21MAR2014
rubriche

Conversazione settimanale con Rita Bernardini

RUBRICA | di Alessio Falconio RADIO - 10:43. Durata: 25 min 58 sec

Player
Il Satyagraha per l'emergenza carceri e la riforma della giustizia.

I conti pubblici italiani.

La riforma della Legge elettorale.

Puntata di "Conversazione settimanale con Rita Bernardini" di venerdì 21 marzo 2014 condotta da Alessio Falconio con gli interventi di Rita Bernardini (segretaria, Radicali Italiani).

Tra gli argomenti discussi: Amnistia, Carcere, Corte Europea Dei Diritti Dell'uomo, Debito Pubblico, Detenzione Domiciliare, Digiuno, Diritti Umani, Estradizione, Europee 2014, Finanza Pubblica, Giustizia, Gran Bretagna, Indulto, Legge Elettorale, Malattia, Ministeri, Napolitano,
Nonviolenza, Pannella, Parlamento, Presidenza Della Repubblica, Radicali Italiani, Referendum, Renzi, Salute, Ue.

La registrazione audio di questa puntata ha una durata di 25 minuti.

leggi tutto

riduci

10:43

Scheda a cura di

Valentina Pietrosanti
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Apriamo con Rita Bernardini evitarlo in
Intanto buongiorno quel
Noi
Torneremo ad occuparci oggi pomeriggio notiziario con David Carretta di quel che accade a Bruxelles
Però
Si parla molto di spread di contabilità di conti pubblici che l'Italia vuole più o meno rispettare il tre per cento insomma la domanda che dal carità egli ha posto a Van Rompuy a Barroso apre letteralmente tutti i giornali oggi c'è un altro appuntamento settima di quella della prossima settimana che però
In qualche modo vogliamo sotto porti ed è una missione ci verrebbe da dire con ironia rammento Massimo rispetta una mission impossible quella di cioè di del ministro giustizia Andrea Orlando che dovrà recarsi a Strasburgo
Presso la Corte europea dei diritti dell'uomo per convincerli
Di che cosa che del fatto che l'Italia si sta mettendo in regola con quello che ancora ieri invece Zagrebelski che non è certo un militante radicale giudicava impossibile cioè il rispetto dei parametri dettati
Anche usiamo questo termine parametri dalla sentenza Torregiani e ed è la scadenza del ventotto maggio in vista di questa scadenza di ventisette o ventotto maggio che proprio la data rispetto alla quale
Dice il Satyagraha quanto è dato vita il titolo contiamo i giorni che ci separano da questa data
Li stiamo contando con questo fra che accada
Personalmente mi vede impegnata al ventiduesimo giorno di sciopero della fame
Ma soprattutto con le poco più di mille persone che hanno
Voluto dare vita i stanno dando vita ad una mobilitazione
In primo luogo voglio ricordare Irene Testa che a terminato il suo sciopero della fame anche per ragioni serie di salute nella giornata di ieri
Lettore alle Terragni che l'hanno portata avanti per diciotto giorni e subito si sono organizzate per far prendere il testimone
Ad altri cittadini democratici che hanno a cuore lo Stato diritto la nostra
Laura racconti che abbiamo ascoltato fa mattina
E i militanti di alcune associazioni radicali che stanno dando vita alla loro preferenza testimonianza davanti alle carceri e magari
Facendo la fila come accade a Napoli sia Poggioreale che ha Secondigliano
E davanti agli istituti penitenziari e poi ancora a Foggia Falerna insomma abbiamo questi segnali di chi non vuole arrenderci
A che cosa fondamentalmente al degrado ormai estremo della democrazia nel nostro Paese tu hai ricordato
La presenza di Matteo Renzi e
I turisti io oppure del
La reazione molto ma forte da parte sua noi rispetteremo noi faremo
E e il fatto di presentarci in Europa come
Quello che deve sconfiggere i populismi che ci sarebbero in Italia in vista delle prossime elezioni europee
Ecco quello che sorprende eh la totale assenza
Di una riflessione su che cosa è ridotta oggi la democrazia nel nostro Paese e io credo che che il all'attuale e Presidente del Consiglio dette retta a e andate a studiarsi proprio perché le cose che ci troviamo di fronte oggi non è che sono nate
E così distorte all'improvviso per una crisi finanziaria perché andasse a risentire quel che diceva Marco Pannella sul debito pubblico a metà degli anni ottanta
Che andasse a vedere
Lei troppo per referendarie alcune vincenti dei radicali che sono state tradite o alcune che non hanno
Soprattutto quelle di carattere economico che non hanno
Raggiunto il quorum per
L'altra faccia della assenza di democrazia nel nostro Paese che è quella
Della informazione che non ha niente di informazione nel tanto di dibattito di conoscenza di possibilità
Per
Una forza politica chi aveva promosso i venti referendum del mille novecentonovantanove di presentarci effettivamente agli elettori il blackout informativo
Allora voluto da Berlusconi ma da tutti insieme da tutta da tutto il fascio partitocratico porto al successo di quel referendum alla mancanza del quorum e lì c'erano
Tutte le riforme
Del
Mondo del lavoro sulle pensioni pensate che cosa avrebbe significato oggi per l'Italia a fare quelle riforme eMule non proporle oggi
E magari
Fortemente annacquando le ma farle nel due mila oggi e chiamo al duemila e quattordici
E tutto ottenuto se pensiamo al finanziamento pubblico dei partiti che fu abrogato dal popolo italiano ma poi ripristinato
Stava tutte queste sono impegni segnali anzi più che segnali le ferite mortali e di una democrazia ormai possiamo dire
Distrutta per non ridotta veramente al lumicino e quindi io credo che
La vera riforma di cui proprio perché comprendere
è come fare le proposte e le riforme del futuro è quella di ripristinare democrazia e lo stato di diritto insomma il fatto che
I radicali non indiano ingrato siano impossibilitati
A meno che si siedano al tavolo di questi Bari che poi imbroglia consultammo impossibilitati a presentarsi alle prossime elezioni europee
E guardate che
Stanno facendo stanno cambiando la legge elettorale in questi giorni al Senato no sì per quel che riguarda le elezioni europee bene
Decideranno come idea devono essere fatte le teste di lista con
La rappresentanza di genere insomma con il discorso delle quote rosa
Allora potenza da questo fatto che c'è la legge che riguarda
La presentazione delle liste e quindi la raccolta delle firme
E che dice che le firme si possono raccogliere centottanta giorni prima quindi sei militari Lima del voto
Allora chi è al lavoro per la raccolta di queste firme
Si ritroverà di dover rifare le liste e quindi ricominciare la raccolta perché sono cambiate le regole
Terre le capolista ore certo tant'è che il
Proprio la scorsa settimana ascoltatori sanno perché seguono nel Parlamento tramite la nostra radio il Senato ha più volte dovuto rinviare l'esame di questo testo perché mancava il numero legale a causa di una contestazione del nuovo centro destra
Che diceva non possiamo approvare questa legge perché noi abbiamo già cominciato a raccogliere le firme abbiamo già fatto e rischia addirittura dopodiché però questa contestazione è venuta meno minoritaria si vede che sono cambiate altre anche altre cose nel frattempo faccio
Ma quello che dici tu e tanto più fondato alla luce di quello che è successo poi e che ha bloccato per diversi per un paio di giorni almeno l'attività di Palazzo Madama e aggiungiamo a questo è il fatto che ci sono delle direttive delle raccomandazioni europee
Che dicono che la legge elettorale non può essere cambiata
Che non nell'ultimo anno no nell'ultimo anno non può essere cauti almeno nell'ultimo anno no se non e e quindi ecco questo è un altro che color protetto appello della
Antidemocrazia o a democrazia italiane
E purtroppo ecco tu ricordarvi la presenza andrà attorno una mission impossible la si può dire così il teste Hitler
Ma fai di balle ne fanno raccontare tante per esempio sicuramente visto che parlerà delle proposte
E il ministro Orlando racconti racconterà sicuramente del
Provvedimento che è in discussione sulle tesi alternative sulla messa alla prova eccetera eccetera no
Ecco ieri abbiamo avuto la dichiarazione della Presidente della Commissione giustizia della Camera dei deputati Donatella Ferranti che ha detto che questo inciderà molto
Sulla popolazione detenuta
Beh questa è una falsità perché perché se andiamo a vedere tutte cioè le pene edittali
Ma firme che sono previste ci rendiamo conto che con queste pene edittali ricordo non parliamo di pini comminate ma ditemi evita di macchine beh non ci sta nessuno in carcere per questo tipo di reati
Allora introdusse questa questo provvedimento la detenzione presso l'abitazione come tema principale per i reati puniti fino al massimo di tre anni
E come pena facoltativa e cioè alternativa alla rifusione tra quelli e per quelli tra tre e cinque anni
Ora io voglio ricordare che il furto semplice non esiste
Perché che
E quindi vuol dire il
La mancata applicazione poi di queste pene alternative perché
Che che è il reato più diffuso diciamo a parte il fatto che non vengono mai
Vecchiatti quelli che lo fanno ma nel caso appunto in cui l'albero sia particolarmente sfortunato
E uno ruba una bicicletta
E e rompe la catena quello già un furto con Serse quindi la pena edittale massima è fino a sei anni
Da deve e quindi per quello per quel tipo di reato non ci sono le pene alternative che si sono molto più efficaci e peraltro del carcere ma c'è il carcere
E poi anche l'istituto della messa alla prova la probe somma che funziona molto nella
Per quel che riguarda i minori messo agli adulti
Con una pena edittale massima fino a quattro anni da significa appello lo spettro insomma in realtà queste questo disegno di legge sulle pene alternative attende poco
Influirà sulle e nostre carceri quindi non so che cosa andrà a raccontare
Il ministro Orlando quello che è chiaro che chi annui
Non ci ha voluto nemmeno ascoltare
E no proporzioni in coda di un famoso incontro con te prima di andare a stare a Strasburgo potrebbe essere di utile proprio magari per
Per non fare la figura di quello che hanno bisogno di raccontare balle hanno bisogno proprio di racconta come il pane
Se devo dire che però da questo punto di vista da la Corte europea dei diritti dell'uomo che che vista sommersa dai ricorsi presentati detenuti italiani
Anche se ci saranno tre quattro mila mentre sono
Almeno sessanta mila quelli che si trovano in queste condizioni
Ha modificato a partire dalla fine dell'anno scorso le regole per
E la presentazione di questi e ricorsi sono molto più completi noi oggi
Saremo in grado di mettere on line i moduli per presentare il ricorso
E e dobbiamo già qui fare una distinzione perché quelli che sono usciti dal carcere possono presentarlo senza il passaggio del ricorso alla magistrato di sorveglianza
Mentre in base al nuovo decreto carceri che è entrato in vigore a febbraio
Bene e in base a questo devono prima presentare ricorso giurisdizionale al magistrato di sorveglianza
E poi in caso di mancata risposta di l'ottemperanza eccetera allora possono accedere quando si finito tutto il procedimento
Alla Corte europea quindi metteremo a disposizione due tipi di moduli uno per chi è uscito dal carcere e l'altro
Per chi sta ancora in carcere trova le cose diciamo così
E si complicano perché i
In questo momento subisce trattamenti inumani e degradanti negli istituti penitenziari io dico che il nostro obiettivo
Continua ad essere quello del Presidente della Repubblica CES perché le sue parole sono stati chiarissime il suo messaggio è stato limpido lineari forte
Talmente forte che arriva anche oltre Manica dovrebbe dileggiato perché si rifiuta enorme
Ormai siamo trattati come uno Stato negozi presso il quale non è possibile estradare per un qualunque altro Stato che voglia attenere
A mente rispettare i princìpi minimi del della civiltà giuridica
E qui dobbiamo ricordare l'iniziativa di parco perdute Perduca di Giuseppe Rossodivita e che hanno segnalato il caso del
Somalo e e poi c'è stato il pronunciamento da parte della corte di Londra
Quindi il ministro non si troverà sostanzialmente di fronte ad una contestazione da parte di un tribunale che gli viene una Corte lira nelle vostre carceri come la sentenza Torregiani dice come il vostro Presidente dice
Non sono degne di nemmeno due dei dei rapporti internazionali tra Paesi
Tra paesi che fanno parte in questo caso dell'Unione europea addirittura e quindi no non c'è fiducia ad estradare i cittadini presso le vostre carceri del vostro Stato perché le carceri non l'ho con entro questo rimangono glielo grati provo no però glielo diranno ad Orlando perché la contestazione che viene fatta immaginate immaginiamo il si sarà arricchita adesso di questo il dossier anche di questo di doppio caso di mancata estradizione da parte della Gran Bretagna che non è proprio l'ultimo dei Paesi
Per quanto euroscettico sia comunque fa parte dell'Unione Europea quindi insomma la situazione davvero complicata per il Governo italiano e tanto più che come dicevi tu
Il giudice deve della corte di di Westminster
E immaginiamo anche quelli della Corte di Strasburgo diranno è il vostro Presidente della Repubblica che dice che non si può più andare avanti così insomma
Ma guarda noi stiamo pensando perché poi il nostro agire politico anche quei o al momento in cui siamo arrivati
Al momento di degrado della nostra democrazia
Noi cerchiamo di rivolgerci alle distante e che sono possibili in Europa alla giurisdizione europea e non solo
è una delle cose che forse dovremmo fare è proprio mettere al centro il messaggio del Presidente della Repubblica e rivolgerci di nuovo alla Corte europea dei diritti
Dell'uomo
Perché tutto e il Presidente della Repubblica eh supremo garante della Costituzione potremmo dire il massimo magistrato
Che
Ha detto code chiarissime ha parlato
Prescinde obblighi internazionali
Che rivolto in conclusione del suo messaggio ai parlamentari dicendo la natura delle questioni che l'Italia all'obbligo di affrontare i tempi di reazione dei pronunciamenti europei ci impone questo
Questa accentuazione questa condizione ed cominciare a il diritto di prendere in considerazione i provvedimenti di amnistia ed indulto cosa che il Parlamento come sappiamo nel dibattito che c'è stato proprio a letteralmente a rimandato al mittente
Il messaggio presidenziale quindi con questo nostro tant'è che era noi e riteniamo
Rispettare
Di rispettare dei Forte io non lo so che ci riusciamo
Perché nella situazione dell'informazione in cui ci troviamo non so però diamo vita
Cerchiamo di rendere venivo
Quanto contenuto in quel messaggio
E non è un caso Rita scusa l'interruzione non è un caso che dopo quel dibattito su quel messaggio anche se in forma mediata dal Parlamento della Camera nella fattispecie il Consiglio d'Europa si sia fatto di nuovo sentire
Suonando un altro fortissimo campanello d'allarme insomma quindi tra gli standard Yassin uguale date che non ce la fate le misure che avete fatto con insufficiente esiste una non scende invece mi dirà che invece può
Ok Emma dopodiché l'aria che tira che non ci credano ad occhio e croce perché recentemente siamo all'Italia sta andando verso una clamorosa
Non non tanto la figuraccia a livello internazionale ma qui parliamo di sanzioni parliamo di di
Insomma come dicevi tu all'inizio possiamo concludere forse dove siamo partiti altrove sorrisini cc piangeranno addosso così piangeva addosso
Questo noi nel nostro possiamo dire piccolo perché ci hanno messo nel piccolo ce l'hanno cento in un angolo cerchiamo di scongiurare fra l'altro volevo segnalare
Che va be è uscita fuori la notizia
Dei medici penitenziari che dicono che il sessanta ottanta per cento dei detenuti sono malati
Malati non leggeri insomma
E dell'opera importante che stanno facendo i nostri compagni di Napoli che fanno raccogliendo
Anche le segnalazioni di persone che rischiano di morire in carcere l'ultima segnalazione me l'ha mandata Luigi Mazzotta
Un detenuto della casa circondariale di Rossano che ha avuto un
Uniti tutte ed è paralizzato
E età in carcere perché in carcere poi dobbiamo dirlo non posso sono essere curati perché non ci sono le strutture adeguate per cui abbiamo l'elenco incredibile delle morti in carcere
E poi dei suicidi dei detenuti e degli agenti di polizia penitenziaria
Ma per concludere sul Renzi
Ne adesso sembra che abbia tirato fuori la parola giustizia no ma non si riferisce esclusivamente alla giustizia civile adesso io non so che cosa abbiano intenzione di inventare
Ma è significativo il fatto che la giustizia penale lui condannata da trent'anni
Sempre in ed europea dalla Corte europea dei diritti dell'uomo per violazione dell'articolo sei ecco questa giustizia penale uno in realtà
Questo fardello di oltre cinque milioni procedimenti penali pendenti che ci sono tanti quanti nel civile aumentano ogni anno questo problema è lasciato
Letteralmente nelle mani bikini non dovrebbe occuparsene e invece e ne occupa attraverso le prescrizioni
In sono le procure della Repubblica che decidono quali siccome hanno questa massa enorme di procedimenti penali si si permettono di fare circolari in cui dicono va bene
E i reati che hanno una descrizione a quindici uniti che decadono o entro quindici venti quindi lasciamo i dalla parte vanto decadono e occupiamoci degli altri e non si ha il coraggio politico
Di fare delle scelte e la scelta prevista dalla Costituzione che è quella di un'assunzione di responsabilità del Parlamento e quindi di un'amnistia ma la cosa che sorprende di Renzi
è e lui parla di riforme ma mettiamo pure che siano riforme e rimando su questo alle riflessioni e che facevo sulle riforme economiche fatte dai radicali nel corso della loro storia
Mettiamo pure che siano riforma ecco tutto qui tutto Fini innesta
E nessuna giustizia che non funziona che allo stremo
E e glielo diciamo sono increduli insomma lo dicono le condanne lo dicono lo dicono i cubani gli stessi imprenditori disperati
è quindi una riforma organica dell'economia che
Come ho detto in un'intervista non spicchi di quella riformi Chien concludenti
E dovrebbe averi a valle la la immediata e contemporanea riforma della giustizia che
è ridotta così com'è PR
Tutta una serie di mancate riforme che nel nostro Paese non ci sono volute fare nonostante il pronunciamento chiaro e limpido del popolo italiano
E credo che questo abbia un
Un significato
Sì va bene anche questo era quello che volevo dire e poi sul Satyagraha magari possiamo
In un'altra fede fare una riflessione ho ritrovato alcuni testi anche di Marco Pannella
E mi piacerebbe parlare assolutamente si ritarda un proprio difensore ricordiamo intanto che issate gara iniziato alla mezzanotte dello scorso ventisette febbraio e da quel giorno vedete in sciopero della fame andare quella data
E che vede anche altri esponenti militanti radicali che seppur ricordavi Irene testati accompagnato fino a a qualche ora fa sostanzialmente
E che ha dovuto interrompere perché
Con gravi problemi di dolori ha idea ma riconoscendo a Irene o no poi incidono anche
E su queste cose l'abbassamento delle difese immunitarie naturalmente poi fanno scatenare
Appunto il mal di denti perché è immaginabile guizzo mal di gola insomma tutti gli acciacchi
Di fine inverno oggettiva era avanzo ma si fanno e trovano un corpo debilitato ed è più facile che si prendono queste infezioni
Comunque torneremo a parlarne grazie davvero a Rita Bernardini segretaria di radicali italiani grazie a voi Azzi a lei per essa è stata in collegamento con noi