20MAR2014
dibattiti

Etica, pubblica amministrazione e impresa

CONVEGNO | Roma - 15:08. Durata: 1 ora 59 min

Player
Appuntamenti seminariali di pratica etica all'interno della cattedra di "etica delle professioni" del Professor Samuele Sangalli, con il sostegno dell’Associazione Athenaeum.

Convegno "Etica, pubblica amministrazione e impresa", registrato a Roma giovedì 20 marzo 2014 alle ore 15:08.

L'evento è stato organizzato da Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli.

Sono intervenuti: Samuele Sangalli (docente di Etica delle professioni e Il mondo delle religioni all'Università LUISS Guido Carli), Giovanni Lo Storto (direttore generale dell'Università LUISS Guido Carli di
Roma), Ivan Lo Bello (vice presidente della Confindustria), Anna Maria Cancellieri, Michel Martone (professore di Diritto del lavoro all'Università LUISS Guido Carli di Roma), Ivan Lo Bello (vice presidente di Confindustria).

Tra gli argomenti discussi: Amministrazione, Antropologia, Appalti, Arte, Burocrazia, Campania, Carabinieri, Catasto, Comuni, Concorrenza, Confindustria, Controlli, Corruzione, Costituzione, Criminalita', Cultura, Debito Pubblico, Democrazia, Disoccupazione, Economia, Emergenza, Enti Locali, Etica, Europa, Evasione Fiscale, Formazione, Francia, Germania, Giovani, Globalizzazione, Governo, Guardia Di Finanza, Illuminismo, Immigrazione, Imprenditori, Impresa, Informatica, Interni, Istruzione, Lavoro, Mafia, Magistratura, Mercato, Napoli, Occupazione, Partiti, Pil, Politica, Polizia, Pompei, Riforme, Sciascia, Scuola, Servizi Pubblici, Sicilia, Societa', Spesa Pubblica, Stato, Storia, Sud, Tasse, Territorio, Turismo, Ue, Universita', Welfare.

La registrazione audio di questo convegno ha una durata di 1 ora e 59 minuti.

leggi tutto

riduci

15:08

Scheda a cura di

Fabio Arena
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica


Ok
Mi chiudete le porte il fondo per cortesia
Chiudete le porte
Così
Tutte le corse anche quelle buone alla fine
Hanno un termine
Oggi
L'ultimo dei quattro appuntamenti che
Con il
Di grande aiuto davvero
Devo ancora dire grazie perché senza di loro tutto quello
Tutto quello che abbiamo fatto non sarebbe stato possibile
Per la principessa Pallavicini e degli amici dell'associazione Ateneum
Siamo arrivati in fondo a questi quattro appuntamenti di etica pratica credo che da quanto già percepito siano stati graditi
Soprattutto per
Lo stile
Semplice non ideologico qui nessuno ha voluto in più in dottrina re nessuno ma piuttosto
Tutti hanno cercato di
Provocare
Il nostro pensiero la nostra riflessione
Per cercare di orientarci in questo grande capitolo che è il capitolo dell'etica
E soprattutto nella sua declinazione pratica perché l'etica non è tanto un discorso
Da campati in aria ma è la difficoltà
Di chi vuole vivere bene
Non è facile vivere bene vivere
Chiara campare son capaci tutti vivere bene comporta uno sforzo di umanizzazione
Per la persona e credo che le persone che
I relatori che si sono succeduti qui lo dico davanti al direttore generale
Davanti al dottor Lo Bello le tutte le persone si sono succedute sono state di grande aiuto per ciascuno di noi
Quest'oggi arriviamo alla fine
Poi ovviamente il corso di etica delle professioni continuerà con le elezioni ordinari anzi dico già agli studenti approssima lezione troverete
Degli degli appunti sulla mia cattedra on line
D'ora in avanti per le elezioni per le sei lezioni che mancano ogni volta scaricate da lì perché ci saranno tutte le varie tematiche affrontate da diversi punti di vista come abbiamo imparato in questi mesi
Oggi ho l'onore di dare subito la parola al
Dottor Giovanni Lo storto che
Come sapete
Il nuovo ben ormai quasi è passato quasi un anno Giovanni quindi
Il direttore generale della LUISS che ci introdurrà il dottor Lo Bello la
Dottoressa Cancellieri ha avuto una
Una una ritardo e non può essere
Presente
Mezzo noi oggi
A meno che ce la faccia recuperare all'ultimo minuto ma per adesso non la vediamo all'orizzonte
Eventualmente accoglieremo anche lei intanto ringrazio nostri ospiti e ringrazio tutti voi e do subito la parola al dottor sporto grazie
Bene grazie non sono mere grazie per la passione con la quale si è presente nella nostra università
E come sai passione è una parola sulla quale stiamo cercando di costruire
Abbiamo lavorato molto in questi anni io penso che
Servano forse solo due parole per rappresentare i valori bello che si presenta da solo e e poi invece mezza parola in più per dare anche a al presidente Lo Bello una informazione su su dove sta andando la nostra precludono storie sa qual è la traiettoria che stiamo scegliendo proprio per rimanere intorno al tema dell'etica Ivan Lo Bello e
Arriva da un territorio molto difficile
Che quattro traccia come una perché siamo entrambi del Meridione io sono pugliese ma ma lo bello e ancora più giù in un territorio complicato ed ha avuto la come dire l'onore e l'onere di avere la delega per la legalità proprio Neumann in di Confindustria
L'hai avuta negli anni scorsi e adesso invece alla delega per l'Education quindi come dire esattamente tutte le le le caratteristiche per all'interno di un evento come questo portarci il contributo di chi ha toccato con mano e ti dico
Di chi tocca con mano ogni giorno il tema dell'etica e il tema del rapporto tra l'etica e la concretezza quello che volevo dire invece sull'università
E e che noi stiamo lavorando dopo aver fatto un percorso molto intenso straordinario di riposizionamento di questa università
Con
Con Pier Luigi Celli negli anni scorsi con una grande voglia di portare l'università
Ad un traguardo sempre diverso e sempre
Maggiore nel frattempo ora stiamo lavorando anche per avvicinarci sempre di più concretamente i temi dell'etica di do soltanto una informazione per
Per e la dopo quasi
Anche gli studenti perché un tema su cui stiamo lavorando in queste settimane
Abbiamo avviato un percorso di avvicinamento della università affinché i ragazzi possano incontrare non
Un lavoro come normalmente dovrebbe avvenire cioè
Fargli incrociare il mondo del lavoro quando arrivano alla fine del loro percorso o pressappoco alla fine
Con uno stage nelle materie negli studi professionale di avvocati per ragazzi far giurisprudenza noi stiamo lavorando per fargli incrociare il lavoro e quindi per fare in modo che alla fine già nel primo anno o del secondo anno possano incrociare la concretezza del lavoro la durezza del lavoro il sacrificio e lo stiamo facendo legandolo molto altri modelli al tema dell'etica
In particolare partiranno gli stage e tirocini con
Un'associazione che lavora nei carceri con le donne carcerate lì andranno i nostri studenti a fare loro tirocinio con libera per andare a lavorare i beni confiscati alla mafia quindi un alto contenuto diciamo
Di impegno etico
Con uno un valore molto alto di sacrificio perché s'incontra la durezza e la concretezza del lavoro fisico del lavoro nel terreno del lavoro nei carceri de lavoro per produrre qualcosa
Ci aspettiamo da questo percorso che i nostri ragazzi
Come dire incontrino quindi il lavoro e da quello poi traggano un come dire un insegnamento morale di concretezza che li possa accompagnare nelle scelte successive e nel
Come dire rinforzare il loro impegno nel percorso di studi universitari
Io non aggiungo molto altro sono molto contento complimenti per le iniziative del Samuele grazie
Al presidente Lo Bello per essere sempre molto disponibile molto attento alle
Come dire agli inviti della della dalla sua università perché ricordiamo tutti che
LUISS è l'università di Confindustria
Grazie a tutti e buon lavoro

Sì insomma

Bene innanzitutto buonasera a tutti ringrazio l'Associazione teniamo la principessa Pallavicini per
Per aver organizzato questa
Questa importante discussione voglio ringraziare che vengo comandi con grandissimo piacere sempre queste iniziative avendo già partecipato ad altre brillante iniziativa dell'associazione
Credo che sia
Estremamente utile oggi nel Paese
Fare qualche discussione più con i giovani che non ha con il resto del del Paese
Perché ma ne parlerò al mio nel mio intervento cercherò di essere non di essere abbastanza abbastanza breve per cui anche stimolare un bel dibattito domande altre cose credo sia poi anche
Arricchisca sicuramente lampo
La discussione la discussione di oggi parlo
Parlo a voi perché
Credo insomma che una
Tra la dimensione etica oggi passi in maniera molto forte dalle dalle giovani generazioni
Lo dico perché sostanzialmente nel
Ve lo racconterò insomma in questo in questo mio breve intervento
De non c'è dubbio che tante generazioni tante generazioni
Non in senso totale insomma un pezzo di tante generazioni oggi
Probabilmente hanno contribuito in maniera significativa anche al degrado etico-morale dal nostro del nostro Paese quindi credo che gran parte la ripartenza del Paese
Dipende anche dalla freschezza dalla passione civile tante persone che non hanno
Ha avuto ruoli nella nella governance di questo Paese che possono dare un contributo importantissimo
Allora io
Entro subito nel nel merito allora beh innanzitutto una
Una questione economica perché vedete la le questioni etico-morali
Si intersecano spessissimo con questioni sociali economiche giuridiche non sono un elemento che sta fuori dalle dimensioni politico sociali ed economiche tutt'altro
L'etica è qualcosa che sta dentro tutti questi profili sta dentro le dimensioni socialista dello dimensione economica sapendo la dimensione politica e quindi
Cercherò di di discutere di questo all'interno della concretezza del nostro Paese e delle grandi e delle grandi questioni sociali economiche politiche
Allora beh è una delle prime questioni che dobbiamo
Che dobbiamo affrontare questo
Ho scritto nel
Nella nella mia relazione da alibi ad opportunità mi spiego bene ne abbiamo vissuto questa profonda crisi economica iniziata nel due mila otto e che di fatto ancora incide sulla carne vera del nostro del nostro Paese questo è un anno in cui avremo una
Una ripresa una ripresa economica non particolarmente rilevanti ma comunque un segno più che
Rispetto a una a molti anni di
Assoluta recessione
Rappresenta una una novità però noi abbiamo
Anche qui e credo per la
Per un decide di di questioni etico-morale abbiamo
Cercato di costruirci intorno a questa crisi economica un profondo alibi un profondo alibi rispetto alla incapacità che ha avuto il nostro Paese il nostro Paese di mettere in campo
Tutto una serie di questioni fondamentali legate ovviamente anche alle alle si alla queste alla questione alla questione etico-morale guardate questi anni sono stati de anni che hanno inciso in maniera profondo sul tessuto sociale e sul tessuto economico
Disoccupazione Jogna livelli record è una cosa che vi interessa ma interessa il resto del del Paese ma devo
In tal senso cooperazione giovanile
Nel nostro paese che perché rasenta il quarantadue per cento nelle regioni del Mezzogiorno immagino che un che alcuni di voi vengono anche da quelle da quelle Regioni
Ormai è oltre il cinquanta per cento
Quando il cinquanta per cento dei ragazzi in alcune parti del nostro Paese non trovano un posto di lavoro né una prospettiva nella prospettiva c'è una grande emergenza e non è sono emergenza sociale o economica è anche un'emergenza è un'emergenza morale e ed etica
Aumento le assicurazioni lunga durata
è un tema centrale prima le crisi erano molto più brevi e questa e quelle che si concordi garantivano comunque un arco temporale abbastanza per ritornare sul mercato del lavoro
Altre questioni la contrazione il numero delle imprese
Le imprese sono fondamentali il PIL loro così escono imprese lavoratori in questo in questo Paese non la
L'ampia struttura
L'ampia struttura pubblica cioè sono venuti meno quelle quegli elementi fondamentali che creavano coesione sociale e valori e valori
E allora
Che
La crisi
Il frutto di una di un ciclo economico ma è anche il frutto di una serie di questioni fondamentali che hanno in qualche modo mutato un pezzo da qualcuno mutato foto mutazione antropologica di un pezzo del del Paese
Perché vedete
Il fatto che siamo il Paese che che che è cresciuto meno in questi anni che di più ha perso pile quindi ricchezza nel nostro Paese non dipende solo dal ciclo economico dipende da alcuni fenomeni che sono ormai che sono diventati strutturali negli ultimi negli ultimi anni o meglio negli ultimi decenni
Penso alla
Enorme evasione fiscale
L'evasione fiscale l'evasione fiscale una delle cose dette delle cose che nelle democrazie nelle quali sia parlamentari che rappresenta l'elemento fondamentale dalla Costituzione dello Stato
Cioè lo Stato ha bisogno di risorse per esercitare i servizi pubblici l'evasione fiscale significa venir meno un patto tra cittadini è stato e servizi pubblici di cui devono devono usufruire tutti
L'evasione fiscale la capillare corruzione del nostro Paese
La corruzione a un effetto devastante sul nostro Paese per due ragioni di fondo una ragione dico morale perché intacca
La qualità etico-morale del del nostro del nostro Paese ma anche perché ha un effetto dirompente sugli effetti sociali ed economici la corruzione nei nei Paesi anglosassoni cioè quelli che stanno più sul mercato
E un reato pesanti a
A diciamo così delle pene pesanti sia perché distorce il mercato
O meglio distorcendo il mercato attraverso la corruzione il limite alla capacità di crescita di un Paese e lasciatemelo dire senza crescita economica il Paese non è migliore
I paesi entrano in siti in situazioni di vedi fare in situazioni molto complesse quando c'è poca crescita economica cresce come non è solo un valore economico è un valore etico morale perché la questione che rende migliore le persone da coscienza le persone
Costruisce più coesione sociale della società oggi quello che vediamo oggi è una coesione sociale che si è perduta di fronte alla mancanza di un punto di riferimento rispetto all'interesse generale del Paese tantissimi hanno cercato di trovare soluzioni individuate
Quando la
Quando si crea un'enorme differenza fra le soluzioni collettive pubbliche le soluzioni individuate le soluzioni quali prevalgono a quel punto il Paese non c'è più e un Paese che cerca risse ricerca e che cerca valutazioni individuali e non coglie l'importanza della vicenda della vicenda della vicenda pubblica
Tutto questo sta dentro la vicenda etico etico-morale etico-morale allora
Credo che questo le idee gli effetti che ho detto che ho detto malessere diffuso il Paese si è incattivito
Lo vediamo nei social media lo vediamo in tante manifestazioni è un Paese che non
Che non propone qualcosa di positivo ma è un Paese che guarda alle patologie del sistema che rissoso che non riesce ancora a superare questa idea della somma di interessi individuali apportare una somma di interesse ha un interesse collettivo
E questo ha mette a rischio alcune questioni fondamentali la crescita economica la coesione sociale
La cultura della democrazia la democrazia è eminentemente una ragione collettiva dei Paesi non è la sola somma di interessi interessi individuali quindi non ci troviamo di fronte a una situazione crea
Saluto da serio e poi
Vidiri interviene anche ad un po'interessi si viene
Questi
L'unico rimprovero che possiamo fare Michel Martone che abbronzate quindi vuol dire che pattuite
Scusate l'intermezzo
Ma e allora
E
Entra in pericolo la coesione sociale di un di un Paese gli allora credo insomma che uno degli elementi che dobbiamo mettere in campo è
L'idea di una urgenza etica urgenza urgenza etica lo dico a voi ragazzi
Che non va vissuta unicamente come una mera battaglia morale una testimonianza pubblica oggi non possiamo più permetterci di far solo questo
Cioè non possiamo solo guardare la televisione vedere personaggi improbabili
E maturare una una grande grande astio nei confronti del Paese oggi dobbiamo all'interno di questa emergenza etica assumerci delle responsabilità perché vedete ma in questi
In questi decenni abbiamo
E questo diciamo sia un vizio importante della società della Società italiana abbiamo ritenuto che tutte le responsabilità responsabilità vostro unicamente del ceto politico
L'idea è stata c'è una politica che non riesce a indirizzare lo Stato che non ha una visione collettiva che non crea crescita non crea coesione sociale non migliora la qualità la democrazia
Come se la politica fosse una realtà una realtà al di fuori la dimensione sociale e il papavero del nostro Paese ed è il problema profondo e questo è importante è importante importante ragazze e ragazzi
Il tema profondo è che in questi decenni in questi decenni non ci sono responsabilità più che non ci sono sono responsabilità dalla politica c'è una responsabilità profonda radicata della società italiana
La Società italiana la società era assecondato un percorso un percorso politico né è stata né è stata partecipe
Ha maturato interessi dentro questi percorsi politici quella logica di cui parlavo all'inizio
Della somma delle tante delle tante richieste e individuali allora su questo dobbiamo riflettere molto perché vedete noi non supereremo questa fase finché la società non avranno il coraggio di dire
Abbiamo cui abbiamo utile abbiamo abbiamo sprecato decenni del nostro del nostro che se siamo stati tutti responsabili perché tutti sono stati responsabili in questo in questo contesto
Oggi dobbiamo assumerci delle responsabilità collettive questo è un po'il tema il tema di fondo lo dico al di fuori di ogni retorica o devo dare odio la o della retorica che distrugge tutte le cose belle di cui si con cui si può parlare però non c'è dubbio che
Se non facciamo una profonda e radicale autocritica sulla società italiana sulle responsabilità della Società italiana sulle omissioni la società italiana non andremo da nessuna parte perché un Paese cresce e migliora
Radica insiste su una maggiore valutazione etico-morale nella misura in cui è in grado di cogliere i difetti e le mancanze che abbiamo avuto in questo in questo in questo periodo allora
Vado vado avanti
Vado avanti tutto questo
Si incontra si incontra contante con tante questioni fondamentali che sono anche la governance del nostro Paese deterrente mi è stato richiesto anche di parlare un po'dalla pubblica amministrazione lei dica lei tema politico della pubblica amministrazione anche qui
Anche qui
Allora io credo che ne abbiamo
Un vizio di fondo o che non abbiamo che non abbiamo superato lo dico al di fuori di ogni valutazione ogni valutazione politico sociale
Il
Il vizio il vizio di fondo
Il vizio di fondo e che intanto noi abbiamo una stato unità debole
Lo stato della debole un problema serio le nostre nei confronti di tanti altri di tanti altri questi faccio un paragone cerco di fare un po'più compiere un po'più diciamo così
Dialogante il mio intervento non voglio non voglio annoiarvi Abbado bisogna entrare con i temi e spero veramente di avere delle sollecitazioni sulle vostre sulle vostre domande
Ne abbiamo un problema di statualità fragile debole che nasce da tanti fattori da tanti fattori storici abbiamo al nostro interno un tema legato alla scarsità dalla cultura di mercato
La cultura di mercato non significa non significa homo homini lupus non è non è il il mercato selvaggio di cui che spesso viene rappresentato il mercato è un è uno strumento che crea ricchezza e il mercato funziona la misura in cui ci sono anche regole
Mercato e regole convivono sempre guai ieri un mercato non regolato mercato hanno regolato significo un mercato che fa i disastri che ha fatto gli Stati Uniti o in tante altre o in tante altre realtà però il nostro problema è è
Duplice
Da un lato lo Stato e farò qualche valutazione su questo su questo dall'altro
Dall'altro oltre oltre lo Stato l'elemento che
Più a a ha lavorato tra virgolette per abbassare il tasso etico-morale ed è
E parto da queste parti lo sullo Stato ed è la radicata cultura della rendita
Radicata cultura la rendita che una rendita che in qualche modo rappresenta il cuore vero gli spiriti
Il gli accordi con gli animali spese che non lo spirito di mercato nel nostro bello sapeste gli spiriti sono gli spiriti della rendita ma rendita non la rendita non quella rendita positiva che crea ricchezza quella rendita che
Che in qualche modo allontana la capacità di crescere un Paese vi faccio vi racconto una cosa perché
Perché significativa perché non è un problema del
Della secondo Prima Repubblica è un problema storico che risale che risale nel tempo faccio una
Di vi racconto questa storia che riguarda la
La Sicilia nel mille settecentottanta ottanta
Non c'è dubbio che la Sicilia era
In quegli anni in quegli anni lo fu anche negli anni successivi un Paese molto molto molto ritardato la confisca economica e sociale
Già all'interno già Napoli all'interno del del Regno due Sicilie ormai una realtà molto più evoluta molto più aperta al dibattito insomma
La la
La vicenda una parte l'agenda dei Borboni Napoli va rivisitata da questo podista perché ci fu anche un illuminismo napoletano in quella in quella fase
La Sicilia era un luogo di tradizione feudale senza la costruzione dello Stato cioè non esisteva allo Stato
E un signore
Il principe Domenico Caracciolo che stava a Parigi come asse come come ambasciatore della del Regno delle due del Regno delle due Sicilie
E si trova a Parigi ovviamente in una realtà a
Un in una realtà in pieno illuminismo quindi conoscere a volte era cioè stava dentro quella quella vicenda fu richiamato per fare il viceré difficile abilmente torna in Sicilia
Con un po'di rammarico perché la Parigi di quelle la parità di quell'anno significa insomma luglio al più di qualche tempo fa cioè i posti cioè il luogo in cui si costruiva deve anche il cambiamento sociale ed economico della dei nostri dei nostri dei nostri Paesi
Ebbene il
Il il Principe Caracciolo possa immediatamente un un problema lo dico perché
Cioè non impariamo di questo dieci di dieci anni fa faremo di questo in radicate in maniera molto forte nella e che spiegano perché il sud non è cresciuto in questi indetti tutti questi anni Bellugi voleva fare due riforme
E poi parlerò del perché li fa non si fanno nostro il nostro Paese e hanno un'incidenza etico-morale
Due riforme due riforme semplicissime questi quesiti dirompenti allora come sono e restano tre grandi riforme strutturali in questa fase le riforme erano semplicemente questo
Il catasto
Vi sembrerà il catasto il catasto era l'unica struttura che poteva in qualche modo in qualche modo attraverso la catena attraverso la verifica del delle altre cose costruire il mercato
Cioè la certezza alla certezza delle dei beni la dimensione dei beni e Domenico Caracciolo voleva fare il catasto come la Lombardia
Un po'ambizioso devo dire questo da questo punto a questo punto di vista perché ovviamente non riuscì a fare il catasto insieme a questo insieme a questo lui vuole fare una seconda riforma una seconda riforma che ovviamente non riesce a fare e che riguardava lo spostamento della tassazione
Dalle persone
Alla terra alle cose
Allora
Cioè
Questo tema questo tema c'è la terra produttive la terra improduttiva quindi non non si possono fare delle valutazioni generali però nella sostanza ho citato questa cosa qua perché nel lontano seppur lontano nel lontano settecento denotano settecento
Attraverso quel tentativo riformatore probabilmente probabilmente se questo divenuto una una
Una
Una soluzione positiva oggi la Sicilia sarebbe sarebbe veramente un uomo di grande di grande crescita non ci riuscì non ci riuscì di fronte a a importanti resistenza
Queste resistenze in senso più ampio sono rimaste intatte nel Paese nell'ottocento dopo l'Unità d'Italia nel Novecento nel secondo dopoguerra anche oggi
Perché il Paese purtroppo ha una scarsa cultura di di mercato è un Paese che pensa di poter sopravvivere attraverso rendite che si consumano nel tempo cioè la rendita si consuma per definizione
Cioè se non se non è una rendita attiva c'è una rendita
Che Turri impieghi le investi o altre cose brucia la ricchezza del Paese
Bruciare la ricchezza può soddisfare alcune generazioni poi il Paese si impoverisce sotto questo profilo allora
Perché ho fatto questa valutazione e ho parlato dello Stato verbale lo state debole perché innanzitutto la cultura la rendita Erode lo Stato
Ero dello Stato perché la cultura e la rendita non è una cultura di condivisione cioè non è una cultura non è una cultura che mette assieme le persone non è una cultura che crea valori comuni e condivisi
è una una è una cultura che soddisfa le esigenze di la di cui ho parlato all'infinito della mia della mia dell'ANIA della mia valutazione allora
Su questo credo che una delle grandi questioni fondamentali che sono sempre dico morali sociali politiche ed economico e quella di una ricostruzione della dimensione statuale
E del ruolo che lo Stato ha sotto questo profilo lo ha perché lo Stato ci tiene insieme
Perché il Paese incattivito oggi perché non trova una riferimento nello Stato
Non trova riferimento spesso in un pezzo la classe politica che guarda ad altro non è interessato alla alle vicende alle vicende attuali allora uno dei temi centrali lo dico a voi avvocature ragazzi che
Dobbiamo recuperare in tempi rapidi l'idea dello Stato e per recuperare l'idea dello Stato ci furono Società forte una società responsabile un'idea collettiva
Nessuno si può salvare da solo allora
Credo che
Vado vado velocemente sotto questo sotto questo profilo
Andando a discutere un po'della pubblica amministrazione di cui condivido qui
Sono un po'imbarazzato perché Michel su questo mare ha lavorato da ricevuta viceministra contante con tante altre realtà quindi considero abbastanza banali e semplici le mie valutazioni per insomma siccome mi vuole bene niente
Non ha non non infierire al sulle sulle mie sulle mie mancanze che però non c'è dubbio che
Vedete uno dei temi centrali debiti abbiamo nel dibattito dal nostro Paese semplicissimo per cento l'idea che
La burocrazia sia un
Un inferno dantesco rispetto alle alle alle potenzialità del del Paese però in questa riflessione mancati un elemento fondamentale andamento fondamentale e cioè
Perché la burocrazia è così perché tutte le soluzioni come mettere in campo sono soluzioni che non riflettono le condizioni storico sociale su cui è nata lo Stato italiano e la burocrazia e la burocrazia italiana molto spesso ne pensiamo che le cose si possono risolvere unicamente attraverso una tecnica giuridica
Attraverso una tecnica organizzativa organizzativa e questo è un
Un elemento un elemento che non coglie il PIL il tema il tema il tema profondo la burocrazia la profezia
Non tutta la burocrazia dio Po quando parlo di cose generali vi prego di valutarne all'interno di un pezzo la burocrazia e un pezzo d'impresa un pezzo e le altre cose perché l'INPS e ingeneroso pensare che
Che non ci sia un'ottima burocrazia conosco persone che
Che dedico una loro vita a servire a servire lo Stato lo fanno con grande dedizione spesso in condizioni molto più difficile di altre di altre realtà quindi
Evitiamo Sempre lo dico lo dico a voi le generalizzazioni generalizzazioni poi alla fine fanno diventa del tutto indistinto non c'è il buono non c'è il cattivo non è così
Allora
Perché
Perché la l'assenza di un senso collettivo dello Stato dello Stato provoca una frammentazione anche della cultura della cultura puro
Pratica l'idea non è promuovere lo Stato l'interesse collettivo l'idea e svolge un ruolo utilizzare il potere per sottrarre per svolge per svolgere un ruolo
Quindi e credo che per esempio sulla riforma della pubblica amministrazione bisogna agire ovviamente con gli strumenti giuridici ma bisogna agire anche con una capacità di fare una battaglia culturale rispetto al senso dello Stato correva e abbiamo vi faccio un esempio semplicissimo
Tra noi e la Francia
La Francia un Paese che in questo momento ha difficoltà economiche molto simile alle nostre l'unica differenza che abbiamo i francesi che loro hanno debito pubblico migliore del nostro minore del nostro però è un paese che
In questi trent'anni come noi non ha fatto le grandi riforme strutturali cose che hanno fatto i tedeschi parlerò anche dei pretesti per dobbiamo guardare un po'il quadro complessivo del del sistema del sistema europeo e
Hanno
Ora a
Un sistema imprenditoriale che è molto forte in alcune grandi in alcune grandi società
Hanno un sistema idrico e diffuso molto meno rilevante del del nostro noi da un punto di vista di di capacità economiche ingresso molto più avanti della
Della della Francia
Qual è la differenza forte e radicata per cui la Francia oggi comunque un po'più avanti pagati a noi
Perché in Francia cioè lo Stato
In quel Paese c'è uno Stato che funziona
Uno Stato in cui in cui tutti francesi credo no sono orgogliosi del loro del loro dello Stato forse eccessivamente da questo punto
Di vista perché ciò fa pesciolini Smoke eccessivo sotto questo profilo però nella sostanza la vera grande differenza fra noi e loro al di là del debito pubblico dalla capacità di crescita
Del sistema editoriale e lo Stato
Loro reggono in condizioni complesse perché
La Francia un Paese molto conservatore sia a destra che a sinistra in questi anni non ha fatto nessuna riforma un quel fare forse
Non sostenibile nel tempo affronterà delle affronterà a mio avviso delle situazioni complesse nei prossimi nei prossimi nei prossimi anni e però reggono
Unicamente per lo Stato non solo come costruzione giuridica lo Stato come elementi in cui si riconoscono tutti i francesi
Tutti i francesi labile i francesi e la burocrazia francese
Che nasce nella stessa cultura nostra e siamo non siamo frutto anche delle vicende napoleoniche sotto questo profilo cioè il nostro sistema non è un sistema italiano un sistema che ha guardato alla tradizioni giuridiche e burocratiche degli altri degli altri degli altri Paesi
Lì il funzionario pubblico guarda allo Stato lo sviluppo dello Stato da noi molto spesso che in alcune parti no
E allora
Voglio dirvi questo perché
Credere nello stato di identificarsi nello Stato essere orgogliosi dello Stato
Significa fare un Paese migliore con valori con una dimensione etica e morale questa la profonda e la profonda differenza e allora credo che quando si tratta di affrontare il tema della Pubblica ammesso che si tratta di affrontarlo all'interno di una questione molto più ampia
Molto più forte che riguarda la nostra Antropologia i nostri vizi le nostre potenzialità enormi
E se non ricostituiamo un'idea forte di Stato non andiamo da nessuna parte specialmente in un minuto in un mondo globalizzato il mondo globalizzato
Paradossalmente ha più bisogno di Stato
Ma non lo Stato che si chiude
Cioè non lo Stato non sotto nazionalista lo Stato che funziona che crea la collettività che fa valori che ci accompagna fuori in questo in questo mondo più ampio che riesce ad avere le a metà in capo le sfide la globalizzazione
Questo è lo Stato e credo che lo dico lo dico a voi
E lo dico sempre fermo con un po'di con un po'di rimpianto
Le nostre generazioni non hanno avuto la capacità e la forza di farlo
Non ha avuto la capacità la forza di farlo si sono arresi di fronte a grande difficoltà tanti ci hanno tentato ma lo spirito collettivo e l'idea di Stato è rimasta fragile e debole nel nostro Paese è questo un tema fondamentale che riguarda prevalentemente in maniera molto forte
Il tema della
Il tema di cui parliamo di cui parliamo oggi io
Parte passato
A questo mese quindi accedono velocemente insomma
Io sostanzialmente scrivo sempre una una relazione poi la poi
Sì sì e no domande quello che è quello che sto qui non lo trova in quello che ho detto bene meglio sempre
Novak
No ma poi nel
De devo dire insomma che quando si quando si toccano questioni questioni che in qualche modo che hanno sempre solleticato nella nella vita e nella tua della tua attività può insomma un cambia sempre del discorso con gli occhi
Odio leggerei odio leggere diciamo così le le relazioni allora
Credo che oggi
Dobbiamo ricostruire il Paese attraverso alcune questioni vado per titoli velocemente beh innanzitutto oggi
Questo passa attraverso attraverso due elementi faccio e faccio il titolo cui cerco di di dispieghi spiegarli spero il mio punto di vista ma il voto perché avete gli strumenti culturali per lui perché per fare valutazioni da sopra
E che per esempio uno degli elementi con cui possiamo ricostruire il nostro Paese e il binomio equità e qui equità e merito
Che sono due questioni fondamentali che vanno assieme
Purtroppo nel dibattito del nostro Paese non saper se ci sono o quelli che ritengono che l'equità sia l'unica soluzione per il nostro Paese e significa ed è un elemento fondamentale l'equità è un valore importante valore importante però quando l'equità
Le quando l'equità mette assieme persone tanto Anto diverse e un elemento che limita la capacità la crescita di un di un Paese molto spesso quindi penso che spesso il merito sia un elemento fondamentale in realtà
Per stare dentro quella logica dello Stato e della dimensione collettiva dobbiamo essere lo stesso tempo capaci dare merito alle persone ma di di garantire la coesione sociale e l'equità per chi sta indietro perché non ce la fa ad andare ad andare avanti questo è un tema centrale importante potremo parlare proporrei di questo
Per ore perché vedete
L'effettività della democrazia
La democrazia è una struttura sono sempre in base alla parola che mi sembra proprio un giurista quindi non breve più semplicemente fatto lavoratore valigie spezza come
Oggi c'è la ricevuti tutti laureato ti studenti di giurisprudenza immagino qui in questa in questa sede quasi economia perfetto
E allora credo insomma che noi sul tema della della democrazia e la democrazia molto a che fare con i valori con con l'etica e con l'etica la morale e pratica la morale
La democrazia c'è una democrazia sostanziale vera quella dove tu eserciti tu hai i tuoi diritti sostanziali e democrazie formale
Io credo che noi dobbiamo guardare una democrazia sostanziale di vincolati alle regole democrazia che spesso anche sono importanti e però dobbiamo fare e che in questo Paese la polarizzazione che si è creata tra merito ed equità si ricomponga
Si ricomponga perché serve
A rendere il Paese migliore a non lasciare indietro quelli che non ce la fanno a garantire anche a loro una capacità di dare cittadinanza attiva al nostro Paese
Ma dobbiamo anche recuperare una cultura del merito non quella cultura del merito un po'porre tonica che emerge in tanti in tanti dibattiti il merito è quello che fa crescere la società cresce l'economia
E il merito che garantisce poi a chi è
Più svantaggiati trovare anche una soluzione e di poter a sua volta avere un ruolo nella nella società quindi sembrano mettiamo assieme
E qui e equità e in merito e merito torniamo dentro dobbiamo dentro una sua una situazione in cui lo Stato è garante dei diritti dei cittadini ma è garante anche della capacità di crescita di questa nel sociale
Che sono valori che vanno assieme che sono estremamente importanti vado velocemente perché
Credo che
Allora le
Velocemente sulle sulle aziende sulle aziende poi passiamo alle passiamo le domande le domande ecco non posso non parlarvi del del sistema del sistema delle imprese il sistema delle imprese come tutte le altre realtà del del Paese in questi
Anna Maria
Giusto sto ultimando la mia la mia relazione in toto diffusa Pecere vederti qui Anna Maria
Allora e
Chiudo un po'con il tema con il tema delle aziende
Le aziende le aziende rappresentano rappresentano un pezzo uno spaccato della società italiana
Come abbiamo detto come ho detto prima
Nella nella sostanza le sono attori e soggetti della crescita economica ma sono un pezzo della società italiana anche il nostro mondo
Io sono sono sempre non ho mai non ho mai ritenuto insomma le imprese sono un pezzo di quello che è successo in questo Paese ci sono imprese fortemente avanzate che hanno valori
Un'etica profonda ci sono tra tante altre aziende che probabilmente su questi temi cercano quelle scorciatoie di vivaio di cui abbiamo parlato all'inizio della della mia della mia della mia relazione
Oggi cosa sta succedendo nel nostro nel nostro nel nostro Paese non ci troviamo di fronte a due elementi fondamentali lo voglio dire a voi specialmente perché di confrontare Tech qualunque professione conclusione Pol Pot vi confrontate con un mondo che sta cambiando radicalmente un mondo in cui anche l'impresa sta cambiando sta cambiando e credo che questo cambiamento se non è accompagnato
Da una visione sul futuro e da
Una capacità di accompagnare i cambiamenti il sistema duale attraverso valori profondi
Rischiamo moltissimo nella nostra nel nostro nel nostro nel nostro nel nostro Paese quindi i temi dell'etica e morale sono intensi tutto temi ripeto morali ma anche economici per esempio quello detto prima la cultura di mercato
Beh la crescita economica passa attraverso mercati efficienti e regolati
E li devono confrontarsi tutte le aziende perché vedete
Un un breve cenno
Molto spesso ne guardiamo alla
Alla proliferazione mafiosa nel nostro nel nostro Paese come se fosse diciamo così
Un
Problema meramente meramente repressivo un tema legato diciamo così a una serie di gruppi che uccidono e altre cose in realtà
La mafia negli anni si è riprodotta in maniera molto forte perché un soggetto sociale ed economico
Non è solo una banda di delinquenti
è una realtà e è una realtà che ha profonde radici nella società e profonde radici nell'economia per quello che mi riguarda quello che mi riguarda dal punto di vista la potestà economico la mafia e l'opposto della cultura di mercato
La mafia nelle regioni nelle regioni meridionali ma purtroppo oggi in tante altre parti da tre perché al Paese a un unico modus operativo e cioè
La compressione del mercato
La compressione delle regole delle regole mercati chiusi totalmente regolati dalle cosche mafiose
Questo è un tema centrale perché vedete se ci se c'è un ritardo nel dibattito sulla questione sulle questioni mafiose
Dipende prevalentemente da non aver messo mai l'approccio sulla questione sociale economica d'aver messo sui sui sui Xhani i principi che sono importanti rilevanti ma se vogliamo combattere la mafia abbiamo combatterò nelle sue dimensioni sociale economica non solo nella perché abbiamo perché perché non solo perché siamo
Persone credono i valori nell'etica nella e nella morale perché se non mettiamo assieme le due cose non comprendiamo il senso di questi effetti e le soluzioni che possono comportare questo peraltro
La fretta non c'eri nel suo ruolo di di misto all'interno conosce benissimo queste queste questioni ed è stata sempre di fortissimo supporto a tutte le a tutte le realtà anche nel Mezzogiorno che hanno fatto importanti progressi sotto questo profilo allora
Anche questo oggi significa che il sistema delle imprese oggi deve deve capire che
O andiamo verso
O andiamo verso verso una più forte solida stabile
Innovativa dimensione statuale o anche le imprese soffriranno sotto questo sotto questo profilo allora
Chiudo perché mi sembra sia contra dove se ci sono altre cose ne parleremo anche al di fuori del di quello che ho detto oggi velocemente saltando insomma tanti tanti punti è voglio
Voglio farlo voglio farlo a voi anche perché da da questi due anni mi mi occupo e una passione risalente nel tempo ma mi occupo in tempo pieno gente copiano trasmette i giorni che posso dedicare ovviamente a Confindustria sono vicepresidente di Confindustria con una delega che a me
è sempre piaciuta molte che sono completo oggi di esercitare della delega l'education cioè nel tutto il sistema il sistema scolastico e formativo e formativo
Perché una delega strategiche perché questa delega si inserisce nella discussione di oggi che nelle valutazioni etiche e morali perché vedete
Senza un percorso scolastico adeguato
Parlare di etica e di valori diventa molto difficile
Cioè la la qualità civile democratica di un di un territorio che è quella che poi determinare determina la capacità il i valori collettivi l'etica e la morale passa attraverso il sistema scolastico
Passa attraverso il sistema scolastico perché il sistema scolastico che crea che crea valori siamo scolastico dove state in classe con venti trenta persone siamo scolastico è un sistema che condivide
Non è un sistema che divide è un sistema collettivo è un sistema in cui
Costruite le amicizie della vita in cui
Uscito dalla famiglia da entrate dentro la dimensione collettiva misurate con le altre persone
Vedete cominciate a conoscere la capacità di stare insieme e di sta insieme e di condividere insieme tante altre realtà la scuola è questo un buon percorso scolastico oggi un percorso così perché vi garantisce una cittadinanza sostanziale e non solo formale perché
C'è un filone della scuola che ancora oggi penso che la sua si debba ridurre solo a una scuola teorica ma sennò se faccio sempre
Il
Chi noi chi finisce la scuola e non trova un posto di lavoro e un cittadino dimezzato
E quindi anche la scuola sotto questo profilo deve cominciare a prendere atto di una questione fondamentale in cui le competenze teoriche vanno messi in campo anche attraverso un rapporto col sistema delle col sistema delle imprese
La disoccupazione giovanile con cui ho avviato questa questa discussione oggi
Discussioni e che in larga parte dobbiamo stimato intorno al quaranta quarantacinque per cento le sue quote utile dipende dalla mancanza di una capacità di dialogo fra scuola e mondo del lavoro
Il che non significa mischiare scuole mondo del lavoro significa capire che le due dimensioni sono quelle che poi determinano la vostra vita e che nella vostra vita evitando la capienza cittadini veri che possono contribuire al Paese perché guardate se uno non lavora
è un cittadino che non può esercitare i suoi diritti
O meglio di può esercitare ma gli stili esercita in una condizione di disagio in una condizione di non partecipazione al Paese perché vede in un Paese che l'ha messo la relegate ai margini che in qualche modo gli dà con la cittadinanza attiva che l'elemento fondamentale
E allora credo che uno dei degli enti fondamentali oggi e questo sapete quanta disoccupazione giorni in Germania
Il sette per cento
Contro il nostro quarantadue per cento e oltre il cinquanta per cento delle regioni meridionali in Germania non c'è disoccupazione giovanile
E c'è in atto un fenomeno che è importante lo dico perché se gli studenti ed è fondamentale oggi sta emergendo un
Lasciatelo dire rompo brutto dirlo un mercato delle competenze a livello a livello globale per i soli Paesi che hanno
Che non ho più risorse risorse umane nei territori la Germania in questi ultimi anni ha fatto due bandi importanti
E due convenzioni con il Portogallo e la Spagna che sono pesi ad altissima disoccupazione molto più forte del
Della nostra per portare questi ragazzi in Germania
Perché hanno perché non hanno più persone il più ragazzi riposando a lavorare perché la disoccupazione sostanzialmente zero anche in Italia due anni fa hanno mandato ha fatto un bando la Repubblica tedesca ha fatto un bando del la la la e lei e la
Diciamo così diffuso qui in Italia e garantendo ai ragazzi otto mila euro l'anno alloggio e la possibilità di stare dentro la formazione professionale o tecnica delle che delle delle scuole delle scuole tedesche ma ci preme in una situazione in cui oggi
Se la nostra dimensione nazionale e piccola rispetto o a una né mobilità delle competenze che sarà sempre più forte nel nostro Paese e a livello e a livello globale quindi
C'è oggi non possiamo pensare al nostro sistema unicamente alla dimensione nazionale
Perché se non anticipiamo questi prende che che purtroppo non sono perché
Qui c'è un deficit di comunicazione molto molto forte i flussi i flussi all'interno dei Paesi europei oltre questi ho preso diventano ogni giorno più rilevanti
Più rilevanti e per far questo lo dico a voi occorrono competenze
Competenze è una scuola è una scuola che oltre alle competenze abbia la capacità dialogare anche con le aziende
Un meccanismo di orientamento che manca nel nostro Paese inesistente di fatto ripeto non c'è uno ci sono strutture che l'orientamento oggi è fatta attraverso strumenti formali
I genitori gli amici le scuole
L'orientamento invece e quello che ha determinato in Germania l'abbassamento struzzo strutturale delle tra disoccupazione giovanile allora sono temi importanti forti sui quali bisogna mettere in campo un'idea innovativa della scuola
Un raccordo più forte col sistema del lavoro
Perché il vostro percorso il vostro percorso universitario un percorso universitario che deve essere ovviamente libero da ogni condizionamento perché
Dovete dovete studiare cose importanti e però il vostro futuro e fare i professionisti fare i magistrati gli economisti o altre realtà cioè entrare nel mondo del lavoro
La Germania questo Consiglio potrà così basso perché a tutti i livelli dalla dalle scuole secondarie superiore alle scuole alle scuole terziari regolare un sistema del si era molto forte non universitari
Le fa consulente il quattordici per cento dei ragazzi tedeschi fanno questo percorso tecnico universitario dopo la scuola secondaria superiore con un tasso di occupazione pari al novantanove per cento dei dei dei ragazzi
Hanno hanno delle Facoltà universitarie un'alternanza scuola lavoro significativa forte i nostri ragazzi mediamente quella voi siete più bravi ma sì perché se facciamo un po'il quadro
Il quadro il quadro dell'età media di uscita dalle università
Venticinque anni per il triennale ventisette per la laurea magistrale
I ragazzi gli altri Paesi sono sul mercato il né a ventidue anni con la Triennale forse anche ventuno in alcuni casi perché lì anni
Noi vedova nemmeno nel nel sistema secondario nasconde seconda superiore clausole
E quindi delle loro arrivo sul mercato al più tardi ventidue anni a ventiquattro anni con la magistrale
è un gap enorme rispetto a questo tre anni in più e tre e quattro anni in più rispetto a quella realtà ma cosa pensate che la cioè la la freschezza di un giorno a ventidue anni con competenza che è stato in un'azienda ha fatto una buona università avuto tirocini stage contratti di apprendistato in quella realtà sono cose che lasciano
Che in qualche modo sono forti e chiudo su questo perché ha fatto questa riflessione sulla scuola
Perché alla fine tutta questa discussione mi scuso per essere stato così lungo
Il tema fondamentale che costruisce valori dedica il lavoro
Cioè il lavoro e la responsabilità sono le questioni fondamentali che cadeva i cittadini il lavoro per avere l'opportunità di avere il lavoro di consolidarlo e di cosa la presso competenze perché il lavoro crea valori
Questo è il tema il tema fondamentale quindi
Io
Io chiudo chiudo qui stavo sfogliando un po'gli ultimi ultimi fogli ma penso che
Che
Che insomma
Queste valutazioni forse siano con sufficienti e spero veramente di avere delle sollecitazioni molto forti anche ovviamente critiche rispetto a quello che ho detto perché una delle altre cose che noi dobbiamo mettere sempre in campo e che e che quando uno dice delle cose avere sempre dei dubbi dei dubbi su quello su quello che ha detto convinto di esserlo però convinto anche di non essere di non essere diciamo così la verità unica in questa sala nel nostro Paese o nelle altre realtà grazie
Grazie davvero ecco è arrivata anche Anna Maria Cancellieri
La ringraziamo per essere con noi
E poi
Abbiamo raccolto come dice si passa
Tra Gerusalemme generico
Il buon samaritano o
No insomma no
Se è una è una
No tutti e due no hanno hanno lavorato come sapete bene una come Ministro dell'interno l'altro come viceministro al lavoro nel nel Governo Monti poi Anna Maria Cancellieri è stata
Fino a a un mese fa neanche Ministro della giustizia e quindi
Sono due persone che hanno
Come dire
Questo ultimo periodo tra l'altro sono stati coinvolti al centro di quello che
Il dottore Lo Bello di chiamava lo lo Stato la macchina dello Stato insomma allora chiedevo adesso loro per cortesia poi
Ragazzi dopo le domande tocca a voi io direi
Vivacità come le altre volte adesso però cominciamo sentire magari un quarto d'ora uno quarto d'ora l'altro così poi ce la faccia
No no una provocazione tu a un'esperienza mai avuta
In un tra l'altro in un ministero e in un ministero che scappa qualche su queste tematiche
Dottoressa Cancellieri grazie
Mio intanto mi scuso ma purtroppo ho avuto un problema per arrivare abbastanza complicato ma sono contento che questo fatta comunque
E quando vedo il dottor Lo Bello io vedo quello che significa protocollo lotta alla mafia nel senso che
Dottor Lo Bello lo conosco da tanti anni ero prefetto di Catania e lui cominciamo i suoi primi passi
E per dimostrare che la mafia confronto che si poteva combattere perché ve lo dico perché
Lui è l'emblema di come la lotta alla mafia sia un fatto di cultura
Proprio in fatto di
Di crederci di voler rompere con degli schemi
è inutile che vi racconto qui l'origine della mafia come nasce da come la mancanza di uno Stato ha fatto sì che attecchisce ma alla fine è diventato era diventato soprattutto un
Un'abitudine comune alla quale non ci si
Nuzzi leggi Rossi aveva paura di identità o si pensava che non si deve agire e comunque c'era un sistema ammorbante che praticamente ha distrutto completamente le regioni del sud bene
Questo sistema Borba ammorbante toccava vari settori toccava anche il settore dell'industria processato qualcuno ed eccolo qua che ha avuto il coraggio di
Di dire che
Bisognava dire basta bisogna vendite basta bisogna cambiare la cultura della legalità anche del tema dell'impresa
E lo ha fatto con molto coraggio uno generazione anche rischiando molto perché soprattutto i primi tempi venivano più un po'visti contro quelle persone che volevano
E così modificare uno status poche andava bene perché fondo poi tutti ci abito non tutti sono il loro modus vivendi
E invece il Cion Cion basta
Piano piano piano piano piano piano con difficoltà enormi percezione a
Fatto sì che anche le imprese si guardassero interna che Pissarro che non aveva più tempo di convivere con la mafia non è che la mafia andava combattuta qui questo è un cancro che praticamente distruggeva lo sviluppo del Mezzogiorno
Ed è cominciata questa battaglia che è stata veramente una battaglia culturale è una battaglia culturale che bisogna continuare a fare lo vediamo già fare ogni giorno ogni giorno non dimenticandolo ogni giorno impegnandosi tutti perché
Tra l'altro
La mafia anche cambiato pelle non è più quella che ti intimidiva o perlomeno che faceva cioè e anche quella ma non è solo quella che chiedeva il pizzo dei negozi che si accontentava anche di p credente ma è diventato una grande holding finanziaria gestisce interessi spaventosi
E non solo ma la linea della palma non so chi di voi ha letto Sciascia del Giorno della civetta Sciascia dice la mafia viva la via della Palma
Ebbene che inviata temperatura accessori troppi fiorire la normativa da molto in alto tant'è vero che quando c'è stato il primo eccidio di Duisburg se ricordate anni fa in Germania i tedeschi erano scioccati
Perché tutto sospettavano almeno che omicidi Macedonio servitori non hanno proprio preparate
Greco tavolo i nostri poliziotti che stanno là che invece l'esperienza dell'ottanta che non riuscirà perché mentre nel che quelle da parte sia perché per loro inaccettabile come state inaccettabili ho vissuto nelle sedi del nord per molti anni ebbe a Milano che da vent'anni fa che parlare di mafia inviato un certo balletti
E oggi oggi hanno capito che è arrivata che l'ha perché ha cambiato pelle
è entrata negli appalti ettaro degli appalti dettato delle falle e quindi è un un male che distrugge lo sviluppo di un Paese
Non rende di delle competizioni non farci che vi chiede milioni
Eccetera eccetera eccetera e questo è un fenomeno che va combattuto da parte di tutti tutti i cittadini ognuno per la sua parte deve fare deve contrastarlo devo contrastare migliore moglie naturalmente c'è un grosso impegno da parte di chi
Lo deve fare questo contrasta in maniera molto molto scientifiche molto il Ministero dell'interno su questo ha fatto
Le grandi progressi dice per esempio un progetto che l'idea che è nata all'interno del ministero che poi è stata approvata per le europee che il progetto capace di un progetto che attraverso l'informatica
Controlla tutto l'andamento degli appalti vede le leggi e le irregolarità una situazione di che possono destare problema e si va a vedere
E si va a controllare la regolarità degli atti ci sono
Queste famose certificazioni antimafia alcune particolarmente complesse e complicate che prendendo dati da tutto il territorio nazionale a livelli rilevare l'agenda malata colpirla allontanarla dal mercato cervello attività
Quindi che è diventato nell'attività di intelligence perché si va a guardare i precedenti componenti la familiarità perché poi
Voi sapete meglio di me che la mafia diverse ci son diverse mafie non lascia alla mafia classica siciliana
Ma ce l'hanno anche per esempio che vive solo ed esclusivamente su rapporti familiari
Quindi attraverso i rapporti più grave è una mafia e circuito chiuso difficilissima di più
Tale difficilissima penetrazione proprio perché è stretta intorno dalla famiglia non consente nessun tra quella ed è quella più pericolosa ed è quella che sta avendo più più sviluppo
Quindi ci sono queste attività di di grande controllo che vengono svolte attraverso monitoraggi controllo degli appalti controllo controllo dei vari contratti
Poi c'è un'attività che invece viene svolta sugli enti locali su quanti invece annulla hanno collegamenti con la società civile e politico lo scioglimento
I consigli per mafia Cornaggia attività di controllo che avvenga vengono messi in essere dal Prefetto con
Delle indagini preventive
Controllo sugli atti preventivi dei quali si venga poi di vincere questo legame
Che undici perché è un e come una malattia che tocca di cui non si avverte un forza la presenza ma che andando a guardare dei singoli atti poi seguito
E questo porta a un discorso che è un discorso importante che il discorso del pubblico il pubblico impiego perché poi molti di questi atti passano
Attraverso la fedeltà come un restauro correttezza dei pubblici dipendenti
Quindi andiamo a toccare un discorso con il discorso di etica del pubblico dipendente il quale deve essere
Deve per legge essere selezionato selezione molto rigorosa bisogna contrastare ogni forma che non sia la pubblica selezione purtroppo questo della nostra Amministrazione
Sta venendo sempre meno perché come sapete il nostro Michel molti ormai sono avventizi precari e persone che poi vengano stabilizzate ma lo attui la cui selezione non avviene attraverso pubblico concorso
Ma nella pubblica amministrazione occorrono delle regole molto precise per l'ingresso per la valutazione per la valutazione del
Per l'apporto fatto che possa portare a addurre verifiche organo opportunità sul
Su sulle opere messe in atto altrettanto importante secondo me del portare l'attenzione sui controlli sui controlli sugli enti locali altro tema che abbiamo perso per strada
Davo da un certo tipo di controllo che si faceva atto per atto se è arrivato ad un controllo concordato con la Corte dei conti ma in realtà non c'è un
Non c'è ancora sviluppata
Avendo perso presa dalla vecchia cultura del controllo il controllo che possa avvenire attraverso uno sviluppo proprio dell'azione amministrativa dalla sua efficienza sull'efficacia
Solo giungere insieme di problemi che vanno messi in rete che devono garantire ed è proprio un'efficienza
Soltanto attraverso questa riusciremo a fermare questo fenomeno che che purtroppo fronda rom molto grave che
Da una parte è un fenomeno corruttivo da una parte non solo con un mafioso perché non grazie a Dio ma abbiamo anche il suo lavoro produttivo botto sviluppato
Ecco quello che conta è la la
Il l'impegno che il nostro Paese ha messo su questi temi e i risultati che ha già ottenuto extra Giotto dentro nessuno molto importanti ma
Soprattutto di grande
E capillare diffusione sull'attività proprio sulle singole attività che vengono sviluppandosi presso Paesi soap magari
C'è qualche altro tempo forse qualche su qualche domanda presidi può essere più precisi poi nel fornire le risposte
Grazie
Veramente un compito più difficile che intervenire dopo veramente
Due delle
Le dei protagonisti della Società italiana di oggi che aumenta sempre
Più piacciono ministro Cancellieri al quale sono legato da un'esperienza che mi ha segnato bellissima e anche molto dura che è stata però lo straordinario non è di servire il Paese di poter cercare
Di incidere anche di sperimentare quanto sia difficile cercare di cambiare le cose
E Ivan Lo Bello perché una mai occorrono conosco da una decina d'anni e mi colpì ricordo la prima volta che lo invitammo proprio qui alla LUISS lui venne non era
Così il famoso Maggia combatteva con per lo stesso coraggio anche di più la mafia pene qui la prima cosa che ci disse guardate per combattere lo Stato per combattere la mafia
Voglio che l'unica cosa possibile e che si sospendano i finanziamenti da parte dello Stato al sud
Per combattere la mafia né dobbiamo cercare di limitare
L'intervento dello Stato non dare ancora maggiore forza non parlava però dello Stato inteso come comunità
Come insieme di persone che si riuniscono ed insieme vivono affrontano e cercano di risolvere i problemi no parlava dell'intervento del finanziamento di quella cosa che in qualche modo impedisce la società civile
Perché io credo ed è molto difficile cercherei di a riannodare i fili dopo due interventi così belli dei quali devo sottoscrivere netturbini
L'atto di tutto veniamo in uno Stato nel quale ebbene dircelo che ha creato il terzo debito pubblico del mondo
Che ha sviluppato una meravigliosa cultura dei diritti
Che però non siamo più in grado di finanziare
E purtroppo quella meravigliosa cultura dei diritti che è stata la cultura sulla quale hanno prosperato alcuna generazione soprattutto la generazione dichiarato dei cosiddetti sessantottini va detto perché lo dimostrano tutte le statistiche
Ha gradualmente cominciato soffocare le opportunità
Guardate una delle domande con le quali mi sono confrontato più duramente nel corso dei nostri due anni scarsi di governo è stata quella della disoccupazione giovanile della fuga dei cervelli dal nostro Paese
E continua a pensarci oggi io vengo da un anno io sono stato all'estrazione era in America e in altri Paesi per un anno sono appena tornato in Italia
E ho continuato a pormi questa domanda perché i giovani italiani se ne vanno
Se ne vanno perché andando in Inghilterra in America però con un clima migliore
No vi assicuro che non è così perché mangiano meglio non è così cosa cercano perché se ne vanno
Perché la disoccupazione è più bassa non è vero è più bassa in Germania ma a parte che ci andrei ventitré andare a vivere a Berlino tutto l'anno
Se guardate che altri Paesi anche lì è molto difficile trovare lavoro se ne vanno però perché sono alla ricerca non di maggiori diritti
Perché di nuovo in maggiori diritti non ritrovano negli altri Paesi cercano opportunità una parola che ritornava molto dentro il discorso più bello cercano opportunità di potersi realizzare
Invece nel nostro Paese che cosa abbiamo sviluppato dietro questa cultura dei diritti che si è finanziata a debito delle nuove generazioni
Siamo riusciti a far prosperare
Generazioni che si aspettavano l'intervento dello Stato ogni volta che c'è un problema noi chiediamo l'intervento dello Stato lo Stato lo rappresentiamo con la soluzione salvo poi
Lamentarci del fatto che lo Stato non riesce a risolvere tutti i problemi
è responsabile di tutti i problemi e questo ha portato ad avere una legislazione infinite voi lo sapete da studiati tutti i giorni
Per anni il problema c'è una legge che ci rappresenta il migliore dei mondi possibili su come risolverlo ma qua non c'è nessuno che la fa rispettare e che l'Africa
L'America l'America di cui tutti ne parliamo
Io
Sono stato a studiare il sistema americano a vedere come funziona laddove ad altri Stati Uniti d'America e la stessa governance da duecento anni ha detto delle regole che non hanno alcun senso
Il tipa chi riesce a paralizzare Obama cioè l'uomo più potente del mondo paralizzato un partitino che non rappresentano anche il dieci per cento degli elettori però perché l'America funziona anche con una governance così antiquata
E che rispettano le regole
Noi abbiamo invece regole perfette e abbiamo una Costituzione giovani rispetto a quella americana
Però poi abbiamo sviluppato questa allergia nei confronti delle regole mentre Lo Bello le grida manzoniane ce ne parlava il Ministro cancelliere l'ha detto perfettamente roba del mercato non è
Assenza di regole
Per avere un mercato noi dobbiamo avere le regole
Senza regole non c'è mercato senza regole ce la legge del più forte il mercato è quello che da tutti che cosa l'opportunità di impegnarsi per farcela
Purtroppo ci siamo in qualche modo a coccolati dietro questa cultura dei diritti
Si è continuato a raccontarvi che avevate diritto a tante cose
Ma abbiamo gradualmente eroso le risorse che servono a far sì che i diritti siano effettivi perché i diritti
Tutti i diritti hanno un costo e quel costo qualcuno lo deve pagare e purtroppo il nostro Paese da vent'anni non cresce e quindi le risorse gradualmente si sono ridotte e con le risorse sono gradualmente ridotto i diritti
Allora in tutto questo
La mia idea è che lo Stato dovrebbe fare meno e meglio
Che tutti noi dovremmo rispettare le regole guardate la differenza che c'è regionale delle differenze che colpisce di più tre paesi anglosassoni è presente l'Italia differenza semplice voi ridete magari ne avete sentito ve l'hanno già detto Prati è evidente
Se tu vai
Nelle case degli italiani tendenzialmente tutto lindo splendido perfetto pulito belle ricche ci sono i fiori c'è una pulizia straordinaria
Se tu bene legate degli anglosassoni sentì dovesse dire
Se tu oggi va in giro
Va in giro una piazza romana
Ci sono cicche di sigarette ovunque chiunque quando tutta in giro butta tutto per terra se tu va in giro
In una qualsiasi piazza americana tenuta bene Butti qualcosa per terra arriva dopo due secondi la signora che ti bussa sulla spalla e ti obbliga raccoglierla
La differenza che c'è tra interesse individuale ed etica pubblica
Sapete secondo me perché la pubblica amministrazione non funziona bene di nuovo la nostra esperienza di Governo per quello io palle studi effettivamente le cose qui vado contro mentre si non perché le leggi
Siano sbagliate sebbene alcune cose andrebbero meglio rate o meglio le leggi un po'di legge andrebbero cancellate semplicemente
Ho scritto in italiano e questo bisognerebbe vede che è in grado di parlare italiano ma è di nuovo tra l'interesse individuale l'etica pubblica cerco di spiegarmi
Noi negli ultimi vent'anni abbiamo circondato i pubblici dipendenti di responsabilità
Ogni pubblico dipendente c'ha la responsabilità scusate se diventa un po'tecnico molti sono studenti di giurisprudenza abbiamo una responsabilità
Civile penale erariale disciplinare contabile e così via però non sono responsabili per l'unica cosa veramente importante i risultati perché nessuno viene premiato in base ai risultati
E allora come reagisce il dirigente normale mosso dall'interesse individuale
Non fa niente perché se non fa niente non sbaglia non sarà responsabile di nulla non fa
Però che cosa accade nel nostro Paese che l'autorizzazione statale richiesta per tantissime cose allora mi non autorizza gli altri a fare e il sistema gradualmente si spegne
Se fa rischia di sbagliare
L'etica pubblica e quelle atto ironico che è quello che è diventato nel nostro Paese e cercare di far rispettare l'etica pubblica ecco io credo che non possiamo chiedere attira dice nessuno
Ma soprattutto che se ciascuno di noi si impegnasse a fare quello che può nel suo piccolo al buio ci sarebbe meno bisogno di atti eroici e forse le cose andrebbero meglio ma credo che questo è il compito della vostra generazione chiudo
Però la vostra generazione
Una cosa deve fare come mi suggeriva il dottor Lo Bello non vi dovete chiudere nel vostro piccolo individuale quello rappresentato Ponzo decede fatto caso su due foto LUISS scusate quest'ultimo punto
C'è una foto qui di Pagan del una foto bellissima pubblicizzata sempre questa diversità dei ragazzi che fanno sport uno sopra l'altro che passa qua dietro ragazzi che fanno anche festeggiare insieme fuori da qua c'è la foto del concorso
Celtic fashion non so che cosa
Ecco a me è un mondo nel quale si teme che si fa Chissi auto paletto otto piace sicuramente di meno di un mondo che premia chi fa la foto migliora ciò che altro da sé
Ecco il mio consiglio è non vi crede in voi stessi
Nel consumismo narcisista che la peggiore accezione del capitalismo e del mercato ma cercate di guardare il mondo e nel mondo di essere protagonisti un ottimo modo e cominciare magari rispettando le regole grazie
Grazie
Grazie sincere allora
Io penso che possiamo abbiamo in quaranta minuti buoni dove dare spazio alle domande
Anche provocare i nostri oratori e anche una possibile ma un'occasione unica avere qui persone di questo calibro no quindi
Coraggio ragazzi
Qualcuno ha già maturato
Qualche interrogativo
Dubbio critica anche basta che sia costruttiva
Bravissimo
Sì Bonomo fa col nome cognome facoltà allora Orlando Minerva a giurisprudenza
Avrei una domanda un po'anzi più na quasi provocazioni diciamo ieri sera sentivo Corrado Augias da le invasioni barbariche
E un'area disposto una domanda sulla Bignami dicendo che chi fa oggi impresa in Italia
Per fare impresa oggi c'è bisogno di evitare rispetto delle regole quindi tutte le grandi imprese oggi anche le piccole e medie imprese
Sarebbero acquisimmo verrebbero in alla cornice di strisciante illegalità la nel senso che appunto di non rispettare
Le singole regole e quindi volevo sapere un po'da dalle appunto degli oratori di oggi come si può recuperare una dimensione etica perché comunque è un po'
Pensiero comune ha una gran parte della collettività
Appunto che oggi per fare impresa e per farla in grande stile su grande scala appunto c'è bisogno di evitare il rispetto delle regole anche dal punto di vista
Di vista delle norme sul lavoro e così via cioè come si può recuperare una dimensione etica che è stata in gran parte calpestata negli ultimi vent'anni
Diciamo un esposto ciascuno ma siamo come discorso del genere devastante cioè ci sono regole regole allora probabilmente il discorso di Augias debba dire che non diventa difficile rispettare le piccole regole e che possono essere la stanza quadrata piuttosto che il Tondo tutti qui
Quindi se è vero che abbiamo che purtroppo i santi scorrono all'attività e e la rendono molto difficile
Per cui per esempio avere un un ufficio a norma diventa complicatissimo perché occorrono tutta una serie di fatti che probabilmente
Altrove e non ci sono richieste con la nostra stessa puntualità
E va bene e su quello che il principio che può essere complesso pressante può essere difficile era anche un po'più drastico addirittura perché faceva l'esempio della famiglia Chennedy che ha costruito le sue fortune
In parte il padre di John Tizio era attende di aveva questo ed è in parte le sue fortune sulla contrabbando di alcolici durante il pregiudizio mo'quindi era andata anche oltre al rispetto delle singole regole di sana diritto veramente al processo allora dell'illegalità e questi
Cioè se il capitale è un ruolo accumulo con il crimine poi diventa Eric fa la grande industria questo purtroppo
Questo che può essere un problema impegnativo perché molto spesso il denaro facile far sì che poi l'imprenditore
Che fa impresa con denaro facile l'uso in maniera non competitiva rispetto all'altro che dice se l'è guadagnato ma comunque tornando ad regole ci sono delle regole che non si può non rispettare che sono le regole proprio di legalità
Di principi di buona amministrazione legarle grandi regole
In quello che poi rende difficile l'impresa Lo Bello solo potrà dire meglio di altri è invece la farraginosità di alcune regole che comportano
Degli obblighi che diventa difficile non so aprire una qualsivoglia attività commerciali quantitativi da evitare richiede norme torbida robette carta da bollo eccetera mentre lo trova molto più semplice
E su questo dobbiamo sicuramente procedere delegificazione a semplificazioni a a chiarezza soprattutto del nord perché quando io prima dicevo di fare le leggi italiano
E non scherzavo mica tanto perché purtroppo abbiamo delle norme che sono di
Difficilissima comprensione poi vediamo ancora più difficili pure circolari Peter preventive
E col degli altri principi con gli altri è bugiardo alla fine il povero cittadino o si rivolge al commercialista o si rivolge a qualcuno fa una gran fatica ecco su queste regole son d'accordo se se queste sono regole rivediamo parlando
Ma sulle regole di onestà e correttezza rispetto delle leggi perché avete le tasse io credo che non dobbiamo avere sconti a nessuno siglare se avevamo lo sconto su questo
C'è insomma noi dobbiamo veramente a renderci conto
Dovrebbe arrivare al punto io ricordo sempre Padoa Schioppa che diceva che pagano le tasse da ben
In un secondo me la ragione non che sia bello paga le tasse dal censo riguardo le paghiamo piangiamo tutti però dobbiamo capire
Che è un nostro dovere che anche che anche una nostra ricchezza perché chi contribuisce
Al bene del paese poi se il Paese lo sa di usare
Cioè
Sono dei principi etici che non possiamo trascurare comunque sentiamo l'imprenditore che si infatti avere al proprio quando dottor Lo Bello vere affondava a proposito di mafia anche perché
Comunque si vede che nella maggior parte dei in palese
Che comunque hanno capitali freschi da poter investire sono appunto quelle mafiosa e quindi anche per questo volevo avere una un'ulteriore precisazione su come si può essere a mente estirpare il fenomeno economico o mafioso e concludo
Senta scusate sono sempre molto molto schietto allora beh innanzitutto parliamo partiamo un po'indietro ma sul sarò veloce sarò velocissimo della risposta
Beh
Il nostro il nostro un Paese che ha nel rapporto con le imprese molto diverso da quello che succede negli altri Paesi
E che determinato sostanzialmente da due fattori che un po'si sono spenti nel tempo ma che rimangono da le due grandi culture dominanti dopo la Seconda guerra mondiale
E grandi i grandi grandi pur grandi culture che avevano valori importantissimi per i valori in valori importantissima non avevano una cultura di mercato
Quindi
Abbiamo una tradizione forte radicata dopo la Seconda guerra mondiale che con le due tradizioni politiche più rilevanti
Non
Lo storno giudizio negativo sulle tradizioni tutt'altro
Però nella sostanza nella sostanza erano erano culture antitetiche all'azienda quindi da lì nasce un pezzo della diffidenza che il Paese ha nei confronti e la nostra azienda
Non siamo il Paese che ha il più numerosi il Ribezzi al Paese più numeroso di aziende
Rispetto alla Francia la Germania non c'è paragone tra della densità delle delle aziende ma abbiamo una cultura profonda radicata nel paese che ostile o che non conosce le aziende prima questione seconda questione tutti i signori che parlano in televisione non sono mai stati in un'azienda
è hanno letto qualche libro ma un conto è leggere qualche libro un contestare in un'azienda
L'azienda è un luogo dove si sono fatte grandi nefandezze perché ci sono tante questioni per Parmalat tante altre tante altre realtà
Però singole questioni non devono inficiare il tema anche negli Stati Uniti che un Paese con grandissima cultura di mercato l'azienda e centrale e lì vengono punite le distorsioni del mercato e vede nell'ottobre con in maniera pesantissima molto più pesante dal nostro Paese il nostro un Paese accomodante dove tu parli male delle aziende però se l'azienda fa qualcosa che non funziona
Alla fine se la cava con un patteggiamento con piccole cose
No
Il Paese il Paese sa benissimo e lo sanno benissimo tutti che il PIL che produciamo e fatto da aziende e lavoratori
Cioè noi siamo qui io compro questa giacchetta voi studiate alla scuola cedesse perché c'è qualcuno che produce ricchezza in questo Paese
Lo voglio dire brutalmente ma è così cioè nel senso che la produzione di ricchezza determina la capacità di avere un welfare autonomo di pagare le pensioni
Di poter assetti potrebbe garantire una scuola adeguata servizi pubblici eccetera eccetera questo è il entrare se questo si fa a monte con qualcuno che la mattina si alza la mattina e produce ricchezza
Non solo le aziende i professionisti tutte le persone che in qualche modo contribuiscono a attivamente a costruire ricchezza allora
Su questo bisogna bisogna bisogna capire che le zone hanno un ruolo fondamentale poi essere impietosi su chi sbaglia
Impietosi su chi non rispetta le regole noi in Sicilia abbiamo buttato fuori dalla nostra associazione centoventi persone
Gente che conoscevo conoscevo da ragazzino da altre cose ma perché non volevano rispettare le regole che regoli stare fuori da ogni con l'uso né con la mafia o di o di non avere il coraggio di
Di dire
In qualche in qualche modo di ridire no a quelli che potevano avere dei metalli né per il pizzo e l'abbiamo fatto sapendo che perché quelle aziende potevano anche avere diciamo così un rovescia economico perché
Nel frattempo maturava anche una grande capacità collettiva di valori o di altre o di altre realtà quindi
Se noi continuiamo in questa stagione ancora a pensare il sistema delle aziende come un sistema che un peso per il Paese di illegalità odia o di altre cose non andiamo non andiamo da nessuna parte perché quello che manca oggi ecco la cultura di mercato non citato nel mio intervento
Un'azienda che in negli Stati Uniti viola le regole
Va in galera per cinquant'anni non
Non come da noi e perché lo fa è un Paese che contro le aziende tutt'altro le tende sono il cuore di quella della caccia al Paese
E così perché le regole vanno rispettate vanno rispettate nelle zone che hanno ancora maggiori doveri nei confronti della società ma per tre anni chiunque di delinque perché lì le la la rottura delle regole significa distorcere il mercato distruggere ricchezza
Stare stare avere una quota di mercato so perché sia perché truffato qualche cosa e poi violato le regole questo è il tema di fondo cioè lo dico perché
E quello che dico non ha colore politico
Cioè non è un un problema di sinistra di centro o di destra dove ammesso che si possa non si può così individuare categorie oggi in questo in questo mondo in questo mondo molto molto molto complesso però se continuiamo a
A guardare al Paese come era negli anni cinquanta sessanta settanta in fasi totalmente diverso e temperie storica il Paese lo sviluppo economico immediato e peserà poverissima distrutto abbia perso la guerra non è che
Eravamo un Paese che ha vinto la guerra che ha perso la guerra peserà distrutto avuto una enorme capacità di costruire il Paese
Il Paese l'hanno costruito la buona politica finali cinquant'anni sessanta in poi devo dire che un possibile
Grazie si è se si è fermata e l'hanno costituto anti sinergie
C'è gente che la mattina si è inventata segmentata lei azienda nel tempo la il grande boom degli anni cinquanta e di una parte degli anni Sessanta è stato il boom delle aziende qua non siamo stati capaci gli anni Settanta di poter mettere
Di fare entrare questa grande capacità dentro regole culture forti una buona pubblica amministrazione un senso in senso dello Stato quindi
E noi siamo noi siamo laddove un Codice etico in Confindustria della mistici ancora più vere più
Più forte di colore di quello di quello nazionale dove non solo le aziende che con l'uno con la mafia a prescindere dalla a prescindere
Dalla
Da una sanzione penale perché molto spesso si culle con la mafia senza commettere nessun reato ma commettendo un come te non problema serissimo distorsione del del mercato abbiamo fatto con i colleghi che hanno avuto il coraggio Cirielli di
Ne
Rimandi di denunciare il loro i loro il loro estortore quelli che lo hanno fatto oggi sono contenti di averlo fatto perché hanno riacquistato libertà e dignità e sono orgogliosi di essere imprenditori quindi io
Se c'è una cosa che non su una cosa sulla quale un po'mi inalbera che sono mite di mite limite di carattere la e la valutazione generiche l'insieme delle imprese che dovrebbe stanziamo delinquenziale che che viola le leggi non è
Non è non è così non è così anzi abbiamo bisogno di maggiori regole
Cioè il nostro la è le regole non sono un freno l'attività economica tutt'altro sono fra l'attività economica nella misura in cui sono distorsive nella misura in cui vai
A chiedere l'autorizzazione sta i tre anni di perché sono un corrompe il il funzionario non vai da me non vai da nessuna parte
Le regole servono a garantire la capacità individuale di ogni singola azienda c'è la concorrenza sana dove non c'è uno che si mette d'accordo con un burocrate o con l'altra azienda
Facendo dei cartelli impedendo la concorrenza sulle sul mercato quindi
Credo che un tema fondamentale sia non è meglio da fare il e le le aziende un luogo di santità
Mi perdoni il
Mi perdoni però è un luogo dove le persone serie sanno che si cresce se si rispettano le regole perché il mondo di oggi in modo diverso di quelli degli anni
Cioè le aziende che che di aziende che hanno un futuro e che rimangono sul mercato sono aziende che rischia rispettano le regole sono quelle che non rispettano le regole che falliscono un anno si ritorna trova un altro anno
Cioè per sperpero Escher e costruire valore devi rispettare le regole perché lo esige il mercato non per non solo per la qualità
Umana e valoriale delle singole imprese perché dove c'è mercato
C'è concorrenza e si produce ricchezza e la ricchezza che si produce serve anche a dare questione sociale
Postuma e io possono spot rispetta da Uggias le sveglie non segreto il lavoro lo creano le imprese
Nel nostro Paese non c'è lavoro perché molte imprese se ne sono andate dove in luoghi nei quali c'era meno regole
Ma una cultura del rispetto delle imprese maggiore e le dico un'altra cosa da ex viceministro del lavoro nel tanto vituperato stabilimento di Pomigliano ad oggi
Ad oggi non c'è ancora stato un infortunio mortale e il numero degli infortuni dei piccoli infortuni è il più basso che ci sia perché è il più avanzato stabilimento che c'erano ROPPA però questo non si dice
Perché purtroppo nel nostro Paese quell'incontro tra due culture di cui ha parlato Lo Bello io ancora sono traumatizzato l'esperienza di Governo quindi così per concludere il debito
Quell'incontro tra due culture ha creato purtroppo una
Morale cultura corrente comune alla quale dovete fare molta molta attenzione perché non è più al passo con i tempi ed in qualche modo rischia di rallentare ci perché la verità ed è un consiglio che vi do
A voi che avete medico vent'anni
Non credete
Non credete che sia tutto facile
Se uno guarda e ascolta molti discorsi tutto è facile che vedete a chi vi dice la verità
La verità è che oggi nel mercato del lavoro entro quaranta milioni di giovani ogni anno
Sono cinesi brasiliani indiani guardano la stessa televisione che guardate voi e aspira una sola cosa avere il vostro tenore di vita e sono pronti a tutto a fare di tutto per competere con voi
Allora o voi
Alzate la testa guardate faccia il problema
Capite la fortuna di essere italiani affrontate la competizione di preparate per competere con loro e allora avrete straordinarie opportunità perché nel mondo c'è una grande voglia di Italia ed essere italiani e ancora oggi una grande fortuna nel mondo
Oppure sinceramente nel mentre voi continuate a
Guardare da un'altra parte a credere che va tutto bene loro vi avranno superato
Questo ve lo dico di cuore perché magari è una realtà che non è bella da ascoltare
Perché magari guardare in faccia e problema inizio può far paura però guardate che dopo la paura in genere l'uomo è straordinario comincia ad affrontarle quando comincia scontarli molto spesso di risolvere
Vive vivere cercando di risolvere i problemi e molto meglio che far finta che non arrivino anche perché poi i problemi purtroppo arrivano sempre
Qualche altra domanda
Coraggio dalla allora due cominciamo da sopra campi sotto
Dall'altra ragazza
Nome e cognome è facoltà sì dipartimenti insomma
Ajaria stremati giurisprudenza
Io parto da un'osservazione per poi arrivare a una domanda io credo fermamente nello sviluppo e l'impresa e del mercato perché comunque il profilo che faccio mia la LUISS ha diritto di economia e l'impresa sì
Però io penso che quello che di cui parlava il dottor Lo Bello del fatto che un cittadino si debba identificare in uno stato e nella collettività viene soprattutto dalla cultura
Era e anche il profilo etico si sviluppa secondo me perché ogni individuo è consapevole della propria storia delle proprie origini e della
Del patrimonio che ha nel proprio Paese sì
E e a me di spiando dispiace soprattutto perché ho anche fatto l'esperienza dell'Erasmus e quindi mi sono resa conto di come
In realtà agli stranieri c'è guardano al nostro Paese con molta invidia soprattutto per il patrimonio artistico culturale che abbiamo
E invece degli atti veniamo da un da una serie di Governi che c'è stato
In cui ci è stato detto che con la cultura non si mangia
Dove a esempio la storia e l'arte viene limitata nelle scuole Pompei Ercolano cadono a pezzi e nessuno fa niente allora io magari chiedo di più al dottor Martoni e hanno tutti amministra alla dottoressa Cancellieri
Perché nessuno di questi Governi ha capito che in realtà la cultura crea posti di lavoro o che comunque
La cultura da
C'è forse non manda molto banale scontata cioè me ne rendo conto però per me è l'etica parti da quello partirà dalla cultura
Magari magari prima
Rispondete sentiamo anche l'altra ragazza così dati una risposta unica qui qui c'era la
Ecco
Chiudere qui qui davanti fai arrivare il microfono
Così almeno
Nome cognome facoltà
Mi chiamo Fabiola D'Alessio faccia giurisprudenza
Nessun economista si è svegliato fino adesso vediamo prima della fine
Sto pensando proprio no mi hanno fatto pensare vie parallele del dottor Lo Bello quando ha detto che in pratica gli italiani dovrebbero per imparare a dicono essere i loro difetti
Essa non ha pienamente d'accordo solo chiede parlando per la mia generazione per una generazione di vent'anni che forse
A queste tematiche si sono affacciati
Dico Nissim cinque negli ultimi cinque anni per capire proprio diciamo i meccanismi
Quindi diciamo che ci siamo immessi in questo in questo mondo lontani unità di crisi
E quindi diciamo che secondo me
Di realtà
Dicono siamo troppo i nostri difetti forse sa io ho cambiato visioni e vedo che quando parlo con ai miei coetanei mi rendo conto che in realtà siamo molto pessimisti
Ma troppo pessimisti perché credo che è un po'sia giusto Enrico non se ne parla i propri difetti è fondamentale per migliorare però quando Citro già
Gli annosi nostri difetti cioè siamo talmente afflitti dai nostri difetti da dire
No non ce la faccio certa che sono talmente tanti INEA riconoscendo talmente tanti che preferisco non fare niente e quindi non è nemmeno uno stimolo per il miglioramento
E e quindi credo che forse le nuove generazioni abbiano bisogno si di riconoscere questa cioè per il
La realtà la realtà in cui ci troviamo quindi tutti i nostri difetti trovo
Però
Anche di uno stimolo di capire come ci si possa di alzare i comizi si possa rinnovare soprattutto
E risolvere i propri le problematiche attuali cosa che invece nessuno fa nessuna CIDA delle risposte su come fare e cosa fare cosa poter fare
Cioè sentiamo solo problemi quali sono ok ormai li conosciamo ma nessuno ne cita delle soluzioni accettabili o perlomeno un'idea su cosa affari tipo partendo dalla scuola io
Veramente ci ha fatto caso non la mia generazione è vissuta in me in una in un'età dove si dava risalto alla enti alla mentalità imprenditoriale c'è la massima ambizione era l'impiego pubblico
E mai rischiare
Mai la mentalità del rischio del buy prova non fa niente se va male no la certezza di dover arrivare senza aver investito niente a volte solo magari ciò che non possa non costa economicamente
E credo che questo sia anche secondo me il problema delle attuali impresa nessuno vuole più fare impresa perché secondo me nessuno sa come si fa impresa perché nessuno mai se ne parla
Pesante accuse facciamo
Solco diciamo
Parto dalla
Parto dalla dall'ultima provocazione Alessia giusto
Dalle stesse si
Allora
Molto interessante quello
Di cui ha parlato quindi cercherò di di farlo brevissimamente per per cenni parto parto dall'ultima valutazione cioè dalla dalla scuola
Beh dei accolto accolto benissimo il il
Il credo il tema centrale del del nostro Paese delle difficoltà del sistema
Nel sistema del sistema scolastico perché come accennavo dalla fine del mio del mio intervento l'intervento abbiamo un sistema scolastico
Molto solido
Dove dove voi me imparare imparate competenze significative qualunque percorso qualunque percorso di studio sono certo
I licei istituite chiede è un ilo se un sistema e un sistema solido sistema solido che forse insomma va un po'innovato perché ci sono degli elementi di conservazione molto molto molto forte ma che
In qualche modo ad oggi assicura delle competenze teoriche
Che sono importanti le competenze per i che sono fondamentali sotto questo sotto questo profilo però è un sistema scolastico che in qualche modo non conosce fino a quando non fa un primo colloquio dopo il percorso educativo cos'è l'azienda cos'è l'azienda
Perché vedete
La stagione della pubblica amministrazione non esiste più
C'è poi
Dico di tenervi dovrete confronto confronto alla fine il vostro percorso scolastico con delle aziende o con attività professionale
Questo è il tema o con attività imprenditoriali
Quindi questo è il mondo del lavoro che troverete alla fine il vostro percorso tortuoso percorso di studio non è più il mondo del lavoro in cui si riempivano le le amministrazioni pubbliche di di persone questo è finito sarà diciamo così un approccio ormai molto molto selettiva allora
Lei ha parlato di scuola di rischio di mancanza di cultura del rischio di mancanza di cultura di colture integrare questo lo è purtroppo è un tema è un tema centrale e devo dire che questo dipende da tutti forse anche dalle nostre imprese che non siamo in grado di rendere diciamo così
Fashioned
Leale aziende le le aziende però è anche un problema del Paese è un problema della scuola prego di fatto un percorso scolastico io delle file che fanno un percorso scolastico
E ho notato la e ho notato la radicale differenza di approccio tra tra la scuola tradizionale nostra e la scuola inglese infide ora in Inghilterra sta finendo un anno
Un anno di sempre fa il quarto anno pal portano le dicevo De Licio De diciotto al classico lo fa il quarto anno indette l'approccio l'approccio al rapporto con la scuola e lavoro totalmente totalmente diverso totalmente diverso cioè
E di Stalin i tirocini spesso anche i contratti di apprendistato strutturati nei treni professionalizzante o ad altre cose sono la il pane quotidiano dei ragazzi inglesi tedeschi francesi
Cioè di quelli che arrivano sul mercato del lavoro avendo già una conoscenza forte delle impresse delle delle altre realtà purtroppo questo da noi manca ed è uno dei temi centrali del del dibattito del dibattito pubblico né siamo peraltro anche molto conservatori da questo punto di vista
Vi racconto una cosa sapete benissimo che c'è un problema in tutti in tutti i Paesi del mondo avanzati la scuola viene valutato
Perché
Perché si valuta la scuola si va all'università attraverso l'Amburgo si valuta la scuola attraverso rimbalzi attraverso i test OCSE-PISA più generali ma nel della della sostanza noi siamo un Paese che quando arriva una valutazione la rivalutazione nessuno riconosce la valutazione si guarda al I teste che sono
Che non che non danno la rappresentazione la cultura dei ragazzi e delle altre cose sulle cioè in realtà in realtà questo serve solo a rallentare una consapevolezza che che uguale in tutto il mondo non possiamo essere diversi dei tedeschi e francesi ed inglesi dalle altre dalle altre realtà
Stiamo dentro l'Unione Europea molte incognite immagino che molti di voi abbiano fatto penso di fare l'Erasmus o altre o altre realtà non possiamo essere diversi dalle dagli altri dagli altri la differenza con lettere sa qual è
Una differenza fondamentale vi brevissimo racconto nel due mila uno escono per la prima volta i test OCSE Pisa
Quelli che poi vedete sui test che riguardano i quindicenni sostanzialmente
Ed escono nel due mila e uno è vi racconto cosa successe germanico è successo in Italia in Italia di fronte a test di a a te al risultati COGE attivamente imbarazzanti imbarazzanti
Lettura scienza e basta disastro
Un disastro il dibattito durato un giorno con una reazione stizzita nei confronti di questi testi che non capiscono niente che benché non servono a niente eccetera eccetera in Germania stessi risultati
Se si risultati shock collettivo
C'è collettivo perché capirono e del sistema educativo doveva essere riformate in maniera molto molto forte e invece di far finta di niente
Ritardando di quindici anni le nozze nel sistema scolastico organizzato subito a lavorare su questi su questi temi e non è un caso che obblighino già avvenuti con tassi decozione così così basso lo dico perché
Non dobbiamo avere paura dell'innovazione
Nulla rimane terno nel
Nel tempo nel tempo bisogna adattare
De adattare diciamo così tutti i percorsi scolastici lavorativi alle modifiche radicali non siamo in un mondo compiere ma ricomprese voi pensate di essere dire non siamo voi siete molto diversi da noi apporterete anche più chance da questo punto di vista perché stare dentro diciamo così una rivoluzione digitale
Che noi cerchiamo di inseguire chiedendo a mia figlia come si fanno alcune alcune cose per voi è una dimensione antropologica nuova
Questo discorso cioè dovete avere più fiducia in voi stessi avete un potenziale enorme una cosa che vedo sempre che siete molto pessimisti letto ha detto l'ha detto lei
Ed è
Ed è una follia oggi avete degli strumenti enormi avete la possibilità di fare una mobilità sociale di poter andare in in in atti in altri Paesi di poter fare percorsi di studio molto più forte significativi di quel cioè dovete smetterla con questo pessimismo questo pessimismo questo profilo vi impedisce di valorizzare tutte le nostre le nostre capacità
Lo cito sempre mia figlia perché col fatto questo Parco dei Colli con gli inglesi mi diceva ma gli inglesi non capiscono niente
Cioè nel senso che una buona formazione una buona formazione in Italia oggi il divario è solo la conoscenza e la lingua inglese non la qualità la qualità nostra questa nostra certi
De noi molto spesso ci lui siamo pessimisti pensiamo che siano migliori di noi non è così assolutamente assoluta assolutamente e la cosa che non dovete per perdere di vista e il fatto che lo vedo molto io
Occupandomi di scuola
Che preferisco come i ragazzi non dei professori dalla scuola pur avendo buoni rapporti ma è un
E un la è un rapporto ovviamente più più fluido
E quindi sento decine centinaia di ragazzi a tutti a tutti a tutti a tutti i livelli ecco un elemento che che un elemento che non c'è in questa generazione spy posso sbagliare
E
Intanto un allontanamento la dimensione politica
Cioè alle forze quelle quell'ancora più piccoli di voi sono ancora più lontani dalla dal dalle vicende dalle vicende politiche il che significa il che significa insomma lasciare un po'ad altri una Ragoo Nana capacità di giocare un ruolo nel nelle nel Paese veri in voi molto più la cultura dei diritti civili che non la cultura di un impegno e la politica ad una politica generale però dovete fra dovete in qualche modo interessarmi di questo cioè voi
Voi già votate avete delle avete immagino delle idee delle visioni diverse c'è ed è importante che si radica diversità è un tema fondamentale però non c'è dubbio che
Che
Dovete prendere atto che siete dei signori delle signore maggiorenni
Che esercitano il diritto di voto siete cittadini e cittadine a tutti gli a tutti gli affetti e quello che dicevo io sul tema della responsabilità non è non forse non mi sono spiegato
E io ritengo che sia prima della società sia un problema legato alla responsabilità cioè nel senso che il quando parlo della società che non ha funzionato lo non perché la società non ha funzionato perché non è stata responsabile fino in fondo rispetta i doveri che non può delegare alla politica deve allegare anche alla tua attività
Ad attività quotidiane quindi dovete essere un po'più
Bene capaci di esercitare un ruolo
Siamo in una fase chiudo
Di un
Estremamente stimolante
è stimolante sta cambiando il sistema dell'impresa la cultura idonee entra modifica modifica le cose
Ci sono aziende che nascono in un anno e diventano e sono quotati in borsa che valgono venti miliardi di cui di euro o di dollari cioè è una fase in cui credo che l'aspetto più importante sia avere la capacità di capire cambiamenti
Però è una fase stimolante e come quando mai negli anni dopo la Seconda guerra mondiale abbiamo inventato il Paese non paiono apporto non ero nato e non sono così vecchio
Ecco però lì c'è stata
Una capacità di cogliere un mondo che era totalmente diverso voi siete in una fase storica talmente stimolante
Che che non potete non potete stare dentro una cultura pessimista perché è un e sprecare un'opportunità fantastica in questi in questi anni lo dico al di fuori di ogni ordine ogni retorica che lo colgo già io che non no la vostra capacità di cogliere questa
Questa vicenda scusa niente di più
Qualche la risposta alcuna risposta alla giovane della cultura le ha perfettamente ragione lo riprendiamo anni e anni di abbandono del mondo della cultura sia inteso come formazione
Perché sulla scuola si è investito poco e male sia lasciato dare più spazio alle varie voci ma non c'è cercato di
Aiutare i nostri insegnanti adesso i migliori a dare loro maggiori rispetto maggiore autorevolezza ma
Sono sempre stati più emarginati
Magari vendendo molto facile la vita dagli studenti che non hanno voglia di studiare
Dando la possibilità a tutti di accedere comunque ad un diploma ma non a tutti deve della conoscenza del diploma cioè una scuola che ha un po'petto non abbiamo dei
Dei giovani bravissimi dei giorni decisionali abbiamo delle necessità molto buone abbiamo anche giuristi da molto scadenti delle scuole molto scadente purtroppo l'Italia è lunga e
A molte diversità del terzo Paese e sulla formazione servizi tipo
Lei dice perché non ce ne siamo occupati e poi c'è la cultura anche come sfruttamento del
Del patrimonio della cultura perché noi abbiamo
Un patrimonio culturale che potrebbe essere vederlo osso preso proprio modo di dire ma un modo di dire credo perché questa cultura
Utilizzata e venduta deve avere adeguata potrebbe dare grande ricchezza del Paese e lei dice perché non ci avete viaggiato ma il Governo molti quando è arrivato ha trovato un Paese che era sull'orlo del default
Cioè stimato l'altro giorno in più finirà con la Grecia
E purtroppo noi abbiamo un debito pubblico che rende impossibile qualsiasi forma di investimento serio su questi temi che pure sui temi fondamentali
Abbiamo una spesa pubblica che renda asfittico qualsiasi Governo noi non ci sono mezzi non ci sono soldi e io ricordo
Le fatiche negli ultimi tempi di Saccomanni che ogni mese cerchiamo di trovare i soldi per non far pagare limbo proprio questi questi bilanci all'osso perché abbiamo una spesa pubblica che
Drammatica quindi o questo Paese
Capisce che non c'è più trippa per gatti dove si dice a Roma che occorre una rivoluzione culturale forte che impone dei sacrifici a delle persone
Ma che sicuramente tagli alla spesa pubblica a venire rigorosa
Allora si potrà ad avere le risorse da Sven vestire perché
L'errore che noi stiamo pagando e che non c'è investito sul futuro del Paese che era attraverso la formazione attraverso la cultura
Noi abbiamo dagli anni Settanta in poi perseguito la politica del consenso regalando a tutti i loro dicevano i diritti vari
Facendo dimenticare i doveri perché erano fatti così
Tra loro e che ha mantenuto il concetto di dovere che ha mantenuto il concetto riesce e abbiamo questi ragazzi straordinari che portiamo nel mondo che sono veramente un esempio di un modello e gli altri tutta la gran massa invece
E vissuto sulla vita facile sui diritti acquisiti comunque c'è
E avrei sorpreso molto molto debole occorre uno sforzo di evoluzione Dario occorre guardare in faccia la realtà che aprire che non c'è non è più tempo di pensare che tutto quello che c'era dovuto prima seduta anche adesso
Ci dobbiamo rimboccare le maniche il nostro Paese che ha delle straordinarie capacità ha una straordinaria forza uno straordinario popolo che è capace perché poi la maggior parte agente che abbracci rimboccarsi le maniche di affrontare la vita Kunst con fermezza
E tagliare tagliare tagliare questa spesa pubblica Orban produttiva non dobbiamo cominciare a lavorare di più c'è gente che lavora sessanta ore settanta una settimana c'è gente
Lavora trentasei e si sente stanco non non c'è più tempo occorre cominciare a lavorare che lavora tocca lavorare di più lavorare meglio
Perché dobbiamo diventare produttivi dobbiamo cambiare e tagliare la spesa pubblica se non lo dico erano non avevo mai mezzi
Per fare quello che è importante che invece sono gli investimenti sulla cultura perché sono la forza del nostro Paese GRA perfettamente ragione
Certo
Proprio
Ma
Molto molto lentamente solo per raggiungere c'è poco da dire a questi due interventi
Sono vent'può piacere o non piacere né continuiamo a raccontarci questa idea della crisi come se la crisi possono araba passeggera che come diceva il suo intervento un logico tanto meno
Sul testo che torno la crisi come opportunità un lamentela no ecco che abbiamo scelto l'idea della crisi come lamentela sono vent'anni che ci imponga diamo vent'anni che ci siano ancora meno solo che non c'è mai stato il gradone
Sono vent'anni che diventiamo più ignoranti di nuovo lo dicono tutte le statistiche prima si parlava del Pisa shock ma non ce la raccontiamo sono vent'anni che lancia leggiamo meno libri perché le statistiche ci dicono che si legge sempre meno e però ne continuiamo a far finta che così non sia
Salvo che poi se ne paragoniamo il tenore dell'Italia in Italia di venti anni fa con quello dell'Italia di oggi vediamo che ci siamo impoveriti che il Paese si incattivito esce
E però siamo tutti lì ad aspettare l'intervento dello Stato la vostra generazione
Guardi
Lasciamo stare io in particolare tendo a parlare molto schiettamente in particolare alla vostra generazione
Il dramma è che siete così intelligenti così furbi
Lasciamo stare altre parole perché se no passiamo alle
Scritta che voi avete capito che tutto quello che era stato fatto dalle generazioni precedenti nei nostri confronti che sono di quelli che lo scriveva ce ne sono uno dei primi che ha scritto di egoismo generazionale e così via pensavo allora generazioni faranno una rivoluzione
Le nuove generazioni sono senza furbizie sempre giovani a fare prevenzione e invece di fare evoluzione è nata questa definita piagnisteo voglio dire
E di nuovi era mai non faccio politica su un professore posso finalmente di acquisire il gusto di parlare liberamente nella mia lingua
L'altro giorno guardava trasmissione televisiva un primo quale
E prende la parola al Primo giovane dice perché io e fa un elenco fatto trentacinque lavori e così via e fare l'eco delle sue disgrazie il giorno successivo per fare l'elenco delle disgrazie quello successivo che fa l'elenco ulteriore delle sue disgraziati nell'immagine che
In Italia la situazione di o ragazzo di vent'anni eh
Impossibile ora è vero che è impossibile ma lo sapete quante lo stipendio radio che si paga in America ad un dipendente quello di un giovane che entra il mercato del lavoro per leggerli ha stabilito la legge sette dollari
Sette dollari sono quattro euro e mezzo
In Italia non c'è un contratto collettivo che prevede non voglio dire che i problemi dei giovani non ci siano
Però vi voglio dire che l'età media dei laureati ventisette anni che tendenzialmente a causa di un sistema malato di cui sono generazionale io sono il primo che ha scritto uno dei primi che ha scritto questa roba i giovani di una casa con genitori
Il problema dell'occupazione giovanile grave sì
Dove al quaranta per cento tra chi ha quindici e ventiquattro anni ma dove veramente grave ebbe ventiquattro e quaranta perché sono quelli che non fanno figli e sono quelli che veramente alle problemi però lì la disoccupazione al venti che è un dramma
Ma non se ne parla perché
Quaranta per cento funziona meglio mediaticamente
E ci si lamenta lamentarsi non serva a risolvere i problemi risolvere i problemi significa invece partecipare per partecipare un piccolo consiglio di nuovo
Lobello ci parlavano dell'importanza del merito in Italia siamo tutti d'accordo di nuovo perché questa vulgata corrente non esiste il merito
Forse mento non esiste ma l'invidia c'è eccome e come si vede e becca sempre quelli giusti
Allora forse la verità
E che magari nella nostra cultura che la vostra generazione dovrebbe cominciare
Cominciare a riconoscere che è bravo
Ritenere che è bravo e pensare e pensare che
Carlo stare vicine sostenere chi è bravo non incide verrà un danno hanno immagine verrà per tutti
Un vantaggio
Che quello che pensi prevede in tutti i Paesi anglosassone che arricchisce ma poi restituisce la collettività
Poi
Tenendo alta la tassazione dedicando ma riconoscendo il merito non avendone paura come se fosse un nostro danno
Perché da questo punto di vista guardate che
Altra strada non ce ne chiudo stiamo parlando cinquant'anni dopo perché io prima sentendo Roberto mi sembrava veramente di risentirlo perché l'ho letto da poco
Del discorso famoso di insediamento di Chennedy del cinquantotto io ti faccio un complimento troppo sperticato
Quando diceva non chiedete di che cosa l'America può fare per voi
Chiedete vi cosa potete fare voi per il vostro Paese ecco io credo che la vostra generazione una generazione che ha grande fortuna questo vada richiesto perché chiudo
Un'altra delle domande che proprio a me ha non ci credo nel mondo c'è una voglia matta d'Italia
Mi sono interrogato tantissimo perché poi tutta in giro in America e ti rendi conto che
Tutti mangiano la pizza però poi attrezzata tutti prenda che fa schifo tutti prendono il caffè
Però è Starbucks e di nuovo fa schifo
Mutatis motive sfitti proprio tutti le marche italiane con questi nomi italiani storpiato finora Rodolfo
E di nuovo fa schifo vai a Boston e tutti i locali Iris la metà dei ristoranti sono italiani
E però si mangiano di atti che non hanno nulla a che vedere con l'Italia
Età mi sono letto ma come è possibile che non c'è il richiamo di questo poi ci ha pensato bene e a un certo punto mi sono ricordato di me Ucci Meucci inventa al telefono
Però lo breve tabella
Inventiamo
L'energia nucleare
No io non entro nel merito se a favore nucleare o no però poi da Francia cinquanta reattori nucleari ne compriamo l'energia dalla Francia e paghiamo il trenta per cento in più di bolletta energetica che sia già avessi tutti quei soldi annualmente sapete quanti posti di lavoro potrei creare
E vado alla conclusione per essere pratico voi
Se io fossi uno se io avessi vent'anni come voi oggi comincerei a pensare che per esempio in Italia ci sono ancora tantissime straordinario aziende che producono degli atti prodotti che
Nel monche esportati ammonterebbero un grande mercato aiutare quelle aziende a crescere
Oggi se c'è un giovane in economia in giurisprudenza se c'è un senso proprio per essere proprio pratico pratico pratico Prospero De
Non
Confermerà secondo me ragionate su come aiutare quelle in prese a diventare più grandi a livello europeo a livello mondiale perché la verità e che se il caffè
Lo andavamo a fare noi in America con un marchio che aveva un nome e una proprietà italiana magari pure gli americani quello si arricchiva
In Italia c'è la preoccupazione e gli americani magari imparavano avversi un caffè uno sport più dignitoso di quello che non sia sulla pizza non ne parla neanche
Grazie
Io volevo fare due osservazioni e poi ringraziamo tutti concludiamo la prima
Oggi abbiamo sentito più volte questo concetto dello Stato
Noi in Italia non abbiamo una cultura una tradizione dello Stato questo è un problema storico
Allora ci siamo chiesti più volte anche qua dentro in questi corsi di etica
Che cosa significa per un italiano arrivare al senso dello Stato che a un francese che ha te viene da una cultura completamente diversa lo Stato francese ha una storia secolare
Noi ci siamo messi insieme da cent'anni fa e ancora adesso ci si domanda se dobbiamo stare insieme anzi ci sono spinte di spiegateci da tutte le parti
Abbiamo provato a puntare sul principio di sussidiarietà che vuol dire il principio di responsabilizzazione che era quello che dicevi tu adesso alla fine
Dentro la scuola dentro l'impresa dentro
Lo Stato lo si costruisce cominciando dal piccolo della realtà locale e prendendosi cura delle piccole cose a cominciare a livello familiare a livello dell'azienda locale abbiamo scritto un testo vi invitiamo la presentazione se non non potete comunque ve lo faremo arrivare la seconda osservazione
E circa la legge anche qui
O la norma
Noi veniamo da una tradizione ahimè lo dico cattolica non una tradizione protestante quindi la tradizione cattolica ha al suo vertice
Non la legge ma l'interprete della legge questa cosa ci ha assegnato tutti come cultura
Ecco perché noi facciamo molta fatica immediatamente a recepire la regola
Come ultima parola mentre un uomo del nord una donna del nord che viene da questa tradizione dove
La norma la scrittura è l'ultima parola c'era già nel suo DNA
Allora questo noi non possiamo
Non renderci conto di questo allora
Anche questa inflazione di leggi che pullula nel nostro Paese che non riesce a dare una norma morale alla fine
Viene perché
Non abbiamo ancora inteso e qui un po'il nostro piccolo tentativo che dentro una storia in cui noi da cui noi veniamo l'unica soluzione e far sentire la norma come dicevano prima le domande dei ragazzi molto in molto acute
Utile per la persona
Fin quando io non sento la norma come diciamo così come ciò che mi rende felice mi aiuta ad un cammino di felicità personale ed era questa la battuta di spadone Padoa Schioppa è bello pagare le tasse nuove c'è questa ma insomma
No ma se io se io genero sento che una vita vissuta bene ed è stato anche il senso di questi incontri di etica pratica
Portare qui delle persone che hanno
Giocato la loro vita la loro professionalità ognuno con i suoi limiti però nel servizio del Paese o comunque
Nel servizio nell'ideale di una
Di una norma etica che serve a vivere meglio come persone e come individuo e col e come collettività allora in questo senso noi vogliamo continuare no apportare qui sarebbe anche un grosso
Discorso sulla formazione dentro le aziende dentro le Università dentro cioè
Io credo che al venire meno di quella formazione che una volta davano
Le agenzie parrocchiali perché diciamocela chiara
Tutti andavano a prendere il piccolo catechismo in parrocchia il livello era che la norma etica era la norma che imprevisti prendevi in sostanza da queste agenzie educative oggi non c'è più
Allora credo che lì il compito delle università il compito dell'impresa è comunque di aprire
Di aprire degli spazi
Dove si parla di etica pratica dove si incomincia a ragionare di etica dove come oggi dell'interazione con i ragazzi di fronte a domande sulla vita uno porta la propria esperienza
Non ideologica ma
Come dire
Che viene dalla vita dall'esperienza della vita fatta
Forse questo dobbiamo pensarci un po'più utili giovani da una parte gli adulti dall'altra fin quando non incominciamo a creare occasioni perché questi discorsi formativi circolino
Non entrano più nella
Nella mente delle fasce
Ecco
Questo è il nostro piccolo tentativo pensiamo di continuare chiediamo la vostra amicizia per continuare andiamo avanti grazie a tutti
Si può dire agli studenti la prossima volta comunque lo vedrete anche sul sito non ci troviamo qui per la lezione ma in Aula tre ok quindi giovedì ventisette in Aula tre
Grazie
Grazie e arrivederci
Pongo
Il
Purtroppo
Ammontano
No
Ho
Io
Però
Tu
Informo
Per
Ho
Oppure
Bobo