29MAR2014
dibattiti

Il capitale sociale: la forza del Paese - seconda e conclusiva giornata

CONVEGNO | Bari - 09:31. Durata: 4 ore 9 min

Player
Convegno biennale della Confindustria promosso nei giorni 28 e 29 marzo 2014.

Convegno "Il capitale sociale: la forza del Paese - seconda e conclusiva giornata", registrato a Bari sabato 29 marzo 2014 alle ore 09:31.

L'evento è stato organizzato da Confindustria.

Sono intervenuti: Angelo Michele Vinci (presidente della Confindustria di Bari Barletta Andria e Trani), Michele Emiliano (sindaco del Comune di Bari, Partito Democratico), Miapatra Kumpula Natri (presidente della Grande Commissione del Parlamento Finlandese), Nichi Vendola (presidente della Regione Puglia, Sinistra Ecologia
Libertà), Giovanni Minoli (giornalista), Stefania Giannini (ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, Scelta Civica con Monti per l'Italia), Mariastella Gelmini (deputato, Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente), Susanna Camusso (segretario generale, Confederazione Generale Italiana del Lavoro), Alessandro Pansa (amministratore delegato e direttore generale di Finmeccanica), Francesca Puglisi (senatore, Partito Democratico), Alberto Baban (Presidente Piccola Industria Confindustria), Gian Maria Gros-Pietro (presidente del Consiglio di Gestione di Intesa Sanpaolo), Fulvio Conti (vice presidente per il Centro Studi della Confindustria), Ignazio Visco (governatore della Banca d'Italia), Giorgio Squinzi (presidente della Confindustria).

Tra gli argomenti discussi: Amministrazione, Banche, Cassa Integrazione, Concorrenza, Confindustria, Credito, Crisi, Diritti Sociali, Disoccupazione, Economia, Flessibilita', Formazione, Giovani, Governo, Imprenditori, Impresa, Industria, Investimenti, Istruzione, Lavoro, Mercato, Mezzogiorno, Ministeri, Occupazione, Parlamento, Politica, Precari, Renzi, Ricerca, Riforme, Scuola, Sindacato, Stato, Sud, Sviluppo, Tecnologia.

La registrazione video di questo convegno ha una durata di 4 ore e 9 minuti.

Questo contenuto è disponibile anche nella sola versione audio.

leggi tutto

riduci

09:31

Organizzatori

Confindustria

Scheda a cura di

Alessio Grazioli
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Senti positivi sia sul nostro territorio che
In tutta Italia prendiamoli questi esempi e cerchiamo di imitarli vediamo qui da lui a Bari se pensiamo al manifatturiero sì è vero
Ci sono state degli aziende che in questo periodo hanno chiuso però abbiamo anche la fortuna di avere tante aziende nel settore manifatturiero legate per esempio al settore Automotive o ma non solo
Che
Si sono rinnovate noi abbiamo avuto un periodo di crisi dell'auto lo sappiamo tutti del faccio solo questo esempio
Che a livello nazionale principalmente ma europeo
Ha avuto una crisi abbastanza forte
Bene noi abbiamo visto però che ci sono state aziende multinazionali insediate qui a Bari che hanno
Continuato a produrre hanno continuato ad inventare prodotti nuovi ma non parlo soltanto delle multinazionali parlo anch'e delle aziende collegate con i settori della meccanica di precisione della meccatronica ma non solo nel settore dell'auto poteva andiamo a vedere i settori dell'aerospazio il settore ferroviario il settore far ma c'è il titolo di sicuro noi abbiamo avuto tanti esempi positivi che si sono affermate sul nostro territorio li novazione e l'internazionalizzazione sono stati i due pilastri che ci hanno portato avanti oggi hanno hanno
Ho
Fatto anche di vedere l'organizzazione al nostro interno all'interno delle nostre strutture
Noi
Abbiamo messo in evidenza è stato un compito che io mi sono preso come
Presidente di Confindustria in queste
Da anni dal punto in cui ho cominciato a lavorare in questa direzione ci siamo presi come compito quello di
Mostrare di presentare le nostre eccellenze perché perché possono fare da stimolo anche ad altri
Come l'abbiamo organizzato abbiamo chiamato la stampa abbiamo chiamato alcuni docenti universitari un po'di giovani altri imprenditori e ci siamo affacciati per delle imprese per comunicare quello che abbiamo non quello che vorremmo aprire quello che abbiamo e questo è servito grazie anche alla stampa e alle televisioni che ci hanno seguito è servito anche a dare un bel saggio di fiducia ai nostri giovani i quali hanno visto che si può fare per cui andiamo avanti andiamo avanti seguendo questi criteri
Abbiamo visto anche andando nelle aziende come loro si sono aggiornate Como e loro si sono riorganizzate per far fronte a a
Periodi di difficoltà
Abbiamo visto che la competenza tecnica non deve essere più
Dini chiama deve essere multidisciplinare perché ci troviamo di fronte a
Aziende che devono interfacciarsi con culture
Di altri Paesi e di altre lingue abbiamo visti in generi che devono parlare sia con altri ingegneri di altre località di altre culture ma anche con medici a anche con fisici con biologico quindi e c'è necessità di conoscere le lingue di aprire una informativa di carattere un po'che ti do anche più generale di quello che noi facciamo quindi la competenza ecco che diventa un pochettino trasversale allora e qui che noi dobbiamo vedere
In che cosa possiamo migliorare da un punto di vista competenza come la scuola e le impresa devono dialogare di più perché questo possa
Essere di interesse per tutti
Forse scontiamo anche il fatto di avere una certa dimensione piccola per cui forse non ci rendiamo conto di quanto importante sia l'apertura delle nostre aziende verso gli studenti
La formazione mista tra scuola e lavoro eppure è un investimento che va fatto e alcuni esempi positivi li posso citare li abbiamo toccato il comma no su alcuni progetti di distretti tecnologici progetti PON diversi ragazzi vengono
Per in azienda per fare un periodo di formazione
Bene dopo che hanno fatto questi mesi di formazione presso di noi diventa difficile per le aziende dire stiamo studiando insieme questi prodotti nuovi perché lasciare Anda
Aree queste persone formarne altri continuiamo a sviluppare questi prodotti insieme ecco quindi che l'apertura delle aziende di grande interesse per l'azienda e per i giovani
Cito un altro esempio
Gli istituti tecnici superiori qui a Bari e voi come Confindustria abbiamo anche spinto agevolato
Diciamo costruite in casa con il supporto della Regione con il supporto di
Delle imprese stesse l'istituto della dell'Istituto Tecnico Superiore della meccatronica bene a questi ragazzi vengono in azienda per perché le aziende stesse
Forma no aiutano nella formazione
Prima teorica e poi con ottocento ore di stage bene è la dimostrazione che questi ragazzi non finiscono il loro percorso di STU
Mi che vengono assunte vengono trattenuti presso le aziende e poi ancora abbiamo stimolato altri
Altre
Corsi master cuciti su misura
Delle aziende e anche qui abbiamo fatto un'opera di sensibilizzazione delle aziende perché utilizzino la formazione continua diversamente il capitale
Umano che loro hanno la risorsa che loro hanno che aveva certe competenze qualche anno prima nel tempo diventa o presso le
Do per cui anche qui la necessità di
Costruire un percorso insieme per essere aggiornati
Pertanto
L'apertura come dicevo prima del delle aziende
Alle a agli studenti un contatto maggiore tra scuola e impresa va fatto ripeto riconosciamolo come
Prendiamo ciò come compito del noi come impresa è ma soprattutto ci vorrebbe quasi
Un qualcosa di istituzionalizzato in maniera tale che questo investimento possa può ingenerare dei vantaggi a tutti quanti noi
Due parole sulla riforma del lavoro che noi abbiamo visto adesso modificata negli ultimi venti con decreto
Nelle ultime settimane beh è una cosa che noi abbiamo accettato molto abbiamo gradito perché
Perché dicevo prima un ragazzo che entra in azienda e nulla formiamo per un certo periodo di tempo e poi diventa
Un peccato diventa uno spreco per l'azienda non poterlo utilizzare
Oggi sappiamo che le aziende devono dire tecnologia di un certo valore per andare oltre per affermarsi sui mercati bene una volta che un ragazzo lo ha informato
Lasciarlo perdere significa
Perdere il proprio know-how mettere tolgono auto così allo sbando dove anche presso comuni concorrenti per cui
Concorrenti locali che non per cui noi ci teniamo tantissimo ad averlo
Allora non va contro la precarietà il fatto di andare a vere un periodo di tre anni di prova perché nodi prova di di di tempo determinato
Non va in nella direzione non è un negativo proprio perché noi abbiamo la possibilità uno di verificare se i prodotti che stiamo mettendo a punto sono quelli validi sul mercato sull'accettati dal mercato ma un'altra anche quello di verificare se quelle persone sono interessate a proseguire quel percorso con noi ma comunque ripeto diventa un fallimento per l'azienda se lascia perdere quei ragazzi per cui
La formazione
Di un certo periodo e un vincolo automatico per le aziende per cui io voglio dare questo segnale di tranquillità e di serenità perché nessuno ha intenzione di formare le persone e poi lasciarle
In conclusione voglio vorrei far sottolineare l'importanza dei valori che hanno in mano le persone qui in di la scuola che debba continuare a motivare o spingersi più nella direzione di motivare le persone
Perché abbiamo un gap tra
Il sia
Sia della nostra
Della nostra della motivazione dei nostri giovani rispetto a quella dell'euro o pazzi parla del quarantuno per cento contro il quarantotto per cento ma se poi abbiamo a fare un confronto con Singapore per esempio lì si parla di un sessantacinque per cento di motivazione
Pertanto la scuola
Sì si spinga diciamo a modificare i suoi percorsi anche con il supporto nostro per motivare di più i ragazzi
Dobbiamo dare spazio alle meritocrazia alla passione dei giovani perché ancora una volta è l'unica leva che può modificare
Lo Stato in cui noi ci troviamo e migliorarlo per tutti
Formare delle persone più motivate e più curiose
I talenti il merito e la passione sono quelli che possono vincere le sfide e noi di sfida ne abbiamo una molto importante è quella di tirare fuori il Paese dal nostro il declino e sono sicuro che non ce la faremo buon lavoro a tutti
Saliamo no e dia Michielli Emiliano il Sindaco di Bari
Signore e signori buongiorno benvenuti nella nostra città
Signor
Presidente signor ministro
Signor Presidente della Regione io di solito quando faccio l'elenco delle autorità dimentico qualcuno carissima Susanna
Soprattutto
Imprenditori
Uomini e donne coraggiosi
Che state affrontando
Momento difficilissimo
Lo fate
Cercando
Di badare al quotidiano perché il quotidiano ha una importanza centrale ve lo dice un sindaco che
Su un quotidiano ovviamente deve impegnare molte delle sue energie e contemporaneamente avete bisogno di guardare al futuro
Di guardare
Al capitale sociale
La forza del Paese
Mi viene in mente
Un
Il titolo di un film bellissimo di Paolo Virzì
Stiamo nel capitale umano
Il capitale sociale capitale umano
Sono due concetti
Centrali capitano male in quel film però
è un elemento drammatico è un film nel quale si descrive un'Italia che scommette sul suo fallimento immaginate ci sono una serie di finanzieri
Che a un certo punto cominciano ad avere dei problemi
Dal punto di vista della rendita dei loro investimenti perché l'Italia ricominciano andar bene
E quando poi finalmente invece il disastro viene assicurato
Tirano un sospiro di sollievo ricominciano la loro vita dorata
Fatta di lusso irresponsabilità e soprattutto
Con totale ignoranza della condizione delle persone perché in quel film il capitale umano
Il corpo
Di un
Cameriere
Uno dei tanti lavoratori delle vostre imprese che fanno seriamente il loro lavoro che milizie così il film
Descrivendo un lavoratore
Affezionato la sua azienda che fa
Il suo lavoro che
Dal punto di vista ecologico rispetta la città perché torna in
A casa di notte in bicicletta
Ha quindi una visione complessiva delle cose
E poi viene investito
Come spessissimo capita nel nostro Paese anche
Da quel punto di vista cioè una irresponsabilità perché chi vendesse non si ferma
E quindi
Ecco oggi io immagino che voi vogliate celebrare invece esattamente il contrario
Di quello che è contenuto in quel film cioè l'Italia che si prende le sue responsabilità
Che mette le mani sulle cose concrete che non trucca i numeri che dice la verità
Che stabilisce un patto per il lavoro è un patto per il futuro dell'Italia perché
Qui oggi
Sono sedute la gran parte delle nostre speranze per il futuro
Se fido potessimo fare un paragone come se avessimo schierata la nostra squadra migliori per la partecipazione prossimi mondiali di calcio
Sappiamo bene di dover fare il tifo per voi non solo a chiacchiere
Non solo con le parole ma in concreto
Avete di fronte ostacoli formidabili innanzitutto una burocrazia demenziale
Che il primo nemico
Del Sindaco dal Presidente della Regione perché credetemi noi rischiamo tutti i giorni si chiama concussione questo reato il reato nel quale
Un pubblico ufficiale
Diciamo esercita una pressione illecita Ojo illegittima o eccessiva su un suo sottoposto comunque su una persona che
In qualche modo è soggetta alla sua attività per indurlo attenere azioni che non avrebbe
Dovuto tenere o non avrebbe voluto tenere e credetemi
Ogni mattina
Sono riunioni in tutti i Comuni d'Italia in tutte le
Regioni probabilmente anche dei Ministeri se ho capito bene dalle
Dalle dalle dalle parole del Presidente del Consiglio ieri e la direzione nazionale del Partito Democratico perché parlava di riunioni nelle quali
Di fronte presenta la richiesta di numeri sul bilancio dello Stato si aprirà una discussione
Tra i dirigenti
Dello Stato
Quindi non c'era la possibilità di avere il dato voi provate a immaginare se nelle vostre aziende il responsabile della vostra Ragioneria apre un dibattito
Per sapere quali sono i numeri veri non lo so permette dei vostri scoperti io sull'incasso così
E invece noi facciamo i conti tutti i giorni con una burocrazia di questo genere che totalmente autonoma e indipendente dall'indirizzo politico né i Comuni in maniera praticamente totale delle Regioni
Analogamente
Questo ovviamente
Costituisce lo lo verifico che giorno il principale ostacolo
Alla al all'esercizio dell'iniziativa privata quella
L'articolo quarantuno della Costituzione che è sacro perché quell'iniziativa privata distingue il nostro Paese da Paesi che hanno invece economie sempre più ridotti nel numero per fortuna che hanno invece un tipo di economia
Non libera non basata sulla libertà di impresa
Un secondo ostacolo e la criminalità organizzata io l'ho combattuta tutta la vita
Vent'anni da magistrato antimafia e poi per dieci anni da sindaco e vi dico che
La mia condizione non è stata diversa l'ho trovata tutti i giorni
L'ho trovata assieme a Michele vinci insieme a Domenico De Bartolomeo dell'ANCE
L'ho avuto la fortuna sempre di trovare
Lo ammetto sempre imprenditori
Che hanno detto di no alla criminalità organizzata che hanno saputo schierarsi immaginate
Che qui
A Bari in Puglia sono numerosissimi gli arresti per estorsione che sono avvenuti sulla base di dichiarazioni di imprenditori
Che con grande coraggio e sostenuti dalle
Istituzione hanno saputo aiutare le investigazioni
Risolvere nel migliore dei modi una piaga
Catastrofica che però frena
Il Mezzogiorno ma credo tutta l'Italia perché
Ormai ragionare distinguendo il Paese dal punto di vista criminale
Con i punti cardinali grazie davvero superfluo una terza questione
La formazione delle persone la cultura di impresa io credo che questi due elementi siano coincidenti la formazione della persona non è solo il lupo lavarli delle
Delle delle competenze che pure è una cosa importantissima ma è
Il nostro
Processo di iniziazione ogni società per i giovani componenti del gruppo inventa dei sistemi nei quali attraverso un rito di iniziazione si costruisce l'autostima
L'autostima un elemento centrale
Per
Esercitare la libertà di impresa e per avere disse una idea
Gli uomini e donne capaci di intraprendere senza timore anche perché come voi sapete le opinioni degli investitori degli imprenditori sono di turno elemento dalla macro economia un elemento centrale
E la nostra scuola in molti casi non solo non è all'altezza ma nonostante gli sforzi straordinari di docenti strepitosi
Credetemi lo dico anche da magistrato perché nei momenti tragici delle stragi di Capaci di via D'Amelio è stata proprio la scuola
Signor Presidente Squinzi a essere al fianco dei magistrati nel
Immaginare soprattutto nel Mezzogiorno l'educazione all'antimafia sociale che era necessaria tanto quanto le indagini
I processi le condanne
Ecco io mi auguro che in una giornata come questa dedicato alla cultura di impresa come cultura della responsabilità e soprattutto cultura del futuro voi troviate in una città
Che ha combattuto in questi dieci anni
Con le unghie e con i denti credetemi
La Puglia
Il Mezzogiorno non è
Una
Immensa Vandea fuori controllo come spesso viene descritta
Né i mezzi di comunicazione di massa ci sono
Milioni di persone
Che combattono se la mafia è nata qui vi garantisco che qui è nata anche antimafia che qui sono nati anche gli eroi che hanno combattuto e combattono tuttora questa piaga questi nostri
Mostri che ancora attraversano
Il futuro del nostro Paese e
Vi dico anche che non tutte le realtà
Politiche
Comunali sono assimilabili con il concetto che spesso viene utilizzato per descrivere il Mezzogiorno ci sono amministrazioni che sono tra le prime in Italia nella capacità di spending review
Ci sono amministrazioni che sono
Quelle che hanno il costo del lavoro più basso d'Italia
Il ventitré o ventiquattro per cento della parte corrente il costo del lavoro del Comune di Bari sì credo che molte aziende presenti avrebbero questo come
Obiettivo
Eppure non ci siamo riusciti ci siamo riusciti maniera modesta
Senza proclami tante che immagino che
La notizia vi abbia preso di
Di sorpresa tutte le buone notizie dal sud vi prendono di sorpresa
Su un pochino di polemiche me la consentirete perché
Invece è possibile la Puglia e una dimostrazione che
Alcune
Cose non miracoli perché quelli non siamo capaci dice da queste parti nei negozi gli sperperi miracoli ci stiamo attrezzando ma
Molte delle cose che immaginiamo sono possibili quando abbiamo ascoltato il Presidente del Consiglio
Obiettivamente
Rimanendo stupiti dalla sua Energia nella sua volontà di cambiamento ecco proprio qui al sud forse ci siamo immaginati subito che quel percorso pur difficilissimo pure azzardato probabilmente e la possibile perché le nostre
Le nostre avventure politiche chiamiamole così
Le nostre campagne elettorali erano piene lo ammetto
Di speranza di cuore buttato oltre l'ostacolo di
Tentativi di fare delle cose che sembravano impossibili anche ricostruire questo teatro sembrava una cosa impossibile dopo ventuno anni
E vi garantisco che c'erano tantissime di cose che sembravano impossibili in Puglia nella città di Bari eppure ci siamo riusciti ci siamo riusciti
Lo dico chiaramente con un'amministrazione comunale per esempio che non ha avuto un avviso di garanzia in dieci anni nessuno di noi c'è stato un solo Assessore ad essere stato colpito da una procedura giudiziaria perché l'ha denunciato il Sindaco
Cercando sotto questo aspetto di fare il suo dovere e contraddicendo come posso dire una prassi che sembrava ovvia perché qualcuno mi diceva ma
Non c'erano altri mezzi
Ho letto la legge non consente altri mezzi un pubblico ufficiale viene in possesso di una notizia di reato la comunica l'autorità giudiziaria ENEA spetta l'attività questo ho imparato
Sui banchi dell'Università di Bari
Che ringrazio perché queste università nostre
Io spero siano qui presenti rettori
Presenti passate il Politecnico di Bari sono colonne strepitose
Dei risultati che abbiamo ottenuto immaginate che col Politecnico di Bari abbiamo persino fatto la formazione degli Assessori venivamo presi in giro perché ammettevamo di essere degli ignoranti
Cosa che io continuo a dire di me stesso con la grande convinzione perché
Imparare
Migliorare costruire la fiducia in se stessi e nel proprio Paese sono stati gli elementi a cui ho dedicato tutte le mie energie sono le cose alle quali cerca di educare i miei figli ecco perché con grande
Felice tale orgoglio vi do il benvenuto vi auguro
Davvero un buon lavoro sappiate che siete qui in un luogo dove
La responsabilità
Di ciò che è accaduto in passato e di quello che vogliamo che accada in futuro c'è chiara abbiamo solo bisogno di giocare in squadra
Non abbiamo bisogno di niente di particolare non ci sono richieste speciali vogliamo solo essere parte della squadra italiana che combatterà
Contro il nostro stesso declino nei prossimi anni grazie
Sale al Palladio mia Peter alcun pull annate dei Presidente della grande Commissione del Parlamento finlandese
Di Air France andare in a pezzettini era iniziale Franzella anzi alte indisponente il Tex approcciava insicura leve in ciò Uster in può ad aste oste coprono esce Insight gli veniva antifrode i night il signore piani e niente
Alagna veniate intatte investiremo mensa ha infatti o pertinente feste festine troppe volte siamo Fiesso Menia firmati Linke ciste se gli stessi testi lei si sia occupata e annoveriamo AP
ATC il l'anno nuovo fuori teatro e Cioffi e c'era agli nove vista espansa a sua
Ma d'asta ante ed extra Portuense bene abbinino ecco non mi andavo al solo aspetto dell'Ucraina assente allora copro recentissimi ITIS
Ma number EMAPI o soldati
Stress capacity oste chiede ma negli enti
Abiti integro sfogli ora Hanan veri APT l'attaccante è chiuso paghi investì scarse una volta horror posteggiare anzi si migliora quattro volte ed a crescere a sindaci quanto
Tre anni abbiamo assistito per le do proprio a volte ci ha Lenzi statali si Pegli una pista esempi Ando guai chimici ora a sua volta
Crispo antitetiche sociale SISS
All'India assessment arte italiana centrato ed Next ricredersi amministra Giannini
A questo insieme del bene cedute Next intervenisse
Le success forte io da pianeti e che i servizi esterni in sé Chissi Oxford enti mai alla fine ci offre continente ANSAS pieno riaffermazione mantovana indiani
Ma io l'abbia lire prevede la risposta Holler importanti Swiss Micol Novo davvero ai incerti Romina risponde io rapina nei sensi
Strong ancor Intini economico rovistati una fase in ciò è fuori moda nel senso che noi andazzo otto social François Meshal porta contenente a spingere assi che unificano genitori Bay sponde ero RAI Sinclair of European Science anni è decrescente
In ogni distretto alle sorti mai c'è senso visti quindi al controllo altri apre consona society visto il posto Industrial society disse
Macciotta Cenci ma scusate afferra ciò matti che experience forti decorativo adesso alle piste a offizio peso Cenci Pasquini ebbe Azzi delle reti
L'istanza merchant Hans Christian from alla RAI e singole avversa of ed e che esce
Quindi transponder How è richiesta insistente attiva era ormai all'evasione ex Pratis andava essendo completo ed e che esse Mastranzo fonti ecco non mi affetti M. tenta Vespro audience socio ancor silenti
Qui non dà del testo c'è insomma esporli hanno anche scritto il suolo Raisi nei sensi e speciali invece
Al processo en France of Mieli ha risposto people in del blocco luogo Economics system ante trasmesse la fattispecie anch'esso Scientist ha spinto R. Morabito ANTRA Mati Dante accesi terminate experience indi ora
Di Scaccia a
Milo ai clinici Contini in più dà fiducia
Andavo
In sede trovaste attive c'è Guede veramente o meno anzi economica anzi nel coccio appassisce in joint PAI degli
Annosa me reca a permanenti dei anni in rete lì a
Già l'ANCI oltre
In Iraq a scavalco si scende da quella est-ce incinta biomasse istruite importanti queste astronauti Azzi Contini aspro ad activité grosso
Anche economica rosa ANCE mentre in Sampò favore competitive ad antecedente al global vi dice no fly tanto
Ed è che essendo affronta Bad Sex Chiras c'è competenza Acquaye PAI o al European Space incomprensioni e decrescente ci fai est leva la fede che esce una a civilmente i suona fra mosti importati Hans GERD CIAL anzi sin qui feste
La sala queste sei avvio fiero grazie apoteosi cioè esservi fomenta How esser spende io ora ed ha finito ed è che esce hanno Pappalardo eccellenze est da qui sei senza firma e decrescente
Mio uno da gennaio rapidi che tali sesso offra society ISPA mentre a Nizza dominicana effetti in trascorsa sua
Del discorso sabato scuole in
A in crisi indi è uguale a date fax io riscossa posso must ad Astrit Censi in society
Mi fece nel residence offra digital nazista o entro in scorso o infatti Benoit piangente scorso ancora operato on the way tentasse Cangemi e decresce entrambi Violante
Hanno assetati mai a volte accompagna per voi o fai fiere spot lucana tipici partissi lì lei qui sconti diverse alle covone vede iPad Hannane qui da noi del
Viti
Scorso una guerra avvenne Nicoli Cristiani Valter ovvero sia intestata hammam concimi e Tito eticità Stevens rimasta segue ed appena vinto autentiche estinta ad hoc
Ho scorso mica Simmons progressi in degli USA fui oggetto noti scorso a lei of definire veniva avvertire assume lei Titti dismesse
Eccetera eccetera
Parimenti anzi guide due riscontri del sei dati esigenze ISFOL offro ombra anta del mio in tecnologie sporco intime che posseggono Mennitti ha in sé e di cash andarmi a nozze
Beh non possa i propri fondi andaste a sentenza costasse etichette sconfini enti pende indipendenti critico alle i cancri eccellente Intini già nei ratios
Ah sì in quanto la svista tecnologico al Censis pone andando a smorza Sveva discostano e non ci può incidere Tipper agitarti ISPA sentiero incidente a queste spicca patron Auci mediche aura vuol society segue perdere
Chi chiede economico Novelli che esce ai social capital o Arbeit oggettivo c'è Ospol conseguenti
Hai focus ma accesso Angeletti Insiel tappa importante può
Volo affiora quel guizzo anche in navi Chieti a ormai circa avremmo prospero io sfilacciata
Visi sì esporrei sin dall'ebraico e decresce nata a civilmente so quattro vi investono massimi che anche auto ante questi pasticcio all'ITI occuparci veneti il da figlio d'arte è decrescente
Dissi si esce no ASPI nei ceti ASP sempre ISSI res andremo insieme tecnici giuridici avere a seguirci anzi
Testo farai queste sei Sambin a Baldini Faye decrescente
Decine o scappa con lei sentenza venti ancora meno componente in Ohio richieste ma Spinuta insieme in o Dedalo acquiescenza alterasse Cavuoti buona anzi sono enti no Intini devono essere accedeva eccetera
Insiel sta del noleggio economico a scuola ebbe
Mangrovie può e decreti e cinque Force
Antispam ed è presente l'ENAV e decrescente de e tramite bene finta ed eccessi approva diesis fuori intimi ciò succede faranno Pini di ministri
O da consolari Chezzi instante stia sbagliasse Inter Cenci Copley premono anche
Ma sui soldi IMAIE perché è sempre a dire sempre è però è semplice Richards
Ho diadema enti di speck ombra scura segue globale però sono è decrescente è specie alle dodici quindi no è decrescente a Bova compressori scoring ispiri ASP lei qua malcapitati schietti insomma i trent'PAI d'acciaio
E gira piene European Service IRS San ex per tre a signora penserà desideri Assemblée Istria sfo consulente
Pronta le rispondo oggetti Sguerri menzionata competitiva Penacio anch'Chubais tace o filanti i contatti e poi in certi errori ed è che esce antico ampi del mosto competitive anti Namik noleggio spesi economiche in da pagare
No anche tarda picchia quali
Presente
E sapete c'è
Hai un'altra volta terrete in del PAT che c'è la benzina
Ed è stato
No
Okay ciò delle note cioè a ciò incide vecchio
Fiere complicherebbe trovarsi Bye Bye sei intento grazie
Sarà il FUA dati
Salgo ai inadempiente c'è un one Weeks o essa
A di Weiss porti mai è decrescente presenziasse
Aumenti orti a
Il people impeachment venti fai anteriori fai input
Imposti venti chieste ad Access atti d'arte Lello è perché esce
Ora vorrei capire quanti freschi
A ha ben presente il quale guerra Anna Andena Imad picciotti non è
Ieri
O e si e quanti fresco verde Mercier ci vuole date in ove essi di
Io
Estenuante emendati uguale e Mimmo
Stavo
E venne in insomma investire
Meni
Altresì ma che investe il soldato ippica share ovvi bianco Collège anche da Peter
Anomalia e perché esce Samp Lanfri Scrofa sta dando i adesso
Anagni capite si dà Eataly Massi ingaggia Matrix Rice from guardi Lozza in tal senso Ovatex cioè entità l'assenza da share of degli LSU
Cioè anche i file tre rifai foulard da Sergio lei allora
O crede che esce male
Esperienza so e nel Salento efficaci per fan velocemente o facenti per senso del cioè il rischio di ancora in curva degli ultrà ed ex ante
Infine manda a casa risentire
Fronda mai all'epoca Pattix sua Hulea Nava desta sogghigna faccio venti yes cosa dice non ha senso Anna un prima pratiche immetterli no anche assenti
Sobria redento
Eventuali che Hannane qui avamposto
Buon trincee investe mora parte interna Rossi ma spin suo Hulea stanno che stanno qui roboanti eccetera politiche dire
Va bene da Federico abbiamo somma dei avverte io ho esiti concisi outsider affettive
A monte
Ho dato solo attraverso io e più in quanto le scuole non diventati guerra da fai est Azzi verso alla guerra abbia volte all'errore sport anzi meschine Sasco RIA Chaban anche Canada ascoltato frittura esiste
So io rapidi slancio in quel momento
A veniamo
O e non
IREM paura o insidie concio riesca nuovo must FAS cioè Dante chiusa piani investe nascondere che esce
E se con termini OBIS wine scrivesse la spina a parte mi snodata meni non io e quant'fresco farvi sentire da fine sulla rossa Menis e passim Aspire considera pro domo anciens
Stavo dei sessanta se non me ne all'emettitrice essendo anzi bissa non IRE o questi dirlo anche albanesi ha poco di IRE assaporo
Devo essendo upside o antichissimo onde
Klotz vige perde ancora se quel veicolo dalle rotte entro AIOP chi Expo può lei sente
Con la caccia fischietti Massimo Wong acciaio insomma villetta finché esposte ieri e decreti va bene posto asse viario ma dell'Hong
E di che esce nordisti Rizzo questi aveva
Quetti Intrastat esperte ed è che i diritti
Ma Assisi FOTA fine certe Chance conteggiando Brooks ISSI verrei traumatiche cancri click Censis
Di sempre e sui piedi approvaste enti mai era un po'Collège anch'
Io capisco inceppi n veramente fra imporsi Salina dopodiché Chenault flat danni resa dal momento a Spino for qualche fuoco ai
Il trend Contini esse i cinque io ai belliche aventi importante anziché unificante implica esce for o io le piante society bis
Bene
Hai Tiscali interseca in plastica sversa in quasi mai sette ammesse ENS
Desidero
First FAO meni qui è già Chieffo demanio è decrescente anteprime ex me mese ci disse a ma oggi vi come guitti ICI ante mesi i figli is di i quali
A Pisana stabili questa emanati Germaine sentire iniziale in parte ho mosso da disse for propormi Ansoff definisca né chi esce quindi alpine in ciò euro fronte Finlandia Menini ciò INPS
Hunter fiero cristianesimo a inviare contattò apposte Pisa educational contare i santi Istat a uguale Tecce Power e di Chieti o sinistri dicesse Power e perché i ticket
Andasse che è un buon ma spintonava estate abbiamo hanno sensuale ove mai si quattro enti tetti Ceschi Interplast fronti quasi una per e Cecchetti
Ti eccessi dei calmo
Durante e di chiarisce annacquandolo con l'errore
Annan fuori del business ma non è quanto posso sentendo il finlandese questo vi spostate
Bigino sensuale impongano est-ce que maschile andrà mai a ed e che esce antica steward regional Mills quei permetterebbe regionale ed è che esso incumbent componenti
Vernizzi guida Glocal business people andavo Panizza ha strappato il sette stanze guarda
Sono io vendevo International le stanze x Milian qui Maxim dirvi Gennaro
Capacity annoso ciò anche sul podio vicino al capacity cinque dica decrescenti
Stavo da mesi si andasse che anzi
Zecche secche al mese si è stati quei cento esistenti da qui parte Ceres impicci quindi quality underperformance Scepi cioè in corso o l'Inter troppo Once
Anna darsi noccioline desse il ove si ritiene data qui ci sono scuole alletta addosso non sui schiuma Bin investite ponti i co all'ETI
A posto
Proprio voglia detta dal Forum Sport ed è crescente
Da quasi berretti e ad accenti Dante venire
In quello che ci impone dei diversi c'è ne avrei sentito o survey SIS di performance ostili è perché esce
Detto anch'essi da fare accesi ma per
Hanno mai all'evasione performance
Incide in tal senso guardando Incet alternanza lui a mostri
Dopo se pur Bindi a investito fondi dico a lei di i colleghi is di Incet Messenger cioè l'istanza
Nuovo master fermarsi qua esiste quel sostenere con l'amica da Akron spiazza Maya
In hanno dico nuovo
E di che esce lo assiste un po'anziché affrontarli mito trust apre media classico ed eccesso non
Expert essere che smaschera bar quegli obblighi tiritere i qual è perché c'è una forte ebreo quando o Sofo doveva che in Plaza nemmeno quando entra society venne intervistato a stralcio campi aspro concepiti per
Intanto scagionati tale anzi nulla anzi Vasco compiere assicurato
Anna
Il sale i massimi indichi quali residua i club di minestra anemone
Impulso in performance anzi non conti ad emanciparsi insignificante tetti riesce il compost Sauvignon avviene latin San of power i colleghi che mi ha finisse e decrescente Händel voglio solo soldati interne
Tecce riesce inversa
Performances offro guardi abitanti
N
Niente mica anzi deve contare se me lo spiegherà attribuibili non è
Io a pieno quesiti se stessi dati di una piazza è sghembo e si mantiene intatti guerre ideale
Chi è una accetti implora Luison spasmi ENI farsi in
La legge lingue al scansa
Forse
Sanno eccelso sono Economics of ed è che esse
Mostre importanti e reca quando c'è anello di Pierre Brass manca
Altrimenti D'Alema
Ecco non mi grossa verrei Close legge a CIR messi in pista ante piselli INCE nasce non affrontare i service
Beh sponde e non andava esista romaneschi nell'anima allo sponsor buoni standard per dieci anni ma se l'ex cioè cerca l'assenso Maio andò al per capita GTT grosso in ove si di quanti free speech viene no enti insisti antietà Ausoni
Sono in forzi chiesto ai
Circa l'assenza animale in Hamas e qualità dei cibi of dei Friends
Sottostante ante riesce a EasyJet assente in Fayad andò al per capita
Disse quindi sono stati ed è che ce l'ha insidiata negli investimenti
Sovvenzionata detti visto interventi
Dal Governo in Trento porta le lingue autonomista dal
Vi Campisi in meridione Bianco Antimo Ist canna del Sinni ricalca quanto ex con sequenze is Ford Edona Meg Wolf costi riscontro instant continente assai poco
Pisa presso aziende che per in promesse indichi quale di
Insieme dell'inizio in promesse in può formarsi
Il inserzionisti intesi riserveremo è alquanto risolte in me nel rispetto e ci sono stati vittime nozze carte cespiti quindi i cuori vinerie che esce anti accipiens
Of Major risorse dati una spesa Ontani scriverci del
Does not capire cioè ospiti quindi quale DNA cimenti patronati positive Leszek segue improprio meschino quanti a Velletri incontro mezzi number
I colleghi ma spendacciona dissennate Intini infine l'antica decresce lampo lentissimi Polesi sì no intense Ventis
Per comprendere se scorre fondendo acqua Spinuta quante ne I dia
E decresce nonché i cuori dei permute Paolo Orsi da Trento o al bar vaste aziende Foppa pesce d'imperio che esce
Ammissibilità atteso vaste nei presepi TAR Lecce fine sax esempi essa anche Foreign Expert System bisex conferma Anna un accede ai si deve sempre attento no presto Ethernet speciale queste sono tempi meno eclettici ieri
Beh se stampa quando del number Suan abbazie
Prezzi a nord e vedere se
Stavo ai quel nostro IP riguarda esempi Castella equa stecchino abbattendo io siede Duini indeboliamo rischi Cialente
Prendendo potrà mese che Cialente ante blu
Estenuante Abate
Mi ha
Mai ed è partiva fame infausta antenne questi da Joseph Beggio Once Abreu esce il punk fresco
Venti rimarrebbero ippiche share offesa Blair è perché se andate in club degli oneri
Ambiente
Stralci e c'era
Ande si spezza matematica x anni eccelsa guance si Gueye stessi ma di file chiederò esporli cioè i consumi si aprendo RAI dei sistemi impronte
O lenti
Preferiamo ANAS patti Nantes Rutelli quale dei partiti e le performance rispetto al tecnico a lady
Poste dall'ERSA
Solleva Montblanc fresco lui pronti e quale di
Sono i quale di negazione
Le proprie e performance anni
Esige
E e investito Olli fuor di
Più da in e che iniuria quale che smette sieste more iniquo io godevo ai clienti dei dati stessi somme ininfluente a un Ford performance so che si oppone le investe fuori dai biologi buonissimo non c'è quindi
Non c'è i quali Tizio o
Sorde niente performances giochi
Andaste me senza copyright Anna
Troppo può anche Anna
Botta
Con soddisfa se mai messi squadra e quanti terziario and breakfast
Stavo amico
Dalloglio adatti
Cioè entro offre iniquo alle
E decrescenti sbarramenti fruibili me Battagin Lisbona quei sette paura ACM non è spesso assai di dato qua schei popolo oltraggio Reggio Prêtre social come dice il a sguardi efficace Lulli entri nel mio
Festim guizzo se economico Baccanti campus consenziente mora in mazzette Atene me nel sacco Stival scacco ANICA in scorso perché c'è la firma Piano socio modo meglio o sordi differente a sguardi
O andiamo avanti all'incipit quindi i cuori di Anna CM Dini e richieste ma spreca promesse forti volo finora in Menin disconosce inizi in sé Asquini Arce metta ciò ESPI quindi quale viene XE less between Edward riti Argos
Ma viene affidato è richiesto in orbita nascondere Azzi Bozzi meno Tanese lì ma o sotto il cioè udienza Inter Edward riti in degenza accipiens
A seguire Minerba dati in può da solo ed è che essa info Alfio c'è prospera edili scuola in quotazione in
Esegue MM adattive impedì quindi sexties antivento infausta intravascolare esplosa ASPI Lincetto il in alla stanza of scorso
Dei nomi che anzi dategli ora Piano socio in modo
Deste contezza o
I dia
I colleghi al mobile Sasi incolta o ha paura Cialente
Il resto è che lui offre socio Albatrans indebite holding society CED best of the atti letti il segreto stipendi stratificando diversi proprio ieri
Cioè senese ancora un pletorici ai finti io a finire niente is no ceti Saito vuoti ora autoscuola Scaglione perse Pisticci
Patti qui vada commerciale stime i Cure apprezzo Ente Fiera eccetera io razionale spider resi negligenze outsider offrirà
Sono è decrescente ISPA ora mosti importanti investimenti foto efficace
Grazie
Saglia il padiglione inizi tende alla Presidente della Regione Puglia
Centocinquanta anni dopo
Non è scomparso il dualismo tra nord e sud del par esce
è scomparso il sud del Paese
è scomparso dalla discussione pubblica scomparso con me oggetto di formazione di selezione delle classi dirigenti
è scomparso in termini di questione meridionale
Che da Luigi Sturzo ad Antonio Gramsci da dorso a Gaetano Salvemini
Ha rappresentato ma ci tengo a sottolineare questo punto ASS ha rappresentato non una sorta di sindacato territoriale
Ma ha rappresentato il filo rosso che cuciva la cultura generale della democrazia italiana la questione meridionale come il tema dell'unificazione del Paese
Noi
Abbiamo la necessità di nominare che il sud e siamo
Perché se non si parte dal racconto dalla visione della missione che ci diamo difficilmente riusciamo a comporre in un quadro coerente le nostre politiche
Noi vogliamo essere un sud che non ha nostalgia neo borbonica
Che rifugge dalla tentazione sudista di chi magari immagina di regredire al rango di Regno delle due Sicilia
Lo dico subito in premessa sono nettamente
Focosa mente
Convintamente contrario alla ipotesi della macro regione meridionale noi vogliamo lavorare nello schema delle macro regioni
Ma che siano macro regioni a geometria variabile
Perché penso che o oggi emerge l'identità di molteplici in mezzo giorni di molteplici sud oppure
L'idea e che lo futuro sia un salto nel passato noi vorremmo andare avanti per piacere vorremmo essere euromediterraneo vorremmo essere una porzione
Delle racconto nuovo di un europeismo capace di far tornare vivo il sogno degli Stati Uniti d'Europa
Vogliamo essere non protagonisti della somma di molte debolezze ma vorremmo essere invece in una dimensione completamente aperta al futuro e al coraggio dell'innovazione
Lo dico perché talvolta si tenta di offrire al sud come destino quello di essere il riparo per il relax
Di essere
Le cartoline illustrate del folklore
Di essere la retorica della grande bellezza
E non
Invece di essere un luogo che provarli trovare il bandolo della matassa
E cioè di ritrovare l'Italia l'Europa il mondo di ritrovare
L'idea di come sì diventa protagonisti e non prigionieri della globalizzazione
Di come si possa fare i conti con le patologie storiche i vizi morali sociali e politici del Mezzogiorno d'Italia
Ma di farlo con la capacità di rigenerare ASI di modificarsi
Ecco io ci tengo molto
Alla
Fatica della ricerca delle parole delle parole che mancano al sud delle parole che mancano per dire il sud
E sono orgoglioso di non sentirmi un sudista di non essere un leghista del sud
Ma di continuare a pensare con questa ambizione nazionale e continentale cioè il sud che vuole accettare le sfide della modernità
Le parole chiave con cui abbiamo provato a governare questi processi
In un raccordo continuo con Confindustria con i sindacati
Con gli stakeholders con il mondo giovanile le parole chiave sono queste sostenibilità inclusione educazione innovazione
Sostenibilità abbiamo provato a declinarla in un modo particolare spiegando a tutti noi che la sostenibilità non è l'evocazione dell'ambiente come un limite come una vessazione
Ma è un'idea dello sviluppo e della crescita che fa valore dell'ambiente naturale
Badate se voi provate a immaginare che cosa è stato un rapporto col mondo dell'edilizia qui in Puglia in questi anni
A partire dal rifiuto di un'idea di espansione ipertrofica delle città e a partire invece dal tema della rigenerazione urbana del riuso del recupero del patrimonio abitativo di edilizia residenziale
Lei si apre una sfida che consente di immaginare quello che non si è mai immaginato
Un rapporto nuovo tra pubblico e privato badate credo che abbiamo la necessità di uscire da quel recinto blindato e affannato in cui il pubblico vede il privato come un fenomeno neo criminale
E il privato legge nel pubblico un'attitudine vessatoria invece forse una nuova alleanza
Nel nome di una nuova idea di ricchezza ricchezza del business privato ma anche ricchezza di qualità sociale di qualità ambientale di qualità umana
Io credo che questa è la sfida che ci attende e che ci consente di andare oltre vecchie e antiche dispute
L'inclusione che significa non produrre una retorica buonista
Ma correggersi per principio di realtà che l'accoglienza è conveniente
Che accogliere integrare includere
Un ingrediente cruciale dei processi di modernizzazione
Educazione
Educare significa capire che
Non c'è un fare che non sia innanzitutto un saper fare
E che i saperi e i talenti sono il cuore del capitale sociale che consente di rinnovare le ambizioni sogni di sviluppo e di ricchezza di un territorio e innovazione ecco
Innovazione e lo dico nella regione forse che più in questi anni in Italia ha voluto investire sull'innovazione provare e riprovare non nella ricerca della pozione magica
Dell'abracadabra che appare improvvisamente
Va
Le porte del futuro l'innovazione sociale
Che è capace di agganciare le innovazioni tecnologiche l'innovazione di processo di prodotto negli apparati della produzione
L'innovazione la capacità di mettersi in discussione
La politica la burocrazia all'impresa il sindacato tutti capaci di capire che siamo atterrati in un mondo in cognito e che questo è il tempo in cui il coraggio è indispensabile per vivere il core Joan che di guardarsi allo specchio di vedere cosa non funziona più cosa appare irrituale cosa e incapace di proiettarci dentro un mondo in cui la competizione talvolta è un dato feroce
E in cui bisogna attrezzarsi
Per essere protagonisti non lamento Ursi pigliati e coraggiosi
Innovazione questo abbiamo detto queste la parola con cui abbiamo cucito le nostre politiche in questi anni
Ecco
Abbiamo provato a curare le fragilità
Del nostro territorio perché era una Regione laboriosa effervescente ma appartata creativa ma poco visibile
Bella ma sconosciuta fino a pochi anni fa
Ancora ieri sera il commissario europeo alla coesione territoriale Johannes Hahn
Ha riconosciuto alla Puglia lo sforzo e l'impegno di essere uscita dall'elenco delle Regioni canaglia
E di essere diventato un esempio virtuoso in Europa per capacità di spesa e per capacità di controllo della spesa dei fondi comunitari
E noi questi fondi li abbiamo impiegati
Dentro questa visione di una Puglia euromediterranea infrastrutturazione sociale e conciliazione dei tempi di vita di lavoro perché altrimenti il barriere
Che si ergono rendere inaccessibile al mondo delle donne l'ingresso nel mercato del lavoro sono barriere potenti se il territorio un deserto dal punto di vista dei servizi dell'accoglienza dei bambini della vita
L'investimento in
Turismo cultura creatività a una condizione però lo dico con franchezza lo dico scontenta Ando molti non c'è
Al sud la possibilità di vincere le sfide del futuro con l'economia del bricolage
Immaginando che un po'di turismo un po'di artigiani di artigianato le orecchiette la pizzica possano essere la chiave che ci consente di aprire
La porta del futuro
Sono
Di formazione antica
Penso che senza un robusto apparato industriale non funzionino neanche tutti corre e vi che normalmente sono necessari incerto per un territorio come quello pugliese o come quello meridionale
Ma vedete
Le domande che io mi sento nel cuor mio di porre
Al Governo non come l'elenco della spesa appunto diciamo
Da questo condominio particolare noi presentiamo un papello di richieste al al centro a Roma allo stato no
Vogliamo ragionare di noi come costruttori insieme a tutti gli altri delle soluzioni necessarie per andare oltre la crisi
E allora caro Governo
Noi abbiamo bisogno di riprendere con rapidità le progettazioni che consentono di rompere la solitudine della Puglia e quelle progettazioni riguardano il treno veloce da Bari a Napoli che è uno opera che noi qui
Con la Campania abbiamo progettato pensato desiderato concordato e concertato con tutti i territori con le comunità locali con l'ambientalismo con la comunità scientifica
Perché il treno veloce da Bari a Napoli
Significa rompere quel muro che separa l'economia dell'Adriatico dall'economia del Tirreno nell'Italia meridionale significa in prospettiva cambiare
La geografia trasportistica merceologiche in tutto il Mediterraneo che ritrova una sua unità e ancora noi non possiamo essere prigionieri
Di una condizione arcaica quale quella per la quale trenta chilometri di binario unico tra lei e si metterà moli impediscono alla dorsale aderì dati che ha di essere una linea effettiva di collegamento e noi non abbiamo l'ascensore che porti le nostre merci e i nostri esseri umani verso il nord
E rende questo intoppo drammatico veramente
Affannata la nostra economia e allora
Ecco una nazione e innanzitutto la sua ferrovia
E io credo che non sia una richiesta lamento OSA oppure corporativa quella che dice a abbiamo bisogno del treno ad alta capacità lungo tutta la dorsale adriatica per noi è una battaglia fondamentale
Perché stiamo ragionando così perché ragioniamo da ogni punto della P
Vogliamo guardare andò la cartina geografica dell'Italia del Mediterraneo dell'Europa quando la settimana scorsa abbiamo investito quarantuno milioni di euro
Per il collegamento tra il porto di Taranto e l'aeroporto di Grottaglie e per il raddoppio della pista di rullaggio dentro l'aeroporto
Lo abbiamo fatto immaginando che quella potesse diventare una piattaforma logistica a disposizione incerto della Puglia del Mezzogiorno lo abbiamo pensato
Qual è la speranza è l'auspicio di tutti noi siamo qui per questo questo è un bel pezzo di classe dirigente quindi se questa consapevolezza e nel cuore della classe dirigente
Ed è un interesse nazionale quello che io sto evocando penso che la potremo vincere questa battaglia via
Devo dire la verità per me che ho conosciuto nella mia vita tante sconfitte
Queste sono battaglie per le quali vale ancora la pena di spendersi fino in fondo perché ce la possiamo fare se non ci accontentiamo della mento ma se invece
Ci accontentiamo di molto cediamo
Le ambizioni grandi in cui c'è un punto fondamentale e ancora se noi immaginiamo che l'investimento sulla scuola sull'università sulla ricerca
Abbiamo un ruolo cruciale
Questo è perché l'economia ha bisogno di essere io onorata
Dalla crescita del talento della cultura in Puglia l'agricoltura è uscita da una condizione di immobilismo e di silenzio
Per l'investimento che abbiamo fatto dal punto di vista dei processi di innovazione investimento nella ricerca sul settore vitivinicolo per esempio
Cioè senza fare evolvere il know how non si va da nessuna parte ci si perde voglio dire questo non lo dico aprendo nessuna forma
Dei interlocuzione dialettica con il Governo
Le mie posizioni sono note non condivido un percorso di precarizzazione integrale del mercato del lavoro penso che il problema sia
Far crescere la qualità del lavoro far crescere il sapere produttivo penso che in un sistema economico in cui il lavoro e ricco di talenti e anche di diritti il sistema economico venga
Fatalmente irrobustito ma io non voglio discutere di questo alle regole del mercato del lavoro non producono più lavoro distribuiscono il lavoro che certi quello che io mi sento di proporre
è un discorso che non c'è più da troppi anni in Italia che cos'è l'industria torno al punto fondamentale la manifattura
Avete visto un tocco solo da qualche parte in cui
Si litighi sulle sorti della manifattura in Italia in cui possiamo mettere a fuoco qual è la volontà nostra nei confronti della meccanica della chimica della siderurgia
Dei processi di crescita dei segmenti più avanzati di impresa tecnologica
Come si fa in Italia a ragionare della fuoriuscita dalla crisi se non torna un discorso robusto di politica industriale
Noi qui in Puglia abbiamo messo in piedi un catalogo completo di incentivi
Dall'auto impresa dei migranti dei perdenti posto di lavoro dei giovani delle donne ai programmi di intendo sul finanziamento delle piccole e medie imprese
Ai contratti di programma quarantasette che abbiamo stipulato con le grandi imprese
E con questo catalogo di incentivi
Il nostro corpo a corpo per difendere il lavoro per difendere le fabbriche per difendere l'industria e per crescere in questo versante è stato premiato
Noi qui oggi a Bari abbiamo un distretto della meccanica tra i più importanti e robusti del Paese
E l'investimento nei laboratori di ricerca nell'elettronica applicata la meccanica nella meccatronica danno dei risultati importanti e se i grandi gruppi multinazionali intenzionati fino a poco tempo fa
A fare le valigie a delocalizzare lontano magari in Messico
Hanno cambiato idea parlo di idee tragga parlo di Bossi
Parlo di FIAT con Magneti Marelli perché qui hanno trovato un contesto un ambiente accogliente ha un'idea dell'Hindu chi ha certo modificata
Geneticamente modificata perché capace di accogliere come ho fatto permanente
L'innovazione
Ecco
Io mi permetto di fare questa osservazione allora
è possibile immaginare che i fondi strutturali che il salvadanaio comunitario non debba più finanziare la grande industria
è una domanda che opposto ripetutamente in questi giorni
Perché vorrei che fosse chiaro
Che se la grande industria viene cancellata da i beneficiari di incentivi come quelli dei fondi strutturali tra i pochissimi arrestati vivi come incentivi
Noi non abbiamo più una politica industriale in Italia io lo dico a persone capaci di ascoltare questo è un punto delicato seconda questione
Politica energetica
Ma scusate
è possibile che noi
Noi dobbiamo pagare in bolletta anche all'inefficienza la Puglia e il primo produttore italiano di energia da fonte rinnovabile
E la Puglia da un contributo straordinario al fabbisogno energetico del Paese anche con il ricorso i combustibili fossili c'erano docet bene
Voi sapete che c'è e non soltanto un problema di inefficienza lungo la rete di trasmissione per cui la dispersione di energia prodotta
Una proporzione rilevante c'è qualcuno che dice sarebbe pari
Alla energia prodotta in una centrale elettrica ma qua in Puglia abbiamo addirittura
Le i parchi energetici
Da fotovoltaico da eolico che producono energia che devono necessariamente disperdere perché è una sovrapproduzione
Che non riesce a essere cumulata cooptata diciamo conservata
E il problema è che i cittadini nella loro bolletta pagano gli investimenti sull'infrastruttura pagano anche i costi sullo spreco io credo che questo oggi debba essere posto come un
Il problema generale perché in Italia si parla di energia soltanto per ampliare parchi energetici ma non per disco opere di pianificazione energetica vogliamo dare qualche risposta su quale sia il fabbisogno energetico del Paese
Io non è giunto il momento di passare a quel secondo tempo della generazione diffusa di energia
Per la quale le famiglie si mettono un tetto fotovoltaico in testa e le imprese talvolta se possono pensate al mondo che agricolo si dotano di centrali di piccola taglia per l'auto sostentamento energetico cioè possiamo discutere
Pure la discussione e soltanto quella comandata dal terrorismo dei blackout che ciclicamente assedia il nostro Paese e ci impedisce di risk cute razionalmente oggi cioè il problema del gas e ieri era il problema del nucleare ma qual è il contesto in cui si svolge la nostra discussione
E poi ecco sono le domande che uno vorrebbe porre a alla classe dirigente alla giovane classe dirigente a cui Iddio da oppositore politico faccio gli auguri più sinceri
Perché non sono iscritto al partito del tanto peggio tanto meglio sono iscritto al partito della leale collaborazione tra organi diversi dello Stato e quindi AN e i ministri che sono stati qui che sono qui in questa due giorni
Faccio degli auguri sinceri però voglio sapere quando si parla di lavoro stiamo parlando di mettere in campo un bel farà
Ambientale che offra una generazione l'occasione di essere protagonista della ricostruzione fisica del Paese
Assetto idrogeologico il lavoro sulle coste sui fiumi sul territorio rurale e sulle periferie urbane sulla montagna sulla collina
E ancora avete sentito lo ha detto il presidente di Confindustria Bari battere
Michele vinci
Non un pericoloso sovversivo siamo stati strangolati dalle politiche di austerity dai vincoli del patto di stabilità ecco
Noi riusciremo a disincagliare ci perlomeno dal fanatismo ideologico con cui gli strumenti diciamo della compressione della spesa sono stati messi in campo
Noi
Riusciremo all'optare contro la grande bruttezza di un Paese che convive tranquillamente con la mafia e con la corruzione e se permettete anche qui
Un punto di riflessione sono tutti in carcere
Certo qualche primula rossa
Ancora oggetto di investigazione di ricerca pensò Mattia Messina Denaro in Sicilia ma sono sostanzialmente tutte le leadership di tutte le mafie sono ormai prigioniere da lungo tempo
Perché la mafia avendo perso i propri organismi dirigenti avendo visto disarticolato il proprio esercito e ancora così
Capace di capillare penetrazione in ogni
Piaga e in ogni piega del nostro Paese
Forse l'antimafia della repressione non è sufficiente se non nasce dell'antimafia intesa come bonifica sociale
Come crescita culturale come crescita dello sviluppo cioè LAM mafia e la paura la mafia e la scarsa democrazia la mafia e la scarsità di diritti
Sono i nemici che noi dobbiamo battere e finisco tutti noi diciamo
Che i giovani sono le giovani generazioni sono il nostro capitale sociale fondamentale
Ma i nostri ricercatori anche quando sono in odore di premio Nobel fanno la fame sono normalmente a contratti precari da mille euro al mese
E i migliori tra i nostri cervelli quelli sulla cui formazione noi facciamo un investimento notevole
Hanno come un destino quasi fatale l'emigrazione e torna tra i più piccoli come una minaccia sociale la dispersione scolastica ecco io dico questo
Mi
Giro attorno in Puglia nelle nostre start-up neri nostri Livigno l'aborto
Quindi abbiamo
Costruiti con
Se posso dire uno stile avanguardistico dentro il contesto europeo nei nostri distretti tecnologici nelle nostre università nei nostri programmi su Marte
Sta crescendo una nuova classe dirigente la domanda che io mi pongo che pongo a voi e che pongo a me
A questa gioventù
Di talento di coraggio e talvolta ricca di disperazione
Che classe dirigente noi daremo le chiavi del futuro oppure gli daremmo un foglio di via ecco penso che
Nel futuro tocchi a noi
Non rispondere verbalmente a questa domanda tutti ci attendono alla prova dei fatti grazie
Sì sale al pali scoraggiato anni Mignanelli mi se ventiquattro di Radio ventiquattro
Così
Grazie grazie
Ringrazio intervenuti adesso chiamo sul palco il Ministero Stefania Giannini
Devo avvisare tutti quelli che interverranno che faranno le relazioni e poi la tavola rotonda che purtroppo a me tocca sempre a fare da parte del cattivo ma all'una una un quarto ci cacciano da qua perché
Ci sarà lo spettacolo devono preparare le scene e quindi questo è
Il nostro destino io
E vorrei prima farle firmare prima di sentire quale sarà la scuola del futuro farle firmare il protocollo che ieri hanno firmato Poletti Squinzi
Pansa per di impegno per l'utilizzo dei giovani dei giovani selezionati da Finmeccanica quindi
Grazie e
Prima di
Darle la parola di sentire la sua relazione vorrei che lei ascoltasse questo minuto di un giovane ragazzo che sentiamo
Angelo violoncellista un ragazzo di talento che si è trasferito a Vienna liceo musicale pubblico di Vienna perché in Italia non riusciva coltivare il suo talento perché sei andato a Vienna
Ma guardate diciamo anche a Udine non mi sono trovato molto bene come istruzione c'è e
Che comunque il professore faceva fare a tutti gli studenti le stesse cose cioè non c'era una non c'era un una vera educazione somma per chi aveva un certo talento in questo modo e c'è autentica piantina che teatralità e non col mio professore con altri professori che queste persone per esempio erano locale degli altri e allora il potere
Lei ha detto no guardate siete troppo bravi dovete tornare a livello degli altri mi faccia ripetere l'anno accidenti ecco qui in in realtà si è andato a Vienna perché i a Vienna hai scoperto che in quelle scuole il talento viene apprezzato insomma i che esatto e viene insegnato meglio insomma e avete anche una un'orchestra disposizione due due orchestre evidente buona per quelli più attentati e una per quelli meno insomma detto sei tutte le intanto meno e sono ancora ricaricati
Bravo complimenti di speciale che cosa hai trovato lì e intanto anche l'età degli insegnanti c'è cittadine insegnanti che hanno appena trent'anni mi ricordi quanti anni hai tu
Tredici
Angelo
Penso che la sua relazione troppo partire da qui con
Con uno spirito di rispondere a questo ragazzo
Che pone problemi molto molto serio molte aziende grazie grazie grazie a tutti
Grazie Presidente Squinzi per questo invito molto gradito al saluto i padroni di casa il Presidente Vendola il Sindaco Emiliano
Sono veramente molte lieta di essere qui a parlare di istruzione sono stati toccati moltissimi temi ma questo
Il focus che ho deciso di dare al mio intervento all'istruzione al suo ruolo nella sofferta cornice sociale ed economica italiana ed europea
Guardate lo farò con particolare riguardo a quegli aspetti che collegano il mondo della scuola dell'università e della ricerca al mondo del lavoro mi sembra doveroso mi sembra anche pertinente a questo contesto
Ma senza trascurate senza trascurare e non me ne vogliate la contingenza storica cioè il primo test che ci troviamo ad affrontare tra quaranta giorni quarantacinque giorni
Sull'Europa sul senso dell'Europa per la politica e per i cittadini europei e quindi sul suo destino e sui riflessi che questo testo avrà sulle nostre vite
Parto quindi da una brevissima riflessione sull'Europa sulla nostra e dell'Europa
Mickey in questa parte d'Europa mediterranea che guarda a destra anticamente guarda testo mi viene spontaneo ricordare chi ha un'idea che nasce come un mito che nasce e si consolida rapidamente alla faccia arsi del primo nemico esterno
Potente minaccioso derivante proprio da sud-est furono i greci per un curioso accidente della storia
Ah maratona prima Salamina poi i primi eroici Paladini di quella comune identità di lingue di etnie e di valori che definiamo oggi Europa
Dopo i persiani sono arrivati gli arabi dopo gli arabi sono arrivati i turchi a cementare dall'esterno questo mite interno che ha alimentato fino ad oggi la nostra idea di Europa
Bruxelles ha
Contino a promuovere nel resto del mondo questo progetto politico
E lo fa giustamente pertinentemente con il linguaggio della modernità in Haiti di indago vestiti
Il bel
Il da il discorso della Presidente con cui in altri oltre toccare molto in dettaglio i temi delle di cash Anna ci ha riportato a questa cornice unitaria
Ecco oggi più che mai a me sembra cruciale insistere su questo concetto di unità
Restare uniti per combattere adesso i nemici moderni l'ombra noni ma dei mercati della finanza
Che senza eserciti forse anche senza un'identità precisa
Sembra tuttavia in grado di annientare in un attimo millenni di fatica e di speranze ma confessiamo le in questi tempi difficili anche di forti resistenze nei confronti di un modello unitario ed omogeneo
Oppure la sagoma ben ritagliata e ben definita dei mali incurabili o apparentemente tali
Tra per tre I Simeto per prima la disoccupazione e la perdita di competitività cioè di peso politico cioè di ruolo nel mondo
Ecco sul piano politico ed economico non sta a me in questa sede valutarlo ma i costi dell'integrazione ci sono apparsi chiari ci sono apparsi chiari anche i vantaggi
E quello che ha generato per ora una rassegnazione diffusa e sempre più sofferta fra chi i cittadini elettori si sente più strumento che attore di un processo di integrazione ciò resuscita certi sentimenti di
La chiamo senza veli antipatia etnica nei confronti di popoli e culture hanno è storicamente geneticamente legati i tedeschi il tedesco e la Germania per esempio
Che sembravano superati dal corso della storia e che invece Siria facciano e ciò rafforza i sentimenti di simpatia politica verso l'Europa delle istituzioni delle politiche di rigore e delle imposizioni dall'alto
Ecco io però voglio spostare è mio dovere ma è anche mio piacere farlo oggi il piano della riflessione su un altro tavolo
Sul tavolo della della cultura vorrei vedere se il problema Europa sul piano educativo e culturale
Dove i costi dell'integrazione della perdita di sovranità nazionale non sono stati ancora calcolati ne sono stati calcolati profitti se tutto questo dà risposte diverse
Che cosa significherebbe che cosa significherebbe recuperare oggi pienamente sul ciglio di un baratro economico Presidente Squinzi mi sussurrava prima che la crescita si
Appare un appare veramente molto all'orizzonte e anche della potenziale disgregazione politica che cosa significherebbe recuperare oggi un rinnovato profondo senso storico dell'universalismo europeo
Un primo profitto
La rimessa in gioco del concetto di sovranità nazionale la conseguente definitiva sconfitta dei particolarismi dei localismi più accesi e il rilancio di una politica estera culturale doverosamente ambiziosa e globale
Un secondo profitto la straordinaria opportunità di ricomporre in un nuovo con i equilibrio
I bisogni della cooperazione i bisogni della cooperazione fra Stati europei in una logica integrative aperte alla comunica interni internazionale e le istanze inderogabili della competizione
Che non è una parola negativa si è collocata in questo contesto degli Stati europei integrati e solidali verso il resto del mondo
Ecco allora la mappa antica di quell'Europa meccanica
Quella di Eschilo di Erodoto sembra naturalmente ricomporsi nel modello non ancora compiuto di un'Europa aperta integrate universale più cooperativa al suo interno per tornare ad essere il più competitiva verso l'esterno
Allora comincia da queste due parole chiave
Competizione e cooperazione per descrivere la mia idea di università di scuola il sistema dell'istruzione che ha il pilastro essenziale durevole di quell'Europa che vogliamo di cui l'Europa che mi auguro ci auguriamo e faremo di tutto perché ciò sia
è stata vincente dal teste sul nostro destino che si affaccia a giorni
Nelle nostre città
Ecco queste due parole chiave competizione e cooperazione indica alla dialettica in atto a livello mondiale tra sistemi di istruzione che mirano ad una qualità della formazione della ricerca sempre più avanzata
E sistemi chiamati nello stesso momento sempre più spesso a raccogliere la sfida dell'inclusione sociale
Dell'integrazione fra modelli sociali culturalmente eterogenei sia in senso verticale nella società che in senso orizzontale nella geografia delle migrazioni
Nel primo caso la competizione stimola condizioni di concorrenza fra atenei nel libero mercato internazionali in base a un principio diciamolo senza senza pudori di esclusività
I migliori i migliori studenti per le migliori università
Così fa e molta parte del mondo anglosassone nel secondo caso il criterio di tipo inclusivo il libero accesso per tutti in un sistema universitario diffuso e di massa
In sintesi università delitto soprattutto per ricchi e università di massa per tutti
Ma spesso svalutate questo è il punto spesso svalutato con meccanismo analoga quando si svaluta la moneta per far tutti milionarie allora questo diventa una truffa se il processo va avanti questo può diventare una truffa
Entrambi i modelli a mio parere cooperativa competitivo ormai sono indispensabili per lo sviluppo di una società globale mobile di cui anche il nostro Paese parte parte anche integrante da protagonista con tassi elevati di immigrazione il sud Europa dal Portogallo alla Grecia
A un flusso ormai un po'stabilizzato ma che negli ultimi quindici anni avuto la rapidità del cinque per mille all'anno di in crescita e tassi drammaticamente elevati di disoccupazione giovanile non ho avuto tempo di guardare il dato degli ultimi mesi ma insomma l'Italia è uno specchio direi con il suo
Trentaquattro per cento in crescita molto molto indicativo
Ecco i Paesi che hanno pregi privilegiato l'uno e l'altro fra questi due ambiti sistemi senza un equilibrio di strumenti di metodi di risorse consumano il loro futuro e non rispondono positivamente al quesito che il costo tuniche alla fine del tuo intervento
A noi serve un progetto educativo moderne potente che sia al centro dell'agenda politica del Paese che torni ad essere protagonista del suo sviluppo sociale politico ed economico indico quattro obiettivi
Primo generare trasmettere conoscenza e competenze multidisciplinari senza condizionamenti dall'esterno quindi la vera autonomia
Secondo
Favorire la circolazione di idee di persone con sostegni concreti e la mobilità europea ed extra europea
Cioè la vera internazionalizzazione sarebbe molto bello sarebbe molto bello che l'Italia nel semestre di presidenza
Potesse farsi promotrice di un Erasmus sforo di un Erasmus per tutti di una mobilità curricolare finanziata con un incentivo indiretto alle università che investono sull'internazionalizzazione perché questi sono gli strumenti concreti lì poi ci portano veramente a quell'Europa delle idee e dell'unità di cui parlavo prima
Terzo valorizzare il talento e l'impegno di studenti e di professori e ricercatori con sistema di valutazione semplici e trasparenti per l'accesso il reclutamento e la progressione in carriera in carriera cioè la vera meritocrazia
La legge duecentoquaranta vedo qui Mariastella Gelmini in prima fila la saluto
Ha fatto già dei passi in avanti in questo senso molte cose possono come sempre essere migliorate però io credo che l'introduzione del concetto di Vaduz l'azione e di auto-valutazione sia un punto di non ritorno che va
Potenziato e va messo al centro del nostro sistema educativo
Quarto trasferire contenuti e metodi verso il mondo dell'impresa delle professioni e delle istituzioni in modo che sia un rapporto di
Reciprocità e questa è la vera prospetti si analizza azione
Ecco ci sono strumenti come dicevo già esistenti che non vanno sempre inventati ex novo derivano dalla comparazione internazionale ma devono essere potenziati soprattutto impiegati con continuità nel lungo termine
E con il coraggio anche di accordi di impegni queste firme che facciamo se sono si sono qualcosa che va di più non della della turbe lei e anche retti insomma necessarie retorica celebrativa devono
Diventare e qui lo è per me un impegno istituzionale quindi
Finmeccanica da un lato noi il Ministero del lavoro per un grande progetto che intanto impiega mille giovani ma che soprattutto mette a fattor comune duemila ventimila curricula che potranno essere patrimonio per le nostre aziende
E per le nostre università
Ecco si devono anche eliminare gli ostacoli definitivamente devono essere rimossi nel presente vedo le procedure che soffocano i processi e sistemi di controllo che spesso si sostituiscono a quelli di valutazione
Quindi un'altra parola d'ordine che la semplificazione
Ora questi obiettivi si raggiungono se gli strumenti sono efficaci ovviamente se la lucidità politica è coerente continua ma anche se ci sono risorse economiche adeguate
Qui lo dico con chiarezza il finanziamento della scuola e dell'università è una priorità politica di questo Governo e questa priorità va portata in Europa questa priorità va portata in Europa come strumento
Di calcolo di investimenti e non come
Come strumento di costo questo guardate è un principio semplice è un principio quasi banale ma è un principio che non è ancora entrato nell'agenda politica di Bruxelles e nel calcolo
Della
Della
Politica del bilancio
Ora le risorse pubbliche resta l'ossigeno del sistema pubblico non c'è dubbio è inutile che faccia quei numeri e ve li ripete che sono noti a tutti in America America Stati Uniti si spendono circa undici mila dollari per studente
La media OCSE è di otto mila l'Italia arriva poco più di sei mila e questo è un dato che già ci deve far riflettere
Sarà però virtù assegnarle secondo criteri premiali io vorrei richiamare i colleghi credo presenti colleghi cioè quelli che fanno il mio mestiere
Di professore universitario anche di governatori i rettori delle università
Dobbiamo essere onesti non tutti fanno tutto con eguali risultati non tutti devono fare tutto dappertutto quindi una vera specializzazione questa quello che ci può aiutare a mettere
Ha un buon servizio un sistema efficiente
Però
Visto che sono a casa di Confindustria non resisto perdonerete
Mi perdonerete a questa tentazione
Amici imprenditori cultura istruzioni non sono un affare di Stato sono quegli strumenti basilari che fanno parte della crescita umana e civile di una società del cittadino della collettività sono quegli strumenti che migliorano le condizioni di vita che generano progresso
Anch'io sai dico o una di formazione per le parole progresso è una parola che è scomparsa la dobbiamo recuperare
Perché vuol dire andare avanti vuol dire andare oltre i numeri vuol dire dare i numeri una sostanza che qualcosa di qualitativamente necessario per il futuro della nostra società
Ecco allora anche gli investimenti privati ancora occasionali timidi in questo Paese vanno incoraggiati vanno incentivati sul piano fiscale della mentalità
Vanno stimolati anche come ad Udine come attitudine al confronto con il mondo del del istruzione
Amici imprenditori
Lo dico chiaramente adottare un talento informazione non è un gesto meno nobile non già non è un gesto più trascurabile né un investimento meno sicuro del restauro di un importante monumento
Va benissimo va benissimo favorire il restauro la conservazione e la valorizzazione dei beni tangibili ma c'è un patrimonio intangibile di cui siamo ugualmente depositari c'è un patrimonio intangibile che è nostra responsabilità
Non solo mantenere ma non solo questo dire ma valorizzare proiettare verso il futuro
E quella conoscenza teorica abbinata alle competenze professionali che gli enti che univa né una parola sola la tecnica dei greci Lars dei latini
E che deve essere
Deve essere la nostra parola chiave parlo dalla parte dell'istruzione e guardo alla parte dell'impresa
Ecco questo modello di scuole di università deve insegnare praticare e anche sancire e anche sancire nelle sue regole che non è la posizione che garantisce la competenza ma la competenza che legittima la posizione guardate questo
è il ribaltamento culturale che noi
Dobbiamo
Mettere sul tavolo I nostri studenti a questi ragazzi che qualche volta scelgono un altro Paese e mi pare di capire lo fanno anche con soddisfazione trovando cose diverse
Quindi spetta al Paese poi trasferire questo principio e affermato nella società dalla scuola alla vita
Ma c'è un altro problema quello che i giornalisti mi hanno subito chiesto
Di affrontare e lo faccio dal mio punto di vista naturalmente il problema del lavoro il problema di un lavoro precario e molto instabile guardate
Sintetizzo un'idea il precariato e la fuga dei cervelli sono due aspetti diciamo nel tempo e nello spazio
A mio parere sono due patologie del mondo giovanile presenti soprattutto in Italia ma non soltanto i acutizzarsi dalla crisi globale
Il precariato rappresenta la degenerazione di un principio di flessibilità così come l'espatrio forzato deriva da un'interpretazione equivoca e non governata del principio di mobilità
Entrambi
Alimentano la disoccupazione giovanile da qui afflitta l'Unione europea con un ritmo crescente di cui non vi ricordo i numeri
Li conoscete molto bene ho visto anche i dati il report di concept che avete fornito ai congressisti
Ora l'Istat non ci incoraggia insomma abbiamo visto che i numeri sono in crescita sappiamo che c'è chi sta meglio di noi no serie se Spartà
Se Atene se Atene piange anche spartano ritenuto più Sparta vera cioè Grecia e Spagna hanno una scenario ancora più allarmante ma
In mani altrui non possono e non debbono consolarci
Io credo che
Soprattutto se consideriamo che almeno in parte sono generati da contesti diversi e anche da diverse colpe storiche esistono rimedi noi dobbiamo porci questo quesito insieme esistono rimedi per affrontare queste due patologie
Ma la situazione italiana a mio parere Valletta e spiegata di per sé con l'onestà intellettuale di uno sguardo critico rivoltosi al passato ma anche con il coraggio di immaginare un futuro che lo superi né corregga gli errori concretamente
Provo ad indicare alcune nostre specificità e alcune nostre non me li è ereditate dal passato anche recente che continuano talvolta e questo
è il punto su cui agire anomalia nel futuro
Primo
La staticità del mercato del lavoro sia in senso verticale che in senso orizzontale
Manca un ricambio riceve generazionale a tutti i livelli e cambiare sede tipo di lavoro in non nel nostro Paese e ancora inconsueto difficile e talvolta rischi uso
Alcuni tabù sono stati sfiorati ormai si parla di tutela del lavoratore e siamo tutti d'accordo credo più che di posto di lavoro ma la strada del cambiamento è ancora lunga investe anche la mentalità del popolo italiano anche la mentalità
Su cui non credo che si possa incidere per decreto
Secondo lo squilibrio fra domanda e offerta che un tema più vicino alle responsabilità enormi che mi trovo a gestire da alcuni giorni in senso quantitativo e qualitativo in sintesi
Lo sapete molto bene scarseggiano professionalità molte richieste dal mercato dagli infermieri
Ai professionisti del tessile
Dagli specialisti del settore medico ingegneristico ad altre professioni che sono diciamo più legate alla manualità di cui questo Paese ha una storia antica importanti
Mentre si fa molta fatica ad assorbire anche nel medio termine
Alcune lauree diciamo alcuni Corsi di studio che ri
Raccolgo sinteticamente nel campo umanistico e sociale
Ecco la formazione professionale l'apprendimento di competenze specialistiche sui vari livelli possibili
Nel corso di studi sono fra le priorità politiche del mio ministero a partire dai prossimi mesi a partire dalla
Proficua collaborazione col Ministero del lavoro all'in
Carlo del programma ius garanti la garanzia giovani e questo è un obiettivo che credo sia concretamente realizzabile con modelli come quello che stiamo realizzando con ENEL
Vedo in platea il
Il dottor Conti ricordo appunto questa bella iniziativa in cui centocinquanta giovani passeranno da a partire dall'ultimo anno
Del della della loro formazione negli istituti tecnici sono segni Italia il trentacinque per cento dell'orario curricolare in azienda questi sono quegli strumenti semplici che vanno benissimo
In via sperimentale ma stanno i poi mettere a sistema stanno e trasformare in un modello esecutivo
Competenze tecniche e competenze linguistiche ho già detto in altre occasioni l'avrete visto che a mio parere un paese avanzato deve consentire a tutt'a tutti come la Presidente ragionate finlandese hanno sempre una lingua non interrompe un Campoli in altri
Di parlare un'indole un inglese veramente netti Blythe un inglese che non sia un maccheronico cigno Taggia di qualcosa che sia preso per canzoni ovvia televisiva e allora per fare questo ci sono strumenti anche qui molto precisi tecnicamente sperimentati e devono essere
Con coraggio istituiti nel mondo della scuola a partire dalla primaria
Ma
Arrivo
La dottor minori arrivo a rispondere forse al quesito di fondo che pone il giovane ragazzo il ragazzo tredicenne che
è andato a Vienna l'Italia intera riconosciute amata nel mondo come un gigante culturale per la vastità del suo patrimonio artistico per quella grande bellezza monumentale intangibile
Ma io credo cordate che questi obiettivi il passato e futuro potranno diventare veramente
Una una sfida vincente
Se riusciremo h togliere l'apparente contraddizione fra il potenziamento professionale di cui ho parlato che centro dell'agenda politica
E l'auspicato e richiesto rientro in forza delle materie umanistiche e della doverosa attenzione
Agli sbocchi occupazionali dei giovani non c'è contrasto tra queste due dimensioni non ci deve essere in contrasto quadrati amore a mare immondo classico
Le lingue che ne hanno fissato l'identità storica culturale la musica tutto questo patrimonio che non sto ora
A elencarvi
Non deve essere una colpa
Non deve essere
Una condanna per i giovani che sentono questa vocazione stanno voi incorniciare questa opportuni ita anche in una prospettiva occupazionale e comunque metterla come base come ground essenziale della nostra formazione
Generale
C'è un esempio c'è un esempio che ci permette anche di lavorare in questa direzione i neo costituiti istituti tecnici superiori che sono stati una grande novità una una bella novità che io in
Entro
Naturalmente promuovere e mandare avanti prevedono un molto opportunamente anche i settori formativi dei beni culturali e del turismo il calcio litigi
Che appunto ci rende noti nel mondo purtroppo non sono stati ancora ben sviluppati questi settori quindi qui è un lavoro anche di
Raccordo con i territori che più hanno vocazioni in questo senso
Un ultimo punto un ultimo punto che a mio parere non può essere trascurato in una considerazione generale delle sfide per le le le dell'educazione dell'istruzione in un Paese come l'Italia in un Paese euromediterranea come il nostro
Nostra un Paese l'ho detto prima anche ad alta evidenza crescente
Presenza di immigrati cioè di etniche di
Culture che sono diverse dalla nostra
Siamo tutti consapevoli che si tratta di un fenomeno strutturale e non congiunturale anche qui i numeri non li ripeto perché vi sono noti sono giovani gli immigrati sono molto giovani c'è un'età media di trentadue anni contribuente a quattro dei nostri
Noi oggi noi italiani
Fanno figli
Il ventuno per cento eh di minori e rappresentano un potenziale straordinario di forza lavoro il settantotto per cento è in età lavorativa
Mentre gli ultrasessantacinquenni superano di poco il due quindi cioè cioè una specularità assoluta
Di questo capitale umano anche di questo capitale umano l'innovazione più forte dirompente che la storia recente ci ha portato si dovrà tenere conto nel ripensare
Mondo del lavoro dell'istruzione e della formazione non si può eludere questo tema questo deve essere un tema che incluso nell'agenda che ne è parte strutturale
Potremmo farne un giacimento di talenti che vada ad aggiungersi ad integrarsi coglie già con i nostri già citati giacimenti autoctoni oppure un deposito esplosivo di asimmetrie e di scompensi sociali
Qualche spunto concreto
A riguardo la Germania i Paesi Bassi la Francia e Regno Unito hanno investito da tempo nella formazione professionale per i cittadini indigeni e stranieri riequilibrando il rapporto fra domanda interna e
E i offerta io credo che questi modelli DPS li ho citati debbano essere di più i cardini e ad essi dobbiamo affiancare quella strategia di libera circolazione di cervelli di incentivazione di percorsi di carriera
Anche nei settori professionali per giovani di talento che siano italiani o che siano stranieri
Guardate attrarre
Risorse dal
Dal
Dall'estero farne un motore di sviluppo avere una società integrata e
Inclusiva ma competitiva sono sogni ambiziosi possono apparire tali
Io credo che
In realtà
Se pochi punti qualificanti quei quattro cinque obiettivi che ho cercato di sintetizzare saranno al centro dell'agenda di un
Ministero pesante Mariastella Tullo sebbene molto pesante come quello che mi trovo
A
A governare di cui ho responsabilità si potrà dare sicuramente un contributo in questo senso però c'è un altro punto c'è un altro punto che riguarda non sono né non sono
La mio settore di di lavoro ma riguarda il Paese riguarda Presidente Squinzi il mondo dell'impresa e riguarda
Dottor Conti il mondo delle grandi aziende che
Investono
Fuori d'Italia in Italia nella ricerca e che devono fare con noi un finalmente un piano strategico della dice
Tra queste un Paese che in una
Un piano strategico della ricerca questo è un Paese che ogni anno negozia con Bruxelles i fondi strutturali che tu citavi
E che guarda caso ogni anno
A seguito della valutazione della schedina diciamo di merito che ci viene assegnata possono oscillare e purtroppo negli ultimi anni senza demeriti per e nessuno ci mancherebbe sono i sono diminuiti anziché aumentati
Horizon tanti Twenty lo sapete mette a disposizione quasi ottanta miliardi di euro per questo capitolo importante
Io presenterò al Presidente Renzi al Governo tutto un'impellente e non più prorogabile il compito di prendere un piano strategico decennale per la ricerca perché questo e l'altro punto che da la cornice strutturale
A far sì che tutti questi elementi che ci siamo detti
Possano diventare effettivamente effettivamente qualcosa di concreto e di duraturo
Allora ecco volendo concludere
In questo quadro
Io credo che il Ministro dell'istruzione della ricerca possa veramente diventare il primo responsabile
Di di una filiera che deve per forza avere successo non ci sono alternative deve per forza avere successo dalla formazione
All'apprendimento professionale al ripristino della cultura umanistico insomma a al agli strumenti che danno a una società alle condizioni di miglioramento e di sviluppo
Se questa verrà
Forse riuscirò a far sì che il ministro delle emergenze quale mi sono sentita ve lo confesso non senza sofferenze in questo primo mese diventi anche il Ministro della crescita e se verrà fatta quella nazionale che diceva
Il Sindaco Emiliano io mi candido a fare il centravanti anche se non ho il fisico del ruolo
Grazie signor ministro
Le farò telefonare ad Angelo da ragazzo speriamo che dopo lei lo fa lo convinca rientrare
Bene
Allora allora riprendiamo le la nostra tavola rotonda ripeto dopo SPEA rocche
I protagonisti saranno efficaci e sintetici perché il tempo che abbiamo non è tanto è stata revocata è stato evocato dal ministro e quindi chiamo
Maristella Gelmini bresciana
Eredità la passione per la politica da suo padre ex Sindaco
Dimezzano lasciava Lombardia nel due mila sei
Quando il Parlamento dal due mila otto due mila uno Miccichè il Ministro dell'istruzione con il Governo Berlusconi oggi una
Delle colonne portanti dell'opposizione
Riguardo all'Europa dice siamo spinsi
Di dover fare i compiti a casa ecco che ha sentito il Ministro che l'avvocata
è una linea che condivide per non fare più i compiti a casa
Nel suo settore
Rispondo subito conti a c'era la domanda ma
Vorrei anche
Come dire iniziale con una
Sottolineando
Un fatto positivo e ringraziando il Presidente Squinzi Confindustria
Perché credo che sia di buon auspicio credo che sia un fatto estremamente positivo la presenza non solo oggi del ministro degli struzzi è una presenza costante di Confindustria sul tema così importante come quello dell'education della scuola della ricerca
Dell'università
E non posso non ringraziare dalla responsabile del dell'education Ivan Lo Bello prima Gianfelice Rocca Claudio Gentili
Con cui ho condiviso
Moltissime battaglie ho avuto tantissimi spunti e credo che il fatto che oggi in un momento e di crisi di emergenza in cui le problematiche dell'impresa sono molto forte si trovi comunque lo spazio per guardare al futuro per pianificare il futuro per avere una visione d'insieme sui temi del capitale umano e della crescita e dell'educazione
Credo che sia un fatto che insomma ci ci dia un pochino di ottimismo in un momento in cui sono pochi gli elementi per essere ottimisti ecco ma la linea che ha sentito dal ministro la con
Video per parlare di cose entrano alberi tanto l'intervento del ministro ascoltato alcune parole il ministro ha parlato di
Autonomia non disgiunta dalla valutazione
Della concorrenza e della necessità di una sinergia tra il sistema pubblico il sistema
Privato si è parlato della valore inclusivo della scuola non si poteva trascurare il tema
è una collegamento sempre più forte tra scuola e lavoro quindi mi pare che il ministro usi parole nuove soprattutto sia lontano
Da un approccio ideologico che tanti danni ha prodotto alla scuola perché non è attraverso la contrapposizione tra sistema pubblico e il sistema
Privato distruzione che si possono fare
Passi avanti non è
Certamente avendo paura di un impegno diretto di una presenza diretta dell'impresa e del mondo del lavoro nella scuola
Che
Come dire si creano
Che non è creando delle barriere
Che si migliora la condizione del capitale umano in Italia o si cresce quindi credo che
Se cominciamo non da un testo di legge ma da una rivoluzione culturale da un approccio sussidiario
Al tema dell'educazione guardandolo con un qualcosa che non è venuta delegato esclusivamente al Ministero dell'istruzione
Ma è un qualcosa che ci riguarda tutti ci riguarda come cittadini come persone che abitano questo Paese che devono dare un contributo ecco io credo che questo approccio e del ministro sia assume
Franca condivisibile ecco lei è stata Ministro appunto ha fatto una riforma una riforma importante cosa resta del suo passaggio soprattutto in questa prospettiva europea quella sua riforma
Pur non essendo certamente mancate e critiche critiche a scorrere i detrattori mi rimproverano mi rimproverano esclusivamente di avere fatto tagli alla scuola io credo che di quell'impostazione
Rimanga più di quanto io potesse sperare perché se forse oggi uscendo dalla contrapposizione tra partiti e politica
E si guarda ad una collaborazione costante TERNA mai permanente tra il sistema della scuola
Dell'istruzione dell'università e della ricerca e il sistema dell'impresa e del lavoro e si considera il rilancio dell'istruzione tecnica dell'istruzione tecnica superiore prima anche vocata
E dal ministro come elementi fondamentali
Disgiunti da una connotazione di destra o di sinistra quelli rappresentano un sistema Paese una visione
Distruzione dalla quale non possiamo prescindere se non vogliamo solo scandalizzarci di fronte ai dati di una disoccupazione e
Giovanile straordinaria credo in quel senso di aver dato un contributo e anche qui in Roma però non
Sì abbiamo rotto gli schemi ma soprattutto abbiamo cercato di avvicinare il sistema delle imprese del lavoro al sistema dell'educazione e sono nati anche grazie a Confindustria anche grazie
Alle
Confederazioni provinciali
Degli esempi positivi penso per esempio il club dei quindici ormai forse sono diciassette i distretti manifatturieri in cui Confindustria adottato gli esempi migliori l'eccellenza dell'istruzione tecnica
E tutto questo sicuramente produce
Un vantaggio e va a diminuire quella distanza
E quel paradosso per cui da un lato i giovani non trovano lavoro ma dall'altro l'impresa non trovano le competenze che cercano
E allora tutto questo si fa attraverso una sinergia attraverso un appoggio sussidiario attraverso il ritorno dell'impresa nella scuola non come occupazione di spazi ma come servizio
Come valorizzazione non solo del sapere ma anche del saper fare partendo dalla consapevolezza che dobbiamo avere l'orgoglio di produrre lavoro grazie alla competenza e non grazie solo i sussidi
Certo ci sono dei momenti in cui sussidi sono indispensabili ma se non si punta sulle competenze se non si crea
Una
La capacità di fare incontrare la domanda e l'offerta è chiaro che non possiamo nemmeno sempre appellarci a degli alibi o pensare che
I dati della disoccupazione siano legati ad un destino crudele noi possiamo dare il nostro contributo possiamo ridurre quella percentuale
Devastante di disoccupazione cambiando cambiando i modelli e soprattutto non rinviando le scelte pugliese libero
Quasi tutti gli oratori
Parlando del capitale umano ci hanno detto che il livello di istruzione in realtà progressivamente in Italia decresce no cresce
Perché
I dati negativi li conosciamo li conosciamo sappiamo quanto sia difficile il nostro confronto
Con la Finlandia con i Paesi nordeuropei conosciamo i dati OCSE-PISA sappiamo che c'è una dispersione scolastica molto forte
Però io vorrei dire che ci sono anche
Dei divari territoriali ma ci sono anche punti di eccellenza certo questo e credo che sia corretto anche accanto ad un'analisi impietosa drastica dei problemi dei Garrone abbiamo davanti
Anche provvedere gli sforzi che si stanno facendo e sicuramente gli esempi legati all'istruzione tecnica e professionale
Sono anche esempi positivi e credo anche che ci sia uno sforzo da parte dei territori
Per dare un proprio contributo anche da parte degli enti locali
E devo dire che c'è stato per esempio un uso virtuoso dei fondi europei che sono serviti per migliorare
E hanno dato risultati concreti le performances dei nostri studenti per quanto riguarda le materie scientifiche
è stato grazie all'utilizzo di quei fondi grazie anche ad una formazione puntuale degli insegnanti che abbiamo raggiunto qualche risultato in più
è chiaro che i divari territoriali come spesso sottolineano le associazioni le fondazioni che si occupano di queste analisi sono importanti e allora l'inclusione sociale vuol dire
Fare uno sforzo verso l'alto e da cosa dipende la la riuscita il risultato io penso da un passaggio definitivo
Da un approccio quantitativo all'istruzione verso un approccio che invece deve guardare alla qualità non è il numero di ore non è il numero di indirizzi non è nemmeno il numero degli insegnanti che determina un risultato migliore è la qualità che sappiamo mettere in campo e la qualità del degli indirizzi che proponiamo i nostri studenti è l'orientamento cioè l'accompagnare gli studenti nella scelta
Della scuola superiore dell'università che può fare la differenza sono le politiche attive verso il lavoro e verso
La professionalità dello studente che possono fare la differenza così come credo anche che il ministro abbia fatto bene
A sottolineare la valenza centrale della valutazione
Non possiamo rinviare le scelte a quando avremo più soldi da investire ogni ministro vorrebbe avere sulle risorse infinite non e vorrebbe non doversi confrontare e spesso scontrare anche aspramente con il Ministero dell'economia
Però questo non può essere un alibi per non fare le riforme per rinviare le riforme a quando ci saranno più soldi noi dobbiamo cominciare a spendere meglio le risorse che abbiamo a disposizione
Dobbiamo avere la capacità di creare una sinergia tra le risorse pubbliche e le risorse private nella ricerca nell'innovazione nella scuola superiore nell'università
E dobbiamo soprattutto valorizzare il ruolo degli insegnanti io credo che il gap maggiore che noi oggi abbiamo è legato al fatto che gli insegnanti che sacrificano la loro vita che non sono dei dipendenti pubblici sono missionari
A cui affidiamo il futuro dei nostri figli e il futuro del Paese
Non solo non hanno un'adeguata valorizzazione sociale ma non hanno nemmeno non si vedono nemmeno riconosciuti la loro passione
La loro fatica il loro sforzo per educare le giovani generazioni non Chiarelli e non c'è avventura ieri sulla massa manca solo per gli scatti di anzianità quello che sia
Una grave limite e quindi è una località riconosce mento
Per quello di sanare in davvero che ci sono nella scuola che per stipendi bassi svolgono una funzione straordinarie quindi
Quindi e scoraggia della concorrenza il coraggio della qualità il coraggio del merito e anche del rischio
Perché non ci sono strade nuove e gli imprenditori ce lo insegnano prive di rischi quando si cerca di cambiare quando si cerca di innovare si rischia anche di sbagliare si rischia in proprio
Ma quello che non possiamo fare rinunciare al cambiamento rinunciare al coraggio di cambiare
Di percorrere strade nuove anche in una stagione in cui le risorse sono poche le difficoltà sono tante dobbiamo cambiare la funzione del ministero
Non deve essere una funzione emergenziale deve essere una funzione di pianificazione del futuro
E allora il primo ostacolo che qualsiasi ministro di qualsiasi colore politico ha
è quello di una impostazione elefantiaca il ruolo del ministero non può essere non solo a un'ora e allora come allora
Perché se no l'analisi ok però che fare continuare
Consiglio trova a dover
Brandolini antireligioso credo che
Per certi versi il primo
Antidoto alla al cambiamento purtroppo sia determinato dalla capacità e dalla voglia del ministro di combattere anche
Sacche di conservazione all'interno del ministero Stella segnala medioevali così ampia di non aver paura di non fare mai avere paura non ci bisogna neanche fidarsi troppo bisogna controllare i dati
E bisogna non cedere quando in genere arrivati a Trastevere si propongono delle nuove iniziative si dice questo non si può la risposta che si riceve non si può non ci sono i soldi si può non è possibile
No non si può fare tutto ma si deve
Avere il coraggio di intraprendere nuove strade e anche di confrontarsi con la burocrazia che spesso frena il cambiamento che è
Elefanti e che chi è lontano dai bisogni del Paese ecco su questo la politica deve avere il sopravvento e non come forma di arroganza ma come forma di servizio al Paese grazie grazie
Susanna Camusso
Milanese una vita dedicata al sindacato
Avete duale dirigente rafia milanese nel due mila e dieci viene letta Segretario generale della CGIL con nell'ottanta per cento dei voti e la prima donna alla guida della CGIL buongiorno
Ieri
Lui entriamo
Nella polemica dell'attimo ieri è stata messa sotto accusa per l'immobilismo della CGIL non solo delle organizzazioni sindacali dal Governatore della Banca d'Italia che qui con noi ecco Segretario
PC
Molto però ieri era un po'arrabbiato ieri governate da Banca d'Italia ha detto che alla base
Del mancato sviluppo c'è anche la rigidità delle organizzazioni sindacali e del sindacato lei ha risposto anche lei molto mite mente la ricetta del governatore il vecchia
Allora
Perché
Per la banale ragione di il nome delle rigidità dei flussi racconta e narra da trent'anni nel frattempo il Paese è totalmente cambiato abbiamo distrutto gran parte dell'industria manifatturiera
Abbiamo perso interi settori impegni è successo di tutto
E continuiamo a discutere se c'è una rigidità del mercato del lavoro non c'è una rigidità del mercato del lavoro addendo un livello di flessibilità assolutamente straordinario
Ventisette forme di lavoro si possono cambiare un Governo ha pensato bene che l'offerta che fa ai giovani e in quella di avere
Al massimo un contratto a termine che però nell'arco di trentasei mesi Point disdettare rifare bene o se lo voglio dire ha pensato bene ma non mi sembrava
A me questo è il pensiero che viene
Viene proposta e non corrispondeva di rigidità quale rigidità no nel sindacato senta cosa ci ha detto un ragazzo che ci ha telefonato mentre facevamo faccia a faccia proprio io e lei ambizioni qualche vale zero pochi
Dottoressa Camusso mi sento un giovane al telefono l'altro giorno ci ha detto nella vita non bisogna fare progetti altrimenti cade il mondo addosso ecco questi milioni di giovani disoccupati il mondo caduto addosso per sempre questa l'opinione del nostro sconfitta una sconfitta delle generazioni precedenti indubbio che per tanti giovani l'idea del lavoro così come l'abbiamo conosciuto noi rinuncia e quindi si fa fatica a riconosce l'organizzazione sindacale
Ecco ma un sindacato che su cinque milioni ne ha tre virgola sette di pensionati no no no kamikaze sopra il sette
No la CGIL non meno di trenta scritte Cisaria circolare dati sbagliati allora prima va bene andiamo oltre e gliene regalò tre che sono sempre tanti che cosa può rispondere a questo ragazzo UPB intorno ad esso Sicer mente con tre milioni di pensionati a questi milioni di disoccupati non ci saranno il riesame però c'è una rappresentanza bisogna sovrapporre questa volta sia schema io non li contrappone no io è un'altra una varietà ESA allora troviamo un colpevole no questa è la stagione con colpevole solo le imprese il sindacato perché va di moda no e devo dire che c'è un entusiasmo di massa nella trovare queste colpevole
Vogliamo dire cosa facciamo vi abboniamo impressionante in Italia come gli aboliamo il presidente Guindani all'organo politico che sindacale dovranno evidentemente incompatibile o andiamo noi no ma isolati guardi anch'io siccome corner divenne Agnelli cosa proponiamo ai giovani non è che possiamo continuamente affrontarlo dicendo voi non potete dare risposta
Perché ci avete anche gli anziani io le chiedo come dire al Presidente di Confindustria andando a livello regionale e le imprese non daranno risposte verso il congresso voglio sapere questa situazioni
Come problematico usata all'interno della CGIL e credo che
Un grande sindacato come il vostro lavoro evaso deve porre abbiamo detto in tante occasioni l'abbiamo anche
Tratto
Dove abbiamo un'opinione precisa che la legislazione che è stata costruita una legislazione che non permette di dire ai giovani che ci hanno una prospettiva perché
Se tu ai solo forme di lavoro a chiamata di brevissimo periodo le imprese non investono sul lavoro e i lavoratori non investono sull'impresa in cui vanno a lavorare ma abbiamo creato questo mercato del lavoro
Tant'è che chi ha competenze pensa di andarsene invece bisognerebbe
Che chi ha competenza stessa del nostro sistema
è la legislazione che è stata creata già tutti quelli che adesso ci raccontano che abbia anche dobbiamo cambiare verso sono gli autori che governano insieme a tutti quelli che hanno prodotto la legislazione
Di questo periodo che quella dei lavori a chiamata che quella dei voucher delle associazioni in partecipazione dei contratti a progetto delle partite IVA più o meno false e così via invece di investire sulla qualità del lavoro la sua formazione
Possiamo discutere di questo non mi pare si vada in questa direzione pare che si stia facendo e dall'altro però non si può continuare a contrapporre
I mondi
Il tema è non abbiamo investito sul lavoro esattamente come dove abbiamo investito sull'idea della manifattura esattamente come anche adesso stiamo raccontando che dobbiamo avere
Una pianificazione del futuro però vogliamo dire adesso dove deve andare il Paese
Verso cosa deve investire secondo lei verso corso
E dove abbiamo trovata dirlo abbiamo prodotto un piano del lavoro compiuto il Paese deve il Paese deve provare a valutare e a valorizzare le sue ricchezze
C'ha un sistema manifatturiero un po'Maccato con qualche perdita significativa però può continuare a investire rimprovera bisogna avere il coraggio di dire lo possiamo chiudere gli impianti siderurgici
Che bisogna avere quello con un punto di fornitura bisogna decidere che investimenti di ricerca fine perché regga una possibilità di innovazione di un sistema fatto troppo di piccole imprese e poco di grandi
Di grandi imprese abbiamo un territorio che abbiamo devastato che forse bisognerebbe risanare dopo di che rissa analogo vuol dire semplicemente fare i muratori che professione nobilissima
Ma è anche inventare tecnologie modelli di innovazione
Idem dica sì abbiamo un grande patrimonio culturale passiamo il nostro tempo essere sui giornali
Perché Pompei crolla un pezzo perché da un'altra parte va sotto un parco archeologico anche lì quale livello di innovazione
E di
Tecnologie possiamo immaginare allora progettare il nostro futuro dire avere un sistema di istruzione
Una politica di incentivazione degli investimenti che guarda al fatto che il Paese investe su questo ecco perché se no siamo solo a provare a imitare il resto del mondo ma io volevo capire la proposta visto che c'è stato questo diciamo questo scambio di opinioni
Con il Governatore la proposta la proposta sua
Qual è invece
Va bene le dice noi non siamo vecchi non siamo quelli che mobili siamo lo sviluppo siamo virtuosi c'è una proposta
Che ieri il ministro del lavoro ha ribadito lei
In totale disaccordo se non capisco male la proposta è uguale a tutte le cose fatte in questi anni
Non c'è nulla di innovativo giorno perché innovazione perché uno l'auto definisce
Ritiene il Governo hanno governato tutti in questi anni hanno moderna riguardo
Un Presidente del Consiglio diverse la maggioranza più veloce per stesso
Sì non riesco a capire sembra che voi non si apre nel paese però
Non non sento la proposta cioè vi va bene hanno governato male noi l'abbiamo detta la nostra proposta abbiamo detto adesso
C'è qualche altra lei lei ha detto allegando condannato
Possono dire quel che in qualche voglio né accusare le parti sociali peccato che le hanno fatte loro la legge
Lo abbiamo detto la smettiamo di adesione eravate assenti
Eh ma l'abbiamo provata contrastarle non le abbiamo mai individuate come direbbe il Presidente del Consiglio non li abbiamo vidimata una e lunghe governa con lo stesso ministro quindi fece lui lei si sente il motore del innovazione inascoltato ma no io non no tutti no vogliono problemi di vittimismo no Paolo io volevo
Capire noi facciamo la nostra parte abbiamo delle opinioni continuiamo a pensare
Che se ci sono molteplici forme di precarietà questo Paese non riparte e i giovani non hanno la visione intanto il
è certo che il punto e lì ci sono quattro milioni e i giovani mezzo sorvegliare
Continuiamo ad degli altri no son quattro milioni di giovani precari la pubblica amministrazione a in tutti i gangli necessari dei lavoratori precari nella scuola c'è una prevalenza di lavoratori precari
Resta il punto che noi abbiamo
Rincorriamo nei percorsi professionali ricostruiamo delle certezze eppure siamo riusciti a un anno l'anello che sembra in un'azienda si investe su di lui
E no intenzioni diciamo tre giorni un voucher
Tre mesi in o in tre anni e otto rinnovi di contratto non esistono in nessuna parte del mondo va beh ci saranno delle ragioni no
Sì anzi non lo sa lei io e faccio un altro mestiere
E va bene fare allora veniamo al tema delle ore che guarda proviamo resta vedere chi invece questo problema in concreto in qualche modo
A iniziato a affrontarlo Alessandro Pansa cinquantadue anni bocconiano
Conosce a memoria ente richiedente canti della Divina Commedia beato lui mentre Finmeccanica nel due mila uno cresce rapidamente le gruppo fino a diventare numero uno
Nel momento di massima crisi dell'azienda
Ha lanciato il progetto
Mille giovani
Per Finmeccanica ecco
Questa musica
Naturalmente alla fine poi vi potete fa delle domande tra di voi
Ecco ieri insieme al Ministro da confine al al Presidente di Confindustria specie mista Poletti oggi il ministro Giannini avete firmato questo protocollo per utilizzare il bacino giovani che avete selezionato
è un fatto molto positivo ci racconta come è nata questa idea
Ma lui
Sì brevemente
Io non lo sforzo di questo TiDi Presidente o piuttosto ansioso perché volevo molto sicuro che Finmeccanica sarebbe esistita in quanto tale locale
E mi svegliavo e sull'uso del quattro e cinque del mattino tutte le deroghe questa è una mattina dopo aver sentito la sera delle come di aver letto dei dati sull'occupazione giovanile mi son detto beh viabile va
Anzitutto lavori bene uno dei più grandi complessa italiano agli
Occorre inoltre agli altri doveri agli anche do come di un dovere collegato col fatto che il quaranta per cento della gente casotti delimita in tali imprese solo la foto inventarsi qualcosa la parlandole
Con la sua direzione del personale pensiamo che ci siamo detti facciamo qualcosa che come dire ci facciamo CCC facciamoci Paesi finanziamo da voi perché tanto nessuno come dire si cambia una lira per un insieme di questo tipo
E in questo modo abbiamo messo in piedi un sistema che è diventato per Bot più grande della mia banalissima idea di una mattina presto preso un po'dall'angoscia della distruzione mi trovavo
Che a puntato sarà come dire che ci che ci ha portato a
A all'attraverso sistemi ovviamente on line
A ricevere e questo è fatto drammatico cinquantasei mila
Curriculum
Le chiedo quanta sei mila
Che vuol dire
Perché indica tutti scusi tutti on line
Cicerone ascensionale va anche a me su tutto il sistema di solito sono e
Favorevole se n'è parlato al dove dove il che vuol dire che ci sono ci perché
Che indica le date ambiti cita della della della della anche personale psicologica però
Delle difficoltà qui vicoletto solo intorno al di sotto lo stesso
C'è stato poi un processo di selezione molto come dire compreso l'ho fatto con criteri molto diciamo così
Approvati trasparenti funzionanti oggettivi soprattutto chi ha puntato individuare
Attraverso svariate cancelli
Venticinque mila persone di queste venticinque mila persone cinque mila
Operando inseriti centodue mila del gruppo delle aziende lo sottogruppo i circa tre mila delle nostre Alpi delle aziende nostra figlia industriale se i nostri fornitori
Altri venti mila verranno messe a disposizione della Confindustria dei suoi uffici locali
Al fine di consentire sperare altri settori vanno sottolineate un interesse
E a tutti questi nuovi forniamo attività di orientamento di formazione in maniera tale
Da
E questo che si è fatto importante evitare che un ragazzino ragazza in via di probatorio laureato edizione del mercato del lavoro come delle commodity
Io sono convinto che il grande nuova intellettuale culturale di questo Paese e quello di spingere la gente accorrere a cercare sul lavoro
Finita una laurea breve
Fu un diploma ed essendo delle dei soggetti totalmente fungibili capito che un sistema che
Molto come dire molto e molto più anglosassone di quanto non sia Tedesco
Ma io sono convinto che il secondo sistema stia un po'meglio del primo la permanenza del Pordoi lavoro se la garanzia di investimento sulle proprie capacità il fatto di essere
Un giovane non troppo come dire fungibile si direbbe in mente un brutto termine una indicizzato de commodity Zanato è un vantaggio dello svantaggio e questo è proprio e stavo cercando di fare attenzione però
Perché l'abbiamo fatto
E perché siamo Walter perché come dire un'azienda un grande gruppo al di là del fatto che
Deve tutelare i propri interessi aziendali deve anche tutelare degli interessi generali perché
Se hai quarantadue mila dipendenti vocabolo sei come dire un articolo di un sotto scavista da trenta persone quindi deficit ha il dovere sociale che devi rispondere ma
Lo puoi fare solamente se I una Weltanschauung scusi proprio la rinviamola Melissa visione del mondo do no allora se sai che cosa vuoi che tu il tuo Gruppo come dire il tuo Paese
Oltre al sistema imprenditoriale saranno tra cinque dieci quindici anni
E sai un Progetto occhietti che
Specie aventi riuscire a come dire portare avanti e concludere
Occulta solitamente come azienda non è mai un fatto personale naturale in un ambito come dire di una strategia
Che ti porta immaginare il professor Prodi a questo significasse immaginare come sia al mondo immaginare il futuro vuoi immaginare cosa tu vuoi essere
Allora io credo che qui è un grande premo culturale questo è uguale per
Il quale poi la puntuale si sostanzia nel fatto che un'impresa un futuro e il capitale umano di di un'impresa un futuro e quindi ha voglia di essere rinnovato
Facendo progressivamente uscire quelli che hanno una certa età e facendo entrare i più giovani
Solamente se esiste una seria chiara condivisa ma soprattutto studiate pensata criticata visione del mondo questo se vuole è
Il sottoprodotto migliore di questa iniziativa da un lato ci sono cinque mila
Dipende laureati prevalentemente in materie scientifiche troppo e offre io sono in grado di adesso del liceo classico ma credo che su questo si possa come dire devo fare un pochino di ammenda forse
E dall'altro punto di vista oppure diplomati in materie scientifiche da un lato c'è questo dall'altro però questo ci ha obbligato a pensare a cosa sarà il motivo per cui la speriamo di far
è diventata ecco e il nostro Paese segue formule interverrà il Co una cosa che è emersa in tutti gli interventi ognuno con la sua sensibilità in questi due giorni
è questa esigenza di ripensare il modello del rapporto pubblico privato non più come una contrapposizione ma come veramente il motore di un cambiamento nel settore
Del lavoro della formazione questa esperienza che ha portato formalmente è questa la sfida di questo di questa con richiesta convenzione diciamo così
è un punto cioè lei cosa si aspetta da questa da questa collaborazione pubblico-privato
Sa io non credo che intanto io lo credo che si che
Esista in virtù una contrapposizione tra il pubblico il privato che non si
Venezia mai la folla dovuta all'Avana guerra ma il problema è come dire che solo pubblici migliori o peggiori privati migliore o peggiore di come dire non
Diceva Salvemini se non vado errato che come dire la classe dirigente di un Paese per il dieci per cento milioni per il dieci per cento peggiore per l'ottanta per cento uguale al Paese che il Governo quinquennio
Che cosa mi aspetto io mi aspetto
Fo dette due cose se vogliamo nulla vieta al pubblico dal privato che il poi che il pubblico da parte sua
Come dire sappia compiere delle scelte che siano
Compatibili con un
Nulla col nel processo di evoluzione del modo in cui siamo infilati che non siamo noi che siamo in grado di governare convinto determinare poi
Possiamo solamente cercare di
Influenzare il
Piccola misura che possiamo ma avendo voi trasferito le norme quota di potere che ha dei soggetti come dire
Globali planetari questo seguito in particolare della liberalizzazione dei mercati dei capitali
Che avvenne ormai molti anni fa ed è una scelta a suo tempo fatto da molti Paesi come dire non si può pensare ad altro influenzare in modo come il pubblico deve fare rendendosi conto di un di due cose uno
Sul piano dell'industria quali sono i settori industriali che vanno tutelati in un Paese come l'Italia che a Ampa anche perso la sfida dei capitali in buona parte perso il filo del lavoro
Egli resta ancora impagato un vantaggio competitivo se lo sulla tecnologia
Anche se si sta
Velocemente affievolendo e questo è il punto e quindi comprendere che le risorse che ci sono devono andare in una direzione anzi o dell'altro non posso essere io che lo dico
Ma una scelta va fatta se come dire impieghi su quale futuro da investire una scelta chiara su cui poi dopo in privato e voi vado deve adeguarsi per il privato deve essere puntiglio subordinato il punto le scelte politiche
Ad una valenza più elevata di recepimento italiano una
Una volontà
Oggi il più alto i parchi al quale il privato deve saper rispondere food una cosa sola il rischio e la capacità di gestione come ha giustamente il rischio il sistema il progetto da italiano
Temi per troppo tempo e tutt'oggi a investire poco il rischio cosa vuol dire investire il rischio oggi in Italia vuol dire investire impropri cerca di innovazione tecnologica che solo l'attività più rischiosa
Che si possa esistere ma attenzione solo anche l'attività
Più profittevole l'unica che consente di dare un futuro a questo Paese perché diavolo se noi cercavamo cinque mila ingegneri cosa faranno questi signori mite passatempo ritardi bulloni che oggi mediamente viene fatto in altri Paesi
Si occuperanno prevalentemente di andare a indossare il figlio dell'ingegnere che progetterà un anno satelliti sistemi via ieri bar pale di elicotteri è soft diradate ma e questo quello quel programma quindi questo è
L'obiettivo diciamo questa collaborazione
Questi questa questa database di cinque mila no di più ventimila ventimila ci
Quel mila sono i vostri paurosa chiaro
Metro per la semplice voglio dire nostre dove abbiamo
Dichiarato questo potrà regalare le altre aziende questo sistema ma voglio dire dov'è un le
Offre questo è semplicemente la costruzione di un sistema a punti gotico ripetibile strutturale delle Puglie assumere cento persone dico sul giornale tutto ponte no il fatto no significa mettiamo insieme
Come di una strategia di sviluppo di un soggetto industriale importante come per ragioni anche un po'casuale è rimasto come dire firme ridato Finmeccanica
E dall'altro come dire alla necessità di costruire un'occupazione qualificata e che quindi hanno solamente uno stipendio ad Arco di ragazzi giovani ma di via
Come dire quello che voi abbiamo avuto gratis il vengono lì a fare analisi allora lo si concilia giallo
Possibilità di fare delle cose chiedo inviato
Che ti piace mi diverto io mi sono mai posto credo che il mio lavoro così interessante sin da quando mi sono laureata perché gli con quelli che oggi alla mia età lo posso fare una sola cosa allora per la piccola parte nostra cerchiamo di fare piazza Camusso questa questa strada
Ma questa è una delle strade Tosini anche dire
Bisogna anche dire che in questi giorni non entrano nel con uno stage gratuito né con un'infinità processione di contratti anomali ma vengono assunti avranno poi tutti loro tutti i loro percorsi professionali entro
Grazie questo succede a tutti entro e torniamo al punto se si ha una visione l'azienda scusi un'azienda Capuzzo scusi sette dopo un'azienda dopo otto rinnovi quanti sono non so se questa persona
Vale che interesseranno assumerla
Avrà interessate delle cose la posso fare una domanda perché
Ha bisogno
Di assumerla licenziarla ogni tre mesi per tre anni per capire se vale o non vale quanto tempo ci vuole a un'impresa a capire sia una persona valore o no tre anni
Adesso
Mi pare che davvero stiamo facendo
La carica uno lo può fare anche lei prima ci sono i tre anni ecco non è obbligatorio ma allora il tema non è
Che vogliamo dirci cos'beh questo contratto è un modo di continuare ad avere la somministrazione a costi inferiori di quel che oggi costa la somministrazione della vero
Questo è il decreto che si è fatto in questo modo si continua a valorizzare tutto anche leggi censita io so bene qualunque sistema produttivo c'ha delle esigenze anche di stagionalità di periodo e così via
Ma tutto il sistema produttivo ha solo l'esigenza di breve periodo
Non c'è mai un punto di investimento
Perché non andiamo a vedere i dati delle imprese che esportano
E proviamo a vedere come sono fatti loro organici e come non utilizzano e quindi questa non è una casa e non è cari non a caso Finmeccanica esattamente con quell'operazione lì investe in termini di selezione e poi li piglia incarico
Non è che ha bisogno di dire improprio due mesi Polo Caccioppoli dalle venti giorni poi tre mesi
Va bene Francesca pugliesi
Senatrice tre figli vive tra le Marche Roma il suo impegno politico edilizia ventisei anni dei comitati Prodi da subì con la sua priorità e la scuola oggi e capogruppo del PD nella Commissione istruzione del Senato salve
Del Ministero dell'istruzione dice
Bene Giannini è svolta buona allora svolta buona si riunisce anche il PD intorno alla Giannini tutto unito
Beh intanto siamo al Governo insieme con la Giannini quindi cenno a Roma sulla amministrare illustrato in settima Commissione al Senato la prima parte il suo programma proprio quello sulla scuola e richiama proprio dunque uniti chiave che sono stati
Enunciati con forza ieri ho ascoltato con grande interesse ogni intervento ieri e voglio ringraziare davvero di cuore oltre presidente Squinzi Ivan Lo Bello Luca Paola si Claudio Gentili il
Vostro rapporto a un che di rivoluzionario
Erano rivoluzionare sentire da questa platea delle parole
Che bucava noi il Nocera e dell'FBI Mind nessun ragazzo sia lasciato indietro ieri Lo Bello lo diceva con chiarezza
è il vero spreco del Paese ogni ragazzo che noi perdiamo per la strada che abbandona la scuola
I compiti ce li detta con grande chiarezza Europa venti venti dobbiamo investire
In una crescita che sia intelligente ed inclusiva e quindi dobbiamo abbattere
I grandi divari che affliggono questo Paese abbiamo un tasso di dispersione che supera il diciotto per cento dobbiamo dimezzarlo arrivare al dieci per cento entro il due mila e venti
E abbiamo un Paese che viaggia a due velocità lo ricordava prima il Presidente Nichi Vendola e allora serve un grande investimento in e book azioni di istruzione innanzitutto nel Mezzogiorno del Paese dotandolo di quegli asili nido di quelle scuole dell'infanzia che non ci sono
Dando quel tempo scuola che manca io vivo nelle in Emilia Romagna a Bologna noi abbiamo il tempo pieno nel Mezzogiorno non sanno neppure che cosa sia
Questo significa far partire
I bambini con due anni di svantaggio di scuola rispetto ai loro coetanei che vivono nel centro nord
è una delle misure che servono per riallineare lo ha detto annuncia che in una bellissima ricerca il costo dell'ignoranza
Alzare di cento punti Pisa i livelli di apprendimento e di competenza dei ragazzi del Mezzogiorno aiuterà da far crescere le il Paese il Mezzogiorno in particolare dell'Italia di dell'uno virgola sette per cento
Questo significa nell'arco di pochi anni riuscire a recuperare quello svantaggio
Che affligge il nostro Paese da circa cento cinquant'anni ieri ci hanno raccontato delle degli esempi molto interessanti proprio delle Marche no di integrazione a disco
Buon lavoro molto efficace molto redditizi sia dal punto di vista economico che dal punto di vista della crisi delle crescite la crescita delle persone
E del lavoratore ecco questo questi noi dimensione sonno le buone pratiche che ci sono nel nostro Paese che vanno valorizzate
La grande riforma nella scuola l'ha fatta il centro sinistra e si chiama autonomia scolastica
In estrema sintesi quella riforma dice una cosa molto semplice a scuola si può fare tutto ciò che non è vietato fare
Allora anche il nostro ragazzo della telefonata di prima che è dovuto scappare in Austria
Perché suonava troppo bene il violoncello da sappia che in realtà se noi
Riusciamo a tenere le scuole aperte il pomeriggio per esempio danno la possibilità agli insegnanti e dirigenti scolastici di farne classi aperte classi di livello sia i più bravi sia i meno bravi hanno la possibilità di trovare nelle nostre scuole la strada per la prova qui a vita
Questa deve essere elastica l'ambizione del nostro Paese non è che ancora una cosa quest'accordo firmato firmato ieri completato oggi è un punto di partenza dal suo punto di vista concreto nell'interno nella
Nel rapporto pubblico-privato furono assolutamente sì larga Ranzi a giovani ha una grande opportunità per i nostri ragazzi voglio ricordarlo
Un altro degli obiettivi del Governo di Matteo Renzi è quello di rivedere i centri per l'impiego per facilitare l'incontro altra domanda di lavoro dei giovani e offerta di lavoro dell'impresa quindi dobbiamo investire sulle competenze dei ragazzi perché
A scuola possano davvero a bere abilità e competenze comparabili ai loro coetanei europei
E poi dare strumenti perché possano sperimentare che cosa significa entrare in un'azienda io voglio alla scuola tecnica la scuola professionale io invito il ministro lavorare moltissimo su questo perché vedete le mine la Romagna la regione dove vivo dopo la guerra era la regione più povera d'Italia ma gli amministratori locali lungi
Ne ha più di cronaca non lo so era più povera non lo so ma è una delle più impoverendo Bernacca d'Italia nel dopoguerra allora
Dopodiché amministratori locali lungimiranti hanno iniziato proprio di investire nelle scuole tecniche e professionali comunali come le Aldini Valleriani e da lì nacque quella rete di piccole e medie imprese che oggi rende ricca la nostra Regione grazie Alberto
La banca classe
Il novecentosessantasei veneziano fonda nel novantotto l'impresa tappi
Che produce
Tappi hi-tech che
E di design che esporta in tutto il mondo buongiorno ha sede in Ucraina e Russia e mesi in Argentina se qualcuno gli chiede perché non lascia l'Italia lui risponde il primo pensiero di ogni imprenditore deve essere libera difendere la comunità
Dove
A oggi è il Presidente della piccola industria buongiorno lei di capitale umano se ne intende è un manager che è diventato imprenditore
In un settore in realtà
Maturo però avuto molto molto successo ecco quanto ha inciso
La scelta e la qualità dei suoi collaboratori in questo successo
Moltissimo io
Penso sempre che la mia impresa ha avuto successo non mi ha avuto successo quindi per me il successo si misura sul
Quanto hai fatto per gli altri non per te stesso e quindi e io credo che i collaboratori sia un segreto
Difficile ad avere delle persone capaci informate brillante è il segreto per lavoro ecco ma il passaggio dal manager a imprenditoriale
Beh guardi è stato
è stato semplicissimo sono stato licenziato nel novantotto
E quindi ho tentato di fare qualcosa di diverso ho provato
Frequentando in sei mesi che sono rimasto a casa fiere in giro per l'Europa ho cominciato cinque lavori diverse e poi ottenuto quello che mi è piaciuto di più che ha reso di più
Quello che gli piaciuto di più e che escluse non settima ha reso di più atti ad esempio quello sapeva dopo sei regole o sbaglio un po'più avanti devo dire la verità molto più avanti e ha fatto uno studio del mercato preciso no no riguardava proprio mio conto in banca
A ha o che
Senta e parlavamo dei collaboratori e del del capitale umano lei come li sceglie
Ma guardi che amari era molto semplice
Penso che siano le regole che che più che vedono tutti faccio dedico molto tempo reclute inquini reclutamento questo sì
E quindi anche quando non ho bisogno di personale ma se c'è qualcuno che si presenta io lo dicevo molto volentieri
Guardo se a motivazione passione e competenza e possibilmente se il giovane la media detta nella mia azienda io cinquanta dipendenti in Italia e trentasette
Quindi è una caratteristica non dovuta per carità o probabilmente aumenta la motivazione essere giovani ecco lei con l'Università Ca'Foscari di Venezia un progetto che si chiama innovare che cosa
Io prima di aver avuto l'opportunità di diventare Presidente della piccola nazionale sono stato Presidente della piccola del Veneto
E nel Veneto c'è e ci siamo interrogati cosa potevamo fare per avvicinare diversi mondi e soprattutto un piano di visione
E innovare è questa raccontare che non c'è un modello simile a una valle americana non è una Silicon Valley però c'è qualcosa che funziona perché altrimenti questo Paese non si capisce perché sta in piedi
E allora se la cosa abbiamo fatto abbiamo coinvolto la Regione Veneto che ci ha messo i soldi
L'università perché il mondo dell'accademia e quello della contaminazione reale con l'impresa e l'impresa cioè Confindustria
E abbiamo studiato tutte le quattrocentosei mila partite IVA del Veneto prendendo l'elevata in cento quattrocentosei mila partite IVA del Veneto
Prendendo le trentatré mila società di capitali di queste abbiamo verificato e lavorando con
L'università un algoritmo quelle dal due mila e sette in poi quindi l'anno diciamo così della crisi o del cambiamento
Che comunque hanno performato sono andate molto bene sono riuscite a conquistarsi mercato e sono riusciti ad essere più capaci di altri ecco di quelle cosa abbiamo fatto vediamo individuate per riuscire a studiarne ed estrapolare il DNA di questa impresa
Prendere da queste imprese questo DNA regalarlo alle altre imprese raccontare che quali sono i modelli di business che funzionano e restituire invece questa impresa è un percorso formativo di alto livello di eccellenza
Quindi degli incontri specifici dove raccontiamo qui megatrend sua cosa succede in giro per il mondo e come si possono formare all'interno dell'impresa una concezione di prodotto e di processo diverso nuovo
Ecco ma nell'incubatore di start-up no i giovani i giovani sono protagonisti da voi allora quella del due mila undici ho fondato una società che si stia
Bene Turk una società per azioni dove sono soci riuscito a coinvolgere oltre quaranta imprenditori veneti
E in pratica abbiamo messo a comun denominatore le nostre esperienze le nostre capacità perché io quello che vedo in giro per l'Italia è una cosa stupefacente non sempre c'è una corrispondenza tra le capacità dell'imprenditore e la sua impresa
Nel senso che a volte
Il impresa lei redditi
A volte ti trovi all'interno di un sistema talmente complesso talmente difficile che spendi tutte le tue energie per far sopravvivere la tua impresa però io ho trovato gente con una capacità incredibile
E allora cosa ho fatto ho provato a mettere insieme queste competenze
E dire perché non le sfruttiamo in una società nuova
E con questo accettando in realtà non facciamo un incubatore ma facciamo un acceleratore d'impresa abbiamo già acquisito quattro riprese mettendo la nostra competenza essendo partecipi dei vari CdA nel consiglio d'amministrazione di queste imprese manager evitando le quindi sono gestite da manager dicevo abbiamo già sessanta dipendenti e cerchiamo di realizzare dell'impresa che diventano dei catalizzatori
Su dei cluster quindi sui tre segmenti di mercato che abbiano futuro siamo partiti con l'Elettronica poi stiamo investendo nel turismo
E ben vengano delle start-up o delle proposte di lavoro tutte le
Sì questa no è una caratteristica che non è distintiva è
Pensare ma questo
Io il per il primo puntamento quella piccola l'ho voluto fare a Ragusa perché mi piace questa idea e Bellisario
Insieme la libertà
Di girare l'Italia
Per
Che io sono stufo che si raccontino le divisioni dell'Italia e bisogna che qualcuno cominci a raccontare quali sono le comunanza viene trovo di straordinario
Ebbene come l'Università Ortigia
Lamentele sarà è un aspetto non distintivo ma di originalità cioè della parola che contiene originalità che l'origine
La
L'idea di riuscire ad essere del territorio appartenente il tuo territorio da quel senso di responsabilità dell'imprenditore quindi dell'impresa
Di dare qualcosa e fare qualcosa per il tuo territorio tutte le dell'impresa sono delle piccole o grandi comunità
E io questa distinzione tra imprenditore impresa lavoratore non ha detto siamo tutti nello stesso identica comunità
Ma
Senta un'ultima curiosità personale lei
Ha fatto fortuna con questa azienda hi-tech che fa Tatti sì ho capito bene sì sì ecco ma tappi hi-tech cosa vuol dire
Come salvavita attente allora i tappi sono semplici perché sono tappi in plastica che hanno sostituito il sughero l'idea qual è stata di i primi anni ho fatto una difficoltà enorme primo perché non mi davano i soldi quindi
Al di là di questo poi ci sono riuscito
Ma ho fatto una difficoltà perché pensavo di raccontare il prodotto dal punto di vista il tecnologico quindi di funzionalità poi ho scoperto che fanno le cose fatte bene son capaci tutti
E tutti in tutta la parte
Quindi alla fine bisogna farlo benissimo due mila cinque due mila quattro due mila e cinque
Ho cambiato idea di modello di business e quindi ho raccontato il prodotto non nella sua funzionalità ma nell'aspetto estetico e lei l'estetica italiani non solo sono riconosciuti
Ma sono i leader mondiali il Desario
La creatività e la capacità di realizzare il senso del bello attraverso il prodotto e sono Italia
E questo è stato quindi una carriera fa euro
Diciamo
Grazie
Gian Mario Bros Pietro narrano Economia all'Università di Torino dove insegna dopo insegnerà
Insegnato
Nel novantasette è stato nominato Presidente dell'IRI con il compito di privatizzare le controllate nel novantanove
Gli ha affidato la Presidenza dell'ENI per accompagnare la liberalizzazione del mercato italiano del gas all'espansione del gruppo nella produzione di idrocarburi su scala mondiale dal due mila due al due mila e dieci è stato presidente di Atlantia
Condottiero quindi di grandi aziende esperto banchiere oggi è presidente del consiglio di gestione di Intesa Sanpaolo dal maggio del
Due mila retribuzione
Bene professore
Le banche
Ne abbiamo parlato molto in questi due giorni
Ma sanno valutare i progetti delle imprese viste tutte queste
Queste sofferenze che si trovano a dover scontare
Sarebbe
Veramente inappropriato se le banche potessero valutare i progetti delle imprese meglio delle imprese stesse
Però abbiamo appena ascoltato il Presidente ma Banca dire che una misura del suo successo lui l'ha avuta guardando su conto in banca
Allora questo vuol dire che non solo le imprese ma anche le famiglie le singole persone tutti hanno come interfaccia una banca
Che è il posto dove i loro risparmi stanno dove stanno le loro potenzialità per il futuro
E finché stanno lì e non solo e non ne hanno bisogno possono essere usate dalla banca per finanziare altri progetti
Sempre che
La persona abbia la fiducia
Che i suoi soldi posso può riaverli indietro nel momento in cui gli serve ecco questo è la
Grandissima responsabilità che hanno le banche da un lato a finanziare
I progetti che possono avere successo ma dall'altro sempre
Assicurare chiunque che i soldi messi in banca sono come tutti la pensano in un posto sicuro
Ma la valutazione delle
Delle scelte degli imprenditori
Dei progetti degli imprenditori
Insisto viste le sofferenze sono valutazioni
Fate come perché è curioso da una parte
Se ha la sensazione che
Ci siano tutte queste sofferenze ma poi anche
Che le banche preferiscono avere delle banche delle imprese che dipendono
Molto dalle banche un'impressione sbagliata
è un'impressione che certamente non riguarda tutte le banche in particolare non riguarda le banche italiane
Prima me lo sono segnato ministro Giannini ha parlato dell'ombra anonima dei mercati della finanza ecco questi mercati hanno in banche italiane in particolare alla mia banca non piacciono
Noi non vogliamo avere niente a che fare con la finanza oscura
E quindi siamo banche dell'economia reale
E qui veniamo alle sofferenze è chiaro che
Se invece di investire in titoli tossici o anche solo in titoli di finanza investiamo in prestiti alle imprese
Quando l'economia va male anche i nostri prestiti soffrono
Era le sofferenze del signor intero sistema bancario italiano erano sotto il tre per cento nel due mila nove in questo momento sono sopra l'otto per cento
Allora
Il problema
Primo come valutare meglio
Vengo alla sua domanda ci sono varie tecniche certo non voglio entrare in questo momento nelle tecnicalità però certamente
Uno dei problemi che hanno le banche in questo momento innalzare la professionalità dei propri dipendenti e qui torniamo al tema di oggi resa noi
Nel nostro piano che abbiamo appena presentato ieri
Nei prossimi quattro anni pensiamo di pagare ventun miliardi di remunerazione i nostri dipendenti e di investire un miliardo
Informazione cinque milioni di giornate di formazione
Cinque milioni di giornate di formazione nel prossimo quadriennio
Ma
Io credo che non ci dobbiamo fermare lì il nostro compito non è solo di valutare bene quello che fanno gli imprenditori nostro compito è di aiutarli a fare meglio
E questo noi lo stiamo facendo
Per esempio innovazione noi abbiamo tutto da una serie di
Incubatori di start-up
Che finanziamo affinché lei le idee nuove possano germogliare ma lo ci fermiamo lì vendiamo offrirla le imprese
E quando troviamo degli imprenditori che hanno voglia di rischiare li aiutiamo
A gestire bene il loro business certamente noi abbiamo strumenti manageriali
Più ricchi più sofisticati di quelli che può avere una piccola media impresa nostro compito sarà sempre di più ma già oggi in parte di rasarmi trasferirli
Dentro l'impresa e anche aiutare l'impresa ad apparire meglio anche nel nostro interesse se noi facciamo prestiti a un'impresa che è più trasparente e che sa meglio di mostrare quali sono le sue capacità
I suoi presidi gestione quando
Verranno gli ispettori della Banca centrale europea che faranno la vigilanza quei nostri crediti
Risulteranno
Meno rischiosi e quindi per lo più sopportabile
Ecco ma
Come concreto a oggi oggi aiutare le imprese a competere perché
Il
Il credito è molto molto risicato in questa in questo momento questo periodo allora
Con quale tipo di professionalità oltre all'erogazione del credito le banche cioè voglio dire il passaggio da bancario banchiere come si fa
Allora
Partiamo dall'affermazione del credito e risicato
Che e vera
Fino a un certo punto
C'è stata una riduzione complessiva del credito negli ultimi mesi
Ma lo stock di credito erogato oggi e più alto di quello che era l'inizio della crisi mentre tutti saranno che la produzione industriale è sceso del venticinque per cento e gli investimenti sono scesi di più
Il che vuol dire che per ogni euro di investimento si fa più credito oggi che all'inizio della crisi il che vuol dire ancora che una parte del credito
Non è stato usato per fare investimenti ma per sopperire
Ai disavanzi di gestione ecco allora quello che noi dobbiamo fare aiutare le imprese uscire dai disavanzi di gestione portandole verso i mercati
Più redditizi sia quelli geografici sia quelli di prodotto e quindi aiutandole a fare le scelte di tecnologia e anche di clientela
Ecco io vorrei usare questi ultimi dieci minuti che abbiamo per questa
Tavola rotonda se se ce ne l'occasione per sapere se qualcuno di voi vuol fare qualche domanda a uno degli altri che è intervenuto
Metto a
In calce al corso allo spirito attenzione sanzione a cosa ve l'ho detto una cosa giusta è una cosa buona e giusta dapprima cosa giusta e che io non sono così convinto
Che esista una vera restrizione del credito e che questa dipenda in parte anche da una cronica sottocapitalizzazione delle aziende che questo credito lo chiedono perché se gli imprenditori italiani mette su più non so
La loro richiesta personale le loro aziende forse le banche di credito ed ebbe un po'di più mungere o se avessero più voglia di lasciare andare allo imprese sui mercati azionari staccandosi un pochino lasciarlo vivere l'Impregilo sono ontologicamente
Out autonomi ad una loro vita propria se proporre
La seconda cosa però attenzione
Perché invece esiste una grande responsabilità da parte sia bancario italiano che quelle di non saper fare più i crediti industriale
Medaglia è stata pervicacemente diligentemente oltre che come dire
Diciamo diligentemente desertificato il tessuto industriale si anche avuta una buona idea di come dire distruggere le competenze di grandi istituti di credito vogliono limiti
Il CRA di otto
I quali sapevano valutare progetti industriali settore erogare del credito a lungo termine sulla base delle competenze che gli ingegneri casualmente sempre mogli stessi stavano in questa azienda e facevano questo mestiere
Oggi
Con l'eccezione delle grandi aziende in questo paese che non hanno un problema finanziare i pochi poli industriali perché posso andare sui mercati dei capitali e quindi posso raccoglie obbligazioni a
Dieci quindici venti trent'anni come dire quindi io voto parlando per un istante è una palla se come dire vada in meno
La maggior parte delle imprese medie Italia l'una questo opportunità ma non è in grado di uscire a raccogliere finanziamenti al di sopra dei cinque anni mediamente dico bene già Gian Maria che solo un periodo che per la costruzione di un progetto industriale
E come dire da qui al prossimo urgente ecco allora credo che una ripensamento da questo punto di vista anche in termini di utilizzo
Del patrimonio di vigilanza delle banche
Consiglia facendo in modo che una parte di questo sia dedicato a un'attività in parte più rischiosa ed in parte nell'UPB U n dovremmo negativa apposto il PERT perché più rischiosa quindi relativamente meno remunerativa che quello del finanziamento del podio e di usare delle aziende
Credo che sarebbe da un lato ridurrebbe moltissimo la discussione sul criticare si dall'alto aiuterebbe seriamente come dire realizza la maggior parte di aziende italiane a poter come dire a potersi innovare
Molto di più di quanto farlo ai fornitori aveva Lulaj degli imprenditori ma la mafia l'osservazione di fondo cioè una critica di fondo rispetto
Al lavoro ovvero che deve fare la banca no quella competenza lì lei diceva prima
Professore accompagnare lo sviluppo industriale ma la competenza per farlo
Dice Pansa forse sia un po'persa cioè gli specialisti cioè
Ci sono meno quindi allora diamo bancarie banchiere Lini c'è ancora la prima banca di investimento del Paese sta fa fa parte del nostro Gruppo però è vero
Che queste competenze vanno potenziate proprio nel piano che abbiamo illustrato ieri c'è la creazione del nuovo polo per la finanza di impresa abbiamo
Messi insieme il Mediocredito con tutte le aziende che nel nostro gruppo possono completare l'offerta verso le medie impresa e poi per le grandi posso dire una cosa ancora
Ma noi abbiamo alzato il livello per il quale la banca dei territori può intervenire quindi la banca Rete quindi al sud abbiamo trenta miliardi di Investimenti e due milioni seicento mila clienti
Questa banca avrete può intervenire fino a un fatturato di trecentocinquanta milioni proprio per essere più vicini a quelli che devono crescere le imprese che invece sono grandi noi intendiamo accompagnarle fino alla borsa
Un esempio che mi viene in mente quello di Prada aveva avuto un momento difficile l'abbiamo soccorsa concreto non a breve termine l'abbiamo accompagnata la quotazione nella quotazione ci abbiamo guadagnato anche noi queste è un mestiere di banchiere fatto bene
Grazie bene c'è qualche ancora qualche domanda abbiamo no basta siamo Mezzogiorno quarto poi ci cacciano e quindi
Darei la parola vi ringrazio potete anche ritornare
Grazie
La parola a Fulvio Conti che tira un po'le fila come vicepresidente di Confindustria e organizzatore diciamo
Di questo incontro le fila del
Discorso
E le fila del discorso tocca tirarla
Un po'
Qualcuno dopo di me per riuscire a fare dopo che verranno rilancio grandi o ancora
Intanto volevo ringraziare tutti gli intervenuti di ieri di oggi per la ricchezza del dibattito sarà difficile assumerlo e probabilmente farà anche delle omissioni
Vorrei veramente per imperdonabili impara mi sembra doveroso però
Considerare il fatto che sia importante che come centro studi
Che giovamento e pensato come un organismo che fa soltanto calcoli macro economici finanziaria in realtà si ponga il problema
Di una diversa impostazione che è quella che abbiamo proposto con questa con questo seminario che è quello del capitale umano e sociale
Che secondo me secondo noi devono tornare ad essere centrali darla politica europea e per la politica italiana
Sono le leve fondamentali per generare reddito e lavoro rinnovare aumentare la produttività e costruire quel clima di fiducia che consente di poter tornare ad investire
Va dobbiamo uscire dalle formule dobbiamo uscire dalle retorica dobbiamo uscire dal
La gli appassionati discorsi e narrazioni per riportare
Il vero punto
Essenziale per questo Paese riportare al centro
L'intero capitale le persone
I nostri cittadini
Sono convinto che queste
Queste riflessioni che abbiamo
Fatto in questa questa Biennale potranno contribuire
Attivamente al dibattito sul tema del lavoro e sul tema dalla crescita
Peraltro incoraggiata da alcuni dei provvedimenti adottati dalla dal nuovo Governo
Credo che la piena del centro studi è da sempre l'occasione Popper fermare l'orologio fare esattamente questo analizzare quello che sta accadendo nel Paese
E offrire occasioni per riflettere sulle sfide della politica economica ma anche per guardare avanti e di interrogarsi su che cosa ci aspetta nel prossimo futuro
è un racconto veritieri ad uno spaccato che l'Italia offre che il centro sugli ha sempre cercato di fare con
Sano pragmatismo a volte con punte di ottimismo proprio niente
Ma comunque che ha sempre cercato scientificamente di contraddistinguere i propri rapporti c'è gli scenari economici ed industriale in modo imparziale
E in modo
Puntuale
A cominciare dal per esempio dalla studio che abbiamo titolato la lunga crisi ultima chiamata per l'Europa
In cui abbiamo descritto una crisi economica paragonabile per entità e durata ad un conflitto che ha portato ad una nuova redistribuzione geografica della ricchezza economica
E perché no anche della democrazia
E demografia
Sociale del mondo
Il conto pagato dall'Europa tra il due mila otto due mila dodici è stato salatissimo quasi trecento miliardi di euro di PIL per anzi e oltre cinquecento miliardi di euro di consumi di investimenti mancati
Questa crisi ha messo a nudo errori e debolezze strutturali dei singoli Stati ha portato alla luce le carenze decisionali collegiali in materia economica bancarie fiscale del vecchio continente
Per anni abbiamo dimenticato la nostra vocazione industriale
La nostra vocazione manifatturiera
Pensando di poter vivere solo di finanza e di servizi si è in qualche modo creato un valore che per me è un disvalore che quello
Del benessere senza lavoro il nostro obiettivo è quello di rovesciare questo disvalore farlo riportare ad un valore concreto che è quello del
Benessere con il lavoro il lavoro per il benessere
La crisi era presentato quindi uno shock necessario
Che ci obbliga a ridisegnare un nuovo modello di crescita in cui torna di grande attualità la strategia
Della politica industriale del Paese
Ma questo non soltanto del nostro Paese di tutta l'Europa
Perché l'Europa in questa crisi siero rimpicciolita
è diventata più piccole economicamente ha sempre meno proveniente rilevante dal punto di vista politico e anche demograficamente
E più disomogenea più debole politicamente all'inizio del ventesimo secolo l'Europa contava un settimo dalla popolazione del mondo e produceva un terzo della ricchezza
Oggi questa proporzione non solo si sono ridotte ad un sedicesimo ad un quinto rispettivamente ma si è perso effettivamente il peso relativo all'importanza che
Secoli di storia e di cultura
Avevano consentito al nostro continente di essere un punto di guida per il mondo nuovo e più dobbiamo tornare in qualche modo a riflettere su questo
Nel frattempo
Sempre nuovi acronimi adesso ci siamo inventati il
Il barrique timbra volti in Brecht abbiamo aggiunto ai famosi tradizionale il Brasile Russia India Cina anche Paesi come la Turchia l'Indonesia il Messico
Altri che stamani
Qualche modo affollando in maniera impetuosa sempre di più i nostri rapporti sono Paesi arrembanti che tra i soci erano le vostre ripresa crescono mediamente del cinque per cento all'anno
E dando impulsi al commercio mondiale contribuendo così per più della metà alla formazione del PIL globale per fortuna molti dei nostri imprenditori se ne sono accorti e cominciano a farsi largo anche in quei mercati
In tutto questo contesto tra il due mila sette due mila tredici il PIL italiano è tornata ai livelli del due mila abbiamo perso nove punti percentuali di prodotto industriale
Di prodotto interno lordo
La produzione industriale croato del venticinque per cento in qualche settore del quaranta per cento
E temo che una parte
In questa
Scomparsa delle Manifattura Italiana difficilmente potrà tornare indietro
La redditività aziendale se profondamente rosa non c'è nessun Paese dentro e fuori dall'Europa in cui le lancette dell'economia siano tornate così indietro come nel nostro
Ora sembra che nel due mila quattordici ci possa essere l'inizio di una ripresa
I nostro ultimo rapporto del Centro studio sulle sfide della politica economica ha sottolineato però come questa potenziale ripresa
Anche se dovesse arrivare speriamo che arrivi sarà fragile e comunque faticosa da raggiungere
Infatti se tutto andasse per il verso giusto alla fine di quest'anno due mila quattordici reddito occupazione produzione Investimenti consumi tutte le misure fondamentali che danno la misura del benessere saranno ben lontani da quelle che erano
Soltanto sette anni fra
Parte di questa capacità produttiva come dicevo è stato irrimediabilmente compromessa
Siamo
Si è creato un processo di te industrializzazione del nostro Paese
Al punto che ricordo ricordo che l'anno scorso in un incontro della piccola e media impresa
Si è e non non fittiziamente osservato un minuto di silenzio per commemorare la scomparsa di centinaia di migliaia di aziende che come l'Italia si sono
Perso in quest'ultimo quest'ultimo periodo
Questo comporta che la tenuta sociale del
Pasti al tessuto del Paese tessuto sociale del Paese messo a dura prova
Le unità di lavoro sono calate di un milione quattrocento mila
Unità
L'occupazione diminuisce drasticamente soprattutto tra i giovani e la donna cioè tra quelli
Da cui dipende maggiormente il benessere di un'azione
C'è una scatola quindi un circolo vizioso in cui l'inattività occupazionale porta minor benessere sociale induce la ricchezza del capitale umano
A sua volta poi invito al capitale umano fa scendere il benessere economico e sociale del Paese insomma si vada in una deriva
Verso la povertà sociale ed economica da interrompere al più presto per questo
Che
Proponiamo di discutere e di rilanciare il tema del capitale del capitale umano del capitale sociale
Ed è questo il senso del grido dell'appello che è stato rivolto da noi industriali fate presto alla politica fate presto sollevata a gran voce da diverse parti del Paese dal mondo con
Confindustriale
Per sollecitare i nostri Governi a fare rapidamente riforme per rimettere il nostro Paese su un solido percorso di crescita
Laddove poi la politica non ha dato risposte concrete
Noi
Non ci siamo sottratti al nostro compito di dare un contributo nostro Paese attraverso anche un progetto che abbiamo chiamato Progetto per le tali abbiamo individuato limitazioni basate su politiche fiscali semplificazione amministrativa politica industriale con relative coperture
Trovando le fonti e suggerendo gli impieghi per realizzare un futuro credibile per il nostro Paese
Fino ad ora non è stato molto bella conto evidentemente sì siamo ancora a discuterne
Certamente questo nostro progetto parte da
Puntare su di noi sulle nostre eccellenze sulla nostra industria il settore manifatturiero
Confida sull'importanza del nostro patrimonio artistico culturale e paesaggistico e infine su i nostri giovani talenti
Che sono i nostri migliori asset strategici non abbiamo gli altri non abbiamo né petrolio né carbone altre tecnologie che possano
Sostituire i nostri migliori talenti
Grazie all'innovazione tecnologica qualità artigianale fascino dei nostri prodotti e l'opera d'arte una parte dell'industria guadagnato competitività nelle esportazioni
Diversificando mercati di sbocco verso quelli più promettenti e dinamici e differenziandosi verso prodotti anche non tipici del made in Italy siamo usciti dal
Fu da un fascio soltanto
L'industria manifatturiera esibito primati tecnologici nelle classifiche mondiali
Così come è stato evidenziato da nostri seminari del Centro Studi VAC che abbiamo titolato la cultura motore dello sviluppo e i mercati esteri volano per la crescita storie di successo imprenditoriali
E dimostro la grande vitalità del tessuto industrali industriale del Paese
Nonostante il fatto
Che le aziende debbano fare i conti con un costo del lavoro della Jihad i fattori produttivi più alti rispetto ai colleghi europei
Il piombo della burocrazia delle eccesso di norme
Del cesso di norme a cui faceva anche riferimento ieri il ministro poveri
Abbiamo troppe norme contraddittorie che vanno eliminati cui faceva cenno anche il Ministro Gelmini stamani parlando normative
Sì branchi
Con cui ciascuno dei nostri
Ministri
Responsabili funzionari dei ministeri si confrontano
Ecco
Scarsità del credito continua a essere un problema nonostante tutto nonostante l'affermazione del nostro amico Gian Maria grosso continuassero problema serissimo
Ma è altrettanto vero che l'analisi che ha fatto Alessandro assoluta mancanza di un'istituzione forte conserve consolidata del credito
A medio e lungo termine per l'industria diventa un problema non c'è ragione di non tornare il fastidio mai né di un tempo
Bisogna tornare a quelle da creare perfino le obbligazioni
Come si diceva una volta l'ubicazione in
Fondiaria
Torniamo torniamo al passato per il futuro seppur necessarie
Perché questa un sistema Paese che deve creare le condizioni per promuovere la competitività non può rimanere fermo
A parte vincente delle
E e industria italiana ha dimostrato
Volontà e spirito di rinnovamento
Lo ha fatto con grande chiarezza così come siamo sempre usato quando siamo diventati nel miracolo economico italiano la quarta potenza mondiale nel manifatturiero
Dobbiamo tornare a quella
Capacità che abbiamo mostrato nel passato per risalire questa china intraprendere di innovare
E portare l'Italia fuori da questa palude
Lo dimostra anche il fatto che rispetto al passato
Sempre più donne giovani ma perché no anche immigrati crea una nuova impresa
Il coraggio degli italiani delle italiane in questo momento l'ingrediente decisivo per far scattare già in questo anno due mila quattordici la ripresa
Non è che stiamo sto dicendo cose nuove non so innovando lo sto inventando pensiero nuovo sto dicendo che qualsiasi impresa di quasi
L'inazione possa avere successo se sfrutta bene
Se far leva su tre elementi essenziali
Assente competitivi quindi buoni prodotti evidentemente una struttura organizzativa funzionante è un capitale umano di talento
Purtroppo per troppo tempo in Italia abbiamo dedicato poca cura e attenzione le nostre risorse più preziose quello umane credo che non possiamo
Perdere altro tempo
Soprattutto oggi che la sfida globale si gioca sulle conoscenze sul sapere sui livelli di competizione industriale sempre più sofisticati
Ecco quindi il senso di
People first
Persone tornano a essere centrale
Dobbiamo ripartire dalla giornalista il vero sistema
Produttivo organizzativo
Meccanico
Ma non risolto non sotto sottovalutando la meccanica in senso di operativo
Dell'Italia
Che il sistema dell'istruzione scolastica di formazione accademica professionale delle nostre future generazioni
Oggi più che mai non sappiamo di quale bagaglio di conoscenze e di competenze avremo bisogno nei prossimi cinque dieci anni
Scuola ed università devono svolgere un lavoro qualitativamente diverso
Capaci di valorizzare il talento la multi culti la cultura vita con una visione di lungo periodo
Se è vero che un sistema scolastico ed universitario in grado di formare lavoratori già pronti è un'illusione non possiamo però accettare un sistema educativo che non sia indirizzato verso il mondo del lavoro
Questo è tanto più vero
In un mondo lavoro così complessa e mutevole come quello che ci troviamo ad affrontare
In ogni azienda sappiamo bene che
I mestieri che cerchiamo oggi dieci anni fa nemmeno esistevano
Non ero nemmeno catalogate restiamo in
Inventando adesso perché sono mutate le esigenze l aspettative delle dei mercati
La complessità del mondo del lavoro inoltre oggi
Va gestita facendo i conti anche con il disallineamento tra la domanda e l'offerta ne faceva riferimento anche il ministro prima
Non è un problema di troppo o pochi laureati siccome di pochi laureati comunque ma si tratta dei quali laureati
Di dove indirizziamo i nostri giovani e non abbiamo bisogno sentite da data l'esperienza che abbiamo noi
Abbiamo bisogno di più l'ingegnere meno avvocati abbiano bisogno di più persone che sappiano fare di matematica una scienza un mestiere
Piuttosto che di comunicatori questo che dobbiamo in qualche modo fare tornare l'educazione scientifica ma tornare anche alle all'istruzione professionale
Il ruolo degli istituti professionali con la loro capacità
Di preparare i giovani entrare immediatamente nel mondo del lavoro che diventa importante qui ben venga ancora l'impressione che già mostrato venti ministro Giannini di qualche modo valorizzare
Il contenuto professionale nostra scuole si tratta quindi di
In qualche modo indirizzare culturalmente i nostri giovani verso un mestiere diverso ma lì si parte delle scuole medie
Per cambiare questa questa nostra generazione di vitale non si può partire soltanto
Dalla dall'universitario tornare indietro e ripensare il modo in cui le scuole medie funziona
Perché abbia bisogno di avere questo collegamento diretto con la scuola ancora oggi
Se è vero che pensando al nostro mestiere cercavamo delle figure standard di
Professionalità standard competenze indistinta in qualche modo a qualche anno fa oggi è infinita la gamma di Capralba capability studi di capacità di competenze chiediamo i nostri nuovi lavoratori i lavoratori
Oggi devono essere addestrati al concetto che sono mestieri ibridi multidisciplinare in quelli che noi chiediamo come aziende
Mescolando competenze antiche capacità innovative conoscenza dei territori vocazione globale abilità artigianale progettazione industriale certamente molti cultura Rita in molteplici finalità vuol dire sapere anche le lingue estere
Per me bene lingue estere quindi ben venga che essi si insegni inglese francese o altre lingue anche nel elementari se ci si trovano i professori giusto
Occorre
Quindi uno sforzo per colmare il gap tra il mondo universitario in modo particolare e l'economia reale
Non ci dobbiamo concentrare solo sul sapere ma soprattutto sul saper fare ossia sviluppare capacità di applicare di fare di lavorare in un'organizzazione anticipando il contatto tra scuola e mondo produttivo
In Italia può esistere un
Un problema serio di scarsa disuguale utilizzo del capitale umano riferimento alle alle zone diverse del Paese
Questo evidente generale anche dal fatto che non solo tra le zone del Paese ma anche fra generi anche tra
Evidentemente
Classi di età
La disoccupazione giovanile ben più forte evidentemente anche ben più preoccupante che non quella
Dell'indice generale
Pubblico passione giovanile in questo Paese seconda alla Spagna
Non è un
Va be'la classifica queste questo non è un campionato
Di calcio da giocare
Perché è un Paese
Che ha
Un sistema di riguarda forni in qualche modo bloccato che tende ad eliminare l'escludere nuove generazioni
è un Paese
Sostanzialmente fa morire le ambizioni delle future generazioni e così vuole se stesso
Non deve sorprendere anche che i nostri cervelli quindi vadano via
Questo anzi questo come un segnale di riconoscimento lo diceva bene dicono bello anche ieri che i nostri parenti sono ben apprezzati fuori dall'Italia problema che non sappiamo a trarne altrettanti
Validi dal mondo esterno
Che non riusciamo ad attrarre capitali umani in qualche modo pronto nessuno viene in Italia pensando di fare un
Un percorso professionale importante venendo dall'estero
Lavoriamo ma lavoriamo male per questo perché importiamo lavoratori poco qualificati ed esportiamo e i nostri migliori il saldo netto di questa bilancia
Assolutamente negativo
Siamo quindi consapevoli che non è soltanto attraverso le politiche dell'istruzione della formazione che potremo rilanciare il nostro capitale dobbiamo darci un po'tutti da fare dobbiamo tutti essere azionisti
Di questa ripresa del Paese
A cominciare da noi da qui c'erano i sta impresa
Che devono riconoscere
E valorizzare il merito
Dovrà essere pronta a riempire
Di più la vita lavorativa dei dipendenti di esperienze di formazione di qualità
Per arrivare anche ai sindacati alle forze sociali e altre istituzioni che devono ancora essere partner di tutti noi in un contesto complessivo
Gli sforzi unitari preoccupandoci sempre di più lì avere formazione del nostro capitale Mario di forme diverse di accesso
Nell'ambito delle politiche attive dal lavoro sostenuta dal Ministro Poletti
Quello che mi ha colpito di più nella formazione in itinere un investimento di investimento a basso costo ma come levati benefici per il mantenimento con la riqualificazione del personale nel lungo periodo
Così come è altrettanto importante il rilancio dell'apprendistato
In questa stessa direzione le aziende italiane hanno intrapreso diverse iniziative di gestione e sviluppo delle risorse umane per colmare il gap tra università d'impresa
Penso all'apprendistato professionalizzante al moderno uno al modello in alternanza scuola lavoro a progetti l'inserimento nel mondo del lavoro e altre forme di collaborazione post universitario di sviluppo di idee di impresa
Posso portare ad esempio è nell'esempio Finmeccanica eccome degli esempi che possono effettivamente e
Dare delle risposte concrete
E credo che lo facciamo impegnandoci personalmente come capi azienda come
Come negazionisti per poche perché questo progetto possa diventare uno Stendhal per il Paese e creare condizioni di sviluppo complessive
Quindi
Apprezzo molto la decisione doveva dimettere la scuola e il lavoro al centro dell'agenda politica
Perché le aree un nuovo rapporto tra economia reale e mondo sociale
Ma questo deve essere solo il primo passo di una nuova e più ampia idea di politica europea capace di parlare di più con i giovani a favore della crescita e questo dovrà essere uno dei motivi fondanti della nostra attività
Come Governo per la guida del semestre
Due mila quattordici o la nostra presenza in euro
Io credo che Confindustria non farà mancare il suo apporto proponendo come ha già fatto un progetto per l'Europa una
Il MAP che attraverso riforme istituzionali è un forte ruolo del settore industriale garantisca l'Italia la competitività necessaria
Per affrontare le sfide del mercato globale e diventare più attrattiva
Citando uno slogan di un'azienda che conosco molto bene che va in giro le televisioni questo tempo
Guardiamo avanti guardiamo avanti insieme
Guardando avanti insieme torneremo a dare a tutti i nostri cittadini giusti valori e a tutti i nostri giovani il nuovo entusiasmo per tornare a essere un grande Paese grazie per l'ascolto e buon lavoro
Grazie
Ecco prima di ascoltare le riflessioni del Governatore Visco li amo fare un piccolissimo tributo a un grande governatore della Banca d'Italia Guido Carli che è stato ricordato proprio
Da Visco ieri alla LUISS brevissimo
Carli era più un tecnico che un politico Carli nasce come tecnico un grande tecnico
Suo maestro di economia e una massima economisti alla sua epoca Marco fanno a Padova e poi chiaramente diventa un politico diventa politico ha presentato un uomo pubblico
Fino ad ora
Dice dei capelli
Dice la leggenda ma parlo della leggenda che Carli inventava le statistiche per convincere il Fund che l'Italia stava andando bene e lo faceva per il bene del Paese
Non
Cosimo italiani nelle sue memorie
Accordo con gioia il giorno del passaggio di consegne
Perché Menichella volle ritenermi un piccolo oggetto che mi avrebbe negato idealmente al suo passato il mi consegnò due chiodi intrecciati e con il suo sorriso burbero
Mi chiese di districare
Ciò fu considerato un test sufficiente
Per l'assunzione di colui che sarebbe divenuto
Governatore della Banca d'Italia
La banca
Concludo diventò la tribuna dalla quale dava suo giudizio su come
La congiuntura
Economica avvenivano affrontata dal Governo ci siamo posti e ci poniamo l'interrogativo
Sì la Banca d'Italia avrebbe potuto può potrebbe rifiutare il finanziamento del disavanzo del settore pubblico
Il rifiuto avrebbe l'apparenza di un atto di politica monetaria
Nella sostanza
Sarebbe un atto sediziose
Dell'unica strada per entrare in Europa è quella di un forte risanamento dei conti pubblici
Ma lo scontro con il partito della spesa è durissimo e arriva fin dentro le stanze del Ministero voi in effetti per portare avanti questa idea di Europa che lo porto
Alla firma del Trattato di Maastricht
Dovete fare Monte concessioni quindi Carlini lezione a noi se l'Europa fallire a questo appuntamento la prospettiva è quella di un brusco ritorno agli anni Trenta
Il ritorno in azione a rischi sarà inevitabile
Basta un nonnulla per tornare esattamente lo scenario dell'inizio degli anni trenta prima che Hitler diventasse Cancelliere o l'auspicio è che il nuovo vincolo esterno rappresentato dall'Unione economica e monetaria si anch'in ultimo e che gli uomini che si troveranno a ricostruire il rapporto tra Stato e cittadini della nostra Repubblica sappiano far scaturire dall'interno dell'ordinamento nazionale
Quei principi che fino ad oggi abbiamo deliberato dall'esterno
Grazie allora
Relatore visto
Ecco all'interno dei vincoli che abbiamo che abbiamo ascoltato per restare in Europa come si fa
A far tornare le imprese competitive e adesso lo ascoltiamo grazie grazie mille
Grazie soprattutto perché questo tema il tema
Al capitale umano unanime
Fattore importante per il capitale sociale di cui il Presidente ha parlato anche ieri un tema fondamentale sono in sintonia con molto direi quasi tutto
Quello che oggi ho ascoltato dalla Presidenza della Regione venissero del scuola e della ricerca in futuro e di università
Ma i partecipanti Pannella
Che
Appena si è tenuto
E anch'io non dirò cose nuove cercherò solo di essere coerente in qualche ragionamento
L'economia italiana si è trovata a fronteggiare le recenti crisi globale limando il debito sovrano poi
In condizioni più sfavorevoli di altri Paesi a causa di carenze strutturali anzitutto
Il debito pubblico elevato la bassa crescita dalla produttività che hanno frenato lo sviluppo sin dalla seconda metà degli anni novanta
L'impatto
C'è stato in Italia è più grave che altrove
All'inizio del due mila e quattordici la produzione industriale risulta più bassa come ha ricordato lo spirito di circa un quarto rispetto al picco ciclico dello
Due mila e otto in Francia
Il livello inferiore del sedici per cento in Germania l'attività industriale è ritornata al livello pre-crisi già
Dal due mila e undici
La disoccupazione è aumentato
Misura più marcata raddoppiando dei minimi del due mila sette
E come in altri Paesi come è stato osservato recessione prese d'atto pesato soprattutto sui giovani
Il tasso di occupazione per quelli di età
Compresa tra i quindici e ventiquattro anni preferisco il tasso di occupazione perché
Escludiamo gli studenti dalla popolazione di riferimento quel tasso di occupazione è sceso al quarantadue per cento da sessanta nel due mila e sette
Ed è sceso da settantaquattro sessantacinque per i giovani tra i venticinque e trentaquattro anni
L'attività economica mostrati recente segni di ripresa ci sono alla fine del due mila tredici si è interrotta una nuova fase recessiva che durava da oltre due anni
Il quadro economico resta però fragile e riprendere crescita robusta bilanciata in grado di creare occupazione stabile crescere la produttività del lavoro richiede inevitabilmente inevitabilmente azioni su vari fronti
Incluso il consolidamento di Bilancio e le riforme strutturali
La debolezza della produttività evidente sia in chiave storica sia rispetto ai principali correre concorrenti si è riflessa in una evoluzione sfavorevole della competitività esterna
Tra il novantasei del due mila sette la produttività oraria è cresciuta in media
Di circa lo zero virgola sei per cento l'anno e unitaria
Ed è cresciuta nell'area dell'euro più del doppio l'uno virgola quattro per cento e il triplo circa in Francia in Germania
Hanno negli anni e la crisi tra il due mila otto due mila e dodici la produttività è arretrata in Italia test di circa lo zero virgola due per cento in meno all'anno
Contrariamente a quanto accaduto in Francia in Germania e nella media dell'aria dove l'aumento è stato dello zero sette per cento sono andamenti che riflettono principalmente la mediocre crescita di quella che gli economisti chiamano
è un termine non non ovvio produttività totale dei fattori
Che dipende in misura fondamentale dal capitale umano dalla capacità di innovazione e di organizzazione dell'impresa oltre che dal contesto istituzionale
Queste determinanti cruciali dello sviluppo presentano nel nostro Paese carenze note finora irrisolte
Ed è utile guardare tutti insieme discuterne congiuntamente seppure per sommi capi anche in ragione delle interrelazioni molto pronto un charter tra queste tre variabili e della conseguente possibilità che si creino circoli viziosi
Una
Crescita sostenuta della produttività richiede una forza lavoro che sappia da una parte sfruttare appieno le potenzialità delle nuove tecnologie dall'altra adeguarsi tempestivamente alle rapida trasformazione dell'economia mondiale
Ma conoscenze con potenza dei lavoratori hanno altresì bisogno di impresa imprenditori
Dinamici e competitivi che sappiano valorizzarle aggiornarle in grado di accogliere le sfide poste dall'innovazione e dalla globalizzazione
Spetta infine alla politica e creare un contesto istituzionale più favorevole all'attività di impresa la valorizzazione del capitale umano
E quindi
Dall'analisi congiunta è funzionale alla definizione di strategie di intervento organiche di ampio respiro
Anche le riforme
Devono essere viste nel loro insieme non in modo sequenziale bisogna avere l'idea di dove si va a finire per poi a venire un quadro più incerto al quale collegare gli investimenti che si vanno effettuare
Le criticità che hanno rallentato lo sviluppo sono molteplici
è una strategia di riforma deve considerare appunto un quadro unitario tra tutte le variabili in gioco
E il contributo di tutti gli agenti del sistema economico certamente settore pubblico ma altre sigle impresa perché i lavoratori stessi
Molti indicatori mostrano tempo un ritardo
Italiano nei livelli di istruzione di apprendimento ma questo vale sia per gli studenti per adulti l'ultima indagine dell'OCSE quella pubblicata all'autunno che essi
Programma di valutazione delle competenze degli adulti
Ha mostrato per l'Italia un grado elevato anzi direi elevatissimo di alfabetismo funzionale ovvero una carenza diffusa di quelle competenze
Di lettura e comprensione logiche analitiche e quindi della messa insieme di conoscenza che rispondono alle moderne esigenze di vita di lavoro
Il settanta per cento degli adulti italiani non è in grado di comprendere adeguatamente testi lunghi e articolati e siamo gli ultimi fra tutti i Paesi rilevati
A fronte di una media
Al di sotto del cinquanta per cento tra i Paesi partecipanti
Una quota analoga non è in grado di utilizzare elaborare adeguatamente informazioni matematiche contro cinquantadue per cento nella media degli altri Paesi
Questo è in parte dovuto ai modesti livelli di istruzione formale raggiunti
E questa è una lunga storia per il nostro prese ancora distanti da quelle di altre economie avanzate nel due mila undici solo cinquantasei per cento possono italiana nella fascia d'età venticinque sessantaquattro anni
Aveva concluso un ciclo di scuola secondaria superiore
Contro il settantacinque per cento nella media dell'OCSE
Il divario rimane ancorché il più contenuto fra le Corti più giovani
Settantuno conto tanto due per cento nella fascia d'età tra i venticinque e trentaquattro anni e in questa fascia di età ancora modesta la quota dei lavori dello reati solo il quindici per cento contro più del doppio Piero il complesso degli altri Paesi
è
Altresì limitata la diffusione di forme di formazione sul posto di lavoro
Secondo i dati della ultima rilevazione europea sullo che ci sono training
Nel due mila dieci solo il cinquantasei per cento delle imprese italiane con almeno dieci addetti ha svolto svolto attività di formazione professionale per il proprio
Dipendenti è un miglioramento notevole perché nel due mila cinque
Erano
Un terzo trentadue per cento mai ancora notevolmente al di sotto della media europea
è necessario quindi capire perché famiglie impresa investano in capitale umano meno che negli altri Paesi
E nell'ultimo rapporto distruzione dell'OCSE il stato effettuato un calcolo comparando costi e benefici monetaria a volte si dice va be
Su non bisogna guardare soltanto alla convenienza di studiare bisogna valutare anche altre cose però la la una delle pose più difficili e andare a capire sì conviene
Quanto conviene invece ne sono stati fatti dei calcoli più o meno come si
Potrebbero fare
Dei calcoli per la valutazione del rendimento di un investimento in un titolo finanziario
Ora
Su questa base
Il in Italia l'acquisizione di istruzione universitaria renderebbe circa l'otto per cento questo è un valore inferiore di quasi cinque punti percentuali a quello registrato nella media dei Paesi dell'OCSE
E di quasi sei rispetto alla media dei Paesi dell'euro
Dal punto di vista della teoria economica
Questo è un paradosso a una più bassa dotazione di capitale umano dovrebbe infatti corrispondere cedere spari bus un rendimento dello stesso più elevato non più basso trattandosi di un fattore relativamente scarsa
Ora questa che è un'anomalia
Per l'Italia può essere ricondotta a diversi fattori abbiamo studiati analizzati adesso discussi in altre sedi ma essi richiedono politiche coordinate che vanno
Ad agire devono agire sul fatto diversi fronti
Sicuramente è importante crescere la qualità
Del capitale umano da cui possono attingere alle imprese
Rendere quindi sistema di istruzione scolastica universitaria che efficiente e più attrattivo anche per studenti ricercatori stranieri più differenziato e specializzato al suo interno
Come ha sottolineato dal Ministro Gelmini con una maggiore mobilità geografica degli docenti esterni che studenti
Necessaria anche lì è stato sottolineato rimuovere gli ostacoli all'incontro efficiente tra domanda e offerta di competenze ad esempio migliorando il flusso informativo
Tra università e mondo del lavoro differenziando i curricula universitari adeguandoli alle reali competenze richieste
Nel sistema produttivo scuole università dovrebbero essere maggiormente indirizzate a favorire
Lo sviluppo di esperienze
Lavorative precoci in modo da facilitare la successiva transizione nel mercato del lavoro anche nel quadro del piano io garantiti è un programma dell'Unione europea che si propone appunto di garantire
A tutti i giovani sotto i venticinque anni
Non occupati e che non frequentano un corso di studi un'offerta di lavoro adeguata o l'inserimento in un percorso di formazione entro quattro anni quattro mesi altro ministro
Dall'inizio della disoccupazione vi è infine la responsabilità del sistema produttivo
E questo io penso
Che che sia evidente a tutti che sembra sembra
Prediligere ancora ma chi sono importanti eccezioni molto importanti eccezioni tecnologie settori che non richiedono competenze elevate
Una domanda di lavoratori qualificati relativamente contenuta emerge anche dalla evidenze che sono preliminari su quella che viene definita la fuga dei cervelli
Ora
Un punto importante è salvare che l'Italia ex sesta
A per numero di ricercatori che hanno vinto un grandezza del European Research Council
Le borse di ricerca che sono finanziate dalla Commissione europea
Allo stesso tempo però e l'unico tra
Tutti i Paesi principali per cui la maggioranza di vincitori di queste grandi risiede all'estero
Gli investimenti in ricerca e sviluppo e l'innovazione
Accrescano l'efficienza produttiva dell'impresa e dell'intero sistema economico è quasi una banalità lo diciamo sempre eppure dietro questa questa osservazione non a questa soluzione non seguono fatti
Però questi investimenti in genere l'evidenza diffusa favoriscono lo sviluppo del prodotto dell'occupazione aumentano il benessere complessivo
In Italia la spesa in ricerca e sviluppo che
Come spesa un'importante misura delle risorse anche se non l'unica impiegate per la produzione innovazione bassa
Ed è bassa nel confronto internazionale essendo lontana
Ma molto lontana dall'Obiettivo del tre per cento fissato dalla Commissione europea ne assorbe gira Europa venti venti
E ancora poco sopra l'un per cento ma lo era dieci anni fa vent'anni fa non si è mossa una ridotta professione alla ricerca allo sviluppo si riflette una scarsa capacità brevettuale secondo i dati dell'OCSE
La quota italiana sul totale dei brevetti depositati presso le da Pian patent Office era nel due mila dieci pari a circa il quattro per cento
Poco più della metà che in Francia un quinto che in Germania e meno di un sesto dagli Stati Uniti che hanno ovviamente regista del G sono brevetti
In Europa la rilevanza dell'Italia purtroppo è ancora minore nei settori innovativi delle biotecnologie
Dell'informazione
Del delle tecnologie dell'informazione e comunicazione
Delle nanotecnologie Sartori nei quali i brevetti italiani sono pari a poco più del due per cento del totale contro l'otto per la Francia il sedici per la Germania il trentaquattro per gli Stati Uniti
In quest'ultimo Paese lo straordinario sviluppo di questi settori sta ridisegnando la mappa della crescita e la nuova geografia dei lavori
Come recita l'ultimo rinvio di un brillante economista italiano che insegna Berkley
Proprio non ricco madri Mori e l'espansione di questi settori innovativi costituisce infatti il principale motore della crescita della produttività e dell'occupazione
Si stima che ogni nuovo lavoro cosiddetto hi-tech
Creato in una data area metropolitana si associno cinque nuovi posti di lavoro in altri settori spesso anche nel servizio più basso contenuto di istruzione di competenze
Ora l'utilizzo di indicatori quali la spesa ricette sviluppo a volte criticato o anche quello di numeri numero ibridi brevetti ed ero comporta i evita abilmente una sottostima dello sforzo innovativo soprattutto in quei Paesi come l'Italia dove domina la presenza di imprese dimensione piccola e media
Che tipicamente innovano senza registrare ufficialmente spesi in ricerca e sviluppo
Tuttavia le innovazioni Rezzato di queste imprese sono spesso soltanto incrementale
Porta una lezione di prodotti che sono nuovi per l'impresa ma non per il mercato e mi risulta nel complesso affievolito l'effetto sul potenziale di crescita
è un dato incoraggiante emerge dalle star start-up innovative abbiamo sentito qualcosa oggi iscritte al registro delle imprese in base al decreto legge cosiddetto sviluppo bis dell'ottobre due mila dodici
Sono circa mille ottocento le imprese che per oltre sessant'per cento operano in settori high tech in particolare nelle biotecnologie
E nell'information technology ma in Italia l'attività innovativa risente negativamente della modesta capacità delle politiche pubbliche di creare un ambiente dinamico favorevole innovazione
Come risulta anche da questi indicatori che spesso si citano prende la Banca mondiale sulle quali abbiamo molto lavorato per
E perché molte volte erano non riflettevano adeguatamente la qualità e anche i progressi del nostro Paese ma dei quali ancora risulta un una arretratezza
Del complesso dell'industria italiana l'allocazione delle risorse verso le imprese più negative come tutta questa indicatori è frenata da un contesto istituzionale che ostacolo all'avvio dello svolgimento dell'attività di impresa
E da una regolamentazione talvolta troppo restrittiva insomma non c'è l'impresa non è favorita
E non si tratta di agevolazioni sussidi
Incentivi e alto è proprio un
Un atteggiamento diciamo quasi culturale il il contributo però delle imprese imprescindibile
Gli imprenditori devono cogliere le sfide del cambiamento e devono puntare loro stessi sull'innovazione sulla capacità di partecipare attivamente alle filiere produttive globali e di essere presenti
Sì mercati esteri più dinamici alcune lo hanno già fatto lo stanno facendo bene altre e purtroppo si tratta di una maggioranza così ampia da condizionare testistiche aggregate
Ancora stenta no
Innovazione internazionalizzazione si rafforzano vicendevolmente sono due componenti di una medesima strategia di successo l'internazionalizzazione noi spesso
Siamo critichiamo poi anche l'outsourcing lo spostamento fuori molte analisi mostrano che le imprese però che vanno fuori sono anche quelle che in casa occupano di più quindi bisogna guardare un po'più in profondità
Comunque queste questo binomio tra innovazione transazione è importante l'interazione favorisce l'ampliamento la diversificazione dei mercati di sbocco accresce il rendimento netto degli investimenti progetti innovativi
Innovazione di processo accrescere l'efficienza e quindi la complicità di costo e l'impresa quella di prodotto sostiene che la capacità cosiddette non di prezzo quella che sta sostenendo
Punto adesso le esportazioni del Paese in entrambi i casi ne beneficia la capacità di accedere a nuovi mercati internazionali espandersi in quelli sui quali si è già presente
E noto che la mia dimensione aziendale pur con le necessarie qualificazione del termine appare cruciale nel dispensare l'insieme delle decisioni strategiche dell'impresa
La piccola dimensione rende più difficile assorbire i costi fissi connessi con l'avvio di un'attività di esportazione o di produzione all'estero e con lì asimmetrie informative sulle modalità di accesso ai mercati esteri
Non consente di beneficiare delle economie di scala insite nell'innovazione tecnologica e in tutte quelle altre attività a monte a valle della produzione
Marketing pubblicità periti distributive che sono fondamentali per accrescere la capacità competitiva
Ma innaturale ed accade in tutti i Paesi che le nuove idee imprenditoriali in una prima fase prendono la forma di imprese di piccola dimensione
Quello che è meno naturale come che accade da noi la gran parte di queste aziende
Resti intrappolata in scale produttive ridotte
Sembrando priva del notevole potenziale di crescita tipico della stampa più innovative che stanno guidando l'attuale rivoluzione tecnologica nel mondo
L'espansione del perimetro aziendale il rafforzamento della capacità di innovazione e internazionalizzazione richiedono all'impresa di saper intraprendere profondi processi di trasformazione modificando la propria struttura finanziaria
Anche con l'investimento come è stato osservato di risorse proprie
E adeguando gli assetti proprietari la governance e i modelli organizzativi
Il miglioramento della compito delle imprese passa in misura importante però attraverso la valorizzazione e lo sviluppo del capitale umano di cui dispongono anche in collaborazione con il sistema di istruzione e di ricerca
A questo riguardo
Studi della Banca d'Italia mostrano come
Rapporti di lavoro più stabili
Possono stimolare l'accumulazione di capitale umano incentivando di lavoratori ad acquisire competenze specifiche l'attività dell'impresa io credo che di questo l'impresa siano assolutamente consapevoli
Quindi una cosa sono i contratti è una cosa sono i rapporti di lavoro ma sui rapporti di lavoro stabili si fonda poi anche la capacità di chi opera nelle imprese di investire lui stesse in capitale umano di beneficiare dell'investimento in formazione
Che viene che ci viene rivolto
In questo modo si rafforza l'intensità dell'attività innovativa e in ultima istanza la dinamica della produttività
Nel confronto con gli altri principali Paesi avanzati la struttura finanziaria delle imprese italiane e più sbilanciata verso l'indebitamento
è un tratto strutturale che dipende anche dalla scarsa propensione delle imprese ad aprire l'azionariato investitori che spero mi
Vi sono altri
Spetti natura più congiunturale che hanno contribuito gli anni precedenti la crisi condizioni di offerta di credito molto favorevoli è una marcata attiva attenuazione dal due mila uno
Albini delle agevolazioni fiscali per gli aumenti di capitali previste dalla duali con taxi poi abolita nel due mila e quattro
Il grado di lei raggi dell'impresa
Che gli Coppoli inverso
Della grado dica di capitalizzazione è aumentato di oltre dieci punti percentuali l'inizio scorso decennio raggiungendo il quarantasette per cento nel terzo trimestre due mila e tredici
Il quaranta in Germania il trenta in Francia
C'è di e molto debito rispetto al capitale che nell'impresa
E alla crescita dell'indebitamento non ha corrisposto un rafforzamento della capacità delle imprese di sostenere nel costo
Il rapporto tra oneri finanziari immagine lordi
è progressivamente aumentato ora un maggior contributo del capitale della struttura finanziaria di imprese oltre renderle meno vulnerabili nelle fasi negative del ciclo consentirebbe di finanziare più agevolmente
Progetti caratterizzanti del rischio rendimenti elevati come quelli legati all'innovazione all'internazionalizzazione
Gli incentivi sono recentemente mutati nella giusta direzione vi sono limiti più stringenti ai giudici Vilita degli interessi pagati sul debito piena possibilità di ridurre
Dal due mila undici un rendimento figurativo dei nuovi apporti di capitale
Con il che si eviti dato in buona parte le differenza di trattamento fiscale tra capitale di rischio e capitale di debito
Le imprese
Non potranno che trova e vantaggio da questo mutamento di incentivi nel loro scelte il finanziamento anche se la fase congiunturale difficile neo allenta gli effetti
Un segnale positivo emerge la maggiore interesse per la quotazione in borsa dal gennaio due mila tredici sono quotate oltre venti imprese italiane
Il più
Altro numero dal due mila sette altri annunciato l'intenzione di farlo escono quotazioni che non ricordato in larga parte società non finanziarie di dimensioni medio piccole
Che si sono concentrate nel mercato alternativo del capitale che possiede missione requisiti regolamentari
Inferiori rispetto a quello principale ora lampeggiare il ricorso al capitale di chiede all'impresa è un impegno ad accrescere la trasparenza dei bilanci l'apertura soggetti esteri
E proseguendo nel consolidamento della propria dotazione di capitale però le banche stesse possono assicurare un adeguato sostegno finanziario alle imprese questo il motivo per cui
Noi continuiamo insistere per
Lamento di capitale la penalizzazione delle banche e
Anche insistere per perché abbiamo dei bilanci più sani in cui vi siano coperture rispetto I rischi accumulati per quelle sofferenze di cui si parlava prima più più
Più attenti ora è anche importante però
Per gli intermediari possedere un'attitudine nei confronti del credito legata alla qualità delle stesse imprese e al loro impegno a porre in essere i necessari processi di riorganizzazione vi sono molte imprese che non si riorganizzano
Buona parte della riorganizzazione può essere invece condizionata al credito che viene che viene concesso per il finanziamento dei loro investimenti
Le imprese però possono anche ricercare
Nuove riscossa da affiancare prestiti bancari in questo caso e nell'interesse delle banche
Favorire un più ampio accesso diretto delle imprese mercati del capitale sono imprese piccole gli strumenti finanziari normali le obbligazioni non sono gli strumenti ovvi vi sono però altri strumenti di e molto
Che si sta studiando al riguardo è una delle questioni per esempio che si discuterà anche all'Ecofin latine
Lunedì e martedì prossimo
E ed è nell'interesse delle banche favorire che l'impresa nell'accedere direttamente questi mercati
Con un rapporto equilibrato quindi per loro stesse tra impieghi e depositi e condividendo quel mercato i rischi insiti nei finanziamenti alle che integra
Evitando l'emergere di conflitti di interesse di a
In qualche modo
Una non di a sostituzione Nadia complementarità in queste forme di finanziamento
Una ripresa robusta duratura della crescita e chiudo dell'economia italiana costituisce necessario presupposto per il progressivo riassorbimento della disoccupazione e per offrire concrete prospettive di occupazione e tutti i cittadini
E alle generazioni più giovani in particolare che sono quelle più colpite dalla crisi
Funzionale a rafforzare la sostenibilità della finanze pubbliche e la stabilità finanziaria di banche impresa ma la ripresa della crescita richiede di affrontare risolutamente i nodi strutturali che hanno frenato l'economia italiana
Già prima della crisi che ne hanno aggravato le conseguenze
Non si tratta solo di rimuovere gli ostacoli all'investimento in capitale umano per recuperare i ritardi accumulati nell'adozione di nuove tecnologie
Sono necessari comportamenti e politiche volti a stimolare gli investimenti fissi al tempo stesso fattore di offerta e componente fondamentale della domanda e a non alzare la frontiera della conoscenza tecnologica e in ultima analisi la
Crescita del Paese riguardo consentitemi di aggiungere un'osservazione che discende più che altro dal prendere nota di un'abitudine che a me sembra danno e più diffusa che altrove
L'approccio cioè il sole selettivo alle citazioni da parte di chi commenta e da parte di chi non legge
Ieri sulle agenzie sui giornali sui blog è stato riportato l'esempio con grande clamore un allarme che aver lanciato attaccando le impresa i sindacati
Ma bastava ascoltare ciò che ho detto e leggere il testo distribuito e vedere che quello che ho detto che rigidità legislative
Burocratiche corporative imprenditoriali e sindacali essi notti l'ordine mi appaiono ancora come la remora principale lo sviluppo del nostro Paese
Non ho parlato di
Flessibilità verginità nel mercato del lavoro di capacità concorrenziale l'impresa
O di altro ho parlato di attitudine secondo me questa attitudine ognuno di noi vive lei vede e io le vivo le vedo anche nella mia istituzione
E ho anche detto che i movimenti della politica del corpo sociale sono apparsi impediti con un'azione risultata insufficiente rispetto al bisogno
Inoltre ho detto che le conseguenze dell'immobilismo sono diverse oggi da quelle che si manifestavano agli anni Settanta allora c'era l'inflazione questa era la conseguenza oggi ristagna
Come ha sostenuto nell'azione finali del maggio scorso siamo tutti responsabili
Chi per non aver agito e chi per non essere riuscito a convincere del GR direzione adeguata ma dissi anche allora che non bisogna venire timore dei cambiamenti e dell'innovazione per questo che
Che ritorno su questo
Allora buona parte delle difficoltà di cresce il nostro Paese preesistono alla crisi finanziaria alla crisi del debito sovrano e sono risultato dei ritardi con i quali si è risposto
Da noi ancora troppo poco si è risposto I grandi cambiamenti
Del dopo guerra fredda prima di tutto l'apertura di mercati globali poi la rivoluzione tecnologica e insieme in grandi mutamenti demografici
Oggi
Stiamo parlando di capitale umano di impresa e di crescita economica
Molti temi non sono trattati come è ovvio sulla riduzione dei nostri ragionamenti messaggi da trasmettere via Twitter ha indubbiamente il fascino della rapidità e dell'efficacia
Corre il rischio di scambiare
Ragionamenti
Per
Allarmi
E di alimenti
Alimentare incomprensioni io spero che nessuno di noi l'occorra oggi comunque per lungo tempo l'influenza negativa di un contesto su
Se vale poco favorevole all'attività imprenditoriale sulla competitività e sulla sua capacità di attrarre investimenti dall'estero è stata sottovalutata
Varie avviata intensificata l'azione riformatrice in questo ambito con l'obiettivo prioritario di snellire un quadro normativo complesso ridondante
E l'obiettivo
Fondamentale bisogna dire di in qualche modo definire per l'attività economica regole chiare facilmente applicabili e stabili nel tempo utili a stimolare la concorrenza e favorire l'allocazione delle risorse
Verso l'attività più alto potenziale di sviluppo
E altresì cruciale intervenire sul funzionamento del Pubblica amministrazione
Queste sono chiamati ad applicare queste norme e bisogna innalzare e i loro livelli di efficienza ed efficace favorendone la trasformazione in soggetti che nella percezione di molti
Imprenditori attualmente costituiscono un ostacolo all'attività economica
Ma trasformandoli in promotori di sviluppo innovazione
A ricordo vi sono questi interventi previsti da Agenda digitale che vanno guardate con attenzione
Costituiscono opportunità di di rilievo il puntuale molte volte sono interventi previsti e l'attuazione ritarda
Il contributo della scuola dell'università resta altresì fondamentale
Per generare le competenze richieste dalle nuove strutture produttive
Ne abbiamo discusso ampiamente solo poche settimane fa all'angolo in occasione della presentazione di un rapporto sulle competenze della grande italiani
Allo sforzo di Como di cambiamento richiesto ai soggetti pubblici policy maker deve essere accompagnato da
Un altrettanto profondo mutamento nel settore privato delle imprese e dei lavoratori
La sfida per l'impresa e stiamo parlando di imprese qui e di realizzare un salto di qualità di prodotto di processo che le porte a essere più grandi più tecnologiche più internazionalizzati così da agire quali incubatrice di una delle più rilevanti dimensioni del capitale umano
E oggi particolarmente importante I tempi di Carlo Magno la nel capitale umano che importante dal fatto che l'alto due metri e più forte di tutti oggi è la capacità di innovare
Il rafforzamento del capitale delle imprese può facilitare una più intensa attività innovativa
Attraverso una maggiore patti moralizzazione anche con risorse proprie
Gli imprenditori potranno dimostrare direttamente la fiducia nelle prospettive delle loro imprese così facilitando il reperimento di riso
Aggiuntive
Da intermediari dalle banche e dai risparmiatori dal mercato una maggiore diversificazione delle fonti di finanziamento permette all'impresa
Di ridurre la dipendenza dal credito bancario migliorando la capacità di resistenza agli shock
E contribuendo al tempo stesso allo sviluppo del mercato dei capitali
La tempo l'investimento in conoscenza presente tra gli interessi di studio
Prima prima
Come capo servizio banche evitare poi capocronista dall'OCSE prove
In molte altre occasioni ci addirittura scritto un libro ma l'accumulazione di capitale umano e l'innovazione sono tre temi oggetto di costante analisi da parte debba che l'Italia non solo per cultura generale o per analisi economica in senso lato ma
In considerazione del fatto che hanno un ruolo cruciale per la crescita economica
Ed è questa una condizione
Necessaria fondamentale per la stabilità finanziaria di cui abbiamo
Non per la finanza di dobbiamo responsabilità diretta quindi bene molto bene che di questi argomenti si tratti in questo modo approfondito e si tratti si tratti da parte dell'associazione di imprenditori di tutte le
L'impresa oggi per concludere
Mi sembra opportuno sottolineare però che i benefici di questo investimento vanno ben oltre il rendimento in moneta dei contributi alla crescita
Si estendono alla società nel suo complesso attraverso gli effetti positivi indiretti su una serie di fattori di contesto senza i quali peraltro la crescita che
Quindi pregiudicate e questi sono lo stato di salute la coesione sociale il senso civico il rispetto delle regole la propensione al crimine questi insieme la fiducia negli altri è il capitale sociale
Ed ecco in questo modo che fiducia e cooperazione tra i componenti della collettività vengono accresciute e il capitale sociale viene rafforzata grazie
Allora
Per concludere la parola alla Presidente spesi io
Vi ringrazio questa due giorni giornate di riflessione spero che siano state sufficientemente utili e approfondite grazie
Signor ministro signor Governatore autorità tutte
Ospiti
Cari amici
Direi che sono state due giornate di lavoro intenso di grande qualità
è un grazie di cuore da parte mia non di circostanza
A Fulvio Conti per il lavoro fatto dal Centro studi con tutti i suoi collaboratori capeggiati da Luca palazzi e a tutti i vice i miei vicepresidenti per i loro contributi che hanno dato per la preparazione
E grazie a tutti delle riflessioni piovuto l'onore il piacere di ascoltare ne faremo buon uso
I tempi che viviamo richiedono infatti un grande impegno comune
Che
Tra noi imprenditori la percezione netta e diffusa della necessità di avviare un cambiamento profondo nella società
Ogni giorno misuriamo i costi altissimi di un immobilismo di maniera durato troppo lungo
Siamo
In una fase istituzionale politica delicata ed è forte la speranza che la politica faccia finalmente spulciare forte rigoglioso il cambiamento
Noi crediamo nella politica intesa nessun senso più nobile
Per noi non è professione pur sapendo quanta competenza capacità e dedizione ci vuole per chi esercita responsabilità di governo a ogni livello
Per noi la politica e partecipazione passione per il bene comune non ritualità corrotti
E speranza e costruzione del futuro
La crisi di questi anni ha mostrato tutte linee quater se di un modello incapace di cogliere ed interpretare i bisogni reali della società
Noi imprenditori vogliamo partecipare a una politica che innovi non la forma o le formule ma la sostanza e la credibilità delle istituzioni
Anche sullo scenario geopolitico internazionale ci sono molteplici elementi di instabilità che la politica dovrà affrontare
Si avvicinano le elezioni europee che stanno assumendo sempre più l'insidiosa forma del referendum pro o contro l'euro e di conseguenza approvo contro l'Unione europea
Ci sono timori di rallentamento per l'economia del emergenti che hanno trainato gli scambi in questi anni il mondo
Vive in una struttura le condizioni i cui libri stabili
In Italia c'è un nuovo Governo
Ne apprezziamo lo spirito e opere europeista la voglia di riforma importante per la vita del Paese una determinazione a fare e a fare rapidamente
L'esecutivo ha preso i primi provvedimenti su alcuni abbiamo espresso un giudizio positivo sul decreto lavoro in particolare il Governo il Ministro Poletti hanno dato prova di rapidità e coraggio segni chiari e di volontà di cambiare
Ora
Occorre che il Parlamento confermi questa scelta in fase di conversione
Su altri provvedimenti come l'incremento della tassazione sulle rendite finanziarie solo sui titoli privati abbiamo espresso forti dubbi
Valutando si il costo del denaro per chi vuole investire e fare impresa salirà ulteriormente
Attendiamo di conoscere i provvedimenti che dovrebbero imprimere una spinta forte alla competitività del sistema produttivo
Non abbiamo pregiudizi di alcun tipo né mai abbiamo espresso valutazioni di carattere personale
Il fatto è
Che purtroppo
L'Italia e la pagina delle riforme inattuate delle leggi inapplicate
Siamo i primi a voler esprimere spingere al cambiamento e all'innovazione e la nostra prassi quotidiana senza preconcetti o rigidità per le imprese contano i fatti
Perciò
Commenteremo solo quelli come sempre
Oggi non torno
Sull'equilibrio che secondo noi
Dovrebbero avere le misure per la crescita dell'economia del Paese
Ho detto più volte qual è il nostro pensiero in materia di riduzione del cuneo fiscale e di semplificazione
Ho scritto che in periodi di crisi ritengo doveroso ridurre la spesa pubblica improduttiva varando al contempo misure di riduzione della tassazione in particolare sui soggetti produttivi
In vista della presentazione del Documento di economia e finanza faremo le nostre proposte sorrette da numeri e come sempre con spirito costruttivo
Oggi
Apprezzo il coraggio della decisione soprattutto quando è accompagnata da un preciso richiamo alla responsabilità della scelta da parte della politica
è un bel segno di novità che il Presidente del Consiglio ha voluto dare anche in vista del semestre europeo
L'Europa e la nostra casa il nostro mercato interno più alte abbiamo detto che la sua costruzione a limiti e difetti da correggere ma è stabile pacifica sicura
A regole che vanno rispettati se non sono condivise vanno discusse e modificate
Ma occorre dare garanzia ai nostri partner che non integreremo la casa comune cedendo alla tentazione di riaccendere la finanza pubblica allegra
Dobbiamo fare le riforme indispensabili non per volere della Germania della Francia ma per nostra espresse la decisa volontà
Dobbiamo farle per modernizzare il Paese e farvi menti care già in Italia il saldo tra dichiarazioni e fatti e purtroppo negativo
Abbiamo molto da fare solo da fare e fare ancora infatti la situazione economica e sociale ancora un volto poco rassicurante i segni della ripartenza non sono ancora quelli che vorremmo
è pur vero
Che la chiusura prevista nel due mila quattordici è di segno positivo e che ci sono risvegli nella produzione industriale
Questo piccolo segno positivo non porta ancora il Paese nella rassicurante zona della crescita stabile e duratura ed è insufficiente a generare nuovo lavoro
La disoccupazione ha raggiunto livelli preoccupanti che richiedono interventi particolarmente attivi
Se contiamo anche la cassa integrazione abbiamo superato il quattordici per cento la povertà e crescente e tangibile
In questi giorni abbiamo sentito da più voci l'allarme per i giovani in particolare qui nel Mezzogiorno su cui con rammarico devo registrare un calo di attenzione generale
Non dobbiamo dimenticarci
Che a fronte di un Paese che va lentamente nel suo complesso una sua parte importante che già patito a condizioni di sviluppo insufficiente fa ancora più fatica è già stato detto
Lo ripeto due cicli produttivi due cicli eccessivi
Hanno bruciato il nove per cento del PIL e un quarto della produzione industriale del Paese
Buona parte di questo capitale sociale perduto sono in prese e lavoro
Un'altra parte delle nostre imprese combatte con grande difficoltà sul mercato interno che in alcuni settori avuto un vero e proprio tracollo di particelle particolarmente le ristrettezze del credito
Ma a fronte di una situazione difficile da imprenditori non ci perdiamo d'animo anzi
Ci sono imprenditori molti che su questo sono andati a lezione che hanno imparato a tanto
Hanno preso lezioni dalle euro
Dalla crisi e mercati globali hanno innovato e fatto ricerca formazione hanno creato reti
Hanno cambiato i propri modelli di business si sono fatti accompagnare i nuovi mercati e competono globalmente
Sono grandi medi e piccoli di tutte le generazioni e qui vorrei rassicurare il Governatore che anche se non siamo alti due metri o sono solo uno e settanta io come imprenditore e tanti imprenditori
Hanno deciso di lottare ed investire su quello che lei giustamente ha dedicato al Governatore
Competono globalmente
Sono grandi medi piccoli di tutte le generazioni
Se guardate l'andamento del PIL italiano aggregato lo confrontate con il PIL generato da export vedrete complesse che evidenza ciò che ha tenuto insieme il Paese in questi otto lunghissimi anni
Le imprese innovatrici che hanno investito sul capitale umano
Come hanno fatto capirlo è un buon insegnamento e indica una via da seguire per tutti intatto hanno fatto nella propria azienda la spending review
Allora tagliato tutto il tagliarmi né ed hanno spostato sugli investimenti e la promozione commerciale hanno compiuto accorciato i tempi di decisioni e le organizzazioni
Hanno accompagnato alla porta alle vecchie certezze e aperto alle finestre al nuovo senza timori o in decisioni che sono state premiate
Hanno accresciuto il capitale sociale dell'Italia e ne sono oggi una delle parti migliori
Con questa impresa
Stiamo lavorando e imparando noi stessi di Confindustria
Realizzando laboratory progetti innovazione sui modelli di business la ricerca la formazione e l'accompagnamento alle opportunità dell'Europa l'obiettivo e portare a sistema questa lezione
Il lavoro di Confindustria direi la sua missione più importante dei prossimi anni
E proprio far crescere quanto più possibile il numero di imprenditori che sanno Maggi maneggiare le nuove leve dell'imprenditore di utilità il mondo globale la ricerca la proprietà intellettuale vedo che c'è anche la crescita della conoscenza
Gli imprenditori per definizione uso nel capitale sociale per generare profitto e valore
Sono a loro volta parte del capitale sociale inteso come quella somma di relazioni tra sapere economia conoscenza cultura e identità del territorio che fanno la ricchezza di una comunità
In Italia questo intreccio è particolarmente capillare Enrico
In questo mi
In cui dobbiamo tenere ben salde le radici
Mi si si generano i valori della ricchezza imprenditoriale italiana e si concentra il bene più prezioso e raro per l'industria nazionale
Un'intelligenza non sapere una qualità applicati al lavoro industriali che non hanno pari al mondo
Tutto ciò si scarica in qualità e forza del prodotto tutto ciò ci fa vincere sui mercati del mondo innovare paga rende
Nelle nostre fabbriche sono nate e si alimentano nei territori e nelle loro relazioni
Il mondo intero e a caccia di creatività e qualità e di flessibilità mentali
I migliori atenei del mondo hanno master che programmi direi Chiti proprio a questo dedicati
Noi
Tutto ciò non dobbiamo crearlo ci appartiene e nostro preistoria è il nostro assetto sociale il materiale
Come l'abbiamo costruito mi chiedono sempre all'estero con una lenta e impercettibile stratificazioni e intreccio tra colori sapori culture di cui si è nutrito il lavoro l'impresa e la società italiana
Oggi abbiamo capito che tutto ciò non basta più non è più sufficiente per competere
Se non è accompagnato dei moderni strumenti della conoscenza e della comunicazione del management della tecnologia non riesce a scaricare la sua forza il suo valore al terreno
Resta capitale sociale inespresso e si disperde perché è mobile
Occorre dunque
Alzare l'asticella media delle competenze del sistema italiano dei giovani e soprattutto degli adulti
Questa è una questione cruciale per il Paese
Nei prossimi anni nuove soluzioni tecnologiche incideranno sugli sviluppi economici globali l'information technology sta entrando nell'era dei picchi verità
La potenza dei processori e la capacità di memorizzazione sta diventando quasi illimitata il cloud formerà un accesso globale alla rete e servizi diffusi nasceranno nuovi grandi mercati
Le innovazioni dell'automazione trasformeranno fabbriche e modelli di lavoro sia nel mondo in via di sviluppo sia in quello sviluppato ritengono lesive del farmaco cambieranno ancora le nostre aspettative di vita
E tutto ciò rappresenterà una sfida per i giovani per i Governi le società per gli imprenditori che dovranno trovare il modo di cogliere i benefici delle nuove tecnologie affrontando al contempo i problemi che queste presenteranno
Non saremo poi pronti accogliere questo balzo in avanti se non inizieremo robuste dose di sapere di conoscenza a tutti i livelli della nostra società
Dobbiamo aprire le nostre menti
Per le nostre imprese all'innovazione occorre che
I nostri prodotti straordinari incorpori no con continuità il cambiamento Contino che chiedono i mercati e che la leva della ricerca sia usata più diffusamente nelle nostre imprese
Questo processo è già avviate e molte imprese le statistiche non danno pieno conto del cambiamento che si è verificato direi silenziosamente
Molto è cambiato nella specializzazione produttiva italiana siamo sempre fortissimi medi siamo forti anche in molte specializzazione medio manca i tetti leader in molte nicchie di altissima qualità
La contabilità sulla ricerca e innovazione non dà pieno rilievo di quanto è stato fatto
Tuttavia
L'aumento della produttività e troppo lento richiede robusti investimenti in innovazione sapere ricerca e un miglior Collocamento dalla dinamica delle retribuzioni e risultati aziendali
Per questo vanno rafforzate le misure a sostegno degli investimenti e della ricerca e resi strutturali gli interventi destinati alla detassazione e decontribuzione del salario di produttività
Gli osservatori ci dicono che nelle nuove imprese come in quelle esistenti c'è uno stock ragguardevole di potenzialità innovative non in tutte è vero lo sappiamo
Tuttavia dobbiamo guardare ai migliori come un modello da seguire allargare il club degli innovatori degli ascoltatori operare per far migliorare e crescere il mercato interno utilizzando i modelli migliori
La riforma stessa di Confindustria è ispirata a principi che vengono dalle nuove sfide globali e i segni di dinamismo i nove azioni diffusa che vedano i territori e nelle categorie ci fanno ben sperare nell'esito positivo di quanto abbiamo pensato
Per tutti i titoli delle lezioni sulla competizione globale sono velocità innovazione semplicità identità sapere
Queste
Sono le qualità delle società moderne con cui si mantiene e si incrementa il capitale sociale
Un mondo in pieno cambio di paradigmi ha distrutto le vecchie certezze e impone ovunque cambio di mentalità
Con stella polare la libertà economica condizione indispensabile della libertà politica come diceva Luigi Einaudi
E la lezione da applicare soprattutto oggi
In Italia non abbiamo ancora rinunciato a vecchie consolanti rassicurazioni fondati sul debito e l'imposizione fiscale su ruolo dello Stato eccessivo e una burocrazia ossessiva
A difendere certezze ideologiche in materia di lavoro che i fatti hanno trasformato in precarietà non a caso siamo il luogo in Europa dove più forte la cultura ostile all'impresa
Dove fare l'imprenditore e quasi un gesto eroico un combattimento Contino non con il mercato o con le vecchie regole della burocrazia e carte eccessive il fisco inquisitore e vessatoria
Come ha detto ieri il giovane imprenditore barese Angelo Petrosillo per fare impresa in Italia occorre più coraggio che altrove
Per questo un Governo che dica finalmente che il capitale sociale si crea nell'impresa e che agisca di conseguenza avrà tutto il nostro appoggio
Dobbiamo allora
Aver chiaro si venti anni di nati in una società che rilanciamo all'economia svalutando
E sosteneva i consumi interni facendo debiti non è solo l'Europa dice li vieta erano tossine per la competitività del Paese
Chi racconta agli italiani che la soluzione sia semplice indolore cioè basta non pagare i debiti contratti in passato
Deve solo pensare al trattamento riservato dalla comunità internazionale a chi non ora i propri pagherò ci sono illuminanti esempi tal senso i debiti si onora no e si saldano con la crescita
Altra ricetta non esiste
L'Europa allacciata finalmente una strategia per l'industria con il cosiddetto Industrial comparti più in generale assistiamo nel mondo alla nuova stagione di rinascita industriale
Sono l'industria e la tecnologia i sapere e la ricerca a dare risposte alle nuove domande della società sta nascendo
Un'impresa moderna chi è più colta rapide leggera
Integrata con i servizi e le tecnologie della comunicazione dove il peso del capitale umano di qualità e il pilastro insostituibile
Un'impresa che va a scuola e chiesto qualora essa stessa un'impresa chiara dice nei territori e la testa nella competizione globale
Dall'Europa ci viene il giusto incitamento a investire sulla qualità delle persone aprire le imprese i giovani fare ricerca e innovazione
A pensare a una società più liberale leggera dove lo Stato e le imprese sono amici non in lotta perenne
Dei nostri giovani non ci viene la richiesta vaga di futuro ma una prospettiva concreta per il presente
Dai nostri imprenditori ci viene chiara la lezione su come fare e la certezza che si può fare i risultati ci ripagherà hanno degli sforzi
è arrivata l'ora di passare ai fatti il futuro e di chi ha il coraggio di costruirlo grazie