23DIC2013
rubriche

Rassegna stampa su carcere e giustizia

RUBRICA | di Roberto Spagnoli RADIO - 10:30. Durata: 12 min 8 sec

Player
A cura di Roberto Spagnoli e Francesco Morelli.

Puntata di "Rassegna stampa su carcere e giustizia" di lunedì 23 dicembre 2013 , condotta da Roberto Spagnoli che in questa puntata ha ospitato Francesco Morelli (redattore di Ristretti Orizzonti), Marco Pannella (presidente del Senato del Partito Radicale Nonviolento, Transnazionale e Transpartito, Radicali Italiani).

Tra gli argomenti discussi: Amnistia, Bernardini, Cancellieri, Carcere, Comunita' Terapeutiche, Decreti, Giustizia, Governo, Lavoro, Marcia, Ministeri, Napolitano, Natale, Presidenza Della Repubblica, Radicali Italiani, Rassegna
Stampa, Tossicodipendenti.

La registrazione audio di questa puntata ha una durata di 12 minuti.

leggi tutto

riduci

10:30

Scheda a cura di

Valentina Pietrosanti Iva Radicev
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

E eticamente volta alla tutela del ritardo questo cosa facciamo allora allora facciamo amico abbiamo praticamente dieci minuti quindi andiamo veramente
Velocissimi per questa rassegna stampa io direi che ci sono e andiamo quei titoli esatto che dà anche perché ci sono parecchie cose perché c'è stato naturalmente il decreti l'annunciato decreto del del del Governo sono ci sono state di molti e quindi diciamo che il tema almeno il tempo per i titoli lo quella ce l'abbiamo
E iniziative stimare caratterizzata da due accordi
Appunto dal decreto del governo
Che qualcuno chiama dei velivoli vuota cartelli in realtà voterà poco anche corretto e poi naturalmente dalla preparazione D'Amato Di Natale a sostegno della quale è arrivato anche un messaggio di di Napolitano
Iniziamo col primo diffusi
Già colpiti CD praticamente
Di di Vichi embrioni iniziamo a parlare di questo decreto che stavo per uscire decreto varato il Vice FS martedì
Lo prevede sostanzialmente il decreto prevede un aumento della liberazione anticipata quindi dal lato sconto di pena per la buona condotta di di detenuti che appunto si comporta bene da quarantacinque al settantacinque giorni il insieme tre
Questo consentirà a detta del Ministro giustizia cancelliere l'uscita dal carcere
Di un numero variabile tra mille cinquecento e tre mila persone ecco mette un po'l'obiettivo
E poi altri modifiche che dovrebbero favorire lo sfondamento del carcere e soprattutto per quanto riguarda il diritto ceco dipendenti
Che il perché non si stranieri
E
Prima riguarda numeri ecco Francesco scusami se scusate interrompo perché mi dicono dalla regia che abbiamo al telefono in collegamento Marco Pannella che voleva intervenire Marco ci sei
Perché in quel giorno
Ci sono temo che
C'era per l'ennesima volta rappresento il piacevole
Dunque hai spiegato che domani ci sarà un servizio indiretto ma tragedia ho capito va bene sorge vi dice come moltissimi altri dopo averti ascoltato
Probabilmente dichiarò scempio originale eccetera
Di venire a marciare somma tanto telaio dirette alla radio continuamente e via dicendo noi abbiamo sempre avuto da trent'anni un po'di attenzione
Proprio quando annunci trasmissioni radio
Possono come dire impensierire poi
Negativamente
Nella manifestazione stesse
Questo devo dire persino
I modernisti l'hanno capita
Io penso che quello sia il mare
Poteva andare utilmente ma non come cronaca dalla o anche chiaro usare le presenze ascoltarle
A personalmente volevo semplicemente dire che non c'è contributo permettendo tardi
Recentemente al fine di pioggerellina tanto abbiamo la diretta durante tutta la marcia eccetera evidentemente scherzando
Quindi io credo che
Non sarò durante la marcia ad ascoltare la cronaca alla marcia certo quell'ente
Fra un anno coinvolgere la diaspora venire avranno questo premio della loro non partecipazione ciao con te
Grazie grazie Marco va bene che devo dire prendo atto di questa di questa osservazione altro non posso fare sono mi limito o a fare a stare al microfono comunque ringraziamo ovviamente Marco Pannella di questo di questo intervento allora
Ci sta vi racconto antiche Napolitano si terrà martedì
Ecco Napolitano il ventuno dicembre ha mandato un messaggio a Rita Bernardini
In alcuni questo è il testo in occasione dello svolgimento della terza ma Caperna vecchie logiche della libertà organizzata per l'irrigazione dei Radicali Italiani desidero esprimere il mio apprezzamento per l'inizio IVA che intende riproporre all'attenzione dell'opinione pubblica con una larga partecipazione del mondo cattolico e del volontariato
Prego temi tradizionali delle vostre battaglie dei quali ho più volte sottolineato l'importanza ed urgenza
Dire eccellente il sette ottobre scorso ho inviato un messaggio alle Camere
E vi ringrazio di averlo posto al centro di una manifestazione
In quel testo come è noto ho affrontato la drammatica questione carceraria
Partendo dal fatto di eccezionale rilievo costituisce dal severo pronunciamento per il quale nel gennaio scorso la Corte europea dei diritti dell'uomo ha messo in mora il nostro Paese
Dopo aver giudicato già quattro anni fa alla situazione delle nostre carceri incompatibile con l'articolo tre della Convenzione europea dei diritti dell'uomo
In quella sede ha ricordato Napolitano ha sottolineato come la necessità di cambiare profondamente la condizione delle carceri Italia costituisce non solo lui imperativo giuridico e politico imposto sia dalla Convenzione europea dalla nostra Carta costituzionale
Ma anche e soprattutto il dovere morale e infatti lo Stato deve farsi carico alla sicurezza dei cittadini ed alle sacrosante aspettative di giustizia delle vittime dei reati
Ciò non spesi in varie dal dover
Di far sì che i luoghi di detenzione non loro un minino la dignità delle persone e corrispondono alla funzione rieducativa della pena
Sì il Capo dello Stato ha ricordato di aver indicato uso molteplicità di possibili interventi legislativi e amministrativi
Non credo che data l'urgenza di ottenere in tempi brevi entro il prossimo otto maggio come richiesto dalla Corte sostanziale riduzione del sovraffollamento delle carceri la possibilità di Arco Dio com'magari tali interventi con provvedimenti di clemenza generale che avrebbero altre Phillips presto dieci Ferrari tempi di amministrazione della giustizia anche attualmente incompatibili
Con i principi Biella richiamata convenzione europea e con l'articolo centoundici della nostra Costituzione s'
Allora siccome ci resta pochissimo tempo c'è una notizia che mi sembra interessante è un'ansa del diciassette dicembre le Confcooperative di Confcooperative dicono che investire nel lavoro abbatte la recidiva dall'ottanta al dieci al dieci per cento
Chiarito allora stiamo qua è stata da Bollate fattiva dettaglio delle carceri italiane dalla condanna riscatto un convegno all'anno per presentare i modelli più virtuosi che fanno scuola per il reinserimento dei detenuti dalla società con gli organi con l'abbattimento della recidiva
La corte alla cooperazione sociale sta facendo la sua parte ed esposta intensificare la sua azione sull'istruzione le cui origini portavoce dell'Alleanza cooperative sociale recipienti di fede sulla solidarietà Confcooperative
Dal carcere di Bollate dove si è confrontato col ministro dal giusti per la moglie Cancellieri al convegno dedicato all'inserimento lavorativo dei detenuti
Occorre valorizzare la funzione rieducativa della pena attraverso la formazione è il lavoro aggiunge abbia a cuore al coordinatore are giustizia federsolidarietà operative
I numeri dimostrano
Gli investimenti all'inserimento lavorativo batte da ricevere allo Stato al dieci per cento successo sul cento detenuti
Che ci seguono percorsi di formazione e di inserimento lavorativo in carcere conclude esporrà intorno ai vincoli del dieci per cento
Al contrario
Trovate vincolo ottanta per cento
In un lavoro sottinteso volante
Che è una piaga sociale che non si emarginati contribuisce solo interessantissimo giudiziarie gli istituti di pena
Aggiungo rapidamente che negli ultimi tre anni gli investimenti per il lavoro previdenziali sono diminuiti del settanta per cento
Ecco quindi questa cosa dice nulla sulle strategie adottate recupero effettivo dei detenuti
Allora siamo in chiusura questa ricca con rassegna stampa segnaliamo un articolo sul manifesto del diciotto dicembre a proposito sempre del decreto carceri io ma del professor Andrea Pugiotto il titolo dice un decreto che aiuta lo stato di diritto ma ancora resta il sovraffollamento poi il commento dell'Unione delle Camere penali che parla di un nel decreto come passo concreto verso il rafforzamento delle misure alternative al carcere c'è il Presidente della Federazione italiana le comunità terapeutiche che su progetto uomo punto net dice
E ci sono dal decreto carceri nuovi diritti per i tossicodipendenti maxi domanda se questi diritti passavano può effettivamente esigibili e poi Luigi Ferrarella che sul Corriere della sera del ventuno dicembre dice il suo articolo piuttosto dettagliato intitolato le Penati dal carcere sono giuste non per buonismo ma per i risultati poi naturalmente sulla stampa della settimana punto anche il congresso di Nessuno tocchi Caino la lettera di Napolitano del presidente la Repubblica alla segretaria di radicali italiani Rita Bernardini per la
Di marcia del venticinque dicembre la marcia di Natale e poi anche la questione del dei CIE insomma c'era parecchia c'è parecchia roba questa settimana
Sì concluderò bisogna riprendendo la previamente come quello che dice appunto il Presidente del FLI perché la Federazione Italiana Comunità terapeutiche
Uno dei sostegni Drossi taglia il dibattito al carcere e dirottare i soldi che attualmente vanno sui mercati in altre in altre soluzioni
Perché le idee che giustamente adesso con un nuovo decreto di tossicodipendenti fidando al carcere
Prima che non si aumentano gli investimenti sulle comunità terapeutiche e comunque sui servizi alternativi dovendo ci saranno non ci saranno pronti fra personale non ce l'hanno nuovi per accogliere il per accompagnare il percorso di questi detenuti scarcerati
Se le cartiere italiane ogni anno costano due miliardi seicento milioni di euro è consentito ed essere una piccola parte un cinque per cento di questi soldi Lettieri sulle misure alternative tutelare prima di tutto
No mai fatte e che è chiarissimo e allora Francesco siamo arrivati alle undici ci dobbiamo salutare grazie anche oggi siamo andati in onda un po'in forma o ridotta un po'di corsa ma insomma un'idea l'abbiamo data e che dei dei temi che restano all'al centro della questione delle carceri attraverso anche in quello che è uscito alcune delle tante cose uscite in settimana si sulla stampa stampata diciamo così che su su internet grazie allora risentirci era a lunedì prossimo