25MAR2014

Ucraina: collegamento con Antonio Stango da Odessa

COLLEGAMENTO | di Sonia Martina Radio - 14:15. Durata: 4 min 15 sec

Player
Registrazione audio di "Ucraina: collegamento con Antonio Stango da Odessa", registrato martedì 25 marzo 2014 alle 14:15.

Sono intervenuti: Antonio Stango (membro del Consiglio generale del Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito).

Tra gli argomenti discussi: Crimea, Esteri, Forze Armate, Guerra, Kiev, Militare, Ordine Pubblico, Putin, Russia, Ucraina.

La registrazione audio ha una durata di 4 minuti.
14:15

Scheda a cura di

Delfina Steri
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Sì ma io mi voglio collegare subito con
Antonio Stangoni Antonio buongiorno buongiorno allora Antonio tu in questo momento sei in Ucraina sei a Odessa
Si sono arrivato da poche ore ho detto perde chi aveva per verificare sul costo come la situazione in questa
Keller la terza città dell'Ucraina con oltre un milione di abitanti si trova nel suo e del maggiore
Porto ucraino sul Mar Nero una città storica
E lui fondata I tempi di Caterina seconda quindi alla fine Peter settecento dopo essere stato un borgo forti peccato proprio dei Tartari e dove oggi gli la situazione e apparentemente tranquilla qui non ci sono
E i segni molto visibili di una rinascita nazionale ucraina come chiede e non ci sono segni di rivolta come in altre zone
Per orientali e meridionali dell'Ucraina
Peraltro siamo vicini la Crimea ci siamo anche vicini alla trasferisca dove ci sono stati esami dunque tanti movimenti di truppe russe anzi innanzi
Sì senti tu se è stato a chi R. e negli ultimi giorni no della rivolta di mai Danna e poi si è tornato in Italia dovrà se ritornato in Ucraina cosa è cambiato
Che cosa che che volevano sapere trovato
Il la cosa cambiata più importante dal punto di vista anche federazione internazionale naturalmente e l'annessione della e mi russa con i conseguenti rischi che si sentono un po'nell'aria che questa non sia la
Mossa che accontenta i desideri continenti estendere la propria influenza sull'Ucraina anche con il rischio di una occupazione militare e di altre regioni
Inoltre la vita
A chi R. si è un po'normalizzata
Nel senso che tutto nella città funziona salvo il fatto che
Mai D'Anna vede ancora l'occupazione di molte centinaia di persone con tende
E rimasta anche e in parte sebbene ridotta
Ta la cornice di barricate intorno ama ed hanno e c'è stata una certa smobilitazione dei gruppi che erano ho armati con con bastoni coinvolto incappucciato molti dei quali appartenenti al Al Khalifa ecco dal settore di destra
Si rivede a Kiev la polizza in uniforme che a fine febbraio sembrava stessi volatilizzata
E non ci sono meno manifestazione ad esempio nei giorni scorsi non c'erano manifestazioni
E davanti al Parlamento come invece e erano frequenti da parte di forze diverse e alla fine di febbraio il il Governo deve approntare quindi una situazione internazionale complessa con una parte
Di quello che ritiene ancora secondo diritto internazionale essere una propria regione
E cioè la Crimea e con la necessità e comunque di arrivare a una forma di mobilitazione delle forze armate cioè ci sono appelli per la formazione di una guardia nazionale
Una legge di pochi giorni fa
Prevede che la Guardia nazionale si è composta da venti mila persone volontarie sembra che già oltre diecimila siano entrati a far parte di questa nuova struttura che dipenderebbe dal Ministero degli Interni
Mentre poiché le Forze armate da alcuni anni sono
Su base volontaria ne è stato fatto un un bando per il reclutamento di ventimila nuove persone nelle Forze armate dipendenti del ministro e ricchezza Prato proprio oggi
Il Parlamento a chi è per accettato le dimissioni del il Ministro della difesa precedente accusato di essere stato troppo indeciso nelle ultime settimane e a nominato un nuovo Ministro della difesa