20MAR2014
rubriche

Critica e militanti

RUBRICA | RADIO - 07:30. Durata: 7 min 11 sec

Player
"L'invenzione dell'Italia moderna.

Manzoni, Leopardi e altre imprese ideali prima dell'Unità" (editore Bollati Borlinghieri) di Giulio Bollati.

Puntata di "Critica e militanti" di giovedì 20 marzo 2014 che in questa puntata ha ospitato Matteo Marchesini (Critico letterario e scrittore).

Tra gli argomenti discussi: Alfieri, Arte, Beccaria, Cattaneo, Cattolicesimo, Cultura, Editoria, Galileo Galilei, Gobetti, Il Mondo, Intellettuali, Leopardi, Letteratura, Liberalismo, Libro, Manzoni, Mazzini, Risorgimento, Societa', Storia.

La registrazione audio di questa puntata ha una durata di 7
minuti.

leggi tutto

riduci

07:30

Scheda a cura di

Fabio Arena
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Buongiorno da Radio Radicale qui e Matteo Marchesini per la rubrica critica militanti oggi parliamo di un libro davvero bellissimo appena pubblicato dalla Bollati Boringhieri l'invenzione dell'Italia moderna di Giulio Bollati
Che oltre al trattato un importantissimo dirigente dell'Einaudi e poi
Nell'ultima parte della sua vita tra fine anni Ottanta e la morte nel mille novecentonovantasei direttore appunto della Bollati Boringhieri è fatto anche un uno straordinario studioso di
Di letteratura italiana e del rapporto tra la letteratura italiana e l'identità nazionale
Cosa sono questi questi saggi sono ostaggi sul Secolo che va a più o meno della metà del settecento
Alla metà del dell'ottocento che per Bollati è centrale
Per capire anche il il novecento italiano è il secolo della del Risorgimento sostanzialmente
Bollati si occupa del cappelli Pietro Verri si occupa
Di Alfieri si occupa di leopardi soprattutto di Manzoni e arriva fino fino a Cattaneo
Come sottolinea Berardinelli nella sua introduzione
Soprattutto i suoi autori sono Pietro Verri e leopardi Bollati oscilla
Sostanzialmente tra tra un grande interesse per per questo autore assolutamente inutilizzabile che l'autore dei canti delle Operette morali assolutamente inutilizzabile in vista di qualunque
Diciamo così Progetto politico risorgimentali o anche novecentesco
E invece la letteratura utile
Di Pietro Verri del caffè e poi del conciliatore di una storia che arriverà nel Novecento fino alla voce fino fino a Gobetti e poi nel secondo Novecento fino al mondo i Quaderni piacentini volendo
Straordinari sono soprattutto
Alcuni appunti direi che che che Bollati prende su
Un un problema di distacco un problema tipico della letteratura italiana il distacco tra che la letteratura la forma e anche un certo Titanic non morale dei letterati il capitalismo di Alfieri che poi si trasmetta Foscolo Mazzini
E la capacità invece di comprensione delle trasformazioni economiche nota tra l'altro che sia Martini il democratico Mazzini sia
Mando hanno invece della scuola dei cattolici liberali
Conducono una polemica molto forte contro qualunque utilitarismo
Invitano insomma una separazione tra economia immorale tra tra mondo sociale e mondo intellettuale mondo spirituale
Che darà vita dice bolla che è un vizio ha un vizio di fondo italiano
Esattamente scrive per l'Italia una politica ambivalente questo sarà il risultato viziata dall'ambiguità e dalle segrete connivente di un'utilità che si avvale della copertura fittizia di principi svincolati dagli interessi
E in questa posizione sarà da vedere una delle radici storiche del trasformismo italiano
Ma il primo saggio per oltraggio più lungo che o piccola occupa quasi metà del libro sulla presto Mattia cioè sull'antologia della progredita Liliana che leopardi
In un ultimo tentativo di intervento pubblico da intellettuale
Mentre pubblicava le Operette morali preparò per l'età per lite per l'editore Stella un per appena interessantissima perché con molta libertà sforbiciare Ando
Frasi lavorando molto di di di di collage diciamo leopardi privilegia non il trecento dei puristi
Non la lingua codificata dal cinquecento in poi del classicismo ma un cinquecento
Il secolo della maturità ma anche quasi in cui la maturità carica arriva una sua Parodi via
Il secolo di una naturale eleganza quella del Firenzuola quell'ora del Gelli del tasso del caro in parte del della casa e poi privilegio soprattutto Galileo come
Erede di quei cinquecento ci sono in questo saggio alcune osservazioni molto acute per esempio sulle gambe tra una pagina Anthill del Castiglione e i successivi canti
Di leopardi che riprenderà di lì a poco
La lirica con la straordinaria riuscita di affiliati c'è soprattutto un ritratto convincente attraverso la Crespo Mattia additivi o parte di un intellettuale dice Bollati
Che è irriducibile a qualunque specialismo poeta pensatore patriota malato signore studioso la figura è unica e della metà dice Bollati di una lucidissima costruzione stilistica
Alla quale un fermo controllo etico-morale impedisce di scadere nel velleitarismo del mito romantico
Per conservare l'esattezza di un'opera tutta oggettiva
Ci sono poi le pagine su Manzoni e sul suo rapporto con con la storia Carmagnola il soprattutto il personaggio di Marco Abeki sono per Bollati primi acquitrini personaggi italiani a sperimentare il dramma dell'intellettuale moderno
E c'è poi il coté invece appunto della letteratura utile la polemica di Bollati e contro un canone letterario che non ha saputo valorizzare ad esempio un capolavoro come
Come quello di Cesare Beccaria dei delitti delle pene e Lala relegato nella storia diciamo così
Civile e non letteraria
Potremmo usare per concludere per
Esprimere quella che è la la concezione di letteratura anche che bolla piatto
Un un aforisma proprio di di Berardinelli che era
Suo amico è stato a lungo in dialogo con l'unica che appunto ha firmato la la prefazione Berardinelli a un certo punto è arrivata una definizione apparentemente minimale polemiche ed ecologica come le sue ha definito letteratura dire nel modo migliore qualcosa di interessante con una definizione
Che si adatta bene anche all'idea della letteratura che ha mollati e che è un'idea che si scontra frontalmente appunto con
Quel Titanic mo'estetico e anche politico italiano astratto
Che appunto dal dal Risorgimento Alfieri hanno ricordiamo l'importanza che ha avuto Albieri anche nobilmente per una parte del Novecento e si capisce per esempio per la le nell'azione di Gobetti va però
A toccare perfino le punte del tardo Novecento di di certa sinistra
Che in qualche modo si esibisce teatralmente ma non comprende davvero cosa sta accadendo alla società circostante quindi il Consiglio di oggi è l'invenzione dell'Italia moderna di Giulio Bollati edizione Bollati Boringhieri a risentirci venerdì prossimo