24MAR2014
rubriche

Rassegna stampa su carcere e giustizia

RUBRICA | di Roberto Spagnoli RADIO - 10:49. Durata: 13 min 55 sec

Player
A cura di Francesco Morelli ed in collaborazione con la redazione di Ristretti Orizzonti.

Puntata di "Rassegna stampa su carcere e giustizia" di lunedì 24 marzo 2014 condotta da Roberto Spagnoli con gli interventi di Francesco Morelli (redattore di Ristretti Orizzonti).

Tra gli argomenti discussi: Carcere, Corte Europea Dei Diritti Dell'uomo, Diritti Civili, Diritto, Discriminazione, Edilizia, Ergastolo, Estradizione, Europa, Garante Per L'infanzia, Giustizia, Infanzia, Informazione, Iniziativa Popolare, Integrazione, Istituzioni, Magistratura, Malattia, Minori, Musumeci, Orlando, Pena Di
Morte, Penale, Politica, Proposta Di Legge, Rassegna Stampa, Salute, Sanita'.

La registrazione audio di questa puntata ha una durata di 13 minuti.

leggi tutto

riduci

10:49

Scheda a cura di

Fabio Arena
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

E allora cosa sono le dieci e quarantanove minuti veniamo alla rassegna stampa sul carcere che curata come ogni lunedì dalla situazione ristretti o di Monti e come il ogni lunedì abbiamo al telefono Francesco Morelli buongiorno Francesco Boileau lo voglio lavoretti ascoltato allora la diciamo le molte delle notizie che attuali raccolto sono in parte superate come quello che riguarda appunto il questo pacchetto che il
Ministro Orlando POR porta oggi a Strasburgo però ecco il vero ci sono invece altre questioni che mi sembrano anche interessati da sottolineare anche perché diciamo rispetto alla stretta cronaca POIN poi settimana ci sono articoli approfondimenti che ha che facciamo da Radio Radicale dal nato di altre questioni che ci si occupa meno come quello per esempio del dell'ergastolo ed è proprio tanto la prima delle delle tue segnalazioni di oggi riprendendo punto quanto pubblicate da proprio voi di ristretti Orizzonti e quanto sta facendo Carmelo Musumeci che ascritto anche il libro l'urlo di un uomo due di nuovo di un uomo ombra
E proprio Carmelo Musumeci fa riferimento alla Corte europea dei diritti dell'uomo
Sì né anche se abbiamo pochissimo tempo voglio dedicare ugualmente è un po'qualche secondo Ambra raccontare brevemente cosa sta succedendo dal carattere di Padova perché
E Carmelo Brunetti non è da solo ma in una situazione dove non ci sono alcune decine di persone
E nella società condizione quindi condannati all'ergastolo ostativo
Che a cercando e noi con lui
Di aprire uno sbocco per per queste persone perlomeno per far vivere il loro una vita sociale all'interno del carcere migliore di quella che avevano avuto fino fino ad oggi
Ecco quindi l'idea di aprire queste istituzioni degli ergastolani essere costruttivi comunque alle attività
Culturali educative e quant'altro all'interno del carcere mi sembra mi sembra comunque una cosa viene svolta e comunque andiamo a leggere questo qui sia dal punto per sottolineare l'impegno che che finalmente che attiene anche la direzione del carcere di Padova cercando di portare avanti
Leghiamo punto Musumeci
E inizia con una sua citazione concitazione del suo libro non c'è nessuna giustizia mette in nelle murata viva una persona in una cella solo per farli attendere l'arrivo della vecchiaia e poi quando la morte
Ecco è una citazione dal numero di un uomo ombra di Carmelo Musumeci edizioni dismessi
Come è noto la Grande Camera dalla Corte europea dei diritti dell'uomo ritenuto nel caso di nel caso Scoppola contro Italia e del diciassette settembre due mila nove
Che la condanna all'ergastolo di un ricorrente che a suo tempo che ho chiesto di essere processato con il rito abbreviato anche qui da degli e dopo che era cambiata in peggio fosse tramutati euro appena terminasse
In seguito a queste in Italia la Corte di cassazione alla Corte costituzionale sul caso di un altro ergastolano aveva dovuto accogliere questo principio
E ora molti giudici di interruzione
A molti uomini ombra ormai gli ex stanno traguardando da la pena dell'ergastolo quella temporanea di trent'anni per i condannati che si trovano nella medesima situazione
In Italia è veramente un Paese strano su tutti i versi
Tanto che nel campo penale non amare non ha poi così importante la gravità della pena per cui stare citato condannato perché adesso conta dei criteri ed in cui si è stato processato
Praticamente solo chi ha avuto la fortuna di essere giudicata nel breve periodo in cui si poteva chiedere il rito abbreviato anche per i condannati all'ergastolo potrà avere la riduzione a trent'anni di pena
Tutti gli altri no
Senza nessuna distinzione tra merito o meno soprattutto casualità e un ergastolano l'altro giorno mi è scritto Carmelo come saprai dall'altra mutando a molti uomini ombra alla pena dell'ergastolo trent'anni di carcere
La cosa non può che farmi piacere però che in ascolto che per chi non ha avuto questa possibilità di trovarci al posto giusto nel momento giusto è pur sempre un'ingiustizia
Anche perché è per l'uguaglianza del diritto sarebbe doveroso da parte dei politici abolire per tutti l'ergastolo
E ne è venuta l'idea di lanciare un appello al mondo politico per chiedere l'abolizione dell'ergastolo a tutti
Perché la pena di morte viva come la chiamano con richiamo all'ergastolo noi condannati come chiamiamo vergato condannati senza fine pena Pilar scempi e niente altro a volte penso a quando nei primi anni di carcere trovavo conforto nei ricordi nei sogni invece adesso
E ricordo il sogno soffro ancora di più
Per questo ormai da molti anni quando apro gli occhi al mattino penso subito come sarebbe bello se fossi morto all'improvviso durante il sonno
La speranza per noi è il nostro territorio nemico perché ci costringe ogni inutilmente a sopravvivere
Per attingere un giorno che non arriverà mai
Il novantanove nove nove mila novecentonovantanove fico effettiva spiegato è la data che viene messo sulla sul libro matricola del
Degli ergastolani neanche nelle carceri del detenuto si è riconosciuto tramite questo questo qui lo saprà di ufficio anagrafe del carcere che critichiamo
Ufficio Bakri con laddove ogni detenuti al suo libro matricola con gli ergastolani oggi che tutti informatizzato non potevano scrivere fine pena mai come una volta e quindi mette lo questa data nove nove nove nove
Ecco terminale almeno così mi medici il rompendo dal giustizia spesso si commettono le tensioni ingiustizia perché dopo tanti anni di carte degli ergastolani uomini ombra scontano colpe di persone che non ci sono più
Perché ha profondamente cambiate oggi pensavo che il tempo per l'uomo sono le liste perché noi non possiamo aspettarci più nulla di buono possiamo solo sperare di morire trascrive presso la nostra pena
Non mi resta sa fare altro che lanciare questo appello fra le sbarre della mia Chiello che probabilmente pochi pochi fittizi pochi politici scusate raccoglieranno per cancellare dal mio certificata detentivo del mio fine pena nove mila euro
Che novecento novantanove che ha sostituito da che dicitura fine pena mai scritte in rosso
Certo non mi sembra che ci sia da aggiungere da aggiungere altro
Molto e molto chiaro quello che che scrive cambiano Musumeci che poesie Federico e chiedo scusa ma
Eccetera quella Procura gioie più atipico spesso nuova ricordarcene perché in Italia e che l'ergastolo perché la Corte costituzionale
E adesso l'ergastolo e non è in realtà non esiste perché anche l'ergastolano dopo ventisei anni può chiederne la liberazione condizionale
Queste occasioni e l'articolo ventisette della Costituzione che
Indica nella rieducazione la finalità detentiva la finalità della pena detentiva venga comunque rispettato
Però cosa è successo dopo la sentenza della Corte Costituzionale che ha detto Cuesta
Che ha portato all'introduzione dell'ostatività quelli del novantuno novantadue
Quindi per molti ergastolani uguale che il fatto che dopo ventisei anni possono chiedere la liberazione condizionale quindi sarebbe chiude riproporre la Corte Costituzionale il quesito alla luce della legge sull'ostatività
Perché allora dire che emergenziali in maniera i nelle materie di criminalità organizzata per intenderci l'ergastolo è un coro costituzionale spetta aprendo il quesito sotto
Vorrei però da vent'anni a questa parte non si è più mosso nulla c'era scusate se no no non vale la pena ha fatto bene anche perché appunto come questa è una cosa di cui non si parlerà almeno parliamone noi
Allora poi naturale ci sono molti altri articoli in parte alcuni sono superati in parte c'è la questione più cioè i lupi era bella la mancata estradizione per i motivi che sappiamo dalla queste due decisioni dei giudici inglesi poi la questione della sanità in carcere con dei dati già ne abbiamo accennato preoccupanti della Società italiana di medici una sanità penitenziaria nel secondo la quale il dal sessanta all'ottanta per cento dei detenuti Amar ammalato il cinquanta per cento colpite da malattie infettive poi naturalmente la questione del piano carceri vedremo come dicevamo oggi cosa porterà cosa verrà da da questa missione del ministro Orlando a Strasburgo proposte di legge dimenticate edilizia popolare dimenticati in Parlamento anche di questo
Ci siamo occupati in settimana ma ecco io chiudere i perché questa è un'altra questione importante di cui si parla poco i figli di detenuti e l'importanza delle e anni con i genitori la questione non solo dei bambini che sono costretti a stare in carcere fino a una certa con le loro madre ma in generale la questione più generale appunto della definì detenuti di questo ne ha scritto Agnese Moro sulla stampa del ventitré marzo
Ecco ci si sentiamo appunto l'articolo viennese Moro il vento
Parto il ministro per la giustizia Andrea Orlando il Garante per l'infanzia l'adolescenza Vincenzo Spadafora
E la precedente dell'associazione bambini trentadue barre Onlus io sacerdote allo firmato il protocollo di intesa la Carta dei figli dei genitori e diritto ritenuti con il quale si riconosce
Ai cento mila figli di detenuti
Che ogni giorno entrano in carcere
Il diritto alla continuità del proprio legame affettivo con il genitore e il diritto
Il cuore
Alla di editoria ditta qui quello di chi è che cento mila in kamikaze non è proprio ogni giorno ma entrano a colloquio con i genitori ecco quindi entrano nel corso delle settimane limiti
Dunque è questo il primo documento del genere in Italia in Europa
Si disciplina ha dichiarato il ministro Orlando l'acquisto la questione che i bambini e le famiglie che entrano in cartelle sono persone libere incolpevoli e come tali devono essere accolti
Questa è una questione dirimente che deve insegnare il sistema penitenziario ad affrontare il tema dell'accoglienza
Che non è solo strutturale irrisolvibile con l'ausilio di spazi adeguati ma è soprattutto culturale e deve valorizzare gli aspetti relazionali e di cura del detenuto
Il documento stabilisce il diritto vedere riconosciuta una continuità del rapporto affettivo anche nel caso in cui uno o entrambi i genitori vengono arrestati
Le condizioni che dovrebbero agevolare una frequentazione da parte dei bambini del genitore detenuto un nuovo divisi perché poc'unisco il contatto la regolarità del limite la presenza di uno spazio dedicato ai bambini nelle sale d'attesa e nelle sale colloquio
Quindi fino al pomeriggio così da evitare il bambino per trattare la scuola
La possibilità per il diritto di essere presenti e tutti lo stazioni e ricorrenti portati nella vita del figlio
La necessità di una formazione adeguata del personale che opera nei penitenziari affinché non venga mai dimenticato che famiglie
I bambini di detenuti sono persone libere e come tali devono essere trattate di particolare importanza per gli effetti addotte precedenti di bambini senza sbarre
E l'articolo che afferma la necessità di escludere per i bambini la permanenza che negli istituti penitenziari
Che chiunque egli a custodia attenuata e quindi prevedere che il genitore per il diritto alle misure alternative alla detenzione
Brevissima parentesi ci sono ancora
O al a tutt'oggi sessanta bambini in carcere con le madri nonostante queste belle dichiarazioni
E lei di età inferiore a tre anni perché fino a tre anni appunto i neonati i bambini piccoli stanno in carcere con la madre che qualche ritenuta ecco
Il documento prevede fissi chiusa parentesi il documento e prevede infine la raccolta di informazioni relative ai minori coinvolti
E l'istituzione di un tavolo permanente che monitora era l'attuazione della carta favorendo lo scambio di buone buone pratiche a livello nazionale europeo ne spendiamo speriamo allora Francesco grazie
Anche se se siamo stati più molto brevi però abbiamo toccato due questioni molto importante il iliaca strani e quelli con Gaston ostativo e la i bambini il problema dei bambini in carceri mandiamo naturalmente ricordiamo che ristretti orizzonti su internet in ascoltatori possono trovarli all'trovarla l'indirizzo www punto ristretti punto orga tante sono le informazioni è ricchissima la rassegna stampa che producete quotidianamente a risentirci a lunedì prossimo grazie raro vorrei ritirare