento nuove droghe sostanze sintetiche
Erano diciamo uscite dall'alveo della codificazione che è avvenuta nell'aggiornamento delle tabelle dal due mila sei ad oggi quindi cita quel modo molto particolare a definire che ne siamo intervenuti semplicemente per ripristinare le tabelle dal punto di vista
Amministrativo non soltanto per la questione degli stupefacenti ma anche per la questione dei farmaci infatti avevamo si era questo creata una situazione di vacatio per cui
Per esempio non si riusciva ai sensi creavano delle particolari complessità per la prescrizione della terapia del dolore che come sapete è stata una conquista molto forte degli ultimi decenni infatti erano state se diciamo stabilite delle prezzo sì ogni semplificate per i medicinali per la pelle la terapia del dolore che erano venute meno così come per quanto riguarda le terapie sostitutive del farmacista o così come per i trattamenti
Di alcuni inedite di alcune particolari patologie che necessitano di sostanze che non sono state nel tempo autorizzate quindi siamo intervenuti in in questo modo
Il oggi indici gli anni e quindi interviene soltanto lo lo ribadisco ed esclusivamente al ripristino delle tabelle riferite alla disciplina amministrativa per ciò che concerne invece le disposizioni penali e per una rimeditazione della configurazione dei reati a cui è chiamato il Parlamento dopo la sentenza della Corte costituzionale rinviamo nell'arco dei sessanta giorni del decreto
Della della fase di attuazione ad un approfondimento che avverrà sia in sede interministeriale e quindi coinvolgendo il gli altri Ministeri che non sono qui presenti e sia in sede parlamentare
Quindi lo ribadisco perché ho visto che c'è stata un po'di confusione su questo termine non incidiamo sulla parte penale dopo la sentenza della Corte lo rinviamo questo ad un ulteriore approfondimento avverrà
Nei tempi congrui anche perché è una questione delicata
Che necessita di un approfondimento e che sicuramente non si può fare sull'onda dell'emergenza ma invece qui siamo andati a garantire l'accesso a farmaci e anche la disciplina
Come illegali di sostanze che altrimenti sarebbero diventate legali sul nostro territorio
Ecco così dunque il ministro alla Salute Beatrice Lorenzin insomma il Consiglio dei Ministri ha deciso soltanto il ripristino delle tabelle tutto bene dunque insomma mica tanto
Perché di un intervento legislativo c'era probabilmente c'è probabilmente bisogno insomma da una questione che è stata chiara praticamente subito non appena è stata resa nota la decisione dei giudici
Di costituzionali la sentenza infatti pone il problema del trattamento sanzionatorio per la detenzione di ieri quantità
Di droghe e tra l'altro c'è anche il problema del decreto carceri della l'ex ministro Cancellieri che nel frattempo è stato convertito in legge dunque ovviamente questo provvedimento
Che non è stato toccato dalla sentenza ma che prevede un trattamento uguale per sostanze diversa perché era stato pensato il decreto sulla base della legislazione precedente la Fini-Giovanardi
E poi c'è anche il problema di una pena eccessivamente alta per la detenzione di cannabis o un altro intervento dovrebbe riguardare anche le condanne definitive emesse sulla base delle pene previste dalla Fini-Giovanardi e qui come anche il PIL si evince dalla massimario della Cassazione
In una una relativa alle relazione annessa un dossier lavorato l'Ufficio studi della camion della Camera sulla sentenza la Consulta ci sono due scuole di di pensiero ne avevamo anche parlato
Da Radio Radicale e dà notizia antiproibizionista facendomi sentire anche le opinioni
I vari giuristi di Asperti insomma ci sono due scuole di pensiero tra chi pensa che le sentenze già definitive possono essere riviste altre che invece dicono che non è possibile quindi da questo punto di vista il problema sicuramente c'è
Però ecco ci si domanda che bisogno c'era di un intervento urgente sulle tabelle
Perché se c'è il problema di inserire queste cinquecento nuove sostanze che sarebbero risultate escluse dalla se dalla sentenza che a causa della sentenza la Corte ricadere costituzionale
Allora a questo punto non sarebbe stato sufficiente aggiornare le sei tabelle previste dalla legge Jervolino Vassalli con un decreto del Ministro della sanità come
Di concerto col Ministro della Giustizia con l'Istituto superiore di sanità con il Consiglio superiore di sanità insomma secondo le modalità previste dalla legge Jervolino Vassalli
Perché reintrodurre le due tabelle della della Fini-Giovanardi la sentenza è del dodici febbraio e dunque c'era abbastanza tempo pensiamo per gli esperti del ministero per
Rimodulare le sei tabelle anziché a riproporre seppur riviste le due tabelle della fini della Fini-Giovanardi ecco
Di questo si sa ovviamente si discute ne abbiamo parlato sabato mattina da Radio Radicale una trasmissione con anche poi con le voci degli ascoltatori condotta Emilia Targia sentiamo l'opinione di
Rita Bernardini la segretaria di radicali italiani che tra l'altro ricordiamo sta
Proseguendo il Satyagraha l'iniziativa non violenta promosso dei radicali in vista del ventisette maggio quindi quando andrà in esecuzione
La sentenza della Corte europea dei diritti un dell'uomo che chiede il rientro delle carceri italiane nella legalità è sanno può nel nostro Paese di fronte ha grossi problemi di risarcimenti
Le due questioni come ha spiegato anche Rita Bernardini sono strettamente legate tra l'altro Rita Bernardini insieme
Hai rimettesse al diciottesimo giorno di sciopero della fame ma sentiamo appunto la segretaria di radicali italiani
Il problema della droga della tossicodipendenza
è quello che attraverso la legge Fini-Giovanardi ha riempito le nostre gallerie quindi siamo in tema
E appunto senza fare distinzione per esempio fra lo spaccio di sostanze stupefacenti pesanti come
L'eroina o la cocaina e quelle leggere come l'hashish e la marijuana quindi parliamo anche del Satyagraha
Ma io credo che almeno da quello che riportano alcuni giornali la la posizione della
Ministra della giusti della vanità Lorenzin
Figlia cambiata poi non so se nel corso del
Consiglio dei ministri o nel corso della nottata
Fatto sta però che noi ci ritroviamo se sono giuste le tabelle che io ho o perché io ho delle tabelle dove
Che accompagnavano il decreto proposto dalla ministra Lorenzini nel dove la marijuana si trova nella tabella numero uno lasci esce dei suoi derivati eccetera la tabella numero uno assieme a cocaina rovina nei tutte le altre e sostanze stupefacenti
Allora che poi finì che ha
Questo non incide perché non interveniamo sulle pene
Per me e detta comunque una grande preoccupazione
Le intenzioni d'altra parte della ministra sono state sempre chiare insomma
La voce di Giovanardi da questo punto di vista che infatti ha insultato appena visto le tabelle
E dicendo appunto che non può essere fatta distinzione fra le sostanze stupefacenti leggere quelle pesanti
è io dico che questo è il modo peggiore di rispondere ad una sentenza importante che purtroppo
è arrivata con troppi anni di ritardo
Quella della Corte Costituzionale che ha cancellato la legge screening Giovanardi
Riportando il tutto alla legge Jervolino passarli così come modificata dal reference radicale
E cioè prevedendo la non punibilità per i consumatori e di sostanze stupefacenti tutt'altre pene del re irrompere ed eroina e cocaina e altri l'ottanta per tanti la marijuana
Quindi è vero che una cosa importante
Che vada fatta e riguarda la cannabis terapeutica e le altre sostanze e che possono
Aiutare e che possono curare alcune
Malattie
Però anche qui voglio dire quell'età è una cosa urgentissima
Perché nonostante le leggi regionali che sono state approvate e l'ultima quella dell'Abruzzo
In Italia sono pochissimi ma veramente pochissimi si pazienti che possono accedere a questo tipo di lana ci sono delle proposte di legge depositate in Parlamento alcune ricalcano l'esistente che avevamo presentato nella scorsa legislatura però di questo problema che deve essere affrontato della cannabis terapeutica purtroppo
E non si può gestirlo attraverso
Leggi regionali che non vengono sciolti alcuni no
Io vi dico che a proposito di testimonianza sempre di grande capitano persone
Che malati per esempio di tumore
E che hanno bisogno ed in questo farmaco e che si vedono suggerirei dal medico stabilito che che la vanno a prendere in farmacia costa trentacinque euro al grammo
E che fanno la trafila e tramite altre le devono vincere un terno al lotto lei dice che vincono tela coltivi
Larghe rendiamo conto di che cosa vuol dire poi vivere con
Il timore che da un giorno all'altro magari
è vero non è loro fatto molto cineteche vicini uno quindi chiarire rischia di vedere fissi i carabinieri precipitare in causa in quella in questi casi non solo pochi
Riguardano migliaia e migliaia dei cittadini si quindi io dico che bisogna soprattutto noi sentiamo antiproibizionisti che vogliamo la lega l'inversione
Di tutte le sostanze stupefacenti stare con gli occhi molto aperti per quello
E che verrà avverrà in Parlamento nel momento in cui il decreto dovrà essere riconvertito molto attenti certo noi in Parlamento non ci siamo
E quei per questo devo dirlo dobbiamo dire grazie al PD e comunque
Cerchiamo di fare io voglio richiamare qui solamente e poi concludo
Lei disobbediente civili che assieme mai soci della piantiamo emblematici cuoio Lucia aspiri abbiamo condotto proprio sulla cannabis terapeutica per la quale insomma
Posso senz'altro dire gli averi e una fedina penale piuttosto sporca
Così il segretario dei Radicali Italiani Rita Bernardini sabato scorso a Radio radicale tra l'altro a proposito di cannabis terapeutica nei giorni scorsi alla Camera è stata depositata una proposta di legge proprio
Per inserire anche nell'ordinamento nazionale una normativa che garantisca tutti cittadini il diritto alla salute la libera scelta della terapia quindi anche
L'accesso ai farmaci derivati dalla cannabis sia naturale che sintetizzi primo firmatario il Presidente della Comit se ne Ambiente Ermete Realacci quarantena Quarantini parlamentare firmatari tra questi c'è il vice Presidente della Camera Roberto Giachetti ma poi ci sono anche Fiano Gentiloni Giammanco Chienti Melilla Verini e e altri il la proposta di legge deve dalla Camera ricalca quella già approvata da tempo dalla Regione Toscana e tra l'altro in Toscana il c'è proprio il promotore di quella legge regionale Enzo Broggi consigliere regionale si fa promotore della dell'utilizzo dell'Istituto farmaceutico militare di Firenze per produrre appunto in Italia ha quindi ha un costo mo'tu minore i farmaci derivati della cannabis una proposta che era già stata lanciata nei giorni scorsi dal senatore del PD Luigi Manconi trovato la proposta che
Era contenuta anche nella proposta di legge depositata dalla senatrice radicale Donatella Poretti nella pass data legislatura e a proposito di Toscana a Firenze
Lunedì scorso il Consiglio comunale ha dato approvato do una mozione che chiede di superare i limiti dell'attuale impianto riti professionistico che Garatti caratterizza la legislazione italiana
Per quanto riguarda i privati della cannabis non solo per uso terapeutico mentre per quanto riguarda la cannabis terapeutica è partito l'iter di una disegno di legge anche alla Regione Sicilia dunque un'altra regione che si affianca quelle che hanno già approvato provvedimenti i del genere o che li stanno discutendo ma torniamo alla al decreto legge presentato dalla ministro per la salute Lorenzin sulle tabelle delle sue Tanzi vietate sentiamo l'opinione del senatore Luigi Manconi anche lui è intervenuto sabato mattina alla trasmissione di Radio Radicale condotto da Emilio Targia
Scudetto infausta
L'intervento di Rita Bernardini sostanzialmente
Ciò che ha detto corrisponde fase vitali in termini ancora più netti per trentasei ore c'è stato un conflitto politico che definirei appena vorremmo
Superlativo assoluto irregolare che abbia
Liceo ossia
Nel senso che effettivamente che posso dire che c'è il patto compensativo
Non la definirei colpo di mano perché avviene al
Diciamo alla luce del sole almeno
Alla luce essi del pre-Consiglio dei Ministri e durante il Consiglio dei Ministri questo interessante è stata riproposta una forzatura anche all'interno del Consiglio dei Ministri dopo che
Sembrava si fosse raggiunto un accordo
è invece fino all'ultimo c'è stato il tentativo appunto di un vero e proprio meccanismo di restaurazione non c'è altro termine da utilizzare
Un ministro partecipante ai colossi io ha definito così
E non sto
Vi faremo le parole del ministro la giustizia ma di un altro membro del Consiglio dei Ministri è stato sostanzialmente un pareggio fuori casa che la dice lunga
Sulle prospettive future nel senso che sottrarsi appunto ai nuovi tentativi
Il Pear restaurazione venga portata a facile
Questo è ancora più
Stridente perché il riferimento non è a un
Programma di governo che evidentemente su questo punto
è stato costretto Harding issare ma il riferimento è appunto alla sentenza della Corte costituzionale della quale sentenza certo si può dire che intervenuta in particolare
Sulla questione dell'inadeguatezza di quel
Detto retto contenere norme sulle sostanze stupefacenti ma all'esito di quella
Perché la Corte costituzionale e comunque il inequivocabile Europa
In maniera limpida all'impedissi ma
Contro ogni tentativo alcuni assi mila zione
Bravi sostanze perché l'intera letteratura scientifica internazionale
L'esperienza terapeutica quella pedagogica e quella sociale l'elaborazione di
Dica circolano
Però estere
Sostanze assimilabili
Purtroppo siamo per l'ennesima volta costretti a giocare sulla difensiva giochiamo sulla difensiva
Odio questa terminologia ludico calcistica comunque siamo costretti a muoverci sunt Berretta non è corrisposto che quelle imposto dai tentativi di preparazione e mi dispiace dobbiamo comunque
Ad esempio a bere Forzatti impedire che guardate proprio negli compia ecco io penso che questo ci sia perché voglio aggiungere un'ultima ultimissima considerazione
Noi però il minimo dubbio che l'orientamento collettivo persino il clima politico persino gli atteggiamenti del ceto politico sono nel frattempo cambiati
Così il senatore Luigi Manconi del bar democratico tra l'altro Presidente della Commissione diritti umani del Senato allora sono cambiati gli orientamenti ma i rischi che la Corte la sentenza della coda Consulta possa essere in qualche modo rimangia TA ci sono abbiamo adesso il telefono Franco Corleone garante dei diritti dei detenuti e come differenze coordinatore nazionale dei garanti dei detenuti buongiorno buongiorno Franco
Buongiorno scatenante della Regione Toscana
Calata la regione Toscana allora non non c'è stata la reintroduzione in toto della Fini-Giovanardi per decreto come si
Si teneva prima della presentazione del decreto è però non c'è da stare tranquilli anche anche per questo voi avete langue voi come Forum droghe società dalla ragione credo anche avete lanciato un appello al Presidente Napolitano perché a questo punto non firmi il decreto
Ma il problema che non c'è stato un rischio c'è stato un testo predisposto abusivamente dal Ministero della salute senza consultazione con il Ministero della giustizia
R. intravedere una sfera
Di competenza della giustizia in cui si reintroduce IVA
Completamente la Fini-Giovanardi
Ma non solo il testo che circola e praticamente pubblico non è solo una testo normativo ma
Vi era anche una sorta di relazione che motivava questa scelta
Offensiva verso la Corte costituzionale ma anche
Offensiva
Diverso principi dello stato di diritto quindi c'è stato questo tentativo di colpo di mano che è stato sventato a questo punto
L'accordo
Pare trovato
è
Il ripiego sul una normativa che dovrebbe affrontare questioni che peraltro si potrebbero affrontare con decreto ministeriale
Per quanto riguarda
L'inserimento in tabelle di sostanze
Le cosiddette nuove sostanze
Sì Cotroneo stupefacenti quindi il
La realtà e che
Comune per il decreto del due mila e sei
Comitato come cavallo di Troia la norma che
Eliminata una disposizione crudele della
Legge Cirielli per infilare il
Il
Questa legge Fini Antonaz tutta la legge Fini questa volta
Nessuno sostenendo che la sentenza della Corte aveva
Posto in essere delle difficoltà di
Applicazione amministrativa a te appunto relativa a queste cosiddette sostanze nuove
Hanno tentato il colpo
Bikini a reinserire la Fini-Giovanardi cosa succederà ora
La teniamo presente che la conferenza stampa di chiarimento
E di menzogne ma in realtà perché
Sostenere che non vi è stato uno scontro politico è veramente
Surreale perché abbiamo mille fonti che ci dicono contro c'è stato convocasse la Lorenzini ha detto che non c'è stato nessuno scontro tutto in perfetto accordo
E che sarebbe stato presentato questo decreto legge che però
E ancora in grembo di Giove perché non c'è ancora il testo
Mentre il CIPE
Ha circolato il testo precedente questo nuovo testo non c'è
E quindi non sappiamo se lo sta predisponendo ancora la sanità
D'accordo o no con la giustizia e testo questo io
Penso che ha fatto bene forum però che
A richiamare alla sua responsabilità al Presidente della Repubblica si perché
Il Presidente a Repubblica il garante della Costituzione
La Corte costituzionale ha bocciato la legge Fini-Giovanardi per
Manifesti incostituzionalità ora io qualcuno dice che questa è stata una scelta
Difforme non di sostanza a parte che
I radicali sanno bene che la forma è sostanza ma in realtà quando si
Giudica una legge incostituzionale
E l'incostituzionalità è stata provocata da chi ha giurato fedeltà alla Costituzione questo fatto e ben più grave
Della
Nel merito di una scelta di merito perché qui si è violato il
Tu contante la carta fondante dei rapporti fra i cittadini e il potere
E quindi
Quando si dice ma è solo un fatto di forma ma per queste ancora più grave perché si è violato per raggiungere un obiettivo
Particolare
Di parte sia violata la Costituzione quindi enormemente più grave ora
Ma c'è un altro punto che la Corte
Nelle sue sentenze ha dichiarato uno che con decreto legge non si possono fare riforme
E per questo ha bocciato un decreto sulla questione delle Province
Terzo punto
Sempre per i decreti occorrono ragioni di necessità e urgenza e queste non ci sono e quindi il Presidente della Repubblica
Di fronte a un decreto del governo della ministra Lorenzi che
E strumentale rispetto all'obiettivo fallito di reintrodurre una legge incostituzionale
Dovrebbe dichiarare che con il Bari non si gioca non si sta al tavolo e rifiutare la firma di un decreto che in una i requisiti fondamentali
E questo significherebbe portare tutte le questioni
In Parlamento Salute
Che dovrebbe essere la sede poi per rielaborare magari anche sulla scorta del
I pareri dei di esperti e operatori una nuova politica delle droghe che sia realmente una politica delle droghe
Cioè se la cosa che si caccia insomma questa non è questa non è una politica questo è uno
Integrità manzoniane
Di stampo manzoniano terroristiche e che hanno portato l'Italia essere ai margini del dibattito
Mondiale sulla politica delle droghe quindi
Il punto e che non c'è
Per il decreto
Lorenzo non vi sono le condizioni di necessità e urgenza perché si può intervenire per decreto ministeriale
E comunque non
Anche se ci fossero dopo che
Ed è stato utilizzato come cavallo di Troia questo punto per fare
Una o di insulto alla Corte costituzionale
Il Presidente Repubblica non dovrebbe firmare io mi auguro che le gabbie
E dica che non ci sono le condizioni seduta perché le uniche condizioni di urgenza semmai sarebbero quelle di un intervento per
Dare una pena congruo e coerente alla nuova disciplina
Che la Jervolino Vassalli rivista del referendum del novantatré
Cong per chi è stato condannato in via definitiva l'unico urgenza oggi sarebbe questa cioè è un problema di libertà per chi è stato condannato in base al c'è anticostituzionale
Se non si vuole fare il decreto legge su questo non ci sono ragioni per altri decreti legge questo deve essere
Chiaro deve essere detto alto e forte
E altrimenti anche il Presidente della Repubblica si rende complice di questa
Manovra truffaldina
Che è stata tentata ma non è definitivamente esorcizzare
Io penso che se le cose vanno in Parlamento
Non mi
Operazioni di quel genere non hanno la maggioranza pronunciamento che hanno è quello appunto del decreto legge della rapina
E della truffa veri e con in realtà con un dibattito in Parlamento specialmente alla Camera maggioranza per
Queste riletture
Terroristiche e antiscientifica e non ce ne sono
Però ho bisogno appunto mettere un punto un punto fermo insomma certo grazie avrà notato ricordiamo che voi
Sabato avete la l'Assemblea di forme droga Firenze c'è tra l'altro anche due due settimane fa c'è stata la Conferenza Genova nel nome di don Gallo dove è stato elaborato anche un manifesto in cui si parla anche tra quelli di queste cose insomma quindi tre e quindi
Io credo che spetterà all'ora per sabato non ci sarà ancora il decreto e non sarà
Quinti non sarà pervenuta al Quirinale occorrerà proprio organizzare una grande mobilitazione perché il
Presidente della Repubblica sia a
Consapevole con gli occhi aperti e non perché in questo caso non ci sono le i motivi che
Costrinsero Presidente Ciampi a firmare quel decreto legge sarà
Quindici sono tutte le condizioni per respingerlo al mittente ma anche con sdegno morale SIS
Infatti che non guasta grazie Franca risentirci avrete grazie a Franco Corleone garante dei diritti dei detenuti la Regione Toscana e coordinatore nazionale dei garanti territoriali dei diritti dei detenuti insomma link Simone che nonostante le parole le rassicurazioni se volete del Ministro della salute e l'attrice Lorenzin
Non ci si trovi affatto davanti un semplice atto amministrativo ma ad una decisione politica pienamente politica una decisione che sembra
Voler tra l'altro punto prefigurare le future decisioni del Governo in materia di droghe sappiamo l'abbiamo saputo nonostante le parole del ministro che nel Governo e così visto che c'è stato scontro prima del di questo decreto legge il timore resta fondato il timore che a prevalere possono essere
Possa essere la linea politica di coloro che hanno poi voluto la legge Fini-Giovanardi quella legge che ha provocato tutti i disastri di questi anni insomma il timore che quella legge uscito dalla finestra della Consulta rientri dal portone di Palazzo Chigi c'è ce tuttora e vedremo insomma intanto vedremo se nei prossimi giorni sarà più chiaro quale sarà questo il testo di questo decreto lasciamo ora il decreto legge
Cambiamo argomento ma facciamo si fa per dire che in un certo punto perché adesso vogliamo parlare dei dei dati sul sul consumo di sostanze nel nostro Paese quindi restiamo comunque legati alla al tema di cui oggi siamo compatti fino adesso anche perché
La politica delle droghe seguita in Italia in questi anni negli anni della dirigenza della legge Fini-Giovanardi avuto il suo sostegno nella la suo sostegno
Radio potremmo dire nel Dipartimento per le politiche anti tra organi di droga un dipartimento che
Dovrebbe essere secondo noi un organismo tecnico scientificamente ma di coordinamento invece è diventato un uno strumento politico pienamente politico anzi quasi come dire un braccio operativo
Del della politica proibizionista a livello nazionale
Un dipartimento che però che che ha basato la la la sua le sue prese di posizione la sua verità diciamo così unica in costante stabile su una serie di dati di studi che invece poi alla prova dei atti mostrano più di una di una lacuna e di questo vogliamo parlare con la professoressa Carla Rossi che abbiamo ancora una volta ecco noi al telefono lo ricordiamo è
Docente di statistica medica direttore del Centro di statistica di Informatica dell'Università di Roma Tor Vergata vicepresidente del Consiglio italiano per le scienze sociali e poi anche rappresentante della nel Consiglio di Amministrazione dell'Osservatorio europeo delle droghe di Lisbona per i parla mentre Rho-Pero buongiorno Carla
Allora i lunedì scorso noi abbiamo fatto sentire una parte della conferenza stampa che tu insieme alla dottoressa Molinaro sapeva Molinaro avete tenuto il cinque il cinque marzo proprio per parlare di dei dati e confrontare i dati che avete l'elaborazione avete fatto voi con quelli
Del Dipartimento quantomeno proprio quel giorno il Dipartimento che combinazione alta diffuso dei dati da cui emergerebbe un calo di consumi di sostanze stupefacenti
Però ecco nella conferenza stampa e nel comunicato molto dettagliato molto articolato io l'ho solo accennato nel discorso lì promettendo gli di tornarci sopra tu invece dimostri con dati con tabelle con grafici che il Dipartimento per le politiche antidroga non lavora correttamente per quanto riguarda di le il proprio le metodologie impiegate no per studiare l'analisi dei consumi e del nella popolazione

Innanzitutto quello che abbiamo presentato con Sabrina Molinaro era un Progetto Rosa ho grandissimo al di là dell'Unione europea perché son trentotto chart che si sono rilevati
E sono rilevati attraverso interviste e diciamo questionari nelle scuole e investono gli studenti quindici sedicenni quindi è abbastanza importante
E fra l'altro Sabrina a controllato
Che e i dati delle scuole che rileva invece il dipartimento politiche antidroga
Non sono diciamo in linea con quelli rilevati con il questionario ora dipende dal metodo di rilevare perché gli andamenti poi sono coerenti
Soltanto che la rilevazione nulla anche fra il Dipartimento delle politiche antidroga
Sottostimato
Un po'
Quindi rileva un po'meno e d'altra parte io ho fatto il controllo fra un questionario cartaceo un questionario elettronico
E avevo effettivamente determinato già
Nel due mila e undici che gli aspetti questionario elettronico rileva un po'meno però chiaramente è un po'meno sistematico e quindi
E c'è una linea che cresce cresce in tutti e due i questionari chiarimenti assessore tra l'altro sei adesso qua capisco bene anche avendo ascoltato quello che che
Voi avete detto nella conferenza stampa del cinque marzo c'è proprio in qualche in qualche modo il Dipartimento come dire ha coscienza sapeva di non dover scrivere quello che ha scritto
Questa insomma anche una un anno una notazione piuttosto
Che sgorga case sicuramente per esempio quello della scuola la mia relazione
Su un confronto dei due questionario online questionario cartaceo
Era stata consegnata al Dipartimento quindi
è bene che lo dica insomma no quando riporta i dati della scuola può dire gli andamenti storno ragionevoli Perotti sottostima
Di un tot da otto io l'avevo anche calcolato
Tra l'altro poco fa il televideo riportava una i dati proprio dello studio espanda che dice che c'è un boom di droghe sintetiche tra i giovani insomma
Quello fra l'altro il nostro Paese è il Paese che ai le maggiori conseguenze di salute
Calcolate con degli indicatori determinati a livello internazionale non da noi da esserci tossicologico
E anche psichiatri e quant'altro evitassero Paese quello che ha il massimo punteggio per il poli uso e l'uso frequente cioè rispetto ai trentotto Paesi versiamo in cima alla classifica di quelli che usano
Numero maggiore di droghe tutte assieme
Simeto vi voglio dire se lo fanno anche dieci anni accerta infatti tra l'altro mi ricordo poi anche il nella quando quando al il Campidoglio Roma avete presentato lo studio proprio sulla
Sui cui sulle carriere dei consumatori e all'andamento abbiamo anche fatto ascoltare da Radio Radicale mi ricordo che c'era proprio un'attenzione particolare nei confronti dei sedicenni degli adolescenti e
C'era leopoldo grosso del gruppo Abele che non dava guardate che oggi la partita si gioca al di sotto di questa fascia di età insomma quindi stiamo parlando di una di una fascia della popolazione
Estremamente sposto insomma diciamo questi rischi assolutamente fra l'altro mentre forse un po'di anni fa si cominciava a quindici sedici anni e per questo anno inventato questo grosso Progetto
Adesso dai nostri dati quelli che abbiamo sempre presentato il cinque risulta che c'è o grosso numero di soggetti che comincia prima
Cioè addirittura prima dei quindici anni
Quindi
Anche questo una una cosa per esempio
Che non si rileva abbastanza non sia abbastanza coscienti di questo fatto
Anche R. che
Pensioni non ha certo un altro dato di cui di cui si parla che poi a quello che nell'opinione pubblica
Fa ovviamente impressione quello dei morti perpetuare maturo per dose quinto nel comunicato che è fatto il sei marzo scrivi proprio i dati
I dati del Dipartimento per le barricate droga sono assolutamente parziali e incompleti anche qui ma siamo
Dunque io devo dire che questi dati io li avevo attaccati anche i dati di overdose perché hanno sempre delle distorsioni addirittura quando erano un pochino più affidabili e cioè quando c'era addirittura la Jervolino
Alle politiche sociali quindi proprio i primi anni di applicazione
Sono stati attaccati da me e la Jervolino ad e forse non ha risposto a tono poi alla fine ha detto M. all'Istat tra i dati in altro modo
Ora comunque si trattava sempre di dati per overdose perché la maggior parte dei soggetti
Moriva per quello perché si faceva di eroina e quindi motiva di overdose questo sì sto parlando di dei primi anni non l'ha
Sì sì sì sì sì ma mi ricordo anche Nicola Molteni e che comunque sul giornale anche noi perché io avevo preso i dati
Da uno studio fatto dal professor Rei che adesso fa parte del Consiglio italiano e scienze sociali e del mio gruppo per la droga per molte cose
Che era Presidente dell'Istat per loro e studiava alla politica e la
L'economia illegale
Eppure sa
Degli argomenti di cui bisognerebbe parlare ai dati per overdose sono decrescenti da tanto tempo cioè non è che è arrivato Giovanardi nel due mila otto e liscia ricordo qualcosa
Era il fatto che era passata ottava passando di moda le rovina
E si sviluppavano invece altre sostanze adesso ci son quelle chimiche nuove
Altre sostanze che non procura non la morte direttamente per overdose e quindi nulla va a rilevare la polizia chart quindi non trova più nessuno cioè ne trova pochi con la siringa
Morti diciamo all'improvviso quelle immagini degli anni Settanta o prima o un primi anni Ottanta prima aveva mi aveva anche prima navale dati si saranno aggredire è da prima del due mila che scende a zero dato
Scende perché cambiano gli usi e chi usa altre sostanze non muore in modo acuto muore per per
Certe malattie che sono correlate
Con l'uso delle sostanze e questo è uno studio che il l'Istat che era
Partner con il nostro progetto europeo a fatto elaborato e che porterà anche al nostro nuovo congresso e ha dimostrato come i dati che Dipartimento per le politiche antidroga e
Mani da all'Osservatorio europeo sono sottostimati
Generale addirittura ecco e quindi sorge un altro problema perché
Il l'Osservatorio europeo del sulle droghe io leggo testualmente quello che tu hai scritto nel mio in questa lunga articolata nota pubblica obbligatoriamente i dati forniti dal nostro dipartimento
Con cosicché quando il di pia il Dipartimento riporta anche i dati dell'Osservatorio europeo fornisce nuovamente i propri dati spacciando come ulteriori informazioni quelli europei esattamente
Perché purtroppo quando è stato fatto il Dipartimento per le politiche antidroga il focal point perché l'estremo diciamo che c'è in tutti i Paesi dell'Osservatorio europeo
Ecco fa parte del dipartimento politiche antidroga
E quindi loro sono l'Osservatorio italiano che comunica i dati ufficialmente e obbligatoriamente all'Osservatorio europeo
E quindi questi sono i dati diciamo che poi emergono dal nostro Paese
Khettara dipingono una realtà diverso da da quella che che invece emerge da uno studio più sicuramente le querele certe l'Osservatorio europeo riesca bene perché
Tutti
E però
Per regola per legge per adesso non sto qua per Regolamento
Che ha deve prendere quelli del punto focale sino al punto focale italiano che non è neanche provvisto di persone sufficientemente colte e capaci di elaborare veramente di raccogliere i dati che fornisce
Corriere
Pensiamo che assolse sono per caso anche corrette per puro caso perché magari fornisce i dati del dei sequestri quelli non li raccolgono a loro quindi sono corretti però
Sì esatto no infatti ti volevo prima né poi TT so che ci sono degli struzzi slave nei prossimi appuntamenti alcune molto vicine ma prima ti volevo chiedere appunto
Questo perché ovviamente noi non non faccia non accusiamo nessuno prendiamo ovviamente partiamo dal dal presupposto che sono tutti in buona fede però qua c'è un problema
Di con lei letto anche tuo in questo momento che al dipartimento non ci sono persone che evidentemente non sanno maneggiare i dati non sanno o non se non sono esperti di di queste cose
Sicuramente per che hanno uno unico e statistico di Verona preso contratto adesso non ti so dire esattamente con che contratto ma che comunque l'unico statistico di una certa esperienza
Che però non ha abbastanza diciamo uno statistico di base cioè di quelli che faccia i dati che fa le tabelle e chi fa queste cose però che deve fare
Delle che immette le valutazioni quello ci vogliono persone che
Hanno una preparazione un po'ulteriore soprattutto specifica su queste
Soprattutto una preparazione che oltre a essere di tipo statistico deve essere anche specializzata egli in questo tipo ambito particolare
Infatti deve essere specializzata intanto per le stime di numerosità sulle sui metodi che servono per stimare le popolazioni nascoste
E questo loro non hanno nessuno
E e quindi non non possono far le stime le stime le fanno semplicemente facendo l'indagine sulla popolazione generale e sulla base del venti per cento di soggetti che gli risponde moltiplicano
Per il numero di soggetti per esempio di quella classe di età e naturalmente questo è una cosa che per esempio Guido Rey inorriditi secondo
Beppe colpe
Se si è chiaramente non è non è una stima ammissibile da nessun ufficio statistico
E questo punto voi stiamo parlando dell'organismo ufficiale italiano a che si chiama Dipartimento per le politiche antidroga ci sarebbe aspettati appunto che fu se non realismo come dicevo io tecnico-scientifico e non poi e quindi copie con nelle opportune conoscenza insomma anche in queste in questi ambiti purtroppo invece così non è
Non a caso io lavoro contanti Focal Point di altri Paesi dove ci sono sono in genere degli organismi scientifici che hanno persone di diverso tale competenza
E che la di solito mi chiedono i lavori poi per esempio questo studio che abbiamo presentato cinque
Lo stiamo pubblicando insieme a uno dei responsabili dell'ordine del punto focale tedesco
Ho capito ecco sente a proposito dei lavori che state facendo Siccomario ci mancano pochi minuti allora noi facciamo e lo facciamo allora intanto c'è l'appuntamento di maggio ne abbiamo però mi sembra che fra una
Sì ma non ci sia un altro ampiamente lunedì prossimo il pomeriggio dalle due e mezza alle sei e mezzo abbiamo l'Aula europea che c'è in via quattro novembre mi pare a centoquarantanove
E presentiamo Roma fischi tentiamo uno dei libri più importanti che abbiamo pubblicato alla fine del progetto europeo che riguarda proprio i chili di vita
Dei consumatori che sono in carico a comunitari servizi in quattro Paesi
E vengono e analizzati questi stili di vita per esempio quanto tempo impiegano a passare dalle sostanze leggere alle sostanze pesanti
Quanto tempo vengono diventano spacciatori che cosa spacciano insomma tutta una serie di che sono stati in carcere e così via
Nei quattro paesi che abbiamo analizzato per tante cose progetto europeo che sono l'Italia la Repubblica Ceca il Portogallo e la saloni ASS e abbiamo fatto tantissime libero son più di cinquecento pagine quindi ci sono tanti risultati ma in più dopo noi abbiamo continuato con questi dati preziosissimi a fare altre analisi e quindi allargheremo
Diciamo i risultati da quello che c'è nel libro a quello che è avvenuto dopo sulla base dei dati colpi ampi e così i principi che abbiamo raccolto ecco questo allora
Ci saremo sicuramente quindi avremo modo poi di proporre anche chi ci ascolta momenti di questo di questo ha un altro punto metto di lunedì prossimo ripetiamo a Roma nel pomeriggio all'ufficio di rappresentanza dell'Unione europea via quattro novembre
Questo per far capire una volta di più che parliamo di questioni molto complessa che non ci si può fermare fermare ai titoli o agli annunci come quello per esempio che prende le acque reflue Dini della sola Milano per dirci che aumentano
Come dato somma per valutare i Consigli stessi le più ampie cioè quella mia critica esaurita l'altro una cosa che forse effetti capita può eleggere eh quello che dice l'Osservatorio europeo dei dati italiani comunque
Lì l'avevo riportarsi
Rosso qui siamo al merito della destra dopo il nulla osta si siano fatti
Allora ci torneremo insomma sicuramente perché visibili è importante far capire che parliamo di questioni molto complesse che non si possono liquidare in annunci anche se vengono magari da da fonti ufficiali come un di un Dipartimento per le politiche antidroga e realtà
La questione è molto molto complessa va sempre valutata tenendo conto di
Una grande quantità di di fattoria così la bimba ma si parla di droga è così cioè dire che la droga fa male facile ma poi la questione è molto meglio coraggio ed altri
Molta abbondanza e far fare va bene allora risentirsi Galà grazie buon lavoro un'area di accettazione grazie a alla causa
Professoressa Carla Rossi
Che ci ha aiutato insomma ancora una volta capita entrare un po'più nel dettaglio dei dati statistici come rete non ci stancheremo mai di ripetere quanto sia complicata la la questione è quanto non ci si possa fermare agli annunci alla e alla propaganda
Che
Forse da parte dei dei politici non è non è giustificabile ma è comprensibile perché parliamo appunto di magari di propaganda da parte di organi che dovrebbero essere invece organi ufficiali invece la la come nel caso del Dipartimento per le politiche antidroga la questione la questione cambia
Ci indovina siamo arrivati al termine abbiamo solo pochi secondi per dire che
La scorsa settimana per iniziativa del consigliere comunale radicale di Milano Marco Cappato
Insieme a altri Consigli le comunali Luca agibili mia Mirko Mazzali di Sinistra ecologia Libertà Annita Sonego della Federazione la sinistra Rosaria Iardino delle PD
è stata presentata a Milano una mozione in Consiglio comunale perché Milano diventi sede di una sperimentazione di sale salvavita da iniezione quelle chiamate
Narco Salas
Poi in Uruguay la cannabis legalizzata le vendite partiranno a fine di quest'anno forse dall'anno prossimo con una legislazione molto stringente quindi l'Uruguay non sarà il paradiso diciamo così della cannabis mentre a Washington è partita la raccolta di firme per un referendum a Washington di sì cioè nel Distretto federale per un referendum che chi è ha detto il via libera all'uso anche ricreativo dei derivati della cannabis si dovrebbe votare a novembre in occasione delle elezioni di mid Terna ma insomma le cose nel mondo si muovono il Ministro della Giustizia americano ha chiesto di rivedere
Le norme per pur credo che i reati lievi in materia di droghe avviene nei Paesi alla quindi come si è una cosa ci dell'ONU i Paesi dell'Unione della latino americani hanno chiesto di rivedere le politiche delle Nazioni Unite insomma nel mondo si discute non tanto più se cambiare le politiche delle droghe ma come farle quando farlo ecco spetta al nostro Governo al Presidente del Consiglio così molto attivo decidere da che parte vuole stare se vuole agganciare l'Italia a questo dibattito ormai aperta a livello globale oppure marginale la e legale invece ai Paesi i più conservatori più proibizionista i più polizia Viesti Italia che non lo dimentichiamo in patria di una delle più temibile potente organizzazione criminale del pianeta che si chiama 'ndrangheta ci fermiamo qui con i noti serrati previsioni sta per questo lunedì troppo con lo troverete on line su Radio radicale punto it nella Sezione delle rubriche lo potrete se anche scaricare dalla pagina del podcast indiretta invece si sentiamo lunedì prossimo alle tredici grazie a voi per l'ascolto grazie Luciano Bruno Alesando Teodori per assistenza tecnica un saluto da Roberto spagnoli