22MAR2014
dibattiti

Il nuovo codice deontologico del penalista

DIBATTITO | Roma - 11:03. Durata: 1 ora 52 min

Player
Nell'ambito del IX Congresso Giuridico - Forense per l'aggiornamento professionale (Roma 20 - 22 marzo 2014).

In collaborazione con: Fondazione Italiana per l'Innovazione Forense, Scuola Superiore dell'Avvocatura, Fondazione dell'Avvocatura Italiana.

Registrazione audio del dibattito dal titolo "Il nuovo codice deontologico del penalista", registrato a Roma sabato 22 marzo 2014 alle ore 11:03.

Dibattito organizzato da Consiglio Nazionale Forense.

Sono intervenuti: Aldo Morlino (avvocato), Ettore Tacchini (avvocato), Ettore Randazzo (avvocato), Carmela Parziale (avvocato, membro della Giunta
dell'Unione Camere Penali Italiane), Titta Madia (avvocato), Mario Fresa (magistrato).

Tra gli argomenti discussi: Anm, Avvocatura, Cassazione, Consiglio Nazionale Forense, Diritto, Giustizia, Legge, Libera Professione, Magistratura, Ordini Professionali, Penale, Polizia, Procedura, Riforme, Sanzioni, Separazione Delle Carriere, Ucpi.

La registrazione audio di questo dibatto ha una durata di 1 ora e 52 minuti.

leggi tutto

riduci

11:03

Scheda a cura di

Enrica Izzo
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Palme rimanda
A trova sul sito del genere
A trova sul sito del CNF
Buongiorno
Grazie per esservi fermate in questo sabato che vede a conclusione della due giorni dedicata al
Processo allora di Fitto
Penale
Vede in conclusione dopo tutti i discorsi un argomento che non poteva assolutamente mancare che era quello della deontologia e in particolare della deontologia della penalista
Che deve essere guardato
Alla luce non solo dell'attività specifiche che sono proprie del
Penalista ma nell'inquadramento delle norme generale del nuovo Codice deontologico
Abbiamo tra i relatori non sottraggo tempo dato
L'interesse
Tutte quante persone che avvocati soprattutto prima che qualsiasi altro tipo di incarico
Che
Hanno non hanno bisogno di presentazioni perché sono
A tutti quanti notizie da voi conosciuti
E
Non
Ultimo perché voi vedete né potete pensare che ci sia un sdoppiamento di funzioni ma
Soltanto perché
C'è bisogno di un moderatore c'è bisogno anche di un rappresentante del consiglio nazionale forense nella persona
Dell'avvocato Tarantini che poi abbia anche partecipato alla Commissione per la redazione prenda Codice deontologico
Invito i gli interventori a tenere presente che
La struttura è quella di una tavola otto unità per cui ci dovremmo limitare a degli interventi i sintesi di dieci minuti un quarto d'ora in maniera da poter poi fare
Un doppio giro di interventi o certamente necessario anche in risposta agli interventi degli altri
Relatori e dare spazio eventualmente anche a l'auditorio di povere dei quesiti o evidentemente di intervenire
Proprio per questo io mi fermo immediatamente a a questo aspetto di presentazione senza entrare nell'argomento dell'uva
E nella delicatezza dell'argomento per dare
La parola all'avvocato tra chi
Grazie Aldo io qui mi trovo nella veste come ha detto giustamente Aldo Mondino e di componente della Commissione per la riforma della Codice deontologico voi sapete che la legge duecentoquarantasette all'articolo tre
Che ha come titolo doveri deontologica prevedeva prevede la riforma la ristrutturazione
Del Codice deontologico diciamo Codice deontologico Danovi Codice del novanta senso cioè far torto agli altri che hanno concorso alla confezione di quel codice che peraltro con qualche modifica aggiornamento di Novella fa funzionando bene funziona tuttora certamente
La l'aggiornamento è stato un aggiornamento opportuno anche se ci ha trovato abbastanza spiazzati perché ci siamo trovati di fronte a una novità che rispetto a quella che era la proposta fatta dal tavolo che aveva
Studiato questa finalmente approvata riforma della nostra professione ci ha trovati di fronte a quella a un'affermazione abbastanza
Non scontata che era quella della tipizzazione delle condotte e della attribuzione ad ogni singola condotta deontologicamente rilevante di una sanzione specifica
Ci siamo posti questo problema ci entra è nato proprio perché non era prevista la tipizzazione non era nemmeno prevista
Quella di riferimento alla tutela del pubblico interesse
Che anche qui ha creato qualche discussione al nell'ambito della del Consiglio nazionale del plenum e quindi poi della Commissione per la riforma del Codice
In realtà per quel che riguarda tipizzazione con un tipico espediente dal nostro legislatore c'è stato quel per quanto possibile che vuol dire tutto e non vuol dire niente
Ma in realtà ne abbia pensato che per quanto possibile voleva dire
Togliamoci di mezzo il problema affacciamo tipizza diamo tutto e sanzioniamo tutto e credo che in fin dei conti chi ha già avuto modo di vedere il nuovo Codice deontologico credo
Abbia visto che in fin dei conti non è stata una scelta sbagliata per quanto riguarda la tutela del pubblico interesse l'abbiamo ritenuto che la produzione e l'avvocato e comunque a tutela del pubblico interesse come tale tutti comportamenti indipendentemente dalla tutela specifica di un pubblico interesse hanno
Rilevanza deontologica e quindi
Nel nuovo Codice sono previsti tutti quei comportamenti che un tempo
Con un'invenzione che aveva avuto
Notevole successo e non invece i principi tua a cui si erano aggiunti dei canoni che in realtà erano già delle tipizzazioni ma quei canoni aveva consentito di portare avanti i procedimenti disciplinari nell'ambito anche di quella norma di chiusura che l'articolo sessanta che nel nuovo Codice non c'è più
E diventa invece
Uno dei così come non c'è più il preambolo ma diventano quei principi generali che finiscono con l'articolo ventidue
Il nuovo Codice si compone il settantatré articoli rispetto ai sessanta del codice attualmente vigente ha una struttura che è stata notevolmente modificata perché inizia con i principi generali
Principi generali che sono
Mutuati da quelle che erano in parte i principi il preambolo e i principi del vecchio Corder ter Codice attuale
Che si chiudono con la responsabilità disciplinare e le sanzioni
Poi abbiamo ritenuto che la
Cosa più importante è il rapporto con la parte assistite abbiamo e infatti il primo titolo è quello della il titolo successivo ai principi generali e riguarda i rapporti col cliente con la parte assistita
Duplicando la figura del cliente dalla parte assistita perché come tutti sanno quelli
Sì esercitano nostra nobile professione sono due figure che meritano tutela a seconda del tipo di
Rapporto che sia prima con la parte assistita e poi col cliente
Il terzo titolo riguarda il rapporto con i colleghi
Il quarto
è introdotto come titolo nuovo ma riassume tutta una serie di
Vicende che prima si trovavano sparse nel Codice ed è l'avvocato nel processo i rapporti lavori lei dovete l'avvocato nel processo
Ci sono infine IRE poi i rapporti con terzi e controparte e infine i rapporti con le istituzioni forensi
Il nuovo Codice a oltre a tutto un pregio secondo noi perché se è quello di
Assunti accogliere in sé anche quelle disposizioni che erano sparse in varie disposizioni di legge
Cento indagini difensive ad esempio notifica a da parte della dall'avvocato eccetera
O calendario del processo e quindi troverete che vi sono
Voci relative in modo da fare una specie di
Di corpus iuris deontologico ragionevolmente completo
Per quel che riguarda la la l'aspetto proprio tipicamente del del penalista devo dire che la tipizzazione ci aveva lasciato un po'perplessi su come procedere ma soprattutto ci aveva lasciato perplessi la necessità di indicare la sanzione per ogni singolo comportamento e si era partiti ovviamente dalla dalla data d'accordo alla procedura penale dal Codice penale e si era partiti dicendo ma faremo
Potrebbe essere sanzione fino a
Oppure
Non inferiore a
O da a
Poi c'è stato una un colpo di genio consentitemi non è mio quindi posso dirlo senza piaggeria
E si è deciso di fare di indicare una sanzione per il singolo comportamento proprio quella sanzione ma si è aggiunto
Al comma tenuto l'ultimo o penultimo comma dell'articolo ventidue il comportamento più grave importa l'aumento da promettendo più grave porta l'aumento fino a
E il comportamento più lieve importa alla la terra diminuzione fino a in modo tale che l'interprete l'applichi dovrà i Consigli distrettuali di disciplina che dovranno applicare quella norma avranno già una traccia oltre a tutto vedrete abbiamo anche
In progetto è già pronto
Un Codice deontologico alla non faccio pubblicità I tipo i codici da tribù cioè quelli che hanno
Il già indicata la sanzione massima e minima gente quindi credo che sia un qualche cosa di molto produttivo per i consigli distrettuale di disciplina
Quello che riguarda più il tema di oggi ovviamente è quello del
IRAP e nel dell'avvocato nel processo
Ed in particolare poi ne parleremo ce ne parlerà ma
Io devo fare questa di introduzione da da deontologico autologo ufficiale del Consiglio
Ci rinunciano interessanti di rapporti di colleganza che riguardano soprattutto un altro tema molto attuale sul quale stiamo lavorando su quale speriamo di darvi presto notizie
Importanti e costruttive definitive che la difesa d'ufficio e cioè quella solito vecchia vicenda per cui il difensore d'ufficio si presenti all'udienza e c'è difensore di fiducia che si è dimenticato poi dice che ha mandato una bella qualcosa medesima realtà magari note riportato meno di niente di avvertirvi che lui è stato nominato
Oppure ci sono quelle altre vicende slegate sempre al fatto del difensore d'ufficio che occorra fare le copie e poi immediate ti dice ma io ho speso quei quattrini per farle copia getta la vedova
E i rapporti col codifensore che devono essere improntati vedete vede alla massima collaborazione per quanto riguarda lo scambio di informazioni per quanto riguarda le consultazioni per quanto riguarda la collaborazione
Poi
Abbiamo il il il il il dovere
Niente all'avvocato nel caso che difenda più indagati o più imputati oppure che il dell'avvocato indagato che non può ovviamente difendere un coimputato in quel processo nel quale
Risulta indagato
Abbiamo poi un articolo che ha suscitato molte volte
Polemiche affettuose perché con col mio omonimo Ettore non possa andar bene che d'accordo dal punto di vista onomastico ma sul piano invece della interpretazione dell'articolo cinquanta che è quello del dovere di verità
E su questo ci siamo anche piuttosto accapigliati nel senso che
Ci sono per lo dirà poi meglio Ettore perché a lui lascio il compito svillaneggiato la nostra Commissione gabbia privilegiato un il fatto dell'avvocato che sensata che il cliente produce una prova Mazza
Deve o quindi dalle cliente ma ad usarla oppure deve diventa dismettere il mandato
è un qualche cosa sul quale poi
Vi dirà meglio il il mio omonimo
Poi vi sono i rapporti con i magistrati
Ci uguali anche si è mutuato sostanzialmente quello che il Codice attuale
Un argomento molto molto dibattuto e credo che sia di
Piani di attualissimo interesse
Ma che abbiamo risolto proprio applicando anche l'ultima ultimissima normativa quella per cui non si parla più
Di patria potestà ma si chiama di responsabilità genitoriale e cioè l'ascolto del minore l'ascolto del minore che è proprio specificamente e
Partitamente indicato come debba essere effettuato
In maniera tale da tutelare il minore ma tutelare anche l'avvocato che si trova a dover difendere o dovere Interreg intervistare vuoto nel comunque di porsi in rapporto con il minore abbiamo avuto una scambio di informazioni importanti con le associazioni
Qual è maggiormente rappresentative soprattutto quelle familiari familistico che il matrimonialista i che minorili coi quali veramente siamo giunti credo ad un risultato
Certamente positivo
A tutela del minore anche nel rispetto di quelle che sono le carte di nuoto i chiede di condizioni di Hezbollah le convenzioni e quant'altro
L'abbiamo migliorato quello che riguarda i rapporti con gli organi di informazione i media eccetera perché anche lì abbiamo quella situazione assolutamente intollerabile lo vedete spesso di colleghi che
Colgo l'occasione della difesa di un fatto particolarmente
Importante sul piano della pubblica Natella della Pubblica conoscenza di pratica si sovrappongono alla alla alla loro cliente e ne fanno oggetto di una pubblicità della loro capacità professionale
Su questo poi
Ai abbiamo
Ma anche un altro dei di argomenti sui quali
Si è discusso con camere penali
E determinato da un fatto di cronaca ragionevolmente recente che era quella del del delitto di Avetrana in cui c'erano stati gli avvocati che erano stati iscritti nel registro degli indagati eccetera
La crisi è stato una uno scambio di idee estremamente produttivo cancri credo siamo arrivati
Ha un qualche cosa non potendo attribuire ai Consigli dell'ordine un potere Presidente soprattutto di decisione sul fatto che l'avvocato potesse o meno mantenere quello abbiamo dovuto
Anche obtorto collo ma
Prendere una decisione che fosse ragionevolmente accettabile non potesse mettere in condizioni di disagio l'eventuale Presidente del Consiglio d'ordine che dovesse decidere una situazione così delicate così importanti
Penso davvero che ormai il il Codice deontologico è praticamente definito
Si tratta soltanto di aspettarne la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale sapete che la legge duecentoquarantasette del due mila dodici farle cose buone che ci ha portato ci ha portato anche il fatto che
Adesso il Codice diventa normati legge perché
Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale con tutte le possibilità pure previsti dalla legge di interventi di miglioramento di audizioni di
Cambiamenti anche di
Di
Sì sì nel momento in cui si dovesse rivelare ri invernali che quella tipo di decisione preso dalla Commissione dovesse essere ho superato dette in più integrato con qualcosa di
Più
Attinente
Su questo e proprio l'argomento sul quale credo oggi
Si potrà discutere ma discuteremo anche più avanti
Proprio perché nell'intesa di arrivare a qualcosa di
Più costruttivo possibile per rappresentare
Una figura dell'avvocato che si la figura dell'avvocato più moderna ma più rispettose di quei principi che sono assolutamente ineludibili e che sono i principi che troverebbe nei primi diciotto diciannove articoli del nuovo Codice deontologico
è chiaro che siamo aperti il Consiglio e avverto a tutte le
Osservazioni
Nei limiti in cui queste osservazioni poi possano effettivamente incontrare l'interesse e il di miglioramento della della nostra disciplina deontologica grazie
Grazie
Dovrebbe aver illustrato il percorso bello Codice i principi fondamentali e perché se ti mantenuto grosso modo senza sforare nei tempi a assegnati
Immediatamente la parola Ettore Randazzo
Da cui vorrei qualche maggiore delucidazione precisazione rispetto a un dovere di verità
Articolo cinquanta e quindi tutto quello che in con queste collegato alle cose
Grazie
Grazie a quando grazie intanto alla Commissione
Redigente e al Consiglio nazionale forense che ci ha regalato questo nuovo Codice deontologico il Codice deontologico e sembra un
Un momento felice di una categoria perché
Non solo ci dà una ulteriore certezza del diritto del diritto disciplinare ma
è una protezione dei canoni fondamentali
Di una funzione in particolare il nostro
Questo ovviamente al rinnovo a
Aggiorna la difesa della difesa
Aggiornamento di cui c'è bisogno
E c'è bisogno in genere c'è bisogno in senso sentite qui
Devo fare inevitabilmente riferimento
A quella che
La giurisprudenza penso della corte di legittimità anche
Più volte quindi a ritenuto di
Stigmatizzare la condotta dell'avvocato utilizzando il codice deontologico forense
Mi riferisco in particolare a due decisioni una della Sezione sesta del due dicembre due mila e nove
E l'altra delle Sezioni Unite che quindi evidentemente per la maggiore autorevolezza istituzionale
è ancora più importante da un canto è ancora più grave dall'alto perché parlo di gravità
Perché il la giurisprudenza di legittimità ha ritenuto di utilizzare codice deontologico forense per sostenere ad esempio che la citazione dell'imputato stante il dovere
Del difensore di informazione dell'esistenza di un procedimento dell'udienza
Dei le varie varie tappe del procedimento
Finisce addirittura folle esonerare
Da quell'obbligo di citazione dell'imputato che pure le convenzioni internazionali la la Carta costituzionale il buonsenso il Codice di procedura penale esigono si dice ecco momentino sì elencano
Gli articoli del Codice vigente ancora
Per cui l'avvocato sei e l'articolo sei prescrive che l'avvocato svolga la propria attività professionale con lealtà e correttezza l'articolo sette
De costituirebbe costituisce infrazione disciplinare il comporti il compimento consapevole di atti contrari alla l'interesse dell'assistito
L'articolo otto oblio all'adempimento dei doveri con diligenza e così via sono segnalate segnati altri quattro articoli
Per dire che abbiamo un dovere di lealtà un dovere di
Informazione un dovere di
Correttezza letti nel senso che il nostro non è un dovere
Diciamo nei confronti del nostro assistito delle funzioni
Delle parti della giustizia non è un dovere nei confronti del processo per cui ogni atto ostativo al regola e funzionamento del processo diventa un atto censurabile al punto da far
Decidere
Che quel diritto dell'imputato la sentenza delle Sezioni riunite riguarda la notifica al secondo difensore stante il dovere di informazione
Che ha
Nei confronti del collega chi ha ricevuto l'età per cui se il cui siccome tu dovevi informarla informarlo a quel punto non c'è bisogno che che riceva l'avviso insomma
Si arriva a delle conclusioni che lasciatemi dire sono aberranti donne in senso giuridico aberrante rispetto alle utilizzazione di argomenti proveniente dal nostro codice deontologico che non possono accettare
Per la brevità del tempo concesso mi fermo qua ma vi rendete conto che tutto questo evidentemente crea la necessità non soltanto
Di aggiornare perché lo vuole la legge professionale c'era ma anche di
Puntualizzare che tutto quel che ne facciamo no
Diciamo nella
E sequestri esplicazione
Della nostra funzione lo facciamo nell'interesse del nostro assistito perché è così che rendiamo effettiva la nostra difesa
E conseguentemente quando quando si parla dei doveri del Difensore si deve far riferimento anche a questo volevo darvi gli estremi delle Sezioni Unite primo giugno due mila undici Fiandanese il relatore che
Appunto arriva a queste conclusioni che non possiamo accettare ma
Se così è
Quel che fa
La Commissione quindi il Consiglio nazionale forense che è la prova nel sottolineare per esempio all'articolo uno presente all'articolo dieci
Che
C'è uno un dovere c'è una serie di doveri nell'interesse dell'assistito è fondamentale
Fondamentale perché rafforza la nostra critica nei confronti di una interpretazione pretestuosa su quelli che sono i nostri doveri come se cancella solo i nostri diritti dei diritti del nostro assistito ma
Aldo mi chiedeva dell'articolo cinquanta effettivamente devo ringraziarlo perché l'articolo cinquanta e il cuore
Di questo Codice deontologico di abbia delle novità del Codice deontologico Forense perché è il cuore
Perché l'articolo cinquanta si occupa del rapporto con l'avvocato della verità e qui dovrei ancora una volta
Confrontarmi con il mio amico amicissimo Titta che sul
Del dovere di verità la pensa diversamente da me ma qui in particolare il problema sta nel fatto
Che oggi l'articolo quattordici
Prevede
Il divieto di introdurre nel processo atti di cui si conosca la falsità
Mentre non vieta l'utilizzazione di questi atti se provengano da parte diversa dal difensore
Dalla difesa
La novità
Sta nel fatto
Che invece l'articolo cinquanta del nuovo Codice deontologico
Forense prevede che l'avvocato non deve introdurre benissimo ma dice anche che non deve utilizzare prove o elementi di prova
Provenienti dalla parte assistita
Sostanzialmente dal precedente difensore
Che abbia prodotto documenti atti falsi
Giustamente dice che non si possono utilizzare secondo me è una lettura corretta dell'attuale articolo quattordici porta alla stessa conclusione però qui c'è stato un lapsus freudiano del mio amico letto ore
Non si limita a vietare l'utilizzazione ma
è
Impone la le dimissioni non o
No era quello che volevamo noi però nella versione definitiva che abbiamo fatto degli incontri emani camere penali con uno solo Commissione specifica l'Osservatorio sulla qualità deontologia del difensore con la Commissione
Presieduta
O coordinata da Stefano Possati
è però abbiamo chiesto che almeno quel
E fosse sostituito con un nuovo cioè che
Oggi di netti
O non lo utilizzi invece è passata la tesi diversa secondo cui io non solo non lo dico vi devo dimettere ma non posso
Di Rizzato ovviamente se mi dimetto
Per utilizzarlo lo stesso nel diciamo al contrario non solo non posso utilizzarlo ma devo dimettermi
Allora il problema è semplice
Io
Mi devo dimettere perché il mio assistito solo come ho saputo di solito quasi certamente quasi sempre il mio assistito mi informa che quel documento quel certificato è falso ed è stato prodotto dal difensore precedente
Nel momento in cui lo so non lo utilizzo va bene ma mi devo dimettere
Vi chiedo se io mi dimetto questo cristiano chi lo difende
Il prossimo
Ma se il prossimo scusate
Ma se se il prossimo
Apprende anche lui
Dal cliente dall'assistito che è quella per falso si deve dimettere a sua volta allora o arriviamo allo stallo perché anche il difensore d'ufficio ovviamente come in qualunque difensore deve dimettersi
Oppure finalmente
Il nostro assistito capirà che non deve
Non può essere sincero col suo difensore se non può essere sincero con il suo difensore
Se lo tiene per sé e arriviamo a quella conseguenza che volevamo evitare cioè arriviamo la conseguenza che il difensore
Ignaro lei legittimamente utilizzi laddove falso comparti a me sembra paradossale dottrine sto sbagliando a me sembra paradossale
Non si può statuire
Che
Alla fine l'imputato decida se
Informare le ogni difensore che gli si nomina e quindi creare uno sballo del processo che alla fine li può anche servire
Perché non se ne sul Rolo può difendere questo qui prima o poi si dice otterrà la prescrizione se non altro del reato oppure deciderà
Di far camminare il processo però in maniera maliziosa facendo non informando il difensore così
Facendogli utilizzare l'altro falso
è possibile questo dico logicamente io ritengo che
Si debba riflettere su questo per carità non sono cose che in cui sono nessuno Bobo sparare sentenze
Tanto meno un osservatore esterno perché voi è facile dall'esterno far critiche al lavoro di chi viceversa cioè c'è ci ha spesso
Il proprio impegno però riflettiamoci perché l'atto all'articolo quattordici questi problemi non li pone
Riflettiamoci perché la conseguenza potrebbe essere
Se vogliamo eccessiva
Per non dire che il giudice dopo tutte queste dimissioni a catena avrà capito qual è il problema no anche perché l'avvocato che si dimette poi magari ne ha facoltà di al collega
Se lo prenderà diceva perché tutte le sue dimissioni il giudice voglia un buon rapporto con gli avvocati
Ciò che sta succedendo in Puglia lo vorrei dire ma insomma sa quell'atto
Ecco a fondovalle abbiamo rovinato il segreto di indagine segreto professionale i diritti di difesa all'interesse del nostro assistito o resistere una cosa del genere secondo me bisogna rifletterci ma mi posso sbagliare ma vorrei dire un'altra cosa
Oltre all'articolo cinquanta su quale soprattutto vorrei sentire l'opinione sia di Ettore che degli altri partecipanti a questi incontra questo confronto che che alla tavola rotonda c'è un altro articolo e concludo perché credo di aver mantenuto di tempi
Che è
Che è l'articolo cinquantacinque
Che
Richiamando le regole
Deontologiche sulle indagini difensive che erano state a suo tempo mutuate digital da quelle del dell'Unione delle Camere penali seppur possente dimezzate e non tutte prese alla lettera
Ha modificato quello che oggi viene previsto come
A ancora viene previsto come il difensore non non è pervenuto a rilasciare il copia del verbale delle indagini difensive svolta ENEA la parte interrogata né al suo difensore
La nuova versione viceversa dall'articolo
Cinquantacinque dice una cosa diversa dice non deve
Consegnare una copia che non è la stessa cosa di non è perduto perché non è tenuto
Era
Posso dire come testimone
Era più una regola strategica un consiglio
Vi è una regola deontologica stretta perché non rispondeva
Ha esigenza deontologiche questo consiglio di non dar copia perché così tu sei libero di utilizzare non utilizzare la star del G
Lettura
Non ti conviene che altri poi il testimone abbia la copia di quel che ha dichiarato dunque decide di utilizzarlo mai
Ma erano infatti si chiamavano regole di comportamento delle indagini difensive quelle dell'Unione delle Camere penali che sono stati trasfuse tuttavia sempre mantenendo non è
Non è tenuto a consegnare a rilasciare copia
Viceversa diventando non deve
Significa che se io interrogo una persona
Che è imputato in procedimento connesso e quindi devo interrogarlo col suo difensore il quale acconsente acconsente la medici dammi una copia
Se io interrogo una persona offesa alla presenza del suo difensore che le consiglio di rispondere stranamente difficilmente ma se succede
Mi chiede la copia io gli posso dare copia quindi se c'era un minimo dubbio quello mi saluta diciamo nomina mando la copia ma perché dovrei fare queste dichiarazioni se
Ma sapete poi che cosa ho dichiarato poterlo documentare
Questo sottolineo è una particolare forse forse secondario insomma nella quotidianità potrebbe avere una sua importanza sottolineando su definitivamente voi
Che non c'è un'esigenza deontologica di vietare di darla copia è un'esigenza strategica semmai Macchi devo essere sanzionato con la sospensione se gli do sta compiendo pensiamoci pensateci signori amici consiglieri
Del
Consiglio nazionale forense è un problema anche questi problemi ovviamente sono pochi rispetto a quello che
Un'opera che è importante alla poiché io saluto veramente con soddisfazione con gratitudine
Però siccome non c'è qualche cosa di più in fieri del CONS del Codice deontologico Forense beh insomma non si può escludere che ci possano essere delle riflessioni
Non sempre stati molto aperti out colloqui abbiamo fatto anche un un convegno insieme e Unione camere penali e Consiglio Nazionale Forense sui temi per esempio appunto
Del del segreto per esempio appunto del dovere di dimettersi se imputati ci sono nello stesso processo ci sono tanti aspetti dei quali è bello parlare bello parlare fra di noi è bello non escludere di poter migliorare
L'importante è che noi manteniamo le nostre prerogative l'importante è che noi in non dimentichiamo che c'è una Costituzione che ci dovrebbe proteggere anche se
Come posso dire in questi giorni
C'è Valerio Onida che in uno spot
Spoto forse troppo riduttivo
Sul Corriere on line e della sera ci dice che è la Costituzione la nostra casa
Beh malgrado tutto e malgrado Valerio Onida che certamente non lo vuole noi ci sentiamo a rischio di sfratto dalla Costituzione se pensiamo a quello che c'è nelle aule
Sulla effettività del diritto di difesa
E se possiamo proporci un impegno ecco io credo che senz'altro possiamo proporci una rassicurazione
A a Valerio ridavo a chi in concreto interpreta le norme perché la nostra Costituzione una Costituzione stupenda
Non ci faremo sfrattati
Grazie
Elettore anche di aprire di riconosciuti
Non c'è mai stata un mark to funga da parte del Consiglio sofferenze
E c'è stato un sembra invece una rigida Lantella dialogo dell'imbuto per riuscire a trovare dicembre una su uccisione della migliore possibile nell'interesse dell'uomo avvocatura
Fermando gli impedì direttori tacchini che immediatamente vorrebbe rispondo ove provocazioni e i suggerimenti dati a del CIPE abbi un attimo solo di pazienza privo di abbattere
Però Ettore darei cavo PPA lo ha parola Carmela
Le reti credo abbia amico qualche autocritica da o pubbliche abbiamo ACRIB il che in senso affettuoso a cui strada situazione di complice diritti Consiglio vice anziani
Grazie
Grande Nolte
Per la verità non credo di avere altre critiche nel senso che le due critiche più sostanziose le ha fatte Ettore Randazzo
Forse qualche indicazione ma qualche piccolo un suggerimento
Quello che io vorrei stare è innanzitutto esprimere l'apprezzamento dell'Unione delle Camere penali italiane per il lavoro che ha svolto il Consiglio nazionale forense
E anche per la disponibilità che ha sempre manifestato
Di ascoltare la voce di tutte le associazioni che erano interessate perché infatti se da un però siccome interessa tutti noi avvocati a
Il miglior prodotto possibile dopo l'entrata in vigore della legge professionale e ringraziare in particolare per aver tenuto conto delle proposte che sono state fatte
Dall'Unione delle Camere penali in occasione dei convegni che abbiamo organizzato insieme belle audizioni che sono state fatte
Voglio però anche ringraziare sia i componenti dell'Osservatorio deontologia e qualità della difesa
Dell'unione alle Camere penali
Che sono qui presenti io ci stanno ascoltando in streaming
Perché e grazie alle loro osservazioni alle loro critiche costruttive
Che abbiamo potuto dare un contributo sia e
In particolar modo in questa sede i componenti del gruppo di lavoro della Scuola Superiore dell'avvocatura
Perché buona parte appunto di quello che io vi dirò è frutto anche del lavoro
Abbiamo fatto
Insieme
Dopo che il Consiglio Nazionale Forense Zanzotto posto il codice deontologico
Allora vorrei vedere ovviamente nel poco tempo che abbiamo a disposizione quindi modo non analitico approfondito quali sono le principali novità dei codice deontologico per il penalista di interesse del penalista
Quali sono le modifiche che hanno e dell'Unione delle Camere penali stavano particolarmente attuare e che il Consiglio nazionale forense a recepito nel codice
E quali sono invece quelle norme come dicevamo prima che forse ma non sono molte anzi postazione rimasta soltanto una sicché a nostro modo di vedere sono perfettibili
Per quanto riguarda le principali novità di interesse per il penalista andiamo dall'articolo dieci che riconosce il rilievo costituzionale della difesa e questo è molto molto ma veramente molto importante e finalmente e ci voleva
Fino alle norme di cui ha fatto cenno anche Ettore Tacchini sulla difesa d'ufficio e sul patrocinio a spese dello Stato per i non abbienti nelle quali si dice ri disciplinando la materia in modo organico che
Interroga alla regola generale della libera situazione dell'incarico il difensore iscritto nell'elenco del delle difese d'ufficio
Ho nell'elenco delle persone che hanno i requisiti per essere ammesso al patrocinio a spese dello Stato non possono rifiutare l'incarico se non in casi eccezionali
E nel caso di patrocinio a spese dello Stato ripeto con una riorganizzazione la materia è stato chiarito anche
Nella sede più appropriata perché questa previsione c'era già che il difensore non può ricevere compensi né dalla persona messa per certe dello Stato né data notizia
Queste norme sulla difesa d'ufficio il patrocinio a spese dello Stato ma anche tutte direi le norme che non stiamo a vedere contenute nella titolo quarto sui doveri dell'avvocato nel processo
Fino ad arrivare se mi consentite all'articolo sessanta
Che riguarda l'astensione che è una norma di grande attualità in questo momento perché fra pochi giorni le Sezioni unite decideranno se
Il difensore basta astenersi oppure l'astensione del difensore Betta retrocedere di fronte per esempio all'esigenza del teste che affrontato un lungo viaggio per partecipare l'udienza e quindi non è opportuno venga fatto venga mandato indietro ed abbatto ornare un'altra volta
Ecco l'articolo sessanta il nostro codice deontologico disciplina e configura l'astensione come un diritto chiama casa che andava affermata appunto a chiare lettere
Per quanto riguarda come dicevo prima le proposte che l'Unione delle Camere penali aveva fatto e che sono state recepite
Non segua un ordine numerico perché per noi alcune proposte erano molto molto importante altre invece l'avevamo considerata quasi di
Fascia B esatto tre pagine vertendo sta benissimo perché con questa terminologia cosa Paqarizi mistica
O comunque sportiva l'hanno detto queste imprescindibili grazie
E queste altre invece possiamo anche
Ragionarci piazza detto Ettore Randazzo dell'introduzione dell'articolo ventitré della previsione che
Per cui
L'incarico anche conferito da terzi ha svolto esclusivamente nell'interesse della persona assistita proprio per
Superare ovviare quegli arresti giurisprudenziali le Sezioni Unite la Sezione sesta che interpretavano loro uso e consumo il il nostro codice deontologico quindi è stato un chiarimento ben accolto che
Che assolutamente ci voleva
Un cenno all'articolo ventisette dove avevamo chiesto che venisse inserito ed è stato inserito all'ottavo comma l'avverbio legittimamente l'articolo ventisette fa riferimento al dovere di informazione
E l'avvocato da riferire la parte assistita se l'interesse di questa il contenuto di quanto ha preso legittimamente nell'esercizio del mandato questo legittimamente serviva proprio per accentuare il fatto che
Le notizie che l'avvocato apprende legittimamente non solo può ma anche tende comunicarle al proprio assistito
In conformità a quella che era la giurisprudenza poi della Consiglio nazionale forense e e anche ulteriormente la Cassazione ma si è molto piaciuto che questa cosa venisse affermata è scritto a chiare lettere nel codice deontologico
Della dovere di verità vi ha già detto
Ampiamente benissimo è preda andazzo io non posso fare altro che condividere con lui
Altra aggiunta che ha trovato il nostro favore quella dell'articolo cinquantatre al comma quinto dove si dice espressamente che l'avvocato
Non può accettare il consigliere dell'ordine non può accettare incarichi
Nella circondario presso cui svolge le funzioni consigliere dell'ordine a meno che non si tratti della della nomina a difensore d'ufficio anche questa è una norma che ci ha fatto piacere trovare
Nel nuovo Codice deontologico
Dell'articolo cinquantacinque abbia di nuovo parlato in modo assolutamente condivisibile Ettore Randazzo
E direi che queste erano tutte le proposte di modifica di fatto anche noi avevamo fatto e che hanno proposto l'ho fatta a prezzo Peter nella al lavoro della Consiglio nazionale forense
Per quanto riguarda quelle diciamo di fascia B
Noi chiedevamo che all'articolo tredici il dovere di segretezza eredi riservatezza
Venisse scritto esplicitamente che l'avvocato era appunto tenuto alla segreto
E quindi
Su tutte le notizie che aveva preso
Devono ragioni professionali quindi un'accezione più ampia che poi è la percezione che viene usata nell'articolo duecento del codice di procedura penale
Proprio per dare più forza a dare più peso il più spessore al segreto professionale e anche questa questa nostra richiesta è stata appunto accolta
Così come è stata accolta
Quella per cui
L'avvocato prevista l'articolo quarantuno rapporti con la parte assistito dal collega l'avvocato in ogni stato e grado del processo
Anzi del procedimento del giudizio può avere contatti con le altre parti solo in presenza del difensore e con il consenso di questi
Ultima tra quelle accolte e penultima di quell'appunto che scelto di di di di segnalare che in questa sede con il tempo a disposizione
è quella dell'articolo cinquantasei cui ha fatto cenno anche ecco ribattini
Qui avevamo chiesto che per quanto riguarda l'ascolto del minore nel procedimento penale oltre che ovviamente
Dare avviso ai genitori
Nell'ipotesi in cui il minore fosse persona offesa
Del reato fosse prevista fosse previsto il dovere per l'avvocato di avvalersi di un esperto della materia
Avevamo poi chiarito però che questa previsione doveva essere forse limitata e circoscritta
A al caso del minore persona offesa dal reato infraquattordicenne e invece riguarda il minore tout-court
Quindi può succedere per esempio e pertanto la sottopongo così alle riflessioni e potremmo fare anche insieme in futuro che il minore persona offesa del reato bagatellare come
Un'ingiuria
Debba essere sentito dal difensore
Dell'imputato ovviamente con la presenza dello psicologo che forse è una previsione un po'eccessiva nel senso che d'accordissimo dare avviso ai genitori alle persone Saccenti la la potestà genitoriale però ecco
Forse andava un po'appunto
O elevato il limite di età o
Prevista una
Una casistica cioè
La previsione andava
Doveva essere rivolta solamente a casi di una certa gravità
E non a tutti gli atti
Ecco
C'era poi un'altra richiesta di modifica che noi avevamo fatto e che ritenevamo importante
Anzi due richieste di modifica dal fatto che ritenevamo importanti una era quella per cui
Nell'ipotesi possa eccone ha già detto tra i doveri del difensore proponevamo di aggiungere al Cannone Terzo dell'articolo quarantanove dove si dice che l'avvocato per mantenere la difesa non può anzi mantenere la difesa assai imputato indagato in procedimento penale mi ha fatto riferimento anzi
Più ore capito che c'è stata ampia discussione in Consiglio su questo punto
Non può mantenere la difesa se viene indagato imputato in un procedimento penale noi per evitare appunto strumentalizzazioni chiedevamo che
La decisione fosse poi rimessa alla Consiglio dell'ordine ovvero che con l'autorizzazione del Consiglio dell'ordine all'avvocato potesse mantenere la difesa nonostante si ritrovasse poi indagato imputato nello stesso procedimento penale
E questa diciamo che per noi sarebbe stata
Una previsione importante meno e quindi siamo stati disposti accedere nel senso che ritengo di potere di dire possiamo essere d'accordo con quanto riferito ancora i bambini la previsione per cui nell'ipotesi in cui
Il giudizio voglia sentire l'avvocato e faccio un provvedimento che lo svincoli dal segreto professionale l'avvocato possa chiedere al Presidente del Consiglio dell'ordine di
Evitare appunto alcuni limiti di rivelare violare il segreto professionale e chiedere la sospensione nel momento in cui il Presidente finale inatteso nel settore dell'ordine questo perché effettivamente a Di Pietro
Conveniamo sul fatto cioè sarebbe stato lo una previsione importante perché si erano verificati proprio quei casi di cronaca di cui ha parlato Ettore Tacchini
Però effettivamente il nostro codice deontologico non può dare indicazioni alla giudice come delle difficoltà al Consiglio dell'ordine e quindi su questo bisognerà trovare una strada alternativa per il momento che ringraziamo
Grazie Carmelo saranno riprese queste
Considerazioni e riflessioni che già sono state esaminate perché inviate alla Commissione in precedenza
E saranno motivo di riflessione perché tutto è perfettibile
Quello che si riesce a fare però ha necessità e che prima di tutto bisogna fare qualche cosa quindi in dando il Codice deontologico partito il Codice deontologico promulgato
Ebbene a in vigore poi dopo possiamo perfezionare certamente con la massima disponibilità chiedo il permesso ai due altri relatori
Di farmi intervenire per salutare
L'avvocato
Tacchini chi si deve aumentano ecco chiedo scusa ma chiamato in causa da Ettore era Carmela
Anzitutto ringrazio davvero per il contributo che è stata data è stato davvero essenziale
Le notazioni delle Camere penali sono arrivate addirittura prima che la legge duecentoquarantasette diventasse legge dello Stato ne abbiam parlato già in sede di Commissione di
Osservazioni sul vigente Codice deontologico
Per cui li abbiamo discussione abbiamo in buona parte accolte
Le due in particolare che non sono state accolte ritorno solo mappe così non per amor di polemica ma per precisare
Sono state oggetto davvero di feroci discussioni perché tutti abbiamo siamo tutti i difensori siamo tutti avvocati e soprattutto nella Commissione siamo in tre
Beh quattro penalisti particolarmente attenti alla i nostri diritti e le nostre prerogative se non che per l'articolo cinquanta butto lì è una provocazione ma e nel senso nel momento in cui io utilizzo quel documento che so falso con coro nel reato prima notazione seconda notazione non lo utilizzo il cliente viene condannato espediente mi denuncia
O comunque mischie di idee agisce nei miei confronti pagano utilizzato dal documento che avrebbe potuto mandarlo esente da responsabilità sotto qualcosa
Per quanto riguarda invece
La il verbale delle indagini difensive
Noi ci siamo posti il problema e l'abbiamo risolto nel senso di cui all'attuale testo del Codice del codice deontologico ci siamo posti il problema del fatto che quel verbale
L'avvocato difensore può decidere il non utilizzarlo e quindi è come se non ci fosse se è stato dato con tutte le
Garanzie al collega della conti del coimputato o al collega che ha assistito la parte offesa
Quel documento che io non ho motivo di ritenere diventi pubblico pubblico può diventarlo
Viceversa nel momento in cui
Gli atti vengono depositati il l'assistente alla parte offesa l'assistente a quelli da quell'indagine difensiva avrà piena e tranquilla libertà di vedere quel documento queste sono le motivazioni che sono è vero
è un gatto che si morde la coda nel senso che è buona la prima interpretazione è buona la seconda
Siamo ovviamente l'ho già detto siamo aperti a qualunque tipo di osservazione vedremo anche nello svolgimento nella nell'evolversi della giurisprudenza quale sarà quella versione che avrà maggiormente credito e dovrà essere o confermata o riformata
Vi dico e proprio ma proprio nell'intesa non è il volemose bene ma proprio questa straordinaria intesa che abbiamo avuto con le associazioni specialistiche e vi dico subito un'altra delle grandi soddisfazioni e chiudo e vi saluto
Quella che il nostro Regolamento sulle specializzazioni che è passato pari pari dalla nostra progettazione alla Ufficio legislativo che ce l'ha restituito praticamente senza notazioni
Salvo una non particolarmente brillante perché il numero delle delle pratiche che uno deve dimostrare di aver fatto nell'anno che è pura follia perché cinquanta
Sono una cosa fuori dal mondo ma su questo poi si discuterà però quel Regolamento è in atto sulla assoluta straordinaria intesa fra Consiglio nazionale forense
Commissione per la del regolamento sulle specializzazioni e associazioni specialistiche maggiormente rappresentative
Io vi auguro un buon fine settimana vi auguro davvero tutto quello che pare possibile soprattutto vi ringrazio perché questo nostro nono congresso che nella logo sembra quasi sessantesimo giunga al sessantesimo congresso grazie
Grazie
Ecco dove noi
Grazie a te ti ringraziamo ti auguriamo al tempo un fine settimana e buon viaggio sentiamo subito lo ha voce dissonante sullo dovere di verità
A te Titta
Sul dovere di verità
Zitti
Grazie accordo e mi sembra
Gli stati denunciati auspicare ma io istintivamente quando
Devo parlare è un impulso incontenibile
Sono
Sono quaranta
Allora
Mi sembra che il problema chiave
Della deontologia del nuovo Codice deontologico sia quello della verità
Su questo mi sembra che
Si dibatte e il problema della verità principalmente ce l'hanno i penalisti
Perché nel processo penale la vendita
Dovrebbe essere
Reggina dovrebbe essere guide bussola e insomma
Abbiamo a che fare con un interesse pubblico potente rappresentato dal pubblico ministero che persegue la verità spesso infatti
Gravi e che hanno destato un è enorme allarme per questo prima parlando con Aldo Molino e diciamo che forse
Il nuovo codice
Deontologico
Avrebbe dovuto e quindi potrebbe essere ampliato avrebbe dovuto prevedere una parte dedicata solo ai penalisti cioè
A
Quel ramo della professione forense che ha a che fare con questo delicato argomento in maniera
Precipua
Direi che
Il
Su questo si è intrattenuto anche l'avvocato tacchini il Consigliere tacchini che ha giustamente è saltato il nuovo Codice deontologico e al
Del quale
Siamo tutti qui ad elogiare AdEPP ad apprezzare l'opera del Consiglio nazionale forense
Che va verso un maggiore affinamento di quelli che sono i doveri deontologici del dell'avvocato
Perché l'avvocato del futuro
Certamente è un professionista disciplinato è un professionista che non può essere un collaboratore di giustizia ma Ettore non può essere nemmeno un collaboratore di ingiustizia
Quindi i doveri debbono essere sempre più stretti
Ma qui l'interrogativo care Eugenio acché che sei
Illustrissimo esponente del foro di Napoli le leggi sono ma chi può male adesso
E perché perché i Consigli dell'ordine non mi sembra che
Soprattutto in alcune zone d'Italia siano
Dei severi esecutori di questo Comando deontologico
L'altro giorno vi era
Sul Corriere della Sera un articolo di Luigi Ferrarella che diceva che centoquarantacinque magistrati sui novemila
Erano stati sanzionati negli ultimi anni dal
Consiglio Superiore magistratura
Io spero
Che centoquarantacinque avvocati su duecentocinquanta mila siano sanzionati tutti gli anni in Italia
Ed è qui lo snodo perché
Se ci sono delle belle leggi ma queste belle leggi non vengono attuate
è insomma il problema si pone per la nostra categoria che indubbiamente non gode di buona stampa e non gode di quel prestigio che medica che meriterebbe e che
Una volta meritava
Ma vengo al problema
Interessante di questo dibattito e vengo
Ad Ettore Randazzo il quale certamente apprezza questa maggiore
Per chi pizze azione della norma dell'articolo cinquanta sull'obbligo di verità però si chiede
Ma chi difenderà
Qui il colpevole per il quale il difensore ha rinunciato al mandato avendo conosciuto la menzogna che sosteneva la sua tesi difensiva
Ettore un altro difensore ignaro
Un altro difensore che non conosca la verità che quello che succede a noi da tanti anni tutti i giorni perché noi non conosciamo la verità
E quindi sempre i nostri assistiti ci raccontano la loro verità
La loro verità che normalmente è una verità logica nazionale sostenuta da elementi di fatto perché se no noi non andremmo certamente in tribunale a sostenerla
Ha poi
Noi non sappiamo se quella è la verità o se è una verità che ci viene soltanto rappresentata e che appare una verità credibile irrazionale quindi
Non possiamo che raccomandare al nostro assistito che incautamente
Ci abbia rivelato la verità
Di andare da un altro avvocato e non dire mai come stanno le cose
Che è esattamente
Quello che succede al Pubblico Ministero
Perché il pubblico ministero
Non è in una condizione diversa dalla nostra anche il pubblico ministero
Riceve dalla persona offesa
O dalla polizia giudiziaria una verità
Che non può sapere se labilità
Certamente
Qualcuno può avere interesse a rappresentare una verità falsa qualcun altro semplicemente rappresenterà per esempio la polizia giudiziaria una verità erronea
Ma anche pubblico ministero si muove sempre sulla base
Di una verità che mi viene ogni proposta e che
Valla sapete se è la verità
E quindi
Io credo che il problema della rinuncia non sussiste perché poi
L'imputato che
Allora istituzioni sanzioni rinunciare nominerà un altro avvocato
E allora io APPA
Plaudo a questo nuovo articolo cinquanta perché sicuramente
Raffica quella che era la vecchia norma sull'obbligo di verità introducendo dei nuovi concetti sui quali
Certamente questo è un percorso che si sta compiendo e che non è un percorso concluso che il percorso verso un dovere assoluto di verità come nei Paesi anglosassoni voi sapete che nei Paesi anglosassoni
Stiamo
Abbiamo un dovere assoluto di verifica nel senso che mai possono sostenere in giudizio vediamo se non lo possiamo fare delle tesi che essi sappiano non essere conformi alla verità è una gravissima
Violazione deontologica per gli avvocati dei sistemi anglosassoni che viene sanzionata addirittura
Con la radiazione perché perché chi è l'avvocato come si dice oggi
Due punto zero cioè chi è l'avvocato del terzo millennio è
Un
Furbetto
è azzeccagarbugli dice dimmi le cose come stanno che poi ha imbrogliato le ci penso io
Ho è un tecnico dotato di un sapere giuridico
Il quale riconduce un fatto ad una norma
è un affabulatore
è un piazzista o è un buon comunicatore di questa tesi difensiva che è stata elaborata dal suo studio è un
Fattore di inganni o è
Un
Intellettuale dell'argomentazione beh
Certamente l'obbligo di verità contribuisce arrendere l'avvocato e soprattutto
L'avvocato penalista
Una professionista del futuro è decisivo sotto questo
Profilo perché
Perché se voi discutete con
Un qualsiasi magistrato vostro amico la prima cosa che vi dice eh
Ma voi penalisti
Sostenete
In
Nel dibattimento sostenete anche
L'innocenza di una di un imputato che sapete colpevole
Voi siete gravati ci dicono i magistrati
Ma ci dice l'opinione pubblica perché
Appena ci sediamo a tavola con i nostri amici ingegneri o architetti o commercialisti avviato manda e fanno diceva coesa e dunque a difendere uno che sai
Essere un'assassina sembra domanda corrente e il magistrato si dice voi sapete la verità e venite a sostenere
Bugie
E vai a persuadere il magistrato che ciò non accade mai perché nei nostri studi mai nessuno ci dice la verità perché sarebbe sciocco dire la verità se uno dicesse la verità l'avvocato è perché già la vuole confessare anche al giudice perché vuole essere aiutato a confessare al giudice
E allora questo
Nuovo questa riforma del Codice deontologico ci avvicinarci avvicina
Suscitando
Qualche perplessità di carattere interpretativo e vediamo a coloro che hanno elaborato questo enorme se c'è una soluzione
Utilizzare
Divieto di utilizzo di prove false
Utilizzare è argomentare
Se io al momento una prova che esso
Falsa
Utilizzo quella prova esempio ai penalisti
Mi rivolgo
Il nostro assistito
Viene arrestato per un fatto grave
E dinnanzi al Pubblico Ministero
Proclama la sua innocenza e cita un testimone miliardi
Io stavo a Milano non stavo a Roma e stavo con Ettore Randazzo
Il testimone
Falso
Prontamente avvisato non certamente dall'avvocato La da qualche impiccio di familiari
Viene sentito dopo qualche giorno dal pubblico ministero che ha l'obbligo ex articolo trecentocinquantasei di assumere le prove che siano decisive c'è c'era è quel Valli e diciannove lo Chardonnay a Milano demandati prima c'era poi al cinema tutto quanto
E a questo punto si crea la prova falsa
L'avvocato viene a sapere
Guardate sono dei casi limite perché a me una volta mi capitò una situazione di questo genere ma parlo di
Ciò venticinque anni fa quando ero un ragazzo che naturalmente fui in grosse ambasce
A quell'avvocato che viene venga a sapere di questa situazione può per esempio procedere al giudizio abbreviato
Chiedere il giudizio abbreviato e chiedere al giudice dell'udienza preliminare di decidere allo stato degli atti si alza e nella discussione argomenta
Su una prova
Che
Egli sa essere falsi la utilizza
Ecco
La utilizza l'utilizzazione nel concetto di utilizzazione rientra anche l'argomentazione è un dubbio è un dubbio è un dubbio è un dubbio
E
Ebbene
No no no no non ha non è evidente scusate
No
No no no no scusate utilizzati no no no
Il termine utilizzazione non è un termine volgare è un termine
Giuridico e l'utilizzazione significa che tu introduce una prova no no no ed è certo e poi alla fine
Il codice il codice dice utilizza quali le prove del no voglio dire
è la prova che viene introdotta è
Prodotta
Naturalmente
Va bene
Nel
Seconda no secco seconda ipotesi seconda ipotesi
E l'altro
Va bene
Vedo che c'è
Unanimità io no io propongo dei dei dubbi che ha bisogno
Però vedo che questo qua è un dubbio no vedo che è un dubbio
Di
Vediamo se
Secondo dubbio
La prova introdotta da altri che si sappia falsa
Era è accaduto a un collega recentissimamente che mi ha chiesto una serie di consigli
In materia di falso testamentario il pubblico ministero dispone una consulenza grafica questa consulenza grafica
Conclude in termini dubitativi sull'autenticità della firma del de cuius e si chiude l'indagine preliminare con una serie di prove contrapposto il difensore
Allo scopo di stabilire se andare in dibattimento fare il giudizio abbreviato
Consulta diverso i periti calligrafi i quali
Tre periti uno due e tre
I quali gli dicono che la
Firma è stata fatta ricalco su un'altra firma comparazione del consulente del Pubblico Ministero non aveva visto
Quindi il consulente del Pubblico Ministero
Ha sostenuto
Certamente una tesi sbagliata per sciatteria perché non ha visto la firma sulla quale
Ben tre consulenti
Dicono
è una firma
A ricalco
Prova introdotta dal Pubblico Ministero
Può essere utilizzata
Si può argomentare dal con questa parola e
Assoluta
Bensì
Allora va be'
Però io vorrei
Io Presidente vorrei a girare e vado e vado a concludere
Allora
Questo
Io
Va bene io vado a concludere io credo insomma
Signori
Credo che ci sia
Sul tema su questo tema della verità e dall'avvicinamento sempre
Progressivo dell'avvocato verso l'obbligo di verità credo che vi sia
Da parte dell'avvocatura un interesse prima di tutto di carattere politico noi dobbiamo cercare di aumentare il nostro prestigio
E
Sicuramente la responsabilizzazione i doveri dell'avvocato
Aumentano il prestigio che la nostra professione poi vi è un interesse
Di carattere professionale perché
Insomma noi razze che agli albori dobbiamo diventare dei professionisti e professionisti significa dei tecnici dei tecnici del sapere giuridico
Dei tecnici dell'argomentazione dei tecnici che non è la bora non Bugie o non
Contribuiscono ad una sentenza falsa e menzogne
Vi è anche un interesse dico
Perché certamente
Insomma
Il nostro cuore batte di più per la verità che per l'imbroglio e per la bugia grazie
Avrebbe vivacizzato questo incontro questa parte l'avete sentita però spero e
Se dovessi io in questo momento reagire istintivamente dissentire lì da alcune cose che tue inietto partendo da due presupposti
In cui dove dobbiamo cercare di cambiare
Dobbiamo dimenticare il vecchio concetto quello che è legato I miei capelli bianchi e non ai tuoi capelli neri dobbiamo dimenticare che la priorità
Di fatto ma è una verità processuale e da questo punto di vista dalle falsità vanno collegate alla verità processuale quelle che sono vietate no no alla verità di fatto
Così come
Dissento dalla
Bellissima
Sottilissima differenziazione il dialettica e concettuale che tu hai voluto fare
Terra all'utilizzabilità in termini giuridici laddove c'è scritto nel Codice quale lato utilizzabile come quando e perché
è la utilizzabilità invece razionale argomentativa
Eccetto che esse quello atto mi sembra che siamo critici nei confronti dei magistrati
Quando si permettono il lusso di dichiarare inutilizzabile un atto e poi darmi ragione nella motivazione della sentenza dicendo che i sintomi a perviene a una certa convinzione
Perché grazie a quell'atto che era stato dichiarato inutilizzabile e allora anche quello è un fatto argomentativo e quello inutilizzabilità e quell'atto non può essere assolutamente preso
In esame nemmeno dal punto di vista argomentativo ma questo se volessi ti dicevo istintivamente
Reagire a quello che era tuo intervento
Però mi fermo Emmy freno
Nella reazione che potrebbe addirittura essere giudicata polemica ma non lo è esso dando affetto e contrasto dialettico che sempre ci deve essere
Per sentire un attimo la voce
Del Doha magistratura per la quale
Ci possono essere
Tra il penalista il pubblico ministero dei punti di contatto per il quale e che ci possa rappresentare se anche in termini di disciplina magistratuale
Ci possano essere dei contatti con la disciplina e quindi do la parola alla sostituto procuratore presso la Corte di Cassazione
Mario fra i
Allora un saluto a tutti
Grazie sì tutto invito è un onere è uno non vorrei essere qui davanti a voi a parlare di sistema deontologico dell'avvocatura in nella specie nella nel campo del processo penale
Nel presentarmi dico subito che e ci sono alcuni anni che come magistrato della Procura Generale della Cassazione mi occupo del sistema disciplinare dei magistrati
In passato quale componente della Sezione disciplinare del CSM o il giudicato e ho attuato il la riforma del due mila
E sei ho dato un contributo alla prima giurisprudenza che si è formata che al all'esito di una riforma che fu detta epocale epocale soprattutto in relazione ad una principio al principio della tipizzazione che è un principio che è un principio
Che caratterizzare anche questa riforma dell'avvocatura e quindi sera epocale quella riforma del due mila e sei per i magistrati io ritengo che sia altrettanto epocale
Questa riforma iniziata come è noto con la legge duecentoquarantasette del due mila e dodici
Attuata con la delibera della CNF del trentuno gennaio scorso
Non mi risulta che sia stata ancora pubblicata nella Gazzetta Ufficiale mi auguro che lo sia presto perché ritengo che effettivamente possa
Costituire un cambio di passo
Anche per il sistema di ontologico degli avvocati così come lo è stato e lo è almeno in parte la riforma del due mila e sei per i magistrati
Sentivo mi hanno col
Un po'tutti i relatori da ultimo sentivo le conclusioni dell'avvocato Titta Madia
Quando ha parlato della necessità
Di aumentare il prestigio della giustizia
Forse lei diretta dall'ex ante
Perché qui non si tratta di aumentare il prestigio della magistratura o dell'avvocatura
E ho il prestigio dei collaboratori di giustizia scusate il lapsus parte debole che intende OIV degli ausiliari di giustizia infatti
E
O di o di single io operatori del delle ha diritto qui si tratta di e aumentare il prestigio della giustizia dinanzi all'opinione pubblica dinanzi ai cittadini che poi sono i fruitori di questo servizio
Giustizia al di là di tutti i soggetti principalmente ovviamente avvocati
E magistrati
E perché sono i cittadini che poi si lamentano
Di chi
Sostanzialmente è venuto fuori dai precedenti interventi si lamentano di una a forbice che sempre più
Aperti data dalla verità storica dei fatti e la verità processuale siamo nel penale e quindi parliamo di questa forbice di questa divergenza tra verità storica dei fatti
E verità processuale
Mi ha colpito tornando al Codice deontologico degli avvocati che
Ho studiato proprio in previsione di questo intervento quindi legge e codice deontologico ciò che
Il contenuto nel primo articolo della legge duecentoquarantasette che si è tradotto poi nella possa illustrativa del Codice deontologico infine del Codice deontologico
Ci vuole lettere A vive cicche sottolineano
L'interesse pubblico nell'esercizio della professione di avvocato
La a tutela degli interessi non sono individuali ma collettivi sui quali essa incide
Terzo l'indipendenza dell'autonomia degli avvocati l'effettività della difesa e la tutela dei diritti quindi venite questa commistione tra il museo difensivo dell'avvocato e la funzione sociale e l'attenzione al servizio del cittadino
Ed è proprio in questo bilanciamento che devo dire è un bilanciamento molto delicato io mi rendo conto che un bilanciamento molto delicato
Ma è proprio da porta venti questo bilanciamento che deve essere individuata la sperata come dire la strada maestra per un miglioramento del servizio giustizia nei
Nei confronti dei cittadini
Ora
Scusate la digressione ma quando sono arrivato in Aula non c'era la precedente
Sessione e c'era un relatore credo un avvocato
Che aveva fatto un esempio
Piuttosto colorito aveva concluso la tavola rotonda con un esempio piuttosto colorito riguardante e il pranzo oltre ai giudici lei Pubblico Ministero che partecipavano al processo Corona
E
Dice ironicamente gli offerto o delle dire Coronas
Fossi stato quell'avvocato io avrei chiesto di partecipare al tavolo
Ecco avrei chiesto di partecipare al tavolo perché
Cioè
La parità delle armi significa questo porti in quel tavolo si sta solo il giudice
O se c'è il pubblico ministero ci deve stare anche l'altro l'avvocato
Comunque giudice illimitato
Avvocato andato
L'avvocato
Perché la cultura della giurisdizione e riguarda tutti non riguarda soltanto i giudici riguarda i pubblici ministeri ma riguarda anche gli avvocati e allora e allora
Come per gli avvocati si pone un problema di rapporto con il cliente
Cioè il museo difensivo bilanciato dall'interesse pubblico sì estrinsecano il rapporto avvocato cliente
Così
Per il pubblico ministero io devo dire sono sano per anni
Giudice o conosco l'avvocatura andazzo datata da almeno quindici anni pur essendo un civilista e apro e chiudo
Per l'attività associativa ho svolto attività associativa
E con l'avvocato Randazzo con la Camera Penale con
E quindi diciamo negli anni scorsi abbiamo avuto modo dica e collabora
E e quindi ho svolto per anni la funzione giudicante ed è e soltanto dopo l'esperienza consigliare che io scelto poi di passare a una funzione requirente sui generis perché
La
Sappiamo tutti
In Procura generale nel civile poiché tipo dite funzione requirente però mi occupo anche del disciplinare come diceva quindi svolgo le pubbliche funzioni di Pubblico Ministero in primo grado attuando quindi in quanto compatibili le norme del codice
Di procedura penale
Allora tornando a quell'esempio che poi
Sottintende tante cose sottende tanto per parlare chiaro un problema che dire del quale si discute danni da da decenni da sempre da sé
Allora
Dicevo
Come il difensore si deve rapportare al cliente e quindi deve avere un'autonomia e un'indipendenza nei confronti del proprio cliente nella direzione del processo perché l'avvocato poi che
Indica la direzione del processo indipendentemente da quello che gli dice il cliente eccetera
Io sono convinto che per il pubblico ministero si tratta di fare la stessa cosa nei suoi rapporti che non tanto con la parte offesa ci sono anche i rapporti con la parte offesa ma soprattutto con la polizia giudiziaria
Perché se il pubblico ministero vuole rivendica spesso l'Associazione nazionale magistrati si oppone
Alla separazione delle carriere
E io ne parlo in maniera molto laica da civilista quindi idee e ma l'Associazione nazionale magistrati si oppone precisamente ad altri
L'azione
Ben capire perché dice ma il pubblico ministero deve far parte della cultura della giurisdizione
Dico
è è
è questo il punto è questo il punto quindi se come si siccome siamo punti parte di questa cultura della giurisdizione il pubblico ministero come l'avvocato deve essere autonomo indipendente
Nei confronti dentro dei propri clienti così pubblico ministero deve essere autonomo indipendente eh nei confronti della polizia giudiziaria
E allora molto sinteticamente perché il tempo è breve e poi ci terrei a parlare dell'articolo cinquanta nell'attività disciplinare mi è capitato ahimè
Sovente
Che di dover chiedete adesso
Come Procuratore generale il rinvio a giudizio di qualche città
Che nell'ambito di della pozioni di ordinanze di misure cautelari piuttosto ampi maxiprocessi con una pluralità
Di
Io il copia incolla abbiamo ordinanze di settecento ottocento pagine
Richieste di misure cautelari dei pubblici ministeri
Il CIPE che fa copia incolla qualche volta si sbaglia pure
Qualche volta si sbaglia pure perché riportare le le indagini compiute da questo ufficio eccetera eccetera
Belli c'è poco da fare perché l'illecito che riguarda l'omissis
Vedi motivazione ormai è pacificamente interpretato dalla giurisprudenza come un illecito che colpisce anche la motivazione apparente e se non è approvato e motivazione apparente questa
Che cos'è cioè e è una delega di giurisdizione che il cippo opera nei riguardi del pubblico ministero ma torno al discorso precedente
Il Pubblico Ministero che cosa
Perché tanti anche questo è avvenuto sembrano cose veramente e così
Da boutade invece avvengono nella realtà che il CIPE rinviato a giudizio cosa fa si difende dicendo signori miei io copia del pubblico ministero ma il Pubblico Ministero ha copiato il rapporto della Guardia di finanza
è allora dico acquisiamo questo è l'apporto della Guardia di Finanza
Acquisiamo per il rapporto e in effetti si vede che il pubblico ministero aveva copiato pari pari il rapporto della Guardia di Finanza ma allora chi autonomia e indipendenza è questa
Io ci credo signori dell'autonomia ed indipendenza della magistratura e parlo da magistrato e sono fiero di appartenere a una ma
Ci serve un'autonoma indipendente ma l'autonomia e indipendenza si guadagna nei fatti si guadagna nel lavoro quotidiano
Si danno del singolo e si guadagna anche come immagine nei confronti dei cittadini
E anzitutto del
Bene degli avvocati che operano tutti i giorni con lui e nel in quelle proprio nel in quella stessa ottica e allora vengo al punctum dolens al punctum dolens
Dell'articolo cinquanta
La fa richiamando questo discorso autonomia e indipendenza
Evocando questo problema di
Diciamolo con le parti separazione delle carriere allora io notavo ma è un'annotazione che ho fatto proprio così leggendo la norma senza approfondimenti eccetera
Allora proprio
In un contesto come il Pubblico Ministero
Per legge processuale prima ancora che
E per l'ordinamento giudiziario prima ancora che per la norma deontologica e tenuto all'dal dovere di verità e quindi è tenuto a ricercare la verità non mi soffermo più di tanto ma un pubblico ministero
Professionale
Non deve essere una commissario di polizia come purtroppo tanti miei colleghi sono
Deve accertare la verità
E allora questo dove credibilità ecco in questo sposo la tesi discusse dall'avvocato Randazzo ma
Vasco sola
Umana sposo la tesi
Dell'avvocato relative alla materia voluto perché
Perché questa questa nostra questa è una norma rivoluzionaria perché nel
Non è pacifico che il Difensore veniva anteporre il dovere di verità alla tutela del proprio cliente non è affatto pacifico si sono scritti fiumi
Di inchiostro su questo
Su questo problema e ed è un problema molto delicato
Sì cosa cosa deve fare l'avvocato se il cliente
Tutti prospetta una verità di la documenta una una verità con prelievi prospetta una tesi difensiva che non corrispondente alla verità storica dei fatti
L'avvocato effettivamente non mi vorrei trovare nei vostri panni perché da Pubblico Ministero naturalmente non avrei esitazioni
Nel senso che se mi giunge dalla dall'incolpato parlo del disciplinare magistrati quindi non debbo sette però andrebbe venale processo penale
Anche grazie mi proviene dall'avvocato dal o dal difensore dunque del magistrato attraverso anche al attività difensive sono possibili
Nell'ambito della procedimento disciplinare dei magistrati ma ritengo siano possibili anche nel procedimento
Disciplinate a carico dei magistrati e non in sede no mesi interi lei a disporre l'archiviazione del procedimento attenzione
C'è un filtro molto molto potente a monte della
Novantaquattro per cento delle notizie di illecito che vengono archiviate
Ma nel momento in cui si disporre dell'inizio dell'azione disciplinare c'è un'altissima percentuale
Procedimento finisca con condanna in questo la riforma del due mila e sei e fatto compiere alla magistratura un passo avanti contro il corporativismo punto quelle sentenze scandalose
Che probabilmente tutti
Ho
Soluzioni disciplinari scandalose ecco io credo che questa sia la scommessa anche vostra con questo codice di condotta voi allora tornando
Alla
Alla
Al la all'articolo cinquanta credo che se quest'articolo cinquanta
Sia utilizzato venga utilizzato fino in fondo e naturalmente
Per
Perché no anche con
Quegli aggiustamenti di cui si parla che possono essere possono chiarire quel problema che ha sollevato da ultimo l'avvocato Titta Madia
Non è da poco quindi le norme sono perfettibili io ho parlato in un mio libro sul disciplinare della magistratura di tipizzazione imperfetta e siamo a otto anni dall'entrata in vigore di quella tipizzazione
E badate bene ci sono ci sono delle lacune ancora oggi a otto anni dalla entrata in vigore clamorose e quindi per questo è sorto
Voglio dire il Ministro alla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale perché è chiaro che sarà una tipizzazione imperfetta anche la vostra
Una addirittura in tal in taluni settori e vedrete in un
In un primo momento si arriverà ad un arretramento di
Tutela rispetto a a quello che poteva essere una tipizzazione non perfetta perché naturalmente è chiaro che tipizzare andò si riduce lo spazio
Per la sanzione nel momento in poi però in cui si verifica la sanzione quindi
Sicuramente si dovrà si dovrà fare fare un salto in avanti sotto questo profilo
è dovere di informazione rapporti con la stampa ecco forse poiché ove esaurito chiudo ma mi preme sottolineare
Anche questo perché anche nella Boston Codice deontologico ho visto molto giustamente c'è una previsione di rapporti di informazione di informazione perché effettivamente
Sia da parte degli avvocati sia da parte dei magistrati
C'è stato negli ultimi anni c'è stata una escalation nei rapporti con la stampa
Attenzione
Non voglio sembrare un conservatore sotto questo profilo
Perché in realtà il rapporto con la stampa un rapporto molto delicato la garanzia del cittadino passa anche attraverso una trasparenza nell'esercizio della giustizia quindi è giusto che l'opinione pubblica
Con l'Oscar
I tardi anche detto riguardanti processi penali ma
Un limite volumi del segreto investigativo un limite del del dovere di riservatezza
E quindi sia i magistrati gli avvocati devono
Devono osservare questo limite vedo anche che
Senza come dire
Senza ipocrisie nel codice di deontologico degli avvocati il dovere di informazione la violazione del divieto di imporre di informare la stampa o di sollecitare conferenze stampa eccetera è strettamente collegato al processo penale al segreto investigativo eccetera eccetera
è senza false ipocrisie lo dico perché dico questo
Perché nel nostro Codice
Originariamente era stata prevista anche una sanzione per le interviste rilasciate senza misure equilibrio eccetera eccetera ci fu una sommossa
Generale e la legge che intervenne qualche mese dopo il decreto legislativo centonove del due mila e sei non la prediletta ora sordi limitarmi
Diversi miei colleghi ma nella tipizzazione per la magistratura si c'è una lacuna evidente
E
Le dichiarazioni extra
Funzionali del magistrato non trovano sanzione
Non dovevano sanzione
Da quella siamo ai limiti se non è nata non
Non coinvolge i temi imporre non coinvolgente invasiva non non convenga
Vedete perché parlo in generale parliamo di fatti più lontani dalla dalla dal palazzo di giustizia ma quanti magistrati
Hanno partecipato comizi facendo delle dichiarazioni vere e proprie polizze vere e proprie di dichiarazioni politiche
Quando poi non sono anche o entrati o hanno tentato di entrare in politica quanti magistrati lasciamo stare le dichiarazioni politiche
Quanti magistrati hanno strumentalizzato il proprio processo soprattutto i pubblici ministeri le proprie indagini
Per dichiarazioni cosiddette auto promozionali per farsi pubblicità ecco allora
Per i magistrati c'è una lacuna legislativa evidente tornando tornando al dunque allora sintetizzare
Forse ho esaurito l'Inter allora
Auspico soltanto una cosa intanto che venga varato prima possibile anche con le sue imperfezioni avvocato Randazzo perché poi è proprio quella giurisprudenza
ENI in primo luogo del CNF
E in seconda battuta delle delle della descrizione delle Sezioni Unite della Cassazione possa possano trovarsi aggiustamenti capaci di rendere tre affetto da una tipizzazione
Che al momento è in perfetta e poi un'ultima considerazione questa è una considerazione di carattere generale
Con una citazione di un grande avvocato che veramente
Un avvocato Calamandrei che scrisse l'elogio I giudici ecco mi piacerebbe trovare un giudice che scriva come Calamandrei un elogio degli avvocati verrebbe

Sì e vorrei dire
E vorrei dire anche una una cosa no a proposito di Calamandrei
E Calamandrei diceva ogni legge ogni riforma anche la migliore possibile riforma rimane lettera morta se non viene attuata se non vive nei costumi dell'beh ricorreva quella famosa ma aumentando una che tutti conosciamo ad affrontare la bilancia
Dove in un piatto ci sono le leggi e in un piatto la rosa ecco io vorrei sempre che quella bilancia penda da a parte della rossa
Mariotti e
Reale tutti i giorni
Ti ringrazio per questo vento e questo contributo che era
Assolutamente necessario mi sembrava di aver detto comunque che
La l'interesse è l'indirizzo del Consiglio
Cassato proprio quello di
Comunque pubblicare sapendo che sarebbe stato per da emanare sapendo che sarebbe stato perfettibile e dando la disponibilità alla perfezione
Volevo però rispondere
Scherzosamente ho ricama ente alla tua battuta
Avevi cominciato dicendo che
La dignità i valori si esprimono di fatto
E hai concluso con un richiamo a Calamandrei
E ti vorrei far notare la differenza fondamentale
Calamandrei o affatto perché aveva capito che i magistrati avevano bisogno di essere elogiati
Gli avvocati non hanno bisogno di essere loggia di quindi nessun magistrato
Maya scritto perché nei fatti
L'elogio degli avvocati ed è la dimostrazione sul campo materiale di quello che si svolge di quello che si fa
Ecco perché dicevo anche dal punto di vista
Di facendo della facile ironia
Detto questo
Volevo chiedere prima di passare a una seconda tornata perché vedo che tutti quanti i miei rilevatori
Hanno preso appunti che sono pronti a sfoderare le ultime
Armi dell'uno o dell'altro di logiche dialettica dell'uno dell'altro di chiedere se
Tra di voi qualcuno volesse intervenire o
Chiedere
Qualche cosa alla o precisare o meglio darle dei momenti di riflessione ulteriore alla
Questo consesso
Se e non ci fosse
Ecco pronto sì non avevo no no ce ne
Devi ultimando il microfono
Ti mando il microfono così tutti possono sentire perché se no sarebbe
Una domanda puntuale ad
Dice
A proposito di inviti a pranzo
Volevo chiedere
Se conseguentemente a questa parità culinaria
Il dottor fresa è
Ritiene che la proposta di separazione delle candele carriere della
Delle carriere tra magistrati tra giudici e pubblici ministeri sia in linea con questo atteggiamento diciamo così
Di rapporti conviviali
Invito
La separazione delle carriere in linea con il rapporto comincia
Molto con migliaia
Quello che può avere allenatore
Allora
Sicuramente
I rapporti conviviali non sono solo inopportuni
Ma sono anche gravi e degni di sanzione
Io nella mia vita dal giudice non sono mai
Non ho fatto il penale ma quando era la sezione disciplinare e siamo una comunità di stretta rispetto alla vostra quindi ho vissuto l'esperienza
Da giudice nei confronti dei colleghi della Procura generale
Che conoscevo e venivano non ci siamo mai sognati
Dinanzi alla povero incolpato di turno di andarci a prendere il caffè insieme
Ma questo è è un problema secondo me che e sulla dal problema tecnico giuridico che perché come dicevo prima un conto sono i costumi degli uomini è un conto sono le leggi quindi sicuramente
No I rapporti conviviali seconda cosa io ricordo
Un avvocato io iniziai le funzioni a Rieti
Ero Pretore ancora di I tempi della della della Pretura e la prima cosa che mi disse il mio un magistrato di affidamento prima di partire di
I se guarda
I rapporti con gli avvocati per l'alto Vietti
Non so se ci sono avvocati di Rieti a
E sono passati anni poi è giovane quindi non ci siamo incrociati
Rieti Rieti Rieti
A Rieti mi disse
è un foro saranno settanta ottanta cento avvocati non so adesso saranno aumentati
All'epoca parlo della fine degli anni Ottanta era erano pochi
Anzi poi arrivavano i romani non vi dico le le liste le diatribe che c'era tra gli avvocati relativi è Roman comunque mi disse una cosa che
Poi ho messo in pratica
Dice guarda
Rapporti con gli avvocati io ti consiglio setti offrono un caffè
Diffuso comportarti
Spot in una duplice maniera
Puoi non ringraziare cortesemente e non accettarlo
Ma se lo se fai questo non dovrai accettare nessun invito ad altri
O viceversa accettarlo e dovrai accertarlo con tutti
E dovrai accertarlo con tutti quindi il problema dei costumi poi è con la parlando l'uguaglianza cioè il problema tecnico qui qui dovremmo fare un convegno apposito affrontati potrei dire la mia opinione ma
Lascia il tempo che trova al
Aspra se mi inviterete al prossimo convegno parleremo anche nella separazione delle carriere anch'essa
Da oggi abbandona oggi abbandonata
Che
Secondo l'ordine
Adesso di intervento risposta
SIEE io vorrei dire una battuta su ciascuno dei dei relatori innanzitutto ringraziare Carmela perché c'era ricordato la nostra gratitudine al gruppo di lavoro penalistico della scuola superiore
Per l'avvocatura e dell'Osservatorio sulla qualità e deontologia
Delle Camere penali io non è che me ne ero dimenticato ma sono assillato anche qui da la ragionevole durata purtroppo dell'intervento e quindi purtroppo non aveva detto niente voi non rispondo a Ettore Tacchini in contumacia
Se non per ringraziarlo dell'amabilità con cui ha accolto quelle che sono osservazioni più che critiche delle quali spero avremo altre occasioni di discutere al consigliere fresa devo dire che noi preferiamo due Graffeo nessun caffè ma questo insomma diciamo che fece dovrà fare
Diverso principalmente se capito io rispondo al mio amico Titta che insomma voi dovete sapere che questa è un secondo round perché c'è stato
Una quindicina d'anni fa è cominciato un primo round uso dei rapporti fra l'avvocato della verità che è durato diversi anni
Che ci ha consentito di girare un po'gli per così per camere penali vertenze e all'ordina parlare del rapporto
Dell'avvocato della difesa del corpo
Del colpevole perché poi alla fine questo il punto
Devo dire attività che ci che non vuole l'avvocato collaboratore di ingiustizia che in realtà dobbiamo intenderci sul concetto di giustizia e ingiustizia
La difesa vera e quella
Completa che rispetti le regole che gare enti garantisca all'imputato il suo diritto al giusto processo
Ma è che la Difesa vera è quella delle difende l'innocente
Oppure il colpevole da colpevole
Se tu a disegno un colpevole e ne puoi sostenere l'innocenza vedi farlo
Anche utilizzando atti altrui non date introdotti
Che
Sono utilizzabili per la sua difesa e la utilizzazione anche quella orale non è che l'utilizzazione la produzione di confondiamo la produzione
Dico giustamente il Consiglio nazionale forense sia nell'articolo quattordici oggi vigente che nell'articolo cinquanta che vi gira domani distingue bene i due concetti allora l'articolo quattordici
Del vigente Codice deontologico Forense nasce con l'espressione l'avvocato non può utilizzare atti di cui conosca la falsità
Lo dico facendo ovviamente ammenda perché ero anch'io componente della Commissione Danovi eh dopo che entrò in vigore con questa formulazione proposi di cambiare
L'utilizzo di divieto di utilizzazione con il divieto di introduzione così fu pur essendo C due penalisti e otto civilisti dico
Ma non voglio dire agli civilisti lo capirono cioè non è questo il concetto perfetto dei cesarei frainteso
Ma voglio dire ai piedi non esercita
Nella si se si può dire così però voglio dire che chi esercita un altro dei POR e un'altra branca dello stato di rete quindi non ha quotidiana
Ente queste funzioni
Si dove secondo che non si può evitare di utilizzare quello di favorevole che c'è agli atti
Introdotto dagli altri e si parlava di introduzione utilizzazione come cose diverse anche ora l'articolo cinquanta al comma uno dice l'avvocato ronde di introdurre elementi di cui conosca la falsità al comma due non devo utilizzare elementi che sono stati introdotti dal suo predecessore allora
La differenza ed è proprio questa se io lo utilizzo oralmente nella mia discussione lo sto utilizzando ma se attutita lo intende nel senso che c'è letta la siamo d'accordo stranamente per una volta siamo d'accordo pure neppure noi due nel rapporto tra l'avvocato della verità tra l'avvocato
La difesa del colpevole non posso pensare che tutti Fendi soltanto innocenti oppure che infligge ai colpevoli tuoi assistiti tu per primo la condanna dicendo di no
Possiamo parla solo di pena ma certamente non possiamo alla di assoluzione siccome non credo che questo avvenga è un po'forse spero che sia un problema soltanto nominalistico
E allora
La consulenza grafica del pubblico ministero erano rata Sahara all'inizio della mia discussione quando i grandi contestato a luglio
Tanto è vero che lo dice persino il consulente del Pubblico Ministero
Sarò fiero di poterlo sostenere perché io non sono un collaboratore di giustizia come l'azienda ventenni tu io non sono uno
Collega del pubblico ministero che va a ricercare la verità
La mia verità e la verità processuale
La mia verità è nell'interesse del mio assistito
La verità vera è quella della Santa Inquisizione che consentiva le torture
Non possiamo giustificare con la ricerca della verità qualunque mi fa misfatto processuale
Il nostro prestigio aumenta se siamo corretti liberi e non condizionati soprattutto da pulsioni etiche che nel processo possono soltanto deformare giustizia e difesa
Forza immediato distinta
No
Dico la verità sicuramente
L'applauso che avete dedicato Ettore Randazzo si trasformerà in una
Salve di fischi perché io non sono d'accordo io non sono d'accordo
Al collaborare ad una sentenza menzogne era
A mio agio a mio giudizio anche le prove false introdotte dalle altre parti e che possono essere utilizzate ove si conosca la falsità
Obbligano il difensore alla rinuncia del mandato
Questo
è un fatto
Possiamo dire di carattere etico ma io vorrei dire anche
Di carattere politico
Noi dobbiamo rivendicare il nostro obbligo di verità
Perché il prestigio della giustizia di cui parlava il Consigliere fresa passa prima di tutto per il prestigio dell'avvocatura e se l'Avvocatura ragionerà ancora come
Ecco le in materia di avvocato e la verità è il mio miglior nemico
Come ragiona Ettore Randazzo l'Avvocatura non si innalza era ma rimarrà sempre un gradino sotto al Pubblico Ministero
Allora io non faccio discorsi etici perché non mi piace parlare di etica perché sembra che uno
è
Moralmente super io mi sento l'ultimo
Sul
Scalata etica
Faccio un discorso politico l'avvocatura deve tendere all'obbligo di verità non deve scacciare ruolo obbligo di verità perché
Perché voi avete presenti le vignette di domeniche bene domi e onore dominio
Era quel
Pittore importantissima e anche grafico francese fine Ottocento che dipingeva le sonde giustissimo no e c'era l'avvocato piccolino
Che urlava dinnanzi alla Corte
Era ridicolo e i tre giudici che dormivano
Ecco questo era l'avvocato di una volta
Oggi non deve essere più così oggi forse l'avvocato deve essere quel bellissimo personaggio non so se ve lo ricordate di il buio oltre la siepe
L'attore era Gregory Peck
Che alla fine del film riesce
Ad avere la sua giustizia in favore del suo assistito
In un processo terribile nel quale aveva contro tutta la Società dell'epoca pronuncia la bellissima frase che mi sono scritto dice il coraggio non è avere una pistola in mano
Ma pur sapendo di essere battuto
Ancor prima di cominciare ugualmente cominciare e vedere cosa accade
Raramente Vinci
Ma qualche volta succede
Grazie
E i dubbi
Voglio solo aggiungere che
Condivido il rilievo fatto dal consigliere fresa secondo cui questo nuovo codice deontologico e la tipizzazione che è stata e che ha portato in fase iniziale porterà credo anch'io ad un arretramento però delle garanzie affinché non non verrà appunto rodato e ho molto apprezzato anche l'autocritica che ha fatto quando ha detto che
Ci sono dei magistrati che utilizzano i loro process e per fare pubblicità per autopromuoversi e
Che ricordi pronte a questo c'è un vuoto di alimenti e quindi per questo la ringraziamo
Grazie
Con questo intervento abbiamo concluso qui ringrazio della pazienza dimostrata oggi ma che era dovuto all'interesse dell'argomento
E vi auguro un buon fine settimana
Grazie