25MAR2014
intervista

Intervista a Maurizio Turco sull'operazione militare umanitaria nel mar Mediterraneo "Mare Nostrum", ridenominata "Mare Mostrum"

INTERVISTA | di Giovanna Reanda ROMA - 00:00. Durata: 7 min 32 sec

Player
"Intervista a Maurizio Turco sull'operazione militare umanitaria nel mar Mediterraneo "Mare Nostrum", ridenominata "Mare Mostrum"" realizzata da Giovanna Reanda con Maurizio Turco (vicepresidente Vicario del Senato del Partito Radicale Nonviolento, Transnazionale e Transpartito, Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito).

L'intervista è stata registrata martedì 25 marzo 2014 alle 00:00.

Nel corso dell'intervista sono stati discussi i seguenti temi: Aiuti Umanitari, Arresto, Asilo Politico, Catania, Clandestinita', Diritti Umani, Giustizia, Immigrazione, Mare, Marina,
Mediterraneo, Napoli, Navi, Polemiche, Rifugiati, Satellite, Segreto, Video.

La registrazione audio ha una durata di 7 minuti.

leggi tutto

riduci

00:00

Scheda a cura di

Enrica Izzo
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Maurizio Turco questa conferenza stampa dovute avete fatto vedere questo
Questo firmato questa serie decimati gelati quel telefonino un'operazione Mare Nostrum tempo invece avete ribattezzato Mare Nostrum
Di che cosa si tratta era un po'facciamo come piena raccontiamo brevemente come nasce
Allora iniziamo dalla fine nasce con
Al i militari
Che ci consegnano questo filmato girato
Che da loro stessi significante l'operazione
Lama venissero
L'operazione che si conclude con
Arresto di sedici o diciassette non si è ancora capito bene
Scafisti e di centosettantacinque migranti
Nel momento in cui le nuove liceo cerca di fermarci dovrebbe fermare
La nave
Una nave permanente
Presumibilmente
A bordo gli scafisti incomincia a sparare cosa perché questo è contrario alla regole elementari
Nel senso che non ci sarà nessuna azione
Distorsiva da parte della
Ma Pelissero
Non c'è stato nessun attacco da parte
Dei degli scatti istituti che peraltro
Conclusione dell'operazione si è accertato non fossero armati
Questo però apre anche un altro pronto nel senso che se questa è l'operazione umanitaria intanto dobbiamo capire
Se
Quello che noi abbiamo mostrato dimostrato essere
La realtà dell'operazione
Impatti isolato eccetera Marina o è un fatto
Replica rituale di queste operazioni di corsa ci aiuterà di più
Il tribunale militare di Napoli
Se l'aperta anche un'inchiesta
Dal tribunale
Ordinario
Catania
Che peraltro
In quell'occasione
Abilità
Ordinato il sequestro della valle quindi dando
La potestà alla nave inferiori tentare in tutti i modi
Sequestrare
Le imbarcazioni anche lì
Andranno capiti i tempi delle procedure
Credo che sette del tribunale militare di Napoli vorrà
Potrà stare una grande operazioni alta
Abbiamo posto questa questa questione perché
Tutta la politica
Sul contrasto
Alla immigrazione clandestina
Che di tutta evidenza non locuzione Consip un sacco di soldi verso
Avesse in mente
Insomma quindi
Pensiamo a queste sue occasione per
Forma formulare
Iniziato il tribunale militare di Napoli alcune questioni rispettivo custode satelliti
No se cioè non c'è perché non c'è
Perché si decide di investire
Stucco
Operazioni
Mare aperto anziché
All'origine si capiva benissimo lasciata agli investimenti che vengono altissimi quale l'opzione che si privilegia
Quindi noi
Adesso abbiamo come dire iniziato
Cieco questo firmato dalle immagini si vedono tanti altri militari che
Il Marocco l'operazione
Ci aspettiamo
Che
Altri
Possano farsi avanti
Denunciare
Ulteriore operazione perché
Non ne abbiamo le prove
Ma sappiamo che
Quello che
Abbiamo visto dimostrato
Non è un caso eccezionale
Qualcosa che abitualmente
Abitualmente accade
Dovremmo comprendere
Come tutto ufficio
Siffatti si parla
Sentito dire
Sia prassi
A
Affondare le navi viene
Ottantotto tratto in salvo comunque aver fatto salire a bordo
Le persone appunto che
Restano monsignor dentro insomma
Ecco la questione delle regole di ingaggio rimane Khomeini diceva in conferenza stampa
Che in genere sono secretate sono
Considerate e classificate
Ci fa dotati
Capita
Almeno che sia utile secretate per il Tribunale militare di Napoli per iniziare su ciò che noi
Riteniamo
Che
Quello che abbiamo mostrato merita un'indagine approfondita e può essere l'occasione per fare un po'
Dell'Italia nella scorsa legislatura abbiamo tentato a più riprese
Di cercare di decretare inutili segreti d'acqua
Come si direbbe segreti di Pulcinella perché
Le cose che tutti sanno ma non si devono sapere e quindi non si devono non si devono aprire cioè c'è un mondo
Che ha accesso alla verità
C'è la stragrande maggioranza
Dei cittadini che non determinano ecco se c'è
Sull'opera
L'opera meritoria da parte di questi militari che hanno voluto
Consegnarci
La verità almeno la verità di quell'operazione proprio quello di farlo conoscere ai cittadini cioè
E continua a parlare di un'evoluzione umanitaria
Continuiamo parlare di domani di un
Operazione umanitaria condotta dai militari ma condotta dei militari con quali mezzi con mezzi militari con procedure con procedure militari
Ed è quindi questa è l'occasione per
Continuare a chiedere tecnica su quello che accadeva prima che non era un'opera che non erano operazioni
Umanitaria
Quando c'era il contrasto all'immigrazione clandestina
E praticamente
Il Mediterraneo continuava ad accogliere ad accogliere morti
Senza nome senza volto
Cioè di questo stiamo parlando
Cioè di
Oggi
Sapere l'oggi è comprendere lo ieri perché comprendere ieri vuol dire evitare per il futuro
Ulteriori sprechi gli sprechi di tutto svelare urgenti umane di diritti e di regole ecco
Se riusciremo a questo se riusciremo a
Affrontare
Politiche di immigrazione
Darò confondersi con le politiche di
Immigrazione clandestina
Da distinguere totalmente da coloro che chiedono
Assidua politico questa distinzione non si fa mai ma il novanta per cento di coloro che tentano di entrare
Clandestinamente il
In Italia sono persone che
Possono avrebbero scritto di godere o se non altro di vedersi
Leader valutato il proprio status di rifugiati è un'altra vicenda di cui assolutamente non si parla