19MAR2014
rubriche

Rassegna stampa estera

RUBRICA | di David Carretta RADIO - 07:10. Durata: 19 min 33 sec

Player
Puntata di "Rassegna stampa estera" di mercoledì 19 marzo 2014 , condotta da David Carretta .

Tra gli argomenti discussi: Assad, Berlusconi, Brunetta, Burocrazia, Camera, Ceto Medio, Cina, Commissione Ue, Consumi, Costituzione, Crimea, Crisi, Debito Pubblico, Deficit, Destra, Diritti Civili, Disoccupazione, Economia, Emigrati, Esteri, Euro, Europa, Famiglia, Financial Times, Fornero, Forze Armate, Gas, Giovani, Iran, Istituzioni, Italia, Lavoro, Le Monde, Letta, Medio Oriente, Ministeri, Monti, Nazionalismo, Obama, Pensioni, Pil, Polemiche, Politica, Propaganda, Putin, Rassegna Stampa,
Reddito, Renzi, Riforme, Risparmio, Russia, Sanzioni, Senato, Sinistra, Siria, Spesa Pubblica, Sviluppo, Tasso D'interesse, Ucraina, Ue, Violenza.

La registrazione audio di questa puntata ha una durata di 19 minuti.

leggi tutto

riduci

07:10

Scheda a cura di

Enrica Izzo Iva Radicev
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Quel giorno gli scrutatori di Radio Radicale mercoledì diciannove marzo questo l'appuntamento con la rassegna dalla stampa internazionale a curanti David Carretta due temi di cui ci occuperemo quest'oggi partiremo
Dall'Italia e da un anno lunga analisi del fanno sciolta immesso sul Presidente del Consiglio Matteo Renzi un giovane che ha fretta il titolo
Il Primo Ministro italiano ha svelato un piano sensazionale per rilanciare la stagnante economia del Paese
Ma sottolinea quotidiano della City critici dicono che i suoi numeri non quadrano non tornano l'altro tema che approfondiremo
Più a lungo la crisi in Ucraina l'annessione della Crimea da parte di Vladimir Putin in sostanza formalizzata ieri con un
Discorso molto abile ma anche molto significativo del Presidente Russo davanti
Alla
Du Manno eleggeremo l'editoriale dal fanno Sean Times prepararsi alle prossime mosse di Putin questo il titolo
L'Occidente deve essere pronto in caso di ulteriore escalation rossa in Ucraina vedremo anche il commento di oggi di le mondo secondo il quale l'Europa essenza forza di fronte
Al crimine internazionale Russo e poi un editoriale dal wall street journal la Europe benvenuti nel diciannovesimo secolo Putin i nuovi buona parte vedono un Occidente debole e in ritirata ne approfittano il presidente Russo con il suo
Meo imperialismo Ai confini dell'Europa cominciamo però dall'Italian e dall'analisi di di dai Moro pubblicata ieri dal Financial Times tutta una pagina sul
Presidente del Consiglio Matteo Renzi che nel titolo viene definito un giovane che ha fretta al Primo Ministro italiano ha svelato un piano se sanzionarle per rilanciare la stagnante economia del Paese ma i critici dicono che i suoi numeri non quadrano
Scrive Frasson Times prima c'era Silvio Berlusconi e all'apice della crisi del debito della zona euro nel due mila
Undici insisteva nel dire che l'economia italiana andava benissimo poi è stato il turno di Mario Monti che disse che l'Italia era sull'orlo dell'abisso
Quindi è stato mi è stata la volta di Enrico Letta che parlava di un paziente malato uscito dalla sala operatoria è entrato in fisioterapia
Dopo tre Primi Ministri in appena due anni gli italiani Orassi ritrovano con un nuovo ragazzo blocchi di partenza
Il trenta
Non venne Matteo Renzi che sta beneficiando di una l'una di miele con l'opinione pubblica l'atmosfera almeno a Roma sorprendentemente positiva
Per il momento molti italiani sembrano pronti a dare all'ex Sindaco di Firenze il beneficio del dubbio dimenticando il fatto che il più giovane Primo Ministro che la storia d'Italia non è mai stato letto in Parlamento ne ha un mandato popolare
Renzi arrivato al potere facendo fuori letta con una breve ringraziamento dopo un Putsch di partito
Tre settimane dopo quella che un diplomatico descritto come l'ascesa semi miracolosa di Renzi l'ex boy scout che si definisce un rivoluzionario sta conquistando l'opinione pubblica secondo un sondaggio
Il sessantasette per cento degli italiani esprime soddisfazione per il suo piano economico per i primi cento giorni questa popolarità secondo Fraktion Times si spiega in parte con la speranza infondo disperata
Di una svolta dopo il collasso italiano una brutale recessione costata all'Italia un milione di posti di lavoro al nove per cento del PIL una caduta del venticinque per cento dalla produzione industriale tagli alla spesa reale delle famiglie
Che è tornata a livelli della fine degli anni Ottanta più di un terzo dei giovani al sud senza lavoro e questo sta alimentando un esodo verso l'Estero alla ricerca di posti di lavoro a differenza di Elsa Fornero al ministro
Del lavoro del governo tecnico di Mario Monti che era scoppiata in lacrime presentando la dura riforma delle pensioni del due mila undici Renzi proietta l'entusiasmo
Fiducioso di un uomo che ha fretta che vuole fare in fretta ha promesso riforme radicali a un Paese
Da troppo tempo paralizzato da potenti lobi da una burocrazia soffocante da un'élite politica screditata
La sua metafora preferita è quella di un'Italia intrappolata in una
Palude
Renzi sottolinea il Fraktion Times ha candidamente ammesso che il suo piano per i primi cento giorni avvolto innanzitutto conquistare voti alle elezioni europee di maggior primo teste per il suo Partito Democratico da quando ne è assunto la leadership dopo le primarie di dicembre
Il piano prevede mille
Euro l'anno di tagli in alle tasse sui redditi per dieci
Milioni di italiani che guadagnano meno di mille cinquecento euro al mese a cominciare da maggio
Le imprese hanno ottenuto molto meno un dieci per cento di riduzione dell'IRAP che ammonta a meno di tre miliardi di euro un taglio della bolletta energetica per le piccole e medie imprese
Ma il settore privato dovrebbe anche incassare i sessanta miliardi o più di arretrati della Pubblica amministrazione il cui rimborso è stato promesso per luglio
Dietro la presentazione di queste misure però prosegua ancora il quotidiano della City molto non è stato detto ci sono pochi dettagli quanto le leggi che verranno presentate mentre
Renzi non ha specificato con la precisione come intende finanziare tutto questo
Rigettando sfacciatamente queste polemiche tra virgolette come incredibili così aveva definite Renzi
Il giovane riformista ha detto che la spesa pubblica sarà tagliata di sette miliardi nei prossimi dodici mesi che l'aliquota sui redditi finanziari sarà alzata anche se questo significa infliggere un duro colpo
Hai milioni di italiani che appartengono ai risparmiatori della classe media inoltre l'Italia dovrebbe conquistare un po'di margine di manovra grazie
Hai tassi più bassi sulla montagna di debito pubblico che supera i due trilioni di euro e grazie a un aumento fino al tre per cento di un
Deficit previsto al due virgola sei per cento nel due mila e quattordici secondo Renato Brunetta economista e Capogruppo di Forza Italia alla Camera questo piano non è credibile i numeri non quadrano
Brunetta nota che le modifiche agli obiettivi di debito e deficit richiederebbero l'approvazione
Della Commissione europea cosa impossibile da fare entro maggio Bruxelles è stata rapida rispondere prosegue Frasson Times accogliendo positivamente alcune delle riforme ma avvertendo che l'Italia deve
Rispettare gli obiettivi di debito e deficit questi avvertimenti però secondo il Financial Times sono serviti soprattutto a dare Renzi
Un ulteriore lustro gli occhi dell'elettorato spiega un parlamentare dice centrosinistra vicino al premier Renzi capisce lo spirito del Paese che sempre più tanti europeo
Cari del morbo e spiegando oltre misura forse più significativa
Tra quelle annunciate da Renzi anche quella che ha trovato meno spazio nel dibattito pubblico un decreto che permette all'impresa di assumere il venti per cento della loro forza lavoro
Fino a tre anni con contratti a tempo determinato il che significa anche la possibilità di licenziare senza giusta causa è una misura che ha sollevato le proteste della CGIL proteste ignorate
Il problema qual è secondo Luca Ricolfi sociologo opinionista della Stampa Renzi non è il rivoluzionario che dice di essere il Primo Ministro
Minimizza le difficoltà che l'Italia dovrà attraversare in particolare per i duri tagli alla spesa tradendo così la sua riluttanza a pagare il prezzo dell'impopolarità che le riforme richiedente
Molti di noi hanno una sensazione strana nei confronti di Renzi spiega Ricolfi un ministro un misto di dubbi e speranze di incertezze sorpresa di
Perplessità e fiducia questi dubbi sono legati anche all'inesperienza del suo Governo e al fatto che rimanga una coalizione sinistra destra c'è anche preoccupazione per il fatto che Renzi abbia abolito il posto di ministro degli affari europei a pochi mesi
Dalla presidenza di turno dell'Italia riconosciuta anche qua c'è un altro problema ed è il fatto che
Per le sue ambiziose riforme politiche costituzionali Renzi dipende dal sostegno di Silvio Berlusconi
Renzi la scorsa settimana promesso di lasciare la politica se non riuscirà ad abolire il sistema bicamerale italiano che mi nel processo legislativo se questo può essere un buon un vantaggio perché Berlusconi per ora
Non ha interesse a farlo cadere almeno fino a quando non potrà tornare a guidare il suo partito a farsi e leggere
Rimane il fatto che secondo su una scelta in sé e Renzi ora dovrà dimostrare di poter realizzare ciò chiara promesso
Anche se l'economia uscita dalla recessione la disoccupazione continuerà a salire almeno fino all'estate
Secondo l'ex premier Romano Prodi la luna di miele durerà appena tre quattro mesi ci sarà poi la resistenza dei burocrati delle lobby dei politici
Locali per
L'amministratore delegato di generali Mario Greco ciò che sta accadendo in Italia è che abbiamo finalmente un cambio generazionale ed è molto importante se si vuole uscire da uno stallo politico
Detto questo il compito per Renzi eh gigantesco questa
La lunga analisi della situazione italiana è più in particolare dei progetti di Matteo Renzi
Pubblicata ieri dal fa Larsson Times su cui rimaniamo per parlare
Anche di Ucraina dopo l'annessione di fatto della Crimea da parte di Vladimir Putin presidente Russo ieri ha fatto un lungo discorso molto aggressivo nazionalistiche anti occidentale
Alla Duma non sembra intenzionato
A dialogare come vorrebbero alcuni Paesi europei come
Come l'Italia secondo Frasson pancia è questo il titolo dell'editoriale
L'Europa deve prepararsi per la prossima mossa di Putin nell'Occidente deve essere pronto in caso di escalation russa in Ucraina
Scrive il quotidiano della City ieri il Presidente russo Vladimir Putin ha dimostrato al di là di ogni ragionevole dubbio la sua determinazione spietata nel perseguire
Gli interessi del suo Paese in Ucraina lunedì e finalmente è arrivato il momento cui Stati Uniti e Unione europea hanno risposto dicendo al leader del Cremlino quali sono i costi della sua aggressione adottando alcune
Sanzioni mirate ma nessuno deve pensare che queste sanzioni saranno sufficienti affermare Putin i leader russo potrebbe decidere
Di incorporare lacrime immediatamente completando il processo avviato con l'invasione della penisola e non va esclusa la possibilità che decida di andare oltre inviando i suoi militari nell'est dell'Ucraina con il pretesto di proteggere le comunità russofone
Il rischio secondo il Financial Times che Putin
Sì soddisfi ossia soddisfatto solo con lo smembramento totale dell'Ucraina potrebbe credere che se l'Ucraina non è alleata della Russia beh semplicemente non debba esistere con me Stato
Visti questi rischi prosegue Financial Times
Le potenze occidentali devono prepararsi a rispondere con fermezza a qualsiasi tipo di escalation i Capi di Stato e di Governo che si riuniscono domani a Bruxelles devono preparare una serie più dura di sanzioni economiche da imporre alla Russia in caso di nuovo intervento
Mettersi d'accordo su queste sanzioni sarà un teste molto duro per l'unità del blocco europeo in particolare a causa della dipendenza dal gas russo di alcuni Paesi del Vecchio Continente
Ma l'Unione europea deve decidere soprattutto una cosa e cioè se dà più importanza la sua credibilità internazionale oppure ai suoi interessi commerciali di breve periodo così
Il Financial Times e nel mondo oggi nel
Suo editoriale dal titolo di fronte al crimine Russo l'Europa senza forza
Sembra avere già alla risposta prevarranno più gli interessi commerciali che la credibilità internazionale dell'Unione scrive il quotidiano francese
La linea puntina di che essere soddisfatto gli europei hanno reagito in modo un minimo al crimine che il Presidente russo ha commesso in Crimea
Mosca annesso una parte dell'Ucraina Paesi indipendente gli europei fanno basso profilo
Questa situazione e pericolosa le sanzioni adottate lunedì a Bruxelles a rimangono cosmetiche siriano assumano a qualche misura di rappresaglia individuale contro ventuno personalità di basso profilo tra deputati i capi militari russi e dirigenti della Crimea imposti dal Cremlino secondo le mondo gli Stati Uniti sono andati ben oltre gli europei
Prendendo di mira personalità delle in Turandot diretto di Vladimir Buttiglione come spesso in politica estera la decisione Bruxelles è stata
Assunta in base al minimo comun denominatore tra Paesi con troppi ismi diversi l'Europa del Sud tirava in una direzione non approvare nulla contro la Russia
L'Europa del nord e in un'altra secondo loro ci vuole fermezza di fronte a Putin e mezzo c'era la Germania cioè Germania ci sono anzi la Germania Regno Unito la Francia incapaci di una scelta chiara risultato
Secondo nel mondo per la seconda volta dopo la Georgia nel due mila otto la Russia ha modificato le frontiere del continente con la forza senza pagarle un vero prezzo
Questo come minimo impone agli Europei di stare fermamente al fianco di chi è fra ma
Decidendo sanzioni cosmetiche e affermando che queste
Sanzioni minime hanno come obiettivo di
Preservare le chance di dialogo con Mosca sul futuro dell'Ucraina secondo le Monde l'Unione europea si assume
Il rischio che il Cremlino interpreti la molletta della sua reazione come un segnale di debolezza
In quel caso l'Europa avrà incitato Putin a proseguire lo smembramento del suo vicino ucraino così
Le monde nel suo editoriale di oggi in Borsa di giornali
Loro tra
Nel suo editoriale invece di ieri davanti ci andava giù ancora più duro benvenuti nel diciannovesimo secolo Putin nei nuovi buona parte vedono un Occidente debole il ritirata questo il titolo
Del dell'editoriale scrive il giornale non ci si comporta nel ventunesimo secolo come si faceva nel diciannovesimo secolo invadendo un altro Paese
Sulla base di un pretesto completamente inventato queste parole le ha dette John Kerry due marzo mentre la Russia iniziava la sua conquista della Crimea in Ucraina
Seppure involontariamente il Segretario di Stato americano stava sintetizzando perfettamente la differenza tra gli attuali leader dell'Occidente
Che vivono in un mondo fantasioso fatto di regole internazionale
E duri del Cremlino che capiscono sullo linguaggio della forza il problema è che gli uomini del diciannovesimo secolo stanno vincendo secondo il giornale
La DIA e Putin ha consolidato il suo controllo della Crimea domenica attraverso un referendum che presentava solo due scelte i cittadini di questa Regione Ucraina potevano votare per aderire immediatamente alla Russia o farlo in futuro
Il risultato era scontato condizionato dalla presenza delle truppe russe dalla propaganda anti Ucraina
La prossima tappa della conquista potrebbe essere la parte orientale dell'Ucraina le truppe russe sono ammassate alla frontiera sabato un commando attraversato
I confini della Crimea occupando un impianto di gas sul territorio ucraino le manifestazioni di agitatori russi che si moltiplicano nelle città di donne se Carchidi potrebbero costituire un nuovo pretesto
E allora come fermare Putin nelle due settimane trascorse dell'occupazione della Crimea Stati Uniti Europa hanno minacciato conseguenze
Di cui però Putin
Fa ha fatto bene a non preoccuparsi gli Stati Uniti hanno rifiutato la richiesta dell'Ucraina di aiuto militare urgente limitandosi a inviare qualche aereo della NATO nei Paesi baltici in Polonia in questo contesto per l'uomo forte del Cremlino
Meglio conquistare altro territorio subito costringendo così l'Occidente ad accettare i fatti compiuti sul terreno tanto più che la popolarità in tema di Putin sta esplodendo nel momento in cui cerca di restaurare l'impero russo del diciannovesimo secolo
Gli uomini del diciannovesimo secolo secondo il giornale ritengono che ciò che definisce l'ordine internazionale sia la logica fredda della volontà politica del potere militare
Con la potenza americane ritirati Revelli cisti si sono mossi per riempire il vuoto con un nuovo disordine globale
Sostenuto da Iran euro e Russia Bashar al-Assad sta avanzando in Siria presto potrebbe aver schiacciato l'opposizione l'Iran sta armando le milizie terrorista nord e sud di Israele
La Cina sta avanzando le sue rivendicazioni territoriali regionali e Putin sta disintegra Ando le norme del post guerra fredda facendo affette un paese perché sente di poterlo fare la questione ora essi Obama i suoi avversari
I suoi alleati non gli avversari di Obama i suoi alleati gli europei abbandoneranno le loro fantasie da ventunesimo secolo per rispondere
Hai nuovi buona parte Jimmy Carter si risvegliò dopo l'invasione sovietica dell'Afghanistan ma Obama nonna ancora mostrato questa consapevolezza
Il giorno alla ricorda di aver sostenuto la necessità di ampie sanzioni economiche finanziarie contro la Russia e le sue élite si dice che gli europei non sceglieranno questa strada anche se fosse vero gli Stati Uniti possono sempre
Mettere le banche mondiali davanti un'alternativa scegliere di fare affari con la Russia oppure scegliere di fare affari con l'America
Per il giorno all'Occidente deve rispondere all'aggressione militare di Putin anche rinnovando la deterrenza militare che non significa bombardare la Russia invadere
Lacrime ama soprattutto rafforzare la NATO e dare garanzie di sicurezza alla Polonia agli Stati baltici anche al Governo transitorio ucraino
Il re machismo Russo deve anche risvegliare gli europei spingendoli a spendere di più per la loro difesa gli uomini
E del diciannovesimo secolo sanno che il nazionalismo non è morto in quanto forza politica in grado di mobilitare
Il leader dell'Europa occidentale devono re imparare questa realtà oppure i loro sogni di pace europea saranno infranti così
Tra l'altro il Wall Street Journal ci fermiamo David Carretta una buona giornata l'ascolto di Radio Radicale