25MAR2014
rubriche

Rassegna stampa estera

RUBRICA | di David Carretta Radio - 07:00. Durata: 19 min 58 sec

Player
Puntata di "Rassegna stampa estera" di martedì 25 marzo 2014 , condotta da David Carretta .

Tra gli argomenti discussi: Censura, Economia, Elezioni, Erdogan, Esteri, Francia, Gas, Hollande, Informazione, Le Pen, Politica, Putin, Rassegna Stampa, Russia, Socialismo, Turchia, Twitter, Ucraina.

La registrazione audio di questa puntata ha una durata di 19 minuti.
07:00

Scheda a cura di

Delfina Steri
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Buongiorno istruttori di Radio Radicale martedì venticinque marzo questo l'appuntamento con la rassegna dalla stampa internazionale a cura di David Carretta tre temi che tenteremo di approfondire questo oggi partiremo
Dalla Francia
E dalla politica d'Oltralpe con
Le elezioni municipali di domeniche a questo primo turno che ha segnato una progressione del Fondo nazionale di Marine le Pen ma soprattutto
La disfatta dei socialisti di con sua o Londra leggeremo di editoriali di le monde Libération e che le sfide a voi tre principali quotidiani francesi
Le monde titola o lotte di fronte alla sconfessione degli elettori Libération parla di sfiduciata affidiamo di avvertimento per o l'onda questo voto è una punizione causato da un fallimento politico scrive
Il quotidiano conservatore francese che però come
Gli altri due giornali avverte
Questo voto ha ripercussioni non solo sui socialisti ma anche per l'UE per
Altro tema di cui parleremo l'Ucraina
Lo faremo
In modo indiretto coniglio vuole stringere alle che pubblico l'intervento di Rucher lasciar ma capo per i mercati emergenti
Ti Morgan stalle investment management secondo cui
Il
Vero problema di Vladimir Putin è lo stato della sua
Economia ci sono poche fonti di reddito simili non il petrolio il gas i ricchi russi stanno spostando sessanta miliardi di dollari l'anno
Fuori dal Paese insomma il successo di Putin
Rischia di essere compromesso dalla sua economia potenti in così viene definita
Infine per chiudere accenneremo anche alla Turchia alla deriva autoritaria del regime Islam conservatore di Recep Tayyip Erdogan questo il titolo di un'analisi di don mosso
Su lo fidiamo che commenta la decisione assunta
La scorsa settimana di chiudere di fatto Twitter decisione
Che ha portato severe condanne internazionali il controllo dei social media si scrive in una lotta più vasta per il controllo dell'
Informazione sottolineando lo citiamo ma cominciamo dalla Francia andarla disfatta in queste elezioni municipali
Dei socialisti di con sua Holon Volonté di fronte la sconfessione dei francesi del titolo dell'editoriale di oggi
Il mondo che scrive
Il primo turno delle elezioni municipali ha dato il suo verdetto che si riassume in tre parole negazione sfidare sconfessione
Parole che risuonano come un sol dell'avvertimento per il Capo dello Stato e più ampiamente per i partiti
Tradizionali e i loro responsabili la negazione quella che numerosi elettori hanno posto il principio stesso dell'elezione
Le Cassandre annunciavano un record di astensione e non si sono sbagliate nel mille novecentottantatré un francese su cinque
Aveva disertato le urne nel due mila otto erano uno su tre oggi sono quasi due su cinque in particolare tra i giovani e le categorie
Popolari in un voto che dovrebbe essere vicino alle preoccupazioni quotidiane dei cittadini la constatazione sintomatica della crisi che mini in profondità la scena politica
Indifferenza inquietudine rigetto collera ampliano sempre più il fossato tra governanti e governati
E per le monde allarmante la sfida invece quella che il connazionali di Marine le Pen accolto diventando
In numerose città una minaccia seria se non addirittura un'alternativa alla sinistra la destra tradizionali
Dalla sua creazione connazionali si è dimostrato capace di riuscire dei colpi elettorali in particolare alle presidenziali
Ma mai di radicarsi nei territori voluto dalla sua Presidente Marine le Pen e metodicamente preparato
Questo radicamento ora ebbene avviato il suo nazionali contarsi di essere ormai la terza grande forza politica nazionale
Al fianco dei socialisti e della destra repubblicana non sulla realizzato risultati importanti che confermano estesi e spesso amplificano quelli ottenuti dalle tende alle presidenziali
Del due mila dodici ma in un numero non indifferenti di città al Fondo nazionale arrivato anche in testa e può pretendere al posto di Sindaco tra l'altro
I candidati frontisti hanno superato la barra del dieci per cento in duecento ventinove città di più di dieci mila abitanti
Potendo si così presentare al secondo turno per per turbare ulteriormente i classici duelli destra sinistra
Quanto la sconfessione scrive le Monde evidente per la sinistra in generale i socialisti in particolare i socialisti
Temevano un voto sanzione un voto punizione contro il Governo e così è stato comunque i candidati la maggioranza registrano un riflusso importante quando non una vera disfatta come accaduto Marsiglia
E servirebbe un sussulto molto vigoroso degli elettori di sinistra affinché il secondo turno non si trasformi
In una disfatta collettiva malgrado le forti chance dei socialisti di conservare Parigi
Per Fossò Londero conclude le monde essenziale trarre molto rapidamente la lezione di questo avvertimento l'indebolimento del campo socialista confermai discredito di cui soffre il Presidente
Fingere di ignorarlo e fare spallucce esporrebbero l'onda sconvenienti ancor più crudeli in futuro
Anche se i margini di manovra sono molto stretti Hollande deve dimostrare i francesi e di aver compreso il messaggio insomma in un modo o nell'altro deve cambiare così
Le monde
Liberazione in un'analisi
Di ieri dal titolo o Longo lo schiaffo tratteggia quelli che potrebbero essere alcuni cambiamenti più di forma che di sostanza almeno a leggere il quotidiano progressista
Che scrive è uno scenario nero per fare solo un po'quello che è uscito dalle urne dal primo turno delle municipalità domenica
La Francia ha votato ed è una Francia in crisi che ha voluto infliggere una sconfessione al Governo alla sinistra la politica in generale
La combinazione di un livello storico di astensione di una forte progressione del fonazione al quasi ovunque in Francia tratteggia una cartografia di un Paese malato che non vede più alcune interessa partecipare
Ha un'elezione importante per la vita quotidiana come le municipali e che sempre più
Tentato dall'esperienza del voto di estrema destra per un Presidente che aveva fatto della riappacificazione la sua bussola politica
Dopo cinque anni di Sarkozy ISMU questo primo turno delle elezioni municipali suona come un avvertimento cocente
In relazione spiega che fino a domenica la maggioranza aveva sperato che la posta in gioco locale sarebbe servita da dica allo scontento nazionale i sondaggi non erano catastrofici per
Il Partito Socialista tanto più che alcuni scandali
Giocavano a svantaggio dell'UE ripeto il partito di centrodestra l'impreparazione del fondo nazionale
Doveva impedire a Marin le penne di progredire in alcune località vergini come la Bretagna in ogni caso questo pensavano i socialisti le grandi città dovevano poter nascondere il riflusso nelle piccole città
Il tutto stava nel non nazionalizzare la posta in gioco del voto Colombo il suo primo ministro sullo dunque rimasti il più lontani possibile da questa campagna elettorale ma non è bastato
Ora bisognerà attendere il secondo turno per trarre i veri insegnamenti politici di queste municipali ma se la tendenza del primo turno si confermerà
Sarà difficile però Londra non procedere a un rimpasto come inizio di risposta a questo malessere dei francesi inattesa
Questa settimana volontà farà sul Presidente se la due giorni all'Aja per un vertice sulla sicurezza nazionale poi
Sulla sicurezza nucleare scusate poi riceverà al Presidente cinese in visita ufficiale a Parigi insomma starà il più lontano possibile dalla bomba a scoppio ritardato che sono le elezioni municipali
Così vediamo se in questa
Analisi rimaniamo sul quotidiano progressista francese per leggere anche l'editoriale particolarmente duro nei confronti
Di Holon d'sfiducia e il titolo scrive libri
Per quanto potesse essere
Prevedibile la punizione è stata assevera più che un rovescio elettorale una sfiducia profonda nei confronti della sinistra del Governo che si è tradotta domenica nelle urne
Domenica prossima al termine del secondo turno o Longo dovrà trarre le conseguenze di un voto che si indirizza chiaramente a lui
Ma questi risultati sono anche la disfatta della politica quella del discredito do la parola pubblica delle promesse non mantenute dei comportamenti personali dubbiosi
Una parte crescente dell'elettorato ormai convinto che gli impegni elettorali di destra o di sinistra siano destinati a essere dimenticati
E che la classe politica lontana dai problemi quotidiani sia complessivamente corrotta le cifre storiche dell'astensione i voti da record ottenuti dal connazionale sono i risultati di queste falsi edema sono anche la conseguenza del comportamento di uomini e donne politici sono loro quale che sia la loro appartenenza che devono prendere oggi le misure della minaccia le tende e del rigetto di cui sono oggetto
La sinistra davanti a una sconfitta di ampiezza inattesa
Per i beni dovrà interrogarsi sulla disaffezione sempre più grande del suo elettorato popolare quanto la destra avrebbe torto affidi citarsi
Di un successo che solo effimero tra i due turni ciascun partito repubblicano si troverà di fronte alle proprie responsabilità al due de come al Partito Socialista
Il momento è venuto di ridare un po'di credibilità al dibattito politico così
Liberazione in un
Commento che cosa rara
E praticamente condiviso anche dalle fidiamo quotidiano conservatore avvertimento e il titolo però Londra si tratta di un voto punizione per il suo fallimento politico scrivere figlia fu
C'era stato detto che questa non campagna elettorale avrebbe partorito un non evento che le trentasei mila micro elezioni municipali avrebbero protetto i socialisti dal vento della
Delusione della collera che soffia sulla Francia
Che i lettori de la Destra scoraggiati dagli scandali e della guerra tra capi all'UE intesa avrebbero rimasti a casa
E che la spettacolare uscita di Nicolas Sarkozy non sarebbe servita annulla e invece tutto falso ancora una volta i socialisti si sono sbagliati ricordiamo la spettacolare uscita di Nicolas così una
Risposta al fatto che l'ex Presidente sia stato ampiamente intercettato dalla magistratura
Sarkozy aveva revocato
I servizi segreti della Germania dell'est e altri tipi di intercettazione ma insomma scrive le Figaro
Non solo il voto di domenica segnata da una forte progressione del fonazione al non è sfuggito alla regola secondo cui le elezioni intermedie sono per gli elettori un'occasione di esprimere lo scontento verso la squadra al potere
Il voto sia e soprattutto trasformato in una sanguinosa punizione per la maggioranza socialista è una sconfessione chiara per fare un solo onde due anni dopo il suo arrivo all'Eliseo è un fallimento personale politico che lo lascia
In una situazione di estrema fragilità nel momento di affrontare la fase cruciale del rilancio del suo primo mandato
L'UEPE che giovi visceri rumorosamente farebbe però male a non
Capire se non capisse che l'ondata blu e soprattutto il prodotto della risacca Rosa l'ondata
Del centrodestra prodotto della risacca socialista
Gli elettori del Volpe si sono astenuti di meno del campo socialista ma la riconquista di cuori delle menti lungi dall'essere realizzata
Per l'utente la vittoria dunque relativa e fragile il radicamento del connazionali fa pesare sulla destra repubblicana una vera minaccia se non riuscirà a trovare le parole per convincere gli elettori frontisti
A tornare alla destra tradizionale Bunte che oggi l'iter domani potrebbe piangere insomma queste
Elezioni municipali sulle in chiaro avvertimento che vale tanto per il Partito Socialista quanto per l'UE perché così
Così le figlia poi vedremo se ci saranno
Altri effetti nei prossimi giorni rimaniamo sul quotidiano conservatore francese per parlare anche di Turchia e di
Questa decisione del Governo turco oggi chiudere lui terra che ha provocato condanne internazionale reazioni all'interno dello stesso Governo turco alla fine Twitter è stato riaperto ma insomma
Per lo ammazzò questa è la deriva autoritaria del regime Islam conservatore turco questo il titolo di un'analisi si verifichiamo la Turchia
Entrata nella lista poco gloriosa dei Paesi più repressivi quanto libertà di espressione su internet
Giovedì le autorità turche hanno bloccato Twitter e poiché gli utilizzatori hanno subito trovato un modo per aggirare la censura ventiquattrore dopo hanno impedito l'accesso a uno dei principali server che consentiva questa scappatoia
Il blocco di Twitter arrivato dopo un attacco diretto del Primo Ministro Recep Tayyip Erdogan sarà dichiarino Twitter aveva detto il primo ministro nel corso di un meeting di campagna elettorale
Il capo del governi stavamo conservatore invischiato in uno scandalo politico finanziario si gioca la sua sopravvivenza politica nelle elezioni locali del trenta marzo
La messa fuori servizio di Twitter e un tentativo di bloccare la divulgazione di nuovi documenti sonori che implica
Ebbero Erdogan nel suo entourage in una in alcuni casi di corruzione
Una cinquantina di registrazioni alcune delle quali richiederebbero casi di arricchimento personale illegale sono già state messe in linea in rete in febbraio le reti sociali socio Nidia
E i media in Generali sono pieni di voci su nuove possibili rivelazioni esplosive
Prima del voto del trenta marzo come invidioso scappatelle sessuali dei ministri turchi diranno o rivelazioni sulla morte sospetta di un politico di estrema destra
Questo blocco l'ha fatto perdere per le affidiamo ad Air dogane quel poco di credibilità che gli restava sulla scena internazionale
In Turchia e i suoi oppositori si scatenano sui social network che fanno a gara per ridicolizzare euro
Il Presidente della Repubblica Bulla culla lo ha sconfessato scrivendo sul suo conto Twitter che la chiusura totale dei social network che non può essere approvata
Ma queste condanne pesa non poco di fronte alla determinazione di Air dogane perché ricordano i figli a poche per neutralizzare le inchieste giudiziarie contro di lui e contro suo in Turandot cioè
Lanciate il diciassette dicembre scorso il leader del partito per la giustizia dello sviluppo si è lanciato in un grande rimpasto di migliaia di poliziotti e i giudici mettendo sotto controllo il Consiglio superiore dei giudice dei procuratori
Poi per cercare di mettere a tacere l'informazione ha fatto votare un rafforzamento del controllo di internet che gli permette oggi questo assalto contro Twitter dopo aver minacciato di vietare Facebook e Youtube
In mezz'ora tradizionali invece sono già colpiti a colpi di licenziamenti processi multe
La rivolta dalla scorsa primavera che aveva visto i turchi scendere in strada in migliaia per denunciare le derive autoritarie
Del premier i social media i social network sono diventato il luogo dove manifestare per gli oppositori di Erdogan
Per un uomo il cui principio ormai si riassume nel chi non è con me e contro di me
Internet è diventato uno strumento di contestazioni intollerabile
Oggi il blocco di Twitter si è trasformato in un grande fiasco ma pone una questione ancor più fondamentale e cioè fino a dove Erdogan è pronto ad andare per restare al potere
Questo l'interrogativo che si chiude così la vicenda Twitter mostrare anche l'ampiezza della deriva dalla Turchia che ormai non è più ancorata ad uno Stato di diritto così
L'ho ma ciò su lo finiamo di ieri per chiudere invece noi vogliamo accennare anche alla crisi Ucraina
In attesa di vedere i risultati commenti su incontro del G sette
Senza G otto insomma alla fine del G otto come ha definito la cancelliera Angela Merkel
Ieri all'Aja e Wall Street Journal pubblicato un intervento di uscirà charmant capo per i mercati emergenti di Morgan stalle investment management
Dal titolo l'economia potendo chi in di tutti in un come bolla i villaggi potente Keane con facciate di cartapesta bellissime che nascondono
La decadenza della
Realtà e charme ma sostiene
Questo lascia intendere che insomma le sanzioni internazionali quelle economiche potrebbero fare gravi danni alla Russia di Putin ma anche se non dovessero essere adottati i danni rischiano di esserci
Lo stesso perché ci sono poche fonti di entrate per presso Mosca se non il petrolio del gas nel frattempo i ricchi russi stanno spostando sessanta miliardi di dollari
L'anno fuori dal Paese insomma
Quelli che hanno definito Putin come Forbes la persone più potente del mondo
Forse si sono sbagliati una crescita russa all'uno virgola tre per cento il rublo ha perso il ventidue per cento sul dollaro dal due mila undici
La situazione è particolarmente grave se si considera che il prezzo del petrolio è rimasto relativamente stabile circa centodieci dollari il barile negli ultimi
Tre anni e nonostante questo l'economia russa e in piena
Stagnazione questo suggerisce che ci sono profondi problemi
Economici terrore russi plaudono al loro presidente che gioca la carta del ritorno della grande potenza russa ma se l'economia continuerà deteriorarsi potrebbero presto cambiare idea era già accaduto alla fine del due mila undici quando
I segnali del rallentamento economico della Russia divennero chiari e Putin sito però confrontato alle prime grandi manifestazioni di protesta contro il suo ritorno al Cremlino così
Il Wall Street Journal noi ci fermiamo David Carretta una buona giornata l'ascolto di Radio Radicale