18MAR2014
intervista

L'Alta Corte britannica blocca due estradizioni perchè le carceri italiane sono inumane. Intervista Giuseppe Rossodivita

INTERVISTA | di Lorena D'Urso Radio - 21:16. Durata: 24 min 44 sec

Player
"L'Alta Corte britannica blocca due estradizioni perchè le carceri italiane sono inumane. Intervista Giuseppe Rossodivita" realizzata da Lorena D'Urso con Giuseppe Rossodivita (avvocato, Radicali Italiani).

L'intervista è stata registrata martedì 18 marzo 2014 alle 21:16.

Nel corso dell'intervista sono stati trattati i seguenti temi: Amnistia, Avvocatura, Bernardini, Carcere, Censura, Convenzione Ue, Corte Costituzionale, Corte Europea Dei Diritti Dell'uomo, Costituzione, Di Pietro, Digiuno, Diritti Umani, Diritto, Emergenza, Estradizione, Europa, Giustizia, Governo, Gran Bretagna, Grillo,
Informazione, Italia, Magistratura, Mediaset, Messaggio, Napolitano, Nonviolenza, Pannella, Parlamento, Perduca, Politica, Radicali Italiani, Rai, Societa', Somalia, Stato, Torreggiani, Tortura, Tv.

La registrazione audio ha una durata di 24 minuti.

leggi tutto

riduci

21:16

Scheda a cura di

Enrica Izzo
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Nei giorni scorsi la Corte di Londra ha deciso di non trasferire in Italia un cittadino somalo per scontare una pena detentiva perché ritiene che non sia pur dire stradale e persone verso Paesi che violano l'articolo tre della convenzione ed è ieri la notizia di un della decisione di un tribunale londinese che ha detto no all'estradizione di un
Cittadino condannato per mafia di tra BIA piccolo comune a due passi ed a Palermo perché legarsi italiane non garantiscono i detenuti un trattamento adeguato dal punto di vista umanitario questa persone era condannata con sentenza definitiva a sette anni di carcere nella capoluogo siciliano è dunque non torna in Italia anzi è stato rilasciato su cauzione perché ha pagato Ventimiglia austeri linea anche se dovrà indossare il braccialetto elettronico uscire a orari determinati e comunicare i troppi spostamenti c'è da dire che il giudice che apre è solo questa decisione ha preso anche atto dell'esistenza della sentenza dell'Alta corte britannica relativa proprio alla cittadini io somalo di cui aveva chiesto l'estradizione il Tribunale di Firenze anche in quel caso appunto era arrivato uno prede il rischio che questa persona subisse trattamenti degradanti eh inumani una di queste vicende della decisione della Corte di Ovest mister vogliamo parlare con l'avvocato Giuseppe Rossodivita perché l'avvocato Giuseppe Rossodivita è uno dei difensori dei detenuti di un detenuto che ha fatto ricorso alla Corte europea dei diritti dell'uomo e e che ha poi dato vita alla famosa sentenza col Torregiani che condanna il nostro Paese è dunque tu ai una parte una parte attiva in queste discende che non appunto che poi si concludono con la mancata con segna dei detenuti in Italia perché le carceri sono
Inumane allora come come nasce questa questa vicenda
Sì molto semplicemente il collega difensore inglese che seguiva il cittadino somalo per cui appunto c'era una richiesta di estradizione verso l'Italia
Giustamente preso atto dell'esistenza
Della sentenza Torregiani contro l'Italia e a ritenuto tra le altre cose di impostare una linea difensiva ovviamente a tutela dei diritti del proprio assistito
Volta a far negare l'estradizione a causa del appunto trattamento inumano e degradante in cui sono o sottoposti strutturalmente
I detenuti nelle carceri italiane
Prendendo proprio le mosse dalla sentenza Torregiani
Ha visto poi che io avevo difeso difeso due ricorrenti
Nell'ambito di quella sentenza e ha preso contatto via mail con me chiedendomi appunto se avrei potuto aiutarlo
Nel rappresentare tanto in termini di fatto quanto in termini di diritto
La situazione in Italia
Lì perché
Sono stato richiesto di redigere
Una diciamo una sorta di consulenza tecnica compravi relazione ma che in quella nell'ambito di quella procedimento in Inghilterra appunto è stata accolta come fosse la consulenza una consulenza tecnica diciamo nell'ambito del nostro procedimento riportata la Commissione nell'ambito dei nostri procedimenti
E appunto
Corredato questa
Relazione che poi abbiamo provveduto
A tradurre in lingua indici inglese insieme a Marco Perduca appunto
E l'abbiamo inviata alla collega inglese il quale l'ha prodotto in giudizio
Successivamente il giudice peraltro
Diciamo una una una piccola notizia quel giudice
Del cittadino che giudicava appunto la vicenda del cittadino
Somalo era un giudice di origini italiane quindi particolarmente attento alla situazione del suo Paese di origine
E ha richiesto appunto di rendere
Una
Sorta di testimonianza nell'ambito di quella di quel procedimento
Per una serie di ragioni di pregressi impegni anche di di chi parla di anche capacità ad esprimersi correntemente in lingua
Inglese alla fine abbiamo deciso forse opportuno che andasse Marco Perduca
Anche essendo uomo appunto un ex senatore della Repubblica italiana e Marco Perduca andato e sostanzialmente ha ribadito
Quel che avevamo già descritto nella relazione tecnica quindi sia la situazione ancora di fatto esistente in Italia sia la situazione di diritto perché il giudice in particolar modo voleva sapere
Che dopo la sentenza Torregiani l'Italia avesse provveduto a porre dei chiarimenti a questo ci sessione
E anche perché era stato come dire erroneamente indirizzato
Verso questa soluzione
Da funzionari del Governo italiano che pure erano stati chiamati in quel giudizio e che mi spiace dirlo avevano sostanzialmente
Ha affermato che la situazione del sovraffollamento delle carceri in Italia era in via di risoluzione
A causa dei cioè grazie ai diversi provvedimenti normativi appunto che
Al popolo sono saliti dovuti come tuttora carceri ma noi sappiamo che non hanno prodotto alcun lo svuotamento delle carceri unanimi venderà lo facesse peraltro facendo una brutta figura
Teatro facendo una brutta figura perché questa affermazione dei funzionari del Governo italiano arrivava a pochissimi giorni
Se l'onore
Prima del messaggio del Presidente della Repubblica Napolitano Manduria e quindi non è quello di ottobre ottobre esatto quindi abbiamo avuto come dire gioco facile
Al meeting quanto affermato dai funzionari del Governo italiano
Perché abbiamo prodotto appunto poi il passaggio il messaggio ufficiale del Presidente della Repubblica ha reso
Come ben sappiamo a norma della Costituzione italiana uno dei pochi messaggi che i Presidenti della Repubblica hanno fatto nella storia della Repubblica
Essa
Quindi rispetto ad una situazione particolarmente grave di perché
Il giudice evidentemente ha preso contezza del fatto che quanto gli era stato raccontato circa
La soluzione la del problema del sovraffollamento non era affatto rispondente al vero tant'è che appunto Presidente addirittura
Intervenuto con una grande forza su questo argomento
Bini poi alla fine
Diciamo ha dato
Ragione alla tesi del del collega inglese giustamente per cui l'estradizione
Lì dove si deve risolvere verso uno Stato che viola strutturalmente i diritti umani elementari e fondamentali
Un ordinamento civile non la può consentire e siccome sull'ordinamento inglese è un ordinamento che si muove secondo quei parametri il giudice inglese non ha consentito
Che il
Cittadino somalo pur dovendo scontare una pena
Appunto scontarsi questa pena in Italia ritenuto un Paese civile molto semplicemente eccetto quindi insomma voi avete avuto gioco facile nel rappresentare la la reale situazione delle carte
Egli perché appunto subito dopo il messaggio di di Napolitano il Presidente della Repubblica alle Camere proprio sulla drammatica situazione delle carceri anche sulla sulla giustizia sulla crisi della giustizia già
E sulla situazione della giustizia più in generale e però ecco di fatto questa è un'altra umiliazione potremmo dire in ambito europeo per il nostro Paese che peraltro sembra come dire non scalfire inconcludenza del governo del del Parlamento sull'illegalità della nostra giustizia delle nostre carceri
Va beh che
Clinica io posso semplicemente dire chi è causa del suo mal pianga se stesso
Se il popolo italiano continua a volere
Questo legislatore questi Governi che si comportano in modo tale da umiliare costantemente l'Italia all'estero
Quello si meritano è un'umiliazione perché viviamo in una condizione
Umiliata innanzitutto i cittadini che credo nello Stato di diritto purtroppo questo è la situazione noi
Come come di ascolto di Radio Radicale ben sanno
Continueremo a lottare continueremo a lottare anche se
Come dire con l'ostracismo elementi di informazione che continuano a vendere mi sia consentito dirlo balle
Alla pancia della gente
Nella speranza piano piano un centimetro al giorno si riescano a conquistare
Sparsi che non sono altro che sparsi che competono uno stato di diritto
Vorrei ricordare l'atteggiamento consentito di fare dico ricordo Lorena noi con Marco Pannella abbiamo diffidato seicentosettantacinque
Responsabili
Della giurisdizione italiana sostanzialmente dicendo a tutti coloro che sono coinvolti nella riduzione di una
Pena detentiva al momento dell'esecuzione della pena ovvi una
Misura cautelare in carcere dicendo guardate voi
Oggi con la Torregiani sapete e non potete far finta di non sapere che strutturalmente l'Italia in queste condizioni tutte le carceri italiane sono in queste condizioni
Allora cari pubblici ministeri che eseguite materialmente mentre attonite la vostra firma sotto un ordine di esecuzione pena
Fate la cortesia di rapportarmi
Con il dato con i provveditori regionali con i direttori delle carceri al fine di verificare
Se la persona che tante spero mandare in galera andava scontare una pena legale una pena illegale
Perché tale eh illegale una pena che sì atteggia
A quella che oggi può essere scontare in carcere italiana e che assolutamente
Altro e diverso e di diverso da quello che è scritto nel Codice penale di procedura penale regolamenti penitenziari Costituzione Convenzione europea dei diritti dell'uomo
Stiamo parlando di altro non di una pena detentiva
Stiamo parlando di tortura se allora abbiamo detto a questi signori magistrati guardate che se voi poi accertante
Che non ci sono condizioni di carcerazione compatibili con l'articolo tre della Convenzione dei diritti dell'uomo
Per come
Questo articolo tre era mai stato interpretato in modo non più tangibile da nessun giudice interno da parte della Corte europea dei diritti dell'uomo politico e di fermare
Non potete
Non potete perché andare a commettere anche un reato si dato i maltrattamenti se se c'è la consapevolezza che sto mandando una persona scontare una pena
Che appunto è diversa da quella legale quanto meno diciamo c'è l'ipotesi che io mila presenti il rischio che vada questa persona l'essere maltrattata il che sarebbe anche un reato secondo il nostro coordinamento
Proprio per questo invece abbiamo detto ai magistrati voi avete il dovere che ha una rilevanza giuridica come discriminante rispetto ad ogni ipotesi di
Omissione in atti d'ufficio per non e mettere in ordine di esecuzione voi avete il dovere di bloccarli
E quindi quello che invochiamo una moratoria di fatto delle pene illegali soluzione peraltro già
Individuata dalla Corte Costituzionale tedesca la risposta dei giudici italiani non c'è spazio
La risposta dei giudici illecito cerca c'è stata e quindi anche quello la dice lunga membri dell'Unione europea quello ricevuta sulla situazione
In cui versa la nostra giustizia non le comunicazioni la nostra giustizia in questo Paese
Tutto gli altri Stati membri dicevo dell'Unione Europea cominciano a denunciare appunto la tortura delle carceri italiane e noi insomma noi in questo Paese affronta
A
A dalle ma volevo rigore i vari rivoli domicilio adesso rinvio prevede la scadenza del ventinove gennaio perché siccome D'Amico ripetermi campagna elettorale adesso così continuerà
Fino alla fine delle europee a dire tutti dentro i criminali dentro a parlare appunto alla ignoranza delle persone ignorante e loro malgrado perché chiaramente non tutti possono anche essere
Ne degli esperti della materia né dei tecnici in ed esuberi informati c'è mamma RAI mamma Mediaset che in particolar modo sono deputate ad informare il popolo italiano e continuano ad informarlo
Contribuendo loro stessi perché poi tutto questo evidentemente condiziona anche i giudici per esempio rispetto la diffida che abbiamo fatto perché giudici organica mera carità
Come dire in colloqui privati hanno riconosciuto anche pubblici per la replica la fondatezza delle ragioni di quella diffida ma la risposta è stata e magari come facciamo
Come facciamo a non arrestare qualcuno di fronte ad un fatto per esempio eclatante a non dare queste risposte alla gente
Sì almeno un era nata come fanno perché c'è lo Stato appunto cioè
L'ordinamento c'è l'ordinamento dato cioè lo Stato di diritto e teoricamente almeno nel mio mondo fantastico
I giudici dovrebbero dolori minacciare la legge non comunque avere risposte alla società basterebbe un provvedimento di clemenza voi anche per risolvere immediatamente
Questa situazione peraltro Giuseppe c'è anche quella sentenza della Corte costituzionale quella sul differimento della appena
Sull'articolo centoquarantasette del Codice Penale
Che parla proprio sia dell'inerzia in qualche modo della della politica e parla proprio della non eseguibilità delle condanne secco essa ove mai questa situazione drammatica e scandalosa dovesse perdurare quindi ci sono insomma poi ci sono stati in questi mesi interventi autorevoli da appunto da quello
Del Presidente Napolitano c'era il ministro Cancellieri Ministro e la giustizia c'era stata l'apertura
Del Presidente della Cassazione Santa Croce allineavo
Il saldo unanime alle abituata a livello di aperture ce ne sono poi ovviamente nel momento in cui bisogna prendersi la responsabilità di far tornare questo Paese e nella legalità
Siccome questo far perdere voti
Transitino la la la politica si tira indietro o meno intenso anche di quella di scrivere per inciso
Prende le mosse dalle ordinanze di rimessione alla Corte costituzionale nella parte relativa totalmente confermate
La Corte Costituzionale perché e qui per esempio c'era un paradosso in quelle ordinanze però c'eravamo delle affermazioni importanti ma delle affermazioni
Concludo valorizzare in quella definita ripeto
Scritta da quei giudici che hanno scrittore ormai l'ordinanza di linee le ordinanze di rimessione alla Corte confermare la Corte si dice proprio qui stiamo parlando bella diritto alla dignità dell'uomo

Cioè del diritto ad essere riconosciuti e trattati come esseri umani
Perché questo viene leso nelle nostre carceri e questo non è affatto cui essenziale alla limitazione della libertà alla privazione della libertà personale
Quei giudici e la Corte costituzionale hanno scritto che questo diritto alla dignità dell'uomo è assolutamente inderogabile ma inderogabile addirittura
In periodo di guerra
è inderogabile anche se si trattasse di in terrorismo e di terrorismo internazionale cioè è la più basse
Della convivenza civile il riconoscersi
E il riconoscere da parte dell'ordinamento
Il fatto che l'interlocutore un essere umano cesto
A fronte di questa inderogabilità e di comprimibili vita lì questo diritto
La contraddizione che c'era anche le ordinanze va bene però mi lascio
Uno spazio per vedere se sospendere o no la pena detentiva
Perché centoquarantasette la sospensione facoltativa della pena ahinoi molto gravi
Ma non c'entra ma non c'è la pericolosità sociale
Perché quell'articolo ovviamente utente la sospensione e qui si voleva la sentenza additiva della Corte costituzionale
Salvo che non ci siano come dire una pericolosità sociale
Ma ammende la pericolosità sociale che la pericolosità sociale ciò che devo mettere sul piatto della bilancia per andare a comprimere
Il diritto alla dignità dell'uomo è una contraddizione in termini le tunisini previe prima
Che questo è un diritto incomprimibile addirittura in caso di guerra si terrorismo internazionale da noi in Italia le guardano non ci possono essere per Costituzione non ci possono essere Guantanamo e quant'altro
Ok tant'è che qualcuno si è fatto pure dei processi
Molto importanti risolti poi ultimamente dalla Cassazione rispetto alla lesione dei diritti fondamentali
Anche di sospetti terroristi
Allora se questo è evidentemente
Questa incomprimibili età deve necessariamente portare
A ad una situazione anche di sospensione dell'ordine di esecuzione della pena
Tetti
Protagonisti della giurisdizione io sono convinto di questo
Finalmente guardandosi allo specchio la mattina e dicendo noi abbiamo scelto di fare questa professione questo lavoro
Per amore del diritto quello che è scritto nel fare gli interessi del diritto e quindi riteniamo di a doveva applicare
Le norme già esistenti
Io sono sicuro che nel giro di una settimana la politica non potrebbe fare a meno di prenderne atto
Perché tutta la responsabilità verrebbe scaricata assunti la a istituzionalmente questa responsabilità cioè il Parlamento e e o per certi versi operano ma in particolar modo il Parlamento se anche ciascuno facesse il proprio mestiere
Siccome noi ce la giurisdizione debba mettere se la politica Ciaraldi un invecchiamento e cerca il consenso popolare
Ce la giurisdizione si preoccupa di dare risposte lì dove il legislatore non è in grado di darle e allora tutto qui tutta questa situazione
Evidentemente chi ci rimette
è il cittadino ma cittadino non necessariamente il detenuto il criminale
Il cittadino comune chiunque anche la bravissima persona perché sin d'ora in poi noi continuiamo a tollerare che l'Italia si possa essere sottoposta dei trattamenti equiparati alla struttura
Ce lo come si usa dire ce lo accolliamo tutti
Certo all'IReR Lucca ce lo meritiamo pure perché poi insomma no anche perché in tutto può estero noi a parte appunto la scadenza del ventotto maggio imposta dalla Corte
Europea dei diritti dell'uomo con la sentenza pilota appunto la sentenza Torregiani noi continueremo da un lato ad accumulare sanziona collezionare per meglio dire sanzioni sanzioni anche di tipo economico oltre che appunto toh sanzioni che che comunque declassa hanno il il nostro Paese e poi adesso si sta aprendo anche questa strada del mio occorre delle estradizioni insomma quindi siamo davvero stretti in una in una morsa dal dalla quale dove si dovrà pur uscire no
Assolutamente deve uscire il problema che per uscire occorre avere delle gambe sulle quali camminare perché a me non ci sono non ci sono ci sono solo le essi ma forti
Grande dei radicali continuano come dice Marco Pannella ad essere impopolari per non essere antipopolari
Perché se non ci rendiamo conto una definizione chiederà continuasse ad emigrare appunto con tutta la forza al di là della della non violenza
Che tenta di rimettere i media
Un intero Stato che si muove secondo parametri di illegalità e allora qui non ci può essere come dire no
Le battaglie della lega per la legalità al senso unico come pure fanno certi protagonisti della politica no in passato di Pietro adesso anche Grillo che fanno come dire le battaglie giuste controllo dei reati della carta e quant'altro però poi come dire questo tra azzurre è una medaglia che ha solo una faccia
Sì che poi quando la la l'altro lato della medaglia
Significa dovere instradare nella legalità innanzitutto l'azione delle istituzioni
E questo però come dire comporta la perdita di voti Cha
Siamo riusciti a realizzare a Latiano gli autori dall'altra parte mentre invece i radicali appunto continuano continuano in questa battaglia che è una battaglia di civiltà lo diciamo da sempre continua appunto il il Satyagraha di di vita per la Lina segretaria dica italiani ormai a accompagnata da oltre mille persone che appunto hanno deciso di scandire i giorni che ci separano dal ventotto maggio con quotidiane iniziative nonviolente continua anche la tua a l'attuazione di di avvocato radicale che appunto ha rappresentato due detenuti alla Corte europea dei diritti dell'uomo bene vedremo vedremo vene prossimi già torni nei prossimi due mesi a questo punto che cosa succederà intanto noi ti ringraziamo davvero molto Giuseppe per proprietà riguarda testimonianza grazie grazie davvero all'avvocato Giuseppe Rossodivita